Commenti sulle poesie
 

Pagina iniziale

Tematiche e testi


Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Guida | Lettura | Creazione | Autori | Poeti del sito

Poesie consigliate     La Giostra della satira     Recensioni   Concorsi  La Sorgente delle poesie   Scrivi il tuo commento      Vedi la rubrica




 

Commenti Gennaio-Marzo 2018          Commenti Aprile-Giugno 2018    Commenti Luglio-Settembre 2018     Commenti Ottobre-Dicembre 2018
Commenti Gennaio-Febbraio 2019    Commenti Marzo-Giugno 2019    Commenti Luglio-Settembre 2019    Commenti Ottobre-Dicembre 2019
Commenti Gennaio-Marzo 2020         Commenti Aprile-Giugno 2020   Commenti Luglio-Settembre 2020   Commenti Ottobre-Dicembre 2020
Commenti Gennaio- Marzo 2021          Commenti Aprile-Giugno 2021

 

2021

 

28-30 Luglio

28 e 29 luglio 2021

Poesie del giorno:

Renzo Montagnoli –La Val Rendena-: La “placida verdeggiante vale” che ormai resta nel ricordo e nel sogno del poeta, quei descritta con ispirata poesia i cui versi, lievi pennellate acquerello, sono aria pura e fresca. Grazie Renzo per questo ricordo che ci accomuna.

Davide Paglionico –La figlia della guerra-: Super ermetica poesia, che, probabilmente, evoca il ricordo di una nascita in tempo di guerra, un grazie ed un dono alla madre, i primi passi nell’istruzione.

Enrico Tartagni –Da Emilio a Jules-: Un fantastico viaggio della fantasia che ci porta da una religione indiana ai saltini sincopati di Joe Sentieri, da Gandhi a Jonny  Depp, viaggio a pagamento ovviamente attraversando il mar dei Caraibi guidati da Caron Dimonio. E non manca neppure un forte richiamo sessuale. Fantastico affresco simil gotico di un ispirato Enrico.

Carlo Tella –Ho camminato lungo le strade-: L’intenso riassunto di un vivere, reso con belle e suggestive  immagini, che paiono frazioni di sogni, narrate da un ispirato Carlo.

Felice Serino -44 Con gli occhi dell’Oltre-: Non si interrompe il rapporto tra vivi e defunti (e si riempie dei loro giudizi saggi) questo dicono questi versi/riflessione del nostro Felice.

Alessio Romanini –Il tiglio-: Con questa poesia, ispirata dalla certezza che saremo capaci di sconfiggere la pandemia, Alessio disegna un primaverile panorama dove domina un profumato tiglio, mentre in lontananza un lieve vento increspa le onde del mare. Poesia, bene descrittiva, dall’ottimistica visione del futuro.

Francesco Soldini -13. Essere laghetto-: Ode ad un piccolo lago che, forse nato da gocce d’oceano, all’oceano tornerà in un continuo morire e rinascere in pioggia. Leggo così i versi del nostro Francesco.

Sandra Greggio –Incontro-: Invoca aiuto, la nostra Sandra, per ritrovare ispirazione al poetare. E lo fa regalamdoci immagini piene di bella poesia. Beh, Sandra, forse non te ne sei accorta ma quella Musa non si è mai allontanata..

Grazie ad Alessio per l’attenzione ed il gradito commento alla mia “A Segesta”.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

26-27 Luglio

"A Segesta" di Piero Colonna Romano, bella questa idea ad una meravigliosa località della Sicilia, che ho visitato qualche anno fa'...con il suo tempio, la sua storia, la sua gloria..la magia di una terra affascinante. Bella.
Alessio Romanini

 

26 e 27 luglio2021

Poesie del giorno:

Felice Serino -43 Sognai Atlantide-: Suggestiva (e probabilmente realistica) poetica descrizione della sparizione della mitica Atlantide, resa dai bei versi di Felice.             

David Paglionico –L’angelo-: La ricerca della salvezza dal caos cacofonico che ci circonda in questa forte invocazione ad un (inesistente) angelo. Insomma è disperante il vivere e privo di speranza, pare dire Davide con questi suoi forti versi.

Enrico Tartagni –O mio Dio…-: Filosofica e poetica considerazione su Dio e sulla necessità che l’uomo pare averne da sempre, in questi versi/ragionamento di un titubante Enrico.

