Poesie di Armando Bettozzi


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

Leggi le altre poesie di Armando
Bettozzi 1
- Bettozzi 2 - Bettozzi3
e
i testi

 

Secondo un certo andazzo…

…ma stàmo ancora troooppo! indietro!...Dovémo côre avanti ché sinnò ce po' crollàcce tutt'er mônno addosso….!....

Chi ce st'a ddì che dio è n òmo sbàja…
Ma manco se pò ddì ' è na donna'…Certo!
E qui ciaivòja a ffà parlà …l'esperto:
ché c'è 'r somaro che più mèjo!…raja.

Però…Si je dai corda a certi, llà,
se n'uscirànno co: "…de certo è 'òmo!'
Diranno: "È già da allora…co <EcceOmo>
che l'hanno detto! Ed è la …verità!"
 

Un fatto, una poesia
Tutto il governo è fermo da mesi alle lotte-vax: vaccino obbligatorio, o no…green-pass…C'è stato agosto, adesso c'è settembre…sarà così anche a ottobre…?...

'No-Vax'…'No-Tav'…'No-Tap'…Nfra tutti sti 'Anti'
Ce vònno anche 'i 'No-Anti'!...Li più-tanti!

Le lotte .. "vax" …
A tte te piace a ffà er contestatore
sippuro che nun ce capisci un -c- mazzo….
E scusa la parola, ma è l'annàzzo!
che a questo - e ad àrtro propio assai peggiore -

ce stà 'bbituànno…Certo!...È mèjo a n fàllo!...
Ma de le vòrte - a Re' - n ce sò parole
pe chi nun pò…o nun sa capì…e nun vòle
sentì chi sa…e che pò…e che vò inzegnàllo.

Te dìcheno: "Ma er 'grànne-farm' guadàmmia!...
E che vòr dì !?...Che stann'a rosicà
perché ce s'aricchìscheno, o … chissà…!?
Ma si 'r probblèma è questo, che è che càmmia

co 'big-autovetture'….e …'big-sniffaggi' …
e 'big-palazzinari' e … 'big-panari'…?!?
Facessero anche l' 'anti-alimentari'
co chi je vénn'er pane e li formaggi…

Facessero anche quàrche …succursale
der 'big-farma', appunto: supermarket
'big-social' co 'i mijardàri target'…
E big-casa-de-cura-ed-ospedale …

Perché ce vanno…quànno stanno male?!
È solo che n c'è cacchio più da fà…
E n passatempo ognuno vò trovà,
e c'è chi a contestà penza che 'vale'…

Lo Stato làssa perde … làssa côre …
Ma quànn'er troppo mette tutti in crisi
abbasta a stà a discute e a ffà sorisi…
Eh! Sòr ministri…ed ogni sòr questore!?....

Ma pe davéro ha da èsse un grave erôre
impònese anziché fà impone a chi
vò solo fà caciara e vò impedì
er blocco ar male usànno anch'er 'terôre'?

Ce màncheno 'i 'no-asp'…cioè 'no-aspirina'…
che ffà 'ngrassà er 'big-farm', uguale! E uguale
è ar vax-vaccino … che: "Pò ffà der male!"
dice er 'bijietto' in ogni medicina.

La 'pasticchetta blu' co l'insulina
dànno a 'big-farm' più sòrdi der vaccino…
A mme me se stà a 'ccenne er lumicino
de fa pure pe questi, gran manfrina!...

E a chi ce guida: sì!...le minoranze,
nun tòcca mai schiacciàlle … Ma - però -
si vònno èsse loro a schiaccià…No!
Su la salute - poi!...Mbeh…No speranze!
 

Un fatto, una poesia
Da larepubblica, 29 agosto 2021 - Il presidente della Repubblica prende posizione …"Sulla crisi afghana è evidente la scarsa incisività dell'Unione". "In questi giorni una cosa appare sconcertante e si registra nelle dichiarazioni di politici un po' qua e là in Europa. Esprimono grande solidarietà agli afghani che perdono libertà e diritti, ma 'che restino lì', 'non vengano qui perché non li accoglieremmo'. Questo non è all'altezza dei valori della Ue". Lo ha sottolineato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rispondendo a una domanda sui migranti. A Ventotene, durante il 40esimo seminario per la formazione federalista europea in occasione degli 80 anni del Manifesto che ha posto le basi per l'Europa unita….

Stàmo a capìllo, o nno: l'EU nu' esiste.
Però, che va 'rifatta'…qui, n se insiste.

E qui…dicémo "ammènne" ! … ? ….
Sòr Mattare' …Ma - dico - pe davéro
te stavi a créde … quer che n se po'! crede!
Sta fede tua ch'è forte e che nun cede
sta a sbatte addoss'a n continente intero

de … "chissenefreghisti"!...O n t'è abbastato
la porta in faccia n centinar de vòrte?!
E le promesse a lingue doppie sciòrte,
che a sto Paese l'hanno perculato….

Co un tanto d'esperienza assai umijante
ancora bussi…a chi?? … L'EU nu' esiste.
No! come che voréssimo…Nu inziste…
Va' a sbatt'er pugno !...N fàtte mendicante.

France', se deve dì…Nun è pe offènne,
ma ciai na bbèlla côrpa nde sta storia.
Qui nu' è quistione de cercà la gloria…
Vòi sarvà er mônno…E qui…dicémo: "Ammènne!" … ?....
 

Un fatto, una poesia
da larepubblica, 27 agosto 2021 - Ragazza (ventenne) aggredita e uccisa da un branco di cani: identificato il proprietario e accusato di omicidio colposo. È un pastore del luogo di 44 anni. Gli animali sono abituati a vivere allo stato semibrado e a spostarsi a guardia del gregge. Investigatori ancora al lavoro sulla dinamica della morte di ….(.Poi lo psicologo spiega il come e il perché….).

Ogni volta che accade un fatto luttuoso, come un incidente sul lavoro…"Mai più!!!!...." tutti urlano (e giustamente) da tutte le parti…O accade un qualsiasi altro tipo di disgrazia l'opinione pubblica 'insorge' richiamando l'attenzione della politica, delle amministrazioni…insomma dei responsabili. E si decide di chiudere una strada pericolosa (e mettere il limite di 30 orari, dopo la disgrazia occorsa a qualcuno che ha inciampato nelle radici a fil di strada di un pino)…di non utilizzare più un qualche mezzo (per esempio la pistola quando si è in grave pericolo perché qualcuno usandola ha ammazzato qualche bandito…)…di non mangiare più un qualchecosa, che ha fatto male al pancino di qualcuno…di non esercitare più una certa pratica (tranne quella dello spaccio che ammazza, e della droga che ammazza ancora prima - appunto -…Ma questo è un discorso che…'non fila' per certi, o per tanti….). Insomma scoppia l'allarme, e si cerca - almeno nel momento di crisi - di fermare …evitare…le cause che portano al fatto luttuoso…Quando si parla di cani che ammazzano, c'è lo psicologo di turno (poveri noi!!!) che dice che la ragazza ha sbagliato…Non doveva correre alla macchina!...Doveva - invece - fare come il ragazzo - che si è salvata dall'attacco delle furie - imbucandosi in un capanno…perché i cani, così e così…Che ridicolezze!...Che sfregamento di materiale grigio e anche bianco e di tutti i colori!!… Evviva il 'progresso' che l'uomo fa 'fesso'….Più e più volte mi sono augurato che venisse stilata una statistica dei malridotti, e ammazzati dai cani….Ma…ssssshhhhhhhh!!! anche questo sembra essere un tabù…E parlo specialmente di quegli sbranamenti da parte di cani di famiglia, tanto buoni, come e più dei bambini…Come anche chiedere di stilare i malridotti e ammazzati dalla droga…Questo è solamente ammesso (da quasi due anni, ormai) solamente per i morti ammazzati dal covid. Ma le altre morti sono da meno? Chi è che decide come è meglio morire…essere ammazzati come e da chi ….E qui io non resisto, e urlo: "Chi cazzo! Che cazzo!" (e scusate il romano, o romanesco). Perché i 'filosofi' chiacchierano, ma non dicono di sterilizzare…anzi! "Adottare! Adottare!"…e di dichiarare fuorilegge certi cani riconosciuti pericolosi dagli addetti (in Inghilterra - per esempio - lo fanno. Certe razze di cani non possono essere tenute! Nel tempo degli 'anti', gli anti-cani-assassini…non esistono…?! .....

Gira, gira, la colpa è di chi s'è fatto sbranare!

Fattacci de cani
Che vòi sperà…Si una è n' imbecille…!...
Possibbile che a quel'età n se sa
che si c'è 'r cane t'hai da comportà
ar modo che je piace, o … guai a mille!

Stavòrta, àrtro che …'a mille!' A la porèlla,
siccome che n s'è …'comportata' bbène,
er cane l'ha addentata ne le vene…
er sangue j'è scolato…e…manco la barella! …

ch'er cane, amico caro, amico bbèllo,
ch'è "mèjo de 'i cristiani a uno a uno",
te l'ha ammazzata e spero che quarcuno
je … la ripaghi (!) … a mamma ed ar fratello.         (e…come???)

Ma dico io…Sti cani, in giro…scjòrti…
Che pòssi malbenedìlla a "quella" * llà!
Ma guarda si na Legge te la fa
pe mette certe bestie** a … 'i fèri-côrti!                (padroni e cani, per chiarezza)

Ma a n cristiano che pe difènne spara,
sò tutti pronti a ddì: "Sei n assassino!..."
Er cane, quànn'ammazza: "Mbeh…è 'r distino,
che se l'è preso e steso ind'una bara…"….

*la On. Brambilla deputata, attivista Lega Italiana Difesa Animali-Ambiente …Che dice soltanto "Adottate!,,, Adottate! … ."
** cani dichiarati pericolosi. In Inghilterra sono vietati.
 

addio all'amico Massimo Reggiani
Ebbene, Massimo, così hai deciso…
Certo, non tu…ma chi per te l'ha fatto:
quel mal che giunto ormai all'ultimo atto
tirato ha giù il telone, e 'fine' ha inciso

sulla tua vita, e quella malattia
che ormai da tempo stava ad angustiarti…
Non ho potuto neanche salutarti…
Ché - senza avviso - sei volato via.

Dal giorno che a Perugia c'incontrammo
pel premio, e pe' un caffè con Lisa
è stata un'amicizia, pure intrisa
d'un nostro amor comune (ne parlammo)

per quel paesino bello ch'è Bettona,
dove sei stato amico di un cugino…
Per dir del mondo immenso, eppur…piccino,
su cui sei stato un'ottima persona!

Il tuo "Cantiere" resta a farti onore,
e a ricordar l'impegno regalato
a ognun che un suo poema t'ha inviato,
e lì, hai 'postato'. Grazie a te, di cuore!

Non mi rimane più che dirti 'addio'!
Possa lassù goderti il cielo e Iddio.

Armando
 

Lisetta e io
Io m'arzo la matina
e subbito in cucina
vò a ffà quer bòn caffè
che pijo assieme a tte..
Poi spiccio…Me riggiro…
Me metto tutto in tiro,
Me faccio tutto bbèllo.
(lo sai che ssò n fringuello!)...
E poi, quann'è r momento
che sto cento-pe-ccento,
vò ggiù, nforco er du' rote
fischietto n po' de note,
e me ne vò girànno
finché me va, che è quànno …
…Nu lo so mai, quann' è…
Mbeh…è quànno penso a tte
ch'hai preparato er pranzo
Arìvo e fò n po' er ganzo…
Ma tu puntànn'er dito:
"Sta' llì, e bonappetito!".
Me fai, n po' dittatora.
Perché - me dichi : "Era ora!!..."
Ma poi, lo sai! che ffò:
sto a coccolàtte n po'.

Vedémo na quarcosa
sia buffa, o sia seriosa
ar nostro tivvù bbèllo
che da anni è sempre quello
perché funziona bbène,
ce piace e n ce dà pene.

Poi…viè che 'lei' m'aspetta
Ma lei lo sa, e l'accetta
che me la strigno ar petto:
è fisa! E no organetto…
È fidardense pura,
tastiera bianca e scura
pe er resto è tutta nera
co 'i luccichini e sfera… ./..
Me fò na strimpellata
e passa la giornata…

Però, detta così,
è propio un diminuì
le tante e tante cose
leggere o faticose
che giorno dopo giorno
de prima o de contorno
fa lei e faccio io
(lei più! davanti a dio!)
assieme fàmo, o assoli,
finché er sudore coli…
Ma puro si è così
se stàmo a divertì…
Pe nnoi 'i scansafatiche…
sur letto, ma … de ortiche!

Me sò dimenticato …
L' aggiungo de filato:
li versi ch'ho da scrive.
Ch'è 'r modo mio de vive.

Lei,'nvece, ner fratanto,
siccome ch'è no schianto
ner raggionà e risòrve,
gni pena se l'assorbe
de chi je chiede aiuto.
Chi se diceva … astuto,
co llei s'ha da ricrede,
ché raggionanno, vede
quer che co quer ciarvello …
nemmanco ar quinto appello…!

Già…è vero. Sì, pur'io
sistemo a modo mio
co quelo che je scrivo
chi tanto vò ffà er divo…
Che se vò impone e ffòrza…
Ma è solo tutta scorza,
ché drento nun cià gnènte
si no fà er prepotente.

Se fàmo l'enimmistica
de quela più sofistica
pe stà n po' più vicni:
già!! … com' a du' micini…

Così, Lisetta e io,
annàmo pe na strada
corètta…ovunque vada,
finché lo vorà iddio.
 

Un fatto, una poesia
da ilfattoquotidiano- 16 agosto 20121 - Rave party non autorizzato in provincia di Viterbo: migliaia di persone in arrivo da tutta Europa. Residenti preoccupati e turisti in fuga. Un ragazzo inglese di 25 anni è stato trovato morto e due sono finiti in coma etilico: è il primo drammatico "bollettino" del rave party non autorizzato organizzato nel territorio del Comune di Valentano…La festa, con musica a tutto volume e grandi quantità di alcol, è iniziata nella notte alla vigilia di ferragosto… …IN ARRIVO DA TUTTA EUROPA - …sarebbero almeno ottomila i giovani… ma potrebbero diventare anche 20 o 30mila prima di domenica 22 agosto… Ora le forze dell'ordine hanno circondato la zona e non permettono l'ingresso a nuovi partecipanti e a coloro che escono dall'area non è consentito rientrare…è in corso una trattativa seppur nella difficoltà di individuare con esattezza gli organizzatori tra migliaia di persone, per riuscire a sgomberare la festa entro sera. L'AREA - La zona presa d'assalto si trova in un'area sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico…Il sindaco…condanniamo con fermezza. Ci auguriamo che i colpevoli possano essere prontamente individuati e assicurati alla giustizia. Questo anche per rispetto di chi, con fatica, lavora quotidianamente osservando le regole imposte per contrastare la diffusione del Covid-19". …TURISTI IN FUGA - Il disagio...ha raggiunto anche i limitrofi comuni della Maremma Toscana. … fin da sabato molti giovani transitare a piedi e in auto, siamo a diversi chilometri in linea d'aria ma è come avere la festa in casa. È un continuo via vai … nottate tremende. … villeggianti stanno abbandonando gli agriturismi". … le prenotazioni, anche per i giorni successivi, vengono disdette". …I danni sono anche economici: "…abbiamo fatto uno sforzo disumano per metterci in piedi dopo la pandemia e ora tutte le prenotazioni dal 15 al 30 agosto sono state cancellate…- I turisti che c'erano hanno anticipato la ripartenza…".IL PARLAMENTO - …Il deputato di FdI, M. Rotelli, ha annunciato una interrogazione parlamentare rivolta al ministro dell'Interno Luciana Lamorgese…"Chiediamo al ministro di sollecitare un intervento immediato delle forze dell'ordine procedendo a sequestrare le strutture, quindi generatori di corrente e impianti che riproducono la musica, per fare in modo che la folla si disperda: tolta la musica, finita la festa. Inoltre, nell'interrogazione, chiediamo che Lamorgese spieghi com'è possibile che non si siano intercettati i flussi provenienti da più parti d'Europa".
Altro: dopo le violenze talebane in Afghanistan di agosto 2021-che han causato profughi e infiltrati…l'Italia attende tutti a braccia aperte…

"Stato"…Ci sei, o …non ci sei? - Se ci sei batti un colpo!
(e se ci sei…quanto! e per chi! ci sei)

Ti mostri vigliacchetto…o nullità.
Inutile, e però assai pretenzioso.
Soltanto bravo a darle a chi è mansueto,
e la ragion di esistere la svii…

La forza che ti vien dalle tue leggi
la getti via alle ortiche
e è solo il prepotente che proteggi
e al bando il ruolo tuo, meschinamente.

La voce grossa hai fatto
e giù serrande! E porte, hai lucchettato
con quel pretesto che pur sembra giusto.
Da cui appar che trai un certo gusto,
pel bene del paese, beninteso!

Ma il vero volto tuo è dell'arreso
a chi le leggi tue e te calpesta
perché vuol fare festa
e in barba a te, in ottomila! balla,
e neanche bada a render complicato
al virus quel contagio che si espande...
E al 'rave' ch'hai decretato fuorilegge
la 'mano' tua, sì… - quella in divisa -
quegli ottomila l'hanno ben derisa.

Che scacco matto, stato … in piccolino
(lo meriti, perché è così che hai scelto).
Ma che ti frega …. Ti sei già rifatto
coi sbarramenti a discoteche - in atto.
Seppur munite delle precauzioni
per rispettare il tuo voler di Stato.
E grossi guai saran pei … 'fuorilegge',
che in questo caso, certo! che varrebbe:
'disobbedienti al tuo 'voler dettato'!…

Ma…'quanto'! ci sei: sai dirmelo, sincero?
Ma in concreto, e no! a chiacchiere, però.
Che cosa mi vuoi dire…?!
Sei solamente un matto
se solo puoi pensare
d'incolpar me … Sei tu che sei l'inetto!
Io…ho raccontato un fatto.

Veder ti voglio or col talebano,
venutosi a mischiar con l'italiano
a seguito di talebane mosse
che come sempre son violenza pura,
ed han causato profughi e…infiltrati,
senz'altro tutti - scientificamente -
in quest'Italia …'unica accogliente'.
 

Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it, 13 agosto 2021- Anche nei piani alti del m5s lo hanno iniziato a capire: il reddito di cittadinanza così com'è non funziona come dovrebbe. È bastato poco tempo per spegnere gli animi entusiasti e i toni trionfalistici con cui si annunciava la sconfitta della povertà, e ora pure i pezzi grossi della galassia Pentastellata hanno preso coscienza che la misura di sostegno economico deve essere assolutamente ritoccata. L'ultima a non nascondere più di qualche perplessità à stata Virginia Raggi,che…e non ha esitato a denunciare le anomalie della misura sponsorizzata dal m5s. L'attuale sindaco di Roma -a In onda su La 7 - … ha subito ammesso che il reddito di cittadinanza presenta diverse falle, tra cui una carenza di controlli che con il passare delle settimane potrebbe consentire a sempre più furbetti di beneficiare clandestinamente del sussidio: "Va corretto perché mancano i controlli, abbiamo sentito di abusi che non sono tollerabili. È una misura per chi è più fragile, non per chi è più furbo". …sarebbe necessario semplificare le norme per consentire ai sindaci di utilizzare i percettori del reddito 5s per lavori di pubblica utilità mentre sono in attesa di una proposta di lavoro. "Il reddito deve essere controllato molto bene e ben disegnato. Ci sono persone che oggettivamente non hanno bisogno…" La sensazione è che il reddito di cittadinanza abbia i giorni contati. Anche se, in realtà, non si dovrebbe arrivare a un vero e proprio smantellamento come vorrebbe Matteo Renzi: il leader di Italia Viva ha già annunciato la volontà di procedere alla raccolta firme per un referendum sull'abrogazione del reddito di cittadinanza nel 2022….C'è comunque da fare i conti con la posizione del premier….che nei giorni scorsi è stato chiaro: "Il concetto alla base del reddito io la condivido in pieno". Il che potrebbe essere tradotto: certamente si può migliorare, ma di mandarlo completamente in soffitta non se ne parla ….critiche dal mondo leghista verso il reddito 5s, con Matteo Salvini che chiede di accelerare a stretto giro: "Il reddito di cittadinanza invece di creare nuove opportunità di lavoro sta ottenendo il risultato opposto, creando lavoro nero e disoccupazione. A fine estate, numeri alla mano, dovrà essere ripensato e corretto". da ilgiornale.it, 12 agosto 2021 - ….sarebbe allora interessante che Draghi rispondesse …cosa si può replicare a che sostiene che siamo dinanzi a uno spreco massiccio di denaro?...2..3..4..5..6..7..8..9…Sono molte le domande che …, ma già in queste nove sono sintetizzati quesiti fondamentali, a cui il governo dovrebbe dare una risposta. Non sono in gioco soltanto 13 miliardi di euro all'anno di soldi dei contribuenti>: c'è in giorco il modello di società in cui si vuole vivere.

"Ma chi m' 'o ffa fà!"
È il dopo la terribile campagna
su lande dai confini sconfinati,
biancor di cielo e terra congelati,
che è dove sol la morte ci guadagna.

Eppure in cuor sognavano la gloria
i poveri soldati comandati
dalla pazzia che inver se li è 'giocati'
per conquistarsi un posto nella storia.

La stessa che oggigiorno ha condannato
lo strampalato esercito sconfitto
dall'arma stessa usata nel conflitto:
quell' … 'onestà' … con cui han guadagnato

il 'reddito' per quei che li han votati
che in larga parte non l'han meritato
giacché han - quell' 'onestà'- mercificato.
E … i benefattori? Cornificati!

Quel 'pian d'attacco' di sicur successo
si presentava … Ma le condizioni
pel 'reddito' - vinte le elezioni -
son via volate!…ed eccoci al decesso.

Il disonesto esercito, a 'onestà
risposto ha con 'disonestà' diffusa…
E 'quella' e 'questa' or sono in - una, fusa,
che al lavoro fa: "Ma chi m' 'o ffa fà!"

Al che dei generali più di rango
"Ve lo facciamo fare noi!" han detto…
"È la disfatta! - un, grida, all'uopo addetto -
Gloriosa mia 'campagna'… ora sei fango!"
 

Un fatto, una poesia
da cento e cento trasmissioni TV e social di tutto agosto 2021: Ormai le 'chiacchiere' seriose o da salotto che siano, hanno trovato una nuova attrazione: il vaccino si può renderlo obbligatorio. Così si stanno - finalmente - augurando sia certi rappresentanti di una parte che dell'altra. Le serate tv e i social ne traboccano….E lo Stato sta a … guardare, come di consueto. Ma non sta facendo il proprio dovere. Da una parte…teme l'obbligatorietà - necessaria - da adattare come misura da prendere per imporre la vaccinazione (tranne a chi ne è esentato per ovvie ragioni- ma non per la… perduta libertà) per la salvaguardia della salute pubblica. Perché?...Perché lederebbe la libertà dei cittadini…Dall'altra parte impone d'autorità, e 'bastona' chi non s'adegua alle altalenanti misure anticovid, tra cui le chiusure alla ''come gli pare'' ledendo - in pratica - la stessa Libertà che pretendono di difendere i no-vax, gli anti green-pass…che lo stesso Stato con tanto scrupolo si ostina a non ledere….E chi ha dovuto restare chiuso - sta chiuso - per 'editto' ?....Qui la Libertà si è potuta - si può - ledere? … Da che dipenderà?...

"libbertà a la Libbertà!"
Davanti ar dilagà de quarsìa 'antismo'
che invoca… <libbertà a la Libbertà!>
che - dice - è 'r segno de extra-civirtà
ce sta l'esagggerato esaggerismo

capace solo de portà isterismo
tra certi che se fann'abbindolà
o sò portati a l'illegalità
o vanno in cerca de protagonismo.

Mo' - la ragion pe cui - quale che sia -
nun pò e nun deve stà sopra lo Stato!
Che 'nvece abbòzza in tutta ipocrisia

l'impedimento a ffà quer che ce vòle.
Er cittadino ha da èsse vaccinato
pe pubblica salute? E allora … pòle!

Ma che vòr dì sto - fò/nun fò -infinito…
C'è er male, o nno!...Che ammazza, è vero, o nno!
E allora, sto teatrino…nun se po'! …
E ar dunque, ago-e-siringa ... O sei n fallito.
A restà chiusi - a tanti!- l'hai costretti!
Voréssi spiegà a tutti, sti giochetti ?!
La Libbertà … nu è ròbba da fumetti!
 

meditiamo, gente….meditiamo!

Voglio papà e mamma…veri!
Mamma, mamma!…La mamma di Luigino
davanti qui ha due morbidi meloni,
invece tu sei piatta…Anche papino
è tutto piatto…E llì…sotto i calzoni,

sei fatta come lui…con il pipino?
I miei amichetti fanno i paragoni
tra i loro genitori e voi: "Un bambino…
deve aver mamma e papà, e no…finzioni…!",

mi dicono, e io penso che sia giusto.
E ne ho diritto anch'io…Il mio! diritto…
L'avete preso voi…per vostro gusto!

Due padri non li voglio: voglio mamma!
E no una mamma-babbo, per editto!
Pensate solo a voi!…E a me, il dramma!
 

L'attuale situazione politica (2020-21) ….

Ma lo sai chi sono io …
Ma lo sai chi sono io?...Io sono
un italiano etero e anche bianco,
e per la verità sono un po' stanco
di esser messo sempre un po' più 'prono'

a "chi" non son mai stato ostile, e mai
io tal sarò se non ne avrò ragione.
E legge in preventiva punizione
non va!...Imbavaglia l'opinion che hai!

Non è il sistema, questo… Che i diritti
c'è a chi li fa valere ed a chi no.
Di modo che sia tutto un … fregando',
e i 'micchi' paghino per i più 'dritti'.

Il meglio ideale è quello di esser tutti
pesati co' uno stesso bilancino,
e co' 'Onestà'!!..(non quella del 'cinquino')…
E a quelli che approfittan: becchi asciutti!

'Approfittar' non solo è rubacchiare
quel tanto o poco … È l'intellettuale
onestà-vera! E no! che chi un ideale
non condivide sia da … 'eliminare'.

Discutere e trattare…Questi, i temi:
Democrazia…Libertà vivifica:
le 'rose' di chi invoca - or - 'crisantemi'
per chi…in quelle 'rose' s'identifica.
 

Un fatto, una poesia
in nome della 'libertà' (quale?!)…addirittura scontri in piazza … in parlamento … contro il vaccino della speranza e della vita Tra gli altri 'fenomeni' del momento, anche Enrico Montesano (audiovideo) si è cimentato come 'no-vax' con insulti a chi crede nella vaccinazione come unica arma disponibile contro il virus ancora - a quel che dà a vedere - vivo e vegeto, e pronto a darsi da fare…fin dove, fin quando?...E poi, questi soloni sconfinano sempre nel 'fascismo'…Stavolta non ci ha fatto rientrare - per fortuna - il 'razzismo'…Prossima volta - Chissà!…(29,30 luglio2021).

"Quoque tu, a Eri'… ?!" …
Ma … "Quoque tu…"…A Eri'!?...N te ce facevo…
Ma che…t'ha pizzicato quarche ragno?
Ce vòi - magari - ricavà un guadagno
co ste fregnàcce …Proprio n ce credevo!

Nun te ciavrèi mai fatto - io - … così …
(pe nun usà le brutte parolacce…
-sippuro che potrebbero anche stàcce -).
Come se pò…Come se pò finì

a ddì ste nefannézze … Ma nun eri
l'Erìco tutto ricco de battute,
de le risate, puro a scene mute …
O nun sai più chi eri inzin' a ieri!

Hai detto:"Cacchinati…" a 'i vaccinati…
E aggiunto:"Er loro sangue và buttato
si ffànno 'i donatori…Ch'è'nfettato!"
Riccôntejel' a quei pòr' ammalati!...

(eh! A Erì…jài fatto n danno de gnènte!!!
co sta gran minchionata da demente!)

E ar 'greenpass'- jài detto è 'r lassapassà
der tempo der fascismo maledetto
(che a ddìllo pò ddà un'aria de rispetto..)
Ma nde sto caso stai a esaggerà…

Se sa…Cercavi vi-si-bbi-li-tà…
Che ar giorno d'oggi, a gràtise! la prènni.
Abbasta che a … sti 'bassifônni' scénni,
co puro un 'vaffa', e … sei 'celebbrità'!

N so te, ma … tutti st'àrtri gran campioni
che stanno com'a tte a ffà li saputi,
e 'socia'' e piazze ariémpieno de sputi
tanto pe 'èsse contro ', quante infezzioni

se 'nfìccheno ner sangue … ne la panza…
co siringate, ed impasticcamenti
e tutti li schifosi sniffamenti …!...
St'avvelenàsse che è…bbòna creanza?!

Mo' - pe finì - te vòjo fà riprènne
quer 'vaffanculo' ch'hai sparato forte
a chi n vò ffà provà na brutta sorte
incruso a voàrtri, ché: <nisuno! è indenne!>
Si me dovessi trovà io 'nfettato
perché un no-vax me s'è accostato troppo
co addoss'er virus…ho da pià lo schioppo
pe ffàjelo capì ch'ha comminàto?!

Visto che … co sta … libbertà, sto stato
n ce sta a capìcce n cazzo e va svejàto?!

 

Un fatto, una poesia
da novae epistulae-novae terrae,21lug2021- La nuova tendenza di offendere i simbolo del Cattolicesimo sta raggiungendo livelli intollerabili .
Ormai è chiaro il progetto di svilire e ridicolizzare l'unica forza al mondo che vuole difendere la civiltà occidentale. NOI, I Cristiani. Durante l'ultimo Festival del cinema di Cannes …enfasi pe' uno squallido film dal titolo….Benedetta…….La cosa ancora più grave ed inaccettabile è l'uso che si fa dell'immagine della Vergine Maria e dei simboli sacri della cristianità. Nel film infatti essi vengono usati in maniera indecente come oggetti sessuali dalla monaca protagonista che viene descritta come una donna problematica e lesbica. E' ora di finirla di dissacrare i SIMBOLI CRISTIANI, diciamo basta a questi comportamenti sacrilegi e vergognosi che vogliono ridicolizzare e offendere milioni di fedeli nel mondo. Il regista, un ottantenne svedese, si difende e dice di non ritenere assolutamente sacrilego il suo film…un'ondata di consensi…ovviamente da critici appartenenti al solito movimento culturale che ritiene anche giusto che si possa insultare il crocifisso nelle manifestazioni omosessuali.I cristiani da sempre sono disponibili ad "offrire l'altra guancia" , cosi come ci ha insegnato il Signore, ma ad un certo punto anche le guance da offrire finiscono e giunge il momento di passare all'azione. Dobbiamo far sentire il nostro dissenso, dobbiamo difendere la nostra libertà e la nostra religione, sennò questi gesti continueranno ad aumentare e potrebbe essere considerato normale offendere il cattolicesimo e la Chiesa. La libertà di espressione è sacra, ma la libertà di ognuno termina quando invade e limita quella altrui. In nessun caso si deve permettere che in nome di questa libertà di espressione, si possano offendere milioni di persone e una intera religione.

Signori 'fobo' e 'anti' …
Tu, Signor 'fobo' e tu, 'anti'… Se lo zelo
che dimostrate aver per la difesa
di quel che a 'questo' e a 'quello' reca offesa
insiem lo mettereste pel Vangelo

e la Madonna e il Crocifisso offesi
da poveracci col cervello in panne
pel troppo eccesso di pastiglie e canne
che solo bene stan fra i craniolesi,

fareste cosa degna di rispetto,
non come il dare sfogo a uno strafare
per non del bene far, ma rovinare
del libero convivere il concetto.

Nel mondo sta facendosi 'normale'
il vilipendio alla cristianità.
Qui, tutto cambia, e allor…Gesù in Allah
cambiamo! E si vedrà se è ancor … 'geniale' …

… se ancor grugnisce il fetido maiale
che tanto si diverte ad imbrattare,
e a cui strapiace il suon del bestemmiare,
ma in piazza scende se s'offende il 'male'.

Son 'odiatore' io…?...Sono confuso…
Ma no! Qui c'è chi vuole intimorire
per far zittir chi vuole contraddire …
Dell' 'Unico-Pensier' uso e stra-abuso.
 

Un fatto, una poesia
da Quarta Repubblica - 21 giugno 2021- Le elucubrazioni del Letta di letta no … chi?
Queste le sue parole riportate: "Con Salvini al governo ci sarebbero stati centinaia di migliaia di morti come in Brasile…"
Basta questa semplice frasetta come dimostrazione di un assillo … poco governabile.
Come anche quando si ribadisce che a noi lo tzunami di euro (o come altro fu definita da qualcuno giorni fa l'elargizione del Recovery Fund…) di euro in arrivo dall'Europa sono dovuti a … !!! Ma pur se ci fosse stato il diavolo in persona al governo, quello 'tzunami' doveva -comunque- arrivare…O qualcuno ritiene questa nazione così tanto indegna servetta e schiavetta e prostrata tanto da non potersi azzardare a dire "bau" che la cattiva matrigna-EU non concede più la promessa carrozza per il ballo??...Eh, poveri noi…. È un assillo comune…Si sa che nelle discussione (spesso caciarate) in tv certi personaggi quel nome da strapazzare a piacimento, te lo tirano fuori non importa quale sia l'argomento in quel momento…Come il coniglio o la colomba sempre a disposizione del giocoliere, che ogni volta sa farli apparire dal nulla…

L'assillo … velenoso
"A Re', se pò - pure - arivà a capì
er cacciatore che vò annà a 'cchiappà
però…nun cià lo schioppo, e v'a finì
che a inzurti e parolacce vò provà

a buttà giù … l'ucèlli ner volà…"
"Già, ma in reartà chi pò! penzà così?!
De certo quarchiduno che n ce sta
cor senno…Capisci che sto a ddì?..."

"Capisco sì!...Ma qua ce sta un probblema:
come capìllo! a sto politicante
'nfarcito e inturcinato ner teorema:

<insùrta, ed avvelena l'oppignone
si nun ciài àrtro pe attirà er votante!>
Ma pò èsse n boomerang, perciò: attenzione!"

Nun era mèjo a rimané tranquillo
ndo stava…Armeno, llì, era n inzegnante!
Qui, n vince! a ddà paggèlle coll'assillo!
 

 

Lumacando … lumacando …
Lumaca, lumacando … lumacando,
lasciando argentee tracce va cercando
un pasto fresco e verde ed abbondante
e rugiadoso, che non sia pesante.

Che già un bel peso sta a portarlo appresso,
così, appressando … come le è concesso,
e beata apprezza il suo silente andare,
nel mentre con le antenne sta a testare

le essenze profumate…ogni rumore
nei segreti dell'aria…ogni sentore
di quel che ha intorno…cui però non bada….
Con la fiducia che mai il brutto accada.

Strisciando come quasi navigando
va la lumaca calma fino a quando
è ora di rientrare…E ovunque sia,
senza dover tornar, s'infila e … via!

Sognando, dormi, luma-lumacando
lumaca ancora-in-erba, o vecchia e saggia.
Ridi all'uman che ingozza e non assaggia.
Ma - seria - sogna un ciuffo d'insalata.
 


 
Wembley, domenica 11 luglio 2021                                                                          foto da internet
ITALIA-AZZURRA COMPIONE D'EUROPA
ai rigori contro l'Inghilterra.

Pelo e contropelo!
V' avémo gastigato pe tre cose.
In primis pe l'affronto co li fischi
all' Inno nostro Sacro - co li rischi
de fà tornà na…guèra-tipo-'rose'…

Poi, pe l'incivirtà che côr pallone
avete spesso assai mostrato ar mônno…
Lo sa anche Roma er modo furibbônno
der dopo ogni abbonnante libaggione.

E poi - amico John, l'avrai capito:
st' Italia (che voi 'barbari' snobbate) -
è 'r mito che voi tutti ce 'nvidiate:
e mmo' v'ha fatto perde l'appetito!

Ma…grazzie a nnoi, pe un po' ciavrete er cèlo
'azzurro-italia' - ch'è 'r più bèr colore!
(Pe vvoi è n sogno…). A nnoi cià reso onore,
e a vvoi v'ha ffàtto pelo-e-contropelo!

Ma quànn'è 'r dunque, azzuro è puro er còre
de sti 'giganti' e de sta gran Nazzione.
E a vedévve a buttà … <consolazzione> ***
l'avressimo cammiata co un rigore….

***(con mossa repentina ogni inglese si toglieva
la medaglia d'argento appena posta sul collo….
)

 

Un fatto in discussione - Una poesia in previsione
da ilgiornale.it, 3 luglio 2021 - La comunicazione sul disegno di legge Zan ha uno scopo preciso: far credere agli italiani che si tratta soltanto della sacrosanta tutela delle persone omosessuali e transessuali e che questo rispetto sia insegnato a scuola già dalla tenera età.
L a comunicazione sul disegno di legge Zan ha uno scopo preciso: far credere agli italiani che si tratta soltanto della sacrosanta tutela delle persone omosessuali e transessuali e che questo rispetto sia insegnato a scuola già dalla tenera età. L'articolo 1 definisce l'identità di genere: "Identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso".
Sotto mentite spoglie si arriva così alla possibilità di autodeterminazione del genere sessuale senza l'attuale e necessario procedimento di rettificazione di attribuzione di sesso, compiuto sotto il controllo di una equipe medica e psicologica che valutando le motivazioni che spingono una persona a cambiare l'identità sessuale, escluda che non sia la conseguenza di una franca psicopatologia. Non si può esprimere un parere diverso da Zan senza essere accusati di omofobia o transfobia, perché i sostenitori del gender fluid attribuiscono l'essere donne o uomini ad una percezione personale, slegata dalla biologia. La realtà del corpo, alla nascita maschile o femminile, è negata per lasciare spazio ad una realtà fittizia, ricostruita attraverso una fantasia che induce a pensare che un sesso sia migliore dell'altro o che il proprio sia disprezzabile.
Nella dismorfofobia, patologia mentale contraddistinta dalla preoccupazione ossessiva per una parte del corpo, ritenuta erroneamente imperfetta, l'individuo arriva al punto da doverla nascondere ad ogni modo o eliminare. La mente produce un falso sé corporeo e psicotico perché abbandona il contatto con il suo vero sé per soddisfare una pulsione inconscia aggressiva e autodistruttiva, senza tener conto delle condizioni reali di azione e delle possibili conseguenze intrapsichiche e relazionali. Una mente adulta che abbandona il principio di realtà è una mente in balia della psicosi, i suoi sensi sono distorti e trasforma percezioni in fatti oggettivi. L'identità di genere, cioè il sentirsi pienamente donna o uomo, e la scelta oggettuale che porta all'orientamento sessuale, cioè alla scelta di un partner di sesso opposto o uguale, non sono innate ma si formano durante l'infanzia con un apice adolescenziale attraverso l'interazione tra la biologia che dota di un corpo geneticamente determinato e l'ambiente circostante che influisce con la cultura, anche quella gender che vuole imporre Zan. Si possono difendere omosessuali e transessuali senza eliminare le differenze biologiche tra maschi e femmine, rimuovendo dal disegno di legge elementi che introducono un'ideologia di genere ambiguamente fluida.

Quel che più sembra premere in Italia, oggi…. Tra l'altro si prevede che per assecondare la 'fluidità' sessuale, un nato maschio possa partecipare a gare femminili…Infatti, secondo i 'nuovi profeti' il genere sessuale deve considerarsi non come qualcosa di ben definito, ma - al contrario - come una …'fluidità', in continuo mutare….
Prendiamola in allegria….

La … Fluidità
(bene! Ma tutto bene non andrà…)

Entrò lì come Lina (accorciativo),
in mezzo alle altre pronte per la doccia,
nel dopo gara, e darsi alla bisboccia
per festeggiar scudetto e distintivo.

Però, fra tanta grazia, e il rituale,
l'atleta, a causa della …'fluidità'
cambiò di nuovo la sessualità:
non fu più Lina…Ritornò Pasquale!

E il suo 'trofeo' si ritrovò a domare,
tra la sorpresa e il fuggi generale,
ma pur tra certi istinti…E fu fatale
che alcuna stette, e …volle approfittare.


Un fatto, una poesia
da ilsole24ore, 26giugno2021 (in occasione di Italia-Austria) - Fino all'ultimo non si saprà cosa faranno gli azzurri. Se cioè s'inginocchieranno prima del fischio d'inizio in segno di solidarietà al movimento "Black lives matter" contro le discriminazioni razziali. La questione è spinosa per ovvi motivi. Prima della partita contro il Galles lo hanno fatto cinque azzurri, mentre gli altrin sono rimastiin piedi . Un compartamento in ordine sparso che ha suscitato molte polemiche. O tutti o nessuno ha detto Bonucci nell'ultimoincotro con la stampa. "Non ne abbiamo ancora parlato . Se decideremo per il sì faremo la richiesta all'Uefa" ha spiegato il capitno azzurro. "Siamo tutti contro il razzismo, se ci sarà da parte di tutti la voglia e l'idea di fare un gesto controi il razzismo, la federazione lo dirà all'Uefa". Anche Mancini è possibilista: "Io sono per la libertà" ha detto il tecnico azzurro sposando la linea della Federazione e di molti calciatori. Insomma, a poche ore dal match regna ancora l'incertezza. Non è un bel segnale, tenendo conto invece che il capitano dell'Austria e i suoi compagni ("è un segnale per attirare l'attenzione") si inginocchieranno.
Vero che va salvaguardata la libertà personale, però se Bonucci dice "siamo tutti antirazzisti" non si vede dove stia il problema ad inginocchiarsi. Il calcio muove sentimenti enormi. E per un ragazzino, vedere prima della partita i suoi campioni che si mettono in gioco contro il razzismo, vale più di mille prediche sull'uguaglianza e sui diritti universali.
Vero! Dovrebbe essere utilizzato per così tanti altri validissimi motivi per proteggere gli stessi ragazzini/ragazzi…Basterebbe 'campagnare' contro ogni droga che sta rovinando le gioventù nel mondo.
Da troppo dirne e dirne, fino a … sfuggirne.



Sintetizzare può rendere più di tante chiacchiere.
Italia-Spagna, Wembley 6 luglio 2021


Ultimo tiro: "Rete!"
Dopo i due tempi e i due supplementari
l'impasse regnava ancora, in campionato.
Poi…tiro! … Lui in inginocchio…Un gran boato!
"Viva l'Italia!!"…E Azzurri senza pari!

'Vittoria-Pari' tuttavia c'è stata.
Nessuna delle due s'è inginocchiata.
Insegna che è anche lecito dir 'NO':
'razzismo' è altra cosa…e no uno 'show'.

 

 



al dottor Casti

C'era un dente ballerino
C'era un dente ballerino
che ballava da un bel po'…
Finché un giorno: "Toh!"..."Ohibò!"...
se n'è sceso … e il topolino
sono stato ad aspettare
per ricevere il soldino
come quando da bambino
lo veniva a regalare.

Ma il topino non s'è visto…
E perciò - incartato il dente -
l'ho portato al competente
per far quello ch'è previsto.
Così è stato…Ed è scomparso
quel ben triste buco nero.
Non ci sta nessun mistero:
è che il dente è ricomparso!
E ho da dir che mai c'è stato
un dolore a tormentare:
né al cader, né a riattaccare
ché ho un dentista da primato!

Questa storia ho raccontato
perché in caso eventuale
d'un dental problema uguale,
non ne resti - alcun - turbato.
Ma di bel coraggio armato
senza farsi intimorire
vada presto a reinserire…
Pe' un sorriso … più apprezzato
 

Dedicata a quei tanti
chinati e prostrati
osannanti e striscianti,
su sé ripiegati.

A cui danno, i 'lodari'
consensi in ricambio,
ché si fanno gregari
di desïato scambio.

Er lecca-lecca …
'Er' lecca-lecca, o 'la'…sia beninteso!
Perché la parità - qui nun se nega -
fa brillà a ognuno come e più de Vega,
che è stella co un bèr luccichio acceso.

Er bello è che n ce vò da èsse un Creso…
Se compra co du' spicci…O quarche strega
la dà, 'nziché la mela…E questo spiega
come a leccà, uno pò èsse accosì preso…

Er lecca-lecca pò durà na vita,
da quànno sei fanello, insin' a vecchio,
così!…Te l'aritrovi nfra le dita

che manco te n'accorgi…O n po' sortanto…
Inzinacché - guardànnote a lo specchio
te rènni conto, e…sòrti da l'incanto.
 

Un fatto, una poesia
da romatoday, 18 maggio 2021 - Le strisce pedonali diventano arcobaleno - Le strisce arcobaleno a Fiumicino hanno dato al via ad una discussione fra il centrodestra e la maggioranza comunale. Duro botta e risposta fra le parti - Lunedì 17 maggio è stata la Giornata mondiale mondiale contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia. Per l'occasione nella città di Fiumicino, l'Amministrazione comunale ha fatto dipingere con i colori dell'arcobaleno le strisce pedonali di attraversamento davanti all'ingresso della sede comunale. "Nella nostra città" ha dichiarato il vicesindaco Ezio Di Genesio Pagliuca - "Ogni persona deve sentirsi a casa e non c'è spazio per chi discrimina e diffonde odio". Il vicesindaco tiene a sottolineare come l'Amministrazione ha già aderito alla rete Ready ed il consiglio comunale ha approvato una mozione a supporto del ddl Zan: continueremo su questa strada". Le strisce colorate hanno generato diverse polemiche contro l'Amministrazione. Ad opporsi alla decisione i consiglieri di centrodestra e liste civiche …accusano l'Amministrazione di aver strumentalizzato il Rainbow nella giornata contro l'omofobia per una rivendicazione politica, e chiedono le dimissioni dei responsabili. I contrari all'iniziativa, a loro supporto hanno portato il codice della strada che non permette altro al di fuori delle zebrature bianche per le strisce pedonali. "Si è commesso un torto per cui se nei pressi della segnaletica avvenisse un sinistro i cittadini ne pagherebbero le conseguenze senza alcun risarcimento e il Comune sarebbe esposto a giudizio. Chiederemo una commissione trasparenza" … La replica del Consiglio Comunale non è tarda ad arrivare. I capigruppo della Maggioranza difendono l'iniziativa del Comune e dichiarano che è stato un gesto simbolico, di rottura verso un clima di odio sempre crescente, un gesto che parla di inclusione….Non mancano neppure le frecciate alle liste civiche "che dovrebbero essere indipendenti rispetto a posizioni ideologiche dei partiti".

Strisce … a fantasia
Si li colori dati addoss'a'n muro
se dìcheno 'murales, li colori
che danno a le 'zebbrate' de sicuro
sò 'stradales'…L'ho visti annànno fòri…

Pe Fiumicino c'è l' 'arcobbaleno'
ad indicàtte a tte che sei n pedone
indo' passà, e pe ddì: "Aoh!...Metti n freno!"…
pe ddìtte - 'nzomma:"Guida … co attenzione!".

Poteva anche paré na cosa bbèlla…
Però, si a gni giornata de 'un quarcosa'
che ormai sò tante!...uno viè, e spennella…
pò diventà na cosa, che … nu è cosa…

Pe 'r giorno, mo', pe ddì, de l'infermiere
-ch'hanno 'nventato pe benemerenza
a tutti li gueriéri e le gueriére
de sta pandemiàccia - … penza te!-penza

si pìtteno pe strada aghi…tamponi…
siringhe…flebo…tutti messi a strisce…
Ma n se pò ffà!...Le 'strisce' n sò oppignoni!
Chè inizzia qui…e n se sa … ndo va a finisce….
 

Fobia: la moda di questi anni…

Esagerofobia …
Se il <centro> è - come lo è il sole - e non si nega,
e come - e prima ancora - lo è Dio in persona
il punto primo donde tutto ha origine,
e di certezza è perciò riferimento
di quel che è 'vero', di quello che è 'perfetto',
quel che 'differe', diverso è, e tal rimane!
Seppur - pur imperfetto - è tuttavia 'vero',
e anche 'perfetto' nel differire stesso.
Ma non l' 'uguale' dell'accezion comune.
E di più dai 'centri' se ne va lontano,
di più traspare … più il 'differire' aguzza.

Fa parte del creato, e negarlo è errato.
E pretenderlo è esondar d'ideologia…
che apprezzabilissima, è! nei limiti.

Ma - se illimitatezza si fa essa stessa,
pe' esasperare il diritto a ogni uguaglianza
discutibile, si fa, e il silenziar suo
indemocratico, è, e illiberale.

E specie con quel suo far dell'estraniarsi
-con sua gran colpa - dall'abbinar "doveri"
ai 'diritti tutti' che pretende dare.

L'assurdo, crea: a una tal 'potenza' innalza
il diritto che ognuno ha ad 'aver diritto'
che non s'avvede che crea disuguaglianze.
E in tanto creare - per contrastarla - ogn' "ia",
dà pure i natali a …"esagerofobia"!
 

È del 2010. Legata a un fatto di allora, locale…(riscritta l'ultima quartina) Ma non cambia mai. Questi ultimi … troppi anni, al popolo, il voto, è stato negato a livello nazionale…Ma…pensando a quella corda d'acciaio della funivia di Stresa…Fatto che non doveva succedere, ma è successo questi giorni…purtroppo! (giugno 2021)… Tanti degni, si sono espressi contro una tal stroncatura della libertà e della democrazia (altro che cavilli…)

Mai più, ste scappatoie…Ce vò er vôto!
Galline, oche, papere e un zomaro
na sera approfittànno che er padrone -
pò esse pe la troppa sconfusione -
nu aveva chiuso stalla e gallinaro,

scappòrno tutti fòra festeggiànno
quer grann'evento ch'era capitato.
"Evviva! Evviva! Ciànno libberato! -
cantàveno gioiosi - E adesso … quànno

se fàmo acchiappà più!", e via a scappà…
Ma l'incrociò - fortuna - er controllore:
"Nd'annate…!" "Ma…era operto…!" "Per erore!
e nun ve devevate approfittà….!

Tornate drento, ed immediatamente!
E si volete èsse libberati,
che proprio ve sentite impriggionati,
chiedetelo demograticamente -

côr vôto - sissignori! e er sòr padrone
ve lasserà sortì uno per uno
na vòrta che ha votato ciascheduno
de quelli che qui cianno in commugnone

teréno, aia, stalla e gallinaro -
si voteranno la libberazzione.
Ché qua nun ce sta àrtra soluzzione!".
E drento tutti, cor boccone amaro.

"All'òmmini lassàmoli llì a còce
facènn'a meno de le votazzioni:
se romperànno, arfine! li cojôni!
E n sarà solo un aggità la voce!"


Un fatto, una poesia
da Tg4, domenica 6 giugno 2021 (verso le 19,20 o giù di lì…) - Guzzanti inorridisce alla solita cavalcata dei soliti: stavolta sul cadavere del povero ragazzo di colore, suicida … "Razzismo!...Basta!…È colpa di quello…di quell'altro…Ecco la riprova di quanto urgente sia l'approvazione della legge Zan!..." (non sono state le parole usate, ma tutto il senso c'è…e anche di meno di quanto abbiano realmente pronunciato…) la solita Boldrini, il solito Saviano e altri della solita compagnia bella(ciao)…È un treno che va…va…Non c'è stazione…Non ci sta 'cambio', mai..

Piatto ricco…me ce ficco
"A Re'… me sto a schifàmme da pe mme…
Però, tu ce lo sai … me pòi capì…
Nun è pe cattiveria si è così
che stàmo a comportàcce…Sai, chedè…?

È che si fàmo côre, e nun soffiàmo
su certi fatti che ce mànna er caso,
si nu j'avvelenàmo a tutti er naso
côr puzzo de la mmèrda che tiràmo,

noàntri - pe davero! - sémo còtti!...
Noi stàmo in calo, a Re'!...Colàmo a picco!
Perciò, che…<piatto ricco…me ce ficco!>…
Dovémo piàlli ar volo … da gran ghiotti!"

"Te sto a capì, a Ro'…Ma come fai…
Er padre sta a ddì chiaro … (ma è azzittato!)
che qui er razzismo manco l'hà sfiorato!
Nemmanco pònno soffrì in pace…E ddài!!

Lo stanno pure a ddì in televisione
che questa è solo na ciartroneria
pe accomodà na bieca ideologgìa…
Nun t'assecônno, a Ro'!...Sei n gran puzzone!"

"Ma ddài…fàllo pe mme…che ssò n amico…"…
"Amico è n conto, a Ro'…Ma approfittàsse
de n pòro fìo … ce sta da rivortàsse!
N te sto a ddì 'questo'…penzo a …'quell' Enrico'…

La credibbilità - quer che ce vòle -
voi ve la séte bbèlla che giocata…
'Ar lupo!...Ar lupo!'… È ròbba superata!
State a passà pe tante banderòle…
 

Un fatto, una poesia
Fatti di violenza e sangue da parte di arrivati, ignorati…Ma per medesimi misfatti pagine e pagine per giorni…servizi tv, social…Stupri inventati come 'stupri'…se denunciati da personaggi in vista in cerca di altra vista e soldi….Capaci di creare addirittura 'movementi d'opinione' tipo "me too"… Quello della 90enne di questi giorni (mezzo giugno 2021 circa) ha suscitato interesse "zero" anche perché sempre da arrivato, eseguito… Violenze di piazza deprecabili solo se di 'altra parte'… Malati psichici che ammazzano - che si sapevano violenti, e in possesso di armi come il tizio che ha ammazzato i due fratellini (5 e 10 anni) e un ultrasettantenne senza ragione alcuna, a Colle Romito-Ardea-Roma giugno 2021). E la tragedia di Saman Abbas, una delle tante ragazze ammazzate da famigliari per voler vivere in libertà fuori da imposizioni, e conseguente ribellione, es. all'obbligo a sposare chi non si vuole…per un misto tra credenze religiose e tradizioni…che - guai! puntarci il dito contro! (non sarebbe politically-correct). E a fronte di tante tragedie c'è anche il dramma di 'un' 'silenzio' - imposto - in un certo lato dell'informazione, che non può dire di limitare la libertà pur se la troppa libertà può verosimilmente portare a possibili tragedie, misfatti, violenze d'ogni tipo…(effetti collaterali della libertà…). E quel 'Pagine Rosa' contro la violenza alle donne…Rimane un pacchetto di carta… Per quel carabiniere, Mario Cercello Rega…si è inginocchiato qualcuno?...No. Non è fatto di 'interesse'. E anche i preti dissentono (omelia di don Lillo a Palermo un anno fa, ripreso da 'provitaefamiglia', 8 giugno 2021) per far notare che l'eccessivo rafforzar certi diritti, inserito in certe leggi ad hoc, può portare a limitare le libertà di tutti per evitare comportamenti ingiusti a danno di alcuni…contro i quali mal comportamenti - questo è il punto - ci sono comunque! già precise leggi per prevenire e punire. Basta applicarle. Il fatto è che si vuole arrivare a silenziare certe libertà d'espressione e d'opinione. Non certo le libertà di certi trapper che inneggiano a ogni forma di violenza, all'illegalità d'ogni genere, all'uso di droga…che su tanta cacca costruiscono le loro 'fortune'… Ma questo va bene colà dove si vuol che falso e ipocrisia troneggino…

'Collaterali effetti'?
Non son che dei difetti
di un gran disegno in atto…
Che poi sia savio, o matto….(!?!)...
A nessuno interessa:
no a 'profeti'… no a 'pressa'.

Effetti collaterali…
(La notizia divampa - solo se lo vuol la stampa)

Un fatto, di quei fatti sui giornali,
si fa notizia a certe condizioni…
L'annunciano vistosi titoloni
se è d'interesse farlo…O son normali

articoli, o … son solo trafiletti…
O addirittura 'nulla'…!...Il che dipende
dal fatto che sia un fatto che 'ben rende',
o che non 'vende', sotto vari aspetti…

Non deve certo nuocere all'idea
political-correct che va di moda…
Sarebbe come mordersi la coda…!...
uno sfondar la breccia alla trincea….!...

Che è la trincea dove van sparando
non certo colpi a salve!...a idee contrarie…
'Quei della pace', leggi autoritarie!
cercan, con cui di già van minacciando.

Sembra di udire già sparar sentenze
su chi osa dire quel che <non si può!>
d'accordo al 'Nuovo Verbo Sinfasò'
che addita, e quindi affibbia penitenze.

Che …'balle fa girar' perfino ai preti!
Ché - al fondo, c'è il bambino…! Ma: 'avrà affetto!'
E sarà - sol!- 'collaterale effetto'
la pena che … non vedono*, i 'profeti'… *(non vogliono)
 

Racconta nostra storia assai recente
Racconta nostra storia assai recente
che ognuno può aspirare alle alte vette
purché davvero non capisca niente
e voltafaccia sia di forza sette.

E che più la bugia è più evidente,
e più sia cosa che si tagli a fette,
più punti avrà da un popolo cliente
che solo aspetta pioggia di collette.

È anche assai importante che abbia spinte
da parte della parte più di parte
co' essenze di colori ben distinte.

Speranza è che il gran colpo si rinnovi,
per … rose spetalar - con comica arte -
e accrescer spine ai già spinosi rovi.



(postata su ‘sei di Bettona se’ – 10giu2021)

La lunga storia di un grande condottiero che lasciò il segno in varie parti d’Italia terminò a Bettona.
Alla fine di ottobre si ritirò nel suo feudo di Bettona, dove dettò al fedele Cencio Guercio alcune lettere a varie personalità politiche, nelle quali cercò di giustificare il proprio tradimento. Morì, poco dopo, il 24 dic. 1531.
 

QUESTE PAROLE HO LETTO IMPRESSIONATO,
CHE SONO SCRITTE AL SOMMO D'UNA PORTA.
E POI, PIAN, PIAN TUTTO HO RICORDATO….
CHE APPRESSO DICO, PER TAGLIARLA CORTA.
(vedi - qui - foto targa sul portone d'ingresso al Palazzo Baglioni-Malatesta a Bettona).

"Piccola storia di Bettona" - (dal mio "Bettona tra Immagini e Poesia")

La seminò l'etrusco in cima al colle,
e poi, più tardi, l'aquila rapace
volò su lei lassù, e per sé la volle.

Piaceva, come bella donna piace,
Vettona (1) anche pel sol sentito dire.
Perciò non la lasciavano mai in pace,

la cittadella etrusca, e con ardire,
re Tòtila per sé la pretendeva
e scese a guerreggiare e a incenerire.

Ma il bettonese, duro, resisteva
e su, di nuovo, ancor s'alzava fiero
col grande orgoglio che nel cuor teneva,

pregando con fiducia e amore vero
il Santo (2) che gli predicò il Vangelo,
co' un fiore, una preghiera, un voto, un cero.

Ancor nascose i lutti sotto un velo,
portati dal monarca bizantino
per prenderla e goderla sotto il cielo.

Godè, ma non per molto, ché il destino
dominator novello aveva in serbo:
il longobardo duca spoletino.

Passaron sette secoli di acerbo
dominio in cui Bettona sprofondò
nel buio medioevo monoverbo.

Ma ancor risorse, quando vi fondò
un'abbazia il fraticello pio (3)
e allor lo spoletino la donò

al Bianco Padre, e per voler di Dio
la mise in mano a Assisi, e quarant'anni
la tenne questa e poi le disse addio.

Ché il perugino, fece: "Ch'io mi danni
se non la prenderò per me, la "bella"
Già mi son perso troppi….troppi anni!

E è ora che sia mia la cittadella,
che da qui vedo e che non ho mai presa:
andrò, pure se so che si ribella".

Milletrecen-cinquantadue: è scesa
Perugia e bussa greve alla sua porta,
ed accampata aspetta la sua resa.

Il perugin famelico ha la scorta
di armi e cibo e vuole che l'inedia
(per quanto tempo sia non gliene importa),

Bettona sfianchi, intanto che l'assedia
e spara pietre contro le sue mura.
Eroicamente giunge alla tragedia

la cittadella, e pur se ancor perdura
il suo valore indomito, è piegata
da fame e sete e dalla vil bruttura

dell'avida e brutal grifona armata,
e, vinta, sventola bandiera bianca,
ch'è ormai distrutta e è tutt'al suol rasata.

Ma ancor risorge, anche se le manca
il santo trafugato dal non pago
distruggitor, che stupida pollanca

l'avea creduta, e invece più che drago
l'avea trovata, ed il suo vil misfatto,
di sangue gli è costato un vasto lago.

Sta nell'oblio…Ma poi giunge il riscatto
per mano dell'Albornoz cardinale,
che la città resuscita di fatto,

seppur stringendone l'abituale
cintura sua ciclopica e romana,
e eternandone l'aria medioevale.

Sul Borgo ancor sorvola la poiana
che cerca nidi e quello lì è 'l più bello,
e chiama i Trinci, e poi, in carovana,

Baglioni Malatesta, e altro duello
s'impone co' arroganza a tal paese,
che a testa alta ingoia altro fardello.

E San Crispolto, che tra le contese,
al luogo tanto amato era tornato,
vegliava per por limite alle spese

di sangue e vite umane. Mai domato,
sopporta, il Borgo, quella Signoria,
e Malatesta IV ch'è malato,

lì spira. Poi, la lunga egemonia (4)
della famiglia nobil perugina
ha fine, e dopo tanta tirannia

dei conti, un dì, diventa papalina:
Bettona è dello Stato Pontificio.
Ma il tempo spiana pure quella spina:

e alfin, Bettona, è di sé regina.

(1) l'antico nome di Bettona ; (2) San Crispolto.
(3) i Benedettini, che fondarono l'Abbazia di San Crispolto del Piano, nel 1018.
(4) dal 1439 al 1648.

Armando Bettozzi da Bettona


Un fatto, una poesia
Le cronache, raccontano…Riportano le 'cavolate' dette come 'illuminazioni'…come cose di cui gloriarsi…Ce ne stanno tante…Basta sfogliare…
Ma ad ogni cavolata scoperta e raccontata e pubblicamente dichiarata 'cavolata', non se n'è mai preoccupata…ha fatto spallucce…ha detto: "Cattivi!..."… "È che dovevo imparare…ma adesso ho fatto esperienza…E voglio continuare…per il bene di Roma!" …. Che facciatostina simpatica, l'avvocatessa! Fa tenerezza.
                                                                                       PRO-VIRGO-BIS (secônno corzo)

La portrona in Campidoglio …
Più prima de assaggiàlla
nun pare accosì bbòna, quela cosa…
Ma si è bbòna…n fai più la schizzinosa
eh, Virgì!...Vòi sbranàlla!
E ar Campidòjo…mh! che appetitosa!
L'hai assaggiata, e mo'… n vòi più ammollàlla!

Curriculum
Aperti sono i corsi ove s'apprende
a (s)governare Roma. Son richieste:
incompetenze al massimo moleste
da vendere … com' un che truffa, vende.
Come d'uso, si svolgeran dal vivo,
sulla poltrona, in Aula, in Campidoglio
lì, dove il cazzeggiar già ha dato orgoglio,
a certa candidata che re-iscrivo.
Ché sono - i ripetenti - i meglio accetti
giacché già han dato prova consistente
di 'esser-bravi-pur-essendo-inetti'.
Profilo che a lei calza esattamente.
E in più ha ficcati in testa accanimenti
che 'ben-la-fan-veder' da certa parte…
A esempio: sgombri: resta, chi?...Chi 'parte' ?...
Lo … tira a sorte …ideologicamente. *
Inoltre ha sue risorse personali,
di cui ne resterà il famoso detto:
"La funivia..?!..Se non darà diletto,
la sposteremo!"... Doti …eccezionali!
Ma nel CV che può sfoggiar l'allieva
le 'piste-stringistrade' fanno punti!
Lo zoo anche!. Ove oltre ai cinghiali, alleva
gabbiani…sorci…nonché volpini, aggiunti…

*(solo per dire…Occupazione Casapound, via Napoleone III, via! (con gran pubblicità…)…Occupazione 'cinema palazzo', a San Giovanni, con attività di lucro esentasse, dove si dice si spacci…dove s'è fatta pubblica apologia di terrorismo da parte di una che ammazzò, e dichiara di aver nostalgia di quei tempi…resta! (senza pubblicità)…Occupazione prestigioso 'centro donne' a Trastevere, con annesso ristorante di classe esentasse…resta! (senza pubblicità)).

Secônno corso …
Virgigna s'è scritta ar secônno côrzo
pe approfondì quer poco ch'ha imparato
pe grazzia de quer voto strampalato
da chi mo' è tutto pieno de rimorzo…
Però c'è pure chi la sta osannànno…
Ché n sente e n vede…E dorme come in còma,
e nu lo pò capì ch'ha ffàtto a Roma!
Che assai l'ha svergognata…E co che danno!
S'annàss'a ffàsse n côrzo ndo se 'mpara
a èsse in primis tanto più modesta,
e a nun dì bàlle e a nun pià in giro, e in testa
a azzionà er freno … prima che le 'spara'!
 

Chi vede e senza filtri, sa…
Fermiamoci solo ai giorni del coronav…come cosa quasi passata…E a un fatto che invece deve ancora arrivare: il sindaco di Roma, che non si rende conto…e vuole ancora cuocere leccornie da offrire ai cittadini di tanta città.

C'è stato un tempo
Che non è passato

C'è stato un tempo che orchi e fate e streghe
pel mondo se n'andavan…Chi a far guai,
chi ad aggiustare…chi a lenire i lai
chi a metter fine a assurde, antiche beghe…

Usavan filtri e decotti e pozioni
ripieni di magie o bianche, o nere…
Davan prestigio, davano potere…
Succede anche in queste generazioni.

'Favole' eran dette, per dividere
quel ch'è fantastico, dalla realtà,
sovente peggio, come ognuno sa.
e se altro manca…è meglio assai fingere.

E al giorno d'oggi general dettato
è 'finger'!...Sì!...Che vada tutto bene…
Lo impongono orchi…e streghe…e anche sirene…
Ripieni di potere immeritato.

Non con pozioni…Leggi irrispettate!
O scritte contro maghi buoni e fate.
Cuocendo la realtà nel pentolone
e - qual leccornia - offrirla al credulone.
 

Un andamento…una poesia
Il pericolo del 'political-corretc, pensiero unico
Quando la libertà di espressione è offesa: parole che non si possono più dire, attenzione a come ci esprimiamo, a chi ci rivolgiamo, tutti sono diventati sensibili...tutti sono accusati/accusabili fobici di qlcs…L'informazione sceglie che dire, di chi dire, e come dirlo, e soprattutto se! dire!! o no….(basta interessarsi un po'anche di quel che non è sbandierato…), l'avversario politico come nemico da insultare, denigrare senza conseguenze, per chi è allineato…chi non aderisce, o è omo.. o è odiatore…o è …(le varie paroline magiche….).
Quando la corsia unica … è … unica corsia

Unica corsia
Ci spingon lungo un' unica corsia,
che tutti ci tien dentro incanalati,
né lascia sbocchi liberi a altra via,
pe' imporsi … tutti i neo-ideologizzati.

E danno ad invisibile bavaglio
parvenza di equilibrio … che sconcerta!
Ché a nuovo attrito, cede, ché a ventaglio
all'aer annuncia: è dittatura certa!

È del 'political correct' effetto,
perché - via, via, più stanno estremizzando.
Ma i più ben sanno che non è corretto,
perché la Libertà sta agonizzando!

Ché Libertà non mai va estremizzata,
né è estremizzante… né è estremizzatrice
ché a rispettar l'altrui, va educata,
o d'ogni ribellione è genitrice.
 

a Lisa, 7 giugno

Per noi ritornano oggi i nostri 'Sì!'
Per noi ritornano oggi i nostri'Sì!'
Portan con sè un ricordo,
corda di chitarra che sempre accordo
perché sempre il suo suono
ravvivi il dolce incanto di quel dì.
con note sempre verdi…sempre vere
che ancor con te vorrei tanto cantare.

Fioca si fa la luce: è di candela,
e è penombra discreta.
Non servon fari a quel che il cuore anela
e far che la nottata sia più lieta.
Bastiamo noi. Non più.
Per tutto quanto il tempo - di ora, e poi,
noi sopra un aquilone voleremo.

Senza rotaie a segnar - mai - la via,
perché ce la tracciamo noi da soli,
qual liberi aquiloni a fare i voli
pel cielo azzurro…e pur che grigio, sia.

E quando s'appesantiranno l'ali,
cadrem - farfalle quando il tempo scade.
E già solo al pensarlo
s'insinua forte il rosicar d'un tarlo.
Cacciate, rime, tai pensier fatali!

Però, le favole non muoion mai.
E luceran - per noi - al buio - i rai.
 

Un fatto, una poesia
da una quantità di notiziari cartacei e non, ripetuti dibattiti su argomenti specifici…(maggio-giugno2021).
L'ultimo arrivato porta novità…un poco non adatte a questo particolare momento…ma forse neanche nei momenti a seguire…Una carica di ideologie - che se proposte da altri - sarebbero additate al minimo come 'propaganda elettorale'….C'è in mezzo la travagliata - almeno per come è stata per ora presentata (sembrerebbe che vi sia l'insidia pur se velata, di limitare la libertà d'espressione, di pensiero…Lascerebbe molta discrezione ai giudici, e purtroppo, nel modo in cui si sono fatti conoscere - finalmente è venuto fuori 'come colpo di cannone!' - tanti giudici …!...) proposta di legge Zan; lo ius-soli in fretta, il voto ai sedicenni (che però sono sempre considerati minori…irresponsabili ad ogni fatto poco pregevole…Che sono lasciati in balia di rapper (per la maggior parte pseudo-musicisti-cantanti che inneggiano alla violenza - anche specificamente contro le donne, alla droga, contro le forze dell'ordine…), e la tassa di successione per donare ai diciottenni 10mila euro (forse per avere non si sa bene cosa, in cambio…Non è specificato. Ma probabilmente è una falsa supposizione).

Ognuno stacca o non stacca le parole, come vuole…

Letta propone una di letta legge.
Ma non s'avvede forse che non regge.


Idea diletta … per una diletta legge
Per ognuno la legge letta va
nel giusto modo se legge è diletta.
Ma occorre fare tutto in tutta fretta
ché è diletta garanzia di civiltà!

Eletta prova! la diletta lotta
ch'è tesa a chi assai dare, e a chi levare…
E non s'avvede che la gente sbotta.
Ma c'è chi già si sente su un altare.

Diletta idea! E è pur, legge diletta
che tutta da una sola parte pende
nel mentre un'altra tutta se la svende.
Forse è covìd che idea diletta infetta.
 

Sonetto…fobico

Fobia della Fobia
Essendo che di già ce ne son tante
da svenderne a quintali in ogni dove
e ognuna essendo d'altre più importante
da ricordar col sole e quando piove…

e essendo pur ch'è in modo impressionante
che ognuna, per il mondo, folle, smuove
al seguito del guru trascinante
ch'è sempre nuovo e ognun ne inventa nuove…

e - gira, gira - essendo che anche stanca
un tal proliferar che - anche azzittisce -
pe' un quieto viver, quella che ancor manca

con tanta democratica ironia
(che - a volte - dalla mente, anche, fuoriesce)
aggiunto, hanno: "fobia-della-fobia"!

L'ultima, o no, sarà…?
Fobia-di-chi-ha-fobia-della-fobia
inver, sarebbe troppo, ma…chissà!...


Un fatto, una poesia
da linkiesta - 28 maggio 2021 -…dopo l'assoluzione di Uggetti … al Foglio che la modalità con cui i Cinque Stelle accusarono l'ex primo cittadino travolto dalla vicenda politico-giudiziaria <appaiono adesso grottesche e disdicevoli>, frutto dell'<imbarbarimento del dibattito associato ai tempi giudiziari> al quale <anche io contribuii>. "Mai più gogna". Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio scrive una lettera di scuse al Foglio in merito alla vicenda giudiziaria che ha coinvolto l'ex sindaco di Lodi Simone Uggetti, assolto nei giorni scorsi dopo cinque anni con una sentenza della Corte d'Appello per non aver commesso il fatto….Ebbene, continua Di Maio, "con gli occhi di oggi ho guardato con molta attenzione ai fatti di cinque anni fa. L'arresto era senz'altro un fatto grave in sé, che allora portò tutte le forze politiche a dare battaglia contro l'ex sindaco, ma le modalità con cui lo abbiamo fatto, anche alla luce dell'assoluzione di questi giorni, appaiono adesso grottesche e disdicevoli"…."Anche io contribuii ad alzare i toni", ammette, "e a esacerbare il clima. Sul caso Uggetti fu lanciata una campagna social molto dura a cui si aggiunse il presidio in piazza, con tante di accuse alla giunta di "nascondere altre irregolarità"". Ironia della sorte, dopo che Di Maio finì il suo comizio, i giornali diedero notizia di un procedimento d'ufficio a carico di Filippo Nogarin, allora sindaco M5s di Livorno. "Questo tuttavia non mi fermò e non ci fermò". Anzi, "la campagna di attacchi proseguì per settimane e si allargò al governo centrale"….

Le <scuse>…furbe … tièttele pe tte!
Che n ce sei degno…Ma ce fò er bidè!


Ma quale <scusa!>…Un anno de diggiùno!
Sapréssi dìmme a chi vòi dàlla a intènne?!
A Re'…Propio de no…Nun se pò ffà
che infin'ammo' sei stato ad inzurtà…
a starnazzà che tòcca stà a pretènne

che chi è additato è reo immediatamente
senz' aspettà nemmanco er maggistrato…
Ma quànno tòcca a voàrtri n va applicato…!
Ma carc'in-culo e vvia!...si è àrtra ggènte!

Nun pòi stà a scancellà li sbavamenti
che a tutti llì in tivvù ciànn' angustiato,
su st' onesta…che avete sbandierato
pe - solo - aruffianàvve 'i gradimenti…

Ormai - però - ve séte sbuciardati
ner rimagnàvve tutte le intenzioni…
Avète fatto 'i furbi…co finzioni…
Côr rigalà li sòrdi a sfaticati…

E a quer poràccio - tanto pe ddì de uno -
l' avete messo in croce e condannato…
Mo' chiedi <scusa!!>…Mo' ch'è scaggionato!!!...
Ma armeno fàtte un anno de diggiùno!!!

Che fai: inzisti a stà … co le furbate…?!....
Prima, er capestro!...Mo' nu è più de moda,
ciaripenzi…e co … na bbòtta de coda
vòi 'mpressionà … e rivince le giocate…!...


Dopo il genitore1 e il genitore2…l'abolizione del maschile e femminile…dopo il pupo da acquistare al life-supemarket…è nacessaria una grande svolta. Camminiamo 'azampeperaria''…e pensiamo e scriviamo al contrario…Ché intanto, cazzata più…cazzata meno….

len rema id erineticre, arienticre upi…arineticre nome…!...Anu asiepo tatadata ….

Doguense al asci la riotracon
Domon ech non ise upi doton
e cheanne todraqua ise upi,
am totansol assam meforin ise
cheper rie lobel e it glionvo tobrut!

Tipria, domon, meco nu zopoz…
meco af nu nocavul doquan is prea…
meco nu tomoreter ech caspac totut
e iagoin ich lvuo regevolstra al atu rater e li otu rema!

Ich regevolstra levuo li rosiepen…
ich lvuo regetrugdis al atu mania…
li otu docre…al atu nezioditra…li sosenbon…l tear…
Titut liquel…liiagoin len otu neciopan id cofuo.

Loso ransepas el retugliasvo
doquan el zenezstra vrana toperco totut
e l lemanora ravor nartor lemanor.
O, davigra al labol id neposa, rapiescop!


Traduzione
Nel mare di cretinerie…cretineria più…cretineria meno…!...Una poesia adattata…

Seguendo la scia al contrario
Mondo che non sei più tondo
e neanche quadrato sei più
ma soltanto massa informe sei
perché eri bello e ti voglion brutto.

Apriti, mondo come un pozzo…
Come fa un vulcano come quando si apre…
Come un terremoto che spacca tutto…
E ingoia chi vuol stravolgere la tua terra e il tuo mare!

Chi stravolgere vuole il pensiero…
Chi vuol distruggere la tua anima…
Il tuo credo … la tua tradizione … il bonsenso … l'arte…
Tutti quelli, ingoiali nel tuo pancione di fuoco.

Solo passeran le svogliature
quando le stranezze avran coperto tutto
e l'anormale vorrà tornar normale.
O, gravida la bolla di sapone scoppierà!
 

per il 24 maggio

Povera Italia! Viene da dire spesso...Oggi in modo particolare, vedendola in mano alla disonestà di magistratura, di partiti, di approfittatori di tutte le risme, di leggi "contro"...
Oggi in modo particolare viene da pensare a quanto, milioni di più o meno giovani italiani, siano morti invano....
Questa mia poesia è stata 'fatta propria' dalla Rivista Militare N° aprile 2013. Un mio amico ne ha tratto una canzone che a Torino è stata cantata da un gruppo di alpini un giorno che mi trovavo su per ritirare un premio poesia

"Un canto sembra scender giù dai monti"

Un canto sembra scender giù dai monti,
e per le valli par che si diffonda.
Col sibilo del vento si confonde.
è degli alpini il coro, quando al fronte
salivano coi muli e le mitraglie,
la penna nera, e i lor sommessi canti,
per cacciar via invasore e i suoi affronti,
e avere in cambio, forse, una medaglia.
Di su le cime guardano il Paese
che non sa più nemmeno quel ch'è stato…
di quanto sangue, allora fu investito
per una Patria libera, e coesa.
Quanto, oramai, di quei valori resta?
Se l'ascoltasse ognuno, questa eco,
che echeggia ancora, e dà la pelle d'oca,
sarebbe verso essa - almen! - più onesto.

Armando Bettozzi - 24 maggio


Oggi non si può non dedicare momenti a questa data storica, per quello che rappresenta per tutti noi italiani.
Posto tre mie poesie, dedicate.

"…il 24 MAGGIO…"
(1915 - 2021)

Ero sul Piave, il 24 maggio…
E lì son morto per la libertà,
per i miei figli e la mia dignità.
E or d'ogni straniero sono ostaggio.

Armando Bettozzi - 24 Maggio
-------------------------------------------------

"Caro Piave"

Caro Piave d'un tempo ormai andato,
di quanto sangue nostro t'arrossasti
allor che lo stranier s'era azzardato
a prenderti…e tu lo ricacciasti!
Di gloria ti copristi…Altri tempi!
Che eran tempi quando la bandiera
teneva insieme audaci, probi, ed empi,
e amor di Patria senza sicumera...
D'allora in qua cent'anni son passati
e l'acque tue hanno attraversato
- a invader lo stivale, incontrastati -
invasor…che non hanno guerreggiato.
Che entran ginocchioni, o ritti e alteri,
e prendono…dal basso verso su…
Ma non ci sei…come allora c'eri:
no! senza quel valor che hai visto tu.
Pur da dentro saccheggiano tesori
i figli degli eroi che hai conosciuto.
Dimmi, Piave, il lor sangue…i tanti orrori…
l'avresti risparmiati, a aver saputo?

Armando Bettozzi- 24 maggio
-----------------------------------------------------

"Il Piave…mormorò…"

Il 24 maggio di anni addietro
che c'era lo straniero a comandare
e più non si poteva sopportare,
il Piave insanguinato grida: "Indietro!…
Finisce oggi qui la tua baldanza
su questa terra che non è più schiava
ché col suo sangue ogni onta alfine lava
e ai posteri ne lascia rimembranza!"
Ma oggi in troppi l'han dimenticato,
e van controcorrente per il Piave
a dare a ogni straniero quella chiave
che ci han lasciato, lui e ogni soldato.

Armando Bettozzi - 24 maggio
 

Fatti, una poesia
I tempi del virus - Quel ch'è successo e sta ancora accadendo…Da giornali, social, tv giornalieri… 2020 a maggio2021 (incluso il diffondersi della variante indiana, per cui, ancora - ANCORA!!- non si sono presi i dovuti, vitali provvedimento da subito. Tutti i morti, il grave impoverimento diffuso…non hanno insegnato niente a questa classe dirigente. Solo a tenere chiusi ristoranti&bar - gli untori! - e a imporre un inutile coprifuoco…Bravi!

Traccheggia…traccheggia…sbajànno a la grànne
tantissima angoscia…e l'Italia in mutànne.

Si passa davéro…!...
Er fatto, a Re', è che si uno impone <questo>,
ché - ce st'a ddì - ce pòi morìcce, senza -
pe tutto quant'er giorno me sò chiesto
perché - quànno je pare - ce … dispenza…?!?

Eh, ssì! Dovémo propio dìllo chiaro:
o è che ce credi - a quer che dichi e fai,
o metti tutti quanti immèzz' a 'i guai!
E questo n se pò ffàsse, amico caro!

La gran piazzata de li meneghini
pe lo scudetto…e tutte l'ammucchiate
p'er 25…E tutte ste scappate
de sick … e tutti queli cittadini

pressati in metro e busse…Tutto a posto?!...
Ve pòssin'ammazzàvve!... 'I ristoranti!
li bar!…pe vvoi sò lloro l'infettanti!
Ma - grazzieaddio - n ve se sò ffatti aròsto!

Ma ancora stann'a ddì: "È na cosa nòva…"
(ma ssò passati già quindici mesi…!)
e: "Stann'a ffà così anche àrtri paesi!…"
Ma n dìcheno ch'er sòrdo, llì, se … trova!

E … chiacchiere…E ... cazzate a sprofusione!
Poteva tutto quanto fàsse mèjo!
Com'è lampante, mo' che c'è uno svéjo…
Ma… e pe li danni de la malgestione? …!...

Ve state a rènne conto der disastro
de avé da mane-a-sera li scenziati
che gùfeno…E che mmo' sò diventati
li bbèlli divi drent'ar giornal-mastro?! ../.

./..

Che stanno uno coll'àrtro a stuzzicàsse…
come sull'aia fanno li tacchini..
O ffànno li pavoni … li paìni
(poche eccezzioni) sempre llì a mostràsse…

Er cammiamento è arquanto striminzito!
Quer poco, certo, sì! Ma ce spiegate :
côr coprifòco - che ce litigate -
volete fà vedé chi è 'r più 'mpunito?!

È er traccheggià…È questo che ve piace…
Ché o prima o poi - de certo - passerà…
E allora: "Avete visto? " strillerà
er…'bravo' llì de turno…o 'r più incapace'…

Ma er danno che nun passa…e s'è aggravato
ché- ner fratanto - er povero è cresciuto,
senza manco no straccio de aiuto,
l'averéte, o nnò! considerato?...!...

Speràmo…ner vaccino, e ner Signore
che tutto quanto vada a finì bbène…
Sàrvo penzà a siquante meno pene
se potéveno avé…e meno dolore!

Ùrtima guèra mo' è la 'spartizzione'
der 'grano', grazzieadio!, puro si ingrossa
er debbito che … c'è chi se l'addossa…
Er che gne frega più…a … l'istituzzione.

Però…sarà un probblèma, si davéro
passerà tutto…ché…ma che farànno
tutti 'i 'tivvùisti'!...Pe lloro è n danno…
Eh, sì!...Un 'ristoro'!...Fàmoce un penziero.
 

Un fatto, una poesia
da repubblica.it, esteri - 11 aprile 2021 - Papa: condividere proprietà non è comunismo, è cristianesimo allo stato puro. Francesco torna questa mattina su un tema già affrontato nella "Fratelli tutti": "Il diritto di proprietà è un diritto naturale secondario"….passo degli Atti degli Apostoli che racconta che "nessuno considerava sua è proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loto tutto era comune". "I discepoli 'misericordiati' sono diventati misericordiosi". Per loro "condividere i beni terreni è sembrato conseguenza naturale. Il testo dice poi che 'nessuno tra loro era bisognoso'". Già nel novembre scorso il Papa aveva parlato della proprietà privata e del fatto che il suo diritto "non è intoccabile". In una riflessione rivolta ai giudici di America e Africa che si occupano di diritti sociali aveva detto che occorre costruire una "nuova giustizia sociale partendo dal presupposto che la tradizione cristiana non ha mai riconosciuto come assoluto e intoccabile il diritto alla proprietà privata" e ne ha sempre invece sottolineato "la funzione sociale". "Il diritto di proprietà - aveva detto - è un diritto naturale secondario derivato dal diritto che hanno tutti, nato dal destino universale dei beni creati". E ancora: "Non c'è giustizia sociale che possa essere fondata sulla disuguaglianza, che implichi la concentrazione della ricchezza". da liberoquotidiano, 14 aprile 2021 Papa Bergoglio è tornato a mettere in discussione la proprietà privata (che "non è intoccabile") e a parlare di comunismo. La prima lettura della messa di domenica gliene ha offerto l'occasione e lui ha commentato: "Gli Atti degli Apostoli raccontano che "nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune". Non è comunismo, è cristianesimo allo stato puro". In effetti, condividere i propri beni non è affatto comunismo. Quando hanno preso il potere, i comunisti hanno condiviso i beni altrui, anzi hanno preteso di abolire la proprietà privata in nome della proprietà statale. Che poi è il dominio del Partito. Tuttavia è assai discutibile che quella pagina degli "Atti degli apostoli" sia "cristianesimo puro". Inoltre usare quel passo per discettare di economia e di politica, come fa Bergoglio, è storicamente infondato. Repubblica considera le sue parole "una sfida al capitalismo" e Stefano Zamagni, presidente della Pontificia Accademia delle scienze sociali (cioè l'economista di Bergoglio), le connette all'articolo 43 della Costituzione. Tutto assurdo. Intanto perché gli Atti parlano di una scelta libera e volontaria dei fedeli, non di costrizione o legge. Inoltre è una comunità religiosa, non lo Stato: guai a sovrapporre le due cose. Lo fanno gli islamici con la Sharia, ma il Vangelo invita a distinguere fra Cesare e Dio. Dissidi e risentimenti - In secondo luogo, gli Atti dicono che "quanti possedevano campi o case li vendevano" e deponevano il ricavato "ai piedi degli apostoli" perché fosse distribuito. Quindi non c'era la "Chiesa povera" vagheggiata da Bergoglio, ma il contrario. E, com'è noto, quella redistribuzione dei beni produsse dissidi e risentimenti nella comunità cristiana: un esito moralmente fallimentare. Ma chi conosce il Nuovo Testamento sa che quell'esperimento di (presunto) "comunismo cristiano" fu anche un disastro economico (la Chiesa ha sempre evitato di imitarlo), come, in seguito, il comunismo ateo. Infatti, prima i cristiani di Antiochia (At 11,29) e poi san Paolo stesso (2 Cor) dovranno fare delle collette per quei fratelli "comunisti" che erano finiti in gravi difficoltà (Romani 15,26-27). La tanto decantata comunione dei beni di cui si vantava la comunità di Gerusalemme, dicendo che "nessuno tra loro era bisognoso" (At 4,34), era fallita.
da svariata documentazione dal vivo su 'FuoridalCoro' in varie trasmissioni aprile-maggio 2021.

Come apprendon bene, a … rubar le case
se c'è uno Stato messo fuori fase….
Francesco stesso è un…anti-proprietà…
Se questo non è - inver - spingere a … (!) …
Divisione dei beni … o … divisione
dei fedeli dalla sua … opinione … !?

Ladri di casa
Ladri di case…Stato è KO!
Se a me la rubano, cosa farò!
E se ci resti … fuori proprio tu,
che da gradasso guardi da su in giù
chi casa sua 'pretende' sia per sé
dirai al ladro: "Prendila, è per te!"…?!?...

Dacci le prove!...Quando l'avrai fatto
-e solo allor - te ne daremo atto.

C'è quella carta…la 'Costituzione'
sempre cantata, sempre sbandierata…
Se 'vale', invero, vale a ogni occasione,
e non può esser 'secondum desïata'!…

E chi è preposto a farla rispettare
o quel mestiere fa…o <rinunciare!>…
Diversamente crèansi tensioni…
da cui ci scampi il cielo e le fazioni.

Ma la realtà - occorre prenderne atto -
dimostra che lo Stato - ahinoi! - parteggia
pei delinquenti pronti a 'dar-di-matto'
ben consci dell'impunità che aleggia.
 

 

                         

foto testi da ilpost.it 29apr2021                            foto da fanpage.it, 20 aprile 2021


Il lungotevere in questione si trova in pieno centro, all'altezza di Castel Sant'Angelo. Qualcuno ha segnalato che in quel tratto i sanpietrini della banchina sono in effetti dissestati e pericolosi per chi va in bicicletta, e che quindi era necessario sistemarli. È un obbrobrio. Ma chi come me lo frequenta, cercando ogni volta di non di rompersi una caviglia correndo, sembrerà un progresso. Imperfetto e brutto ma meglio di niente. Dalla rivoluzione al meglio di niente potrebbe essere persino uno slogan che fa arrivare al ballottaggioPer la maggior parte, però, il tenore generale dei commenti è sarcastico e si concentra sul risultato estetico giudicato molto al di sotto degli standard di una capitale. Peraltro, l'amministrazione di Raggi….
da fanpage, 20apr2021- Polemiche per il lungotevere asfaltato, Meleo:"Lavori ancora in corso. Fuorviante dare giudizi affrettati"
L'immagine dei sanpietrini asfaltati ha scatenato l'indignazione di cittadini e politici di Roma. Non sono mancate le polemiche contro l'Amministrazione capitolina, dirette soprattutto contro la sindaca della Capitale, Virginia Raggi. Sul tema è intervenuto Carlo Calenda, leader di Azione e candidato alle prossime elezioni comunali, postando sul suo profilo Instagram una fiaba in chiave ironica: "Una mattina la sindaca di Roma si svegliò corrucciata e chiese al pittore di corte Calabrese: 'come possiamo ulteriormente deturpare questa città ingrata?'. 'Mia sindaca, rispose il pittore, abbiamo fatto tutto il possibile per punire i romani: sporcizia, traffico, declino. Abbiamo rinunciato alle Olimpiadi e cancellato il Colosseo per far capire ai romani quanto indegni essi siano'. 'Non mi basta!'. 'Potremmo, o magnifica sindaca, buttare una colata d'asfalto sul Tevere?' 'Ecco si mio diletto così va bene, procedi', e così fu". Rapida la replica dell'assessore Meleo: "Dare giudizi prima della fine dei lavori è prematuro e fuorviante per i cittadini, soprattutto per i ciclisti che la utilizzeranno, una manutenzione che non veniva eseguita da oltre 15 anni".


Necesse est reprimenda
"Guarda quant'era bello lungofiume…"
"È vero, sì! …Con la banchina nera
per ricoprir lo sconcio di altra era
con la … 'colata-artistica-al-bitume'!"

"Però - peccato! adesso, quel lordume
che offende…!...Io, la striscia, vorrei che intera
fosse rimasta! Tale e qual com'era!
Ma…<il vento cambia!>…E cambia anche il costume…"

"È vero, sì! Son quei…'campidoglini'
Unni!!...A lasciar solo una striscia liscia
per far vedere marmi e sampietrini…!..."

"È vero! Sì!...Una cosa proprio orrenda!
Quant'era bella! Prima di esser…striscia….
Giunta ottusa!...'Necesse est reprimenda'!"

Intanto, forse, un gran bel …'bravi!'urlato,
può indirizzarsi a chiunque abbia firmato.Al Teatro dei Pupazzi,
quante risa…quanti lazzi!

    


Lo Speciale Carnevale - 2021
Che peccato…Ma non vale!
C'impedisce il Carnevale!
questo…nulla….virulento
invisibile, ma attento
a colpirci in un baleno
quando l'aspettiam di meno.
Quando più siamo distratti,
poco attenti… O un po' da matti
ci mettiamo a comportarci
con il rischio d'ammalarci.
Quando non facciamo caso
che ci si è scoperto il naso,
ché la mascherina cala
e un contagio ci…regala.
Quando un po' sbadatamente
ci accostiamo all'altra gente…
E la febbre ci colpisce,
e però non si capisce
bene subito cos'è…
Tutto questo…Ma perché?!

Abbiam perso Carnevale!
Ma non è quel grosso male
che ci stiamo immaginando.
E perciò, tristezze al bando!
Per poterci sollazzare
basterà stare a guardare
quei pupazzi e marionette
sulla 'quattro' e sulla 'sette'
per davvero un grande spasso
tra bisticci e tanto chiasso,
tra bugie-allunga-nasi,
quando gridan come invasi
le ragioni più insensate
che ci smuovon le risate
ma anche rabbia…Eh, già!...Eh, sì!
Carnavale - oggi è così!


Un fatto, una poesia
Entro il 30 aprile 2021 è stato consegnato il Piano per ottenere dall'EU il promesso Recovery Fund, poco a fondo-perduto, e tantissimo a buffo! Che - non si sa per quale magia adesso non 'fa più aumentare il mostruoso e terribile debito pubblico' che fino a pochi mesi fa rappresentava il tabù che impediva di - non solo ottenere - ma addirittura di - chiedere! - un piccolo, minimo sforamento...e bla…bla…bla….eeeehhhh!!!!!! Ma dove-e-quando-e-da-chi si vuol-quel-che-si- puote….!... Noi … 'più non dimandiamo'… !...

Sarà che … alla fine, dovremo ringraziarlo questo maledettissimo coronavirus ?!? Ai posteri, l'ardua sentenza.

Li sòrdi a pioggia…'a-la- quaia-a-la-quaia'!
Si n ciai le mano, o ce l'hai impedite …è propio n momentàccio!

"a -la-quàja-a-la-quàja" ! ***
***(modo di dire in auge fino a qualche decennio fa…per dire che chi era attento e svelto acchiappava quel che qualcuno gettava nel mucchio per vedere i ragazzini darsi da fare e anche azzuffarsi per acciuffare il più possibile… )

"Penza te, a Re', io, si-che-sto-a-penzà…
Potrebbe anche paré na cosa scema,
ma…Eh, già!…ce sta quer 'ma' … sempre quer 'ma'…
che pò anche paré un gnènte…Nu è n teorema…

Ma metti che ciariverà davéro
st'alluvione d'euri da affogàccese…
Che ciannerémo a 'ntigne … nu è un mistero…!...
Si anche se potrebbe rinfacciàccese.

Ché avòja a ddì:<È già scritto er quanto, e ar chi…>…
Ma perché…l'àrtre vòrte nu era, scritto?
E t'arisurta ch'abbi fatto sì
de negà er modo ar dritto e a chi sta zitto?!"

"Capito, a Ro'!!…Stai a ddì li poràcci
che propio mo' se pèrdeno na mano…!...
je pìa n'artrite blocca-mano-e-bracci:
n pònno allungàlle e hann'aspettato invano…!...

E così, addio 'a-la-quàja-a-la-quàja' …
N se pònno manco mozzicà le mano!
Sarebbe pe davéro disumano!
vedé l'inzogno bbèllo che … se squàja!"

"Se pò anche penzà all'arto-artificiale!
E a ffà la cura adatta a scaccià er male…
De modo che - de tutt'er mucchio - acchiappi
na bricioletta - arméno - e…nun! t'attacchi!"


Un fatto, una poesia
da romatoday, 19 aprile 2021 - Variante indiana a Roma, screening a Fiumicino su volo "sospetto": il 9% era positivo al Covid. - La variante indiana arriva anche a Roma. Il Ministro della Salute Roberto Speranza, ieri, ha firmato una nuova ordinanza che vieta l'ingresso, da qualsiasi punto di confine, a chi negli ultimi 14 giorni abbia soggiornato o transitato anche in Bangladesh oltre che in India.
Alle 23 di mercoledì, all'aeroporto di Fiumicino, le Uscar della Regione Lazio guidate da Pierluigi Bartoletti e Stefano Marongiu, Adr, la Protezione civile e le Forze dell'ordine hanno ispezionato un volo "sospetto", atterrato dall'India alle 21.15 all'Aeroporto di Fiumicino: a bordo 213 passeggeri e 10 componenti dell'equipaggio.Alle ore 22 sono iniziate le operazioni delle Uscar che sono andate avanti fino a tarda notte. In 23 sono risultati positivi ai tamponi (percentuale positivi a bordo 9%). Sono risultati positivi anche due componenti dell'equipaggio.
"Siamo ora in attesa dei risultati del sequenziamento per la ricerca delle varianti da parte dell'Istituto Spallanzani…." assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.Nel frattempo la Regione è sulle tracce di circa 300 indiani arrivati prima dell'ordinanza del ministro Speranza. La guardia deve comunque restare alta, come sottolinea anche il sindaco di Fiumicino Esterino Montino: "Esattamente come durante il lockdown dello scorso mese, il problema rischia di essere la triangolazione, ovvero coloro che, per aggirare il blocco dei voli dall'India, passa da altri Paesi prima di giungere in Italia". "Chiedo dunque al ministro degli Esteri Di Maio di attivarsi immediatamente per evitare questo rischio - conclude il sindaco - e per tenere sotto controllo la situazione nei nostri aeroporti e, di conseguenza, nelle nostre città"."

Italia colabrodo…Passa tutto…L'ultima: passeggeri a Fiumicino da una terra in preda alla 'Variante indiana'…Problema discusso a Stasera Italia, 29 aprile 2021 - 23 positivi - circa trecento scappati in zona Latina…Si stanno cercando…
Può essere che intanto stiano bloccandoli, i voli…Ma questa misura non doveva essere già stata presa prima che partissero/sbarcassero passeggeri da quella terra?...Di cui già! si sapeva?!E per il rischio 'triangolazione' si aspetta, che?!...Wuhan, insegna! Cioè, dovrebbe…ma sembra di no.

C'era un gioco, che diceva così:

"È arrivato un carico di…"…
Che ci hai portato di bello stavolta?
Sì, passeggeri…sì, cargo, e equipaggio,
ma stan dicendo: "C'è pure - in omaggio -
di virus-varianti … un'ottima scorta.

No!...Non gli stessi che già ben sappiamo!
È produzione che - a quel che si dice -
pare davvero d'indiana matrice,
che ci mancava … e adesso l'abbiamo.

Non ha importanza da dove proviene…
Quel che impressiona qui, è - al solito - il modo
di (s)governare, che a tutto dà approdo,
e non importa se aggiunge altre pene

a quelle tante! - che stiam sopportando
contro "quel male" che sol può finire
con il 'fallir-che-s'ottien-col-proibire'.
E a questi arrivi…nessun sta badando? !

Da dire: Ehi, voi!...A che gioco giochiamo?!.
Che - giusto, o no - e che - però - ci chiudete:
se è un virus, che plana …non lo temete?...
Se il male…cresce…con chi la prendiamo?

Col coprifuoco da alcun disatteso?!
Con il caffè preparato in tazzina?!
Con la nuotata ed un tuffo in piscina?!
Chi - col contagio, è fuggito - l'hai preso?!...
 

Primo Maggio 2021. Piove. La festa del lavo-ro/ratore…langue…come il lavoro…

Un Primo Maggio diverso
sull'aria di "Bella ciao"


Primo Maggio … del…disoccupato
Il Primo Maggio mi sono alzato,
volevo andare a fare il solito pic-nic…nic-nic
Però pioveva!...Non ho potuto!
E son rimasto qui a dormir.

Ed ho pensato che è stato meglio,
perché se andavo era uno sgarbo a chi non ha…non ha…non ha
non ha lavoro, è…disoccupato!
e di che festa stiamo a dir!

Disoccupato, non disperare,
verrà un bel giorno che anche tu lavorerai…ai…ai
Se non verrà-a, del cittadino,
avrai quel reddito anche tu.

Non disperare, ci penseranno
le cinque stelle che qui in terra stan brillando…ando…an
Diversamente te lo daranno
le mille stelle lassù in ciel.

Auguri, amico, possa tu avere
la dignità che col lavoro, sol, si ha…si ha…si ha
tu possa averlo, o disoccupato!
Noi lo speriamo insieme a te.


Un fatto, una poesia
da una testata a caso: lastampa.it, 19 aprile 2021- Beppe Grillo grida come un pazzo. E batte i pugni. Si indigna. Attacca la Procura che accusa suo figlio Ciro di violenza sessuale di gruppo. E si sconvolge perché i giornali ne parlano. "Perché non li avete arrestati?" urla ai magistrati, dimenticando che senza la flagranza di reato non si può. "E' innocente, non lo capite che è innocente?".Ondeggia, agita le mani, emette sentenze, concentrato sul suo comprensibile dolore di padre, dimenticandosi della presunta vittima. Considerandola una bugiarda, comunque una comprimaria in questo dramma grillocentrico. Quella ragazza ci ha messo otto giorni per andare a denunciare il fatto. E allora come si fa a crederle? Allora non è tutto chiaro? Quante volte l'abbiamo sentita questa cantilena, prima che la giustizia ristabilisca - in un senso o nell'altro - la verità dei fatti.Fa male che a recitare la nenia velenosa stavolta sia un signore che usa il sarcasmo come una clava per condannare chiunque gli sembri diverso da sé. Per consegnare al tribunale del popolo le imperfezioni, gli sbagli, le piccole o grandi presunte malefatte di un circo di potere di cui è parte integrante. Al punto da partecipare ad ogni consultazione di governo e di indicare il nome di ministri, che poi il destino dei magistrati lo stabiliscono direttamente. Il Creatore del Movimento dei diversi, questa volta non gioca più, e torna ad essere il più uguale degli uguali, l'italiano tipo. Spietato sulle supposte colpe degli altri, garantista e orripilato (giustamente) quando in ballo c'è il futuro del suo bambino, per il quale scende in campo terremotando il sistema. Immaginate se lo facesse Salvini. O Letta. O, se avete voglia di ridere, Draghi. Ma lui è lui, un uomo da sempre più perspicace che profondo. E la ragazza? Chissenefrega della ragazza.

Vagheggia amor…Vagheggia comprensione
chi amore dà…Chi comprensione dona.
Ma tu vagheggi, e preghi: "Deh! Perdona!..."
Ma non sei quel di "Onesti, o no…<In prigione!>" !?!
a.b.


Neo-Adattismo
Da cabaret, a commedia, a melodramma
nulla mancar s'è fatto lo showman
che per quest'arte sua, in potere tien
chi a tanto suo esibir s'adatta e infiamma.
Conquiso l'ha col far giustizialismo,
feroce! senza neanche porre mente
a colpa, o a innocenza della gente
da eliminar pel proprio suo …avanzismo
Soltanto usando il becero cinismo
del "vaffanculo!" urlato nelle piazze
sfruttando autorità nulle e paonazze
pronte a pronarsi fino al servilismo.
Perché il potere - oggi - è 'adattismo'
mai visto così tanto smisurato,
e sregolato, come se figliato
da Nullità congiunta a Disfattismo.
Tant'è…!...E infatti, l'affabulatore
piagnucola e - anche - urla: "Autorità!
Finché non è provata la reità,
è grave abuso…! È un far da dittatore…!...
tener chi ancora non è processato
sopra le ortiche…sui carboni ardenti,
nella vergogna, in bocca a strafottenti
come fino a ier…son io stesso, stato!"

Ma no… "Perdono!"… "Scusa!" non l'ha chiesto…
Si crede ancor che col suo urlo pazzo
può incuter simpatia…Ma quell'andazzo …
… <ploff!>…Ed egli è ora - ancor più - indigesto.
…………. … ……….. … ……………….
"Capito, a Ro'…Ma quent'è furbo, questo!?"
"Che furbo, a Re'…Pe mme è solo n poràccio…
Da sempre, a Re'…Si piagne o fa 'r pajàccio,
è sempr' er 'lui' der <dentro-anche-a-chi-è-onesto>
si me se vòle métte de traverzo!".
"È giusto! Solamente, me fa spèce,
che er gran-giustizzialista, adesso, invece,
piagnucola!...Ché er fato je fa er verzo!"
 

esse troppo de parte
nun è mai un'arte.

L'eroe vijacco
(giustizzia ingiusta alla fattoria…Ralella)

Ce stava na faina intraprennente,
de zampa lesta ma un po' vijacchetta
che s'avantava d'esse inteliggènte
e a fame era n'autentica forchetta.

Annava a caccia in ogni notte scura
perché sinnò potevano acchiappàlla;
così la vita sua era sicura
quann'è che se 'nfilava ind' una stalla,

o in tutti li pollai der vicinato.
Un giorno se ne fece na trentina
tra polli e gallinelle e, senza un fiato,
se la squajò de corsa, 'sta faina.

Nun ve so ddì si quelo che successe!
Er granne gallo capo era na furia:
chiappò trecento mici e poi je lesse
un fojo, dice: "Laverò 'st'ingiuria

cor sangue de voi tutti, e 'n sò fregnacce!
Ve sbecco a uno a uno, si 'n viè fòra
l'eroe venuto qui per ammazzàcce,
e si nun viè, da-sé se disonora!"

Te pare che s'annava a presentàsse ?
Appena che sentì quela sentenza
tremànno come si se congelasse,
scappò, sapènno de la conseguenza!

Quei pòri gatti furno trucidati,
e er grànne eroe ancora fa er pavone.
Quei morti mo sò sempre ricordati
da tutte le crature de l'urione,

e l'oche testimone der misfatto
ce l'hanno - giustamente - cor gallone,
ma all'animale ch'ha portato ar fatto
nu stanno a dije manco: "A gran puzzone !!".
 

