Pagina iniziale

Tematiche e testi

Poeti del sito

Narratori del sito


 Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Guida | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Creazione | Autori | Biografie

Poesie pubblicate il 21-22 Luglio 2019
Nell'inviare le poesie,  attenersi al regolamento

-cliccare per leggerlo-

Le poesie per essere pubblicate il giorno seguente devono pervenire entro le ore 19.00

Le poesie, i racconti ed altro materiale devono essere inviati a
lurienzo@tiscali.it
e non a lordeninis@yahoo.it, account non più in uso

Antologia poetica

L'amore - La donna - Morte dei propri cari - Affetto per i propri cari- Tristezza e solitudine - Il dolore - La nostalgia - Racconto di un episodio - La natura - Gli animali - Gli oggetti - I desideri - I ricordi - Il poeta e se stesso - Il poeta e i luoghi - Il poeta si diverte -



Novità | Concorsi di poesia | Poesie consigliate | Racconti consigliati

Invia i tuoi racconti      Recensioni       La sorgente delle poesie      La Nuova Giostra della satira      Rubrica di annunci    



Commenti

 

Invia le tue poesie

    

Consiglia una poesia

 




Veleggiando a Punta Ristola
Volo ogni dì a Ristola silente
come gabbiano l’ali spiego al vento
da un pezzo la tua voce ormai non sento
ma son sereno e l’ore passan lente.

E sì, il tempo passa e scava fossi
ma liberi svolazzano i pensieri
quelli che allor son stati affetti veri
dalla mia mente ormai li ho rimossi.

S’affaccia ogni tanto un paesaggio
che sulla rete qualche amico posta
non penso che però lo faccia apposta,
a far soffrire un cuor ci vuol coraggio.

Son foto che però fan bene al cuore
ti riportano ai giorni tuoi felici
quello che pensi tu e a volte dici
ormai sono cose prive di valore.

Quello che importa è questo sentimento,
questa dolcezza che Ristola riporta
ed anche se del cuor chiusa è la porta
un po’ d’affetto in petto ancora sento.

(San Marcello Pistoiese 12.02.2019 – 10,13)
Salvatore Armando Santoro


Oceani di perduti silenzi invadono il mio cuore in questa notte così diversa, nel dolce respiro del mondo che gioca le sue ultime carte,ho sentito il profumo forte dell’amore.
Roberto Luzi 


7
Vortice

sospeso in un limbo
gelatinoso o
risucchiato nel vortice
di porte girevoli...

affidarti a una
mano di luce per
uscirne...

Da Un lembo di cielo
Felice Serino


Come al calar dello stremato sole
Come al calar dello stremato sole,
l'ultima scena neutra si mostra
sul palco di quel solito teatrino
dov'è che prima ho dato e ricalcato
l'andirivieni della mia esistenza;

come al calar dello stremato sole
- se proprio stelle stentan l'accensione -
smanioso attendo i segni dalla Luna
ma a Venere nel cielo io non credo
che pur di luce di pianeta splende,

così, all'imbrunire d'entusiasmi,
malinconia d'un vespro già nascente,
divento quasi mago, mago ardito
ed alte al cielo agito le mani.

Ricerca d'energia forte mi assale
e mi dispongo all'immaturo conto
che va pagato per sentirmi meglio.