Sandra Greggio –In terrazza-: Capita attraversare momenti di assoluta mancanza di concentrazione,  capita di non seguire il senso di ciò che si legge, quando il pensiero naviga oltre lo scritto ed anche oltre quel che ci circonda. Questo narrano, con bella maestria e concentrazione, i descrittivi versi della nostra Sandra.

Alessio Romanini –Il fruscio del desio-: Vagamente ermetico ecco Alessio evocare la similitudine tra lo sbocciare di una gemma ed il nascere di una poesia, con questi versi che, tra ossimori e sinestesie, sono conferma del suo poetico stile.

Francesco Soldini -130. Alle frontiere-: La Città, soggetto spesso tema di fondo delle poesie di Francesco, qui cantata con i suoi pregi e difetti e con i desideri  di libertà e d’aria pulita che fa nascere.

Antonia Scaligine -24 luglio 2021-: Ode alla luna densa di  belle e pittoriche immagini, resa con gli ispirati versi della nostra Antonia, chiusi da un atto di speranza e di fede.

Un grazie di cuore ad Alessio per l’attenzione e per il gradito commento alla mia “L’ultima estate”.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

24-25 Luglio

24 e 25 luglio 2021

Poesie del giorno:

Patrizio Spinelli –Meraviglia-: Magistrale similitudine tra un nascente raggio di luce che illumina il nuovo giorno ed il primo pensiero che riporta luce alla mente al risveglio, in un ottimistica visione del tempo che nasce, in questi belli ed ispirati versi del bravissimo Patrizio.

Felice Serino -42 A dare smalto a un sogno-: Il verso centrale “-ah l’assedio degli anni” ispira l’intera composizione fatta di suggestive immagini che dicono di un malinconico guardare al tempo che passa. Come sempre complimenti a questo grande della poesia.

Davide Paglionico –Io a te ti rivedrò-: Un fremente invito a…non annoiarsi in versi che forzano le regole della grammatica per sottolineare il desiderio, appunto, di non annoiarsi.

Sandra Greggio –Impotenza-: Il desiderio di raggiungere mete affascinanti ma lontane narrato dagli ispirati versi di Sandra.

Salvatore Cutrupi –Un rosso di matita-: I programmi dei giorni a venire, narrati con dolce poetare in una poesia che chiude con un ispirato guardare al cielo ed alla sua risposta ai sogni, da ricordare. Complimenti, Salvatore.

Alessio Romanini –Fanciullezza di speme-: Giovani ragazzi, lieti e festanti come uccelli e mossi dall’amore, paiono invitare il poeta a riflettere sul suo “brizzolato ciglio”, in questa descrittiva poesia resa con il noto  stile del poetare d’Alessio.                                                                 

Francesco Soldini -129. Fitta pioggia-: Ode alla pioggia, matrice di nuove crescite in questa estate che scorre, nei versi del nostro Francesco.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

Stupenda “L’ultima estate” di Piero Colonna Romano
Questa delicata poesia che riporta il ricordo
Dell’età spensierata, legata a ricordi vissuti al mare.
Complimenti.
Alessio Romanini

 

22-23 Luglio

22 e 23 luglio 2021

Poesie del giorno:

Laura Lapietra –Lemma D’amore-: E’ quel “lemma” che rende affermativamente indiscutibile tutto quanto segue al titolo. Ma, per sottolineare la grandezza di un sentimento, Laura usa grande enfasi per dirlo, con le suggestive e forti immagini di una poesia a versi liberi.

Felice Serino -41 La domanda-: Analisi di un tormento che sottolineò nel Cristo la sua carica d’umanità, in questi bellissimi versi di Felice.

Davide Paglionico –Dio, ed il ricco-: Forte invito alla moderazione nell’accumular ricchezze in questi didattici versi di Davide.

Francesco Soldini -128.  Giorno-: Ottimistica descrizione, come delizioso acquerello, del nuovo giorno che nasce, in questi intensi versi di Francesco.

Sandra Greggio –Il Vuoto-: Profonda riflessione su certi momenti in cui viene a mancare l’ispirazione per dire di sofferenza, chiusa da un lampo di grande poesia in quei tre versi finali da antologia. Complimenti vivissimi, Sandra.

Salvatore Cutrupi –Primi cieli-: Dolcissimi ricordi, resi con versi lievi come lievi e belle pennellate, da un sensibile Salvatore, che coinvolgono il lettore.

Alessio Romanini –Spighe di forasacchi e il papavero-: Un colorato affresco di un campo a primavera, chiuso da una filosofica considerazione sul vivere, in questi descrittivi versi del nostro Alessio.