Un fatto, una poesia
da liberoquotidiano, 21 aprile 2021 - Confermato il coprifuoco fino alle 22, ristoranti aperti anche al chiuso, ma solo a pranzo e solo da giugno. Sono due dei passaggi più rilevanti del decreto Covid licenziato dal consiglio dei ministri, ma senza il voto della Lega che si è astenuta in segno di protesta. Un grosso caso politico, con Matteo Salvini e il premier Mario Draghi contrapposti frontalmente e, riferiscono i retroscena, protagonisti di un duro scambio di vedute.
da liberoquotidiano 22aprile 2021 - Adesso Mario Draghi ha paura. Dopo lo strappo della Lega, che si è astenuta sul Decreto Covid, per protesta contro le misure prese su coprifuoco e aperture dei locali, il premier teme che Matteo Salvini possa sfilarsi dalla maggioranza. Significherebbe di fatto ricostituire uno scenario "alla Conte", un governo giallorosso-bis (con l'aggiunta di Forza Italia, certo, ma in posizione minoritaria e sulla via dell'estromissione) che sarebbe il contrario di quanto chiesto a suo tempo dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la fine del "governo di unità nazionale". La fine di Draghi.
da liberoquotidiano, 21 aprile 2021 - "Con il governo noi andiamo fino in fondo. Penso che siamo i più leali alleati di Mario Draghi". Così Matteo Salvini ha risposto a una domanda sul futuro dell'alleanza che sostiene l'attuale esecutivo. Nessun passo indietro della Lega, nonostante abbia deciso di non votare il decreto legge sul Covid, all'interno del quale non è stata accolta la richiesta di prorogare il coprifuoco dalle 22 alle 23. "Fossi nel presidente del Consiglio - ha aggiunto Salvini - mi guarderei da quelli che sorridono, chinano il capo e dicono sì davanti, e poi dicono tutt'altro quando girano l'angolo. La Lega ha una parola".

 

            
immagini da internet

"Daj!! È sonata la svèja!! Corémo, ché ce chiùdeno er portone!"
"Sì, ma armeno, fàmme tirà su st'ùrtimo boccone!..."


La guèra de le ore
No!…Quella era la 'Danza! de le ore'….
Ch'era tutta àrtra cosa, e propio gnènte
cià a che ffà co sto modo assai demente
de fàsse guèra a sòn de…contatore…

de svéje…de clessidre…e de sestanti
che stànn'a ffà sti ggiorni, 'i 'chiusuristi'
pe rompe all'alleati 'aperturisti'…
pe er <de profundi> a bar e ristoranti.

Ma er fatto è che è in quell'ora propio llì,
tra dieci-e-undici…e anche mezzanotte
ch'er virus viè a 'ttaccàcce!...Se ne fotte!
de 'i bus strapieni ndo'…n pò entrà o sortì!
Un fatto, una poesia
da una testata a caso: lastampa.it, 19 aprile 2021- Beppe Grillo grida come un pazzo. E batte i pugni. Si indigna. Attacca la Procura che accusa suo figlio Ciro di violenza sessuale di gruppo. E si sconvolge perché i giornali ne parlano. "Perché non li avete arrestati?" urla ai magistrati, dimenticando che senza la flagranza di reato non si può. "E' innocente, non lo capite che è innocente?".Ondeggia, agita le mani, emette sentenze, concentrato sul suo comprensibile dolore di padre, dimenticandosi della presunta vittima. Considerandola una bugiarda, comunque una comprimaria in questo dramma grillocentrico. Quella ragazza ci ha messo otto giorni per andare a denunciare il fatto. E allora come si fa a crederle? Allora non è tutto chiaro? Quante volte l'abbiamo sentita questa cantilena, prima che la giustizia ristabilisca - in un senso o nell'altro - la verità dei fatti.Fa male che a recitare la nenia velenosa stavolta sia un signore che usa il sarcasmo come una clava per condannare chiunque gli sembri diverso da sé. Per consegnare al tribunale del popolo le imperfezioni, gli sbagli, le piccole o grandi presunte malefatte di un circo di potere di cui è parte integrante. Al punto da partecipare ad ogni consultazione di governo e di indicare il nome di ministri, che poi il destino dei magistrati lo stabiliscono direttamente. Il Creatore del Movimento dei diversi, questa volta non gioca più, e torna ad essere il più uguale degli uguali, l'italiano tipo. Spietato sulle supposte colpe degli altri, garantista e orripilato (giustamente) quando in ballo c'è il futuro del suo bambino, per il quale scende in campo terremotando il sistema. Immaginate se lo facesse Salvini. O Letta. O, se avete voglia di ridere, Draghi. Ma lui è lui, un uomo da sempre più perspicace che profondo. E la ragazza? Chissenefrega della ragazza.

Vagheggia amor…Vagheggia comprensione
chi amore dà…Chi comprensione dona.
Ma tu vagheggi, e preghi: "Deh! Perdona!..."
Ma non sei quel di "Onesti, o no…<In prigione!>" !?!
a.b.


Neo-Adattismo
Da cabaret, a commedia, a melodramma
nulla mancar s'è fatto lo showman
che per quest'arte sua, in potere tien
chi a tanto suo esibir s'adatta e infiamma.
Conquiso l'ha col far giustizialismo,
feroce! senza neanche porre mente
a colpa, o a innocenza della gente
da eliminar pel proprio suo …avanzismo…
Soltanto usando il becero cinismo
del "vaffanculo!" urlato nelle piazze
sfruttando autorità nulle e paonazze
pronte a pronarsi fino al servilismo.
Perché il potere - oggi - è 'adattismo'
mai visto così tanto smisurato,
e sregolato, come se figliato
da Nullità congiunta a Disfattismo.
Tant'è…!...E infatti, l'affabulatore
piagnucola e - anche - urla: "Autorità!
Finché non è provata la reità,
è grave abuso…! È un far da dittatore…!...
tener chi ancora non è processato
sopra le ortiche…sui carboni ardenti,
nella vergogna, in bocca a strafottenti
come fino a ier…son io stesso, stato!"

Ma no… "Perdono!"… "Scusa!" non l'ha chiesto…
Si crede ancor che col suo urlo pazzo
può incuter simpatia…Ma quell'andazzo …
… <ploff!>…Ed egli è ora - ancor più - indigesto.
…………. … ……….. … ……………….
"Capito, a Ro'…Ma quent'è furbo, questo!?"
"Che furbo, a Re'…Pe mme è solo n poràccio…
Da sempre, a Re'…Si piagne o fa 'r pajàccio,
è sempr' er 'lui' der <dentro-anche-a-chi-è-onesto>
si me se vòle métte de traverzo!".
"È giusto! Solamente, me fa spèce,
che er gran-giustizzialista, adesso, invece,
piagnucola!...Ché er fato je fa er verzo!"
 

 

Fatti, una poesia
da liberoquotidiano, 8 aprile 2021 - …"Le manifestazioni di piazza di ristoratori e ambulanti dominate da fascisti e infiltrati? … non è manco commentabile", esordisce col botto il giornalista e conduttore de La Zanzara, su Radio 24, replicando al deputato del Pd. "Come in tutte le manifestazioni del mondo c'è qualche imbecille che va condannato e che vuole fare il gradasso e prendersela con la polizia". ( In un talkshow K.Davi ripeteva a cantilena che in piazza bisogna andarci col sorriso! Non proprio queste parole, ma questo è il senso).
da ilgiornale, 14aprile 2021 - da ilgiornale, 14 aprile 2021 - Zaki, Senato approva mozione per cittadinanza italiana. …avviare tempestivamente le necessarie verifiche per concedere la cittadinanza italiana …detenuto da oltre un anno in Egitto, e a intraprendere ogni ulteriore iniziativa presso le autorità egiziane per sollecitare l'immediata liberazione.
da iltempo, 13 aprile 2021 - …Malika, ragazza di 22 anni…insultata, cacciata di casa, minacciata di morte in quanto lesbica e innamorata di un'altra donna e non di un uomo. I genitori, per impedirle di rientrare a casa, hanno cambiato la serratura…quando in compagnia dei Carabinieri, si è presentata all'abitazione per riavere indietro quantomeno i vestiti, la madre ha risposto così agli agenti:"Io non so chi sia questa persona".
Feminist Post svela però un particolare che è stato "deliberatamente omesso dai media, ovvero che il padre di Malika è di cultura musulmana"… colpiscono le minacce del fratello Samir: 'ti taglio la gola', 'sei una tumorata lesbica'".
da larepubblica, 11 aprile 2021 - …Francesco torna questa mattina su un tema già affontato nella "Fratelli tutti": "Il diritto di proprietà è un diritto naturale secondario" Già nel novembre scorso il Papa aveva parlato della proprietà privata e del fatto che il suo diritto "non è intoccabile". In una riflessione rivolta ai giudici di America e Africa che si occupano di diritti sociali aveva detto che occorre costruire una "nuova giustizia sociale partendo dal presupposto che la tradizione cristiana non ha mai riconosciuto come assoluto e intoccabile il diritto alla proprietà privata"….
da liberoquotidiano, 14 aprile 2021- Papa Bergoglio è tornato a mettere in discussione la proprietà privata (che "non è intoccabile") e a parlare di comunismo. La prima lettura della messa di domenica gliene ha offerto l'occasione e lui ha commentato: "Gli Atti degli Apostoli raccontano che "nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune". Non è comunismo, è cristianesimo allo stato puro". In effetti, condividere i propri beni non è affatto comunismo. Quando hanno preso il potere, i comunisti hanno condiviso i beni altrui, anzi hanno preteso di abolire la proprietà privata in nome della proprietà statale. Che poi è il dominio del Partito. Tuttavia è assai discutibile che quella pagina degli "Atti degli apostoli" sia "cristianesimo puro". Inoltre usare quel passo per discettare di economia e di politica, come fa Bergoglio, è storicamente infondato. Repubblica considera le sue parole "una sfida al capitalismo" e Stefano Zamagni, presidente della Pontificia Accademia delle scienze sociali (cioè l'economista di Bergoglio), le connette all'articolo 43 della Costituzione. Tutto assurdo. Intanto perché gli Atti parlano di una scelta libera e volontaria dei fedeli, non di costrizione o legge. Inoltre è una comunità religiosa, non lo Stato: guai a sovrapporre le due cose. Lo fanno gli islamici con la Sharia, ma il Vangelo invita a distinguere fra Cesare e Dio.

Ma intanto i malintenzionati si sentono protetti e spinti a rubare impunemente le case, a insultare, minacciare, usare grande violenza contro chi li avvicina anche solo per intervistare. Esaustivi servizi tv testimoniano…Ma lo stato resta a guardare. Le forze dell'ordine, impotenti…
da adnkronos, 9 aprile 2021 - Rita Dalla Chiesa: "Murgia teme divisa? Chi ha paura ha qualcosa da nascondere" "Non abbiamo bisogno di questa arroganza" -"Raramente sono così dura, cerco di pesare ogni parola che dico. Su questa signora, ho perso la pazienza. Non posso accettare di pensare che uomini in divisa siano visti come persone che 'fanno paura', dei portatori di dittatura, mentre in realtà io li vedo - e non perché sia vissuta nelle caserme ma come cittadina - come persone pronte a proteggere il cittadino". E' il duro sfogo che Rita Dalla Chiesa affida all'Adnkronos, tornando sulle roventi polemiche sollevate dalle dichiarazioni della scrittrice Michela Murgia sulla "paura della divisa", in riferimento all'incarico al generale Figliuolo di gestire il piano vaccinale.
da liberoquotidiano, 16 aprile 2021 - Vaccino, la drammatica accusa di B. Palombelli:"Siamo delle cavie, cosa stanno sperimentando su di noi" Troppe le discussioni intorno al vaccino. Dopo il temporaneo stop di AstraZeneca, si aggiunge quello di Johnson&Johnson la cui somministrazione in alcuni paesi come gli Stati Uniti è già stata interrotta. Nel mirino alcuni e rari casi di trombosi. Una discussione che però per Barbara Palombelli non sta in piedi. "In questa situazione, noi siamo delle cavie, siamo un'immensa clinica e sul nostro corpo si sta sperimentando un vaccino che sarebbe stato pronto tra tre anni", è il suo ragionamento ospite di Massimo Giletti su Rtl 102.5.


Er … malepeggio
"Ciò na paura, a Ro'!...Ma tant'assai!..."
"Pur'io, a Re'…È che … co sta pandemia…"
"Ma nno… Sì!...Pure! Ma … tu ce lo sai,
ortre a quella c'è na…'ciarvellomìa'

ch'è puro peggio!...È na diavoleria
deppiù de tutti queli grossi guai
che st'a portà er covìd…gesùmmaria!…
E n c'è vaccino…e nun ce sarà mai..."

"E er pericolo è … la lobbotomia
che … àrtro ch'er vaccino! E nun sia mai
de st'abbozzà gni vòrta…O, gente…'pia'
ciattapperà la bocca, dài e dài! …

Sò scesi in piazza li ristoratori
coll'àrtri negozzianti disperati…
Ma li soliti tizzi incantatori
de abbocconi, fanno: "Sò…l' 'uncinati'…!"…

"Sì, certo…Com'a quella, che - poràccia,
a mano-gionte e inginocchiata in piazza
a ddì: "N ce la fò più!"…come 'minaccia'
pe sobbillà la ggènte, che se 'ncazza…"

"Però in tivvù, sò stati a ddà l'avviso
che in piazza…sì! a strillà…ma…a bassa-voce!
Ché sì! ce se pò annà, ma…côr sorìso!
O la violenza viè, e …"li" mette in croce!!

"Eggià!...È 'r bèr gioco de 'mbrojà le carte'…
ch'è uguale a 'riggiràsse la frittata'…
l'istesso che 'anniscônne-o-scoprì-ad-arte'
discorzi e ffàtti usànno ogni drittata.

Pe mannà avanti quer che je 'nteressa,
zompànno tutto er resto, maneggiànno…
pe imbambolà la ggènte e fàlla fessa
co le notizzie storte che ce danno.

E ddàje a pompà quer ch'è da pompà
e - ar massimo (pe, propio n fà vedé) -
un par de righe stitiche pe ddà
parvenza de…na libbertà che n c'è".

"Come, onorà - presempio, a quer regazzo
co la cittadinanza pe èsse stato
pe n po' de mesi a scòla qui…Ed a razzo
ce se sò messi assieme e hanno trattato.

Va puro bbène…Ma st' idiologgie
nun sò d'aiuto a chi, qui cià bisogno!
Pàreno solo … sciupo d'energie
E pe ffà, che…? Pe ffàsse avverà…un…'sogno'…?!

Come anche fà avé casa… in quàrsia modo,
fregànnola, perfino! ar propietario
er quale - gira, gira - annànn'ar sodo
la casa sua è …de tutt'er … planetario!

Ch'è na teoria, che…me dispiace assai -
la sta portànno in giro anche Francesco!
Così, istigànno…!.., Ché n capisce mai
ndo' pò arivà côr fà e 'r disfà…papesco.

E nno! mia cara Italia…Nun pò èsse
che fai annà le cose a sta magnera.
Tu dici vòi la pace … N vòi la guèra…
Ste prepotenze - allora - nun sò amesse!

Oppuro hai d'arzà su, banniera bianca
e ammétte quello che n se deve ammétte…
La scérta è nfra ste due: stai a le strette!
A inziste a stà côr reo - arfine - stanca.

Oppuro…Càmmio io 'r ciarvello mio.
E làsso côre e nun te chiedo gnènte.
Me 'nchino prono 'nnanzi ar prepotente
e sarà quello che … che vorà iddio!

Ma allora via! a chi te rappresenta
incrusa certa legge sbuggiardata
e "Evviva a chi delinque, e sia annunciata
la resa loro e Tua…". Che?!..Ah! Ve spaventa?!

Ma, allora, qui dovémo vince assieme
a chiunque già st'a ffà, o vò ffà violenza.
Na vòrta, abbasta! e poi…via! la pazzienza,
invece de annaffiàjelo … quer seme.

Sei proprio strana Ita'! N te manca gnènte.
nemmanco 'i maggistrati-stra-potere…! =              =bastino gl'incredibili scandali Palamara e Antimafia - ben testimoniati….
Che puro er presidente n'arisente,
e nun sa ffà nemmanco da pacere!

Sò tante, le notizzie … affumicate…
'Nniscoste-o-guasi, oppuro ingigantite
pe ffàje male a le persone … odiate,
o pe coprì vicènne … più gradite.

C'è quella de na povera regazza
che la famìa sua ha cacciato via
pe un amore…che c'è chi ce se 'ncazza!…
Ma n dicheno chi ssò…Pe ideloggia….

Però l'accuse scatteno!...Fasulle!*                            *sequestro persone…contro l'ex min. interni.
Com'è l'usanza…pronte ad inzozzà…
La verità l'ha rese - però - nulle!
Chi ha..vommitato, è stato a ringoià….

E quella…:"La divisa - ce dichiara -
solo a vedélla, ce rabbrividisco!>…
Ma forze è pe paura che … je spara…
Ècco er perché va male!!...Mo', capisco…".

"Ma, a Re', però, vorèi propio vedélla
e anche sentìlla: "Aiuto!! Polizzia!!"
pe vvia de na minaccia, che - porèlla -
la sta a 'mpaurì, e n pò manco scappà via!

E poi sto gran casino 'coronviario'
co 'i fallimenti llì, a strillà <vendetta!>.
E poi, 'r vaccino…Tutt'un gran carvario…!...
Le 'chiuse' pazze… E quello che ciaspetta!

E er 'carvarcà' li morti, e inziste a chiude
che sta a parè che nun funziona affatto!
L'aiuti migragnosi … e 'quelli', a illude…
co la pazzienza - ormai - all'ùrtimo atto.

Ma…ecco che un barlume, proprio mo'
co la miccetta accesa da Matteo**                            **(non il tosco…Come riconosciuto a Tagadà, 16apr2021)
sta illumminànno quello che se pò…
Grazzie anche a Mario**, e, più, a dominedeo!

 - 16 aprile 2021 (conferenza stampa odierna, 16apr2021)


Un fatto, una poesia
da voxnews.info, 31 dicembre 2020 - Una bambina di dodici anni è stata sospesa per un giorno dalle lezioni scolastiche per non aver rispettate le norme comportamentali anti Covid. La sua colpa? Aver abbracciato una compagna di classe.
È successo alla scuola media Romolo Onor di San Donà di Piave, in provincia di Venezia, a fine novembre. Ora la mamma ha deciso di rendere pubblico il fatto non ritenendo giusta non solo la sospensione ma tutta una serie di regole imposte dalla scuola agli studenti: "Non si può più stare zitti di fronte a queste cose". La donna si è affidata all'avvocato Thomas Cesaro di Verona per impugnare il provvedimento.
"Mia figlia è una ragazza spontanea e affettuosa: uscendo da scuola ha avuto l'istinto di abbracciare una compagna, che si è messa ad urlare. Mia figlia in un primo momento pensava di averle fatto del male: in realtà gridava proprio per la questione del Covid-19. Una insegnante l'ha portata in presidenza. Dopo due giorni sono stata chiamata a scuola: mi hanno consegnato un foglio dicendo che era stato deciso di sospendere mia figlia perché non aveva rispettato le regole del Covid-19. Pensavo ad uno scherzo. Ho urlato di tutto, annunciando che mia figlia non avrebbe più messo piede in quella scuola".
da ilmessaggero.it, 14 giugno 2020 - Una maxi multa di 400 euro per aver riabbracciato il figlio che non vedeva da quattro mesi dopo il lockdown per il coronavirus. È quanto accaduto a Reggio Emilia a una mamma, alla quale da alcuni anni è stato tolto l'affidamento del bimbo di 9 anni. L'incredibile episodio è avvenuto durante un incontro protetto organizzato dai servizi sociali. L'educatrice presente ha preteso il distanziamento sociale perché mamma e figlio non vivono sotto lo stesso tetto e, una volta non ottenuto, non ci pensato due volte a chiamare i carabinieri che, una volta giunti alla struttura, hanno multato la donna. Non c'è stato niente da fare: la donna orà dovrà pagare la sanzione nonostante abbia spiegato la situazione che aveva portato all'abbraccio. La vicenda è stata denunciata da Elisa Fangareggi, presidente di Time4life.
Ricordiamo la caccia in elicottero all'uomo che correva lungo una spiaggia vuota….
QUESTI SONO FATTI DA RICORDARE, ALL'UOPO. COME QUEST'ALTRO FATTARELLO…E COME IL TRASPORTO …BESTIAME NEI BUS!!

a Quarta Repubblica, 13 gennaio 2021:

Lorenzini fa: "Come soluzione
daremo psicologica assistenza.
"Ma quella serve a voi!" fa Capezzone.
E ugual pensiero ha la popolazione.

"Fuori all'untrice!"
(e a ogni altro…untore…)

Oh!...E che diavolo!…Era ora!…Finalmente!
Sì, perché quando ci vuole-ci vuole
quel po' di polso, e no! sempre parole…
per stare dalla parte della gente.

Questo - sì!- vuol dire essere efficiente,
essere il…padre che guida la prole
e no sempre e solo giochi e capriole,
ma pure autocontrollo della mente.

"Lo sai, pel 'dipiciemme' niente abbracci!
E tu che fai: abbracci l'amichetta?
Se fai l'untrice, in certi guai ti cacci!

Cosa?!...Lo fanno tutti i giocatori
a ogni goal…e in maniera tanto stretta…?!
Beh!...Ah!...Ehm!...Ma che stai dicendo!...Fuori!"


Se pòssino schiattà
gni vòrta cha ad un àrtro fanno fà
le cose che je tòcca a sopportà,
così n se strèsseno, ma…l'àrtro…pò schioppà!
a.b.

L'approfittoni
Si c'è, ner mezzo, na categoria
nfra quele tante che ce stann'ar mônno,
che stia su in cima … (indove…l'anniscônno!),
assieme ad àrtre che - parola mia -

le farei còce un du'- tre vòrte ar giorno
su nd'uno spiedo a giro lento, lento…
-ma nno!...nu state a ddì che ssò violento
ch'è 'r solo modo de n trovàlle attorno! -

Ve stavo a ddì…Sò quela ggènte che
si védeno che un tizzio è troppo bbòno
-e che nun sa, o gne vò rispônne a tono -
se n'approfìtteno!…Ecco! Perché!

Vabbè…Potrei rinchiudele ind'un sito
indo' nisuno e gnènte pò aiutàlle.
Pe ffàje intènne quanto rompipalle
pònno èsse … sibbè mai! l' hanno capito.

Pe ffàje…come dì…méttec'er dito
sur che vòr dì lo scaricà sull'àrtri
le cose che je tòccheno, a sti scàrtri!
che vònno campà a un modo parassito.


Fatti, una poesia.
da LaSicilia, 1 aprile 2021 - Dopo <spalmiamo i morti> spunta <li scotoliamo> nelle intercettazioni dell'inchiesta sui dati Covid truccati. A parlare sono la dirigente M.L. DiLiberti (ora agli arresti domiciliari) e il funzionario F.Croce anche lui indagato…
da ilgiornale, 29 marzo 2021 - Si può andare all'estero, ma non fuori la regione: la 'follia' delle vacanze. In una nota il Viminale ha chiarito che sono consentiti gli spostamenti, anche tra Regioni, per raggiungere un aeroporto per andare in vacanza….anche se si trova in una Regione arancione o rossa.
È stato il ministero dell'Interno a confermarlo nelle scorse con una nota protocollata. Una buona notizia? Solo in parte. È vero che questa decisione può rappresentare un primo segnale che attesta un ritorno, seppur lento, alla normalità. Ma… Tra i primi a far sentire la sua voce sulla delicata questione degli spostamenti per effettuare una vacanza all'estero è stato Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, che non ha risparmiato critiche al governo. "Gli alberghi e tutto il sistema dell'ospitalità italiana sono fermi da mesi, a causa del divieto di spostarsi da una regione all'altra. Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia",….."Non mi posso muovere dal mio Comune, ma posso volare alle Canarie: è assurdo, mentre l'85% degli alberghi italiani è costretto a restare chiuso". …ha spiegato Bocca evidenziando come da un lato si chiudono gli italiani in casa "ma poi li facciamo andare in tutto il mondo: così si ammazza il turismo italiano. Sembra che la mano destra non sappia cosa fa la sinistra".
da ilgiornale, 29 giugno 2020 Quei finti paladini dell'antimafia tra indagini, misteri e figuracce. Eroi della lotta a cosa nostra, che finiscono nelle maglie della giustizia. Accusati di ciò che pubblicamente combattevano. Potere, assunzioni, consulenze e favori ad amici e familiari. False minacce per accreditarsi ancora di più nella trincea dell'antimafia. Una lista di giudici, amministratori giudiziari, politici, personaggi delle istituzioni tutti attorno ad un cerchio magico. Il fronte dell'antimafia in Sicilia sembra essere in una crisi irreversibile: connivenze dietro il vessillo dell'antimafia hanno scandito il tempo di questi anni nell'Isola. Un paradosso della legalità, che emerge a più riprese in numerose inchieste a carico dei paladini della giustizia. 29 marzo 2021 - testimonianze a 'Quartarepubblica'.
da 'fuoridalcoro'più trasmissioni (più recente 30 marzo 2021) vari servizi-testimonianze sui furti di case, impuniti se non protetti addirittura da legge (forse solo male applicata), governo, magistratura, burocrazia..
da milano-repubblica, 25 marzo 2021 - Finito a processo con l'accusa di falso per aver mentito nel dichiarare nell'autocertificazione che stava tornando a casa dal lavoro, durante un controllo a Milano nel marzo dello scorso anno in pieno lockdown da emergenza Covid, un 24enne è stato assolto. E ciò perché "un simile obbligo di riferire la verità non è previsto da alcuna norma di legge" e, anche se ci fosse, sarebbe "in palese contrasto con il diritto di difesa del singolo", previsto dalla Costituzione. Lo ha deciso, accogliendo la richiesta della procura di Milano di assoluzione "perché il fatto non sussiste", la gup Alessandra Del Corvo con rito abbreviato…
da agrigentonotizie, 23 febbraio 2021 - Migranti sbarcati dalla "Asso30", in 50 sono risultati positivi al Covid19….


Tira, tira la corda va a finisce
che arfìne uno se 'ncazza e se stranisce…


Come …nutella! E àrtre cazzatèlle…
(che fann'annà li nervi a fior de pelle)

"Spàrma 'i morti qua e llà, o ce fanno 'rossi'!
E a mme de ripassà a 'reggione rossa'
me fa girà li cosi…". "Ma sti fessi
senza er criterio l'hanno detta grossa:

girà pe le reggioni, mo' è proibbìto!
Ma si te vòi fà n giro a le Canarie
(n se sa perché…me sa pe ddàsse le arie…)
ce pòi annàcce … si nun sei 'mpedito…"

"Qual è er criterio, a Re'! Che st'a succede…?!..."
"Che er DNA s'abbrucia a le perzone
messe a stà llì da n popolo fregnone.
Peggio de quanto te potevi crede…"…

"Ma er peggio nu è mai peggio…È questo, er peggio!
A le Canarie?…E come!! … Come sòrto
quarcuno che me vede a 'nnà ggiù ar porto,
sfascia…imbocca, e …io vò a dormì ar maneggio!"

"Mbeh?! È questo er peggio - mo' - secônno te?!...
La fine ar peggio, ce lo sai, nun c'è!" ./…
…/.

"Er peggio deve sempre da vienì…
L'hai nteso st'artro gran capolavoro
dell'anti-mafia-eroica?...'Tàcci loro!!...
Peggio de Palamara, quelli llì!…"

"È Proprio vero! Llì, chi è onesto…giace!...
Li mascarzoni, nvece, fanno 'i ganzi…
Fanno e disfanno…Spese…Cene…Pranzi…
Cariere a invertebbrati…e in santa pace!

C'è puro questa…Sì, meno importante,
però st'a dimostratt' er fallimento
na vòrta in più der nostro parlamento.
Pìàllo - cioè - <p'er culo> nu è incriminante.

Sto a ddì de l'autocertificazzione…
Se sò riccomannàti…o, cianno imposto
de scrive le raggione pe annà a un posto…
Ma pòi giurà anch'er farzo…E ciai raggione!!!

Stàmo a zompà per aria!...Fa paura…
"Io sò avvilito, a Ro'…Lo dico chiaro:
me sto rompènno propio!…È troppo amaro …!...
Sto … stato brado…chiama dittatura!

Si spèce penzi ar come - come gnènte -
ce stann'a ffà zompà 'r 'mèiditajàno'..
(da sparàje a intere forme 'reggiano'!)
E stàmo tutti zitti!.!?!..Eh! Presidente?!

Eh! Europeisti?! tutti a culumbrina,
che dite: <senza europa!.....>…<Senza 'questa!!>…
Questa fatta così!! Ch'è disonesta,
ma più dà schiaffi, e più uno je se 'nchina!

E er chiude schizzofrenico che incrina
l'attività de li ristoratori
-ch'hanno deciso - sò li peggio untori -
vòr dì che vònno svénneli a la cina?!...

Chiusure…Ma de che!!...Bus e Metrò
strapieni!…'sarde' in piazza!...giocatori
che sò d'esempio pe li trasgressori…
e porti a ffà sbarcà che più n se po'!....

Si poi c'è chi se 'ncazza de st'annazzo
je dici ch'è uno 'contro', o è n pòro pazzo?!?

 

 

Il giorno dell'Angelo
Morte e Resurrezione di Cristo in 3 sonetti

"L'Istituzione dell'Eucarestia"
Mentre inizia la cena mestamente,
che presaga è di un gran rinnovamento
di pensiero e di vita, umilmente
Gesù Cristo predice il tradimento.

Lava i piedi, il Maestro, alla sua gente,
per lasciare il più grande insegnamento:
"Come ho amato, indiscriminatamente
emulatemi…Io lascio in Testamento

il mio corpo e il mio sangue in questo pane
e nel vino, e ogni quando ne bevete
e mangiate, giammai saranno vane

quelle pene che aspetto di soffrire:
questa Nuova Alleanza annuncerete,
che varrà per i secoli a venire.

"Crocifissione e Morte di Gesù"
Con la spugna gettata da Pilato
che ha lasciato la grave decisione
a una folla che il male ha sobillato,
per il Cristo c'è la crocifissione.

Tra tormenti infiniti il condannato
con la Croce e con niente compassione
degli astanti, e lo strazio disperato
di chi tutta ne sente la passione,

giunge all'atto finale: sulla Croce
inchiodato e deriso tra i ladroni,
finché esangue e co' un solo fil di voce

prega il Padre, e poi spira, sul Calvario:
per salvar tutte le generazioni.
E la mamma lo avvolge in un sudario.

"La Resurrezione di Gesù"
Son tre giorni che Gesù Cristo è morto:
una volta spirato fu schiodato
e tra il grande dolore e lo sconforto
nel sepolcro fu messo e sigillato.

Ma il creator della vita ora è risorto
ché Dio Padre giammai l'ha abbandonato
ed insieme hanno già rimesso il torto
anche a chi a quella croce l'ha inchiodato.

Sono gli angeli a darne la notizia
alle donne che andavan con gli unguenti…
E che invece han trovato una letizia

senza pari…era morto sul Calvario…
ma la morte l'ha vinta, ed alle genti
ha lasciato il suo viso in un sudario.

 

Pasqua a Bettona
Omaggio alla fatina di Bettona - che batte la bacchetta e…fa una cosa buona.

   

                                              la Torta di Pasqua al Formaggio - di Bettona
                                         (quella di Clelia - un tempo - e di Luisella - oggidì )



Se scendi giù per Santa Caterina,
vicino a dove un tempo c'era il forno,
di fronte a Zena (che non ci sta più)
-può essere di sera, o di mattina -
e chiudi gli occhi e annusi torno-torno
un languorino sale e scende giù…

Lì, c'era Clelia…e un po', forse c'è ancora
per chi - lì - sa sentirne quel profumo
e sa veder la torta che faceva.
Almeno-almeno un ventidue di raggio
quell'opera sua d'arte col formaggio!
Era quando a far bene ognun teneva.
Non era ancora l'era del consumo,
che tutto ha fatto andare alla malora!

Non senti niente, vero?...Mi dispiace.
Nemmeno a immaginarlo…Però…Aspetta!
Ma certo! Sì! Ancora c'è Luisella…
Sì! Lei sa farla ancora buona e bella!
Cerca di averne almeno un po', da' retta!
La torta sua anche, è genuina! E piace!!


Le cose bon' de Bettona
Oh…ce ne stònno 'n bel po' e 'm bel po' bòne!…
Ma 'mmezz'ta tutte, vel dich'io, ce n'ènno
almen du'-tre…che la fòn da padrone.

M'òn da scusà i roseti e i verdi prati
coi loro fiori belli e profumati,
ma quelle torte ciònno un profumino…!
ch'è mej' del loro,'ncluso 'l ciclamino.

La torta de Bettona col formaggio
la senton fin tal Colle e ngiù al Passaggio!
E uguale è pe la bòna "torta al testo".
E figurat've, tutto dentr'a'n cesto
co' j'ovi e 'l capocollo
la matina de Pasqua, a colazione -
col campanil che sta a sonà un bèl canto -
e bévece 'n goccetto de vin santo!

Ta no'ce la faceva per quel giorno
la pòra Clelia, quella che abitava
t'là pe' la scesa, n po' più 'n giù del forno:
con tanta robba bòna…Eh!...'n po' costava,
ma 'n colpo! còcco mio, che se magnava!!

 


Poeta di concetto
Son stato un impiegato di concetto.
'Poeta di concetto', pure, sono.
Ho in odio quei che mancan di rispetto;
di chi si dice buono, son più buono.

Combatto chi … governar vuole e è inetto:
bugie ne canto, e falli, e lo canzono.
L'informazion di parte la rigetto.
Cui mai, finché potrò, sarò io prono.

Ché son patriota, e amo il mio paese.
E libero, lo voglio, e rispettato.
Amo il buon senso e no il politichese.

La mia famiglia amo, e il mondo intero.
Che nel bisogno vero va aiutato.
Rispetto chi rispetta il mio pensiero.
 

Come vanno le cose - da cento e cento attualità osservate su tv e social e giornali…
Il politically-correct rovina, più che aggiustare…È una sorta di dittatura del pensiero dominante. Lascia schiacciare il lecito dall'illecito, il buonsenso dall'insensato, protegge il delinquente e punisce il giusto. Dà informazioni parziali, distorte, di parte, o non ne dà...copre. Protegge il suo cortile…in cui vorrebbe spinger tutti, e si urta con chi non vuole entrarci. E arriva a … democraticamente emettere leggi liberticide.
Comportamenti che così umani non sono. Già esemplificativo è il 'piccolo' fatto della rincorsa ad accaparrare vaccini di questi giorni di metà marzo 2021…Si dibatte sulla mancanza vaccini e la vitale urgenza - invece - di averli per procedere nella guerra alla pandemia….
Ma c'è un ruba-ruba…dal piccolo privato, a 'intrighi' internazionali…c'è l'incetta più o meno scorretta di scorte…c'è la prevaricazione di chi furbescamente la 'ruba' a chi più ne ha bisogno… …egoismi nel piccolo e nell'internazionale…A pezzi e bocconi si riesce a far comprendere a chi governa di prendere certi piccolissimi provvedimenti importanti che aiutano (vaccinazioni in farmacia, presso il medico di famiglia…nelle abitazioni di chi non può muoversi…Anche la possibilità di vaccinarsi in privato, osteggiato…ché sennò chi ha i soldi si vaccina a gli altri no…(?!?)… Scommetto che tanti in queste cose impelagati sono quelli che urlano fratellanza!... anziani!...accoglienza!...
E la legge arriva a proteggere il ladro che ruba casa al legittimo proprietario, insultato e minacciato…(vari servizi tv sulla realtà di questo argomento). Chi sarebbe il responsabile di una eventuale prevedibile reazione…?
I - di ieri mangiapreti e senzadio, ora sono tutti…pii e francescani…Ma 'cani' restano con tanti apparentati…E la storia o anche più semplicemente certe attualità - quelle senza veli - ne direbbero di come stanno tante cose, veramente…


Varia umanità…
Siamo apparentemente apparentati
-come sembra da apparente apparenza -
-e com'anche da evidente evidenza
che evidenzia una qualche parentela
fra tutti noi seppur di vari ceppi,
che un genealogico albero accomuna -
-giacché seppur diversamente vari,
fratelli tutti siamo e ad un destino
ch'è per tutti, tutti per un, dovremmo
-in questo esser nella valle comune -
sentirci, qual membri d'egual famiglia.
Ma pare invece che … non sia così.
E forse è perché - proprio - siam parenti…
Ombrati ancora da Caino e Abele…
Se rapportiam le quattro mura al mondo,
sentirci apparentati…crea problema…
Che non dovrebbe! nella Terra varia…
Ma è pure questo, che un divario crea
pur se il calvario, altro ci ha insegnato.
Che soggettivato, è, e è profittato.
Umanità… Seppure 'apparentata',
e è 'una', è diversa!…e è 'compartizzata'.
Di capi, di elettori, e sfruttatori,
instabile equilibrio di sentori.
E il liberal arbitrio ch'è impastato
con naturali istinti, e innaturali
è da individuo, e popoli scambiato
per libertà per fatti anche ferali.
E addio, così, a … ideali, e ai … natali…
E benvenute a tante ipocrisie,
e ideologie di parte, e falsità,
e ad apparentamenti anche forzati…
E filosofeggianti, o solfeggianti
scritti d'antichi, o moderni, e note
su pentagrammi assai sconfusionati
pe' intervento di mosche lascia-tracce…
Babeli a-mille-a-mille riprodotte
non solamente dai linguaggi avverse
così accanite a imporre un sol pensare
mistificando idea e informazione.
E dunque, allora 'sti apparentamenti…
Dove...come…quando…tra chi…di chi…
Tutto è permesso…Tutto è sempre ammesso…
Però, a te io proibisco…quel ch'io posso.


Un male inizio…
Che non sia …un brutto indizio!

L'avvento del …drago fenomenale
Grande esultanza è seguita alla scomparsa
dai notiziari compresa faccia e voce
(che digià di per sé ci ha a lungo messi in croce)
di 'quel fenomeno' risultato 'farsa',
e appena in tempo impedito a seguitare
con le sue 'primule' il suo mal-governare.
Il che tanta … speranza in tutti noi, lascia.
Ma lascia altresì tanto imbarazzo e ambascia.

Pel timore di perdere anche …speranza…
Che non sia mai! sentiremmo un'esultanza
che nessun capirebbe: una rarità!
Sempre abbiam detto che è l'ultima a morire,
per dir che - appunto - è la sola che ci dà
quella spinta a andare avanti, a non finire…!...

Perché dunque, ci può esser chi gioisce
se anche … speranza è tra il bello che finisce?!

Così è che … neanche il 'drago fenomenale'
ha saputo…oppur potuto…o non gli cale…
metterla a parte …. Iniziando proprio male!


Un fatto, una poesia
da la Nuovavenezia, 8 febbraio 2021 - Folla nelle città nel weekend, in veneto in arrivo nuova ordinanza anti assembramento.

Puoi uscire….
(però non ti assembrare - febbraio 2021)

Se mi dici "Puoi uscire…"
non me lo farò ridire,
esco! Solo, o con gli amici
esco a piedi o esco in bici…
Per lo struscio al corso, e in piazza
e se poi la folla impazza
cresce…lievita…si assembra
non è affatto come sembra,
che mi additi, come fosse
tutta quanta colpa mia
l'aggravar d'epidemia…
Se "ci sei" devi curarti!
Se quel poco di cervello
che hai in testa, del macello
che ne viene - come è stato! -
dando il "fuori!" al…carcerato,
non te l'ha saputo dire
(ché…soltanto sa…frinire)
ché ad uscir non sarò il solo!
Ma un milione d'altri, al volo!
coglierà il grazioso invito
e ecco fatto il…malpartito
che tu stesso! hai provocato.
"Se ci fai", il risultato
è lo stesso…Non frignare,
dunque! E pensa a rimediare!

Togli i fumi dalla testa
che fan far cosa funesta.
Apri gli occhi imbambolati…
Pensa ai danni provocati
dal gestire e amministrare
senza affatto saper fare
e è ridicolo, e non solo!
ché può esserci anche il dolo!
E puoi esser denunciato
da chi il covid ha infettato!

Può esser pure esagerato,
e però…mi son sfogato!
Fatto è che o: "Si, a clausura!",
o "Sia al bando ogni paura!
Si spalanchino le porte,
ché siam pronti anche alla morte!"
 

Er più mèjo ricordo…
Io m'aricòrdo tutto…
Nun so si è bello, o è brutto..
Dovéssi dì che m'aricòrdo mèjo
-sia quànno dormo e quànno che sto svéjo -
è er fatto d'èsse nato
co due ch'hanno sc…'accoppiato'…
Che … vòjo che me resti bene in mente
mo', adesso côr pericolo imminente
che vònno scancellàcce sti ricordi
queli sempre più ingordi
de scombinàcce loggica e natura,
pe avé un domani tristo e da paura.
Co pupi fatti pe fà soddisfà
sia finte mamme che finti papà.


Visto che oggigiorno c'è la corsa al 'giorno dedicato' per tutto e per tutti, non sarà il caso di pensare anche alla "giornata del pallone gonfiato"?

Dedicata a tutti i …palloni gonfiati

Pallone gonfiato
"tutto-e-sempre-solo-io!"

Sei otre tronfio, borioso e gonfiato,
vuoi far l'amico, e però non ti riesce.
Dentro il gran mare del fanfaronismo
senza esitar ti ci tuffi giù a pesce.
Cerchi vetrine del protagonismo.
A un complimento ti sbrodi esaltato.

Se non ti guardan fai 'l verme uncinato,
tutto ribolli di fuori e di dentro.
Schizzi qual molla tirata e lasciata.
Soffri perché non hai fatto quel centro
per la vittoria … stavolta mancata.
Ma era scontata! Ma … come hanno osato!

Ne vuoi dir tante ad ognuno, però
guai! se qualcuno a te dice qualcosa
che non ti suona … perché non è lode
a vanità … a vanagloria sontuosa
che ti trasporta nell'aere, e ti rode.
Vuoi il sissignore e disdegni ogni no.

Vivi d'incensi e d'aureole d'alloro.
Pretendi inchini e spregiar chi ti obietta.
Ami sentirti parlare di te.
E non può esserci, chi ti rigetta!
Mai ti confronti nemmeno co' un 'se'…
Sempre, sei-tutto-tu!…Niente son…'loro'…

Ma l'illusione col tempo sparisce.
E aprire gli occhi dovrai prima o poi.
Per quanto tanto in tal modo infarcito,
succederà. Perciò, vuoi o non vuoi
esploderà la tua boria, e stizzito,
non vedrai intorno più - chi ti blandisce.

E … "tutto-e-sempre-solo-io!" sarà dura!
Che sgonfiamento! Che brutta figura!


Peggio dell'ìncubbi
(Dritto&Rovescio 11e14marzo2021)

1
"A Re', ciò la capoccia che me fuma..
Me stann'a frullà dubbi…Propio ìncubbi…
Me sto a sentìmme inutile…Ciò vòja
de dì n po' de cazzate puro io…
Così…pe ffà quarcosa ch'è de moda,
e pò fà guadambià n sacco de …<likes>…"

"Ma, a Ro'…ce devi da èssece portato
sinnò, avòja! a volé st'a ffà lo strano!
Ce devi proprio nasce!
Nun è che un giorno t'àrzi e … fai stranezze,
inizzi a ddì cazzate…a èsse … così…!"

"Eh, già!..a Re', la dichi propio giusta!
Sinnò, come … te ne potréssi uscì
a ddì - in de sto momento, speciarmente -
<la prima cosa che ce sta da fà
mo' adesso che - n se sa come sto qua -
è sistemà er jus loci! e fà votà
li sedicenni - perché a quel'età -
nu essènno ancora carne e manco pesce
ché cianno in testa tanta sconfusione,
darann'er voto a chi…!?...
Ma è facile! À chi più j'arissomìja!"

"Nde sto caso, dovressi da èsse propio
-com'a quer tizzio - a un tratto furminàto
pe strada…e rimanécce n po' stranito…
Lui, llì a Parigi ormai era quarcuno
in quela scòla ch'ha tirato su…
Ma - qui!- sta …A ri-rischià de …"stà sereno"…!?"....

"E de quell'àrtro, a Re', che se pò ddì,
che ha preso tanto a còre la salute
de tutti noàntri, che ce vò sarvà
da la finaccia der…'magnà-bistecche',
e l'invortìni…e ce vò ffà cacà
color verdastro, o verde militare…

Che je pòi dì, si no un bèr <grazzie tante!>…
E condannàllo a assiste giornarmente
(assieme a quell'allegra compagnia)
all'abbottàsse de …'cadaverini'…"…

"Eh, già…Però…pe queli lumacari
de cugginetti nostri transarpini
che stanno a etichettà <pericoloso!>
er parmiggiano e li pregiutti bbòni
tòcca stampà quarcosa più…corposa…
Su tutti 'i tipi de formaggi loro:
<a chi me magna … je viè l' ère-moscia.
E je succede brutto anche ndo' piscia>
"…

"Giusto, a Re'!...E a quella scarmanata
che … prima stava llì, e che mo' sta qua…
Che quarche sera fa a 'Dritto&Rovescio'
ndo stava a ffàsse uscì anche le donzille
a ffòrza de starnazzi e de isterismi, ./…
…/.
e come - era evidente - messa llì
sortanto a disturbà queli contrari
(e in questo, ammàzzela>! si nu era brava!)…
Ma ha detto anche na còsa…inteliggènte:
<Sarànno anche incapaci, ar C i-Ti-èSse
però - che vvòi! - sò tutti volontari!". …!....(?!?)…


"Ce vò pazzienza, a Ro': orami è chiaro…
Chiaro, era già, ma giorno dopo giorno,
sto 'chiaro' sta a 'chiarìsse' sempre più!
Er virus ormai attacca anch'er ciarvello,
nun più solo 'i pormôni…È na storiàccia!
E tant'è vero questo che te dico,
che abbasta a véde quer che stann'a ffà…
Governo der malanno è stato quello…
Ma puro questo ch'ha inizziato mo',
già ha ffatto véde quelo che sa ffà:
de nòvo…poco, o gnènte…stessa ggènte
a 'i posti càlli!…Ma na novità
ce sta! e cioè: chiusura-pìa-p'er-culo…
Sarà anche iriverente a ddì così,
ma che àrtro je pòi dì a <reggione-rossa>
indòve a attraversà, sti ggiorni è un rischio…
È tutto operto!...Tutto, dico! a Ro'!
Ma inmmèzz'a tutta quanta st'apertura
(che chiàmeno 'chiusura' …????)
ce sò - ar solito - 'i fiji-de-l'oca-nera:
e cioè: ristorazzione tutta intera,
abbijamento, scarpe, e le palestre…".

"A Re', ma pure te!...E ddàje…E ssù!...
Stai sempre a lamentàtte der governo!...
Ma … le profumerie le fà stà operte!
Perché er profumo ciallontana er virus!!
E 'i bus co tutt'er carico - e le metro
contìnueno a annà…senza infettà!".

"Mo', immèzz'a tutto sto gran callerone
lo sai che ce starebbe da dì, pure?
Sì! Proprio de Sanremo, indovinato!
Lo sai che ce vorébbe? … N vergognàsse
de dì de quelo schifo … quer merdàjo…
chi l'ha voluto e chi l'ha realizzato…
de quelo scempio de la religgione
che certi … 'coraggiosi', 'aperturisti'…
se sò permessi…perché ormai 'r Paese
è bbèll'e programmato a lo sfacèlo…
Ma … sti gran 'bravi' déveno stà attenti
che nu ' è che manchi tanto a insediamenti
che sanno come fà passà ste vòje…
ste vòje …come dì…vòje 'abdòaliste'…

"A Re', ciò la capoccia che me fuma…
Me stann'a frullà dubbi…Propio ìncubbi…
Me sto a sentìmme inutile…Ciò vòja
de dì n po' de cazzate puro io…
Così…pe ffà quarcosa ch'è de moda,
Ma n sarà er caso de…studià un vaccino
che sarvi er mônno da ste stroppiature?!
Quelle de mò…e pure quelle future…"…


ai giornali-sti, televisioni-sti, politici e politicanti, salottieri vari e opinionisti 'al soldo' reale e/o ideologico che sia…
le bugie dei giorni del covid
E le bugie dette e le verità non dette! sul caso Bibbiano (raccontato - per quanto gli sia possibile sapere - da solo pochi 'volenterosi della verità-vera') del 'furto' di bambini da parte di 'pezzi di stato', e quelle di casi simili che vedono uno Stato depravato, depredato, abbattuto, abusato, sconfittto…. Tanto che dopo Bibbiano, escono altri casi…Su 'Fuori-dal-coro' del 9 marzo 2021, si è saputo di un caso simile, a Torino…
Questa poesia non era stata scritta per i casi specifici, ma a questi s'addice nel senso che la Verità fa sempre troppa fatica a venire alla luce. Poiché la tendenza è - per certuni - quella di…nascondere, tacere quel che scomoda…Insomma: 'trasparenza' non si vuol che esista…se può nuocere…E c'è chi non l'ha proprio, nel proprio dna.



da internet


Dea Trasparenza
La Verità non è una mia opinione.
Non è la tua. Lei non appartiene.
Ma solo sta con chi in onor la tiene.
Rifugge da ogni abuso e ogni finzione.

L'antico nome suo originale
bello era e è bello ancor: "Dea Trasparenza"
che dice a orecchie sane la sua essenza,
e vale pur nell'era digitale.

Non ha colore, e men-che-men 'testate'.
Spiegatamente: lei non ha partiti.
Che son delle menzogne i veri miti
e le eccezioni sono limitate.

Va ricercata nella confusione.
Non si rivela. In calma attende e spera
che Vera Onestà, la Verità Vera
via tragga da ogni mortificazione.


Un fatto, una poesia
da RomaToday, 11 febbraio 2021- Virginia Raggi e la funivia che si smonta: polemica sul commento della sindaca - Bufera social dopo le dichiarazioni della sindaca sulla funivia Battistini-Casalotti "smontabile" all'occorrenza. Le opposizioni: "Resta opera inutile"
Raggi non abbandona il sogno della funivia Battistini-Casalotti."Approvato il progetto fattibilità".
La funivia? "Qualora non dovesse più servire si smonta e si può rimontare da un'altra parte". Parola della sindaca di Roma, Virginia Raggi, che così dal proprio profilo Facebook ha risposto ad uno dei tanti utenti che hanno commentato la notizia dell'approvazione in Giunta del progetto di fattibilità della Battistini-Casalotti. La funivia come "mezzo di transizione in attesa della futura metropolitana" - ha aperto all'ipotesi Raggi.
La funivia? "Se non serve si può smontare"- E la teoria della funivia "smontabile" non è passata inosservata al blog 'Odissea quotidiana', che da anni si occupa delle questioni legate al trasporto romano. Ne è scaturita una vera e propria bufera social tanto da costringere la sindaca a cancellare le sue stesse parole…

"La funivia?...Se non va, la sposteremo!"
Presto, anche per te, vedrai, che lo faremo…

Colmi e stracolmi…
Ci stanno i 'colmi'…come otri strapieni…
Dicon di assurdo…di sommo…e pienone…
Sempre (almen, quasi) - è esagerazione!
Pienon d'aria, la palla…di gente, i treni…

Più al modo del 'volgo' è anche espressione
per dir di 'scatole' …o anche 'maroni '
che son gonfiati a mo' dei polmoni
nel praticare un'esercitazione.

Succede quando se ne escon frescacce
da certe teste…da certe boccacce
da noi pagate per più savio scopo…

E cento prima…e altre cento anche dopo…
Son colme! e alcuna può esser che scoppia…
Ma - nondimeno - Virginia…raddoppia!


Specie nel periodo della pandemia…

Ditta Beccamorto & Socia
Che bello…quel sorriso che non hai
e che non può nemmeno immaginarsi
in chi tra casse è intento ad industriarsi
in un via-vai che non finisce mai.

Per te e la nera-socia-porta-guai
comunque è un modo onesto pe' intascarsi
lo stipendiuccio senza l'affannarsi
tra i tristi, imposti "chiudi!" che ben sai.

Hai sempre il muso-lungo, con lo stampo
di qualche smorfia tutta addolorata,
come a dire: "Amico…non avevi scampo!"

Però tra i baffi ridi…sei contento
per chiuse e crisi che non v'han sfiorato,
e v'han portato, invece, un grosso aumento!

È proprio ditta assai ben azzeccata!
Soldoni a te, e a lei il compiacimento
ché con la morte, a te dà vita agiata.
 


in questa valle di lacrime il cielo ci dà ancora speranza…(25 feb 2021)

Speranza!
"Te sto a sentì che te lamenti, a Ro',
pe vvia der cammiamento che n c'è stato,
che nvece ogn'itajano n po' sensato
stava a 'spettàsse … E 'nvece, guarda n po'….!..."

"A Re', è propio così…Sì, ce lo so
che - a onor der vero - Sergio cià provato,
tant'è che er mèjo in campo, s'è giocato….
Quer Mario, sai…Però…Quanti, <pero'>…!"…

"E che <però>!...A Re', si s'ha da fà
se fa e…punt'-e-basta…È menefreganza!
Ché - a volé fà…lo pònno! Ma è che qua

nisuno vò davéro er cammiamento.
Però - arméno - stann'a lascià…SPERANZA…"
"De cheee! A Ro'!...È quell'elemento…"…..

"È vero!...Stavo a pìà fischi pe fiaschi!
Qui, si la cosa annerà avanti a ortranza,
n ce sarverànno E.U…B.I. o li Paschi!"

"Ma l' EU ce sàrva!...N te sta a preoccupàtte…
Basta a inchinàtte…e basta a indebbitàtte…"…
 

Un fatto, una poesia
da la Nuova di Venezia e Mestre, 1 marzo 2021 - La Procura di Ragusa ha disposto perquisizioni a Trieste, Venezia, Palermo, Bologna, Lapedona (FM), Mazara Del Vallo (TP), Montedinove (Ap) e Augusta (SR). Per l'accusa il trasbordo sarebbe avvenuto "dopo la conclusione di un accordo di natura commerciale tra le società armatrici delle due navi, in virtù del quale" quella "della Mare Jonio ha percepito un ingente somma quale corrispettivo" .Nell'inchiesta, che ipotizza i reati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e di violazione alle norme del codice della navigazione, sono indagate dalla Procura di Ragusa quattro persone, tra soci, dipendenti o amministratori, di fatto o di diritto, della società proprietaria ed armatrice del rimorchiatore Mare Jonio. Le indagini sono state affidate a un gruppo interforze composto da militari del nucleo Pef della Guardia di finanza di Ragusa e da poliziotti della Squadra Mobile della Questura del capoluogo Ibleo e da personale della sezione Operativa Navale delle Fiamme gialle di Pozzallo e della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Pozzallo. Il gruppo investigativo sta eseguendo un decreto di perquisizione personale e locale e di sequestro finalizzato a "ricercare ed acquisire ogni elemento documentale e/o su supporto elettronico utile a comprovare i rapporti tra gli indagati e tra essi e la società danese armatrice della Maersk Etienne, nonché di eventuali altre società armatoriali". Al centro dell'inchiesta lo sbarco di 27 migranti il 12 settembre del 2020 nel porto di Pozzallo dal rimorchiatore Mare Jonio che erano stati stati trasbordati sul natante della Ong Mediterranea saving humans il giorno prima dalla motonave danese Maersk Etienne, che li aveva salvati 37 giorni prima in mare dopo un evento Sar disposto da Malta ed era in attesa di assegnazione di un porto sicuro. Per la Procura di Ragusa, sulla base di indagini "fin qui svolte, corroborate da intercettazioni telefoniche, indagini finanziarie e riscontri documentali", è "emerso che il trasbordo dei migranti effettuato dall'equipaggio della Mere Jonio" sarebbe avvenuto "senza nessun preventivo raccordo con le autorità maltesi, competenti per l'evento Sar, o con quelle italiane ed apparentemente giustificato da una situazione emergenziale di natura sanitaria, 'documentata da un report medico stilato dal team di soccorritori imbarcatosi illegittimamente a bordo del rimorchiatore".Ma non solo, è la contestazione più grave mossa dalla Procura di Ragusa: il trasbordo sarebbe stato "effettuato solo dopo la conclusione di un accordo di natura commerciale tra le società armatrici delle due navi, accordo in virtù del quale la società armatrice della Mare Jonio ha percepito un ingente somma quale corrispettivo per il servizio reso".
------- Qui, chiudiamo tutto, con grande rovina, per via del covid…Ma spalanchiamo i porti…E sbarca il covid - come comunicato a iosa…Che se ne va in giro con i migranti incontrollati….

Gira e rigira è pei santi soldoni
che navighiam tutti pii...tutti buoni…
Ecco, il perché tanto noi ci affanniamo
e anche del papa l'OK incassiamo…

L' 'acque'…confonde il gran giro di navi…
Non c'è che dire: davvero, siam bravi!


Umana…acco(zza)glienza…
"Son solamente accuse
di perdigiorno, e infuse
di tossico veleno,
da tenere a freno.

Son lingue denigranti,
razziste e deliranti,
son quelle dello scontro
e odiano l'incontro.

D'umanità son privi
e gretti, sono, e attivi
sono ad alzare muri
pei loro scopi oscuri!

Non voglion chi traghetta
gente oltremar negletta
che tanto! noi amiamo
che … d'amor! ci arricchiamo".
 

Un fatto, una poesia
da una discussione ascoltata giovedì 25 febbraio 2021 a Stasera Italia sulla opportunità di cercare anche soluzioni tramite il vaccino russo 'sputnik', viste le difficoltà a ottenere certi altri fin qui i soli considerati…E ciò, quando il vaccino - quello che sia - ci stiamo - giustamente - tutti spellando la lingua - per gridarci l'un l'altro che per tutti quanti in tutto il mondo l'unico che può salvarci è il vaccino - che - stiamo vedendo - ci sta sfuggendo e più ci sfugge e più la bestiaccia continua a far danni, anche irreparabili…Ma non sia mai difenderci con 'quel' ! vaccino!
Uno degl'intervenuti alla serata (non ho le parole con cui il nome Salvini è entrato nel discorso…) "…non vedo perché un vaccino di derivazione russa debba essere per forza visto come una via-di-putin, o qualcosa di derivazione putiniana debba spaventarci…negli ultimi tre giorni 35% in più se non erro di contagi, l'età media che si attesta sui 44 anni, le varianti che incalzano…credo che il momento sia abbastanza serio, di conseguenza l'ideologia la lascerei in una fase diciamo accessoria …." E la conduttrice (V.Gentili)"quindi dice inutile speculare politicamente…adesso intanto prendiamo i vaccini…"
Prendo al volo: La7,tagada- Sputnik, Parenzo: "Salvini si è messo a fare l'ambasciatore del vaccino alternativo?", 4 marzo 2021…

Virus…Che rebus!
Si lotta perfino / pel giusto vaccino!
Solo per l'odio contro una persona
"sputnik-il russo" ad alcuni … non suona…

"Sputnik-il-russo"
Ma fatela finita, gente buffa!
State solo a imbastire una gran truffa
a danno di saccocce e snervamenti…
Ci avete proprio presi per dementi?

Lo 'sputnik', siccome è russo, no!...
Perché sennò Salvini…
Ma a interloquir ci sono dei cretini?
Le ideologie - da parte! neanche un po'?!

Il fatto è che di quelle, sono fatti,
purtroppo in molti, pur, sempre a allarmarci
per farci rintanare ed evitarci
contagi perigliosi...O sono matti,

o giocano d'azzardo con noi fessi…
Ma il virus, c'è!! E si sa! E quindi? E allora
cos'hanno, certi, in testa…Alla malora
purché Salvini…Meglio coi decessi…!?!...

Ma tanta prepotente supponenza
che contro l'odio predica, ma avvelena
con l'odio - appunto - che giammai non frena,
farebbe del vaccin perfino senza?!

Ci fosse stato - in caso - solo il russo,
che si faceva, buona grazia loro!?
Ci curavamo tutti quanti in coro
con "bella ciao!" - ché "sputnik" dà … il riflusso?!
 

Un modo - una poesia
Le cronache scritte e parlate, ispirano…Dedicata solo a quei politici e governanti…e a tutti gli affini a protezione messi e 'ringraziati, … che anziché essere davvero dalla parte della popolazione almeno in questo momento così tanto temuto e additato sono ancora imbastiti di bugie, ipocrisie, ideologie, voglie di potere da prendere e spartire…In una parola: quelli che prendono per il … la gente, a favore dei propri tornaconto di qualsivoglia natura si tratti…in primis: tenuta delle poltrone. Colpa è però di chi concede ciò. E nel potere … taumaturgico di Draghi non tutti credono… E poi…se chi oggi idolatra Daghi, ieri idolatrava Conte…Altro che repubblica delle banane!…Di cosa parliamo.
da dagospia, 13 febbraio 2021 - Il governo Draghi somiglia molto al Conte-ter - Belpietro deluso per l'esecutivo minestrone: "Le premesse non paiono affatto buone. Ho sperato che Draghi avesse il coraggio di cambiare e di mandare a casa una maggioranza di incompetenti… Mattarella parlò di un esecutivo composto da figure di alto profilo. E dove sarebbe? Rivedere le stesse facce che hanno dato pessima prova nei mesi precedenti non è di rassicurazione…Da quel che mi pare, leggendo la lista dei ministri che è stata presentata ieri sera, non mi sembra che ci sia riuscito. Anzi, mi pare che, usciti dalla porta, alcuni personaggi siano rientrati dalla finestra, al punto che il Draghi uno somiglia molto al Conte ter, con qualche spruzzata leghista e forzista a coprire la vergogna…Le novità sono i loro nomi, tutto il resto è già visto e somiglia tristemente a quello che non avremmo più voluto vedere, ossia a un governo che non è né carne né pesce, non è di destra, di sinistra, di centro o grillino e non pare soprattutto di Draghi, ma frutto di una mediazione per contentare un po' tutti e così legare le mani a chiunque, in modo che non si possa tirar fuori. … Spiace dirlo, ma le premesse non paiono affatto buone. Il governo non è di Mario Draghi, ma più verosimilmente di Sergio Mattarella, il quale consente il varo di un esecutivo che pare un ircocervo, roba buona per le favole. C'è stato un tempo in cui in questo Paese, per fermare il degrado e soprattutto il voto, qualcuno si inventò il pentapartito e non finì bene. In questo caso hanno messo insieme l'esapartito e noi incrociamo le dita.

Lo sconfusionamento ancora regge...
Seppur ci stia 'l pastore, col suo gregge
ci stanno lupi in maschere di lana.
Qualcun la trova cosa tanto strana?! …

E intanto, sconfusionamento o no,
'san' Mario fa:"Ce vò…maga-magò!" !…

Qua cresce covid, che n se vò fermà…
Dellà st'a cresce disoccupazzione…
Tra cammere e governo, a sfinimento
-macché Italia!- st'a cresce er tradimento!
A le teste de rapa che se sa
l'hanno premiate côr poté restà!
E co lo scempio che te stann'a ffà,
che stai a ffà…te ne stai zitta, Ita'!?...


(era il 21 febbraio 2021- ora, 2 marzo,qualcosa sembra muoversi, con la santa rimozione di quel signore tutto-fare…Ma ancora…)

Lo sconfusionamento…regge…
In tanto scemo sconfusionamento
c'è ancora chi sta llì a ffà er fintotonto
che nun vò propio rènnesene conto
de quer che st'a succede qui, ar momento.

Ma n c'è! chi possa fàje arfine intènne
che chi sta llì sta llì pe n solo fatto?
E che si vò stà llì n pò stà a ffà er matto
e che s'inziste, 'addio, care prebbènne' !?

Te fanno 'i sorisetti in pe lo schermo
sippuro che se stia a parlà de n dramma…
A coso! Ma chi sei!...Sbologna!...Smamma!...
Sto modo è come - ormai - n pane raffermo!

E quànno ch'è così, 'r pane … se bbutta!
Nun sarà bbèllo a ffà, ma…s'ha da fà…
A nnoi er pane cià da soddisfà…
Capito, o nno, l'antifona?! Sì!...È brutta!


Un fatto, una poesia
Ieri sera-23feb2021-,a"Fuori dal coro"…Aereo 'Renzi', ridotto -nuovo- a ferraglia…Caso sede Alitalia…scempio dei soldi della tasse-Pranzi da far girare la testa con mance da farcisi leccare anche il …(quanto piace!!)! Moltiplicare per le 50 trasmissioni annue dove gli sprechi la fan da padroni...In effetti, ci vuole! un aumento tasse. Va bene così, signori politicanti e governanti?...Bene! Dedicata a voi, tranne a chi tra voi è diligente e onesto - che ce ne sono! Ma il male sembra vincere sul bene… Infatti c'è anche l'abusivo occupante casa privata, che minaccia, deride, consapevole di essere protetto, che nessuno - infatti - tira fuori! Ehi! Stato! Ci sei, o non ci sei! Quando si dice:"Rispettare lo Stato"…Lo Stato, o i delinquenti?

Se sémo propio rotti…E mmo', basta!
(così…de ggètto…)

Centinara de miôni … e poi miàrdi !!
L'aereo de Matteo..!...L'Alitalia…!
Venduta a Muratella, senz' ancôra
avé la nòva sede … "in costruzzione"…!....
E "quella" ch'è rientrata…! Ma…in affitto!
È un manicomio! Àrtro che nazzione!
E co na faccia tosta da stampàsse
su le mutànne de li più zozzoni,
ce chiédeno più tasse…A bbèlli còsi!
N voréssivo nemmanco che se dica…!
N ve domannàte quanto, li brillòcchi
se sémo rotti co sti bell'annàzzi!
N v'abbasta mai…Ma poi ce sò le scuse:
pe llì gestisce quello, noi n c'entràmo.
L'istessa cosa sòna all'incontrario…
Quello è successo quànno n c'eravamo…!
È la burograzzìa! Noi nun potémo…!
È tutta côrpa de la pandemia…
Pe quanto ciariguarda, noi volémo
stà in santa pace, qui…Nu lo capite?
Noi stàmo tutti nde l'istessa barca!
Si s'affogàmo noantri…v'affogate…
Nun c'è rimedio…Ma che ve penzate
che noi n ce lo sapémo quer che serve?
Ce serve un dittatore…Ma n sia mai!!!
Li giochi sò così…Noi li seguìmo…
È come annà a l'inferno: "O voi ch'entrate…!"
Nun se ne sòrte…È la demograzzìa!
Che accòmoda a chi più, a chi meno, a tutti:
leali e onesti co li farabbutti…
Er fatto è che s'è pèrzo da gni parte
quer vero senzo…quer significato
der dì e der fà…A sto punto toccherebbe
rincomincià da capo tutto quanto.…
E dà er valore giusto a quer ch'è giusto
seçônno er giusto vero! E nno quer giusto
ch'è n giusto che fa comodo a quarcuno.
Un dittatore! Eh, ssì! Tornàmo llà!
Ma che sii bbòno, bravo e giusto assai!
Ma poi…però…n potémo fà li giòchi…
N c'è più "demograzzìa" che tutto ammette….
Dopo - er più bravo - vò passà er zomaro…
Er giusto va più in su e l'ingiusto, giù!
Er bravo cittadino leale e onesto
sconfigge senza sforzo er disonesto…
Chi rubba casa a un artro … sò dolori!
E nvece, mo', è 'r padrone a restà fòri!
Chi studia e è 'nteliggènte è, co chi sgòbba,
er ciccio bbèllo a casa e sur lavoro,
se pìa li meriti…diventa "uno"
e nvece è propio lui - che mo' è un nisuno -
a èsse messo bbòno da na parte…
Perché - come se sa - mo' è 'r dilinguente
a avé l'onori, l'interviste … e più!...
Perciò! Volémo la demograzzìa
(però fatta a sto modo, la volémo!…),
pe ffàllo-e-ffàllo-fà in libbertà! E in pace!
quer che ce pare! Quelo che ce piace!

 

Visti i tradimenti…i cambiamenti e i falsi abbracci di idee…saltellanti per Camere e camerette…
niente di più facile immaginare che anche …

Antivaccinismo … solidale
Si attesta da più parti che il vaccino
è solo assai miliardi per BigFarma.
Uno strumento in mano loro…Un'arma
per ricattare il mondo che: "Il destino

or mette a dura prova…!" dicon loro…
Mai scusa più aberrante, più umiliante
per gente che si dice "autopensante".
Vaccino è unicamente un gran tesoro!

Ma non per noi!...Per loro!! E è sentenziato!
E…riavvolgiamo il nastro un po' al passato….

Vaiolo…tetano…poliomielite…
son state debellate…Ma chissà
chi è stato…E se - in ver - Covid ci sarà,
in egual modo sparirà…Capite?!

E per mostrar che noi abbiam ragione,
or, ben notando che anche l'insulina,
con la penicillina e l'aspirina
miliardi stan portando a BigFarmone

da adesso in poi è tutto messo al bando!
Ci cureranno vino, miele e impiastri,
bevande calde e intingoli salmastri.
Massaggi, poi, da far di quando in quando...

Ma io - tanto per esser solidale
farò il vaccino. In modo…secretale…(!)…

Ma..oeh! Cos'aspettate!...Dai, comprate
vaccini…E non restate imbambolati
ad aspettar l' E.U.! Temo infettati
di più di mille serpi avvelenate!


Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it, 22 febbraio 2021 - Il rettore ha comunicato la sospensione di tre mesi senza stipendio per Giovanni Gozzini, docente dell'Università di Siena che ha insultato Giorgia Meloni. Ieri, il docente aveva dichiarato di aver messo la sua testa a disposizione del rettore per preservare il buon nome dell'università. Nelle stesse ore, invece, Giorgia Meloni sottolineava la sua volontà di non voler chiedere personalmente provvedimenti per il professore che in diretta radiofonica l'aveva appellata con termini volgari e irripetibili. Da più parti erano piovute su Gozzini accuse di sessismo e misoginia, le sue parole contro il leader di Fratelli d'Italia ha avuto l'effetto di compattare la politica italiana bipartisan attorno alla figura di Giorgia Meloni, forse per la prima volta nonostante l'onorevole sia da anni sotto il fuoco incrociato degli insulti, sia da altri esponenti politici che dai leoni da tastiera. La lezione della Meloni a prof:"La violenza verbale è ammissione di inferiorità". Il rettore dell'università di Siena, Francesco Frati, ha condannato fermamente l'atteggiamento e i modi del suo docente, definendo inammissibile "l'inaccettabile aggressione verbale del professor Giovanni Gozzini nei confronti dell'Onorevole Giorgia Meloni", alla quale è stata formalizzata personalmente la solidarietà del rettore in nome dell'ateneo…. L'atteggiamento di Giovanni Gozzini ha lasciato tutti basiti. Molti suoi ex alunni si sono detti stupiti…Lo stesso rettore ha espresso la sua sorpresa e, al tempo stesso, ha preso le debite distanze. "Gli attacchi volgari e sessisti rivolti all'onorevole Meloni pongono a noi tutti una seria riflessione su quanto questi comportamenti, rivolti spesso alle donne, siano gravi, inaccettabili e da stigmatizzare senza riserve", ha detto il rettore Francesco Frati, che poi ha concluso: "Abbiamo la necessità di difendere l'onore dell'Ateneo e far sì che l'Università di Siena, a sua volta vittima delle dichiarazioni del professore, sia difesa nella sua dignità"….L'ha, invece, commentata il professore Alessandro Innocenti, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive dell'Ateneo senes, dove insegna Gozzini. "Abbiamo stigmatizzato con fermezza le parole che il collega Giovanni Gozzini ha rivolto ad una nota leader politica in una trasmissione radiofonica. Riteniamo che quelle espressioni, per le quali il docente ha chiesto giustamente scusa, sono gravi e inaccettabili per il ruolo che rivestiamo come professori universitari e trasmettono una immagine fuorviante del nostro lavoro", ha detto Innocenti all'Adnkronos. Il docente, poi, conclude: "Il rettore ha proposto una sanzione disciplinare pesante per condannare un comportamento che scredita il modo in cui il nostro Ateneo è percepito. Con il rettore c'è pieno accordo sulle procedure da adottare. Adesso la decisione sulla sanzione passerà al vaglio del Collegio di disciplina". La misura non è piaciuta a Fratello d'Italia. Il senatore di Fratelli d'Italia Giovanbattista Fazzolari ha commentato così la sospensione: "L'università di Siena tratta con i guanti di velluto il professore Gozzini. I gravissimi insulti al leader dell'opposizione, Giorgia Meloni, gli valgono poco più di una tirata di orecchie e soltanto una sospensione di tre mesi. Ci chiediamo tutti se il richiamo sarebbe stato così morbido se quei toni fossero stati utilizzati contro una donna esponente della sinistra. Da parte del corpo docente di uno storico Ateneo italiano ci saremmo aspettati molta più determinazione nel difendere il prestigio della propria università, invece di far prevalere lo spirito corporativo del mondo accademico".
Sarebbe questo, il Paese Civile…della lotta all'odio…del rispetto della donna in particolare, e poi per tutti gli altri esseri viventi…O è invece - questo paese - il Paese del bengodi per gli strafottenti?...Un'ultim'ora. Bene! C'è stata! una punizione per il discolo professore! Lieve, ma…Almeno stavolta qualcosa è stata fatta al contrario di cento altre volte…Ho saputo anche della telefonata di Mattarella all'insultata." Fusse che fusse la vòrta bbòna?!"
(a mettere il 'tappo' a chi il 'tappo' vuole mettere?....). Comunque: sarebbe questo l'effetto di cotanta cultura…tanto sbandierata dai "bravi"! Meglio l' "ignoranza" educata e senza odio. Per la cronaca i responsabili dei deliranti insulti sono tre (come dicono le cronache)

A … ruota libera!....

(Siena)
"O come si pò fare a liberàcci
di vella rana he ci sta dando noia!"
"N'i modo demogratico - he si sa -
sappiamo solo noi he stiam di qua…
Come 'oll'artri…'i si tiran tutti stracci,
e cioè s' insurta! Ovvia!...Noi s'ha na vòja!"….

(Roma)
E bravi! Er professore e n direttore
de varie cose… co na dignità
che manco 'i bbulli de la pèggio spèce…!
E si facéssimo ar contrario - invece?!
E cioè a inzurtà a voi tre che state llà,
da fàvve arivortà quer…bon'umore?...

(Italia)
Eh! Dite…professore e direttore….
Vi state vergognando?...No!!...E perché…
Uno-e-sessanta, è lei…Ma voi strisciate…
Nella natura voi rassomigliate
a vermi informi…Cosa?...Cosa c'è?...
Ah! Scuse…E gia!...Anche a voi…Senza rancore!

Inattesa, ma…c'è la punizione!
"Prof ! s'è macchiato d'un sudicio reato!
Lei è un discolo! Venga accompagnato!
Dopo i tre mesi senza … elargizione!"
 


Un fatto, una poesia
Corrieredellumbria, 15 agosto 2020 - Non siamo diventati appartenenti alla casta. Lo dichiara Luigi Di Maio il giorno dopo le scelte del Movimento 5 Stelle che ha cancellato quelli che per anni sono stati i pilastri della sua attività: il no al terzo mandato e quello all'alleanza con i partiti tradizionali in occasione delle elezioni amministrative.
Ma si cambia…E 'come si cambia!' (dice la canzone…). Tutta la bella idea immolata all'altar della poltrona…
da ansa.it, 12 febbraio 2021 - Ancora molto giovane, ma già un veterano. Con la conferma anche nel governo Draghi, il 34enne Luigi Di Maio sarà l'unico politico ad aver fatto parte degli ultimi tre esecutivi.

Smantellator di casta,
non ti basta?!
Quant'altro vuoi restare
lì dove si dovrebbe governare?
Di quella casta, or sei parte anche tu…
Ah!...Ci hai ripensato…e non molli più!...?...
Non lo sapevan solo gli abbocconi…
Ma i 'redditati' son (forse) ancor proni.



Con onestà…m'inchiodo qua!
col trallallero-e-il-trallallà

"Quello, era il piano. Certo! Sissignori!
Ma, come bene spiega la parola
'piano'…pian-piano cambiano gli umori,
i 'piani', appunto…E impari a …'dar-la-sòla

Da impreparati - noi d'altri settori,
visto e accertato in quale bagnarola
(con l'acqua a uscir dai mille e anche più fori)
eravam dentro, d'esser 'banderuola'

additati, ne abbiamo assunto il rischio.
E è questo qui il perché - checché si dica
(mi scuserete se qui un po' cincischio)

qui ci restiamo. Non per altro, mica!
Come potrebbe altro, essere! Onestà,
per noi è …ripensarci…e stare qua.
-----------------------------------------------
Perché - e ciò, chiaro sia a lor signori -
da questa 'scatoletta al tonno' aperta
smantelleremo privilegi e onori,
di quella casta solo tanto esperta

a vedere di non finirne fuori,
ma restar sempre con certezza certa
sulle poltrone, tra gli ambìti allori,
e come a chi ci vota…darla in berta.

E a lor signori io prometto questo:
più ricco reddito-cittadinanza
a chi mi voterà, darò al più presto.

Però, nessun s'azzardi…niun m'accusi
che è 'scambio di favori'-e-anche-a-oltranza…
ché mia 'onestà'… disdegna! certi abusi!"


poesia pluripremiata

Er Contrappasso infernale
Passànno, un giorno, nfra l'indemognàti
co Berzebbù a infirzàlli côr forcone,
domànno: "Ma com'è…Quali peccati

se stà a scontà 'sto mucchio in perdizzione
che se la va ridènno a crepa-pèlle
che pare alègro, senza 'na raggione?"

Se smucchia, e parla un'anima de quelle:
"La pena nostra è de stà qui in eterno
a sganassàcce tutte le mascèlle

nfra li dolori e er fòco de l'inferno,
così che nun magnàmo e nun bevémo,
perché quanno stavamo su ar governo

(e già co questo ce lo sai chi sémo)
s'abbuffavàmo, tutti seri, seri,
e mmo' 'n magnàmo più, e però…ridémo.

Vedi anche li burògrati severi,
che in più de noi, se tìmbreno…co un chiodo
l'u' ll'artro…Timbri…Come a 'i ministeri…

Perciò, amico caro, annànn'ar sòdo
ridémo, ma…soffrìmo come matti!
Voréssimo tornà, e ffà a un antro mòdo!

Ma ce lo sapevàmo…de 'sti pàtti!
E quer ch'è ffàtto…embeh…oramai è ffàtto!
E qua - le péne - ségueno li fatti.

No, come su, che 'n paghi mai 'r misfatto!".


Il contrappasso infernale
Passando, un giorno, fra gl'indemoniati / con Belzebù a infilzarli col forcone, / domando: "Ma com'è…Quali peccati // stanno scontando così in tanti, in perdizione / che vanno ridendo a crepapelle / che sembrano allegri…senza una ragione?" // Si stacca dal gruppo, e parla una di quelle anime: / "La pena nostra è di stare qui in eterno / a sganasciarci tutte le mascelle // fra i dolori e il fuoco dell'inferno, / così che non possiamo né bere, né mangiare /perché quando stavamo su al governo // (e già con questo capisci chi siamo) / ci abbuffavamo tutti…seri, seri, / e adesso non mangiamo più, e però… ridiamo. // Vedi anche i burocrati severi, / che in più di noi, si timbrano…con un chiodo / l'un l'altro…Timbri…Come ai ministeri…// Perciò, amico caro, andando al sodo / ridiamo, ma…soffriamo come matti! / Vorremmo ritornare, e agire in altro modo! // Ma lo sapevamo di…certi "patti"! / E oramai quel ch'è fatto… è fatto! / E qui - le pene - seguono i fatti. // Non come su, che non si paga mai il misfatto!".


Un fatto, una poesia
Questi giorni…fino a oggi 17 febbraio 2021- Italia 2020-2021- Crisi per la salute in crisi per la pandemia, e per la crisi economico-occupazionale, quale conseguenza della crisi pandemica. In più, crisi politico-sociale per la crisi pandemico-economico-occupazionale.
Giorni e giorni persi…E però non basta dato che i soliti Soloni devono pensare alla 'transizione ecologica' di recente invenzione, e all'insoddisfacente 'quota donne' per cui già si stanno strapazzando…Mentre il nuovo governo è ancora in attesa di approvazione.
Ma quando gli passa…Quando capiscono cosa serve alla nazione…E subito! E non…dopo gli accomodamenti loro…

Ultima speme è Draghi.
Ma se mai saran paghi
di ideologizzazioni…
Che dio li perdoni.

Rimedi anti-3-crisi
Consolazione!...È tornato Solone!
Tempo era che tornasse…E alfine è giunto!.
Lo s'intravede in quel … grande salone
dove l' 'opposto' è al 'maggiore', congiunto.

Ch'è un'eccezione per questa questione
dell'infezione - cui - peggio! s'è aggiunto
tristissimo, il rischio d'una esplosione
per l'economico stato raggiunto.

Ma il contro crisi, solonico, è pronto!
Son: 'transizione ecologica' e 'donne'…
E i tizi cui han <condonato … il conto>.

Ma…Bene così…Ché…l'Italia è questa
quella che cercano quei che - colonne
stanno a sentirsi. Ma…di cartapesta.

Se neanche adesso si tengono al bando
stranezze e ideologizzazioni…Quando?!
Aspettan che alcun s'aggiri inforcando?!

 


                                      

È Carnovale, gente!
È Carnovale, gènte! E perciò abbasta
a stà côr muso lungo, triste e grìggio,
che pare che venìmo da un litìggio.
Prennémo un'espressione più entusiasta,
perché così s'addice a sta gran festa
ch'è ffàtta pe cantà, magnà e ballà,
e bbéve tutti assieme pe scordà
l'affanni che ciavémo pe la testa.
Ammascheràmo er viso d'alegrìa,
che ognuno facci quelo che cià in còre;
facémoce pijà dar bonumore
che qui la vita côre e scappa via!
Fermàmola! Pe un giorno…due…tre…
facènno le stranezze e le frescacce,
che intanto chiunque stia llì a governàcce
gni giorno ne fa più de me e de te!
Tiràmo li coriànnoli pell'aria,
sonàmo le trombette a sprofusione
ed intonàmo assieme na canzone,
e passerà perfino quarsìa caria.
Scordàmose l'amori lagrimosi,
la crisi co la disoccupazzione,
le tasche vòte, e quela sconfusione
che c'è nfra li partiti indecorosi
dicènno ste parole de maggìa:
"O Carnovale, Carnovale bbèllo,
spalàncace er portone ar tu' castello,
ma làssa fòra ogn'ideologgìa!"
 

Un fatto, una poesia
da giornali e dirette TiVvù - Crisi governo - Per il nuovo corso la Campanella ha suonato il 13 febbraio 2021.
S'è chiuso il ciclo del malgoverno … Sarà - or - paradiso…o continua l'inferno? Visto che stanno tutti insieme…litigiosamente…
La 'Campanella" ha riconfermato - tra altri - Di Maio e Speranza - Ora in Sanità e agli Esteri la novità così tanto cercata, sarà: "come prima…più di prima…spero no!…." (come diceva - più o meno - Tony Dallara)… Malcontenti in tutte le sinistre…Molti grillini vogliono uscirsene…Forse per non lasciare soli FdI.

Il Grande Perdono
Di già è suonata la 'Campanella'.
Mille grazie, signor Mattarella!
Les jeux…?…deja faits! Et rien ne vas plus!
Ma di già c'è chi …non ne può più!

Però anche c'è…chi è stato graziato…
Per pena - forse - non l'han cacciato.
"Grazie! Pe' avermi riconfermato,
pur se - lo so - non l'ho meritato…".

Forse, il perché l'han fatto è…chissà…!...
Non certo pe'…irresponsabilità…

Ma cos'è, questo grande lamento…
Par provenire dal parlamento.
Ma…non cercavan la soluzione
a tutti i guai di questa nazione?!
Ah, No!?...Dunque…Non era per questo!
"Ma lo sapete che era un pretesto!
Si voleva tener la poltrona…
E ci sembrava cosa assai buona!
E - invece - alcuni l'hanno tenuta…
E - però - altri, l'hanno perduta...".
"È vero!...E ci hanno pure fregato
quel ministero ch'io! ho inventato!
Mi sto sentendo come un fallito.
Sì! che son grillo! Ma no…ammonito!"

Non s'è trattato certo di 'fine'
d'un momentaccio parlamentare.
È stato invece il "Grande Perdono".
Che - tuttavia ha fatto …volare
sogni a illusi grillini e grilline…
e a chi ha creato tanto frastuono.

Cioè quello bravo a far…deragliare…
Ma ci perde, anziché guadagnarci…
Forse - però - starà a riservarci…
Non ci resta che…stare a guardare.

Sarà un governo - questo - di draghi
e dei più-dei-più del Bel Paese.
Speriam che non vi siano anche i maghi
a sottrarre euri con false spese!

 

San Valentino
San Valentino, dacce l'occasione
De avé na vòrta ne la vita
Quer senzo de felicità infinita
Che un granne amore pieno de passione
Sa dà a chi vò provà quell'emozzione
Che arimarà pe sempre accustodita
Ner còre, come na quarsìa pepita
È messa in cassforte, a protezzione…
Così lei resta llì na vita intera
Pe ffàllo stà ar calluccio ogni momento
Quer còre, e si è che schioppa na bufera
E ce se trova immèzzo, è proprio allora
Che lei è più che mai 'r medicamento
Che in quer gran buio fa sortì l'aurora.
 

Un fatto, una poesia
da…le cronache di questi giorni - attraverso la crisi sanitario-economica…alla…formattazione di un nuovo governo-provvisorio-e-precario…Ma che ha già creato il nuovo Ministero del Pur di non andare a elezioni (che nel frattempo - visto il lungo decorso - inclusa la farzetta rousseau …forse s'erano già fatte). da ilgiornale.it, 11 febbraio 2021….il Movimento 5 Stelle ha chiesto al Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi un ministero per la transizione ecologica: dovrebbe accorpare le competenze di quello dell'Ambiente, dello Sviluppo Economico e dei Trasporti. Un portafoglio da 70 miliardi di euro dei 209 totali previsti dal Recovery Plan….E pazienza se già esiste presso il ministero dell'ambiente un Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi che cura materie come economia circolare, contrasto ai cambiamenti climatici, efficientamento energetico, miglioramento della qualità dell'aria e sviluppo sostenibile, cooperazione internazionale ambientale, valutazione e autorizzazione ambientale e di risanamento ambientale. Abundandis in abundandum, per dirla con Totò.Grazie a Beppe Grillo, tornato finalmente italiano tra gli italiani. Ma non avevamo mai dubitato che fosse un marziano. Perché in Italia, alla fine, ci conosciamo tutti. E quindi un arci-italiano come il leader genovese per forza doveva partorire la più arci- italiana tra le soluzioni: un nuovo palazzone pubblico in cui far entrare altri palazzoni un po' più piccoli. Una matrioska di Stato per uscire da un vicolo cieco politico importante, quello in cui da un po' di tempo (anche secondo alcuni dirigenti) si è infilato il Movimento 5 Stelle...A questo punto si potrebbe avanzare una proposta faceta, più nel serio che nel faceto: un ministero per le attività varie ed eventuali. da ilgiornale, 11febbraio 2021 - …. È fondamentale non sottovalutare il carattere epocale della sfida ambientale, se in questo momento storico non si riuscirà a realizzare una proposta alternativa all'ambientalismo di matrice globalista che affonda le proprie radice ideologiche in una precisa visione della società antitetica al concetto di nazione, di identità, di comunità, il rischio è perdere nei prossimi anni una fetta consistente di elettori, in particolare tra le giovani generazioni. D'altro canto, importanti esponenti della Lega come il vicesegretario federale Lorenzo Fontana, già questa estate affermavano che "la cura dell'ambiente è un argomento identitario perché riguarda soprattutto le comunità con la loro storia, la loro tradizione e con i loro valori in cui c'è sempre la tutela del luogo in cui si vive". E lo stesso Matteo Salvini, già nel 2019, intervenendo a un convegno sull'ambiente sosteneva: "è una battaglia, quella dell'ambiente, in cui credo, ma senza istinti talebani".Occorre evitare che il governo Draghi si trasformi in un grande spot per promuovere una visione ideologizzata dell'ambientalismo con le risorse europee senza tenere in considerazione la nostra identità, le esigenze e le necessità da un lato dei cittadini e dall'altro delle imprese e del mondo produttivo.

Il grillo - furbacchione menestrello -
col vaffa in bocca pronto e con lo strillo
lo lascian fare prima che il cervello
gli si disciolga e coli nel lavello
a forza di strizzarlo pe' inventare
cos'altro fare per poter restare…
E alfine un ministero ha partorito,
che ci sta già!!... L'ha solo colorito
con paroline nuove, più sofiste,
per consolar le schiere sue frammiste
a forza - ad altre, fin ad or schifate…
Pur di salvar le poltroncine amate.

Scacco matto
Pinocchio grullo, e il grillo assai mandrillo

"Suvvia, Pinocchio! 'un farti trasportare
da veste assai 'attive 'ompagnie…!"…
"Ma u' starti a preoccupare, he ci sta un mare
a un fa stà assieme idee loro e mie!"

Ma un grillo c'è ch'è un grillo ch'è un mandrillo
(e cioè non quello che era saggio e onesto)
che vien dal baraccone, e con lo strillo
si rende ai pinocchietti manifesto.

E col cri-criare-al-vaffa è assai peggiore
di quel pinocchio in legno, che a confronto
pur burrattin, di lui era migliore
ed il buon grillo gliene rende conto.

Ebbene, il grillo ch'è di questa storia
è un grillo fortunato, ché sebbene
dotato solo sia di scema boria,
non ha chi sotto tiro mai lo tiene.

Ma è proprio lui, che - invece - dà lo smacco
al belpaese, con disinvoltura
e - addirittura - il 're' lo tiene in scacco!
Ché a martellarlo par ci sia paura.

'Democrazia', la chiama…'Popolare'!
precisa il buffo grillo assai sbruffone…
Ma se un buffone, qui, tanto, può osare,
vuol dir ch'è quel che vale 'sta nazione.
 


Foibe 2005
                   (prima - per quasi 70anni - ce lo avevano tenuto nascosto…)-(il Comune di Colleferro, avendo trovato la mia poesia su internet,
                    mi chiese  il permesso x il manifesto
)

Cársici báratri profondi e scuri
Custodi involontari
Di abominevoli vergogne
E di voluti silenzi decennali
Di rei conoscitor d'infamie
Da cancellar da la memoria
Or luce e ' fatta
Su i martiri negati
Vittime di ínfíma sorta
Colpevoli innocenti
Negletti dalla storia
Come immondizia gettati
A morir vivi
In fondo al pozzo ammucchiati
Da ideali puzzolenti
Come lor carne putrefatta.
Qual è la differenza,
Tra un pozzo…e un forno?!
Se mai sapete
 

Vèrzo er nòvo governo (7 febbraio 2021): reartà e sensazzioni
(tutti i riferimenti sono puramente …causali).

                  Probblèma…
Soluzzione Càrcoli, e Indicazzioni
Co li Probblèmi de le Soluzzioni
noi ce tiràmo fòri li Càrcoli
che n se potrébbeno - sinnò - risòrve.
Ché, mica è facile come na vòrta
che j'abbastava a ddì: qui c'è 'r Probblema,
e qua l'Indicazzioni tutte in fila,
chiare Soluzzioni e chiari Càrcoli…

Seeeh! Mò è ar contrario, caro amico caro!
Ammo' er sofismo astràttico itajàno
s'è ffàtto tutto quanto inturcinàto
tarménte a na magnéra assurda e ingrata
de modo che pe sciòjelo, a la fine,
se sò dovuti métte in ginocchioni
davanti a mme, e a quello, e anche a quell'àrtro
così d'arivà ar dunque presto e bbène.

Defàtti, èccoce qua: er Probblèma è noto.
Superàllo, vòr dì mette er probblèma
de risòrve - in primis! - queli Càrcoli
che carcolàmo pe la Soluzzione.

Sarebbe - n te distrae, ascôrta bbène:
er pèggio der probblèma sémo noàntri,
secônno quer che stanno a riccontà.
Pe cui pe soluzzione abbast'a ddì
che n sémo noàntri…ed ècco ch'è risòrto!

E poi, volènno fàje anche le purci
la Soluzzione sòrte bella chiara:
tòcca - cioè - risòrvece li Càrcoli
spiegati bbène già a l'Indicazzione,
seguènno quela regola svizziosa
che dice che "Invertènno li fattori
er risurtàto n càmmia
". Er che, è da sballo!

Così, seguènno sto gran bèr principio
coll'àrtri de la … paraculerìa,
viè che-ar-dunque: portrona 1 a mme,
portrona 2 a quello, e 3 a quell'àrtro,
a quella llì je viè portrona 4,
la 5 pare pròpio adatta a quella…
la 6…la 7… e 8, e 9 e 10…
Questa è: Soluzzione de li Càrcoli!.
E er Probblèma è, così, bell'e risòrto,
E quelle…sò le chiare Indicazzioni.
Si, poi, vònno sapé-anche er perché-e-'r- come,
gn'arisponnémo e anzi…'i querelàmo!


Un fatto, una poesia
da interris, 6 febbraio 2021 - Padre Baggio a Interris.it:"Non si escludano i profughi e i migranti dall'accesso al vaccino anti-Covid".
Sos migranti nella crisi Covid. I migranti doppiamente svantaggiati in pandemia. "Per le cure mediche, l'assistenza sanitaria e l'accesso ai vaccini anti-Covid i profughi e i rifugiati rischiano di essere penalizzati da una mentalità che esclude chi non è considerato parte del proprio gruppo di appartenenza - sottolinea padre Baggio-. In questo modo chi è costretto a lasciare la propria patria si troverebbe doppiamente svantaggiato. Escluso nella sua terra di origine ed escluso nei paesi di transito e di destinazione"…"Chi scappa dalla propria terra perché teme per la propria vita non considera il Covid la sua principale preoccupazione. Secondo i dati della UNHCR, nell'anno che si è appena concluso si è registrato il minimo storico per numero di rifugiati ricollocati". E "nel momento in cui vengono serrate le frontiere per motivi sanitari (sia nei paesi di origine che in quelli di transito e in quelli di destinazione), si aggravano le difficoltà per chi è costretto a fuggire dal proprio paese, sia a causa delle guerre sia a causa della miseria più estrema o dell'insicurezza generale o delle persecuzioni. Si tratta di persone la cui decisione di uscire dal proprio paese è determinata da minacce avvertite più incombenti e angosciose rispetto al pericolo attuale del Covid". E, sottolinea padre Baggio, "di pari passo con le chiusure dei Paesi, si riducono le possibilità di spostamento attraverso canali regolari. Così hanno buon gioco coloro che offrono alternative illegali. Nella ricerca di altre strade, si finisce nelle mani di trafficanti di esseri umani, di persone senza scrupoli che rispondono a organizzazioni criminali. Ma la gente è così disperata da non pensare ai rischi e alle conseguenze ". Evidenzia padre Baggio: "Papa Francesco, grazie alle notizie che arrivano dalle conferenze episcopali, è sempre e prontamente informato di quanto succede nel mondo. Il Santo Padre ha segnalato il rischio che proprio le persone più vulnerabili - tra i quali ci sono i profughi e i rifugiati - non abbiano adeguato accesso alle cure e ai vaccini. Nell'enciclica 'Fratelli tutti' ha detto chiaramente che non solo dobbiamo sentirci tutti sulla stessa barca, ma dobbiamo guardarci dalla tentazione del 'prima noi, poi gli altri' anche per quanto riguarda l'accesso al vaccino anti-Covid e alle cure". "Oltre al richiamo al buon senso e alla spirito di solidarietà che è rivolto a tutti", precisa padre Baggio, "vale per i credenti anche l'esortazione evangelica a non escludere gli altri, a camminare insieme e a fare in modo che nessuno sia escluso". Significativo al riguardo "il gesto di vaccinare i senza tetto che sono seguiti in Vaticano: ciò coerente con il richiamo a non dimenticarsi di nessuno". Il modello è quello di Madre Teresa di Calcutta che "non solo soccorreva tutti senza chiedere a quale religione appartenessero, ma attraverso la carità annunciava il Vangelo. E' la Chiesa 'in uscita' che accoglie tutti, e in particolare coloro che si trovano nella disperazione, come nella parabola del Figliol prodigo", conclude padre Baggio.

Dovémo vaccinà…!...
"Te sto capì, a Re'. Certo! E me dispiace.
E sto a capì che ognuno ha da fà er…tifo
pe chi vòle aiutà, come je piace.
Negàllo, mbeh, faréssi propio schifo!

Ma…er "ma" che ciccia sempre discorènno
nfra chi vòr dì na cosa e n àrtro è contro
-e cioè "er distinguo"- nu stai distinguènno
nfra chi "davèro deve" e chi crea scontro.

Mo', dìmme chi n vorébbe dà n aiuto
a ggènte bisognosa…ggènte senza…
Ma er limite ce sta, e è risaputo.
Che nu è nfra cattiveria, ed accojenza…

E a inziste su sto punto è ipocrisia,
e cioè, vòr dì èsse contro la reartà.
Vòr dì <fate così! Come sia, sia!>.
E sto a capìtte!...Ma si n ciò da dà!

Ché è facile a ddì: <tòcca sarvà er monno!>.
E chi n vorébbe fàllo!...Ma magari!
A Re', sai che diceva 'r pòro nonno?
<'Ntrate!…Na vòrta a posto 'i famijàri>.

E mo' s'è aggiunto er quibbus der vaccino…
Qui stàmo a litigà - Ma in tutt'er mônno!
Ché n c'è 'r vaccino pe chi sta vicino!
Nun basta a ddì…!...Er probblèma è più profônno.

De certo se farà…Ma nno de fretta…
In fila…In graduatoria…Com'è giusto.
N vorànno mica mette l'etichetta
<categoria protetta> … a proprio gusto!

C'è l'UEnne…Un mar de sòrdi ne le mano…
Li pòri pupi secchi e mosche ar naso,
che appéneno … e ssò! 'er popolo africano'!...
Poi, finché è 'r profugo…Ma…è 'r gran travaso...
 

Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it - 4 febbraio 2021 - Il tavolino e l'assembramento. L'ultimo (triste) atto di Conte. All'ultimo minuto cambiano i piani per la conferenza del premier: parla in strada.E si scatena il caos sull'uscita di scena.
Un'uscita di scena davvero triste. Quando i social del premier dimissionario Giuseppe Conte annunciano un suo intervento alle 13,30, saltano letteralmente quasi tutti i protocolli Covid. Il premier decide all'ultimo minuto di parlare in piazza Colonna, in strada…confusione mai vista soprattutto tra i cronisti presenti e chi deve organizzare la postazione per Conte. Alla fine in video appare un tavolino, una piccola scrivania…per far parlare Conte. Una scena, come ad esempio ha commentato Ferruccio De Bortoli a Sky Tg 24, davvero "poco istituzionale"… Si sente la voce di Casalino: "Nell'inquadratura non mettete Palazzo Chigi perché non è solo un intervento istituzionale". Poi arriva il premier che forse si sta già abituando all'addio a palazzo Chigi. Il discorso di Conte dura molto meno dei preparativi per il triste tavolino. Il suo intervento si può racchiudere in alcuni ringraziamenti al Colle e agli alleati di governo per poi passare alla sua presa di posizione sul nuovo governo che sta per nascere a guida Draghi: "Auspico un governo politico che sia solido e abbia sufficiente coesione per operare quelle scelte politiche, eminentemente politiche perché le urgenze del Paese richiedono scelte politiche non possono essere affidate a squadre di tecniche". Poi ha di fatto rivelato il suo posizionamento politico in modo chiaro rivolgendosi agli "amici" del Movimento e assicurando loro la sua presenza sulla scena politica. A questo punto il messaggio a Pd e Leu: "E' un progetto forte concreto che aveva già iniziato a dare buoni frutti, dobbiamo continuare a perseguirlo perché offre una prospettiva reale di modernizzare finalmente il nostro paese nel segno della transizione energetica, della transizione digitale, della inclusione sociale".
Il tutto però detto in un contesto davvero poco formale. L'intervento di Conte è stato preceduto ed accompagnato da una sorta di girone dantesco con un groviglio di cavi, microfoni e di cronisti che si sono assembrati per seguire l'intervento del premier dimissionario…Insomma i Dpcm, anche nel suo ultimo atto finale, hanno forse poco valore. Oppure sono solo provvedimenti che vanno rispettati fuori dal perimetro di piazza Colonna...

Duro, è svejàsse da n gran bèll' inzogno!
'Fàmolo! un gran rimpasto!'…
Sto sogno solamente j'è rimasto…
Però de loro n ce n'è più bisogno.


Pel…'buono' der Paese!
"A Re', fàmme capì…Ve caccio via
per èsse na gran massa de incapaci
e pe deppiù de indegni e de rapaci,
de trasformisti e de quaqquaraqquisti
e ancora stanno llì a ffà li sofisti
co quello in capo a ddì: "Parola mia,
ho ffatto tutto bbène pe'r paese
pe 'r bene suo…E qui vòjo restà!
Pe ddà ar governo la continuità
che j'àbbisogna perché n sia spregato
quer bene che sto a ddì…Ciò fatigato!
Ma come devo dìvvelo, in cinese!...

Vedémo, dunque, de capìsse bbène:
Politico!! Ha da èsse mo', er governo
che deve nasce…ché sinnò er bèr terno
ch'ho fatto ner trovàmme a stà qua immèzzo
a ffà er 'càmmia-paròcchia' da ribbrezzo,
io me lo gioco!...E quànno me riviene!"
E l'àrtri appresso a llui…Stesso lamento…".
"A Ro', tòcca capìlli…È brutto a perde
quer ben-de-dio…E c'è chi stava a 'r verde…
Ministro, o senatore, o deputato…
mo' ognuno s'è de bbòtto risvejàto
da n sogno accosì bbèllo…che s'è spento.

Ma ancora inziste…Senti che st'a ddì…
<Pel…buono del paese…!"…J'è rimasto
così incurcato in testa quer su' modo
(che è de tutti loro…stesso brodo…)
de sistemà li guai a nun finì:
'buono' pe questo…'buono' pe quello…
"Quant'era fico!...Ma quant'era bbèllo!
Ve prego! Fàmo assieme er gran rimpasto!>".
 

Un fatto, una poesia
Governo giallo rosso: 2 febbraio 2021 crisi aperta dopo aver strascicato la sua accroccatissima, falsa, litigiosa esistenza fin qui. Fiumi d'inchiostro e di parole, di immagini, dibattiti, dirette giorno e sera di ogni giorno dei giorni passati, fino a questo 4 febbraio. Dopo il non proprio proficuo temporeggiare del Capo dello Stato, fino all'inevitabile, oramai, suo tenue intervento del 2 febbraio 2021, a chiedere di fare i bravi…

"Tira 'a rezza ca vene…!..."
diceva una partenopea canzone…
Ma…tira, tira…e in più, stratton, strattone,
la 'rezza' cede, e … via! quel che contiene!
Strappata con l'autosbugiardamento!
E adesso spera, il popolo, scontento..

Saltabanchi-salta-salta
'Politica' è parola troppo alta
pel meschinel teatrino dei partiti,
ridotti a saltabanchi-salta-salta
l' "avanti-e-indré", da delusion colpiti.

Son come al formicaio le formiche
che paiono schizzar qua e là, impazzite
come cadute fosser sulle ortiche,
al sol sentore di essere colpite.

Così! se n'è salito alla ribalta
in tutto il 'venti, e a inizio del 'ventuno.
E l'infezion che gira lo risalta.
Il che è ben chiaro agli occhi di ciascuno.

Ma ecco - finalmente - risvegliarsi
dal suo letargo - assai, assai dannoso!
il salvator-salvante ad industriarsi
a … non finire di essere colposo…

E - invero - il formicaio disastrato
non è che l'abbia - con quel suo intervento -
assicurato…Ha sol raccomandato
di fare i bravi…nel proseguimento…

Col baratro lì, a spalancar la bocca,
soltanto - sempre, solo le parole!
Rinviando soluzioni…ancora accrocca
non-soluzioni…Ma…sia quel che vuole!

Galeotto fu …l'autosbugiardamento,
la tigna perniciosa a-far-da-sé
di quei a capo del (s)governamento
che non ha ancora ben capito …il "che".

E : "Io ci sono!..." ha ancor gridato or, ora
da uno dei canali…Dopo: "Aiuto!"
aver pregato, inascoltato…E ancora:
"Io ho ben fatto! e perciò…non vi saluto!"
 

 

 

                           

da depositsphotos, google.com                   da depositsphotos,                             google.com da marzenia-sa-moim-

L'appuntamento
Fifì in silenzio, ritto in arme stava,
Fifina sua guardando.
Che a passo vogliosetto s'affrettava
e si lubrificava già, smaniando.

Il micidiale suo spadon brandendo:
"Al punto giusto giungi…"
Quasi un sussurro, mentre andava offrendo
quel che lei bramava ormai da lungi.

