Poesie di Bruno Castelletti


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

                                       

Bruno Castelletti (Bruno da Orsa) è nato nel piccolo paese di Ferrara di Monte Baldo (VR).
Avvocato, prestato alla politica e all'amministrazione della cosa pubblica fino al 1990 ricoprendo, fra l'altro, la carica di Presidente della provincia, continua la sua attività professionale, assieme ai figli Davide e Giuliana, nel suo studio di Verona, città in cui abita, riservando per altro qualche scampolo del suo tempo a lunghe passeggiate sul Garda e sul Baldo e alla coltivazione del suo orto nella natia "contrada Castelletti" che frequenta assiduamente.
Ha pubblicato nel 2010 per il Segno dei Gabrielli Editori la raccolta di poesie in lingua veronese "Stéle da l'Orsa" che è risultata vincitrice per il Veneto del primo concorso nazionale "Premio Quinquennale Città di Bassano del Grappa" per opere edite di poesia nei linguaggi dialettali delle Regioni organizzato dalla "Accademia Aque Slosse" e dall'An. po. S. Di." (Associazione Nazionale Poeti e scrittori Dialettali)


                                          Robe da ciodi e sbaci de seren
                                                                www.gabriellieditori.it

L'ànema e la roba
Disea me nono
disea me pupà:
l'ànema a Dio
la roba a ci la va!
Ma a i giorni nostri
mi conosso tanti
-e posso sicurarve
i è i più siori-
che i se comporta
en de sto modo qua:
la roba i se la tegne
tuta lori
e l'ànema i la vende
a bon mercà.


Roba da pitochi
Per vègnerghene fora
bisogna tribular
eliminar le spese
seitar a laorar
fin che se more,
predica ci comanda
zo da Roma.
Se no se fa cossì
l'Italia la va en tochi
E tuti a domandarse:
sa diseli i pì siori?
Risponde el poro can
che no i ghe c'entra... lori,
l'è roba da pitochi!

Giugno 2012


El far saver
Sa vutu far, bauco
ti solo da per ti?
Fermar col cul el treno
e rebaltar el mondo
a gambe en su?
Fichete ben en testa
che quel ch'envesse conta
al dì de ancó
no l'è el saver far
ma l'è el far saver.
Alora pèta lì de tribular.
L'è fià sprecà nel vento
fadighe sensa canto.
Ormai no gh'è pì gnente da salvar.


Tempi de carestia
E magna ti
che magno anca mi,
a forsa de magnar
no è restà pì gnente
da far fora.
Adesso i governanti
i sèita a strolegar
per narghe en cao
ma dopo, en conclusion
l'è sempre pèso.
Sa gh'è da far alora?
Borbota el galantom:
bisognarà magnarse
la parola.

Maggio 2012


Robe da ciodi
Se no voli scoltar metive i tapi.
Democristiani e comunisti ensieme
e po scusème tanto, perdonème
a Roma ancora vivi gh'è du Papi.

No l'è question che gh'enteressa a i capi
ma quei che credee ci stà soto i teme
se possa baratar santi e biasteme
e scancelar parole scrite a lapi.

E no gh'è pì rispeto né creansa
non se ragiona pì come a sti ani
co 'n poco de servel, ma co la pansa.

Tuti che vol saver anca se nani
l'è deventà sotila la speransa
de tègnerse per man come cristiani.

E quanti pori cani!
Ensoma mi voi dirve en tuti i modi
che propi le me par robe da ciodi.


La zonta
Su tute le strade
de mile contrade
gh'è gambe che core
che core, che core.

Fadighe e fadighe
de pore formighe
che tase, che móre.

L'è aqua che passa
che sensa na trassa
finisse nel mar.

De tante speranse
de tanto penar
no resta somense
ma solo ilusioni
de 'n mucio de sogni.

De tuta sta zente
no resta pu gnente
en gnente de gnente.

Passiensa, l'è stesso
perché quel che conta
l'è vìver adesso.
O vuto la zonta?


L'avocato
Mi no capisso tutto sto bordel
su l'avocato.
Secondo el me giudissio
gh'è tanta maldicensa;
pì facile dir mal
che farde sensa.
Gh'è quei che va disendo:
anca se el me avocato
el par en poro can,
l'è uno che sa tuto
el magna lege e pan.
E tanti che risponde:
el me avocato envesse
a far bela figura
l'è uno che ghe tien;
de lege lu el sa poco
però el conosse el giudice
el lo conosse ben...


Portarla fora
(avocati e dotori)

L'è ormai na storia vecia
ma ve la conto stesso.
En giorno te m'è dito
a pian en de na recia:
stà meio en rato
en boca del to gato
de 'n poro cristo
en man de l'avocato.
Sensa pensarghe sora
mi son nà fora drito:
no l'è per parlar mal
de tanti che conosso
e né question de onor
per via del mestier,
ma pensa a l'ospedal
e pensa al to dotor!
Vardandome de sbiesso
co l'aria da fabioco
te ghè zontà de bruto:
sa vutu dir, alora?
Che spero propri de portarla fora
mi t'ò risposto, seco.


La fola del lupo e de l'agnel
G'ò domandà a 'n amigo
che l'è come en fradel:
la setu ti la fola
del lupo e de l'agnel?
Mi l'ò emparà a memoria
quando naseva a scola
e dolo no l'ò pì desmentegà.
Subito l'à tasù
e no l'à gnan fiatà
po, serio, el m'à risposto:
ma ti ne la to vita
me ditu quanti lupi t'è encontrà?


La giustissia
L'è tanto tempo ormai
che fago sto mestier
ma forsi capirò
propi dal bon
-quando che sarò morto-
perché co la resón
se passa al torto.
Me scrive 'n amigo:
bele parole
me cavo el capel!
Ma dime en verità
da galantom:
t'è mai capità
col torto pì marso
de vérghe resón?


I giudici
Diseva 'n avocato e profesor:
ricordete che i giudici
i è come i porseleti.
Drento nel so stabioto
i bega e po i se morde,
a olte se i podesse
ghe pisaria sbranarse
ma i tase e no i dis gnente.
Ti próete a tocarde
en qualchedun de lori
anca co i guanti bianchi.
te sentarè che sighi,
i siga tuti ensieme
i siga tuti quanti.


En posto prenotà
Pèssega, pèssega
se no te perde messa!
Conosso pori cristi
che sèita a pessegar
enfin che i scampa
ma i riva sempre tardi
al fum de le candele.
E se i rivesse en tempo
no i savarìa gnanca
endò sentarse.
Alora me domando:
cissà se 'n l'aldelà
i gavarà per sempre
en posto prenotà.


L'Alfredo
Picolo, tracagnoto
lustro come en poéo
i oci che rideva.
E quando el t'encontrava
te se slargava el cor da l'alegria
ma tuto l'entusiasmo el se smorsava
pena che 'l te vegneva lì darente
perché, sto sacramento
el gheva sempre en mente
de tórte le misure
per prepararte en tempo
en bel vestito novo,
fato de legno duro,
da métertelo entorno
ne l'ora de l'adio.
Maestro de la musica
gran sonador d'armonica
a olte el n'envidava
zo ne la so botega.
Lì se faseva festa enfin matina.
E quando i goti più no i se contava
e i canti i se missiava co le stéle,
alora se rideva a crepapèl,
se scancelava i debiti e le tasse
vardando quei pì curti de servel
che i se proava drento ne le casse.


La contentessa
Cossa saràla mai la contentessa?
La pianta del dolor che se scavessa.
Se dopo la rebuta con pì forsa
alora la speransa la se smorsa.
Ma po la contentessa con ci stàla?
Co i siori che fa festa drento en sala
con tanto de possada e de piron
o ensieme co i pitochi
che pocia el so bocon
nel piato su i zenoci?


Siori e pitochi
Conosso pitochi
gran siori de sòca
e tanti siorassi
de rassa pitoca.
Coss'èlo che conta?
La bona somensa,
averghe la grana,
o farde anca sensa?


Al dì de ancó
A mi che son de quei
-se vede da i cavei-
che crede 'n la fameia
en quele de na olta
endó fa meraveia
se i veci no se scolta

no me va propi zo
le usanse al dì de ancó:

che 'n giorno na putela
fati i disdoto
o via per de lì
la va col so fagoto
-sucedarà anca a mi-
a viver da per ela.

Capisso l'esigensa
de 'n po de libertà
de 'n po de 'ndipendensa
de tanta novità

ma al caldo del so nio
pòdela dirghe adio?


La fede
En giorno a 'n funeral
tra fiori, reschiescanti
e udor d'incenso
m'è scapà l'ocio
sul banco lì davanti
endove gh'era scrito
el nome e la fameia
de uno del paese
che contava
e me son domandà:
forsi che 'l Padreterno
el vol saver
da 'ndove le vegneva
le orassione,
ci l'era che pregava
per méterlo sul libro
de San Piero?
Darente, en po pì en là
ò visto na veceta
enzenocià per tera,
veleta en testa
e la corona en man,
i oci che sluseva
de ci crede
e ò subito pensà:
questa l'è fede!


Scusème la domanda
E tuti i giorni
sempre sta menada
sul giornal
e sempre stessa solfa
a la television.
I dis che morto en Papa
de bota i de fa 'n altro.
Na regola gran vecia
e che la val ancora.
Ma quante i te ne conta,
i nomi che ven fora!
Scusème la domanda:
no podaresse miga
spetar che, prima, el móra?


El montagnar
Robe da mati.
La boca te la stupe
sol che a i sachi.
Se va disendo en giro
che quando en montagnar
el fa del ben
sucede che co l'aqua
se pol sugar el fen.
E mi che montagnar
de son propi de soca
te lasso enmaginar
l'amaro che gò en boca.


El Cesarino
Al luni de matina i muradori
i gheva na gran sé.
Gò en mente el Cesarino
'n ometo picenin, brusà dal sol
co i oci enbotonè
ma furbi da falcheto.
A olte endél parlar
ghe sucedeva che 'l s'encoconava.
En luni de bonora
el s'à tacà a la boca
en fiasco de quel rosso
e glù, glù, glù, glù, glù
sensa tirar el fià per en bel poco.
Madona, mi g'ò dito
se seguitè cossita el bevì tuto!
Lu el m'à vardà co l'aria da sornion
po chieto el m'à risposto:
l'è 'n fondo en... en... en..., endó l'è bon!


El pì furbo
Capita ne la vita
- ricòrdatelo ben-
de dover far 'na selta
tra quel che te par giusto
e quel che te conven.
Mi no ghe n'ò encertesse
pensando a le parole
che 'l me diséa me nono:
varda che quel pì furbo
l'è sempre el galantuomo!


El giornal
Parole de me nona:
te digo che 'l giornal
l'è come en musso,
el porta tuto quel
che i vol cargarghe
adosso.

Pensava da bociassa:
me nona l'à sbalià
volendo savér massa

ma dopo ò constatà
che quela de me nona
pensando mal, da dona,
l'era la verità.


Speransa
Ò sempre sentù dir
da i veci del paese
che l'erba pì cativa
la nasse nel to orto.
Ghe n'è de robe storte!
Mi no ghe n'ò pretese
ma spero de no vérghela
sta sorte
de no patir sto torto
da vivo e po da morto.


Al Meo
La bavesela che ven zo dal Baldo
la t'à portà nel cor la primavera
ensieme co le róndene nel cel
ensieme co le cante del to Coro.
Adesso la to osse calda e forte
che mi conosso ben,
da i tempi de le scole,
la s'à smorsà per sempre.
Te sé partì per na montagna alta
quando batevaancora el sol d'istà.
E gh'era le sigale che taseva
e tuti i to compagni che cantava
col pianto stofegà fin drento en gola.
Ma la to fola no la pol morir.
I dise che t'è fato 'n altro Coro
con tanto de maestro e la divisa
e che t'è za catà na sede nova
en de 'n canton lì sconto en paradiso.

Dedicata all'amico compagno di ginnasio Amedeo Milani,
socio fondatore del Coro "Voci del Baldo- città di Verona"


Ve conto na storia
Na casa en montagna lontan dal paese
d'inverno, de sera e tuto che tase.
La baia la cagna tacà a la cadena
la baia a la lunache ride a le stéle.

E drento en cusina al ciar de candela
se move n'ombria, n'ombria de dona
vestia de nero, restà da per éla
co 'n man la corona, i lavri che prega.

Na rechiemeterna al Toni, el so omo,
partì per el Belgio e morto en miniera
e n'Avemaria al fiol che no torna
al fiol che no torna dal fronte de guera.

Na guera busiarda, na guera putana
ma a ci ghe ne 'nporta se pianze na mama?


El Meco
La barba bianca, longa
a tuta facia
el me parea en profeta.
L'era sgalembro
ma el gheva en portamento
da gran sior.
Du oci grandi e furbi
el te vardava drento
perché el volea saver
tuto de tuti,
da gran curioso
e gran discorador.
L'avea studià
per far la profession
de l'avocato
ma l'è restà dotor
tuta la vita.
Da quando i l'à portà
en Casa de Riposo
-e no l'è più tornà-
la piassa de Cavrin
no l'è pì quela,
la s'à come catà
sensa parola.
Ghe manca el difensor:
el Meco, gran dotor.


Fora me ciamo
(A i me amici)

No gh'è santi che tegna,
morir bisogna.
Sti bei discorsi
no i me piase gnente
no i scolto gnanca
e sèito a strolegar
per farla franca.
E quando vedo
che no ghe la cavo,
per farme en po coraio
me digo de scondon
(e penso a vualtri):
mi no ghe c'entro, mi
ghe toca a i altri.


Perché
Perché tuta sta pressia?
Perché tuto sto córer?
E per rivar endove,
a ciapar cossa?
El sò, no gh'è risposta
per dir l'è quela giusta.
Me àldego a butar
n'idea en po balsana:
che sia per no pensar
a quando sonarà
el nostro ultimo boto
de campana?


Tempo perso
Ve conto na storiela,
ricordi de la scola.
Dime, che tempo èlo?
L'à domandà el maestro
al me vissin de banco
che no l'avea studià
per nar a laorar
e fóra co le bestie
ensieme a so pupà.
Dime, che tempo èlo?
El s'à proà
almanco en par de òlte
a borbotar calcossa,
ma za no gh'era verso.
Po, tuto en d'en momento
deciso e pien de estro
el g'à risposto drito:
l'è tuto tempo perso, sior maestro.


Na sveia dispetosa
Me son catà vissin
na bela mora.
La me rideva
la s-ciarava el giorno
la me giutava a nar
su la pontara.
Suta, ma dacarosa
i lavri de veludo
la pèl fata de seda
i oci che sluseva.
Alta de cavaleto
e granda su misura
do suche che sbregava
enfin la blusa.
E propi en fondo là
nel posto giusto
en bel boscheto
tuto folto e scuro
enprofumà dal canto
de na rosa
selvàdega, curiosa
e sconta nel mistero.
M'à desmessià
na sveia dispetosa
smorsando n'ilusion
che l'era vera.


El pomo
Forsi che dovaria
sénterme en colpa
per via de quel pomo
che Eva l'à magnà
ensieme col so Damo?
Gnanca na s-cianta!
E ansi ve confesso,
confesso a tuti quanti
che de sti pomi, mi
vria magnarde tanti
e più de spesso.