Un grazie di cuore ad Alessio per l’attenzione ed il gradito commento alla mia “L’illuminato”.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

20-21 Luglio

“L’illuminato” dell’ottimo Piero Colonna Romano
Un bel poema, dove esprime tutta la qualità poetica
E la cultura dalle radici fertili del buon Piero.
Grazie per condividere. Complimenti.
Alessio Romanini

 

20 e 21 luglio 2021

Poesie del giorno:

Davide Paglionico –Il paradiso alle spalle-: Il surreale racconto di quello che pare un tradimento in amore, causa probabilmente di questo alternarsi di immagini che paiono non avere senso. E, a sottolineare lo stato di disperazione mentale, ecco, suggestiva ed ancor più surreale, l’anafora. Poesia, resa con prosastici versi,  comunque di piacevole lettura.

Nino Muzzi traduce Marie-Célie  Agnant-: Non conoscevo questa poetessa e ne ho cercato notizie in Wiki, così scopro che la lunghissima poesia che Nino traduce e ci propone contiene tutta la sua rabbia per come la donna continua ad essere trattata e di quale trattamento hanno i diversi in questa società. E stupisce scoprire che Marie-Céli è nata ad Haiti, operando fin da giovane in Canada. Grazie Nino.

Felice Serino -40 Quando l’angelo-: Un poetico (ma denso di fede) guardare al dopo mondano secondo il bello, inimitabile stile dell’ottimo Felice.

Alessio Romanini –Assenza di suono-: Metafora, dunque, di quel che la mancanza di comunicazione tra due persone può causare. L’incomunicabilità è quindi il tema che Alessio svolge, con questi suoi versi dal riflessivo tono.

Francesco Soldini -127. Notte-: La pace notturna diviene ispiratrice di versi. Questo narra la poesia del riflessivo Francesco.

Antonia Scaligine –Le ali del tempo-: Malinconica ma dolcissima considerazione sul passare del tempo e sui ricordi che tornano, resa con versi dalla suggestive immagini di una Antonia in gran forma.

Antonio Scalas –Il girasole-: Poesia che il celebre quadro di Van Gogh , i girasoli, hanno ispirato, bene resa dai versi del bravissimo Antonio.

Sandra Greggio –La candela-: Fideistica considerazione sul consumarsi di una candela (metafora della vita) resa con i bei versi di Sandra.

Discorso sulla vita (“Cavalieri dello Zodiaco”) di Masami Karumada, proposta da Carlo Festa-: Interessante poesia filosofica di questo autore giapponese  di fumetti di successo, presentataci da un attento Carlo.

Un grazie di cuore a Fausto per l’attenzione ed il gradito commento alla mia “L’illuminato” ed un grazie di cuore a Sandra per il gradito commento alla mia “Luccichii”.

Ed a voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano
 

Una giornata afosa anche oggi, ma è estate e a me piace che ogni stagione abbia le caratteristiche che le sono proprie, altrimenti vivremmo tra nostalgie e rimpianti. E allora, immersa nel blu di Poetare, mi ubriaco nei versi splendidi di Piero, che ancora una volta hanno il “suo” mare come protagonista e si sente la dolce malinconia di un rimpianto senza fine. Poi, approdo tra i versi di Felice Serino: li leggo ogni giorno, ma oggi che ho un po' più tempo, voglio dire all'Autore che sono una meraviglia le sue composizioni, sia per lo stile ma vieppiù per un contenuto mirabile, che sento mio in ogni verso e che condivido. Fantastici quel “capriolare”e “amniotica” ! Complimenti ! Un “caldo” saluto a tutti, in primis a Lorenzo, che ci ospita.
Sandra Greggio

 

17-19 Luglio

17, 18 e 19 luglio 2021

Poesie del giorno:

Felice Serino -39 Indivisa sostanza-: Ermetica composizione ricca di suggestive immagini. Difficile capire cosa evochino questi versi, forse l’indivisibilità tra anima e corpo, in contrasto con gli insegnamenti della religione. O forse no.

Enrico Tartagni –Cemento armato-: Un clamoroso ossimoro all’inizio seguito da quelle che sembrano parole (immagini, meglio) in libertà, dove si alternano ricordi di antichi miti (da Iliade, Odissea ed Eneide) ad esigenze di moda, a considerazioni sulla pandemia, ecc. ecc. ecc. in un tourbillon di pensieri che fanno pensare, fosse un quadro,  alla tecnica dell’action painting. Ma conoscendo ed apprezzando Enrico tutto ciò che ha scritto è metafora di un qualche suo bisogno. Bello sarebbe ci fossero note a piè di pagina.