"Per sempre! Io con te così", giurava
Fifì, quasi sbrodando.
Ma ancor lottar voleva e non sganciava
cercando dentro sé quel giusto 'quando',

da tutta l'esperienza sua prendendo
il meglio per la pugna.
E entrambe, rotolandosi e ridendo
facean del gusto quel che fa la spugna.

Finché, come il cannone a mezzogiorno
dal Gianicolo in fiore,
il colpo atteso spara, e tutt'attorno
si librano farfalle colorate
e volan le colombe impressionate,
s'udì sparar l'ebbrezza dell'amore!
 

Un fatto, una poesia
da tutti i talk politici, le testate cartacee e on line…di questa seconda parte di Gennaio 2021.
Fino all'ultimo…Da pare di tutti: da tutto giù, a tutto su, giorni e ore e minuti frenetici…fatti della sera, disfatti al mattino, ma poi rifatti di nuovo la stessa sera…consultazioni e ri-consultazioni allo spasmo, dilatazione dei tempi massimi…pur di…favorire il quaqquaraqquismo della peggiore specie. Quello che qualcuno aveva promesso di voler debellare con la propria entrata in camera…
Tra i cento e cento esempi, ancora chiarificatore è stato il battibecco Belpietro-Romano a Dritto&Rovescio, di ieri sera, 28gen2021.
Quante volte hanno detto: "nell'interesse del Paese"…"per il bene degl'italiani"…Ma appare chiaro che più che altro stanno concretizzando il detto:"Francia o Spagna purché se magna!", come ha ricordato Taiani allo stesso programma - che non corrisponde esattamente al tipo di bene che vanno de(in)cantando…Bugie! Bugie!Bugie! sul problema sanitario e su quello economico..Scuse, chicchiere…Che non servono a niente.
E tutto quanto questo deprimente e sconvolgente, deprecato e triste e imbarazzante per tutti ambaradam è stato creato, e sta ricevendo alimento da e tra la stessa attuale maggioranza di governo! Viva l'Italia!

Che ispirazione! st'annazzo politico der c…!

Quaqquaraqquismo
"Ma dài, a Ro'! Che cacchio stai a ddì!...
Vorésti fàmme intènne che er casino
che stai a ffà sbattènnote così
lo fai pe ffàmme avé un mijor distino…

Ma che te vòi 'nventà...Penzi davéro
che posso créde a tutte le fregnàcce…
a 'i mille tradimenti e vòrtafacce
che vai facénno … E sìì sincero!

Ma chi te crede, a Ro'! A quaqquaraqqua!!
Ché…a stà qui o llì, pe te è l'istessa cosa,
e conti meno de na zinfarosa
vienuta ggiù dar monte a stà in città!

Vorésti fàmme véde tutto rosso
e vvòi che schifo er nero solamente
pe ffàtte restà llì a rosicà l'osso
A Ro' , m' avessi preso pe demente!?"

"A Re'…n potresti dà na mano
a chi te pìa p'er …cioè a chi cià n programma
de fatte stà sdraiato sur divano…
Aiùtace!...Sinnò pe noàntri è n dramma!!"


Dopo un anno di crisi Covid19 - La situazione a fine 2020.(tutte le cronache incluse)

Il cerchio magico
Ma quale 'cerchio magico' ! È 'vizioso'!
È un 'cerchio circo' senza capo-e-coda
e mai ragione valida lo snoda
con dritta tratta a un punto luminoso.

Si sa che inizia Covid e che appresso
gli van correndo s-cienza e defi-cienza
tra sé intralciandosi, e non c'è parvenza
di chi stia avanti o dietro…Ma è lo stesso.

Ricorda un po' la danza pellirossa
per far cader la pioggia in abbondanza
perché la carestia avanza…e avanza…
e già si vede il buio della fossa.

Nel cerchio - infatti - corre sì! la crisi
della salute, ma anche e forse più
il dramma cha ha inscenato il … barbablù
per svuotar tasche e spegnere sorrisi.

E - come al circo-equestre'- un domatore
c'è, e finge di sapersi destreggiare:
la frusta scocca … ma non sa domare,
e ad ogni scocco il dramma fa peggiore.
 

Fatti, una poesia
da StaseraItalia - Luca Ricolfi:"…Quando Violante dice che andare a suonare al citofono toglie legittimità a Salvini…non si può trasformare un modo brutto, sgradevole e improprio di fare campagna elettorale in un pericolo per la democrazia, è questo il passaggio logico che non mi piace e che a sinistra da vent'anni si continua a fare".
da ilgiornale.it, 29gennaio 2021 - Un po' come nel caso di Alan Friedman, quasi nessuno si indigna. Già, in Italia l'indignazione è a targhe alterne: sempre pronta a colpire i "pericolosi sovranisti", o magari perché no noi di Libero, mai al contrario chi, per esempio, dà della escort a Melania Trump. Qui, però, non si parla di Friedman, bensì dell'atavico odio provato da Marco Travaglio per Matteo Renzi. Un odio viscerale…si è fatto incontenibile: già, Renzi sembra essere davvero vicino a raggiungere il suo obiettivo, far fuori definitivamente Conte. …E Travaglio perde il controllo, con discreta evidenza, avallando anche una vignetta pubblicata in prima pagina sul Fatto … (qualche indignato, su Twitter, in verità lo si è visto. Eppure richieste di condanne dai soliti noti di sinistra ancora non ne sono arrivate). Dunque, la vignetta firmata Mannelli. Sotto all'occhiello "satira di soccorso", ecco il faccione del nemico Renzi. E sotto al faccione, con tanto di freccina rossa che punta al viso, la dicitura: "In caso di disastro sputare qui". Insomma, in prima pagina sul Fatto Quotidiano un invito a sputare in faccia a Renzi…da liberoquotidiano, 29gennaio 2021 - il titolo: Oliviero Toscano insulta Salvini, Meloni e i loro elettori:"Non sanno fare nulla, votati dagli ignoranti. Con loro pezze al c…". da economy.it, 22gennaio 2021 -…Luca Ricolfi ha espresso sull'esecutivo, e sul Pd in particolare, a Stasera Italia…"La politica sociale di questo governo è stata caratterizzata da una continua deriva di tipo assistenziale, che va contro quel po' di riformismo e anti-assistenzialismo che nel Pd sopravviveva"…"Con questa mossa Renzi ha dimostrato la non maturità democratica della sinistra"… "Da decenni ormai ogni volta che si affaccia la possibilità che a governare non sia la sinistra si grida all'allarme democratico e al rischio di autoritarismo e razzismo. Io penso che il riconoscimento della legittimità dell'avversario è fondamentale". Secondo Ricolfi, quindi, bisognerebbe pensare solo che l'avversario abbia un progetto politico diverso, non che sia l'incarnazione del male. Poi ha continuato: "Noi invece abbiamo assistito un anno e mezzo fa alla nascita di un governo sulla base di un pretesto, su una narrazione inconsistente. Salvini auspicava solo di avere il 51%, non di instaurare una dittatura in Italia. Questo era già successo con Berlusconi…". Ricolfi ha spiegato che questo atteggiamento è tipico di chi è immaturo dal punto di vista democratico. "Per me la sinistra - cui purtroppo devo dire di appartenere, perché me ne vergogno un po' in questo caso - non è ancora matura dal punto di vista democratico. Lo dimostra tutte le volte che c'è una competizione e la paura del voto la tenta alla demonizzazione dell'avversario", ha concluso il sociologo. da iltempo, 9 gennaio 2021 - Ma Gad Lerner è impazzito? Non ha argomenti migliori? Le dichiarazioni di Giorgia Meloni al Corriere della sera offrono il pretesto al giornalista più indemoniato che ci sia di offendere malamente la presidente di Fdi, in un disgustoso ritratto in cui la mette insieme a Hitler e Trump, con uno spericolato e infantile parallelismo tra la Germania di ieri e l'America di oggi. L'incredibile scivolone si registra su twitter, su cui evidentemente solo alcuni possono scrivere tutte le sconcezze che passano per la testa senza che il social network muova un dito come ha fatto per il presidente americano…Anzi, l'ha chiuso fuori. Se questo è il giornalismo italiano c'è davvero da avere timore per la libertà di pensiero. Sui 'social' insulti d'ogni tipo…perfino minacce, il più spesso a senso unico…I giornali trasformano in 'odio buono' contro l' 'odio cattivo', o non ne parlano affatto…Tutto dipende da…Pronte sempre le giustificazioni, per declassare certe violenze a 'disobbedienza civile', o innalzando certi altri comportamenti a 'violenze sovversive…pericolose…razziste e fasciste' pur se mere banalità. Basta l'idea diversa. In settembre 2019 fu perfino ventilata la scomunica papale…L'uso politico dell'insulto-diffusore-di-odio-e-divisivo comincia ad essere -per fortuna- stigmatizzato da importanti personaggi...Soltanto questi due ultimi giorni (gennaio 2021) è volato un "pagliaccio!" da una opinionista a un ex pdc, senza destare reazioni…La stessa aveva permesso anche al figlio - ragazzino - d'insultarloAveva anche permesso al figlio, d'insultarlo con "il tuo governo è omofobo e razzista!". Contro lo stesso erano volati "bastardo", "ministro della mafia"…Contro G.Meloni, M. Giannini, de La Stampa si scaglia con un "Sciamana d'Italia"…


Diverso trattamento
comporta lo scontento.

Un odio buono, e un odio cattivo.
Come strategia…
In barba alla vera democrazia.
Contro cui non c'è…'ramoscel d'ulivo'…

Un odio buono e un non-odio cattivo
Voi, VIP, che d'odioso morbo parlate
che con 'minori' pur condividete
e che a ragione colpite a sferzate
ben non sentite, né bene vedete.

Ché - a quanto appare - lo considerate
-co' anche 'testate' di tutto rispetto -
un opinare fazioso. Ristretto
a …quella parte che non tollerate.

Non servono lenti da ingrandimento.
Lo dicono offese e comportamenti:
gran chiasso sfrenato…o bocche silenti…
pagine in bianco… Secondo l'evento.

Donde è strategico l'odio s'insinua…
Come veleno è soffuso…o diffuso.
Ché lo coltiva chi sempre l'ha in uso…
Così che mai smette e sempre continua.

"Quello 'cavalca'…"…sentenziano in coro…
Ma ognun lo fa! Convenienza…Dovere…
Chi per difendere…Chi pel potere
con astio in corpo e gratuito disdoro.


La crisi di governo è maturata…Sarà commestibile, o indigeribile?....(26gen2021)

Er nòvo…vecchio governo
Chedè?!...Er governo è fatto..?!
Ma saresti davéro soddisfatto
co st' armata da branca-a-le-crociate?!
N ve sto a capì, a regà…Dai, nu scherzate!

Si Mattarella mann'avanti a questo
vò solo dì che st'a cercà er pretesto
de fàcce scénne … a caccià via er sovrano…
Ma nu è ròbba da popolo itajano!

Se scénnerà, ma solo a ffà gran festa!
Che rimarà stampata ne la testa
co bbàlli…e bbèlli fochi artificiali:
leghisti, communisti, libberali!

Ché la violenza n deve mai entràcce
ché la demograzzìa nu lo permette!
Ar massimo pòi dì du' parolacce
E poi…chi ce rimette-ce rimette.

Ma poi…Che stàmo a ddì "demograzzìa",
si ssò anni che un governo nun se vota…
Mèjo a pìassela co filosofia
che pò aiutà a ffà finta che n se nota…
 

a Lisa

Innamorato sì perso da far le giravolte
6-7-8-9-10-11-12 volte

Amar così
6
Tu che tra le belle
la più bella sei
carezzar la pelle
calda tua vorrei.
7
Se solo tu volessi
ti donerei la luna
o - almen - tutti gli amplessi
ché come te…nessuna!
8
Vorrei star con te su un prato
a guardar le ... vagabonde *
da qualche angolo appartato
mentre amor … due-in-un ci fonde.
9
Era - per me - solo un bel sogno,
ché neanche dir potrei speranza
quel mio pensare, quel mio agogno
pien di profumo e di fragranza.
10
Ma il destino ha poi tutto avverato
come premio - forse - a tanto amare,
e a quanto io allor n'ero stregato
che - in ver - non sapevo più che fare.
11
Quel giorno sfortunato che t'ho vista
doveva il calendario cancellarlo!
Persi la pace! …Fu - però - conquista,
ed ogni giorno ancor vorrei rifarlo.
____________. * nubi
12
"T'ha buggerato l'idea della conquista" …
Oggidì, qualcun potrebbe dirlo, sì…
Ma sol perché gli han fatto perder di vista
la bellezza e il gran valor d' amar così.
 

Un fatto, una poesia
crisi governo gennaio 2021- C'è chi Conte - pur inviso alla più parte - lo sostiene a pie' sospinto…

Conte, sempre Conte, fortissimamente Conte!
Poiché alla gente piace chi racconta….
E col beato suo … 'coccodeare'
Conte dice "conta il dire e non il fare".

Il conte incanta
Metti che Conte si faccia i suoi conti
di quanto ancora conta
per tanta gente tonta
(o che ci cava un proprio torna-conto,.
ché il Conte incanta il tonto vero-o-finto
così che conta senza aver mai vinto).

E che a contar si renda via via conto
che conta più di quanto si racconti,
pur senza dar di sé un buon rendiconto:
può ben contar sul fatto che non sconta
il fatto d'esser…quel camaleonte…!...
Così che bellamente mette in conto
il Conte-ter, essendo il conte-incanta!

E, come … la gallina, il conte canta …
E mette - così - in conto il coccodeare
che fa quando racconta
che … conta il dire e che non conta il fare.


Fatti, una poesia.
da liberoquotidiano, 18 ottobre 2020 - "Il Quirinale non può non intervenire". Guido Crosetto tira in ballo il presidente Sergio Mattarella in merito alla nuova stretta che Giuseppe Conte si appresta ad annunciare nella serata di domenica 18 ottobre. "Penso che se si usa uno strumento discutibile come il Dpcm per prendere decisioni importanti - ha spiegato il fondatore di Fdi - e lo si fa senza coinvolgere al massimo tutte le forze democraticamente rappresentate in Parlamento (anche informalmente) non si vuole unire il Paese". È per questo che allora dovrebbe intervenire il capo dello Stato, che si è speso più volte in appelli all'unità per affrontare al meglio l'emergenza coronavirus. Appelli che evidentemente sono caduti nel vuoto per quanto concerne Palazzo Chigi, dove Conte non solo continua a dribblare le opposizioni ma anche il Parlamento: sfrutta i "pieni poteri" dello stato di emergenza, come dimostra il fatto che sta per firmare un nuovo Dpcm a cinque giorni dall'ultimo (il decimo da inizio epidemia) senza essere prima passato da una discussione parlamentare.
da Panorama, n. (2020) - MV…Nella grave situazione anche noi cominciavamo a guardare a lui con disperata speranza. Prima o poi interverrà, lancerà segnali di vita… E invece Mattarella non ci sta traghettando verso alcun porto, non indica alcuna rotta, si limita al ruolo di guardiano del faro. Scruta di giorno e lampeggia di notte. Troppo poco per un paese che rischia di esplodere e poi di affondare.

Oggi con la crisi di governo in atto è sperabile che non si esima ancora dall'intervenire per riportare democrazia e pace in Parlamento e in Italia. L'unico modo di esercitare la democrazia è - ancora - il voto (20genn2021).

L'attesa un po' è sospetta
Cosa s'aspetta al voto,
il tempo a che non smetta
'l porre a Capo un … devoto?

Côr massimo rispetto, Presidente.
Ma Lei sta ar Quirinale ad arbitrà
quer che succede qua…Ma nu lo fa.
Nu st'a vedé si quanto è sofferente
st'Italia nostra, e sua! Su! Coraggio!
Sinnò … a aprile gne viè appresso maggio.


"Perché nun parli!"
Un certo Michelangelo scurtore
che stava a ffàsse n po' de fatti nostri
dall'ardilà, smicciànno su sta tèra,
rennènnose ben conto de n probblèma,
je venne in mente quànno côr martello
je diede n'acciaccata ar pollicione
der Mosè suo perché nu je parlava:
"Perché nun parli!?", fece lui a quello.
Ma quello era de marmo e nun parlò.

"Mo' vòjo véde côr sòr Mattarella,
ch'è addirittura peggio de Mosè…
Ché lui pò ffàllo ma però nun vòle!
Ma nvece ha da parlà, nun ce sò cristi!
Lo vòjo véde mo' co sta mazzetta
che vo a provà sur pollicione suo.
Mo' arìvo…Aggià sto a scénne! E se vedrà…
E si nun parla manco co la mazza
vòr dì che era - e è ancora! er mi' distino…"


Un fatto, una poesia.
Giornate intense di trasmissioni agitate, febbrili, di paura,allarmate sull'argomento…(se ne son dette e ascoltate di tutti i colori) Riassunte adesso a "l'aria che tira", 20gen2021- Maggioranza solo picciol-relativa, e avuta con interventi "extra" per non dire "anomali" pur se - purtroppo - legittimi: senatori-a-vita, transfughi traditori, e l'astensione (furba -?-) proprio di chi la crisi l'ha causata. Il che - gestione per tigna e per calcoli personali - non porta da nessuna parte…Di Pietro avrebbe votato "no". Quell' "Aiutateci!" supplicato dal p.d.c. al termine della sua arringa in parlamento, ha 'schifato' un po' tutti, tranne chi ci sta guadagnando su.

Siccome sta cascànno a lo sprofônno,
perché - vòi, o nun vòi l'ha ffatto, er danno,
siccome che la faccia ce l'ha tosta
supplicà "AIUTO!!!" è quello che je resta.


"AIUTÀTECE!!!"
La crisi è depersé na cosa brutta,
ma crisi nfra la ggènte incasinata
co la capoccia mezza intorcinata
è robba che pò ffàtte assai der male…

Perché, anche a n capìccece un bell'acca,
quela capòccia mezza malannàta
la vònno usà pe 'ddàcce na sarvata'…
Sarebbe - cioè … sarvàsse la portrona
.

E spèce mo' co lo tzunami in vista
che a ondatine vierà a cascàcce addosso
stanno tutti sbavànno a più nun posso
per annaffiàcce l'orticelli pròpi.

Ed è pe ste du' cose che sti ggiorni
lo spùttanamentismo de sta ggènte
se n'è sortito arquanto puzzolente,
e ieri* ciànno messo su er siggillo.          *in senato con la votazione - 19gen2021 -

Ma è stato un siggilletto striminzito,
margrado er poco degno "AIUTO!".."AIUTO!"
imbarazzante - visto ch'è vienuto
dar tizzio che ce sta a rappresentàcce.

E mmo'… dovressimo penzà davéro,
che pe davéro tutto annerà mèjo?
Quell' "Aiutàtece!", anche ar poco svéjo
je deve avé sonàto assai farlocco.

Ma puro côr mercato de le vacche…
Co' tutta la vergogna…sconosciuta,
de scappati indecenti, che j'è uscita?
N'appena poco più che…la cacciata!

Mo', co st'armata arquanto scarcinata
che a sòn de … feudi se sò messi su,
de dì "AIUTO!!!" nu smetteranno più.
E si n vierà…vierà bandiera bianca.

 

   
da Internet

Ho visto Lara
Nel bianco grande spazio dei desii
scivola come treno nella steppa
un sognar che alla meta punta dritto
senza mai intramezzar fermate alterne.

In questo andar mio senza - in apparenza
scosse - calmo e irrequieto vo viaggiando
nel rimbombo d'incompiuto silenzio.
Soltanto ombre scorgo tra le nebbie.

Senza sobbalzi sulla via di ghiaccio
andiam bucando il gelido tragitto
finché s'accende lieve un primo raggio.
Preavviso a quel che poi s'infuocherà…

Più oltre è un gran fiorire di ciliegi.
Vermiglie rose fanno da tappeto…
Guidano dove un'ombra è messa a fuoco.
Un sussulto…C'è Lara, lì, che aspetta…

Per lei ho scritto intanto una poesia…
Co' una rosa, tremante, gliela porgo.
Per me i capelli biondi ha già disciolto…
E poi…la primavera fa da alcova…


Tempo di grave crisi governo, ma
riferimenti alla politica italiana sono del tutto…causali (17gen2021)




da internet


Il filo
Il filo s'intreccia
sul filo s'inciampa
però non si campa
se il filo non c'è.

Il filo s'annoda,
in più s'ammatassa
se tiri si scassa
e poi … più non c'è.

Il filo s'attira
su sé imprecazioni:
si fa a torciglioni
e…scioglilo te!

Il filo ha il suo capo
e ha anche una coda
ma questa è una moda
che qui non ce n'è.

Chè il filo, da noi
non va in linea retta.
Fa un cerchio e…disdetta!
Chi il taglia … non c'è!


Un fatto, una poesia
Italia sta seguendo in…prima persona…Gennaio 2021 - Grave crisi Governo - Il pres. Cosiglio non "vuole" andarsene…C'è chi lo sostiene, anche e sprattutto, tacendo…Invoca aiuto da chi fino a ieri l'ha anche insultato…Cerca tra i "responsabili"…Pensando che bastino le solite meschinità (purtroppo è vero: a volte bastano) a risolvere la crisi di cui se non è il responsabile in primis, è giusto un ir-responsabile solo a pensarlo.
Consultazioni febbrili (o anche no, dato che anche in questo 'drammatico momento in mezzo al grande dramma' ha rimandato le udienze: "A risentirci!". Evviva la faccia … schietta …(che si può dire…per non andare sul pesante…).… .Ah, sì…La questione ora in ballo dei "Responsabili" che potrebbe risolvere, solo nel 2018- proposta con tutte la certezza della riuscita - fu negata dal pdr per viua di…ovvie ragioni…(16gen2021)

Fumata bianca
Qui, il morbo infuria, il pan ci manca!
Montecitorio, è ancor fumata bianca.
Bruciato han copertoni così neri!
e tuttavia il fumo è quel di ieri.

Che bianco era e bianco ancor rimane.
Scure, più e più…sol le facce italiane
nel BelPaese delle cose strane,
che vestan pantaloni o le sottane.

Poiché … sta Peppe imperatore in Roma,
che t'ha portato, Italia, in pizzo al coma.
Ma pago ben non è dei colpi inferti
e vuole stretta in mano ancor tenerti.

Ha lì inspirato - ei - vital sospiro,
nè mai si fère come fa il fachiro.
Seppure alcun l'ha messo sotto tiro
ancor non cede, ed è - pimpante - in giro….

Oh, cara Italia, bella ma perduta!
Possa rialzarti da tanta caduta!
Che possa accorrer la Storia in aiuto,
Patria degli avi che ci han preceduto!

Che non rimanga prostrata dai mali:
morbo! ed ognuno che scocca gli strali
dal vuoto cavallo ai tuoi gangli vitali,
perdendo il senso di quello che vali!

Ognun dell'uno e dell'altro a ricatto,
cagneschi e abietti pur firmano un patto
e - insigni ipocriti - dicon lo fanno
per te!...Seccane lingua! E àrdine scranno!
 

Cronaca quasi Storica - dall'emergenza pandemia a crisi governo - 2020-2021 inizi, e poi…chissà
da cento e cento trasmissioni tv e testate
un po' in lingua e un po' in romano….
forse alla fine della storia il preside concederà ricerca di maggioranza, cosa che l'ultima volta si poteva, ma non fu concessa…per ovvie ragioni…

Sua-Emergenza e il Voto proibito
Sua-Emergenza, ordina:
così sia scritto! Così sia - anche! - fatto!
E così co-ordina
la scena sua-esclusiva…atto-per-atto.
Ma il 'fatto' mai ci sta…resta lo 'scritto',
e il tanto chiacchierare di un gran dritto.

"Non è il momento or di criticare!"
"Non è il momento di polemizzare!"
"Non è il momento neanche di votare!"
"Lasciate che cavalchi pandemia!
Lasciatemi sbagliar nell' emergenza!
Lasciatemi sfogar la voglia mia
di esser 'grande' … pur senza credenza.
in questa mia ostinata presidenza!
Se sémo fatti un anno de passione…
Fàmone n àrtro…E chedè, st' ossessione,
mo' de cacciàmme via!..È sopraffazzione!"
------------------------------------------------------------

Si pure Covid pìa la decisione
d'appiccà n fòco e mméttecese a còce
je mancherà - poràcci - anche la voce
de aggiunge balle - aggià fòri gestione.

Fibbrilla,er fibrillòmetro a pressione
che preme, e li fa stà a sentìsse in croce.
Ché mmo', a stà a mmette in riequilibbrio er tutto
nun se pò più, ché troppo! hanno distrutto!
E n pònno rimedià sortanto a voce.

Emergenza è! e sarà!
Pel cul serbar collato alla poltrona!
E pronto è già - a scadenza -
strascicamento ancor! di Sua-Emergenza,
perché - come in passato -
col presidente il voto sia evitato.
----------------------------------------------------------------------

"Scusame, Pandemia
si te sto a usàtte pe l'affari mia…"
È quanto intercettato
pe' mmèzzo de n telefono spiato.


"Er voto - deve da èsse provibbìto!
Sinnò - pe noàntri - tutto! - qui - è finito!"

L'Europa st'a ddà er voto…?
E qui noi nun volémo! - com'è noto!
Perché qui ce sta er virus!
C'è pure in EU?!...Ma…llì nun ciànno er 'Quibus'!
'Quibus'…che robb'è-è?!
È che …. qui già sapémo che perdémo…
È tutto qui! quer 'Quibbus' che dicémo,
E ancora stai a domannà 'perché'?!

Perché noi…li fascisti
è risaputo che nu li volémo!
Ragion per cui, co modi comunisti
-come commànna la demograzzìa -
noàrtri a chi sta a destra je dicémo:
sippuro che …vincete…annàte via!
-------------------------------------------------------------

Irriverente…?...NO! Assolutamente
Ché - chi in-giro-ti-prende e è prepotente
e affatto se ne cura - platealmente -
dei drammi che attanagliano la gente
e per star, s'arrabatta ottusamente
col solito sornione presidente
a coprire il… nuotar controcorrente -
con 'dual giudizio' - sempre lì presente,
atto a scongiurar - dittatoriamente -
(non riuscendo demo-craticamente)
è (e sono) i davvero irriverenti!
Ed incuranti sono e indisponenti
col loro finger d'esser competenti.
Il che celan co' accuse deliranti,
e quelle 'paroline' dividenti
verso gli avversi: 'neri e fascistanti'…
Ché non sia mai mostrar d'esser perdenti!

--------------------------------------------------

Che dici, Italia..?..."Tutto ciò è avvilente!".
Non c'è dubbio… - Così è! Sinceramente.
E che dici, del grido prorompente
che in seno ti sta a crescer dirompente…?!....
"Che vuoi che dica…Ormai
per chi è attaccato sì ostinatamente
al suo poter-di-carta
-sperando non avvenga né or, né mai -
mi viene in mente solo Atene&Sparta.
 

Un fatto, una poesia
da huffingtonpost, 7 gennaio 2021 - È Ashli Babbit il nome della donna uccisa durante l'assalto al Congresso. Veterana dell'aeronautica e titolare di un'attività a San Diego, era sostenitrice di Trump ed era stata gravemente ferita in seguito ai colpi di pistola esplosi all'interno del Campidoglio di Washington durante gli scontri. "Non so perché ha deciso di farlo", ha riferito la suocera a Fox.
Sulla morte della donna è stata aperta un'inchiesta. Il marito di Babbitt, che non si trovava con lei a Washington, ha riferito a un'emittente locale che la moglie era una grande sostenitrice di Donald Trump: elemento che si evince dai profili social della donna, dove sono presenti tweet e post a sostegno del tycoon.
Sono stati i colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia a uccidere Babbit durante le proteste a Capitol Hill: a dirlo è stato il capo della polizia di Washington, ribadendo che sui fatti è stata aperta un'inchiesta...
da https://www.ilgiornale.it/news/politica/bianco-e-nero-lerner-trump-fascista-maglie-nebbie-sul-voto-1914973.html
da ilgiornale.it, 21 luglio 2016 - Quindici anni fa c'era la guerriglia. Sassi e molotov contro polizia e carabinieri. Sono passati già 15 anni, eppure a Genova gli echi assordanti di quel folle G8 del 2001 si sentono ancora. Quindici anni dopo la morte di Carlo Giuliani, ieri alle 17.27 piazza Alimonda si è fermata per ricordare il no global ucciso da una pallottola sparata per legittima difesa dal carabiniere Mario Placanica, rannicchiato in un Defender dell'Arma. La storia la sanno tutti.
da wikipedia - …il veicolo rimane così fermo per alcuni secondi durante i quali viene preso d'assalto da alcuni dei manifestanti che stavano inseguendo le forze dell'ordine in ritirata verso la parte bassa di via Caffa e piazza Tommaseo, dove vi era il raggruppamento dei carabinieri e delle forze di polizia. Tra questi, Carlo Giuliani, con il volto coperto da un passamontagna, che raccoglie e solleva un estintore, già precedentemente scagliato contro il mezzo da un altro manifestante e poi caduto a terra, manifestando l'intenzione di lanciarlo a propria volta contro il veicolo dei carabinieri…

Condanna! Questo - proprio non si fa!
Però… 'il morto' è qui, come il 'morto' è là…

Dramma in maschera
A mala scena da teatro osceno
d'assurdità vestita, e travestita
da circo dei pagliacci nell'ameno
biancore della Casa risentita,
soltanto fischi a getto, e applausi niente!
Cretina Opera Buffa, alla stesura.
Poi diventato dramma sconvolgente,
per quei che v' han trovato sepoltura.
Rancor compresso e vaso di Pandora…
Facinorosi prede, in preda a rabbia…
Il tutti-contro, d'ogni giorno e ogni ora
potrebbe spinger leo fuor dalla gabbia…
L'inginocchiarsi di pietosi e pii
e gareggiante solidarietà
cogli omaggianti motti e i mesti addii
non c'è. Sparar su inermi, qui, ci sta!

S'apprende e si ri-apprende…
Dipende dal colore, da chi in piazza
c'è a esprimersi…se un colpo giù lo stende,
per piangerci su, e dar giù a quei che ammazza.

Opinion che opini…!...Sei maldestra…
Non sei onesta…E tutto a un polo adduci.
E l'altro vuoi buttar dalla finestra.
Ma il brutto è - alfine che tu a ciò! - riduci.
 

Un fatto, una poesia
da Quarta Repubblica, 4 gennaio 2021 - Giorni della seconda ondata covid19 - S'è passata la serata ad attendere in diretta la conclusione del temibile scontro tra chi voleva A (riaprire le scuole il 7: penta-stellati e Renzi, stranamente d'accordo) e chi pretendeva B (riaprirle il 15: Veltroni & Co)…Roba da far zompare tutto l'ambaradan!...Ma, graziaddio il compromesso è arrivato alle h.0.45: riapertura accordata l'11gennaio. Il governo restava in piedi. Tutti contenti! Evviva!

Il … Nuovo Compromesso storico
Sì, signori! Dopo il primo-storico,
seguito è or-ora il nuovo compromesso.
L'hanno annunciato in rete proprio adesso
in modo esplicito, categorico!

Tiriam, dunque, un sospiro di sollievo
per sciogliere ansia, tema e snervamento
del tanto attendere il pronunciamento
di decision di massimo rilievo.

Dibattito infuocato è perdurato
per lunghe ore tra le parti avverse…
O forse solamente fiere perse
attorno a un osso tutto già spolpato.

Di fatto sta che il tempo prolungato
fino al quindici per riaprir le scuole,
pe' un compromesso fra due banderuole
all'undici s'è alfine anticipato!

Scornarsi pe' un trasporto più all'altezza
t'avrebbe dato certo più fierezza…
Ma è questa qui, la storia tua - in poesia
con cui gratificarti, Italia mia!
 

questione libertà di non vaccinarsi…

Vaxinus libertus
(o ròbba der genere…)

"Te rènni conto de che libbertà
se sémo guadambiàti combattènno,
eh, a Re', a ffòrza de strillà…strillà…
e arfine, ecco … se la stàmo godènno...

Nisuno! Mo' pò impônece er vaccino…
Òmmini libberi!...Ecco! quer che sémo,
E manco Covid, che st'a ffà n casino
ce pò forzàcce…A parte si sei scemo…"

"Proprio vero!...Stàmo ar massimo, a Re'!
Più libbertà de questa, aoh, se mòre!
Vaccino obbrigatorio?!...Ma de che…!...
Viè qua a ridìmmelo…e te faccio côre…"

"Scusàteme, si me sto a mmétte immèzzo…
A Re', a Ro'…! Sò io, la Libbertà.
Ma…nun ve sto a capì, sippuro è n pezzo
che state tutti n po' a farneticà.

Libbertà è vita! N po' èsse pure morte!
Sò io che ve lo dico, eh, la miseria!
Me state sempre tutti a ffà la corte...
Ma Libbertà è na ròbba troppo seria!

N se pò sconfônne come state a ffà
pe presunzione, o mistificazzione,
o codardia, o - mo'- p'er bòn-penzà…
Libbertà è verità…e nun è finzione.

Er vaccinà v'ha libberato er mônno
da malatie, da pèsti e microbbàcci.
Ma senza, voàrtri staréssivo - in fônno -
in panze de sorcacce, e verminàcci.

La libbertà de che…de fà morì?!?
Che mônno è…E che Stato?! Si permette
a quarsiasi uno de stàsse a incaponì
a ffà che vòle in emergenze strette!

Sò solamente bbòni a n fà sortì…?!...
Com'è…La <libbertà> qui nun se onora?!
Qui se pò ddì de <No!> a chi vòle <Sì!>?!
Ma che è st'ipocrisia che ce divora!

Côr vaccinàmme, io te sàrvo a tte,
e tu che ffai? Lo scémo a protestà?!
Manco io mo' me vaccino, e sto a vedé…
Moro io, ma pure te! …Sì…in libbertà…!...
 

Un fatto, una poesia
da tutti i media di questi giorni. Sempre più in bilico Conte&Co…"Ma quanto pesa andar per l'altre calle…!"… (problema insormontabile: gestione vaccinazione, Mes, Recovery Fund, scuola…fine 2020, prima settimana gennaio 2021)

La soluzzione c'è: sémprice e chiara.
Ma ormai….che vòi dì più…che se pò ffà
si l'incapacità è 'rivata a n punto
-co giornarmente un nòvo pezzo aggiunto -
che inzino <loro> stann'a protestà!...?...

Sò bbòni solo a ddì: "N polemizzà!!..."
Quànn'è che lo sconforto li st'a stènne…
Se pò sapé che vònno st'a pretènne
si stànn'a ddìllo loro:"N se pò ffà!…"…?...

'Rimpasti' o "Tutti-assieme-Uniti-e-forti'…
Ma ancora c'è chi cià sta faccia-tosta
de inziste!... "E ddài!...Ma…ntanto che ve costa…'
Va male, ma…n se n'èrevamo accorti…"

"Scusàtece, ché…senza più portrôna
sarebbe annà pe stracci…o - peggio ancora -
annà a sgobbà e - in più - pèrdece er decoro!
La ggènte co n probblèma…n s'abbandona!"…..

"Faremo piove sòrdi … para-torti…
Faremo questo…quello…e poi, tutto e deppiù!
Ma a mme e a llui…no!...N ce date ggiù!
Ché lo dovete a nnoi!...si n sète morti…"

A Ita', lo sanno tutti: sei pazziente,
ciài 'r còre bbòno … e n fai che perdonà…
Ma…l'hai capita, o nno…!... Da questi qua
n te pòi più ffàtte pià pe na demente.

A Ità, te e tutti queli che ciài 'ntorno:
la soluzzione c'è: semprice e chiara,
e nu è ammazzà na quarche bestia rara…
Basta che all'urne se facci ritorno.
 

La passerèlla

        

Calendario perpetuo scaramantico personalizzato “Circolo Posillipo” – da internet.-

Ce sta un gran vecchio co la barba bianca,
ch’è lunga, lunga che nun se sa quanto.
Dar tempo de li tempi nun se stanca
de mette in passerèlla, co gran vanto,

li fiji sui…Incomincia co GENNARO,
che ariva tutto quanto infreddolito;
se pòrta apprèsso tutto er cucuzzaro
dell’undici fratelli…e imbianca er sito

che è preso da FEBBRARO, che va in giro
co tanto de cappuccio e doposcì ;
fa scherzi a tutti, e a chiunque je viè a tiro
j’appiccica er contaggio lì-pe-llì .

Ma dura poco, e dopo, MARZO, sfila…
Cratura mattarella, ma sincera:
côr sole pìa l’ombrello, e fa la fila
ar botteghino de la Primavera.

Poi, lemme, lemme, ariva APRILE, stanco;
cià sonno e la matina nun vò arzàsse;

ma quanno che sta in vena tiene banco
tra le violette, bòne da odoràsse.

Intanto, MAGGIO viè a curà er giardino
côr pollice più verde che ‘n se sa;

li prati se li veste da Arlecchino,
e ogni rosa sa ffàllo innammorà.

Ariva GIUGNO, che, co ‘na manàta,
se scanza via le nuvole dar cèlo:
la tèra è tutta quanta illumminàta
da un sole senza più nemmanco un velo.

Viè er turno, poi, de LUJO, che dà er via
a le vacanze, dopo er fine scòla;
sa fà la mejo frutta che ce sia,
riccoje er grano, e arfine se ne vola

pe lassà er posto a AGOSTO, che fa er pieno
su spiagge, monti e piazze antiche e bbèlle;
attizza er fòco ar sole senza un freno,
e sparma crème a spasa su la pèlle.

SETTEMBRE viè a sonà la campanèlla
pe riportà su ‘i banchi ogni studente;
pian, piano je va via la tintarèlla,
ma quell’amore estivo resta in mente…

OTTOBBRE, intanto, fa aggiustà l’ombrello;
fa er giro de le vigne, e, soddisfatto,
ad ogni contadino dà un cestèllo,
e tutti sanno quer che sarà fatto...

NOVEMBRE viè un po’ tutto rattristato
pe via che c’è la commemorazzione.
Pe prima còsa, infatti, se n’ è annàto
ar camposanto a ffà la bòn’azzione.

Arfine ècco DICEMBRE tutto allegro,
perché va a portà in giro la notizzia
che in ogni còre, o bianco, o giallo, o negro,
l’amore, er sentimento, e l’amicizzia,

(lo dice Dio e lo dice anche la scènza),
sò uguali, uguali, e nun c’è differenza!

 

BUON NATALE E BUON ANNO!!!!
 

Buon Natale e Capodanno
Fuor dai guai e da ogni danno
fuor da tutte le questioni
di contagi e altre affezioni,
dalle disoccupazioni,
da economiche afflizioni,
dai disastri del governo
di ministri in caos eterno…
possa l'anno nuovo dare
quel che ognuno sta a sperare:
riportare col consenso
il governo del buon senso.


Un fatto, una poesia
da 'Quarta Repubblica', 21 dicembre 2020 - La trasmissione ha riportato dei flash con Conte, Mattarella e Francesco ad annunciare ed esortare a vivere - grazie al covid19 - l'autenticità del Natale in arrivo…
Sarebbe che anche i ristoratori e gestori delle tante attività chiuse, dovrebbero lasciare da parte le beghe delle perdite e dei 'ristori', etc…etc…e approfittino - invece - delle chiusure, per vivere finalmente l''autenticità' del Natale! Evviva!! Trovata la soluzione…!..Grazie tante, san covid19!!...

L'autenticità autentica der Natale
Nu sto a capì si sò io che sto a 'fumà'
un fume che st'a svolazzà pell'aria
(tipo er fume de na canna fumaria),
o sto a sentì davéro questi qua

che - essènnose … 'fumati' de ...'bontà'
-su base tutta quanta volontaria,
immèzz'a st'emergenza sanitaria -
in testa se sò messi de … 'dà er la'

-a ròta, un-dopo-l'àrtro - a predicòzzi
buttàti llì pe ffà spurgà la mente
oppuro pe sciacquà li gargarozzi:

"Sémoje grati a st'epidemia virale!
Perché è n segno der cèlo certamente!
Ché st'a ddàje "autenticità" ar Natale!

Godétevelo, in santa penitenza,
che così solo, è ricorènza bbèlla!
Sémo: Conte, Francesco e Mattarella.
State rinchiusi, grati e in obbedienza!
Sémo 'i tre magi de la …<paravènza> *
ognuno una-ne-fa-e-cento-ne-penza!"
Armando Bettozzi - 22 dicembre 2020

*da <paravento>: forma eufemistica che sta per furbo, facciatosta.


Teorema "lascia-stare"…

Letterina digitale…per il buon BabboNatale (2020)
Non c'è più la letterina con stelline e cieli blu…
Solo questo ci han lasciato per poter comunicare.
Mai più anima si vuole, solo un freddo digitare…
Ma comunque quel ch'io voglio lo sai bene pure tu.

Caro Babbo-mio-Natale, tu lo vedi il gran bisogno
che qui abbiamo di cambiare…Non si può più sopportare
l'incapacità approvata come degna a governare,
ché dal basso a tutto su, stanno come dentro a un sogno.

Or, chi ha merito sta fuori…Dentro va l'incompetenza…
Dicon sono contro l'odio…ma non fan che provocare,
guai smentire…criticare…guai perfino anche pensare
se il pensare non li aggrada…Solo loro ne han licenza.

Guardan sol l'appartenenza ad un gruppo, ad un'idea,
ad un genere, a uno stato … Dicon per …de-ghettizzare,
ma col solito strafare sol si ottiene il confinare…
Così vogliono che sia…E con qual prosopopea!

Ma - al contrario - gli 'altri' in ghetto, vanno ridimensionati…!....
Che sennò non lascian loro quel che a loro tanto piace:
non aver contraddittori…e strafare in santa pace:
droghe, e gli sconvolgimenti troppo assai ideologizzati.

Porta sveglie per svegliarli…A che vedan la realtà,
e si scontrino con essa con il fare e non col dire…
Fai passar l'estrosa voglia di volere intimidire…
Vivan di democrazia, e di vera libertà!

Questo, in linea generale, come general-visione…
Poi, nel quotidiano aspetto che - anche - incombe al governare,
togli a Conte il giocarello di apparire ad annunciare
mitragliate al 'dipicièmme' d'un'immonda indecisione.

Togli ai giornalisti il vizio della mistificazione,
ma che - lor mission rimanga - sempre e solo la notizia.
Ché a lor piace - a quel che appare - il godere in gran letizia
del velen che san schizzare contro chi fa opposizione.

Caro mio, BabboNatale, vedi quanto c'è da fare!…
E se pur si vince il virus…se non disinfetti pure
certo modo di pensare, abbiam voglia a cure…e a cure…!
Ché il " teorema -'lascia stare' ", peggio e più! verrà a portare!


dicembre 2020 - da mille notiziari sul governo nazionale giallo-rosso che ora traballa di molto…e quello capitolino per il quale s'avvicinano le votazioni con la sindaca che si ri-candida…

Er tzunami va…Er disastro resta.
Pari a n governo fatto senza testa.

Pòra Italia mia!
Certo! che arfine gni tzunami passa…
Pe convenienza manco! pòi negàllo.
E quànno ch'è passato …n pòi scordàllo
ché gniquarvòrta quello arìva e scassa...

Ma uno intigna a rimané sur posto,
perché a cammià gnisempre è na fatica
pe cui - sia come sia - ad ogni costo
llì ognuno resta…È abbitudine antica.

Te dìcheno:"Gni vvòrta se 'mparàmo
na quarcosetta nòva…E annàmo avanti…
Pian, piano 'mpareremo - si restàmo -
a mmétte su un riparo che n se schianti…".

Ma a parte che n se sanno er come e 'r quànno,
la distruzzione resta e 'i morti pure…
E intanto, gniquarvòrta cresc'er danno
e chi rimane campa de … paure.

Certo! ch'è n paragone esaggeràto,
pe ddì de Peppe, Giggi, e compagnia…
Ma serve a chiarì bbène er risurtato:
un gran disastro!...Pòra Italia mia!

E pure a volé dì solo de Roma
indove anche Virginia sta a 'mparà,
nemmanco mo' che scade, vòle annà…
Gn'abbasta Roma già ridott'ar coma!?


Pèppe-re-père-père-pè !...Annunciazzione!
Pèppe-re-père-père-pè !...Annunciazzione!
Èccome de nòvo qui in televisione
(come ce sò stato aggià trecento vòrte
a ffàvve da avvocato a le cause storte)
dàtosi ch'è pe mme na bbèlla abbitudine…
direi na droga…guasi na libbidine…
avé un nòvo dippìccièmme d'annunciàvve.
Ché - sapete - è 'r massimo che pòsso fàvve
visto che ad annuncià ormai sò eccezionale,
ché, ammetterete che come mme n c'è uguale!
E è tutto a gràtise e nun ve costa gnènte,
che ciarvèllo-e-lingua è tutto l'occorènte.

Ascôrtame, adunque, sudditanza mia
-ché accontentàvve è pe mme ormai na mania.
Pe cui devo annuncià er nòvo dippiccìèmme
come un re-maggio tornato da bettlèmme…

Faremo quello!…E già stàmo a penzà a questo!
Stàmo pure a penzà de penzà a ffà presto!
E ner mentre che ve sto a 'nnuncià sti annunci,
penzate che a 'nnuncià st'àrtro, ce rinunci?!
Ciò già in mano 'i sòrdi der fônno-sarvézza!
Ma nun sentite la profumata brezza
de sta cascata de èuri, che ariverà
(sortanto si l'EU nun ciaripenzerà…)
Côr còre in mano - popolo - t'ho annunciato
tutti sti bbèlli annunci a stato già…avanzato!
Bada! …Nun ce l'avrai più un governatore
capace a governà a ffà l'annunciatore.

Mo' vado a scrive n artro dippìccì-èmme
côr quale v'annuncerò che lemme-lemme
-dato che 'me tòcca' a ffà tutto da solo -
un domani, côr tempo, spiccherà er volo
la più fantastica de l'annunciazzioni:
ch'è arivàto - cioè - er giorno de l'elezzioni...!...

(Ma…io spero mai…perché…mbeh, lo capite…
Dopo che ffò, senz'annunci…me lo dite?...).


Un fatto, una poesia
da Stasera Italia, 10dic2020 - Renzi a Palombelli: "…io credo che Salvini sia il vero padre di questo governo, perché lui a un certo punto - lo ricordiamo - una mattina di agosto chiese i pieni poteri. E allora io dissi (insieme ad altri, mica da solo) No! Non se ne parla nemmeno. Sono molto fiero per aver detto 'no' a Salvini ai pieni poteri…i pieni-poteri non vanno bene a nessuno!..."…(nelle discussioni viene fuori - ce ne fosse ancora bisogno - che Conte continua comunque - e malgrado le…accorate suppliche del PdR (!) tutto da solo…Renzi conferma, con quanto afferma, con le critiche che muove contro lo stesso governo di cui è parte…non sa di questo, non sa di quello…nemmeno sa a sufficienza del piano di distribuzione dei fondi del Recovery Fund di fresca approvazione .)… Senaldi, a Renzi: "…è Conte che come Salvini vuole i pieni poteri, o è Renzi che è come Salvini che è insofferente a stare al governo in una condizione di secondo piano…L'operazione di Renzi è stata perfetta, politicamente, e adesso l'impressione mia - anche maliziosamente - è che siccome Italia Viva è un po' ferma…c'è una necessità di ribaltare il tavolo…perché altrimenti tutto il lavoro di Renzi … deve anche pagare in termini di consensi, sennò… Risponde Renzi: "… 'Conte è uguale a Salvini e (…) uguale a Renzi'. Io non so quali siano i gradi di separazione tra Conte e Salvini. Io so che Renzi è uguale a Renzi….Come ho detto di no ai pieni poteri a Salvini, se Conte chiede i pieni-poteri, anche su i servizi segreti (se volete ne parliamo) io dico di NO allo stesso modo!".
Beh…che gran bella capacità di prendere per i fondelli!...Uno "ha chiesto" e non ha preso (comunque chiedeva solo una maggioranza che fosse più idonea a poter rendere più governabile il paese…Tante volte, in tanti - anche a sinistra - se lo sono augurato). Quest'altro non l'ha chiesto/non lo chiede, ma lo sta esercitando indisturbato alla faccia della troppo decantata democrazia, e la 'guerra' fatta come qui ricordato da Renzi al nero oppositore. Che chicca quell'improvviso inserimento dei 'servizi segreti'!...Perché - altrimenti - a l di fuori di questo 'particolare' buttato lì, gli sta bene? Oh, ma che tu dici, o tosco…O tosco! Te tu rifletti quando dici…?!...!...
Intanto, in questi giorni, le cronache sempre più insistentemente stanno parlando/prospettando rimpasti, e anche più…

E le 'stelle' stanno a guardare…


Abbada, Sòr Co'…!...
(ch'ariva er conto).

Abbada, a Co'!...ché mmo' t'arìva er conto…
Sippuro che fai sempr' er finto tonto!
Ché come a tte te piace a ffà da solo,
mo' che trabbàlli, c'è chi - assieme - ar volo -
sta a cucinàtte n bèr piattino dôrce...
L'istesso che se fa p'acchiappà er sôrce.

Se sent'a ddì ch'hai troppo! esaggeràto
a ffà …l'indipennènte blasonato,
chisà…forze pe vvia der nome 'conte'
e quer ciuffetto bbèllo che ciai n fronte,
e approfittànnote de l'emergenza
calata a cecio su la…poca scènza…

A uno de li tui j'hanno obbiettàto
che a un certo tizzio l'hanno spodestato
pe avé richiesto un su' potere-pieno,
e subbito è schizzato quer veleno…
Però lo strapotere tuo funesto
-dice - è abbozzato*, ché … null'hai! richiesto!...!...

Eh!...Séte propio bravi, indubbiamente,
a sfotte ed a fregàvve de la ggènte,
scammiàta pe na sudditanza…un gregge…
Ma sperate che ve continui a règge
ancora a ffà li furbi e a sgovernà?!
Più assai reale è…che inizziate a…smammà!

*sopportato


Un fatto, una poesia
Tempo der virus…chiusure…aperture…colori regionali…'aiutàteme-a- ffà-tutto-da-me!'...
Sconfinando fino alla messa-de-natale…Ognuno sa de che e de chi se dice…

La messa de Natale
nell'epoca virale

Siccome ch'è da n po' che l'ha capita
ch'er virus je dà in mano la partita,
e che j'abbasta a frignà: "È emergenza!!..."…
nun s'è voluto perde l'indecenza
d'annà a discute in cèlo sur da fàsse
la notte de Natale, pe evitàsse
le …solite-polemiche-der-cacchio
de volé sempre smòve lui 'r batacchio,
siccome je viè bbè a ffà er campanaro
-ma je viè fòra er ràjo der zomaro -
e manco se n'accorge, tant'è preso
a …vénne i dpcm a tant' ar peso.

Inzomma, è ito su a parlamentà,
e…n piantarèllo qui…un pianto llà:
"Che si gne fò la messa a mezzanotte
er popolo itajàno me se fôtte…!…
Ma si je porto er vostro nullaosta
che ve sta bbène puro si se sposta
de tre o quattr'ore prima, sto a cavallo!
Frigno! dar côre a riccontàllo!
Ma nno…!...Nun sto dicènno 'in parlamento'…
Che meno ce sto a 'nnà e più sò contento!...
E anche Francesco…embeh!...deve abbozzà
er dpcm che me sto a 'nventà,
ché lo decido io! ch'è bbène…o male…!...

Allora, tante grazzie! E Bòn Natale!
Ammàzza, aoh!...E chi ssò!...Nun ciò rivale!
Ormai ho preso er via e ssò virale!
Sò più der virus, o - ar peggio - ce sò uguale,
ner mette sto paese a pecorone,
ché - 'ntanto…e chi me tòcca!...Sò er padrone!
Ah…'by the way' (io sò internazzionale…)
grazzie mille e più-tant'assai de còre
pe n fàmme vergognà si ner discôre
ricconto le fregnàcce a sprofusione,
e manco me mettete in punizzione…
Ma 'ntanto lo sapete, l'itajàno
lo pìi p'er culo, e…te ce dà na mano…"


Un fatto, una poesia
da decine e decine di cronache…da fine estate in qua, fino al 27 novembre 2020 degli assembramenti per la morte di Maradona.
Da 'i lanciafiamme!' annunciate a muso duro da De Luca contro chi non rispettava le regole anti-contagio…Dalla compiacenza nel comunicare il successo anti-virus nel suo regno - dato che mr. Virus non vi si era ancora presentato - alla drammatica situazione del contagio e alla tragica situazione sanitaria dentro e fuori gli ospedalii…al dramma assurdo delle ammucchiate per la dipartita del 'pibe de oro'…
da napoli-today, 27 novembre 2020 - Covid-19, dott. Ippolito: "Folla per ricordare Maradona? Assembramenti sempre pericolosi"…
da fanpage.it, 11 novembre 2020 - Un uomo trovato privo di vita nel bagno del pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli di Napoli: era un sospetto caso di coronavirus - Durissimo il ministro degli Esteri L.Di Maio, che in serata ha parlato del video, definendolo scioccante. "Siamo di fronte a fatti drammatici e inaccettabili, episodi che ci spingono ad agire come Governo centrale, perché non c'è più tempo. A Napoli e in molte aree della Campania la situazione è infatti fuori controllo", ha spiegato Di Maio, "Il paziente trovato morto accasciato nel bagno all'ospedale Cardarelli è la più cruda e violenta di numerose testimonianze che mi giungono ogni giorno dagli ospedali campani"
da fanpage, 7novembre 2020Covid-19, inferno pronto soccorso a Napoli: file di ambulanze, ossigeno finito e pazienti ammassati
Un viaggio nei due pronto soccorso più grandi di Napoli, all'Ospedale del Mare e all'ospedale Cardarelli. Pazienti Covid e non Covid vicini e non separati, scorte di ossigeno finite, reparti allo stremo, impossibilità di garantire le misure di sicurezza. È l'inferno del Covid 19 negli ospedali napoletani. Il medico di Anaoo: "Un lazzaretto, così è impossibile separare i percorsi, le file di ambulanze si allungano fuori al pronto soccorso". L'infermiere: "Sembra Kabul o Baghdad, in un paese occidentale è inaccettabile uno scenario simile".
da napolitoday, 27 novembre 2020 - "La visione di folle a Napoli, zona rossa fra l'altro, fa molto rattristare. Innanzitutto perché stare così ammassati sicuramente ha favorito delle infezioni e dei contagi". Lo dichiara la microbiologa dell'ospedale Sacco di Milano Maria Rita Gismondo, commentando all'Adnkronos Salute le immagini arrivate dal capoluogo campano dopo la morte di Diego Armando Maradona."

Per un tal caso di grande caos, una poesia versificata in … 'babeleschese'…

'Babelescata' napoletana
Non è più tempo delle tarantelle
che pur son gaie e ballerine e belle.
<Nun è cchiù 'o tiemp' 'e guappe…e 'e ccanzunette…"
Oggi ce vònno … tutt'àrtre ricette!

È tempo di tornare a Pulcinella…
Ca cantava " 'o ffalcon' e 'a palummella"…
Er tutto, mosso a oggi, se capisce…
Su … auto buone, senza gomme lisce…

Che te mànneno a sbatte e a sbajà er vôto.
E quello sbaglio, poi lo paghi in toto!
"Vulìsse favurì, don Gennarì!..."
"Spiégate bbène…Fàmmete capì!..."

Ah! St'a ddì 'ha capito', ma ormai è ffatta…?!
E che mai più farà la 'testa-matta'! ?
S'è miso 'o scuorno 'nfaccia, e nu 'o ffa cchiù:
"San Gennà, San Gennà…pienzace tu!"


Omaggio poetico in morte di

Renato
del gentil baciamano dotato

D'acuto ingegno, a volte un po' sfrenato,
col bell'aspetto e col gentil rapporto
e il viver tuo qual iter da diporto
in tutti, simpatia hai seminato.

Nessun - di chi ti sa - s'è mai scordato
le sere festaiole che inventavi
allor che al tuo "Mancino" * c'inoltravi…
Lì, dove qualche amore è anche sbocciato.

Tra fettuccine e rock&shake ritmati...
Ma anche con la 'Tosca' e con la 'Norma'
e 'Va pensiero'…Per tenerti in forma
coi tuoi cantar seriosi ed intonati.

Che insieme a chi lassù hai riabbracciato,
e ch'è di già benissimo ambientata,
farete: padre e figlia ritrovata.
Addio! ... Buon Paradiso a voi, Renato!

*ristorante presso Piazza SS Apostoli


Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it 20 novembre 2020 - Meloni mediatrice: non ci divideranno - "Il cav. Non cadrà nel tranello divide et impera della sinistra".
Tra i due litiganti il terzo media. Mentre è alta la tensione sull'asse Lega-Forza Italia dopo il trasloco sotto le insegne del Carroccio di tre parlamentari azzurri, e le accuse nemmeno troppo velate di "inciucio" col governo arrivate da Salvini in risposta alle aperture a una collaborazione di Fi con l'esecutivo sulla manovra di bilancio, Giorgia Meloni sceglie di ballare da sola…."io le tattiche le so riconoscere" a una richiesta di commento sulle aperture al governo Conte da parte del Cavaliere. La Meloni ha anche ironizzato sulle parole di Andrea Orlando che ha invitato a "leggere con attenzione le proposte di Forza Italia", presentate due giorni fa dagli azzurri in conferenza stampa. "Ieri ha detto - ha spiegato riferendosi al vicesegretario Pd - che le proposte di Fi vanno lette con attenzione. Vuol dire che le altre si possono cestinare?" Il sospetto, ha aggiunto la Meloni, è che la maggioranza stia tentando di rompere il centrodestra: "In un'intervista sincera il sindaco di Bergamo Gori - ha spiegato infatti la leader di Fratelli d'Italia - ha detto che bisogna staccare Fi dal centrodestra. È il vecchio divide et impera, ma non credo che Berlusconi ci cadrà….
da liberoquotudiano.it, 14 novembre 2020 - Non è passato inosservato a Bruno Vespa l'aiutino che il centrosinistra ha dato a Silvio Berlusconi. È stato approvato infatti l'emendamento che "salva" Mediaset nella contesa giudiziaria con Vivendi. Un modo per blindare il colosso italiano. Un emendamento che va a modificare il decreto Covid approvato a palazzo Madama e che assegna all'autorità per le Comunicazioni il potere di bloccare i transalpini qualora la loro posizione sia "lesiva del pluralismo". A risparmiare il leader di Forza Italia ci ha pensato sorprendentemente il partito di Nicola Zingaretti. Il motivo di questa scelta? "Il Pd ha lanciato a Berlusconi la ciambella di salvataggio. La Francia ha già comperato mezza Italia. Ci mancherebbe solo che si prendesse anche la seconda azienda televisiva italiana e magari anche Tim. E Unicredit. E Generali..". Eppure per il conduttore di Porta a Porta che verga sul Giorno il consueto editoriale del sabato "non c'è solo del patriottismo" nella scelta del segretario del Pd, ma anche "l'obiettivo di sganciare il Cavaliere dall'alleanza di centrodestra".


"Silvio, rimembri ancor…"
Silvio…Silvio!...Rimembri ancora
chi per il popolo sei stato,
del perché al mondo sei venuto?
Stava tutto andando in malora!

Venisti…- ognun rimembra ognora -
a imporre allo sfacelo un veto
sol puntandogli contro il dito:
"Per voi 'rossi' non è più l'ora!"

Quel che potesti far facesti.
Ma poi, di più - con gran vergogna -
poté un poter di disonesti.

E cosa fai?!...Il voltagabbana?!
Contro i tuoi, e a favor di questi?
Rendendo la tua 'storia', vana?

Torna ai principi onesti.
Aiuta, sì!...Ma no blandendo
chi con odio t'ha messo al bando.
 

La vendetta di Virus
Nella TorrediBabele
discordanti vanno i dati
o col miele o con il fiele
da scienziati - o no - annunciati.

In diretta o riportati
dan timore…dan speranza…
confusione…e l'incostanza
nel sentirsi preoccupati

di cadere contagiati
di finir tra gl'intubati
o perfin cassamortati
senza esser salutati.

Ma del morbo, gli sbandati
van negando l'esistenza
pur di fronte all'evidenza
che a milioni n'ha ammazzati.

Però, il virus li ha schedati
e al più presto andrà a …trovarli…
con l'intento di ammalarli
a quei poveri esaltati.

"Ma anche quegli esagerati
che ogni dì per ore e ore
in tv han creato orrore
saran tutti contagiati!"
 

dalle mille cronache del periodo coronav

Non esiste il solco …romolesco …- che separa nettamente 'fase 1' da 'fase 2'.
Due è - per chi non lo sapesse - assai semplicemente il seguito diretto e continuativo di Uno.

A scòla de … mistificazzione….
"A Re', stànn'a sentì certe finezze
che ce propìneno fior-fior de teste
tutte così strapiene de certezze
su sto secônno tempo de la peste

parébbe guasi vero ch'er contàggio
l'ha impacchettato e qui ce l'ha portato
chi è ito a Porto Cervo pe ffà er gaggio
ar 'billionaire' de un tizzio … poco amato…"

"È n bell'esempio, a Ro', de l'ossessione
che certi ciànno d'attaccàsse a tutto
pe 'nguattàsse - co mistificazzione,
le côrpe propie…Detto secco-e-asciutto.

Ché … - come fann'a ddì 'È la metro!' 'È 'r busse…'…!...
E tòcca pure dì (pe uscì dar coro)
de le piazzate come gnènte fusse
pe festeggià quer '25…loro'….

E pò abbastàcce sta casologgìa,
senza intignà côr dì de chi va in giro
senza poté…!...Aiutànno Pandemia
a ri-forzàcce a tutti a stà in … ritiro.

Poi c'è … 'lo spritz'…Però è na fesseria…
Com'anche l' 'abbraccicàmos' er cinese!'…
Nisuno! mo' vò sta a 'ccusà nisuno,
ma è stata na gran spinta a Pandemia…
(e ancora gnènte scuse! A sto Paese).....
E…n te scordà: '2' è 'r seguito de '1'!


Un fatto, una poesia
da lameziaoggi.it, 18 aprile 2019 - Calabria, la sanità sotto tutela da 9 anni - La sanità calabrese è un caso nazionale da nove anni, da quando cioè, la Regione è stata messa sotto tutela dal Governo con l'inserimento del Piano di rientro del debito, culminato un anno dopo con il commissariamento. Il settore pesa per circa il 70% sul bilancio regionale, con una quota statale di finanziamento all'anno che supera i 3 miliardi. La vicenda ha avuto inizio nel 2009…Da alcuni mesi era scoppiato il caso delle difficili condizioni della sanità calabrese, scossa da eventi tragici verificatisi in alcuni ospedali della regione, con la morte di due giovanissime pazienti, e dalle inchieste della magistratura sulle infiltrazioni della 'ndrangheta nel settore, oltre che dalla mancanza di dati contabili certi nelle varie aziende sanitarie e ospedaliere. Con l'avvento alla guida della Regione del centrodestra, nel luglio 2010, fu deciso il commissariamento della sanità calabrese. Il Consiglio dei ministri nominò commissario l'allora governatore, Giuseppe Scopelliti, affiancato successivamente da due sub-commissari: il generale della Guardia di Finanza in pensione, Luciano Pezzi, e il manager siciliano Giuseppe Navarria, nel corso dei mesi successivi sostituito da Luigi D'Elia e poi dal dirigente ministeriale Andrea Urbani. Dal 2010 al 2014 la guida commissariale, non priva di momenti di tensione tra Scopelliti e i sub commissari, non produsse un'inversione di tendenza nelle condizioni della sanità calabrese, sia sotto il profilo della qualità dei Lea (livelli essenziali di assistenza) sia sotto il profilo della riduzione del disavanzo. (AGI).Nel marzo 2015, con il governo nazionale a guida Pd, fu quindi nominato un nuovo commissario, l'ingegnere Massimo Scura…Scura entrò subito in conflitto con il nuovo governatore Mario Oliverio (Pd), che lo accusava di mortificare le prerogative della Regione. Lo scontro tra Scura e Oliverio raggiunse il culmine nel novembre 2017, quando il governatore … denunciò le drammatiche condizioni del settore, chiedendo al governo Gentiloni la rimozione di Scura e la fine del commissariamento…Oliverio ha continuato a chiedere la fine del commissariamento anche al governo nazionale gialloverde e al ministro Giulia Grillo, che hanno invece confermato la strada della gestione straordinaria nominando commissario , lo scorso 7 dicembre, il generale dei carabinieri in pensione Saverio Cotticelli… motivata dal governo nazionale con il mancato raggiungimento degli standard nazionali sui Lea (Livelli essenziali di assistenza) e con il mancato pareggio di bilancio nonostante nove anni di Piano di rientro e otto anni di commissariamento…
da agi.it, 17novembre 2020 - La sanità è nel caos: dopo l'infelice intervista del commissario Saverio Cotticelli, le dimissioni e la nomina di Giuseppe Zuccatelli, con l'immediata comparsa sui social di dichiarazioni sull'inutilità della mascherina e la conseguente rinuncia, si registra oggi anche la rinuncia dell'ex rettore della 'Sapienza', Eugenio Gaudio. Le polemiche non si fermano, mentre si torna a parlare dell'ipotesi Gino Strada. Quattro nomi, tante discussioni e polemiche, ma ancora nessun commissario.


Un … defilè assai speciale
Ecco a voi il…defilè
dei signori commissari…
Al governo tanto cari
ma non se ne sa il perché…

O, sì!..Forse…Forse è
che fra ciucci e fra somari
è un trovarsi fra compari
in …ciucciaggine … e, alé!

Prima tu…Poi segui te…
E tu…E tu…A sprecar denari
negli affari sanitari
'marameo-maramè'!

Siete scelti voi, perché
gli ospedali son precari.
Progettatene i ripari….
E i bilanci, pure…Ahimè! …

Beh!…Sforzatevi! Affinché
in almen altri vent'anni
la Calabria, dagli affanni
se ne sorta, o …. pressoché!

Ma, badate!...Sono cari,
tutti quanti i calabresi…
E però - se offesi… e offesi…
possono esser … 'cazziamari'!


Non andava bene prima, figuriamoci poi con la terribile pandemia. Dieci mesi, ormai…(febbraio-novembre 2020). Tutti sappiamo tutto, grazie alle centinaia di servizi televisivi di prove…provate. Inutile ripetere ancora.
Un distillato di quel che è stata l'azione-non azione del governo, dai mille servizi media di questo quasi primo anno di gestione della nefanda epidemia e delle sue nefande conseguenze.

L'epidemia uccide.
E ugual chi non decide.
Uccide, il virus, con la malattia…
E un malgoverno porta all'agonia…

Doppio virus
Annunciazione sopra annunciazione
rivela assai disorganizzazione,
l'assenza d'ogni chiara decisione,
in quale affanno e in che concitazione
è ormai questo governo-esaltazione
del tanto fumo e tanta confusione,
della bugia e dell'autoassoluzione
per "il faremo" senza alcuna azione…
del "siamo consapevoli" - finzione…
del "faccio-tutto-io" - ostentazione,
ma cerca "responsabilizzazione"
dell'avversario … messo ad un cantone…
Va in cerca d'altrui colpe alacremente
per celarvi le proprie…Deprimente!
Nasconde quello che "non s'ha da dire!"
Che…non sia mai averlo, quell'ardire…
Si perde in mille beghe…E priorità
sembra per lui, soltanto …estrosità…
carità, nell'eccezionalità.
E il…navigare a vista giornaliero,
il modo suo per dirsi 'gran nocchiero'!
E scivola su ondate di apparenze,
né par curarsi delle inconcludenze.
E da "emergenza-comodo" trae sprone
per dir "faccio io! Senza il Parlamento!"…
Pronto - però - a accusar di fallimento
città e regioni … ad ogni malcontento.
"Faccio io!" è anche "colpevolizzazione" !
E i DPCM sforna a soluzione…
Ma di se stesso son decantazione,
e prova di aggrapparsi a … evanescenze,
con resilienza senza consistenza…
per eufemismo ingenua incompetenza…
Non vuol polemiche…Che mette al bando.
Ché è supportato in ciò da un…venerando.
Ma insiste…Ed a sbagliar va seguitando…
E a chi vuole aiutarlo…va sputando!
La vedon tutti l'approssimazione!
Non buona a governare una nazione!
Ché è tutto un gran casino … organizzato.
Ché è tutto un fallimento preannunciato,
che a lamentarsi ci si perde il fiato,
ché, all'improvviso, in TV affacciato,
tranquillamente avverte: "Ho sistemato!
Soldi a valanga all'EU ho già ordinato!"
Che - a passo di lumaca - chi lo sa…
E il quanto e il come e il quando, poi, sarà…(!?!)
Ma qui - galoppa! la precarietà,
e cento-e-centomila attività
serran serrande da un bel pezzo in qua!…
"Ma pure lì, han problemi!" ..."E pure là!"…
Ma lì, coi soldi in tasca! è altra bega!…
Gran brutta bestia è il virus: non si nega!
Ma è l'incapacità…che più ci frega!


Un fatto, una poesia
I giorni del coronavirus…

Il nuovo dpcm di Conte del 24 ottobre 2020 impone chiusura ristoranti e affini alle h.18.

Con nessuno, Conte si accorda prima di qualsiasi decisione.
Lo ha fatto con Mr. Virus.


Strani … accordi bilaterali…
"Si che penziero, a Ro', che me st' a ddàmme
sto di-pi-cièmme ùrtimo de Conte…!…
Che n pàre, ma…llì dietro a quela fronte
ce deve avé chisà si che bailàmme…

Sinnò, come farebbe a pià sti accordi
côr vìruse su quànno chiùde, o oprì,
così che - ar mèjo - lui lo pò gestì,
e spèce quànn'è l'ora de 'i bagordi.

Cioè quelli de la cena e dopocena…
È facile a capì quer ch'è successo.
Lo deve avé proposto Virus stesso:
"A le 6 spranga!...E pe mme … n te pià pena…

Riinizzierò er contàggio ar nòvo giorno.
E però, a Pe', tu m'hai da garantì
contàggi su li bussi a nun finì!
Sinnò contàggio a tte e a chi ciài llì attorno!"
 


questo drammatico periodo del contagio è solo l 'ultimo' - per adesso - problema mal gestito da questo governo…A iniziar dallo stesso, e sue opposizioni…il malcontento spazia in regioni, comuni, popolazione…

Pericoloso è 'r virus, ma 'r governo                    Pericoloso, è il virus, ma il governo
côr malgovevrno suo st'a creà l'inferno.              col malgoverno suo sta creando l'inferno.
Le critiche - ce dìcheno - n sò er caso…              Le critiche - ci dicono - non sono il caso…
E…cioè…?! Tappo a occhi, recchie, bocca e naso!  E…cioè…!? Tappo a occhi, a orecchie, a bocca e a naso!

L'appello, a chi…ha ffàtto terno
Er popolo ha da dìvve de fà bbène,
o volete provàcce da pe vvoi?!
Ma sùbbito! Però! Perché côr "poi",
er "mo'" è passato e, rèsteno le pene!

A Pe'!...A Ggì!...A Se'! A tutti voàrtri bbèll'in sella!...
A bbèlli 'compagnucci' o 'cammerati'
(chìssene! come séte colorati…)
volete fàlla, o nno! na cosa bbèlla?!

Zzittàteve n momento sur tivvù,
parlate…discutete in parlamento,
mettétece cervello e sentimento
ché er popolo nun ve st' a arègge più!

Ar primo ch'èsce fòri a ddì: "Sò loro!...
N sò io, è llui!.." ha da èss'accompagnato
dar 'sicologo! E - in più, sarà murtàto,
e seguirà li corsi sur decoro.

E sur male che pò ffà un malgoverno
buggiardo, incapace, e anche appecorato,
che no der popolo s'è incaricato,
ma dell'àrtri, e…a tenèsse-stretto-er-terno! *

*che altro è se non un gran bel 'terno-a-lotto' il loro
trovarsi lì…abusivamente, per caso…


Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it, 10 novembre 2020 - "Ha aspettato le elezioni USA…". E è bufera sul post di Zampa.
Il sottosegretario alla Salute si era rallegrata per l'arrivo del vaccino dopo la sconfitta di Trump. Ed è bufera: "Mi aspetterei ragionamenti più evoluti…"…Lei si difende: "Le mie parole strumentalizzate".
"Ho molto apprezzato che la Pfizer abbia atteso l'esito delle elezioni americane e la sconfitta di quel campione di Donald Trump per annunciare l'efficacia straordinaria del vaccino anti covid. La scienza ci fa sognare". Così, il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, aveva commentato la notizia dell'efficacia al 90% del vaccino studiato da Pfizer.
Dopo le sue dichiarazioni, le critiche sono piovute da ogni parte. "Pare che negli Usa questa multinazionale sia pronta con un vaccino, ditemi se è normale che Zampa dica 'meno male che la notizia del vaccino sia arrivata dopo le elezioni Usa'", ha commentato il leader della Lega…a Quarta Repubblica.

"Oh! Che bel vivere!...Oh, che bel piacere!
Sapere che il vaccino - furbamente -
l'han sol tirato fuori allo scadere
dell' 'odiato'…!...Per… non dargli il mordente!..."…


La gioia …
(sciocchina, che annoia)

Una tizia che con la zampa zompa
su alte vette della stupidità
-ch' ha inizio già da quella che lei ha -
di sé ha donato - e proprio in magna pompa -

professionalità ch' è adatta al ruolo
che … degnamente - e ben, or si può dire -
ricopre … E non si può non benedire
lo spirto suo inzuppato …nel barolo.

E benedire soprattutto chi
l'ha messa lì, a che possa dare sfogo
a odio-in-campo-rosso (ch'è il suo logo)
e sputar fuori quei deliri lì…

Guai, perderne una sola, d'occasione!...
Sarebbe perder colpi…allenamenti
d' anni…! In cui si son farcite - le menti
di … assai democratica evoluzione.


Un fatto, una poesia
L'odio di certa parte non si placa nemmeno di fronte al lutto. E il loro odio per chiunque non sia della loro idea, l'hanno abbondantemente e ignominiosamente schizzato sui 'social'. Insulti da non poter nemmeno riportare…. l'odio che voluttuosamente spandono per l'aria contro chi dicono loro…per sentirsi 'bene'… Ma di essere odiatori accusano gli altri.
da ansa.it/liguria/notizie - 16ottobre 2020 - Santelli: insulti choc di attivista M5s, post oscurato
Un'attivista del M5S di Genova via Facebook ha 'celebrato' la morte della presidente della Regione Calabria Jole Santelli definendola "mafiosa". Il caso ha visto protagonista l'ex candidata per i pentastellati a consigliere comunale a Genova (nel 2017, non eletta) xxx di professione insegnante. Il suo post è stato oscurato e dall'episodio hanno preso le distanze numerosi esponenti liguri del movimento. "Sono ripugnanti i commenti sulla triste morte della presidente della Calabria. Abbiamo chiesto ai probiviri che chi si è macchiato di questa vergogna non possa mai più candidarsi con il M5S. - interviene la senatrice xxx….
da igv.it, 17 ottobre 2020 - Insulti oltre ogni regola di civiltà, umanità, rispetto del dolore di una famiglia…A coloro che hanno sfogato le piccolezze, le miserie della propria vita personale, le frustrazioni ignoranti delle loro menti chiuse sui social, celebrando la morte di una donna come Jole Santelli, potrei augurare qualunque cosa: in realtà, non ho alcun interesse ad abbassarmi a quel livello. Anzi, ad ognuna di queste persone, ad ogni uomo e donna che ha vomitato insulti, auguro di non dover mai vivere quello che ha vissuto lei; non sarebbero in grado di affrontarlo, nemmeno per un minuto. L'Italia il 15 Ottobre ha perso una donna di valore e di valori. Loro, il 15 Ottobre, hanno perso, e basta.
da ilgiornale.it, 16 ottobre 2020 - …ma Jole Santelli fino a qualche settimana fa veniva puntualmente insultata da alcuni commentatori, e il sospetto è che questo accadeva in quanto rappresentante del centrodestra. All'inizio dell'estate… aveva lottato contro il governo Conte per riaprire in anticipo le spiagge della regione e dare un po' di ossigeno agli operatori del turismo, uno dei settori cruciali dell'economia calabrese. …il Fatto quotidiano…che la biasimava: "Con la mia ordinanza ho aperto il dibattito? Le caz***e sono solo sue e se ne vanta". E anche xxx ricorda il Giornale, la sfotteva: "Questa ha sniffato il reagente per i tamponi". Ma anche nelle ore del lutto, da sinistra arrivano commenti al limite del riferibile: "Se lo merita...". O ancora peggio…nemmeno davanti la tragica morte di una donna si ferma l'odio…
dalla "paladina" sempre in prima linea in difesa delle donne, e che lotta contro ogni odio (?): 'non pervenuto'.

Ma è "strategia"…
Cosa vuoi che sia!

L'odio…stratèggico
L'odio…E chedè…Oddio!...È ròbba assai brutta!
Ma accosì tanto, che c'è er 'movimento'
che je dà ggiù co grànne accanimento…
Eh, ssì!...Ché ce la mette proprio tutta!

Ed è na cosa bbèlla e ... 'eccezionale'…
Ner senzo propiamente de 'eccezione' …
Ché er 'movimento' fa na distinzione:
che -cioè - er suo, de odio, è giusto, e è normale.

Lo so…Vorésti chiede er 'perché' e er 'come'…
Te posso dì ch'è strano, ma anche chiaro…
E pò capìllo pure chi è somaro,
però n somaro … degno de sto nome.

E nno…pe finta…Che pe un tornaconto
va a ddì: "sei pieno d'odio!"…E nun è vero!
E un vero ciuccio sa che nu è sincero!
Ce crede solo er fàrzo e er fintotonto.

Inzomma a chi je dìcheno 'odiatore'
nun odia, gnentaffatto! Ma chi accusa
de odio l'àrtri, ma…è der suo! che abbusa,
ce rischia de schioppà…o pijà un malore!

E Laura…nun c'è! Pe Santelli Jole
morta de cancro, e anche in giovane età…
Però era…de destra…E a Laura, se sa,
je dava l'allergia…e n se ne dòle!
 

Un fatto, una poesia
da A. Orlando -Twitter, 17 ottobre 2020 - La sinistra stravince in Nuova Zelanda - Tra molte brutte una bella notizia.
da sicurezzainternazionale.luiss.it, 20 ottobre 2020 - La maggioranza della popolazione della Nuova Zelanda ha votato in favore del Partito laburista…premier uscente, Jacinda Arden, alle ultime elezioni nazionali, i cui risultati parziali sono stati resi noti il 17 ottobre. Secondo gli osservatori, la 40enne Arden è stata premiata per il successo registrato nella lotta e nel contenimento dell'epidemia di coronavirus.
da visit.it/nuova-zelanda/coronavirus, ottobre 2020 - Dopo un lungo periodo senza nuovi casi, le autorità della Nuova Zelanda hanno dichiarato il paese libero dal Coronavirus. Il livello di allerta in relazione alle misure adottate dalle autorità neozelandesi è stato ridotto al livello 1, ma il divieto d'ingresso rimane in vigore per prevenire il più possibile nuovi contagi.
da lastampa5maggio 2020 - La Nuova Zelanda sconfigge il coronavirus e avverte: "I nostri confini saranno chiusi per moltissimo tempo"
La premier Ardern: costruiremo una zona sicura di viaggi fra qui e l'Australia per far spostare i residenti. Ma con il resto del mondo le frontiere resteranno sbarrate. Lunedì per la prima volta zero contagi
da ilgiornale.it, 8 ottobre 2020 - La Nuova Zelanda festeggia: "Sconfitta la nuova ondata".
Un traguardo che non deve far cantare vittoria anticipatamente, ha avvertito la premier, esortando i suoi connazionali a mantenersi costantemente vigili e a partecipare all'impegno collettivo per continuare a dominare il virus.
Il modello neozelandese ha mostrato di funzionare alla grande. Tuttavia, tra gli esperti, sorge un dubbio: è replicabile anche in altri Paesi? I dubbi restano. Anche perché la Nuova Zelanda è un'isola che conta circa 5 milioni di abitanti e una densità piuttosto limitata (18 per chilometri quadrato).


Qui, serial di decreti…L'ultimo, dpcm 18 ottobre 2020 - pare chissà che…Ma non prende responsabilità, decisioni, che lascia alle regioni. Tanto fumo…La realtà non la racconta. Lo fanno i servizi tv speciali. .E nel presentarlo, si sbroda il Primo Ministro e il Governo.

Nuova Zelanda-Italia: 1-0


Abbiamo vinto!
(abbiamo vinto…chi?!)

Se qui…non ce la facciamo
non è detto che in altrove
la vittoria non l'abbiamo.
Altroché! ...Ti dirò dove.

Planetari come siamo
ardor unico ci muove
qui, o là, il covid vinciamo!
Cosa, questa, che commuove.

"Grazie! Hai vinto anche per noi!
Dì! Zelanda Nuova, come,
e faremo come voi".

"Caro Orlando, siamo forti!
Qui - del virus - neanche il nome!
Ché abbiam chiuso pure i porti!"

------ ------ ------- -------

Beato a chi gioisce e fa la festa
a chi st'all'àrtro capo der pianeta
ché ha vinto! E ce se 'mpazza e dà de testa.
Ma …<quer> ch'ha vinto, llì - qui - lo divieta…(!?!)…

Ma penza a vince qua!...E poi - sì! - festeggi!
Champagnà mo', vòr dì pèrde de stima…
Penza a ffà bbène qui!...No, che galleggi
ner mar der gnènte…indo' ch'er caos tracima!


Un fatto, una poesia
da decine e decine di interviste all'opposizione…(ottobre-novembre 2020)…sulla opportunità-necessità che collabori con la maggioranza di governo…per una unità nazionale d'intenti…nel drammatico periodo della pandemia…Riportando anche le raccomandazioni del PdR per un comportamento responsabile, in tal senso. Bellissimo! Giustissimo! Solo che sembra che non riescano a capire - i signori intervistatori in diretta tv - che alla ricorrente loro domanda è altrettanto ricorrentemente corrisposta una chiara e leale dichiarazione sugli sforzi fatti per offrire collaborazione al governo con richieste e proposte documentate, che Conte ha sempre rifiutato. (es: l'ultimo decreto sulle chiusure precauzionali contro la diffusione pandemica, l'unico coinvolgimento dell'opposizione è stato la comunicazione telefonata mezz'ora prima di darne annuncio in diretta tv. Ehhhhh !!!!). Salvo - poi - lamentarsi in diretta (lui & soci) che non sono questi i moneti di polemizzare…Bisogna nascerci. E il PdR sembra sempre alquanto superficiale e distratto, e 'timoroso' nel generalizzare per non essere mai diretto e prendersi anche lui, le sue responsabilità nei confronti del comportamento di un governo del cui 'battesimo' è stato un po'il padrino.

Tutti assieme … separatamente! …
Sòr Mattare', lo so, un suggerimento
mio a lei ch'è 'r nostro presidente
sò er primo a ddì ch'è…'un poco sconveniente'.
Però - vorèi rubbàjelo, un momento…

Se sente - e anche da lei l'ho 'nteso a ddì -
che toccherebbe - mo' che c'è sto dramma -
- e infinacchè sto virus n se la smamma -
sta tutti assieme a ffà … 'chicchirichì!'...

De modo de nvojà a vienì un bèr giorno,
co tutto quanto bell'e sistemato,
'nziché stàsse a ffà 'r sangue avvelenato,
co chi se scòrna e chi gne frega n corno!".

Ma manco a llei - davéro - gn'arisùrta
che -'quelli'- se sò offerti mille vòrte
a ffà le cose assieme, ma a la corte
der Conte n vònno…E quer che urta

è che anche 'i soci sui - pe ffà na parte -
pe poté dì: "Se sò tienuti fòra…!"…
je stànn a predicà che nun è l'ora
de stà a polemizzà e scoprì le carte…!?

Nu j'arisùrta, che s'è messo in testa
de guidà er carro lui, tutto da solo,
perché vò stà a ffà er divo e ha preso ar volo
st'occasione da grànne capintesta?!

Certo! Cell'ha anche lei ' r televisore…
E ssa che tutta quanta l' 'oppignone'
-quela su' giusta riccomannazzione
la sta a usà contro er… 'nero oppositore'…

Ed èccoce qui, ar punto, preside':
sia chiaro a ddì che sta dicènno a Conte!
Che nu è sta vôrpe e sto camaleonte…
E ce n'ha, côrpe! nder gran-caos-che-c'è!


Un fatto, una poesia
da RTR99, 21 ottobre 2020 - Tassista eroe, Alessandro Bellantoni, proclamato 'eroe' dal PdR per aver portato sul tuo taxi una madre con la sua bambina disabile da Vibo Valentia a Roma. Non ha voluto un euro! Perché ha una bambina disabile a sua volta…Al PdR ha rivolto un discorso che è anche di preghiera di aiuto, ma anche di accusa. E qui fanno la 'processione' per portare fiori e lumini sul posto dove hanno siringato dei cinghiali. da agi.it, 17 dicembre 2018 -…Si tratta di Vibo Valentia che si ritrova in fondo anche per qualità della vita fra le città capoluogo nel report annuale del Sole 24 Ore. Rispetto al 2017, Vibo Valentia e provincia perdono ben nove posizioni. Come ogni anno, il Sole 24 Ore ha scelto di inquadrare "benessere e qualità della vita" attraverso 42 valori per ciascuna provincia. Vibo Valentia si ritrova ultima per durata media dei processi nelle aule giudiziarie (più di mille giorni) e registra una delle spese più basse in Italia fra i Comuni per quanto riguarda le politiche a favore dei disabili, degli anziani e dei minori.
Questo, il discorso del tassista al PdR (letto a rtr99):"Egregio Presidente, il riconoscimento che oggi…perché con ogni probabilità è la disperazione stessa che mi porta a cogliere l'occasione di un giorno così importante… per consegnarle questa lettera…. Da 22 anni sono padre di….disabile grave, e nonostante la sofferenza e il dolore e la fatica fisica e mentale, mia figlia resta il mio primo motivo di vita… Padri e madri di eterni bambini, sempre alla ricerca della nostra presenza per ogni cosa, ogni momento della giornata, ogni giornata della loro e la nostra vita…Sì! Siamo soli! Siamo eroi, non per caso, ma per necessità….Sono eroe per necessità, perché la famiglia di…, la bimba che ho portato dalla Calabria all'ospedale BambinGesù di Roma, si è trovata completamente smarrita e priva di ogni sostegno da parte delle strutture pubbliche…L'amore…non può e non deve in nessun modo sopperire alle mancanze e all'indifferenza dello Stato…Vede, presidente, essere disabile, o assistere un disabile nel nostro paese è ancora di una difficoltà inimmaginabile….L'integrazione, l'abbattimento delle barriere architettoniche, l'inclusione scolastica, l'assistenza sanitaria...sono i primi della lista quando c'è da effettuare tagli…Un'infinita corsa ad ostacoli, dove il più pericoloso e inesorabile è l'età. O la fatalità….il 'dopo-di-noi'. Come posso accudire mio figlio se andrò in pensione a 67 anni…Le mie tre ore di sonno per notte, ormai da 22 anni, non possono più darmi il giusto riposo per affrontare il nuovo giorno…Lo Stato non ci aiuta, strutturalmente e nemmeno economicamente…Dateci almeno il tempo…Quello che ci resta per compiere al meglio la nostra missione…I pre-pensionamenti anche di molti anni rispetto alla normale età pensionistica sono simbolo di umanità e civiltà nei paesi più sviluppati. L'Italia, che tutti aiuta, aiuti i suoi figli anche disabili…Non è semplice spostare un disabile non deambulante di circa 70 chili a settant'anni, dopo averlo fatto una vita intera dal letto alla carrozzina o sull'auto in età avanzata...le ore di assistenza domiciliare sono sempre di meno, e per ottenerle la burocrazia rende tutto quasi impossibile...Un disabile grave non può attendere 6 o 7 mesi per avere degli ausili, o una nuova sedia a rotelle…è la vita! …Le spese per visite specialistiche sono inaccettabili. Ed esiste una carenza di strutture adeguate con personale qualificato per effettuare semplici visite di routine a diversamente abili o neuro-diversi…Uno fra tanti la perdita o la rinuncia del lavoro. Quante spese dobbiamo sostenere, perché le strutture sanitarie convenzionate non sono all'altezza, e dobbiamo rivolgerci a strutture private!... come la mancanza di insegnanti di sostegno, per i quali già in condizioni normali bisogna aspettare mesi…Possa Lei, presidente Mattarella, sensibilizzare tutte le forze politiche su questi argomenti con la stessa forza e il coraggio di un eroe-cavaliere, e anche della sua eroina, Martina. Alessandro Bellantoni.


Disabilità
Acchiappavo le mosche, tempo fa…
Staccavo loro un'ala e due zampette
pe' osservarle nel far le piroette:
cattiveria…ma più, curiosità.
Al verme (stomachevole) infilavo
qualcosa di appuntito…per vederlo
restringersi…allungarsi…e poi al merlo
lasciarlo …E per chiamarlo, allor, fischiavo.
Brutture che si fan da ragazzini,
pe', in qualche modo, fare 'esperimenti'
pur se ai meschini davan patimenti.
Gran brutto gioco, fare gli aguzzini!
Che c'entra, il tutto, cogli handicappati …?
Pardon!...So che oggi è il termine! che conta…
Ché al trasgressor, facile è addossarne onta…
Ma sia addossata ai 'disinteressati'!
A quelli del potere a ogni livello!
Cioè quelli che a calcioni prenderesti
finché frattura al piede non t'arresti!
Per ciò, vorrei tornare un giovincello…
Per far come con quelle creaturine,
esperimenti… E poi…depositarli
senza alcuna voglia di aiutarli,
ben sistemati, sulle carrozzine.
Presidente, degnissima persona,
Lei, facoltà la tiene. Se la spenda!
È civiltà anche questa. Via, la benda….
Scusi l'ardire…So che mi perdona.
Ben altro, ha, poi, la gente cui pensare…
Per far vedere il proprio gran dissidio:
lumini! e fiori! dove han fatto … eccidio
di quei cinghiali pronti a riammazzare * !

*involontariamente, ma…a Roma ci sono già stati morti e feriti e danni alle cose per gli attraversamenti improvvisi di strade da parte dei cinghiali. Sempre più frequenti a causa del loro irrefrenabile-e-irrefrenato! moltiplicarsi, e alla loro crescente padronanza sulla città, e sugli umani…


Un fatto, una poesia
Dopo i vili atti terroristico-islamici da parte di migranti (sbarcati da noi), a ruota a Parigi, Nizza, Vienna…(e a…???)
da askanews, 4 novembre 2020 - Migranti, DiMaio: fermiamo sbarchi, è problema sicurezza nazionale "Più rimpatri a spese di bruxelles". Roma, 4 nov. (askanews) - "Si è diffusa l'idea che sia facile sbarcare in Italia" ma "questo messaggio va contrastato con una risposta europea, altrimenti rischiamo di implodere nella situazione di emergenza in cui già ci troviamo". Lo afferma il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in una intervista al Corriere della Sera. "E' sbagliato accostare il richiedente asilo al terrorista. Vanno separati i diritti dalla minaccia. Ma che un rischio ci sia lo dimostrano i fatti. E anche i Comuni stanno andando in sofferenza, vanno supportati e ascoltati. L'Italia è stata aiutata troppo poco nell'emergenza sbarchi, Lampedusa è la frontiera di tutti e 27 gli Stati membri", aggiunge. Gli sbarchi, sottolinea Di Maio, sono "un problema che ci trasciniamo da sempre, che esisteva anche con i decreti sicurezza, perchè gran parte degli sbarchi sono fantasma, di piccole imbarcazioni, difficili da intercettare. Quindi strumentalizzare il tema è inutile". Ci sono "troppe buone intenzioni e pochi fatti. Abbiamo sostenuto la commissione Von der Leyen anche per un progetto ambizioso sulle migrazioni, ma dobbiamo dirci che per adesso la proposta della Commissione è incompleta - sottolinea -, bisogna rivedere il principio del chi prima accoglie poi gestisce. Se si dichiara di voler superare Dublino senza rivedere quel principio si sta parlando del nulla. Lo dirò ai miei omologhi Ue". Secondo Di Maio i rimpatri "non solo dovrebbero essere coordinati dall'Ue, ma gli stessi rimpatri vanno fatti a spese dell'Unione europea. Bisogna abbattere il muro dei viaggi illegali. Chi vuole entrare in Europa deve poterlo fare solo legalmente". "Nelle ultime 48 ore sono sbarcati 1.700 migranti. Già siamo in forte sofferenza per la pandemia, non possiamo permettercene un'altra. Ogni Stato democratico si fonda sulla difesa dei propri confini e qui siamo arrivati al paradosso che parlarne suscita polemiche di natura politica. E' assurdo. Ma come si puo' riuscire a gestire l'arrivo di quasi 1.700 migranti in 48 ore con il Covid sulla testa?", conclude Di Maio.
Ma…allora, il processo all'orco cattivo che tutto ciò stava cercando di realizzare…?!...SÌ..GiÀ..MA..PERÒ..ARI-MA..ARI-PERÒ..

Benvenuto ner …bonsenzo!
"Allora, a Ro', o è notizzia fasulla,
e allora qui va letta e qui va chiusa.
O ce st'a ddì siquanto a la rinfusa
galléggeno 'i ciarvèlli ner nonnulla.

Ma, un' àrtra ipotesi da nu scartà
è che er governo se st'a ffà 'fascista'!
È questa - pare - la parola 'trista'
per inzurto a chi cià un 'modo' de penzà".

"In du' modi, 'i risòrvi sti probblèmi:
o inzisti a ffà così…tanto pe finta,
(come che aspetta una, farza-incinta),
o ffai le cose a un modo che sistemi.

Mo', quer ministro se st'a mozzicà…
Che dice-e-n-dice…e fa: 'però anche <quello>'…!...
Ché vò èsse riparato da l'ombrello
de ipocrita e fasulla libbertà…"

"Eh, ssì…S'attacca llì…s'attacca llà…
Fa: 'Mbeh…st'Europa deve intervienì…'
Aridàje!...Fa finta de n capì…
L'E.U - sta cosa - nu la vò aggiustà!

Cerca a capì, frate', o nunn'usciremo…
Cell'hai, o nno! er probblèma!? Beh…Risòrvi!
Nun pòi 'nvocà l'aiuti e poi t'assòrvi.
T'hanno preso-p'-er-culo, e…'parleremo'!?

Ma ffa' quer ch'è da fà…N ciavé paura!
Nisuno te dirà che sei fascista
si metti un palo ar mônno progressista
pe ffà st'Italia nostra - più sicura!"

"A Re', ma n dice gnènte der processo…
Stai a capì de 'quale'…Ah!...N dice gnènte?!...
Ma…allora…è n manicomio veramente!
Lui! Co ognuno che cià accodat'appresso".
 

Un fatto, una poesia
da iltempo.it, 16 ottobre 2020 - Un uomo è stato ritrovato decapitato a Conflans Saint-Honorine, nella periferia di Parigi…Secondo Le Parisien, la vittima era un insegnante della scuola presso la quale è stato trovato il cadavere e l'assassino era il padre di un suo allievo. Secondo il quotidiano parigino, la vittima aveva recentemente tenuto una lezione ai suoi studenti sulla libertà di espressione e aveva mostrato le caricature di Maometto. L'assassino, che pare abbia gridato Allah Akbar prima di uccide il prof, era stato bloccato dalla polizia con il coltello in mano mentre cercava di fuggire in direzione della vicina città di Eragny (Val-d'Oise) e, all'intimazione di posare l'arma, aveva aggredito gli agenti.
da famigliacristiana,17 ottobre 2020 - Orrore in Francia, un professore ucciso e decapitato. E' accaduto vicino a Parigi. L'insegnante aveva tenuto alcuni giorni prima una lezione sulla libertà di espressione mostrando in classe le vignette su Maometto pubblicate dalla rivista satirica "Charlie Hebdo". A ucciderlo un ragazzo di 18 anni di origine cecena, che ha poi rivendicato l'esecuzione su Twitter.
Ucciso con un coltello da cucina e decapitato nei pressi della scuola in cui insegnava storia e geografia. La sua colpa: aver mostrato in classe ai suoi studenti, nei primi giorni di ottobre, le vignette satiriche su Maometto pubblicate dalla rivista satirica Charlie Hebdo, durante una lezione dedicata al tema della libertà di parola e di espressione...A trucidarlo in modo barbaro un ragazzo di 18 anni di origine cecena, già segnalato come soggetto a rischio di radicalizzazione islamista.
Nel frattempo - si sono aggiunti i tagli di Nizza del 29 ottobre, e di Vienna di ieri 2 novembre 2020. Tutti d'una matrice.

Li…tàji, prima e mmo'…
Je fa n gran baffo, Mastro Titta *, a questi!
Margrado li tant'anni d'esperienza,
co la mannaia, li tamburi, 'i cesti
pe le capocce…Dopo la sentenza.

Côr popolo a godé o a soffrì p'er tàjo,
e a litigàss' er posto in prima fila,
dicènno: "…un brutto tizzio!" o "…un bravo cajo!"…
"Chisà che je farànno ner dumila…"…

Mbeh…Ner dumila…se sa…e è presto detto.
Siccome che ce sta la libbertà,
e … n ce sta er papa - in nome de…un <affetto>
sceji na testa e vvia!...Se fa volà.

Ma…vanno n po' a cercàssela! Però,
sti transarpini - che - o se fa a armi pari,
o inziste in…certi giochi nun se pò.
Libberté e Fraternité…!?...Amici cari…!...

*è stato cattedratico del 'taglio' nella Roma papalina…
 

Tramonto al Camposanto di Bettona

 

 

  


Di leggiadria è vestita qui, la pace
tra il rimbalzar silente dei riflessi
che fan filtrare l'oro tra i cipressi
e il coro dei lumini che mai tace…

E ognun ch'è andato, e in questo loco giace
gradire sembra i premurosi eccessi
d'essenze odorose, e i pregar sommessi….
E ognuno a tanto amore si compiace.

E nel sito, dai miei cari abitato,
non solo c'è quel che ho portato io,
ma fiori e lumi che altri, han tributato.

Che io nemmeno so, ma loro…sanno…
Di certo sono quei che a quegli "addio"
non mai s'adattano…e a trovarli, vanno.
 

a Lisa per il 31 ottobre 2020

Senza fine
Anche il cielo, da tanto azzurro e bello,
a un tratto butta acqua giù a dirotto.
E sulla sabbia scioglie il bel castello.
E il bello stare al sol, così, è interrotto.

Ma non per sempre…Il bello, poi, riprende,
ritorna il sole - sempre - o prima, o poi.
La vita ancor sorride, ancor risplende.
E tutto questo capita anche a noi.

L'amor - se è amore vero - sempre, dura.
Dei tuoi tot anni fatti appena oggi
la più gran parte danno la misura
di quanto amor nei nostri cuori alloggi.

D'ammende - certo - sempre c'è bisogno,
ché in mezzo a tante rose…tante spine…
Ma ancora solo tu sei il mio bel sogno,
da quando è incominciato. E è senza fine.


Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it, 29 ottobre 2020 - Il terrorista della cattedrale di Nizza era sbarcato giorni fa a Lampedusa. L'islamista ha ucciso tre persone con un coltello. Sarebbe arrivato a Nizza dopo essere
Dalla Tunisia a Lampedusa, attraversando il Mediterraneo Centrale illegalmente. E poi da lì verso Nord, valicando il confine italofrancese, fino a Nizza…. Il primo a rivelare l'inquietante particolare è stato il deputato francese dei Republicains, Eric Ciotti, dopo aver partecipato all'unità di crisi con il presidente Emmanuel Macron. "Durante l'incontro - ha spiegato - ho appena chiesto a Macron di sospendere tutti i flussi migratori e tutte le procedure di asilo, soprattutto al confine italiano". "Mentre veniva medicato dopo essere stato ferito dalla polizia - ha riferito il sindaco di Nizza Christian Estrosi - continuava a gridare senza interruzione Allah Akbar". Che sull'attacco alla cattedrale di Nizza ci fosse il marchio del terrorismo islamico è apparso chiaro agli inquirenti sin dall'inizio, nonostante la fatica iniziale a ricostruirne l'identità…
da liberoquotidiano, 29 ottobre 2020 - Nizza, il killer tunisino era indagato ad Agrigento: "Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina"
Altro che un immigrato clandestino disperato che ha poi compiuto un attentato terroristico a Nizza, dalle indiscrezioni che emergono sembra delinearsi un profilo criminale piuttosto preciso dell'uomo che con un coltello ha tolto la vita a due donne e al custode della chiesa di Notre-Dame. Stando alle ultime indiscrezioni dell'Adnkronos, il killer tunisino era stato indagato dalla procura di Agrigento per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il suo sbarco a Lampedusa risale allo scorso 20 settembre: insieme a lui c'erano altri connazionali, molti dei quali iscritti al registro degli indagati. Continua ad infittirsi quindi il caso dell'attacco terroristico in Francia, con il killer che è sbarcato a Lampedusa (dove è finito sotto indagine), è stato trasferito al centro di identificazione a Bari, fotosegnalato dalla questura e inserito nei terminali per "illecito ingresso in territorio nazionale". Eppure è riuscito comunque ad arrivare a Nizza, dove ha compiuto un atto terroristico che a questo punto inizia a sembrare sempre più partito da lontano e studiato nei minimi particolari.


…ma pare che - però - ben stranamente
(mancavan forse gl'inginocchiatoi)
i 'buoni' non si sono inginocchiati.
Comportamenti, al solito, arruffati,
per manovrare, o men, gli…attizzatoi…
Secondo, il morto chi è , e chi è il delinquente…

Ridotte assai, son le roteanti lame…
Nei '500 venivan …turisti
a far rotear roteanti scimitarre,
a ordinate orde…ma senza i visti,
e…alle volte finiva in gran bagarre.

Turbata dai turbanti e dalle lame,
la gente si scherniva a quegli arrivi,
a quegli approcci…all'insidiose trame…
che - a volte - non lasciavan restar vivi.

Al giorno d'oggi - invece - in solitaria
ne giunge qualche erede - ammodernato -
ch'è senza 'scim', e l'aria tien bonaria
ch'è ben accolto e ben rifocillato.

Sarà quel che sarà…Ma a un certo punto
ha, il tizio, un rifiorir di quel retaggio,
che - dice all'improvviso: "Per te è giunto
il tempo di parlar con … quel linguaggio!".

La lama è assai ridotta…Ma fa al caso
e il tizio, preparato alla bisogna,
ne fa buon uso, e…ogni santommaso
per crederci vuol sbatterci il suo naso.
E intanto, di …'bontà' si ciba e …sogna…
E neanche vuole metterlo alla gogna!


Passerà anche il tempo del virus….

Tempo di guerra
Con i lacci delle scarpe
ci pescavano le carpe
lungo il fiume a fondo valle
con i mucchi delle balle
tutte stese pe' arginare
l'acque pronte a straripare…

Altri sacchi, tanti…tanti…
dagli spari sibilanti
proteggevano il paese
dove almen sei volte al mese
ci passavano i soldati
anche con i carri-armati.
Era il tempo della guerra
però - ancora - madre terra
dispensava le verdure
pur se in mezzo alle paure…

La campana della pieve
con un tocco lieve, lieve
radunava le persone
quando a sera, la funzione
li faceva stare insieme
per dar forza ad una speme.

Nella madia c'era poco…
Ma bollivano, sul fuoco,
le patate un po' annerite
ma pur sempre saporite!

Nonna, sempre dice questo:
un bel giorno trovò il cesto
delle uova tutto pieno…
Tutto il cielo era sereno…
Sì!...La guerra era finita!
Stava a rifiorir…la vita
 

I giorni del virus - Nuovi allarmi contagio post riapertura, luglio 2020 --- MA ORMAI è ARRIVATO A ESSERE OPEGGIO DI PRIMA! Quasi novembre 2020

Risarcimento danni…
Cin-cin-cin, Cin-ciao-lin,
Chon-ta.giò…e Pan-ho-lin…
Cari amici miei d'Oriente,
il contagio contingente
che nessun! qui ha chiesto mai,
dal Paese del Catai
c'è purtroppo pervenuto.
E nemmeno date aiuto…
Ma neanche vi abbassate
a dir "Cari, ci scusate?"….
Stabilisce il tribunale:
"Chi procura ad altri il male
pur se neanche un po' voluto
è soggetto a un contributo…
a una pena da espiare…
ad un conto da pagare…
poiché un danno va rifuso!
Pur se ogni odio viene escluso.
E di colpe voi ne avete!...
Ma se mai non lo sapete
rinfreschiamo la memoria…
L'iniziar di questa storia
ce l'avete secretata…
Solo a pandemia avanzata
ce l'avete rivelato
che era tutto contagiato.
Ed a monte ci sta il fatto
d'un'igiene adatta al…ratto!
Per non farla troppo lunga,
informale appel vi giunga
cari amici cinesini,
a rifondere destini
di milioni di persone
che han cambiato d'espressione…
che tra sé son "diffidenti"…
pur tra amici e tra parenti
pel terrore del contagio:
nessun più - qui - è a proprio agio.
Pure, colpe, ha da espiare
chi qui ancor s'ha da scusare
per avere fatto il ganzo
invitando a andare a pranzo
dagli amici cinesini:
pollo, mandorle, involtini…
E con gran disinvoltura
abbracciarli!! Che sventura!
Ma…meglio è, mortal cinismo,
che …(inesistente!)… razzismo!
 