(2009)
Aurelio Zucchi


Fatti, una poesia
da svariate testate cartacee e virtuali, luglio 2019
Staino: Salvini impiccato….altro: Meloni impiccata a testa in giù…Un prete: S…va ammazzato!...Ce ne stanno
a bizzeffe di questi apparentemente ben sopportati post qua e là…Che magari fanno anche - forse - comodo…Ma, basta, per tutti, questa minaccia pubblica fatta al Min. Interno (inascoltabile fosse anche quel ministro stato agli antipodi di quello ora sotto minaccia…) fatta ascoltare da 4° Repubblica qualche sera fa: "Una volta i proiettili li consegnavamo di persona…Ti dice bene che oggi ti arriva per posta".
Che succede!?...Boldrini e compagne e compagni…apprezzano, o per lo meno non dis-prezzano…?!...Loro con la fissa di zompare e pronte/i a querelare chi osa fare un … insignificante apprezzamento … una minima critica…
Meglio accanirsi alacremente sul caso…rubli alla Lega (e non parlare nemmeno del caso - di sx appartenenza - dei bambini di Bibbiano rubati ai genitori per passarli a amici e conoscenti...).
Il quale caso - dei rubli - è tutto da dimostrare…ma che pur sempre è un gran filone da sfruttare adatto a distogliere…Ma, ci sono 50 anni di gettito rubli russi alla sx italiana, già…storicizzati…Come si narra su Firenzepost, 11 luglio 2019: Nelle ore calde … presunti finanziamenti di Putin alla Lega, riemergono altri finanziamenti da Mosca per l'Italia. E riguardano quelli al partito Comunista che per mezzo secolo ha beneficiato di un fiume di rubli infinito. Ne ha fatto cenno anche Veltroni in una intervista a Tortorella. Ma soprattutto ne fanno cenno numerosi atti in commissione Stragi e in Commissione Mitrokhin…Nei report custoditi negli archivi degli 007 di Mosca e poi girati per competenza dagli agenti inglesi al Sismi per le attività illegali dei servizi segreti sovietici in Italia, queste si evidenziavano in 261 schede, fino al 1984. In particolare a fare i conti dei soldi finiti nelle casse del Pci è la scheda '122' del dossier che svela le cifre del finanziamento russo al partito comunista italiano. Secondo quanto trascritto dall'archivista sovietico, negli anni tra 1970 e il 1977, fu ininterrotto il flusso di denaro da Mosca a Botteghe oscure. Nel '71 furono versati 1.600.000 dollari; nel '72 5,2 milioni; nel '74 9 milioni di dollari; per il '76 6,5 milioni, infine, nel 1977, 1 milione. Un flusso che sembra almeno rallentare, in concomitanza con le posizioni 'eretiche' di Enrico Berlinguer, in linea di rottura con il Pcus. Soldi, secondo il dossier Mitrokhin, finirono pure al Psiup tra gli anni 1969 e 1972, per poi esaurirsi…
Pare sentirli - al solito - dire di cento e cento distinguo…sì, ma…però…

Viva la sa-tira …corde saponate…e confetti di piombo…!...
Ce stann'a capì, o nno…O manco loro
ce stann'a capì un minimo de mazza
co quer che in certa parte de … la piazza
succede senza un minimo decoro?
Perché, si manco … quelli-der-ciarvello
ce sanno dì quarcosa … allora, è grave…
Ma, infatti!...Ognuno ce pò avé la … chiave
pe oprì e vedé che c'è … dietr'ar cancello…
E è sémprice!...Nframèzz'a l'inferiàte
da 'ndo' se vede tutt'er…cucuzzaro
se véde che a sinistra - e è bello chiaro -
si "impìccheno" sò solo … satirate…
Dall'artra parte - invece - sò fascisti…
razzisti… si sortanto òseno dì
l'Italia vò difènnese da chi
je sta a ddà addosso…e è contro li scafisti.
Ma, intanto stann'a ffà girà - quell'<audio>*…
co due che ar terorismo che c'è stato
stann'a lodàllo: "Sì!...Va ricordato
come er bèr tempo der perfetto gaudio".
Stradìcheno:"Ammazzà…Com'era bbèllo!"…
E - rimpiagnènno - se lo sò augurato
de tornà a rifàcce … E sia lodato!...
chi ancora, qui, se sta a grattà er ciarvello
coll' ong e 'r capitano 'ndiavolato…
Ciànno vinto…Però, assai…j'è costato…
Perciò che er piano, mo' va ristudiato
co 'r rubblo - ce stia, o nno…Ma va sfruttato.

*in onda a 4° Repubblica, luglio 2019B. Balzerani, brigatista pluriergastolana per vari omicidi - mai pentita, libera dal 2011 - e un certo Erme (leader Rif. Com.)
Armando Bettozzi


