Pagina iniziale

Tematiche e testi

Poeti del sito

Narratori del sito


 Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Guida | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Creazione | Autori | Biografie

Poesie pubblicate il 23 Settembre 2018
Nell'inviare le poesie,  attenersi al regolamento

-cliccare per leggerlo-

Le poesie per essere pubblicate il giorno seguente devono pervenire entro le ore 19.00

Antologia poetica
L'amore - La donna - Morte dei propri cari - Affetto per i propri cari- Tristezza e solitudine - Il dolore - La nostalgia - Racconto di un episodio - La natura - Gli animali - Gli oggetti - I desideri - I ricordi - Il poeta e se stesso - Il poeta e i luoghi - Il poeta si diverte -



Novità | Concorsi di poesia | Poesie consigliate | Racconti consigliati

Invia i tuoi racconti      Recensioni       La sorgente delle poesie      La Nuova Giostra della satira      Rubrica di annunci    



Commenti
 

Invia le tue poesie

    

Consiglia una poesia

 

Poesia a tema
Emozioni autunnali

Di nuovo l'autunno
Le prime brume del mattino
salutano le albe d'autunno
mentre di carminio e d'oro
si colorano i boschi silenti.
L'aria è pregna del profumo
del mosto che già ribolle nei tini.
Passano squadriglie di aeree ali
striduli versi richiamano i più pigri.

Migrano gli uccelli
volano verso mezzogiorno
lontani dal prossimo gelo
Li seguo con gli occhi
e vorrei esser con loro.

Da Sensazioni ed emozioni
Renzo Montagnoli


 

I verbi del contadino
Seminare,
aspettare,
sopportare,
raccogliere,
così anche noi
quando desideriamo qualcosa,
perché senza pazienza,
senza perseveranza,
non si va da nessuna parte.
Tutto e subito
non è possibile,
ogni progetto,
ogni orizzonte,
ha il suo tempo,
i suoi imprevisti,
i suoi sbalzi di umore.
Tutto e subito
non è possibile,
lo sa bene il contadino
che tante volte è costretto a ricominciare,
che guarda il cielo
sperando che vada tutto bene,
che i suoi occhi possano vedere
il frutto del suo lavoro,
che la terra sia generosa.
Carlo Festa

Botte e graffi...e buonanotte
non mi dire che ho sbagliato questa notte
che ho deviato dall'indicazione dello sponsòr
e che di un bacio ho scordato l'indirizzo
che nel letto devastato m'impiccio del risvolto
o che al mattino sul tuo fuoco m'esce il latte
mi renderesti note e musiche sballate indotte
e solitario m'addormenterei bevendo del tuo liquòr
dimentico d'ogni esplicito invito ad uno sprizzo
non so chi tu sia per quanti desideri m'hai sconvolto
so che i tuoi graffi su di me son come quelli delle gatte
enrico tartagni

"Viva la Notte"
Viva la Notte, la Notte che è gentile,
la Notte fresca e molle di metà aprile.
Viva la Notte che abbiamo tutti nel cuore,
la Notte intera, passata a fare all'amore.

Viva la Notte , poche stelle e tanta luna,
la Notte di sangue freddo e poca fortuna.
Viva la Notte, che sogna come bambina,
la Notte pazza, la Notte ladra e assassina.

Viva la Notte, che caccia a calci ogni sera,
la Notte di canti stonati e di preghiera.
Viva la Notte, mare di mille colori,
la Notte che graffia e urla senza far rumori.

Viva la Notte, calda di infinite storie,
la Notte ossuta e grigia senza più memorie.
Viva la Notte, disperata e di consiglio,
la Notte di dieci lune ed in dono un figlio.

Viva la Notte, la Notte senza ragioni,
la Notte stanca delle passate stagioni.
La Notte più nera, del più nero peccato,
la Notte santa che il Santo ha per noi svelato.

Viva la Notte, la Notte più silenziosa,
la Notte ubriaca e nei suoi sogni fiduciosa.
Viva la Notte, che si fa fredda e più scura,
la Notte che guarda al buio senza paura.

Viva la Notte, amante mia e sconosciuta,
la Notte mistero di una vita vissuta.
Viva la Notte che si fa dolce promessa
negli occhi dell'Alba, poesia riflessa.

21settembre2018
Ben Tartamo

Profumi
Nessuno può stuzzicarti l'olfatto
più del formaggio di grotta
messo a maturare a Carrara.

(Boccheggiano 21.1.2018 – 2,50)
Salvatore Armando Santoro

Vanagloria
Giungerà la gloria
quando non sarò
viandante in questa via.

Esulto ora
rincorrendo i sogni
ipotesi esistenti
virtuali e vive.

Giungerà
giungerà non vista
dagli occhi aperti
che mi porto appresso.

Giungerà
per la gioia d’altri
quando il mio giorno
sarà notte scura
quando ridendo
l’essere consunto
disprezzerà la gloria
che vagheggio ora.

Alcamo, c/da Gammara Molinello, 28.07.2004 ore 07,00.