Un fatto, una poesia
da ilsecoloditalia.it, 23 ottobre 2020 - Unioni civili, una grande confusione. Questo l'effetto delle parole del Papa in un documentario mostrato a…Con il mondo cattolico che si divide tra chi pensa che il Papa sia strumentalizzato e chi invece ritiene che Bergoglio abbia fatto una svolta storica rispetto all'atteggiamento della Chiesa verso le coppie gay. Le parole del Papa. "Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo, gli omosessuali godrebbero di una copertura legale. Io ho difeso questo". Queste le parole del Papa su cui esprime molte perplessità il cardinale G.L.Muller…teologo e curatore dell'opera omnia di Ratzinger. In un'intervista al Corriere Muller ricorda che il Papa "non al di sopra della parola di Dio. Che ha creato l'essere umano maschio e femmina, il matrimonio e la famiglia. Sono cardinale e sempre dalla parte del Papa, ma no a tutte le condizioni. Non è una lealtà assoluta. La prima lealtà è alla parola di Dio. Il Papa è il Vicario di Cristo. E io sono credente in Dio". E all'obiezione che papa Francesco non ha parlato di matrimonio ma di riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali, risponde così: "E qual è la differenza, in fondo? In molti Stati le cosiddette unioni sono state soltanto la premessa del riconoscimento dei matrimoni gay. Per questo tanti fedeli sono disturbati, pensano che queste parole sarebbero solo il primo passo verso una giustificazione delle unioni omosessuali, per la Chiesa, e questo non è possibile". Il motivo? "Dall'inizio della Scrittura, nella Genesi, si dice che Dio ha creato l'uomo e la donna. Gesù lo ricorda ai farisei: l'uomo si unirà con sua moglie e i due saranno una sola carne. Per questo il solo matrimonio possibile è tra uomo e donna…Non vogliamo condannare la persona con tendenza omosessuale, anzi vanno accompagnate e aiutate: ma secondo le condizioni della dottrina cristiana". Secondo il cardinale, infine, la parola di Dio non può adattarsi ai tempi: "La parola di Dio vale per tutti i tempi". E parla del diritto naturale, morale. La costituzione antropologica non è rispettata in questa nuova antropologia Lgbt: dicono non esista una natura umana definita, uomo e donna, e il sesso sarebbe solo un costrutto ideale, con tutte le conseguenze del caso, compreso il diritto di cambiarlo. Ma non esiste un futuro dell'umanità senza riconoscere la complementarietà fra uomo e donna, il dato biologico e psichico, un rapporto che fonda la cultura umana. Il Papa è anche il primo interprete della legge naturale: perché interviene in queste cose degli Stati senza sottolineare la dimensione della legge naturale?".
da ilfattoquotidiano, 15 marzo 2013 - Papa Francesco,l'accusa di Verbitsky: "Ho i docemnti: collaborò con i dittatori".
Lo scrittore e giornalista argentino conferma le responsabilità del nuovo pontefice negli anni del regime dei generali: "Le carte che ho trovato non lasciano dubbi. Da parte sua nessuna richiesta di perdono, solo ambiguità. La sua elezione è una disgrazia per l'Argentina e il Sudamerica"

Tutto, va bbe'…Ma nno tutto-e-deppiù!
A Roma religgiosa…der papato…
A Roma, indove Pietro messo in croce
la chiesa! cià lassato … E in modo atroce
li martiri qui ciànno tramannàto…

A Roma, indo' te ciànno indirizzato
-se vede - ch'er 'lliggiù' n te sopportava -
stai ruvinànno er sano che ce stava
e in primis chi côr papa è sempre stato.

Ma prima de oprì bocca e dàje fiato,
un'orazzione!... Dìlla un'orazzione,
che pòssi dàje un freno a st'ambizzione
da angeli der tempo der creato!

Nun sei -tu- più de Cristo! O nun te sona!
Dì - allora - "Sò antipapa!". Come quelli
che stann'a dichiaràsse àrtra perzona
da quer che pare…Ah!...Si c'era er Belli!

Ma quarcosa pò dill'anche chi è pio.
France', er cristiano è ggènte che sopporta…
Ma nno, tutto-e-deppiù! O…'llì è la porta'…
Pe tanti stai a offènn'er propio Dio.
 

Nell'orto di Giovanni
Nei pomeriggi, quando rinfrescava,
ci andavo insieme a Alberto e insieme a Giulio,
a cercar l'Eden, che - lì - trovavamo.

C'è la cerasa profumata dolce
ch'è rosa e bianca, e è tutta lucidata.
O è scura e morbidosa e ha dentro il sangue.

C'è il fico, ch'è stragonfio di dolcezza,
che non si spella e che m'impiastra il viso,
lasciandovi il suo marchio appiccicoso.

E ci son pomi grandi e rossi e verdi
e fan godere vista, olfatto e gusto,
che addento e succhio e mangio avidamente.

E poi c'è il grande noce già coi malli
che lascian che il tesoro dentro ne esca.
E c'è il martello adatto alla bisogna.

Aspettan, là, coi baffi, le pannocchie
avvolte in larghe foglie da sfogliare…
E poi…tra i denti, è come…un organetto…

I passerotti, da un rametto all' altro
d'ogni albero, banchettano anche loro.
Poi…chinano il capino e…fan la nanna.

Mancava lì, in quell'orto, la polposa
e profumata pesca…che cercavo…
L'ho poi trovata…E me le gusto ancora.
 

Fatti, una poesia
da ilgiornale.it, 29 settembre 20202 - Centri migranti fuori controllo: altri 50 si dileguiano nel nulla - Fuga di massa dall'ex hotel Villa Sikania di Siculiana, ad Agrigento. Non c'è pace per il centro di accoglienza da dove si continuano a registrare continui episodi di fuga da parte dei migranti che vi vengono ospitati per trascorrervi la quarantena….riversati in massa per le vie secondarie della città per sfuggire ai controlli. Panico per le strade.
da ilgiornale.it , 4 agosto 2020 - Oltre 30 migranti in quarantena provenienti da Lampedusa sono scappati dai centri di accoglienza in Molise, scatenando la rabbia dei sindaci, preoccupati per le possibili ripercussioni sanitarie
Continuano le fughe dei migranti in quarantena dai centri di accoglienza nel territorio italiano, oltre che le proteste. Ieri è stata una giornata campale in tal senso per le forze dell'ordine, che da nord a sud hanno avuto a che fare con le rivolte ma soprattutto i tentativi, riusciti o meno, di allontanamento dalle strutture.
In Molise si sono verificate alcune delle situazioni più complicate e ora gli amministratori locali sono sul piede di guerra…
Il Molise è una tra le regioni ad aver avuto la minore incidenza di contagi da Covid. Molte delle sue cittadine sono riuscite a restare Covid-free ma ora, con l'arrivo dei tanti migranti distribuiti nei vari centri di accoglienza sul territorio, rischia di accendersi una vera emergenza sanitaria. La fuga più importante si è verificata a Campomarino, dove 32 persone sono scappate dall'ex Sweet Dreams. Inizialmente sembrava fossero 20 gli stranieri che si erano allontanati, ma nel corso della giornata il loro numero ha continuato a salire fino a stabilizzarsi a oltre 30 unità, come confermato da fonti della Digos. I migranti accolti nel centro di Campomarino sono tutti in quarantena per ragioni sanitarie. In 83 sono arrivati in Molise lo scorso 31 luglio ma già nel weekend hanno preso le vie di fuga in piccoli gruppi, eludendo la sorveglianza del centro. Il primo tampone è risultato essere negativo ma, come da prassi, avrebbero dovuto rispettare i 14 giorni di quarantena in isolamento singolo. I migranti di Campomarino sono tutti giovani adulti di sesso maschile, considerati migranti economici perché provienti dalla Tunisia dove non esiste uno status di guerra o di immininente pericolo, pertanto sono tra quelli che dovrebbero essere espulsi e rimpatriati.
Renzi a Fuoridalcoro-13 ott.2020-Quelle scene non si possono vedere. Chi doveva controllare non c'era. Chiederò a Ministro Interno di rispondere..

Seguita, la saga der 'corona'
Nòva fase…Divieti ne le case….

Er…suppergiù…
"Via! ...Via! …Via!... Dài! … Scappàmo tutti quanti!
Nu avémo mica attraverzato er mare
pe finì in gabbia!...Eh, caro er mi' compare!
Avémo da èsse libberi migranti!"

"Chi ssei…?!...Co quer microfono…Che vvòi?!..
C'è er virus…?!...C'è er contaggio…?!...E che ce frega!
Sò l'invenzioni fatte da la Lega…
Ma qui governo e papa sò co nnoi!"

Ma, ha fatto sapé Renzi, ierasséra,
che va a tirà le recchie in parlamento,
perché n se pò accettà…È imbarbarimento!
er…'bene' che se fa 'nde sta magnera…

Intanto dar TiVvù stàveno a ddìcce:
a casa - de invitati - solo 6 !
o….'addio-sansone-co-li-filistei…!
Ché 'i virus sò più peggio de le micce!

Però, sò micce che nun fanno er botto…
Defatti, in metro e in tutti l'otobbusse
indo' davero pò atttaccacc'er pusse,
ce fanno stà … insaccati in centeòtto!

Fratanto un'antra ònghe sta a l'approdo…
E…sò api - qui -impazzite!…e n sanno più
ndo' sbatte la capoccia…e er 'suppergiù'
sta messo a condimento in ogni brodo…

Stato d'emergenza…?!...Emergenza un cacchio!
Si pe davéro è emergenza-vera,
volenti o nno, tòcca penzà a stà in…'guèra'…
E …'bbòni in guèra'.. àrtro! che patatracchio!

D'artrònne, si li regazzetti, a scòla
-o drento già, o - comunque - pe arivàcce
se rìschieno er contàggio…che vòi fàcce…!...
Vòr dì ncè gnènte più, che ce consola…
 

Gira il virus-bestiaccia, e tuttavia,
con 'oggi' sto a sentirmi in sintonia.
(19 ottobre 2020)

Una bella giornata d'Ottobre
Oggi è una bella giornata.
Di limpido azzurro
e di luce inondata.

Ben adatta a una lunga,
ma anche breve, passeggiata.
Andrò nel parco.
Ma non ho il cane…
Del suo passaggio trovo tra l'erbetta
spruzzate di un odore…un po'…così…
Però, non c'è da far lo schizzinoso,
giacché è natura…tutta naturale!

E poi, ben si confonde col profumo
dei fiorellin di prato colorati
per là disseminati…

Azzurro, sopra.
E tutto verde giù
con sparse chiome, fisse su alti fusti
(non ne conosco il nome)
ché neanche soffia un refolo di vento:
ventilatore spento.

Non serve stare all'ombra…
C'è il sole, ma non scotta.
Così passeggio in pace, senza fretta,
gustando al meglio un oggi
che non mi fa pensare a cose brutte…

Dovesse mai domani fare brutto
e scolorasse e raffreddasse tutto,
starò tappato in casa - non scalfito -
a spasseggiarmi … per l 'azzurro sito'…
 

Fatti, una poesia
L'enciclica è rivolta sia ai credenti sia ai non credenti. Papa Francesco sottolinea la necessità di ripartire da una fratellanza universale, dalla pace, da una scelta di perdono…..
da Liberoquotidiano, 19 maggio 2019 - papa Francesco, retroscena Vaticano:"Perché non voglio stringere la mano a Salvini" le mosse contro la lega…l'accusa di Franco Bechis all'elemosiniere E ancora, proprio sul M5s, le pesantissime parole attribuite a un non meglio specificato Cardinale: "I Cinque Stelle sono di casa, bussano spesso e noi offriamo ascolto, è l'alleato Salvini che ha superato il limite, s'è infilato in una diatriba costante e diretta con Bergoglio, però ha tentato di ricucire", conclude il cardinale. Parole chiarissime: da che parte stia Papa Francesco, come già detto, non è certo un mistero.
da lanotiziagiornale.it,13 settembre 2019 - Papa Francesco scomunica Salvini. Dio non giustifica l'odio. Per Salvini è arrivata la "scomunica" da Papa Francesco. "Nessuno prenda Dio a pretesto per alzare muri, abbattere ponti e seminare odio", ha dichiarato ieri il pontefice nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, nel corso dell'udienza…Un messaggio formalmente rivolto ai prelati, ma che in realtà appare diretto ai sovranisti e in particolare all'ex ministro dell'interno….
da lanotizigiornale.it, 7 ottobre 2020 - Ora che sono stati modificati, sarebbe bene smetterla con due leggende sui decreti sicurezza. La prima: che piacessero o meno, il merito della stretta su sbarchi e delinquenza non era solo di Matteo Salvini, perché a votare quelle leggi fu l'intera maggioranza gialloverde, seppure con alcuni mal di pancia nei Cinque Stelle. La seconda: nel nuovo testo non c'è scritto da nessuna parte che l'Italia da domani sarà il campo profughi del mondo, ospitando chicchessia...pure i cittadini che sentono irrinunciabili i concetti di accoglienza e integrazione pretendono regole nella gestione dell'immigrazione e ordine nelle strade sotto casa.
da ilmessaggero, 26 luglio 2019 - ….Una ulteriore bordata contro il ministro Salvini è arrivata dal direttore della Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, uno dei più ascoltati consiglieri di papa Francesco, che su Twitter ha condensato il suo pensiero in 140 battute: "Usare il crocifisso come un Big Jim qualunque è blasfemo. La croce è segno di protesta contro peccato, violenza, ingiustizia e morte. Non è MAI un segno identitario. Grida l'amore al nemico e l'accoglienza incondizionata. E' abbraccio di Dio senza difese. Giù le mani!". La posizione del gesuita è però stata pesantemente contestata sui social per avere sostenuto che il crocefisso non è "mai" un segno identitario, dimenticando che probabilmente i tanti cristiani che vengono perseguitati o uccisi in tanti paesi solo perchè indossano una piccola croce.
…Salvini spiega di "avere quotidianamente il sostegno di tante donne ed uomini di Chiesa" e riferisce che "anche il catechismo dice che bisogna accogliere nella misura del possibile".
da ilgiornale.it, 25 luglio 2018 - In un attacco senza precedenti, che va solo a esasperare gli animi e inasprire i toni del dibattito sull'emergenza immigrazione, il settimanale dei Paolini arriva a gettare Matteo Salvini nelle fiamme dell'Inferno calandogli addossi i panni di Satana (foto)….anatema anti leghista."Niente di personale o ideologico - precisa il settimanale dei Paolini - si tratta di Vangelo".
Ormai lo hanno paragonato a tutto. In primis ad Adolf Hitler. Poi ai peggiori dittatori del mondo. Ora al demonio. Tutto perché papa Francesco e la Chiesa hanno idee contrapposte nella risoluzione della crisi migratoria. Da una parte il Vaticano spinge per aprire a oltranza le frontiere e accogliere chiunque spinga per arrivare in Italia. Dall'altra Salvini ha messo la parola fine alle politiche buoniste imposte dalla sinistra negli ultimi cinque anni di governo. Così, dopo l'ennesima tragedia di migranti morti in mare, Famiglia Cristiana, anziché andarsela a prendere con chi ha fomentato gli sbarchi per poterci speculare sopra, se la va a prendere con il ministro dell'Interno che, nei primi due mesi di governo, è riuscito drasticamente a ridurre gli sbarchi. "Come pastori non pretendiamo di offrire soluzioni a buon mercato", scrive il settimanale dei Paolini riprendendo le riflessioni della Cei. "Rispetto a quanto accade non intendiamo, però, né volgere lo sguardo altrove, né far nostre parole sprezzanti e atteggiamenti aggressivi - continua - non possiamo lasciare che inquietudini e paure condizionino le nostre scelte, determino le nostre risposte, alimentino un clima di diffidenza e disprezzo, di rabbia e rifiuto". Eppure non si fa problemi a paragonare Salvini a Satana.
da agensir.it, 11 dicembre 2019 - …. durante la quale il Papa - commentando il brano degli Atti degli Apostoli che narra di San Paolo prigioniero davanti al re Agrippa - ha fatto riferimento all'eparchia di Mukachevo di rito bizantino. "Come sono stati perseguitati, questa gente, quanto hanno sofferto per il Vangelo, ma non hanno negoziato la fede", ha esclamato:"Il martirio è l'aria della vita di una comunità cristiana"…Agli ucraini, venuti a Roma per festeggiare insieme con il successore di Pietro il 30° anniversario dell'uscita dell'Eparchia di Mukachevo dalla clandestinità…:"La Chiesa di Mukachevo è madre di tanti martiri, che con il proprio sangue hanno confermato la fedeltà a Cristo, alla Chiesa Cattolica e al Vescovo di Roma"…
da FondazioneNovaeTerrae, 8 ottobre 2010 - …il silenzio complice dei massmedia tace sui crimini orribili che nelle ultime settimane si stanno compiendo contro decine e centinaia di bambine e donne cristiane in ogni parte del mondo. Rapite, stuprate, costrette a convertirsi all'islam…usate come bombe umane...Non un giornale europeo ha scritto…non una femminista ha alzato la voce….
da un'antenna radio Odio continuo contro…- Librandi a una della Lega:"Tu finirai a pulire bagni a africani!"- Seguono dettame di Che: Odio intransigente contro nemico-E dicono l'odio ti costa…!- Per tutta Italia è un continuo sprezzante ingiurare, insultare gratuitamente, senza i dovuti interventi - che sempre pronti sono - con altri - a stigmatizzare, condannare, solidarizzare…



Deliri…
(fratelli tutti!...Tranne…chi ci è contrario)

Satanasso, Satanasso!
che dal fuoco laggiù in basso
te ne vieni a fomentare
odio infino sull'altare,
senza che ti stanchi mai,
perché diavolo lo fai?
Ben sai l'odio che cos'è…
L'hai 'nventato proprio te!
Ma qui in terra ognun saccente
spiega che "odio" è "dissenziente",
è l' "avere le opinioni
differenti dai soloni".
Che si voglion - da altre parti -
ben accette e senza scarti:
accettarle ad occhi chiusi,
pur se appar che sieno abusi…


Che rammentan forzature
rafforzate con torture…
Ma oggidì son altri tempi
e…aboliti son gli scempi…
Ma anche adesso le minacce
van movendo a brutte facce
contro un…'tuo collega' odiato:
un, che, "diavolo!" han bollato,
e con…grande amor cristiano
noman 'demone inumano'!
E comunica, la stampa,
la scomunica in cui inciampa…
Che divampa come fiamma
che esorcizza e dice "Smamma!".
E è quell'odio, che - oltre al Tizio -
mina ognun ch'è in …sodalizio…!... (mezza Italia)
Brutto demone oltranzista
che insultarti è una conquista
che nun vuoi che ci rattristi
il bonismo dei bonisti!
Che con gli occhi chiusi stanno
e non badano al gran danno
che lo sregolamentismo
che rasenta ormai il cinismo,
sta portando una nazione
in balia alla costrizione
di democrazia-finzione,
ché è in balia a un'ossessione:
la 'bontà' per … convenzione,
e armeggiata religione.
Porta via con te chi abusa
del tuo nome, alla rinfusa…
E non ha capito ancora
dove il male inver dimora.
Ch' è in chi il mondo tutto! invita,
e a star qui…lo calamita.

Poi, dei poveri affogati,
chi saranno gl'incolpati?
Sempre Lui…Quel diavolaccio!
Cuor peloso…Cuor di ghiaccio,
che però sta sempre a dire:
non spingeteli a venire!
Più ne vengono per mare….
più c'è il caso di affogare!

Pei cristiani giornalmente
trucidati… 'lui' è assente.
Pulpitando va dicendo:
"Pure a noi!...A Dio piacendo…!...".
Tanto brama, lui, il martirio….
È in sé, proprio…O è in delirio…?!...
 

all'autore
pseudo poeta e pseudo musicista

Autosonetto
Agosto, era, di estate passata…
Splendeva forte il sole, e la calura
gonfiava chicchi e acini a misura.
Dei lor profumi l'aria era impregnata.

E orgogliosa! la terra…Sì dotata
di frutti pronti per la mietitura
e la vendemmia, ai colli ed in pianura.
Ma cercava anche altro, e … fu accontentata.

Di sotto un cavolo uscì un bambinello
che una mamma raccolse, e portò in casa:
lì, sulla piazza del paese bello.

Cresceva bene, ma una gran mania
gl'iniettaron l'ortica e la cerasa:
pungente mix che fa far poesia.

E il melodiar di pioggia e temporale,
e il cinguettare, e della stalla i suoni
impresso gli hanno un dono musicale:
suonar la fisa e scrivere canzoni.
 


L'ùrtima cena…
"Giggì, l'hai detto, e l'ho detto anch'io…
Avémo detto: "Ar massimo - a na cena
pònno èsse in sei…No, più! O ce sta na pena
de assai bèlli èuri…quant'è vero iddio!"

"Sì…Embeh…Che me vò dì…Qual' è 'r probblèma…?
"Qual è er probblèma, a Ggì!....C'è na spiata:
me stànn'a ddì che c'è na banchettata
de tredici persone!...E nu è er sistema…"

"E nu è er sistema, no!...Fàmo n controllo…
Ndo' stànn'a ffà sta cena lucujàna?
Stànn'a capìllo, o nno, de stà in campana?!
Mo lo vedrai che murta che j'ammòllo!"

E agnédero in quer posto der banchetto….
"Se pò?!...Noi sémo quelli der decreto,
che ciànno segnalato che 'r divieto
voi nu lo rispettate pe concetto…"

"Ma…de che state a ddì…Co mi' marito
se sémo fatti un òvo…e poi, a llètto…
Ched'è…Nun se pò ffà?! Nu è stato detto!...
Ciavémo tutt'e due poco appetito…"…

"E…l'ospiti…Ndo' stanno…Se sò dati---?!...
Quali ospiti…"…"Silenzio!...Èccoli llà!
Accosto a la parete!…Llì!…A magnà!!...
Da la finestra, l'hanno pizzicati…"

Però, margrado che ce stesse Conte,
Gesù n se scomodò…Spezzava er pane…
"Dai…Fàmo presto, co sti piantagrane…
Daggià ciò in testa àrtre clausole pronte!"


Tutto è nell'… 'enza'…
Questo … stato d'emergenza
che fa il verso a…la reggenza
quando il principe (o, in assenza,
anche un conte avea valenza),
dava ai sudditi parvenza
d'un governo in efficienza.
Salvo usar l'intelligenza
e carpirne ben l'essenza.

È uno stato d'ingerenza
degli stati che han potenza
che con vaga sufficienza
gli usan tanta prepotenza.

È uno stato di…'invadenza'
cui si pone in dipendenza,
colmo di benevolenza,
e di polso - in toto, senza.
Bene, il caso di coscienza.
Brutto è volgerlo a incoscienza.

Questo stato d'emergenza
rinnovato a ogni scadenza
sta elargendo onnipotenza
al signor della …reggenza.
Delle…camere fa senza
(di democrazia l'essenza)…
e per tanta indipendenza:
"Grazie! - grida - Virulenza!".

Questo è Stato in decrescenza,
pur se è stato quintessenza
d'Arte immensa, viaggi, e scienza,
di pensiero e d'esperienza,
di valori, e di credenza,
di provata intelligenza.
Rispettato e di tendenza.

Questo è Stato in dissolvenza,
insicuro, alla presenza
d'ogni tipo di emergenza
senza un po' di 'dirigenza',
in balia a prepotenza,
a accettata delinquenza…

Dove impegno è l'insolvenza,
e poltrona fa appetenza.
Dà bavaglio…o sussistenza,
e elargisce sofferenza.

Allo sbando … Nell'assenza
di chi l'ami a sufficienza.
Briaco sol di … 'resistenza'.
E in più c'è la … presidenza
che ci pone in impotenza.
E il 'governo-incompetenza',
dall'innata strafottenza,
che non ha la…preferenza.


…Ismi…
Ismo è questo….Ismo è quello…
Non esiste Ismo più bello.
In ogni Ismo c'è un intento,
c'è un'idea, un portamento.
Ci sta un dritto e c'è un rovescio
sia che posto sia a sghimbescio,
sia che in parallelo appaia.
Sia che come cavolaia
strisci, o come una farfalla
svolazzando resti a galla
nello spazio, a ravvivarlo
come meglio niun sa farlo.

Ci sta l'Ismo visionario,
molto forte e passionario,
quello mosso da ideali
assai spesso surreali.
Quello - c'è - del missionario,
istintivo e volontario.
Molto Ismo è malattia,
molto ancora, è ideologia,
religiosa, o di bandiera,
di vedere una carriera,
di asservirsi o liberarsi
di fare arte, di sfidarsi,
di rigenerar la moda
pur se senza capo e coda
pur di fare un Ismo nuovo
pur spinoso più d'un rovo.
Ci sta Ismo, quello odiato,
ci sta quello cavalcato,
quel di storia e di cultura,
quel drogato a dismisura.
C'è l'onesto, il detrattore,
ci sta il "vero" ingannatore,
quel che crede d'esser lui
a dar luce ai giorni bui.
Quel ch'è solo congettura
e altrettanta fregatura…
Quel che crede d'esser quello
superiore a ogni livello.
Quel ch'è in basso o è in altura…
Quel che - dicon - fa paura
e che chiaman 'dittatura'…
che però è una dicitura,
mentre l'Ismo che …'dittàta'
per davvero! niun lo sfata.
È comun, d'Ismo il rilascio,
per cui di Ismo ce n'è un fascio.
 

Fatti, una poesia
da altalex, 19 agosto 2020 - Il Ministero della Salute ha emesso la nuova ordinanza 16 agosto 2020 (testo in calce) che prevede nuove misure urgenti di contenimento e gestione dell'emergenza sanitaria attraverso la sospensione delle attività del ballo, all'aperto e al chiuso, e l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto dalle 18:00 alle 6:00 nei luoghi a rischio di assembramenti. "I numeri del contagio in Italia…sono in crescita. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati....--- da enac.gov.it, 13 ago 2020 -"Misure urgenti di contenimento e gestione dell'emergenza sanitaria" per i passeggeri provenienti da Croazia, Grecia, Malta e Spagna e "Divieti di ingresso e transito" per i passeggeri provenienti dalla Colombia e produce effetti dal 13 agosto 2020…--- da fsp-polizia.it, 25 luglio 2020 - …oggi … test sierologici sugli ultimi sbarchi "hanno dato risultato positivo per altre 25 persone". "La situazione ci preoccupa, perché tutti i nuovi sbarcati sono stati sul molo per ore, i positivi sono rimasti a lungo divisi dagli altri da una corda rossa, e tutti gli altri, che evidentemente devono essere sottoposti alla quarantena, sono stati pure in attesa sul posto…". "Ci sono moltissimi colleghi impegnati a cinturare la zona - continua Alletto - ma… Quella degli sbarchi, infatti, non è più un'emergenza, ma è un fenomeno stabile e sistematico. Gli sbarchi sono continui…Lampedusa si riempie, e dopo la 'redistribuzione' torna a riempirsi oltre il limite nel giro di un paio di giorni. Non si può affrontare 'sul momento' la questione di come gestire i casi di positività ..."…---da ilgiornale, 19 luglio 2020 - … una struttura, ex agriturismo, attualmente in gestione da parte di una cooperativa sociale…. alcuni di loro hanno fatto perdere le loro tracce....Il sindaco, inoltre, ha spiegato che nessuno dei migranti è stato ancora sottoposto a tampone, "unico strumento ufficiale per garantire la non positività al coronavirus".…ha spiegato il sindaco di Gualdo Cattaneo, che a Perugiatoday.it ha spiegato il perché della sua preoccupazione: Dopo l'allarme scattato in Umbria… Sulla stessa linea A.M. Bernini,FI, che affonda l'esecutivo sul doppiopesismo per italiani e immigrati che sbarcano nel Paese. "Il governo che ha imposto un durissimo lock down agli italiani, inseguendo con i droni perfino i runner solitari, avrebbe il dovere, per rispetto dei sacrifici imposti ai cittadini, di riservare ai migranti almeno lo stesso trattamento"….---C.Giannini- Ven. 17 luglio 2020 - …quelli risultati infetti sono stati tutti trasferiti…nel comune di Comiso…da cui in breve tempo sono riusciti a fuggire cento migranti, moltissimi dei quali positivi. Il numero certo dei contagiati è difficile da capire, anche perché diversi tra loro non avevano ancora fatto il tampone. Il test sierologico sugli ultimi sbarcati aveva rivelato la positività per 19 di loro. Dopo essere stati sottoposti al tampone, 11 sono stati trasferiti al Celio con malattia conclamata. Ieri da uno screening ulteriore ne sono risultati malati altri 14, rimasti in promiscuità con altri migranti. Quaranta, quindi, sono potenzialmente positivi, ma da ciò che dicono i medici potrebbero essere tutti e 86 malati. In questo centro, da cui è così facile fuggire che c'è da chiedersi perché il governo abbia imposto misure tanto restrittive agli italiani, quando lascia i clandestini liberi di scappare nonostante siano altamente contagiosi, gli operatori delle forze dell'ordine sono esasperati. Ma neanche i sindacati di Polizia possono entrare, tanto che ieri anche al segretario generale del Sap, Stefano Paoloni, è stato precluso l'accesso. "Ordini del Viminale - ci dice qualcuno -, ci viene imposto di non far entrare gente". da ilmessaggero.it, 15 luglio 2020 - Sono fuggiti dal centro di accoglienza di Monastir, nonostante dovessero rimanere in quarantena per l'emergenza Coronavirus…--- da IlMessaggero.it, 22agosto 2020 - Panico a Massa (Massa Carrara) dopo che un gruppo di migranti positivi al Covid ha violato la quarantena nel centro di accoglienza e si è riversato in strada…Tutti i migranti del centro di accoglienza devono osservare la quarantena ma ieri sera una giovane migrante positiva al Coronavirus…è uscita dalla struttura ed è stata seguita dagli altri compagni. Questi sono tutti positivi…Polizia e Digos… dovute intervenire per evitare il fuggi-fuggi dei migranti …La questura fa sapere che non ci sono al momento denunciati.--- da messina.gazzettadelsud, 9 agosto 2020 - Sono ancora in fuga 14 dei 18 migranti scappati ieri notte dall'hotspot di Bisconte…Dopo la prima fuga di qualche giorno fa, nella nottata di ieri altri 18 stranieri sono fuggiti tra le vie del villaggio nascondendosi in cortili e palazzi scatenando il panico fra i residenti. La polizia ne ha catturati 4 ma dei restanti 14 ancora nessuna traccia e non si sa se tra questi ci sia qualcuno dei positivi al Covid-19. --- da canale10.it, 13 agosto 2020 - Benché positivi al tampone per il covid-19, tre migranti ospiti del Centro di Accoglienza "Un Mondo Migliore" di Rocca di Papa…hanno tentato la fuga verso la Capitale. Sono stati fermati da carabinieri e vigili urbani mentre aspettavano il bus per Roma, dopo la segnalazione di alcuni residenti.

Pell'imbecillità de…l'imbecilli!...
E er 'diversismo' che n fa stà tranquilli…

" <Arfine, se pò stà n po' più tranquilli…>…
Stavamo a ddì, eh, a Ro'!...Ma qua me pare
che … l'imbecilllità dell'imbecilli
che ben se vede … in discoteca…a un bàre…
pe tante spiagge…drent'a na stazzione…
pe strada - pure! -… ad un ricevimento…
je sta a ridàje ar virus l'occasione
de ri-inizzià er contaggio a piacimento!
Sò propio cazzi, a Ro'…Scusa li cazzi….
Ma…n te vierebbe de…chissà che fàje…?
Ché - in fônno - a chi te fa passà sti strazzi
n pòi mica dije 'grazzie!'… E ffòrza!...E ddàje!..."
"A Re'…però, er governo sta obbrigànno
a ammascheràsse…a stàssene a distanza…
E si li cittadini nu lo fanno
la côrpa è de chi n cià…bbòna creanza".
"Mbeh…Questo è puro vero, a Ro'…Ed è giusto!
Sta puro controllànno l'arioporti,
che n se sa mai, immèzz'a quer trambusto…!...
Però…n dovrebbe fàllo anche co 'i porti?!"
"A Re', quelo che dichi è proprio vero!
Ce imponi le chiusure co 'i decreti,
tamponi…quarantene…li divieti…
Ma vai leggero assai, côr forastiero…"…
"Mo', sì! che stàm' a ffà n discorso saggio!
Fa male, o nno! sto virus!?...C'è!!...O nun c'è?!....?!?...
E si nun è un miraggio, o un depistaggio,
sto…'diversismo' nu lo pòi tené!"
 

Ritorni
(le primavere)

Ecco, improvviso, un vociare per l'aria…
Sono i festosi cip-ciare invadenti
dopo lunghissima assenza, e i silenzi
che qui lasciaron, partendo scontenti.

"Siamo tornati!"…"Siam qui nuovamente!"
sembrano dir concitate vocine,
quasi un concerto ch'è dolce e stridente
come in cortile, all'asilo, i bambini.

Faceva freddo…e era caldo, laggiù,
quando gli stormi coprivano il cielo…
S' addormentavano i prati nel gelo.
Or, rifioriti li ha tutti, un tepore.

Torneran mai le deluse speranze
sacrificate a ambizioni e deliri
di falsi miti, menzogne e raggiri,
che ne han sciupato profumi e fragranze?
 


da Dritto&Rovescio dell'altra sera…17sett2020


da internet …come i capponi di Renzo..


Pollai in tivvù…
Ci stanno gallinelle o chiocce fatte,
a fare a chi di più da quei beccacci
più 'coccodè' eruttare san da matte
e a volte assai di più dei gallinacci…

Dan prove di … selvatica eloquenza
che tutte le pervade…dentro e fuori….
Capponi…gallinelle…quinta essenza
dei… batti-i-becchi … siano in 'soli' o in cori.

Ma non son sole…Assieme a loro, i galli,
col ciuffo in coda e con la cresta rossa
e vari polli dai bargigli gialli
pronti a artigliar chi penne nere indossa.

S'infurian, le galline…ma anche i polli,
se polli e anche galline d'altre stie
son lì a chiocciare…E azzuffamenti folli
ne vengon fuori…pieni d'isterie!

Vien fuori il gran…concerto da pollaio
che assorda, coi stridenti 'coccodè'…
Perfino - a volte - peggio dell'abbaio
di chi è - d'idrofobia, alla mercé.
 

Epidemie
Ci stanno in giro varie epidemie.
Di moda c'è - oggidì - VirusCorona…
Tra le peggiori, sono le Alchimie
al Dpcm, e ognuna assai infeziona.

C'è il virus che le pelli va marchiando,
che chiamano Tattoo…E è tanto!…bello
che insieme a anelli al naso è un…ritornando
di selvaggismo, ma…d'alto livello.

E … "lo contagio" di Brancaleone
ch'è tra le epidemie più contagiose,
che è quella che vorrebbe il ribaltone
di menti liberali e generose.

C'è quella per cui van cercando il siero
virologi che il popolo supporta,
perché diffonde l'UnicoPensiero
che illibertà, pel mondo importa e esporta.

Dovrebbe aggiungersi - poiché - ci piaga
la lotta ch'è da fare-e-non-si-fa
al DrogaVirus che imperversa. E vaga
la mente fa, e assai male al viver dà.

Ci sta il contagio da Canzone-Cacca
e il cosiddetto Fetido-Insultismo
sui social che raccolgon la vigliacca
masnada di insultanti…E fa "divismo".

Ce ne son altre…E però finiamo
con quella del contagio del Bonismo…
Che impone l' "accogliamo"- e - il "poi-lasciamo"
-l'accolto - al virus del…Menefreghismo.

Ce ne son tante ancor, di epidemie…
Che più-che-il corpo infettano la mente
che all'odio-contro-un-odio inesistente
piegando vanno con le ideologie.

Ne sono assai infettati dei giornali…
Special contagio loro non permette
di dar notizie troppo assai reali…
Ma in cambio, false, o…"mute" nuove, ammette.
 

Un fatto, una poesia
da pag FB di M. Rizzo,7 maggio 2019 - "Il fascismo è stato già sdoganato nella nostra società. L'idea che la presenza di singoli lo "legittimi" è narcisismo intellettuale. A sdoganarlo sono state le classi dominanti del nostro Paese, e di tutta Europa, che si sono sempre servite del fascismo per far avanzare i loro interessi. Lo hanno fatto attraverso una lenta operazione culturale con il risultato che la pregiudiziale antifascista nella società non esiste più, o almeno non esiste nelle dimensioni e con le caratteristiche di qualche decennio fa. Può piacerci o non piacerci, e certamente a noi non piace, ma è così. Ignorare la realtà non la cambierà automaticamente. Fondare su presupposti sbagliati una strategia di cambiamento dell'esistente significa semplicemente farla nascere morta." Una riflessione di Alessandro Mustillo dell'ufficio politico del Partito Comunista sulla vicenda del Salone del Libro di Torino e la strategia della sinistra…
a Ilgiornale.it, 10 settembre 2020 - Fascisti immaginari e violenza vera - Una cosa è certa, essere donna non mette di diritto al riparo dall'ignoranza e dalla stupidità. La famosa influencer Chiara Ferragni ha rilanciato un post (scritto da altri, ma da lei condiviso "al 100%") secondo cui l'omicidio del povero Willy, il ragazzo di colore massacrato da un branco di teppisti esperti in arti marziali, "è figlio della cultura fascista". La famosa non si sa cosa Rula Jebreal ha detto che la colpa di quanto accaduto "è dell'odio razziale seminato da Salvini e dalla Meloni".
Se le due signore prima di parlare avessero attaccato il cervello alla bocca o quantomeno letto due carte - avrebbero scoperto che nella tragica storia di Willy non c'è la minima traccia né di simpatie fasciste né di motivazioni razziali. Non c'è nella vita dei quattro teppisti ora in galera, non c'è nei primi atti dell'inchiesta, esiste solo nella mente degli odiatori di sinistra, che non si danno pace che un ragazzo di colore sia stato massacrato non in quanto di colore, ma per la banale coincidenza di essersi trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato con persone sbagliate.
So bene che questo è un concetto troppo semplice per le menti raffinate della Ferragni (che probabilmente a malapena sa essere esistito il fascismo, figuriamoci la "cultura fascista" sulla quale sarebbe divertente interrogarla) e della Jebreal, che forse confonde le arti marziali (nobile e millenaria pratica di difesa orientale diventata sport) con le corti marziali dei regimi totalitari e non. Ma questa al momento è la pura verità, ed è un gioco pericoloso mettere sul conto di Salvini e della Meloni ciò che ha a che fare con uno sbarellamento dovuto a soldi facili, droga e a un narcisismo che si autoalimenta proprio nel mondo dei social tanto caro alle due signore. Se il fascismo e il razzismo in questo caso sono inventati di sana pianta, le botte purtroppo sono vere e non solo quelle che sono costate la vita a Willy. Per esempio è vera l'aggressione subita ieri a Pontassieve da Matteo Salvini da parte di una immigrata congolese che al grido "io ti maledico" gli ha strappato la camicia e la catenina del rosario che aveva al collo prima di essere fermata dalla scorta.
Donne che seminano odio, donna che mette in pratica l'odio. Di fronte a Willy ci inchiniamo, di fronte a chi usa lui e la sua morte per fini impropri inorridiamo.

Abbasso tutte le leggi razziste…E tutt'er razzismo: quello vero!

È attacco a l'opignone…
(un modo pe creà la sconfusione)

Sò stato na nottata tutta intera
a sguerciàmme pe trovà na soluzzione:
che "contrario" vòr dì - cioè - "èsse fascista".
Me ce sò stato a rovinà la vista,
ma nu è sortita fòra…Spiegazzione:
è solo un'invenzione de chi spera

de intimorì côr fà er portabandiera
de la … demograzia de … la finzione!...
Ché…n se pò èsse così additati a vista
da chi vò vince solo a ddì: "È fascista!..."…
Ch'è grave offesa! E è attacco a l'opignone,
che -sì! - è fascista!...Come quànno c'era….
 

Fatti, una poesia
dalle cronache che sempre più cantano politicanti in disordine mentale, asserviti, ingarbugliati, volta gabbane, autoreferenti, ricchi di idee bislacche, che odiano 'odiatori-che-non-odiano', 'impoltroniti', capaci solo di… incapacità…(e-chi-più- ne-ha-più-ne-metta…)...
da la Repubblica, 26 settembre 2020 - Dimissioni. Le chiedono a gran voce gli esponenti di maggioranza e opposizione dopo il caso sollevato da Repubblica e relativo al raddoppio di stipendio di 50mila euro …. approvati dal consiglio di amministrazione dell'Inps per il suo presidente, Pasquale Tridico. Una maggiorazione di 50mila euro che fa schizzare lo stipendio a 150mila euro, il 50 per cento in più di quanto percepiva il suo predecessore, Tito Boeri. Una scelta che fa infuriare partiti di destra e di sinistra, che ora invocano a gran voce l'abbandono dell'incarico da parte di Tridico. Il premier Giuseppe Conte intanto assicura : "Non ero informato della vicenda. Vorrei approfondire la questione. Poi formulerò una valutazione più completa". E il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio annuncia: "Chiederò chiarimenti nelle prossime ore".
Ma va …! … ?...

L'ultimo della serie è quel Trìdico
gran-capo-inps che altrui NON paga, ma
con mossa svelta e furba di … chi sa,
'doppiandosi'...il circo ha messo in bilico.

Carta-vince…!...Carta-perde…!... (16giu2017 -aggiornato:27sett2020)
"Carta vince…! Carta perde…! Signori,
vènghino al circo tutti, qual pinocchi…
Vènghino…! Qui è il paese dei balocchi,
e delle fiabe…Senza professori…

Solo fate e folletti dagli umori
cangianti, e dalle idee pastrocchi
col mangiafuoco che strabuzza gli occhi
che a chi non fa il pagliaccio…lo fa fuori…!

Venghino tutti al tendone pel voto
e la giostrina con la sua asticella
indicherà il programma…ora ignoto.

Giocate al Carta-vince-Carta-perde,
e quest'Italia, di già assai zimbella,
è il nostro tavolo da gioco verde.

Venite a entusiasmarvi! Troverete
circensi nuovi, bravi nei vaneggi!
Son: Bruno, Calandrino e Buffalmacco!
Son buffi a fare il cosiddetto 'pacco',
che son prestigiatori dei maneggi,
ma assai maldestri!....Vi divertirete.
Per questo, il 'direttore' li … mantiene.
Non sanno fare un ca…Ma gente, viene!

Un altro se n'è aggiunto proprio adesso,
di questi magheggisti del magheggio.
Di certo, il meglio, in mezzo a quel 'trio' fesso!
"Carta vince…Carta perde…" …e ha tirato…
E - al solito, dal circo supportato,
ha fatto triplicare il suo …'pacheggio'
E ancora, il…'direttore' guarda e tace:
"Magheggin pure!...Io voglio stare in pace!"


Falsi…d' Uguaglianza…
"Io sono il <cittadino del reddito>!"
"E io, il reddito del cittadino!>"
"Io, per questo Stato sento un fremito…"
"A 'sto governo stò in eterno inchino"

Si prenda un cittadino redditato,
e chi il reddito a sé e a lui apporta:
suda! E l'altro in panciolle non sopporta:
si sente - per lo meno - defraudato.

Spirito costituzionale ispira:
"Fondato è 'sto Paese sul lavoro".
Ben altra - del governo - sia la mira.
Crei il lavoro, dunque. Non crei…l'oro!

Oltre all'errore, reato - pur! - commette
donando a chi lavora in nero e tace,
a chi dichiarazioni false emette,
a chi delinque e è fuori, o in cella giace.

E a tanti disgraziati cittadini
onesti e per davvero bisognosi
non dà nemmeno il puzzo dei quattrini.
Se gridan…li dichiara rivoltosi!

Per questi 'reati' - almeno d'ingiustizia,
chi paga? Che fa - pur - montar la rabbia…!?...
Ma già…Finché s'abbozza con mestizia
chi vuoi che a cuore - certe cose…abbia!...?...

Invero, quando 'voto-scambio' cela,
il reddito ch'è chiara regalia,
e 'falso d'uguaglianza' si rivela,
è truffa! E il governo - il lavoro! dia!

E se non c'è, lo crei! Questo - è - Stato!
No! Il 'reddito' a chi voterà, o ha dato.
 

Un fatto, una poesia
da StaseraItalia, con la Palombelli, 26 settembre 2020. È Sansonetti che gli ha appioppato l'azzeccato appellativo di "Sòr Bonaventura", a Gigino…Si discuteva sull'utilizzo che si farà dei 209 miliardi del Recovery Fund. Riporta lui, che Gigino ha detto: "Ciò duecento miliardi…"…
Càpita dopo la batosta alle elezioni del 20-21 sett.2020.

Lo stesso dicasi pel Signor Conte,
che già si sente la corona in fronte.

"Sò er Sòr Bonaventura!"…
"Capito, o nno, si quelo che ciò in mano!..."
St'annà dicènno er Giggi, stralunato
pe èssese perzo er grànne elettorato….
E st'a capì: l'ha 'redditato' invano…

"Capito, o nno…!..." va ripetènno in giro…
Ché se st'a perd'er senno, aggià precario…
Nun s'aspettava quer gran brutto tiro
che, 'nzìno, pò tiràje giù 'r sipario…!...

"State a capì!?...Ce n'ho ducentonove!...
Sì!...de mijàrdi per ricuperà!
Daggià sto a divertìmme a ffà le prove,
ché ssò li mia…e so io che ciò da fà!"

Gne passa mica - n po' pe la capoccia
che ssò - in gran parte - sòrdi da ridà…
Ma - in primis, che sò sòrdi che a bisboccia
nun se li pò giocà! E…quànno sarà

che ariverànno - prima de toccàlli
ce deve sentì a tutti! Eh, dì, a Giggì!...
Te sei 'bbituàto bbène a pistà 'i calli,
ma nun toccàlli…Si nun vòi …fuggì…

"Ma come…N sò più er Sòr Bonaventura?"
"Eh, nno, Giggì!...Finita! È l'avventura!"
 

Un fatto, una poesia
contagio coronavirus…e voto Referendum 20-21 settembre 2020

L'informazione…(in)neutrale…
Vuotato è il sacco…
E però, perbacco!
Non era proibito
-come stabilito-
parlar di voto…?!

Come appreso ha…in toto
la lingua…forcutella
di miss … sì!, proprio quella…
ch'è stata bella, bella
il dì della vigilia
-ma è solo una quisquilia -
a dire che la gente
pel virus ch'è presente,
ai seggi ci va poco…
E come fosse un gioco
la cosa ripeteva
-e non lo nascondeva -
e adesso, e ancora, e dopo…
E chiaro era il suo scopo…

Ma intanto con chiarezza
(facea tal … tenerezza…)
puntualizzava il fatto
che 'dir' non era adatto
-per certa normativa -
del voto in corso…Evviva!

Se…quattro-e-quattro-è-otto
furbescamente ha rotto
quel giusto …silenziare
nei giorni del votare.
Se è dato il "Sì", vincente,
vuol dire che le gente
si sa che il "Sì" va a dare!
Ma, il che - da scene chiare,
…/

non va! al … parlamentare…
Che le ha indicato il … dire …
Non resta che obbedire…
Così…furbescamente,
ha messo nella gente
del "Sì" , quel tal timore
da far scemar l'ardore…

Seppur con certo stile,
e intervistar…gentile,
col "Sì" ci ha un po'…giobbato.
Ma senza risultato…
La gente il "Sì" ha piazzato…
D'altronde…Ci ha provato…

Un'altra … informazione
che far - vuole - opinione
ma è stupida…è cretina
perché si fa vetrina
di quanto sia meschina..
e falsa e 'fantoccina'…
Che ognor s'auto-sbugiarda,
e a chi l'ascolta e guarda
dà il senso del nonsenso.
Dà assenso e dà dissenso
contemporaneamente
al mascherare il viso…
a stare ognun …diviso…
mettendo sotto vetro,
davanti…E poi - da retro,
chi vuole! fa ammucchiare…!...
E bando al mascherare…!...
Esempio: negli stadi…
Ma già…Chi vuoi ci badi!
Davanti ad un pallone
che vuoi che sia…infezione!
Che mai ci sarà!…Infatti,
col virus ci son patti
del non contagio, agli atti
per gli…esentati coatti.
Esempio: i giocatori…
i soliti di fuori…
raduni…d'una sorta…
Che al virus non importa.
Però, 'quei banchi'! a scuola…
Ma quanto san di…sòla!!
 

Prima dell'oblio….
Pria che prenda e scappi coi bagagli
che pieni son del mio trascorso assaggio
del tempo a me toccato dell'eterno,
di tutto copia appresto e la ripongo
nell'anime e nei luoghi che ho vissuto.

Pria che in me sparisca…
Vorrei come a un ripasso
rileggere ogni pagina che ho scritto
che ancora tra le linfe mie vitali
ascolto, vedo e sento…

Finché mi par che il cielo ancor pazienti,
di me il racconto voglio seminare.
Che faccia presa e affondi le radici…
E sia per me quell'io che…poi, scompare…


Un fatto, una poesia
da decine di articoli e commenti su TV e Rete - 22 settembre 2020 - sui risultati delle elezioni regionali e referendum del 20-21 settembre 2020 - Crollo pentastelle alle regioni…Smacco a Sx per la perdita della roccaforte-Marche, conquistata dalla destra…Sul Referendum esulta assai DiMaio…Ma il "Sì" è stata ugualmente vittoria di chi oltre ad aver votato la legge-tagli, lo ha mantenuto alle votazioni: Salvini-Meloni, i soli…I quali - però - sarebbero quelli sconfitti…Ehhhhhhhh---La propaganda-odio non s'esaurisce mai, anzi! Si propone sempre con nuove fantasiose…realtà…

Sentì a cantà "Vittoria!" da chi ha perzo
è come quànno mamma le dà ar fijo
che o pe vergogna o orgojo, ma…soffrènno
je fa:"N m'hai fatto gnènte!..."…E je fa er verzo…
Se impone de nun piàgne…Ma da un mijo
t'è chiaro che - porèllo - sta patènno…

Chi perde n se 'ngrugna! (detto romano)

Le iraggionévoli… raggioni…
(o, le solite raggioni der cavolo)

"Avémo vinto, a Ro'!...Come, 'che dichi!'…
Sto a ddì 'abbastava solo n po' deppiù!'
e mmo' champagnevàmo … Àrtro che fichi!
Côr pollice puntato tutto su!"

"Si vvòi riconzolàtte da lo strazzio…!
Pur' io! … Si ciazzeccàvo côr Sampdoria
e puro co la Juve e co la Lazzio
mo' sai che champagnàte…che bardòria…"

"A Ro', nu st'a scherzà…Bastava poco.
Bastava na campagna più accanita,
li candidati adatti…Ed era un gioco!...
Ma che vòi fà…Mo' è ìta com'è ìta…

Ma n me ce fà penzà…È che a la ggènte
nun sémo stati bbòni a ddì 'i 'perché',
e li 'come'… Perché - si gnènte-gnènte
votàveno più a nnoi…Mbeh…Va da sé…"…

"È vero, a Re'…Te devo dà raggione…
Pe mme nu avémo perzo…Avémo vinto!
Si anziché cento - èreno un mijone
li vôti…tenevamo la reggione!"

"Me fila propio! Sto raggionamento!
Sò (s)montature…Sò situazzionacce…!...
E che vòr dì…Succede…Càmmia er vento…
Ma … miseriaccia!...N ce potémo! stàcce…!...

Si n c'èreno li troppi oppositori,
e si l'àrtri s'alleàveno co nnoi
scommetti che … li facevàmo fòri…?!
È scentifico!...E anch'er senno …der 'poi'…

Pe ffàlla corta e nun chiacchierà a vòto,
te pò sembrà che noàrtri avémo perzo…
Ma 'nvece è solo 'r fatto ch'a nnoi 'r vôto
n ce l'hanno dato…Nun c'è stato verzo!

Mo' come fàmo, senza più sta 'rocca'…
Che aveva da èsse 'rossa' in sempiterno…?!...
Potémo sempre dì - côr fiele in bocca:
"La 'destra'n c'entra gnènte…È 'r padreterno!...".
 

Alzheimer
da OMAR, 21 settembre 2020
Alzheimer, oggi ricorre la Giornata Mondiale
L' Alzheimer è una malattia subdola che entra silenziosamente nella vita delle persone per poi travolgerla completamente: porta a una totale perdita di autonomia nei pazienti, con un grosso impegno da parte dei familiari che svolgono un ruolo importantissimo di costante accudimento.


Nel giorno dedicato all'Alzheimer, 21 settembre 2020


Alzheimer
(dedicata a mia suocera nonna-Rosa)

(2° Premio a Alimena, PA, "Alimena sotto le stelle della letteratura", agosto 2007)
(1° Premio a Boccheggiano-Montieri, "Città di Montieri", sett. 2007)
(2° Premio a Caivano, NA, "Le perole per te", nov.2007)
(Onore a Macchia d'Isernia, TE, "Città di Macchia d'Isernia", nov.2007)
(2° Premio a Agrigento, "Circolo Empedocleo", nov. 2007)
(Premiata a Roma, "Ama Rossella", giu. 2008)
(2° Premio a Auletta, SA, "Il Saggio-Auletta Terra Nostra", genn. 2009
(2° Premio a Perugia, "Il Corimbo - Bruno Dozzini", sett. 2009)
(3° Premio a Villongo, BG,"Il Gelso", giu. 2011)
(Premio della Giuria a Latina, "Versi in libertà", dic. 2015)
(Premiata a Roma, "Pagine e caffè", 2015)


Come tela di ragno,
avvolge lentamente,
e inesorabile preme
meschina, per la resa
dell'indifesa vittima e tutto annulla,
e toglie anche il decoro.

E la mente ricopre
di impalpabile nebbia
che addensa pian piano e ne fa muro,
e quello che v'è inciso lo cancella.

E avida scava intorno una trincea
per la lunga prigionia
che sfianca e svuota e rende, inconsapevole,
pronto il corpo - ormai dimenticato -
ad impietosa e solitaria agonia.


Nel tuo deserto senza orizzonti,
senza, ormai, storia,
va alla deriva senza un'emozione
quel tuo bel navigar, senza più approdo.

- - - - - -

(nel giorno dedicato all'Alzheimer, 21 settembre 2020)

Prima dell'oblio….
Pria che prenda e scappi coi bagagli
che pieni son del mio trascorso assaggio
del tempo a me toccato dell'eterno,
di tutto copia appresto e la ripongo
nell'anime e nei luoghi che ho vissuto.

Pria che in me sparisca…
Vorrei come a un ripasso
rileggere ogni pagina che ho scritto
che ancora tra le linfe mie vitali
ascolto, vedo e sento…

Finché mi par che il cielo ancor pazienti,
di me il racconto voglio seminare.
Che faccia presa e affondi le radici…
E sia per me quell'io che…poi, scompare…
 

Un fatto, una poesia
da AGI,7 agosto 2020 - La decisione della ministra Azzolina di investire in una nuova fornitura di banchi scolastici ha generato oltre 18mila conversazioni, il 74% delle quali presenta sentiment fortemente negativa. Ciò che ha indignato maggiormente gli utenti è il presunto costo a fronte di una preoccupante carenza infrastrutturale degli edifici scolastici. Secondo gli utenti, infatti, parte delle risorse dedicate ai banchi per gli studenti dovrebbero essere investite in nuovo personale scolastico, manutenzione degli edifici e per la costruzione di nuove aree funzionali alle attività didattiche.
Contrari, anche pareri espressi sull'argomento dal prof. M. Galli e altri, a Fuori dal Coro del 8 sett. 2020.

Le rotelle … nder ciarvèllo!…
sarebbe mèjo a tenélle!


Li banchi…a rotelle…
Ministri e…Minestre (ch'è assai mèjo,
ché co du' "e" fa n po' più femminile),
fate la conta a chi è - nfra voi - 'r più svéjo…
perché a le vòrte…er tutto è n po' infantile…

Chisà chi è 'r mèjo nfra voi tutti e tutte…
È vero: ognuno cià un su' certo…stile,
e ognuno pò ffà bbèlle cose…o brutte…
Ma tutti bravi a…scaricabbarile...

Ma dar 'sicologo che sempre in bocca
ciavéte pe…quell'àrtri…un po' pe vvoi
n penzate a 'nnàcce, prima che ve scocca
ne la capoccia de sturbàcce a nnoi?!...

Ché, magari, v'avrebbe suggerito
dar punto psicològgico, de n fà
quarcosa pe attiràvve er 'benservito'
anziché dàvve la notorietà.

Sto a ddì…si nu l'avete già capito,
de quela luce dritta ner ciarvèllo
che - de certo - ve deve avé…rapito…
facènnove penzà a quer…banco bbèllo,

co le rotelle!! Ch'è na novità!
E è adatta a vince er virus che ce sta.
Ma…ce n'avete tante poche, già
llì in capoccia, e…l'annàte anche a sprecà?!


Un fatto, una poesia
da QuartaRepubblica, con N.Porro, 31 agosto 2020

I teatranti…radicalcitranti...
Spaparacchiato a n modo assai claunesco
su la portrona-puffe in dotazzione
come lui solo sta in televisione,
vestito - pure - a n modo pittoresco,

ieri, anche, stava llì pe la serata…
Indove - come all'àrtre trasmissioni
te tòcca st'a sentì certi soloni…!
Che fai sparì co solo na cliccata.

Dicevo, 'nzomma…quer radical-scicche
che sbràccica che pare elettrizzato…
straluna l'occhi superaggitato…
solo apprezzato da perzone micche,

fa er vago…svicola…sentenzia…E gode
a na magnera guasi maniacale
si pò (s)parlà de … 'quer settentrionale'…
che n pòi capìllo, quanto je fa rode….

Cià 'r posto fisso llì, e li sòrdi in cassa….
Però se sente tutto soddisfatto
co quer discorzo sempre tutto astratto
de dàje ggiù a chi - pe campà - na tassa

la risparambia…E ffa: "Io, tutto! pago…."
Ma 'nvece de stà llì a ffà er "lingua forbita",
che annàsse a faticà pe restà in vita!
E allora finirebbe de fà er vago.
 

Un fatto, una poesia
da orizzontescuola, 13 settembre 2020 - Ritorno a scuola, Toti: un pensiero agli insegnanti che aspettano di essere chiamati e ai genitori che compreranno anche mascherine oltre a carta igienica. "Domani si torna a scuola dopo sette mesi di stop! Il mio pensiero oggi va agli insegnanti, agli operatori e al personale scolastico che sono andati nelle aule spontaneamente per far trovare le classi pronte agli alunni, agli insegnanti che stanno ancora aspettando di essere chiamati, ai genitori a cui, oltre alla carta igienica, hanno chiesto di comprare anche le mascherine che dovrebbero arrivare da Roma, ai nostri bambini e ragazzi, che si trovano a iniziare un anno scolastico pieno di incertezze, con rigide misure di sicurezza, dopo un'estate senza regole, agli studenti più fragili o con disabilità, che pagheranno più di tutti il prezzo di queste lacune, ai presidi su cui sono ricadute grandissime responsabilità"
da ilsole24ore, 24 agosto 2020 - Taglio parlamentari, tutti i partiti votarono sì ma ora il no attraversa gli schieramenti. Tutte le forze politiche presenti in Parlamento, che pure hanno votato quasi all'unanimità in Aula per la riduzione, sono attraversati da tormenti e divisioni...La Lega ha votato a favore del taglio dei parlamentari in tutti e quattro i voti previsti nella lunga gestazione parlamentare. Matteo Salvini ha perciò schierato ufficialmente il partito per il Sì al referendum…
da iltempo.it, 28 agosto 2020 - Se - come gran parte degli indicatori direbbero - la riforma costituzionale che taglia i parlamentari da 945 a 600 dovesse essere approvata dal referendum del prossimo 21 settembre, il giorno dopo ci sarebbe un solo leader politico in grado di festeggiare: Giorgia Meloni. La sola forza politica che con quel taglio e le percentuali che oggi assegnano i sondaggi di opinione potrebbe aumentare rispetto ad oggi la propria consistenza parlamentare è infatti Fratelli di Italia…
da infodata,ilsole24ore.com, 3 settembre 2020 - 0,01% il risparmio per le casse dello Stato considerando una minore spesa di 81,6 milioni di euro l'anno per le indennità di carica non più dovute e una spesa complessiva di 662 miliardi così come prevista dalla legge di bilancio per il 020.
da ilFattoQuotidiano, 29 maggio 2020 - A tre mesi dall'inizio dell'emergenza Covid, un lavoratore su quattro tra quelli per cui è stata chiesta la cassa integrazione o un altro ammortizzatore non ha ancora ricevuto un euro. Un passo avanti, certo, rispetto alla situazione di fine aprile quando più di metà dei potenziali beneficiari era in attesa di un aiuto. Ma intanto è passato altro tempo e 1,8 milioni di persone - soprattutto dipendenti di piccole aziende e lavoratori già "deboli" come quelli degli appalti dei servizi mensa e delle pulizie - restano senza reddito. Mentre più di 800mila autonomi non hanno avuto risposte sul bonus di 600 euro. Una situazione che "può generare tensioni sociali…

Àrtro che…mascherine…!..."Maschere!"
"Li senti?...<Se sparambia solo er zero…>…"…
"Li sento, a Re'…Ma, làssali parlà…
Nu mme li vòjo proprio stà a filà…
Stavòrta nu li sto a sentì davero!"

"Côr lanternino, cerchi chi è sincero…!....
Pe mme è l'istesso: pònno chiacchierà
pe tutto un mese intero…Ma a giocà
ar porco gioco loro…No, davero!"

"Hanno firmato "Sì", pe er fumo all'occhi?...!....
Côr piano de potécce ripenzà
côr già previsto "REF"…?...Che sémo, allocchi…?!....

Pònno anche scarcitrà deppiù de n mulo,
se pònno sbàtte a filosofeggià…
Ma, n pònno stàcce sempre a pìà p'er culo!"

"Un quarsìa nummero co 'a divisione
co un àrtro - grosso, se fa…piccoletto!
Nun serve - pe spiegàllo, un capoccione…
Però, a secônna, pò ffà…o nun fà effetto…

Presempio … pe la cassa integrazzione
n c'è stato, er sòrdo…E più de n poveretto
c'è inzino morto...de disperazzione…
Com'è: null'hanno fatto…er carcoletto?!...!...

Nu j'è fregato che costava er zero…
No!...Qui j'è 'nteressàto er gran totale!
E quant'è er totalone tutto intero,

che a casa pò portà un bèr tàjo netto?!
Poco?...Ce compreremo er materiale
che a scòla ha da portà…lo scolaretto!"


Un fatto, una poesia
da il manifesto, 13 settembre 2020…Ci si chiederà di scegliere tra questo Parlamento umiliato e chi vuole ridurlo ancor peggio. …Ci si attarderà a discutere con toni accesi e spreco di energie su questioni irrisorie, mentre si avverte l'urgenza assoluta di affrontare temi vitali per la democrazia parlamentare. Così sentiremo politici irridenti sostenere le fatue ragioni della necessità di risparmiare sui costi della democrazia o la moralità di tagliare "poltrone". …Che i mali del Parlamento siano altri è ben noto a tutti, in primo luogo a chi, politici e giornalisti, si confronta sul nulla nei dibattiti televisivi. Eppure basterebbe che qualcuno affermasse ciò che è già evidente per smontare il castello di carte, basterebbe affermare che non sono i numeri a determinare la crisi del Parlamento, ben più complesso e profondo è il collasso nel quale siamo immersi. …E allora elenchiamoli alcuni dei veri problemi e cominciamo col dire che il Parlamento non è in crisi per un problema di numeri. …che dovrebbero essere determinati con riferimento alle effettive funzioni esercitate. Questo è il vero problema del Parlamento italiano che ha perduto il suo ruolo autonomo nell'ambito del complessivo assetto dei poteri. Negli Stati Uniti il Senato è composto da 100 membri, il Inghilterra la Camera dei Comuni da 650, in Germania il Bundestag da oltre 700. La differenza con il Parlamento italiano è che in quei paesi la discussione parlamentare ha un suo rilievo, i singoli rappresentanti discutono, si assumono le responsabilità per cui sono stati eletti e poi, responsabilmente, votano. Non hanno vincoli di mandato, ma sanno bene che - oltre che al partito di appartenenza - dovranno rispondere politicamente agli elettori….Nel Parlamento italiano, infatti, non si discute più, né si decide autonomamente alcunché. …Sono anni, gli ultimi due in modo sfacciato, che si assiste alla farsa di una legge finanziaria approvata ma non discussa, in realtà neppure conosciuta dai membri del Parlamento che votano ad occhi chiusi subendo l'umiliazione più grande, in violazione non solo della costituzione (prima o poi la Consulta lo attesterà) ma della stessa loro dignità. Se si seguita di questo passo ben poco importa che a votare siano in 630 o in 400, in ogni caso tutti voti a perdere.
da formiche, 9 settembre 2020 - …Anche oggi Zingaretti e Violante hanno fatto proposte di riforma per giustificare il tribolato Sì del Pd al referendum: incoerenti e poco convincenti per uscire dalla trappola in cui essi stessi si sono cacciati con libera volontà, senza considerare quella di iscritti, simpatizzanti, semplici elettori. Alla imposizione del M5S del taglio dei parlamentari non si può tergiversare né si può correggere il tiro: o è Sì o è No. Chi conosce bene la Costituzione sa che è impossibile riformarla secondo la teoria della foglia di carciofo per cui il No è d'obbligo. È piuttosto auspicabile che intellettuali illuminati e politici lungimiranti inizino a riflettere su come procedere per organizzare un percorso che porti alla elezione di una assemblea costituente, col preciso compito di rivedere e risistemare alcuni punti della nostra Carta fondamentale, se necessario.

Rappresentanti in Parlamento. Bene!
Però…è a me o è a loro che …conviene?!...
D'altronde…io voto quello , e trovo…un altro…
È un gioco che …o fa stupido…o fa scaltro…
Benissimo! Cambiamo pure questo…
"Cervello" è da cambiare…E al più presto!
Ci sta chi tira qui…chi spinge là….
Ma non pel bene nostro, a me, mi sa!...
Ognuno cerca d'imbrogliar le carte…
E ognun sa farlo per davvero ad arte,
e pensa di poterci infinocchiare!...
Ma no! se ognun - da sé - saprà pensare…


Sonetto del…"Sì!"
"Toc-To'!...È Permesso?" "Chi è?" "Son io" "Avanti!...
Qual buon vento?" "Passavo per di qui…"
"Cosa le offro?" "Beh…Gradirei del … <Sì!>"…
Non che mi manchi…Ne sto già avendo tanti…"

"Ma certo!...Un <Sì!>...!....Al contrario dei teatranti
che <Sì!> dicevano, e ora no…Ecco qui:
questo è il mio <Sì!>. Che possa alfin far sì
di metter via … i tanti esuberanti…".

"Ringrazio lei e ognuno che ha capito:
far quello che si vuole e che non si osa…
Pur se si avrà … chi non avrà gradito…

Ché altro, che… <mancherà 'rappresentanza'>! …
Certo!...A certi verrà a mancar la…cosa…
come si chiama…Ah, sì! <poltrona a oltranza"!..

Per me può pure andar…Purché 'riforma'
non …riformi il rappresentante mio…
Ma…lo ho davvero?...Perché, santiddio!
seppur vero è che c'è…mi par che dorma!
 

Un fatto, una poesia
da adnkronos, 11 settembre 2020 - "A me non fai pura", Paolo Del Debbio contro Beppe Grillo (in risposta alla sua aggressione…)
- Monologo in diretta di Paolo Del Debbio contro Beppe Grillo dopo che un giornalista della trasmissione 'Dritto e Rovescio' ha denunciato un'aggressione da parte del comico genovese. Il conduttore "il buon selvaggio di Rousseau" dando del "cattivo selvaggio" a Grillo definendolo "un corruttore di costumi in questo caso" perché "un leader politico non tira giù da una scala un giornalista". E perché "te la rifai con i giornalisti, in particolare con i miei? Rifattela con me. Io vengo da un quartiere popolare di Lucca, a me non fai paura. Non ti sto minacciando, perché non meriti, sei un poveretto". "Il tuo è un caso di senilità anticipata, va curata - ha aggiunto - Uno che fa una roba così bisogna che si interroghi su se stesso. A me fai un baffo, il problema è tutto tuo, della tua esistenza. Sei veramente un poveraccio". https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/09/11/non-fai-paura-paolo-del-debbio-contro-beppe-grillo_ZwVSaYl8O2BVKVHcq0vMfO.html?refresh_ce
da ilgiornale.it, 10 settembre 2020 - Paolo Del Debbio a valanga contro Beppe Grillo: un monologo in diretta a Dritto e rovescio contro il fondatore del Movimento 5 Stelle, che a Marina di Bibbona ha aggredito un inviato del talk di Rete 4. "L'ho fatto solo un'altra volta, a proposito di fascismo. Ma qui siamo da quelle parti, almeno a livello mentale". Poi la raffica di accuse. "Grillo, sei stato un cattivo selvaggio, sei un corruttore di costumi, un leader politico non tira giù dalla scala un giornalista. Fattela con me, vengo da un quartiere popolare di Lucca, a me non mi fai paura. Non ti sto minacciando, non lo meriti, sei un poveretto"."Gli esponenti del M5s, da Di Battista a Di Maio, hanno sempre detto che in questa trasmissione si sono trovati bene, quindi è proprio un problema di ignoranza tua", ha proseguito il padrone di casa. Poi, dopo la citazione di La coscienza di Zeno e Senilità, due capolavori di Italo Svevo, la fustigata finale: "Il tuo è un caso di senilità anticipata, va curata. Uno che fa una roba del genere è bene che si interroghi su se stesso. Il problema è tuo, a me fai un baffo. La vita che fai sono c***i tuoi, se non c'hai sotto due noccioline ma due cog***i attacca quelli come me, quelli più forti. Sei veramente un poveraccio".
da facebook: https://www.facebook.com/watch/live/?v=1548077985364778&ref=watch_permalink  (audio-video)


La fine del pifferaio magico…
O pagliaccio…secondo l'impressione…
Buffo assai!...Se non fosse d'un tragico…!
l'essere stati ostaggio di un buffone.



Attento a…Pinocchio, grillaccio…!...
Attento a te! grillaccio del malanno!
Poiché …"dov'è!"…"dov'è!"…Ora è arrivato,
Pinocchio che ti fa venir l'affanno,
e contro il tuo crì-crìar già s'è scagliato!

St'attento! Bada! Perché lui, il tuo inganno
l'ha ben capito! E sei selezionato
pel tirassegno suo…Ed i suoi dardi
scagliati son con tiro ben mirato!

Ma come ancor t'azzardi a far morale
e sei peggior di iene imbestialite
dal cibo che - o scarseggia, o è andato a male…

Quel gran prudore che ti senti addosso
oltre al pelame…è effetto di un'orchite
che vien dal sentir dire: "Ammolla l'osso!"

"Far quello che potevo, or…più nol posso!..."…
Sembri imprecar con far per te avvilente…
"Mi stan bloccando il far mio prepotente!"
Ordunque, sai!...Non t'ama più! la gente.
Ormai - se salti - cadi in fondo al fosso!

 

Quelle pòre Gemelle de Manhattan
(11 Settembre 2001)

C'è er teremòto...No!...È un ariopràno
che s'è infilato in panza a 'na 'Gemella'
pe ffàje zompà er còre e le budella
a llei, a llui, e ar gran pienone umano.

Pòra crista! S'è sciòrta e è annàta ggiù,
e ar posto suo, pe un po', c'è stato er fumo
ch' ha ffàtto salì tutt'er gran frantumo...
E mo'...nemmanco quello ce sta più.

Ma, tra gemelli, com'è risaputo,
succede che 'r distino è sempre uguale:
e 'nfatti, sta traggèdia - tale e quale -
t'ha preso puro all'artra in quer minuto.

Mo', resta solo er grido disperato
de quelle mani viste a chiede aiuto:
ma è stato solo l'urtimo saluto
a chi guardava...come trasognato...

E chi è 'nnato a iutà...nun è tornato.

Er botto, er fòco, er crollo, 'i morti e er pianto,
ce resteranno sempre ne la mente,
e a stà a guardà ndo' adesso 'n c'è più gnènte
ce lascia 'na gran pena, ner rimpianto.

Manhattan,

Sapessi...me fa tanto piagn'er còre
vedétte mutilata a sta magnera.
Sii forte: tutt'er mônno prega e spera
che presto passi quer tu' gran dolore.


Un fatto, una poesia
Giorni fa il cielo era solcato dal frenetico va-e-vieni di elicotteri…(19 luglio 2020 - una delle mille volte)…

Fuochi…folkloristici!...al campo…
Ma…son le "frecce-azzurre"… O son…che cosa?...
Il rombo di aeroplani bassi in cielo,
distraggono in maniera ch'è … imperiosa!
Dev'essere successo uno sfacelo…(?!?)

Non va cessando il volo rumoroso
di…grandi uccelli … Un recipiente sotto
appeso ad una fune … Premuroso,
l'andare suo ancora ininterrotto…

In lontananza un fumo nero incombe,
va lievitando…sta coprendo tutto!
Che non sia mai successa un'ecatombe,
un grave danno che ci metta in lutto!

Elicotteri!...Vanno a scaricare
intere botti d'acqua sopra i fuochi…
Gli ennesimi in quel posto…Brutto affare…
Ché son realtà!...Non sono videogiochi…

Un'ora…E dei volanti annaffiatoi
l'andirivieni, ancora va e non cessa.
E i fumi tossici come gli avvoltoi
fluttuando vanno in una coltre spessa.

Ma è tutto ok!...Ché va secondo i …piani…
Portava -allor - Seveso, gran paura…!...
Ma…questo è quel che offrono i gitani…
Protegger, sì!...Ma, pur … questa…cultura?!

Che … "gentilmente" * ha dato il benvenuto
ai vigili-del-fuoco intervenuti.
E…Roma - com'è già ben risaputo -
l'irresoluta, fa…senz'attributi.

*a sassate - Ma è prassi.
 

Pandemia…Pandemia…
Pandemia…Pandemia…
Chi cavalca la tua scia
chi ti spranga i sui cancelli
e dispiega i suoi tornelli…
Chi con te si fa notare
e in TV…ognora appare…
Chi s'accresce il suo potere
e va su…senza cadere:
con la scusa che… ' è emergenza!'
prende a calci ogni…"ingerenza"…
E può imporre a piacimento:
'chiudi!'…'apri!'…'spaziamento!'…
Pandemia…Pandemia…
Che pel mondo dai il via
agli attacchi, e fai da scusa
lì in Brasile…là negli USA…
Quanti danni ancor farai?
Forse neanche tu lo sai…
C'è chi intanto si arricchisce
ma è più gente che fallisce!
Colpa tua!...Però, non solo!
Ché il governo ha il suo bel ruolo!
Si giustifica…Eh, certo!
Ben conosce, sto…concerto!
Se lo scrive e se lo suona,
e sta a dir ch'è cosa buona!
Ma a noi in testa ci rintrona,
ché sappiam che ci minchiona!
Pandemia…Pandemia…
Quando alfin te n'andrai via
quanto a tanti! mancherai!
Giornalisti…TV…Rai…
Chi la scienza la gestisce
pur se poco ci capisce…
conduttori…opinionisti…
saltimbanchi…e affaristi…
romanzieri…scribacchini…
poeti…critici...becchini…
governanti…i pro e i contro,
persin pronti anche allo scontro…
Ma importante è ricercare
chi ha le colpe…E condannare!
Torneranno a lavorare
quei che sol san chiacchierare!...?....
Sì! Di certo verrà fuori
qualcos'altro a far favori
a chi vive…chiacchierando,
o scrivendo…o governando…
Che non venga a mancar mai!
Ché pe' i media…sarìen guai!
Conte e tutto il suo contorno
non vorrebber che di torno
ti togliessi…Troppo bene
gli hai gà fatto…E troppe pene
senza te più ad impaurire
toccherebbe a lor…soffrire!
Ma…Capisci…Pandemia….
Tu ci hai 'rotto'!..Pussa via!!
Vaffanculo! Sissignora!
E…'blockdown'!…Va in malora!!


Fatti, una poesia
da Open, 28 luglio 2020 - "il coronavirus in Italia non lo portano di certo i barconi anche se è vero che non abbiamo contezza della situazione sanitaria in Africa. Continuiamo ad accogliere i migranti, certo, ma con la massima attenzione e sorveglianza…" A parlare a Open è Fabrizio Pregliasco, epidemiologico e direttore sanitario dell'istituto Galeazzi di Milano.
"Il rischio potenziale c'è, dobbiamo dirlo, ma i migranti non sono l'elemento determinante della diffusione della pandemia nel nostro Paese. L'accoglienza, però, deve essere responsabile e dovremmo pensare a un'azione coordinata a livello internazionale, che difficilmente ci sarà"*. Così, il dem Orfini… Dello stesso avviso anche Franco Locatelli, presidente del Css…
Un report del Viminale ha segnalato che nessun migrante è stato trasferito all'estero…
da ilgiornale.it, 22 giugno 2020 - Sotto il piano politico, il governo giallorosso sul fronte dell'immigrazione sta investendo molto sui ricollocamenti. Da quando il Conte II si è insediato, da Palazzo Chigi e dal Viminale la parola d'ordine ha riguardato il ricollocamento dei migranti sbarcati nel nostro Paese nel resto d'Europa. Un approccio politico supportato anche dalla Germania, che non ha perso tempo ad organizzare la passerella di La Valletta, lì dove il 23 settembre scorso si è parlato di un meccanismo automatico di ricollocamenti di migranti nel territorio comunitario.
Un investimento, quello della maggioranza targa Pd - M5s, decisamente fallimentare. Così come fatto notare da Patrizia Floder Retter su La Verità, il numero di migranti trasferiti da altre parti d'Europa in questo 2020 contiene solo uno 0. Ma non nel senso dell'ordine di decine, oltre allo 0 non ci sono altri numeri. Nessun migrante è stato al momento trasferito dall'Italia. A fotografare questa situazione è il report dello stesso Viminale, in cui mese dopo mese scorrono le date degli sbarchi, i nomi delle navi delle Ong che hanno portato migranti nel nostro Paese e, per l'appunto, il numero delle persone ricollocate in altri Paesi europei. Un numero facile da leggere, visto che contiene soltanto lo 0. Si scopre ad esempio che dei 122 migranti sbarcati dalla Open Arms a Messina il 15 gennaio di quest'anno, 91 erano ricollocabili ma la disponibilità da parte degli altri Paesi dell'Ue si è fermata a quota 61. Di questi, 28 dovevano andare in Francia, 28 in Germania, 3 in Portogallo, 2 in Irlanda. Nessuno però al momento ha raggiunto queste destinazioni. Stesso discorso per quanto riguarda lo sbarco del 16 gennaio a Taranto della nave Sea Watch 3, da cui sono scesi 119 migranti. Di questi, 77 sarebbero ricollocabili ma alla fine la disponibilità per gli altri Paesi è per un'accoglienza di 51 persone. Anche in questo caso però il numero nella tabella che indica quanti realmente sono andati via è 0. Scorrendo poi il report, anche per tutti gli altri sbarchi è andata così. Prima del lockdown, l'ultimo sbarco è stato quello della Sea Watch 3, che a Messina a fine febbraio ha portato 194 migranti ospitati poi in una vecchia caserma ritenuta poco sicura per fare la quarantena. Anche loro sono rimasti comunque in territorio italiano. Durante la Fase 1 della lotta al Covid-19, sono stati due gli sbarchi in Italia ed entrambi hanno riguardato a metà aprile il trasbordo di complessivi 181 migranti dalle navi Alan Kurdi ed Aita Mari alla Rubettino ancorata in rada a Palermo. Dopo che il governo aveva rimarcato il ricollocamento di 148 persone, dall'Ue hanno sottolineato che in realtà dall'Italia non era giunta alcuna richiesta specifica in tal senso. Quindi anche questi migranti si ritrovano all'interno del circuito di accoglienza italiano. E adesso che gli sbarchi dalle Ong sono tornati ad aumentare, visto che soltanto ieri in 211 sono approdati a Porto Empedocle dalla Sea Watch, cosa accadrà? Il governo nei giorni scorsi è tornato a spingere in sede europea circa la possibilità di intaccare un meccanismo automatico di ricollocamento dei migranti. Accusando poi i Paesi del patto di Visegrad di ostacolare una simile riforma. In realtà, in sede comunitaria la revisione dell'accordo di Dublino e la possibilità di gestire in modo solidare il fenomeno migratorio non sono mai state ritenute tra le priorità. Il Conte II, piuttosto che provare con mirate azioni politiche ad evitare l'incremento dei flussi migratori, continua sulla fallimentare linea di inseguire l'illusione dei ricollocamenti. Con risultati quindi tragicamente ben visibili.

Re Distribuzione
C'è stato un tempo quando entusiasmava
le menti sottomesse dalle ciarle,
il Gran Trasbordamento che mirava
lì, a portar via le genti…e qui, a ammassarle.

È di quel tempo il patto che legava
il BelPaese a … certe consociate
nel grosso imbroglio (in cui s'impelagava
di più e di più) di … 'quelle sbugiardate'!

Giostrava il tutto il Re Distribuzione,
nel ruolo suo di Gran Sovrintendente
al…come infinocchiare la nazione

e al come -anche - farsi infinocchiare
direttamente lui - incompetente -
sol buono ad annunciare…are…are…

Ma - tuttavia - il Re Distribuzione
successi già ne ha avuti e ne sta avendo
qua e lè pel BelPaese … distribuendo…
Ché i "Sì!" dell'E.U. erano … finzione….

E al Re Distribuzione e alla sua corte,
non resta che inchinarsi a chi 'fa il forte'…
Ma ancor - per tigna - le aprono, le porte,
sapendo solo fare … cose storte….
 

Fatti...una poesia
da vita.it-27 giugno 2020 -Molti ancora oggi rifiutano la declinazione al femminile di una parola perché "suona male". Cosa significa?
Una parola ci suona male quando cozza contro le nostre abitudini, legate alle regole o alle regolarità. Per alcuni ruoli da tempo ricoperti dalle donne siamo ormai abituati: ad esempio a nessuno verrebbe in mente di dire "il maestro con la penna rossa" per definire la maestra. Il problema invece esiste per professioni, ruoli e cariche cui le donne hanno avuto accesso più di recente - anche se ormai sono passati decenni - o a lungo ricoperte soprattutto da uomini. Ancora oggi, sulla stessa notizia legata a Virginia Raggi o Chiara Appendino, troviamo un giornale che dice "il sindaco", un altro che dice "la sindaca", un altro che dice "la sindaco". Già qui si vede che, non essendoci omogeneità, c'è la necessità di tornarci sopra con la riflessione. Spesso poi sono le stesse donne a non volere che si utilizzi il femminile nei titoli, nelle parole. Le ragioni sono diverse: da una parte c'è l'idea - sbagliata - che nell'italiano esista il neutro. Lo pensano anche alcuni celebrati esperti di cerimoniale ritenendo che, nel riferirsi alla carica, non debba avere rilevanza il genere di chi la riveste. Poi purtroppo c'è anche chi ritiene che declinando una carica al femminile si perda una parte del prestigio, o si rischi di essere meno rispettate. Come se la declinazione al femminile fosse in qualche modo sminuente per quella persona. L'uso quotidiano dimostra qualcosa di simile: dicendo "cuoco" si pensa allo chef, mentre la cuoca sta in mensa; se dico segretario tutti pensano al segretario di partito o ad un funzionario, se dico segretaria si pensa alla donna che lavora in un ufficio. Sono esempi noti da tempo, ma se suonano ancora adesso così vuol dire che il problema esiste.
da orizzontescuola, 8 gennaio 2017 - Traendo le conclusioni, Marazzini afferma che:"Invocare la grammatica per condannare "il sindaco" usato per una donna, o viceversa per condannare "la sindaca", a sua volta usato per una donna, non ha senso. L'una o l'altra condanna derivano o da radicalizzazione ideologica, o da affezione alla tradizione linguistica. Tralasciamo il primo dei due casi. Il secondo caso discende dalla personale preferenza di persone stimate e autorevoli, che certo hanno diritto alla propria scelta, Va precisato tuttavia che i giudizi sul "bello" o "brutto" di questa o quella forma linguistica, spesso evocati per giustificare una determinata scelta, sono soggettivi e scientificamente nulli.
I nomi femminili ministra, sindaca (quest'ultimo favorito nel suo innegabile successo dalle recenti elezioni di Roma e Torino) non dipendono dalla grammatica, che accetta sia il maschile tradizionale sia il femminile innovativo, ma da una battaglia ideologica trasportata nella lingua dalle donne (o da alcune di esse) quando conquistano nuovi spazi in politica e nel mondo del lavoro;
da Accademia della Crusca, 8marzo 2013 - Cecilia Robustelli (Università di Modena) - La rappresentazione delle donne attraverso il linguaggio costituisce ormai da molti anni un argomento di riflessione per la comunità scientifica internazionale, ma anche per il mondo politico e, oggi, sempre più anche per quello economico. In Italia numerosi studi, a partire dal lavoro Il sessismo nella lingua italiana di Alma Sabatini, pubblicato nel 1987 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno messo in evidenza che la figura femminile viene spesso svilita dall'uso di un linguaggio stereotipato che ne dà un'immagine negativa, o quanto meno subalterna rispetto all'uomo. Inoltre, in italiano e in tutte le lingue che distinguono morfologicamente il genere grammaticale maschile e quello femminile (francese, spagnolo, tedesco, ecc.), la donna risulta spesso nascosta "dentro" il genere grammaticale maschile, che viene usato in riferimento a donne e uomini (gli spettatori, i cittadini, ecc.). Frequentissimo è anche l'uso della forma maschile anziché femminile per i titoli professionali e per i ruoli istituzionali riferiti alle donne: sindaco e non sindaca, chirurgo e non chirurga, ingegnere e non ingegnera, ecc.
"È er progresso che…avanza…" Sì! Nel senso proprio che ce n'è troppo in più…per via di ideologie che vanno piùm e più pretendendo, impegnandoci addirittura lotte politiche…Non ci fosse altro da fare.


Me dia der …
(è 'r progresso che…avanza…)

Oh!...E qui casca l'asino…pe davéro!!
Quer "Me dia der <lei>…ché nu la conosco…"
se pò continuà a ddì (che è quer che spero) -
o - puro in questo - ce pò stà der…losco…?!...

Eh, sì!...Perché o se tàja via de netto
tutt'er sistema … maschiòfilo der cacchio…
-ma <lei> è femminile! a èsse corètto…-
Ma…allora…ndo starebbe sto spauracchio…!...

C'è che mo' è …femminòfilo! er probblèma…
Ossia…er <lei> n se pò dà più! a 'uno',
come fin'a mmo'… a na megnera scema….
L'òmo cià er <lui>!…A ciascheduno er suo!

Stai a capìllo, o nno, sto bèr concetto
che metterà - a la fine! - tutto a posto!
A 'lui' er <lui>… in segno de rispetto,
e uguale a 'lei' côr <lei>…Com'ho proposto.

"Senta, lui!..." diremo da mo' in poi
a 'uno'…E - invece - "Senta, lei!..." a 'una'.
Sò quele cose, che - o vòi, o n vòi -
sò er segno de n progresso, che…straluna!


Pensieri…per pensare….
Pensa a quando sarà … tutto finito…
Le cose, riposte, o buttate via…
O date come premio in lotteria,
o, soltanto, a chi prima alzerà il dito.

O arse, come i roghi a carnevale
coi fantoccioni in fiamme a accartocciarsi
e tutti quanti attorno a domandarsi
se si potesse farlo ad un rivale…

Dirà qualcuno cose…Altri, altre…
Diranno quel che sempre hanno nascosto,
con un coraggio alquanto a basso costo,
però si sentiran persone scaltre…

Le coppe in alto s'alzeranno insieme
pel brindisi, che, pure, ci sta bene.
Si parlerà di quel che far conviene,
chi deve far…Se c'è! a chi - invero - preme.

Verranno…E se lo porteranno via…
C'è chi lo segue…Gli altri…troppo stanchi…
Sommessi addii…Tuonerà il: "Mi manchi..!"
di chi ora solo* grida: "Vita mia…!"….

*dal doppio significato
 

Un fatto, una poesia
da gds, 23 agosto 2020 - "Il Signore ci renderà conto di tutti i migranti caduti nei viaggi della speranza.
Sono state vittime della cultura dello scarto". Lo ha detto Papa Francesco nel corso dell'Angelus.

da Open, 28 luglio 2020 - "il coronavirus in Italia non lo portano di certo i barconi anche se è vero che non abbiamo contezza della situazione sanitaria in Africa. Continuiamo ad accogliere i migranti, certo, ma con la massima attenzione e sorveglianza…" A parlare a Open è Fabrizio Pregliasco, epidemiologico e direttore sanitario dell'istituto Galeazzi di Milano.
"Il rischio potenziale c'è, dobbiamo dirlo, ma i migranti non sono l'elemento determinante della diffusione della pandemia nel nostro Paese. L'accoglienza, però, deve essere responsabile e dovremmo pensare a un'azione coordinata a livello internazionale, che difficilmente ci sarà"*. Così, il dem Orfini… Dello stesso avviso anche Franco Locatelli, presidente del Css…
da liberoquotidiano, 28 agosto 2020 - Immigrazione, il giurista Edoardo Raffiotta sulla chiusura dei centri per rifugiati dà ragione a Musumeci:"Decisione legittima"…Il governo ha impugnato l'ordinanza del presidente della Sicilia…che prevede la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza per migranti presenti sull'isola…"Il provvedimento di Musumeci viene legittimato dalla legge 833 del 1978, sul Servizio sanitario nazionale che all'articolo 32 prevede proprio il potere di ordinanza in deroga alla legge. In pratica atti amministrativi che possono essere adottati per un periodo limitato qualora sussista un'emergenza sanitaria. Un istituto giuridico che abbiamo imparato a conoscere proprio in questi mesi di Covid con le ordinanze emesse da ministri, sindaci e presidenti di Regione"….Dunque sbagliano i critici a sostenere che il presidente Musumeci abbia adottato un'ordinanza che invade le competenze dello Stato "È vero che si tratta di competenze dello Stato ma la legge 833…Non regge neppure…l'argomentazione che Musumeci abbia invaso un terreno di competenza statale: la gestione dell'immigrazione e dei centri di accoglienza. "Se all'interno di questi centri c'è un focolaio", spiega, "ed è accertato che non vi sono le condizioni per mantenere in salute gli ospiti con le misure che dobbiamo adottare tutti, a cominciare dal distanziamento, e sappiamo che da sempre questi centri sono sovraffollati, l'ordinanza è pienamente giustificata"….Ma c'è di più. Vista la permeabilità degli hotspot verso il territorio circostante, il governatore ha ulteriore titolo per intervenire. "Nel momento in cui c'è una situazione d'emergenza con un focolaio di Covid all'interno di un centro di accoglienza, focolaio che può riversarsi nel territorio della regione, soprattutto se i centri di accoglienza si trovano nei centri abitati"…"se, come accade, gli immigrati possono facilmente scappare da queste strutture l'emergenza cresce"…
da enac.gov.it, 13 ago 2020 -"Misure urgenti di contenimento e gestione dell'emergenza sanitaria" per i passeggeri provenienti da Croazia, Grecia, Malta e Spagna e "Divieti di ingresso e transito" per i passeggeri provenienti dalla Colombia e produce effetti dal 13 agosto 2020…--- da fsp-polizia.it, 25 luglio 2020 - …oggi … test sierologici sugli ultimi sbarchi "hanno dato risultato positivo per altre 25 persone". "La situazione ci preoccupa, perché tutti i nuovi sbarcati sono stati sul molo per ore, i positivi sono rimasti a lungo divisi dagli altri da una corda rossa, e tutti gli altri, che evidentemente devono essere sottoposti alla quarantena, sono stati pure in attesa sul posto…". …---da ilgiornale, 19 luglio 2020 - … una struttura, ex agriturismo, attualmente in gestione da parte di una cooperativa sociale…. alcuni di loro hanno fatto perdere le loro tracce....Il sindaco, inoltre, ha spiegato che nessuno dei migranti è stato ancora sottoposto a tampone… Sulla stessa linea A.M. Bernini,FI, che affonda l'esecutivo sul doppiopesismo per italiani e immigrati che sbarcano nel Paese. "Il governo che ha imposto un durissimo lock down agli italiani, inseguendo con i droni perfino i runner solitari, avrebbe il dovere, per rispetto dei sacrifici imposti ai cittadini, di riservare ai migranti almeno lo stesso trattamento"….---C.Giannini- Ven. 17 luglio 2020 - …quelli risultati infetti sono stati tutti trasferiti…nel comune di Comiso…da cui in breve tempo sono riusciti a fuggire cento migranti, moltissimi dei quali positivi. Il numero certo dei contagiati è difficile da capire, anche perché diversi tra loro non avevano ancora fatto il tampone. Il test sierologico sugli ultimi sbarcati aveva rivelato la positività per 19 di loro. Dopo…il tampone, 11 sono stati trasferiti al Celio con malattia conclamata. Ieri da uno screening ulteriore ne sono risultati malati altri 14, rimasti in promiscuità con altri migranti. Quaranta, quindi, sono potenzialmente positivi, ma da ciò che dicono i medici potrebbero essere tutti e 86 malati.
*quanti decenni sono che non c'è…Malgrado le…tante…'chiacchiere'….


Con tutto il rispetto sempre avuto per il Papa, la Chiesa in generale, la Fede. E per lo Stato.

Sto ngrifato ammischiamento
de la chiesa côr governo…!
Chi te vò spedì all'inferno…
Chi ce fa un…combattimento…
Però, tutta st'ossessione
gne fa bbène a la quistione…


Anatema … O che …
Già stàmo accosì tanto incasinati,
co mille e più probblèmi de gni ggiorno,
ed èccoce serviti pe contorno
sto piatto de fraseggi mantecati.

Nu abbasta che già stàmo 'mbarazzati
co tutto quello che succedo attorno,
noi ch'abbonnàmo e chi gne frega n corno…
E mmo', ècco qua: cornuti e anche mazziati!

France'!...Posso capì…È 'r tu' mestiere
cercà de dà na guida…incoraggiàcce
a ffà li … 'bbòni'…Ma…Poi…Pe piacere…

Quer che ciài n testa…penzi che pò èsse…?...
N esame de coscienza…E no, minacce…
D'artrônne - poi - sti viaggi sò…scommesse…

La côrpa è de chi n frena, e che n fa sì
de aiutà llì, e che - llì nu esorta a stàcce!
invece de 'ntignà a avé er mônno qui!
 

Coordinamento…anti-bruttismo
"A Re', sto a penzà a tutt'er gran da fàsse
de tutti queli pronti a sarvà a tutti
perfino li…ciccioni ind'una classe…
Ma… mai uno!…che stia a penzà a…li brutti!!"

"Stann'a ffà: <Abbasta!...a discriminazzioni…!...>…
E pe gni parte védeno er razzismo…
E stann'a ffà le manifestazzioni…
E giustamente sò contr'er bullismo…

Mo' - visto che a creà un movimentismo
è accosì tanto facile…me ggìra
de fànne uno…fatto a garantismo
de tutti 'i brutti e brutte…Che me ispira!

Incominciàmo a 'nnà pe li… 'canali',
a Via Teulada e indove-che-àrtro-stànno.
Annàmo pe li siti sartoriali
a ddì che er loro è tutto un grànne inganno…

Che arméno ogni tre bbèlle e ogni tre bbèlli
ce stiino sia in TV che a 'gni sfilata
brutto&brutta! A ffà l'attrici…'i modelli…
Mai più - perzona sii discriminata!

Si nun ce dànno retta: occupazzioni...
sit-in dequa e dellà…Tutto spesato…"
"A Re'!...Aoh!...Ciài l'allucinazzioni!...
Ah!!!Mbeh!!!...Fortuna!...che te sei svejàto…"

"Ma…Allora, io sò sempre…discriminato!" …!?!...


C'era una volta…E qualcosa ci sta…


                                
da internet                           Ernesto Calindri dei "Caroselli" da internet       da internet


Amari&Co.
Antichi…Ruderi…O ancora presenti
sopra le mensole ai bar d'ogni luogo:
"amari", sì!, ma per festa e non pianto…
E ad ogni…apertura, gli aperitivi…
E digestivi che "offriva la casa"…
Con le etichette piacevoli avvisi…
E tutti i tappi personalizzati…

Amaro Averna, del Capo, del Frate,
Amaro Ramazzotti e Montenegro,
Amaro Zucca, e del Carabiniere,
18-Isolabella, Petrus Boonekamp,
Carpano, Unicum, Lucano, Florio,
Cynar, Fernet Branca, Grappa Bocchino,
la Julia, Nonino, Dranbuie, Oro Pilla…
il Napoleon, lo Stock84,
Vecchia Romagna, Rabarbaro Zucca,
Jagermeister, Ferrochina Bisleri,
China Martini, Amaro di Saronno,
Mandarinetto, Borsci S. Marzano,
Chartreuse, Grand Marnier,
amari dei monaci in quantità…
Centerbe e Dom Bairo col Cointreau e Bràulio,
Anice, Amaro d'Abruzzo, Sambuca,
la Molinari, speciale, alla mosca…
Una gran serie dei Vermut di allora,
Martini Dry, la Cedrata Tassoni,
i Limoncelli, i Nocini di marca,
Campari, Cinzano, Aperòl, Punt-e-Mes,
Chinotto Neri, Gazzosa, Crodino,
il Gingerino, il Lemonsoda e Spuma…
Ma ad ogni mattina, c'è Vov, o Zabov…
E, alla bisogna, c'è Amaro Giuliani!
E…per stravizio, o Manhattan, o Negroni.
 

Ma ancora chiacchiera chi ha ridotto la politica italiana a questo…?!...


Repubblica piangente (da internet)

Ital-Politica
"Aoh!...L'avete visto, o nno, a quer…Tizzio…
Nun dìmo er nome…Ntanto se capisce…
Ma ce lo sai che quello cià pe vizzio
che 'gni quànno sta ar cesso impuzzolisce

da dovéss'attappà er naso…Un fetore!!
Nun solo!...Stann'a ddì ch'è tutto ignudo
gni vvòrta che sta sopra ar cacatore;
n cià manco le mutànne!...Dett'a crudo.

Inzomma…dopo er petto ignudo ar mare
(che aggià faceva intènnece er soggetto),
co st'àrtre novità, mo' numme pare
che er Tizzio pòssa ancora avé er rispetto…"…

"È vero!...Sì…l'ho nteso a ddì pur' io…
Ma…dìmme n po'…Quànn'è che cachi te
er cesso lo 'mprofumi, eh!…santiddio!"
"Ma caro mio, che c'entra lui co mme…

Se sa che ner cacà puzzàmo tutti!
Però, pe llui de certo è no svalore
a stàcce a ffà sentì sti odori brutti…
Eh!...Io n so mica er … capo-oppositore!"

Verde è la foglia, scura è la via…
È…ital-politica! Gesummaria!
 

dai media: la sindaca pronta a ricandidarsi…(agosto 2020)

dicesti: "Il vento - qui - sta già cambiando!"…
Ma...eri desta, o...stavi sol sognando?!

Er Campidòjo … dell'erba-vòjo…
Virgì…Nun te n'annà…Sta qui co nnoi…!...
Perché ..dopo de un "mo' "…ce vòle un "poi",
pe continuà a ffà er bene a sta città!
Da' retta, bbèlla, restatene qua.
D'artrônne sti cinqu'anni sò assai pochi
e manco sò abbastati a spegne 'i fòchi
pe…ffà uscì tutto er rame...e avvelenà
l'arietta che dovémo respirà…
Ce devi rifà er verde ad alto fusto,
devi atturà le buche…com'è giusto…
pulì le strade…sistemà li 'campi'…
levà le cacche ndove che ce 'nciampi…
ritoccà er verde pùbbrico gnidove…
pulì le fogne prima che ce piove…
levà le fòje…assieme a tutt'er guano
ch'è scivoloso e inzozza a tutto spiano.
Bisogna … libberà l'occupazzioni,
ma nno solo de quelli…<cattivoni>
che stann'a ffàtte ntorcinà er ciarvello
che te ce sei fissata…E nun è bbèllo…
Bisogna dà a le scòle er cancellino,
er gesso, carta iggènica, cestino…
S'è ffatto urgente un inceneritore
invece de pagà l'importatore
de la monnezza nostra, che…n sia mai!
bruciàlla qui, da noi…che ssò guai!!
Ce devi fà lo stadio…'a funivia…
le piste pe le bici…Nu annà via…!
Ce devi libberà da spacciatori…
da mille delinguenti e marfattori!
Te devi alleggerì de chi ciài 'ntorno
ch'è fàrzo…è n giuda…oppuro è n perdiggiorno.
Sta lista se st'a ffàsse lunga assai,
Virgì!...Pènsace bbène: ma ndo' vai!
Tòcca rifà li bus…che pìeno fòco!!
E ssò costati - e usati! - manco poco!
Te devi dà da fà pe li cignàli…
li sorci…li gabbiani…Animali,
abbisognosi tutti de na casa.
Je l'hai da dà…O ffà "tabbula rasa"!
Qui c'è da fà…Sta' a rènnetene conto?!
C'è l'Ama da risuscità ar completo!
E tu voressi annà…?!...Te fo divieto!!
Ma n devi fà l'annunci: fàmo "questo"…
penzàmo de fà "quello"…Ma - ar più presto -
er "questo " e er "quello" déveno èsse fatti!
Perché er da fà lo sanno anche li matti!
E allora, dài, Virgì, si vòi restà
inizzia aggià da mo': dàtte da fà!!
Sinnò…"quella è la porta!"… E er Campidòjo
n sarà mai più pe tte…quell'erba-vòjo…


St'agosto strano…
Solitamente de sti ggiorni, Agosto
se dava ggià da fà coll'aspirina
pe avécce un calo de temperatura
così che dopo mesi de calura
ciavéssimo quela rinfrescatina
che arimettésse n po' le cose a posto.

Faceva rinfrescà l'aria abbruciata
co un quàrche bbèllo scroscio occasionale
magari co un sonoro temporale
pe ffàcce capì mèjo la svortata…

Però, sta vòrta n pare stia a penzàcce…
Più che àrtro sta a parémme assai distratto
-che n vòjo dì che mo' st'a ffàll'apposta -.
Dev'èsse quela brutta faccia tosta
der virus che va in giro a ddà de matto,
e vò abbruciàllo…È un modo pe aiutàcce!

E in più è distratto pure da un governo
capace solo d'ammischià le carte…
Ch'è indove chi più imbròja è n padreterno,
e è quella! che vò recità, de parte!

Perché imbrojà è - pe certi - come un'arte.
 