La cajera Muriel
estoy pensando en la cajera sedente
ella es lo verdadero de la sincronía del mundo
con su rayo láser ávido de códigos
me murmura complacida las ofertas
y cómo suma los dígitos arrastrando
entre lo dócil y el hastío
el tesoro precioso de mi dulce integral
a través de la máquina que le computa
el precio exacto de toda mi tarde
dice tres
y nunca nunca fue este número más mágico
la cajera extraordinaria teclea el sumatorio
de la monotonía y dice tres
y mira entonces justo antes de que se produzca
el cotidiano milagro de que mi dulce integral
sea mío para siempre
de repente ella mira otra tarde
sale de lo mío a lo del otro
le susurra las mismas ofertas
le marca el tetrabrik con el ojo de su láser
abriendo en fin el cajón místico del hiper
con un movimiento suyo de mercado
los billetes ordenados repiten la cara de ella sin gestos
y me voy por esas puertas
que se abren sólo con el aura
dejándola mientras su láser que suena
va marcando otra tarde.
María Eloy-García

La cassiera Muriel
Sto pensando alla cassiera seduta
lei è la vera sincronia del mondo
con il suo raggio laser avido di codici
mi mormora compiaciuta le offerte
e mentre somma le cifre spostando
a metà docilmente a metà infastidita
il tesoro prezioso del mio dolce integrale
attraverso la macchina che computa
il prezzo esatto di tutta la mia sera
dice tre
e mai fu questo numero più magico
la cassiera straordinaria batte la somma
della monotonia e dice tre
e allora guarda prima che si produca
il miracolo quotidiano che rende mio
per sempre quel dolce integrale
rapida guarda verso un'altra sera
passando dalla mia a quella di un'altra
le sussurra le stesse offerte
le marca il tetrapak con l'occhio del laser
aprendo infine la mistica cassa dell'hiper
con un suo movimento da mercato
i biglietti ordinati ripetono il volto di lei
priva di ogni gesto
e io me ne vado attraverso quelle porte
che si aprono da sole all'aria
e la lascio mentre il suo laser suona
marcando un'altra sera.
María Eloy-García     traduzione di Nino Muzzi


Ineluttabilità
Sai, è morto Camilleri:
è successo l’altro ieri …
Il cordoglio è stato immenso,
poi, è morto De Crescenzo…
Io ho sofferto anche perché:
prima o poi toccherà a me …
Carlo Chionne


Mare dolce
Hanno gli occhi grandi
le mamme del mondo
devono contenere tante cose
i sorrisi per la famiglia
le carezze per i nipotini
gli abbracci per le amiche
e poi le parole per consolare
tutti quelli che hanno bisogno.

Hanno gli occhi grandi
le mamme
per contenere un mare speciale
quello fatto dalle loro dolci lacrime.
Sandra Greggio


Haiku
fiore reciso-
una farfalla all'alba
cambia giardino

che me ne faccio
di una luna spezzata-
giardino in fiore
Salvatore Cutrupi


"Quando un amore finisce"
(canzone)

Quando un amore finisce
non si sa mai cosa fare
cerchi colpe e ti ferisce
tanto silenzio che vuole assordare.

Mentre una lacrima tace
dolce osserva, poi cade giù,
ogni ricordo ch'è brace
fredda, ma ti brucia di più.

Quando un amore finisce
non si sa più cosa dire
cerchi parole e finisce
che il tuo cuore vorrebbe scoppiare.

Mentre una lacrima tace
dolce osserva, poi cade giù,
ogni ricordo ch'è brace
fredda, ma ti brucia di più.

Vorresti solo morire
volare sempre più in là
pensi che, forse impazzire,
possa dar quella pace che il cuor non sa.

Mentre una lacrima tace
dolce osserva, poi cade giù,
ogni ricordo è brace
fredda, ma ti brucia di più.

Mentre scrivi una canzone
squilla il telefono laggiù
non è lei, ma la passione
che ti prende e ti lacera sempre più

20luglio19
Ben Tartamo


Cade un pirata dall’ albero maestro
Cade la neve, cade una foglia,
cade una stella,
cade un pirata dall’ albero maestro.
Tutto ritorna alla terra, e al mare.
Ogni cosa che s’ allontana ritorna,
sempre, a chi appartiene.
Io per nessuna ragione mai partirei,
per allontanarmi da lei,
mai potrei cadere da un albero maestro,
in cerca di posti inusuali,
e sconosciuti,
e se immagino terre e mari lontani,
e fisso i suoi occhi, non vedo isole o porti…
che l’ assomigliano.
Antonio Scalas
 


Poesia consigliata
-Leggi le altre-


 


 

Racconti e testi vari

 

 


 

 Commenti - Poesie consigliate



 

 

Torna su

Poetare.it © 2002