Guido Mazzolini –Lo sguardo non mente-: Un poemetto d’amore dedicato ad una donna madre ed amante, dove talvolta risuonano colte reminiscenze de “Il cantico dei cantici”, mescolate ad immagini ad effetto (forse inserite soltanto per quello…) di difficile comprensibilità (tipo: “Ti piace lo sviare del bambino/la carne giovane del ventre/l’istinto tenero di madre/come un gemito tanto vicino/all’agonia del moribondo.” !!!???). Che dire di questa singolare poesia, se non che si tratta di una fremente dichiarazione d’amore e di desiderio, dalla suggestiva e forte chiusa dell’ultima magistrale strofa.

Davide Paglionico -Il lamento del palazzo-: Mi pare che il tema di questo racconto poetico sia l’incomunicabilità. Quell’impossibilità d’essere capito e di capire, quindi, sviluppato in questo dialogo tra un pazzo (forse l’uomo in toto) ed una saggia donna (forse metafora di un inesistente sogno).

Sandra Greggio –Il viso tra le mani del vento-:  Il dolce ricordo di un antico amore ispira Sandra per questi versi densi di malinconica nostalgia.

Alessio Romanini –Rondine nel pallido celeste-: Il migrare delle rondini, il loro elegante volo ed il desiderio di imitarle, per sentirsi liberi come pare lo siano quelle, narrato con descrittivi versi poi chiusi dalla considerazione che alle lotte della vita non ci può sottrarre.

Francesco Soldini -126. Tramonto-: Bella pennellata per descrivere la dolcezza del tramonto e lo stato d’animo di chi lo vive, in questi versi del nostro Francesco.

Salvatore Cutrupi –Accoglienze-: Poesia che mi fa ricordare quella bellissima che Ungaretti dedicò ai fiumi che videro la sua esistenza e l’importanza che per quella ebbero. Salvatore, con questi suoi versi, sottolinea quell’importanza e vi aggiunge una didattica lezione di vita. Ed accomuna i due l’Isonzo.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

Piero Colonna Romano: L’Illuminato. Un viaggio faticoso, lungo nel tempo, pieno di tutto, alla ricerca di Samarcanda. Per scoprire nello sguardo affettuoso del vegliardo Che  nel cuore dell'onesto/ben nascosta c'è una luce,/
solo il ben ti ci conduce/ …
alla verità. Bella e molto "piena" la poesia.  
Fausto Beretta

 

17 luglio 2021

 

Cari amici è con grande piacere che vi comunico l’atteso ritorno sulla scena del “Castellaccio” di Livorno del grande

CARLO CHIONNE

che, per omaggio al grande Dante e nel 700mo anniversario della sua scomparsa, diletterà un’affollata platea con la lettura di due importantissimi canti della Divina Commedia.

Invidiando tutti coloro che potranno assistere a questo straordinario spettacolo culturale, generosamente proposto dal nostro incommensurabile amico, invito a parteciparvi tutti i sitani toscani  e liguri e chiunque altro possa essere nella zona di Livorno il 21 luglio prossimo.

Di seguito la locandina col programma dell’evento.

A Carlo un grazie di cuore per la cultura che sa diffondere, assieme ad un caro, affettuoso saluto.

Piero Colonna-Romano

 

14-16 Luglio

14, 15 e 16 luglio 2021

Poesie del giorno:

Antonella Frison –Nessun amore……-: Fremente preghiera ispirata da profonda fede e resa con liberi versi.

Gide –Pensieri passeggeri-: Il romantico progetto di un viaggio verso l’amore, detto con magistrale sintesi.

Eleonora Pozzuoli –Prima di privarmi-: Ogni verso è denso di sensualità, in un fremente climax ascendente che porta ad un inevitabile amore cannibale. Complimenti, Eleonora!

Claudio Badalotti –Il sogno delle idee-: Filosofica riflessione su vita e sogno, antico dubbio che ha ispirato poeti e scrittori, in questi forti versi di Claudio, quasi didattici, che invitano a riflettere.

Felice Serino -38 Allo specchio-: Una serie di forti, suggestive e metaforiche immagini  che, in una ermetica poesia, evocano la distruzione che, in nome di un esiziale progresso, compie l’uomo della natura. Il tutto nel classico stile del grande Felice.