Fatti, una poesia
da ilgiornale.it, 1 febbraio 2020 - Ottoemezzo, Massimo Giannini: "Coronavirus? L'untore è Matteo Salvini" -…a "Otto e Mezzo"con Lilli Gruber c'è, tra gli altri, M Giannini…de… La Repubblica…Si parla di paura legata al virus cinese e l'ospite immediatamente perde le staffe, attaccando il leader della Lega…"La paura è l'unica arma che il leghista sa usare. Esprimo anche qualche perplessità sui suoi elettori…". In un colpo solo Giannini "maltratta" gratuitamente circa il 30 per cento di cittadini italiani che votano il Carroccio. E la metà del popolo italiano se questa cifra si allarga a tutto il centrodestra, che dagli scranni dell'opposizione, si azzardano a criticare il governo giallorosso….Non teme nulla tantomeno i poveri cinesi…"Non strumentalizzare politicamente il Coronavirus". A sinistra lo ripetono spesso per colpire il leader leghista che ha messo in dubbio la preparazione dell'esecutivo a gestire l'emergenza. Ma Giannini proprio non ci sta.
da Libero.it, 29 luglio 2020 - Secondo Massimo Giannini, direttore de La Stampa, "esiste un ordine mondiale costituito e Matteo Salvini è una minaccia". Parole inquietanti, quelle del giornalista …a In Onda…28 luglio...Insomma un ordine che rappresenta la post-democrazia. E' questo nuovo assolutismo che vogliamo?"
09 agosto 2020 A noi di Libero non piace giudicare la politica con il codice penale in mano. Anzi, siamo contrari a farlo…E questo indipendentemente dal fatto che sia di sinistra, di destra, leghista o grillino. Infatti…ma non vorremmo mai metterli alla sbarra perché non ci piace come governano.
Sogniamo che si levino di torno, però ci fa orrore l'idea che questo possa avvenire per mano giudiziaria, come è accaduto a Berlusconi e come ora giallorossi e procure cercano di fare con Salvini. Stesso discorso vale per Conte. Pensiamo che essere arrivato al potere dall'oggi al domani, senza gavetta né preparazione, gli abbia dato un po' alla testa e che, non avendo mai avuto un progetto politico prima di entrare a Palazzo Chigi, continui a sbattere la capoccia da un alleato all'altro, senza riuscire ad arrivare a una sintesi decente. Però non vorremmo processarlo… Ci basterebbe che si sottoponesse al verdetto degli elettori.
….Se Salvini viene processato per sequestro di persona per aver combattuto gli arrivi dei clandestini, allora sarebbe equo indagare anche Conte. Ma non solo perché il presidente del Consiglio è corresponsabile delle decisioni dei suoi ministri, specie se le ha avallate…Conte andrebbe processato anche per la gestione dissennata della pandemia nei primi giorni del marzo scorso ad Alzano Lombardo e Nembro. Dopo settimane di insistenza da parte dell'opinione pubblica il governo ha acconsentito a rendere noti i verbali del Comitato Scientifico; e subito si è capita la ragione di tanta ostinata resistenza. Quei documenti sono un atto d'accusa direttamente alla persona del premier, unico responsabile della mancata zona rossa nei due paesi bergamaschi, e confermano la versione dei fatti della Regione Lombardia, sulla quale Palazzo Chigi tenta di addossare le proprie mancanze. Risulta infatti che….e lo scienziato verbalizzò al premier la richiesta di istituire una zona rossa nei due Comuni orobici. L'indomani il ministro della Salute, Speranza, si recò a Milano e rassicurò i vertici regionali in merito alla chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Il 5 infatti il governo schierò 2.500 militari per isolare la zona, ma l'ordine di passare all'azione non arrivò mai.
Non ho mai visto quel verbale" si giustifica adesso Conte, che però ad aprile, in un'intervista a Travaglio, disse di aver letto il documento. Autosmentita. Anche se fosse vera peraltro, l'ignoranza del documento sarebbe un'aggravante, perché dimostrerebbe con quale scarsa sollecitudine il premier si applicasse all'emergenza…Quello che sappiamo oggi grazie ai verbali desecretati è che il ministro della Salute e i tecnici di Conte erano per la chiusura e che la Regione Lombardia si sentì rassicurata da questo.…Inoltre, da un mese sistematicamente il premier muoveva contro i vertici lombardi, sconfessandone ogni iniziativa. Fontana venne accusato di razzismo perché chiese di mettere in quarantena chiunque arrivasse dalla Cina. Poi, quando si filmò mentre indossava la mascherina, il presidente, anziché avere il plauso del governo, fu rimproverato perché screditava l'Italia a livello internazionale. Fu creato dallo Stato centrale un clima ostile e poco collaborativo nei confronti della Regione, abbandonata a se stessa e per di più messa nell'impossibilità di agire autonomamente.Oggi i nodi… e Conte recita la parte delle tre scimmiette. Non vide, non sentì, non parlò. Siccome però per oltre due mesi il premier decise di farsi vedere, farsi ascoltare, parlare e decidere solo lui in tutta Italia, è giusto che sia identificato come l'unico responsabile della strage nella Bergamasca. D'altronde il verbale documenta che il premier scelse di gestire la pandemia da solo, disattendendo i consigli dei suoi scienziati, che volevano chiusure differenziate nel Paese. Conte invece scelse autonomamente per la serrata totale, anche nelle zone non a rischio, optando per un sequestro di persona di massa, al confronto del quale il divieto di sbarco dei profughi della Open Arms è una goccia nell'oceano.


Il Potere…per forza!
C'è da una parte mistificazione,
dove saper menzognar bene è un'arte,
dove per arte s'intende finzione
e son maestri a quel gioco…'tre carte'…

Ed è bastante fare 'annunciazione'
pe' aver che i dubbi … sian messi da parte
insieme a avversa considerazione,
dato che ammessa non è … controparte…

Qui, il solo torno che conta davvero …
Correggo - l'unico conte che torna…
Com'è difficile - qui - esser sincero…

Dicevo: l'unica cosa che conta,
qui è solo l'odio-veleno che adorna
articoli e bocche schizzanti ogni onta:

unica arma restante
a super protetti…per inventare
un nemico … che li faccia … campare …

Ma uno, però, ch'è un pericolo… vero…
non l'hanno ancor bene identificato:
rifare il nome - cioè - a "lavoro nero"…!...
Altro che i "moretti"…cui l'han cambiato!
 

 

 
da internet

Ne la fanga scura….
"La vedi, a Re', quela gran fanga, un lago!
co drento quel'ammasso de bestioni,
bufali…ippopotami…Bbòni, bbòni,
appiccicati, che n ce passa un ago…

Tanto sò pressati, e sortanto intenti
a stà affonnàti, pe nun còce ar sole…
Com'a ffà li fanghi…Ché àrtro, n se pòle:
zozzi, infangati, sì…però…viventi…".

"Li sto a vedé, e me stànn'a ffà penzà
a questi der governo…Uguale, uguale!
Tutti affonnati in d'una fanga tale
che manco ce la pòi paragonà".

"Eh, già!...Sortanto che llì, li bestioni
stànn'a 'spettà che n' alluvione arìvi…
Pe questi a stà ner fango è…restà vivi!...
Si je se sciòje, addio…sò elezzioni!"
 

 

   

Tradizione
(Ferragosto sull'aia)

Ci sta per l'aia un misto di profumi
di fieno, stalla, arrosti, fiori e…gonne;
c'è sulla tavolata il vino a fiumi
con tutto il ricettario delle nonne.
C'è attorno un'aria bella di magia,
e quella luna accesa tra le foglie
di pioppi e querce antiche, e l'armonia
dei grilli, stanno a stuzzicar le voglie
non solo mangerecce dei paesani.
Un altro goccio e via con la mazurca,
nel mentre tutti battono le mani
col rosso in faccia tipo mela annurca.
Dei giovani si sentono ispirati…
si filano, si prendono per mano…
cominciano a sentirsi innamorati;
e co' una pesca ognuno, piano, piano,
finiscono infrattati dietro al fieno:
si rubano l'un l'altro un primo bacio
e poi un altro fino a farne il pieno,
che via si porta il buon sapor del cacio…
Poi tornano per far l'amore assieme
col dolce al cioccolato, crema e panna:
galeotta cena ! In cuor gli ha messo un seme…
È amore…! È amore…! Il cuore non s'inganna !
La pupa in carrozzella non ha sonno:
si tira su con quella capoccetta…
e poi sorride a tutti in braccio a nonno,
contenta per la vita che l'aspetta.
Così, pure stavolta, Tradizione,
ha messo assieme tre generazioni
per una cena ch'è una devozione,
con nonni, nipotini…e canti e suoni…
E fra un sorsetto, un mozzico e un accordo,
per ogni mente semina un ricordo.


In … girotondo, quant'è bello il mondo!
Girandolando … come un mappamondo.
Andandocene - invece - in linea retta
ci sta chi va a…guidarci da una vetta…
Ché è facile cadere in tentazione
di mettere nel sacco la nazione…
Di già! stan comandandoci a bacchetta.
Pur se i "poteri" … non li stan chiedendo,
ma stanno esercitandoli…tacendo.

L'Era dell' "Anti", de mo'…
Quante Ere ce sò state ne la storia!
Mo' - quella de sti ggiorni - pàre quella
dell' "Anti": "anti-qua"… "anti-llà"… E - da sentinella
je fa ognuno. Che … ce schiòppa de bbòria.

Pò èsse anche n bòn segno…un "pluralismo",
ch'è 'r sale - cioè - de la demograzzia.
Ma nu è più de na…fanaticheria,
e è solo bbòna a ddà tant'allarmismo.

Perché - l' "Anti" - ha da èsse solo er loro!
E a sta magnera è solo na censura.
Da parte de chi è…anti-dittatura….!....
E puro senza un minimo decoro.

Ma st'a girà anche sta …filosofia:
"ANTI-ando solamente linearmente
senza badà a che vòle l' àrtra ggènte
-ch' è pure assai più tanta -…è n'angheria!

Co solo l' "Anti" e basta, e sempre dritti,
ariverà er momento d' annà a sbatte…
Co - invece - l' "anti-anti" - pòi sarvàtte!
Ché è … demograzzìa-vera-de-i-diritti.

Si - cioè - questo è n "anti"… e tu sei "anti-anti"
de questo…e tu "anti" - ce sei - invece - de quello
che invece è un "anti-anti" tuo… ad anello,
senza scappatoie…s'annerà avanti…

La soluzzione è ner giràsse attorno,
indove ogni "anti" cià 'r su' "anti-anti"… È chiaro?!
Giràsse attorno! … Ch'è er vero riparo
da le troppe stranezze de oggiggiorno."
 

Un fatto, una poesia
da orizzontescuola.it, 23 luglio 2020 - Lamorgese chiede responsabilità: scuola e famiglia spieghino a giovani rischi movida. Chiede responsabilità il ministro dell'Interno…alle famiglie e alle scuole, perché spieghino ai ragazzi i pericoli della "movida" caotica, per "non rischiare di tornare indietro, ai mesi bui di chiusura della scorsa primavera".
Nell'intervista di ieri a Il Messaggero, Lamorgese ribadisce la necessità di uno sforzo più incisivo - da parte delle istituzioni, della scuola e delle stesse famiglie - per informare i giovani sui reali rischi nella ripresa della diffusione del virus.
"È un impegno che deve riguardare tutti anche in termini di iniziative sulla fruibilità di spazi per il divertimento, più sicuri, destinati ai ragazzi che hanno subito un contraccolpo a livello psicologico a causa del lockdown", ha spiegato il ministro.

E così…dopo aver esautorato coll'unghie e coi denti la funzione educativa dei genitori, dopo aver distrutto la famiglia, dopo che - bevendo alla coppa degl'infinocchiatori - avete ingerito e vomitato il <no sculacciate! Ché si sentono mortificati…E il fatidico 'parlarci'> … E lo stesso filosofico delirio lo avete soffiato per tutte le scuole, abbozzando a malignità e violenze dei ragazzi contro gl'insegnanti (ché…non sia m,ai!...). Insomma: dopo aver dato in mano ai giovani droghe di ogni tipo, e dopo aver loro inculcato il falso mito della falsa libertà….!... Continui a parlarci Lei, Signora Ministra, che vedrà che responsabilizzazione che ne caverà…Forse…Se prima vi responsabilizzereste tutti voi stessi….

Svejàta da un ìncubbo…
Ah, sì!...E come mai…E che t'è successo…
Cià' avuto l'ìncubbi…Hai dormito male?!
Che…Ciài avuto la visione, e adesso
tutta stralunata … vòi la …morale?!

Che se dovrebbe fà…?!....Si m'è concesso…
Riesumà quer poter genitoriale
che avete a ffòrza sciacquonato ar cesso ?!
Scejènno pe llui quer ch'è più immorale?!

Si je volete dà n'addrizzatina
ar giovine che avete … "libberato"
co <via, er bonsenzo> e in mano <pasticchina>…

c'è solo da fà indietro un quàrche passo.
Ma nno de tanto!...Quer che va stimato
pe…sciòjelo da un tanto triste ammasso.
 

Cicale
(a Forte Bravetta)

Abbarbicate ai rami secolari
a tanta pace van donando un tono
con quell'irrefrenabile frinire
che all'improvviso, cessa. E a un altro suono
la stessa pace, or, pe' un po's'adatta:
lo scricchiolar dell'indurite foglie
che piovono leggere su altre foglie…
Segue un silenzio che si fa assoluto.
Ma ancora all'improvviso ecco di nuovo
riesplodere quel canto di cicale,
quasi a cullar la pace…solitaria,
tranne ora che le fan…la serenata…


Un fatto, una poesia
da corriere.it, 25luglio 2020- È un'estate difficile per Lampedusa. L'isola delle Pelagie, avamposto d'Europa nel Mediterraneo, affronta l'emergenza di sbarchi continui, soprattutto con piccole imbarcazioni. E il sindaco Totò Martello alza la voce: "È una situazione ormai ingestibile. Se il governo non proclamerà lo Stato di emergenza per Lampedusa lo farò io. L'hotspot non è più in grado di accogliere migranti, la responsabilità di questa emergenza non può ricadere sul sindaco, sull'amministrazione comunale e sui lampedusani". Le dichiarazioni del sindaco arrivano dopo l'ultima raffica di sbarchi nell'isola (altri tre nelle ultime ore).
La situazione nell'hotspot dell'isola dove si trovano in questo momento oltre mille migranti, dieci volte la capienza massima prevista, preoccupa l'amministrazione. "Oggi non ci saranno trasferimenti in traghetto verso Porto Empedocle - sottolinea il sindaco - e intanto i barchini provenienti dalla Tunisia stanno continuando ad approdare sull'isola". Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese è stata nell'isola lunedì scorso: "L'attenzione del Governo per Lampedusa è massima - ha detto la responsabile del Viminale -. Tutti i migranti che sbarcano su queste coste verranno sottoposti a test sierologici. Cercheremo delle soluzioni per non pesare su questa comunità". Intanto, la situazione nell'isola siciliana resta molto delicata e la tensione, già sfociata in contestazioni all'indirizzo del ministro, cresce.
da blastingnews, 26 luglio 2020 - Galli ha ammesso di essere preoccupato, ma si tratta di una condizione che è parte integrante della sua vita e del suo mestiere. Tra i temi oggetto del dibattito in questi giorni, c'è un possibile ruolo dei migranti nell'eventuale innalzamento della curva. Sulle coste italiane arrivano decine di persone su barconi che, in qualche caso, hanno portato dei positivi al coronavirus e probabilmente altri ne arriveranno. I protocolli di sicurezza che prevedono tamponi, isolamento e quarantena sono messi in atto, ma c'è comunque apprensione…Alcuni sfuggono…
da adnkronos, 27 luglio 2020 - ''Aspetta un attimo, con tutto il rispetto, lei dice che se troviamo il vaccino, lo dobbiamo agli immigrati che sbarcano a Lampedusa? Mi scusi, se troviamo la cura al Covid, non è grazie ai medici italiani e ai ricercatori e scienziati del San Matteo di Mantova ma è grazie agli immigrati che arrivano? Adesso, questa perla mi mancava...E' colpa di Putin, è colpa di Salvini... Grazie agli immigrati, invece, troveremo il vaccino...''. Ospite di Nicola Porro a 'Quarta Repubblica', su Retequattro, Matteo Salvini replica così al filosofo francese Bernard-Henri Levy, secondo il quale ''il fatto che troveremo il vaccino in Italia e in Europa lo dobbiamo agli immigrati''.
da secoloditalia, 28 luglio 2020 - Indigna non poco il "comizio" pro migranti del filosofo francese Bernard-Henri Levy ospite di Quarta Repubblica da Nicola Porro. In contrapposizione a Matteo Salvini il francese si è permesso di dire in piena emergenza sbarchi delle fandonie colossali che neanche … avrebbe pronunciato con tanta sicumera. Con la prosopopea tipica dei guru della rive gauche. Dopo avere sputato veleno contro i sovranisti italiani , ecco la perla che ha sconcertato e imbufalito gli spettatori collegati sui social: i migranti sarebbero una chiave fondamentale per arrivare al più presto ad un vaccino efficace contro il Coronavirus. Testuale: "Il fatto che troveremo il vaccino in Italia e in Europa lo dobbiamo agli immigrati", ha a più riprese ribadito", suscitando lo sconcerto dell'ex vicepremier Salvini. "Siamo su scherzi a parte?", ha chiesto il leader leghista al conduttore.
Non è un segreto: i "barchini" s'è visto in più filmati vengono portati da navi-madri…poi rilasciati per drammatizzarne l'arrivo…

Quel…via-no-vai…
Da un paese che sta al di là di qua
qui giungon per portare a piene mani
aiuti d'ogni specie…quei lontani
ragazzi muscolosi in quantità.

Che fuggon dalle guerre e da angherie
-così, gridan - non loro: i qui vicini…
Che lottano pe' averli…cittadini.
Pei … fabbisogni … nelle … fonderie.

A cui aspirano e accorrono a frotte,
ché stan qui, proprio ov'è il loro al di là.
Speriam che tanto a lungo durerà
tal via-no-vai … e mai cambino rotte.

Che…a sangue e fuoco e guerra in quel paese
pur se è bugia e sta come noi…in pace,
qui gente … inoccupata c'è cui piace
opporre - le intriganti - mani tese…

Perfino portan virus … da ricerca,
per quei laboratori interessati…
Sperando che non faccian gli sfacciati
a volar … su chi proprio non li cerca!

Filosofia…Filosofia…ia…iaaaa!...
Se tu sei questo…"pardon, va-t'en…via!"


La raffica di soldoni già annunciata per mezzo '20 - arriverà in tasca…a dir bene a metà del '21
Intercettato in una telefonata…immaginata. - Povero Conte…costretto a fare …i conti!
Un po' sulla falsariga del ritornello di"Quando, quando, quando" di T.Renis

Conte-Tris
"Dimmi quando arriverà
(zum-zum-za-zà)
il soldone a vagonate…
Tu dicevi: "Eccolo qua!"
(zum-zum-za-zà)
Son parole sbugiardate!

Senti, senti, Conte-bis
(zum-zum-pis-pis)
chi frattanto chiuderà,
se già conti al Conte-tris
(zum-zum-pis-pis)
quello non ti voterà".

"Ma ci stanno, e in quantità
(zum-zum-za-zà)
quei che i soldi prenderanno.
Il che vincer mi farà!
(zum-zum-za-zà)
Pace a quei che chiuderan.

Un mensile ognuno avrà
(zum-zum-za-zà)
così a me l'avrò legato…
Dimmi un po' chi voterà…?
(zum-zum-za-zà)
Spero me, che l'ho aiutato!

E l'esempio già ci sta
(zum-zum-za-zà)
di ciascun che han … redditato.
È un principio di … lealtà
(zum-zum-za-zà)
per chi t'ha beneficiato.

Quando…Quando…capirai
(zum-zum-zai-zai)
che è così che il popolano
bene stretto lo terrai…
(zum-zum-zai-zai)
Stretto, stretto … in una man!

Ma un problema già ci sta:
(zum-zum-za-zà)
tutti tendon già la mano
ma a chi più, o di meno, andrà?
(zum-zum-za-zà)
Se mi sbaglio…spero invano...!"…

"Sai, non c'è … due-senza-tre
(zum-zum-zé-zé)
e vedrai che …quando, quando…
quando il voto lo do a te
(zum-zum-zé-zé)
darai soldi anche…all'armando!"
 

Un fatto, una poesia
da ilgiornale.it, 22 luglio 2020 - …è arrivato il via libera al cosiddetto Recovery Fund, il piano di investimenti dell'Unione Europea per sostenere l'economia dei Paesi membri, messi in ginocchio dalla crisi economica causa pandemia di coronavirus.Ne è uscito un accordo che ha trovato l'ok anche della rigorosa Olanda di Mark Rutte, uscito certamente non sconfitto dal testo finale…. All'Italia va una fetta sostanziosa: 209 miliardi, di cui 127 di prestiti e 82 a fondo perduto…. Come nelle sue corde, il presidente del Consiglio loda il lavoro dell'Unione Europea e gonfia il petto per il risultato ottenuto. La sua maggioranza lo ha accolto con un lungo applauso…a tessere le lodi lodi del Recovery Fund…. L'Ue è stata all'altezza del suo destino, della sua storia e della sua missione. Verranno emanati titoli di debito europei", esulta Conte, che parla di "poderoso piano finanziario per lo sviluppo e la crescita"…, il premier ha aggiunto: "È stata una trattativa molto serrata con posizioni diverse, alla fine è stata confermato il volume complessivo, pari a 750 miliardi di euro. Nel complesso la proposta è rimasta inalterata…Dunque Conte ha dichiarato che solo con un Unione Europea più politica si può preservare il mercato unico e la stessa unione monetaria. "Possiamo dirci soddisfatti del risultato positivo, che non appartiene ai singoli, a chi vi parla, al governo o alle forze di maggioranza ma all'Italia intera", le ulteriori parole del premier, che ha poi annunciato: "Il Governo si assume la responsabilità del piano nazionale di ripresa, che sarà un lavoro collettivo con il Parlamento". Un'apertura, almeno a parole, all'opposizione, come peraltro auspicata dal Silvio Berlusconi. Nel mentre, proprio dall'opposizione si è levata la voce di Giorgia Meloni, che chiede lumi al presidente del Consiglio su quelle che saranno o meglio sono le condizioni del Recovery Fund. In un post sui propri canali social, infatti, il capo politico di FdI pone più di un dubbio sull'effettiva libertà italiana di spendere questi soldi: "Il rischio molto concreto è che per riuscire a spenderli si debba passare troppo tempo a convincere tedeschi e olandesi o persino a farci dire da loro cosa dobbiamo fare con le nostre pensioni. Sarebbe l'ennesima cessione di sovranità e sarebbe, per noi, inaccettabile. Su questo, oggi in Parlamento ci aspettiamo parole chiare da parte del Presidente del Consiglio".

"Il debito più alto d'Europa!!"… Pare che questo grido infinito d'allarme, ora …non vada più di moda…Può anche continuare a…crescere…Ma…da che dipènne?!...Da 'ndove l'ago…pènne.

Si nu sto bbène io…stai male te!….
"Me sò 'nguajàto, a Ro'… N ciò più na lira…
E peggio - anche - de me - ce sò Wolfango,
Miguel, Rosita e Luis co Vladimira,
Aristidis … Stàmo proprio nder fango!

Si nun succede - e presto! - quàrche cosa,
qui zompa puro quello ar quinto piano,
co puro quello all'attico!...Na mano…!
Na mano!...Ma che sìì - però - corposa!

Er mutuo - qui - null'hanno frazzionato,
ragion pe cui 'gni rata nun pagata
la deve da pagà chi è più … dotato…
per evità che casa vienga … 'astata'!"

"A Re', n te sta a 'ddannà…che stann'a ddì
ch'er quarto e 'r quinto scùceno li sòrdi!
Perché gne conviè più a st'a ffà li sôrdi,
e ad aiutàcce n pònno che dì <sì> ".

"D'artrônne, a Ro', più prima de sta crisi,
ma quanti je n'avémo dati, noàntri!
È vero che sò furbi e che sò scaltri….
No, come noàntri, fregnoni ed indecisi…

Ma n te st'a rallegrà come quarcuno…!...
Pagàmo - sì - li bbùffi che ciavémo,
ma domani, deppiù! ce n'averémo!...
Nun te scordà: sò bbùffi!! Sarvognùno!"

"È vero! Io ce lo so!…Ma l'ha capito
chi sta a stappà le bbòcce de spumante,
e a lloro sta a 'nchinàsse…E - a noi - impettito
st'a ddìcce: "Ho vinto!..."….Tutto esilarante..?!...

Ma poi, p'er fatto che pe mmo' n c'è gnènte,
e in mano ce l'avremo…nfra orte n anno,
ancora festeggiàmo?....Eh!...Dico…Ggènte!...
Lo state - o nno! - a consideràllo, er danno?!?


Filastrocchette …
senza pretese, e a fisse rimette - Mai scritte, mai lette -

Buon profumo ha finocchiella,
buon profumo ha gelsomino.
L'uno è buon per la padella,
l'altro, odore dà al giardino.

Poveretto, Pulcinella,
quanto ambiva a uno spuntino!
La sua fame è la gemella
della stessa che ha Arlecchino.

Pizza bianca e mortadella
è spuntino sopraffino.
Come pur la panzanella:
piatto fresco contadino.

Quando Roma s'ingioiella
l'accarezza il ponentino…
Alla luna e ad ogni stella,
canta chi è trasteverino.

Ogni mamma è sempre bella
come bello è il suo bambino.
Quando lei è vecchiarella
lo vorrebbe ancor vicino.

Nera e bianca è rondinella,
tutto giallo è canarino.
E fringuello - no! fringuella -
grigio-azzurro è sul capino.

Se ne va la pastorella
su ai pascoli al mattino.
Latte fresco, caciottella
sono il pasto più genuino.

Cara mia la zingarella
con le carte da indovino,
se per me ci vedi iella
scarta, e…cambia il mio destino.

Maritozzo…sfogliatella
presi al bar col cappuccino
son bontà…Ma la nutella
è d'un gusto ch'è divino!

"Via col vento", con Rossella
non è un film da…botteghino…
E nemmeno è una…storiella…
Ma…"censura" è il suo destino…

Mezzo mondo oggi sbarella…
Ché la droga, nel casino
mette cellule e cervella
con siringa e bilancino…

Ritornava, la donzella…
Raccontava Giacomino…
Dando al giorno la favella
nel suo Borgo contadino.

Imbracato in caravella
segnò al mondo altro cammino…
Con l'aiuto di Isabella
ne cambiò tutto il destino.

Fanno ombra alla Cappella
il cipresso con un pino.
Nella pace - sempre quella -
sol - si sente - il cardellino.

Marachella, marachella,
trasgressione del bambino.
Fossi sempre e solo quella!
lungo tutto il suo cammino…

La sorgiva fontanella
un bel dì fa capolino
tra le rocce e la renella.
Cresce…e …è fiume! Era un…filino!

Fantasie son da novella
Peter Pan … Campanellino…
Ma san dare una più bella
vita al grande ed al piccino.

potrebbe continuare….
 

Filastrocchette …
senza pretese, e a fisse rimette - Mai scritte, mai lette -

Se mi dai una caramella
io ti dò un cioccolatino.
Non c'è cosa ch'è più bella
che scambiarsi un regalino.

Brilla già la prima stella,
un lontano lumicino.
Di candela la fiammella
di più illumina il cammino.

Se ne va alla chetichella
lo spinoso porcospino.
Una ruota lo spiattella:
è il suo tragico destino.

Solca il mar la caravella…
L'equipaggio a capo chino:
"Allontana ogni procella,
mio Signore, mio Divino!"

Arde già la carbonella
pel cappello di porcino
sulla griglia…Sale fino,
aglio, olio e del buon vino.

Dov'è andata Nunziatella?
È partita per Torino
per il pieno di ciambella,
di gianduia e grignolino.

La ritocca e la spennella
tutta casa, l'imbianchino.
Quando porge la … parcella,
serve a noi! un ritocchino…

La politica è zimbella
di se stessa, e nel casino
ben ci sguazza e fa la bella…
Ché per lei, mai! c'è declino.

Fammi avere la più bella!
Te ne prego, Valentino!
Sì!...Sto a dire proprio quella
con quel bel personalino…

Gira…Gira…Manovella…
Siamo prede nel mirino…
Di fortuna…O della iella?
Non è sempre - sol…destino!
/…
Lo saremo - o no - stampella
di chi … al via è più vicino?
Pur se a questo non s'appella,
sarò io così meschino…?

Gli hanno dato la pagella:
da buttarla in un tombino!
Buona neanche a Pulcinella
per due uova al tegamino

La teenager si ribella:
vuole subito il … timbrino
pe' ogni voglia e scappatella…
E…via mamma…e via papino…

Tonno, pomi e mozzarella,
con crostini al pecorino
insalata ricciarella
e due dita di buon vino.

Maccheroni e coratella
co' un po' di … peperoncino.
Per chi vuol - con la frittella,
fragoline al maraschino.

Casareccio con nutella,
bruschettato e arrosticino,
salsiccetta e finocchiella,
e ti passa il languorino.

In graticola o in padella
umettando al rosmarino,
quant' è buona l'alborella,
che ha pescato mio cugino!

Contadino: salamella,
pizzutello e vermentino…
Cittadino: sfogliatella,
col caffè, o col cappuccino.

Succhiar latte alla mammella
fa felice ogni bambino.
Che non sa, ma…in comunella
l'ha col babbo…il bocconcino.

Com'è bella Serenella
col colore alabastrino
sulla sua figura snella…
e il…culetto a mandolino!

Tanta gente si ribella….
Se n'andrebbe anche al…confino!
Ma finisce a .. tarantella…
o… a …tarallucci&vino!

(potrebbe seguitare…)
 

Un fatto, una poesia
Da InTerris, 21 luglio 2020 -
https://www.interris.it/intervento/dittatura-pensiero- unico/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=giornaliera - 
"Il giornalismo italiano è libero perché serve soltanto una causa ed un regime: è libero perché nell'ambito delle leggi del regime può esercitare, e le esercita, funzioni di controllo, di critica e di propulsione". 10 ottobre 1928, discorso di Benito Mussolini ai giornalisti. Inizia così la stagione della censura fascista…Chi esce dal coro, chi non si allinea ai canoni del pensiero unico, chi pervicacemente crede che la verità non può essere manipolata a piacimento e che ci sono valori e principi fondanti l'umano, che rendono una società "civile", oggi viene emarginato e ghettizzato dai "salotti" del potere culturale e mediatico, e domani potranno scattare le manette. Già, perché il pensiero unico tollera solo servi e schiavi della "verità" unica che esso stesso produce.: stiamo passando dalla dittatura del relativismo - certamente dannosa, ma che garantiva, anzi pretendeva, spazi di libertà alle opinioni del singolo - al totalitarismo del pensiero che non ammette repliche, non disdegnando di blindare il proprio potere ricorrendo al codice penale. Lo stiamo vivendo in questi giorni, con la vicenda del ddl Zan sulla cosiddetta "omotransfobia": dietro la maschera dell'alto valore di etica pubblica rappresentato dal contrasto ad ogni forma di discriminazione, ci sta la realtà di voler vietare ogni libertà di opinione e di manifestazione del pensiero su temi di enorme portata culturale, sociale, morale e religiosa quali l'affettività, la sessualità, la famiglia e l'educazione delle nuove generazioni. E' ben assurdo che in questo nostro tempo… Non passa giorno in cui non si senta dire che viviamo in un mondo globale, multietnico, multiculturale, multireligioso, in cui la tolleranza reciproca è regola indispensabile, e poi ci troviamo ad essere etichettati come "fascisti, seminatori d'odio, violenti discriminatori" - passibili di carcerazione - se in una pubblica piazza, in una scuola, in un convegno o dibattito si sostiene che l'adozione omogenitoriale è un'assurdità, l'utero in affitto è un incivile abominio, la natura ci offre due sessi e due generi e l'ideologia gender è "uno sbaglio della mente umana" (Papa Francesco), la famiglia naturale è una sola, con mamma, papà e figli…La narrazione dominante ci parla di "emergenza omofobica", che esige una "legge speciale" per arginare queste vergognose condotte. Domandiamoci: ci sono individui spregevoli che offendono, picchiano, diffamano persone omosessuali? Certamente sì. Ci sono leggi che puniscono i colpevoli di questi reati e tutelano i cittadini italiani, omosessuali o eterosessuali che siano? Certamente sì. Ci sono già stati casi di condanna per le condotte delittuose sopra descritte? Certamente sì…..L'ordinamento della Repubblica Italiana, a partire dalla Costituzione, si è dotata di tutti gli strumenti giuridici necessari a garantire la dignità di ogni persona, la difesa da ogni possibile violazione dei suoi diritti e la condanna degli autori di azioni delittuose. Ecco perché questa legge - anche a prescindere dalla evidente deriva antidemocratica e liberticida - è inutile. Anzi dannosa, perché -proponendosi come antidiscriminatoria - in realtà crea una nuova discriminazione, quella dei cittadini italiani che non essendo persone omosessuali non godranno delle stesse super-garanzie riservate a queste.

Dittatura del Pensiero Unico…divampa.
Da parte di chi…di 'antidittatura' campa…

Penso…Allora, esisto!
"Mumble…Mumble…Mu…Penso!...Allora, esisto!!
Bello, è esister, così…<libera-mente>!
Esistere…Pensare…A questo, insisto:
di meglio al mondo non esiste niente.

Diritto natural…Non può esser 'tristo'!
Sancito - pur - costituzionalmente
questo diritto, che adesso è malvisto.
Gente morta a milioni - allor - per niente?!

Di quale libertà van quei gridando…
Quella per … droga? E amor tra uguali sessi?...
Legge, c'è già! per chi 'l va profanando…

Scuse...Studiate…Per imbavagliare
chi a <Libertà> ancor crede…O, che sian…fessi?!...
Non han questi…'inventori'… altro da fare?!...

Tutto un grosso imbrogliare,
è stato: "Libertà!!!", gridata al vento?
Per prendersi su tutti…il sopravvento…?!...
 

Un fatto, una poesia - Er dopocoronavirus -
Da liberoquotidiano, 20 luglio 2020 - Anche i ristoratori se la prendono con il governo… hanno protestato in Piazza Montecitorio. L'associazione chiede interventi e maggiore ascolto da parte del Governo per fronteggiare la crisi generata dall'emergenza Coronavirus. Il calo del flusso dei turisti sta infatti creando problemi alle attività, specialmente nei centri storici. "Non siamo invisibili - hanno ribadito - Il Governo ci ascolti". E ancora contro L. Castelli: "Chieda scusa". La viceministra grillina ha scatenato une vera e propria bufera dopo aver consigliato alla categoria di cambiare lavoro in tempo di crisi.
Al Ministero dell'Economia sono fuori controllo. Antonio Misiani, viceministro del Pd, riesce forse a fare peggio della collega M5s Castelli…in un'intervista a La Stampa ha affrontato…mancato rinvio delle scadenze fiscali, che ha provocato la protesta delle partite Iva e dell'opposizione e l'annunciato sciopero dei commercialisti. "...E non credo che le partite Iva stiano peggio degli altri. Abbiamo già concesso rinvii, aiuti e sgravi. Presentarci come…è strumentale…".
da Ansa, 19 luglio 2020 - sottosegretario Economia e Finanze spiegando che "spostare anche i versamenti di giugno (già prorogati al 20 luglio) a settembre creerebbe un grande ingorgo fiscale…"Occorre che si prenda atto...tantissime imprese e tantissimi lavoratori autonomi impossibilitati a procedere ai versamenti nei termini fin qui previsti", avverte Confcommercio, che già nei giorni scorsi aveva fornito attraverso i numeri… la dimensione della "profonda crisi di fatturato e di liquidità". "Rinnoviamo la richiesta al Governo di prorogare le scadenze…per saldo 2019 ed acconto 2020", … il mancato rinvio rafforzerebbe "il 'rischio chiusura'. Ed il suo impatto diretto ed indiretto sulla finanza pubblica sarebbe ben maggiore di quello derivante dalla proroga delle scadenze fiscali".



da internet

"Pòssin'ammazzà…!!"
"A Sòra Le'… nun ho capito bbène…
Me state a ddì che state a 'nnà pe stracci…
Ma, dico, Sòra Le'…ma li mortacci
der virus che ce sta a riempì de pene….

Davéro, state a ddì…? N ce se pò crede…!…"
"Che vvòi, Albe'…Senza 'ncassà da mesi…
Chiusura - e mmo', pavura…Ciànno stesi!
E in più…c' è sto governo che…n ce vede!

Fa finta!…!...Ché … vò fà er gastigatore
co le cartelle…Pòssin'ammazzàllo!
Sò mesi che noi stàmo a supplicàllo:
stàmo ar verde…E che ffai: fai l'esattore?!...

Ma nu li senti quer che stann'a ddì
pe ddà la soluzzione a sti probblèmi?!
<Nu state a preoccupàvve!...N sémo scemi…
Noi ve capìmo: stàtece a sentì!...

Che…ècco quer che fàmo p'aiutà:
invece che sto mese, la scadenza
ve la spostàmo a st'àrtro!!!>. "Ma che scènza!!
Ma grazzie tante!…PÒSSIN'AMMAZZÀ…!!!".

<Mbeh…Er massimo che ve potémo fà
(ché - lo sapete - stàmo in Parlamento...)
è ddìvve de buttàvve ar cammiamento
de mestiere!...>…"RIPÒSSIN'AMMAZZÀ...!!!".
 

Oltre…il naso
Se n'andava Marco Polo
coi cavalli presi a nolo
a esplorar la geografia
ogni storia, ogni etnia,
nel cammino suo lontano.
Andò oltre il Tamerlano
e fu accolto con gli onori.
Tutto nuovo! Anche i rumori,
e i colori della gente,
voci, case…proprio niente
era uguale neanche un po'
a ogni cosa che lasciò.
Così, tanto gli cresceva
quel sapere che sapeva:
vasto, sì, ma limitato…
Mentre il mondo ora incontrato,
era grande oltre ogn'idea..
L'aiutava Cassiopea
ad andar verso l'ignoto
fino al divenir suo, noto.
Finché giunse in un Gran Regno
comandato da un Re degno
di rispetto e di amicizia.
Lì, pe' un po', e in gran letizia,
stette Marco, e lì imparò
cose nuove…E poi tornò.
Portò a casa stoffe, argenti,
spezie, e profumati unguenti,
varia frutta, coi limoni,
ed i mandarini buoni…
E i misteri - tal rimasti -
streghe e mostri...feste e fasti!
Ogni fatto e conoscenza
poi trascrisse con coscienza
in quel libro che è "Il Milione",
per narrare alle persone
quanto bello sia viaggiare,
per conoscere e incontrare
luoghi nuovi, idee nuove,
non importa come e dove.
L'importante è aver la voglia
d'andar via…di soglia…in soglia…
 

Un fatto, una poesia
da fanpage, 13 luglio 2020 - Dopo il sonetto sul blog Virginia Raggi chiede a Grillo: "Togli quel 'romani gente de fogna'". Virginia Raggi all'autore del post pubblicato ieri sul blog di Beppe Grillo: "Quel 'gente de fogna' non mi piace. Lo so che ti riferisci a chi ruba o incendia ma, se puoi, toglilo". Sostegno in vista della ricandidatura o benservito? Il post di Franco Ferrari pubblicato ieri da Beppe Grillo sul suo blog è volutamente ambiguo. C'è chi ha visto in quel testo una netta presa di distanza da Virginia Raggi, quasi un consiglio a lasciar perdere e a non provarci neanche a tentare il bis, e chi sostiene che sia in realtà un modo per spianare la strada al bis della sindaca di Roma. Tutti, le opposizioni ma anche alcuni consiglieri capitolini del Movimento 5 Stelle, hanno invece duramente contestato quel passaggio dello scritto di Ferrari in cui l'autore definisce i romani 'gente di fogna'. Le dure polemiche nate da quelle parole hanno costretto Raggi a chiedere di rimuoverle: "Quel 'gente de fogna' non mi piace. Da Giorgia Meloni a Matteo Salvini, dal Partito democratico a Italia Viva e ad Azione, tutte le opposizioni hanno criticato aspramente le parole di Ferrari sui romani. "Non è chiaro se il sonetto che Grillo ha dedicato alla Raggi sia una esortazione a non ricandidarsi come sindaco o un invito ad andare avanti. Temo che non lo sappia nemmeno lui. Quello che invece è chiarissimo è il disprezzo di Grillo per i romani. Espressioni come 'gente de fogna' sono inaccettabili e mi auguro che il sindaco della Capitale prenda le distanze e pretenda le scuse", ha scritto Meloni. "Roma si merita serietà ed efficienza, la Lega e i romani sono pronti a restituire alla Capitale l'onore e la bellezza perdute", il tweet di Salvini. ""Gente de fogna". "Monnezza di persone". Dopo il disastro della Raggi in 4 anni di degrado, corruzione e fallimenti, Grillo chiude il sipario coprendo di insulti i romani per difendere la sua pupilla. Indegno", l'attacco del deputato romano di Italia Viva Luciano Nobili. E ancora l'ex ministro Carlo Calenda: "Caro giullare di terza categoria prima ci scarichi addosso un Sindaco disastroso che ha finito di ridurre in brandelli la città e poi ci insulti? Pensi che i Romani non sappiano usare il vaffa? Vedrai il prossimo anno alle elezioni". Anche due consiglieri del Movimento, Marco Terranova e Gemma Guerrini, hanno preso le distanze dal post sul blog di Grillo. Così Terranova: "Mai e poi mai mi permetterei" di apostrofare i romani, "specialmente collettivamente, con epiteti come infami o gente di fogna. Chiedo scusa ai romani per il post comparso sulla pagina di Beppe, anche se non scritto da lui personalmente, da cui sento di prendere le distanze". D'accordo anche la consigliera Guerrini: "Poche volte ho letto qualcosa di più squallido e di più volgare del post pubblicato oggi sul blog di Beppe Grillo intitolato "Virgì, Roma nun te merita". Un testo scritto in un finto dialetto romano da un finto proletario (provate dalle mie parti a parlare di "gonadi"…) che ha pensato che per immedesimarsi e acquisire consensi basti essere il più trucido possibile, mettere un po' di parolacce in fila e prendersela con chi critica, definita gente di fogna e infame.

Fagottèllo, Virgì!...Ché nun sei degna….
A carcolà a quer truce è idea sballata,
pe cui er "vaffa…" suo "… e mòre llà…
Quell'àrtro…n poveràccio…chi è?!...N se sa…
Sei te - Virgì! - te e sta miracolata!

Te pò - solo sarvà na nevicata,
che l'anniscônna tutta, a sta città
ch'hai ruvinato…E mmo…st' indegnità
che mai! ve potrà èsse perdonata!

"Lèva er <gente de fogna>, si pòi fàllo…"…!?!...
Ma…grazzie tante! pe sta concessione…
Àrtro… - propio n t'ariesce! - de penzàllo!?…

Er solo verzo giusto, sai qual' è?
"Fa' 'r fagottèllo…"… E … sòrti a pecorone
dar Campidòjo … che nun fa pe tte! Filastrocchetta di…

…Chi la vuol cotta…Chi la vuole cruda…
C'è chi la vuole cotta
foss'anche la ricotta.
E chi la vuole cruda
seppure ognun deluda.

C'è chi si sente buono
però non dà il perdono.
E chi è cattivo - invece -
per lui dirà una prece.

Ci sta chi senza l'esca
va al mare a far la pesca
e scambia per ombrina
la scarpa…senza spina.

Ci sta chi ruba e imbroglia
e a far passar la voglia
non c'è una…penitenza
ma assai benevolenza…

C'è chi si sente … "Chi!"
ma fa "chicchirichì"!
Ché meglio non sa fare.
Eppur … vuol governare!

E se è la Filastrocca
che frecce addosso scocca
per dir quel che non va,
in pace - ancor! - si sta.

Filastrocchetta cara,
che ti sei messa in gara
tra chi di più ti stima
e il senso ti dà in rima,
il premio dallo al …Vate
che più le ha … ben baciate!
(Ma scaccia ogni poeta
che al…"metricar"…s'inquieta).


Un fatto, una poesia
E dopo il fatto ormai a conoscenza 'universale' della magistratura del 'colpo-di-stato', eccone un altro, tanto per non farsi e non farci mancare niente.
https://www.secoloditalia.it/2020/07/il-fatto-ci-vuole-lo-schioppo-contro-quelli-di-fdi-meloni-furibonda-video/

Con tutto il rispetto per la persona e la sua carica.

A tu-per-tu côr presidente
Mattare',
Vorèi sapé:
chi deve da penzàcce
si nun ce penzi te.
Succèdeno cosàcce…
Ma…com'è…?!

Vòi stàcce!
O propio n ce vòi stà
a ffàll'annà
fòr da inzurti e da minacce
sta cosa che…sarebbe tanto bbèlla,
presidente Mattarella?!

Si scénni ggiù,
s'annàmo a pià na bbìra
(ma intanto scùsame der "tu")
Così, parlamo n po'
de sti … ggiorni dell'ira…
de quelo che se pò, o che nun se pò!

Ché - vedi - Mattarè,
(grazzie d'èsse sceso)
qui - lo stoppino l'hanno troppo! acceso:
deppiù…ma tant'assai deppiù
de quer che avréssi immagginàto tu,
e io…e tutti quanti!
Messo che nun stàmo a ddì de…santi,
l'ammetterai - però -
che da na parte stànn'esaggerànno…
Tra te e me, si te dicessi:
"Colpo de stato"…
Eh?...Che faressi!
Staréssi ancora zitto? Ma è successo!
Quer governo, cascato
n doveva cascà mica! L'hanno detto
li maggistrati onesti…
Tu sei onesto - sì! - ma…n pare che contesti…!...

Ancora tra me e te,
si co un giornale (che ciarimèdia pure…)
quarcuno se mettesse a minacciàtte,
ma a minaccià de brutto: de sparàtte!
Tu che faréssi?
Eh, No!...N te stà a girà…
Guarda la reartà,
na vòrta tanto!

Guarda qua…
Te vòjo dimostrà
na cosa che più sémprice n ce sta.
Questo è 'r boccale,
e questa qua è la bbìra,
che co sta leva scénne…
Mo', è naturale
che più all'ingiù se tira,
e più nun pòi pretènne
che nun succeda un grosso …patatràcche!
La schiuma sòrte…Casca la bevanda…
La leva scénne ancora…Mille e più patacche…

S'allaga la locanda!...
Se sporca tutta quanta…
E li vestiti addosso, aruvinàti!
La bbìra scénne a scroscio…Nu la pianta…
È un caos pe dapertutto…
Noi sémo inviperiti…
E stàmo a bbécco asciutto.

Pe na fregnàccia, guà che tòcca véde…!...
E penza a quelo che ce pò succède
co…sti aroganti…
Ce stai penzànno, a quanti
-nfra li…protetti da l'ideologgìa
ciannerebbero! a avverà la…"strateggìa"
ch'ha predicato quelo scellerato?!

Mattare'…
Giustificàlla ancora
sta prepotenza…st'illegalità,
è come dì che state ad accettà.
E uguale è in caso fàccino le scuse…
Pelose!...Troppo!...Restino l'accuse!

Ma poi…Volémo dì
de quele vostre prediche sull'odio,
che - tanto - e giustamente - ve fa schifo…?!
Ma invece - a quanto pare -
chi più l'accénne…più pò stà sopra 'r podio!
Davéro!…Nu è un gran modo de gestì…


Filosofeggianti e devastanti…
…fino al …"colpo-di-stato"

"Avanti!" intitolavano il pensiero…
Quando valeva l'ideale, allora,
col gran comparto manifatturiero,
che adesso stan mandando alla malora.

Al piccolo industriale, al commerciante
il marchio hanno affibbiato di evasore…
L'invidia han coltivato, e devastante
'supertassa' ha sfogato il gran rancore.

Per voglia di controllo ad ogni costo
invece di aiutare a "andare avanti"
burocrazia impedente gli hanno imposto
così che i passi indietro son costanti.

Hanno imboccato strade … d'aperture
al … drogamento d'anime e cervelli
col si può tutto…E tutte le brutture
son solo…cavolate da monelli…

Così, i monelli stessi hanno capito
che a … monellare in grande si fa tanto…
E il discolo può essere insignito
d'alloro marcio da portar con vanto.

Col 'millechiodi' appiccicati al vento
dell'ideale d'inseguir l'ideale
tanto han volato finché ormai - a stento
sanno che esiste una realtà reale.

L'"Avanti" s'è fermato…anzi…indietreggia
pe' intimorir con quel ch'è già sepolto.
E - del pauroso - a paladin s'atteggia
per un consenso che è ad altrui distolto.

Ed ottener che 'l suo 'dictar' … sia assolto.
Intanto, finché gli occhi restan chiusi
e il vil 'colpo-di-stato' * è 'non risolto',
imperterriti continuano gli abusi.

*non è filosofeggiare. Si tratta semplicemente di
quanto denunciato dalla magistratura contro se stessa.
Ottenuto facendo cadere un governo democraticamente
voltato dal popolo italiano per lunghi anni osteggiato,
e alla fine fatto cadere con sentenze pilotate. Questo hanno
affermato con provate denunce, i magistrati onesti.
Cronache maggio-giugno 2020
Il 4 luglio 2020 tutto questo è stato ribadito a gran voce in Piazza del Popolo, a Roma.

 

I giorni del Coronavirus - EU
-da Blastingnews, 16 aprile 2020 - La presidente della Commissione Ue, Ursula Von der Leyen, oggi si è scusata con l'Italia, ammettendo che molti Paesi all'inizio della pandemia non sono stati presenti quando abbiamo avuto bisogno di aiuto…Adesso l'Unione europea abbia il coraggio di difendere e tutelare tutti i popoli….Difendendo l'Italia difendiamo anche l'integrità dell'Ue…Nonostante le misure di coesione e gli aiuti economici pervenuti fino ad oggi, l'Europa continua ad essere divisa. C'è ancora troppo silenzio (e in alcuni casi totale dissenso) ad esempio attorno all'iniziativa Eurobond caldeggiata in primis dal premier italiano, Giuseppe Conte. La cancelliera tedesca, Angela Merkel, non è però d'accordo [VIDEO] e l'Olanda si unisce al coro…Oltre al rifiuto, l'Italia ha ricevuto anche offese che non fanno altro che fortificare quegli stereotipi che distanziano i Paesi europei l'uno dall'altro: il quotidiano tedesco Die Welt ha, infatti, sconsigliato alla cancelliera Merkel di accettare la proposta Eurobond, in quanto "in Italia, la mafia sta aspettando soldi dall'UE"…Non è dato sapere come si evolverà la situazione socio-economica dell'UE, ma nonostante le differenze (piccole e grandi) tra Paesi, la speranza è che si riesca a trovare un punto di comune accordo che non vada a intaccare l'autonomia di nessuno.Riportando ancora le parole della Presidente della Commissione Europea 'solo insieme saremo più forti'.
-da LaStampa, 16 aprile 2020 - Per tutti, nessuno escluso, è tempo di chiedere ufficialmente scusa all'Italia. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dà l'esempio. Nel suo intervento in un'Aula del Parlamento UE deserta a causa del Coronavirus, fa ammenda. "Sì, è vero che nessuno era davvero pronto per questo, ed è anche vero che troppi non c'erano quando l'Italia aveva bisogno di una mano all'inizio di questa pandemia". "E per tutto questo è giusto che l'Europa nel suo insieme offra sincere scuse". … Non solo scuse, anche retromarcia
Nell'Europa degli Stati e delle istituzioni comunitarie che si sono mosse in ritardo o che hanno letto male la situazione, ci sono anche altri esempi di cambi di rotta. Non scuse vere e proprie, ma di retromarcia. La più clamorosa quella della presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, protagonista di un'uscita poco felice sull'Italia. "Contenere gli spread non è compito della Bce", ha detto a inizio marzo rispondendo a una domanda sul Paese. Risultato: spread alle stelle e reazioni del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Pubblicamente Lagarde non ha mai chiesto scusa, ha solo preso atto di una sua uscita infelice in seno al consiglio direttivo, per cambiare rotta di lì in avanti dicendosi pronta a fare tutto il necessario per arginare la crisi. C'è poi anche la marcia indietro del ministro delle Finanze olandese, Woepke Hoekstra. Questi era arrivato a chiedere alla Commissione europea di "indagare sui Paesi che chiedono i Coronabond". Il motivo? "Capire i motivi per cui non hanno abbastanza spazi di bilancio per rispondere all'impatto economico della crisi". Parole che hanno scatenato le ire di tutti gli Stati mediterranei. Alla fine l'olandese riconosce di non aver espresso "sufficiente empatia" e ammette di aver sbagliato. "Se raccogli solo tempesta, allora evidentemente non hai fatto bene". Un'autocritica, a cui non sono seguite però scuse ufficiali. Né cambio di idea sui Coronabond.
-da editoriale R. Prodi su IlMessaggero, 11aprile 2020 - … La terza decisione ha riguardato il famoso e dibattuto problema del Mes (Meccanismo Europeo di Salvaguardia) che prevede l'apertura di importanti linee di credito ai diversi Paesi, ma che comprende anche strette forme di controllo sulla loro politica: una specie di libertà vigilata ovviamente inaccettabile per l'Italia. Il compromesso raggiunto toglie la gran parte di queste forme di controllo, ma limita l'utilizzo del Mes alle spese sanitarie strettamente destinate ad affrontare le conseguenze del Coronavirus. Con questo i Paesi del Nord evitano l'accusa di non essere stati d'aiuto in un momento così difficile, anche se l'accordo prevede che si tratta di un prestito da restituire appena passata la pandemia. … Per concludere: nessuna rivoluzione dall'Europa ma, anche se ben poco in confronto a quanto fatto in Cina e negli Stati Uniti, qualche passo in avanti. Soprattutto perché il vertice dell'Ecofin è stato accompagnato da una maggiore capacità di intervento e da regole meno stringenti da parte della politica della Banca Centrale Europea. … Il processo di aggiustamento necessario sarà lungo e difficile. La solidarietà europea rimarrà limitata dalla debolezza delle sue istituzioni. Tuttavia conosciamo, almeno un po' meglio, tanto i limiti quanto gli aiuti sui quali possiamo contare. Il resto graverà sulle nostre spalle: non sarà un peso leggero.


Nei rapporti occorre essere corretti. Sempre! Il resto … viene da sé.

"Scuse…pelose"
A Unio'! che te sei messa in testa!
Eh!...a EU? N t'abbastava de avé rotto
daggià er…come se dice…E mmo'- de bbòtto -
te vòi rifà er…profilo de la festa…?...!...

Mo' ce sputtani…E mmo' ce chiedi scusa…
Mo' sei un còro che ce vò smerdàcce….
Mo' càmmi faccia e vènghi ad imploràcce
de èsse bravi…Che vvòi!...puro le fusa?!

Che…è strano, ma…succede puro qua…!...
Ndo' a chi s'oppone, li du' presidenti
pregànnoli d'èsse … accondiscendenti:
"Fàmolo assieme!", stann'a predicà.

Ma dopo - che accosì tranquillizzati -
se sò sbrigati l'affarucci loro,
co certa faccia senz'arcun decoro
je fanno:" N serve…Séte … dispenzati!".

E a centinara vanno li decreti
ma senza un minimo de approvazzione…
Reclàmeno <demograzzia>, e a paragone
nu stànno a paré mèjo de 'i … bolsceti.

A piacimento vai secônno l' ônna…
Dovémo-che?!...Sinnò vince la destra?...!...
Pò èsse un bene! a cammiàlla! sta minestra…
È bbèllo, eh?!...Si ognuno v'assecônna…

E questo, in quanto - mo'- a parlà de offesa…
Volémo rivangà le … imposizzioni
de sottostà a le mille immigrazzioni?...
Voi li cacciate … e a nnoi…tòcca la resa…?!...

Potevi penzà a èsse brava te,
invece de stà a offènne, e poi scusàtte…
Er danno parte…nu è che sta a 'spettàtte.
Corètti!...Sempre!...E er resto … viè da sé.

Comunque - vòi scusàtte, e sei sincera?
Vòi fà scordà davéro quer ch'hai fatto?...
Beh…fa' le…riverenze. Perché è un atto
che deve apprezzà in primis, la bandiera!
 

I giorni del virus

Buon riposo, Italia,
buona fortuna

I giorni del silenzio
(culmine marzo-aprile 2020)

Trabocca ogni tua strada ed ogni piazza
ed ogni viale e vicolo, di vuoto,
sia sconosciuto o a tutto il mondo noto,
in ogni ora. E sol timore impazza.

La storia, che qui è scritta ad ogni passo,
che il mondo col suo fascino trasporta
adesso tace - anch'essa sola e assorta.
Ed in sospetto attende, ogni suo sasso.

Di tanto, tutto il mondo sta privando
il morbo che si spande in ogni dove
come nemico che una guerra muove.
E a impari arma … s'oppone pregando.

Più duro è trapassar senza un abbraccio,
senza una mano che intrattien la mano.
Divenuto -par - inuman l'umano…
Ma serve ad evitar mortale allaccio.

I giorni del silenzio e dei pensieri
si van spegnendo lenti fra i ricordi
tra ammassi di frastuoni e di bagordi.
Forse mai più - sarà - com'era ieri.

Di giorno il sole e di notte la luna
ti guardano con attenzione nuova
e in tanto mal comune è quel che giova.
Buon riposo, Italia … Buona fortuna.


Perpetuo moto
Passa,e va, il tempo,
e sfila e s'ammatassa
e si dipana in un continuo cerchio
o all'infinito senza meta allunga
il divenire suo…Perpetuo moto.

Sale, sinuosa,
vacilla una fiammella
lascia di sé salir vaghe faville
su per la cappa, o anche a cielo aperto
le sere d'estate … E intorno, le favelle.

Passa l'amore
e ti s'insinua dentro,
e dentro te rimane, e più non esce
continuamente si colora e sbianca
e se mai fugge, torna…Perpetuo Amore
 

Un fatto, una poesia
da QuartaRepubblica, di ieri, 29 giugno 2020. Testimonianze documentate di un magistrato: "…plotone di esecuzione, nato dall'alto…" è stata la condanna a 4 anni…Schifato esso stesso (così si è definito quell'alto rappresentante del CSM). Ugualmente deprecabile e condannabile certo illegale comportamento per lo stesso Sansonetti (che non è così simpatizzante…). Le intercettazioni divulgate giorni fa, di rappresentanti del CSM per mettere sotto accusa il Capo della Lega, d'Ufficio! Per aver adempiuto a un suo dovere come Ministro dell'interno…"Siamo indifendibili!" ha detto chiaramente uno di loro in quanto alle misure adottate contro lo stesso. Enorme potere in mano a una magistratura - in parte - abietta, ingannevole, di parte, che con la "legge" cerca in ogni modo di mantenere il potere della parte politica d'appartenenza. Ventennale caso Berlusconi, prima. Salvini, ora…https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/quartarepubblica/puntata-del-29-giugno_F310147001002101
Limitazione della libertà di pensiero per imporre - anche con leggi ad hoc - il così detto 'pensiero unico'. Censura alla Fiera del Libro di Torino, di un libro che non piace a una certa forza politica…maggio 2019. Facebook controllato e oscurato e cancellato se a 'quello' non ci si attiene. Impedimenti pretestuosi/violenti, ad hoc, contro tranquille manifestazioni/comizi - autorizzati - nelle piazze da parte di partiti sia quando al governo, sia quando all' opposizione! Il caso più recente, ieri 29 giugno 2020, a Mondragone…Un continuo infinito di attacchi, insulti tra cui il più diffuso: "fascista!" che - detto in modo sprezzante a chi fascista non è! altro non è che un insulto. Dall'alto della torre…qualcuno guarda…e tace. Tutto questo aveva, e ha…un solo nome.


da internet


Indovinello
Giocan fra amici a far gl'indovinelli…
Aristocratico, e popolar gioco
da farsi in tempi brutti…in tempi belli…
per divertirsi tanto o almeno un poco.

Il primo, il cianfruglione del gruppetto
inizia a dir dell'uovo e la gallina…
"Ma è cosa tanto vecchia…!...Io mi aspetto
di dar risposta a roba più … vicina…"

-fa un altro, ch'è fra tutti il più sensato.
"L'ho io - in mente - un più …vicino tema.
In questo stesso istante l'ho pensato,
pensando a uno stranissimo aporema.

"Qual è 'quella' parola tanto odiata
ad un ventennio andato, riferita,
che nel ventennio di ora è diventata
democratica meta assai ambita?

Il suono suo e il suo significato
gli stessi! sono: cambiano i soggetti.
I quali son … chi 'quella' han condannato,
e a applicarne i principi - or - son provetti".




da internet romadailynews-giugno 2020

Roma- Inaugurato l'"anello" al Colosseo, presentato dalla Giunta capitolina come opera d'Arte Contemporanea (giugno 2020). All'interno è incisa una frase di Virginia Woolf:
"La stessa pietra che calci con lo stivale sopravvivrà a Shakespeare" (V.Woolf)…
Perché, no, a Dante Alighieri…Calzerebbe di più.

L'anello Woolf-Arena ar Colosseo
"Me stanno martrattànno a pesci in faccia!...
Me stann'a ffà passà tèra de caccia
co li cignali a spasso p'ogni urione…
Gabbiani e sorci ormai sò na quistione…
Sò un gran riccojitore de monnézza
che me vergogno a ffà tanta schifezza…
Sto diventànno tutta n'accozzàja
de spacciatori…e tant'àrtra gentàja…
Pe li giardini è mèjo a nun annàcce:
sò pieni de siringhe e mill'erbacce…

Mo', che ce posso fà…si da na parte
me vònno rinfrancà co … na certa "arte"
che chiàmeno "contemporanea"… Boh?!...
Che numme piace…Nun ce capirò,
ma ssò così strapieni de se stessi
che m'hanno messa ar pàro - lo vedessi! -
co' n tizzio ingrese…Ma che ciò a che ffà!
Che cià a che ffà co mme quer tizzio llà!
Fortuna, che sò er tipo che n s'offènne…
(ché a st'ora da quer dì! ch'ero già 'ammènne!')...
Oddio, n po'…!…Ma chi è che sta a pretènne
-e è anche pagato - de potémme …svénne?!...

Eterna, sò!...E Mondiale … E Popolana!
E n so dìje Arte…a sta robbétta strana…

Ma che è sta scritta presa pe …vangelo
che me fa più immortale (santo cèlo!)
de no scrittor-poeta…E che vòr dì!?...
E usànno - poi - na frase de…n so chi…(!?)…
Se sa! Che sò immortale ortre ogni morte!...
Se sa che viè dar fato che ciò in sorte!
Ma che pònn' azzeccàcce Woolf e Arena…
Gn'abbasta a ffà er confronto co Orte, o Oliena…?!..."….


I giorni del virus
da tgLA7, ora pranzo, 26 giugno 2020 - varie notizie interne ed esterne su non rosee previsioni…Anche qui da noi. Timore per possibile recrudescenza autunnale …. Palazzi occupati, a Roma-Garbatella…a Mondragone…con un numero di contagiati…E si tratta di persone non dedite al rispetto delle leggi in generale e di quelle di prevenzione contagio in particolare. Le ONG stanno dando il proprio contributo…con purtroppo un numero di contagiati a bordo…Quanto…Quanti, sfuggirà…sfuggiranno ai controlli…E ancora una volta in più viene fuori - dalle cronache - l'accogliente bontà…a proprio uso e consumo, addirittura in più ambiti religiosi ...Ma non è una novità. E a Mr. Virus non bastano le consunte consuete paroline magiche: nazionalista…razzista…

Se la ride e se la canta…Mr. Virus non si schianta
"Hi,hi,hi,hi,hi,hi,hi…"…!...
Ride, occhietti mandorlini
pei disordinati dì
dei già grandi, o ragazzini…
tutti presi e incoraggiati
a tornare al …'come prima'…
e scordare gl'infettati
ché - il percento - or non tracima.

Però, intanto, se la ride
virusetto, birichino
tanto amante delle sfide
che intravede in tal casino
di palazzi 'zona rossa'
di arrembaggi irrefrenati
-che darebbero la…scossa
ai più attenti e ai più smagati -
delle chances per contagiare
e 'ri-chiudere&isolare'…

Se la ride…Il buontempone
di scienziati annuvolati…
di politici in tenzone…
e dei più indisciplinati.

Ride…al ridere di tanti
che si sentono già 'fuori'…
E anche al fare di intriganti
tutti smossi dagli ardori
di riempirsi tasca e cassa…
Gente infame ch'è mai parca
cui ancora non gli passa
con la nave e con la barca
di arricchirsi a profusione.
Con lo schifo che fra loro
ci stan 'quei di religione' !!
Che si strozzino…con l'oro!

E lui guarda…e ride…e aspetta…
"Tanti e tanti ne ho infettati…
Ed ognun tanti altri infetta…
Tutti! a me 'i vedrò prostrati!"
Ma non starti a esaltar troppo,
'cinesino' del malanno!
Il vaccino! Avrai d'intoppo
e mai più potrai far danno.


LA VITA …IN QUATTRO… MOTTI
LA VITA È UNA PRECISA SOTTRAZIONE
SEPPUR SIA NEL CONTEMPO ANCHE ADDIZIONE

E A TUTTI TANTO DÀ E A TUTTI TOGLIE
MISCHIANDO UN PO' DI GIOIA A TANTE DOGLIE

TENERLA CARA E STRETTA È OPERAZIONE
DA SOLVERE CON UMILE ATTENZIONE
CERCANDO L'EQUILIBRIO E LA MISURA
TRA QUEL CH' È FREDDO E QUELLO CH' È CALURA

 

La meraviglia perduta
Se non ci meraviglia più la luna
dovremmo preoccuparci almeno un po'.
Qualcuno crede ancora alla fortuna…
Spariti Peter Pan, Maga Magò…

Da nuovi miti siamo abbacinati:
Il virtuale, la celebrità…
Santoni e governanti improvvisati
a misurarci la stupidità.

Di luce propria brilla fantasia,
riflessa è ogn'altra, o addirittura è imposta.
Ci han derubato i "credo" … No! energia.
E a domanda, sfugge, o è falsa risposta.

Siam come nuovi servi della gleba
in mano a chi ci vuole un numeretto
e a chi ci spolpa dentro come ameba
per reimpostarci anima e intelletto.

Dovremmo ognuno andar con la lanterna
a ricercare il buon che s'è perduto
falciando a un modo che non si discerna
quel che tra il marcio, sano era cresciuto.

Se non ci meraviglia più, la luna,
e se finisse pure la poesia
poca speranza avremmo, o anche nessuna
che non ci prenda - alcun - per asfissia.


Fatti, una poesia
da Ilrestodelcarlino, 14 giugno 2020 - Abbracciare il figlio e dargli un bacio, in tempi di coronavirus, può costare 400 euro. Una mamma si è trovata di fronte ai carabinieri, chiamati dall'educatrice della Cooperativa Dimora di Abramo, che aveva invano tentato di separare la donna dal suo bambino di 9 anni….Ma l'educatrice segue le regole legate al coronavirus. Interviene cercando di separare la mamma dal bambino, segnala che le norme dell'emergenza sanitaria impediscono questi contatti. Il presidente della Dimora di Abramo conferma: "Siamo profondamente dispiaciuti… ma le modalità dell'incontro erano note ed erano state preventivamente concordate e sottoscritte dalla madre"… Una versione che contrasta in parte con ciò che racconta la donna: "L'operatrice mi ha salutato ed è andata a prendere il bambino. Lui mi è corso incontro e l'ho abbracciato. L'educatrice ha iniziato a dire che non ci deve essere contatto, che ci vogliono mascherine e distanza di sicurezza, minacciando di interrompere l'incontro e di chiamare i carabinieri. Quello che avevo firmato? Era mesi fa, in questi mesi tutto è cambiato". Troppo difficile però per la mamma lasciare quell'abbraccio: "Non me la sono sentita di staccarmi, dopo mesi io mio figlio me lo godo tutto. Alla fine sono arrivati i carabinieri. Mi sono sembrati a disagio, imbarazzati…. se davano la multa a me, dovevano andare in via Emilia a controllare tutti".
da Stasera Italia, 19 giugno 2020 - De Luca 'dall'avello', insulta Salvini…Non ci sta con il commento alle piazzata follemente incontrollatissime per festeggiare il Napoli. S'appella al raduno ben controllato e 'mascherato' del 2 giugnmo…Ma che ci vuoi fare…D'altronde… - La Taverna sbaglia il conto: dice 'maggioranza!'…Ma 'maggioranza ' non c'è! Ritornare domattina…- Il resoconto sui soldi pronta cassa...'vuota', perfino già distribuiti (piccola parte)la gente disperata, il caso INPS delle bugie e delle incapacità…ma stanno ancora là….


Bartali usava dire: "L'è tutto da rifare!"

È tutto da rifà…!....
Ma drento a le capòcce de sta ggènte
davèro n c'è rimasto propio gnènte?!..
Davéro pònno gastigà na mamma
pe'r bacio ar fìo, e n c'è chi dice "Smamma!!
genìa capace solo a mmétte in croce
chi qui da noi n cià un minimo de voce,
e a piazze de esartàti j'è permesso
quarsìa - sippur - pericoloso eccesso??
Ma…sempre si sconfìffera a chi pò!...
Perché pell'artri er "no!" rimane "no!".
Qui, a ffòrza de stà sempre a lassà côre
ce stann'a ffà capì che chi discôre
vò solo stàsse a impone … senza gnènte…
pijànnoce - uno pe uno pe demente!

Stann'a discute, mo', tra giornalisti…
St'a ddì - uno - che li sòrdi n se sò visti!
Che sarebbero quelli che…Pinocchio
giurànno:"Mo' nu stàmo più in ginocchio!...
ché sò arivati già…mijiardi a ufo!!
Perciò, nisuno più stii a ffà er gufo,
ché sto a distribbuìlli in tutti 'i pizzi!"…
L'artro, l'ammétte, ma…(embeh…sò vizzi!)
poi sputa la sentenza de la sera:
"Discorzo degno - fa, co na sicumera!!...-
da fàsse ar bàre!..- Li sòrdi - se sa -
nu stanno qua…ma…déveno arivà…
Ma nu è pe mmo'!...Se sa ch'è p'er 'ventuno!"…

"Porcaccia la miseria!...Sarvognuno!
Tu stai tranquillo! Ciai li sòrdi a spasa!
Va' pe davero a 'i bar…va' in ogni casa!
Va a véde come stanno sti … cretini …

Che n ciànno o che n ciavranno li quatrini
nemmanco pe magnà!...Ma n te vergogni…
Scénni n po' ggiù…dar castello de 'i sogni!".

E quelli n sò! de quelli mantenuti…
Ché quelli llì da sempre crèeno er 'pille'!
Mo' stann' agonizzànno, e … gnènte aiuti!
Fann'arabbià - ste cose - solo a ddìlle!

E poi…C' è un Tizzio che se pò permette
de inzurtà un Caio…A questo, le manette!
je 'nfilàveno, a ffàllo lui a quello!
Pe certi, si sapessi, quant'è bbèllo
a schizzà l'odio a destra e (mai) a manca…
E in Parlamento, pure si j'amanca
un voto, quella strilla:"Maggioranza!"
Ce vòle…o nun ce vòle n'arternanza!

Na parte ce distrugge e sta ar governo…
Quell'àrtra nun pò ffà…E a nnoi: l'inferno!
Perciò che te sto a ddì, caro compà,
qui è tutto!...tutto quanto! da rifà.
 

Un fatto, una poesia
da AGI, 11giugno 2020 - I cioccolatini sono razzisti? Via i moretti dai supermercati svizzeri. La decisione arriva dopo anni di polemiche e petizioni, ma suscita anche reazioni contrarie. È razzista chiamare moretto un dolce al cioccolato che peraltro nasconde il candore di un'anima di panna? Sì, per i supermercati della Migros, nota catena svizzera, che hanno stabilito, dopo anni di polemiche e petizioni, di ritirare dagli scaffali la golosità prodotta dal 1946 dalla Dubler, azienda del Cantone dell'Argovia, nel nord del Paese, dove sono conosciuti come Mohrenkopf, 'teste di moro'…
Avvolti in una carta dorata, che merita più attenzione della frenesia con cui viene scartata, nascondono sotto una sottile scorza di cioccolato un tripudio di crema appoggiato alla base di wafer. L' 'eliminazione' del moretto è arrivata nelle scorse ore con un tweet in risposta all'ennesima protesta di un utente he definiva "estremamente razzista" il nome della delizia. "Abbiamo deciso di rimuovere il prodotto dalla gamma - ha twittato Migros -L'attuale dibattito qui ci ha spinto a rivalutare la situazione. Siamo consapevoli che questa decisione porterà anche a discussioni". Questo non significa che la squisitezza sparirà perché, ha precisato la catena, la decisione riguarda solo la Dobler, l'unica azienda che si ostina a chiamare i dolci col suo nome originale, mentre gli altri li hanno ribattezzati da tempo con un più universale kiss. In effetti, gli animi su Twitter si sono scaldati, come previsto, e in perfetto multilinguismo elevetico. C'è chi parla di "nuova, dilagante e subdola dittatura del politicamente corretto"…Si è indignato anche un uomo di fede, o almeno così si presenta: "Oggi Migros non chiama più così i moretti per rispetto, ma di cosa? E io che sono un sacerdote potrò esigere che Migros dia un nome nuovo agli 'strozzapreti'?".




Est modus in rebus


Li moretti
"'Nteso?...Hann'abbolìto NanniMoretti!"
"Ma nno! Moretti!...Vòi dì li! moretti!
Quelli vennùti a uno…a due…A etti…"
"Mbeh…Ma perché? È forze che èreno infetti?"
"Ma nno…Stànn'a ddì ch' èreno … sospetti…"

"Eeeh!...Ma allora ciaivòja a stà a 'bbolì! …
Ché…n se sa mica ndo' se va a finì…
Eh, ssì!...perché - te dico …St'a sentì:
ce lo sai, sò tutti! "moretti", qui,
si n sò biônni… o rosci…A Roma è così!"

"E va bbè…Fàmo biônni quelli mori…"
"Ma nno!...Che stai a ddì!...Stai propio fòri!
Si fai così…poi senti tu, li còri
de ggènte strainfarcita de rancori!
E a ffà così, che fai: je l'avvalori!"

"Ma, allora…!?." - "Allora, che!...Sènteme a mme:
si mo' fai tutti biônni…sai chedè!?
Se 'ngrìfeno più peggio! Eh, ssì! Perché
fà tutti quanti biônni vòr dì che
chi è moro nun te piace…Ce stai, Re'?"

"Eh, ssì! Eh, ggià!...?....Mo' sto a capìcce meno…
Davéro, a Ro'…È più mèjo a mmétte n freno…
Più affônni e più er discorzo nu è sereno…
Razzisti…(?!?)...stànno a questi côr veleno
ce sémo tutti!!...Ar …wc…pellomeno…
 


Senza ieri…solo oggi …e no domani.
Così, stan (s)governando tanti inani.

Questa - in gran parte - la gente al governo.
Ci servirebbe qualcosa di…alterno.

(interessanti commenti-documentati sulle bugie
più volte già sbugiardate - di chi è al governo
a Dritto&Rovescio di ieri sera giovedì, 18 giugno 2020,
anche da esponenti di Sx).

Concisa-mente

Momentanea…Mente
"Come che vòr dì!...Vòr dì: momentanea….
Cioè - mente, che n funziona che ar presente.
Che - cioè - si ha da penzà a ieri e a domani
se perde 'i contatti…va in tilt…s'estranea…"

"Capito, a Re'!...Sarebbe che 'r ciarvèllo
diventa un PC che s'è perzo 'i dati…
pìa li nòvi, ma n pò memorizzàlli…
Inzomma…manco adatto ad un fanello * ". *ragazzino

"Esattamente, a Ro'…È pe ffàtte intènne
si quanti se diménticheno … ieri…
e a ogni … oggi stann'a ddì: <Faremo…!!...>,
e…domani … da lli! - sempre! - a riprènne…"
 


BER LINGUER
BER TINOTTI
BER SANI
BER LUSCONI

Politica…fantasiosa



Politica…BER…
"A Re'! Ciài fatto caso tu a sta cosa…?...
Che pò parétte na gran fesseria,
na ròbba che nu è vera e nu è maggìa…
Però, a guardàlla bbène…nu è curiosa...?...

Ché - sai - io ciò la mente fantasiosa,
ed ogn'idea galoppa…Mamma mia!
Ma a vòrte sa imbroccà la … giusta via,
quela vera, sippuro n po' giocosa…

N po' malizziosa…se potrebbe dì…
Co quattro BER, rifai tutta la storia
politico-idealista…Sta' a sentì…

Li BER pe cinquant'anni hanno guidato:
Linguer, Tinotti, Sani … Da memoria!
Ma poi, Lusconi, è quello ch'ha svortàto".

"Li BER, mo' sò finiti, a Ro'… peccato!
Mo' c' è n accrocco adatto ar varietà…
Ché, sì!...Fa ride, ma…n sa governà.
Quer BER gegnale, va storicizzato!


Un fatto, una poesia
a IlGiornale.it, 10 giugno 2020 - Casapound, giudice sconfessa il pm: "Odio razziale? Non ci sono prove". Sviluppi sul caso del palazzo occupato da Casapound nel quartiere Esquilino a Roma. Per il gip il reato di istigazione all'odio razziale non c'è.
da IlTempo.it, 3 giugno 2020 - Non c'è istigazione all'odio razziale. Si apre un nuovo capitolo della saga Casapound a Roma...La sindaca Raggi scrive su Twitter : "Finalmente qualcosa si muove su sgombero palazzo occupato abusivamente… Ripristiniamo la legalità". La sindaca grillina da tempo ha dichiarato guerra a CasaPound...
da IlMessaggero, 19nov.2019 - caso cinemapalazzo… Dal 2011 ad oggi, nell'edificio di piazza dei Sanniti si sono organizzate dalle feste danzerecce ai dibattiti, ai quali hanno partecipato, tra gli altri, leader dell'antagonismo nazionale ma anche ex terroristi, come la primula rossa delle Br Barbara Balzerani, che qui è di casa...Per l'occupazione del 2011 è ancora in corso….il processo che vede imputate 12 persone, da Sabina Guzzanti all'ex deputato del Pd Marco Miccoli. Alla sbarra, con l'accusa di invasione arbitraria di edifici o terreni altrui, ci sono anche l'ex consigliere capitolino di Sel, Andrea Alzetta e Nunzio D'Erme, leader dei centri sociali romani. Secondo la Procura "in concorso tra di loro, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso - si legge nel capo d'imputazione - hanno arbitrariamente invaso al fine di occuparlo lo stabile"....il "furto di energia elettrica" da parte degli occupanti.

Di occupazioni a Roma ce ne sono tante…Ma c'è quella che è - così sembra - … più occupazione di tutte le altre…

Occupazzioni, e…Occupazzioni…
"È vero, a Re'!...Coll'odio n se va avanti…
Nfra tutti l'ingredienti utilizzati
pe costruì l'òmo, è tra li più azzardati…
E in corpo ce n'avémo propio tanti!..."…

"Eh, sì!..Però me pare che … sti 'santi'
'ngrifati contro l'odio, e ben … tarati
pe ddàje addosso come 'ndemognàti,
sò spesso e volentieri li più … odianti."

"Vòi dì der fatto de l'occupazzioni…
N ciò simpatia…Ma nu amo er modo duro
de intignà a sfrattà a quelli…Indiscrezzioni,

nfatti, fanno capì che a approfittoni
assai, ma assai più peggio (è un lato scuro…)
li làssa fà…Sarà pe … su' oppignoni…

È quànno l'odio porta all'ossessioni…
E lei, ma chi lo sa … ha da èsse ossessa…
Fa penzà a … na scommessa co se stessa:
cioè, si la spunta…vince l'elezzioni! (?)
Ché è come avesse libberato Roma
da un cancro che la sta portànn' ar coma!"
 

 


                                                da CantierePoesia

Micina
Che bel musetto tutto pitturato,
e che orecchiucce dritte rosa opale!
Adatto - il rosa opale - l'ho imparato -
a allontanar da cuore e nervi il male!

E che occhi!...Grandi…Belli…E seri, seri…
verdi e neri…E…radaresche vibrisse
pei tuoi controlli sempre assai severi.
Mi guardi incerta al mio far pisse-pisse!

Imbambolata te ne stai sognante
sulle zampine avanti, e ritta in petto,
accovacciata sulla serpeggiante
codina… Quasi un principesco aspetto.

Ma così a lungo non ci resterai…
Ti sgranchirai, tra un poco, e via a svagarti,
e con sospetto tutto osserverai…
E poi ti sdraierai a rileccarti.

Pe un po' sparisci…Certo è per cacciare
Perché il tuo desiderio più impellente
è riportar la preda da lasciare
sul tappetino pe' esser più evidente.

Grazie, Micina, questa tua attenzione
esprime il senso tuo di ringraziarmi
e sdebitarti per la colazione,
il pranzo e la cenetta…E rammentarmi

la tal riconoscenza che assai spesso
tra gli uomini non è così diffusa.
Imbratti, un po'… però ti è ben concesso.
E in più - ancor - ringrazi con le fusa.


Personaggi

"A me gli occhi!...A me gli orecchi!"...
dice il mago sòrgiuseppi

Il GranPeppiSguisciaAnguilla
Con quell'abito da sera, su misura sartoriato
si presenta il discorrente sciorinando i suoi decreti.
Tutti ben fascicolati…ma in memoria mai inculcati,
ché è già tanto sui canali presentarli … da insignito.

Setta il viso a 'no espressione', e con determinazione
dice tutto e dice niente…e confonde anche le scene,
le regia…le annunciatrici…Quasi suonan le campane
per il bello che sta a dire…su soldoni e mascherine…

È avvocato e lo sa dire, ed anche, è, sceneggiatore,
e lo spalma in più …'showate' per poter sempre apparire
come un serial ch'è a puntate. E pretende di eternare
l'attenzione … un po' abusata … del sentire e del vedere.

Non si sa chi - ben - lui sia…ché nessun l'ha mai votato,
e però ce l'han portato certi amici di partito,
lì, ove cresce l'appetito; e (e non è che sia un segreto)
di restarsene a banchetto è un'idea che abbraccia in toto.

Nella mente un po'esaltata - d'altra parte gli è concesso -
lui si sente un vincitore col profilo di prolisso,
e in cravatta e impomatato si dirige passo, passo
a produr decreti in massa, con un più rossiccio influsso.

Cosa dice?...Zitti un po'!...Ah!..Ma è lui che sta osservando
un errore di … principio…Sì!, mi dica…sta dicendo
che non la soddisfa il punto dove dicesi "rossiccio"… ?...
Perché - dice - oh, sì!…Ma certo!...Più che ben, va pur…'nericcio'!!

"Certo!...Non ho pregiudizi!...Sono come un trasformista…
Non discrimino nessuno!...Come è 'moda', ed è 'conquista'
l'accoglienza l'ho nel sangue…Mi va bene l'astrattismo,
il barocco, il classicismo…E anche - un po' - il nazionalismo.

Con siffatti skills, nessuno mi potrà additar 'di parte'.
Così, sempre spalancati potrò aver cancelli…porte…
Qualità camaleontesche …che fan star le braccia aperte
ché si spianano le strade…di sinistre e destre, irte!

Sono proprio bravo, bravo…!...E col grande show in Villa
degli 'Stati Generali', che ho inventato e programmato
boicottando il Parlamento - ove pur l'EU ho infilato -
mi autonomino e autostimo il GranPeppiSguisciaAnguilla!"


Sulle note del ritornello di "La lontananza" di G.Ferreri - D. Modugno
Di che si parla…?...Può dirlo solo chi campa a occhi e a orecchie chiuse…O perché non lo inquieta il fallimentare abbraccio all'incompetenza…(maggio 2020).

È un po' come con la Burocrazia:
nessun la vuol … nessun la manda via.

La competenza, sai…
La "competenza" sai, è fuori uso…
È qualche cosa da dimenticare….
E invece occorre farla ritornare
senza né ma, né se.

L'incompetenza voglion far trionfare
su competenza e meritocrazia.
È vile e indegno e va cacciato via
chi vuol che sia così.

Stan rovinando le generazioni
o per capriccio o per ideologia,
o pe' interessi…pien d'ipocrisia…
Ma non se ne può più!

L'incompetenza sta a imbucarsi ovunque…
Contro di lei ci voglion barricate.
Le istituzioni, pur, ne son fallate.
Danneggia pure te.

Ne sa qualcosa il nostro Bel-Paese
perché è da un po' oramai che lo (s)governa,
o guida una sua parte…E non si alterna….
E copre da giù, a su.

L'incompetenza è un'arma assai potente
in mano a chi il potere vuol tenere
senza chi possa farlo mai tacere
e ben si sa perché.

L'incompetenza è peggio del tumore,
perché è protetta da poteri forti,
che van celandone gli errori e i torti,
e … cura non ce n'è….

E è questo qui - davvero - il gran problema!
Occorrerebbe una rivoluzione
ad iniziar da… la televisione…
E poi…più in su…Ma intanto, un:"Anatema!" ...!...
 

Un fatto, una poesia
Dalle intercettazioni - ormai a conoscenza di tutti e di ognuno…di magistrati …oscuri… Emblematico il messaggio de procuratore di Viterbo , Paolo Auriemma, a Palamara: " "Non vedo veramente dove … stia sbagliando. Illegittimamente si cerca di entrare in Italia, e il ministro dell'Interno interviene perché questo non avvenga". Palamara tira dritto: "Il segretario del carroccio va attaccato!". "Indagato per non aver permesso l'ingresso a soggetti invasori. Siamo indifendibili. Indifendibili", conclude Auriemma. Etc…etc…



Finch'è cèca la Fortuna
è quistione de giustizzia…
Però l'aria ce s'avvizzia
si Giustizzia se straluna
a.b.


Magistra-impura
"A Re', ho cercato…Ma nun ce sta scritto
che qui da noi ce devi avé paura
der tribbunale si pe na sventura
ce devi avé a che ffà co un quarche…iscritto….

Vòr dì ch'hanno buttato a capofitto
tutt'er principio…Si pe na congiura
contro chi gne gira…maggistratura
pò diventà - a piacere - na jattura!"

"È giusto, a Ro'!...E si qua, er più gran potere
sta in mano a certi che sò 'giustizzieri'
e no! 'giustizzia', e sfrùtteno er mestiere

pe giustizzià 'i pareri differenti
(e com'è oggi è già successo ieri)
vòr dì che Legge&Stato…sò perdenti.

Vòr dì ch'è un grànne imbròjo!
E pure si sò tanti più, li 'seri',
l'<impuri>…tutti ar purificatoio!"

 

 

              

a Lisa

I nostri anelli
Quel tremore pian, piano affievolito
non è sparito, è tra i ricordi belli
come a migliaia ce ne son di quelli
che son gli anelli ... oltre a quello al dito…

Che sparsi lungo il nostro andar fiorito
(intristito a volte da far ribelli)
dei nostri giorni, artistici acquerelli!
ceselli! han fatto, e amore han colorito.

Han fatto - quegli anelli - una catena
che ancora l'una all'altro forte stringe
che mai è costrizione, mai è pena.

Insieme seguitiamo il nostro andare
nel tempo, che i colori un poco stinge,
ma…mai impedito ha - al nostro amor, di amare.
 

Temporale in filastrocca
Su nel cielo che s'oscura
improvvisa, una fessura
s'apre e sputa in tutta fretta
una elettrica saetta.
Trema un poco di paura
ogni minima creatura
specie quando esplode il tuono
con quel suo sinistro suono.
L'un si spegne e l'altro schiocca
in continua filastrocca
da sembrar che il ciel si spacca
nel continuo attacca e stacca…
Scura coltre copre tutto
ed il ciel par messo a lutto.
Tanto che - dopo lo schianto -
s'abbandona a un lungo pianto.
Piange tanto e bagna strade
di paesi e di contrade,
di città, borghi e campagne
di pianure e di montagne
di colline, di giardini…
Lava i tetti ai condomini,
e alle case e ai capannoni…
mentre zitti stanno i tuoni,
mentre dormon le saette
zigo-zago-zigzaghette.
Poi si scioglie il nerofumo,
smette il pianto…Ed un profumo
di pulito e rinfrescato
va e si spande delicato.
E pian, piano si rischiara
tutto il cielo, tutta l'aria…
Si riaffaccian le creature
che han scordato le paure…
Ed i passi son tornati,
forse un po' … più rilassati…


Un fatto, una poesia
da IlGiornale, 01 giugno 2020 - Che coraggio, Luca Palamara. Per la prima volta in tv, il magistrato ha dato la sua versione dei fatti a Non è l'Arena di Massimo Giletti, su La7 domenica 31 maggio. Che coraggio, perché ha spiegato le frasi su Matteo Salvini, definito nelle intercettazioni una "mer***" da attaccare anche se ha ragione, affermando: "Su Salvini ho usato un'espressione impropria, non volevo offenderlo. Ma quella frase non rispecchia fedelmente il pensiero, è decontestualizzata, volevamo tutelare il pm che indagava". E ancora, aggiunge: "Non sono io il male assoluto. Potrebbe far comodo a qualcuno pensarlo. Sono un uomo delle istituzioni e ho la toga nel cuore". Dunque, Palamara tra le righe avanza una sorta di ipotesi del complotto, sottolineando che "chi ha attuato il distanziamento da me si è salvato". … nega di avere fermato la corsa di Nino Di Matteo a super-procuratore antimafia: "Il sistema di correnti si accordò su nomi diversi e il plenum ratificò, una sorta di manuale Cencelli". Il magistrato aggiunge che "Il sistema premia chi appartiene alle correnti e negare che le correnti rappresentino una scorciatoia significa negare la realtà", ammette. Non si sottrae neppure alla domanda sulle cene che ebbe con Luca Lotti: "Ho sottovalutato che fosse indagato", ha concluso Palamara.
da IlGiornale, 28 maggio 2020
Una sorta di campagna stampa orchestrata alla perfezione per colpire Matteo Salvini, all'epoca dei fatti ministro dell'Interno. Scorrendo le varie chat di Luca Palamara, sembrerebbe proprio che l'obiettivo principale di alcune toghe e di una parte della politica fosse quello di togliere dalla scena il segretario del Carroccio. Secondo quanto ricostruito dal quotidiano La Verità, il tema dello sbarco della nave Diciotti a Catania sarebbe stato utilizzato come grimaldello per far barcollare Salvini, il quale aveva "ragione" ma, in quel delicatissimo momento, andava attaccato a spada tratta. A orchestrare la campagna contro il ministro sarebbe stato il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Giovanni Legnini, tra l'altro sottosegretario di due governi guidati dal Pd. Il 24 agosto 2018, scrive ancora La Verità, Legnini contatta il consigliere Palamara: "Luca, domani dobbiamo dire qualcosa sulla nota vicenda della nave. So che non ti sei sentito con Valerio (il consigliere del Csm in quota Area, Valerio Fracassi, ndr). Ai (Autonomia e indipendenza, ndr) ha già fatto un comunicato, Area (la corrente di sinistra delle toghe, ndr) è d' accordo a prendere un'iniziativa Galoppi idem (il consigliere del Csm Claudio Galoppi, ndr). Senti loro e fammi sapere domattina". È il preambolo a una conversazione che, come vedremo, ha uno scopo ben preciso. La risposta di Palamara non si fa attendere: "Ok, anche io sono pronto. Ti chiamo più tardi e ti aggiorno"…. Legnini insiste: "Sì, ma domattina dovete produrre una nota, qualcosa insomma". A quel punto Palamara scrive a Fracassi: i due si incontrano il giorno successivo. Il pm riceve quindi un messaggio: "Dobbiamo sbrigarci! Ho già preparato una bozza di richiesta. Prima di parlarne agli altri concordiamola noi". La bozza deve essere approvata al più presto. Le firme, decidono Palamara e Fracassi, saranno inserire "in ordine alfabetico". Arriviamo al 25 agosto, quando le agenzie battono una notizia che non può passare inosservata: quattro consiglieri di Palazzo dei Marescialli, fra cui Palamara, chiedono di inserire il caso migranti all'ordine del giorno del primo plenum del Csm. Nel documento si legge che "la verifica del rispetto delle norme è doverosa nell'interesse delle istituzioni". "Gli interventi a cui abbiamo assistito, per provenienza, toni e contenuti rischiano di incidere negativamente sul regolare esercizio degli accertamenti in corso. Riteniamo che sia necessario un intervento del Csm per tutelare l'indipendenza della magistratura e il sereno svolgimento delle attività di indagine", prosegue il documento. Legnigni, in un altro comunicato, scrive che l'istanza sarà trattata nel primo comitato di presidenza. "Il nostro obiettivo è esclusivamente quello di garantire l'indipendenza della magistratura", aggiunge. L'accerchiamento di Salvini è completato. Ma, anche tra le stesse toghe, qualcuno alza un sopracciglio. Emblematico il messaggio del procuratore di Viterbo, Paolo Auriemma, a Palamara: "Non vedo veramente dove Salvini stia sbagliando. Illegittimamente si cerca di entrare in Italia e il ministro dell'Interno interviene perché questo non avvenga". Palamara tira dritto: il segretario del Carroccio va "attaccato". "Indagato per non aver permesso l'ingresso a soggetti invasori. Siamo indifendibili. Indifendibili", conclude Auriemma. Salvini: "Situazione gravissima"… "Dopo gli insulti e l'ammissione "Salvini ha ragione ma va attaccato", oggi La Verità pubblica altre incredibili intercettazioni, che svelano la natura di alcune iniziative dei magistrati contro il sottoscritto". "Emergono le trame di Giovanni Legnini, vicepresidente del Csm e sottosegretario di due governi a guida Pd, per far intervenire il Consiglio Superiore della Magistratura a supporto delle indagini sullo sbarco degli immigrati dalla nave Diciotti - rincara la dose Salvini -.In quell'occasione, da quanto ricostruisce La Verità, quattro consiglieri del Csm (tra cui Luca Palamara che mi definiva "m...") invocavano l'intervento del Csm - così come ordinato da Legnini - per difendere "l'indipendenza della magistratura" che io avrei messo in pericolo". "Un attimo dopo, Legnini rispondeva pubblicamente che l'unico obiettivo era assicurare "l'indipendenza della magistratura", confezionando il messaggio (immediatamente rilanciato dal sito di Repubblica) di una magistratura al di sopra delle parti e preoccupata perché il ministro Salvini osava difendere l'Italia e pretendeva di bloccare gli sbarchi rifiutando l'accusa di essere un sequestratore", conclude l'ex ministro dell'Interno….lancia quindi un appello al presidente della Repubblica…: "Sono sicuro che il Capo dello Stato non resterà indifferente: ne va della credibilità dell'intera Magistratura italiana, la situazione è ormai intollerabile e occorrono interventi drastici, rapidi e risolutivi, per il bene del Paese".


In condominio
vince chi più abbaia…

Il certo Tizio, da una parte sordo
Un certo Tizio, esimio magistrato
voleva che cessasse il suo latrato
il cane nella casa alla sua destra.
Potendo, dritto giù dalla finestra
gettato - senza scrupoli - l'avrebbe.
Come già ha urlato…E a certi piacerebbe…!
Poiché quel cane abbaia come ossesso
da mane a sera…E questo non è ammesso!

Però…- e questo è un caso misterioso -
sulla sinistra c'è un bulldog ringhioso
che al sol guardarlo può zomparti addosso,
e il suo rabbioso abbaio, a più non posso

se lo trascina appresso anche di notte.
E certamente ognun ce l'ha ormai…rotte…(!)…
Ma, strano a dirsi…e ancor di più a capirlo,
il certo Tizio neanche sta a sentirlo!

Son cose - queste - atte a far pensare…
Ma non di certo a chi non lo sa fare…
Può darsi che un'orecchia l'ha otturata
e sente sol da quella a un mo' orientata,
in modo fisso, a un verso sol settata.
Di certo è cosa non equilibrata…
E il brutto è che per lui ch'è un di giustizia
è un handicap che alfine fa notizia!

Or, lì nel condominio l'han sentito
(il tizio con l'orecchio un po' avvizzito)
suonare al portoncino alla sua destra
per far le scuse…Solita minestra
di chi dapprima attacca, offende, accusa…
e colto a 'sorcio in bocca' chiede "scusa!"…
Nessun accenno al cane che ha a sinistra.
Come un che… mal si spende e si amministra.

E in tutto questo, l'amministratore
ben non si sa se n'abbia - almen! - sentore.
Davvero è sintomatico 'l suo fare,
che a ognuno il suo … ben non gli riesce a dare…
Ma se in un condominio non funziona
che cosa ci sta a far quella persona?
Si sa che amministrare è spesso un peso,
però…o si fa…o te ne vai…arreso.


I giorni del Coronavirus
da strettoweb.com, 25 aprile 2020 - Coronavirus, i 2 pesi del Governo: consentite folle e assembramenti per festeggiare il 25 aprile…Mentre gl'italiani sono chiusi in casa per rispettare il le norme anti Coronavirus, a Bologna si festeggia il 25 aprile: tutto ciò col consenso del Governo. Niente cortei e manifestazioni in piazza, ma tanti appuntamenti sui social e bandiere alle finestre. E' così che l'Italia, messa in ginocchio dal Coronavirus, si prestava a festeggiare questo particolare 25 aprile, la giornata della Liberazione, un appuntamento da 75 anni speciale per l'Italia intera. Eppure, in diverse città, sfruttando la nota del Governo che consentiva alle associazioni di partigiani di partecipare alle celebrazioni per la Festa della Liberazione, si è proceduto alle manifestazioni come se nulla fosse. O quasi.
da IlGiornale.it, 6 maggio 2020 - "Se apriamo falliamo! Io non apro", lo slogan dei tanti imprenditori che hanno riempito lo spiazzo dell'Arco della Pace con decine di sedie vuote (sui cui schienali sono stati affissi i fogli con la scritta di protesta), simbolo dei loro locali vuoti e a serio rischio fallimento. Quella di baristi e ristoratori è una protesta tanto chiara quanto legittima, dal momento che le attività commerciali sono state messe in ginocchio dalla pandemia di coronavirus e dalle misure di contenimento adottate dall'esecutivo Conte in questi due mesi di emergenza sanitaria nazionale e di vera e propria crisi economica. Peraltro, la loro è stata una manifestazione nel nome del distanziamento sociale. Nonostante questo, le decine di titolari di locali che hanno partecipato all'iniziativa promossa dal ristoratore… è stata etichettata come "assembramento". Ecco allora l'intervento delle forze dell'ordine meneghine, che hanno sanzionato i presenti. Quindi, oltre al danno dei mancati incassi e delle utenze e degli affitti che si trovano costretti a dover pagare (per non parlare dei licenziamenti fatti per necessità e degli stipendi dei dipendenti da corrispondere), pure la beffa di una multa da 400 euro per aver cercato di far valere - rispettando il decreto sul Covid - le proprie ragioni.
da IlGiornale.it, 6 maggio 2020



In piazza in mascherina e distanziati…
Il radunarsi al suon di "bella-ciao"
in piazze - come fosser dei…graziati -
ha avuto il gradimento di…apparati…
A <questi> - scesi a dirsi "disperati"
illusi-da-promesse-e-abbandonati,
a chieder libertà di lavorare
per evitar di chiudere, e…saltare!...
nel pieno delle norme da osservare,
cos'han pensato far, gl'infervorati?!
L'han presi pe'… eversivi e li han … multati!
Che cose degne son d'un…grande Mao!

Se tanto zelo fosse incanalato
nel fronteggiar lo spaccio…ed altri "mali",
sarebbe un vero Stato interessato
al bene e no a … assemblaggi d'ideali.


I giorni del Coronavirus
da blogtaormina, 22marzo 2020 - …Quando mai si è visto che prima si fanno annunci e poi i provvedimenti… La finiscano di fare decreti in continuazione e facciano provvedimenti seri…

cercato in internet "governo degli annunci" . Blog riportava un' ora fa intervento Gelmini a "viva voce" radio uno…con "…governo degli annunci…" paro, paro…Ho cliccato…spiacente…poi non s'è trovato più. Dopo tentativi è tornato un blog riferimento gelmini …ma senza più "governo degli annunci"…

Annunciazione!!!…Annunciazzione!!!
Tant'annuncio e … poca azzione!

Abbasta...l'intenzione!
Quer bon'anima de n simpaticone
faceva llì in tivvù na trasmissione
indove che faceva: "Annunciazzione!!...
Annunciazzione!!!..." Ed annunciava - infatti -
a iosa - stramberie…cose da matti…
Qui, è uguale: annunciazzioni, e…mai! li fatti!

Se sa…L'annunci come fatti…astratti
sò facili da fà!...E sò sempre adatti
a imbambolà li popoli distratti…
Ma si uno è svejo e inizzia a ffà quistione
sò storie!...Ché…nu è ammessa osservazzione
ché <annunciazzione>, qui, vale pe…azzione!

Pe cui, si dò l'annuncio a la nazzione
deve abbastà! Ché…abbasta l'intenzione!
Se ne dovémo fàsse na raggione!
Si - arfine - poi nun c'è …trippa pe gatti,
nun ve potete métte a ffà ricatti…
polemiche…E penzà de dà li sfratti!

Noi sémo tant'annuncio e poca azzione…
E tòcc'avécce n po' de comprenzione
si stàmo a chiéde collabborazzione
ma poi, gni decisione, quatti, quatti,
ce la prennémo senza stà a li patti
che è quer che ce fa stà assai soddisfatti!

Pe questo! è che…noi stàmo assai compatti.
Co anch'er … gràn-capo, pe cui n sò! misfatti
sti fatti che fàmo e che sò n po'… coatti!
Er che - attenzione! - nu è … sopraffazzione…
Sì!...Si a ffàllo fusse la ... coalizzione
che appett'a noàntri è…opposta posizzione.


I giorni del Coronavirus
da Tiscali news, 17 aprile 2020 - "Tutti contro Conte". Industriali, governatori del Nord e peones accerchiano governo e premier.
Ieri, sui giornali e in tv, come sui social, l'impressione era quella di un Paese non spaccato 'in due' (Nord contro Sud), e neppure in tre (Nord, Centro e Sud), ma andato, ormai, in mille pezzi, con governatori - sceriffi del Nord (Fontana, Zaia, Cirio) come del Sud (De Luca, Emiliano, Musumeci) che si mettono in aperta e totale 'ribellione' rispetto alle decisioni e le scelte del governo nazionale sulle riaperture mentre solo alcuni - e neppure tutti - governatori di fede democrat (Zingaretti, Bonaccini, Rossi) che cercano, disperatamente, di mediare tra le esigenze dei 'loro' cittadini e le direttive dello stato centrale (unitario?).
Il Nord vuole ripartire subito, il governo frena…Le task force iniziano a essere un po' troppe…L'attivismo frenetico dei governatori di mezza Italia
Boccia vuole dialogare con Fontana , quest'ultimo meno…Sindacati preoccupati e Confindustria contro tutti …5stelle malumori contro Conte.
"L'effetto Bonomi", lo chiamano in maggioranza. La designazione di Carlo Bonomi alla presidenza di Confindustria è sicuramente una palla di piombo per Conte perché l'attuale capo di Assolombarda, la potentissima filiale meneghina dell'associazione degli industriali, ha una linea molto più battagliera di Vincenzo Boccia. Del resto, nelle ore che hanno preceduto l'approvazione del dpcm del 3 maggio, al …..E se linea di Boccia è stata sempre conciliante con le mosse del governo, Bonomi si presenta così: "Non abbiamo indagini a cluster sui contagi, non abbiamo mascherine distribuite in massa, non abbiamo tamponature a tappeto, non abbiamo test sierologici e tecnologie di contact tracing". Un ko al volto contro l'impreparazione e l'improvvisazione con la quale il governo si sta avvicinando alla fase 2. Se non fosse chiaro,Bonomi rincara la dose: "I comitati di tecnici non possono essere uno scudo dietro cui nascondersi per rinviare le decisioni". Ma se Bonomi non può essere tacciato di 'filo-leghismo' (ha criticato pure Fontana e il modello Lombardia che tanti imbarazzi crea a Salvini: è chiaro che è un modello che fa acqua da tutte le parti), gli industriali non possono accettare che, arrivati a oggi, non si sappia ancora se e quali filiere ripartiranno, con quelli gli nord in fortissimo pressing sui settori tessili e dell'acciaio. Da "tutti con Conte" al "tutti contro Conte". La fase 2?
In ogni caso, il cambio di clima, a Palazzo, lo si registra molto meglio scendendo 'pe' li rami' e andando a cogliere gli umori e soprattutto i malumori di molti parlamentari. Non solo quelli dei 5 Stelle, ma di quasi tutti i partiti, dal Pd - sempre più insofferente verso il 'suo' premier - a Iv, che non vede l'ora di toglierlo da dove l'ha messo Renzi, con la sola eccezione di LeU che difende Conte allo stremo.
La verità è che si sta rapidamente passando, dentro i Palazzi come nel Paese, dalla 'fase uno', quella da 'tutti con Conte' - paragonato, tra gli imbarazzi delle povere salme citate, ora a Churchill e ora a De Gaulle, oppure a de Gasperi, al "tutti contro Conte". Renzi, come si sa, non vede l'ora di disarcionarlo e dare vita a un governissimo a guida Draghi. Salvini gliel'ha giurata, come pure la Meloni, specie dopo che il premier li ha attaccati a muso duro, davanti a tutti gli italiani, sul Mes, dando loro, in pratica, dei 'traditori' della Patria
da Money.it, 28 aprile 2020 - Da quando ha avuto inizio l'emergenza coronavirus, sentiamo spesso parlare di DPCM, un provvedimento del Governo che è sempre esistito ma che, in questo particolare momento, sta trovando grande utilizzo. Ultimo tra questi il DPCM 26 aprile 2020, con il quale viene delineata la Fase 2. Eppure ogni volta che si parla di DPCM nascono delle polemiche: per molti giuristi e per le forze politiche all'opposizione questo strumento è inadeguato a risolvere una situazione così complessa come la crisi sanitaria in atto; infatti non assicura le stesse garanzie del decreto legge, anzi elimina completamente il dibattito democratico con la minoranza parlamentare.
da Ilfattoquotidiano, 27 aprile 2020 - Terminata la conferenza stampa in cui il premier Giuseppe Conte ha presentato il nuovo Dcpm in vigore dal 4 maggio sulla cosiddetta "Fase 2", il giornalista e conduttore di "Quarta Repubblica" Nicola Porro si è lasciato andare ad un lungo sfogo… "Noi consentiamo, noi permettiamo, noi vietiamo… - esordisce in un video pubblicato sul suo canale YouTube -. Ci sarà un momento in cui noi non consentiremo più tutto ciò? Noi vietiamo di andare a un funerale in più di 15 quando ieri abbiamo permesso di scendere in piazza per la festa della Liberazione? - dice Porro -…lascia perdere la polemica: è il principio!".
"Siamo l'unico Paese al mondo, neanche nella Cina comunista il regime degli spostamenti è limitato in questo modo… Caro presidente del Consiglio, che dice 'Noi consentiamo, noi permettiamo': siamo noi che permettiamo che tu sia ancora presidente del consiglio. Tu rappresenti la Costituzione e la stai violando in ogni istante!". …(Uno dei partecipanti al dibattito -che non si ritrova nei blogs…?...- ha asserito che "La Costituzione è stata interrotta…per l'emergenza…" Al che il commento è stato: "Vada per le prime due settimane, ma ancora!...").
(L'imprenditore Renzo Rosso denuncia gli aiuti promessi…che il premier nomina "Deliberati", però scappati, e mai più ritrovati!…Nemmeno i 600 euro, se non in parte…E i 400 miliardi…!!?!!! Bohh!!). Soldi comunque sia, chiaramente solo prestiti-da debito! E non mai a fondo-perduto.-
da lanuovabq.it, 21 aprile 2020 - Don Lino Viola, il parroco che ha fermato il carabiniere sull'altare, vuole ricorrere al Prefetto. I carabinieri giustificano la loro irruzione in chiesa: "Abbiamo fatto quello che si doveva fare". Ma l'interruzione della Messa è legittima solo in casi di urgente necessità, ad esempio fermare un omicidio, non per notificare una multa…


Rendersi … Conte… de…

Le improprie … verità …
Chissà se Conte sa…si rende conto…
Seppur non sia un che pesca, getta l'esca…
Abboccheranno, o no?...Vattelappesca…
Che - intanto, poi - non sosterrà confronto.