La fortuna
Na olta i m'à contà
che la fortuna
la passa tra le gambe
setanta olte sete
tuti i giorni,
basta saver serarle
propi al momento giusto.
Sarà...
Ma lassa che te diga
ciaro e s-ceto
che mi conosso
done de gran classe
che à fato na fortuna
stando en leto
a gambe verte
e sensa pagar tasse.


Zugando a poker
Zugando ensieme a poker noti entiere
e ogni tanto en giro a teresina
ensieme émo passà
i meio ani de la nostra vita.

E qualche olta en meso a na fumara
che se podea taiarla col cortel
sgolava via le carte e le rasie
parole de perdon e litanie.

Ma dopo se rideva e se schersava,
nel nostro cel no gh'era gnan n'ombria.
E se ghe penso quanta nostalgia
me ruma drento e me caressa el cor!

L'Armando, el Marco e l'Angelo
tuto de colpo e sensa dirne gnente
i à messo zo le carte
e l'è finia cossì la so partia.

Adesso en de 'n canton de n'ostaria
lì fermi sto l'ocio de San Piero
i speta el quarto per far vègner sera
spiando de scondon ci gh'è che riva.

Alora caro Fabio mi e ti
en barba a tuti quanti
se fémo en spaentin:
ci perde va davanti.


Da veci
L'è 'nutile sercar de nar avanti
fasendo fénta che va tuto ben.
Basta vardarse entorno per capir
la sorte che ghe toca a tuti quanti.
Se móre la to dona
no stà spetarte gnente da to fioi
e da le spóse po, ancora manco.
Bisogna che t'enpare a star ti solo
a viver da per ti,
a prepararte prima,
ghe dico sempre a i altri
a ci conosso de na serta età.
Ma dopo me domando
pensandoghe en po ensima:
e mi l'enti enparà?


Desso che son rivà
Desso che son rivà en cao a la bina
e somenà i me versi en tera bona,
no stème dir ch'i è fati a la carlona.
Pitosto dovarì spetar na nina

almanco da la sera enfin matina
e po farme saver come i ve sona
perché gh'è drento l'estro de me nona
e la sincerità de l'aria fina.

Ensieme a l'intension de farve rider
en meso a le miserie de sto mondo
i ò scriti per sercar de farve véder

che quel che par quadrato, l'è rotondo.
Ma son convinto che bisogna créder
e seito a rumegar sempre pì fondo.

El gran l'è squasi biondo
na sghia de cel ancora la me vansa
torno a cantar l'amor e la speransa.

L'anima e la roba
Diceva mio nonno
diceva mio padre
l'anima a Dio
la roba a chi spetta!
Ma al giorno d'oggi
io conosco molti
-e posso assicurarvi
che sono i più ricchi-
che si comportano
in questo modo:
la roba se la tengono
tutta per loro
e l'anima la vendono
a buon mercato.


Cose da poveretti
Per venirne fuori
bisogna tribolare
eliminare le spese
continuare a lavorare
finché si muore,
predicano quelli che comandano
giù a Roma.
Se non si fa così
l'Italia va a pezzi!
E tutti a domandarsi:
cosa dicono i più ricchi?
Risponde il povero cristo
che non c'entrano... loro,
sono cose da poveretti!

2012


Il far sapere
Cosa vuoi fare, babbeo
tu solo senza nessun aiuto?
Fermare con il sedere il treno
e ribaltare il mondo
a gambe all'aria?
Mettiti bene in testa
che ciò che invece conta
al giorno d'oggi
non è il saper fare
ma è il far sapere.
Allora smettila di tribolare.
È fiato sprecato nel vento
fatiche senza inni di gloria.
Ormai non c'è più niente da salvare.


Tempi di carestia
E mangia tu
che mangio anch'io,
a forza di mangiare
non è rimasto più niente
da far fuori.
Adesso i governanti
continuano a darsi da fare
per venirne a capo
ma dopo, in conclusione
è sempre peggio,
Cosa bisogna fare allora?
Farfuglia il galantuomo:
bisognerà mangiarsi
la parola.

Maggio 2012


Cose da non credere
Se non volete ascoltare mettetevi i tappi.
Democristiani e comunisti assieme
e poi scusatemi tanto, perdonatemi
a Roma ancora vivi ci sono due Papi.

Non è questione che interessi a chi comanda
ma coloro che credono e sono governati temono
si possano barattare santi e bestemmie
e cancellare parole scritte a matita.

E non c'è più rispetto né creanza
non si ragiona più come un tempo
con un po' di cervello, ma con la pancia.

Tutti che vogliono saperla lunga anche senza adeguata preparazione
è diventata esile la speranza
di tenersi per mano come fratelli.

E quanti poveretti!
Insomma io voglio dirvi in tutti i modi
che mi sembrano proprio cose da non credere.


L'aggiunta
Su tutte le strade
di mille contrade
ci sono gambe che corrono,
che corrono, che corrono.

Fatiche e fatiche
di povere formiche
che tacciono, che muoiono.

È acqua che passa
che senza lasciare traccia
finisce nel mare.

Di tante speranze
di tanto penare
non restano sementi
ma solo illusioni
di un mucchio di sogni.

Di tutta questa gente
non resta più niente
un niente di niente.

Pazienza, è lo stesso
perché quello che conta
è vivere adesso.
O vuoi l'aggiunta?


L'avvocato
Io non capisco tutto questo parlare
sull'avvocato.
Secondo il mio giudizio
c'è tanta maldicenza;
più facile dir male
che farne a meno:
Ci sono coloro che dicono:
anche se il mio avvocato
sembra un povero diavolo
è uno che sa tutto
mangia legge e pane.
E molti che rispondono:
il mio avvocato invece
a far bella figura
è uno che ci tiene;
lui di legge sa poco
però conosce il giudice
lo conosce bene...


Salvare la pelle
(Avvocati e medici)

È ormai una storia vecchia
ma ve la racconto ugualmente.
Un giorno mi hai detto
sottovoce in un orecchio:
sta meglio un topo
in bocca del tuo gatto
di un povero cristo
nelle mani dell'avvocato.
Senza pensarci sopra
io sono uscito con queste parole senza divagare:
non è per parlar male
di tanti che conosco
e né per questioni di onore
per via del mestiere (che faccio),
ma pensa all'ospedale
e pensa al tuo medico!
Guardandomi di traverso
con l'aria da finto tonto
hai aggiunto senza tanti giri di parole:
cosa vuoi dire, allora?
Che spero proprio di salvare la pelle
io ti ho risposto, bruscamente.


La favola del lupo e dell'agnello
Ho domandato ad un amico
che è come un fratello:
la sai tu la favola
del lupo e dell'agnello?
Io l'ho imparata a memoria
quando andavo a scuola
e poi non l'ho più dimenticata:
Subito è rimasto in silenzio
e non ha neppure fiatato
poi, serio, mi ha risposto:
ma tu nella tua vita
mi dici quanti lupi hai incontrato?


La giustizia
L'è tanto tempo ormai
che faccio questo mestiere
ma forse capirò
proprio per davvero
-quando sarò morto-
perché con la ragione
si passa al torto?
Mi scrive un amico:
belle parole
mi levo il cappello!
Ma dimmi in verità
da galantuomo:
ti è mai capitato
con il torto più marcio
di avere ragione?


I giudici
Diceva un avvocato e professore:
ricordati che i giudici
sono come i maialini.
Dentro nel loro recinto
litigano e poi si mordono,
a volte se potessero
vorrebbero sbranarsi
ma tacciono e non dicono niente.
Tu provati a toccarne
qualcuno di loro
anche con i guanti bianchi.
Sentirai che grugniti,
grugniscono tutti insieme
grugniscono tutti quanti.


Un posto prenotato
Affrettati, affrettati
altrimenti perdi la messa!
Conosco poveri cristi
che continuano a correre
finché campano
ma arrivano sempre tardi
al fumo delle candele.
E se arrivassero in tempo
non saprebbero neppure
dove sedersi.
Allora mi domando:
chissà se nell'aldilà
avranno per sempre
un posto prenotato.


Alfredo
Piccolo, tarchiato
con la faccia linda come un bambino
gli occhi che ridevano.
E quando ti incontrava
ti si allargava il cuore dalla gioia
ma tutto l'entusiasmo si smorzava
appena ti veniva lì vicino
perché, questo simpaticone
aveva sempre in mente
di prenderti le misure
allo scopo di prepararti per tempo
un bel vestito nuovo
fatto di legno duro
da metterti addosso
nel giorno della dipartita.
Maestro di musica
gran suonatore di armonica
a volte ci invitava
giù nella sua bottega.
Lì si faceva festa fino al mattino.
E quando i bicchieri di vino più non si contavano
e i canti si mescolavano con le stelle,
allora si rideva a crepapelle,
si cancellavano i debiti e le tasse
guardando quelli più corti di cervello
che facevano le prove dentro nelle casse da morto.


La felicità
Cosa sarà mai la felicità?
La pianta del dolore che si spezza.
Se poi rinasce con più forza
allora la speranza si spegne.
Ma poi con chi s'accompagna la felicità?
Con i ricchi che fanno festa dentro la sala da pranzo
con tanto di coltello e di forchetta
o assieme con i poveretti
che intingono il loro boccone
nel piatto sulle ginocchia?


Ricchi e poveri
Conosco gente povera
di nobili origini
e tanti ricconi
di umili origini.
Cos'è che conta?
La buona semente,
avere i soldi,
o farne anche senza?


Al giorno d'oggi
A me che sono di quelli
-si vede dai capelli-
che crede nella famiglia
in quelle di una volta
dove fa meraviglia
se non si ascoltano i vecchi

non mi piacciono
le usanze che ci sono oggi:

che un giorno una ragazza
compiuti i diciott'anni
o giù di lì
vada con il suo bagaglio
-succederà anche a me-
a vivere da sola.

Capisco l'esigenza
di un po' di libertà
di un po' di indipendenza
di tanta novità

ma al caldo del suo nido
può dire addio?


La fede
Un giorno a un funerale
tra fiori, requiescant in pace
e odore di incenso
mi è scappato l'occhio
sul banco lì davanti
dove c'era scritto
il nome e la famiglia
di una persona del paese
importante
e mi sono domandato:
forse che il Padreterno
vuole sapere
da dove venivano
le preghiere
chi era che pregava
per scrivere il suo nome sul libro
di san Pietro?
Vicino, un po' più in là
ho visto una vecchietta
inginocchiata per terra
veletta in testa
e la corona in mano
gli occhi che luccicavano
di chi crede
e ho subito pensato:
questa è la fede!


Perdonate la domanda
E tutti i giorni
sempre la stessa tiritera
sul giornale
e sempre la stessa nenia
alla televisione.
Dicono che morto un Papa
immediatamente ne eleggono un altro.
Una regola molto antica
ma che è ancora in vigore.
Ma quante te ne raccontano
quanti nomi saltano fuori!
Perdonatemi la domanda:
non potreste proprio
aspettare che, prima, sia morto?


Il montanaro
Robe da matti.
La bocca puoi chiuderla
soltanto ai sacchi.
Si va dicendo in giro
che quando un montanaro
fa del bene
succede che con l'acqua
si può asciugare il fieno.
E io che montanaro
lo sono proprio di razza
ti lascio immaginare
l'amaro che sento in bocca.


Il Cesarino
Al lunedì mattina i muratori
avevano una gran sete.
Mi viene in mente il Cesarino
un ometto piccolo, bruciato dal sole
con gli occhi abbottonati
ma furbi da falco.
A volte parlando
gli succedeva di tartagliare.
Un lunedì di buonora
si è attaccato alla bocca
un fiasco di vino rosso
e glù, glù, glù, glù, glù
senza respirare per un bel poco.
Madonna, io gli ho detto
se continuate così lo bevete tutto!
Lui mi ha guardato con aria sorniona
poi calmo mi ha risposto:
è in fondo do... do... do... dove è buono!


Il più furbo
Capita nella vita
tienilo bene in mente
di dover fare una scelta
tra ciò che ti sembra più giusto
e ciò che ti conviene.
Io non ho incertezze
pensando alle parole
che mi diceva mio nonno:
guarda che il più furbo
è sempre il galantuomo!


Il giornale
Parole di mia nonna:
ti dico che il giornale
è come un somaro,
porta tutto quello
che vogliono caricargli
addosso.

Pensavo da bambino:
mia nonna ha sbagliato
per far vedere di saperla lunga

ma poi ho constatato
che quella di mia nonna
pensando male, da donna,
era la verità.


Speranza
Ho sempre sentito dire
dai vecchi del paese
che l'erba più cattiva
nasce nel tuo orto.
Ce ne sono di cose storte!
Io non ho pretese
ma spero di non avere
questo destino
di non dover patire questo torto
da vivo e poi da morto.


Ad Amedeo
L'arietta fresca che viene giù dal Baldo
ti ha portato nel cuore la primavera
assieme con le rondini nel cielo
assieme con le "cante" del tuo Coro.
Adesso la tua voce calda e forte
che io conosco bene
fin dal tempo degli studi
si è spenta per sempre.
Sei partito per una montagna alta
quando brillava ancora il sole d'estate.
E c'erano le cicale che tacevano
e tutti i tuoi compagni che cantavano
con il pianto soffocato fin dentro la gola.
Ma la tua favola non può morire.
Si dice che hai messo in piedi un altro Coro
con tanto di maestro e di divisa
e che hai già trovato una nuova sede
in un angolo lì nascosto in paradiso.

Dedicata all'amico compagno di ginnasio Amedeo Milani,
socio fondatore del Coro "Voci del Baldo- città di Verona"


Vi racconto una storia
Una casa in montagna distante dal paese
d'inverno, di sera e tutto che tace.
Abbaia la cagna legata alla catena
abbaia alla luna che ride alle stelle.

E dentro in cucina al chiarore di candela
si muove un'ombra, un'ombra di donna
vestita di nero, rimasta da sola
con in mano la corona, le labbra che pregano.

Un eterno riposo al Toni, suo marito
partito per il Belgio e morto in miniera
e un'Avemaria al figlio che non torna
al figlio che non torna dal fronte di guerra.

Una guerra bugiarda, una guerra puttana
ma a chi importa se piange una mamma?


Il Meco
La barba bianca, lunga
a tutta faccia
mi sembrava un profeta.
Era sciancato
ma aveva un portamento
da gran signore.
Due occhi grandi e furbi
ti guardava dentro
perché voleva sapere
tutto di tutti
da gran curioso
e gran parlatore.
Aveva studiato
per fare la professione
dell'avvocato
ma è rimasto dottore
tutta la vita.
Da quando lo hanno portato
in Casa di Riposo
-e non è più tornato indietro-
la piazza di Caprino
non è più quella
si è come trovata
senza parola.
le manca il difensore:
il Meco, gran dottore.


Fuori mi chiamo
(Ai miei amici)

Non ci sono santi che tengano (non c'è niente da fare),
morire bisogna.
Questi bei discorsi
non mi piacciono niente
non li ascolto neppure
e continuo a fantasticare
per cercare di farla franca.
E quando vedo
che non c'è nulla da fare
per farmi un po' coraggio
dico a me stesso di nascosto
(e penso a voi):
io non c'entro, io
tocca agli altri.