Laura Lapietra –Camminerò-: Ispirati versi, dalla forte enfasi, per dire dell’impossibilità di un amore. Suggestive le immagini create dal poeta che bene rendono il suo stato d’animo deluso e pessimistico, per un irraggiungibile amore.

Davide Paglionico .Il consiglio-: Un surreale dialogo tra una presunta guida che consiglia sciocchezze ed un personaggio alla ricerca di “sostanze aromatiche”, in questa specie di divertissement del fantasioso Davide.

Antonia Scaligine –Gridiamolo sempre-: Un grido d’amore per l’Italia, dunque, al quale si può soltanto associarsi, detto con la passione di una  bravissima Antonia, che merita applausi.

Sandra Greggio –Il valore dei sogni-: Ode ai sogni, quindi, dedicata loro, con convinzione, dalla bravissima Sandra. Suggerimento da tener presente.

Alessio Romanini –L’albero e la foglia-: Interessante similitudine tra la vita di una foglia e la durata di un amore, detta con descrittivi versi del nostro Alessio.

Francesco Soldini -125.Aurora-: Lievi e belle pennellate per descrivere, con molta dolcezza, la nascita del giorno tra poesia ed amore. Ok Francesco!

il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

A Santi Cardella, complimenti per il bel premio per la sua bella poesia PETALI AL VENTO.
Fausto Beretta

 

13 Luglio

13 luglio 2021

Poesie del giorno:

Davide Paglionico –fuga-: Fremente invito a non illudersi, in definitiva, in versi dalle fosche e inquietanti immagini.

Enrico Tartagni –Che farebbe la dolce Emily?-: Già, che direbbe la dolce Emily di questa sognante analisi del vivere , fantasiosamente  detta da un ispirato Enrico? Immagini di fiaba, metaforicamente  limpide e di grande suggestione. Il magistrale racconto di un sogno che affascina, tradotto in versi da un ottimo poeta.

Renzo Montagnoli –I boschi incantati-: Fiabe, ricordi e desideri ispirati da un magico bosco e con bella maestria narrati da un Renzo in gran spolvero. Deliziosa a leggersi, merita complimenti.

Felice Serino -37 In bilico-: L’ignoto oltre e le sensazioni che genera, descritti con maestria dalle suggestive immagini proposte da Felice.

Francesco Soldini -124. Spogliarello-: Desiderando il mare e le sue suggestioni, ecco un ispirato Francesco che ci regala, con i suoi versi, sognati panorami estivi.

Antonia Scaligine –Il sogno-: Descrizione e analisi del sogno, resa con poetiche immagini dell’ottima Antonia di una poesia chiusa da pessimistica, filosofica visione.

Carlo Chionne –Libri-: L’amore per i libri, per la cultura che da quelli si può ottenere, ben narrato da questi condivisibili versi del grande Carlo.

Sandra Greggio –Il tuo nome-: Un romantico ricordo narrato con versi densi di  belle, romantiche immagini di un ispirata Sandra. Complimenti.

Alessio Romanini –Una domenica-: Una triste domenica, che contagia lo spirito del poeta, narrata dai descrittivi versi di Alessio.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

11-12 Luglio
 

Ad Alessio Romanini, Lorenzo De Ninis, Marco Biffani e Piero Colonna Romano il mio sentito ringraziamento per l'affettuosa manifestazione di stima per la mia poesia. 
Un caloroso abbraccio,
Santi 

 

11 e 12 luglio 2021

Poesie del giorno:

Laura Lapietra –Non Si Può-:  Benvenuta nell’azzurro, Laura. Esordio con poesia dalla forte intensità emotiva che narra di un difficile rapporto d’amore, col tambureggiante ritmo di versi densi d’amarezza.

Davide Paglionico –Illustre tempo-: Il ripensare ad un non convincente rapporto, promettendo maggiore forza in futuro e sperando tenerezza, narrato con versi dalla complicata sintassi.

Enrico Tartagni –Miracoli nel cono-: Un sillogismo, decisamente originale, tra i miracoli ed un cono gelato, del nostro fantasioso Enrico.

Marco Cabassi –Silenzio rotto-: Versi dalle suggestive immagini che dicono come le parole, una volta liberate, sapranno dire un antico sentire.

Nino Silenzi –Cicale-: Il concerto che fa da sottofondo musicale a questa torrida estate, narrato con la maestria di comunicativi versi che bene disegnano panorama ed atmosfera, facendoli vivere al lettore.