Ché basterà che al finestrin s'affacci
a dir delle…astrattezze del suo fare
com' un da nebbia avvolto a declamare
la sua sardina che in balena spacci.

E cento e cento pagine, chissà
se scientemente quel che dicon, sanno
ch'è verità, o se a raccontar sen vanno
ciò ch' è - per stessi loro -…improprietà.
./...

Ci sta uno spot-tv dove si … monta
la carta che racconta il vero,vero!
Certo è così… se fosse veritiero
pur anche il falso-vero che racconta.

Esempio piccolissimo, ma adatto:
"il 25 come già auspicato
quel canto…all'aria è stato un gran boato!".
Ma…chi ha <ascoltato>, sa ch'è un … contraffatto.

La verità da nebbia ascosa a vista,
è alfin narrata al sol che l'ha snebbiata,
e chiara è - or - la lista programmata
di chi - di nuovo - scendere può in pista…

"Concedo a te, a lui no!…e all'altro e a quello…
Cioè a ognun che voglia! e no! a chi non lo vuole
di visitare - a chiunque affetto suole
dar, ch'è <stabile> e <duraturo> e bello!"

Proclama degno dei reami andati…!
E un giornalista, a seguitar la scia:
"Costituzione - ha detto - è messa via!
e libertà…anch'essa!…"…Che sian …tornati?!...

Cosa non fan per sostentar l'indegno!
avendo lingua sciolta, ed il benigno
occhiar di stampa se c'è ad essa…alligno.
Ché a man contraria - solo offre…sdegno!

Ma no allo strappo al prete, del messale
in quella chiesa grande e quasi vuota,
quando ore prima - ma nessun l'annota -
stavan in mucchi a celebrar … l' ideale.

Ma ancor più bello è il punto "funerale"…
Che dice: "Solo a quindici! concedo.
Ché a sedici o a di più io penso e credo
non basti il poco spazio del tombale…."

Scontenti ovunque …E soprusi…E strappi…
Seicento esperti!... in 20 commissioni!…
Nel mentre languono le istituzioni…
E Conte par che dai doveri scappi.

Fortuna stiamo in casa rintanati!
Sennò ci avrebbe colti lo tzunami
dei gran miliardi a iosa!...E dei cordami
con cui burocrazia tien soggiogati!

Sarà <grand'uomo (sui libri) di Stato>!
Pel popolo, che perde il suo …tenore
le banche prega: "Fate …atto-d'-amore!
Dategli i soldi che … ho deliberato" *.

*stasera a Quarta Repubblica han mandato un suo audio-video, 28 aprile 2020


L'amore per … l'amore
che è anche per se stessi.
Non sempre si può stare
per gli altri - sol - commossi.


"Io, Tu, e le rose"
Si ammucchia nel globale
ogni essere animale.
Non si distingue più:
al bando l'io…il tu…
Però, l'ogn' "io" perduto
pe' aver qual …sostituto
un mondo tutto insieme,
d'essersi perso! teme.
Finché ogni cosa andava
ben poco ci badava.
Ma or, con pandemia
ritorna nostalgia…
Che, co' altro, già alla porta
fu messa, e è - or - risorta.
L'andar con frenesia
l'ha smesso, pandemia…
ché tempo di pensare
non dava, in quell'ansare…
E adesso, nella calma
di tanta reclusione
sta a infondere nell'alma,
per sé, più comprensione.
Passando pe' una via
m'ha ricordato…cose…
una canzone … "ria"…
Era: "Io, Tu, e le rose".


In memoria di Guido Sartori …+ 25 maggio 2020

Stavolta non ti servirà la lente,
né che scrivessi a lettere giganti.
Lassù, dove si vive eternamente
ti guideranno gli angeli coi santi.


Arrivederci, Guido!
Avessi da abbinarti un qualche fiore,
sceglierei certo quel che a te s'addice:
un giglio, ché - quel bianco suo colore
ben si combina con la tua matrice.

Ch'è chiara, è onesta, e parla con il cuore.
E cerca il giusto, e il bello e benedice
pace…famiglia…orgoglio…fede…onore.
Sempre pel dialogo … mai aizzatrice.

Della natura osservatore e amante,
e dell'arte e più ancor della poesia
che: "Questo mondo avido e arrogante

salverà!" - dicevi - pien di speranza.
E or tra gli angeli, e Gesù e Maria
di versi potrai farne in abbondanza!

Qui, in sospeso è rimasta
la poesia cui avevi dato il via,
sul destino che tutti ci sovrasta.
(la finirai lassù…con il messia).

Sarà come un seguir, diversamente,
a stare con Teresa, moglie e amica,
e con la vostra cara Federica,
entrambe amate assai teneramente.
Armando
 

 


cartolina 1904, da FB Luisella Reali - 25 mag 2020


All' Acqua Minerale
A Montelauro, fianco alla Fratta,
tra i rovi e i corbezzoli e l' erica
andava la persona anemica
dalla magia della fonte attratta.

"Arsenicaleferriginosa",
con dovizia Tiziano precisa,
lui ch'è dottore, e che - ben - ha incisa
l'area salutar-peccaminosa…

Come lo è in tanti altri giovanotti,
e giovanotte, per precisare.
Luogo d'incanto pe' amoreggiare…
Amorucci, presto - poi - interrotti…

Obbligo! Raggiunger quella meta
d'estate, così, per svogliatura…
per immergersi nella natura…
Lì, a guidarti come una cometa.

A cercar non si sa bene che…
Fantasticar saltando sui sassi
badando a che affatto mi bagnassi.
Era già aver trovato un perché…

Verso il tramonto, il boccione pieno,
al Borgo si tornava…un po' stanchi
ché la salita - ti par che manchi?...
Ora, a salir, c'era odor di fieno.

Un bacio è rimasto, lì tra i rovi…
Chissà se tornando…nol ritrovi…


il 24 maggio…

Il Piave…mormorò…
Il 24 maggio di anni addietro
che c'era lo straniero a comandare
e più non si poteva sopportare,
il Piave insanguinato grida: "Indietro!…

Finisce oggi qui la tua baldanza
su questa terra che non è più schiava
ché col suo sangue ogni onta alfine lava
e ai posteri ne lascia rimembranza!"

Ma oggi in troppi l'han dimenticato,
e van controcorrente per il Piave
a dare a ogni straniero quella chiave
che ci han lasciato, lui e ogni soldato.
 

È stata aperta una sottoscrizione popolare per la difesa in tribunale di Mr. Virus…
L'appello unanime è: comprensione, perdono e generosità!

Ma poverino…!....

                                                  
                                                                      da internet

L'autodifesa di Virus
Va - Virus - a esternar la sua protesta:
"A tutti date l'opportunità
di dire, fare e andare in libertà,
e confinate me…Che storia è questa?!".

"Mi odiate tutti…Mi volete male…
Il mondo intero è tutto indaffarato
a che nessuno più sia contagiato…
Cercate il siero che per me è letale"…

"E la pietas … che tanto vi sta a cuore?...
Che a tutti v'avvicina…anche a chi uccide…
E che perdona, e il castigar deride,
e di me dite: <Questo…Quando! Muore!?>

"Con me soltanto fate i bravi…i forti…
E l'aborrito - ormai - 'dente-per-dente'
avete riesumato immantinente
e sempre di più stiamo ai ferri-corti…"

"Dov'è!...Lo psicologico sostegno…
che ha da capire e deve far capire
chi compulsivamente ha da colpire,
prima di dir se a viver non sia degno!"

"Io vengo da un regime comunista…
Ben lo sapete il modo e la maniera…
Almen trattiamo gli anni di galera,
non la mia morte qual vostra conquista!"

"M'appello a voi 'no-vax'…Almeno voi
che tutto altro concetto avete in testa.
Vi dico: prima o poi mi fan la festa!
Contro quei duri, uniamoci, almen, noi!".


Un fatto, una poesia
da IlGiornale, 21 maggio 2020 - Quando era ancora ministero dell'Interno, nel 2018, Matteo Salvini veniva quotidianamente attaccato dai giudici per il suo operato sui migranti. Eppure, oggi, è emerso un fatto quanto mai clamoroso: quelle stesse toghe che in pubblico puntavano il dito contro il segretario della Lega, in privato sapevano benissimo che l'ex ministro non stava facendo niente di male.
Il quotidiano La Verità svela le carte in tavola e accende i riflettori su come, in una chat su Whatsapp, certe toghe ammettessero che sì, Salvini non stava facendo niente di sbagliato ma che doveva comunque essere attaccato senza pietà. Tanti i protagonisti della vicenda, a cominciare da Paolo Auriemma, capo della Procura di Viterbo, e Luca Palamara, leader della corrente di Unicost.
Attaccare Salvini. Auriemma, rivolgendosi a Palamara, è molto dubbioso su quanto sta accadendo in quei torridi giorni d'agosto di due anni fa: ''Mi dispiace dover dire che non vedo veramente dove Salvini stia sbagliando. Illegittimamente si cerca di entrare in Italia e il ministro dell'Interno interviene perché questo non avvenga. E non capisco cosa c'entri la Procura di Agrigento''. In fondo al messaggio Whatsapp la raccomandazione di non diffondere il contenuto del testo. La risposta di Palamara arriva quasi subito: ''Hai ragione. Ma adesso bisogna attaccarlo''.
Queste, e molte altre chat, sono agli atti dell'inchiesta che ha scosso le fondamenta del Csm. La discussione va avanti, sottolinea ancora La Verità, e Auriemma è dubbioso: potrebbe essere un pericoloso boomerang continuare ad attaccare Salvini sull'immigrazione. Anche perché ''tutti la pensano come lui'', ''tutti pensano'' che abbia ''fatto benissimo a bloccare i migranti''. Già, perché in quel periodo il ''Capitano'' è nel mirino dei pm siciliani. Auriemma è titubante: ''Indagato per non aver permesso l'ingresso a soggetti invasori. Siamo indifendibili. Indifendibili''.
In altri messaggi, con altri interlocutori, Palamara esprime tutto il suo disagio di fronte all'eventualità di incontrare pubblicamente Salvini e, nel frattempo, si fa inviare i pdf delle sentenze del processo di Umberto Bossi e Francesco Belsito. Insomma, a tenere unite, per dieci anni, le toghe rosse di Area e Palamara sarebbe il conflittuale rapporto con il centrodestra.
Per finire, in una chat tra Palamara e Bianca Ferramosca, componente della giunta esecutiva Anm (Associazione nazionale magistrati), quest'ultima, nel novembre 2018, se la prende con i colleghi che hanno dato ragione a Salvini sull'allora dl Sicurezza, componenti di una cordata ''pericolosissima''. Il contenuto dei messaggi delle toghe ha letteralmente lasciato senza parole i parlamentari leghisti. Come sottolinea l'agenzia Adnkronos, Giulia Bongiorno, Nicola Molteni, Jacopo Morrone e Andrea Ostellari sono rimasti sconcertati: ''Sconcertante scoop della Verità, che riporta gravissimi messaggi tra magistrati contro l'allora vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini. Ci appelliamo alla saggezza di Sergio Mattarella, anche in qualità di presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, perché quanto riportato dal quotidiano è gravissimo e intollerabile: va preservata l'indipendenza della politica rispetto alla magistratura. Salvini era ministro e vicepremier e ora è leader dell'opposizione".
"Numerosi magistrati di diverse correnti - hanno quindi aggiunto i parlamentari - secondo quanto emerge dagli atti del procedimento di Perugia contro Palamara, concordavano sulla necessità di attaccare Salvini e contrastare il dl sicurezza. Con quale serenità di giudizio sarà giudicato Salvini nel processo a suo carico che si celebrerà a Catania?".
22 maggio 2020 - Riccardo Ricciardi presunto esperto di regie teatrali miracolosamente approdato in Parlamento nel 2018 con l'infornata grillina attaccare violentemente il modello sanitario della Lombardia.Riccardo Ricciardi, oscuro ex consigliere comunale di Massa, presunto esperto di regie teatrali miracolosamente approdato in Parlamento nel 2018 con l'infornata grillina, ieri è spuntato fuori dal nulla che ha caratterizzato la sua vita professionale e politica per attaccare violentemente il modello sanitario della Lombardia, i suoi tanti morti e il suo nuovo ospedale "costruito sprecando soldi pubblici" (essendo ignorante non sa neppure che l'ospedale in questione è stato costruito solo con i soldi di privati).


La spenta luce e le tristi note de…gl'illuminati
Di certo è del corona il brutto effetto
il vil sproloquio con spruzzate d'odio
di quegli assatanati per …il podio,
che avrebbero goduto a Caporetto.

Al vaso di Pandora appetto a questi
gli si può dir "di buoni intenti scrigno",
privo di vermini bavosi e ghigno
che stessi loro han reso manifesti.

Ché un'aria strana la democrazia
in mano a certi incantatori assume
di maschera pomposa il bel costume
di stizza fatto e supponenza ria.

E viverla così, talmente è dura
ché altro! è, e non è l'ambita meta
che nella libertà si fa completa.
Ma non in mano a tal magistratura.

Che si rivela come forza oscura,
intrisa d'odio verso ognun che - audace -
professa altro pensiero, il qual - mendace -
addita essere … untor di dittatura.

Ma essendo minoranza traggon forza
dall'inventar processi, approfittando
di carica con cui si vanno armando
che ognuno vede e che nessuno smorza…

Nemmen colui che a capo è a…tale parte…
(a star con la Costituzione in mano)
e questo al cittadino appare strano…
Ché sembra tutto un gioco fatto ad arte…

Ma non è gioco!...E agli atti son le prove:
"Sì, che ha ragion da vendere…Lo so!
E tuttavia…lo crocifiggerò!
Ché senza noi, qui niente, più, si smuove!"
  discorsi autodenuncianti, da rimaner segreti…Ma a volte, alla giustizia piace…
E tu che fai: guardi, ascolti e taci…
Ad un così lo martellò il Maestro
che tanto ben l'avea scolpito bello
da esser vero … ma "a dir", si rifiutava.

Il "Carnevale di Venezia" suona
coi tanti umori mescolati assieme…
Il Parlamento umor diverso teme
e il suon della bugia gli piace e intona.


I giorni del Coronav
da IlSole24Ore, 19 maggio 2020 - Nel commercio sconti fino al 70& per salvare le attività….per tutti i negozianti la sfida è la stessa: vendere …e "fare girare il magazzino" ovvero svuotarlo perché i giorni del lockdown hanno prosciugato tutta la liquidità tra affitti, utenze, spese generali a cui si sono aggiunte quelle della sanificazione dei locali e per gli altri dispositivi di protezione da adottare per riaprire. In altre parole non ci saranno guadagni, anzi. Perché questi imprenditori stanno giocando una partita difficile a cui è lagata la sopravvivenza delle loro attività.
da IlGiornale.it, 8 maggio 2020 - La sanatoria per gli immigrati ora fa infuriare gli agricoltori.
Il ministro Bellanova pensa a un permesso di soggiorno di sei mesi per gl'irregolari. Gli agricoltori:"Non risolverebbe i nostri problemi..."Sarebbe stato importante riaprire i corridoi verdi che avrebbero riportato in Italia manodopera specializzata", ha spiegato a Libero il presidente di Coldiretti....Per essere impiegati nel settore, però, non basta aver voglia di lavorare…"….Non è così, nemmeno nella fase di raccolta della frutta". Servono persone qualificate, in grado di svolgere le mansioni necessarie a un'azienda agricola. La soluzione, secondo Coldiretti, sarebbe da individuare su due fronti. Da una parte, "è importante la proroga fino al 31 dicembre dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale in scadenza al 31 maggio al fine di evitare agli stranieri di dover rientrare nel proprio Paese proprio con l'inizio della stagione di raccolta nelle campagne". E parallelamente "è necessario agevolare il ritorno temporaneo dei lavoratori da Paesi dell'Unione Europea attraverso corridoi verdi". Dall'altra parte, invece, "è importante aprire il più possibile il mercato alle opportunità di lavoro per gli italiani che rischiano il duro impatto occupazionale della crisi economica da coronavirus. E per questo è ora necessaria subito una radicale semplificazione del voucher agricolo". Ma, conclude Prandini, secondo quanto riportato da Libero, "non sta né in cielo né in terra parlare di 600mila extracomunitari da regolarizzare impiegandoli nel lavoro dei campi". La sanatoria dei migranti ha lasciato scontenti anche gli assessori di alcune Regioni, che hanno scritto al ministro Bellanova, per chiedere di non attuarla.
da liberoquotidiano, 16 maggio 2020 - Secondo un sondaggio di Termometro Politico, solo il 25% degli italiani approva il provvedimento. Al contrario, per ben il 42,9% la nuova norma finirà per attirare nuovi clandestini. Anche tra i favorevoli alla riforma, peraltro, ci si divide nei dettagli: per il 21,3% dovrebbe ottenere il permesso di soggiorno soltanto chi sta già lavorando, mentre per l' 8,6% solo chi sta lavorando nell' agricoltura o come colf e badanti dovrebbe poterne usufruire. Riguardo a Coldiretti, gli imprenditori avevano chiesto di riattivare il sistema dei voucher anche per permettere di lavorare alle decine di migliaia di italiani che in queste settimane, leggendo le notizie sulla penuria di manodopera nei campi, hanno deciso di candidarsi per raccogliere frutta e verdura. Un' aspirazione che a causa delle attuali leggi resterà probabilmente frustrata.

Cartello in negozio cosmetici:"Tutto a 3 euro, oppure offerta libera. Aiutateci a ripartire".
Certo…per chi acquista è una …"bella nova"…

Tre euro al pezzo
Eccola - alfine - una gran … "bella nova"!
Che è l'apparire in centro d'un avviso
-d'un tal tenore, il primo che si trova -
che ha smosso in tutti un mesto assai sorriso.

Poiché ci stava scritto in stampatello:
"soltanto tre euro al pezzo!....Prego entrate!
Oppure - a scelta - empitevi il cestello
per un'offerta…quella che…mi date…".

Cosmetici …profumi di gran marca!
Ma per ritegno, o per la tasca vuota
la gente non vi entrava…Sol la Parca
lì stava a imbellettar la scarna gota.

Poi una donna, presso li indugiava…
Leggeva … e rileggeva…Chissà chi era…
Qualcuno ha raccontato: lacrimava…
E il negoziante ha detto che ora spera…

Già!…Visto che la vera … "bella nova"
è che ha già tanto ben considerato
chi in mezz'a noi a un tratto si ritrova,
l'amor che a …tutti (?) dona, il nostro stato.


Fatti, una poesia
da liberoquotidiano, 11 maggio 2020 - Non mi risultano riscatti per Silvia Romano". Luigi Di Maio, in collegamento con Mario Giordano a Fuori dal coro, si gioca il tutto per tutto: "Perché dobbiamo credere a un terrorista?", domanda al pubblico il ministro degli Esteri, smentendo così le voci dettagliate sui 4 milioni pagati dallo Stato all'organizzazione terroristica somala … "Ovviamente non bisogna darsi le risposte come conviene. Nel senso che è legittimo farsi delle domande, ma la prima domanda che mi faccio io è perché se un terrorista che viene intervistato e dice una cosa, la sua parola vale più dello Stato italiano? A me non risultano riscatti, altrimenti dovrei dirlo". La logica scricchiola, visto che da che mondo è mondo esistono anche informazioni riservate da non divulgare in forma ufficiale.
da drittoerovescio, 14 maggio 2020, ristoratore vive e dorme da giorni in piazza per protesta, ristoratore intervistato in lacrime a Firenze…la Bellanova lacrima nel raccontare del suo successo sistema-600mila clandesinii…le mascherine non si trovano, difficoltà anche negli ospedali…operai e imprenditori che non ricevono i 600 euro (per la gran parte)…che non ricevono soldi dalle banche…la cassa integrazione che non arriva…Ma è il 14 maggio!! Oltre tre mesi di emergenza! Commenti contro l'emergenza infinita…
da liberoquotidiano, 15 maggio 2020 - "Questi sono in un delirio di potere, qualcuno deve ricordare loro che siamo in una democrazia liberale, non in uno Stato di polizia permanente". Alessandro Sallusti…su…fase che parte da lunedì 18 maggio. "A tre giorni dalla riapertura delle attività commerciali e dei servizi…nessuno sa cosa deve fare … Per la stessa situazione lo Stato dà un'indicazione e le Regioni un'altra, spesso inconciliabili con la realtà o assurde".
liberoquotidiano, 12 maggio - Sul caso di Silvia Romano il governo ha fatto una figuraccia. Lo scrive Dagospia, secondo cui la spettacolarizzazione del rientro … è stato un boomerang per Giuseppe Conte e Luigi Di Maio, definiti "due dilettanti allo sbaraglio", privi dei fondamentali della politica: hanno allestito uno show stile Grande Fratello con tutte le tv collegate a Ciampino … ma la super esposizione del "trofeo" Silvia si è ritorta contro di loro. Infatti Dagospia svela che i due erano stati avvisati dagli agenti dell'Aise che la cooperante si era convertita all'Islam e non aveva alcuna intenzione di sbarcare in Italia abbandonando il vestito da donna musulmana. Nonostante ciò, Conte e Di Maio si sono comunque esibiti nella passerella e il risultato è stata una pioggia di critiche e polemiche: i due fini strateghi della politica italiana hanno trascurato il fatto che da tempo i paesi anglosassoni non diffondono più i video del ritorno a casa degli ostaggi liberati e persino dei funerali dei caduti militari. … circolare immagini preziose per la propaganda dei terroristi, che infatti hanno esultato sui loro gruppi social per la foto di Silvia che sbarca in Italia e dichiara di essersi convertita spontaneamente.
da IlFattoQuotidiano, 21 aprile 2020 - In Germania...In Italia,…abbiamo chiuso tutto ma non siamo stati in grado di arginare l'avanzata del virus. L'irresponsabilità di molti…comunque consentiti spostamenti in treno, con gli autobus, ha permesso al virus di viaggiare dal Nord al Sud….Ad oggi, 15 task force composte da circa 400 persone non hanno saputo mettere a punto una strategia….All'inizio dell'emergenza…ce la siamo presa con i giornali…e addirittura la politica se l'è presa con la burocrazia. Ma chi le fa le leggi che i burocrati applicano?... Poi ce la siamo presa con le Regioni, con la sanità privata. Insomma, ogni argomento buono solo per fare confusione. …inchieste giornalistiche stanno dimostrando una realtà ben diversa…da quella raccontata. L'Italia era stata colpita dal virus già nella prima decade di gennaio e ci si è mossi con enorme ritardo. E' mancata una comunicazione seria e coordinata….Le task force hanno pensato a…??…Massimo Giletti a Non è l'Arena ha fatto vedere la mappa delle strutture sanitarie create e mai aperte in Calabria. Soldi buttati.…Tutti pretendono riconoscimenti ma nessuno vuole prendersi delle responsabilità per ciò che non ha funzionato.….Perché in Italia è un disastro….Quando riapriranno le scuole? Se i genitori tornano al lavoro a chi deleghiamo la gestione dei figli minori? Ci vorrà un'altra task force per capirlo.


Quasi il punto d'una situazione…

Eppur…stan (s)governando!
(pur se abusivamente…detto - s'intende! - simpaticamente)

Che grande insegnamento alla nazione,
l'affabulare dal televisore
(restii al grido di disperazione
dell'impresario e del lavoratore)

su incompetenza, che … può governare!
A ciò bastando seria annunciazione
di … nullità d'un fitto decretare
farcito di boriosa presunzione!

È bello presentarsi incravattati
a sciorinar "faremo"…"disporremo"
"nostra intenzione è…"…Ch'è un far da matti,
il dir così a chi oltre - è già - allo stremo!

Se di bugia potesse uno campare!
E con decreti fronteggiar gl'impegni!
Ma questi qui, di star…davver, son degni?!
O stanno il brutto male ad integrare?!

Son quegli stessi del: "Stan cavalcando…!"…                    (le onde del Mediterraneo…)
sparato come iniqua enormità,
or, cavalcando tanta infermità
gran danno hanno arrecato … lacrimando…

Per una volta ancora dimostrando
che son "contrari" per ideologia
a chi stan governando co'… "apatia",
se - ancor - di mascherine stan privando!

E dei sostegni ancora in gran ritardo!
o inesistenti! … eppur tanto … annunciati…
E al vero lacrimar di condannati
s'atteggiano co' un far che appar beffardo.

Che manchi il … comprendonio, in quelle teste?
"Capite, o no! che noi stiamo chiudendo!?"
"Capite che da qui stiamo sparendo?!"
In quale modo - dite! - 'i capireste?!

Temporeggiare…E ancor chiedere aiuto…
E ad ogni aiuto rubacchiare un po'…
Ma raccontate: "Guarda! Quel ch'io fò!"
Ognun, sentendosi capace e astuto...

Di supponenza e prepotenza armati
ogni diritto avete limitato.
Che è bene: un po' !… Ma avete … esagerato…
E, a…benefici?...Quanti, quelli dati?…

Stati fossero altri al vostro posto,
gridato avreste: "Questo qui è regime!"      (recente passato, per quantità di "fiducia"in Parlamento. Ora addirittura inutilizzato!)
E voi "dictate"… e par non siate cime...
E il decretare, e il resto, avete imposto!

Ci sta, una cosa, inver, ch'è assai ben fatta,
che al monopattino dà il contributo.
Proprio davvero inaspettato aiuto!
"Ma…usateli voialtri, gente matta!"

E se è per questo e simili pensate,
che abbiam pagato il fior dei cervelloni
<task-force> chiamati…"Mbeh!...Ma me cojôni!"
è il sol commento che vi meritate!

Però che gran gloriarsi! Che gran spreco
l'esibizione della "liberata"
in défilé, a salute irrispettata,                                    (no precauzioni anti-contagio)
solo pe' aver del <gran successo> (?) eco…
………………………………………………………………..
Ma…a proposito…e quel grillo-parlante?
Dove e come è finito latitante?
S'è fatto ancor di più, raccapricciante?
E il "subalterno suo" - ch'è governante -
ha aggiunto ad altre negazioni - tante:
"Nessun riscatto! per la cooperante" .

E in capo a tutto questo, il Presidente
non fa una piega, e tace - consenziente.
Ma esiste altro pensiero - non dormiente -
che d' "unico pensar" non è servente.

 

 

    

a Lisa

Bella e buona sempre
Ma…sei sempre così bella?!
Hai trovato la cannella
donde sgorga gioventù
che ti tiene sempre su!?

O hai trovato la ricetta
che la pelle fa lucente
e rassoda eternamente
più che ad ogni giovinetta?!

Forse è quel che bevi e mangi…
Forse l'hai nel di-enne-a
Forse…strega, sei, che fa
sortilegi…e tu, mai, cangi….

Co' una sorta di fattura
sempre buona sei qual frutta
che per mai diventar brutta
si fa dolce confettura.

E bambino allor ritorno
della marmellata ingordo
e con questo bel ricordo
sei 'l mio primo e il mio contorno!
 

I giorni del virus
Sempre più insistenti si fanno le intenzioni di voler riaprire…Da una parte. Da altra parte si insiste invece a che rimanga ancora lo staus-quo… (due mesi dopo…Aprile 2020)

Intanto è arrivato il 18 maggio 2020 - e in una sorta di compromesso si riapre…quasi tutto…con prudenza…

Paura, oltre …

Il veliero di San Pietro *
Quando per editto sarà passato
sarà solo per finta…Un falso vero.
Quando ogni abitudine avrà rubato
sarem pronti a salire sul veliero *.

Ci affacceremo pulcini smarriti
nel nuovo mondo che ci ha preparato
impreparati, soli, intimoriti
senza il piacer d'abbraccio avuto e dato.

Continuerà a seguirci la sua idea,
per tanta sua empietà in noi radicata,
ché col suo soffio induce all'apnea,
seppur l'avremo già - fin-lì - scampata.

*barca, o veliero di san Pietro, di una tradizione popolare…
 


I giorni del coronavirus, di prima, di dopo e dei domani…O tutto chiuso…O tutto in altre mani…




Buongiorno, Giorno!
Buongiorno! Giorno in grigio o in canottiera
in piedi già a quest'ora
per arrostirti al fuoco della pira,
o per gelarti tipo candelora…
Un po' smarrito…?...Forse stai cercando
la solita bottega
ove gli aromati sorsi sorbendo
stavi al mattino senz' alcuna bega…
No, caro Giorno…Quel locale è chiuso…
Vuoi raderti, mi dici?
Sai, anche il bel salone, sempre acceso,
divelto l'han … con tutte le radici.
Ma…almeno il sarto…Cosa?...Per far che?
Ma certo!...Un po' più fresco…
Mi spiace, ma … nessuno più ci va:
cucito ne han l'ingresso…Sì!...Grottesco…
"Ma…allora cosa vengo più qui a stare!
Nella desolazione?!
Mi viene voglia di … soprassedere …
Ma a chi ne ha colpa … grave insolazione!
Mi sto arrabbiando…Senti, ti prometto
che brucerò le menti
di chi questo sfacelo ha messo in atto.
Dovrà pagar tra i massimi tormenti!
Ad altro circo al suon tradizionale
con me vi porterò…
E al brindisi verdiano in bello stile
poi balleremo…A un modo un po' retrò.
E a sera con la luna imbrillantata
ch'è di magia ancor pregna
col bel ninnar d'offenbachiano afflato
ci sembrerà la notte alfin, più degna"
 

Riguardo a "vero" e a "falso" e per estensione, a "falso-vero" e a "vero-falso",
ci sono - al mondo - due categorie di persone. Quelle che stanno a bocca aperta e abboccano all'amo…E quelli che più seriamente e più dignitosamente pensano…ragionano…"motuproprio" (e che - perciò - sono invisi agli altri e ai "potenti"…)….
Armando Bettozzi

"È tonda!..
(ma anche piatta!...gratta, gratta…)"

Per chi non lo sa ancor…la Terra è tonda!
Ma certi ciarlatani e fattucchieri
raccontano ch'è piatta. Seri, seri.
Non come chi…gran verità nasconda.

E quei che a mora dicon "bella bionda!"…!...
E tanto sanno dirlo che…sinceri
appaiono, e perfino veritieri!
Ché la menzogna…si sa far feconda.

E per fortuna c'è chi poi distingue…
Con gran facilità, o pensando a fondo,
e non si fa incantare dalle…lingue.

Ma ci son tanti…spugna-tutto-assorbe!
Cui piace anche da grandi il…giro-tondo…
Son masse - addirittura! - Sorde e orbe.
 

Quànno l'ideali sò peggio de li mali
(ispirata ad un caso di cronaca)


La senzata promessa
"Vedi, Re', vòjo dìtte, te capisco…
Se sa…Uno cià l'argento vivo addosso,
è pieno d'energia…Nu mme stupisco:
chi è che - a st' età - n se sente un gran colosso!...

Chi, nun se sente pieno de ideali…
E vòle fà quarcosa de 'mportante…(?!?)...
E cerca de curàje tanti mali
ar monno … Specie a quelo più distante!...

Però, a l'impulso je va opposto er senzo…
E cioè er bòn senzo…Er senzo de le cose…
La raggione! Ce deve dà er consenzo
a ffà, co n po' de istinto … in giusta dose…

Ma n po' èsse sempre e solo amore e istinto!
Ch'è solo ròbba pe chi è santo in tèra!
A meno che nu accetti d'èsse…estinto
martirizzato! Peggio assai che in guèra….

E tu hai voluto annàttene a ffà er …bravo
in zona a rischio…E poi…Ma…pe ffà che?...
Sì!…L'avventura…come che spiegavo
der giòvine ch'è in cerca de un perché…

Ma poi finisce llì…Si l'avventura
se fa disavventura…eh!...caro mio…
te fai coraggio…E nno! che ciài paura
e vòi che côre a riscattàte zio!"

"Capito, zì!…Me scuso e t'aringràzzio…
Ma nun te metterò mai più ne 'i guai…
Si m'aripìa annerò a curà lo strazzio
a chi st'a soffì qui…Senza er … viavai…

Nziché ann'a ffà giocà li piccoletti
in posti assai lontano…in zone a rischio,
me metterò a 'iutà pupi e vecchietti
che stanno male e ssò lontani un fischio".


Andare via xxx e ritornar Iasha
da TGCOM24Silvia Romano, 10 maggio 2020 - la cooperante milanese rapita in Kenya nel 2018 e liberata sabato dopo 18 mesi di sequestro, è rientrata in Italia con un volo atterrato all'aeroporto di Ciampino. La giovane volontaria sarà portata in Procura a Roma per essere ascoltata dai pm che hanno avviato un'indagine per rapimento a scopo di terrorismo. Ad accoglierla allo scalo i familiari, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il premier Giuseppe Conte.
"Durante la prigionia sono stata trattata bene, non sono mai stata minacciata di morte". Queste le prime parole dette dalla cooperante Silvia Romano, liberata e rientrata in Italia domenica. La giovane, alla psicologa dell'ambasciata di Mogadiscio, ha raccontato di aver cambiato nome ("mi chiamo Aisha") e altri dettagli della prigionia ("nel primo mese ho pianto sempre"). Il suo diario è rimasto nelle mani dei carcerieri.
Da LiberoQuotidiano, 11 maggio 2020 - Fa discutere, e riflettere, il caso di Silvia Romano. Liberata - dietro pagamento di lauto riscatto che il governo come sempre in questi casi non conferma - e tornata in Italia convertita all'islam in abiti tradizionali. Un caso particolare, anche un poco impressionante per la sua potenza iconica. E un commento su questa vicenda arriva su Twitter a firma di Paolo Becchi. E il filosofo si interroga, o meglio "interroga" la ragazza milanese: "Silvia Romano (come chiunque altro) è libera di convertirsi all'islam - premette -, ma lo sa che per la sua liberazione abbiamo dovuto pagare un riscatto di milioni a chi professa quella religione?", conclude Paolo Becchi.

Ben tornata, Silvia Aisha!

Partir… così…E ritornar…cosà…
Sgarbo mi pare a proba cittadina
l'assenza - grave - ch'è in controtendenza
a chi omaggiata l'ha con la presenza
or ch'è tornata, allegra e sbarazzina…

Dal fianco - finalmente - l'ardua spina
è tolta!…E …lui *…non c'era all'accoglienza
di chi - a un da farsi, che di moda è essenza -
innato senso a avventurarsi inclina.

D'onnipotenza carica s'imbarca
a far lontano quel che non farebbe
qui presso…Ché nessuno! - qui - il rimarca.

L'avesse fatto qui, il volontariato!
Sequestro e pene: non se ne direbbe!…
né di stravolgimento, e del … costato!

…….. ….. ………….. ….. ……….

Responsabilità di chi ha inviato
il…corpo del reato
in luogo da pericoli infestato
è cosa che va subito indagata…
E fame d'avventura va frenata…
E legge adatta al caso promulgata.

*è mancato il P.d.R. al completamento
del "comitato d'onorevole accoglienza" …

 

 

 

                                                

 

Mamma!
'Sto nome m'arisòna ne la mente
e m'arimbàrza nfra la bocca e er còre;
è dôrce che più dôrce nun c'è gnènte:
è er nome de la vita e de l'amore.

La sola che te vede e che te sente
sippuro stai lontano ore e ore
è mamma tua che, amorevormente
te tira su co gioia e co dolore.

Davanti all'occhi sui 'gni fijo è bbèllo
e lei pe lui è pronta a dà la vita
fuss' anche solamente un trovatello.

Finché pòi chiamà "mamma" è sempre festa,
ma puro quanno se ne sarà ìta…
quer nome ce l'avrai pe sempre in testa!
Armando Bettozzi


Mamma!
È il nome che mi suona nella mente
e mi rimbalza tra la bocca e il cuore;
è dolce che più dolce non c'è niente:
è il nome della vita e dell'amore.

La sola che ci vede e che ci sente,
seppur siamo distanti ore e ore,
è mamma nostra che amorevolmente
ci tira su con gioia e con dolore.

Per gli occhi suoi qualsiasi figlio è bello
e lei per lui è pronta a dar la vita
foss'anche solamente un trovatello.

Finché puoi dire "Mamma !" è sempre festa,
ma pure quando lei sarà finita
quel nome ce l'avrai per sempre in testa.


Fatti, una poesia
da blog de IlGiornale-IlLoft, 5 maggio 20202 - Il Paese esce malconcio dalla "fase 1". All'emergenza sanitaria e ai morti, si aggiungono la crisi economica, lo spettro della disoccupazione e, soprattutto, commercianti, pmi e imprese che rischiano di andare a gambe all'aria….Le misure partorite fino a oggi si sono dimostrate insufficienti. Di soldi sul piatto ne sono stati messi davvero pochi e le promesse sono venute giù come un castello di carta soffiato via dal vento. Non solo i decreti per curare il Paese si sono rivelati inconsistenti, ma anche la trattativa a Bruxelles si è conclusa con un pugno di mosche in mano. Un flop a 360 gradi, insomma. Mentre gli italiani chiedono un intervento più deciso, il governo preferisce concentrarsi sugli immigrati. A farsi loro portavoce è il partito di Matteo Renzi che, giusto nei giorni scorsi, aveva minacciato fuoco e fiamme contro Conte se non avesse cambiato il passo sulle misure del governo. Si vede, però, che non aveva alcuna intenzione di mettere al primo posto le nostre imprese. In cima alla sua agenda politica c'è, infatti, una maxi sanatoria che, con un colpo di mano senza precedenti, finirebbe per regolarizzare 600mila clandestini. Il ministro Teresa Bellanova vorrebbe addirittura inserirla nel decreto di maggio. E sì che tutto suggerirebbe di fare il contrario: una nuova ondata di sbarchi ha fatto impennare gli ingressi del 350%, i nuovi arrivi stazionano stipati sul molo di Lampedusa e le ong si preparano a un'altra estate di interventi nel Mediterraneo. La maxi sanatoria del governo non solo è un messaggio sbagliato, che spingerà altri clandestini a far rotta verso l'Italia, ma è soprattutto una priorità di cui il Paese non sentiva il bisogno. Per uscire dalla crisi economica non servono certo permessi di soggiorno a pioggia per chi non ne ha diritto. Il governo studiasse piuttosto come uscire da questo pantano mettendo, innanzitutto, il Paese nelle condizioni di poter ripartire e approntando (una volta per tutte) le regole per la "fase 2" in sicurezza. Ogni giorno che perde, è un durissimo colpo al nostro sistema economico.
da Sciscianonotizie, 6 maggio 2020 - "Grazie al corona virus si stanno rimettendo in libertà pericolosi criminale che hanno martorizzato il nostro territorio, è una cosa vergognosa e preoccupante. A quanto pare il corona virus fa bene solo ai clan visto che nessuno di loro si è ammalato ma in tanti sono usciti dalle carceri. Infatti a fronte di zero morti e pochissimi contagiati nelle carceri in Italia le famiglie mafiose si sono ritrovate con
Tantissimi elementi di spicco di nuovo in casa….uscendo di galera stanno dimostrando di essere più forti dello Stato, di essere al di sopra di ogni legge….I boss che improvvisamente si trovano in condizioni fisiche preoccupanti vanno curati in strutture sanitarie ad hoc o negli ospedali e non rimandandoli nelle proprie case." Sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi F.E.Borrelli che ….sta promuovendo una protesta popolare …
da Repubblica, 4 maggio 2020
Saviano: "Lo Stato di Diritto deve valere anche per Caino…Garantire la salute del detenuto è fondamentale : un carcere che non è democratico diventa immediatamente un carcere dove comandano le mafie. Nei giorni scorsi hanno generato scandalo e polemiche i domiciliari dati ad alcuni ex esponenti di clan camorristici e mafiosi tra questi....I domiciliari hanno destato scandalo ma i magistrati hanno agito nel rispetto del diritto e quindi hanno realizzato l'atto antimafia più potente. Garantire la salute del detenuto, di qualunque detenuto, dall'ex boss al 41bis al detenuto ignoto, è fondamentale, è un atto che ha una efficacia antimafia immediatamente misurabile…
da IlMessaggero, 6aprile 2020 - Città del Vaticano - Papa Francesco continua a martellare sul tema del sovraffollamento carcerario e la necessità di un provvedimento per impedire una strage di detenuti dietro le sbarre. Da quando è iniziata la pandemia ha fatto presente più volte, nel corso delle messe mattutine a Santa Marta e trasmesse in streaming, di affrontare un rischio più che concreto. Quattro giorni fa è morto il primo detenuto nel carcere di Bologna di covid-19 (77 anni, condannato per mafia) e nel frattempo in alcune case circondariali è scoppiata la rivolta.
da Corriere .it , 6 maggio 2020 - regolarizzare immigrati…La ministra non si è espressa sulle stime che parlano di 600 mila persone…Interviene anche il Papa…"….Perciò accolgo l'appello di questi lavoratori sfruttati e di tutti i lavoratori sfruttati e invito a fare della crisi l'occasione per rimettere al centro la dignità della persona e del lavoro".


Mezza vera e mezza fake…
"Er male st'a allentà…Ma manco tanto…
È solo er modo che se vòle intènne…
De morti ne st'a ffà…E…però…"ammènne!".
Dovémo riinizzià…Basta, côr pianto!

Co maschere-e-distanze …ben inteso!
Ma ècco che riinizzieno er servizzio
co navi-taxi…che…com'ogni vizzio,
difficile è a passà…Stava…sospeso…

E…a scomméttece…se sarebbe vinto:
c'è na ministra - infatti - llì, 'ngrifata
a ffà tornà de moda … mijorata
la smagna der: "nisuno sia respinto!".

Nun è la sola, a avé…sani princìpi…
Saviano ha scritto su li…scarcerati:
"Ciànno diritto a nun finì ammalati…"
Scordànno 'i drammi creati da quei…tipi…

E che côr virus, mèjo è a restà in cella…
Ma in tutto sto fermento "umanitario"
ce manca er biancopadre intermediario…
Ché n vò fà più co …quelli…comunella. (fake)

Ma…a sòr Saviano e compagnucci vari!
Quànn'è che sarà ora de stà a ddì
de li diritti de li morti e chi
in sempiterno se st'a piàgne 'i cari!?"

"Ma che vai pretennènno, a Ro': chi è morto
sta sottotèra…N da fastidio…N vota…
Nun dà soddisfazzione…È da idiota
stà a penzà a llui...e a chi è in pieno sconforto…

Lo Stato de Diritto, è n'artra cosa!
Cià troppi impegni già co li Caini…
L'Abeli…nun procùreno casini…
Co lloro, embeh…er "diritto"…s'aripòsa!"


I giorni del coronavirus
da LiberoQuotidiano.it, 30 aprile 2020 - Congiunti e "affetti stabili", Sileri fa giravolta:"Possibile vedere un amico vero". Poi rettifica: "Solo se è l'unica persona cara in città".
"Anche loro sono affetti stabili". Fase 2, parla Sileri: ufficiale, siamo alla farsa. "Congiunti? Una barzelletta che non fa ridere". Renzi, bordate su Conte: governo prepotente con la vita degl'italiani.
La stretta del governo sugli "amici". Fa tutto ….vice ministro alla Salute, che in poche ore prima apre e poi stringe al massimo la tolleranza sulla possibilità, con la Fase2, di uscire di casa per incontrare gli "affetti stabili". Dopo il pasticcio sui congiunti ("I parenti fino all'ottavo grado", ha chiarito il ministro dello Sviluppo…), arriva un altro mezzo disastro che testimonia il livello di impreparazione con cui la squadra di G. Conte e la task force guidata da V. Colao sono arrivati a delineare il piano per il (molto graduale) ritorno alla normalità.
Pietro Senaldi, 29 aprile 2020 - Qualcuno regali a Giuseppe Conte un orologio. Il presidente del Consiglio ne sfoggia uno di ottimo gusto nelle sue verbose prediche televisive, ma è legittimo il sospetto che esso non funzioni. L' uomo infatti è completamente sfasato. Per i due mesi e passa trascorsi dall' inizio dell' epidemia in Lombardia è stato latitante. Meglio così, perché quando ha deciso di visitare la regione più colpita dal Covid-19 ha rimediato solo una figuraccia. Come un turista cinese che deve vedere tutto in dieci minuti, ha improvvisato un tour che lo ha portato a Bergamo a mezzanotte e a Brescia alle due del mattino. L' altro giorno, alludendo alla tendenza di Giuseppe ad avocare a sé pieni poteri, noi di Libero lo abbiamo chiamato Ducetto. Ebbene, egli ci ha preso sul serio, facendo irruzione nei giorni successivi al 25 aprile nelle prefetture lombarde nel cuore della notte, in fuga dalla gente, sentendosi forse braccato come il Mussolini degli ultimi giorni. Male hanno fatto le autorità locali ad aprirgli le porte, perché il premier ha dimostrato un disprezzo unico per le città colpite. Dopo sessanta giorni d' assenza, non ci si presenta all' ora dei ladri e dei pipistrelli neppure in casa propria.


L'invenzione del…

L' affettoamicoamormometro
Non proprio tutto quel ch'è male nuoce.
Il male, male è sempre!…Non discuto.
Ma occorre un ragionare un po' più acuto
di quello tetro che … sol mette in croce…

Quest'ammorbante, virulento, atroce
"corona" che contagia con lo sputo
di cui non sa nemmeno chi è un saputo,
ha aggiunto in dizionario questa voce:

"affettoamicoamormometro". Creato
dall'unico governo del Paese
da fantasia e favola guidato.

Giammai parola è stata sì precisa,
e chiara ed esauriente, e sì palese
nell'esaltar l'ilarità e le risa.

Fingiam che sia così, poiché altrimenti
dovrebbero scoppiar tra le conte-se
non si sa ben…quali altri patimenti.

 


da internet

Maggio - Mese Mariano

Er 1° Maggio
(e l'antivirale)

Pe queli che volessero scordàllo
o che daggià se 'o sò dimenticato
Maggio sta qua…Proprio oggi! è arivàto.
E è 'r caso - me pare - de festeggiàllo!

Sì, perché è <festa der lavoratore>
-che vòr dì tutto e che nun vò dì gnènte
visto che tanta! ce ne sta, de ggènte
che a faticà je pare … un disonore…

e poco o propio gnènte ha mai sgobbato,
però festeggia…Perché lo sgobbà
de chi davéro sgobba…fa campà…
Oppuro, è solo assai …ideologizzato…-…

Ma sto penzànno a tutta n'àntra cosa….
Io sto a penzà a Maria…a la Madonna,
che a chi l'invoca je pò ffà da spônna.
E tante vòrte! è stata generosa…

J'abbasta na preghiera…Anche na rosa,
data - però, così - côr còre in mano!
Certo…Ce sta a chi pò sembràje strano…
Ma je sfugge quant'è miracolosa!

E spèce mo'…che st'a girà sto male…
Tòcca penzàcce…Perché si n s'arièsce
a trovà er modo … propio nun se n'èsce!
Lei sola! Pò èss' er nostro…antivirale!


I giorni del coronavirus

L'essenza…

Fragilità!
Forse è il Signore
che con tale orrore
vuol fare al mondo
capire più a fondo
quel che è la vita:
che non è una gita,
non una corsa
a empire la borsa
per ottenere
lo spasso e il piacere,
per finanziare
continuo sbagliare …
Per primeggiare
con Dio e ignorare
che ogni primato
sta a chi ci ha creato.
Forse si vuole
che bastan! parole!
Meditazione
ci vuole, e attenzione!
Le città vuote
son cosa che scuote
fino a capire
che siam …divenire…
La vera essenza
di questa esistenza.
Fragilità!
Signore, pietà!
 

I giorni del Coronavirus
da InToscana.it, 28 marzo 2020 - ….Poi il richiamo alla stessa politica italiana. Il capo dello Stato ha auspicato che ci sia 'un impegno comune, fra tutti: soggetti politici, di maggioranza e di opposizione, soggetti sociali, governi dei territori. Unità e coesione sociale sono indispensabili'.
Papa Francesco, 'Nessuno si salva da solo' -
da un twitter di G. Delrio, 26 mar 2020: Serve una grande collaborazione tra maggioranza e opposizione….La maggioranza deve usare questa emergenza per aumentare la sua coesione e sostenere il governo nella ricerca del dialogo con l'opposizione e un rapporto più stretto con il Parlamento.
da ilMessaggero.it, 20 aprile 2020 - ….il Papa lancia un appello corale a tutti i politici. Nessuno escluso. Dall'estrema destra alla estrema sinistra. Ai fedeli collegati per la messa in streaming chiede di pregare "per uomini e donne che hanno la vocazione politica e per i partiti politici di diversi Paesi perché in questo momento di pandemia cerchino insieme il bene del Paese e non il bene del proprio partito".
da adnkronos, 11 aprile 2020 - …sotto accusa "l'attacco frontale senza precedenti nella storia repubblicana del presidente del Consiglio nei confronti dei leader delle opposizioni… che ha trasformato la conferenza stampa in vero e proprio comizio politico". Il tutto "sulla principale rete del servizio pubblico, in orario di massimo ascolto, dove peraltro l'Italia intera si aspettava di ricevere comunicazioni sui provvedimenti inerenti al COVID-19".
da ansa, 22 aprile 2020 - nessuno degli emendamenti al Cura Italia presentati in commissione Bilancio alla Camera è stato approvato. Il testo resta quindi quello varato con la fiducia al Senato. Il provvedimento è atteso per oggi in Aula a Montecitorio per il via libera definitivo. Per tutta la giornata governo, maggioranza e opposizione hanno cercato un accordo su alcuni emendamenti del centrodestra, ma alla fine non sono stati trovati punti di convergenza.

Malgrado i tanti appelli…solo un emendamento - nemmeno di prima importanza - è stato alla fine approvato. Questo lamentano le opposizioni, tanto tartassate con gl'inviti all'unità-a fare insieme, cosa che hanno cercato di fare per - davvero! - il bene del Paese, anche lottando contro un'intransigenza bieca di maggioranza e governo…Ma quànno mai!....

Spiegàmose, gente,
o qui n s'arìva a capo a gnènte!
Me sa che qui er sòr Conte sta a fraintènne:
che nu è quistione de stà a … "unì"… l'antenne!


Appelli all'Unità
(ma così…pe chiacchierà…)

Sòr Conte, Mattare', e Francesco incruso,
voi ce pregate e mmo' ve prego anch'io:
spiegàte - ve pregàmo - er … monouso
de quela frase…E qui ve ispiri iddio!

Er monouso - stavo a ddì - che fate
quànno implorate l' "Unità" che infiamma…
"Ché solo essènno <uniti>!!" - ce spiegate -
potémo sortì fòra da sto dramma.

Che…è propio questo qua che a nnoi ce preme!
Ma nfra de voi - unìlaterarmente -
nun è come che dite "fàmo assieme!"…
Dovreste ripulìvve n po' la mente!....

Insomma…È chiaro … O ancora c'è bisogno
de stàllo qui a ridì, che: "Fàmo assieme!",
vòr dì penzà…decide…e - come in zogno -
scanzà quarsìa interesse che ce prème,

e ffà solo pe er bene nazzionale.
E chi ce crede - come ce credémo -
se mette a suggerì quelo che vale!
davéro!...E voi…glissate!…Nun ce sémo!!

E nun ce sémo no!...Ve ne fregate
in modo prepotente e decidete ./…
…/.

così, da pe vojàrtri, che appaiate
er modo der censore - e lo sapete!...

Però, a vele spiegate, continuate…
Mò uno, mo' quell'àrtro...e l'àrtro ancora
-ché 'ntanto, propio n ve ne preoccupate:-
"Unità!..Insieme!…."… ripetete, ancora!….

Ma ormai pure chi è scemo v'ha capiti…
"Più dite…e più potémo spizzicà
e fregà anche n'idea!…Noi sémo miti
ner stà a rimescolà…a mistificà…"….

Sòr Cô'…Sòr Presidè' …Papa Francé' !
Potete puro fà come ve pare…
Però!...N ve lamentate si nun c'è
st'union-de-intenti…e ce divide un mare…

Ma, Cùperlo, in tivvù, in prima serata*
ha ffàtto - arfìne - chiarezza de fino!
Dicéveno: "Unità…è solo invocata…!"…
"Ma voi, però, co quer <stato strozzino> !"….

Ma guarda te che senzibbilità!...
Che n c'è - però - pe chi sta!…o è già! annàto…!...
pe stà a sconsideràlla, sta realtà…
Pòi ben capì lo stato de … sto Stato!
 

I giorni del coronavirus
Piene le cronache e i talkshow-in questa terza parte di aprile 2020-sui rapporti Italia-EU per aiuti-non aiuti per l'emergenza covid19- durante i giorni dell'emergenza e il dopo-contagio…In specie, l'incontro Conti-EU, per il NO al mes e a favore di eurobond e intervento BCE, del 23 aprile.

"Falsi … d'autore…"
A tutti quanti voi, grazie di cuore!
Per ogni falso autentico e verace,
che dalle false lingue assai vi piace
far fuoruscire con fervente ardore!

In specie a te, che onesto mentitore
il bugiardar ti esalta, e assai ti piace
come anche piace a chi nel sonno giace
e tanto ama il menzognar d'autore.

Da unico pastor pascoli il gregge.
Richiedi ausilio e poi sprezzante sprezzi
la man che ti conforta e ti sorregge.

Forse è contagio da … Jinping d'oriente
d'un che vorrebbe…ma non ne ha gli …attrezzi…
se non il…nulla, che però è…servente.

Di cuore, grazie, dunque pe' ogni aiuto
che a gran fatica siete e sei riuscito
a circolare, e a avercelo…venduto
in modo virtual…come su un sito.

Perché - in effetti - niente s'è veduto
di quanto sbandierato e ribadito
ad ogni show, che ognuno più avveduto
ha messo al bando, dopo aver capito...

Ah, quanto avea ragione nonno mio
col suo pensare e il semplice suo dire
di credere soltanto in me e in dio.

E però insiston supponentemente
a sbugiardare chi li sta a smentire
con chiaro e onesto moto della mente.

Infracchettato e tutto impomatato
lassù te n vai con l'aldo incartamento
ma senza il benestar del parlamento
con la baldanza d'essere ascoltato

nella stesura del vital trattato
per poi tornare a raccontar l'evento
e a contornar d'alloro il gradimento
con cipiglioso fare un po' esaltato.

E infatti…dopo un'altra…e un'altra volta…
riporti a casa ennesimo insuccesso.
Ma…imbonitor qual sei, a chi t'ascolta

racconti una storiella…immaginaria…
Come non fossi alla realtà connesso,
e re ti senti di…castelli in aria.

Eh, sì! co' un compromesso
coi tuoi - più saggi e onesti - oppositori,
li avresti riportati! un po' di allori.
 

Er 25 Aprile
"<Er 25 Aprile è ròbba nostra:
ciavémo l'escrusìva! Ché, è pe nnoi!
si mo su sta gran bella tèra nostra
ce sta la libbertà pe nnoi e vvoi>.

Così, sò stati sempre a ddìcce, a Ro',
e nun se pò negà: hanno combattuto …
ma nu è pe sminuì, ma nu lo so
si senza quelli avrebbero potuto…"

"A Re', che n se poteva fàllo è certo.
-E avòja a penzà a Davide e Golia!-
Si n fusse incominciato già er concerto
che co lo sbarco aveva preso er via!

Regazzi, a Re', venuti da lontano
pe libberà anche gente poco grata,
che - si è che nu je dàveno na mano -
sarebbe pe davéro incominciata la

resistenza? È troppo sbrigativo
a ddì che è ròbba de li partiggiàni.
Ma propio sò venuti ar campo estivo
quer mare de sordàti americani?".


I giorni del virus

C'è il virus che passa…
C'è il virus che passa. Chiudete, serrate!
Ma non v'accostate…Ché… per chi s'ammassa
già ha pronta la cassa…Se è quel che cercate…!....

C'è il virus che passa…Non dategli appiglio!
Seguite il consiglio…Lui passa e ripassa
per fare man bassa, con truce cipiglio.

C'è il virus che passa…Sarà anche 'galera',
così, mane e sera…Ma lui non s'abbassa,
va, succhia e s'ingrassa…Restiamo, in preghiera.
 

I giorni del virus
da laRepubblica, 14 aprile 2020
…Non si tratta di riprendere costi quel che costi. Anche se da giorni dice con forza che l'Italia deve ripartire, che non possiamo permetterci di tenere chiuse le nostre imprese, Luciano Vescovi, presidente di Confindustria Vicenza, sottolinea sempre che "dobbiamo riprendere in totale sicurezza": "Lo dobbiamo soprattutto ai nostri vecchi, che hanno ricostruito l'Italia con tanta fatica, tanto sudore, tante rughe sul volto: a loro dobbiamo molto". Ma dobbiamo riprendere, perché "le casse dello Stato sono vuote: siamo indebitati al 140%, tra un po' potrebbero non esserci persino i soldi per pagare i dipendenti pubblici e le pensioni". E riaprire le fabbriche, non le librerie: non perché non servano, ma perché "non è il momento di pensare ancora alla vita sociale".
I sindacati contrari a nuove riaperture, e gli epidemiologi fanno notare che il numero dei contagi è ancora elevato, soprattutto nel Nord. La salute non è più importante del fatturato?
"Dobbiamo riprendere, ma in totale sicurezza… Mentre bisogna garantire un sostegno economico a tutte quelle attività in cui c'è una compresenza sociale forte: i bar, i ristoranti, i cinema, i teatri, sono tutte attività impossibilitate a ripartire in questo momento".
Oggi in effetti ci saranno le prime riaperture: poche, e per lo più non si tratta di attività industriali.
"Riaprire le librerie e le cartolerie significa dare alle persone l'illusione che siamo usciti dalla fase dell'emergenza, e non è vero, bisogna fare invece ancora molta attenzione. Si può lavorare, ma oggi per mantenere la sicurezza bisogna avere uno stile di vita simile a quello dei nostri nonni, che uscivano di casa solo per lavorare e quando finivano tornavano a casa. Un percorso casa-lavoro-casa, perché se invece si ricomincia ad andare in libreria e cartoleria si fa esattamente il contrario".
da L'Attacco.it, 16 aprile 2020
"Il nuovo decreto preannunciato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte prevede per il 14 aprile la riapertura delle librerie, riconosciute da più fronti come presidi sociali e luoghi essenziali per il tessuto culturale del nostro Paese. ……
Mentre sono ancora in vigore misure che costringono le persone dentro casa e sospendono la mobilità, viene chiesto a noi librai e, di conseguenza ai nostri lettori, di tornare a muoverci per raggiungere le librerie. …..
Ci siamo re-inventati sui canali digitali, abbiamo raccontato libri a distanza, abbiamo studiato le formule giuste per permettere ai libri di arrivare alle porte delle persone….per non perdere il contatto con i lettori.
Se alla decisione di riaprire possono aver contribuito lettere e appelli che fanno forza sul valore e sul conforto culturale del libro, la prima domanda da porsi è: a quali condizioni? E perché tra le firme di questi appelli mancano proprio quelle dei librai?
1. Sono state previste delle indicazioni precise per la sicurezza del nostro lavoro, come l'adozione di specifici dispositivi? E nel caso: quali? ….
2. È stato considerato cosa significhi, dal punto di vista della sicurezza sanitaria, fare muovere tutti i librai e le libraie d'Italia verso i loro luoghi di lavoro, e tutti i nostri lettori in direzione delle librerie, in tempi in cui viene chiesto a tutti i cittadini italiani di restare a casa il più possibile…La scelta di un libro avviene per contatto diretto, per passaggi di mano e di idee. Come gestire tutto questo? 3 -…4.-……
Riaprire le librerie non può essere considerato un puro gesto simbolico, ma deve essere un'azione strutturata e gestita nella sua complessità, così come dovrebbe avvenire per tutte le altre attività necessarie alla vita sociale.
In mancanza di garanzie sulle richieste qui avanzate molti di noi si riservano di non riaprire comunque l'attività nemmeno dopo l'entrata in vigore del decreto, finché non sarà possibile esercitare il nostro lavoro nelle condizioni e con le tutele adeguate".

La cultura…La più azzeccata cura!
Son folate di parole volate
in turbinii nervosi da nevrosi
di governanti non rassicuranti.
"Restate chiusi in casa, o v'infettate!"
In coro, ai venti, hanno gridato: "Attenti!
Il morbo gira a prendere di mira
la gente che…sconsideratamente
in giro vada - senza scopo - in strada!"

Ma mentre il mal cresce c'è…chi se ne esce
senza paura…in gran disinvoltura
con l'apertura ai libri e alla cultura
qual degna priorità in ogni città,
ché è quel che salverà l'umanità…!...

E però, ha, l'allumato, ben spiegato
di aver - col virus - preso - anzi, preteso
parola d'onore che mai! malore
infliggerà a chi in libreria andrà.

Ma quant'è bello! Avere chi, il flagello
con tal coraggio affronta, e è così saggio
da far di librerie le…praterie
-oltre che di cultura … - … anche di cura!
 

I giorni del virus
Quanto s'è sentito dire - con offensiva aria di insufficienza - nei brutti giorni del contagio!...."Ma intanto muoiono solo i vecchi!..". Per dire Non è così da preoccuparci!...Non è così importante!..." (da febbraio 2020 in poi…)

Vedi, nonne', magari, forze…è ora
che…da le scatole…te ne vai fòra!

"Nonné!.."….
Stai a capìllo - tu - 'r "perché"?

È stata lunga, sta vita, eh, nonne'!
È incominciata accosì tanto fa
che chisà quante cose ha visto…e sa…
E in quanti sò sfilati li "perché"…

E te sei fatto tutto da pe tte…
E dovénn' anche penzà a chi lo sa
quant'artri - intorno - da dové campà!…
Che faticata!..E mai un "ma"… e un "se"….

Che fiume ha da èsse scorzo…de sudore,
lagrime-e-sangue…E calli ne le mano
pe stà a ricostruì, dopo er terôre…

Te l'aspettavi sto ringrazziamento?!...
E a che arivava a ffà er ciarvèllo umano,
spèce 'nde sto triste…urtimo momento…?!...

Pieno de …"vòjo!"….e vòto in sentimento
sto seme tuo … sta Patria … pe cui invano
hai dato accosì tanto - adesso, a stento

li stai a riconosce…coll' occhi de un amore
ch'hai dato a uffo … Certo…te fa strano
che è pronto inzino a ffàtt'annà ar creatore!...

D'artônne lo pòi véde anche da te,
e puro un regazzino ce lo sa
ch'è proprio tanto, tutto sto campà!
(Nu lo stà a ddì: lo penza nfra sé-e-sé…)…

Mai stato partiggiano, o ssì! nonné?
Ché…sai….la diferenza, n po', la fa…
Ma…chi lo sa!…N se sa che ddì, n se sa…!...
Stai a capì!...Sta tutto qua, er…"perché?" !

N TE STAI A DOMANNÀ ANCHE TE: "PERCHE'?!" …??...


I giorni del Coronavirus
da vari interventi a "Fuori dal coro", del 7 aprile 2020 - e a "Stasera Italia" dell'8 aprile 2020.

Annàmoce piano…!...

"E mmo' sta rintanata puro Greta
'ncazzata nera perché j'ho sfilato
de mano er monno super inquinato…
E je stò a ddì che nu è sta … gran …profeta!" (coronav)


Corona … st'aspettà er momento bbòno…
"Poràcci…Nun ce stann'a capì un'acca!
Sò solo tutti presi da la bbòria
de st'a cercà quer briciolo de gròlia
e annàspeno - convinti - ne la cacca….

Ve stann'a ddì che già hanno fatto questo…
Che stann'anche a ffà quello…e che faranno…
E dìcheno…che n polemizzeranno…
Ma poi: <Macché! .Nu è vero! Io protesto!...>

li senti a ddì.- <Io n c'entro!...È stato quello!
Noi stàmo a ddà li sòrdi!!>...Ma, ndo' stanno?!
Che - arfine - manco loro ce lo sanno!
Ma poi, sì!...Te l'ariémpieno er…borzello!

Ma intanto su - in Teutonia - hanno sganciato
a pacchi! l'euri a quel' imprenditore
co-n-piede-qui-e-uno-llì…E su l'onore
ha detto che da qui, n cacchio! è arivàto!

Vònno incassàsse er riconoscimento
der mônno che mo' copia sto Paese…
facénnoje le scarpe - er che è palese -
ar 'nord', che ha messo-su er 'provvedimento'!

E poi … sta fastidiosa ipocrisia…!...
<Ve prego…!...Fàmo assieme…Su!...Approvate!...
Oh!...Grazzie!...Grazzie tante!...!...Che cercate?!
Eh nno!!.Già avémo fatto!...E…così, sia!>.

E co le mascherine…Si che annàzzo!
Stànn'a cercàlle…e stànno llì 'nguattàte
pe vvìa de teste mezz'aruvinàte
da 'i fumi burogratichi der cazzo!!

E co 'i nummeri…!...Che balletto osceno…!...
<Stann'a morì in tantissimi!...Però,
ieri èreno deppiù, e adesso sò
appett'all'artro ieri n po' de meno…

Pe cui la ligna n sale più…St'a scénne!
E aritornàmo a stà pe strada e in piazza…> …
Io me la sto a 'ggustà sta ggènte pazza,
che nun sa commannà e nemmanco spènne.

Che vònno fà?!?...Ah, sì?! Risortì fòra?!...
Embeh…Nu aspetto àrtro! E che mme frega!
Nun c'è burograzzìa che a mme me lega:
me fò girà er boccino e… <a la malora!>"…!...


Un fatto, una poesia
da Libero.it, 10 aprile 2020 - Anche a Enrico Mentana non è piaciuto il discorso di Giuseppe Conte tenuto in conferenza stampa, nella quale ha preso di mira Matteo Salvini e Giorgia Meloni: "Se possiamo dire, l'avremmo francamente evitato. Se l'avessimo saputo, non avremmo mandato in onda quella parte della conferenza stampa. Parlando al Paese il premier avrebbe dovuto conservare il profilo per il quale gli veniva consentito di usare quel canale privilegiato." Un affondo arrivato dopo che il premier aveva esordito: "Il Mes esiste dal 2012, non è stato istituito oggi, approvato o attivato la scorsa notte, come falsamente e irresponsabilmente è stato dichiarato da - questa volta devo fare nomi e cognomi - Matteo Salvini e Giorgia Meloni". Un vero e proprio "attacco alla democrazia", come lo stesso leader della Lega ha chiosato.
da IlGionale, 13 aprile 2020 - L'autogol di Conte: gli italiani non hanno gradito gli attacchi in tv. Il premier pensava di incrementare il gradimento personale, ma il 54% degli italiani ha trovato fuori luogo l'attacco a Salvini e Meloni.
Lo show televisivo…non ha apportato alcun vantaggio a Giuseppe Conte: il presidente del Consiglio, sfruttando la conferenza stampa trasmessa a reti unificate per annunciare il prolungamento delle misure restrittive fino al 3 maggio…ha sferrato un durissimo attacco…
Il Premier ha accusato entrambe di aver diffuso "menzogne" sul Mes che potrebbero compromettere la "forza maggiore" dell'Italia nelle trattative con L'Unione Europea. L'avvocato era probabilmente turbato da una parte per l'Eurogruppo infuocato che ha visto l'Italia piegarsi al fronte dei rigoristi e dall'altra per la fronda grillina pronta insorgere qualora il nostro Paese dovesse fare ricorso al fondo salva-stati.
da Liberoquotidiano, 13 aprile 2020 - Enrico Mentana, nella sua edizione del Tg La7 delle 20.00, torna a parlare di Giuseppe Conte. Quella del direttore è in realtà una replica alla nota giunta da Palazzo Chigi, dove il premier non tornava affatto sui suoi passi rispetto a quanto detto contro le opposizioni. Il discorso ha inevitabilmente toccato anche Mentana che, subito dopo la conferenza stampa del presidente del Consiglio, aveva detto ai suoi telespettatori che, se avesse saputo del comizio sulla tv di Stato, "non lo avrebbe mai mandato in onda". "Non ho mai censurato nessuno. Al presidente del consiglio si danno tutti gli elementi per rivolgersi al paese ed è giusto ascoltare le notizie, ma non le polemiche politiche. C'è stato un rapporto di forza mediatica non accettabile". … il direttore aveva spiegato: "A tutto c'è un limite, anche al fatto di voler avere l'ultima parola. Se Palazzo Chigi vuole l'ultima parola bene, allora gliela diamo". E ancora: "Se sono contenti loro, va benissimo così. Non c'è stata una conferenza stampa a reti unificate, infatti era su due reti Rai, su due reti Mediaset, su La7 e su Sky Tg24", prosegue Mentana con un pizzico di ironia. "C'è una sobrietà per tutti noi", conclude Mentana gettando altra benzina sul fuoco.
Da Liberoquotidiano.it, 14 aprile 2020 - …E ora…Francesco Storace…si schiera in difesa di Mentana e contro gli "hater grillini" che "stanno ricoprendo di insulti Enrico Mentana. Aver ricordato al presidente del Consiglio Conte che l'Italia non è il Venezuela, gli sta costando un'ondata di attacchi sui social …che rappresentano le prime prove tecniche di regime. Chi ha a cuore la democrazia italiana non può sottovalutare il pericolo che comporta il linciaggio di un giornalista che osa criticare il presidente del Consiglio".
LiberoQuotidiano.it, 14 aprile 2020 -…G.Tremonti…racconta la verità sul Mes…: Punto primo "Il governo di centrodestra parlò sempre e solo di istituire un fondo salva stati finanziato con eurobond". Il secondo: "Gli eurobond spariscono dal dibattito nel 2011, con Mario Monti". Punto terzo: "L'attuale versione del Mes fu trattata e firmata dal governo Monti"….

Prove di…regime…?...

Col microfono in resta…
Che succede? ... È ritornato,
col microfono suo in resta,
tutto impomatato in testa
don Chisciotte dal passato?
E però, i mulini a vento
non ci sono per la pugna!
Ma qualsiasi altro espugna
senza un'oncia di spavento!
È coraggio, o è incoscienza
quel che gli arde dentro al petto?
Chi ne sa, che dia il verdetto
a chi - pur - spande sapienza!
Ecco i mostri! ... I due giganti!...
Per il cavalier servente
atti a infondergli il mordente
per gridare: "Addosso! ... Avanti! ..."…
E salito sulla torre
con la folla fatta folta
che lo guarda e che l'ascolta
un successo oral, rincorre.
Così, parla…e sparla …a oltranza
sui due mostri che hanno osato
fare torto al blasonato!
E finisce lui!...in paranza…
Ché - quei - rei, non son!…Si sa!
Solo - è - che è nella testa
dell'hidalgo, che s'innesta
l'ingannevole realtà!
E la folla - ben! capisce…
E stupisce per la foga
con la qual l'eroe si sfoga…
Come topo che squittisce.
 

I giorni del coronavirus
da IlMessaggero, 11 aprile 2020
Conte si è scagliato contro Salvini e Meloni in un passaggio del discorso sul lockdown prorogato sino al 3 maggio: "Il Mes esiste dal 2012, non è stato istituito ieri o attivato la scorsa notte come falsamente e irresponsabilmente è stato dichiarato da Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Questo governo non lavora col favore delle tenebre: guarda in faccia gli italiani e parla con chiarezza".
Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi...Meloni: Conte tracotante. "Il premier Conte indice una conferenza stampa pochi minuti prima dell'edizione più vista dei tg per accusare l'opposizione di dire menzogne, senza possibilità di replica e senza contraddittorio. Credo non si sia mai vista una cosa del genere nella storia della democrazia, e la dice lunga sulla tracotanza di questo governo. Mi aspetto che la RAI mi dia possibilità di replica alla stessa ora, con lo stesso tempo e con la stessa visibilità. Il Presidente Mattarella non ha nulla da dire su questi metodi degni di un regime totalitario?". Lo dice Giorgia Meloni, leader di Fdi.
da Fanpage.it, 8 aprile 2020 - Germania: burocrazia efficiente e pioggia di soldi a fondo perduto
Un mix di fondi locali e federali messi in campo per sostenere l'economia. Nessun limite di reddito per accedere ai bonus e ai fondi, nessun sito in tilt. E' questa la ricetta tedesca che permette ad aziende e freelance di contrastare gli effetti di questa ecatombe economica. Non solo. Alle aziende è stato già restituito anche l'anticipo dell'Iva.- ….(norme di comportamento contro la diffusione del visurs).…Per chi viola queste regole e viene pizzicato dalla polizia tedesca, il prezzo da pagare è salato. "Le forze dell'ordine possono multare fino a 25 mila euro a persona per chi non rispetta le norme…C'è da dire che qui le persone hanno un senso civico molto spiccato ed è veramente difficile che qualcuno non rispetti delle regole ufficiali". Per disincentivare l'aggregazione sociale, molte attività commerciali sono state chiuse. Così, anche l'economia tedesca da qualche settimana ha iniziato ad accusare il colpo e il Governo ha tirato fuori l'artiglieria pesante, mettendo in campo una manovra, la più grande mai varata nel dopoguerra, che prevede diversi interventi a favore dell'occupazione e delle aziende colpite. Tra le misure economiche adottate, anche l'ormai famoso bonus di 5 mila euro per i lavoratori autonomi e per le piccole medie imprese che hanno fino 5 dipendenti a tempo pieno. A questo bonus si aggiunge un fondo federale da 9mila euro, che raggiunge quota 15mila per le imprese che hanno tra 5 e 10 dipendenti….Nessun limite di reddito per accedere ai bonus e ai fondi, nessun sito in tilt….. Non solo. Alle aziende è stato già restituito anche l'anticipo dell'Iva.
da 'Dritto&Rovescio', 9 aprile 2020 - testimone imprenditore: in Germania danno a fondo perduto 5 mila euro, e se ci sono operai, altri 5 mila. Briatore, a conferma di una voce ormai comunemente conosciuta: dei 600 euro, ancora neanche l'ombra. E i discussi 400 miloni non sono lontani dall'essere prestito da strozzini.
Da audio-ideo in rete, riportati anche in vari talk show televisivi nei giorni intorno al 10 aprile. Conte: "MES, no!! Eurobond sono la risposta adeguata a nostra emergenza…" "…Mi suggerivano di non intraprendere questa battaglia, che appariva assolutamente futuribile, avveniristica, non realistica…La verità è che quando si difende il proprio paese non si fanno calcoli. Io so, sono convinto, lo dico con tutta la responsabilità e la prudenza che mi contraddistingue, che la storia è con noi e vedremo alla fine la storia quale piega prenderà".
da CorriereTV - Le parole di Beppe Grillo durante un suo intervento all'Europarlamento di dtrasburgo (audio-video). "Non date soldi all'Italia, vannoa mafia e camorra". Queste …che stanno venendo citate in relazione al controverso articolo di Die Welt che ha affermato che in italia "la Mafia apetta gli aiuti europei" agenziavista.it

Accipicchia! Bravo, Conte! Parole..illuminate da…Da che…?!....

Qual farfalla - aliando in aria - un'idea
gli andò a planar leggera sulla fronte.
Lui innanzi ad uno specchio andò e, leggea...
Lesse al contrario e … si adeguò. Era Conte!


Idea … al contrario
("Ve porto dignità, e sòrdi a spasa!")

"Cari itajàni!...A la quàia-a-la-quàja!!!.
li quattrocento-miôni aggià sò pronti!!
Che aggià se sémo fatti bbène 'i conti…
Nun sémo come l'asino che ràja!

E in più, 'i vickinghi coll'olannesìna
co a capo la teutonica bellona
ce stànn'a impacchettà na … sorpresona
côr <mes> e gnènte bond!!"…Si che manfrina..!...

"Ve porterò li bond!"…!... sbruffoneggiando
aveva straggiurato…E addirittura
"La storia sta co nnoi!..". Da gran figura!
Ma certo adesso no!...E chi lo sa, quànno!

In più, un giornale …<jà!>, che cià la rogna,
ha scritto: <Sòrdi dati a quer Paese
li pìa la mafia pe le propie spese!!
E ar popolo gn'arìva manco n'ogna!>

Sta cosa qua … (chisà si c'è chi sa…)
la sparò Grillo - Sì! er giullar de corte -
(stavo a ddì conte…!...) … Si che brutta sorte!
pe sta nazzione che … vònn'affonnà!

Ma co la faccia sua, ch'è … sempre … uguale,
sto capo der governo (n po' abbusivo)
ce fa - ad un modo da sentìsse n divo -
"Ciavrete a … ottobbre! er vostro….ovo pasquale!

E cioè…'i seicento n po' ritardatari…
e spèce queli tanti…tanti mila!
Pe piàlli annàte in banca a ffà la fila…
Così côr conto tasse…annàte pari…

Ché … ve li stàmo a ddà propio pe questo!
Si 'nvece - poi - quarcòsa ve ciavanza
potrete cortivàcce la speranza
de nun avé no sfratto, od un protesto…

E si n doveste fàccela a aspettà,
penzate a quanti sbàji hanno anche fatto
ner resto dell' E.U. … e schizzofatto
n sarete più da soli a stà a penà!

Ah, sì! … In Germania, sòrdi a spasa a ufo
je stann'addà pe ritiràsse su…?...
Sapete…chi pìa meno…chi pìa più…
Ma poi…de ste polemiche sò stufo!"

E pe spiegà e pe ffàcce stà più attenti
che fa?..Va a…'reti-unite' a…<mette un ponte>
tra lui, Giorgia e Matteo…E questo è Conte.
Storia, è! der: dieci/quattro/venti-venti.

Lui, insomma…<pesa-incarta-e-porta-a-casa>
quer ch'ha imposto E.U.!…E viè a ffà er resoconto
facénno er bello-bullo-finto-tonto:
"Ve porto dignità (!)…e sòrdi a spasa!"


Li giorni der Coronavirus

Tonni-in-scatola…più pe poco…
Hai voluto osà troppo, e pagherai!
Chè chi vò troppo, piàgne!…Nu lo sai?!
Mo', presto finirà er tu' sporco gioco!...

...Stann'a scénne Gesù e Maria, in campo!
Ndo' stai, vijàcco! Che n te fai vedé!
Ciammàzzi, stai a ddàcce mille guai!
Te pòssin'ammazzà si n te ne vai,
senza nisun "ma"… senza nisun "se".

E si n ciammàzzi…nun ce fai più vive!
Ciai scatolati come tonni-in-casa…
Ve pòssino crepàvve tutti a spasa
com'a sorci affogati ne le stive!

Stàmo 'mpauriti…tutti rintanati…
Voréssimo acchiappàvve e dàvve fòco…
Ma pure d'anniscòsti, a poco, a poco
v'annienteremo, brutti disgrazziati!

Sémo li fiji de Gesù e Maria,
e in più sémo Italiani! e pagherete
sto grànne affronto…Che!...Nun ce credete?
Già stann'a scénne in campo….E così sia!


Un fatto, una poesia
da AGI.it, 28 marzo 2020
Far lavorare nelle aziende agricole, attualmente a corto di manodopera, chi percepisce il reddito di cittadinanza. E' la proposta del presidente di Configracoltura, Massimiliano Giansanti, che, intervistato dall'AGI, chiede anche maggiori aiuti al settore agroalimentare nei prossimi interventi del governo e la reintroduzione, solo momentanea, dei voucher per i lavoratori del settore.
Far lavorare nei campi chi ha il reddito di cittadinanza
Giansanti sottolinea che per utilizzare nel settore agricolo chi usufruisce del reddito di cittadinanza "andrà trovato uno strumento che possa consentire a queste persone di non perdere il diritto all'assegno, perché noi offriamo un arco temporale limitato rispetto alle attese sul lavoro di queste persone".- Per il presidente di Confagricoltura, tuttavia, "ci sono tutti gli elementi per trovare un accordo tra impresa e lavoratore salvaguardando i diritti di chi percepisce il reddito e permettere all'azienda di poter contare su un cittadino italiano al quale, grazie anche al fattore lingua, poter insegnare velocemente quello che è necessario fare all'interno di un'azienda agricola".
da Newnotizie.it, 31 marzo 2020 - Queste le parole di Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, al 'Corriere della Sera': "Con le persone colpite dal virus, quelle in quarantena e gli stagionali stranieri rientrati nei Paesi di origine che non possono tornare in Italia per il blocco della circolazione nelle campagne mancano braccia. E siamo in un momento cruciale: si avvicina la stagione della raccolta degli ortaggi e della frutta estiva. Servono almeno 200 mila persone subito...

Redditati...Ecco il lavoro!
Corona - sembra - che oltre ai tanti mali,
-seppur senza saperlo - ci ha portato
rimedi per lavori interinali,
da esserne - alla fine - anche…apprezzato.

Ché, infatti, oramai visto ed accertato
che qui il lavoro proprio non si trova,
potrebbe rimediarsi con la nuova
gestione di chi è stato…redditato.

Ché - visto che l'original progetto
nessuno può negar che sia fallito -
potrebbe dir che - alfine - il…retribuito
per-non-far-nulla, faccia…un lavoretto.

Sarebbe - ideale o no - una soluzione
per dare al redditato dignità
e a chi l'ha dato, credibilità.
E ricucire strappi d'opinione.


Nei giorni della pandemia…(da febbraio-marzo 2020, a…)

È l'ora…
È l'ora che indora
il campo di grano.
Entrate pian piano
ché sta a maturare.

È l'ora che odora
di risa la culla.
La mamma trastulla
il bimbo suo bello.

È l'ora che aurora
si veste di giorno.
Già esce dal forno
l'odore di pane.

È l'ora che indora
la vita che cresce.
E al giovane mesce
ardore e speranza.

Ora … era…già allora
di fare le cose.
Ma…estrosi ed estrose
l'han…date alla sorte…

Così, d'ora in ora
il tempo trascorre.
E a chi lo rincorre
lo lascia a ansimare.

È all'ora-buonora
che è bene iniziare!
Che può valutare
più, l'oro ch'è in bocca.

È un'ora che accora,
'l mortale contagio!
Che vaga randagio
e a morte colpisce.
Ch'è un'ora - finora -
di senso privata!
Gli dà l'avanzata
pur di non … sbarrare.

È ora che ancora
ci vuole speranza.
O pesce in paranza
ti par di finire.

È ora, o mai ora
è l'ora di amare.
Per non far sfumare
la forza di un "T'amo".


I giorni del coronavirus

Comunicato da e a Radio-Contagio
"Attenzione! ...Cittadini italiani!...
Le nostre truppe v'hanno già sfondato
il fronte nord! Ed or - secondo i piani -
il centro-sud è presto conquistato!

Per voi non c'è alcun scampo! ...I virusani
d'arrendervi - di già - v' hanno intimato!
Quegli atti eroici vostri, sono insani!
Così, ognun di voi sarà ammazzato!"

"Ma…veramente, teste di c...orona
credete di poterci intimidire?
Non lo sentite il campanil-che-suona?!

Non lo vedete il Tricolore-al-vento?!
Credete cosa, stian quei due a dire!
Che <cara ce la pagherete!>...Attento!"

"Dall'Alpi, all'Appennino, e giù allo Ionio
attento, vil coronavirus pazzo!
Spalanca bene il po' di comprendonio:
pe tutti, Roma fa: <Te fàmo er mazzo!!!>.


Un guerijéro cinico e vijàcco
Pò èsse che vò diventà er padrone
de tutto quant' er mônno!
E st'a cercà de mette a pecorone
chiunque incontra…E ggira tonno-tonno…
Ma senza fàsse véde, né sentì…
Nemmanco quànno imbocca
pe drent'ar còrpo…Sì!…lo pòi capì
-le vòrte - ma nun sai si che te tòcca…
Pe minimo…vabbè…manco a parlànne…
Ma si è 'r momento "no"
te fa allettà e intubbà…Na cosa in grànne…
Perfino - poi - te pò ammazzà, te pò!
È un gran puzzone, e è pure un gran vijàcco!
Ché cià pe strateggìa
che si s'avvicinàmo viè all'attacco…
E gode ner vedécce a portà via…
St'a ffà na stragge!...E er modo de sarvàcce
è solamente uno:
nun dàje mai er modo de toccàcce
perché sinnò è n carvario, sarvognuno!
Er fatto è che cià avuto…l'alleati!
Sì, propio, addirittura!
Sarebbero li scemi 'ilumminati',
oprènnoje, ché.."N c'è d'avé paura!".
L'hanno capita, mo'…Ma gnènte scuse…
Sippuro che li morti
potéveno èsse meno…senza accuse
a chi voleva chiusi 'i …boccaporti…
Mo' stanno tutti a ddì che stàmo in guèra…
C'è puro er coprifòco…
Ma questo è peggio! Allora, puro, c'era,
ma nno pe tutt'er giorno! Era pe poco.
E poi…nun pòi sparàje, che…a chi spari?!
Che n vedi e n senti gnènte
si no l'effetti - poi…Che ffài?!...Magari
je spari mentre rosica la ggènte?!
Ma è propio a l'incontrario!
La ggènte indove lui s'è intrufolato
va risanata, co l'armamentario…
che … è pure scarso!…Eh!...Pòr'ammalato!!!
Inzomma…Ar fronte stanno combattènno
dottori, ospedalieri…
Li generali ciàrleno…fingènno
che stanno pe finì 'i momenti seri…
Però finché ce sò li disertori
che gìreno a infettà,
ché nu je c'entra in testa, li dolori
che ancora ce dovremo sopportà…!....
Facènn'er punto de la situazzione,
c' è che - essènno itajàni -
pe n po' ce pò sconvòrge l'emozzione,
ma poi, e mmo' è già er poi - sti…virusani…
m'ansai si se mettémo tutti assieme
si che finàccia brutta
je fàmo fà!...Inizziàmo tutti a preme…
e quell'armata è bella che distrutta!!
 

I giorni del Coronavirus
Le notizie giornaliere…I giornalieri annunci ufficiali…I ritardi…Le titubanze…La sottovalutazione della mortale e veloce epidemia/pandemia…Le incapacità decisionali e organizzative…La pur minima prevenzione mancata…Il tempo sprecato nella lotta contro chi ha avuto più buonsenso e lungimiranza sin dall'inizio - anche dovuta alle solite questioni di appartenenza politica, in cui c'è chi per principio non deve aver ragione…La richiesta affannosa all'opposizione di evitare di far polemiche con promessa/richiesta di agire insieme, per esser poi smentiti…Errori che si vogliono-e-si- chiede di scusare…L'auto commiserazione…L'auto assoluzione specie basata sul riconoscimento dall'estero (che non sa)…L'insistente tentativo di scusarsi addossando le colpe alla burocrazia (che certo ne ha, ma…)…Il fare/risolvere non seguito al tanto dire e promettere…(marzo 2020).
Di ieri, 1 aprile, è il blocco del sistema informatico Inps dovuto al massiccio assalto - prevedibile - ma - appunto - non previsto dei cittadini per incassare…
da Secoloditalia, 30 marzo 2020 - Coronavirus, 40 giorni di ritardi e omissioni: Conte deve risponderne in tribunale…L'avvocato Carlo Taormina ha denunciato alla procura della Repubblica governo e autorità sanitarie. "Migliaia di morti - ha spiegato il giurista - non per coronavirus ma per criminale mancanza di respiratori e di letti per terapia intensiva"…..


Vergogna! Giù la maschera!
Come fai a urlar "Vergogna!"
a chi ciò non sa cos'è!
Quello si rinchiude in sé
come riccio e…non 'sbologna'!

Nella prova dell'esame
che è la sola a dar brevetti
si dimostran - poveretti -
buoni solo a inseguir…brame.

Presidenti di qui e lì…
che in tivvù vi prodigate,
promettete…ma non fate…
Ci prendete - voi - per chi?!....

Per davvero vi pensate
che crediamo a quel che dite?
Son tre mesi!...lo capite ?!...
che le "maschere" non date!

"Siam con voi!...E insieme a voi
sortirem da questo dramma…!"…
Ma più rabbia, questo infiamma
chi sa offendersi, tra noi!

Già, perché…voi, presidenti,
non sapete neanche il nodo
ch'è da sciogliere in un modo:
quello pe' essere vincenti!

E nell'incapacità
conclamata e che vediamo -
sol sapete dir "Plaudiamo
il comparto sanità!"
"Grande esempio!...Grandi eroi!."….
E però, la 'salvazione'
non gli date in dotazione!
Stan morendo anche per voi!!!!

Siete solo nullità,
ve lo dico con rispetto!
Ma sapeste il gran dispetto
che c'è in chi di questo, sa!

Sol sapete far richiesta
a chi c'è all'opposizione
di accettar la confusione
e evitare ogni protesta…

Se non siete quelli adatti
come avete dimostrato…
bene! Fatevi di lato
per qualcun che vi riscatti!

All'inizio di febbraio
fu firmata l'emergenza!
E tuttor quei stanno senza
quel che serve contro il…guaio…

Vi mostrate senza faccia,
a frignar: "Burocrazia,
ne ha la colpa!..."...Che idiozia!
Colpa l'ha chi non la caccia!

Non provateci nemmeno…
Tanto esimervi vi nuoce.
Dell'averci messi in croce
vergognatevene! Almeno!

E non state a consolarvi:
"Noi per gli altri siam modello…!"…
Sì!...Per chi non sa il fardello
che portiam, qui, pe'…onorarvi!

Non sapete? ...Oltre al contagio -
c'è ogni attività serrata
Giusto, sì!...Ma non c'è 'entrata'!...
E la mensa è in gran disagio!

Corre il rischio della piazza!
Perciò, basta titubare!
Non potete più sbagliare!
Senza soldi…ci s'impazza!


Un fatto, una poesia
da Ilgazzettino, 1 aprile 2020 - lo studio: coronavirus contagioso fino a 8 giorni dopo la scomparsa dei sintomi
Coronavirus, virologo Burioni: "Quest'estate? Se continuiamo a uscire il virus non si fermerà"
Lettera di un medico veneto dal reparto Covid: "Tutto ciò che avevo imparato del mio mestiere non esiste più, vi spiego perché dovete stare a casa"
Coronavirus, la proiezione: "Contenimento entro il 6 maggio. Il picco è passato, contagi supereranno i 100 mila"
Coronavirus, il climatologo: "I primi dati da Lombardia e Veneto mostrano che non teme il caldo"
Coronavirus, l'epidemiologo Lopalco: "Rischio di ritorno epidemia è alto, a casa fino all'estate"
da Corriere.it, 31 marzo 2020 - Coronavirus in Italia, 105.792 casi positivi e 12.428 morti. Il bollettino del 31 marzo
da Skysport, 1 aprile 2020 -…Le persone sanzionate in via amministrativa per i divieti sugli spostamenti, indica il Viminale, sono state ieri 6.608; quelle denunciate per false attestazioni nell'autodichiarazione sono state 93 e quelle denunciate per violazione della quarantena 39. Negli ultimi sei giorni sono stati 311 complessivamente a violare la quarantena. In base al nuovo decreto rischiano il carcere da 1 a 4 anni per aver attentato alla salute degli altri cittadini. I titolari di esercizi commerciali sanzionati sono stati 103 e 44 i provvedimenti di chiusura delle attività. Dall'11 al 31 marzo 2020 sono state controllate complessivamente 3.680.242 persone e 1.660.967 esercizi commerciali. I denunciati sono stati poco meno di 150mila.
È "da intendersi consentito, a un solo genitore, camminare con i propri figli minori …purché in prossimità della propria abitazione". E' quanto prevede una nuova circolare inviata dal Viminale…Tra le attività motorie ammesse resta quella di fare jogging. Come riportato dall'agenzia ANSA, il Viminale ha successivamente precisato la circolare firmata da …per fornire chiarimenti sul divieto di assembramenti e spostamenti. Nella circolare è scritto che "l'attività motoria generalmente consentita non va intesa come equivalente all'attività sportiva (jogging)". Cosa che aveva generato dubbi ed equivoci. Alcuni cittadini, infatti, sono stati fermati per controlli mentre passeggiavano con i figli ma poiché non stavano correndo hanno rischiato la multa. Per tale motivo il Viminale ha ritenuto di dover precisare che attorno alla propria abitazione si può camminare con i figli e correre da soli.
"Non è…momento…abbassare…guardia. La circolare…ministero…Interno rischia…creare…effetto psicologico devastante, vanificando… sforzi e i sacrifici compiuti finora". Così Assessore....della Regione Lombardia,… Gallera, che…aggiunge."La luce in fondo al tunnel rischia di allontanarsi o di spegnersi del tutto… vengono trasmessi messaggi ambigui: l'indicazione utile per tutti deve essere…rimanere a casa, ancora per qualche settimana.Solo così…". Anche il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, è furibondo: "Trovo gravissimo il messaggio proveniente dal ministero dell'Interno, relativo alla possibilità di fare jogging e passeggiare sotto casa: si trasmette irresponsabilmente l'idea che l'epidemia è ormai alle nostre spalle. In Campania rimane in vigore l'ordinanza regionale che vieta di uscire a passeggio o di fare jogging", conclude De Luca.

Quando oltre al virus-corona mortale
c'è lo…sgoverno, collassare è fatale.


Incompiuta….
E dopo aver così tutti abdicato
per largo tempo al loro funzionare
e preferito star coll'infettare
il Bel Paese da essi poco amato,

ché avrebbero - diversamente - optato
pel duro pugno … ma … non s'ha da osare
nemmeno al santo fine di stroncare
il virulento attacco - già sferrato,

per poi tornarci-su da strampalati
in modi puerilmente altalenanti
son giunti a proibir, come…ai tempi andati…!...

Pentiti e rinsaviti dall'ardire -
di colpo ancor coi grafici infettanti
fa - la Luciana: "Or, potete uscire…"…!...?...!

"Papà e mammà coi bimbi per la mano
ma solo un'ora…e pe trecento passi.
Ma al verso giusto…e…solo in luogo piano….

Che stan dicendo medici e scienziati? ...!...
Beh!...Dite a ognun di loro che…non scassi!...
Bado io a non far crescere i malati!..."…

Ma… li mor….vaff…pazzi criminali!
Che ca…state dicendo!..state a fare!...
Pensate così di esser…<solidali>

con teste di ca…che non san capire
pur di joggare e ... da…liberi andare
a che il virus faccia … ancor più! morire?!?


I giorni avanzati del coronavirus
31 MARZO 2020 - 11:58


Min Salute, oltre 100mila casi-oltre 10mila morti -da open.online, 30marzo2020



Di fino e di grezzo…
pel virus che ammazza

E quieto sto. Nell'apparente calma.
O a spasmodica attesa
per quel che fuori incombe, in costrizione.
Un po' son morto…E però, no, nell'alma!
Che pronta non è a resa,
nella speranza di resurrezione.

-------------------------------------------------------------

Ma è questo quer che st' a passà er convento,
e a lamentasse n s'arisòrve gnènte.
N vòr dì 'passàlla liscia', pe la ggènte
che l'ha 'iutato! er morbo virulento.

Un fatto, una poesia
da Affaritaliani.it, 12 marzo 2020 - Bce, Salvini: "Lagarde si dimetta. Bruciati centinaia di miliardi di risparmi". Christine Lagarde dovrebbe dimettersi da presidente della Bce dopo quanto accaduto oggi sui mercati finanziari? "Come minimo! In cinque minuti hanno bruciato centinaia di miliardi di risparmi in Italia e in Europa", così risponde ad Affaritaliani.it il segretario della Lega Matteo Salvini. "Alla faccia dell'Europa amica e di viva l'Europa...", aggiunge il leader del Carroccio. Anche PD e M5S criticano la numero uno della BCE.
da Huffpost, 23 marzo 2020 - Ursula Von der Leyen, presidente della commissione UE ha lanciato un videomessaggio per esprimere la sua vicinanza ai cittadini italiani e promette "parecchi miliardi" è per fronteggiare il coronavirus: "Cari italiani, in questo momento difficile, voglio dirvi che non siete soli", ha scritto su Twitter. "In questo momento, in Europa siamo tutti italiani. La Commissione Europea farà tutto il possibile per…"…
da Leggo.it, 26 marzo 2020
Coronavirus, Conte rifiuta la bozza UE: se aiuti come in passato facciamo da soli…
L'Italia rifiuta la bozza di conclusioni della Ue sugli aiuti per il Coronavirus. Giuseppe Conte ha reso noto di "non accettare il draft preparato nonostante gli sherpa italiani avessero ottenuto quasi tutto, compresa l'eliminazione di qualsiasi riferimento al Mes". "Se gli aiuti che pensa di mettere in campo l'Europa sono gli stessi del passato allora l'Italia può fare anche da sola", è in sintesi il messaggio recapitato dal premier ai leader Ue nel corso del Consiglio europeo
da Nextquotidiano.it, 27 marzo 2020
L'ultimatum di Giuseppe Conte all'Unione Europea sui soldi per l'emergenza Coronavirus.
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dà un ultimatum di dieci giorni all'Europa: entro la fine della prossima settimana l'Italia pretende "una soluzione adeguata alla grave emergenza che tutti i Paesi stanno vivendo". E ha pienamente ragione, per una volta, come abbiamo spiegato: il governo italiano chiede di mutualizzare in tutta Europa il debito (e quindi i suoi interessi) che gli Stati dovranno per forza fare per affrontare l'emergenza Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19. Questo perché gli Stati possono sì oggi aumentare ciascuno il proprio debito, ma domani, finita l'emergenza, dovranno ripagarlo e rischiano di dover varare manovre lacrime e sangue per poterlo fare.

"Qui, sémo Italia tutti-quanti-sémo!"
La gran buffona-doppia-faccia, ha detto.
Ma mmo' ha mortificato a quer porétto,
dopo de avécce già … spezzato un remo!*

Er pollaio EU
Dovessimo a la fine ringrazziàllo
sta sòrta de invisìbbile flaggèllo,
ch' ortre a 'mmazzàcce - pòssin'ammazzàllo -
ce st'a pompà er coraggio p'er duello

che mai avémo fatto e era da fàllo
co queli bbòni a sprèmese er ciarvello
sortanto pe fà ffà a quarcuno er gallo
pe…violentà er pollame, senz'appello!

C'è - sì! daggià - chi l'ha sbattuto er pugno…
Ma è n'artra storia...Nfra chi sta deqqua,
la prima vòrta è mmo', ch'ha mméss'er grugno,

che - chi lo sa - pe quanto lo pò arègge!
Comunque sia pe un po' pò ffà sperà
che se pò uscì da … sto sistema-gregge.

Però er coraggio…chi je l'ha incurcato?
Che stànno tutti a ffà…'i <nazzionalisti>…?!
E Italia qua…e bandiera llà…Nu è stato
chi sta a smontà da un pezzo … sti…<europeisti>?!

Che sempre più risurta a avé raggione…
Che - sempre - n se pò stà, giù a pecorone!
Come vorébbe chiunque c'è nemico,
e - a ffòrza! - vòle er <nòvo>, e…via l' <antico>…!

*quando della …barca Italia in balìa di un agitato spread aveva annunciato al mondo:
Non stiamo qui a salvare dallo spread….facendo bruciare così una quantità di nostri miliardi…
In quel caso era stata la Lagarde…


Rinascita
Poema a Canto Unico

La Divina Fede
Stavo arrancando…in cerca di salire
sempre più in su con mani e piedi fermi
come colui che tenta di sfuggire

all'inseguir d'immondi topi e vermi
o all'acqua che salendo va e l'incalza…
Cos'io a un demone che vuole avermi,

fin su ad un picco aguzzo che s'innalza
che pare trapassare il cielo inquieto
pel mio gridar che fin lassù rimbalza.

Finché, improvviso, un segno di divieto
diceva "Qui finisce la tua ascesa.
Va', tornatene indietro e resta quieto!"

Il passo mossi inverso, per la scesa…
Ma a guardar giù cresceva la paura
con quella in più di perdere la presa.

E mentre più scendevo, più era dura
tornar sui passi dritti alla salvezza
dopo scampata orrida sventura.

Tremavo come foglia pur avvezza
ai tempestar di soffi novembrini
quando i cipressi affogano d'ebbrezza

e rami antichi spezza a olmi e pini.
Pregavo mentre giù scendevo avvinto
a una speranza senza più confini,

da ingenua fede mosso, e a pianto vinto
come chi a un raggio cerca d'aggrapparsi
prima che al buio a un pozzo giù sia spinto.

La vita in me sentii rigenerarsi
e a terra, in piedi, alfin mi ritrovai
leggero…ché i timori eran scomparsi.

Caddi in ginocchio e, grato ringraziai.


I giorni del contagio
Pare di morte
questo rumor che il ciel sovrasta,
e quest'odore quasi a rafforzare.
Calmo, tutto, pare…
al disopra di quel che sotto arde.
Sembran domeniche
sparate a raffica tra i nostri giorni.
Tutto, parrebbe…
come il piede che affonda nella neve
con suono liscio e lieve…
Rumoroso, è - invece -
il cantare distinto degli uccelli.
Qui non c'è neve, né pioggia, né sole…
C'è un cielo semichiaro.
Com'è il timor, tra speranza e sconforto.
Si gira come insonne, il pensiero
per chi si sta ammalando…per chi è morto…
per chi sta solo e teme…o trema…e resta muto.
E intanto par la nebbia
avvolgere e precluder l'orizzonte
a menti che a decider son chiamate
e a sprazzi radi, e discontinui solo
stanno cercando il nesso
tra quel che è male e quel che è bene fare.
Un tocco di campana…dieci…cento….mille…
E il suono, un suon di morte
si spande e ci sovrasta
con acre odore…quasi a rafforzare.


Un fatto, una poesia
dalle cronache virtual-cartacee degli ultimi due mesi. Con passo…felpato, piano, piano, per non disturbare troppo, per non pesare troppo, per la smania far digerire lentamente, per non esser <regime> (!?)…e però dar modo di spaziare a volontà e ammazzare a volontà, il coronavirus che di certe delicatezze se ne strafrega alla grande - si sta arrivando a quelle chiusure che era indispensabile fare da…subito! Purtroppo non è stato così…

I giorni del virus…
Mancata sollecita risposta alla sicurezza sanitario-vitale, e a quella - comunque importante - del supporto economico ai colpiti…economici

A tozzi e bocconi
A tozzi e bocconi
per essere…buoni
si chiude …. si serra…
Però in questa guerra
che il virus ci sferra
e tanti sotterra
o calchi la mano
o arriva lontano
quel virus maligno
col brutto suo ghigno.
E abietto sogghigna
perché alla sua tigna
la vaga risposta
ben poco gli costa….

E no, miei signori,
non placa gli ardori
di quel…virulento
il vago intervento.
Ci vuole fermezza,
stringente durezza
che è quel che si suole
col dente che duole:
si estirpa…Fa male…
Ma è il solo che vale!

Qui, il temporeggiare
fa sol prolungare
lo stare in … trincea.
Ringrazia e si bea
il virus-corona
di quanto "carlona"
sia questa difesa
a mortale offesa!

E questo, allo scopo
(che in ciò conta poco)
di salvaguardare
la libertà, e dare
un … democratico!...
libero! … viatico.