Perché
Perché tutta questa fretta?
Perché tutto questo correre?
E per arrivare dove,
per afferrare cosa?
lo so, non c'è una risposta
per dire è quella giusta.
Mi azzardo a buttare lì
un'idea un po' stravagante:
che sia per non pensare
a quando suonerà
il nostro ultimo rintocco
di campana?


Tempo perso
Vi racconto una storiella,
ricordi della scuola.
Dimmi, che tempo è?
Ha domandato il maestro
al mio vicino di banco
che non aveva studiato
per andare a lavorare
e a pascolare il bestiame
insieme a suo padre.
Dimmi, che tempo è?
lui ha provato
almeno un paio di volte
a borbottare qualche cosa,
ma ahimè non c'era verso.
Poi, tutto d'un tratto
deciso e pieno di estro
gli ha risposto senza tergiversare:
è tutto tempo perso, signor maestro.


Una sveglia dispettosa
Mi sono trovato vicino
una bella mora.
Mi sorrideva
mi schiariva il giorno
mi aiutava ad andare
sulla salita.
Asciutta, ma bene in carne
le labbra di velluto
la pelle fatta di seta
gli occhi che brillavano.
Alta di cavallo
e giusta per la mia statura
due tette che laceravano
anche la blusa.
E proprio in fondo là
nel posto giusto
un bel boschetto
tutto folto e scuro
profumato dal canto
di una rosa
selvatica, curiosa
e nascosta nel mistero.
Mi ha svegliato
una sveglia dispettosa
spegnendo un'illusione
che era vera.


La mela
Forse che io dovrei
sentirmi in colpa
per via di quella mela
che Eva ha mangiato
assieme al suo Adamo?
Neanche un po'!
E anzi vi confesso,
confesso a tutti quanti
che di queste mele, io
vorrei mangiarne molte
e più frequentemente.
 

La fortuna
Una volta mi hanno raccontato
che la fortuna
passa tra le gambe
settanta volte sette
tutti i giorni,
basta saper chiuderle
proprio al momento giusto.
Sarà...
Ma permettimi di dirti
in maniera chiara e schietta
che io conosco
donne di gran classe
che hanno messo da parte una fortuna
stando a letto
a gambe aperte
e senza pagare tasse.


Giocando a poker
Giocando insieme a poker notti intere
e ogni tanto un giro all'americana
insieme abbiamo trascorso
i migliori anni della nostra vita.

E qualche volta in mezzo ad una nuvola di fumo
che si poteva tagliare con il coltello
volavano in aria le carte e le imprecazioni
parole di perdono e invocazioni ai santi e alla Madonna.

Ma poi si rideva e si scherzava
nel nostro cielo non c'era neppure un'ombra.
E se ci penso quanta nostalgia
mi rode dentro e mi accarezza il cuore!

L'Armando, il Marco, e l'Angelo
all'improvviso e senza dirci niente
hanno posato le carte sul tavolo
ed è finita così la loro partita.

Adesso in un angolo di un'osteria
lì fermi sotto l'occhio vigile di San Pietro
aspettano il quarto giocatore per far passare il tempo
spiando di nascosto se c'è qualcuno in arrivo.

Allora caro Fabio io e tu
in barba a tutti quanti
ci facciamo una briscola al trentuno:
chi perde parte per primo.


Quando si diventa vecchi
È inutile cercare di andare avanti
facendo finta che vada tutto bene.
Basta guardarsi intorno per capire
la sorte che tocca a tutti quanti.
Se viene a mancare tua moglie
non aspettarti nulla da tuoi figlioli
e dalle nuore poi, ancora di meno.
Bisogna che tu impari a stare solo
a vivere in solitudine,
a prepararti per tempo,
dico sempre agli altri
alle persone che conosco di una certa età.
M a dopo mi domando
pensandoci un po' sopra:
e io ho imparato tutto questo?


Ora che sono arrivato
Ora che sono arrivato in fondo al solco
e seminato i miei versi in terra fertile
non venitemi a dire che sono scritti in qualche maniera.
Piuttosto dovrete aspettare un pochino

almeno dalla sera fino al mattino
e dopo mi farete sapere come vi sembrano
perché c'è dentro l'estro di mia nonna
e la sincerità dell'aria frizzante.

Insieme all'intenzione di farvi ridere
in mezzo alle miserie di questo mondo
li ho scritti per cercare di farvi vedere

che ciò che sembra quadrato, è rotondo.
Ma sono convinto che bisogna credere
e continuo a scavare sempre più in profondità.

Il grano è quasi maturo
una scheggia di cielo ancora mi rimane
torno a cantare l'amore e la speranza.

                                                 

                                                  Sbaci de seren

Doman
Voria tornar a scriver poesia
che fusse vento e fior de la me tera,
el canto de le greste e l1aqua ciara
l'udor de i ciclamini
d'istà, ne la me val.
Voria cantar el verde de i vint'ani
la sinfonia del tempo de l'autuno
la festa de i colori
la chiete de la sera.
Ma l'ànema l'è suta e sensa vena.
No gh'è na moiarola
che tegna viva en cor la fantasia.
Ne i pra l'erba l'è seca
e pianze tuto el bosco foie giale.
Alora serco en alto en fil d'asuro.
Doman, speto doman.
Cissà cossa succede.
Se mai dirò doman che l'è finia.


L'amor per la contrà
E lì sentà en postera
me vardo entorno e scolto.
No vedo zughi e ciassi ne la corte
né sento el ciacolar
de done che fa lessia a la fontana,
no gh'è pì gnanca en vecio a rancurar
l'amor per la contrà.
È restà sendre freda
en meso al fogolar
e da i camini neri sora i copi
no vedo vègner fora en fil de fumo.

Se sfanta nel silensio
en chieto fremegar de osse sconte
ne i refoli de vento
tra i muri de le case e su i senteri
ne i pianti e le orassione
de tanta pora zente
ormai desmentegà.

Rùgola ne la val
l'ombria de la sera
e no se move foia.
Ne l'aria che s'embruma
se smorsa a pian i boti de campana.
Ma slusega na stéla
e nasse ancora el sol, doman matina.


L'aquila
Parona del cel
te sé restà ti sola.
El sigo, el to lamento
se perde ne l'asuro
portà lontan dal vento.
Cissà cossa te sente
vardando su da l'alto
i boschi e le contrade
le cése e i to paesi
lì fermi, endiferenti
a i pianti e le fadighe
de tanti pori cristi
che se strapéga drio
a pian, come formighe
la carga del so viver.
E vedo le farfale
sgolar tute contente
postarse sora i fiori
gustarse ogni momento.
Voria poder capir.
poder rivar ensima
la ponta de i me insogni
per léser fin en fondo
a l'ànema del mondo.
Voria che i me pensieri
i ghesse drento el fià de le to ale
e po sgolar ensieme a le farfale.


Santa Lussia
Gh'è 'n mucio de bancheti en Piassa Bra
e done che fa compre de zugorie.
Co ste giornade curte
entabarè de nebia
el fredo che t'engiassa enfin ne i ossi,
me ciapa na gran voia de tornar
su ne la me contrà
a gòderme el saor
de i boschi, i fiori e i pra
vanti che i se 'ndormensa
ne i brassi de l'inverno.

Almanco per na olta
voria tirar endrio
le rase su le ore
del tempo che camina
e po spetar de note Santa Lussia
e prepararghe el fen al so musseto.

Che festa desmessiarme de bonora
e catar drento el piato zo en cusina
en poca de carobola
du fighi, na naransa
n'armonicheta a boca!

E lì darente al foco
me mama che me varda de scondon.


E vegni via con mi
E vegni via con mi
no sta lassare.
Te portarò en montagna
a respirar l'udor de la me tera
de l'erba che rebuta
enprofumà de viole e de narcisi.
E te farò scoltar
le osse del silensio
la sinfonia del bosco che sverdesa.
Te ensegnarò a discorer
co i fiori e co le piante
le nugole curiose che se sconde,
a consegnarghe ne le man del vento
voie e speranse che no pol morir.
Enventaremo ensieme le parole
per scriver poesie e cante nove
da far sognar el Baldo e le so greste
nel caldo de l'istà
nel coro de i colori de l'autuno
de soto al ninsol bianco de l'inverno.
E quando spuntarà la luna piena
te cuertarò de basi e de caresse
e sarà festa granda
come la prima sera.


Tempo de primavera
Tempo de primavera,
el primo bucaneve, le prime viole
le ròndene che torna nel so nio,
el rossignol che canta enfin matina.

Tempo de noti scure e d'albe ciare
de vento che sopia, de vento che tase
de nugole nere, de nugole rosa
a giorni fa bèlo, gh'è giorni che piove.

I veci che serca na spera de sol
i brachi che ciassa su tute le strade.
E l'è la promessa che 'l fredo d'inverno
no 'l torna pì endrio e l'è la speransa
de l'erba che cresse, de foie che sluse
de gosse che trema su i fiori ne i pra.

Tempo de primavera,
de canti e d'orassione
e magio ch'enprofuma
de balsamo e narcisi
l'Altar de la Madona.

Tempo de primavera,
da i oci verdi de la me creatura
che la me core encontra e la me ride.
E mi la vardo e taso,
el cor che va de sora.


Ma ti stame vissin
No stà parlarme adesso de l'inverno.
Me sento ancora drento
el canto de le rose
i giorni enpiturè de fantasia
le corse a brassi verti encontra 'l sol
concerti de sigale
saor de i primi basi
e mile arcobaleni e mile fole.

Pàrleme de l'autuno e i so colori.
Gh'è ancora l'aria tivia
che me caressa a pian
e l'orto pien de fiori
el rossignol che fila
la so malinconia
el merlo che salela
sul verde del me pra.

Te podartè parlarme
del fredo de l'inverno
quando me sentarò
el cor cuertà de bruma
quando no ghe sarà
nissuni che me ciama
per saludarme
e strènzerme la man.

Ma ti stame vissin.
Con ti sempre darente
l'inverno l'è lontan
de là da l'orisonte.


Altri senteri
Nugole rosa fate a pegorete
parè da l'albaper smorsar le stéle
le pascola nel cel lisere e chiete
tegnèndose per man come sorele.

Ma po vardando ben le par barchete.
Urtè dal vento drento le so vele
le sbrissia nel seren come anarete
che zuga sora l'aqua a farse bele.

Ghe meto en brasso, a pian, i me pensieri
frachè nel gran prossach che molo en tera
e serco de ciapar altri senteri.

lontani da l'ombria de la sera
per viver i me giorni tuti entieri
ancora enprofumè de primavera.

perché ci se despera
e carga i so rimpianti su le spale
i brusa nel tramonto le so ale.


Nel seren
E l'era sempre drio a vardar le stéle
de sera nel seren che se 'npissava.
Entorno i puteleti
de tuta la contrà a domandarghe
da 'ndove le vegneva
e 'ndove le naseva co l'aurora.
de note lu el sognava de sgolar
fin sora el paradiso
per verghe storie nove da contar.
Ma na matina no 'l s'à più sveià.
I l'à catà endé 'n cucio de scartossi
cuertà da quatro strasse
arente al fogolar sensa na brasa
e na carega vecia da 'npaiar.
E altro no 'l gavea
né schei e né fameia
ma gh'era en segno fondo de speransa
ne i oci spalanchè de meraveia.


L'ultima note
Na luna tonda e sbiava
la s'à postà su i copi de le case
che strache le dormeva.
Fis-ciava forte el vento
le foie le tremava de paura.
E drento el leto bianco
bagnà de sudor fredo
se consumava tuta la fadiga
del tanto tribular per poder viver.
tri sighi de siveta
i à compagnà el to ultimo respiro.
Alora en gran silensio
la luna l'è scapà sora le senge
e svelta la s'à sconta.
E mi avaria volù starte vissin
ensieme con me mama
per farte na caressa
e domandar perché
ma séra picenin,
grando na spana.


El me nio
L'è picolo el me nio.
Picolo el me paese, la césa, el simiteri.
Picola la me casa, picola la contrà
encornisà de verde
picolo l'ortesel per coltivar
quel poco che me basta.

Ma propi l' tacà gò en bosco per discorer
ensieme a piante alte che le caressa el cel.
desteso endé 'l solivo
voria brassar el mondo, brassar el mondo entiero
convinser ci comanda a scancelar le guere
e po cavarme fora per regalarghe tuto
a quei piassè pitochi
en cambio de 'n soriso su i lavri de so fioi.

Voria saver pregar come le me vcete
che prega a messa prima
e domandarghe al Cristo morto en croce
perché i è cossì tanti
i veci e i puteleti che sta mal.
Voria, voria, voria:::
L'è picolo el me nio
ma grandi i me pensieri.


È rivà l'ora
Podesse mai rivar
en de 'n momento
la festa del Nadal
per sèntermr rinasser
e nar en giro come ghesse 'ntorno
en bel vestito novo!
E véder puteleti
che se gode
e veci che discore
sensa malinconia
perché ancora i spera
perché ancora i crede
che no la sia finia.
Da i siresari nevega
nel sol de primavera.
Ma desso no l'è tempo de zugar
a scònderse e far saltamoléta*.
Ormai è rivà l'ora,
bisòn ficarse en testa
de respirar la pace de la sera
tegnendo a pisseghin
quel poco che ne resta.

*Saltamoléta: gioco da ragazzi che si fa appoggiando le mani sul dorso
curvo del compagno e superandolo d'un salto a gambe divaricate
.


El Casteleto
Gh'è l'Adese che canta stamatina.
E l'è na canta alegra, maturlana
che riva fin sul Baldo e sul Pastel.
Ancó l'è festa granda ne la Val,
el Casreleto el compie za trent'ani.
E sona le campane de i paesi
i campi i mete en mostra i so colori
e ride al sol le vigne e i graspi d'oro.

Gh'è l'Adese che canta stamatina:
el vol contarghe al mar de la so zente,
zente a la bona, sana, che laora
le mane sacagnè
e dure, de corame
che tanto per polsar,
quando l'è sera,
le se caressa en libro da studiar.

E scriver la so storia
la storia de i so veci
fata de pianti e de tribulassione
ma anca de speransa e d'albe ciare
perché se stava ensieme e se cantava
ne i giorni enprofumè de la vendema
ne i boschi a taiar legna
e, dopo quatro goti, a l'ostaria.

E a quei del Casteleto
che i vol salvar sta rassa
che gira per la testa en pensier solo:
lassar en segno fondo per ci resta
e che tra mile ani tuti i sapia
de quando l'è stà grando drento el cor
l'amor per la so tera
l'amor per la so Val.

Dedicata all'Associazione Culturale "El Casteleto" che ha sede a
Dolcè in Valdadige


Su ale de farfala
E tuti lì a spetar.
L'aria che se respira
dai banchi de la cesa
l'è profumà de fiori
e soto osse i ciacola i nosséri
vardando se la riva.
Ma ecola la spósa
persa endél so mondo de bombaso,
su ale de farfala,
i oci che ghe sluse!

Adesso tuti i tase.
El gropo fermo en gola
te par che 'l se desliga,
el cor enrissolà
te sente che 'l se mola
pensando za al destin
a quel che vegnarà
adrio i so senteri
tra sbaci de seren
e nugoloni neri.