Felice Serino -36 Di giorni a perdere-: Splendido l’attacco di questa filosofica riflessione poetica sulla vita, che ne mette in risalto la pericolosità e si chiude con la domanda se sia sogno la vita o viceversa. Complimenti, Felice!

Fausto Beretta –Prove teatrali-: L’attenzione di un regista agli atteggiamenti degli attori, prima che questi entrino nel personaggio della commedia, molto bene narrata dai  versi dell’ottimo Fausto.

Alessio Romanini –L’anima-: Il pessimistico guardare alla vita, tipico del poetare di Alessio, qui sottolineato da quel definire pesante l’anima.

Francesco Soldini -123. Smielare-: La ricerca del dolce che offre la natura e la sua trasformazione in miele è attività esclusiva delle api. Attività che dovrebbe essere lezione per un distratto uomo distruttore. Lezione, dunque, è quella che Francesco ci invia, con questi suoi limpidi versi.

Ringrazio Alessio per l’attenzione e per il gradito commento alla mia “Vagito”.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

Sinceri complimenti all'ottimo
Santi Cardella
Per l'ottimo risultato.
Alessio Romanini.  

 

11 luglio 2021

 

                         

 

Cari amici , con grande piacere  vi comunico l’ennesimo successo letterario del grande

Santi Cardella

che, nel XXV° prestigioso concorso “Mario Dell’Arco”, organizzato dalla

Accademia G. G. Belli di Roma,

tra numerosissimi agguerriti concorrenti ha conseguito un brillante

secondo posto

per la sua splendida poesia

Petali al vento,

poesia per la quale ha ricevuto il convinto apprezzamento del vice presidente dell’Accademia

prof. Carlo Volponi,

unitamente ai calorosi applausi del numeroso pubblico presente alla cerimonia di premiazione, avvenuta ieri in un prestigioso locale di Roma.

Per il piacere di leggere i magistrali versi di questo eccezionale poeta, amico da sempre del nostro sito, qui di seguito eccone il testo:

Ricordi  il lago e noi nel suo riflesso?
Risplendeva la nostra adolescenza;
brillava nel nostri occhi il primo amore,
aurea stazione nel fluir del tempo
vertiginoso della nostra vita.
 
Ricordi? Sulle scie dei nostri voti
passavan navi piene d’illusioni
pronte a condurci per destini ignoti.
Ma incauti e fiduciosi
non ci bastava quello ch’era nostro
e in cerca d’ampi mari e vasti fiumi
a quello specchio abbiamo dato un colpo.
L’ideale, in frantumi,
s’è dissolto nell’acqua che non torna
e ha spento le sue luci
lasciandoci un gran vuoto e la sua forma.
 
Dentro il nostro diario di viaggio
di cui scrivemmo solo il primo foglio,
tante pagine vuote
che non ho mai il coraggio di strappare
perché so già che senza ch’io lo voglia
tornano in sogno, come nostri morti
ancor viventi tra lontane plaghe.
Pagine colorate di speranza
e ornate da un profumo che svanisce
a  poco a poco quando riapro gli occhi,
petali al vento in fuga dal cortile
ove ciascuno ha costruito ignaro
la sua prigione.
 

  

A Santi, onore e vanto del nostro azzurro sito, restando in attesa di ulteriori suoi successi letterari, invio i miei più sinceri complimenti, unendomi, con i miei, ai meritati applausi romani.

Piero Colonna-Romano

 

9-10 Luglio

9 e 10 luglio 2021

Poesie d’esordio:

Nino Muzzi traduce Verlaine-: Bella traduzione della poesia “espressionista”,  del più maudit dei poeti maudits di Francia, che riesce a cancellare, di un treno in veloce e rumorosa corsa,  le cacofonie e le immagini che si sovrappongo confusamente dai finestrini, con la visione di un dolce viso di donna.

Poesie del giorno:

Fausto Beretta –Basta poco-: Ode alla tenerezza ed alla bellezza che può regalare un amorevole abbraccio, detta con limpida e bellissima sintesi poetica.

Davide Paglionico –Forum-: Associarsi ad un forum per confrontarsi con le idee degli altri, per dare e prendere cultura, per affermare “Pace, amore, e Libertà”. Questo racconta Davide con questa sua lunga, interessante narrazione (a volte sconfinante nel surreale) che risuona molto di beatnik.