Un fatto, una poesia
da IlFattoQuotidiano, 18 marzo 2020
Coronavirus, la diretta - Fontana: "Contagi non si riducono. State a casa o dovremo chiedere misure più rigide". La stretta dell'Emilia-Romagna: "Spostamenti in bici o a piedi solo per lavoro, salute e spesa". L'appello del governatore lombardo: "I casi continuano ad essere saranno alti e tra poco non saremo in grado di dare una risposta a chi si ammala". La ministra De Micheli: "Non escludo misure anche dopo il 3 aprile". Il governo prepara ospedali da campo in Emilia e Lombardia. …mezzi dell'esercito stanno trasferendo bare in altre regioni, si ferma la costruzione dell'ospedale nella Fiera di Bergamo. Gori: "La Protezione civile regionale ci dice che mancano i medici"
I numeri dei contagi da coronavirus continuano ad aumentare. Bisognerà aspettare ancora qualche giorno per capire se le misure restrittive imposte dal governo abbiano avuto effetto.…Intanto vanno rispettate le regole imposte dal governo sette giorni fa. Le 46mila denunce comunicate dal Viminale nell'ultima settimana, però, suggeriscono che a violare le norme sono ancora troppe persone. ….
L'appello di Fontana - Quello del governatore lombardo è un vero e proprio appello: "Purtroppo - ha detto - i numeri del contagio non si riducono, continuano ad essere saranno alti e tra poco non saremo in grado di dare una risposta a chi si ammala. Vi stiamo chiedendo un sacrificio per salvare le vite umane. Forse non lo avete ancora capito ma ogni uscita di casa è un rischio per voi e per gli altri. Se si dovesse andare avanti con comportamenti errati chiederemo al governo di emanare provvedimenti ancora più rigorosi". …ha ripetuto oggi Gallera. Spiegando che "a Milano registriamo in un giorno oltre 360 nuovi casi…Ancora oggi ho visto troppe foto e video di persone che sono in giro. La montagnetta di San Siro era piena di cittadini che andavano in bicicletta, che correvano. Questo non va bene, dovete stare a casa".….Con un'ordinanza emessa in serata, il governatore Stefano Bonaccini ha disposto la chiusura di parchi e giardini pubblici, misura già presa da più sindaci. E, soprattutto, ha emanato restrizioni sull'uso della bicicletta e lo spostamento a piedi sono consentiti esclusivamente per lavoro, ragioni di salute o necessità come gli acquisti alimentari. E per le attività motorie come passeggiate o uscite con animali di compagnia, "si è obbligati a restare in prossimità della propria abitazione". I provvedimenti, si legge nell'ordinanza, sono motivati dal fatto che "risulta necessario assumere ancora più stringenti iniziative atte a dissuadere i cittadini a tenere comportamenti potenzialmente contrari al contenimento del contagio" …
Il titolare della Salute, Roberto Speranza, ha ripetuto che "non rispettare le regole mette a rischio la vita degli altri. Ancora troppe persone non le rispettano. Non bastano i decreti se ciascuno poi non fa fino in fondo la propria parte". Sulla stessa lunghezza d'onda il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora: "L'appello generale era di restare a casa. Se questo appello non viene ascoltato verremo costretti a porre un divieto assoluto di attività motoria all'aperto"….
da Repubblica.it- ROMA - L'Europa ha superato i 100mila casi di coronavirus, di cui 41mila in Italia, secondo un calcolo di France Presse. Con 4.752 decessi, l'Europa è il continente più colpito dalla pandemia, davanti all'Asia (94.253 casi di cui 3.417 decessi).
"Se lasciamo che il virus si diffonda come un incendio, specialmente nelle regioni più vulnerabili del mondo, ucciderà milioni di persone". Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres….la regina Elisabetta… ha sottolineato l'invito rivolto ai cittadini dal governo a "cambiare le nostre normali abitudini" per il bene superiore della collettività e per proteggere i più vulnerabili.
Una buona notizia arriva dalla Cina, dove non si registrano nuovi casi interni, mentre nel resto del mondo continuano ad aumentare tanto il numero dei positivi quanto quello delle vittime. E si allunga l'elenco dei governi che prendono misure drastiche per cercare di arginare il diffondersi del coronavirus.

St' a vienì chiaro er fatto…Mo', ne li ggiorni der corona-matto

Libbertà
quànno la tua…se 'ntuzza co la mia

Che gran dimostrazzione ce st'a ddà
de quanto pò èsse brutta condizzione
l'ideale de nu avé na costrizzione
e a ddì che è 'r mèjo modo de campà…

Perché nu è libbertà … si n fa strafà
(sinnò sarebbe … <métte a pecorone>)….!...
Però n fa capì! … Sbalestra er neurone
e fa regnà …ingovernabbilità.

Che sia ner tempo bbòno o in quelo brutto
è na finzione e sfiora l'anarchia,
pe ddìlla - in breve - in modo chiaro e asciutto.

Ché quer principio llì nu è mai stantio,
e ancora fa: "Si intuzza co la mia,
è strafottenza 'nnanzi all'òmo e a Dio".


Giorni del coronavirus

Er nimico che…c'è…ma che n se vede
Mbeh…Grazzie ar piffero!...La peste è peggio!
Beat'a nnoàntri che n sò più li ggiorni!...
Ché te spedisce ndove nu ritorni…
E scusa si sto a ffà…n po' de … maneggio…

Er fatto è - vedi, a Re' - che co la peste
tu sai chi è, e indove sta er nimico:
sò brutti… sfigurati…!...E mmo', uno fico
pò èsse proprio lui, er guastafeste!

In guèra ce lo sai a chi sparà.
E ssì! ch'è brutta puro si lo sai!
Però a lo stesso tempo ammetterai
ch'è pèggio avé a che ffà co chi n se sa…

È come a "mosca-cèca", che a tastoni
vai 'n cerca de quarcuno da toccà …
Solo che qui ciaivòja a st'a scappà!
Dovunque stai, te tocca e…sò infezzioni!

E si je ggìra pò rivortà er mônno!
E pare abbi inizziato…E lo vedémo…
E er peggio è che n se sa si mai sapremo
si propio vorà inziste a 'nnà più a ffônno…

Ma … se lo penza lui!…e n po' ce spera…
Ma noi j'avémo … dichiarato guèra!!
Come fatto a peste…a lebbra…e a colera…
E stàmo ancora tutti su sta tèra!!

"Er solo che rispetto e me 'mpaurisce
è er Tricolore …E nun c'è ideologgìa
capace a mannà via sta pandemia,
che senza er Tricolore se 'nfittisce!

Badate - dunque! - io ve sò nimico,
ma er Tricolore a sventolà ner vento
m'ha mmess' addosso sto presentimento:
me straccerà…è certo…e lo maledico.

Ma avrò 'nzegnato la demograzzìa…
e che nu' è brutto a ffà 'r nazzionalista
e amà la patria nun vòr dì <fascista>
e … <testa -su-le-spalle> nun è idiozzia".


Un fatto, una poesia
da IlCorriere della Sera, 17 marzo 2020 _ "159 anni fa veniva proclamata l'Unità d'Italia. Da allora il nostro Paese ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta". Inizia così il post del presidente del Consiglio Giuseppe Conte dedicato all'anniversario della proclamazione dell'unità d'Italia, che quest'anno cade nel mezzo di una delle emergenze sanitarie più gravi che il Paese ricordi. Un momento delicato, in cui, come spiega il presidente del Consiglio, "stiamo affrontando una nuova prova difficilissima". E in cui il senso di comunità nazionale può aiutare tanti italiani a farsi forza e a trovare risorse per andare avanti: non a caso, in queste ore fioccano sui balconi di tutta Ia penisola bandiere tricolori, anche artigianali; in tanti intonano l'inno per farsi forza e sui social rimbalzano appelli all'unità nazionale per affrontare la crisi. Tutte le radio del Paese, venerdì alle 11, faranno suonare all'unisono l'Inno di Mameli e i cittadini saranno invitati a partecipare sventolando un Tricolore o un altro simbolo dell'Italia: un'iniziativa (qui i dettagli) che non è mai stata messa in atto in quasi cento anni di programmi radiofonici. "Mai come adesso l'Italia ha bisogno di essere unita", puntualizza Conte, "sventoliamo orgogliosi il nostro Tricolore. Intoniamo fieri il nostro Inno nazionale. Uniti, responsabili, coraggiosi".

Cos'è se non un sano…attacco di nazionalismo…Ah, ma…allora…

Innato* Tricolore
Bentornato! Già offeso e bistrattato
avanzo d'un passato da scordare…
Chi con orgoglio a farti sventolare
ti portava, additato…sbeffeggiato…

Oggetto non più adatto a questo Stato,
secondo…falsi ideali da scordare…
Bentornata, bandiera, a sventolare
tra le mani del tuo popolo amato.

E l'Inno riscoperto e ora cantato
(per certi è stato anch'esso da scordare)
è ritornato a unire e a sventolare
valori che nell'uomo han radicato.

Nemici tutt'e due ha etichettato
chi vuol che siate cose da scordare
perché altro non ha più da sventolare
per reggere un pensar troppo incrinato.

*cantato con Inno


Un fatto, una poesia
da Libero Quotidiano, 16 marzo 2020
Tutto l'orgoglio italiano di Massimo Giletti. Orgoglio che si scatena contro Matteo Renzi e Christine Lagarde, madame Bce, la quale con le sue improvvide e deliranti dichiarazioni la scorsa settimana ha provato, riuscendoci, ad affondare l'Italia: -17% in Borsa in una sola seduta. Lagarde, di fatto, aveva detto che nonostante il coronavirus, le fiammate dello spread sarebbero state fatti nostri. Parole stigmatizzate da tutti, Ursula Von der Leyen e commissione Europea comprese, tanto che Bruxelles almeno a parole si è prodotta in una netta retromarcia. Ma tra chi non condanna, per esempio, c'è Matteo Renzi, il leader di Italia Viva che domenica 15 marzo era in collegamento a Non è l'arena di Giletti, su La7. E Renzi, quando gli viene chiesto se non sarebbe stato il caso di chiedere un passo indietro di lady Bce, nicchia, non si espone. E a quel punto esplode la rabbia di Giletti, che con tono duro lo inchioda: "Una come Lagarde che si permette di dire una cosa di questo tipo è scandaloso. Un Paese serio come l'Italia non può accettarlo. È una cosa vergognosa, io come italiano mi sento schifato. Dovete avere il coraggio di chiedere le dimissioni. Ne vogliamo prendere atto e tirare fuori le palle in Europa", conclude Giletti. Semplicemente definitivo.
da Mag24, 16 marzo 2019 - "Se la difendete fate schifo come lei!"- Un epico Giletti massacra in diretta Renzi dopo le sue vergognose parole sulla Lagarde.


"Perché son guelfo e sono ghibellino!"
"Perché son guelfo e sono ghibellino!...
Ché 'un si sa miha bene chi son io!
Son principe e son anche un semidio!
E son boy-scout ancora e ho un bel faccino!

Son l'enfasi!...son l'impeto toscano!
Te tu e nessuno mi può alzar la voce!
Te tu e nessuno mi pò métt' in croce!
Gile'! Hai capito, o no! Parlami piano!

Però n posso negàllo…Ciai ragione…
E infatti stiamo a dì le stesse hose!...
Lagarde ha detto hose distrastrose
Però…lo sai com'è…Io - n po'- sò anche…one…

Che…mi fò prende…e sparo a mitragliera
coi proiettili della supponenza…
Che della prepotenza son l'essenza…
Ma poi … capisci…è autorità straniera...

Però 'un pòi dìmmi:" Voi dovete fare…
Dovete licenzialla!...È incompetente!
E - dici bene - <antitaliana sciente!>.
Ma…ovvìa! …'un mi scaldo io!…E ti vòi scaldare?!

E poi…Qui si sta tutti nella…hacca…
Non è i' momento di polemizzare!
Gilé! Tu polemizzi! E 'ullo pòi fare!
Che ci maltrattano…'un mi frega un'acca!

Sarò grullo, ma…mm'importa na sega
si ,st'Europa di noi se ne strafrega!
Che quel che 'mporta a mme son le poltrone…
Sarà che sò n tantino fanfarone….".

Ma intanto l'aria qui si sta cambiando:
"Fratelli…" e no più "Bella…" va cantando!"
E questo è un segno buono del <corona>:
che non volendo fa una cosa buona.


Pestilenza da Coronavirus…
Sono passati svariati mesi…Hanno trovato il vaccino…Un tizio - impenitente No-Vax, che malgrado tutto - questo ha voluto rimanere - colpito dal morbo da qualche giorno, alla fine, fortemente sofferente e impaurito decide di…soprassedere … e va a farsi fare il vaccino. Ma il virus non glielo perdona di essere stato caparbiamente scettico e di averlo così, sottovalutato trascinando nel suo folle pensiero tanta altra gente…causando l'estendersi e il prolungarsi del contagio a danno di tanti…

Er No-Vax…coronavirusato
C'è uno, poveraccio - se sta a sbatte…
Sembrerebbe n coronavirusato.
"Che ciài " - je dico - E lui me s'è guardato
come uno che n cià vòja de combàtte…

"Amico mio, stai guasi pe crepàtte…
Dìmme er perché te trovi in de sto stato…
Stai male?...Dì!…Quarcosa ch'hai magnato..?!...
Sinnò me dichi come fò a 'iutatte!"

Dar farfujà ho capito solamente
ch'era ìto dar dottore a ffà 'r vaccino
sippuro ch'è un No-Vax…impenitente…

Ma, j'ha detto - er virus - 'ncazzato forte:
"Ah ,sei No-Vax?...Beh, hai scerto er tu distino.
N pòi cammià carte er giorno de la morte".


Sonetto a Fisa

Quanto tempo, da parte t'ho lasciata…
Quanto tempo, da parte t'ho lasciata…
Nemmeno più una visita … un saluto…
E sto qui a chiedermi come ho potuto…
Per quanto a lungo non t'ho accarezzata!

Nemmeno un po' allisciata…e pizzicata…
Senza quel vociar tuo grave e acuto
il cui piacer da te ho cercato, e avuto…
Perdonami di averti abbandonata!

Ma adesso sono qui a tenerti in braccio…
T'ho ritrovata e non ti lascio più.
Ecco…Ora a te mi stringo in un abbraccio.

E tu ti lasci andar…mi lasci fare…
Un' emozione cresce e sale su
per le mie mani, e tu…ti fai suonare.


Un fatto, una poesia
La grànne crisi der coronavirus - gennaio-marzo (e chisà infin'a quànno, ancora…) 2020.
dalle tante e tante cronache….
Svelata - ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno - la pochezza, meschinità, inaffidabilità, doppia faccia di "questa" E.U…Che ancora una volta di più si è rivelata fatta di … cacca/cacche. Noi a fare i trasparenti su ogni aspetto del dramma coronavirus- e gli altri a nascondere…E tuttavia, tutti - come già in altre circostanze - vedi immigrazione in massa - pronti ad additarci quali … untori! - nell'altro caso, razzisti, sovranisti, fascisti…Il primo caso coronavirus EU si è verificato in Germania, ma tutti zitti…Bene!...
Noi porte e finestre spalancate…(e guai se no!)….Gli altri hanno lucchettato ogn'ingresso… Bene!… Cioè: male!
E qui, internamente da noi… Ma, meglio lasciare nelle cronache quello che politici-governanti hanno saputo fare … che ognuno ha visto, letto, ascoltato…Fino al - giusto - pur se un po' tentennante limite imposto alle libertà personali (marzo 2020).

Na crisi ce pò avé anch'er lato bello…
Na crisi pò èsse puro benedetta…
Mo' questa che ciavémo tutt' attorno
sibbè che st'a ffà male, dàmme retta,
ce sta pure a 'nzegnà, giorno pe giorno

quarcòsa su li vizzi…su la fretta…
su un càmmio che ce vò…e de fa ritorno
a la necessità de dà na stretta
all'esaggeratìsmi de contorno.

St'a ffà vedé che ar dunque … se pò ffà…
Se pò sbarrà … e usà la mano dura…
E ffà na legge e ffàlla rispettà…

Sperànno che finisca sto macello,
st' inzegnamento deve fa curtura
e avvalorà deppiù 'r nostro orticello!
 

Vita fuori...Vita dentro...
All'aria! Con pallone o figurine...
O senza niente e tanta fantasia
a cogliere coi giochi per la via
momenti di grandezza senza fine...

Bandiera...Nascondino...Guardie e ladri...
Nascondersi...Rincorrersi...Giocare!
Padroni di noi stessi...lì a sognare...
guardati, o no, dai nostri padri e madri.

In pace, o tra di noi a litigare...
senza essere accusati...denunciati...
per crescere...per esser preparati
a districarci...senza mai strafare.

Passare pomeriggi a chiacchierare...
a programmare il fare con chi e dove...
Compreso, certo, lo spettegolare...
Sempre e comunque...pur se fuori piove.

Portoni e cancellate adesso han chiuso,
e "app" e "phone" a tutti han messo in mano
per pian, pianin...corrodere l'umano...
E il pensar proprio...mettere in disuso.

Ben coadiuvati dagl'infausti eccessi
di quei poteri...ideologizzati
da quei che i giochi li han dimenticati,
che da realtà e buon senso son sconnessi.


Li giorni der Virus
E er nòvo stile de vita

Causa pandemia Coronavirus, tra le misure di prevenzione c'è l'ordine di restarsene chiusi in casa. E il divieto di muoversi da un Comune a un altro…E - com'era tanti e tanti anni fa - con la solita inventiva nostrana, c'è anche chi se ne approfitta, emulando la famosissima scena del film con Benigni-Troisi:"Non ci resta che piangere" ...

L'arèsti domicijàri, le faccènne forzate, e er nòvo dazzio…
Mo' stò a capì chedè: do-mi-ci-jàre…!...
Si nu mme capitava puro a mme
chi avrebbe mai potuto dìllo che
è peggio che a stà in cella … a mme me pare…

Eh, ssì! ... Perché a stà chiuso in d'una cella
nun ciài tu' moje a ffàtte fà le cose,
scopà, passà lo straccio … co na dose
de strilli, e puro quàrche … spintarella…

Ma è propio questo che sta a capitàmme
sti ggiorni che pe llégge sto … accasato
pe via der virus …V'ammorammazzàto!
Ma guarda te si che st' a combinàmme!

E p'ann'a ffà la terapia a Ciampino,
-n àrtro comune - c'è uno che st'a ffà:
"Chi séte?! … In quanti séte!?... State a entrà?!"…
"Sò solo!" - dico io - e lui: " 'N eurino!"….


Coronavirus: ormai è…bollettino di guerra...Un avviso martellante in TV dice della gravità…non più nascondibile (9 marzo 2020).

Àrtro che 'a goccia cinese …!...
Più se dice e più me pare
d'affogàmme immèzz'ar mare…
Più ogni giorno se discute
più le còcce sò sapute
e ripèteno a memoria
(pe na propia vanagloria)
quer che tutti aggià sapémo.
Perché puro pe chi è scemo
co l'aurora viene er giorno
che fa véde che c'è attorno:
che sto virus ce fa er mazzo
ché s'è preso er brutt'annàzzo
de soffiàcce addosso a tutti
malatìa… "sequestri" e lutti!
Che lo pòssin'ammazzàllo!
Se pò ddì ch'è un virus…giallo?!...
O anche questo mo' ciariéntra
nder razzismo…che nun c'entra?...!...
Dicevamo…È na iattura
che st'a méttece paura…
Chi rideva, mo' st'a piàgne,
stann'a ffà…camere-stagne:
mo' da loro nun ce s'entra
nun se parte e nun s'arientra…
È na crisi generale:
gni museo e cattedrale,
scòle…teatri…pub incrusi
côr lucchetto l'hanno chiusi...
Gnènte baci…Gnènte abbracci…
Pe sto virus…Li mortacci!...
Er contaggio sta girànno…
Tutti quanti ce lo sanno!
Ma nu è solo pe 'r contatto…
C'è deppiù…!...Ce sta de fatto
che sta libbero pell'aria!
Spero che … sia visionaria
mo', st'idea (che ronza in testa)…
Ma più passa e più ciappesta
e si presto nu la smette
toccherà purtroppo ammétte
che - n sia mai, GesuMaria! -
ce se porta a tanti…via…
N se pò manco - e co raggione -
annà in giro in processione
pe richiede a dio la grazzia
che impedisca sta disgrazzia!
Mbeh…Pregàmo mentarménte
che sia n virus … già morente.
 

I giorni del coronavirus -
                                - che senza tregua si spande ed ammazza
                                   senza eccezioni di classe e di razza

L' Era Finale
Forse è così che incomincia il finale
d'un melodramma più … dramma che melo
con ironia e sarcastico stile
di un ch'è invisibile eppur tanto duole.

Con muto fare, ché è senza parole,
senza i rintocchi che dà il campanile,
senza i segnali speciali del cielo:
solo ostinato, invisibile male.

Come la tossica nube che incombe
-vaga - spagliando paurosi presagi,
come farebbe temibil macumba.

Par sian le prove per l'Apocalisse
-che è quando … fine di tutto si esige -
come se ormai non più tanto mancasse.
 

Un fatto, una poesia
Ad Agorà hanno appena detto (6 marzo 2020) di contagi e anche di morti per coronavirus in Germania e altrove, mai denunciati!!...A noi - per essere - ma solo purtroppo dopo troppi giorni di porte spalancate! - scrupolosi (tutto chiuso-tutto rimandato-niente strette di mano-niente abbracci-distanti un con l'altro…) e sinceri, ci stanno facendo passare per gli untori agli occhi del mondo. Solo qualche giorno fa c'è stata la vigliaccata francese contro la pizza italiana…E c'è chi - qui da noi - prende a calci chi dice di non amare "questa!!" (e dico "questa!"!) E.U….

Spinto da aria omertosa…
Spinto da aria omertosa d'oriente
morbo <turista> sen va tra la gente.
Vola auspicandosi di lambir tutti,
striscia per terra, si tuffa tra i flutti…
Ovunque cerca l'umano calore
col predicare aperture all'amore.
"Non dividetevi! - sembra che dica -
Ma avvicinatevi! ,.. ché non è ortica,
ma umana pelle la mano che stringe
la mano che schietta si offre, e non finge…
E meglio ancora è abbracciar stretto al petto
anche, e in specie, chi abbiate in dispetto.
Vi prego tutti, non siate razzisti…
pur se tra i virus … son tra i più malvisti.
Ma, per fortuna, con me stan cronisti,
opinionisti, statisti, artisti…"…

Ma di che parla!...Si sbaglia di certo!
In tutti noi sta lasciando sconcerto
quella razzaccia di morbo intrigante!
Che menta, a ognun che capisce, è lampante.

"Ah, sì!?...È lampante?...E allora perché
voi dicevate <periglio non c'è!
È un virusetto che non sa far niente!...> ?
Invece - visto? - io sono potente!
Metto in allarme - a milioni - la gente!
Ma che influenza!…Io son pandemia!
Grazie d'avermi spianato la via.

E posso - ora - anche dirvelo, il vero
che non vi ha detto il paese straniero
donde provengo…E anche qui, com'è noto…!...
Sono terribile! Intorno…fò il vuoto!"

"E a chi - all'estero - ha ascoso i contagi
per fare il furbo e evitare i disagi,
presago dico (che affatto li adulo):
Sto a venì llì, e … già ve mànn' affanculo!"


Un fatto, una poesia
da IlGiornale, 3 marzo 2020
Video choc della tv francese: "In Italia pizza al coronavirus"
Mentre in Italia il coronavirus ha contagiato 2036 persone, provocando 52 decessi, in Francia pensano bene di prenderci in giro. Spieghiamo. Canal+, noto canale televisivo transalpino di proprietà di Vivendi, ha mandato in onda uno spot che pensando di fare satira e ironia dice: "Questo spettacolo è offerto dalla pizza Corona.
La nuova pizza italiana che farà il giro nel mondo".
Ma le parole sono forse niente rispetto alle immagini. Nel video fa capolino un attore travestito da pizzaiolo che sforna pizze e tossisce. Ne tira fuori una con la pala e dopo un colpo di tosse ci sputa (finto) catarro verde, inquadrato in primo piano: stomachevole.
Dunque, compare in sovraimpressione la scritta "Corona pizza" con la parola "Corona" (in riferimento ovviamente al coronavirus) scritta con i colori del nostro tricolore.
A denunciare la trovata Giorgia Meloni, che sui propri canali social ha condiviso la clip incriminata, condannandola duramente. Queste le parole del leader di Fratelli d'Italia: "Video 'satirico' disgustoso mandato in onda dalla famosa tv francese Canal+ per insinuare che i prodotti Made in Italy sono contaminati da coronavirus". Dunque, il capo politico di FdI affonda il colpo, tirando anche le orecchie alla maggioranza giallorossa, alla quale chiede di provvedimenti: "Disprezzo per gli autori di questa immondizia anti-italiana. Il Governo Partito Democratico-Movimento 5 Stelle avrà la decenza di far sentire il proprio sdegno?".
Non è la prima volta che di fronte a certe situazioni delicate italiane, i cugini francesi facciano cattiva satira. …scioccanti copertine di Charlie Hebdo dopo il crollo del ponte Morandi… un'automobile schiantata al suolo e un migrante in primo piano con una scopa in mano e il titolo "costruito dagli italiani…pulito dai migranti" - e la tragedia di Rigopiano…la "Morte" intenta a sciare in montagna con due falci al posto delle racchette e la scritta "è arrivata la neve". Infine sull'episodio, dopo le scuse di Canal+, è intervenuto il leghista Regimenti: "Accogliamo le scuse da parte del canale francese Canal+, ma resta il fatto che l'ironia sull'emergenza coronavirus Covid-19 in Italia costruita con l'immagine della nuova "pizza Corona" è risultato un atto offensivo, spregevole e disgustoso. Altro che satira! Ha gettato fango sul 'made in Italy' in modo gratuito e senza vergogna….Serve una presa di posizione più forte da parte del nostro Governo. I prodotti italiani devono essere valorizzati e difesi da simili beceri attacchi". Lo afferma l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti (Identità e Democrazia), a proposito del video trasmesso, e successivamente rimosso, dal canale francese Canal+, che ha ironizzato sulla pizza, sull'Italia e sull'emergenza coronavirus".

Il beau geste segue la campagna contro le eccellenze alimentari italiane (quel ridicolo semaforo che fa passare col verde le patatine fritte - di cui i francesi sono grandi ghiotti produttori - e blocca col rosso il nostro parmigiano reggiano! E se c'è ancora chi è pronto a giustificare …beh… "quello schizzo" se lo può anche prendere per intero…).

Sonetto ai cuginastri
Genia d'afflitti, fetidi insolenti,
che di lumache bava avete in testa
è tutta qui l'arguzia che vi resta
-che sol denuncia il vostro esser perdenti - ?

Sui nostri guai ci fate gli sfottenti
con quell'umor-patata che v'infesta
e che il cervello par vi metta in festa!?
Vi giungano s-m-entiti complimenti!

Però, d'invidia, cari cuginastri,
crepatevi! Come usa dir quel detto…
Se n'esce sol co' assai merdosi impiastri…

La scatarrata sulla nostra pizza
gli si rivolti a ognun di voi addetto
ad esser contro quel che assai vi stizza!

Ma è così che a Parigi s'ironizza?!…
Ma non vi passa mai questo vizietto?!
Ma…co' altro - il coso, a voi -…non vi si rizza?
 

Un fatto, una poesia
da InTerris, 1 marzo 2020 - Normalizzazione", parola cara ad ogni dittatura, di ogni colore, che va a braccetto con "indottrinamento": l'esito del tragico connubio è la soppressione delle libertà di pensiero e, quindi, di parola. È la nascita del "pensiero unico", imposto con strumenti concreti ed evidenti…persuasioni occulte e messaggi subliminali, finalizzato a costruire una cultura acritica e diffusa, governata dal potente di turno. Si pensi alla cultura del "primato della razza ariana" e alla macchina da guerra culturale messa in atto da un certo signor Paul Joseph Goebbels, ministro della Propaganda e dell'Educazione del Terzo Reich: in soli 10 anni, la quasi totalità del popolo tedesco e una gran parte del popolo italiano si convinsero che eliminare gli "inetti ed inferiori" era opera legittima, anzi, virtuosa. Le vergognose "leggi razziali", che oggi tanto esecriamo, non sono nate come un fungo, dalla sera alla mattina: sono il frutto di un indottrinamento a tappeto che giunse a pervertire il profondo del cuore di milioni di persone…..E certamente non da meno furono le "scuole di marxismo" del signor Stalin o i carri armati del signor Kruscev, che la mattina del 20 agosto 1968 entrarono a Praga con la parola d'ordine "normalizzazione". Dunque, normalizzazione ed indottrinamento sono l'esatto opposto del valore della libertà, di pensiero e di manifestazioni di esso, pilastro che fonda una vera società democratica, come dichiara l'art. 21 della nostra Costituzione. Tutti ci auguriamo (e preghiamo) perché questi tragici eventi non si ripetano mai più, ma la mala pianta della normalizzazione non ha perso le sue radici e continua a produrre quelle "colonizzazioni ideologiche" di cui ci ha tanto efficacemente detto il Santo Padre Francesco…la "guerra mondiale per distruggere il matrimonio .. ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono" (in Georgia, 2017) , in specifico lanciando l'allarme al diffondersi - strisciante, ma non troppo - dell'ideologia gender...Nell'occhio del ciclone, in prima linea, ci sta la scuola e l'educazione scolastica dei nostri figli. Numerose, purtroppo, sono le segnalazioni di percorsi educativi/formativi che - spesso mascherati da nobili motivi quali il contrasto ad ogni forma di discriminazione, violenza o bullismo, che non possono non vederci tutti assolutamente d'accordo - veicolano insegnamenti che hanno il forte sapore dell'indottrinamento ideologico. Si va dalla proposta fatta ai bimbi di scegliere a quale "genere" si vuole appartenere, partendo fin dalla scuola d'infanzia…Si passa quindi all'idea che il sesso si può cambiare come e quando si vuole, perché in tema di affettività e condotta sessuale non ci sono regole e tutto va bene ed è "normale" (come dimenticare lo sproloquio di Benigni a San Remo?), fino a giungere al principio che non solo esistono vite indegne di essere vissute (gravi disabili, dementi, cerebropatici) ma che la propria stessa vita è commerciabile, disponibile e si può decidere di buttarla via come e quando si vuole. Leggi: cannabis, droghe, pornografia….In Emilia Romagna, comune di Ravenna, con i rispettivi patrocini, l'offerta formativa per scuole elementari e medie per l'anno scolastico 2019/2020, così suona: "decostruzione delle rappresentazioni delle varie identità sessuali... giuste informazioni relative all'orientamento sessuale, l'identità di genere e i ruoli di genere ..". Nel ruolo di docenti, saranno "esperti" della galassia LGBT. E che dire di Roma, ove il Comune (Municipio Roma VII) ha dato il suo patrocinio ad un percorso destinato ai bimbi della scuola d'infanzia, fino agli alunni delle scuole medie, "di inclusione e amicizia per … bambin* e ragazz*" tenuto da "simpaticissime Drag Queen?". Normalizzazione è la parola d'ordine. Basta cancellare ogni valore, basta confondere ogni mente e cuore, basta relativizzare tutto, corrompere le coscienze e - soprattutto - diffondere, indottrinare, nascondere ogni voce dissidente e se qualcuno osa non allinearsi, va isolato, denunciato perché divide, crea distanze, intralcia il "nuovo umanesimo"… e tutto questo la normalizzazione, l'indottrinamento, il pensiero unico non possono permetterlo."Mah, come la mettiamo con la democrazia? Con l'articolo 21? Nessun problema, c'è già pronto un bavaglio, un disegno di legge che ponga fine a questa intollerabile libertà".

Acrosticamente dicendo….
Letale
Germe
Bambini
Turba
col
Lincensioso
Ghermirne
Buonafede
Tracotantemente
per
Licensiosa
Garbata
Blasfemica
Tolleranza
Livellante
Generi
Benedicendo
Transgenderismo.
Lasciate
Germogliare
Bambini
Tranquillamente!
e
Liberamente
Gestitevi.
Basta
Tramare!


Er posto fisso
Er posto fisso ar giorno d'oggi ormai
è robba der passato e sa de muffa.
Perciò ch'er giovinotto mo' se tuffa
su la partita iva…Nu lo sai?

Inziste a avécc'er fisso è na iattura…
Ché c' è 'r becchino, addetto a st'assunzioni!
E fa a la svérta…Co du' operazzioni:
sbucià…e poi ricoprì la sepportura.


C'è st' epitaffio, infatti, su na tomba:
"in vita - tanto! er fisso l'ha cercato
co n affanno che su ancora rimbomba…!...
Ma è solo qui, che - arfine - l'ha trovato"
 

Come vanno le cose…
Tempi di cambiamenti…di introduzioni di nuovi lemmi al posto di altri troppo inadeguati…intrusivi…invasivi…come può essere il lemma "destra".
Ad ogni suo raduno c'è pronta - accosto - una contro-piazza…I suoi leader son bersagli per il lancio di insulti, di calunnie, di minacce…E - al contrario di proteste scritte e urlate per …quel commento a una veste…(…) - per loro mai un cenno della pur tanto reclamata solidarietà…Tutto va bene…tutto accettabile e accettato, a ruota libera…

La svòrta
(ma côr senzo vietato … a destra!)

"A Iva', qui nun se quàja…n se concrùde…
N se sta arivànn' a capo de na ceppa …
Er filisofeggià, qui ce se 'nceppa…
Ce vònno nòve idee assai più crude…"

"Dimitri, ciài raggiône…te capisco.
Avémo già proibbìto…eliminato…
Ma ce vò un càmmio ancora più esartàto
pe ddà più-ffòrza-ancora all' <io proibbìsco!>.

Ce sta che ar giorno d'oggi sta parola
pe mme è de troppo ancora stra-abbusàta
che è cosa che d'urgenza va cammiàta
si qui volémo inziste a …èsse scòla.

Se fa come côr cane: musaròla!
La màchina, a sinistra! va portata…
La frase "ad dèxteram dei…" scancellata!…
Chi sterza a destra, mùrta! Anche in cariola!…

E in più - pe braccia e gambe de n cristiano,
e 'gn'animale…s'ha da stabbilì
er nome <uno> e <due>. È questo! er piano!

E intanto…sparirà come…sonoro…
E a ffòrza de n sentìllo mai più a ddì,
se perde anch'er penziero….Io, già…assaporo…"

"Però…a Dimi'!...Sarebbe dittatura!..."….
"Ma nno!...Pe noàntri è...libbertà e curtura…
Così, noi la chiamàmo sta stortura…"
 

Un fatto, una poesia
Il Coronavirus parla Italiano e viaggia in business Class
Pubblicato su 22 Feb 2020 da INFOSANNIO8 commenti
(Luca Telese - tpi.it) - Breve apologo sulla grave epidemia di corona stupiditas al giorno zero, anno primo dell'era della Grande Paura. Leggiamo quintali di articoli, ascoltiamo ore di talk show con il virologo d'ordinanza annesso, ci addormentiamo pregando Burioni, ma le poche cose che bisogna capire sono semplici. 1) Smetterete di tormentare i cinesi, e di negarvi gli involtini primavera. Da ieri la notizia che volevamo fingere di non capire è ineludibile: questo virus parla italiano. Lo parla bene, e con un distinguibile accento del Nord. 2) Abbiamo esibito inutilmente stereotipi razzisti, ci siamo alimenterò di bufale sesquipedali, a partire dai topi e dai pipistrelli, e poi alla fine il virus è tra noi, tutto nostro, annidato nella nostra provincia, non ha preferenze gastronomiche, non disdegna la polenta. 3) È ormai grave la terza panzana da incorniciare: "Attenti! il virus arriverà sui barconi!". Sottointeso: il virus come una emazione dei migranti del sud, della povertà, dei neri. Sarebbe stato molto bello e rassicurante, per esempio, un virus composito nero e con gli occhi a mandorla, proiezione riassunta di tutte le diversità di cui le nuove paure ci invitano a diffidare: invece il virus arriva in aereo, e se può viaggia in business Class.
Non perché sia figlio dei pregiudizi di classe dei militanti di qualche superstite Lega trotskista-anticapitalista: ma perché ha bisogno di volare comodo e veloce. Il barcone e il viaggio della speranza producono una drammatica e naturale quarantena: il jet leg lo fa svernare rapidamente.
4) Smettete di guardare con odio il vicino che tossisce o starnutisce al vostro fianco in autobus o in metro: il virus può essere splendidamente asintomatico, sa scegliere un portatore splendidamente inconsapevole. 5) Dedicato a tutti quelli che: "Quando arriva in Africa sarà l'Apocalisse. Il continente con la densità di popolazione della terra ha avuto un solo caso di contagio: è arrivato in areo, lo hanno fermato subito con il termo-scanner e si sono protetti. Ma l'Europa, finché avrà il clima altalenante di fine inverno è un habitat più propizio per un virus di cui sappiamo ancora poco, ma almeno una cosa certa: ama il freddo e teme le temperature alte, si annida e solidifica per vie aeree, prospera con le malattie respiratorie. Soffre il bel clima. 6) Ci protegge di più la primavera delle mascherine, non andare a fare la fila in farmacia per scoprire solo alla fine che le ha già finite un tipo ancora più ansiogeno di voi. 7) Dopo aver letto centinaia di pagine, e ascoltato decine di epidemiologi discettare della sopravvivenza del fattore di contagio sulle superfici curve o ruvide, ho capito una verità drammatica e sconvolgente per milioni di italiani pigri, fra cui me. La più devastante ed efficace misura di profilassi consiste nel riscoprire una piccola grande pratica sovversiva: lavarsi le mani tre volte al giorno e quando si torna dopo escursioni nei mezzi e nei locali pubblici. Auguri

Coronavirus - Italia- divenuto, per gli stati esteri - "paese chiuso": in entrata e in uscita, dopo l'estendersi del contagio e la crescita del numero dei morti…Assalti per fare incetta di viveri ai supermercati…(dalle "ultime" intorno al 25 febbraio 2020).
Per altro verso:
Ce state a ddì:"Nun fate l'allarmisti!"
Ma pe ventiquattr'ore - voàrtri stessi -
ce state a riccontàcce come ossessi
contàggi…morti…e assalti <scaffalisti>…!...
Ce dite: "Apocalisse!"
E avréssimo da stàsse a divertìsse?!

Chiuso per…razzismo
…E tuttavia una qualche colpa c'è!
È quella di pensar di mai sbrodarsi
neppur nell'insistente auto-lodarsi,
secondo un obsoleto - ormai - cliché.
"Razzisti!" hanno gridato - come d'uso -
a chi - soltanto - umanissimamente -
cercava prevenzione convincente
a un dramma sconosciuto e assai confuso…
"Lasciate star la Cina ed i cinesi!..."
per giorni impunemente han delirato…
E dei voli da Wuhan hanno sbarcato
coi rimedi dovuti … disattesi.
Ed ora va aggirandosi - quel morbo
pel nostro Bel Paese, ad infettare…
E il mondo - intimorito - sta a frenare
entrate e uscite dal … paese orbo!
Ma ciò che - da oltre - viene qui a colpire
-che se è qui osato è colpa, ed è razzismo -
è un modo giusto di...protezionismo…
Ma s'andassero a far…<coronvirire>!
E - insistono che "ammazza solo i vecchi…!"...
Son dunque dei "Razzisti dell'età!"…
O è solo un loro far comicità..?...
O - pur giovani, son … giovani secchi…


Un fatto, una poesia
da Ansa-Salute e benessere, 25 febbraio 2020
Coronavirus: sette le vittime in Italia, tre nuovi contagi tra Sicilia e Toscana.- Stop gite e uscite scolastiche fino 15/3. Esperti UE, rischio alto in aree focolaio.E' risultata positiva al coronavirus la turista di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera è stata ricoverata nell'ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali. Lo conferma la Regione siciliana che dice: "Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all'esame del tampone". E' stata disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia.Intanto i due casi sospetti di coronavirus in Toscana sono stati confermati dal Commissario Angelo Borrelli. Il capo della Protezione Civile ha anche confermato il caso in Sicilia sottolineando però "che sono in corso le ultime verifiche da parte dell'Istituto di Sanità".Sono 283 i contagiati in Italia dal coronavirus, ha detto fornendo il bollettino aggiornato con i numeri relativi ai positivi nel nostro Paese. Nei 283 contagiati sono comprese anche le sette vittime accertate e il ricercatore guarito e dimesso dallo Spallanzani nei giorni scorsi. Attualmente sono 7 le regioni interessate dai casi di coronavirus, più la provincia autonoma di Trento e Bolzano. 212 sono i contagiati in Lombardia (comprese le 6 vittime), 38 quelli in Veneto (compresa una vittima), 23 in Emilia Romagna, 3 in Piemonte, 3 nel Lazio (la coppia di cinesi allo Spallanzani e il ricercatore guarito), 2 in Toscana, uno in Sicilia e uno in provincia di Bolzano. I ricoverati in ospedale con sintomi sono complessivamente 109, quelli in terapia intensiva 29 e quelli in isolamento domiciliare 137. In campo l'esercito nella zona rossa del Lodigiano - Sono passati da 15 a 35 i check point che presidiano la parte del Lodigiano interessata dall'emergenza coronavirus. Lo riferisce il capitano Michele Capone, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Lodi. L'ufficiale spiega che "i check point sono sensibilmente aumentati sul perimetro della cinturazione e alcuni sono stati allestiti anche all'interno della zona rossa". Sul posto è arrivato anche personale dell'Esercito.
da Orizzonte scuola, 7 febbraio 2020 - creare allarmismi non serve…E' quanto assicura, in una intervista al Corriere della Sera, la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina."C'è molto senso di responsabilità", aggiunge. Insomma ai bambini dico: andare a scuola è un vostro diritto. Se ci sarà bisogno di prendere ulteriori precauzioni lo faremo, ma ora la situazione è completamente sotto controllo".
da Corriere.it, 20 febbraio 2020 - I governanti di Veneto, Lombardia, Friuli V.G. e provincia autonoma di Trento avevano scritto una lettera congiunta al ministero della Sanità chiedendo che il periodo di isolamento previsto per chi rientra dalla Cina sia applicato anche ai bambini che frequentano le scuole…
In vari talk show si è gridato al razzismo …razzista chi cerca precauzioni e difese…Però: non deve entrarci la politica! non fare sciacallaggio!…


Monologo d'un coronavirus

Contagiosi … ringraziamo…
"Contagiare è il nostro motto,
siamo nati … per l'appunto…
E per noi adesso è giunto
il momento … galeotto
di attaccarci con passione
ad ogni essere vivente.
E di ringraziar la gente
contro l' <esagerazione!>...
A costoro noi siam grati
ché - per loro falsa scienza -
(che equivale a compiacenza),
siamo stati agevolati…
Grazie a tutti loro - infatti -
col lor fisso … idèo-razzismo
di cui pieno han l'organismo -
ci hanno alquanto soddisfatti.
Più di quei che speravamo!
i contatti - col bonismo
(che s'accoppia a disfattismo…).
E felici ci spargiamo …
E qualcuno - anche - ammazziamo…
Contagiosi…ringraziamo!
Non volevano nemmeno
che ci si opponesse un freno!
Non gli è stato - e ancor non lo è -
chiaro il fatto che noi tutti
non badiamo a belli o brutti…
vecchi, giovani o bebè…
ricchi o poveri…né al sesso…
Destra o manca fa lo stesso…
Tengan - quei - l'ideologia…
Noi…tentiam la pandemia".
 

Un fatto, una poesia
da Il Messaggero, Roma news - 22 febbraio 2020
Occupazioni, ultimo sfregio: agli abusivi le case Ater come premio all'illegalità.
Alla faccia di chi pazienta da anni nelle graduatorie dell'Ater, nella notte tra giovedì e venerdì la Regione Lazio, col sì del Pd e di un pezzo dei grillini, ha varato una norma che riserva 5mila case popolari agli occupanti illegali dei palazzi da sgomberare. Risultato: per chi ha violato la proprietà privata, si spalanca ora una corsia preferenziale. Potranno avere un alloggio pubblico, stavolta con tutti i crismi e le autorizzazioni della Pisana, per tre anni. In barba a chi si è messo in coda e ha rispettato tutta la trafila. Addirittura, per gli occupanti di vecchia data di edifici pubblici è stata prevista una vera e propria sanatoria.

L'armonie…disarmonicate…
"Stàmo a ddà casa a chi n ce n' ha diritto!
E è questo, ner parlato e ne lo scritto
er fatto che ce piace n se sa quanto:
fà fà zompà la fila …E manco er pianto
de chi - dopo tant'anni era arivàto
llissù a ffà 'r capofila, cià smontato…
Perché…se sa - e noàntri lo sapémo -
fregà la legge…l'ordine… e fà scemo
chi in certe cose ce st'ancora a créde
ce dà soddisfazzione, e er che…se vede!
Perché sémo perzone … co la tigna:
ce piace a vedé ggènte che se 'ndigna….
Sarebbe che…sarebbe troppo onesto!
seguì la graduatoria e tutt'er resto…
Fregà a chi in-quella-crede a nnoi ce piace!
E a chi nu je sta bbène e se dispiace
je dìmo: "Che vorésti…Chi snatura
la libbertà de fà…co leggi-dittatura?
E avé rispetto de na graduatoria
è un servilismo che n dà gnènte gloria!
Vòi métte - invece - a ffà li prepotenti…!...
È guasi come a èsse … onnipotenti!
Nun solo chi a sto caso è stato addetto,
ma ogn'artro che ogni legge cià in dispetto"
 

Un fatto, una poesia
Da svariati dibattiti in differente reti tv (periodo medio febbraio 2020)…Anche il pericolo della pandemia mortale riesce a guadagnarsi l'aureola del politically-correct…Chi la teme e cerca di difendersi - non con le pistole - ma con la dovuta rigida prevenzione che richiede il caso - come supportato dal mondo medico-scientifico, e finalmente dall'OMS, diventa il mostro razzista, comunque un anomalo…uno schizofrenico (Vauro…Sansonetti…Costamagna…Cazzola…specie alle recenti puntate di Quarta Repubblica) …mmmmmhhhh!!!!!
Ròba da farlo indispettire per davvero, questo ancora sconosciuto…

"Sò quello co 'a corona!"
"Sò l'unico ad avécce la corona,
e co sto nome m' hanno battezzato.
Da certi sto a sentìmme rispettato,
ma nno da chi er ciarvèllo n po' je stona…

Sò cattivèllo…ammazzo a tanta ggènte
ma sò vienuto ar mônno pe ffà questo!
E chi nu mme rispetta (e che detesto),
m'aiuta in de sto rito mio funesto.

Llìssù pell'est, ch'è indove che ssò nato,
sto dànnome da fà…pe gnènte male!
Me piacerebbe tanto èsse mondiale…
E già quarcuno in giro l'ho beccato.

Pe tanto tempo m'hanno fatto fà…
E mmo' me stànno tutti a boicottàmme…
Ma c'è anche chi sta a sottovalutàmme
e che ringràzzio …ché me sta a 'iutà!

Me bloccano da destra?...Embeh…che ffà…!...
Ciò questi che pe quarche ideologgìa
me stann'a ddì che nu è na pandemia…
e da manca …me vònno fà imboccà!

Vedéssi!...Ce se 'ngrìfeno da matti…
E che dequà…!…dellà…!...E ssò sofisti!...
M'offènneno, dicènnoje "razzisti!"
a quelli che s'attengono a li fatti.

Che - cioè - me ne vò in giro a ddà er contàggio…
E che - a nu stàmm'a pìà più seriamente
co quarantene … scientificamente…
sò càvoli davéro!...!...e nno! un disàggio…

E te lo vòjo dì - in gran confidenza:
a chi nun vò trattàmme ar modo giusto,
lo vòjo annà a 'cchiappàllo, e co gran gusto
mostràje che nun sò quarsìa influenza.

Ma senza dàje ggiù…Co assai indurgenza."


Sonetto della fantasia
Siccome non si vedon non è detto
che i sogni abbiano smesso di volare,
o che non ci sian più, là in mezzo al mare
sirene con la smania dentro al petto.

Perché io non lo sento, non mi aspetto
che il drago ora abbia smesso di russare
e neanche che non voglia più sputare
il fuoco per diletto o per dispetto.

Siccome son malati e bisognosi
non vuole dir che in quelle testoline
non ronzino i bei sogni fantasiosi

com' è per ogni bimbo altrove nato,
e che non amin fare le moine
all'angelo che il cielo gli ha assegnato.


Fatti, una poesia
da LaPress, 31 marzo 2019 - "Litigano e non prendono atto che non possono governare insieme, è un po' un triste e macabro teatrino sulla pelle degli italiani. Non c'è argomento su cui siano d'accordo però continuano a spartirsi potere e poltrone". Così il segretario Pd, Nicola Zingaretti, commenta l'ultimo scontro tra Lega e Cinque Stelle in occasione del Congresso delle Famiglie di Verona. "Quello che io percepisco è che c'è una maggioranza parlamentare ma non c'è un progetto economico, di sviluppo e culturale per questo Paese. C'è solo una cosa che li tiene insieme: l'odio", ha concluso Zingaretti dalla festa dei piccoli comuni del Lazio, a Via dei Fori Imperiali a Roma.
da Adnkronos, 16 febbraio 2020 - "Penso che il 99% degli italiani si è reso conto che il Governo adesso è unito solo dall'odio per Salvini e dalla volontà di non mollare la poltrona. Secondo me non vanno avanti troppo anche perché l'economia italiana è l'ultima in Europa". Così Matteo Salvini all'evento 'Roma torna Capitale' al Palazzo dei Congressi a Roma.
A marzo 2019 andava bene…A (quasi) marzo 2020, non va bene…eeehhhh!!!!!!

Er teorema
L' òmo quànno nasce, nasce
faccia de sopra
e - de sotto, culo.
Ma pò succède, però,
che st' ordine se inverte, e ar dunque,
senza che stàmo a vergognàcce a ddìllo,
la faccia pija er posto der culo, e questo,
manco a fall' apposta,
va ar posto de la faccia paro, paro.

Ne l' arìttimetica, spostànno li fattori
nun è che càmmi gnènte.
Ma 'nvece càmmia, e tanto, nfra la ggènte!

E appresso qui ce sta la spiegazzione…
er teorema, pe ddìlla più da fico.

Pijàmo pe n esempio uno-per-cento,
e poi 'r novantanove.

Ner mônno più normale, uno per cento
è ggènte ch'è maiala-depravata-ladrona-drogata e assassina…
e invece è brava gente tutto er resto.

Ner politico*…se invèrteno le cose.
Che llì, quell' un per cento bravo e onesto,
fa sì che tutt' er resto,
e cioè er novantanove,
è un mucchio che se 'ncòlla a la portrôna,
buciàrdi e assatanati de potere,
e co la faccia come sopra detto…
approfittoni gretti, ottusi e ingordi,
che sanno pìà p' er culo (ar posto giusto)
a tutti noàntri che je dàmo er vôto,
e puntuarménte poi se lamentàmo,
ma 'gniquarvòrta, come li drogati,
sperànno che va mèjo…ariprovàmo.

Ma adesso n se pò manco più provà!
Ché 'r voto che ce spetta n ce lo dà
chi cià paura che je tòcc' annà,,,
E manco er presidente, che…chissà…

*in senso molto lato, compresi poteri forti come ad es. certa magistratura, certi media, artisti vari e vari opinionisti…
 

Un fatto, una poesia
da Dipartimento Politiche Antidroga Che le droghe facciano male lo sentiamo ripetere da sempre. Ma sappiamo veramente perché fanno male e perché sono così pericolose? Gli scienziati hanno dimostrato che tutte le sostanze stupefacenti, in vario modo, danneggiano il cervello, perché agiscono sui sistemi che lo fanno funzionare. I neuroni soffrono e la mente si erode, perdendo importanti capacità per affrontare la vita e il futuro. Il danneggiamento delle cellule e delle funzioni è dimostrato in maniera molto chiara dalle nuove tecniche radiologiche di "neuro imaging", che hanno fotografato non solo le strutture cerebrali coinvolte dai danni delle droghe, ma anche le alterazioni del loro funzionamento.
Nella maggior parte dei casi, il processo di danneggiamento è lento e non percepito immediatamente dalla persona, che non avverte i cambiamenti della sua personalità. Ma chi gli sta vicino sì. L'evoluzione può essere irreversibile. Le parti del cervello deteriorate non funzionano più come prima e faranno molta fatica a riprendere il loro normale funzionamento. Spesso, poi, i danni sono irreparabili. La droga agisce sui centri del cervello che controllano funzioni fondamentali per la vita e il futuro di ognuno di noi. I danni provocati dalle droghe sono ancora più gravi se tali sostanze sono utilizzate prima dei 20 anni, perché possono interferire con la normale maturazione del cervello che, in questa fase, è nel pieno del suo sviluppo.
Hashish e marijuana Sono derivati della canapa indiana e rappresentano due delle sostanze più diffuse e, per molti versi, più pericolose. Possono produrre perdita di memoria e della capacità di apprendimento, perdita di motivazione, attacchi di panico, ansia, alienazione, patologie psichiche pericolose come la schizofrenia, ossessioni e diffi coltà di controllo. Inducono calo della motivazione e della voglia di fare, oltreché subdole forme di dipendenza. Nel cervello provocano il danneggiamento del DNA (codice della vita) e delle cellule nervose che, a causa loro, soffrono e muoiono. La donna che fuma cannabis in gravidanza intossica il feto e il nascituro potrà presentare danni al sistema nervoso al momento della nascita. Spesso queste sostanze costituiscono la porta d'ingresso verso altre droghe. Negli ultimi anni i nuovi metodi di coltivazione e le specie transgeniche hanno aumentato la concentrazione del principio attivo presente nella cannabis, rendendola più potente e pericolosa.
da SOS Ragazzi - È proprio il caso di dire che ad alcuni esponenti dell'attuale governo sta a cuore la droga libera.
Dopo il vano tentativo di inserire un emendamento per la liberalizzazione della cannabis light nella legge di bilancio, a fine gennaio ci hanno riprovato ficcando la proposta nel Milleproroghe.
-Un gruppo di deputati di M5s, Pd, Leu e +Europa, con primo firmatario il radicale Riccardo Magi, ha chiesto di aggiungere all'elenco di prodotti derivati dalla canapa che si possono commercializzare anche i "preparati contenenti cannabidiolo (CBD) il cui contenuto di tetraidrocannabinolo (THC) non sia superiore allo 0,5 per cento per qualsiasi uso derivanti da infiorescenze fresche ed essiccate e oli"…

Libbertà!...Fàteme drogà!
Scusàteme si inzisto…Nun dovrei…
Però…Ma dico, a voi che ve ne frega!...
Me state sempre a rompe 'i zebbedei
co la droga … "più pèggio de na strega!"…
Che m'avvelena…m'arincojonisce…
me mànn'a sbatte quànno sto ar volante
che pòsso ammazzà ggènte…Se capisce…
Però…- sapéssivo!- quant'è 'ngrifante!
Ne la Costituzzione ce sta scritto
che ognuno deve gòdese la vita
in libbertà!...E la libbertà è n diritto!
Si n se capisce questo - qui - è finita!
E in fônno stàmo a chiede-ché: er minimo!
Ce pò anche stralunàcce, n se discute…
Pò fà anche n effettaccio, lo capìmo,
ma - ar solito - è quistione de vedute…
Potémo squinternàcce …èsse violenti…
Ma noàntri che ve stàm'a ffàvve - in fônno:
ve costàmo … vivémo d'espedienti?...
È nostra libbertà de sta a sto mônno!
Si nve sta bbène…stàtevene a casa…
Nu annàtevene in giro … e nu rischiate! …
E si ce va … l'aumenteremo a spasa
la droga, a impasticcate e a siringate!
La libbertà … dev' èsse libberata.
E - datosi che - " droga è libbertà"
la libbertà… - da certi reclamata -
la deve smette a ddì: "N te pòi drogà"!...
Ché sta vòja de libbertà che ciò,
tu - pe légge la devi d'approvà!
Poi - però - m'hai da disintossicà,
sinnò - a campà - me dìchi come fò?!


Politica italiana
Voto in esilio e toghe in ausilio


Dannati e Santi … o … Santi e Dannati
Ci stanno più dannati giù all'inferno
di quanto ci sian santi in paradiso.
E anche qui - pur se in numero impreciso -
son più i dannati … pel pensiero alterno …

Giacché il pensar dei buoni - in minoranza -
è il solo a pensar d' esser quello santo…
Ma … l'immodestia mai può esser vanto.
E può esser santa - invece - l'alternanza.

In specie quando - com'è qui arcinoto -
il posto in paradiso si acquisisce
per vie che il santo - reo - da sol gestisce,
che danna e che condanna a esilio il voto

 


.

Amor di Patria
lo stivale dismesso

Che enormità grandiosa d'emozioni
fin dalla culla m'hai saputo dare,
tu, mamma ancora prima di mia madre,
tu, storia che mi porto scritta dentro!

Dai tempi antichi a oggi grandi cose
hai fatto nel pensare … nel creare
nel farti grande in quel che hai tramandato
e che oggi - forse - più non meritiamo…

E quanto, chi t'ha amata l'ha pagato
l'averti resa una! e liberata
da gioghi e da oppressioni secolari…
E or … non sembri più che il tuo museo.

Un po' scansata … sottovalutata ...
da terzi, con l'ausilio anche di <giude>
che attentano alla tua identità …
Qual figli che fan guerra ai loro padri.

Ti vogliono stivale ormai dismesso
da vendere al mercato dell'usato…
Ma non permetterai che questo accada.
Lo urla ogni città … ogni contrada!

Di Giotto il cerchio e l'uovo di Colombo
colpevolmente tanti han profanato.
E tanto ancora è pronto allo strapiombo.
Par già di udirne il tragico rimbombo.


Un fatto, una poesia
da testate e dibattiti tv (quello di qualche sera fa a Quarta Repubblica…non si poteva vedere…Di lei non ricordo né il nome né l'incarico, ma non si poteva vedere, né sentire…urlare …addannata com'era in difesa del diritto alla scuola dei bambini provenienti dal territorio del coronavirus, cui non si doveva negare l'entrata a scuola da subito! Perché "la scuola è un diritto!"…Come anche il cercare di proteggersi dal contagio - da parte degli altri - in una situazione allarmata e allarmante come quella che ha dato esiti positivi per qualcuno rientrato dallo stesso territorio e sottoposto a quarantena alla Cecchignola-Roma…Ma …i bambini, si sa…hanno l'angioletto custode, e soprattutto: il diritto!...Qualcuno lo nega?... (settimana tra il 2 e il 9 febbraio 2020).
Ma…meglio rischiare qualcosa di gravissimo…o far restare i bambini tranquilli in casa per i previsti 14 giorni di quarantena…

Dritto e Rovescio …
Ognuno cià er diritto … Ma er … rovescio
nu spetta a tutti: solo a li fregnoni
de cui se sa che hanno da èsse bbòni…
O pònno anche beccàsse er manrovescio.

Ché … er giusto, de per sé! ha da èsse storto!
Ché nun esiste che sia dritto er giusto!
N sia mai!...Pò darsi - chi lo sa - quànno sei morto…
Ché côr diritto giusto … nun c'è gusto.

Penza si a nonna - sempre a ffà la maja -
dritto e rovescio - come s'ha da fà
quarcuno je diceva: "Accosì, sbàja…!"….
La màja je ce usciva côr … chissà…

"Sia chiaro!...ch'è de tutti li bambini
quer bèr diritto - sacro - d' annà a scòla!
E solo pe n sospetto è da cretini
a n fàlli entrà!.." (li virus fanno l'ola !…)

Stàmo ar solito - e cioè: er rovescio e er dritto
in mano a chi n capisce che un diritto
da sé - senza dovere, è prepotenza…
E - er rovescio - ha da fàje resistenza.
 

Fatti, una poesia
da Huffpost, 18 dicembre 2019
Quando sono arrivati al Pronto soccorso….però, la bimba…e non respirava già da tempo. I medici che l'hanno presa in cura non hanno potuto salvarle la vita…Alla scena che è seguita ha assistito xxxx, consigliere comunale del centrosinistra, che era al pronto soccorso per un malore e che poi ha scritto su Facebook: "Dalla sala d'attesa iniziano commenti di ogni tipo. Chi parla di riti tribali, chi di satanismo, chi di scimmie, chi di 'tradizioni loro', chi di manicomi. Giudizi, parole poco appropriate, cattiveria, tanta". "La tristezza ha iniziato ad invadermi - ha raccontato agli amici -. Nel frattempo ho sperato più che mai che calasse il silenzio fra le voci insopportabili e malvagie di quegli individui. E invece no, anche di fronte alla morte di un innocente, le voci hanno continuato. La più tremenda è stata: 'tanto loro ne sfornano uno all'anno'. Siete davvero schifosi".
Sulla morte della piccina sono ora in corso indagini da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Sondrio i quali hanno anche effettuato un sopralluogo nell'abitazione della coppia nigeriana, mentre la Procura ha disposto l'autopsia sul corpo della bimba che potrebbe essere stata vittima della cosiddetta "morte in culla".
Intanto sul caso la direzione sanitaria dell'ospedale afferma che "le frasi riportate non possono essere né confermate, né smentite. Il personale in servizio non le ha assolutamente sentite. E' certo, invece, che l'assistenza e la cura nei confronti della famiglia e della loro figlioletta sono state massime".
da FirenzeToday, 22 novembre 2019 - Non è stato razzismo, ma un'aggressione avvenuta in seguito a una lite. Questo quanto emerso dai riscontri della polizia dopo l'episodio denunciato dal 28enne nigeriano…avvenuto in un sottopasso di Firenze…Un episodio che aveva generato un'ondata di sdegno e polemiche, anche politiche. Infatti…in tanti avevano gridato a piena voce a un'aggressione per motivi razziali tanto che alcuni residenti avevano portato e manifestato la loro solidarietà al giovane ambulante. Poche ore dopo la deflagrazione del caso, la vicenda si era colorita di nuovi particolari: la citata "aggressione" sarebbe avvenuta per mano di due cittadini dell'Est Europa, probabilmente di etnia rom.
da IlGiornale.it, 4 settembre 2019 - Caso Lukaku, la Nord difende il Cagliari: "Non è stato razzismo".
Il belga è stato accolto dai fischi durante il match…
L'attaccante sul proprio profilo Instagram si era duramente sfogato; successivamente il club rossoblu ha preso le distanze dai cori della propria tifoseria. Ma ora i supporters dei nerazzurri si rivolgono proprio all'ex Manchester United e provano a spiegare quanto accaduto: "Ci spiace molto che tu abbia pensato che quanto accaduto a Cagliari sia stato razzismo…Devi capire che l'Italia non è come molti altri paesi europei dove il razzismo è un VERO problema".
La lettera: In Italia certi modi sono infatti utilizzati semplicemente per "rendere nervosi gli avversari. Non per razzismo, ma per farli sbagliare. Devi capire che in tutti gli stadi italiani la gente tifa per le proprie squadre ma allo stesso tempo la gente è abituata a tifare contro gli avversari, non per razzismo ma per 'aiutare le proprie squadre'"…."I tifosi italiani non saranno perfetti, ma sebbene comprendiamo la frustrazione che ti possono creare certe espressioni, queste non sono utilizzate a fini discriminatori".
da Blitzquotidiano, 16 aprile 2018: C.Kienge, feci sul muro di casa. Razzismo? No.
L'imbrattamento con escrementi animali dei muri esterni dell'abitazione modenese dell'europarlamentare del Pd, Cecile Kyenge sarebbe legato a una sorta di ripicca tra vicini e non a un gesto razzista. A confessarlo come riporta l'edizione locale e nazionale de Il Resto del Carlino è un residente di Gaggio di Castelfranco (Modena), dove ha casa l'ex ministro dell'Integrazione. "Non si è trattato di atto xenofobo - rivela in condizione di anonimità al quotidiano - ma di un gesto di esasperazione verso un atteggiamento incivile. Me ne scuso, ma certe volte quando sale la rabbia cedi a reazioni spropositate. Perché l'ho fatto? Semplice: suo marito non raccoglie mai le deiezioni del loro cane di grossa taglia e all'ennesimo episodio non ci ho visto più dalla rabbia, ho rimosso le feci e le ho gettate nel giardino".


C'è chi ha bisogno di diffondere il …razzismo…che non c'è…Gli antirazzisti - "inventassero" - invece - qualcosa di vero e concreto, contro cui sfogarsi…

Razzinventismo
La fantasia è bella…è creativa…
Fa…Inventa…E col nulla, crea ogni cosa.
Fa diventar cipolla…una rosa.
Cosa triste trasforma in giuliva.

Dovunque non si può…lei ci arriva.
Verità - s'inventa, fantasiosa,
e ci si fa, in questo, assai smaniosa…
E la brutta, è con lei una bella diva.

Per l'aer, notizie artate diffonde,
e acciocché si mostrino reali,
bara, e quelle vere inver, nasconde.

E chi ascolta, o resta a bocca aperta…
o, senza neanche sforzi mentali,
le tien per false…e le mette in berta.

È brutto sempre…Ma se programmato,
il falso vien - dal vero - sbugiardato.
 

Un fatto, una poesia
Caso epidemia da Coronavirus
Radio 4 febbraio 2020: attualmente 427 morti - 20.000 contagiati - in Cina
da Porro a 4° Repubblica, 3 febbraio 2020 - accese discussioni…I soliti "aperti", contro la pura diffusa, che non deve! esistere…malgrado quarantene…allarmi…tanta paura da parte dei cinesi stessi…e il parere che -nella stessa discussione- davano persone un pochino più esperte, più inclini a esercitare tanta prudenza…Che, se poi, dovesse risultare prudenza sprecata…tanto meglio! Ma, al solito, tant'è…per chi da qual-che-sia-cosa riesce a tirar fuori la propria politica…che insegna e che guida…e che accusa…
da IlGlobalist, 4 febbraio 2020 - Lo ha scritto su Facebook E. Fiano, della Presidenza del gruppo PD della Camera: "Il passo dalla paura al razzismo il passo è brevissimo. In questi giorni del Coronavirus ci sono solo alcuni che possono dirci cosa fare: sono le autorità sanitarie, i ricercatori, i medici, gli scienziati. Non i governatori leghisti delle regioni. È una battaglia della razionalità contro l'irrazionalità. No alla psicosi, no alle fake news, no alla discriminazione dei cinesi".
da IlGiornale.it, 4 febbraio 2010- Si aggravano le condizioni dei coniugi cinesi ricoverati per coronavirus. "Nelle ultime ore hanno avuto un aggravamento delle condizioni cliniche a causa di una insufficienza respiratoria".., hanno riferito i medici, come riporta Agi. Questo tipo di decorso, aggiungono, "è segnalato nei casi fino ad ora riportati in letteratura"…. Ora si trovano nel reparto di terapia intensiva…per cui i medici che li hanno in cura si riservano la prognosi".
I medici rassicurano, invece, sulle condizioni delle persone venute in contatto con la coppia di turisti….
Inoltre, da oggi, saranno attivi i corridoi sanitari e gli scanner termici per tutti gli arrivi all'aeroporto di Fiumicino: i controlli verranno messi in atto sia sui voli internazionali, che su quelli nazionali…Dall'ospedale Spallanzani di Roma fanno sapere che "sono ricoverati in questo momento 11 pazienti sintomatici provenienti da zone della Cina interessate dall'epidemia". Tutti sono stati sottoposti al test, che mira ad accertare la presenza o meno del virus e si attendono i risultati.
da IlTempo, 4 febbraio 2020 - Il coronavirus? L'hanno inventato i giornali...Oms …ha trovato i colpevoli del coronavirus: siamo noi giornalisti…e anche un po' voi che ci leggete…"infodemia" parola coniata ieri per dire la spariamo grossa tutti sui giornali, tv, radio, web…Quindi basta spegnere…non ci sarà bisogno di lavarsi le mani…Proprio Oms principale motore di informazione impazzita…Rischio contagio "moderato"…poi diventato "rischio alto a livello globale"…- …e allora l'Oms ha dovuto arrendersi dichiarando la "emergenza sanitaria globale"….
Ma…questo <razzismo> è una sorta di prezzemolo che va bene su tutto…

Antipauristi …
e er virus-giallo

"Ma ssì, a Re', mettémoce anche questi!..
Che vvòi che sia, aoh! Uno più, uno meno….!...
Nun se sa più a chi tòcca dà li resti,
co sto "anti" che oggi viaggia senza freno…

Dovevi véde uno, ierasséra -
siquanto stava a ffà l'antipaurista
ngrifato come n còso!..."Nu è 'r colera!...
Chedè sto modo d'èsse pessimista!

Li morti che st'a ffà st'epidemia
sò poca ròbba! … Ed in percentuale
sò er zero…zero…zero…!…È na pazzia!
a spànne sta pavura che fa male!...

Nu state a 'mmascheràvve! Li cinesi
se stann'a risentì...Nu stann'a vvénne…
Se védeno scanzati...ed è palese
che … sto <razzismo> vostro li sta a offènne…"

Pareva strano, a nun sentìlla ancora
sta parolina assai … prezzemolina!
Ma er virus se ne frega e d'ora in ora
st'a ffà fà bàre a spasa…Pe mmo', in Cina…

Ma qui nu lo pò ffàllo, pe davéro!
Perché nun vò incontrà quell'òmo-nero
che già lo sta 'spettànno pe affogàllo,
perché è n razzista, e lui … n migrante giallo!


Un fatto, una poesia
da CitizenGO, 30 gennaio 2020
La Rai sta cadendo sempre più in basso... Nelle ultime settimane siamo venuti a conoscenza che a Sanremo 2020, sul palco dell'Ariston, sarà ospitato il "cantante" rap Junior Cally, idolo delle nuove generazioni sul web. Tale scelta mediatica sta suscitando una grande contestazione pubblica. Perché il messaggio "artistico" di questo cantante è una vera e propria predicazione alla violenza sulle donne!
ATTENZIONE: i seguenti contenuti sottolineati in giallo possono risultare offensivi. Ho voluto riportarli qui per dare maggiore informazione. Ti invito a non leggerli se sei una persona suscettibile.
"Lei si chiama Gioia, beve poi ingoia. Balla mezza nuda, dopo te la da. Si chiama Gioia, perché fa la tr*ia, sì, per la gioia di mamma e papà".
"Questa non sa cosa dice. Porca tro*a, quanto ca**o chiacchiera? L'ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C'ho rivestito la maschera".
Tutto questo è inaccettabile! Non possiamo tollerare che il servizio radiotelevisivo italiano promuova, in spettacoli pagati con i soldi di noi contribuenti, personaggi che profilano messaggi atti a umiliare e mortificare la figura delle donne!

Sanremo: sfogo d'ogni eccesso

Merda e Successo - Successo de la merda
Sanremo?...San -re-moo??...Sanremo un c…mazzo!
Co sta merdàja che vvò propinàcce
ce se smerdàsse lei e 'r bèr codazzo
de grànni estimatori de merdacce!

Ma … tutte quelle pronte a la censura,
assieme puro a quelli sempre in tiro,
ndo' stanno!..?...N vònno fà brutta figura
ne lo zittì a quarcuno ch'è der giro?!...

Nun vònno fàsse véde … anti-curtura…?!...
E 'nnàmmo!...E certo!...È questo!!!!
N ce stavo a penzà…! Certo! Ha da èsse dura
zittà …n artista, puro si è indiggesto!

E puro Bordriskaja sempre pronta
a querelà chi sta a 'nzurtà na donna,
mo' ch'è presa pe animale da monta,
tutto bbène!?!...St' ipocrisia immônna!!

Sanre'!...Sei 'r festivàl de la canzona,
o te sei fatta "sfogo d'ogni eccesso"!?
Si questo - sei - la cosa, sì!...funziona!
Lo senti ggià, a tirà er sciacquone ar cesso…!?....
 

Un fatto, una poesia
da LDC, 29 gennaio 2020
La cecità obbligata. Lo è appieno ed è presente in tutti i giornalisti …. asserviti al potere delle lobby europee, loro hanno voluto vedere solo quello che piace ed è utile e conveniente per la solita propaganda… Ho atteso i dati definitivi per poter analizzare il voto di domenica scorsa e la realtà sta ben lontano dalle chiacchiere … dei giornalisti e direttori di testate giornalistiche … modo di fare, improprio e iniquo per un vero giornalista…. ---
I dati emersi dal voto della Calabria sono devastanti per il governo e per la sinistra tutta, ovviamente i "nobili giornalisti " tacciono sugli effetti che nell'immediato futuro riscontreremo, ebbene il 55% ottenuto dal centro destra con un distacco di 25 punti percentuale, in una regione che fino a domenica sera era in mano alla sinistra, è un dato rivoluzionario, ribalta la situazione politica, non solo quella locale ma va intesa anche a livello nazionale, rovinosa per il M5S che perde il 40% dei suoi elettori…si riduce il PD ad appena 6 consiglieri contro i 19 della vecchia maggioranza e registra una perdita di ben 47 punti percentuali rispetto al 2014. E' un disastro per le forze di governo, eppure il dato pur eclatante nel suo insieme che si fa ? Non se ne parla….lo si minimizza a tal punto che.. quasi…quasi parlare in Tv della Calabria sia quasi inutile e fastidioso… come se il popolo calabrese contasse di meno di quello romagnolo ed emiliano. Alla faccia della democrazia e del " political correct … "… questa è la stampa … che invece di analizzare la rovinosa caduta elettorale del governo punta il dito sulla "sconfitta di Salvini" e del suo citofono…Passo ora ad argomentare sul voto in Emilia-Romagna, a differenza della Calabria lì il sistema ha retto, e anche bene, il PD di Bibbiano è forte come sempre e ben radicato nel territorio bolognese, ma non ha portato niente di nuovo, niente di inimmaginabile né di rivoluzionario, infatti il confermato Bonaccini ha ottenuto, per chi non lo sapesse, gli stessi voti del suo predecessore Errani nella competizione del 2010, niente di nuovo quindi… e allora le Sardine a cosa sono servite ? A niente…--- Ora invece il distacco è di appena 8 punti con la differenza che i voti del centro destra sono arrivati ad oltre un milione e che la Lega è il primo partito della regione perché nei dati diffusi dai venditori di fumo tutti omettono di dire che nel 34% del PD ci sono anche i voti di Italia Viva e quelli di Calenda la cui percentuale è ipotizzabile intorno al 4,5%. Però alla "stampa prezzolata" italiana piace confondere l'informazione e i dati…l'interesse personale ha prevalso ancora sulla collettività della regione e comunque teniamo conto che oltre un milione di persone, che prima non c'erano, hanno detto no al PD….ed è una vera vittoria per il…"perdente"…


Fiji … e … Fiji…
"A Re',
Ar solito!...Ce stanno fiji , e…fiji…
Ce sò li fiji che sò rose e giji,
e ce sò quelli côr … cannelo ar naso,
zozzoni…brutti: da nun fàcce caso.
Ma nun pò èsse, a uno 'i comprimenti,
e a n antro manco a ffàje du' commenti
si riesce a ffà quarcosa bbòn'assai!
sippuro nu l'avressi detto mai.
Mo', dìmme te si è questo er modo giusto
o invece te po' ffà vienì er disgusto
quer fatto ch'è legato a l'elezzioni,
indove che ricìcceno 'i "terroni"
indegni de gni minima attenzione,
perché hanno fatto vince llì, in reggione,
chi nun doveva vince - a detta loro -
perdènnose - così - quarsìa decoro.
E mai - infatti - stann'a ddì: "Hanno vinto…"…
Facénno - così - véde quant'è finto
quer certo modo de fà informazzione:
che pènne tutta in d'una direzzione…

All'àrtri, invece - tutti giji e rose,
li stànno - pe ddì - a mmétte nfra le cose
de quelle llì protette da l'Unesco…"
"N se po' capì, sta cosa, a Ro'…N ciarièsco".
 

per San Valentino

Innamoramento … colposo
"Tu la guardi…l'ho notato,
in un modo assai … ingrifato… ".
"Sarò forse esagerato,
ma son troppo! innamorato!"

"Ma lo sai, tu, che oggigiorno
tutto quanto s'è cambiato
e se pensa a che hai pensato…!...
Innamoramento…Un corno!

Se le ronzi ancora attorno
e se è un giorno che le gira
si fa prendere dall'ira
e pensando a un pensar…porno

la querela, è il risultato!
Perché lei la prende a male,
ti trascina in tribunale
e, mio caro, sei fregato!

Perché un giudice…imparziale
ti dichiara delinquente,
e se sei nullatenente
solo è danno esistenziale.

Ma se sei un … di sostanze,
delle idrovore son peggio:
ti si succhiano! a pareggio
di carine esuberanze".

"Ma se glielo confessassi
che io l'amo pazzamente?"...
"Prima tasta quel che ha in mente…
Fai firmar… poi fai i tuoi passi…"

Dite un po', San Valentino,
e Cupido: dell'amore,
che han ridoto a un … disonore,
questo è - ormai - il suo destino?

Riprendetevi l'orgoglio
di esser voi a comandare
la questione dell'amare,
cancellate quest'imbroglio!
 


a Lisa


Tra abbracci morbidi ci aspetteremo
Tra abbracci morbidi - ci aspetteremo,
di soffici bambagie illuminate,
che lievi van solcando cieli azzurri
qual vele al soffio di discrete brezze.

Ci aspetteremo lì, per seguitare
il nostro andare insieme e rinnovare
ogni ora, ogni minuto di giornata
a dire cose e a amarci stando muti….

Interi giorni, e sere ed ogni notte
là, dove scorron notti e vanno giorni
senza paure, e dove le emozioni
son solo dolci e durano in eterno.

Se fossimo mai presi dalla noia,
lassù con noi i bisticci porteremo.
Ma lì, nessun potere - mai -avranno:
soltanto un gioco! - senza più un attrito.


Un fatto, una poesia
da IlSussidiario.net, 27 gennaio 2020 - I risultati delle Elezioni Regionali 2020 in Emilia Romagna e Calabria sembrano confermare le previsioni della vigilia. In Emilia-Romagna, infatti, Stefano Bonaccini è stato in vantaggio sin dal primo exit poll ai danni di Lucia Borgonzoni. Ma è sicuramente interessante valutare i dati delle singole liste che hanno appoggiato i candidati presidenti, anche per capire quanto è stato utilizzato il voto disgiunto. E in effetti si è rivelato uno strumento decisivo: testa a testa tra Lega e Pd in Emilia-Romagna, con Bonaccini però avanti su Borgonzoni in virtù appunto del voto disgiunto. Invece il Pd è avanti sulla Lega in Calabria, dove però vince Jole Santelli per il centrodestra. Se il centrodestra non è riuscito a strappare al centrosinistra l'Emilia-Romagna, nonostante abbia comunque ottenuto il risultato di giocarsi la partita in una regione da sempre roccaforte della sinistra, può comunque rifarsi con la Calabria, dove il distacco tra Jole Santelli e Filippo Callipo già nei primi exit poll era dato a 20 punti percentuali: un abisso impossibile da colmare e che si è persino ampliato con le prime proiezioni.
Le Elezioni Regionali 2020 in Emilia Romagna e Calabria sono state contraddistinte da un aumento dell'affluenza particolarmente alta in Emilia- LA DEBACLE M5S -Le Elezioni Regionali 2020 in Emilia Romagna e Calabria lasciano il segno più pesante sul Movimento 5 Stelle, i cui candidati, nelle prime proiezioni, non hanno nemmeno raggiunto la doppia cifra nei consensi…

Na vittoria … co assai poca gloria
Dovrei sentìmme come un generale
ch'ha appena sotteràto er su' nimico…
Eppuro, numme crederai si dico
che sta vittoria ha ffàtto arquanto male!

Lo dico a tte, a Re', ché sei n amico
sippuro che ciài tutto àrtro ideale.
E cioè…Ne la cabbina elettorale
s'è guasi tutto sciòrto er sogno antico

de avé un "reggìme" eterno - <vacca bòia>! -
perché ce s'è accodato - manco a ddìllo -
quer … zanzarone nero a ddàcce nòia…

Sto a ddì ch'ho vinto: embè…lo devo! dì!...
Ma da la rabbia vorèi fà no strillo…!....
Ma nu lo posso fà…E ho da gnottì.

Me stavo pe ammalà d'esaurimento,
da la paura de un ribbartamento…
Ché … co anche tutto l'avvelenamento
sparzo, ce stava a cascà ggiù er percento!

Ma mmo'… pure si 'i bbòvi sò scappati
dovémo lucchettà! pe n fà sparì
a quelli llì, rimasti affezzionati!

Margràdo tutto, a Ro', qui è annàta bbène…
Però…N te sto a sentì a parlà de…ggiù…
Llì, 'ndove hai perzo propio!…Àrtro che scène!
Lo devi dì, o n te crederanno più.
Riconzolàsse è pure ggiusto, a Ro',
ma nu è che pòi stà sempre a arampicàtte
su li specchi…N po', sì…Ma troppo, no!
N faresti àrtro … che inziste a sputtanàtte.

Rosso o Nero…Nero o Rosso…
Che sia rosso…Che sia nero,
l'importante è che è sincero.
Questo, certo, a tutti piace,
ma…dev'essere capace!
Se capace non lo è,
sta lì…chi lo sa perché…
Il politico, si sa,
non sta lì per carità.
È lì in cerca di potere,
pur con male-assai maniere;
di guadagni niente male;
pe' inseguire un ideale…
Ma assai spesso non va bene:
ché il suo fare porta pene!
Che sia nero…Che sia rosso,
spesso è un cane intorno all'osso,
e se un altro si avvicina
ringhia…azzanna…lo rovina...
Per lo meno assai ci prova,
ma non sempre ciò gli giova.
Quello nero, pei giornali
non è men dei criminali;
quello rosso gode più
democratica virtù.
In politica ogni cosa
vale, pur se è vergognosa…
La più brutta è per davvero,
quando toga attacca il nero,
ciò che al rosso mai non tocca:
ché è maligna…non è sciocca.
Nero…Nero…Rosso…Rosso…
Chi più all'altro zompa addosso…
Rosso…Rosso…Nero…Nero…
Chi è più alea…Chi è più vero…
Tutto questo lo racconta
l'aria stessa, che confronta…
E d'entrambe i due colori
bene sa rancori e onori,
ben capisce il giusto peso
d'ogni azione, ed il suo reso.


Un fatto, una poesia
La figuraccia di Conte a Berlino: non trova il posto in prima fila. Imbarazzo per il presidente del Consiglio. Ironia sul web: "Rispecchia perfettamente il peso reale del nostro Paese…Una vera e propria figuraccia quella di Giuseppe Conte a Berlino: in occasione della foto di famiglia per avviare formalmente la Conferenza internazionale sulla Libia, il presidente del Consiglio è arrivato tra gli ultimi e ha trovato posizione in seconda fila dopo averla cercata in maniera vana in prima. Poco distante da lui c'era Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea. A fare gli onori di casa la cancelliera Angela Merkel, al cui fianco figurano da un lato il presidente Emmanuel Macron e dall'altro il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres; vicini anche il turco Recep Erdogan e il britannico Boris Johnson.

Col…cappello-in-mano-e-inchino, sembra che non paghi…Pare peggio che andare a battere la mano sulla cattedra….

Con-te…No, prego…con-me, no!
"L' hai visto bbène, a Ro'?..Beh…Quello è con-te…"
"Te sbàji, a Re'!..Con-me n ce sta davero!
E chi lo vò uno tanto … "galimero" *
da èsse martrattato a pesci in fronte!..."

"Te sto a capì…Vòi dì la figuraccia
ch'ha ffatto, ma più che àrtro ha fatto fà
a tutti noi - costretti, llì, a guardà
na scena tanto…tanto…tanto accia!"

"Che pena! … Si che mortificazzione!...
In prima fila, stava a cercà er posto…
Nun solo, nun ce stava!...Ma a che costo!
s'è dovuto infilà in…retrocessione!"

"Eh, già!…Facènn'er giro…Ché nisuno
nfra li <grànni> lo stava a ffà passà…
Ma…è tutt' a posto, o c'è da protestà?!...
Purtroppo, ormai è storia! Sarvognuno…!...

"Ma…sémo, o n sémo 'i mèjo pagatori
de sto teatrino ch'è st'europa-unita?!
Perché, allora, st'Italia nu è gradita?
Mo', anche, che n ce sò … cospiratori?!...

Pe vvia de gnomi e orchi … incantatori…?!...

*era il pulcino nero da tutti scansato e bistrattato, di uno spot televisivo di anni fa...Che si lamentava: "Perché son piccolo e nero…!"… Faceva tenerezza e pena.


Se pensassimo ai morti…
Se pensassimo ai morti di più quando son vivi
di più contenti loro - e di più noi saremmo.
Lumini e crisantemi quali segni affettivi
doniamoglieli quando sorrisi lor ne avremmo.

Nelle lor tombe i morti ben chiaro han quel ch'è stato,
quel che hanno fatto agli altri - quel che altri han fatto loro.
Ma biasimo non sanno. Ma sanno ben chi ha amato.
Chi non li ha amati chiede di esser perdonato.
Chi ha amato li ama ancora - e a lui danno ristoro
da accoramento e pianto. E è al ciel raccomandato.


Un fatto, una poesia
da IlGiornale, 17 gennaio 2020 … Il day after di "Cancellare Salvini", il titolo a tutta pagina di Repubblica, è ancora all'insegna dello scambio di accuse e delle polemiche per la scelta di "sintetizzare" così brutalmente l'intervista al dem Graziano Delrio da parte del quotidiano diretto da Carlo Verdelli…. finisce all'attenzione del prossimo consiglio di disciplina dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia (in calendario a inizio febbraio), che potrebbe deferire Verdelli… Per Verdelli "Salvini sa leggere" e avrebbe "capito benissimo il senso del titolo". Ossia lo sbianchettamento delle sue politiche sull'immigrazione, non "un manifesto di caccia all'uomo"….Una versione che non convince del tutto il presidente dell'Ordine dei giornalisti…-…. tra i tanti esposti ricevuti, ha registrato anche la denuncia di Vittorio Feltri. Ieri il direttore editoriale di Libero ha spiegato di averla presentata non per "colpire il direttore Verdelli", ma per "stabilire la fondatezza di un concetto: la deontologia o la si rispetta tutti, anche se discutibile, oppure che venga archiviata tra le cose inutili, o meglio dannose, perché essa si presta a dividere i professionisti della informazione in buoni e cattivi" quando, conclude Feltri, "invece siamo quasi tutti cattivi"…. …..Lo fa anche Maurizio Belpietro: "I censori del truce scrive - che accusano di fomentare la violenza, giocano sporco sullo stop ai decreti sicurezza. E ci marciano". All'attacco anche il portavoce dei parlamentari azzurri Giorgio Mulé: "Ipocrisia di una sinistra che sbandiera il politically correct solo quando conviene".
da IlGiornale, 9 gennaio 2020 - Se Salvini finirà a processo dovrà andarci anche Conte - per l'art. 95 della Costituzione il premier risponde degli atti dei ministri. Quindi anche sul caso della nave.
Da ImolaOggi, 1 sett. 2019 - La sensazione è che sia partita davvero l' offensiva giudiziaria per liberarsi del segretario leghista, che ha sostituito Berlusconi come nemico pubblico numero uno della sinistra, democratica e non, e al quale i compagni già pregustano di far fare la stessa fine del Cavaliere. Il nuovo governo non è ancora stato formato, Salvini siede tuttora alla sua scrivania al Viminale, ma già si infittiscono le mazzate giudiziarie. Solitamente l' effetto è quello di stringere il popolo del centrodestra intorno al leader attaccato, ma in mancanza di elezioni egli non può beneficiarne e gli restano unicamente le rogne. Film già visto - Temiamo che il crimine di aver combattuto l'immigrazione clandestina non sia il solo per il quale il capo della Lega sarà trascinato alla sbarra. Non perché lo riteniamo un mascalzone, tutt'altro, ma abbiamo già visto il film: la sinistra tende a far fuori per via giudiziaria gli uomini che non riesce a sconfiggere nelle urne. È la storia, non un'opinione. L'uomo nero - A questo punto urge una riflessione sull' allarme democratico in Italia. La sinistra lo ha evocato per tutti i 14 mesi dell'esperienza governativa salviniana, arrivando a contestare al ministro i balconi da cui teneva i comizi, la fermezza con cui perseguiva i criminali e inseguiva la sicurezza dei cittadini, gli editori con cui chi scriveva di lui pubblicava, l'euroscetticismo, i rosari che esibiva, il linguaggio che usava e finanche la richiesta di elezioni anticipate per avere più potere. Dopo aver indetto una manifestazione contro Salvini ministro, ora il Pd accusa il leghista di intenti sovversivi per aver chiamato la piazza contro il nuovo governo M5S-Dem.Come nelle dittature, secondo la sinistra a qualificare un comportamento come antidemocratico non è l' atto in sé ma chi lo pone in essere.Ora che, nel rispetto della Costituzione ma senza passare dalle urne, l' uomo nero leghista è stato deposto, è evidente che non c' è mai stato un rischio per la tenuta delle nostre istituzioni e che chi lo denunciava faceva solo propaganda. Resta in piedi la domanda se le inchieste mirate con cui vengono fatti fuori i politici, che magari dopo anni si scoprono innocenti, costituiscano per la democrazia un rischio più alto delle ruspe, del rafforzamento della legittima difesa e dei denegati sbarchi di clandestini.
Per noi, sì. Per chi pensa di avere un rapporto particolare con le Procure, no.
da Libero.it, 9 gennaio 2020 - Gregoretti, Nordio: "Se Salvini verrà processato sarà una decisione politica. La procura si è pronunciata".
Da Imola Oggi, 1 sett.2019

Gomme … scolorine… e àrtri rimedi…
"A Ro', nun so si già l'hai 'ntes' a ddìne…
Ce sta chi st'a facènno la colletta
pe côre a 'nn' a comprà de tutta fretta
na quantità de gomme e scolorine…"

"L'ho 'nteso, sì…E ha da èsse ròbba bbòna!
E no quele gommacce sbucia-fòji…
O scolorine che ssò mezz'imbròji…
Ma ròbba, a Ro', che a scancellà funziona!"

"È vero, a Re'… Pur'io, così ho sentito…
Ma quelo che ce vònno scancellà
nu l'ho capito mica…Ma n sarà
pe quer che un titolone se n'è uscito…?!..."….

"È vero…Eh, ssì!...Me sa che ciài raggione…
Quer titolo invitava a scancellà…
Ma allora … che se stànn'a scervellà…
J'abbasta un tribbunale … de fazzione…"….
 

Un fatto, una poesia
da Imola Oggi, 15 gennaio 2020 - Prima pagina di Repubblica oggi: "Cancellare Salvini". Il titolo ha suscitato una bufera, soprattutto perché scritto a caratteri cubitali su un giornale fedele a quella parte politica che finge di combattere l'odio.
da ilPrimatonazionale.it, Roma, 15 gennaio 2020 - ….Così Vittorio Feltri si rivolge all'Ordine dei giornalisti per denunciare il titolo di apertura di Repubblica di oggi contro Salvini e per porre l'accento sulla politica del "due pesi e due misure" nei confronti della stampa di regime (ossia di sinistra). "Cari colleghi dell'Ordine, stamane la Repubblica reca in prima pagina il seguente titolone di apertura: Cancellare Salvini. Non credo che l'intenzione del titolista fosse quella di cancellare con la gomma il capo della Lega. È una frase minacciosa che incita al linciaggio…Segnalo a voi che non leggete i giornali ma processate i giornalisti politicamente scorretti questa perla democratica e antifascista. Sono curioso di vedere se sanzionerete xxx che pure è un direttore stimabile. Cordiali saluti". Così il direttore di Libero in una lettera all'Ordine dei giornalisti. …… …..
In effetti - e rispondiamo a chi obietta che il titolo si riferisce ai decreti Sicurezza che portano il nome dell'ex ministro dell'Interno, ma in tal caso si sarebbe dovuto scrivere "Cancellare i decreti Salvini" - l'ambiguità è fortemente voluta. Negarlo sarebbe ridicolo.

Annullà…l'annullamento…
S'avrebbe d'annullà … l'annullamento
ch' è scritto su un giornale in bella vista…
E - n se potrebbe dì, ma…su sta pista -
vierebbe anche da dà un suggerimento.

Dì "annullà uno" , no!...nu' è n comprimento!
E manco pò èsse scherzo, e manco svista…
E n ce sò scuse pe 'r … possibbilista…
L'articolo è un puzzoso sverzamento.

Mo', queli stessi llì, de quer giornale
se stann'a smanicà tutti convinti
contro un cert'odio, che… - è assai papale -

sò propio loro! a avéccelo pe quello.
Dev'èsse che se sènteno già vinti!
a…<scancellàllo> a regolar duello.

Se stann'a'nventà er peggio der più peggio,
pe n fà finì quer tizzio sopra ar seggio!

 

 

   

Er tempo
Chi cià tempo…nun aspetti tempo!

Prosa e poesia di Armando Bettozzi

Nun se vede…ma ce sta. Quanno che ar monno ancora n c'era gnente…lui, già ce stava. Magara, no così tanto intransiggente come s'è ffatto mo'….ma c'era…e come! Da ndo viene? Eh…questo nu lo so…Ma nu lo sa nisuno! Se sa solo ch'è na cosa tanto, tanto antica.
Ma er tempo che c'era a queli tempi, ormai nun ce sta più….da mo'! Quello è stato un tempo ch'è annato bbene pe allora, e perciò è esistito solo a quer tempo llì. Perché, infatti, è proprio così che funziona: che cioè ogni tempo ce sta ner tempo suo, e bbasta. Sarebbe, che si presempio oggi ciavemo un tempo fatte conto che ce lo vedemo a passacce sott'ar naso, quello de na vòrta lo potemo solo …vedé su li racconti che quarchiduno s'è voluto pìà lo svizzio de ariccontàccelo a voce o pe scritto.
E così, ècchete ch'er tempo de na vòrta rivive anche ner tempo ndo vivemo noantri, mó. Perciò che a scrive…a riccontà…è importante: perché fa er miracolo de fà vive er tempo, che sinnò…sarebbe morto. Sippure che er tempo (come stamo a ddì) continua a 'nnà, perché nu' mmòre proprio mai! Ma, aspè….Nu sto a ddì che quer tempo de allora era finito…Sì…era! finito, ma così…come quanno che finisce la puntata de n teleromanzo, che però nun vòr dì che quer teleromanzo è finito: continua…E quer tempo ha continuato, e piano, piano, ma proprio piano…è arivato infino a mmó.
Er tempo è bravo, è bbono…Ce se pìa pe mano appenna che sortimo fòra, e poi ciaccompagna 'gni
minuto de 'gni giorno che stamo qua. Ma è anche fìo de bbòna donna (beh…nu lo so si è fìo de na donna. De certo de quarcuno ha da èsse fìo), perché poi, a un certo punto ce fa no scherzetto…! Ma mmó nu stamo a dì: più ddopo, magari.
Un tempo, fatte conto, quanno ch'er tempo ancora 'n se sapeva bbene si che fusse (che ce n'è voluto de tempo, eh!), pareva no spirito che scenneva ggiù pe daje fòco ar sole, la matina, e poi pe spégnelo la sera, ner mentre che invece accenneva la luna co le stelle. Pensa si che cacchia de pazzienza: da queli tempi, che ar monno 'n c'era gnente si no er sole e la luna - che incominciò sta zinfonia de accènne e spegne - ancora lo sta a ffà oggiggiorno, uguale, uguale, che pare che nun sii cammiato gnente, ma la miseria! si è cammiato tutto de tutto, invece!
Eh!....Er tempo è l'unico a conosce pe davero tutta la storia der monno, de questo nostro, e de tutti l'antri monni che stanno in circolo su, pe tutt' er firmamento. Ha visto li bestioni che c'ereno 'na vòrta e che mó nun ce sò più…er diluvio univerzale, la tèra a svorticasse tutta cento e cento vòrte, a vommitasse l'anima, e a dasse finarmente n'assestata. Eppuro, tutto se dice, tante vòrte, ma d'er tempo nun è che se ne parla così tanto, sibbè che semo perfino arivati a ddì ch'er tempo è prezzioso. E vedi n po'!

Dunque, er fatto è ch'er tempo, a un certo momento, incominciò a piaceje poco a la ggente. Ner senso che c'era chi diceva che era troppo corto er tempo fra er sole e la luna, o che coreva troppo e che nun se fermava mai un momento, e se sentiveno a spigne, e a spigne…da nun règge proprio ppiù…Cert'artri, invece, a l'incontrario diceveno che annava troppo lemme, lemme, come presempio chi ciaveva la fregola de cresce e incomincià a conosce la vita; chi stava carcerato e 'n vedeva l'ora de èsse libberato, o chi stava a faticà e nun aspettava artro che finì la giornata e tornà a casa, ma nun poteva, proprio pe córpa der tempo che nun se smoveva, appunto. Inzomma, come ar solito, chi la voleva còtta e cchi la voleva cruda, come se dice.
Se semo puro dovuti inventacce certe parole che ciann'a che ffà proprio direttamente cor tempo: "vado de prescia", "chi cià tempo nun aspetti tempo", " 'gni cosa a suo tempo", "er tempo sò sòrdi", "er tempo quanno che Berta filava", e tante, tante artre, incruse quelle sur tempo che fa.

A un certo punto de la storia der monno e dell'omo, quarcuno se mise llì a studià sto tempo che passava e ripassava, e che mai na vòrta, dico una che fusse una sortanto, se fusse fermato un momento, che sso, pe, armeno, faje ripià fiato a chi nun ce la faceva proprio più, e che defatti, poraccio, je toccava da rimané, appunto, senza fiato…e così sia.

E allora daje a studià, a sprèmese le meningi e a scervellasse pe trovà er modo de fermallo, d'acchiappallo in quarche modo, sto tempo amico e nemico de tutti quanti ar monno, nisuno escruso. Provòrno a méttelo drento a quarche marchingegno pieno de rotelle, speranno de fallo annà più piano, pe' llo meno. Ma sgamarono ch'er tempo annava e annava, come sempre, come si nun ce l'avessero messo pe gnente drent'ar marchingegno. Pensòrno che magari questo era troppo granne e che er tempo ciaveva tutt'er modo de giracce a la svérta come je pareva a llui, llì drento.
E allora quarchiduno cebbe l'idea de rimpicciolillo, er marchingegno. Macché: punto e a ccapo. Nun c'era proprio verso de daje manco na limatina, ar tempo che annava annava senza tregua, incaponito e testardo, come e peggio der mulo più testardo ar monno. Ma pareva che solo allora er tempo annasse a un modo così come lo vedeva annà la ggente der tempo, quanno invece er tempo de ogni tempo è sempre annato a quel'istesso rìttimo: da quanno che ar monno 'n c'era gnente si no er sole co la luna.
Ma è servito solo a daje un rìttimo, un sòno, a fallo annà ordinato…Comunque sia, pe llo meno è servito a capì in quale punto preciso der tempo stavamo, e stàmo, in un certo momento de tutto quant'er tempo che ce gira attorno.

Allora incominciòrno a pìallo pe 'n antro verso. Che armeno se potesse daje na frenata a quer che lascia in faccia: li segnacci, le rughe, spece su quela de le donne, che 'n sia mai! E così sempre deppiù, sempre deppiù, fino a arivà - ar tempo de oggiggiorno - a ffà la fortuna de chi se inventa e vénne 'gni sòrta de impiastri pe la pelle der viso de le donne, e de l'ommini, puro! che mica je fa schifo manco a lloro, de daje na carmata ar tempo che je scava la pelle, prima de scavaje …Ma questo lo dimo più dopo….
Ah…Me stavo a scordà de li cerusichi, che tajeno…insiliconeno…aricuceno, dar naso a ll'occhi, a le recchie, a le zinne, e a le chiappe, perfino! p'annisconne er tempo, che sinnò una (o uno, che è uguale), diventerebbe vecchia più prima ancora der tempo giusto, appunto.

Tutto sommato, ar tempo lo devo ringrazzià, che infatti m'ha dato er tempo de capì tante cose in tempo. J'ho scritto sta poesia:


"Chi cià tempo ... nun aspetti tempo"
Er tempo 'n cià più er tempo
de perdese artro tempo.
Mó è tempo de inizzià le cose in tempo,
de falle bbene e de finille in tempo
e no seconno come gira er tempo!
E aivòja a dì che aritornamo ar tempo
de quanno se marciava tutt'er tempo…!
Sò cose che oramai sò fòri tempo,
ch' er monno s'è cammiato da quer tempo!
La vita dura tanto poco tempo
che - come quanno sòni e vai a tempo -
nun se dovrebbe annà mai fòri tempo.
E ar giorno d'oggi ancora stamo in tempo
per auguraje ar monno un mijor tempo
vivenno tutti in pace tutt'er tempo,
che è quer che l'omo spera in ogni tempo.
E in caso che avanzasse un po'de tempo
e senza stà a 'spettà che scade er tempo
bisognerebbe dà 'na mano in tempo
a chi cià fame e 'n pò aspettà più tempo.
E quann'er tempo è poco e nun c'è tempo,
bisogna sfruttà bbene er poco tempo
e no stà a piagne che nun ce sta tempo.
E tòcca aricordà che in ogni tempo
è valido quer detto che der tempo
ce dice: "Chi cià tempo
nun deve aspettà tempo".
E arfine pe noi tutti verà er tempo
de véde un certo treno arivà in tempo.
E quanno, un giorno, ariverà quer tempo
speramo che ciavvèrteno pe tempo
così potremo avecce tutt'er tempo
pe'r bijetto pe'r posto giusto, in tempo.
E come ar tempo quanno ch'era er tempo
de vàrzere o mazzurche o de artro tempo,
'ncomincio a batte er tempo
e m'auguro che ognuno ciàbbi er tempo
pe amori e balli...finacché è bèr tempo.


Senza er tempo, chi sòna, avrebbe solo fatto un gran casino...
Eh, sì…er tempo…è tutto! E ognuno lo vorébbe a un modo che pe llui fusse er mèjo der mèjo. Defatti, si n ce fusse er tempo, mó nun ce staressimo manco noantri de adesso, ché er tempo cià ffatto nasce, cresce…e ciaccompagna. Ndove? Ma è chiaro: indove che er tempo nun esiste più come tempo, così, sempricemente, ma esiste come eternità. E è tutta qua la diferenza nfra er tempo de na vòrta, quello de mó, e quello che deve da vIenì….E che viènga, è sicuro come ch'er 25 dicembre è Natale, o come che er 27 der mese piji la pensione...si er tempo te ce fa arivà, appunto. E si ancora esisterà, un domani, co li chiar de luna de sti tempi!

Che 'nfatti, a la fine, er tempo che ffa? Te se pìa, anzi…te fa pìà…te fa dà er fojo de via…e ammènne, verebbe da dì. Ma "ammènne" nun è azzeccato: defatti "ammènne" dà er senso de 'n arivo, de 'n finale, come si er tempo fusse finito…E 'nvece no! Er tempo continua a camminà sotto forma de…eternità. Ma intanto, pianopiano…ce consuma…
E er più che se pò ffà, qui, pe la chiusura, è mette li puntini…e ffà un sospiro…


Minima filosofia in distici
(pensieri…terra-terra, e un po' mistici)

Non sai l'amore se non sai la corte.
Non sai la vita se non sai la morte.

Se opponi a malavita troppo cuore
dolor ne caverai e niente onore.

Per restar vivi può servir lo sparo.
Che il viver tuo, e dei tuoi cari, ha caro.

Natura snaturata è affronto a Dio.
E il viver porta dritto allo svilio.

L'amore, senza amore, non è amore.
È solo lo sfogare d'un calore.

Dar credito ad un falso recidivo
è avere un basso grado intellettivo.

Bontà bonista è un kaki ben polposo,
ma anziché dolce è aspro ed allapposo.

Quando un governo è anche opposizione,
questa ha già vinto senza l'elezione.

Non c'è democrazia, nè libertà
finché zittiscono … chi non gli va..

Il dì d'un dramma ognuno si dispera…
Due giorni oltre…più neanche una preghiera.

 


da internet

Roma: la Befana, più brava della sindaca, nell'arte da strada
(Roma, pima e dopo la befana 2020: peggio che peggio! ...)

La Befana cià portato…
La Befana cià portato
le montagne de monnezza…
Ma st'a ddì che nu è schifezza,
chi sto schifo l'ha votato.

Giusto! C'è anche chi ce gode!
Che ll'immèzzo ce se sguazza,
ce s'abbuffa e ce se 'mpazza,
ce s'allìscia baffi e code…

Da la piazza ndove stava
-ché da llì l'hanno sfrattata-
st'annà in giro…imbefanata
a zozzà...E se la cava!...

Mai più mèjo j'era uscita
n'infiorata più svizziosa,
a la sìnnaca stellosa,
che in confronto, è na fallita!

Brava…Brava vecchiarella!
<Pitta> qua…e llà…e su e ggiù…
fin'a che n se ne pò più!
Così - Roma - è assai più bbèlla!

Però, er merito n pò avéllo
chi fa tutto pe levàlla…
Si che Arte!...Pitturàlla
-Roma mia - senza 'r pennello…!...