Cossa sucedarà?
L'è tivia l'aria ancó
e ride al sol le viole
nel bosco su 'n costera.
Gh'è passare che bècola
le migole de pan
davanti al pontesel.
Sgola le rondenele sora i copi
lassando sfrisi neri ne l'asuro
e mi ghe coro drio co i pensieri.
El soò che l'è za sera
ma ci pol mai saver
cossa sucedarà doman matina?


Che meraveia!
Che meraveia el Baldo stamatina!
Da sora le so greste
el benedisse da na banda el Lago
e da quel'altra tuta la me val
e l'Adese che core verso el mar
contando al vento fole.

En meso al verde polsa le contrade
respira le finestre
l'udor de piante e fiori,
trema ne l'aria s-ciapi de farfale,
nel valser de i colori
canta fringuei e canta speransole.

E scolto da lontan
le osse de i malghesi e de i pastori
i boti de le cioche e le ciochine,
Vardo la me ceséta,
postà al campanil
che serca de discorer co l'asuro.

darente el simiteri, picenin
desteso chieto al sol
a brassi verti el prega
per quei che dorme en pace soto tera.


La Madonina de piera
O Madonina che te sé de piera
ma drento te caresse en cor de mama,
dime sa te pol far per quela dona
che i g'à copà so fiol lì su la strada
en brasso a so pupà, pora creatura?
Quanti che d'è passà davanti a Ti,
mama del Cristo morto,
su sto senter de sassi e de fadighe
e tuti a confidarte le so pene
per verghe na parola de conforto!
Adesso mi te prego:
agiùtene a smorsar la cativeria
che brusa su la facia de la tera.
E giùtene a 'npissar en fil de ciaro
ne l'ànema de quei che envesse spera
de caminar ensieme fianco a fianco
tegnéndose per man ogni momento.
O Madonina che te sé de piera
ma drento te caresse en cor de mama,
scolta la me preghiera.
Se no, sto mondo mato endó naralo?
Ame.

Ottobre 2012

Ispirata da un fatto di cronaca.
La statuetta in pietra del 1820 rappresenta la Madonna dell'Addolorata
ed è posta all'interno di un capitello costruito a margine di una stradina
in mezzo ai boschi ai piedi del Monte Baldo.


El fil de la speransa
Quando che nasse l'alba drio le greste
e core 'l vento a parar via l'aurora
trema su l'erba gosse de rosada.

Trema le foie perse el so canto
e sbrissia su la pèl la meraveia
de i giorni resentè ne l'aqua ciara.

E slùsega nel sol le spighe d'oro
caressa l'aria 'l sgol de le farfale
se 'npissa nel ricordo i primi basi.

Nel tempo de l'autuno che me vansa
se perde nel silensio i me pensieri
che nego drento el rosa de i tramonti
per no molar el fil de la speransa.

 

Angeli sensa ale
Tasi poeta tasi, ormai l'è sera.
No gh'è pì stéle en cel e s'à smorsà la luna.
L'è ora che t'enpare a viver su sta tera
e a vardar avanti, a ci te stà darente
e serca la to man per caminar ensieme.

Angeli sensa ale che crede nel doman
per mèterghe l'amor drento le paie amare
che nasse en meso a i spini e a la gramegna.
Angeli sensa ale che en silensio
regala la speransa
a i pori desgrassiè che no gà gnente.

E se te vol saver cossa che l'è el dolor
compàgneme na olta a l'ospedal
e lì te vedarè
face de puteleti che no ride
e veci bandonè che tase e che strangossa
de dirte na parola.
Ma po te vedarè angeli sensa ale
sempre vissini a lori per agiutarli a creder
nel ciaro che s'enpissa ogni matina.

Tasi poeta tasi, questa l'è poesia.
Métela en de 'n canton, la fantasia.


Fèrmete en poco
Quando te sente che te manca el fià
e no te vede ensima a la pontara,
quando te par che no finissa mai
el fiaco pantesar
de ore sensa cao
de noti strove sensa en fil de ciaro,
quando che te voresse
con tute le to forse scancelar
en mondo storto e duro da 'ndrissar,
fèrmete en poco e varda e scolta ben.

Te vedarè cambiar tuto de colpo
nugole grise che deventa rosa
le róndene che sgola nel seren
la luna che discore e po la tase.

te sentarè nel vento
concerti en meso ai boschi e drio le sese
de merli e speransole
campane che le sona en alegria
e drento al cor tornar la primavera.
E la speransa ultima a mori

Domani
Vorrei tornare a scrivere poesia
che fosse vento e fiore della mia terra,
il canto delle creste e l'acqua chiara
l'odore dei ciclamini
d'estate, nella mia valle.
Vorrei cantare il verde dei vent'anni
la sinfonia del tempo dell'autunno
la festa dei colori
la quiete della sera.
Ma l'anima è asciutta e senza ispirazione.
Non c'è neppure una piccola polla d'acqua
che tenga viva in cuore la fantasia.
Nei prati l'erba è secca
e piange tutto il bosco foglie gialle.
Allora cerco in alto un filo di azzurro.
Domani, aspetto domani.
Chissà cosa succederà.
Semmai dirò domani che è finita.


L'amore per la contrada
E lì seduto in un posto soleggiato
mi guardo attorno e ascolto.
Non vedo giochi e scherzi nella corte
né sento il chiacchierare
di donne che fanno il bucato alla fontana,
non c'è più neanche un vecchio a custodire gelosamente
l'amore per la contrada.
È rimasta cenere fredda,
in mezzo al focolare
e dai neri camini sopra i tetti
non vedo uscire un filo di fumo.

Si dilegua nel silenzio
un tranquillo fremere di voci nascoste
nelle folate d'aria
tra i muri delle case e sui sentieri
nei pianti e le preghiere
di tanta povera gente
ormai dimenticata.

Rotola nella valle
l'ombra della sera
e non si muove foglia.
Nell'aria che s'inumidisce di brina
si spengono lentamente i rintocchi di campana.
Ma luccica una stella
e sorge ancora il sole, domani mattina.


L'aquila
Padrona del cielo
sei rimasta da sola.
Il grido, il tuo lamento
si perde nell'azzurro
portato lontano dal vento.
Chissà cosa provi
guardando su dall'alto
i boschi e le contrade
le chiese e i tuoi paesi
lì fermi, indifferenti
alle lacrime e alle fatiche
di tanti poveri cristi
che si trascinano dietro
lentamente, come formiche
il fardello della loro esistenza.
E vedo le farfalle
volare tutte felici
posarsi sopra i fiori
assaporare ogni momento.
Vorrei poter capire.
Poter arrivare in cima
alla punta dei miei sogni
per leggere fino in fondo
all'anima del mondo.
Vorrei che i miei pensieri
avessero dentro la forza delle tue ali
e poi volare assieme alle farfalle.


Santa Lucia
C'è una grande quantità di bancarelle in Piazza Brà
e donne che fanno acquisti di giocattoli.
In queste giornate corte
avvolte dalla nebbia
il freddo che ti penetra fin dentro le ossa,
mi prende una gran voglia
di tornare nella mia contrada
a gustarmi il sapore
dei boschi, i fiori e i prati
prima che si addormentino
nelle braccia dell'inverno.

Almeno per una volta
vorrei tirare indietro
le lancette sull'orologio
del tempo che cammina
e poi aspettare di notte Santa lucia
e preparare il fieno per il suo asinello.

Che festa svegliarmi presto
e trovare dentro il piatto giù in cucina
un po' di carrube
due fichi secchi, un'arancia
una piccola armonica a bocca!

E lì vicino al fuoco
mia mamma che mi guarda di sottecchi.


E vieni via con me
E vieni via con me
non lasciarmi.
Ti porterò in montagna
a respirare l'odore della mia terra
dell'erba che rinasce
profumata di viole e di narcisi.
E ti farò ascoltare
la voce del silenzio
la sinfonia del cosco che verdeggia.
Ti insegnerò a parlare
con i fiori e con le piante
con le nuvole curiose che giocano a nascondersi,
a consegnare nelle mani del vento
desideri e speranze che non possono morire.
Inventeremo assieme le parole
per scrivere poesie e nuove cante
da far sognare il Baldo e le sue creste
nel caldo dell'estate
nel coro dei colori dell'autunno
sotto il lenzuolo bianco dell'inverno.
E quando spunterà la luna piena
ti coprirò di baci e di carezze
e sarà festa grande
come la prima sera.


Tempo di primavera
Tempo di primavera,
il primo bucaneve, le prime viole,
le rondini che tornano al loro nido
l'usignolo che canta fino al mattino.

Tempo di notti oscure e d'albe chiare
di vento che soffia, di vento che tace
di nuvole nere, di nuvole rosa
di giorni sereni, di giorni piovosi.

I vecchi che cercano un raggio di sole
i ragazzi che schiamazzano su tutte le strade.
ed è la promessa che il freddo d'inverno
non torna più indietro ed è la speranza
dell'erba che cresce, di foglie che luccicano
di gocce che tremano sui fiori nei prati.

Tempo di primavera,
di canti e di preghiere
e maggio che profuma
di dafne odorosa e narcisi
l'Altare della madonna.

Tempo di primavera
dagli occhi verdi della mia creatura
che mi corre incontro e mi sorride.
Ed io la guardo in silenzio
il cuore che trabocca di gioia.


Ma tu stammi vicino
Non parlarmi ora dell'inverno.
Sento ancora dentro di me
il canto delle rose
i giorni dipinti di fantasia
le corse a braccia aperte incontro al sole
concerti di cicale
sapore dei primi baci
e mille arcobaleni e mille favole.

Parlami dell'autunno e i suoi colori.
C'è ancora l'aria tiepida
che mi accarezza dolcemente
e l'orto pieno di fiori
l'usignolo che distilla
la sua malinconia
il merlo che saltella
sul verde del mio prato.

Potrai parlarmi
del freddo dell'inverno
quando mi sentirò
il cuore coperto di brina
quando non ci sarà
nessuno che mi chiama
per salutarmi
e stringermi la mano.

Ma tu stammi vicino.
Con te sempre accanto
l'inverno è lontano
oltre l'orizzonte.


Altri sentieri
Nuvole rosa somiglianti a pecorelle
mandate avanti dall'alba per spegnere le stelle
pascolano nel cielo leggere e tranquille
tenendosi per mano come sorelle.

Ma poi guardando bene sembrano barchette.
Sospinte dal vento dentro le loro vele
scivolano nell'azzurro come paperelle
che giocano sopra l'acqua a farsi belle.

Metto loro in braccio, piano, le mie preoccupazioni
affastellate nel grande zaino che lascio cadere a terra
e cerco di imboccare altri sentieri

lontani dall'ombra della sera
per vivere i miei giorni per intero
ancora profumati di primavera.

Perché quelli che non sono sorretti dalla speranza
e caricano i loro rimpianti sulle spalle
bruciano nel tramonto le loro ali.


Nel sereno
E stava sempre lì a guardare le stelle
di sera nel sereno che si accendeva.
Attorno i bambini
di tutta la contrada a domandargli
da dove venivano
e dove andavano assieme all'aurora.
Di notte lui sognava di volare
fin sopra il paradiso
per avere storie nuove da raccontare.
Ma un mattino non si è più svegliato.
Lo hanno trovato su un pagliericcio di foglie di pannocchie
coperto da quattro stracci
vicino al focolare senza una brace
e ad una vecchia sedia da impagliare.
E altro lui non aveva
né soldi e né famiglia
ma c'era un segno profondo di speranza
negli occhi spalancati di meraviglia.


L'ultima notte
Una luna rotonda e pallida
si è posata sui tetti delle case
che stanche dormivano.
Fischiava forte il vento
le foglie tremavano di paura.
E dentro il letto bianco
bagnato di sudore freddo
si consumava tutta la fatica
del tanto tribolare per poter vivere.
Tre lamenti di civetta
hanno accompagnato il tuo ultimo respiro.
Allora in gran silenzio
la luna è scappata sopra le rocce
e lesta si è nascosta.
E io avrei voluto starti accanto
assieme a mia mamma
per farti una carezza
e domandare perché
ma era piccolo,
alto una spanna.


Il mio nido
È piccolo il mio nido.
Piccolo il mio paese, la chiesa e il cimitero.
Piccola la mia casa, piccola la contrada
incorniciata di verde
piccolo l'orticello per coltivare
quel poco che mi basta.

Ma proprio lì rasente ho un bosco per parlare
insieme a piante alte che accarezzano il cielo.
Disteso in un posto soleggiato
vorrei abbracciare il mondo, abbracciare il mondo intero
convincere coloro che comandano a cancellare le guerre
e poi spogliarmi di ogni bene per regalare tutto
alle persone più povere
per un sorriso sulle labbra dei loro figli.

Vorrei saper pregare come le mie vecchiette
che pregano a messa prima
e domandare al Cristo morto in croce
perché sono così tanti
i vecchi e i bambini che soffrono.
Vorrei, vorrei, vorre...
È piccolo il mio nido
ma grandi i miei pensieri.


È giunto il momento
Potesse mai arrivare
in un baleno
la festa del Natale
per sentirmi rinascere
e andare in giro come se indossassi
un bel vestito nuovo!
E vedere bambini
che si divertono
e vecchi che parlano tra loro
senza malinconia
perché ancora sperano
perché ancora credono
che non sia finita.
dai ciliegi nevica
nel sole di primavera.
Ma adesso non è tempo di giocare
a nascondino e a far "saltamoléta".
Ormai è arrivato il momento,
bisogna mettersi bene in testa
di respirare la pace della sera
centellinando
quel poco che ci rimane.

 

 

El Casteleto
C'è l'Adige che canta stamattina.
Ed è un canto allegro, spensierato
che arriva fin sul baldo e sul Pastello.
Oggi è festa grande per la Valle
"El Casteleto" compie già trent'anni.
E suonano le campane dei paesi
i campi mettono in mostra i loro colori
e ridono al sole le viti e i grappoli d'oro.

C'è l'Adige che canta stamattina:
vuole raccontare al mare della sua gente
gente alla buona, sana, che lavora
le mani rovinate
e dure, come il cuoio
che tanto per riposare,
quando è sera,
accarezzano un libro da studiare.

E scrivere la loro storia
la storia dei loro vecchi
fatta di pianti e di tribolazioni
ma anche di speranza e di albe chiare
perché si stava assieme e si cantava
nei giorni profumati della vendemmia
nei boschi a tagliare legna
e, dopo quattro bicchieri di vino, all'osteria.

E a quelli del "Casteleto"che vogliono salvare questa razza
frulla per la testa un solo pensiero:
lasciare un segno profondo per coloro che restano
e che tra mille anni tutti sappiano
quanto sia stato grande dentro il cuore
l'amore per la loro terra
l'amore per la loro Valle.


 

 

Su ali di farfalla
E tutti lì ad aspettare.
L'aria che si respira
dai banchi della chiesa
è profumata di fiori
e sottovoce chiacchierano gli invitati a nozze
guardando se arriva.
Ma eccola la sposa
rapita nel suo mondo di bambagia
su ali di farfalla
gli occhi che le brillano!