Enrico Tartagni –Poesia del Leopardi-: Enrico, con questa sua poesia, ci comunica le sensazioni che la lettura de “L’infinito” leopardiano gli ha generato. E’ una sorta di analisi, verso per verso, del capolavoro assoluto del grande poeta, reso con grande maestria e sensibilità. Complimenti, Enrico!

Nino Silenzi –Ultimo desiderio-: Inesorabile è la sabbia che in una clessidra conta il tempo che resta all’uomo ed il mistero è in quel vuoto che, dopo che l’ultimo granello è caduto, pare fatto di nulla. Ma Nino quel vuoto lo vuole fonte di luce da bere che può portarci a rivivere e lo narra con versi  di grande respiro poetico.

Ciro Germano –Delusione-: Le amare sensazioni che può donare un amore in un certo momento non più corrisposto, ben narrate dagli intensi versi di Ciro.

Felice Serino -35 Migranti-: La speranza di una vita degna d’essere vissuta, che troppo spesso naufraga in un crudele mare, ispira Felice per questa magistrale descrizione di un dramma umano.

Salvatore Cutrupi -Haiku-: Due deliziosi acquerelli, che dipingono la calma della fine di un giorno, seguiti dall’ampio respiro di una luminosa natura.  Sempre complimenti, Salvatore.

Alessio Romanini –Inspirare affannoso-: Amari, descrittivi versi che dicono della pena del vivere, con adeguate immagini.

Francesco Soldini -122. Intervista-: Non ne sono sicuro ma quella “Fattoria” la intendo come fosse il nostro azzurro sito, dove poesia ed amore fioriscono.

Silvia Trabanelli –Come-: La pessimistica visione dell’amore (dell’amare, forse meglio) resa con versi densi di  rassegnata amarezza della bravissima Silvia.

Grazie di cuore ad Alessio per l’attenzione ed il gradito commento alla mia “Notturno”.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

"Vagito" dell'ottimo Piero Colonna Romano, oggi ci porta nella pessimistica tematica leopardiana del vivere in questa valle di lacrime,
Nella speranza che una volta trapassati vivremo un "vita" migliore.
Bella e filosofica. Complimenti.
Alessio Romanini.


"Ultimo desiderio" di Nino Silenzi
Una breve poesia intensa
Bella questa presa di coscienza
Che ogni giorno si avvicina la morte
Sperando di rivivere da qualche parte nell'universo.
Bella bella. Complimenti.
Alessio Romanini


Vorrei ringraziare Lorenzo e Piero
Per l’impegno e la cura con cui ogni
Giorno permettono a noi poeti di
Esprimere le nostre emozioni attraverso
Le nostre poesie.
Grazie di cuore.
Alessio Romanini
 

 

7-8 Luglio

7 e 8 luglio 2021

Poesie d’esordio:

Maurizio Mazzotti –Traversata-: Metaforiche, suggestive immagini per dire della vita (della traversata nella vita) rese come veloci pennellate.

Poesie del giorno:

Bruno Amore –Risvegli-: Un affresco sulla natura, che talvolta ha colori che ricordano antiche passioni, narrato con delicati, descrittivi e bei versi del maestro Bruno.

Fausto Beretta -.Soffioni-: Bella la similitudine tra lo sciogliersi di un soffione e quello di un pensiero, in questi delicati versi dell’amico  Fausto.

Davide Paglionico –Folle troll-: Serie di suggestive (talvolta fiabesche) immagini che paiono scollegate tra loro. Ermetici versi, dunque, che forse evocano un qualche disturbo avuto da imprevisti personaggi.

Simone Zanette –A Diana-: Trasparente messaggio che è avvertimento del rischio  che potrebbe esserci  nell’iniziare un rapporto, forse privo di soluzione.

Maria Toriaco –Perdonerai-: L’amore che tutto perdona (e torna in mente quell’amor ch’a nullo amato amar perdona) ispira Maria per questi intensi e bei versi.

Enrico Tartagni –Wow! Che bello non pensare!-: Un non pensiero, dunque, che porta a fare considerazioni sulla vita, su luoghi amati, su reminiscenze poetiche, sulle connessioni tra neuroni della mente, sugli uomini preistorici. In somma un non pensare che affatica ed ispira questi interessanti versi di Enrico che mi fanno ricordare Queneau ed i suoi “Fiori blu”.

Felice Serino -34 Latitante la musa-: Definita alla perfezione quell’impossibilità di fare versi che possono essere (o diventare)  “relitti/a galleggiare sul mare ipnagogico”, come afferma Felice, in assenza di una vera ispirazione, appunto , “latitante la musa”.