Da Riaffiorano i ricordi
Marino Giannuzzo

Il posto delle fragole
C'è un posto nel cuore
dove l'amor s'affanna
a rincorrere chi non ama.
C'è un posto nel cuore
come un giardino di girasoli,
rivolti al sole, perenni,
come il mio sguardo verso di te.
C'è un posto nel cuore
come una stanza buia e chiusa,
che ansima per un tuo si,
una ruota che non gira,
un istante che non passa.
C'è un tormento dentro me,
un pensiero monocorde,
che si chiama te,
una coda di formiche
che sfidano il vento ancora gelido
dei primi giorni di marzo,
come si sfida una faccia che dice no
e che ti ispira ancor tenacia.
C'è un posto nel cuore
dove l'amore si tinge di rosso fragola,
e inizia a battere ancor più forte,
in attesa di essere preso e baciato
da labbra d'oro.
Antonio Alvaro

Il vino
Bianco paglia,
rosso rubino
e di tante altre tonalità,
da sempre il buon vino
infonde tono e brio all'umanità.
Il nettare degli Dei
dà più spirito e vita
anche ai monotoni giorni miei.
Quando sulla bianca tovaglia è versato
ravviva l'allegria
fra i commensali che di porpora ha macchiato.
Quando a Cana di colpo finì
un grosso guaio l'ospite passò
ma Gesù, con una grande "magia"
alla festa di nozze riportò
gioia e allegria.
Non era vino comune, senza pretese,
quel'ottimo vino
poteva essere solo un "Sangiovese,"
l'unico dal sapore "divino".
Quel gustoso estratto d'uva, ognun lo sà,
è la chiave giusta per aprir
la porta alla felicità.
Stefano Giannini

Un fatto, una poesia
da InTerris, 20 settembre 2018
boom di bambini gender neutral: Londra si chiede perchè
La crescita esponenziale ha portato a un'indagine del Ministero. Sotto accusa l'educazione di genere a scuola
ora la questione è giunta fin dentro Downing Street.Il ministro delle Pari Opportunità, Penny Mordaunt, ha incaricato dei funzionari governativi di avviare un'indagine per capire il motivo per cui un numero impressionante di bambini ed adolescenti manifesta il desiderio di cambiare il proprio sesso biologico. Secondo un rapporto del Ministero della Salute, infatti, rispetto a dieci anni fa, si è registrato un aumento del 4.400 per cento. Ad essere coinvolte sono soprattutto le femmine: nel biennio 2009-10 erano 40 quelle che chiedevano di cambiare sesso, mentre nel biennio 2017-18 sono diventate 1.806. Una fonte dell'Ufficio per le pari opportunità citata dal Times ha dichiarato che "c'è stato un sostanziale aumento nel numero di persone nate femmine che si sono rivolte al Servizio sanitario nazionale" per cambiare sesso. "Esistono prove - prosegue la fonte - che questa tendenza si sta verificando anche in altri Paesi. Poco si sa, tuttavia, sul perché e su quali possono essere gli impatti a lungo termine".
Una delle ragioni di questo incremento, secondo alcuni esperti di educazione, andrebbe ricercato nella promozione della fluidità sessuale nelle scuole attraverso quella che viene definita l'ideologia gender.

Evviva il ...famigerato 'gender'! e chi lo vuole!

Genere umano...allo sfascio
(qualcun lo vuole adulterato come il cervello suo bacato)

Questa Nuova Società Costituenda
senz'alcun scopo di lucro, ha in agenda
il sistematico e asintomatico
rovinio del 'genere', antipatico
residuo del mondo cavernicolo
che al giorno d'oggi appar ridicolo
e tanto ci disturba, ormai - noi sani -
che al più presto l'applicheremo ai cani,
essendo essi propaggin degli umani.

La mira è lo sconvolger delle menti.
Sarà il più grande degli esperimenti
mai perpetrati!...L'annichilimento
di questa umanità in asservimento
alla più pura esaltazion che azzarda
a farne tutta un'entità bastarda
che vuol che la natura sia inquinata,
e vilipesa e offesa e imbastardata
da quel malato vuoto di pensiero
che vien spacciato quale lusinghiero
progetto futuristico e avvincente
e non è altro che...cacca di demente
che già di miasmi i nostri figli avvolge
e gli equilibri al mondo già stravolge.

Ché tutta in blocco quest'umanità
vuol fuor di testa e senza dignità...
La vuol sfasciata...lobotomizzata...
riflettente la mente sua bacata.
Ma per davvero, questo, una spocchiosa
e pur tanto operosa e pretenziosa
degenerata e assurda minoranza
può?! E glielo lascia far la maggioranza?

E fin quando?...Quando ogni 'pisellino'
poi che gli avran svuotato il cervellino
si sentirà una bella 'patatina'...?!...
E per lo stesso "corso", il pisellino
-invece - vorrà aver, quel fiorellino
che sarebbe ogni bimba al naturale
se non le sconvolgessero ... il natale.
Armando Bettozzi

 

19. La rete
Tentacoli
di fibre ottiche
e onde
di rete energetica,
come un cervello
di quanto più bello
del creativo intelletto,
quale spettacolo
per alieni di passaggio
a parteggiare per la Terra,
se esistessero davvero
che grande costruire
del vivente divenire.

Da Terzo Diario Poetico
Francesco Soldini


Poesia consigliata
-Leggi le altre-

 


 


Racconti e testi vari

 

 


 

 Commenti - Poesie consigliate



 

Pagina iniziale

Tematiche e testi

Poeti del sito

 

 Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Guida | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Creazione | Autori | Biografie

Torna su

Poetare.it © 2002