Ora tutti fanno silenzio.
Il groppo fermo in gola
ti sembra che si sciolga
il cuore stretto in una morsa
senti che si rilassa
pensando già al destino
a ciò che succederà
lungo il cammino della sua vita
tra squarci di sereno
e nuvoloni neri.


Cosa succederà?
È tiepida l'aria oggi
e ridono al sole le viole
su nel bosco esposto al sole.
Ci sono passere che becchettano
le briciole di pane
davanti al poggiolo.
Volano le rondinelle sopra i tetti
lasciando segni neri nell'azzurro
e io le inseguo con i pensieri.
Lo so bene che è già sera
ma chi può mai sapere
cosa succederà domani mattina?


Che meraviglia!
Che meraviglia il Baldo questa mattina!
Da sopra le sue creste
benedice da una parte il Lago
e da quell'altra tutta la mia valle
e l'Adige che corre verso il mare
raccontando al vento favole.

In mezzo al verde riposano le contrade
respirano le finestre
l'odore di piante e fiori
tremano nell'aria sciami di farfalle
nel valzer dei colori
cantano fringuelli e cantano cinciallegre.

E ascolto da lontano
le voci dei malghesi e dei pastori
i rintocchi dei campanacci e delle bronzine.
Guardo la mia chiesetta,
addossata al campanile
che tenta di parlare con l'azzurro.

Vicino il cimitero, piccolo
disteso tranquillo al sole
a braccia aperte prega
per quelli che dormono in pace sotto terra.


La Madonnina di pietra
O Madonnina che sei fatta di pietra
ma dentro accarezzi un cuore di mamma,
dimmi cosa puoi fare per quella donna
alla quale hanno ucciso il figliolo lì sulla strada
in braccio a suo padre, povera creatura?
Quanti ne sono passati davanti a Te,
madre del Cristo morto,
su questo sentiero di sassi e di fatiche
e tutti a confidarti le loro pene
per avere una parola di conforto!
Adesso io ti prego:
aiutaci a smorzare la cattiveria
che brucia sulla faccia della terra.
Ed aiutaci ad accendere un filo di luce
nell'anima di coloro che invece sperano
di camminare insieme gomito a gomito
tenendosi sempre per mano.
O Madonnina che sei fatta di pietra
ma dentro accarezzi un cuore di mamma,
ascolta la mia preghiera.
Se no, questo mondo impazzito dove andrà a finire?
Amen.

Ottobre 2012

 

 

 

Il filo della speranza
Quando nasce l'alba dietro le creste
e corre il vento a mandare via l'aurora
tremano sull'erba gocce di rugiada.

Tremano le foglie perdute nel loro canto
e scivola sulla pelle la meraviglia
dei giorni risciacquati nell'acqua chiara.

E luccicano nel sole le spighe d'oro
accarezza l'aria il volo delle farfalle
si accendono nel ricordo i primi baci.

Nel tempo dell'autunno che mi rimane
si dileguano nel silenzio i miei pensieri
che annego dentro il rosa dei tramonti
per non mollare il filo della speranza.

 

Angeli senza ali
Taci poeta taci, ormai è sera.
Non ci sono più stelle in cielo e si è spenta la luna.
È tempo che tu impari a vivere su questa terra
e a guardare in avanti, verso chi ti sta vicino
e cerca la tua mano per camminare assieme.

Angeli senza ali che confidano nel domani
per mettere l'amore dentro le paglie amare
che nascono in mezzo alle spine e alla gramigna.
Angeli senza ali che in silenzio
regalano la speranza
ai poveri disgraziati che non hanno nulla.

E se vuoi sapere che cos' è il dolore
accompagnami una volta all'ospedale
e lì vedrai
facce di bambini che non ridono
e vecchi abbandonati che in silenzio desiderano con tutta l'anima
di dirti una parola.
Ma vedrai anche angeli senza ali
sempre accanto a loro per aiutarli a credere
nella luce che si accende ogni mattina.

Taci poeta taci, questa è poesia.
Mettila in un angolo, la fantasia.


Fermati un poco
Quando senti che ti mancano le forze
e non vedi in cima alla salita,
quando ti sembra che non abbia mai termine
il fiacco ansimare
di ore senza fine
di notti buie senza un filo di luce
quando vorresti
con tutte le tue forze cancellare
un mondo sbagliato e duro da raddrizzare
fermati un poco e guarda e ascolta bene.

Vedrai cambiare all'improvviso
nuvole grigie che diventano rosa
le rondini che volano nel sereno
la luna che discorre e poi diventa silenziosa.

Ascolterai nel vento
concerti in mezzo ai boschi e lungo le siepi
di merli e cinciallegre
campane che suonano in allegria
e ritornare nel cuore la primavera.
E la speranza ultima a morire.

 


 

                                           Stéle da l'Orsa
                                         
 http://gabriellieditori.it/shop/narrazioni/stele-da-lorsa/
 

La me val

Mi canto
Mi canto la me Val, el me paese,
el Monte Baldo, el Lago, i so colori.
E canto la me tera, la me zente
e tuto el tribular per nar avanti.

Canto le stéle, el vento. le nugole
che zuga co la luna, le ròndene
che sgola ne l'asuro, su nel cel
i fiori, i boschi, i pra, l'udor de i mughi.

Mi canto le caresse, i primi basi
el tempo che no pol tornar endrio
i passi de l'autuno che se sfanta
en cao a l'oridel de la me bina.

Canto la poesia e la speransa
i pori desgrassiè che no gà gnente.
Canto l'amor de i fioi, de la fameia
canto l'Amor, paron del mondo entiero.
 

Me presento
Son nato a la Ferara¹
contrà de i Casteleti
ma po son vegnù grando
zo ne la Val de Orsa
che l'è soto a Brentin.

Quando da puteleto
naséa a far en giro
en de sti du paesi,
a ci me domandava
ci séra e ci no séra
la scola che faseva
ci l'era me pupà
da 'ndove che vegneva
tute ste robe qua,
ciapàndola a la larga
seitava a scantonar
e no ghe rispondeva

perché me vergognava
a dir: mi son da Orsa
en posto for dal mondo
da Dio desmentegà.

Sì,l'era come dirghe
a quei che stava en piassa
-entendopiassa Brà-
mi vegno da la Giassa.
Ma adesso che la Val
l'è deventà famosa
e l'è fotografà
su 'n mucio de riviste
per via de sto sport
che i ciama torentismo
-metendo ensieme l'acqua
co 'n poco de alpinismo-
a quei che me domanda:
ma ti ci sétu ci?
de bota ghe rispondo:

mi son da Orsa
mi son da Orsa, mi...

¹ Ferrara di Monte Baldo
 

Tra senge e sgrèbani
Tra senge e sgrèbani
zo ne la val de Orsa
e sensa me pupà
da poder darghe man,
mi ò dovù 'nparar
a caminar mi solo
de giorno col bel tempo
o soto el temporal
de note col lampion
se l'era massa strovo

a star atento
de no scarpussar
alsàndome de bota
drito en pié
se qualche olta
mi me son catà
mane e zenoci
tuti sbrogolè

a saludar per primo
quei pochi che 'ncontrava
a drio el me sentér

a darghe la carega
e farghe bela cera
se qualchedun passava
darente la me casa

a verghe per compagni
putei che combateva
per fede e libertà
e a spartir con lori
en toco de fogassa
na feta de polenta
na grosta de formaio
ensoma quel che gh'era.

Ma ò anca 'nparà
a léser e studiar
al ciar de la lucerna
a verghe confidensa
col vento e co la luna
a farme compagnia
col pianto de le stéle

tra senge e sgrèbani
zo ne la val de Orsa.
 

Do lagrime nel cel
Mi me ricordo
come fusse geri
du oci ciari
pieni de paura
e na polenta
sora na panara
che te scondeve
soto el tosial nero.

Mi me ricordo
come se fusse geri
en putel biondo
vegnù grando 'n pressia
da i oci ciari
sconti en le patele
de 'n pastran griso
che 'l tocava en tera.

Quando el t'à visto
l'à piegà i zenoci
strucando la to man
ne le so mane
e lì su la to pèl
segnà da le fadighe
è croà zo pian pian
do lagrime dal cor
che le sluseva
del color de l'oro.

En ventesel liser
fasendo vissinel
l'à ciapà en brasso
tute e do le perle
portàndole nel cel
ensieme co le stéle.
 

Nota:  Val d'Orsa, autunno 1944. Un partigiano giovanissimo e biondo (mi pare un polacco) veniva vicino a casa a prendere una polenta che mia madre aveva preparato per portarla alla grotta dove si trovavano i suoi compagni.
 

Nadal 1944
En cucio scalcagnà
fato de foie
de soto a 'n baitel
cuertà de tera.
Te pense e te ripense
al giorno maledeto
che t'è dovù scapar
e caminar per ore
descalso ne la neve.
Te pense a la fameia
to mama, to pupà
lontani, cissandove.
Te pense al to destin
sensa speransa.

Ma eco la Lucia
che riva co la sporta
e la te ride.

Te varde la Lucia
i oci che ghe sluse
el so vestito novo:
na cotoleta verde
na camiseta bianca
e sora en golfin rosso
de lana petenà.

Ancò l'è Festa Granda.

Te varde la Lucia
e te gh'è dito a pian
co 'n fil de osse:
mon Dieu, que tu es belle
che bela che te sé!

L'era Nadal
e ti vint'ani apena.

Dedicata al partigiano francese col nome di battaglia Pantagruel. morto a vent'anni per cancrena a seguito di congelamento dei piedi e a Lucia, una graziosa giovinetta del paese che si recava tutti i giorni al suo nascondiglio per portargli un po' di cibo e il suo sorriso.


La luna
Tirà da 'n fil de lana
ràmpega lenta
drio la montagna
na luna granda
come na polenta.

Adesso la se ferma
la polsa chieta
la se varda entorno
e tuto se fa ciaro
come el giorno.

Ma po de colpo
sgrendenà dal vento
la core e la se sconde
tra nugoloni neri
en meso a i me pensieri.

Eco, la ricompare!
Me par che la me parla
e che la me sorida.

Picola luna
luna desembrina
resta a zugar con mi
fin a doman matina.


Enamorarse
L'è stà come el primo
spiansiso a primavera
chel' te desgiassa el cor
che 'l te desliga el sangue.

E sempre ensieme
émo brusà l'istà
con basi pieni
longhi
sensa fine.


El saor de l'autuno
Me sento ancora
drente le scarsele
sgionfe de pomi,peri
nose e ninsole
el saor de l'autuno.

Me sento ancora
drente le miole
el tiepido sol
de le sute
giornade de otobre
sospese a 'n fil
de asuro.


L'amor
L'amor l'è come 'l vento
anca vardando ben no se lo vede
però te 'l sente soto la to pèl
che 'l score caldo drento ne le vene.
L'amor l'è sgolar su nel paradiso.


El primo baso
El giorno che t'ò dato el primo baso
drio el sentér darente la contrada
gh'era 'n silensio che savea de fraga
n'arieta fresca che ne caressava,

Nel verde de i to oci se perdeva
i fiori, l'erba, sgol de rondenele
na nugoleta en cel che la zugava
scondéndose tra i pigni e le so dase.

El sol sul Monte Baldo slusegava
sora le greste perse ne l'asuro
ne l'Adese che core e drento el Lago.

E desso che scomensia a vègner sera
sento la testa che me gira ancora
pensando a quel s-ciantin de primavera.

 

Io canto
Io canto la mia valle, il mio paese,
il Monte Baldo, il Lago, i suoi colori.
E canto la mia terra, la mia gente
e tutte le tribolazioni per sopravvivere.

Canto le stelle, il vento, le nuvole
che giocano con la luna, le rondini
che volano nell'azzurro, su nel cielo
i fiori, i boschi, i prati, l'odore dei mughi.

Io canto le carezze, i primi baci
il tempo che non può tornare indietro
i passi dell'autunno che si dileguano
all'estremo limite del mio cammino.

Canto la poesia e la speranza
i poveri disgraziati che non hanno nulla.
Canto l'amore per i figli, per la famiglia
canto l'Amor, padrone del mondo intero.
 

Mi presento
Sono nato a Ferrara¹
contrada dei Castelletti
ma poi sono cresciuto
giù nella Valle di Orsa
che è sotto il Comune di Brentino.

Quando da ragazzino
andavo a fare un giro
in questi due paesi,
a chi mi domandava
chi ero e chi non ero
la scuola che frequentavo
chi era mio padre
da dove venivo
tutte queste cose insomma
prendendola alla larga
continuavo a scantonare
e non gli rispondevo

perché mi vergognavo a dire:
io sono da orsa
un posto fuori dal mondo
da Dio dimenticato.

Sì, era come dire
a quelli che abitavano in piazza
-intendo Piazza Brà-
io vengo da Giazza.
Ma adesso che la Valle
è diventata famosa
ed è fotografata
su molte riviste
grazie a quello sport
che chiamano torrentismo
-mettendo insieme l'acqua
con un po' di alpinismo-
a quelli che mi domandano:
ma tu chi sei chi?
subito rispondo:

io sono da Orsa
io sono da Orsa, io...

¹ Ferrara di Monte Baldo


Tra rocce e dirupi
Tra rocce e dirupi
giù in val d'Orsa
e senza mio padre
da poter dargli mano
io ho dovuto imparare
a camminare da solo
di giorno con il bel tempo
o sotto il temporale
di notte con la lanterna
se era troppo buio

a stare attento
di non inciampare
alzandomi di colpo
dritto in piedi
se qualche volta
io mi sono trovato
mani e ginocchia
tutte sbucciate

a salutare per primo
quei pochi che incontravo
lungo il mio sentiero

a dargli la sedia
e a fargli bella cera
se qualcuno passava
vicino alla mia casa

ad avere per compagni
ragazzi che combattevano
per fede e libertà
e a dividere con loro
un pezzo di focaccia
una fetta di polenta
una crosta di formaggio
insomma quel che c'era.

Ma ho anche imparato
a leggere e studiare
al chiaro della lucerna
ad avere confidenza
con il vento e con la luna
a farmi compagnia
con il pianto delle stelle

tra rocce e dirupi
giù nella Val d'Orsa.


Due lacrime nel cielo
Io mi ricordo
come fosse ieri
due occhi chiari
pieni di paura
e una polenta
sopra una tafferia
che nascondevi
sotto il tuo scialle nero.

Io mi ricordo
come fosse ieri
un ragazzo biondo
cresciuto in fretta
dagli occhi chiari
nascosti nei risvolti
di un pastrano grigio
lungo fino a terra.

Quando ti ha visto
lui ha piegato le ginocchia
stringendo la tua mano
nelle sue mani
e lì sulla tua pelle
segnata dalle fatiche
sono cadute giù pian piano
due lacrime dal cuore
che luccicavano
del colore dell'oro.

Un venticello leggero
facendo mulinello
ha preso in braccio
tutte e due le perle
portandole nel cielo
insieme con le stelle.

 

 

 


Natale 1944

Un giaciglio sgangherato
fatto di foglie
sotto ad una piccola baita
coperta di terra.
Pensi e ripensi
al giorno maledetto
in cui sei dovuto scappare
e camminare per ore
senza scarpe nella neve.
Pensi alla famiglia
a tua mamma, a tuo papà
lontani, chissà dove.
Pensi al tuo destino
senza speranza.