Antonia Scaligine –Chi ha tempo non aspetti tempo-: Una filosofica lezione di vita, ben resa dagli intensi versi della nostra Antonia, da prendere in considerazione sempre.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: Bellissimi questi haiku che disegnano immagini surreali, particolarmente suggestive. Complimenti, Salvatore.

Antonio Scalas –Come pagine di un libro-: Fremente invocazione ad un personaggio perché divenga (o sostituisca) poesia che è, per affermazione del poeta, “fuoco dell’amore”, in versi dalla forte suggestione, che prendono il lettore.                                                                               

Alessio Romanini –Sentire il vento dal mare-: Le sensazioni che può regalare il vento, in una solitaria giornata domenicale,  il panorama delle Apuane ed il mare con i regali che fanno alla fantasia, narrate dai versi di Alessio.

Francesco Soldini -121. Ali-:  E con Francesco voliamo sulle ali della fantasia, nella libertà che ci donano la poesia e l’amore..

Un grazie di cuore ad Alessio per l’attenzione ed il gradito commento alla mia “Notturno”.

Ed a voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

 

5-6 Luglio

"Notturno" dell'ottimo Piero Colonna Romano, una meravigliosa poesia sul mare, dal pomeriggio al crepuscolo
Con le varie suggestioni ed emozioni che fa provare.
Bella
Alessio Romanini

 

5 e 6 luglio 2021

Poesie d’esordio:

Lyubov Letsun –Anima mia candida..-: Il bisogno di sincerità, di allegria e di libertà ispirano Lyubov per questi enfatici e bei versi, dedicati alla sua anima.

Poesie del giorno:

Felice Serino -33 Allucinogeni-: I nefasti effetti delle droghe, sintetizzati, con bella maestria, in questi intensi versi del nostro Felice.

Bruno Amore –La ragione-: Magistrale similitudine tra il cretto di Burri (quello di Gibellina, immagino) ed il labirinto nel quale talvolta si pongono i dispiaceri, per non più sentirne il peso, in questi intensi ed ispirati versi dell’ottimo Bruno.

Fausto Beretta –Pochi, eletti all’inferno-: E come non concordare con questi amari versi di Fausto? Troppi delegano lo stesso pensare (decisamente faticoso) a incolti arrivisti, a buffoni che guardano alla politica come fosse un remunerativo mestiere e non un utile servizio al Paese.

Renzo Montagnoli –L’età dell’innocenza-: Amaro confronto tra i sogni dell’infanzia, svaniti poi nella dura realtà che si vive nella maturità, in questa deliziosa poesia del sensibile, bravissimo Renzo.

Davide Paglionico –I cibernetici-: La definirei simil amicizia quella che si crea nel web. E per Davide è ispirazione per questa sconfortata analisi dell’attività  dei naviganti sulla tastiera di un pc.

Enrico Tartagni –L’altare di Valencia-: Interpreto questi versi di Enrico come l’analisi di un illusione, chiusa da un similitudine tra menzogne (tra falsi altari ed asini che volano). Ma il poeta forse d’altro parlava.

Francesco Soldini -120. Avere o essere-: Lezione di vita in versi, regalataci dall’amico Francesco.

Antonia Scaligine –Filastrocca di Luglio …-: Beh, letto così direi che il mese di luglio sarà più torrido di quello di giugno. Fortunatamente il mare porterà frescura… Brava Antonia, piaciuta la poesia… ed il programma.

Salvatore Cutrupi –Passi-: Un narrarsi, usando i passi quale ispirazione, in questi bei versi, dall’intimistico tono, dell’ottimo Salvatore.

Carlo Chionne –Pro e contro-: Non tutto il male vien per nuocere, insomma, dice in chiaro il nostro eccezionale Carlo, con ironico guardare. Ben tornato in Italia, caro amico.

Alessio Romanini –La felicità-: Se vuoi essere felice, sii altruista. Questo il messaggio che l’amico Alessio ci invia con questi suoi ispirati versi.

Ad Alessio un grazie di cuore per l’attenzione ed il gradito commento alla mia “Temporale”.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna-Romano

 

Armando Bettozzi: 3° Premio Poesia in lingua al Premio Massimo D’Azeglio XXII ed. 2021, Barletta. 19 giugno 2021.



 

 



Pagina iniziale

Tematiche e testi


Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Guida | Lettura | Creazione | Autori | Biografie | Poeti del sito

Torna su

Poetare.it  © 2002