Fatti, una poesia
da IlGiornale.it, 11 maggio 2019 . Squadrismo al Salone del Libro: così vogliono zittire la Giannini
L'autrice del libro Io sono Matteo Salvini sfida la censura della sinistra e va al Salone del Libro di Torino. …..E, mentre stava girando per gli stand con una copia del libro….in mano, è stata attaccata da un collaboratore della casa editrice Feltrinelli e da alcuni visitatori che, intonando Bella ciao, hanno cercato di zittirla…
da Liberoquotidiano.it, 23 novembre 2019 - …Oggigiorno i sacerdoti non raccomandano più di votare questo o quel candidato, alcuni di loro però specificano a favore di chi il buon cristiano non dovrebbe mai esprimere consenso alle urne, ossia nei confronti di Matteo Salvini, reputato una sorta di demonio, se non Belzebù in persona….-…Adesso è noto che gli elettori di Salvini siano in gran parte cattolici, dunque ci aspettiamo che non vengano più insultati dai preti e tacciati di essere contro Dio, in quanto si tratta delle medesime persone che i sacerdoti si ritrovano sotto gli occhi allorché fanno i loro sermoni e che - evidentemente - non sono seguaci di Satana.
da IlMessaggero.it, 14 novembre 2019- Bologna, centri sociali contro Salvini...Intanto nelle strade del centro di Bologna, all'esterno del cordone di sicurezza del Paladozza, la polizia ha ripetutamente aperto gli idranti mentre il corteo anti Lega si stava avvicinando al cordone lanciando bottiglie, petardi e palloncini pieni di vernice contro le forze dell'ordine. La zona circostante il Paladozza è protetta da un ingente schieramento di uomini e mezzi. Il corteo di circa 2mila persone è indietreggiato e ha continuato a scandire cori contro Salvini e la Lega. Dal corteo sono partiti anche fumogeni e petardi verso le camionette. Un'ovazione di esultanza si è levata dal corteo dei centri sociali di Bologna, in piazza contro la convention della Lega al Paladozza, alla notizia della condanna dei carabinieri per l'omicidio di Stefano Cucchi. Dai manifestanti, poi, slogan contro l'operato dei carabinieri.

….. - …..- …. -…..

avésse da vienì … quer dittatore,
mèjo che lo fò io…N se discôre!

Demograzzia…
Ndo'sta?...È annàta via!


"Demograzzia"…!... Ormai è ròbba annàta!
Ché vònno fàlla èsse n'àrtra cosa…
E certo nun è più quella osannata…
Mo' è solo de na parte…E sospettosa.

Ormai s'è tutta quanta svalutata…
Buciarda…presuntosa…e zinfarosa!
Peticellosa…e tutta complessata,
E mette anch'er bavàjo…si uno osa…

Però, no, a tutti…Certi pònno osà…,
E - anzi - è assai contenta! Ma, però,
è cosa che nun se dovrebbe fà…

Dice:" È pe evità…"…Eh, no!...Propio nu règge!
N te pòi stàtt'a 'nventà li qui-pro-quo
pe spiazzà a quelli che n te vònno elègge.


all'autore
pseudo poeta e pseudo musicista

Autosonetto
Agosto, era, di estate passata…
Splendeva forte il sole, e la calura
gonfiava chicchi e acini a misura.
Dei lor profumi l'aria era impregnata.

E orgogliosa! la terra…Sì dotata
di frutti pronti per la mietitura
e la vendemmia, ai colli ed in pianura.
Ma cercava anche altro, e … fu accontentata.

Di sotto un cavolo uscì un bambinello
che una mamma raccolse, e portò in casa:
lì, sulla piazza del paese bello.

Cresceva bene, ma una gran mania
gl'iniettaron l'ortica e la cerasa:
pungente mix che fa far poesia.

E il melodiar di pioggia e temporale,
e il cinguettare, e della stalla i suoni
impresso gli hanno un dono musicale:
suonar la fisa e scrivere canzoni.


Un fatto, una poesia
da InTerris, 7 ottobre 2019 - Un padre francese aveva raccontato al Papa del figlio di dieci anni che alla domanda "cosa vuoi fare da grande?" aveva risposto: "La ragazza!". "Il padre si è accorto che nei libri di scuola si insegnava la teoria gender, e questo è contro le cose naturali - disse il Pontefice conversando con i giornalisti sull'aereo papale -. Una cosa è la persona che ha questa tendenza, o anche che cambia sesso. Un'altra è fare insegnamenti nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità: io chiamo questo colonizzazione ideologica".
Ora dalle scuole si arriva anche negli asili, nelle ludoteche e nelle giocattolerie. Natura e antropologia non contano più. Basta corrispondere alle mode culturali del momento. Il mercato non sente ragioni. Malgrado il Vangelo metta in guardia da chi confonde i piccoli, oggi è tutto un affannarsi a compiacere le ideologie "flu" che vorrebbero formare fin dalla culla consumatori anestetizzati, confusi e obbedienti. Meglio per i loro interessi economici e di potere favorire e incentivare in questa direzione sessualmente indefinita, giocattoli e condotte unisex, sicuramente più funzionali al business globalizzato del terzo millennio rispetto ai valori della vita e della famiglia.
Il punto, ribadito più volte dalla Santa Sede all'Onu, è chiaro e purtroppo ignorato: "Nessuna discriminazione nei confronti delle persone, ma l'ideologia gender è un pericolo e un passo indietro per l'umanità". Un tempo c'era una chiara comprensione di cosa significasse essere un uomo e una donna. Oggi questa chiarezza è stata scalfita dall'ideologia gender che ipotizza un'identità personale svincolata dal sesso. Ora, ben prima di mettere piede in un'aula scolastica, i bambini in età da asilo non sapranno se una bambola è maschio o femmina. Quindi per il momento si tratta di oggetti, un domani molto prossimo anche di persone in carne ed ossa. Sostituire questa identità di genere al sesso biologico, come ha più volte ribadito la Santa Sede, ha forti ricadute non solo in termini di diritto, educazione, economia, salute, sicurezza, sport, lingua e cultura, ma anche in termini di antropologia, dignità umana, diritti umani, matrimonio e famiglia, maternità e paternità. Un pericolo per le sorti stesse delle donne, degli uomini e soprattutto dei bambini.

Forzar la mano…mai! è libertà.
La vita a ognun, la traccia segnerà…



Sesso-scegli-te
Oh!...Questa sì!...ch'è vera libertà!...
Mancava…E stan riempiendo alfin quel vuoto
abissale … smuovendo a terremoto
le menti dalla grande ottusità!

Con metodo, lo stan facendo menti
adatte a snaturare … il naturale
che deve uscir ! dall'ambito mentale
per idealistici squinternamenti.

Manovra semplice…Il che è lodevole:
bambola a lui, e soldatini a lei.
Cosa - "se voglion!" - da oro ai Lincei!
Però, imporlo è assai commiserevole…!...

E poi…."Rispetto!"…Rispetto a chi…a che!...
Tu non rispetti me e la mia natura…
Comportamento più da dittatura
che d'apertura a … suprême liberté!

Inculcar - non è: "sesso-scegli-te".
Lascia libero arbitrio…E poi bastona
chi - chiunque scelga altro - lo canzona.
Poiché per farlo non c'è mai un perché.

Se al bòcciolo dai 'l verso, il fior si vizia…
Se per natura avea da crescer dritto,
invece cresce storto nel conflitto
tra sua natura e posizion fittizia.


Os-sessismo
Da quànno che se stann'a ffàsse rôde
pe certe idee che ssò n po' assai barzane
nun pòi apparecchiatte du' òva sode
co na banana, ché…pònno èsse grane!

N te pòi filà a quarcuna… e dije: "A bbèlla!",
così…pe n comprimento rispettoso…
Na vòrta j'abbastava a ddìtte:"A còso!…
Tu - bella - vall'a ddìllo a tu' sorella!"….

Mo' - nvece - côr lavaggio de ciarvèllo -
te pònno puro fà passà li guai:
"Io te querelo!...E tutto quer che ciai,
poi me lo dai a mme…A còcco bbèllo!"…

E ce ne stanno! Esempi de sta sòrta…!...
Praticamente pe conosce a una
come sia, sia…o roscia, o biônna, o bruna,
ce vò chi ce presenta…O gnènte…svòrta…

Ma poi, puro così, nun è finita…
Perché er sospetto infuso n po' rimane.
Ce devi annà co'n fòjo e na matita,
firmà l'accordo…Inzomma….Cose strane…

Badà…Stà attenti…È più che naturale..
Ma qui davéro stàmo a l'os-sessimo,
ché fanno passà tutto pe sessismo…
E innammoràsse - mo'- tra n po'- è illegale!


La passerèlla


Calendario perpetuo scaramantico personalizzato "Circolo Posillipo" - da internet.-

Ce sta un gran vecchio co la barba bianca,
ch'è lunga, lunga che nun se sa quanto.
Dar tempo de li tempi nun se stanca
de mette in passerèlla, co gran vanto,

li fiji sui…Incomincia co GENNARO,
che ariva tutto quanto infreddolito;
se pòrta apprèsso tutto er cucuzzaro
dell'undici fratelli…e imbianca er sito

che è preso da FEBBRARO, che va in giro
co tanto de cappuccio e doposcì ;
fa scherzi a tutti, e a chiunque je viè a tiro
j'appiccica er contaggio lì-pe-llì .

Ma dura poco, e dopo, MARZO, sfila…
Cratura mattarella, ma sincera:
côr sole pìa l'ombrello, e fa la fila
ar botteghino de la Primavera.

Poi, lemme, lemme, ariva APRILE, stanco;
cià sonno e la matina nun vò arzàsse;
ma quanno che sta in vena tiene banco
tra le violette, bòne da odoràsse.

Intanto, MAGGIO viè a curà er giardino
côr pollice più verde che 'n se sa;
li prati se li veste da Arlecchino,
e ogni rosa sa ffàllo innammorà.

Ariva GIUGNO, che, co 'na manàta,
se scanza via le nuvole dar cèlo:
la tèra è tutta quanta illumminàta
da un sole senza più nemmanco un velo.

Viè er turno, poi, de LUJO, che dà er via
a le vacanze, dopo er fine scòla;
sa fà la mejo frutta che ce sia,
riccoje er grano, e arfine se ne vola

pe lassà er posto a AGOSTO, che fa er pieno
su spiagge, monti e piazze antiche e bbèlle;
attizza er fòco ar sole senza un freno,
e sparma crème a spasa su la pèlle.

SETTEMBRE viè a sonà la campanèlla
pe riportà su 'i banchi ogni studente;
pian, piano je va via la tintarèlla,
ma quell'amore estivo resta in mente…

OTTOBBRE, intanto, fa aggiustà l'ombrello;
fa er giro de le vigne, e, soddisfatto,
ad ogni contadino dà un cestèllo,
e tutti sanno quer che sarà fatto...

NOVEMBRE viè un po' tutto rattristato
pe via che c'è la commemorazzione.
Pe prima còsa, infatti, se n' è annàto
ar camposanto a ffà la bòn'azzione.

Arfine ècco DICEMBRE tutto allegro,
perché va a portà in giro la notizzia
che in ogni còre, o bianco, o giallo, o negro,
l'amore, er sentimento, e l'amicizzia,

(lo dice Dio e lo dice anche la scènza),
sò uguali, uguali, e nun c'è differenza!


Un fatto, una poesia
Dopo il trucco - sbugiardato - dei bonifici postati in rete, e cancellati prima d'essere efficaci…
da Il Giornale, 30/12/2019
Il trucchetto dei grillini: i 300 euro a Rousseau li pagano gli italiani.
La denuncia dell'ex Giannone: mettono in detrazione i soldi versati a Casaleggio
Li ricevono come indennità, li consegnano a Davide Casaleggio come donazione, ma poi ne chiedono il rimborso alla voce "spese di mandato".
Se è vero, e chi lo ha detto assicura che è vero, i trecento euro che ogni parlamentare è costretto a versare, ogni mese, all'associazione Rousseau sono un costo di Stato: li paga il M5s, ma sono a carico nostro. La rivelazione si deve a Veronica Giannone, una mitissima e laboriosa deputata del M5s che è stata espulsa a luglio e non certo per i mancati rimborsi, "che ho sempre e regolarmente effettuato" dice al Giornale, ma per aver esercitato la ragione e votato secondo coscienza, tutte prerogative costituzionali, ma violazioni nella distopia a cinque stelle. Ebbene, in un post pubblicato sul suo profilo Facebook ("Per la prima volta uno sfogo dopo tanto silenzio"), la Giannone ha illustrato l'ultimo barbatrucco di cui si servono anche "i più diligenti dei 5s. Per intenderci, quelli che sul sito Tirendiconto hanno tutte le spunte verdi". Si tratta ancora della "quota Casaleggio", quota che si credeva ogni parlamentare prelevasse dalla propria indennità, come del resto stabilisce quel garbuglio di regole e bizantinismi che gli stessi 5s si sono dati. E invece, "quei trecento euro vengono sì devoluti all'associazione, ma è denaro che molti 5s percepiscono, e quindi rimborsano, come "spese per l'esercizio del mandato" spiega ancora la Giannone.

Lo disse un Tizio - mai sbugiardato: "Chi è senza colpe…scagli la prima pietra…"…
E tanti scagliano…fraudolentemente…ma, prima o poi…E arrivan gli scoop, a sbugiardare…

Creata la legge…
Già…"Creata la legge - fatto è l'inganno" -
sia per l'... "onesto", e chi onesto "non è"…
Ch' è una giustizia…quella "fai da te,
che in scacco tiene uno stato in affanno.

"Noi siam quelli onesti!"… O: "siam furbacchioni" !
occorre dire per…essere onesti?!
Senza gli scoop, si direbbe: "Oeh!…Questi
dell'onestà stanno dando lezioni!"...

Sgrammaticate - in ver - come appare
fuor dalle chiacchiere da propaganda.
Un po' ce n'è - però è in fase… "mutanda"…
Come … cangiante è ogni loro … pensare...

E più che "onestà", par che sia "furbizia"
quel mastice che lega il gruppo…onesto…
Che regole - si dà pel … "manifesto",
ma poi dissolve … in preda alla malizia.


Un fatto, una poesia
da l'Opinione delle Libertà, 16 dicembre 2019
Il germe dell'intolleranza delle sardine
Con la manifestazione di Roma di sabato scorso, le Sardine hanno definitivamente precisato, se ce ne fosse stato bisogno, i chiari confini politici entro cui intendono muoversi. Quelli ovviamente di una sinistra composita…che tenta disperatamente di ritrovare un senso e una identità che sembra irrimediabilmente perduta non solo in Italia. D'altro canto, mobilitandosi sin dall'inizio contro la destra sovranista incarnata…e utilizzando "Bella Ciao" come inno semi-ufficiale,…
Ma al di là delle sfumature,…non possiamo non notare una assai riconoscibile intolleranza, fondata sul cosiddetto pensiero unico, appartenente ad una certa sinistra radicale. Basta leggere i 6 punti programmatici enunciati a Piazza San Giovanni dal "capo sardina", Mattia Santori, per farsene una idea piuttosto netta:
1) Pretendiamo che chi è stato eletto vada nelle sedi istituzionali a lavorare.
2) Che chiunque ricopra la carica di ministro comunichi solamente nei canali istituzionali.
3) Pretendiamo trasparenza dell'uso che la politica fa dei social network.
4) Pretendiamo che il mondo dell'informazione traduca tutto questo nostro sforzo in messaggi fedeli ai fatti.
5) Che la violenza venga esclusa dai toni della politica in ogni sua forma. La violenza verbale venga equiparata a quella fisica.
6) Abrogare il Decreto sicurezza.
Ora, già iniziare da una serie di pretese imperative, dopo che ci si è riempiti la bocca per settimane con i valori astratti della democrazia, non sembra molto coerente per un movimento che fa dell'antifascismo un tratto distintivo…che nelle democrazie liberali l'unica strada praticabile è quella tortuosa di cercare di convincere chi non la pensa come noi con proposte e argomentazioni. Le pretese…appartengono più ad altre forme quasi estinte di democrazia in cui, laddove ancora esistono, domina un solo partito.


Sardine … sott'odio …
Di qua e di là dai fiumi e ogni montagna,
pei borghi e le città…per la campagna,
pei mar' col riflussar di luna piena
portò - l'alta marea - un'altalena
di stravaganti ondate in contrappeso
alla "perfetta", sopra un mar' conteso.

Lo straripar dell'acque salmastrine
"tzunaminò" quintali di sardine,
e in certe piazze s'adunaro' a iosa
mostrando lor natura velenosa,
e dopo l'enunciar dei…distintivi,
un velo calò su…quei collettivi.

Ché stessi lor, di tanto ammucchiamento
i come ed i perché - con gran sgomento -
dir non sapevano, oltre al gran livore
per chi lì, li "tzunama" - ed han l'odore
del pesce ch'ha perduto sale e iodio…
Degne sol d'esser …sardine…sott'odio...


len rema id rieneticre, rianeticre upi…rianeticre nome…!...anu asiepo tatadata ….

Doguense al asci la riotracon
Domon ech non ise upi doton
e cheanne todraqua ise upi,
am totansol assam meforin ise
cheper rie lobel e it glionvo tobrut!

Tipria, domon, meco nu zopoz…
meco af nu nocavul doquan is prea…
meco nu tomoreter ech caspac totut
e iagoin ich lvuo regevolstra al atu rater e li otu rema!

Ich regevolstra levuo li rosiepen…
ich lvuo regetrugdis al atu mania…
li otu docre…al atu nezioditra…li sosenbon…l tear…
Titut liquel…liiagoin len otu neciopan id cofuo.

Loso ransepas el retugliasvo
doquan el zenezstra vrana toperco totut
e l lemanora ravor nartor lemanor.
O, davigra al labol id neposa, rapiescop!


Un fatto, una poesia
Stavolta, il fatto scatenante che sta mettendo in agitazione…è:
-da NicolaPorro.it: Negli ultimi giorni il linguaggio politicamente corretto è tornato a colpire e a far discutere. Al centro della polemica è finito Checco Zalone con il trailer dal titolo "Immigrato" del suo film Tolo Tolo, definito offensivo nei confronti di tutti gl'immigrati presenti in Italia. Di seguito il video incriminato e lo scontro nello studio…
-da vari siti internet e salotti Tv…Checco Zalone ha ironizzato sull'attualità vera - senza rete - e gli sono zompati addosso! Ché è uscito dal recinto del politically-correct e buonismi imposti…Quando vere "nefandezze" le producono-dicono "altri"… quella è ironia e non si tocca, ché la libertà di pensiero e di parola sono …sacri…Si dovrebbe forse aggiungere: …non per tutti…(come è per la giustizia…).
Lo stesso per gl'insulti - quelli veri, voluti per offendere davvero, per fare male, per denigrare…per "abbattere" il "nemico"….Con anche l'assistenza di certe leggi…Tanti sono i casi di cronaca che vengono divulgati…cesellati alla noia…E tanti altri che, o restano nascosti, o escono in modo piuttosto…stitico…

La Notizia
Salve! Son io! Di nome fò Notizia.
Provengo da…lontano…e ho tanta…età…
Sono esaltata…son vituperata,
son lucidata, e spesso assai imbrattata…
Al più mi fanno dir la verità,
ma anche m'infarciscon di malizia.

C'è chi mi taglia...chi mi veste ad hoc
per tornaconto proprio o chicchessia,
per spingere e dar sfogo a un ideale…
C'è chi m'inventa in modo più totale,
oppure mi trasforma con maestria
per creare addirittura il grosso choc!

Mi metton sui giornali…in carta o …astratti…
Raccontano di me nelle tivvù…
Mi fanno uscir da bocche menzognere…
Se al caso, fò, mi dan pagine intere.
Sennò solo una riga, o poco più.
Oppure mi nascondono…distratti…

Ma quel che più m'offende è il limitarmi…
è quel volermi imporre quel che dire
e quel che non si può…Povera me!...
Non so proprio spiegarmene il perché.
E è chi - Libertà, osanna - a aver l'ardire!
Fatto è che … c'è chi vuole imbavagliarmi.


Un fatto, una poesia
da Huffpost, 16 dicembre 2019
Rimosso il manifesto blasfemo affisso al Macro di Roma che ritraeva un Gesù eccitato davanti ad un bambino e la scritta "Ecce homo erectus". L'Azienda Speciale Palaexpo, "che per sua missione promuove ogni giorno la cultura e il rispetto critico della libertà artistica e di espressione, si dissocia dal messaggio del manifesto" e fa sapere "che lo stesso è stato rimosso".
Macro, Ghera…(FDI): "Raggi faccia rimuovere manifesto blasfemo Gesù esposto al museo"
"Il manifesto affisso all'esterno del Macro di Roma, Museo di arte contemporanea della Capitale, è di una vergogna inaudita. Stamane, recandoci sul posto abbiamo notato un'immagine volgare che ritrae un bambino in ginocchio davanti a Gesù Cristo, quest'ultimo in evidente stato di eccitazione e con la mano in testa al bimbo. E' inaccettabile che roba del genere venga esposta al pubblico, in un museo importante della città - peraltro con fondi pubblici - e frequentato anche da famiglie. Come Fratelli d'Italia chiediamo alla sindaca Raggi di far rimuovere urgentemente la locandina blasfema, indegna e offensiva non solo dei cristiani ma anche di Roma".

Ecce Homo…erectus
Ma certo! ... Si mo' passa er … cacatore,
e appresso fann' annà pure lo stronzo;
e la banana appiccicata ar muro
-e n artro, pe… "artistà" che ce fa er pranzo -

co lodi e glorie pe sti fannulloni
-che li musei se stann'a litigàsse -
co tanto de attestati de 'i cretini,
che a ddàlli je pare … de chissà chi èsse,

n pònno ch'ann'a finì sempre più peggio…
E er peggio èccolo qua: bello puntuale…
Ar "Macro", qui, de Roma ha ffàtto sfoggio
un'opera davéro in grànne stile.

Da fàje invidia infino a "Charlie Ebdò" :
Cristo côr...coso dritto, e un regazzino
llì in ginocchio … pe ffàjelo succhià….!!!!....
Côrpa è de chi nu je vò métte un freno!

Ma a "Charlie Hebdò", na vòrta je sparòrno…!...
E 'nvece, qui, nemmanco se ncazzàmo…
France'… nun è …robbétta…È un grosso scherno…
Ma…a st'arte-schifo ancora l'applaudìmo?!...


Un fatto, una poesia
da Fanpage.it, 8 dicembre 2019
'Comedian' è un'opera d'arte del valore di 120mila dollari realizzata da Maurizio Cattelan: si tratta di nient'altro che una banana attaccata al muro dell'Art Basel di Miami con dello scotch. David Datuna, un altro artista, ha mangiato quella banana dopo averla staccata dal muro e ha filmato quella che ha definito come una performance.
"Un artista che mangia un altro artista". Una performance singolare che prende di mira un'opera discussa da giorni, 'Comedian' di Maurizio Cattelan. L'opera consiste in una banana (vera) attaccata al muro con lo scotch. È esposta alla fiera d'arte contemporanea Art Basel di Miami ed è stata venduta per 120mila dollari. Poi è arrivato un altro artista, David Datuna, che l'ha staccata dal muro e mangiata. Ovviamente consapevole del valore di quell'opera, tanto da farsi riprendere per spiegare che la sua altro non era che una performance artistica, e non di certo una protesta o una contestazione nei confronti di Cattelan. La sua performance è stata intitolata 'Hungry Artist', ovvero artista affamato. "Posso mangiare la banana e il concetto di banana solo perché sono un artista anche io. Rispetto Cattelan, lo adoro. Ma io sono un artista che mangia un altro artista", ha spiegato Datuna dopo la performance

Cose da…Museo!

La Banana
qualità cattelan

…llì…na banana…La dovevi véde!...
Che Michelangelo se l'inzognava!
Na meravìja, a Ro'!..Me devi créde…
E più llì stava…e più se maturava….

Infinacché un bèr giorno un zoticone,
però tant'affamato de… curtura,
la stacca…se la capa e in d'un boccone
la butta in panza …pe na svojatùra.

Nu' resta che aspettà che la ricachi
così che pur'er culo sii l'artista
de n'opera che ancora nun s'è vista,
che illummini sti tempi griggi e opachi…

"L'arte mia è idea!" - mo' st'a ffà l'artista.
Ma … ce volete propio piàcce in giro!
L' "idea"?...Embeh…è idea sballata!...Nu inzista!
Si è idea…pìji n fòjo…pìi na biro…

Così ar Museo n ce viè … tazza…e cacata…
Quànn'è che metteranno le mutànne
che…tèngheno la…procreazzione?…Grànne!
Ma…st'Arte…n va n pochetto ripenzata?!


Un fatto, una poesia
da La Sicilia, 15 marzo 2019: Si chiama Alice, la G
reta italiana…È un bambina di nove anni che vive a Roma e che nella giornata del "Global Strike for future" ha sfilato e letto un messaggio per la salvezza del Pianeta.
Roma - Tanto giovani quanto determinati a combattere fino in fondo la loro "battaglia per la vita", per il futuro del pianeta. Alice, 9 anni, e Lorenzo, 13, sono due dei ragazzini che oggi hanno invaso il centro di Roma per lo sciopero internazionale per il clima...
Molto combattivo anche Lorenzo, 13 anni, della scuola media Vincenzo Cardarelli di Roma: "E' colpa dell'uomo se la terra è oggi in questa situazione, è quasi un suicidio. Perché se la terra è in pericolo di vita anche noi lo saremo...

Sò mode…
"A Re', è spuntata n' antra saputella
smagnosa d'èsse puro lei profeta…
che come all'artra cià la…spintarella
de chi de stà a sfruttàlle nun s'acquieta.

Sò mosse - pare - co le manovelle
come pupazze, p'arivà a …na meta
che sanno … "quelli" e no ste due, porèlle…
infin'a che nun c'è chi je lo vieta"

"Sò mode…Passeranno…Questo è certo.
Sò bbèlle, l'utopie, ma…annànn'ar sodo
nun pònno funzionà, dice chi è esperto.

Gnènte più questo...e quello…e tutt'er resto…!...
Tornàmo ar campicello?…E dài!...Nu è 'r modo…!...
Basta stà attenti…E ddà ggiù ar disonesto!"

A regazzì, tornàteven' a scòla!
Gne se pò métt'er freno a la Natura
côr piffero e 'r gran seguito a ffà l'ola!
De quarche rimediuccio…n se ne cura!...
Annàte predicànno contro tutto…
Ma a chi ve viene appresso l'avvisate?
Via smart…e viaggi…e case riscallàte…!...
Bàsteno leggi…e méttele a…bòn frutto.
Ma nno! pe tornà indietro a la "caverna"…
Farà senso, ma..sta Tèra nu è … eterna.
 

Un fatto, una poesia
da Voxnews.info, 5 dicembre 2019 Nutriscore, UE contro il cibo italiano: fa male, meglio coca e redbull
Il caso Nutri-Score è all'ordine del giorno e Matteo Salvini…per far conoscere agli italiani la nuova normativa allo studio dell'Unione europea….a Stasera Italia…"…Bruxelles metteranno un semaforo sugli alimenti…- La dieta mediterranea farebbe male….il pecorino romano e l'olio italiano farebbero male. Semaforo rosso. Patatine surgelate, Coca Zero e Red Bull avrebbero semaforo verde….".
"Ho verificato di persona il funzionamento di "Nutriscore", sistema che può creare danni al Made in Italy….e ho presentato un'interrogazione prioritaria alla Commissione Europea". Lo sostiene Silvia Sardone della Lega. È un sistema fuorviante e discriminatorio che paradossalmente finisce per escludere dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole…per favorire prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta. Si rischia di promuovere cibi spazzatura e di bocciare alimenti sanissimi come l'olio extravergine di oliva considerato il simbolo della dieta mediterranea, ma anche specialità come il Grana Padano, il Parmigiano Reggiano e il prosciutto di Parma". Si tratta di un'etichettatura stampata sul fronte della confezione che semplifica il giudizio su ogni alimento assegnandogli un colore e una lettera sulla scala: verde (A), verdino (B), giallo (C), arancio (D), rosso arancio (E). Verde indica maggior contenuto di nutrienti giudicati positivamente: fibre, proteine, frutta, verdura, leguminose e oleaginose. Il rosso è l'allarme per nutrienti da limitare: calorie, grassi saturi, zuccheri e sale. Il problema è che così si crea un pregiudizio sul cibo a prescindere dalla quantità consumata e da come è inserito nel contesto di una dieta. Il risultato è che la Coca cola light è verdina e lo speck rosso fuoco. Cosa che avrebbe senso se si consumassero interi pasti fatti esclusivamente di speck…. "Si rischia di sostenere, con la semplificazione, modelli alimentari sbagliati che mettono in pericolo non solo la salute dei cittadini ma anche il sistema produttivo di qualità del made in Italy", dice il presidente di Coldiretti Ettore Prandini. E per Federalimentare "nutri-score è peggio dei dazi".
da AgenziadiStampaItalia, 24 luglio 2019 - Istat: Coldiretti, dieta mediterraneaed è primato longevità degli oltre centenni
(ASI) Grazie alla dieta mediterranea con i suoi piatti diversificati e legati alla tradizione locale l'Italia è il Paese che ha il record di longevità in Europa con 14.456 ultracentenari insieme alla Francia. E' quanto afferma la Coldiretti sulla base del rapporto Istat 2019 sui "Centenari d'Italia" Pane, pasta, frutta, verdura, carne, extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari hanno consentito agli italiani - sottolinea la Coldiretti - di conquistare il primato europeo…. modello alimentare apprezzato in tutto il mondo come dimostra il record delle esportazioni agroalimentari Made in Italy che hanno raggiunto… è stato riconosciuto anche con l'iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'umanità dell'Unesco il 16 novembre 2010. Il risultato della dieta mediterranea - spiega la Coldiretti - è stato ottenuto grazie al primo posto in ben cinque specifiche categorie: prevenzione e cura del diabete, mangiare sano, benefici per il cuore, componenti a base vegetale e facilità a seguirla. L'apprezzamento mondiale per la dieta mediterranea - continua la Coldiretti - si deve agli studi dello scienziato americano Ancel Keys che per primo ne ha evidenziato gli effetti benefici…Il nuovo riconoscimento rappresenta anche - precisa la Coldiretti - una risposta ai bollini allarmistici fondati sui componenti nutrizionali che alcuni Paesi, dalla Gran Bretagna al Cile, stanno applicando su diversi alimenti della dieta mediterranea…favorisce i prodotti artificiali…
da IlPopolano, 16 ott.2019 "La vongola poverazza tra Ravenna e Rimini arriva a 22 mm. e poi decade, malgrado nostri tentativi con fermo pesca Mai può raggiungere i 25 mmm. pretesi dalla UE…"


 Mediterranea                                                        Mediterànea
Ma…metti che mi voglia far del male…                Ma … metti che me vòja fà der male,
Perché vuoi starti a prender certe pene!                dì n po': chedè sto stàtte a pià ste pene…
Vuoi sfoggiar - con tal picco cerebrale,                 N ciài àrtro, in quer tu' ..sito cerebbrale
quanto le cellule che hai…siano amene?                pe ddì siquanto sei no scassapene?

Non ti soddisfa già il sermoneggiare                      Ma nun t'abbasta de stà llì a scoccià
dal bruxellesco pulpito - il tuo trono -                   dar trono de bruxèl - su…portafòjo…
per (s)regolar l'economia e il mare                        pizza…vongole da millimetrà...
con fare autoritario e mono-tono?                         E che…ospità…ha da èsse un nostro orgôjo?

Chi - tra di voi - nostra "mediterranea"                  Mo' a chi - nfra tutti - je sta tanto a rôde
sta a metter fuori senno a una maniera                  da dì che la mediterànea … ammàzza…!
da fargli uscire tale…estemporanea                       E a ddìllo, pare propio che ce gode…
sentenza cervellotica…sì fiera!?                            Ma 'nvece nun ce st'a capì na mazza!

Ma perché anziché star lì a grattugiare                  Perché ve state tanto a rosicà
il materiale dentro le capocce                               pe quer che n v'ariguarda, e le capocce
non fate quel che invero tocca fare…                    nu l'usate pe ddàvve na gran svòrta!
E se non c'è…c'è il gioco delle bocce!                  Si n séte bbòni … annàte a giocà a bbòcce!

L'antifona - però - non vi esce bene.                    Sto dàcce addòsso … nun v'ariesce bbène…
Parlate di salute, ma mentite…                             Salute, state a ddì!?....Embeh…sentite!
Tutto è insano … se a voi non vi conviene            A nnoi fa mmale quer che…n ve conviene!...
Ma - ben si sa - prima di noi … morite!                Ma…gua' er caso: prima de noi! morite!


Un fatto, una poesia
La lunga campagna elettorale…
Le cronache mostrano violenze nelle piazze contro gli avversari politici (coperte proprio da chi legifera contro gli odii…), le lotte possibili-giuste…le mistificazioni…le verità nascoste…voler star "su" impaurendo…privilegiar l'astratto al vivere concreto…In campo, sui social…l'insulto a piede libero, e altrettanto la minaccia, solo se contro chi "deve essere insultato e minacciato", pur se non minaccia e non insulta…L'opposizione violenta contro …l'opposizione…cui non sarebbe dato di far liberamente i suoi comizi in piazza…Ieri è toccato a Firenze:

da TGCom24, Mediaset,it, 1 dicembre 2019: "L'aggressione al sindaco di Massa è nazismo rosso"
Il leader della Lega: "Quando una certa parte della sinistra non ha fiducia nella democrazia, ricorre all'odio e alla violenza fisica"
L'assessore al Turismo del Comune di Massa, Veronica Ravagli, annuncia l'intenzione di denunciare le persone che sabato sera hanno aggredito lei, il marito Emanuele Canepa, responsabile della comunicazione per la Lega in Toscana, il sindaco leghista di Massa, Francesco Persiani, e la moglie, mentre stavano andando a piedi alla cena organizzata dal Carroccio a Firenze con Matteo Salvini al teatro Tuscany Hall. "Andremo fino in fondo - dichiara Ravagli - Non lasceremo impunite le persone che ci hanno aggredito fisicamente e verbalmente".
L'aggressione è stata filmata, in parte, con un cellulare: nelle immagini si vedono alcune persone che impediscono ai quattro di passare; insulti e gente che sputa. C'era in zona, a qualche centinaio di metri di distanza, un presidio di una cinquantina di antagonisti ed esponenti dei centri sociali. Parte di essi avrebbero avvicinato i quattro che andavano all'evento con Salvini dopo aver posteggiato.

Non s'è vista schizzar su le sedie …l'indignazione dei soliti buoni…con ogni altro, fuorché…Purtroppo, così, è...e non è una percezione…

Romagna mia … nun fàtte portà via…
Si n te vòi pèrde puro la romagna
abbada a quer … lupaccio tutto nero
che vò vienì e si viene se la magna,
co quer che ce sta incruso tutt'intero…

Ché quer ch'è rosso se pò ffàsse nero…
E poi che fate: a chi deppiù se lagna
perché s'è perzo er posto da…nocchiero
llì, in quéla tèra che 'r lambrusco …abbagna?!

Che pòi ciaivòja a spànne le sardine
pe tutta piazza grànne e tutt'attorno!
Bisogna dà lavoro a l'officine…

a uffici…a scòle…a 'i campi…a la fornace…
e nno 'mpaurì côr … màggico ritorno
de quer ch'è morto e in sempiterno giace!

Romagna mia…da te, lo pòi vedé:
n se pò, dà addosso a uno che n ce piace
a ffà quer che…nun fa, ma…lo fai te!
 

Un fatto, una poesia
da Corriere Della Sera, 28 novembre 2019
A sorpresa con l'anello alla Camera, la proposta di matrimonio del leghista Flavio Di Muro a Elisa.
Il deputato ha tirato fuori a sorpresa un anello e si è rivolto alla fidanzata seduta in tribuna …Il presidente Fico: "Non mi sembra il caso".
da TGCOM24: Elisa ha detto sì alla proposta di matrimonio del deputato Flavio Di Muro, il parlamentare leghista che le ha chiesto di sposarlo. Un romantico fuori-programma durante un intervento ufficiale alla Camera dei deputati. In apertura di seduta, Di Muro ha chiesto la parola mentre si stava esaminando un decreto sulle zone terremotate e in coda al suo discorso ha aggiunto a sorpresa, tra lo stupore dell'emiciclo: "Elisa, mi vuoi sposare?".
da Il FattoQuotidiano, 20 novembre 2019 - Sala: "…oggi parlamento svilito, sembra reality…"…
da IlTempo, 29 novembre 2019 - In trenta anni che seguo i lavori del Parlamento non mi era mai capitata una scena così. Ieri mattina ad inizio seduta ha chiesto la parola "per fatto personale" un deputato leghista non particolarmente noto, Flavio Di Muro, capelli e barba rossiccia, che viene da Ventimiglia. All'indomani di una incredibile rissa in aula in cui sono volate perfino le sedie, ha premesso "Vorrei contribuire a rasserenare gli animi di tutti". Poi ha preso una scatolina da sotto il banco, che conteneva un anello e guardando le tribune dei visitatori ha chiesto: "Elisa, mi vuoi sposare?". Chi era in aula ha sorriso, tanti hanno battuto le mani. E' sembrata un po' una scena da film hollywoodiano. Ma il presidente dell'assemblea, Roberto Fico, non ha gradito e in modo secco e anche un po' antipatico, ha ripreso il deputato innamorato: "Capisco tutto, però... Usare un intervento per questo non mi sembra assolutamente il caso".
Grazie al Fico bacchettone molti militanti del M5s hanno preso d'assalto le bacheche social dei due promessi sposi riempendole di insulti e indignazione verso l'uso privato di tre minuti in un luogo pubblico. E gli stessi politici si sono divisi fra scandalo e divertita comprensione. Ora capirei i primi se quell'aula fosse ogni giorno maestra di vita. Ma lì dentro è accaduto di tutto: botte da orbi, insulti da suburra, battibecchi da asilo Mariuccia. La nobilità della istituzione è in degrado da anni, perfino le leggi lì prodotte sono sbrindellate. Quella dichiarazione d'amore sarà impropria, ma è la cosa più bella che Montecitorio abbia offerto da decenni.

Romanticismo…all'ostracismo…

Scànnalo… in Parlamento!…
Ma pe davéro c'è così da sfôtte
pe quer che - puro si è…poco ortodosso -
nu è mai lo schifo de pijàsse a bbòtte
come li cani p'acchiappàsse l'osso…!?!

Te pare?!...A ffàllo è stato uno leghista…!...
Òprete cèlo!.. "Drent'ar parlamento!!..."…
"Sto scànnalo cià presi a la sprovista!
Sinnò, vedevi si che … emendamento!"…

Ar solito: sinistra contro destra…
Pe ll'odio stànn'a ffà leggi speciali...
Ma ormai è tutta scotta, sta minestra…
Si era quarqun àrtro…èreno…ideali…

Ma viva er tizzio che cià rigalàto
(poteva anche èsse chiunque…e d'ogni parte)
sta favoletta bbèlla: "Innammoràto
propone er matrimogno…e lo fa ad arte!".

E a chi gn'è stato bbène, e cià da dì,
perché l'ideale è quello d'èsse contro
a chi cià n'antra idea e n s'ha da sentì,
tra "amà" e "odià", se metta a ffà er confronto…

Ma…d'àrtra parte , eggià! - er romanticismo,
nu l'hanno già buttato … a l'ostracismo?...


Un fatto, una poesia
da Il Giornale., 19 novembre 2019
…una studentessa di filosofia…tra gli organizzatori dell'evento "6000 sardine a Modena". In maggio la ragazza aveva condiviso il post di una pagina "satirica" con un video di Salvini montato a testa in giù, accompagnando il tutto con un commento: "Pregate voi, che Dio vi ascolta... Avremmo bisogno di un giustiziere sociale….che dopo aver ucciso vengono marcati come anarchici"…..Così il post in odore di piazzale Loreto della studentessa, rilanciato da Salvini, contamina inevitabilmente la "purezza" della protesta di quanti hanno scelto di identificarsi con le sardine, scegliendo come simbolo questi piccoli pesci muti e pronti a muoversi insieme, in banchi appunto, senza insegne di partito e senza slogan (al netto dei legami con Prodi e il Pd di alcuni dei "fondatori" delle sardine). E, in teoria, senza insulti. …

Detto per…verso
Sembran tanto dei pesciolini … rossi
da un mare burrascoso d'odio, mossi,
per chi la rete ha messo di traverso
come pe' ogn' altro dal …credo diverso.
Così (è d'uso tra chi si sente perso),
in mezzo al tempestare dei marosi,
provano a uscirne aizzati e rancorosi.


Espressioni romane in disuso, da riesumare…

"M'anvédi che sagoma!"
(o, in alternativa: "M'anvédi che soggetto!")

"M' anvédi - aoh! - che sagoma!" - (o "che soggetto!)"
è n modo ormai rinchiuso ner cassetto.
Er che è n peccato, perché tempo fa
dicevi a uno si te va o n te va
co quele du' parole,
du' parole sole
de quell'istessa frase! Ma a secônna
der caso, der momento che…va in ônna.
Cioè, si te 'spirava simpatia
così, dicevi…E si era 'ntipatia,
o proprio ce volevi litigà,
l'istesso, ma … pe dìje indignità.

E questo pare èsse un bòn momento
pe ffàllo riciccià, quer monumento
de brevità ch'è pure a doppio uso
ché pò èsse detto a bello o a brutto muso,
e va sparato in faccia
ma senza parolaccia
a certi tipi emeriti ar governo
de mo', pajàcci e fàrzi a giorno alterno.


dopo la vittoriosa esperienza delle sardine…novembre 2019

L'ittico esercito in marcia…
Dopo il banco di sardine
si profilan le alicette
in quel mar di sopraffine,
gustosissime ricette.

Vanno in banchi … sguisciarelle….
verso un sònar che le attira
"E che "sònar!"...fan, monelle,
con addosso tanta ira…

Pure pronto è già un gran banco
di … ombrellifere meduse
d'un lattiginoso bianco
ad avvelenare, aduse.

Ora, l'ittico assemblaggio
pronto è già a colpir lo squalo,
che però non dà…foraggio…
Ma nemmen ne vuol…lo scialo!

Lo potrebbe in un boccone…
Ma per lui la libertà
non è solo un'opinione:
e nemmen lo è bontà.

E gl'insulti e le minacce
le rimette amabilmente
-senza dire parolacce -
a chi lo odia impunemente.


Un fatto, una poesia
Visto in edicola un libro edificante che ognun che desideroso fosse di ben acculturarsi dovrebbe avidamente divorare:
di Andrea Scanzi: "Il Cazzaro Verde", a far bella mostra ( o bel mostro) di sé. Ma è solo un minimo, in verità…che altro che questo....!
Invece, il tribunale s'interesserà a questa frase (del cazzaro-verde, s'intende…):"La droga fa male"….eehhhhh!!!!! (23 novembre 2019)

Bando di concorso a tema:
"Quello, e il tripudio della democrazia"

Ingresso libero per tesserati
Ingresso libero, solo ai tesserati,
nel club di insulti, di odio, e di minacce.
La…direzione indice campionati
tra chi più espone "quello" a figuracce.

Ci son sezioni con sottosezioni:
sui social, e sui libri, e sui giornali,
su varie reti, in varie trasmissioni…
Sarà il tripudio di…nostri ideali.

Il tema è obbligatorio, e è sempre "quello".
Chi più saprà creare un'atmosfera
-la stessa per cui … ci battiamo a duello -
cioè piena d'odio, avrà bella carriera.

Ogni altro avrà la sua soddisfazione
di "poter dire" sotto protezione
ciò ch'è precluso a ogni altro cittadino
soggetto al nostro … castigo divino.


La timidezza
"Quan'sé begio!"… Me stev'a ddì Carmela
na sera che stevamo a i giardinette…
"Ma nn'è 'mparato ancora a pià…la mela?!
Cocchino…Ormai sé grande…Embeh…Ch'aspette?"

El sè?...Ero 'ntimidito…E tanto! nco'…
E a st'a a sentì ta lia a ddì certe cose
salì, la timidezza, e de 'n bel po'.…
E … èr' più rosso…de le rosse rose.

Sentivo 'l rosso de vergogna addosso,
che par che brùgia come brùgia 'l fòco…
Steva anche - 'mprò - a 'ntostàmme come n osso!
E a l'improviso 'ncominciò 'l bel gioco.

Sto sempre a ringraziàlla, ta Carmela
pe avé cambiato 'l rosso timidezza
che nfiàmma, ma…è na fiamma che te gela,
in rosso-amor che a ffà l'amor…t'attrezza!
 

Un fatto, una poesia
da IlGiornale.it, 19 novembre 2019
Le sardine in piazza: "Vogliamo Salvini morto".
Contraddizioni e odio ecco il nuovo popolo della sinistra.
Le sardine rincorrono Salvini. Dopo il flash mob di Bologna scendono in piazza a Modena, altra tappa scelta dal leader leghista per la campagna elettorale in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna. 7 mila in tutto, dicono gli organizzatori, i pesciolini che ieri sera hanno deciso di riunirsi al coro di "Modena non si lega". Sono contro la destra populista e condannano la politica dell'odio ma ad unire i manifestanti in piazza Grande è proprio l'odio per qualcuno. L'odio per Matteo Salivini. Un uomo da combattere secondo le sardine. Una minaccia per l'Emilia Romagna. "Dovrebbe spararsi, ci farebbe un favore". "Un buffone che merita di morire a testa in giù". "È solo un fascista, va oltre la dittatura". Sono solo alcuni degli insulti che la piazza ha mosso contro "il capitano".

Ecco il perché non ce la fanno: gl'italiani sono contro le dittature...anche quelle rosse…
Più odio di questo…Che staranno dicendo gl'inventori di leggi anti-odio…?...(sssshhhhhh!!!).

Sardine in … movimento
Si sono viste radunarsi in banchi
sardine numerose, e in moti ondosi
portar conforto e sopperire ammanchi
di pesci già travolti dai marosi.



Dal grosso balenottero dormiente
gran trafugar c'è stato di sardine:
dal suo pancion finite - birichine,
a punzecchiar lo…squalo ch'è vincente.
Che vince ad onta loro, prepotenti,
che sol lo (i)odio ha messo tutte assieme,
che ancor più cresce, perché quei non teme
quei lor guizzare, a scopo…impedimenti…
 

Un fatto, una poesia
da IlGiornale.it, 18 novembre 2019
La Trenta non lascia la casa: "Ho una vita di relazioni, mi serve una casa grande"
Imbarazzo nel m5s per la …che si è tenuta l'alloggio da ministra in centro a Roma. Lei non se ne va e insiste:"Ne ho bisogno, ho una vita di relazioni". "Ormai la casa è stata assegnata a mio marito e in maniera regolare. Per quale motivo dovrebbe lasciarla?". Nonostante le ripetute pressioni di Luigi Di Maio e del Movimento 5 Stelle, che a suo tempo l'hanno paracadutata al dicastero delle Difesa e che sempre la hanno difesa quando anche i militari mostravano malcontento nei suoi confronti, Elisabetta Trenta tira dritto per la sua strada e… si asserraglia in quella casa che ha ottenuto dopo essere diventata ministro e che adesso non intende più lasciare….è scoppiato un vero putiferio. Con i Cinque Stelle che, dopo i casi dell'affitto della casa di Rocco Casalini pagato coi soldi pubblici destinati al movimento e gli alloggi popolari assegnati alla madre di Paola Taverna e al senatore Emanuele Dessì, torna nell'occhio del ciclone per quel vizietto immobiliare di non fare le cose per bene. Altro che "onestà, onestà", la lista dei grillini furbetti si fa sempre più lunga. E adesso annovera pure l'ex titolare della Difesa che ha deciso di tenersi l'alloggio di servizio che le era stato assegnato, anche dopo la fine della sua esperienza di governo…

Dopo trenta…vien trentuno….
Beh…Hai fatto trenta…Mo', fa' anche trentuno!
E in quer po'- po' d'appartamento ar … centro…
(che avete fatto a 'nnàcce a finì dentro)
nun fate entràcce mai chi è inopportuno!

Che poi fa l'invidioso e fa der tutto
pe fàvve sloggià, e senza risarcìvve!
Già la gentaccia quante ne st'a ddìvve…!....
Ma questo - se sa - è un mônno farabbùtto….

Nun dàje retta, e resta llì ndo' stai,
sinnò, porèlla te, come farai
co quer bèr giro tuo de conoscenze
a ffà, e a ffàtte fà … le riverenze!

Sortanto…C'è na cosa che n capisco:
nun eri contro tutti 'i privileggi
e tutt' er grànne schifo de maneggi…?...
Ah!...E già!...E va bbè…E allora…riverisco!

Sortanto: Te lo déveno da dì,
o a capìllo ciarìvi anche da sola:
Te serve casa grànne? … Signorsì?!
La cerchi…Te la paghi…E n fai la sòla!
 

Fatti, una poesia
da IlGiornale, 16 aprile 2018 - Un vicino di casa sbugiarda la Kyenge…Altro che razzismo contro l'ex ministro ed europarlamentare Pd …dietro gli atti vandalici ci sarebbe solo una lite tra vicini e una presunta "inciviltà" da parte del marito, accusato di non raccogliere la cacca del suo cane…che qualcuno ha appiccicato sul muro…-
da Il Foglio, 8 novembre 2019 - Roma è una città allo sbando, ma la sinistra vede solo i fascisti….
Il rogo della libreria Pecora Elettrica a Centocelle scatena il cane di Pavlov. Giornalismo enfatico e formulette pigre. Antifascisti su Marte.…
da Secolo d'Italia, 7 novembre 2019 - Libreria bruciata, la pista politica non c'entra. Anche chi nella libreria ci lavora non crede alla pista politica. Insomma, i fascisti non c'entrano. Ma c'è chi vuole farceli entrare per forza. (seguono i commenti dei vari soliti personaggi sempre pronti a schizzare veleno contro chi loro odiano).)…Ma, come scrive il Corriere, per residenti e commercianti della zona non vi sono dubbi: a sabotare gli esercizi aperti fino a tardi sono stati gli spacciatori. Nella stessa via infatti è stata devastata da un incendio anche una pizzeria. "A via delle Palme - scrive RomaToday- proprio in prossimità della Pecora Elettrica, c'è un parchetto, Parco Don Cadmo Biavati che tutti indicano come luogo di spaccio…in cui la droga, in particolare l'eroina viene consumata. Da qui, questa la tesi di tanti nel quartiere e che sta diventando anche ipotesi investigativa, il disturbo agli affari illeciti da parte di chi, come la Pecora Elettrica o come la pizzeria Cento 155, tenendo aperti i locali, porta gente, cultura e movimento."

Razzi-fasc-ister-ismo
C'era la cacca di cane sul muro…
L' aveva messa un razzista…Sicuro!
Ma era stato chi s'era stufato
di quello sconcio ogni volta lasciato …
E fu così che la parlamentare
dové ammendare quel suo denunciare…

A Centocelle i fascisti del posto
(ah! quanto metterli in mezzo a ogni costo
è bella cosa!...per chi - informazione -
l'usa per scopo…mistificazione…)
la libreria "anti-fascio" han bruciato!
E invece è stato ... lo spaccio-mercato!

"Al lupo!"… "Al lupo!" gridar, mai, conviene…
Non è credibile più, se pur, viene!
Son donchisciotte … contro … il <mulinismo>…
Non c'era, quello! …E no il razzi-fascismo!
C'è - invece - isterismo al vento spagliato
che un altro pensar fa essere odiato.

Ci fosse! è un bene star contro il razzismo,
contro il fascismo…Ma spesso è allarmismo,
buono a mostrare il grandissimo vuoto
d'una politica - com'è ormai noto -
che cavalcando va solo astrattezze,
per non saper - forse - far concretezze.

E propagar vero odio e incertezze.


Un fatto, una poesia
da Corriere.it, 23 ottobre 2019
Permessi di soggiorno per i migranti, l'escamotage dell'orientamento sessuale.
"Vuoi un permesso di soggiorno? Dichiarati gay": il trucco di alcuni degli avvocati che seguono le pratiche per i migranti che arrivano in Italia…
Purtroppo, delle volte viene sbandierata discriminazione quando questa non c'è. Come, ad esempio, in caso di mancata assunzione … licenziamento…di un soggetto gay, che pretende che il fatto sia appunto provocato proprio dal suo orientamento sessuale … Quando, invece, le ragioni di certi provvedimenti sono quelle stesse che escluderebbero parimenti l'assunzione … determinerebbero il licenziamento di chi gay non è …

Lasciapassare … particolare
"Son sessual..così e così…
Lo sbandiero con orgoglio,
come fosse un'erba voglio
per dir "No!", pur quando è "Sì!

Mi nascondo volentieri
dietro questa cosa qua,
e se un fatto non mi va,
grido "aiuto!" ai … "giustizieri".

Non dovrei, lo so, però
delle volte, pure questo
può aiutare, in un contesto
per glissare il ko…"

"Fratel caro, sto con te,
se ci sta davvero il dolo!
In quel caso non sei solo:
perché invero c'è un perché!

Se il "perché" - però - non c'è,
ma è soltanto distorsione
pe ' attirare più attenzione,
puoi capirlo ben da te…

Profittarsi d'esser tale,
è uguale - a inverso senso -
al discriminar - io penso.
E - altrettanto - è…illegale"

Come chi "Allo stupro!", grida
quando stupro, inver non c'è,
ma fa comodo, perché
può far vincer … la corrida.

La strumentalizzazione
non è mai una cosa buona:
ogni verità distona
e sconcerta l'opinione.

Chi ha sentore ch'è colpito
da una discriminazione …
da violenze … all'opinione
additi i falsi! Inviperito!


Fatti, una poesia
da Pagella Politica.it, 7 agosto 2019

"Questa foto di Salvini in spiaggia è stata modificata ed è di tre anni fa
Pubblicato: mercoledì 7 agosto 2019
Il 4 agosto su Facebook è stata pubblicata una foto in cui si vede il leader della Lega Matteo Salvini, a torso nudo in una spiaggia, con la lingua di fuori, vicino a una ragazza in costume che tiene in mano un crocefisso. L'immagine è accompagnata da questo commento: "2019 ministro degli interni italiano. Amen".
Questa notizia è falsa."

da Rete7.cloud, 4 agosto 2019
Salvini a torso nudo f ail dj in spiaggia, polemiche social

da La Stampa, 31 luglio 2019
La polemica deflagra interrompendo le vacanze estive del leader della Lega, che è costretto a scusarsi: "Errore mio da papà. Nessuna responsabilità va data ai poliziotti"…. poco dopo, la questura di Ravenna avvia "un accertamento per un eventuale utilizzo improprio dei mezzi dell'amministrazione"….
Dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, arriva appena un buffetto: "Mi dispiace per i poliziotti che sono stati messi in difficoltà, ma non credo che gli italiani perdano il sonno per sapere se il figlio di Salvini fa un giro con una moto d'acqua della polizia"….. Solo Giancarlo Cancelleri, capogruppo M5S in regione Sicilia…cannoneggia contro Salvini: "Questa cosa mi fa incazzare. Ho grande rispetto per le forze di polizia e ogni volta che vengono usate come l'ultimo dei parchi giochi divento pazzo. E mi fa incazzare ancora di più che lo faccia tu, che sei il ministro dell'Interno, che per fare il figo con tuo figlio stai dando un messaggio sbagliato al Paese". Tentano anche le opposizioni di mettere all'angolo Salvini, ma sono spaccate…


da Il FattoQuotidiano, 5 agosto 2019
"La vicenda dell'acqua-scooter onestamente mi sembra un po' amplificata - ha detto Gabrielli a Milano per un evento di Ferrovie - vi potrei portare decine di immagini di nostri mezzi che vengono utilizzati anche da ragazzini…

Che scànnali scannalôsi!...
"Hai visto, Ro'!...N s'arègge mica più…
Te rènni conto: in spiaggia a petto ignudo!
Io, propio da me stesso me deludo
pe avé portat' a quello tanto su!"

"È vero, a Re'… Sì! ... Ciài raggione tu:
n se pò vedé … E avòja che me illudo
che sii 'r soggetto adatto a ffà da scudo
a tutt'er brutto, che…'N sia mai, Gesù!..."

Meno male…sti grànni oppignonisti!
che ciànno anche - in aggiunta - riccontato
der giro in moto-d'acqua senza 'i visti!...

D'artrônne questo o poco più, je resta
siccome tanto, ormai, va censurato…
Tranne l'insurti a destra…senza inchiesta.

Ché - s'è capito: ormai p'èsse benvisti
se deve armeno n po'- èsse…<communisti>.

 

    
                                                        spiagge a Roseto degli Abruzzi


Spiaggia di sera a Roseto
Succhia e risputa l'onde salmastrine
l'umida sabbia solitaria e scura.
Nemmeno fa pensare alla calura
passata da ore, ormai…Merletti e trine

sembra diségnino l'ondine stese
in quell'andirivieni senza fine:
solo un attimo, e cedon quel confine
ad altre, con antico far cortese.

Stelle paiono specchiarsi a mare
lasciando sparsi luccichii qua e là
come ancorati, a galla, e la città
civettuola i neon getta, a colorare…

Intanto non ha spento mai quel canto:
più che altro cantilena strascicata
or lieve, ora più forte…Serenata
ad alma intrisa … d'un gioioso pianto.


Omaggio a     Un fatto, una poesia
Stretta in Francia, quote d'ingresso per migranti economici e niente cure per i richiedenti asilo…
Malumori tra i ministri di Macron per il piano che mira a recuperare i voti della Le Pen. Tra le misure annunciate c'è anche lo sgombero degli accampamenti abusivi parigini che ospitano fino a 3mila persone….
da IlGiornale, 18 ottobre 2019 - Accordo di Malta…Così hanno fregato il governo. La redistribuzione degli immigrati pensata al summit di Malta penalizzerebbe solo l'Italia: ecco dove si nasconde l'imbroglio….Le partenze dalle coste libiche non si arrestano. Gli sbarchi hanno ripreso a ritmi vertiginosi. E nel Mar Mediterraneo si tornano a contare i morti. Eppure tutto, al governo e in Europa, cercano di venderci l'intesa sottoscritta dal ministro dell'Interno Luciana Morgese a Malta come la soluzione ultima per contrastare l'immigrazione clandestina.

Birichino, Emanuelino…
Hai capito!...Emanuelino
col faccino da…buonino
si fa i conti per benino
con quel fino cervellino…!...

L'ha mostrato già più volte
-con le sue …maniere colte -
d'incantar le menti stolte,
che cavalca a briglia sciolte.

"Io son quello - che si sa -
faccio quello che mi va:
per me voglio … libertà!
Pur se agli altri…non si dà.

E ai cugini - che sopporto -
men dell'ulcera che porto -
sto a ordinargli che ogni porto
resti aperto! - E taglio corto!

E ora - dopo assai manfrina -
vo a svelar la mia dottrina
su accoglienza - loro "spina" -
con faccetta birichina.

Ecco qua: qui faccio entrare
sol chi vuol/sa lavorare!
Chi la laurea può mostrare!
Il cui "tot" vo a limitare!

Ognun'altro - beninteso -
senza che si senta offeso
(come … là, hanno ben compreso)
resterà … lì, dove è sceso!

Perché io son buono - sì! -
Ma son buono sol fin qui…
Poiché un limite! ha Parì.
Non ne ha - invece…l' Italì!

Poverini! i miei cugini!
Presi - a Malta - qual cretini…
Ma, le "balle"! da furbini,
han contato ai cittadini! "

 



Felice Gimondi
Di luce propria, proprio come un astro
pe' anni hai brillato con la tua due ruote.
Lontan da … aiuti strani del furbastro,
a ogni piano e salita son ben note

le doti tue di Grande...qual sportivo,
campione, e quale semplice persona.
Che - anche potendo - mai hai fatto il divo,
pur se nel mondo il nome tuo risuona.

La bicicletta è stata la tua fonte
cui dissetare nobili ambizioni,
pur se è solo il sudore sulla fronte
assai sovente il premio pei campioni.

Hai fatto innamorar chi t'ha seguito
nelle scalate, o a vincer sui secondi…
Con te a esultare pe' ogni podio ambito
dove hai lasciato il marchio tuo: Gimondi.

Or, questa è stata l'ultima "scalata"
volando al modo che più a te s'addice:
con l'anima e col cuor l'hai conquistata,
e lì continui a correre …. Felice!

20 agosto 2019


Un fatto, una poesia
da Libera.it, - Droghe: com'è cambiato il mondo degli stupefacenti. Intervista a Don Luigi Ciotti sulla rivista "Il Regno"
Secondo i dati più recenti l'Italia è al secondo posto nell'uso di sostanze stupefacenti leggere, che di leggero non hanno più nulla se non la percezione del rischio. Quattro milioni di persone, tra i 15 e i 64 anni, hanno consumato negli ultimi dodici mesi almeno un tipo di droga tra cannabis, cocaina, eroina, droghe sintetiche, nuove sostanze psicoattive...
da Quotidiano.net, 10 maggio 2019- Quello che, però, trovo del tutto incomprensibile è la motivazione con la quale i Cinque Stelle (e in genere tutto il fronte antiproibizionista) portano avanti la loro battaglia per la legalizzazione. Perché la motivazione è la seguente: "Così tagliamo i guadagni della malavita". Lo ha detto ieri Di Maio, così dicono da sempre tanti sedicenti maître à penser. Ora, la ratio di una simile argomentazione mi sfugge completamente. Primo, perché la malavita, da che mondo è mondo, una fonte di guadagno l'ha sempre trovata. Se non potesse più vendere gli spinelli, venderebbe comunque cocaina, eroina e pasticche varie (o vogliamo legalizzare anche quelle?). Secondo, perché se la droga fa male (e fa male), continuerebbe a far male anche se invece che un pusher ci fosse, a venderla, un farmacista o un tabaccaio. A cuore di uno Stato dovrebbe stare innanzitutto il bene dei propri cittadini; quanto alla malavita, bisogna combatterla mettendo in galera spacciatori e trafficanti, non diversificando (senza diminuirle) le sue fonti di reddito. Ma forse sono ragioni troppo ovvie per chi usa tutto, anche la droga, per farsi campagna elettorale.
da Repubblica.it, 29 novembre 2017- L'abuso di marjuana da adolescenti riduce le probabilità di riuscire nella vita
A sostenerlo una ricerca presentata al Meeting annuale dell'American Public Health Association ad Atlanta
da Repubblica, 24 ottobre 2018 - Gli effetti della cannabis sullo sviluppo cognitivo dei giovani sono peggiori e più a lungo termine rispetto a quelli dell'alcol. A riferirlo una nuova ricerca dell'Università di Montreal
Da InTerris, 30 giugno 2018 …in due anni raddoppiato consumo droghe tra adulti e addirittura quadruplicato tra i minorenni italiani. -L'Italia …al secondo posto tra Paesi europei che consumano in assoluto più stupefacenti. È di solo pochi giorni fa la notizia che le acque italiane presentano elevate concentrazioni di residui di cocaina che starebbero decimando le popolazioni di anguille. ….riguarda anche milioni di ragazzini e ragazzine abbandonati a se stessi da adulti sempre più autoreferenziali.
Se volessimo trovare un lato comico…"So' ragazzi !". Con piacere accogliamo invece un ruolo più gravoso e responsabile che pochi ormai hanno il coraggio di assumere, per timore di andare controcorrente o di essere bollati come il vecchio arrugginito destinato alla rottamazione dal pensiero dominante …Il consumo di droga, con tutte le sue conseguenze nefaste sulla salute, sembra essere ormai derubricato a fatto di costume ovvero a materia accademica per sociologi che si occupano di fenomeni collettivi spontanei ed indipendenti dall'azione politica dell'uomo storico. Un film già visto ai tempi remoti del proibizionismo, dove le vulgate libertarie aprirono il mercato alla produzione industriale ed alla vendita legale dei superalcolici…. i giovanissimi italiani sono i primi in Europa a bere il primo calice tra gli 11 e i 12 anni, contro la media dei coetanei continentali di 14 anni e mezzo (dati Istat 2017). Non c'è che dire, possiamo ritenerci orgogliosi dei nostri giovani. Soprattutto di noi stessi però. Noi adulti che avremmo il dovere di garantire un ambiente ricco di stimoli positivi e invece siamo stati capaci, in pochi decenni di svilimento civile e culturale, di declinare favorevolmente solo slogan e pratiche di edonismo paradossale.
-E quante morti…E quanti delitti…E quanta spesa pubblica…Forse che se presa in farmacia la droga diventa caramellina per schiarire la voce?...

Ma…cocaìnate da te!...
Ma…si uno va cercànno er bell'inzogno
che je pò dà la bianca porverina
se 'ncocainàsse!…Senza sta manfrina
de volé appresso chi n ce n'ha bisogno.
Ma che è sto volé mette immezzo ognuno
pe fàje fà pe ffòrza quer che piace
a quarchiduno - che n ciavrà mai pace -
finché gn'arièsce a n fa scappà nisuno!...
Abbasta che uno s'arza, la matìna
co ancora in testa un incubbo fumante
che inizzia a ffà girà seduta stante…
N giornale pompa…ed ecco che è…dottrina!
Ma n ciài quarcosa mèjo da stà a scrive,
invece de st'a ffà certe sparate!
Ma propio avanti a gnènte, ve fermate
vojàrtri, che volete nzegnà a vive?!
Nun basta a avéje spento li valori
-che èreno pe tutti na ruvina!...
Mo' - in più - volémo dàje cocaina,
pasticche…Pe punì li spacciatori…(!?!)
O pe ffà in modo - invece - che 'i regàzzi
finìschino der tutto incretiniti
pe èsse zombi in mano a li partiti
pe mèjo manovràsse 'i loro annàzzi…
 

Un fatto, una poesia
da adnKronos.com, 24 ottobre 2019
"A seguito della pubblicazione dell'articolo 'Meloni la peronista dell'altra destra più amata di Salvini' ho dato mandato ai miei legali di sporgere querela per diffamazione nei confronti del giornalista Francesco Merlo e del direttore del quotidiano Repubblica, Carlo Verdelli. Di rado, nella mia vita, ho letto un articolo così violento, così lesivo della dignità di qualcuno, così palesemente volto a istigare odio verso quella persona e considero gravissimo che molte delle affermazioni a me attribuite per giustificare il disprezzo del giornalista siano totalmente inventate o volutamente manipolate. Il che, chiaramente, va ben oltre il diritto di critica e configura la piena diffamazione. Di questo Merlo e il direttore di Repubblica risponderanno in tribunale". Lo dichiara il presidente nazionale di Fratelli d'Italia.
da ilfattoquotidiano, 5 novembre 2019 - prete giornalista
….anch' io dò un consiglio al Papa: visto che codesta gente non ha il coraggio di dirle le critiche in faccia, ma è inaffidabile, compia un gesto semplice e lineare: abolisca il collegio dei cardinali, abolisca Ruini e i suoi complici e visto che c'è, scomunichi Salvini e poi insieme stiamo a vedere che succede. Sicuramente non ci annoieremo.
da il Giornale. It., 31 ottobre 2019
… Dopo l'articolo infamante di F.Merlo,G. Meloni finisce nel mirino di di xxx e yyy…
Risparmiamoci gl'insulti gratuiti e mai stigmatizzati (perché se mossi da una certa parte contro certi di altra parte, ogni insulto è più che lecito…) del giornalista…stendendoci su un velo pietoso…
da L'Opinione, 31 ottobre 2019 - …contrasto "al fenomeno dell'intolleranza, del razzismo, dell'antisemitismo e dell'istigazione all'odio e alla violenza" proposta da Liliana Segre. Si debbono invece vergognare quei senatori che si sono nascosti e si nascondono dietro la Segre, la sua storia che simbolizza la tragedia dell'Olocausto e la sua sofferenza per gli antisemiti imbecilli che la aggrediscono sul web, per portare avanti un progetto di repressione politicamente corretta nei confronti di chi sostiene opinioni politiche divergenti dalle proprie.


L'arfabbèto ar veleno
Stavo a girà le paggine a n giornale
quànn'è che li caratteri de stampa
t'hanno inizziato a trasformàsse tutti
in mille e mille gocce de veleno
intriso de odio…quello tipo forte…

"Ma…è n' allucinazzione!" me facevo
nfra mme e mme, ché n me spiegavo er fatto.
"Ma è chiaro!...Ècco chedè! Nun sò drogato!"…
Chiunque, pò vedé e sentì quell'odio
-leggènno…-…(ma che n sìì impasticcato).

Ce n'è una nòva ar giorno! fresca, fresca…
Presempio, ce sta un tizzio de un giornale
che nun sapènno più ndove attaccàsse,
st'a ddà de testa contro un cardinale…
perché attaccànn' a llui … mena a Sarvini.

E quante je ne dice!...Arìva a ddì:
"France', te prego - devi fàllo fòri,
perché finché è alleato ar "lupo nero"…
pe tutti quanti noàntri pò annà male!...
Scomùnicheli tutti e … vinceremo!"

E un artro - poi - che gn'ha saputo dì!
a la "nemica" biônna sovranista!
Da vergognàsse a llèggelo!...Un delirio!
Ne schìzzeno tarménte giorno e sera,
che come fanno a accusà l'artri de … "odio!"…!?!....

Ma inzìsteno a inzurtà…a mistificà..
Sperànno de confônne…Ma la ggènte
è propio pe ste cose che se ggìra…
E su li tabbelloni, li percenti
sò tutti pe Sarvini e la Meloni.

Stànn'a provàcce - mo'- co certe leggi,
ripiene de veleno e de vaneggi…
 

Un fatto, una poesia
da IlTempo, 21 ottobre 2019
Va in scena un'altra puntata delle esternazioni di Chef Rubio. Questa volta il cuoco di "Unti e bisunti" se la prende con Israele
twitta Rubio - Esseri abominevoli", con tanto di bandiera di Israele. Gli risponde Matteo Salvini che twitta: "E' ufficiale: bisogna riaprire i manicomi!". E Chef Rubio non perde l'occasione per rincarare la dose e twitta: "Solo i vigliacchi senza palle come te possono scrivere impunemente con così tanta insensibilità di carcere, detenuti, manicomi e malattie mentali. Prima o poi ci incontreremo faccia a faccia e ti farò vergognare d'esistere"...
da IlMessaggero, 21 ottobre 2019
…sempre meno chef "unto e bisunto" e, ormai, campione di polemiche (e offese) virtuali, a caccia di visibilità (e click). Questa volta - e non la prima - a finire nel mirino del volto televisivo, sempre più in crisi di ascolti, è Israele. Nessuna notizia di stringente attualità, Gabriele Rubini, ovvero Rubio riprende un video del maggio 2016… twitta Rubio - Esseri abominevoli", affermazione accompagnata dalla bandiera di Israele. Nel pomeriggio gli ha replicato anche Matteo Salvini, leader della Lega: "È ufficiale: bisogna riaprire i manicomi!"

Il log (or) aritmo
È il ritmo logorante della vita
e cioè il logora-ritmo di sistema,
che ci…sistema co' ulcera e eritema
e epatiti al fegato cui s'avvita.

È quel tritar-ritrito che ti trita…
Veleno, è che si spaglia…È anatema
di incartapecoriti crea-problema
per ravvivare qualche idea fallita.

E ora - ai tanti - ci s'è accodato pure
il tizio ch'è ai fornelli dedicato…
Ma è meglio non saggiar le sue cotture

che assorbono il veleno che imperlina
e sgocciola sul piatto cucinato.
Goduria pura per … chi ha ugual … dottrina.

Per chi - ugual anima, abbia…birichina.



Er liscio
A nnoi ce piace proprio tanto a ffàllo.
Noi sémo dua che come che potémo
se preparàmo e sùbbito corémo
a scapicollo in pista a ffàssse un ballo.

Avémo faticato pe imparàllo,
ma è ròbba, mo', che manco ce credémo:
mo' annàmo a ffà le gare, e le vincémo!
E mì marito, in più, è tornato un gallo…

Nun se pestàmo manco più li calli,
che a ffòrza de pistàlli sò spariti
tra sambe, polke, valzer e alligalli.

Ce devi véde, quanto s'acchittàmo!
E tutti bbèlli, co quei bei vestiti,
vedessi si che scena…che te fàmo!


Un fatto, una poesia
da Panorama, 4 ottobre 2019
Nel primo semestre del 2019 si sono verificati in città 15 mila sinistri: il 67 per cento degli incidenti riguarda le auto, il 20 moto o scooter, il resto pedoni e ciclisti. Soltanto alla fine di settembre del 2019 Panorama ha contato 103 "morti di strada" nell'area metropolitana di Roma. Non dipendono tutti dalle buche, ma almeno il 30 per cento sì.

da Romah24, 11 ottobre 2019
Vittime della strada, a Porta Pia la bicicletta bianca simbolo della protesta
Una bici bianca a Porta Pia. È dal 19 settembre che il simbolo di tutti gli uccisi in strada è legata a un palo a pochi passi dal Bersagliere. E silenziosamente lancia il suo messaggio al ministero delle Infrastrutture e Trasporti: "Bisogna tutelare la sicurezza dei ciclisti che, quotidianamente, vengono travolti sulle nostre strade".
Il mezzo è stato lasciato lì dagli attivisti delle due ruote che, proprio il 19 settembre, si erano dati appuntamento sul piazzale per un flash mob. Queste furono le parole affidate a una nota ufficiale: "Davanti a questa bici bianca, simbolo di tutti gli uccisi in strada da una mobilità violenta e indifferente, giace inerte il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, la cui assenza di ruolo nel cambiamento delle modalità di spostamento è dolosa, ed è direttamente responsabile delle omissioni che portano alla fine violenta della vita di chiunque osi uscire di casa, con qualsiasi mezzo".

Pedala…e non scocciare!
Pedala, bicicletta, e non badare
se è tutta una gruviera la tua pista…
Aver l'asfalto a posto è…una conquista
e no un diritto...Quindi, non scocciare!

Ci son! le buche…E non si può negare…
Perciò, non stare a far tanto il sofista!
Basta soltanto avere acuta vista,
prudenza, e tanta voglia di…campare…

Se poi ti sembra troppo un gran problema
potreste - voi ciclisti - pedalare
nel mentre recitate un anatema…

Oppure provvedere ad otturare
le buche… per salvarvi nell'andare…
Non sembra pure a voi un buon sistema?

Più di così, la sindaca non può…
E tutt'al più…vi ricovererò.
Se l'incidente , poi, sarà assai grave…
vi omaggerò di un "padre nostro" e un' "ave"…


Un fatto, una poesia
dopo le elezioni del 27 ottobre 2019

la verde Umbria ritorna al suo … colore naturale, della tradizione…

Nòvo modo de dì….
Er detto è questo qua: "Te faccio nero!"…
Ch'è paro a ddì: "Ciabbùschi!"… "Te sconòcchio!"…
"E piàntela!…O finisce che te scrocchio!"…
Così…pe ffàtte véde battajéro.

Ma visto che qua tutto sta cammiànno,
perché ce sta chi vvò che sia cammiàta
gni cosa … Embeh…Mo' è stata accontentata
la ggènte che sti càmmi va cercànno…

Ed èccoce a la prova, qui, in quistione:
er nòvo modo viè…l'àrtro se perde…
E 'nfatti, er detto càmmia in: "Te fò verde!".
La prima a ddìllo, è stata l'elezzione!

La prima a avé … subbìto, è na reggione
ndo' er verde, lega co la tradizzione.
 

Un fatto, una poesia
da Huffingnton post, 27 ottobre 2019
Regionali Umbria, la destra stravince le elezioni. Il candidato giallorosso staccato di 20 punti.
Dopo cinquant'anni di governi di sinistra, la destra si prende la rossa Umbria. È un risultato storico quello ottenuto dalla coalizione che aveva in Donatella Tesei il suo volto regionale, ma soprattutto in Matteo Salvini quello nazionale. Dall'Umbria arriva quindi uno scossone per il governo giallorosa e una sonora bocciatura per l'alleanza Pd-M5S, riproposta - seppur in modo affannato - alle regionali nel tentativo di arginare l'avanzata della Lega: il Carroccio in meno di cinque anni è passato dal 13% ad accarezzare il 38%.....


….e d'artrônne, "Umbria Verde" è er soprannome
che sempre in tutt'er mônno l'ha distinta…
E è giusto che de verde s'è dipinta,
cacciànno l'abbusivo rosso…Eccome!


Umbria…Verde!...
(27 ottobre 2019)

"Me sto a sentì…ecològgico a la grànne,
a Re'! Côr verde tutto bbèllo in testa,
nell'occhi…drent'ar còre…ch'è na festa!
Gran cosa a vedé er verde che se spànne

pe le campagne…e tutti li paesetti...
pe 'i davanzali verdi de speranza…
Ma che bèr verde!...Un verde in abbonnànza
che va attirànn'a sé farfalle…insetti…"…

"Davéro, a Ro'!...Bellezza naturale!
Più vera…Assai più giusta de quer rosso
de papaveri a infestà a più nun posso…
Ma arfine mo' c'è un verde che n cià uguale."

"Eh, sì!...Perché è arivàto a l'improvìso
margrado 'i mille schizzi de veleno
che je schizzava addosso senza un freno
quer rosso…e ar rosso j'ha sbiancato er viso".


Un fatto, una poesia
da IlMessaggero, 22 ottobre 2019
Mondo di mezzo, in Cassazione cade l'accusa di mafia: resta solo l'associazione per delinquere. Gli ermellini hanno dichiarato esclusa l'associazione mafiosa nel processo "mondo di mezzo", ribattezzato Mafia capitale, rispetto alla sentenza d'appello che aveva invece riconosciuto l'articolo 416 bis…Gli imputati si attendono così una netta diminuzione delle pene stabilite nel processo di secondo grado.

da tg la7.it, 25 settembre 2019
Ostia, 17 condanne per il clan … Tre ergastoli. È mafia.


a Roma,
ex "Mafia-Capitale"


Cara Roma…in man'a chi…!...
svennùta, avvilita e crocifissa


Pe certe loro vòje de grannézza,
e affumicàje l'occhi a chi è romano,
e a ognuno che se vò sentì itajàno,
t'hann' affibbiato la scelleratezza

d'èsse mafiosa…E mmo', pe sta scempiézza,
avrebbero da fàtt' er baciamano
strusciànno come serpi, e chiéde invano
"Scusa!...Era pe mostrà … na gran prodezza…"

Eh, ssì!...La mafia - a Roma - nun ce sta!
L'ha detto er tribbunale: "È delinguenza!
Meno pena, e….manco "davide" … ce sta…"…

Chi sa si c'è rimasto! a sta sentenza
chi, tanto già se stava a stragodé
la … mafia, da lui messa…sur bidè!
……………………………..
Ma…com'è che a Ostia - a li delinguenti
l'istesso farabbutti e depravati,
tutti pe "mafia! l'hanno condannati
senz'attenuanti…e senza … pentimenti?!


Questo è cronismo ch'è di già storismo (aggiornato a settembre 2019)

d' Esagerismo in Limitismo, andando…
Esagerismo e Limitismo, andando
stavan - l'un per divismo - e oculatismo
l'altro, pestandosi i piedi e inciampando,
convinti entrambe d'esser nel giustismo.
Godeva, il primo, assenzi dal globismo.
E d'allarmismo e divulghismo esteso
era dotato, e pur d'un apertismo
che nol faceva, invero, ben compreso…
Infatti aveva il popolo, incoeso,
contrario al "soverchiante" minorismo
che ognor di comandare avea preteso,
con maschera a nascondere il rossismo.
E s'imponeva sol con l'insultismo…
Ma sol da lui, all'altro! (giustamente…)…
Poiché in senso contrario era ostracismo!
Così, più confondendo ancor, la gente.
Al fianco addirittura avea il potente
"san-comparto"…Non più! dell'…animismo…
ma con la smania d'essere invadente,
che - a rimedio - invitava al martirismo.
Una a una, inventò il parolinismo,
pe' incutere paura…qual spauracchio,
col solo risultato del crescismo
di preferenze a iosa a quel "lupacchio"….
In Camera ha suonato, poi, il batacchio
quell'ultimo aggregato al trasformismo
insieme ai trasformisti senza …il macchio….
Ma, or, macchiati e come! di servismo.
Quel prete, ancor - di fede - fa svilismo
con quel travolger suo, gesuisamente,
tutto il credismo. E con quel suo cinismo
a deismo-altro, sta aprendo…impunemente.
Ché tra i fautori dell'invasionismo
e di costumi e storia il cancellismo,
è quel tra i più!...Che più che al catechismo
votato s'è al politico-bonismo.
L'altro ha inventato, or, anche l'odismo…
Pe' opporre a … inesistente, il suo! fax-ismo…
Pe' odiare, e fare odiar - così - il leghismo.
Che ci lasciasse - almen - sto…divertismo!
E in questi dì, d'isterico isterismo,
van quei cercando il minoril votismo,
che intriso ben di fumi e pasticchismo,
di certo li terrebbe al governismo.
Potrebbe continuar tal novellismo,
con questo nuovo assai…intellettismo…
Ma il troppo poi diventa un tal troppismo
da superare il detto - esagerismo…


Sonetto endecasillabo dedicato a ogni somaro…che ci si senta, o meno…
A ogni incapace di ogni qualsiasi attività…

Somaro!
Er primo a sapé che sei somaro
sei propio te. Pe cui ar più presto,
vedi d'annàttene, amico caro:
pe 'r primo e unico acuto gesto!

Se sa che - pe tte - è n gran bèr riparo…
Ma nu è che questo pò èsse n pretesto
pe inziste a stà, quànno che sei 'n baro!
E n ce rischi nemmànco l'arèsto!

È n discorzo che vale pe tanti.
E tutti sti tanti ce lo sanno,
pe cui che je frega: vanno avanti….

Co na faccia da culo…ch'è poco…
E più stanno…più stann'a ffà danno
Ma … pe quei tanti … è solo un bèr gioco.

E scusàme tanto, somarè!
Sgobbàssero, armeno! Come te,
sti gran fenomeni de l'inganno!


nel giorno della ricorrenza

Ricordànno er 16 ottobre 1943
e spèce tutt'er poi….

Ma…li vermini usciti da li morti
de quela certa sòrta d'assassini
sò lunghi e cicciottelli, o secchi e corti…?...
Sto a ddì de quele croci coll'uncini…

Me sa ch'er fatto è che n ce sò sortiti
perché n ce sò voluti propio nasce
in corpi già da vivi imputriditi
pe avéje dato ar mônno morte e ambasce….

E puro le schifose pantegane
nun ce se sò nemmanco avvicinate
pe er puzzolente schifo che rimane
tra teste daggià in vita inverminate.


Er rimorso de li ladri de…futuro
"A Ro'…ce sto a sformà!...È mai possìbbile
che te sei messo assieme a li ladroni
pe st'a fregà er futuro…e…le lezzioni!!
a sta porèlla…È na cosa indicìbbile!"

"Già…Propio a llei ch'è così sensìbbile…
N ce posso st'a penzà…Ciò li neuroni
che stànn' a svorticàsse in senzazzioni
de granne scoramento…Incredìbbile!

N penzavo propio de fà tanto male
usànno quer che ar mônno tutto intero
st' a usà la ggènte…sai, ggènte normale…

Vabbé…Me pento, a Re'…Mo', d'ora in poi,
chiudo, e smetto ogni produzzione…È vero!
Ma er da magnà…me lo portate voi!

Nun solo! Che dovete anche fà in modo,
che io, giorno pe ggiorno me lo godo
annànno côr "tappeto" a tirà in testa
le pigne a chi scoreggia e inquina, e appesta…"

Ma…derubbàti come stànn'a ddì,
davéro nùmme pare…St'a sentì:
su' madre co quer libbro àrza mijàrdi…
Lei, se st'a vvive giorni assai gajàrdi…
Li furbacchioni che li stànn' a spigne
stann'a notà nell'oro…Àrtro che pigne!...
E si je fànn'avé pure 'r "nobèlle",
a scòla - ognuno - inizzia a ffà er ribbèlle…
Pe tutti l'artri…na gran presa in giro,
pronti a beccàsse un … prossimo raggiro.
 

a Lisa

Un giorno assai speciale su a Cervara
Se portava er rimasujo de vita
ch'era stata de mamma sua…Mo', tesoro
d'accompagnà pian, piano su in salita
pe ffàje rivedé er capolavoro

firmato Dio, che tanto aveva amato
quànn'era na regàzza, e sospirava
pe un grànne amore bello, e pe 'r creato…
E a quer bèr sogno, e a la scena, se beava.

La guardavo e 'n po'- anche - la 'nvidiavo
pe avé quela fortuna de badàlla
a mamma sua…E nfra de me penzavo:
"La potessi pur'io, n giorno, aiutàlla

a sta fortuna che m'è capitata:
Lisetta, che da un giorno ormai lontano,
sippure che no sempre ar mèjo, ho amata.
D'allora, e sempre, mano ne la mano.
 

Un fatto, una poesia
da Il PrimatoNazionale
Caserta, 7 ott - Alcuni prelati ce l'hanno a morte con la Lega e Matteo Salvini. Non è una novità. Dall'onnipresente don Biancalani all'ex parroco di Lampedusa, passando per chi ha dedicato messe a Carola Rackete, una consistente parte del clero ha infatti dichiarato guerra al Carroccio e al suo segretario. Spesso, peraltro, passando decisamente il segno. L'ultimo caso da registrare è avvenuto a Caserta, presso la chiesa di Montevergine. Qui il parroco locale, don Michele Santoro (nomen omen…), durante la sua omelia domenicale ha dato nientemeno che degli "assassini" a tutti coloro che sostengono la Lega.
da MeteoWeek, 15 giugno 2019
Don Giorgio: "La messa è finita andate in pace e uccidete Salvini" incredibile ma vero.
https://www.meteoweek.com/2019/06/15/don-giorgio-la-messa-e-finita-andate-in-pace-e-uccidete-salvini-incredibile-ma-vero/
https://www.facebook.com/salviniofficial/videos/440402476749915/?v=440402476749915
Don Giorgio De Capitani non è un personaggio di satira, non è una vignetta sui muri con un disegno di Papa Francesco. Don Giorgio è un personaggio reale e nella vita fa' il prete. Quotidianamente da' l'Eucarestia, diffonde il Vangelo e l'Amore di Gesù Cristo, confessa, battezza ed educa i bambini al catechismo.
Al termine della sua celebrazione si può udire dalla sua bocca: la messa è finita ed andate in Pace, e fino a qui niente di male, ma la nota stonata sono le due parole che aggiunge subito dopo: Uccidete Salvini. Salvini o Zingaretti poco cambia è la menzione dell'uomo politico all'interno di un luogo di culto che rende tutto sbagliato. E' la politica che alcuni prelati, anche alti, si stanno dilettando a fare ultimamente. L'errore, se così per essere delicati vogliamo definire, è l'invito ai suoi fedeli ad uccidere.
Don Giorgio ci aveva già abituato ad esternazioni stravaganti, come quando alcuni anni fa' disse ai suoi fedeli di invocare un bell'ictus a Silvio Berlusconi.
da VoxNews info, 9 agosto 2019
Bergoglio contro Salvini:" Sovranisti come Hitler"
"Il sovranismo mi spaventa, porta alle guerre". Questa la posizione di Papa Francesco, intervistato dalla "Stampa". Sono preoccupato perché si sentono discorsi che assomigliano a quelli di Hitler nel 1934. 'Prima noi. Noi noi':sono pensieri che fanno paura. Il sovranismo è chiusura. Un Paese deve essere sovrano, ma non chiuso", afferma.

"Deve essere "sovranista", dice…E dunque? E qual è, il …misurino…

Che gran brutto … odio-re, che si sente!...
Che brutto odio-re, questa gran bontà
che minacciosa in giro se ne va
partendo da ecclesiastica nomanza!...

E lo sta a far con ciclica costanza
dal picciol, su all'altissimo prelato,
contro un popolo che…va esorcizzato!

Non certo è il po' di vino della messa.
È - forse - quel che dopo - in sagrestia -
si bevono e che…sfocia in … allegria….

E invece d'implorare "Ave Maria":
minacce!…e insulti!…e gravi imprecazioni!
Come anche fan…tantissimi altri … buoni.


Un fatto, una poesia
da IlGiornale.it, 25 settembre 2019
Cara Greta non ti ho rubato proprio niente.
"Come osate, avete rubato i miei sogni e la mia infanzia, io non vi perdono", ha tuonato ieri l'altro la giovane ecoattivista Greta rivolta ai grandi del mondo, riuniti all' assemblea dell' Onu, perché a suo dire "siamo all'inizio di un'estinzione di massa".
In effetti non siamo messi bene, ma tutti gli studi provano che siamo messi molto meglio del passato e che il futuro che ci attende è meglio di quanto si possa pensare.
Qualche esempio. Un milione e ottocentomila bambini muoiono ogni anno nei paesi in via di sviluppo, a causa della diarrea da acqua insalubre e da condizioni igieniche inadeguate. Non è una strage del progresso, è il suo opposto, cioè parliamo di persone ancora non toccate dal progresso, dalle tecnologie, impossibilitate a raggiungere gli ospedali più vicini per mancanza di strade, di auto, di aerei, in sintesi di tutto ciò che Greta vorrebbe mettere all'indice con la sua retorica da professorina.
Ciò nonostante le generazioni che Greta "non perdona" qualcosa hanno fatto. La mortalità infantile in quegli stessi paesi nel 1980 era del 20 per cento, oggi è pressoché dimezzata e la percentuale di persone denutrite dal 1970 a oggi è scesa dal 35 al 15 per cento, prova che è il progresso, con la sua sempre maggiore mobilità di persone e merci che può togliere l'uomo dal degrado ed evitare le catastrofi. Oggi - come documenta una ricerca pubblicata in America da Peter Diamandis - un guerriero masai con un cellulare dispone della stessa connettività con il resto del mondo che il presidente degli Stati Uniti aveva solo pochi anni fa, nel 2005.
Il progresso inquina? Certo, ma le nostre generazioni sono state capaci di passare dal fuoco al carbone ai pannelli solari in cent'anni, dai calessi alle auto a gasolio a quelle elettriche in cinquanta attraverso errori non evitabili. Thomas Edison raccontò di avere inventato la lampadina dopo avere fallito mille volte di fila. E, accusato di questo, rispose: "Io non ho fallito, ho solo scoperto mille modi che non funzionano".
I predecessori di Greta non sono stati - non siamo stati, parlo della mia generazione - "ladri di sogni" ma sognatori che hanno combattuto - e in buona parte sconfitto - la malvagità degli uomini e migliorato il mondo, in una corsa a tappe tuttora in corso. Non sarà Greta a rubarci questi meriti e vediamo se i gretini saranno altrettanto capaci. Occhio, che per farlo più che manifestare serve studiare.

"Ladri di…futuro!.."….
"A Re', stai a capìlla, te, sta ggènte
che a una che je strilla: "A ladroni!...
M'avete già fregato er mì presente!...
E mmo', anch'er mì futuro…A mascarzoni!!"
je ce se inchina…come a un sarvaggènte
tiràtoje llì immèzz'a 'i cavalloni…
Ma…dico: ma nun è autosufficènte,
la ggènte? È bisognosa de…santoni?!"…
"Mbeh, certo…Su 'i…gretini st'a ffà presa…
Ma pe fortuna esìsteno scienziati
-che nu è perché je vònno fà n'offesa -
che scientificamente stànn'a ddì
ch'è tutto un manichìo de interessati,
e - pòra Greta - nu lo pò capì.
Porèlla…Messa llì…
Ma n cià a che ffà côr giro malandrino
de scarmanati appresso ar dio quatrìno!".

Nisuno va a gurdàlli a tutti quelli
si sguàzzeno nframmèzz'a li mijôni…
Si vanno in giro co li machinoni…
Oppuramente in groppa all'asinelli!....
E tutti 'i segaioli* a la sfilata
come li sorci appress'ar pifferaro,
a scòla ciannerànno su…"falcata"…?!...
E n vacanza? E n viaggio? Eh!...fratelcaro!...
E li telefonini?..."Rinunciate,
a Satana, ragazzi?...O…ammollate?"….
Ciànnerete, a le prossime sfilate
de domenica e àrtre feste commannàte?

*quelli che fanno "sega" a scuola…(che marinano la scuola)


Un fatto, una poesia
da CitizenGO
Lasciate in pace il Crocifisso
Il nuovo Ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti vorrebbe togliere i crocifissi dalle scuole e sostituirli con 'cartine geografiche' e altri simboli ambientalisti. Il progetto è chiaro: proporre ai giovani un "mondo nuovo" privo di spiritualità, trascendenza, morale - oltre che di tradizione, cultura, identità. Sostituire qualsiasi riferimento alla fede con il nuovo culto dell'ambiente.
Dobbiamo difendere (di nuovo) la presenza dei crocifissi nelle scuole italiane.
Il Ministro dell'istruzione Lorenzo Fioramonti (quello della "tassa" sulle merendine) ha dichiarato in un'intervista che vorrebbe rimuovere i crocifissi nelle scuole e sostituirli con "mappe geografiche del mondo" e con riferimenti "ambientalisti", perché "la scuola italiana è laica"
Questa non è laicità, è laicismo. Il crocifisso non è solo un simbolo religioso per i cristiani, ma anche un simbolo identitario e culturale per tutti gli italiani. Rimuovere crocifissi (che sono già lì) dalle scuole è solo uno sfogo intollerante contro i cristiani.
Il Presidente Conte si dichiara cattolico? Bene, questa è l'occasione per dimostrare agli elettori italiani se è davvero sensibile alla nostra eredità cristiana e ai sentimenti religiosi di milioni di credenti -- o se vuole semplicemente "mostrarsi" cattolico per scopi elettorali.
Ci provano in continuazione. La guerra contro i crocifissi nelle scuole è in costante ritorno. Ma la questione è già stata risolta una volta per tutte.
Una famiglia atea anni fa ha fatto causa allo Stato italiano per la presenza della croce nelle scuole: lo Stato ha vinto il caso in tutti le sedi.
Il Consiglio di Stato, la Corte Costituzionale e persino la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo hanno stabilito che la presenza di crocifissi nelle scuole pubbliche NON viola i principi di uguaglianza e pluralismo, proprio perché non è solo un simbolo religioso ma anche il simbolo della nostra cultura secolare, che non offende nessuno.
da IlGiorale.it, 2 ottobre 2019
Crocifisso nelle scuole? La risposta a Fioramonti con una foto da Aleppo. Ecco la foto del simbolo religioso profanato dai terroristi diffusa da don Lazzara, da tempo impegnato a seguire le vicende in Siria. L'ultima uscita del neo-ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti in merito alla presenza del crocifisso nelle scuole continua a far discutere, e dopo la fredda bocciatura della Chiesa, arriva la dura provocazione di don Salvatore Lazzara. Alle parole di Fioramonti, il quale giorni fa si è espresso a favore di una scuola laica, affermando che è "meglio appendere alla parete una cartina del mondo con dei richiami alla Costituzione" in quanto "le scuole non devono rappresentare una sola cultura ma permettere a tutte di esprimersi", ha voluto rispondere il sacerdote, che da tempo segue da vicino le drammatiche vicende in Siria.
Lazzara ha voluto stroncare una volta per tutte le polemiche postando sulla propria pagina Twitter un'immagine decisamente forte. Si tratta di un Crocifisso dissacrato dai terroristi in un edificio di Aleppo, città nel nord della Siria. Lo scatto condiviso dal religioso è accompagnato da un secco commento."Questo crocifisso di Aleppo dissacrato dai terroristi è dedicato a tutti quelli che ritengono sia divisivo mostrarlo nelle scuole ma che poi alzano la voce quando gli usi alimentari dei musulmani non sono rispettati. Cristo rimane, i suoi nemici passano. Fatevene una ragione".


Crocifisso…bìsse…trìsse…quadrìsse…
"A Re'…dar finestrone che dà in piazza
-sur colonnato, tanto pe capìsse…-
n s'è nteso a protestà contro ste fisse
co cui c'è ggènte che 'gni tanto 'mpàzza…

Sto fatto ndo' 'gni tanto va e ce sguazza
la tizzia o er tizzio pe ripète er bìsse
sur crocifisso, che n se pò capìsse
er male che st'a ffà…!...Perché li spiazza

a queli illumminati-accosì-tanto
che da se stessi stanno llì a accecàsse
pe stà a cercà no sfogo ar sogno - infranto -

de avé er Paese tutto "laicizzato"…
Che si c'è er crocifisso…n se pò ffàsse…
Ma…nu è 'r ciarvèllo, che…va ritarato?!...

La croce è "fede", e è "storia"…
Chi vò annullàlla, vò annullà sto Stato,
Ma, mai, je s'arimpone, tanta bbòria!

Ma come ce se gloria!
invece, a ffàje avé senza 'r maiale,
er tortellino a chi … je pò fà male!


Un fatto, una poesia
Governo-accordo coi più odiati…settembre 2019 (basta scorrere le cronache….)

Se un po' di cacio ha…tutti imbastardati,
su che - i loro ideali - eran basati?!
E ci servivano i penta-stellati
pe' essere - una volta in più - canzonati…?...


La lotta …parmiggiana
Sorcetti sospettosi e assai squittenti
si davano da fare a rosicchiare
i caci di gattacci prepotenti,
lasciando loro poco da mangiare.

La banda degl'intrepidi sorcetti
ben presto crebbe, diventaron tanti
così che quei gattacci, pochi e inetti,
costretti furono a mandarli avanti…

Gli apriron le dispense coi formaggi
e i topi ch'eran pieni d'ideali
li persero man, mano tra gli assaggi
che presto si facevan veri sciali.

Le forme di quei caci eran pesanti
e chiesero l'aiuto di toponi
e insieme si sentivano importanti
e in pieno accordo come tra amiconi.

Poi, col passar del tempo, i topolini
ormai ingrassati e assai più intraprendenti
si sono mescolati tra i più affini
gattacci…Ché gl'ideali si son spenti.

Si sa, il potere quando s'è annusato
dà in testa, e porta al mal-comportamento…
E i sorci son caduti in uno stato
che dritti li ha portati al tradimento.

Tant'è che ai topi usciti ad aiutarli
voltato gli han le spalle, ed ai gattacci
-d'inizio storia - son corsi ad incensarli
senza nemmen vergogne e senza impacci.

Forse, anche … coi vermetti agl'intestini
pe' essersi smentiti, ma … col piacere
di rosicchiarsi tante forme intere
banchettano or … cogli odiati felini.


Un fatto, una poesia
Nuovo governo: addirittura due ministre solo con la licenza di terza media (settembre 2019)…
Non è per dire, ma…Chi potrebbe sperare di avere un qualsiasi impiego - oggigiorno - con la sola terza media?.
Emblematico è il caso (ce ne sono stati…!...), del medico scoperto dopo anni e anni che salvava la vita alle persone, e obbligato a interrompere, perché - pur avendo studiato quasi fino alla laurea - la laurea non l' aveva materialmente-ufficialmente ottenuta….Ehhhhh!!!!!....

…ce stùdieno de notte…?
sur come inventà certe situazzioni,
pe ffàcce - poi - "fà a bbòtte"
co quele loro strane ... soluzzioni ?!

"Studia!...
…O ar massimo farai 'r capo-scopino!"…
Così, co sta minaccia, uno studiava…
Armeno pe provà a aiutà 'r distino…
Co malavòja, ma…uno...ce provava.

E anni fa - anche - nun so…- co un …diplomino,
perfino n posto bbòno! se trovava.
Mo', vònno laurea e master pe 'r postino!
E si n cell'hai, ciaivòja a ffà la bbava!...

Però…mo', addirittura du' ministre
ce stann'a governà … co la "licenza" *…
(ma nu l'hai da notà, co ste sinistre…)…

Mo'… - nu' è pe stà a invidià, o scassà 'i…maroni
-che pònn'anch'èsse brave, pure "senza" !- ...
Ma..l'artri - co 'a "terza" - perché!...n sò bbòni?!

*di terza-media


Un fatto, una poesia
da IlGiornale, 1 ottobre 2019

Tortellini di pollo, ira di Federcuochi:"Per noi è sacro".
I tortellini sono un piatto simbolo di Bologna, forse il più iconico del capoluogo emiliano.
Famosi in tutto il mondo per la loro bontà, sono in questi giorni al centro di una furiosa polemica. Per la festa di San Petronio, santo patrono di Bologna, l'arcivescovo di Bologna ha deciso di proporre la versione con ripieno di pollo, anziché di maiale.
Gli organizzatori dell'arcidiocesi di Bologna hanno giustificato questa decisione come una scelta per permettere a tutti di consumare uno dei piatti principali della città, "anche a chi per motivi religiosi o di salute non può consumare le carni suine", ha spiegato monsignor Giovanni Silvagni. Per Bologna, i tortellini sono come la pizza per Napoli o come la carbonara per Roma…
La decisione della curia bolognese ha diviso nettamente anche gli chef. Tra i tanti che si sono espressi sulla questione svetta, però, l'opinione di Ivanna Barbieri, chef e dirigente della Federazione italiana cuochi. La professionista, bolognese di nascita, raggiunta da Adnkronos, si è detta contraria a questa scelta inclusiva, non tanto per le intenzioni ma quanto per il prodotto scelto.
"Quando l'ho saputo la mia prima reazione è stata negativa, per noi il tortellino è sacro", ha dichiarato la donna, che giustifica la sua affermazione: "Abbiamo tante altre cose nella cucina bolognese, non solo il tortellino. Si poteva scegliere qualcosa di diverso. [...] Nella mia esperienza professionale ho insegnato anche ad extracomunitari a cucinare lasagne o altri piatti sostituendo ingredienti contrastanti con la loro cultura, ho un'apertura totale verso la cucina che ha contaminazioni che arrivano da tutto il mondo, ma dobbiamo difendere il made in Italy. Non si possono confondere le tradizioni. Bologna è una città aperta e accogliente, ma per noi il tortellino è sacro."
Nel 1974 è stata depositata presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna la ricetta per la preparazione del ripieno dei tortellini, che prevede una preparazione a base di lombo di maiale, prosciutto crudo, mortadella di Bologna, Parmigiano-Reggiano, uova e noce moscata.

Er tortellino…razzista…
"Tu, sì! che sei razzista, tortellì!"…
"Ma, mbeh!…Che te st'a piàtte: te sei fatto?!"…
"Ma che!…Ce lo sai bbène che 'n sò mmàtto…
Com'anche ce lo sanno li fornelli…

Co quer ripieno che te ce 'ngioièlli
voréssi dì che nfra de voi n c'è 'r patto
studiato prima a voce e poi redatto
pe n fàvve manco avvicinà, da … quelli...?!"

Stàmm'a sentì: nun è na bbèla cosa…
No!...Proprio no!...Cammiàteve er ripieno
co ciccia che sìì meno assai … scontrosa:

de pollo, vacca, capra…in proporzione,
così d'accontentà chi …(- mo'! -) sò meno…
Che la nostra…n conta, de tradizzione…

Dell'artri…Volentieri!
Ma…Un piatto nòvo che sìì adatto ar caso,
n se pò?! A chi … je st'a ffàje ariccià er naso?..!...


Un fatto, una poesia
Cronache Biennio 2018-2019:
L'odio "legalizzato" e l'odio… "fabbricato ad arte>"….e condannato.
Più o meno uguale a: "il bue dice cornuto all'asino"…

Le più recenti. Al Parco Schuster-Roma, al gioco della pignatta col volto ex Min. Interno: "Abbiamo spaccato la testa a Salvini!". Va bene così! (intervenuta solo sindaco Roma poiché manifestazione al parco cadeva sotto l'estate-romana)…A Pontida, chi è andato a provocare, e perciò si è preso degl'insulti (certi potevano evitarsi...), apriti cielo!...Le varie minacce di morte allo stesso obiettivo…anche da preti, va bene così! Apprezzamenti sull'abito blu del neo Min. Politiche Agricole…Ri-Apriti cielo!
Da Blastingnews, 7 settembre 2019 - "Sei mesi e ti spari", queste sono alcune delle parole pronunciate in un post apparso sulle pagine social del giornalista Rai, Fabio Sanfilippo, nei confronti dell'ex vicepremier e Ministro dell'Interno…Il senatore leghista è stato invitato a togliersi la vita da parte proprio del cronista. Nel suo lungo post il professionista, che è anche caporedattore di Radio Rai 1, ha tirato in ballo la piccola figlia del leader del Carroccio, che ha solo sei anni. Su quest'ultima il giornalista ha usato parole ritenute altrettanto offensive, ovvero che "basta farla seguire da persone qualificate". "Con la vita che eri abituato a fare tempo sei mesi ti spari nemico mio", questa la frase completa scritta da Sanfilippo nel suo post. La vicenda non è passata inosservata, e viale Mazzini avrebbe già avviato un iter disciplinare nei confronti del suo dipendente.
È un continuo schizzare veleno e odio da una certa parte…Oggi, i più accaniti odiatori, stanno predicando che si metta fine ai giorni dell'odio…Bella cosa, ma…ancor più, bella pretesa...Sarà che ormai pensano di aver ottenuto quello che - a schizzi d'odio - avevano cercato.

Ognuno - a insulti - si è ben cimentato.
Compreso - addirittura - anche il papato.
Non basta - poi dir - dopo aver <sparato>:
"Oh! Scusate...Mi sono un po' sbagliato…"


Quest'odio…
Quest' odio!… Scalmanato … ben oliato …
fabbricato … Qui, incensato …e lì, odiato…
Al massimo, e di più, pubblicizzato
per darlo in pasto tanto a buon mercato…

Quest' odio tra la gente bombardato
da ogn'angolo di stato, ogni apparato,
che interno sia, o esterno, ben artato
come un unguento, a scorrer, ben guidato…

Quest' odio giorno e notte ravvivato,
da grandi pensatori brevettato…