Ma ecco Lucia
che arriva con la sporta
e ti sorride.

Tu guardi Lucia
i suoi occhi che brillano
il suo vestito nuovo:
una gonnellina verde
una camicetta bianca
e sopra un golfino rosso
di lana pettinata.

Oggi è Festa grande.

Tu guardi Lucia
e le hai detto sussurrando
con un filo di voce:
mio Dio, come sei bella,
che bella che sei!

Era Natale
e tu appena vent'anni.

 

 


La luna
Tirata da un filo di lana
arrampica lenta
dietro la montagna
una luna grande
come una polenta.

Adesso si ferma
riposa quieta
si guarda intorno
e tutto si fa chiaro
come il giorno.

Ma poi di colpo
spettinata dal vento
corre e si nasconde
tra nuvoloni neri
in mezzo ai miei pensieri.

Ecco che ricompare!
Mi sembra che mi parli
e che mi sorrida.

Piccola luna
luna fragile
resta a giocare con me
fino a domani mattina.


Innamorarsi
È stato come il primo
lampo a primavera
che ti sgela il cuore
che ti slega il sangue.

E sempre assieme
abbiamo bruciato l'estate
con baci pieni
lunghi
senza fine.


Il sapore dell'autunno
Mi sento ancora
dentro le tasche
gonfie di mele, pere
noci e nocciole
il sapore dell'autunno.

Mi sento ancora
dentro il midollo
il tiepido sole
delle asciutte
giornate di ottobre
sospese a un filo
di azzurro.


L'amore
L'amore è come il vento
anche guardando bene non si vede
però lo senti sotto la tua pelle
che corre caldo dentro le vene.
L'amore è volare su nel paradiso.


Il primo bacio
Il giorno che ti ho dato il primo bacio
lungo il sentiero vicino alla contrada
c'era un silenzio che sapeva di fragola
un'arietta fresca che ci accarezzava.

Nel verde dei tuoi occhi si perdevano
i fiori, l'erba, volo di rondinelle
una nuvoletta in cielo che giocava
nascondendosi tra i pini e i suoi rami.

Il sole sul Monte Baldo luccicava
sopra le creste perdute nell'azzurro
nell'Adige che corre e dentro il Lago.

E adesso che comincia a venir sera
sento la testa che mi gira ancora
pensando a quel pezzettino di primavera.

 

                                                  El me paés

A messa prima
Cantava el gal e l'era ancora scuro.
Le sgàlmare scaldè darente al fogo
maion de lana e siarpa en torno al col,
calseti longhi, grossi che becava
e via de salti sul sentér de neve
per nar a messa prima
a far el cotarol.

El prete l'era duro come 'n ciodo
e guai rivar co 'n poco de ritardo.
Ma quando el gheva endosso i paramenti
e grando el se 'ndrissava su l'altar
co l'ostia benedeta ne le mane,
el me pareva en santo che pregava.

E se spandeva entorno ne l'ombria
le note de l'armonio che sonava,
en bon udor d'incenso e d'orassione.
Avemarie, glorie, padrenostri
i se missiava a qualche rechiescanti
che tute le donete le biassava
co la veleta en testa e la corona.

Entanto che seitava a servir messa
vardava el tremolar de le candele
i angeli e le trombe sora 'l coro
e la Madona che me la rideva.
Alora me sentiva el cor contento
credeva de sgolar en paradiso.

 

Sere d'inverno
E dopo sena
tuti a far filò
drento la stala
endò bateve 'l cor
de la contrada.

La nona che filava
òmeni che contava
le storie de briganti
de guere e carestie
i puteleti
che se 'ndromensava
sora i zenoci
caldi de le mame
che co le uce
le fasea la maia.

Se 'npisolava 'l nono
co la so pipa 'n boca,
n'ociada de scondon
tra du morosi
se consumava a pian
co l'ultimo stupin
de la lucerna.

Alora via de salti
a sossolarse
nel caldin del prèo
scoltando el vento
fora che fis-ciava:
fichete sotooo!
fichete sotooo!

Anca la luna 'n cel
la se godeva.
 

El me presepi
No gh'è pì bel presepi
de quel del me paese
en meso a na ceseta
picola, sempre stessa
che la m'à visto nàsser
che la m'à visto crésser.

Su 'n praissel de mus-cio
pascola pegorete,
entorno le montagne
ensucarè de neve.

E dorme le contrade
en pingolon dal cel,
drento le pore case
se 'npissa en fil de ciaro.

Se smorsa su i senteri
el passo de i pastori,
a romper el silensio
en coro ne l'asuro.

L'è en canto de speransa
canto de Bona Nova.

È nato el Bambinel
al fredo de na stala
che speta a brassi verti
lì fermo su la paia
ci sente drento el cor
calcossa che se move
sbisigolin de fede


Osar marso
Sta per entrar marso
su la tera

per maridar
na bela putela

ci èla, ci no èla?
..................

Tute ste osse
se perdea nel vento
soto la luna ciara

e dopo zo 'n fracasso
de quèrcioli e bandoti
de cioche e de ciochine.

L'era la stagion nova
che sbrocava
l'era el cor de la tera
che se desmessiava.

drento le pore case
de tute le contrade
i veci che taseva
putele che rideva
putele che pianzeva
putele che sugava
na lagrima de cera.

A messa prima
Cantava il gallo ed era ancora buio.
Le scarpe di legno scaldate vicino al fuoco,
maglione di lana e sciarpa attorno al collo,
calze lunghe, grosse che pungevano
e via di corsa sul sentiero di neve
per andare a messa prima
a fare il chierichetto.

Il prete era duro come un chiodo
e guai arrivare con un po' di ritardo.
Ma quando aveva indosso i paramenti
e alto si drizzava sull'altare
con l'ostia benedetta nelle mani
mi sembrava un santo che pregava.

E si spandevano intorno nell'ombra
le note dell'armonium che suonava,
un buon odore di incenso e di preghiere.
Avemarie, glorie, padrenostri
si mescolavano a qualche requiescant (in pace)
che tutte le donnette biascicavano
con la veletta in testa e la corona.

Mentre continuavo a servire messa
guardavo il tremolare delle candele
gli angeli e le trombe sopra il coro
e la Madonna che mi sorrideva.
Allora mi sentivo il cuore contento
credevo di volare in paradiso.



Sere d'inverno
E dopo sena
tutti a far filò
dentro la stalla
dove batteva il cuore
della contrada.

La nonna che filava
uomini che raccontavano
le storie di briganti
di guerre e carestie
i bambini
che si  addormentavano
sopra le ginocchia
calde delle mamme
che con gli aghi
facevano la maglia.

Si appisolava il nonno
con la sua pipa in bocca,
un'occhiata di nascosto
tra due fidanzati
si consumava piano
con l'ultimo stoppino
della lucerna.

Allora via a salti
a coccolarsi
nel caldino del prete
ascoltando il vento
fuori che fischiava:
ficcati sottooo!
ficcati sottooo!

Anca la luna in cielo
si divertiva.


Il mio presepio
Non c'è più bel presepio
di quello del mio paese
in mezzo ad una chiesetta
piccola, sempre uguale
che mi ha visto nascere
che mi ha visto crescere.

Su un praticello di muschio
pascolano pecorelle,
intorno le montagne
imbiancate di neve.

E dormono le contrade
sospese al cielo,
dentro le povere case
si accende un filo di luce.

Si smorza sui sentieri
il passo dei pastori,
a rompere il silenzio
un coro nell'azzurro.

È un canto di speranza
canto di Buona Novella.

È nato il Bambinello
al freddo di una stalla
che aspetta a braccia aperte
lì fermo sulla paglia
chi sente dentro il cuore
un qualche cosa che si muove
un piccolo brivido di fede.


Gridare marzo
Sta per entrare marzo
sulla terra

per maritare
una bella ragazza

chi è, chi non è?
.................

Tutte queste voci
si perdevano nel vento
sotto la luna chiara

e dopo giù un fracasso
di coperchi e di secchi di latta
di campanacci e di bronzine.

Era la stagione nuova
che esplodeva
era il cuore della terra
che si svegliava.

Dentro le povere case
di tutte le contrade
i vecchi che tacevano
ragazze che ridevano
ragazze che piangevano
ragazze che asciugavano
una lacrima di cera.


Il gioco, spesso, era "crudele". Alcune ragazze, infatti, venivano "maritate" a uomini brutti o di pessima condotta; altre venivano completamente "trascurate" ed anno dopo anno, lo spettro della solitudine e di rimanere zitelle diventava sempre più incombente. Una lacrima secca, come la cera, rigava un volto con la pelle raggrinzita.

 

L'Avemaria
Rùgola zo l'ombria de la sera
da i boschi verdi che deventa neri
a stofegar ne l'ànema i pensieri
che canta de matina su 'n postera.

La se prepara per dormir la tera
al passo scoraià de i so boscheri
che torna a casa in fila su i senteri
biassando nel silenzio na preghiera

per farse perdonar de le biasteme
che gh'è scapà per via del laoro
e sbrissia drento 'l sangue a tuti ensieme

calcossa de slusente come l'oro:
i pensa a i fioi che zuga en alegria
i scolta da lontan l'Avemaria.


Tornar endrio
E no stà dirme che l'è massa tardi
per caminar ensieme su le greste
vardando 'l lago enargentà de luna
na nugoleta piturà de rosa.

Scoltar nel gran silensio el to respiro
che trema drento ale de farfala
e caressar co l'ànema de seda
gensiane, rododendri e stéle alpine.

Voria poder con ti tornar endrio
quando rideva 'l verde de i vint'ani
e le to tresse del color de l'oro
come le spighe petenè dal vento
nel sol de giugno cargo de promesse,
lisere le sgolava ne l'asuro.

Fermar el tempo che ne scapa via
tegnéndote tacà come l'ombria.


Festa del bosco
Gh'è tanta chiete a st'ora de la sera.
Tase la bavesela e tase el vento.
Ascolto el to respiro che se perde
nel verde e ne l'udor de la me tera.

E scolto el cavriól che 'n fondo al bosco
el ciama a tuta osse la so bela
per dirghe ch'è rivà la stagion nova
el tempo de le rose e de i amori.

Fra poco spuntarà la luna piena
a desmessiar le piante da i so insogni
per darghe 'l benvenuto co 'n inchino
a musici, poeti, balarine,
a mile e mile grili cantarini.

La finirà la festa domatina
ne i brassi de l'aurora e l'alba ciara
quando na bala rossa come 'l fogo
saltarà su de drio da le greste
e 'npissarà la voia ne i to oci
de n'altra note profumà de fiori
de n'altra note carga de misteri.


Mi voria véder
Mi voria véder
n'altra primavera
col giasso che se mola
da i copi de le case
le viole che le ride
a drio le sese
l'aqua de la me val
che la discore
i boschi e i pra
che se vestisse a festa.

E salutar el Baldo
che buta via el capel
fato de neve
per farme caminar
come na olta
en sima a l'oridel
de le so greste
en de 'n silensio
che caressa el cel.


Voria sgolar
Voria sgolar su 'n alto
su 'n alto verso el cel
per respirar la polvre
de le stéle
gustàndome el saor
del primo baso

destènderme liser
come na piuma
sora na nugoleta
de bombaso

po saludar la luna
e tornar zo de olta
su la tera
sensa l'angossa
che me ciapa
a sera.


Nugole rosa
Come le piume caressè dal vento
nugole rosa scarmenè su 'n alto
le ciapo a brassacol fasendo 'n salto
e zugo col me cor che l'è contento

sicuro che doman ghe sarà belo,
scriòltole de ciassi e de colori
per scancelar angosse e malumori
bevèndome 'l seren de tuto 'l celo.

Ma 'l sol sora 'l perfil del Monte Baldo
el brusa le speranse e le promesse
de i giorni de l'istà destesi al caldo:

me son desmentegà che le certesse
che gheva al tempo de la primavera
le móre ne l'ombria de la sera.


Valdrita
Podesse rampegar come na olta
voria tornar con ti fin su 'n Valdrita
per sénterte vissin ligà dal vento
quando se 'npissa el Lago a l'improviso
e se desmessia entorno i so paesi
soto en ninsol celeste orlà de oro.

Al canto de franguei e speransole
slongar le mane come per tocar
le meraveie chene stà davanti
co l'ànema 'ncantà che siga drento
vardando i fiori nati sora i sassi
el cavriól che salta su le greste.

E sempre ensieme come do farfale
sgolar en violda a caressar i mughi
en serca de silensi e de misteri
de chiete de la sera e albe ciare
per far la nostra casa zo 'n Valgranda*
en meso a 'n bel giardin de stéle alpine.

*Valle Grande o Valle Larga: sul versante occidentale di Cima Pettorina.

L'Ave Maria
Rotola giù l'ombra della sera
dai boschi verdi che diventano neri
a soffocare nell'anima i pensieri
che cantano al mattino su in un posto soleggiato.

Si prepara a dormire la terra
al passo molto affaticato dei boscaioli
che tornano a casa in fila lungo i sentieri
biascicando nel silenzio una preghiera

per farsi perdonare delle bestemmie
che sono loro scappate di bocca a causa del lavoro
e scivola dentro il sangue a tutti nello stesso momento

qualche cosa che luccica come l'oro:
pensano ai figli che giocano in allegria
ascoltano da lontano l'Ave Maria.


Tornare indietro
E non stare a dirmi che è troppo tardi
per camminare insieme sulle creste
guardando il lago inargentato di luna
una nuvoletta dipinta di rosa.

Ascoltare nel gran silenzio il tuo respiro
che trema dentro ali di farfalla
ed accarezzare con l'anima di seta
genziane, rododendri e stelle alpine.

Vorrei poter con te tornare indietro
quando rideva il verde dei vent'anni
e le tue trecce del colore dell'oro
come le spighe pettinate dal vento
nel sole di giugno carico di promesse,
leggere volavano nell'azzurro.

Fermare il tempo che ci scappa via
tenendoti attaccata come l'ombra.


Festa del bosco
C'è tanta quiete a quest'ora della sera.
Tace la brezza e tace il vento.
Ascolto il tuo respiro che si perde
nel verde e nell'odore della mia terra.

E ascolto il capriolo che in fondo al bosco
chiama a tutta voce la sua bella
per dirle che è arrivata la stagione nuova
il tempo delle rose e degli amori.

Fra poco spunterà la luna piena
a svegliare le piante dai loro sogni
per dare il benvenuto con un inchino
a musicisti, poeti, ballerine,
a mille e mille grilli canterini.

La festa finirà domani mattina
nelle braccia dell'aurora e l'alba chiara
quando una palla rossa come il fuoco
salterà su da dietro le creste
e accenderà la voglia nei tuoi occhi
di un'altra notte profumata di fiori
di un'altra notte carica di misteri.


Io vorrei vedere
Io vorrei vedere
un'altra primavera
col ghiaccio che si scioglie
dai tetti delle case
le viole che ridono
lungo le siepi
l'acqua della mia valle
che chiacchiera
i boschi e i prati
che si vestono a festa.

E salutare il Baldo
che getta via il cappello
fatto di neve
per farmi camminare
come una volta
in cima all'orlo
delle sue creste
in un silenzio
che accarezza il cielo.


Vorrei volare
Vorrei volare su in alto
su in alto verso il cielo
per respirare la polvere
delle stelle
gustandomi il sapore
del primo bacio

distendermi leggero
come una piuma
sopra una nuvoletta
di bambagia

poi salutare la luna
e ritornare di nuovo
sulla terra
senza l'angoscia
che mi prende
la sera.


Nuvole rosa
Come le piume accarezzate dal vento
nuvole rosa sparpagliate su in alto
le abbraccio facendo un salto
e gioco col mio cuore che è contento

sicuro che domani ci sarà bello,
capriole di scherzi e di colori
per cancellare angosce e malumori
bevendomi il sereno di tutto il cielo.

Ma il sole sopra il profilo del Monte Baldo
brucia le speranze e le promesse
dei giorni dell'estate distesi al caldo:

mi sono dimenticato che le certezze
che avevo al tempo della primavera
muoiono nell'ombra della sera.


Valdritta
Potessi arrampicare come una volta
vorrei tornare con te fin su in Valdritta
per sentirti vicino legata dal vento
quando si accende il Lago all'improvviso
e si risvegliano intorno i suoi paesi
sotto un lenzuolo celeste con l'orlo d'oro.

Al canto di fringuelli e cinciallegre
allungare le mani come per toccare
le meraviglie che ci stanno davanti
con l'anima incantata che grida dentro
guardando i fiori nati sopra i sassi
il capriolo che salta sulle creste.

E sempre assieme come due farfalle
volare in giro ad accarezzare i mughi
in cerca di silenzi e di misteri
di quiete della sera ed albe chiare
per fare la nostra casa giù in Valle Grande
in mezzo a un bel giardino di stelle alpine.



                                                  Nel tempo de l'autuno

Nel tempo de l'autuno
Foie de lovre che no croa en tera
che le resiste a i venti e le buriane
struco i ricordi fisso ne le mane
spetando s-ciaransane en primavera.

Per no molar e per tirar avanti
ghe vol na bava anca se sotila
ma che la tegna duro e che la fila
le ore che se nega ne i rimpianti.

Nel tempo de l'autuno che camina
e vèrze al fredo tute le so porte
vorria desgiassar la telarina
che se destende sora foie morte.

Pensar al sol che nasse domatina
e drento 'l cor che bate ancora forte.


I passi de l'autuno
I passi de l'autuno
i ven avanti a pian
e sensa far rumor
perché no i vol sveiar
el sòn de i simiteri.

Riva novembre
col tabar de nebia
el muso griso
apena el se desmessia
co i oci persi
de le so giornade
che se desfanta
strache ne la sera.

Polsa la tera
soto la so cuerta
de tante foie
lustre de colori
ma, drente, le gà l'arfi
de ci mori.


Le migole del tempo
Quando la luna piena
l'era de bona
e l'era en vena
de basi e de caresse
e de contarme fole,
serava i oci
soto la campana
de i me pensieri
fati de bombaso.

I viasi che faseva!

Séra paron del mondo
robava l'oro al sol
pescava 'n fondo al mar
braschè de perle.

Adesso che son qua
a rancurar, puoreto,
le migole del tempo
che me vansa,
la luna su nel cel
no la me varda gnanca.


Udor de neve
Prima è sbrocà nel cor
la primavera
profumo de narcisi
e sgol de rondenele.
Dopo è rivà la suta
de l'istà
che m'à 'nbriagà de sol
de canti de sigale.
L'autuno l'è piombà
come na bala
e sento za ne l'aria
udor de neve.


Rasségnete cor mato
Rasségnete cor mato
e lassa pèrder
el tempo de i narcisi
e de le móre.

Sere de magio
ne la to ceseta
davanti a la Madona
del Rosario.

Sere de magio
fate de orassione
davanti al Capitel
de la Corona.

Sere d'istà
de canti
e de morosi
de ciassi
e mile trosi.

Conténtete de i fiori
de l'autuno
de qualche sguisso
che te dà i colori
sigual che i se 'dromensa
ne i brassi de la sera.

El sol de luio
el t'à brusà le ale.


E canta el cuco
E canta el cuco da matina a sera
do note de canson e sempre quela
per dirme ch'è rivà la stagion bela
el tempo de l'amor, la primavera.

Gh'è nel so canto la malinconia
de i giorni sempre stessi grisi e strovi
del pianto del me cor quando che 'l piovi
de l'aqua de la val che core via.

E scolto el rossignol, la speransola
consegno i me pensieri en man del vento
ma le parole le móre en gola.
Perché sto roseghin che ruma drento?

Ò visto sul sentér spuntar na viola
me dovaria bastar per nar contento.


De lâ dal muro
L'è belo che rivà
come 'n spiansiso
el treno de i me sogni.

E dir che l'è partì me par algéri
e mi son saltà su sensa pensarghe
perché voleva nar en cao al mondo
piassè lontan ancora,
endove no gh'è beghe né pensieri
ma sol el bonumor e meraveie,
endove cresse l'erba, quela bona
e piante e fiori freschi ogni matina,
concerti de colori e d'aqua ciara.

L'è finì en pressia el viaso de i me sogni.
El treno el s'à fermà davanti a 'n muro

e no gh'è verso de vardar de là.

Mi sèito alora a domandarghe al vento
che 'l vaga de scondon a scuriosar
sercando de capir come la sia.

Gh'è sempre note fonda
o gh'è 'n bel sol che sluse?


E torna l'ombria
Ricama de note
le ponte de i sogni
le sfranze dei giorni
scapè da le mane
che l'alba scancela
smorsando le stèle.

E trema 'l respiro
su fiori de bruma
che piega la testa
al sol che se sveia
de drio al perfil
de greste che ride.

Se 'npissa s-ciantisi
che subito móre
su ale de vento
che va cissandove.
Se scurta le ore
l'è subito sera.

E torna l'ombria
ne i crepi del cor.


Ò sercà
Ò sercà
tra le soche
de le sese
le prime viole
che ciama
primavera.

Ò sercà
tra mile
rondenele
la strada
drita
per tocar
le stéle.

Ò sercà
nel canto
del gril
de la sigala
el caldo
de l'istà
che suga
el pianto.

Ma desso
sento drento
le miole
el vento
fredo
che no conta
fole
e deventar
de giasso
le me ale.


Ame
Quando se smorsarà
el canto de i malghesi e de i boscheri
i boti de le cioche e le ciochine
nel gran silensio de le mie montagne;

quando se smorsarà l'ultima stéla
nel strovo de na note sensa luna;

quando no ghe sarà
colori che se 'npissa a la matina
profumi ghe se spande ne la sera
ma solo udor de mus-cio su le spale;

quando me sentarò
le gambe de puina
e svanirà per sempre
i sogni e le ilusioni
e tuti i me ricordi
nel fior del to soriso;

quando no catarò
pi gnente 'ndò tacarme:
sgrèbano, na raisa
en fil de erba;

quando no gavarò pì gnanca n 'ongia
a forsa de raspar per tégner duro,
vedarò biso el sol anca se sluse
strenzendo quel che resta ne le mane,
alora vorà dir
che son rivà de cao a la partia.

Tuti i discorsi i finirà en de 'n ame.


Cissà
Come na foia quando se fa sera
basta na havesela per pensar
ch'è rivà l'ora de lassarme nar
sperando ne i rebuti 'n primavera.

Voria capir se 'n meso a i rami nudi
la tremarà de fredo o de paura;
mi sento la pontara farse dura
ne i giorni che me par sempre pi udi.

E serco 'n alto sdinse e s-ciaranele
respiro l'aria profumà de fiori.

L'è fiaco 'l vento drento le me vele.

Cissà se ghe sarà de i bei colori
ne i pascoli del celo tra le stèle
ne i posti 'ndò se va quando se mori.

Nel tempo dell'autunno
Foglie di rovere che non cadono a terra
che resistono ai venti e alle burrasche
stringo i ricordi con forza nelle mani
aspettando schiarite in primavera.

Per non mollare e per tirare avanti
occorre un filo anche se sottile
ma che tenga duro e che faccia scorrere
le ore che affogano nei rimpianti.

Nel tempo dell'autunno che cammina
e apre al freddo tutte le sue porte
vorrei sgelare il sottile strato di brina
che si distende sopra foglie morte.

Pensare al sole che nasce domattina
e dentro il cuore che batte ancora forte.


I passi dell'autunno
I passi dell'autunno
vengono avanti piano
e senza far rumore
perché non vogliono svegliare
il sonno dei cimiteri.

Arriva novembre
con il tabarro di nebbia
la faccia grigia
appena si sveglia
con gli occhi persi
delle sue giornate
che svaniscono
stanche nella sera.

Riposa la terra
sotto la sua coperta
di tante foglie
luccicanti di colori
ma, dentro, hanno il respiro
di chi muore.


Le briciole del tempo
Quando la luna piena
era di buon umore
ed era in vena
di baci e di carezze
e di raccontarmi favole
chiudevo gli occhi
sotto la campana
dei miei pensieri
fatti di bambagia.

I viaggi che facevo!

Ero padrone del mondo
rubavo l'oro al sole
pescavo in fondo al mare
manciate di perle.

Adesso che sono qui
a custodire, con cura,
le briciole del tempo
che mi resta
la luna su nel cielo
non mi guarda neppure.


Odore di neve
Prima è sbocciata nel cuore
la primavera
profumo di narcisi
e volo di rondinelle.
Dopo è arrivata la siccità
dell'estate
che mi ha ubriacato di sole
di canti di cicale.
L'autunno è piombato
come una palla
e sento già nell'aria
odore di neve.


Rassegnati cuore matto
Rassegnati cuore matto
e lascia perdere
il tempo dei narcisi
dei narcisi e delle mòre.

Sere di maggio
nella tua chiesetta
davanti alla Madonna
del Rosario

Sere di maggio
fatte di preghiere
davanti al Capitello
della Cororna.

Sere d'estate
di canti
e di morosi
di scherzi
e di mille segrete trame d'amore

Accontentati dei fiori
dell'autunno
di qualche sussulto
che ti danno i colori
mentre si addormentano
nelle braccia della sera.

Il sole di luglio
ti ha bruciato le ali.


E canta il cuculo
E canta il cuculo da mattina a sera
due note di canzone e sempre quella
per dirmi che è arrivata la stagione bella
il tempo dell'amore, la primavera.

C'è nel suo canto la malinconia
dei giorni sempre uguali grigi e bui
del pianto del mio cuore quando piove
dell'acqua della valle che corre via.

E ascolto l'usignolo, la cinciallegra
consegno i miei pensieri in mano al vento
ma le parole mi muoiono in gola.
Perché questo cruccio che mi assilla dentro?

Ho visto sul sentiero spuntare una viola
mi dovrebbe bastare per andare contento.


Aldilà del muro
È di già arrivato
come un lampo
il treno dei miei sogni.

E dire che è partito mi sembra ieri
e io ci sono salito sopra senza pensarci
perché volevo andare in capo al mondo
più lontano ancora,
dove non ci sono liti né preoccupazioni
ma solo l'allegria e meraviglie,
dove cresce l'erba, quella buona
e piante e fiori freschi ogni mattina,
concerti di colori e d'acqua chiara.

È finito in fretta il viaggio dei miei sogni.
Il treno si è fermato davanti ad un muro

e non c'è modo di guardare di là.

Io continuo allora a domandare al vento
che vada di nascosto a curiosare
cercando di capire come stanno le cose.

C'è sempre notte profonda
o c'è un bel sole che luccica?


E torna l'ombra
Ricamano di notte
le punte dei sogni
le frange dei giorni
scappati dalle mani
che l'alba cancella
spegnendo le stelle.

E trema il respiro
su fiori di brina
che piegano la testa
al sole che si sveglia
dietro al profilo
di creste che ridono.

Si accendono scintille
che subito muoiono
su ali di vento
che vanno chissà dove.
Si accorciano le ore
è subito sera.

E torna l'ombra
nelle crepe del cuore.


Ho cercato
Ho cercato
tra i ceppi
delle siepi
le prime viole
che chiamano
primavera.

Ho cercato
tra mille
rondinelle
la strada
dritta
per toccare
le stelle.

Ho cercato
nel canto
del grillo
della cicala
il caldo
dell'estate
che asciuga
il pianto.

Ma adesso
sento dentro
il midollo
il vento
freddo
che non racconta
favole
e diventare
di ghiaccio
le mie ali.


Amen
Quando si spegnerà
il canto dei malgari e dei boscaioli
i rintocchi dei campanacci e delle bronzine
nel grande silenzio delle mie montagne;

quando si spegnerà l'ultima stella
nel buio di una notte senza luna;

quando non ci saranno
colori che si accendono al mattino
profumi che si spandono nella sera
ma solo odore di muschio sulle spalle;

quando mi sentirò
le gambe di ricotta (molli)
e svaniranno per sempre
i sogni e le illusioni
e tutti i miei ricordi
nel fiore del tuo sorriso;

quando non troverò
più niente a cui aggrapparmi:
una pietraia, una radice
un filo di erba;

quando non avrò più neanche un'unghia
a forza di raspare per tener duro,
vedrò bigio il sole anche se luccica
stringendo quello che mi resta tra le mani,
allora vorrà dire
che sono arrivato in fondo alla partita.

Tutti i discorsi finiranno in un amen.


Chissà
Come un foglia quando si fa sera
basta un po' di brezza per pensare
che è giunto il momento di lasciarmi andare
sperando nei germogli in primavera.

Vorrei capire se in mezzo ai rami nudi
tremerà di freddo o di paura;
io sento la salita farsi dura
nei giorni che mi sembrano sempre più vuoti.

E cerco in alto scintille e schiarite
respiro l'aria profumata di fiori.

È fiacco il vento dentro le mie vele,

Chissà se ci saranno dei bei colori
nei pascoli del cielo tra le stelle
nei posti dove si va quando si muore.



                                                  Quel che conta

A me mama
Te me vardave
co i to oci ciari,
per dirme tuto el ben
che te me dave
cavàndote dal sen
pensieri amari
per lassar posto solo a la speransa
che stesse a farte ancora compagnia
levàndome de dosso l'impassiensa
de verghe l'ocasion de scapar via.

Gavea tante robe da pensar:
a la me sposa, a i fioi da arlevar
e dopo gh'era anca la passion
de far politica, la profession...

Signor, Ti che volendo Te pol tuto
mi Te domando en picolo piaser
anca se con ritardo, cossa vuto,
de darghe corpo solo a sto pensier.

Fa che mi poda véderla na olta
na olta apena e fa che la me scolta;
me basta du minuti, forsi gnanca
per dirghe quanto, quanto la me manca.


Làsseme star, Signor
Làsseme star, Signor.
Làsseme nar remengo, da per mi
en meso a i boschi e drio i so senteri.
Mi voi scoltar el passo de i malghesi
el passo de i boscheri e de i pastori,
quei pochi ch'è restà del me paese
che canta a la speransa de matina
che prega nel silensio de la sera.

Làsseme nel me orto su 'n montagna
a coltivar la tera col sudor.
Me son stufà de beghe e de malore.
Gò voia de star chieto
de léser poesie a crepapèl
de strolegar sul cao de la vita
sercando de capir
se quando sonarà l'ultima ora
sarà finì per sempre el nostro viaso
o se scomensiarà na strada nova.

Voria rivar al cor de l'amicissia
de l'amicissia vera,
averghe la certessa
de 'n mondo sensa guere
e scancelar dal tuto
ci móre da l'invidia
sbrofoni, cancarosi, malcunè,
i servi de i so schei.

Voria endromensarme col pensier
che quando domatina nasse el sol
catarò scrito en grando su nel cel:
Adesso ci comanda l'è l'Amor.


Tegnéndote strucà
Me par algéri quando t'ò portà
fresca come na rosa
verso l'Altar Magior
per farte la me sposa.

Tegnéndote tacà
-e me bateva el cor-
semo encrocè co i oci
che subito i s'à diti:
puoreti come pioci
nel ben e al par nel mal
staren per sempre uniti:
questo l'è quel che val!

E rente a ti che te fasee da perno
consumando le istà ne le fadighe
emo fato la scorta per l'inverno
soli e 'n silensio come do formighe.

Ma più che conta l'è che da ste soche
è vegnù fora de le bele stèle
che scaldarà, da veci, come cioche,
insogni rancurè a drio stradele,
le nostre mane strache de laorar.

Alora i nostri oci, tasendo, i se dirà:
adesso nemo ancora, ensieme, al nostro Altar
tegnéndote strucà anca ne l'Aldelà.


A me fioi
Mi voria tanto che la vostra vita
la fusse bela come na giornada
de quele bele come gh'è de magio
co le caresse de na bavesela
che la va en giro profumà de fiori.

Mi voria tanto che le vostre strade
le nesse dritesensa tante gobe
e gnente se metesse de traverso
a stofegar sul nàsser le speranse
che caminar podesse sempre al ciaro
e no vegnesse sera massa en pressia.

Se po dovesse en de 'n momento strovo
per caso capitarve de pensar
che viver caminando sempre drito
l'è cossì dura da spacarve el cor
e seguitando a rampegar decisi
tuto de 'n colpo ve manchesse el fià,
alora podarì vardarve en drio
sercàndome co i oci lì tacà
e darme tuto a mi su le me spale
perché me par che le me pore spale
le porta tuto sensa far fadiga.

Ma dopo penso che 'l saria sbalià.
Nissuni el po privarve de gustar
l'alba de na matina en meso al mar
dopo la furia de na gran tompesta,
de sénterve su en alto rente al sol
pieni paroni de sgolar da soli
ma ancora con la voia de tornar
sora sta tera che l'è fata mal
perché l'è piena come 'n arsenal
de tanta zente che no val na cica
che pensa poco o meio quasi mai
a quel che 'n fondo conta ne la vita
per poder dirte a la matina presto
vardàndote nel speio apena alsà:
son 'n omo fortunà,
son 'n omo fortunà
perché la vita la m'à dato tuto:
la libertà, el laoro, na fameia

son 'n omo fortunà,
perché la vita la m'à dato vualtri
che quando 'n giorno
vegnarà el momento
de esser lì sul punto de molar
de saludar sto mondo
sugàndome na lagrima
magari de scondon
me sarì lì darente tuti e du
a dirme na parola
a strénzerme la man.


Ninsoi fruè
No vedo temporai e né tompeste
sguissi e spiansisi da sbregar el scuro.

No sento sinfonie e gran concerti
córer nel vento a spalancar el cel.

Ma drento sti ninsoi fruè dal tempo
se spande en bon udor che sa de lessia,
sbrissia caresse tendre come seda,
el chieto sussurar de na parola
e calda ne le vene la speransa
del ciaro che ne speta domatina.


Sensa de ti
...E cossa dirte a ti
che te m'è dato
el fior dei to vint'ani
che te me sé darente
da na vita
a farme forsa
e a tirar su la susta
quando gh'è strovo
e no se vede el cel?
Sensa de ti
mi no saria stà gnente
sensa de ti
no gavaria vù gnente.
Giorno per giorno
ponto su ponto
t'è piturà de amor
la nostra tela
e ricamà
col fil de la speransa
senteri che se perde
en meso al verde.
E te m'è regalà
na càpola de asuro,
na càpola de rosa
che ne conpagnarà
su ale de farfala
nel gran silensio
del nostro ultimo viaso.
Mi spero ensieme a ti
perché sensa de ti
mi no saria più gnente
sensa de ti
no gavaria più gnente.


En fondo al vial
En fondo al vial
de l'ultima stassion
mi spero de partir
per 'n altro viaso
a drio de 'n sentér
che riva propi drito
endò gh'è sempre ciaro.

Mi spero de scoltar
da l'alto de le stéle
despèrderse en la val
i boti de campana.

E sussurarghe a pian
a quei che me compagna:
perché tuta sta pena?
Son polvre ne la tera
la cera se consuma
ma nel stupìn che brusa
se 'npissa la me sera.


El fil de la speransa
Quando che nasse l'alba drio le greste
e core 'l vento a parar via l'aurora
trema su l'erba gosse de rosada.

Trema le foie perse nel so canto
e sbrissia su la pèl la meraveia
de i giorni resentè ne l'aqua ciara.

E slùsega nel sol le spighe d'oro
caressa l'aria 'l sgol de le farfale
se 'npissa nel ricordo i primi basi.

Nel tempo de l'autuno che me vansa
se perde nel silensio i me pensieri
che nego drento el rosa de i tramonti
per no molar el fil de la speransa.


Madonina bianca
O Madonina, Madonina bianca
che te me varde e che te me soeide
mi Te domando de restarme arente
quando me manca el fià per nar avanti
a drio el sentér de la speransa
co l'ànema ensognà de 'n puteleto
che no conosse el mal ma solo 'l canto
de ci coltiva el fior de l'inocensa.

E dato che son qua per sta preghiera
mi Te domando n'altra roba ancora:
daghe na man a tuti i pori cristi
che da la vita no gà mai vù gnente
ma sol tribular e despiaseri.

Mi, envesse, da la vita gò vù tuto
e, stesso, qualche olta me lamento.
Alora en confidensa mi Te digo:
fame la grassia che la dura sempre.

Però Te racomando:
regàleme ogni tanto
na s-cianta de poesia.
E cosissia.


Prima de far fagoto
E desso avanti ti che mi me fermo.
Ò caminà abastansa, ormai son straco.
A testa bassa e sensa oltarme endrio,
sensa tirar el fià per la gran pressia,
son arivà su 'nsima a la pontara.

Alora voi polsar, vardarme entorno
e gòderme 'l seren, l'udor de i mughi
el Lago enpiturà de mace asure
i giorni enprofumè de primavera.

Voi gòderme 'l calor del sol de luio
l'autuno caressà da i so colori
la tera endormensà soto la neve.

E pena fato 'l pien de poesia
me vardarò 'n s-ciantin anca de drento
per arbinar quel poco che più conta
prima de far fagoto e... de nar via.

A mia mamma
Mi guardavi
con i tuoi occhi chiari,
per dirmi tutto il bene
che mi davi
togliendoti dal cuore
pensieri amari
per lasciare posto solo alla speranza
che io stessi a farti ancora compagnia
levandomi di dosso l'impazienza
di avere l'occasione di scappare via.

Avevo tante cose cui pensare:
alla mia sposa, ai figli da allevare
e dopo c'era anche la passione
di far politica, la professione...

Signore, tu che volendo puoi tutto
io ti domando un piccolo piacere
anche se in ritardo, cosa vuoi,
di dare corpo solo a questo pensiero.

Fa che io possa vederla una volta
una volta appena e fa che mi ascolti:
mi bastano due minuti, forse neanche
solo per dirle quanto, quanto mi manca.


Lasciami stare, Signore
Lasciami stare, Signore.
Lasciami vagabondare senza meta, tutto solo
tra i boschi e lungo i loro sentieri
Io voglio ascoltare il passo dei mandriani
il passo dei boscaioli e dei pastori
quei pochi che sono rimasti nel mio paese
che cantano alla speranza il mattino
che pregano nel silenzio della sera.

Lasciami nel mio orto su in montagna
a coltivare la terra con fatica.
Mi sono stancato di liti e di grattacapi.
Ho voglia di stare tranquillo
di leggere poesie fino a saziarmi l'anima
di meditare sulla fine dell'esistenza
cercando di capire
se quando scoccherà l'ultima ora
sarà finito per sempre il nostro viaggio
o se comincerà un nuovo cammino.

Vorrei arrivare al cuore dell'amicizia
dell'amicizia disinteressata
avere la certezza
di un mondo senza guerre
e cancellare completamente
quelli che crepano d'invidia
superbi, prepotenti, individui inaffidabili,
i servi del loro danaro.

Vorrei addormentarmi con la convinzione
che quando domani mattina sorge il sole
troverò scritto in grande su nel cielo:
Adesso chi comanda è l'Amore.


Tenendoti stretta
Mi sembra ieri quando ti ho accompagnata
fresca come una rosa
verso l'Altare Maggiore
per fare di te la mia sposa.

Tenendoti stretta
e mi batteva il cuore
i nostri sguardi si sono incontrati
e subito si sono detti:
poveri come pidocchi
nella buona come nella cattiva sorte
staremo sempre uniti:
questo è quello che vale!

E vicino a te che facevi da fulcro
trascorrendo le estati nelle fatiche
abbiamo fatto la scorta per l'inverno
soli e in silenzio come due formiche.

Ma ciò che più conta è che da questi ceppi
sono venuti fuori due bei pezzi di legna
che scalderanno da vecchi come chiocce
i sogni messi insieme lungo angusti sentieri,
le nostre mani stanche di lavorare.

Allora i nostri occhi, tacendo, si diranno:
adesso andiamo ancora, insieme, al nostro Altare
tenendoti stretta anche nell'Aldilà


Ai miei figli
Io vorrei tanto che la vostra vita
fosse bella come una giornata
di quelle belle come ce ne sono di maggio
con le carezze di un venticello
che va in giro profumato di fiori.

Io vorrei tanto che le vostre strade
andassero dritte senza tante gobbe
e niente si mettesse di traverso
a soffocare sul nascere le speranze
che poteste camminare sempre alla luce del sole
e non venisse buio troppo in fretta.

Se poi doveste in un momento difficile
per caso capitarvi di pensare
che vivere camminando sempre dritto
è tanto dura da spezzarvi il cuore
e continuando ad arrampicarvi decisi
tutto d'un colpo vi mancasse il fiato
allora potrete guardarvi indietro
cercandomi con lo sguardo lì vicino
e dare tutto a me sulle mie spalle
perché mi sembra che le mie povere spalle
portino tutto senza fare fatica.

Ma dopo penso che sarebbe sbagliato
nessuno può privarvi di gustare
l'alba di una mattina in mezzo al mare
dopo la furia di una grande tempesta,
di sentirvi su in alto vicino al sole
pieni padroni di volare da soli
ma ancora con la voglia di tornare
sopra questa terra che è fatta male
perché è piena come un arsenale
di tanta gente che non vale niente
che pensa poco o meglio quasi mai
a quello che in fondo conta nella vita
per poter dirti alla mattina presto
guardandoti allo specchio appena sveglio:
sono un uomo fortunato
son un uomo fortunato
perché la vita mi ha dato tutto:
la libertà, il lavoro, una famiglia

sono un uomo fortunato,
perché la vita mi ha dato voi
che quando un giorno
verrà il momento
di essere lì sul punto di mollare
di salutare questo mondo
asciugandomi una lacrima
magari di nascosto
mi sarete vicino tutti e due
a dirmi una parola
a stringermi la mano.


Lenzuola consumate
Non vedo temporali e né tempeste
sussulti e lampi da lacerare il buio.

Non sento sinfonie e gran concerti
correre nel vento a spalancare il cielo.

Ma dentro queste lenzuola consumate dal tempo
si spande un buon odore che sa di bucato,
scivolano carezze tenere come seta
il quieto sussurrare di una parola
e calda nelle vene la speranza
della luce che ci attende domani mattina.


Senza di te
...E cosa dire a te
che mi hai dato
il fiore dei tuoi vent'anni
che mi sei accanto
da una vita
a farmi forza
e a tirarmi su di morale
quando c'è buio pesto
e non si vede il cielo?
Senza di te
io non sarei stato nulla
senza di te
io non avrei avuto nulla.
Giorno per giorno
punto su punto
hai dipinto d'amore
la nostra tela
e ricamato
con il filo della speranza
sentieri che si perdono
in mezzo al verde.
E mi hai regalato
un fiocco azzurro
un fiocco rosa
che ci accompagneranno
su ali di farfalla
nel grande silenzio
del nostro ultimo viaggio.
Io spero assieme a te
perché senza di te
io non sarei più nulla
senza di te
non avrei più nulla.


In fondo al viale
In fondo al viale
dell'ultima fermata
io spero di partire
per un altro viaggio
lungo un sentiero
che arriva proprio dritto
dove c'è sempre luce.

Io spero di ascoltare
dall'alto delle stelle
disperdersi nella valle
i rintocchi di campana.

E sussurrare piano
a coloro che mi accompagnano:
perché tutta questa sofferenza?
Sono polvere nella terra
la cera si consuma
ma nello stoppino (anima) che brucia
si accende la mia sera.


Il filo della speranza
Quando nasce l'alba dietro le creste
e corre il vento a mandare via l'aurora
tremano sull'erba gocce di rugiada.

Tremano le foglie perdute nel loro canto
e scivola sulla pelle la meraviglia
dei giorni risciacquati nell'acqua chiara.

E luccicano nel sole le spighe d'oro
accarezza l'aria il volo delle farfalle
si accendono nel ricordo i primi baci.

Nel tempo dell'autunno che mi rimane
si dileguano nel silenzio i miei pensieri
che annego dentro il rosa dei tramonti
per non mollare il filo della speranza.


Madonna bianca
O Madonnina, Madonnina bianca
che mi guardi e mi sorridi
io Ti domando di starmi vicino
quando mi manca la forza per andare avanti
lungo il sentiero della speranza
con l'anima trasognata di un bambino
che non conosce il male ma solo il canto
di chi coltiva il fiore dell'innocenza.

E dato che sono qui per questa preghiera
io Ti domando un'altra cosa ancora:
Dai una mano a tutti i poveri cristi
che dalla vita non hanno mai avuto niente
ma solo tribolazioni e dispiaceri.

Io, invece, dalla vita ho avuto tutto
e, ugualmente, qualche volta mi lamento.
Allora in confidenza io Ti dico:
fammi la grazia di tirare avanti.

Però Ti raccomando:
regalami ogni tanto
un po' di poesia.
E così sia.


Prima di fare i bagagli
E adesso avanti tu che io mi fermo.
Ho camminato abbastanza, ormai sono stanco.
A testa bassa e senza voltarmi indietro,
senza tirare il fiato per la gran fretta
sono arrivato su in cima alla salita.

Allora voglio riposare, guardarmi attorno
e godermi il sereno, l'odore dei mughi
il Lago dipinto di macchie azzurre
i giorni profumati di primavera.

Voglio godermi il calore del sole di luglio
l'autunno accarezzato dai suoi colori
la terra addormentata sotto la neve.

E appena fatto il pieno di poesia
guarderò un pochino anche dentro di me
per mettere assieme quel poco che più conta
prima di preparare i bagagli e di... andare via.


Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche