Poesie di Armando Bettozzi


Home page  Lettura   Poeti del sito   Racconti   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

Leggi le altre poesie
Bettozzi 1 - Bettozzi 3

e
i testi di Armando

 

tutti invitati a la più granne e sugosa pulentata….

Che pulentata…!
Beh…visto che a magnà sò sempre loro,
sortanto loro infino a strafogàsse:
politicanti&affini…che er decòro
je s'è sdrucìto fino a scancellàsse,

che più li sto a sentì, più me ciaccòro,
me viè a le vòrte de penzà ar da fàsse…
Me viè 'sta matta idea e me ciàccaloro:
che er popolo, co quele …vacche grasse

ce facci 'n'abbuffata de pulenta!
Se pìa 'n paiolo grosso, grosso, grosso…
se métteno giù drento…e a fiamma lenta,

se còceno…girànno e riggirànno
côr mestolone infino a squjà ll'osso…
Ma…in quanti!... 'i baffi, stanno già leccànno!!...

A spasso con l'ombrello
Anche andarsene a spasso con l'ombrello
pur se ha di brutto, ha anche assai di bello…

Non certo quando cade giù arrabbiata,
ma quando è pioggerella moderata.

Guarda il bagnato sull'asfalto nero
quanto riluce! splende, per davvero!

E sembra che ci sia più intimità
che per le strade è più che rarità.

E è musica l'andar, col ticchettio,
'l frusciar, e, nelle pozze, lo sciacquio

Va per il naso quell'odor di fresco!
E è proprio per assaporarlo, che esco.

E muta, il cielo: quando un po'rischiara,
e quando s'ingrigisce e di più…spara.

L'ombrello or pende qui…or pende là…
pel verso che alla pioggia il vento dà.

E quando troppo soffia, occor frenarlo
con piccole manovre: ognun, sa farlo!

Ci son gli schizzi delle ruote in corsa…
Allora, è nell'ombrello, altra risorsa:

lo abbassi giù a fare il paraschizzi
e se non va…a casa, i panni, strizzi…

Ma prima, mandi un …bell'augurio al tizio
e pure questo, può essere uno…sfizio!

Ma sì! Che bello è andare con l'ombrello
pregando che ritorni il tempo bello!

Un fatto , una poesia
Giustizia…Mah! Ultimo in ordine di tempo il caso Perugia, delitto Meredith, coi co-protagonisti Raffaele Sollecito e Amanda Knox…Assolti… condannati a 15 anni…ricondannati a 28 anni…(30 Gennaio 2014- dopo sette anni). E non è ancora finita!...

Poràcci noi!
È'na parola, qui, co'sta giustizzia
che 'gniquarvòrta gioca a le tre carte…!
Ma fusse che è 'na nòva mòda…un'arte
che gira…Eh, ssì! perché mo'ce se svizzia

uguale anch'er governo co le tasse!...
Ma 'n potrebb'èsse solo un'innocente
vòja de stà a giocà, sempricemente
pe ritornà fanèlli, e spupazzàsse?!

Oppuro…e perché no…Pò èsse puro
er fatto de sniffà, o de 'mpasticcàsse…
Quarcòsa è…Ma avòja a scervellàsse!
Sarà un mistèro!…Sempre'n po'più scuro…

Ma quelo che sia, sia…è 'n brutt' annazzo
che 'n pò annà avanti: assòlto…condannàto…
poi riassòlto…o colpevole e grazziàto….
De vero è che 'n ce state a capì 'n càzzo!

Poràccio chiunque cià a che ffà co vvoi!
"Fiducia"…Ma de che! si a un innocente
lo strangolate, e 'nvece, impunemente,
chi ammàzza: fòra! Aoh!…Poràcci noi!

Qua de sicuro c'è sortant'er fatto
che 'n sò 'na garanzia li tre pocèssi
che mai 'na vòrta arìveno a li stessi
verdetti…e che…comunque sia…c'èsci matto!


…Nella vita, e nel mondo in generale…Nella politica nostrana, in particolare…

Er teatrino
Ma quante vòrte che me cià portato
mi' padre ar Pincio a véde quer teatrino
de crete, pèzze, fili e fantasia…!

Restavo a bbocca operta 'ntusiasmato
a stà a guardà e sentì 'gni burattino;
ridevo e nun volevo annà più via.

Stàveno sempre a pìasse a bastonate
li burattini, e a queli malandrini
je dàveno ggiù…Càcchio! che sonate!...
E je piaceva a granni e regazzini.

Calava er siparietto, e in quer momento
te ce sentivi proprio assai contento
che er pupazzetto bbòno aveva vinto:
mo' ce lo so perché: perché era finto!

E invece, mo', er teatrino ce lo fanno
pupazzi tutti griggi, in carne e ossa….
che de continuo sbajeno ogni mòssa
e ad ogni sbajo noi pagamo er danno,
ed è tarmente pieno de magagne,
che si uno ride, è…solo pe nun piagne.


…te dìcheno: sò idèe da medioevo…

Er puzzo è puzzo…E er puzzo - sempre - accòra!
Quann'è che 'n se sa più che se pò ddì
si se fa er quadro de la situazzione
- che è quela che è, e chi st'a vive qui
e nno su Marte, avòja a ffà obbiezzione -…

(ma che è da fà…sinnò vorebbe dì
che se st'ammétte più de quarche sbajo...) -…
che ffano cèrti…? Fanno lì-ppe-llì
'na citazzione…e zàcche! dànno un tajo.

E spiattellànno frasi e personaggi,
e fatti de la storia, fanno sfoggio
sperànno che sentènno, te scoraggi…
e t'aritiri tutto mòggio-mòggio…

Così, però, nun s'arisòrve un cacchio…
Guà' in parlamento: cércheno un incontro?...
"Eh, nno! te fanno…Questo è un…inciuciàcchio!..."
Pe lloro, quarsia còsa vòr dì: scontro!

Che a tutti j'annerebbe puro bbène,
si fusse pe ffà er bène pe davero!
Ma senza 'na morale…che se ottiene?
Sortanto d'annà in fonno a un pozzo nero!

Che poi sia quello llì der medioevo
o questo de oggiggiorno…er puzzo accòra
in tutt'e due li casi: llì 'n ce bevo…
ma qui nun è che er puzzo…s'avvalora!...

Un fatto, una poesia
guai gestire insieme…i guai del Paese!...Meglio i guai, che "intese sacrileghe" per sanarli…(gennaio 2014)

Bistecca fiorentina ar zafferano
Che ffa Matteo, mo' che sta in cucina?
Siccome …"'u gli garba" er minestrone,
che er troppo tutt'assieme lo scombina
facènnoje vienì l'indiggestione,

prepara 'na bistecca fiorentina
a mmezzi co quer tizzio che propone
de aggiunge zafferano e margarina…
Ma tutta la famija je se oppone,

ché vònno er minestrone e stà llì a cena
assieme a llui! ma senza! l'invitato…
Sentissi, aoh!...E vedessi si che scèna!

C'è chi ce s'è strappato li capelli!
E uno addirittura s'è abbruciato,
cercànno de smorzàje li fornèlli!

Ma:"Avòja a rosicà!...- lui j'ha strillato -
Qui vòi, o 'n vòi, mezzo ristorante
è 'r suo…e stop! a 'ste…crociante-sante!".

All'artra ggènte j'òffre camomilla
in quantità oceanica
perché è aggitata in mòdo sconcertante
e ar nome de quer tizzio…ancora!…pànica!

Sento ancor, di quell'umido profumo
Sento ancor, di quell'umido profumo
di ciclamini, e muschio di presepe,
e quello penetrante dei boleti,
l'essenza adatta a rinnovare il mito
dell'avventura ambita e ognor trovata
nel bosco fitto, e tra la macchia, sparsa
a cinger dei miei sogni i miei domini
di verde colorati ed imbevuti,
che lo scoglioso fosso, attraversava.
Mistero, allora, era il defluire
leggero di quell'acqua gorgogliante:
donde scendeva…e dove se n'andava?
Sembrava, e sembra, andar come la vita:
che nasce, e scorre via a cercar riposo,
e in seno a un fiume, alfin lo trova in mare...

Vorrei che, come dopo un temporale,
il cielo su quel mare si schiarisse,
e, pur di notte, vi si disegnasse
- sereno - il colorito arcobaleno,
mentre son da adagi, e armonie cullato.


c'è più de quarche cosa che nun va…C'è troppo!

Tòcca ritarà er ciarvèllo!
Quer baco che…arivava, e nu' è arivato
er giorno ch'entrevamo ner dumila,
è arivato, eccome! E ha rosicato
ciarvèlli umani tutti quanti in fila,

invece de magnà er carcolatore...
Sinnò…'n se spiega quelo che succède:
che solo chi cià all'occhi un rifrettore
pò nun vedé er casino che se véde!

E quelo che se véde fa paura:
partiti che sbarèlleno ner vènto
co ognuno e tutti contro: 'na jattura
pe er bène der paese… E 'na curtura

che vònno fàlla cresce ne lo sfascio
de quer tesoro ch'era la famija…
Mo' vònno che va solo er "pijo e lascio"…
che a Sodoma e Gomorra m'assomija.

E vònno scancellà mamma e papà
ché ar posto loro "genitore-uno
e genitore-due" cià da stà!
Solo…così…pe accontentà a quarcuno…

Ma quanti de st'ipocriti sfacciati
se inchìneno a un presepio - che è famìa
de padre, madre e fijo, dichiarati
da Dio er solo mòdo…e 'n c'è artra via?!

E tòcca aiutà più a chi c'è lontano…
- ché va de mòda - e vai in televisione!-
Sortanto a quelli è bène a dà 'na mano,
perché ar vicino…nun fa senzazzione…

Mo', 'n basta manco più che a li portoni
li stàmo a tené sempre spalancàti…
Mo', vònno - queli soliti…li bbòni -
buttàlli via der tutto…O ssò drogati

o, appunto, sta a girà quer baco llì,
che sta a succhiaje un pèzzo de ciarvèllo...
Com' è che gn'ariesce de capì
che er tròppo stroppia…e gènera er macèllo?!

Chi più, chi meno, tutti sò ingrifati
ner mette tutti fòra de galèra
li pèggio delinguenti carcerati,
e trasformà le celle a na magnera

che si nun ce la sfanghi a tirà avanti
conviè che imbocchi dritto-dritto, drento...
Ma guarda 'n po' si c'è 'nframmezz'a tanti
chi sciopera pe er bòn funzionamento

dell'ospedali!…der pronto intervento!…
Nun fa notizzia…È fòra da 'i ciarvèlli
de queli che ssò pronti ogni momento
a ffà caciàra…Sì…sto a ddì de quelli…

E nun sia mai che…pe sarvà la vita
ammàzzi a chi te stava pe ammazzà…
Sò affàri tua!…Ma null'hai capita
che qui la legge vò che pe sparà

dovevi pellomeno assicuratte
che era proprio malintenzionato
er tizzio entrato ar buio pe rubbàtte?
Perché sparaje…si nun t'ha sparato!?

E pòri genitori…Obbrigàti
da certa legge che nun cià ritegno,
a mantené li fiji debosciati
ad ogni età…sippure er fijo è indegno…

Pe 'n dì de tanti poveri mariti
che er "Sì" je sta a costà l'ira-de-dio…
La légge je sta a ddì: "V'hanno traditi?
Beh…Mantenétele…o ce pènzo io!"...

E nno!…Così 'n pò annà...Ce vò 'na svòrta:
E avòja a ddì se càmmia a votà bbène…!
Chi scejo, scejo…Nu' è la prima vòrta
che lo "scerto" fa quer che je conviène!

Si er voto è er solo mòdo de svortà,
qui - arfine - è mèjo a méttece 'na croce
e a rinuncià a 'sta troppa libbertà
che a fforza de strillà…nun cià più voce.

A bravo!...'n t'aggità! Cerca a capì:
nun te sto a ddì la purga e er manganèllo!
Che a tte te piace de capì così…
Dico che tòcca…ritarà er ciarvèllo!

Avòja quanto ancora c'è da dì…!
Ma è mèjo che me fermo che ssò tròppe
le còse che…ce fanno stranutì…
pe nun dì pèggio…Avòja a mmétte tòppe!...

 


                      
   dove venne impiccato-bruciato Gerolamo Savonarola, a Firenze                 il monumento del 1889 a Giordano Bruno a Campo de Fiori,Roma,
    nel 1498 (ceneri gettate in Arno).
                                                     dove era stato arso vivo nel 1600.

A la fiera dell'esaggerazzione
Da 'ndove c'è er Nettuno, a li Priori,
Savonarola ancora ce s'accòra
ner véde er monno che st'annà in malòra
e proprio nu' je pàre che mijori

dar tempo suo, che co l'Apocalisse
cercava er mòdo de poté fà intènne
che si nun se va ssu, 'n se pò che scenne
sempre deppiù più ggiù...E disse…e scrisse

tarmente, da èsse er pèggio piantagrane
co quer su' predicà li su' penzieri,
da fàje girà er còso a li poteri
der gijo e de le porpore romane,

che in quela bèlla piazza fiorentina,
un giorno l'impiccòrno e l'abbruciòrno
e quelo che rimase lo buttòrno,
levànnose quer gran pòpò de spina..!

E co Giordano Bruno è stato uguale,
che puro lui rompeva a li poteri
quanno li papi èreno…guerieri…
Mo c'è er ricordo suo…monumentale.

Si ar giorno d'oggi ancora se facésse,
sai quante còrde e quanta carne ar fòco…!
Ma mmo' se pò dì tutto a 'sto gran giòco
der tutto se pò ffà…nell'interèsse

de…'na stralibbertà, che s'arimpone
uguale a 'n'abbuffata esaggerata…
Che la misura…ancora 'n s'è trovata
…'nde 'sta fiera dell'esaggerazzione.

Quando mi fermo corrono i pensieri
(a Lisa)

Quando mi fermo corrono i pensieri
a cavalcare i sogni mai scemati
dei giorni che ha tritato il tempo avaro.

Ognuno ancor m'è caro
stampato con il fuoco illuminante
che i dì di giovinezza arde e infiamma.

Da quei della mia mamma
all'avventure audaci, e a quei misteri
di insonni notti e troppo lunghi giorni.

Quando mi fermo, son di te più adorni
tutti i momenti miei e i miei sospiri,
con noi nel sogno immersi, senza tempo.

Un fatto, una poesia.
Nella busta paga - bloccata, dei professori (come quella degli altri statali) è entrato - per sbaglio - un adeguamento al c.d.v., o "scatto" di 150 euro. Manfrine a non finire...Ma con repentina decisione governativa, l'errore (più giustamente: l'imbroglio) - pur ampiamente riconosciuto (e che altro potevano fare...), "deve rimanere!"!
...non c'è niente da fare...Ancora stanno dicendo: "il voto...!"...Ma il voto....non gli cambia il cervello!
Scusate, professori, non è contro di voi...Ma un'ingiustizia bella e buona è stata fatta, nei confronti di tutti gli altri lavoratori statali che hanno gli stipendi bloccati da cinque anni...In quanto ai governanti - bugiardi e prepotenti - sappiano che lo sappiamo che è stato uno "sbaglio" fatto ad arte...Meglio ancora: "....di parte!" (ancoraocra…interviene Re Giorgio…)… (Gennaio 2014).


Lo sbàjo-imbròjo
La Legge - stann'a ddì - è pe tutti uguale...
Ma ancora - n'artra vòrta - pe quarcuno
st'antico detto qui da noi...nun vale.
Lo "scatto" o è pe' tutti...o è pe nisuno!

Te stòmmica che - papale, papale -
te dicheno:"È 'no sbàjo...Embeh..ognuno
se pò sbajàsse...Embeh!...E che c'è de male!...".
Aoh!...Ce fusse quarche vòrta uno

che pìa chi sbaja e...a carci in culo: "Fòra!"
- je fa...- . Côr...còso! E 'n vònno fà corègge:
"Fermi tutti!", a chi ce prova...E è ancora

'n'antra presa pe'r culo...Che è evidente
che l'hanno fatt'appòsta! e nun s' arègge!
Govèrno fàrzo!...ladro!...e prepotente!


ancora vònno dàsse a li bagordi…
e er cammiamento vero…te lo scòrdi!

ce soffrirà, poràccio, chi ce crede…
ché er cammiamento vero…nu lo vede.


Anno nòvo…Vita nòva!
Da come l'anno nòvo s'è affacciato
pell'aria sta giranno er cammiamento.
Se vede speciarmente in parlamento
indo' ogni senatore e deputato

cià in testa - daggià bell'e disegnato -
er mèjo mòdo pe passà l'aumento
de tasse…de barzèlli…in che percento…
Inzomma, come mèjo va fregato

er solito fregnone che lo vota.
E in più se dà da fà pe cammià er nome
a le tasse e ar partito, er Testa Vòta,

pe ffà vedé che st'a cammià le còse…
E penza, quer furbone, ar quanno e ar come
fregà li sòrdi pubblichi…in che dòse…

E puro noantri, mo', côr nòvo anno
pe ffà 'na còsa nòva sai che fàmo?
Sentimo a 'sti buciardi, e…mugugnamo,
penzamo ar vôto…e intanto…ce se fànno!

Da quella tana esce ove s'annida
Da quella tana esce, ove s'annida
i giorni a tesser nuove sensazioni,
e…a rimuginar le vecchie…E affida
a versi - differenti in forme e toni

il suo volar, come alla macchia il tordo.
E mentre va si spande, e messaggera
si fa di sentimenti, ed anche al sordo
sa far sentir le voce sua sincera.

E come un cavalier senza timore,
avanza oltre i più solidi steccati,
con l'inno - un martellante verso: "Amore…",
sa aprire brecce tra i disincantati,

e refrattari al bello qual che sia.
Sebben d'umor cangiante è sempre onesta,
e il nome ha melodioso: Poesia,
e il suo volar nessuno, mai, l'arresta.

Or va, e se vuoi - da tutti - essere letta,
ad ogni porta bussa…Ti apriranno.
Magari sol per dirti: "Maledetta!"…
Ché c'è anche chi da te ha timor d'un danno.

La nostra forza
(a Lisa)

La forza della notte son le stelle
che brillano a miliardi su nel cielo.
Del giorno, è il sole
e il volo degli uccelli a ciel sereno.
Del mare è il cavalcar di azzurre onde,
e dell'amor
lo sguardo ammaliator delle donzelle.
Del mio paese, è il suon delle campane
e quel che sulle pietre resta scritto.
Del criminal, la forza
è la scorza che contiene ideologie
più criminali ancor dei criminali…
Di… quella gente…
è il voto, democratica illusione...
La tua e mia è il nostro amore bello
che mai tradisce,
e supera qualsiasi condizione.
Di te, sei tu…te stessa: in anima e ragione.

Un fatto, una poesia
Quanti associazionismi solo auto-referenti, e inutili, e fastidiosi, se non dannosi, per tutti gli altri…
Vegetariani: che mangino insalata e cavoletti a pranzo e a cena…Ma perché volerlo imporre agli altri?
Animalisti: perché imporre agli altri la loro passione per le bestie? Già è tanto che si sopportino (eufemismo) cacche e schiamazzi dei loro cani giorno e notte…Perché il piacere di tenersi un cane deve diventare una croce per gli altri? Perché togliere la libertà (che per loro e le loro bestie reclamano) ai cacciatori di andare a caccia?
Ecologisti: amanti delle passeggiate per i centri cittadini: bellissimo passeggiare godendo delle bellezze della propria, e delle altrui città…Ma questa loro libertà sempre gridata e pretesa, sbatte rovinosamente contro esigenze più impellenti di chi poi deve sobbarcarsi disagi inauditi per andare al lavoro in mancanza di ottime, o almeno buone, soluzioni alternative…
I Buonisti, come ad esempio, quelli di "nessuno tocchi caino". Che vogliono gli assassini a spasso pronti a riammazzare. Ma chi uccide per difendersi da quegli assassini, o temerari pronti a qualsiasi atto che terrorizza, non è per loro un "caino" da difendere…

Secondo la cronaca di questi giorni (dicembre 2013),
arrivano, questi fanatici, a augurare di morire, a una bambina disgraziata. E, esplicitamente, con faccia altro che da culo!! spiegare: meglio lei, al posto dell'animale, che non dev'essere cavia per nessuno…in nessun caso…Ma si rendono conto, questi…signori?!


Che possa prender voi brutto malanno!
Che possa prender voi brutto-malanno,
ingobil parte della razza umana!
poiché volete che diventi vana
(per lor che - voi sapete - a soffrir stanno),

perfino quella flebile speranza
di aver dagli animali il giusto unguento
che a loro possa dare lenimento…
se non la guarigione…E ad oltranza

ignominiosamente v'azzardate
con supponenza becera e puzzona,
a dir: "sacrifichiamo la persona,
e non la bestia!". L'unica che amate!

Poteste…protestare, alfine, voi!
che avendo voi lo stesso mal di quelli
allor vorreste che su cani e agnelli
si ricercasse…E…"NO!!", urleremmo, NOI...

Inverno
Si porta via le foglie, e sfiora i fiori
il vento che sa ancora di ciliegie…

Le bacche dei cipressi solamente
tenacemente restano aggrappate,
come arroccate al ramo, mentre sfiora,
scolora, e sfoglia aiuole e campi, il vento,
con l'intento - che riuscirà - di avere
il belvedere rotto in tristi stecchi
qual vecchi sconsolati, oramai pronti…

Passati, poi, i freddi e i disadorni
giorni, ogni aurora tornerà fiorita.
E la vita…? Dalla fissa dimora,
in un'ora lontana, chi lo sa
se tornerà col sole a rifiorire…
se, del morire, passa, la stagione?
La ragione non sa…È cosa di Fede.

Si fa, il pensiero, di color del piombo,
e a Dio le ali chiede, per volare…

E in cuore esplode un grido col rimbombo.

Natale…vero
Di pianto ha intriso il viso
che sgocciola dolore,
non sa cos'è un sorriso.
Soltanto - chiede - amore.

Per lui pregando, io,
è pur per me che prego,
e se gli do una mano
io satana rinnego,
e verrà un giorno in cui
non l'avrò fatto invano.

Inciso di dolore
avea anche Lui il viso…
Ma a noi con tanto amore
non lesina il sorriso.

Il caffè
Lassù, oltre alla luce e ai dolci incanti
dei suoni delle trombe tutte d'oro,
vorrei poter trovarci anche il tesoro
che qui dovrò lasciar tra i miei rimpianti…

Lo gusterei cogli angeli e coi santi
appena si fa giorno, e io, con loro,
sorseggerei - di quel capolavoro -
profumo e gusto, fra l'abbaglio e i canti.

Fumante e scuro, dentro la tazzina
lo verserei, e a sopra a sopra, un velo
vedrei formar, di soffice cremina,

che è quel che del caffè ne fa poesia,
e sorta di lussuria ammessa in cielo.
Potrei, chissà…anche berlo col messia!


…letterina speciale a Babbo Natale…

Caro Babbo Natale
Chiedo pe…llôro…Pe mme 'n chiedo gnènte!
Però…vorébbi avé 'sto chiarimento:
com'è che a'sto paese quela ggènte
che cià li fili in mano - a piacimento

arùbba…s'approfitta impunemente
der pòsto che je dàmo, e a sfinimento
ce pìa pe scemi…'n ce véde e 'n ce sènte…
e ffa promesse tutte spàrze ar vènto…

e er vôto nostro nu' è che er "nulla osta"…
Com'è - dicevo - che margrado tutto
continui a 'empije er sacco, che ce còsta

l'ira-de-ddio? Quanno invece a li pupi
li tratti a carbone…Mo'- asciutto, asciutto -
te l'ho da dì, visti li tempi cupi:

a 'sti farsi che 'n vàrgono un'acca
perché er sacco…gnel'ariempi de cacca?!?

Presepe vivente
Al sol che brucia si consuma il giorno
su un presepe senza voli,
senza stella a guidar gli sguardi e i passi.
Né regali, ci son, né allegri canti,
ma sol, di mamme inebetite, il pianto
senza ormai voce, e lacrime da dare:
seccate, come i seni della vita.
Gesù-Bambini in braccio a mali e inedie.
Niente aliti, se non i minacciosi
rotear d'ali…con quello generoso
di falce pronta a mietere
pei giochi in cielo, angeli,
davanti a chi una falsa prece muove…
davanti a chi per scelta è sordo e cieco.

Guardare a quel presepe d'ogni giorno,
ha più valore…ha più benedizioni
che starne a far di finti e a inginocchiarsi;
accompagnarvi con le mani un soffio
sui tanti Bambinelli sofferenti
sarebbe il più bel segno dell'amore
che al suo natale c'insegnò Gesù.

Natale 2013

Un fatto, una poesia.
….brutta aria…brutti segni…Ma le uniche risposte sono chiacchiere….chiacchiere….chiacchiere, di "tutti i colori" …Ignorare…sperperare…restare attaccati anima e corpo al finanziamento pubblico ai partiti (da loro trasformato in: rimborso spese elettorali…E allora…!?!)…Ma fino a quando un popolo disoccupato, ma tartassato, può aspettare?
La contro risposta è: Agitazione dei "Forconi" in atto in giro in tutta Italia…L'aspetto più apprezzabile in questo, è la mancanza di simboli politici, e l'unificazione di tutti sotto un'unica bandiera: il Tricolore Italiano (a parte i soliti indesiderati…infiltrati…).(dic.2013).


Rivoluzzione
Sòr fregnaccione che stai llì in portrona
la storia ce lo sai chedè…? L'hai lètta?...
Sta a ddì che l'affamato nun perdona
si vede che sei te la su'disdetta.

Si quer che lui te chiede nun te sòna,
abbòzza…nun cià fretta…lui t'aspetta...
Ma si 'n te smòvi…arfine te bastona
si ffai l'indiano e insisti a 'n daje rètta.

Si ar pane ed ar lavoro che sta a chiede,
demograticamente j'offri er vôto…
primarie de giornata…e je fai véde

che tutti quanti assieme v'abbuffàte…
che er "referèndo" è artro sfottò in tòto
- ché si 'n ve piace ve lo riggiràte ! -

dìteme 'n po' voi: che v'aspettate:
che er citriòlo ha d'annà sempre…'ndo' è nòto?
La storia inzegna: arfine sò serciàte!

I fiori del gran prato blu
Nel blu del grande prato son sbocciati
- disseminati in ogni direzione -
a mille, a mille i fiori illuminati
che fanno stare con il naso in su.

Han vita breve, poiché tutt'al più
all'alba già si spengono, smorzati
da quella più ineffabile emozione
del fior, che tutti lascia abbacinati.

Sono, quei fiori, tutti senza gambo:
li fanno star su i sogni e i desideri,
e l'anime che vagan per lassù…

Profumano di pace tutto il blu:
le aiole immense, e i celestial sentieri…
Pur se è un pensier…che può sembrare strambo.

Mi cullavano giovani speranze
Giovani, erano, e calde, le speranze
di fine porcellana variopinta;
fragile, e inerme, e tuttavia tenace,
in teca di cristallo custodita.

Ed eran vaghi i sogni, indecifrati,
tra nubi di celeste rivestite;
zampilli di sorgente alla frescura,
sorrisi agli orizzonti spalancati.

Giovani, erano, e calde alle fucine
le vite sugl'incudini forgiate;
e l'anime, dai corpi rivestite,
cullavano pensieri innamorati.

La calma, il turbo ha messo, ed ora è fretta,
e le speranze son rimaste indietro;
ora il cristallo è diventato vetro
e…sa di quel destin…che all'ombra, aspetta.


l'Arte - quella maiuscola - è…deve essere universale, cioè compresa da tutti…
I soliti…cervelloni, invece, predicano quella che "più 'n ce se capisce un c…, e più è …gajarda!"…E chi gli da retta - scusino chi lo fa - somaro dalle orecchie lunghe è, uguale a quelli…Ma chi li contraddice…E vanno avanti, pensando di dire chissà che…


L'ucèlli de razza
Sempre c'è stato, c'è, e ce starà
chi vò sentìsse ucèllo che svolazza
più sopra de 'gni còsa…E quer che sa
- siccome ha visto un po'- te lo starnazza

pe ogni parte, co superiorità,
perché è 'n ucèllo - come dì - de razza,
appetto a chi…: "Nemmanco sa volà!"
- stann'a gracchià -…'n capènnoce 'na mazza.

E vònno inzegnà all'artri er <nòvo volo>:
"Infin'a mmo' usavate annà coll'ali;
ma mmo' chi vvò volà, volerà solo

girànno la linguetta o er piselletto
- seconno er proprio sèsso - o…cerebbrali
saranno li sfottò pe chi fa er gretto!".

-----------------------------------------

Uguale, è quanno pìa lo schiribbìzzo
a cèrti de poetà…senza dì gnènte,
o de fà un quadro spennellànno a schizzo…

Che artre tèste, poi, pe ddàsse l'arie,
ce se scappèlleno, e…curturarmente
se sènteno più ssù…e…<elitarie>…

E - come missionari -...de che?...Boh?!
a un mòdo che je pàre chissàché,
te dìcheno: "Così…'n sia mai! 'N se pò…!
Così, nun va…Così…sei demodé:

secônno er grànne Tizzio…qui ce vò
de fà così…e cosò…e cosà…perché
si nun se fa cosà…e così…e cosò…
e ffai capì quer che fai…che arte è..?!"

E ffànno er sôrcio apprèsso ar pifferàro:
in fila indiana pe poté fà parte
de quer che và ar momento…e nu' j'è chiaro
che a 'sta magnera stann' ammazz' all'arte!

Un fatto, una poesia
"Chi amministra, minestra…! E nun c'è colore che tenga…Artro che càvoli, cioè: artro che <primato morale> ! Ma de che!...
…A tòzzi e boccôni…ma viè fòra!…(in tv: anche in EmiliaRomagna…se magna!). (nov-dic.2013.)


Roma(ma)gna…come magna!
'Nfra preciutti e parmiggiani
e lambruschi a schiuma rossa
- che la fame se fa gròssa -
come fanno quei cristiani

a stà a riccontà la bbàlla
che "llì, nno!…llì nun se magna…!"…?
si quer cacchio de cuccagna
è 'n invito a divoràlla?!

"Ma de che?... Che state a ddì…!
Qui c'è solo ggènte onesta!
Ché côr marchio rosso in testa
'n se pò èsse che così!"

Però - invece - a la bon'ora! -
puro llà se sò scopèrti
l'artarini…e se sò operti
tanti vasi de Pandòra…

Mò, co le fregnàcce…abbàsta!
Ché in Emilia ed in RoMagna
mo' se sa! si quanto magna
chi llì cià le mano in pasta!

Caro amico bolognese,
lassa stà: è tutto 'n paese!
Che magnavi puro te
"tortellini e consommé"
sai da quanto ! era palese!

Un fatto, una poesia.
succèsso er 27 Novembre 2013, in Itlaja, Repubbrica fonnàta su…"Repubblica"…

Er vôto demogràtico
(con l'accento cambiato il titolo non cambia… " Er vòto demogràtico)

Dovémo festeggià co lo spumante
er fatto ch'è succèsso giusto ieri:
che llì - a Circo Madama - 'i giocolieri
co la sciortézza degna der giostrante

se sò cavati er dènte dolorante…
Dàtte da fà, a Re'…Arzàmo li bicchieri!
Brindàmo, perché arfine, 'sti gegneri
de libbertà e demograzzìa pippante,

a tutt'er monno j'hanno fatto véde
siccome fà, pe ffàlle funzionà:
côr vôto obbrigatòrio! che provvede

er risurtato bell'e programmàto
da chi - quer dènte - stava a ffà penà…
L'hanno cavàto, ma…già è ricicciato!

Ma che ne vòi sapé…
(a Lisa)

Che vòi sapénne de chi ciò vicino…
De quer che c'è nfra nnoi, che vòi sapénne!
Che vòi sapénne te, de chi, er destino
fa mette assieme senza mai pretènne

nient'artro che stà inzieme pe la vita…
Te sei sentito mai a sconquassàtte
sortanto ner vedéttela avvilita,
che er còre pare che 'n te vò più batte?

Pe quanto che pòi èsse innammorato,
che vòi sapénne te der lagrimone
che scénne ner penzà a quer che c'è stato:
quarsìa piccola cosa…ogni emozzione…

sole e bufère…nfra li sì e li no…
Mo' c'è er ricordo, e c'è la commozzione
ce sta er rimpianto, e ancora quer che fò
pe arigalàje ogn'artra sensazzione…

Un fatto, una poesia.
27 Novembre 2013: certe votazioni…
27 Novembre 2013: un certo discorso…

Fischia…er vènto!
Nun è che c'è da fàsse er sangue amaro
ma manco ce pòi èssece contento
de quelo che succède, amico caro,
da quanno ha incominciato a fischià er vento,
e apprèsso j' ha tonàto la bufèra.
Sarà…Ma nu' mm'è parso naturale
quer soffio pe mannà a finì pe tèra
la grossa quercia, che da quer crinale
je stava ad impedì de soffià avanti...
Mo, quella llì 'n c'è più a paràcce er vento,
che mmànna fischi sempre più assordanti,
e ll'eco l'arimànna, a sfinimento.

Ma nno!….Aspetta!...Er vènto sta calànno…!
E puro la bufèra…! Se stracìna…
ché già le fòje stànno ricicciànno
su quela quercia! Er che…vòr dì…'Ndovìna…!...

Sono il passare del tempo che passa
Sono il passare del tempo che passa,
son come tempio che al tempo è lasciato,
dove son travi che cadono, e i coppi;
dove si fan prepotenti le erbacce.

Ricoprono tutto senza mai tregua,
e fuori invadono, e invadono dentro,
senza lasciare agli spiriti un loco,
allora cercati, e cacciati, adesso.

Tutto è sbiadito, i colori, i ricordi,
quello ch'è stato non sembra sia stato,
tra le rovine, che un tempo eran festa,
festa di vita che esulta alla vita.

Vita affacciata su spazi infiniti
dove correva legger l'aquilone,
l'arcobaleno smorzava le furie,
e si nutriva il mio viver, d'amore.


Il mondo è!…imperfetto…Solo per guardare a questo mese di Novembre 2013, o dintorni, certi Stati americani sono stati messi in ginocchio dai devastanti tornado, le Filippine contano migliaia di morti da tzunami, la Sardegna è per metà allagata: in una manciata di minuti un'impensabile alluvione ha distrutto case, lavori di una vita, e ha annegato persone come sorci in trappola…
Rimedi? Rifare - per quanto ci riguarda - l'Italia…da capo a fondo (?!?)…E che ci vuole…a dirlo! Addrizzi qui…ma si storce lì…e al contrario, e via così, all'infinito…Per illuderci? Per consolarci? Chi ci vuole credere…Anche che ce ne siano i soldi necessari... Intanto, per sfogarci dell'imperfezione del mondo, e della nostra impotenza davanti ai catastrofici fenomeni naturali - non potendo prendercela con…. prendiamocela con la Protezione Civile Nazionale, mettiamola sotto inchiesta perché, avvertendo con troppa enfasi ha indebitamente causato pubblico allarme, o per non averlo fatto…ha causato le catastrofi da alluvioni, terremoti, smottamenti…Che - a sentir dire - "erano evitabili". Sempre!.. (?!?) Come effetto collaterale, sentendo certi discorsi, a parte tutte le buone intenzioni, con quel che sempre succede, purtroppo viene anche da pensare a quanti viene già l'acquolina in bocca immaginando il fluire - tra le proprie mani - di ingenti bottini…

"Valle de lagrime"
Quann'è che casca ggiù de 'sta magnera
tutt'addannàta, fitta, e svorticôsa,
che pàre er mare che sta a ribbuttàsse
dopo èsse stato risucchiato in cèlo,
nun ce sta scampo…Si te vò fà mmale

ciaivòja a ombrella! È tutta cattiveria,
è furia scatenata, e a la cèca
'n do' còje-còje, senz'avé pietà.
Ècco er perché succèdeno 'ste straggi
de cicloni, tzunami, allagamenti…

Fa spèce che 'sti granni cataclismi,
co pure incrusi frane, e teremòti,
succèdeno deppiù ndo c'è de meno…
Sarà pe compenzà?...'N se sa che ddì…
Quarcosa…o più, sarà anche côrpa nostra…

Però chi pò negà che succedeva
puro a li tempi de Matusalèmme?
E mica c'era er "bucio" de l'ozzòno…
le cimignere, er petrojo…li càvoli…!
Eppuro, questo è! E perché, allora?

Mbeh…Caro mio, er perché va ricercato
inzieme a quer perché senza er perché:
perché se nasce…e se campa…e se mòre?!...
È tutta ròbba che va chiesta ar cèlo:
e tante còse già sò state dette:

si ce credi, te pòi riconzolà,
Sinnò…comunque sia…ciaivòja te
a stà a 'ggiustà teréni, fiumi, mari….
'Nde 'na "valle de lagrime"…se piagne…
Ridemo finacché se pò…E…pregàmo!

L'attimo d'amore
Uno sfiorar…E fioca, una luce
di prima dell'aurora, già s'è accesa…
Seguitan le labbra a fare il gioco
e nel giocar la luce si fa alba…
S'indora…riluce sempre più.
Si illumina, e si scalda, e tutto or si colora,
il sole, e sale,
e lentamente,
veli di nebbie scioglie,
e il suo astro
nelle mani accende.
Spaziano, queste, nell'accecante luce
che il buio in giorno muta,
come del faro il fascio lungo il mare.
Un mare che ora agita alti spruzzi,
e al vigoroso suono, ondeggia,
e tutto, alle risacche, lascia
strascinare a forza…
La fantasia galoppa e inventa ardori,
ed al suo zenit
ha spinto intanto il sole, che ora brucia.
È fiamma che s'insinua…
è un magma, che,
dentro, smuove e scioglie
- come oro al fuoco - la fornace,
e all'improvviso, esplode,
così, come il vulcano, esplode.

La mattonella
(a Lisa)

La mattonella,
quella in penombra, all'angolo,
era nostra, già da un po'…
Gli altri parlavano,
con un bicchiere in mano,
e ritmandosi
ciondolavano, come meglio potevano…

Le note si libravano nell'aria
melodiose,
mentre ti stringevo a me…
E tutto intorno a noi
era vuoto profondo…
Sempre un po' di più
ti abbracciavo.
E tu…non reclamavi.
"Voce 'e notte"
ci entrava dentro:
33 giri galeotto!

La bella melodia, più d'ogni parola,
poteva…
Muti, stavamo,
e in quel silenzio
dicemmo il nostro amore
là sopra, fermi, quasi,
a sognare già…chissà che cosa….

Le mani soltanto, parlavano
senza dire,
in quell'irresistibile stringersi
per essere una sola,
preludio al primo bacio,
arrivato senza pensare
all'orchestrato inciso di quel brano.
Quasi rubato…improvviso…
O…forse…atteso, coi nostri occhi di sogno,
che si entravano dentro…

Certo, qualcosa dev'essere rimasto
sopra quella mattonella,
se ancora c'è…
Certo di sì, dentro di noi,
di quel nostro magnifico
irripetibile momento,
così vivo e così bello, ancora.

La freccia di Cupido
(a Lisa)

Davvero è micidiale questa freccia
che fiero scocca il dio dell'amore,
per sfissurar nei cuori quella breccia
da cui infilarci un sano sentimento,

il più potente: l'innamoramento
che non pretende, e è puro, e incantatore,
che tutto dona senza far rumore,
e è cosa senza pompe…casareccia.

Era, quel giorno, un giorno come tanti…
Però, per me fu il giorno dello scocco.
Tutti, da allor, per me sono importanti,

i giorni, ché sono i giorni con te.
E giorno dopo giorno trova sbocco
da tal fessura…quel che sento in me.


sempre, in ogni cosa, il troppo stroppia…

Da scuri nembi in ciel disseminati
(il troppo…stroppia)

Da scuri nembi in ciel disseminati
propizia scende pioggerella al prato,
ed ogni fiore sembra che è rinato:
ché tutti erano chini ed assetati.

E adesso, tutti quanti ristorati,
i fiori col vestito profumato
dan sfogo a quel fiorire colorato
che lascia i nostri animi estasiati.

Ma quando l'indomani il ciel si oscura
e tutto si apre e butta all'impazzata
un mare d'acqua, giù, da far paura,

s'allaga il prato, e annegano i bei fiori.
E l'area già fiorita è devastata,
ché: "il troppo, tanto stroppia"…che ne muori.

L'apparizzione a Grottaferrata (da un programma televisivo 12 Novembre 2013)
Grottaferrata, Roma, una popolana cerca i funghi…è stanca, non ce la fa più…Ma ecco la "visione" e chiede la grazia: di farle passare la stanchezza per continuare a cercare funghi…
(ma…a ognuno che spara cazzate….possibbile che er giornalista je deve sempre règge er gioco, facènno anche lui, uguale e anche pèggio, er cazzone?In nome della…libbertà d'informazzione…(!?!).


L'apparizzione a Grottaferàta
A Grottaferàta, ce sta er vino bbòno…
Eh, ssì! è quer vinèllo che llì a li Castelli
va ggiù 'na bellézza…!
A vòrte succède - e nemmànco t'accòrgi -
che bevi deppiù der dovuto, e che vedi
in mezz'a l'ebbrezza,
a scenne dar cèlo 'na luce che accèca,
e immezz'a 'sta luce…'na granne dorcézza…

E senza nemmànco penzàcce du' vòrte
vai in giro dicènno…strillànno: "Visione!...
Ho visto Maria!...
Sto a ddì pe davero, e ciò puro parlato!
J'ho chiesto de stamme vicina, e aiutamme
- come sia-sia -
a annàmmene ancora a cercàmme artri funghi
ché ciò un mar de piedi, che…aoh…mamma mia!

Lei - come ha parlato - me sò 'ntesa mèjo,
tant'è ch'ho girato pe tutta la macchia…".
Te pòi figurà…!...
Tra carta stampata e la televisione,
'na gara a chi mèjo je stava a ddà rètta…!
Ma che serietà…!
Possibbile? Ar solito, qui uno opre bocca,
e all'asino - ancora - je tòcca…volà…?!

Cicale
a Forte Bravetta

Abbarbicate ai rami secolari
a tanta pace van donando un tono
con quell'irrefrenabile frinire
che all'improvviso, cessa. E a un altro suono
la stessa pace, or, pe'un po's'adatta:
lo scricchiolar dell'indurite foglie
che piovono leggere su altre foglie…
Segue un silenzio che si fa assoluto.
Ma ancora all'improvviso ecco di nuovo
riesplodere quel canto di cicale,
quasi a cullar la pace…solitaria,
tranne ora che le fan…la serenata...

Un fatto, una poesia
1000 euro al mese per…diritto di cittadinanza… (novembre 2013)

Il mene-strillo
"Poco sul serio, fo, e tanto per burla:
io sono il grillo che strilla, che urla…

Visto che, a dirlo, voi non vi azzardate,
lo dico io, che sparo cazzate:

dato che qui non si bada alle spese,
che siano dati ad ognun, mille al mese!

Ma resti inteso: ad <ognuno>, che, qui
stìa a…grattarsi, ma a me dica <Sì!>.

A nonno Giorgio io tiro bordate,
ma è solo per gioco…birichinate!…

Ch'io sòn menestrello, e son: mene-strillo!
son mene-sbatto - anche. Io sono Grillo!"

( mormorii, tra la gente…)

"Vuol dir che smetterò di…<fare il mazzo>!
se in porto andrà un tal progetto pazzo…"

"Però…con quali soldi si farà?..."
"Beh...Quelli che il buon dio…ci manderà…"…

Il Tempo, e…io
Com'ha le gambe lunghe, il Tempo, e ali,
e di cinismo è colmo il suo andare:
no ostacoli…pericoli….barriere;
qual schiacciasassi, va…smodella…e trita.

E quanto son le mie, invece, corte…
E non ho ali, e tutto mi vien contro.
Ma anch'io son colmo: colmo di spavento,
e un soffio mi dissolve…e lui è eterno.

È l'universo, e io…ne son granello.

In seno a lui non resterà più niente
di quel che sono stato, a men ch'io sia
di storico interesse. Ma…anche ai grandi
darà, incurante, oblio, e annientamento…

Ne avrò ragione sol se nel frangente,
di cose belle lascerò memoria,
ma non per proiettarmi nella storia:
a chi m'ha amato! Fin'a che è presente.

Un fatto, una poesia.
scandalo delle mignottèlle romane (pretenziose) e quelle aquilane (assai modeste). Colpa di questo…colpa di quello…colpa di quell'altro…Colpa loro: NO! Scoprono sempre…l'acqua calda….Ma dentro quest'acqua calda, tante, troppe più-o-meno-ragazzine ci stanno a sguazzare, e a contare…soldini, o soldoni facilissimi…E non per "mangiare"…o perché costrette…Come vogliono che sia - per tutte - i soliti "ben informati"… E il fenomeno dilaga…alla faccia dei dialoghi in casa, delle facciate di perbenismo, ma col consenso della libertà (minuscola) inculcata e da inculcare, in ottemperanza agl'insegnamenti delle nouvelles filosofie… vaghe…e salvo poi a fare, al solito, cento tavole rotonde con cento intenditori… Oggi, tutti, si intendono di tutto…Beata ipocrisia! Ma le mignottelle…smignottano alla grande alla faccia di tutti (forse anche una volta succedeva…ma probabilmente a 1 a 50e+… Il tutto, al solito, legato per lo più, anche alla droga…libera! Evviva alle conquiste del '68, e oltre… (Novembre 2013)

Mignottèlle
Iiihh…Porèlle…Che scànnalo…Che monno!...
Ma guàrdale…Ancora sò crature
e già ciànn'a che ffà co 'ste brutture…
co lo schifo de chi ha toccato er fonno!...

Er fonno…Quale fonno...a Re'…mi' nonno!
Embeh…e nu' stann'a ddì: "Le svojature…!
li capriccetti…incruso a ffà l'amore,
se l'hanno da svizzià 'fin'a che vònno…" ?

A bbàtte - o drento, o fòra…- nu' è <legale>?
E allora me sai dì chedè 'sto pianto?
"Libbertà!..Anche de sesso!..." Mo, nun vale?

Ma nu' 'o sapéveno che ggira, ggira,
senza li freni, er càro va a lo schianto?
Che troppa libbertà, lo schifo, attira?

Ma queste qui sò solo regazzine!!
Eh, nnò! O sò regazzine pe 'gni cosa…
Abbasta de sta a ddì: "Ma porelline…!"

Je piace a ffàllo?...C'è la libbertà?...
'N po' èsse er calennario - 'ndo' se pòsa -
a ddì si pòi, o 'n pòi…si ciai l'età...

Poi stann'a ddì 'gni vòrta: "È la famìja!..."
Però, si puta caso quella <osa> ,
lo sènti come schiòppa er parapija!!

L'hann'ammàzzato, sì, o nnò, er sentimento?
E valori…e morale…che vecchiume!
Stanno a inzegnà, sortanto, er sudiciume?
E questo è er risurtato! Chi è, contento?

Poi…la Legge...Va tutta ritoccàta…!
Quann'era er tempo de mi' nonna Rosa,
ar più, ce capitava…la frittata…

Bèlla!
(a Lisa)

Ma chi t'ha disegnata: Raffaèllo?
Che llui se ne 'ntennéva!...È stato quello
a ffàsse uscì dar còre tutto er bbèllo
pe méttelo côr làpise e er pennèllo

su un fòjo…su 'na tela…addòsso a un muro…
E mmo' pare evidente, te lo ggiuro,
l'ha messo puro addòsso a tte…È sicuro!
Colore chiaro, qui…llà un po' più scuro…

Abbasta che te guardo pe un momento
ed èccote che sei da svenimento!
Cià messo tutto quanto quer talento
pe cui je ciànno fatto er monumento.

Eh, ssì…è così…Sei proprio bèll'assai;
ma questo certamente ce lo sai…
Però nun sai, che…quer bèllo che ciai,
nun te lo perderai né mmo'…né mai!

Profumo
M'attraversa, il passar tuo profumato,
come il fragrante odore dal fornaio:
impasti di natura, che ai miei sensi
il senso dan di quanto siano grazia.

Deliziano l'aria le stuzzicose
essenze ad invogliare gli appetiti,
e par che tu sia mia a ogni respiro,
pur se del tuo andar…resta sol la scia.

Grazioso è l'attimo, e breve, ed intenso,
e gonfia il petto come a farsi posto,
e agli occhi mette il velo blu dei sogni:
pe' allungar l'attimo…che è già passato.

Cammiamenti geniali
(uno tira l'artro…come le cerase)

Già c'era, come "èscort", 'n' atomòbbile,
'na "fòrde", pe la precisione, appunto.
Ma…"èscort", o nun "èscort", quella, era!
e cioè 'na machina per annà in giro…

Poi c'era Amalia, granne mignottona,
che tutti se giraveno a guardàlla…
Cominciòrno a dije "èscort" puro a lei.
Ma "èscort" o nno…solo tròja era, e resta!

Ciaivòja a cammià er nome a le puttane!
Come anche "travestito" a li recchioni…
Je pòi trovàje er nome più distinto…
ma sempre, è chi…lo pija…per istinto!

De palo in frasca, annamo ad artri càmmi…
che a cammià er nome a tutto, sémo gèni!…
Pe ddì…er finanziamento maledetto
a li partiti…nun c'è più, è…evidente.

Ribbattezzànnolo "rimborso spese",
li furbi (se fa pe ddì…) ch'hanno fatto?
T'hanno preso p'er culo er Bèr Paese,
e er succhia-succhia c'era…e è sempre in atto!

Poi ch'hanno fatto , ancora, li furboni?
(finché j''o fàmo fà…), t'hanno cammiato
er nome a la pensione…quella loro,
che mmo' cià 'n antro nome: er "vitalizzio"!

Così che stanno fòra da 'gni schèma
de la pensione nostra, buffonata…
Così, a sta sètta de imbrojoni e ladri,
je pòi di tutto…ma 'n pòi dì ch'è scéma.

Li…scémi sémo tutti quanti noi,
che 'gniquarvòrta stàmo a 'spettà…un poi…
che nun ariva…e pònno alegramente
fòttece, e nu risponne mai de gnènte.


al Sito Poetare.it

Blu, era il mare…
(…e Blu deve restare!)

Blu, era il mare, e calmo come un lago.
Pesci ce n'eran tanti e differenti,
e di sirene c'era il canto vago
e a loro rivolgevan versi ardenti

dai loro legni, i marinai valenti.
Ma sempre più inquinavan quelle acque
dei pescator di frodo affatto attenti
a un tale sito che al creator suo piacque

aperto a chi lì navigar volesse…
Paziente ha atteso il loro ravvedersi…
Però, inquinar, parea 'i soddisfacesse…
Così che alfin dovette ei avvalersi

di quel potere suo incondizionato:
"Il mare è blu, e blu va mantenuto!
Chi inquina ancora, adesso è avvisato:
dovrà andar via…così com'è venuto".


i ricordi e la poesia…

Le emozioni
i ricordi…come il fermentar del mosto

Dentro si mescolano a duoli e a gaiezze;
ivi bollono e fermentan come mosto
che il cuore sgocciola, e sgocciola la mente,
e quelle gocce diventano parole.

Che una ad una si vanno raccogliendo
in buon ordine sul complice in attesa:
vi scendono leggere, o gravide di pena,
e agli occhi mostran quel che dentro ardeva.

E sulle ceneri, altre emozioni, il vento
ancora porta, cullate dalle foglie
che stan planando…così come i ricordi...
E va di nuovo, quel mosto, fermentando…

Processione, par, che lentamente avanza,
tra voci in giubilo, e l'implorar di grazie
con sofferente anima e cuor contrito,
con sguardo a quel ch'è stato, o dovrà essere...

Momento di magia
(a Lisa)

Fruscia, la veste, mentre scende, e fuori
come una venere ne esci, e il brivido
cogli della carezza dello sguardo,
e pronta sei di già a svelare ancora…
Ma ti fermi per goder di un alito
che la tua pelle leggermente sfiora
lasciandovi un piacere delicato
e immagini così, quanto ne avrai
dalla mia mano, pronta a accarezzare
l'alabastrina pelle profumata.

Tenera è l'aria, tenero è il giaciglio,
e dolce è l'abbandono, tra i sospiri
che chiedono di più, e il di più è già pronto
che il magico momento, a dismisura
ha fatto intanto crescer…la natura…

È un lievitar dei massimi piaceri,
e i gemiti, e i suoni han preso il posto, ora,
dei timidi sospiri…Ed irreali
sembriamo in un abbraccio che confonde
te con me…e me con te, ed è inscindibile,
finché il salire al culmine è raggiunto
e nella pace ricadiamo, insieme.


ispirata da Lucio Cornelio-poeta, e a lui, dunque, dedicata (23 ottobre 2013)
Grazie.


Io sò io e basta
De èsse Belli, o Trilussa, o Pascarella
nun ciò penzato mai. Chi cià penzato
ar fatto che io penzassi de èsse nato
pe avécce 'na cariera com'a quella…

sei te…che stai a ddì: che ce guadambio
a scrive su le còse der momento?…
Gnènte de gnènte! - però me ciaccontènto!
dàtosi che artro 'n pòsso fà…E si cambio

(sippure che d'amore scrivo assai)
nun ce guadambio mica quarche còsa!
Dipènne da la Musa che se pòsa
sur làpise…Ma questo ce lo sai…

Dunque, amico, o che abbòzzi, o nun abbòzzi,
io scrivo come viene su dar còre
o da la mente…E - certo - nun me occôre
d'èsse un Belli…M'abbasta èsse un Bettòzzi!

Al fosso
Limpida scende col suo gorgogliare
l'acqua pel rivo in mezzo a pozze e a sassi
sì vispa e brontolina,
tra verdi rane e avane raganelle
ai tuffi intente, o al pigro galleggiare.

Striscia una biscia, e serpentinamente
da sponda a sponda va attraverso il fosso:
pe' un attimo lo incrina,
poi non si vede più tra mezzo all'erbe,
e anche il suo frusciar più non si sente.

Un piede dietro l'altro, co' attenzione
nell'acqua, o equilibrando sopra i sassi,
del rivo, all'incontrario,
l'andare seguo in tanta ambita pace,
che respirando vo…in lievitazione.

Immagino di risalire al punto
di dove al ciel s'affaccia la sorgente,
ma troppo lungo è il tratto!
E sol pe' un breve andar vo risalendo,
e ne son pago, e in cuor, tutto, m'appunto.

nero e rosso
…rosso e nero


Quanno er ciarvèllo potrà èsse sciacquato
co un detersivo lèva incrostazzioni
che annébbieno er penziero, e l'ossessioni
je le scrosténo come a ffà er bucato

côr còso, llì…ah, ssì…l'anticarcare
che ffà girà centrifuga e cestèllo
pe ffà sortì un bucato côr pennello,
tutto er penziero, caro er mi' compare,

sarà un penziero arfine libberato
da li sospetti e da l'infarcimenti
der crédese chi pò dà inzegnamenti
pe er blèffe che je ciànno trapiantato.

Sarebbe finarmente in modo chiaro
ristabbilito er senzo de chiarezza
de un rosso che côr nero ce s'attrezza
pe tìgnece de zebra er su' somaro,

o er nero che sta a ffà er cocommeraro
che 'n pò che avécce in testa er rosso accéso
der frutto che sta a vénne a tòt ar peso…
Rosso…Nero…'N se fàmo er sangue amaro!

E poi..si rosso nu' è… 'n vòr dì ch'è nero,
e si nu è nero…nun vòr dì ch'è rosso…
Però ce sta chi ffa er vocione grosso
pe ddì frescacce…e dice: "È questo! er vero…".

Mo'…qui-io-nu-lo-nego-e-qui-lo-dico
un nero pò avé un rosso per amico,
e un rosso ce pò avé un amico nero,
però ha da èsse un rosso "a-odio-zèro".

Un fatto, una poesia
- Il governo Letta di "grandi intese" ha varato misure da…succèsso! Boh?!? Lo dice anche Oh!Bàma…Boh?!?
- Il voto segreto adottato in simili casi, stavolta non vale: dev'essere palese…Boh…?!?
(ottobre 2013)

Eccezzioni…Boh?!?...
"A Re', nun solo 'n tàjeno le spese
sti fàrchi che infino a mmo' piagnéveno
pe via de un mijone che 'n trovàveno
pe levà l'IMU: "Aoh!…ma che pretese…!"

dicéveno. E mmo' guarda la maggìa…!
Mo' dar cilindro, invece der conijo
sò usciti li mijardi...pe dà er via

a "quer…via!"…co un tajo ar "cuneo fiscale"!
Anche otto euro in busta!…E io me…l'artijo:
che si 'n ciarìvi…tutto quanto, vale….

Ma a la befana che ce dava ar mese
40 scudi, guai! Je sputaveno
li soliti che…nun ammetteveno
la carità…pelosa, a sto paese".

"È vero, a Ro', e stann'a ddì: <Succèsso…!>.
Ma senti questa qua del "ad persona".
Ce l'hai presente tutto quer procèsso…!...

Mbeh…Mo' s'è rovesciata la frittata:
che mmo' er voto segreto nu je sòna…
L'eccezione "ad persona"…va applicata!"

Un fatto, una poesia
Il gioco delle tre…tasse (ottobre 2013)

Filastrocca delle tasse
(lasci due…e prendi tre)

Tassa vince…tassa perde!...
Dove sta: sta qui o sta là?
Metto questa…tolgo l'altra,
attenzione alla magia!
Qui c'è l'IMU, qui, la Tares,
qui c'è l'ultima arrivata:
è la Trise, e s'è infilata
di soppiatto tra le due,
che son pur sorelle sue,
che ora sono andate via!
Or puntate…Via, signori!
Lei che dice: qui, o lì?
Ah! Peccato! Si è sbagliato!
Punti…Punti…Punti ancora!
Tassa vince…tassa perde…!
Su, puntate! Tanto, al verde,
poi, comunque, finirete….
Ché la Trise, l'abbiam detto,
vi si porta dal cassetto
quel che avete risparmiato
con sia l'IMU, che la Tares...
Noi siam quelli lì del…"fares"!
Dai…continua il nostro gioco…
Scopri qui: qui non c'è più…
Alza lì…Ohibò, non c'è…!
Visto, gente senza fede?
L'abbiam detto e l'abbiam fatto:
cancellate le due tasse
ne rimane una soltanto!
Questo è tutto un nostro vanto!
IMU…TARES…via da qui…
Ne lasciamo solo una
che da sola fa per tre:
trallallero-trallallé!
Perché a voi…vi costa tanto!
D'altra parte, che volete:
una sol ne pagherete,
perciò, dunque, ammetterete
che farete un bel risparmio:
un risparmio della mente
che dovrà pensar "la tassa"
anziché pensar "le tasse"…
L'IVA, dici! Ah, sì, è vero…
C'è anche l'IVA, ma non conta:
quella è già infilata, pronta,
quando andate dal droghiere,
dal barbiere, dal lattaio,
dal fornaio, benzinaio…
anche dal…cassamortaio,
dal barista, gelataio,
cartolaio, dall'autista,
dal dottore, dal dentista,
dal negozio della frutta,
da qualsiasi venditore,
costruttore, dal banchiere,
da chi fa l'artigianato,
da chi è solo appena nato,
da chi è morto e va sepolto,
da chi è furbo, da chi è stolto…
da chi dà castagne arrosto…
Dicevam: dal benzinaio…
A proposito…da lui,
ci trovate…no una tassa…
ci trovate quell'aumento
che a noi serve a supplemento
dei soldoni che già date
per le tasche nostre amate!
Carta…- no - …scusate tanto:
tassa vince…tassa perde…
Chi si fida e in noi confida
si ritrova co' una sola:
una sola che consola
chi delle altre avea paura…
Una sola e niente più:
tanto questa val…di più !
Lasci due…e prendi tre,
con quest'ultima trovata
della TRISE…ossia: stangata!
Tassa vince…tassa perde…
per chi ancora non è al verde
noi faremo ancor…manovra…
Noi siam peggio della piovra!
Tassa vince…tassa perde:
vi trattiamo come merde
tanto voi sempre abbozzate…
Soprattutto…ci votate!
Pur se ancor più vi spremiamo
con la tassa-sulla-tassa.
Dai!…Pagate!…che vi passa!!!


a un amico Poeta

Salvatore Armando Santoro
un Poeta co li fiocchi!



Spumeggia come l' onne a la marina
in un mare de versi...de poesia...
'sto granne che se svéja la matina
co 'na stròfa d'amore, e gelosia,

e che svolazza come fa un gabbiano
in su e in giù pe tutto lo stivale
pe pìasse un po' de gloria co le mano,
pe ffaje véde a tutti quanto vale...

Je sprizza da la pelle...ce l'ha addòsso,
cucita, la poesia che in còre scôre,
assieme ar sangue, e quanno o che è commosso,
o che se sente tutto un gran fervore,

o l'alegria lo stuzzica...su un fòjo
ce butta giù 'gni còsa che se sènte...
Lo fa 'gni giorno...e questo je consente
de cortivàsse un prato d'erba vòjo:

che je mantiène un còre da pischèllo,
je fa aggustaje tutto quer ch'è bbèllo,
e ar côre-via dell'anni....je fa ombrèllo!

TràggicaMente…
C'è chi se vò attaccà a le senzazzioni...
C'è stata 'na disgrazzia e chi nun piagne,
ma vede li probblèmi e le magagne
(e ce piagne, puro!) ma all'emozzioni

nun vòle daje er mòdo de annisconne
le sacrosante considerazzioni,
j'appiòppeno insurzissime allusioni…
uncini…croci…Ma se sta a confonne…

perché 'sti drammi nu li scanza er pianto!
E c'entra come…er cavolo a merènna
quer modo de trattàlla, a sta faccènna,
tràggica, sì, ma…ce vò un come e un quanto!

Magari…fàmo vergognà a chi spara…
a chi st'a ffà l'indiano e er finto tonto
e nun se vòle rènnesene conto…
Noi che c'entràmo! Noi…la mosca rara

'nframezz'a 'sta masnada farisèa!...
Stamo a capì a chi spetta, la vergogna?
A chi nun vòle pìassela …'sta rogna!
Noi nun potémo fà…e ddì: "Culpa, méa!" !

Chi vò, pò puro insiste a vergognàsse...
A piàgne…qui piagnémo tutti quanti,
ognuno a mòdo suo…E annàmo avanti
nfra chi se crede er mèjo de la classe,

così, che pò st'a bacchettà a chi penza…
E chi penza, e 'n se fa rincojonì
da chi ce sta scialànno a nun finì…
E chi ce se pulisce la coscenza.


…guai soltanto pensare di mettere un necessario freno all'invasione…E guai se succede un incidente…colpa nostra! E allora, perché no: un servizio di ferry-boat con tanto di orari, da e per…qui da noi, giustamente…

Er fèry-bòtte
(pe nun dovesse stàsse a vergognàsse…)

Vabbè…ho capito…! Tòcca fà quarcòsa:
fàmo così: mettémo su 'n servizzio
de fèry-bòtte…senti?...è già pomposa
la cosa da per sé…E pe 'gni Tizzio

che vò vienì a stà qua, c'è 'sto sistèma:
annàmo llà côr "boat", lo caricàmo:
neonati, vecchi, dònne…'n c'è probblèma…
E quann'er "boat" è pieno, aritornàmo...

'Na vòrta a riva fàmo scénne a tutti,
je dàmo er benvenuto, e tutto er rèsto:
spaghetti, vini dôrci, vini asciutti…
Poi 'nnàmo a prènne l'artri llì ar più presto.

Intanto - pe villaggi e pe città -
llìggiù da quele parti, va strillànno
un inviato nostro a incoraggià,
e a ddì che er fèry-bòtte sta tornànno.

Aoh! Stamo già a ffàllo, e come ingrana!
Mèzz'Africa l'avémo già svotata:
Mo'stànno tutti qui in tèra itajana
e s'arivòrta tutta la frittata:

mo', er fèry nun affonnà…È lo Stivale!
che sta facènno acqua da 'n bèr po'…
E piano, piano affonna…E meno male
che s'attaccàmo ar…còso...che sinnò…!!!


Un fatto, una poesia. iva no…iva sì…iva no…iva sì…iva Sì!...(ma…e il finanziamento ai partiti?...e i famosi tagli sacrosantamente dovutii?..Mah…!) settembre 2013.

Filastrocchetta dei partiti
Paroline trascinanti

Pidielle, sel, pidì,
movimento-cinque-stelle,
son fra tutte le più belle
anche di…chicchirichì.

Paroline trascinanti,
più di amò-tesoro-mio,
più ancor di santoiddio,
ci lambiscon tutti quanti…

E se prese una per una
(tutti quanti le diciamo,
le ascoltiamo, ne parliamo…)
più d'ogni altra, è bella, ognuna.

Però, insieme, che pastrocchio!
Fan venire il mal di capo:
anche il sale si fa…sciapo,
ché si tirano il malocchio...!

Come i bimbi prepotenti
van gridando a dismisura,
son bisticci a faccia scura…
Non gli piace esser perdenti.

Ma così…non si governa!
Che ognun vuol comandare!
Si dovrebber…mescolare
pe' azzeccare la quaterna!

Forse è solo un'utopia…
forse è solamente un sogno…
Ma di questo c'è bisogno:
no! crear l'antipatia!

Però - in specie - sel, pidì,
stanno lì a far le belle
solo pe' appioppar gabelle…
sol per quelle! stanno lì.

Un fatto una poesia.
dice Letta di Berlusconi, in Camera, dopo il Voto di Fiducia dato da quest'ultimo, al suo Governo: " È un Grande!". Epifani…schizza ancora veleno…E poi dici, i rossi…! (2 Ottobre 2013).

"Un Granne!"
Bollìveno daggià nder callerone
faciòli a quintalate: un barbottìo
accosì forte, proprio - santiddio -
che beato chi cià er pieno de cerone
in de le recchie da 'n poté sentì!
Già staveno a strappasse li capelli…
e a ddì le mardicenze tutti…quelli…
e a strillà insurti, e a stramaledì…
Tutti a cercà un riparo…anche 'n ombrello
pe 'n fasse cascà addosso sto governo
che er satanasso uscito da l'inferno
già stava a ffà cascà…Sì…proprio…Quello…!
Ma, come pò ffà un tòno, a l'improviso,
con un bòtto che chissà si che t'aspetti,
ma poi 'n succède gnente…e però ammetti
la gran fifa, Lui - guasi co un soriso -
côr microfono, come fusse gnente:
"Mi si consenta…", fa - come fa lui -
"bisogna rischiarà sti giorni bui,
e io accènno un faro, cara gente!
ché puro si ce stanno li maligni,
maligno, io'n ce sò…e pe sto Paese
io ve do un <Sì!> autentico e palese.."
Davero puro!…come sò li cigni…
Ar che, quarcuno in arto, accosì spanne
un su' penziero che covava:"È un granne!".
E a 'sta magnera imbocca ne la storia,
e la condanna…je se càmmia in gloria!

Un fatto, una poesia
l'ennesimo naufragio sulla "rotta della speranza"…Stavolta circa duecento profughi sono rimasti in mare (al largo di Lampedusa, 3 ottobre 2013). Il tutto rimane sempre e soltanto un problema italiano…La - più di noi - civile Europa detta leggi a noi, e ci dà perfino del razzista, ma resta a guardare…e nemmeno…Detto chiaramente: se ne strafrega!
Il Papa, grida alla vergogna! Ma dovrebbe specificare bene di chi!... E non è bene…non è normale… sollecitare il trasbordo di mezzo mondo in questo paese…


Alt! Il viaggio termina qui
Si chiudono, l'acque salmastre, su rabbia,
sul pianto, e speranze nemmeno sbocciate…
"Alt! L'avete raggiunto, il vostro traguardo!",
le bianche spumate han gridato all'ammasso
indistinto, quasi, di corpi fiaccati,
di pelli assetate, bruciate dal sole,
in mezzo al deserto di mare…uguale
a quello lasciato, che era di sabbia…
Se stessi, il bagaglio, ed un piccolo sogno:
esistere al mondo…anche loro! nel mondo…
Ma tal, d'ognun d'ei, è rimasta la sorte,
ed or quel bagaglio per bara ha gli abissi.
Per loro nemmen la ghirlanda di fiori:
solo rimpalli di colpe che echeggian
tra l'onde…e ipocrite bocche stonate.

Un mio sorriso…per vendetta
(a Lisa)

Ci resto male, se passa il giorno
e tu non m'hai sorriso…
Stamattina…te ne sei dimenticata?
Dove l'hai lasciato: qui intorno non lo trovo…
Come un bambino che ha smarrito
il giocattolo suo più bello….
È come fosse - il giorno -
passato inutilmente…
Tra le maglie dei fitti minuti,
trovare il vuoto lasciato
da un mancato tuo sorriso, mi lascia
co' un non so che di amaro…
Come di spina
entrata con inganno nella scarpa.
Vorrei, allora, maltrattarti…
vendicarmi….
farti capire quanto sia il valore
del sorriso che lasci,
col suo profumo che mi pervade,
che entra fin nell'angolo più remoto del cuore…
Sì…Ma …e poi?
che avrei risolto
se non darmi un auto-dispiacere
a pensare certe cose…
Ti aspetto, stasera, che torni dal lavoro…
E allora, per dispetto,
io ti farò il più luminoso dei miei sorrisi…
Ti abbaglierò..
Ecco, quello che farò,
per vendicarmi del mancato tuo sorriso.


Nonna Rosa s'è arresa…21 Settembre 2013

Addio alla mamma
Così, s'è spenta…in tal modo leggero!
sulle lenzuola dov'era distesa
da tempo, oramai…Così tanto, tempo!
Dove le piaghe non l'hanno corrotta
ché l'ha impedito con forza la figlia,
con le rinunce, che furon di lei
quando la sua creatura cresceva,
quando per lei tutta sé prodigava.
Pur se di ciò nulla più le giungeva,
lì, in quel suo limbo dov'era finita,
poi che condanna sì ingiusta, la colse.
E, per la figlia, ora, era, la figlia,
la povera madre assente, lontana,
in chi lo sa qual rifugio, chissà…
Senza contatti…senza un segnale
da avere…da dare…
neppure un nome…da dire fra sé…
Or l'abbandono è totale…infinito…
Così, se n'è andata…senza un saluto,
da avere, da dare…
E quella pace che già l'avvolgeva,
ora l'avvolge, senza essere male,
ma pace vera, sia in terra che in cielo.
Ora la vede, la figlia adorata,
quel che ha passato, con lei, a curarla,
ora lo sa, e è contenta, lo vede:
per quel che ha amato, si sente riamata.
E da quel mondo suo, nuovo, alla figlia,
ora ch'è un angelo,
teneramente sorride, e saluta,
ed a sua volta, l'assiste, l'aiuta,
per quest'assenza che, or, l'ha svuotata.

Il mio orizzonte
(a Lisa)

Finiva su di te il mio belvedere,
il mio orizzonte, sinuoso e ameno
come sorgente dove poter bere,
e dove il cielo è limpido e sereno.

Soltanto e sempre tu a trattenere
il mio spaziare, quale arcobaleno
che di stupore sa, ed ha il potere
d'attirar guardi per goderlo appieno.

Ancor l'arcobaleno colorato
vedo negli occhi scuri, illuminati
da luce che dal cuore innamorato

sprizza festosa e chiede solamente
di aver gli sguardi miei ancor posati
sul…mio orizzonte, ancor, teneramente.


a tutti i vacanzieri, specie ai più giovani.

Filastrocchetta di fine estate
Or che a casa tutti state
ché finita è ormai l'estate,
vi rimane in cuore e in testa
quel sapore della festa
di vacanze e ferie estive,
di serene e assai giulive
mattinate e dolci sere,
di preziose atmosfere
di amorucci turbinosi
or rimasti tra i marosi,
nelle profumate valli,
dentro i borghi, in mezzo ai balli
con i cuori a tu-per-tu,
tra lo struscio su e giù
per stradine e per piazzette,
che ora al cuor dan…certe strette!...
Come il trepido cercare
l'angoletto per sognare,
l'impacciato indaffararsi
per poter, alfin, baciarsi
con audace…timidezza,
tra un sussurro e una carezza…
Ma purtroppo tutto questo
è finito troppo presto!
Già..! Quei giorni, le serate,
i falò, le passeggiate,
tenerezze assecondate,
tenerezze anche mancate….
sono in fretta andate via,
e or c'è sol…malinconia.
Ma è già viva la speranza
per la prossima vacanza!

Aria de temporale de feragosto
(al parco di Forte Bravetta)

Come quanno lo stòmmico barbòtta…
E de 'n griggétto chiaro sta a velasse
er celo, e pare che se sta a 'ngrugnasse
in de 'sta càrma….E er sole che nu scòtta...

Nu sta scottànno più, e addirittura,
mo'sta a girà 'n'arietta timidèlla
nframmezzo a rami e fronne, e ruffianella,
sta a ffà cascà le fòje…E mmo' se scura

er celo un po' deppiù. Ma le cicale
nu smétteno…e, pe mmo', vôr dì che 'n piove…
Perciò, quer barbottà a mme nu mme smòve…
Sperànno che nu schiòppi! er temporale…

Ma poi…?! Me mollerò…! Però, vòi métte
a ffà 'na doccia tutta naturale
immezz'a 'sta natura…Nun c'è uguale!
Ma er canto de cicale nu sta a smétte…


lotte sociali, contro…se stessi…
Taranto, sett. 2013:
la magistratura sequestra…I Riva, proprietari delle acciaierie ILVA di Taranto, chiudono…
Prima, o poi, tira, tira, il peggio potrebbe davvero succedere…E allora?


Rosso de giorno…Rosso de sera…
ma ar bèr tempo 'n ce se spera…


Essènno che sò…rossi già der loro,
nun se capisce si sò solo rossi
pe quel'idee su chi je dà er lavoro,
o è p'er gran successo che l'ha scòssi

ner véde li …ricconi proprietari
battuti - co le lotte sinnacali -
da loro! - poveracci proletari,
che j'hanno fatto chiude l'arsenali…

Ch'è un bèr successo, nun se pò negàllo.
Tant'è che stann'annànno tutti a spasso
pe Taranto e dintorni…Ma…c'è un "giallo"
immezzo - mo' - ar silenzio…che era chiasso:

quer fumo che je dava tanta…rogna
nun ce sta più…ma mòreno l'istesso…
E…quer ...rosso…'n sarà pe la vergogna
de avé portato fame, e più…decèsso?

Dall'Alpi ar tacco…pòro, sto Paese!
Chi più sta a ruvinàllo è ormai palese.
Lassù "NO TAV"…Liggiù "NO acciaierie"…
Ma poi, pe magnà, avòja a…"Avemmarie"…!!

…se non la pensi come… "loro"…!

Penziero…libbero, o che…?!
Si a mme me piace quer che a te 'n te piace
nun vòle mica dì che te sei mèjo,
che nfra noi due sei te quelo più svejo,
che te capisci, e io nun sò capace…!

Te devi mette còre e anima in pace
si quer che sceji te io nu lo scejo,
ché 'n sei Solone, e manco Marc'Aurèjo;
fai solo fumo…più de 'na fornace!

A mme me piace questo!... 'N te sta bbène?
E pe fortuna che pe tte er penziero
nun pò avé freni…limiti…catene…

Si a tte te piace …questo…e st'artro…e quello…
nun te sto a ddì che nun è quello, er Vero,
e manco te sto a ddì che 'n ciai 'r ciarvèllo…

Si pensavamo tutti a un mòdo uguale,
de la demograzzia…'n do' stava, er bèllo?!
Ce pòi tiràcce fòri …'na morale…


Tatuaggi…Ha cominciato uno…poi un altro…cento altri…mille altri….un milione di altri…per essere particolari...Ma adesso sono più loro degli altri …retrogradi…Per cui…! Guidati, incoraggiati da chi gli ha messo in testa che è la più bella cosa al mondo…che è una filosofia di vita…che è un distinguersi…che è libertà…che è personalità….
Lo spunto: oggi in TV un proprietario di bar non vuole che il suo, pur bravo, barista stia al banco mostrando il corpo coperto di tatuaggi…Cosa che i suoi clienti non gradiscono (ma che retrogradi che sono…!). Basterebbe usasse una camicia a maniche lunghe…Ma, al solito, c'è la prepotenza di chi vuole le "sue" libertà, o sensibilità fregandosene di quelle degli altri…essendo degli altri, al di sopra…(?), crede lui. Come vogliono certi pifferai….
La conduttrice ha utilizzato la parolina magica, rivolgendosi al proprietario di quel bar: "Ma è un…pregiudizio!"….) (30 Luglio 2013)


Er preggiudizzio
e er libbero penziero


Te fànno - li soloni:"È un preggiudizzio!..."
Embeh…E allora? È l'istesso na schifezza…!
E mica me pòi impone er tu' giudizzio
si a mme me schìfa…Méttece 'na pèzza!

Te credi chissà chi…Ma sei 'n fraccàzzo
uguale a tutti…Certo nun sei mèjo
de me e de ognuno che a sto monno pazzo
'n vò stàcce da tarpato, ma da svéjo,

senza dové ann'apprèsso ar pifferàro
che va imbrojànno co le libbertà…
ma nu' è artro che er pèggio pataccàro
che a tutti - quer che vvò je vò fà ffà

co la sòlita sôrfa che sinnò
viè un artro pifferàro a commannàlli…
Ma all'uno e all'artro io je dico: no!
e ffò come me pare…senz'avvàlli.

E questa qua è la libbertà più vera,
che nun t'ammucchia ar mucchio e, pe davero,
te làssa "homo sapiens", co la bandiera
- che è l'unica! - der libbero penziero.
 

"Non giudicate, per non essere giudicati. Infatti con il giudizio con il quale avrete giudicato sarete giudicati e con la misura onde avrete misurato si misurerà a voi".

Dies irae…dies illa…
<Dies irae, dies illa…>
La giustizia...Senti?...Strilla!
Berlusconum hanno ucciso!
Si nasconderanno il viso
gli uccisor di tanta mente,
ma il faranno inutilmente
ché la tromba quando suona
colpa grave non perdona,
e la tromba ha già suonato…
Verrà - l' empio - giustiziato:
chi di toga è stato indegno
nel donar l'ambito regno
a chi in altro modo, mai
lo poteva avere...E guai
anche a chi quel trono ha preso
senza il voto aver conteso,
ch' è una colpa anche più grave!
Ché ha tirato via la trave
dell'impianto sbandierato
di …democrazia di stato.
Non è solo <grave>, è <greve>!
Vergognàrcisi, si deve,
e se non ci si vergogna,
ci si gratti…per la rogna
che tal colpa roderà,
ora, e ancor più lo farà
<quando Judex est venturus
cuncta stricte discussurus!>

L' appello
Si fa l'appello di tutti i presenti.
Ecco il registro: "Buon Senso!", è presente?
È assente, Maestro. Ormai non si sente
da anni e anni…"Ladroni negli Enti!"…

Son tutti presenti! "Bei Sentimenti!"…
Purtroppo, Maestro, chi qui è…saccente
li ha fatti fuggir con un far prepotente…
Andiamo avanti…"Servizi Carenti!"…

Ci stanno tutti, Maestro, anche troppi!
"Giusta Giustizia!"…Dov'è?…Non la vedo.
Prova vergogna a venir…coi rattoppi!

"Diritti Acquisiti!"…Ci stanno, in parte…
Tutti …i <loro>, ché gli altri, io credo,
sian stati da…<quelli>, giocati a carte!

"Decenza e Pudore…e Bellezza in Arte!"…
Sono oramai in accantonamento:
l'assenza è al completo in ogni momento.

"Immigrazione!"… C'è, e è sempre più alta!
Che ai <buoni>- non cale quello che avviene…
La Spagna le spara, e la scansa Malta...
Ma qui, il buonismo, l'invasione, ottiene!

Segue, l'appello (un appello…un po' strano)
"Imbecillità!"… Lei, mai è in congedo:
tanta, ce n'è, ma mai alza la mano!...

"Impunità per banditi e assassini!"
Questi, Maestro, son sempre dappresso…
Finché non mettono pali e confini!
Finché è di moda dir <guai a chi tocca
il….poverello Caino…>…Progresso…!?
Ma è progresso…riempirsi la bocca…?!

Va bene…Andiamo avanti: "Maggioranza!"
C'è…ma non conta…Dipende, Maestro,
se il fenomeno è...sinistro, o è…destro…

C'è il "Duo Scrupolo e Onestà?", ho da saperlo…
Ci vuole il microscopio per vederlo,
e questo finché niun gli dà importanza…!

"Prepotente Arroganza e Falsa Storia!"
C'è, e in questa classe è men della metà,
ma di questa presenza assai si gloria!

"Democrazia!"…C'è solo in <quella> parte,
ove un dissenso vale ad ingabbiare,
persino col …falsificar le carte!

L'Appello è ancora lungo, ma è già chiaro
che quel che è negativo ormai straborda
e il buono, è invece, ormai, sempre più raro…

È mezzogiorno…
È mezzogiorno
e tutto quanto intorno
rintocca l'orologio al campanile.
E sul cortile
va profumando l'aria
il pranzo che prepara nonna Ilaria.

Or picchia il sole
e le assetate gole
ci spingono alla prima fontanella.
E a garganella
beviamo già allettati
dal buon sapor dei piatti apparecchiati.

Pasta col tonno!
Prima però, per nonno
dobbiam comprare il vino.
E qui vicino,
c'è il vini-e-oli…Andiamo!
Col resto, anche una gomma, ci prendiamo.

Ritorneremo
e chissà…troveremo
il tesoro nascosto dai pirati.
E tutti armati
e pieni di coraggio
lo prenderemo, insieme a qualche ostaggio!

Passano le ore…
e con lieve rumore
ecco il rintoccar dell'AveMaria.
E i sogni…via…!
E poi, senza rancore
fa rientro ognuno al…nido pien d'amore.

Presenti…ingiustificati
Tra "assenti giustificati", che vanno
soltanto pe' intascare le prebende,
per cui - pur non essendoci - fan danno,
visto che la legge li difende,

(ché questo spesso fa…"legge malanno"!...
e per farlo, a ogni compromesso scende),
e quelli - pochi o tanti - che ci stanno,
tra cui il fier diverbio ognor si accende,

ma niente fanno più che blaterare,
e litigar per non produr mai niente
che possa dirsi, inver, "buon governare"

son sì, "presenti", ma…"ingiustificati"
che se presenza c'è, è però indecente…
E tuttavia son tutti strapagati!

Tra "assenti" - insomma - pur "giustificati"
e "presenti…ingiustìficati", al dunque,
un …rodimento sta assillando chiunque!

Peggio della spina impuntata in gola
(a Lisa)

Peggio della spina impuntata in gola
il rimbalzar di flashes…proiettati
sullo schermo che batte e fa tic-tac...

Scorron le immagini, disordinate
ma chiare, senza nebbie, colorate
di cielo, di sorrisi, e di tristezze.

Van le parole dei lunghi silenzi
dei mille sguardi degli occhi negli occhi,
tra le attese dei bei momenti d'oro.

Sento il frinire, ancora, negli orecchi,
e lo stormir di foglie al tramontare
di giorni che ora fan la passerella.

Ti guardo…Ancora qui, e ancora bella.
Prendo la mano e me l'appoggio al cuore:
trasmetterti vorrei ogni sospiro.

Sono visioni, non sogni, mentre mi rigiro
e mentre cresce questa spina in gola…
E, lieve, ti sussurro una parola…


…e c'è chi non lo trova strano…Beh…di certo, la prima cosa strana è lui stesso…
Novantenne regala milioni di patrimonio della famiglia alla badante romena cinquantenne…
I figli non approvano…La Legge, SI! Un vecchio prete lascia milioni di euro alla perpetua…Ma non c'era nessuna migliore opera buona da fare, caro signor prete?... Due casi eclatanti in questo bollente Agosto 2013: probabilmente …cervelli bolliti…Succederà: Un'orda di romene-russe-sudamericane...invade il nostro Paese per…il ratto dei vecchi rincoglioniti…I "buoni" approvano… ll Bel Paese affonda sempre di più…nella merda...Alleluja!.(Agosto 2013).


Il ratto dei…rincoglioniti
La Legge dice: "Per il minorenne
che vuole convolare a nozze, è il padre,
oppur la madre, o chi è di loro in vece...".
Trascende un loro NO qualsiasi…pece
per quanto sia invischiante. Altre strade
non ce ne sono. E per il novantenne,

(ma ottantenne, o settantenne…è uguale),
che al profumare d'una pelle fresca
le nari ravvivar si sente, e al tocco
di quella stessa pelle si fa allocco
e che ci sia o non ci sia la tresca
si sente un aquilon che sta a volare,

e in quell' istante, il patrimonio
decide di donare a quella pelle,
nessun fermaglio?...o veto?...o dura legge?
Nessun che al rimbambito lo protegge?
Ci vuol che i figli sian le sentinelle!
E possan dir di NO a un matrimonio

che è farsa, che è grottesco, che è imbroglio!
La Legge mette becco in ogni cosa,
ma - complice - qui dice:"Se…è cosciente!...".
E no! Al solito, c'è il deficiente…!
Che si consenta in dono sol la rosa,
e si vedrà se poi diran: "Lo Voglio!"

Oltre…il naso
Se n'andava Marco Polo
coi cavalli presi a nolo
a studiar la geografia
ogni storia, ogni etnia,
nel cammino suo lontano.
Andò oltre il Tamerlano
e fu accolto con gli onori.
Tutto nuovo! Anche i rumori,
e i colori della gente,
voci, case…proprio niente
era uguale neanche un po'
a ogni cosa che lasciò.
Così, tanto gli cresceva
quel sapere che sapeva:
vasto, sì, ma limitato…
Mentre il mondo ora incontrato,
era grande oltre ogn'idea..
L'aiutava Cassiopea
ad andar verso l'ignoto
fino al divenir suo, noto.
Finché giunse in un Gran Regno
comandato da un Re degno
di rispetto ed amicizia.
Lì, pe' un po', in gran letizia,
stette Marco, e lì imparò
cose nuove…E poi tornò.
Portò a casa stoffe, argenti,
spezie, e profumati unguenti,
varia frutta, coi limoni,
ed i mandarini buoni…
E i misteri - tal rimasti -
streghe e mostri...feste e fasti!
Ogni fatto e conoscenza
poi trascrisse con coscienza
in quel libro che è "Il Milione",
per narrare alle persone
quanto bello sia viaggiare,
per conoscere e incontrare
luoghi nuovi, idee nuove,
non importa come e dove.
L'importante è aver la voglia
d'andar via…di soglia…in soglia…


l'altra sera, ennesima volta in tv, la Bramby continua a spalancare…L'altra sera è stata la volta delle spiagge…Uno degli interlocutori della "tavola rotonda" faceva notare che ci sono anche tantissime persone che non sono d'accordo…Beh…la Bramby, a quel Tizio ha detto che lui non sapeva cosa stesse dicendo…(??!!??). ..Ma di tutto quello che lei "sfa" e "sdice"…ogni volta che si esibisce in parlamento o in tv, se ne rende davvero conto?!?
Si rende conto che - oltre a tutto quello che già è - questo povero Paese, lei, in più, lo sta riducendo a…" Paese di cani" ? Ma perché non se lo sposa un cane…così fa …tombola e speriamo che la faccia finita…! (21 Luglio 2013).


Sòra…Ellicebmi
Se c'è un' ellìcebmi,
che tanto scintilla
di cretineria e d'acume non brilla
e che tanto sobilla
le povere menti
dentro cui stilla
amore…- lei dice -
ma si contraddice
perché quell'amor di cui è sibilla
è sol per la bestia,
poiché alla gente che dà della "bestia"
al cane e a ogni bestia,
affibbia giudizi, così, alla brambilla….
sei tu!
Per te ho coniato - come tu fai
col "cane…ch'è umano"-
un nuovo nome: "ellìcebmi".
Perché "imbecille" a te non s'addice:
sarebbe normale!
Nemmeno…"imbecilla"…che quasi, 'l sarebbe.
Per te che amar sai, sempre e soltanto
l' "umano animale"
qualcosa di nuovo, beh…ci voleva!
Prendi ogni giorno una qualche …pastilla
che nell'equilibrio ti faccia tornare…
Prima del cane, e pel suo rispetto,
ci sta la persona! Non è - questo - un detto
tanto per far sensazion, come fai
per…giubilar nel lievitare su…su…
Diversamente, visto
ch'è "umana persona" il cane,
forse vuoi dir…che la bestia…sei tu?

Roma a Ferragosto
Roma, finora nascosta dalla gente
e tonnellate d'auto in fila indiana,
ferme, quasi, o in corsa scioltamente,
sempre a crear, comunque, aria malsana,

s'è presentata, oggi, come fatata,
senza veli, per farsi, finalmente,
osservare…toccare…invogliata
a stare lì sdraiata a far niente

dal sole bello che solo adesso apprezza,
che i suoi colori, or fa risaltare,
insieme all'incanto e alla bellezza
senza rumori più da sopportare.

Si va scoprendo da sé, orgogliosamente,
e per mano mi prende, e per le strade
con sé mi porta e in modo…silente
ben di sé - dice - e di quando è invece un…ade.

Quer che nun manca in de sto pazzo monno
Quer che nun manca in de 'sto pazzo monno
è la mancanza d'ogni quer che manca
pe 'n fallo ruzzolà 'n de lo sprofonno,
pe la cretineria che ar monno, sbanca.

In pochi pònno dì…L'artri nun pònno…
Così, er bonsenso, faticanno, aranca,
ma l'imbecillità - che 'n cià mai sonno -
de riaffossàllo, proprio nun se stanca!

Manca, così, la mancanza der pèggio
che 'n manca mai e, anzi…va aumentànno
e er mèjo nun ciarìva a stà in paréggio.

Pe cui - si è er pèggio - quelo che troneggia,
pe ffòrza che…è un monno der malanno,
e che sta ssù…côr gasse de scoréggia!

Er pèggio, è ogni saputo che s'atteggia
a issà sur podio tutti li più pochi,
ed a mannà affanculo li più tanti.

Zucche vòte…
piene d'appetito


Sò meno de 'na quarche caccoletta
le zucche vòte drent'ar parlamento:
materia griggia…quanto 'n'alicetta,
e er faro de la luce je s'è spento.

Nun c'è decoro, nun c'è sentimento,
in quele tèste che nun dànno rètta
a usà er bòn senso spece sto momento
de crisi de'gni sòrta, e de disdetta.

Ma avòja te a sperà che passa er pèggio!
Che s'aspettàmo co sti chiar de luna?
Pèrdeno er tempo a ffà tutto un maneggio…!

che in quele zucche er greggio s'è svampito …
Sò esaurite de chiacchiere… ma a ognuna
'na còsa j'è rimasta: l'appetito!


Silvio Berlusconi condannato …senza prove….dopo venti anni di un corso…giustizieramente giusto, della …giustizia (1 Agosto 2013).
A "Porta a Porta", spronato da Sallusti, Bareschi ha ammesso, sull'accanimento giudiziario… "Beh, sì,ma pe na parte!..." Eeeehhhhh!!!!

Si pe conclude un caso
che così tanto j'è stato …sur còso,
figùrate pe tutti l'antri casi
che ssò li casi de li pòri còsi!...

Giustizzia…giustizziera
(giustizzia…è ffatta!)

Embeh…ma è ggiusto a èsse intransiggènti
côr Tizzio che j'ha scombinato er giòco
pe tanti e tanti anni…che anche fòco
j'avrebbero dato, pe èsse contenti!

Che stann'a ddì…! Ma quale accanimenti!
Fanno così…co tutti…E anzi….é pòco!
quer ch'hanno fatto ar Tizzio: pressappoco
tre cause all'anno…eh, ssì…per anni venti!

Ma aspè…! Quarcuno llì se sta a 'nniscônne…
"Aoh…! Chi ssèi co quela bilancetta
e la corona in testa?..." Nu' risponne…

Sta a scappà via…chissà…Ma nun è quella
che stava llà attaccata ar muro…Aspetta…!
Sì! È llei, che se vergogna…Ma porèlla!

Je tòcca scappà via a la chetichella
pe via de 'sti…(pe ' n dì artro) smagnosi…
La riconsoleranno…li studiosi…

4 Agosto 2013 AUGURI, ANDREA!

Scherzosamente…Andrea
Va co càrma, 'n cià mai fretta,
fa le còse piano, piano…
Dar più cicio, ar più ruffiano
a 'gni micio l'accarezza
Mo, a 'na micia la tiè stretta…
È Francesca…Che dorcezza!.

Dico: càrma…Sì, però
è sortanto 'n' apparenza.
Drento, infatti, è l'impazzienza
che campeggia, e che s'affaccia
quarche vòrta, anzichennò…
Ma Francesca viè…e la caccia.

Quann'e inverno va in montagna.
Gira sempre in canottiera
puro immezzo a la bufèra
e s'abbrucia co la neve.
Co Francesca, poi va, e magna
li caprioli, e n po', anche, beve.

Beve poco…un po' de bìra
che sa ffàsse anche da solo.
La fa bbène...ch'è pignòlo!
e ce mette tutta un'arte
(che Francesca sua l'ispira…)
si sta a casa, che nun parte!

Quann'è estate côre ar mare,
côre ar mare co Francesca.
Drent'ar sole se rinfresca,
sotto l'acqua se riscalla…
(no…è 'r contrario! Sì….me pare…)
e se spella naso e spalla.

Nun sa dì le parolacce:
mai l'ha dette e nu le dice.
Come Dante co Beatrice,
co Francesca mó è un tutt'uno
Nun sa ffà le vòrtafacce:
cattiverie? Co nisuno!

Sembra un ragno, co li fili…
Fili, sempre, a destra…a manca…
pe 'r PiCcì (ché nun se stanca
de giocacce, de compracce...),
pe lo stereo…fili a chili!
Co Francesca, a proiettàcce…

Perché usa er proiettóre
pe ffà er firme su lo schermo.
Nun sa stasse un po' llì, fermo…
Deve annà…Deve da fà
co Francesca, er viaggiatore,
qua e llà…E llà e qua…

Ma quann'è che sta llì in Banca
sgòbba tutt'er santo ggiorno
e si c'è un probblèma attorno
lo risòrve co bravura,
che è na còsa che gne manca…
E Francesca, l'assicura!

A U G U R I !
Papà e Mamma - 4 Agosto 2013

L'Ammaliatrice
Strabuzzan gli occhi al guardo tuo fatale
apportator di sommi desideri
che son di oggi come lo eran ieri
e differenzian l'uom dall'animale.

Appari come immagin celestiale
e il cuor di chi ti guarda allarmi e fèri
e tutte le sue membra gl'imbandieri
e pronto all'uso il fai dell'arsenale.

Qual ragno sei che alla sua tela attende
sicuro d'invischiarvi la sua preda
e senza scampo e inerme a lui s'arrende.

Ma a te la tua s'arrende ben gioconda
che gran piacer s'aspetta tu provveda,
e del tuo mar di miele già s'inonda.


è nato er fregnetto reale, "x", pe mmò…Er nome un po' più llà…pe ffàlla durà ancora, sta granne montatura.

il 22 Luglio 2013 è finalmente finita la pazza attesa degl'impazziti media, e non solo…
Il royal baby è nato, ma ancora non si sa come si chiama…Così, la cosa…continua…


Er fregnetto reale
Oddio, si che pensiero che ciò in testa!...
Da un par de mesi a mmò nun ciò più pace,
ché nu mme posso proprio fà capace
co sto "real fregnetto"…E nu mme resta
che sta attaccato qua ar televisore
pe stà a vedé e sentì - mo che ce sémo -
l'arìvo suo ar monno…Finiremo,
de stà co st'ansia addòsso a tutte l'ore?

Oh!...Finarmente, ècchelo ch'è nato!
Mò sì, ch'er monno è tutto più contento!
Ma…sta puzzetta che ce porta er vento…
famme capì…nu' è cacca de neonato?…
Ma nun doveva èsse sprofumata?
E allora…mbeh…ndo sta la diferenza…!
E manco è blu! E, ar dunque…st'accojènza?!...
Si che vòr dì…la ggènte pilotata!

E ancora nu j'abbasta…Mò c'è er nome
- che nun ariva - a stuzzicà la ggente…
Ma a chi nu je ne frega proprio gnente
chedè…è 'na cosa tanto brutta…o come…?


senza parole…

Li còsi che fàmo annà llì ar còso
Queli còsi che fàmo annà llì ar còso
côr voto, pe faje cosà le còse,
'n fanno artro che cosà pe tutt'er giorno
llì stesso, o llì in tivvù, o su li giornali.

"Mò cosàmo…'n ve preoccupate…cosàmo…
Che, sì! ce sò li còsi, e sò assai seri…
ma noi li coseremo…" Eh, sì! Côr còso!!
Che nu' è vero: nun còseno, sti còsi!!

Dovressimo, perciò, cosà quarcòsa…
Quarcòsa pe cosàlli a ffà le còse
e nno solo a cosàsse le saccòcce!
Che ormai ciànno cosato a tutti er còso!

Ma quanno se cosàmo e dìmo basta?
Se sa, oramai: sti còsi còseno
pe le còse zozze loro…E de noi,
se ne stànn'a cosà artamente er còso!


….peccato: il miglioramento estetico viene svalutato dal comportamento…

Più bbella, sì…Però…
Com'è che 'n se ne trova più una brutta…?
Le donne, ormai, sò tutte quante bbèlle!
Sarà che gira meno pastasciutta,
e più acqua adatta…che oggi sò più snèlle.

Sarà che oggi màgneno più frutta,
e stann'attente come sentinèlle
ar grasso…ar sale…Ognuna vò stà asciutta:
E métteno le creme su la pèlle.

Però…Ce sta un però che le svalora…
Ché ciànno er "dì" e er "fà" che gne s'addice,
da la pischèlla insino a la signora.

Côr grasso in più, un nèo, un brufoletto…
'na vòrta 'n se specchiava in un'attrice…
Ma quanto còre in più, j'ardeva in petto!

Ammò nn'è mai felice…
Gn'abbasta mai…Sta sempre llì côr muso,
e ll'òmo è (a la rovèscia)…oggetto d'uso.


chiacchiere…chiacchiere…chiacchiere…Ma tutti sanno quel che tocca fare…

Si 'gne sòna accosì…!
Mmh…!? 'N se sa più che ddì…Che vòi 'nvettàtte…
No…! Nu' sto a ddì: "Arennémose…."…È 'r contrario!
Che si gne sòna a 'ste capòcce matte,
de stà a cammià davéro lo scenario,

côr tajo de prebbènne e onorario…
e ffànno stà le cose così, intatte,
che pònno tirà su, e ggiù er sipario
come je pare…e tu stai llì a affogàtte,

e intìgneno a…cantà che: "Tòcca fà…!"
ma 'n fanno 'n càcchio, e solo a le portrone
sanno badà…- noi, invece de sonà

er solito violino strappacòre -
je soffiamo nde le recchie er trombone,
e vedrai…si nu' inizierann' a côre!...

Il segno che il suono d'un sogno è finito
Il segno che il suono d'un sogno è finito
salito tra i nembi ingrigiti
disfatti, a tratti…a tratti compatti…e scuriti
a vorticar ritorna
nel delirar del vento.
E brano si fa, tra le dita del tempo,
carezzevoli, finché il taglio non s'apre,
dall'anello inciso…che ha in sé serrato,
a lungo, tenace…
e pace non trova, così sballottato
tal piuma in balìa di soffi animosi
di facinorosi mostri beffardi e d'empietà gravati.
Al primo risveglio nell'ora di notte
riprende il volteggio, e vaga, e si posa
sul rovo di spine, di gocce sanguigne irrorato
ch'è il segno che il suono d'un sogno…è finito.
D'attesa in attesa, quel suono
sol tornerà come segno di pianto, dai nembi disfatti,
e il sogno finito diventa infinito, e io lo raccolgo,
e tra le mie mani…ritrova rifugio.


sbando da tutte le parti…fra tutte le età…(ragazzine che si vendono per…fesserie; signore che lo fanno, tra l'altro, come pagamento di prestazioni d'opera…) fra tutti i sessi…in tutti gli strati sociali e campi di attività…col non rispetto degli altri, del mondo, di se stessi…Forse vale la pena rispolverare e riadattarsi ai "valori" che "hanno" voluto sotterrati (senza vergognarsene...come d'altronde succede adesso per tutti i tipi di sbando, appunto).

Che sguardi avranno, gli occhi di domani
Che sguardi avranno, gli occhi di domani,
se dense nebbie allor germineranno
oltre misura, incontrollate, e grevi,
oltre l'odierno loro lievitare?

Che neanche i penetranti occhi, oggi
posson trafiggerne il latteo fermentar,
e i miopi…ci sbattono indifesi…
seppur vi sien sensori già allarmati…

Terranno, quei, il confronto con il sole,
o resteranno nella turbolenza, ciechi
più delle talpe, che, almen, sanno vedere,
mentre le lenti, usiam, senza captare?

Oltre la coltre può trovarsi il vuoto,
già pronto a risucchiare avidamente…
Frenare in tempo, e attraversar la nebbia
cautamente, cogli occhi, e con la mente,

d'ognuno sia precetto, e allor gli sguardi,
saran, domani, no svuotati ossessi;
e il senso alfin godranno della vita,
e più rispetto avran…di loro stessi.

Fiori di bambagia



fiore di Tarassaco, o Dente di leone, o Fiore spia, o Cicoria selvatica o burda,
o Soffione…nella sua trasformazione a sfera di bambagia (infruttescenza).

(quadro: "L'altra faccia del Tarassaco" di Elisa Caserini, da internet)

Un soffio…E si distacca…
E va girovagando, il fiore a palla
leggero più dell'aria che lo culla.

Discretamente entra nelle case,
e curioso, qua e là sen va fluttuando…
E poi si fa frammenti…

Frammenti di bambagia
del fior già diventato tenue sfera,
che a mano adunca sfuggono sgusciando.

E seguitano a andar mulinellando
a dir del nuovo stato
di piccole creature…in libertà.

Preannunciano sorprese
- avvolte di mistero - in chi in ciò crede,
e un soffio ancor, più li dividerà…

E…più divisi, più rinasceranno
in nuovi fiori gialli.
E, ancor, di nuovo in…sfere di bambagia…

Come sarebbe, l'anima, leggera,
privata di zavorre,
e come - come piuma - andrebbe in cielo!

Il "Voglio" onnipotente
Arrivare a novant'anni?
Coi dolori…coi malanni…
con il carico di pene?
Chi lo sa…se ci conviene!

Ci potremmo anche sperare,
ma a ogni ora si può…andare,
e nessun può farci niente
se lo vuol l'Onnipotente.

Ma se prima di soffrire
ci accadesse di…partire
non sarebbe assai peggiore
che trovarsi nel dolore?

E se il punto è che il destino
deve fare il suo cammino
- per chi lungo, per chi corto -
(c'è chi nasce pure morto)

chi può mai interferire
nel campare…nel morire…?
Forse il meglio è accettare
senza starsi a tormentare,

ché nessun può farci niente
contro il "Voglio" onnipotente.

L'itajano

I (in sonetto)

Pe quanta strada pòsso fàmme ar giorno
pe intorno a casa, 'n se capisce gnente
de quer che dice chi me passa attorno…
L'istesso è anche lontano n'accidente!

Dar sòno che se sènte, è chiaro, è ggente
che viè da chissà ndove a ffà er soggiorno
da noi, pe faticà, e immancabbirmente
parlànnose nfra sé, 'n capischi un còrno.

Invece (e guarda si nn'è strano er monno!),
st'istate sò ito in gìro: pe davero…!
e da 'gni parte, insin' a lo sprofonno,

ciò inteso er milanese…er sicijano…
Ècco…Te tòcca annàtte a ffà stragnero
si proprio vòi sentì a parlà itajano!


II (in quartine libere)

Girànno pe le strade attorno a casa,
e puro assai lontano da 'ndo' vivo,
er sòno che se sènte è 'n sòno strano
che 'n se capisce…E è sempre più così.

Romèno, ucraìno, slavo, lituàno…
che sòrte da signore e signorine,
che pò puro sembrà che ssò itajane,
e da li maschi, co le bìre in mano.

St'istate sò ito in giro a ffà er turista:
Madridde, Sharm-El-Shèikke, Casablanca…
E llì ho sentito a ddì in napoletano,
romano, milanese, fiorentino…

Ma guarda te siccome st'annà er monno!
Mò pe sentì a parlà itajani veri
bisogna che vai in giro da 'gni parte
indove che noi sémo li stragneri!


scritta sul IC 704 delle 16.48 da Barletta a Roma, e dedicata e data in anteprima ai miei vicini di posto. Domenica 23 Giugno 2013.

Sul treno
Ma quant'è rumorosa…assai! la carta,
quando sul treno sfoglia il suo giornale
il tuo vicino, o apre buste, o scarta
bon-bon, merende, e l'acqua minerale,

quando di te ormai s'è impadronita
la sonnolenza che tenevi a bada…!
Ma non c'è "game"…Lei s'è intestardita:
ciondola, il capo, e badi che…non cada…

Mentre arduo sempre più si fa il lottare,
e in braccio sei finito al dormiveglia,
quel cincischiar che devi sopportare
è peggio del trillare d'una sveglia…

Ti par che il tuo vicino faccia apposta
per renderti il viaggio un'ossessione,
e stuzzica i tuoi nervi senza sosta,
e pensi di gridar: "Maledizione!..."

Ma non t'azzardi, e resti lì a subire…
Sembrava aver finito, ma…illusione:
sgranocchia un toast, e lì stai per sbottare:
"Son già tre ore…!"…Ma…ecco la stazione.


…questo è uno sfogo…alla romana. Se la politica continuasse a fare - tutti insieme - le cose che servono alla gente - sarebbe l'inizio dell' "Era della Civiltà" (qualcosa sta venendo fuori dal compromesso PD-PDL, e altri di buona volontà (ancora in piena crisi, Giugno 2013) .

dedicata a tutti i politici (e…"dintorni"…) del "proprio tornaconto demagogico, e materiale", bugiardi e ingannatori e lestofanti, se non addirittura ladroni e fautori dello sfascio dell'economia e della società italiana.

Ve pòssin'ammazzàvve a tutti quanti!
(la maledizzione der bòn senso)

Ve pòssin'ammazzàvve a tutti quanti!
Pe l'ambizzioni bècere e devianti
che stann'a rosicàvvese er ciarvello,
stavate pronti a ffà schioppà er macèllo
sènza sentìvve addòsso la vergogna
de schizzà in gìro er tanfo de la fógna
che solo séte bravi a ffà girà.
Ridìco: che ve pòssin'ammazzà,
pe quei poràcci che se sò ammazzàti!
Ma dico - brutta massa de briganti -
davero ce voleva accosì tanto
a ffà le còse che - côr disicanto -
mó state a ffàlle tutti quanti assieme?!
Che ce voleva…! Er fatto è che 'n ve prème
a ffàlla funzionà sta gran baracca…
Che ve pijasse 'n côrpo che ve spacca!

Continuàte a usàllo sto bonsenso
che state a ffà vedé che ce l'avete
- quanno ve pare - e abbasta coll'incenso
pe cui sortanto, pare che vivete!
E si la còsa è solo'na finzione
cioè fumo all'occhi pe nnoi…pòri allòcchi,
che mànnino quiggù na punizzione
dar cèlo - pe voi tutti - co li fiòcchi!

Non era solo un fiore
Per me era tutto…Non era solo un fiore,
quel fior di rosa preso dal roseto
col gambo turgido e i petali velluto
che qui ai tuoi piedi misi dentro un vaso.

E nemmeno era una nota di colore…
Nel portartelo fui assai discreto
come per scusarmi di chiederti aiuto,
ma da dentro, la prece era un travaso

di fede….d'amore, e di disperazione
per quel che tu sapevi, e sai, che il cuore
ancor mi stringe, così, senza riguardo,
sì cinico, che di pietà non sa.

Il mio bel fiore era in sala operazione…
L'avessi tu lambita - pel Signore -
col fior di rosa, ed avessi, col tuo sguardo
guidato i ferri…lei sarebbe qua.

Ora èccomi, dunque, con quest'altra rosa
per chiederti una grazia che rimedi
alla tragedia successa alla mia sposa:
che or riposa, ed io impazzisco…vedi?

Sarebbe, la mia vita, ormai, solo un pianto
da non bastarmi gli occhi…E quel che chiedo
è di farci ritrovare ancora accanto:
e puoi farlo, se è vero che ancor credo.

Pizza bianca romana
su la spiaggia


Na pizza bianca co la mortatella,
fresca de forno…bordo scrocchiarello…
La respiravi, prima de addentàlla
dopo èsse stato un'ora e mmezza a mmòllo.

Ma che sprofumo! …Mamma, che sapore!...
E l'aria attorno, tanto l'insapora,
che la magnavi puro côr respiro:
un godimento sano…bbello…puro!

E co li fichi… che prelibbatezza!
"A ma'! (o zia, o nonna), n artro pèzzo!"
- dicevi - che ce diventavi pazzo
co quer sapore da la bocca ar gôzzo.

E si s'appiccicava o un po'de sale
che er mare je schizzava…sott'ar sole,
o un granello de llì…dell'arenile,
era anche mèjo, a gustalla sur telo.

Porèlli, invece, mo, li regazzini,
ar bàre co quer fregno de mottino,
o - pèggio - pòppe-còrne e patatine…
Ma un bèr pèzzo de pizza…nn'è più bbòno!?

Poesia è pensiero in salsa d'emozione
Poesia è pensiero in salsa d'emozione,
da musa suggerita nel menù
qual piatto preferito, a sensazione,
per imbandire con qualcosa in più
la tavola per singoli, o banchetti…
Per rendere piacevoli, ricette
con strofe dolci, o sapidi versetti,
al modo - ma anche più - delle etichette
di tutte le portate, e le bevande.
E come un buon cenacolo, si crea,
con la poesia che il buon aroma espande,
ed ogni commensale se ne bea,
tra spezie naturali profumate
amalgamate ai versi musicali:
cannella, pepe, miele, con ballate,
quartine, rime…Serie, oppur banali…
che espriman gioia, o parlin di dolore…
condite al disincanto, o allo stupore,
che all'attimo dian guizzi di colore,
ed all'insieme donino sapore.


dedicata a Andrea (pensionato delle poste, tifoso romanista, malato di sla, in piedi ), e a Massimo (malato di sla in carrozzella)(e anche a quel bravo ragazzo di Amerigo, loro amico - che mi ha chiesto per loro questo diversivo, che per la verità, non è laziale).

Chi sta squa e chi sta sla
(due malati di sla e un loro amico)

Chi sta squa e chi sta sla…
Chi va bbene e chi n c'è mmale…
Ma me pare più geniale
chi sta sla, de chi sta squa!

Prendi Ame…Lui sta in piedi,
Massimone, in carozzella:
ma chi ha perso 'na rotella
è Amerigo…nun ce credi?

Metti Andrea, ultratifoso
de la Roma…sfe-ga-ta-to!
Amerigo ch'è imbranato
è lazziale…È obbrobbrioso!

Lui, Andrea, quanno s'arza
se va a prènnese er "Coriere",
se lo lègge ch'è un piacere…
Tutto er resto…j'arimbarza!

E ffa bbene! Si t'affacci
a smiccià quer che c'è in giro,
vòi dormì pèggio de n ghiro
pe n vedé cèrti tipacci…

Che ssò tanti…mamma mia!
Dar governo ar parlamento,
da ogni furbo sempre attento
a fregatte come sia!

Massimone, Andrea e Ame…
tutti llì a Grottaferata
a godésse la giornata…
Che bèr trio…Che bèr legame!

Goderecci penzionati
(che già avete assai sgobbato)
ve saluto…Andrè! Ha segnato!!
Sì…però…cianno fregati…

N ce penzà…S'arifaremo,
mo, a st'artro campionato!
Guarda er fòjo ch'ho mannato*.
Fàmo er tifo…e arivincémo!

*poesia su sfondo coppa-scudetto tutto in giallo-rosso, del2001

 

Quann'er "progresso"…sballa
Ce stava, un tempo, quer che nun c'è adesso,
e mmo ce sta gniquello che n ce stava…
Se sa, gni cosa cammia…Eh, già…è 'r progresso,
che troppe vòrte…sballa, e troppo sbava

pe cammià er monno…E scava…scava…scava…
Però, più scava e più èsce quer che ar cèsso
avrebbe da restà, e che n se lava!
Che nun se lava più…E però è lo stesso,

pe chi cià er tarlo in testa, o quer che sia…
Ce stava, e ce sta er male in tutt'er monno,
ma mmo s'ammonta a la cretineria

che stanno a ffalla cresce ortre misura,
e pò portacce tutti a lo sprofonno…
Er che è già incominciato…e fa paura!

Quann'er progresso sballa,
la fine d'affonnàsse è assai sicura…
Come puro…che poi n se torna a galla.

Er giòco der Quindici
È er giòco der Quindici, o er Cubbo, ch'è uguale…
Inizzia ognisempre ner pieno casino
de tante caselle…Co er dunque centrale
che sii ciascheduno rimesso a puntino.

E allora li smovi su e ggiù, a destra e a manca,
je scambi - co ogni artro - li posti de ognuno…
Ce provi…e ariprovi…finché nun te stanca…
finché fòri pòsto n ce n'è più nisuno.

E quanno a la fine sò tutti ordinati
ner mòdo ch'è giusto che ognuno sia messo
je dichi contento: "Mo, v'ho sistemati…!".
Ma vòi riprovà…e rifai 'r giòco stesso…

Uguale succède llì nder parlamento,
e puro ar governo, co tante portrone
da méttece su chi je dà affidamento
ma nun va mai bbene, e ar dunque: elezzione!

E allora ridaje a risceje…a aggiustà…
a rincasinà…pe poi fallo tornà,
er giòco. Ma, ar solito, insistentemente,
llì giòcheno tutti, e n combineno gnente.

E - come 'i birilli - si cascheno giù
ritorneno su in nemmanco un minuto...
Riinizzieno er giòco, e ancora sei tu
a èsse quer fregno che è sempre fottuto.


…se l'è presa con chi tanto insistentemente voleva mettere a capo della repubblica…E perde quota…(maggio 2013)

Quer grillaccio de 'n grillo!
Dìcheno "ècchese comico" …In che senso?
Ché nu mme pare un "ècchese" pe gnente!
Còmico c'era…E còmico - io penso -
c'è puro mo, sippuro diferente…

Sta a ffà vedé che…a gnente j'è parente,
quer grillo che se sta a coprì de incenso…
La ggente sta a capì ch'è inconsistente
caccià all'artri e nno a llui…È n controsenso!

Magari, sì, è servito a ddà na scòssa….
Però, llì s'è fermato, e nu mme pare
che sappi fà na quarche brava mòssa

per annà avanti co quel'avventura
de buttà ggiù a quell'artri da l'artare…
Che pare ch'è na còsa…troppo! dura!

Pe quer che l'ariguarda da vicino,
sta a ffà acqua, la barca sua, insicura…
E se sta a ddà*, grillino pe grillino…

*se sta a ddà : sta scappando


leggere cantilenando(quasi sillabando) come una nenia

Cri-cri-cri…grillo urlatore
Cri-cri-cri…grillo urlatore
nelle piazze bava schizza
dice lui è il salvatore
ma intanto è lì che…attizza


altro che le barricate!".
Spara a mitra paradossi
anche quando fa: "Badate…

che un po' poveri…è anche meglio…".
Ma lui incassa milionate
dal suo blog…Che grillo sveglio!
E perciò spara bordate

contro chi usa altri mezzi…
Ché è pagato a peso d'oro
per ognun dei tanti avvezzi
che s'addentran nel suo…còro.

Ma lì dentro, o ai show chiassosi
non è che un burrattinaio…
Grande, lo è, col "nessuno osi…!",
che sia tizio o che sia caio,

dirgli contro, un qualche cosa!
Solo lui ne ha il diritto:
può insultare ognuno a iosa...
Fa', o Pinocchio, che stia zitto!

donne e amore in piena…confusione…

Amore…règgi tu, il mistificare?
S'adagia all'impudente meretricio
di mistificazioni, e in sé raccoglie
ogni piacere, e fuga il sacrificio
di refrattare gli echi delle voglie.

S'adegua parimenti ad esser moglie
e di sincerità ne fa un auspicio
finché la nuova vibrazion distoglie…
e succube si fa d'ogni artificio.

Ogni esplosione…ma anche un solo sguardo
pulviscola parvenze d'un amore…
d'un desiderio…un pentimento tardo…

e si ritrova a fondo impelagata
in storie surrogate, e con candore
la scusa adduce: "Eh…sono innamorata!".

Un canto sembra scender giù dai monti



Un canto sembra scender giù dai monti,
e per le valli par che si diffonda.
Col sibilo del vento si confonde.
È degli alpini il coro, quando al fronte

salivano coi muli e le mitraglie,
la penna nera, e i lor sommessi canti,
per cacciar via invasore e i suoi affronti,
e avere in cambio, forse, una medaglia.

Di su le cime guardano il Paese
che non sa più nemmeno quel ch'è stato…
di quanto sangue, allora fu investito
per una Patria libera, e coesa.

Quanto, oramai, di quei valori resta?
Se l'ascoltasse ognuno, questa eco,
che echeggia ancora, e dà la pelle d'oca,
sarebbe verso essa - almen! - più onesto.
 

in memoria di un innocente ucciso dalla…"Giustizia"
25° anniversario della morte di Enzo Tortora. ( 17 maggio 2013).


"Io sono innocente, lo grido da tre anni, lo gridano le carte, lo gridano i fatti che sono emersi in questo dibattimento. Io spero, dal profondo del ..." (Enzo Tortora)

Enzo Tortora
Se non l'ha fatto lui, lo faccio io,
facce scolpite su pietra di fogna,
che all'innocenza avete dato gogna…
e sofferenza…e morte: possa iddio
voi, uno a uno, tutti, maledire!
Togati indegni, annunciatori infami,
pur di colpire…e scribacchiar proclami…
Voi, gente abietta che, pur di stupire,
più scandalo non potevate dare!
Peggiori voi di quei malavitosi
che per mestier lo sono, cancerosi!
Voluto, avete, farvi abbindolare!
Ma a voi non è costato men che niente…
È consentito, a voi, ogni misfatto…
Consci, siete, di quel che avete fatto?!
Per prove?…La furbizia di chi mente!…
Prosciutto agli occhi…alle orecchie…o che cosa?...
A testa alta ancora andate in giro?
Possa l'ira di dio tenervi a tiro…
Sulla sentenza, un nome: criminosa!

meditiamo, gente….meditiamo!

Voglio papà e mamma…veri!
Mamma, mamma!…La mamma di Luigino
davanti qui ha due morbidi meloni,
invece tu sei piatta…Anche papino
è tutto piatto…E llì…sotto i calzoni,

sei fatta come lui…con il pipino?
I miei amichetti fanno i paragoni
tra i loro genitori e voi: "Un bambino…
deve aver mamma e papà, e no…finzioni…!",

mi dicono, e io penso che sia giusto.
E ne ho diritto anch'io…Il mio! diritto…
L'avete preso voi…per vostro gusto!

Due padri non li voglio: voglio mamma!
E no una mamma-babbo, per editto!
Pensate solo a voi!…E a me, il dramma!


c'è un falco sopra un cucuzzolo, che voglion spiumare, civette e corvacci…

Il Falco Reale
Il Falco Reale là in cima alla vetta
raggiunta volando superbo nel cielo,
troneggia, e lo guarda maligna, Civetta
che il picco agognava per sé…e con zelo

chiamato ha in aiuto uno stormo di corvi
- corvacci cogli occhi striati di rosso -
che guardano biechi, che guardano torvi
gocciando dal becco viepiù a più non posso…

Fan voli plananti là intorno alla vetta
studiando e aspettando di dar l'arrembaggio…
Aizzano i corvi, uccellacci di setta
gracchiando con loro: "Spiumargli il piumaggio!..."

Perché va punito in un modo o in un altro
quel falco che ha osato sfidarli, là in vetta…
La vetta voluta, che il falco, peraltro,
ha avuto per sé per chiamata diretta

di tanti abitanti di quella montagna.
Ma ecco lo spunto perché il grande Nibbio
la pena gl'infligga per grossa magagna:
ha fatto andar su Marmottina - oh, cribbio! -

lassù dov'è il nido suo ricco di piume…
Si stanno spennando, corvacci e uccellacci,
dai salti di gioia, e ancor scorre, quel fiume
di umor velenoso dai loro beccacci.

Ma il Falco Reale sorvola la scena:
e ancora più, sale, e alfin s'appollaia…
E corvi e Civetta, la foga giù mena…
E or son come oche…e starnazzan sull'aia.
 

Le fabbriche portano il tumore…le antenne portano il tumore…la TAV porta il tumore…la cacca delle mucche porta il tumore…l'inceneritore porta il tumore...
In nome del tumore possiamo anche finire sul lastrico e magari…morire di fame….Ma la grande preoccupazione…eh! è il cane! "Chiude" la sanità? Basta che ci sia e che si estenda sempre più quella - gratis, inclusi i trapianti di organi… - per il cane!
"Non si arriva alla terza settimana…!", ma sempre di più, nelle case ci sono uno o più cani…costeranno pure qualcosa, tra il mangiare, scuola di comportamento, colonia estiva,vestitini,cosmetici, coiffeur, eventuale dog-sitter……o no?!... Intanto, tutti gli ospedali - per i cittadini - stanno in crisi…sempre meno servizi…sempre più soldi a carico dei pazienti per le medicine e le visite…
E il cane continua ad azzannare/ammazzare perfino i figli del padrone…(caso più recente a Nettuno, 13, o14 Maggio 2013).
Brambilla! Affìttate na cuccia in un canile, che stai bene solo llì!

Crisi nera…ma n sia mai p'er cane!
Nun c'è da faticà…manca la grana…
se stann'a svotà tasche e conti in banca…
la cinghia se st'a strigne…nun se ingrana…
che artro che er "ponte" e la "bandiera bianca"!...

La sanità oramai nun ciarisana…
la via se fa più ripida…se aranca…
le ciminiere n fumeno…se sgrana
la ròta der motore…Ma n se stanca

mai, quarche boccaccia, de dì "chiudemo
le frabbiche che…schizzeno er veleno!"…
Ma sì! Chiudemo quelo che ciavemo

che infin'a mmo cià dato casa…er pane…
Potemo fà de quarsia cosa a meno…
Abbasta che …curamo bbene er cane!

Ma ce vònno l'assegni famijàri,
che ce còsteno come le perzone!
"Ma mèjo loro, sò…pe noi canari!

Che er cane, anche si azzanna
er pupo che sta in braccio ar su'padrone,
abbasta che llui…dar psico! lo manna"...

S'abbevera, il mattino
S'abbevera, il mattino,
al seno d'una stella
e luce chiara inonda
e echeggia lo stupore.

E il sole sale, e cresce
ed al vagito aggiunge
crescenti note intrise
di melodie d'amore.

La bocca, or, d'altra bocca
la sete riarde, e brama
un seno che si doni
a primavere in fiore.

Per mille e mille volte
va il sole, van le stelle…
Poi, sfoglian, le corolle…
che il cielo ha dato in sorte.

Or, beve altro mattino,
piovuto giù dal cielo…
Si fan lontani, i giorni…
Si chiudono, e apron, porte…

Ritorna, coi ricordi,
il pallido mattino,
a stare con le stelle,
da quel tramonto assorte.

12 Maggio
Vaga un sentor di profum per l'aria
or che al mattin si dischiudono i fiori.
Vola, dalla torre campanaria,
puro, un suono a penetrar nei cuori.

Porta un pensiero e io lo raccolgo.
Dice di angeli scesi dal cielo…
Ora a te penso, e un fiore ti colgo
e nel dartelo, amor ti rivelo.

Un fatto, una poesia
…e sì…in fondo dispiace che un avversario debba cadere per mano di suoi traditori…Ma tant'è…
Ma perché non lo si elimina il voto segreto in Parlamento?
Allora sì, che la chiarezza tanto decantata e agognata, sarebbe un fatto compiuto! Il resto…son chiacchiere.
(la caduta di Bersani e del suo PD in occasione del voto per il Presidente della Repubblica, Aprile 2013).


Quanno che er ragno fila rannicchiato
Quanno che er ragno fila rannicchiato
drent'ar bucio la bava appiccicosa
chi pe llì passa è un pòro disgrazziato
ché, in un momento, je se métte in posa

e in men che nun se dica…l'ha acchiappato
e poi co la boccaccia sua bavosa
je inizzia er succhio e presto l'ha sporpato
a na magnera bruta e scannalosa.

E come si nu'avesse fatto gnente
senza fà un rôtto s'arimette llì
tutto tranquillo, come un innocente,

a seguità a filà…a tramà…a sbavà…
Ma che vòi fà…lo fa pe nu murì…
Che questa è la natura, a fallo fà.

E nno pe er pòrco gusto de tradì
com'hanno fatto a Prodi e specie a Giggi
quer brutto branco de lupacci griggi.


discorso fra gente del popolo, sulla questione della moda del "donnicidio" di questi ultimi tempi…(Maggio 2013)

Er donnicidio de mòda
"A Romolo, ma che ce sta a succede…
A parte le fregnacce che sapemo
de - e - nfra politicanti de gni fede,
er fatto che più pìa, è che ciavemo

un donnicidio ar giorno…N ce se crede!
Annamo da un estrèmo all'artro estrèmo
in quarsia cosa...E mmo - lo stamo a véde -
da guasi gnente…a…tutto!". "Caro Rèmo,

nun hanno fatto artro che inzegnacce
pe guasi mèzzo sècolo de storia
che mai nisuno - mai!- ce po' frenacce…

E che la donna "deve" emancipasse…
Mo è ora de incurcà…na graduatoria…
er punto ggiusto indo'…tòcca fermasse.

Bisogna emancipà pure er ciarvello
dell'ommini…e dije che er pisello
nun se pò impone a una che n vò stacce!

E che er ciarvello deve da imparasse
a commannà er pisello, e no ar contrario!
Sinnò, se sòrte fòra dar…binario…

Ah….ssì…nun dànno rètta? Bene! E sia!
Sta cèrta…mòda nun se po' accettasse:
co un tajo netto…je se pòrta via!".


in mezzo alla tremenda recessione, soltanto un'attività ancora tiene e anzi…prolifica e rende bei profitti….

Ditta Beccamòrto e Sòcia
Che bellezza, er soriso che…nun ciai,
e che 'n se pò nemmanco immagginasse
co tutt'er giorno immezz'a tombe e a casse
in un via-vai che nun finisce mai!

Pe tte e la…sòcia tua, tutti li guai
sò sempre un mòdo bbòno pe intascasse
lo stipenniuccio…E a chi se sta a sparasse
perché n cell'ha…lo pòrti a stà ndo' sai,

co sempre er muso lungo…co lo stampo
de quarche smorfia tutta addolorata,
come a ddì:"Amico…nun ciavevi scampo!".

Ma nfra li baffi ridi…sei contento…
che la crisi nemmanco c'è passata
da te e sòcia, che pòrta - anzi - 'n aumento!

Eh, sì…è proprio azzeccata
sta ditta che sur morto vive aggiata:
tu magni…e llei…cià er su'compiacimento.

Un fatto, una poesia
C'è una strada…Lungo questa strada ci sono tre scuole medie-superiori.
All'ora di uscita c'erano gruppetti di ragazzi-ragazze in attesa presso tre diverse fermate d'autobus. Ho domandato: "Chi sa il significato del 21 Aprile?...A quale ricorrenza storica si riferisce il 21 Aprile?". Nessuno lo ha saputo dire.


Esperti in…ignoranza
Che…àrtro che restàcce a bbocca operta
come quanno …c'è l'asino che vola…!
Nun sanno fà uscì fòra na parola…
Vann'a scòla pe forza, e no pe scérta.

Nun sanno che vòr dì fà na scoperta
gni ggiorno su li banchi de la scòla…
Le recchie da somaro fanno gola
a véde l'ignoranza…quant'è esperta!

Ma che vergogna!…Ma che…la vergogna?
Ma la vergogna…nun esiste più…
Sinnò è sicuro che na quarche…rogna

nell'inzegnà le còse più importanti,
se la pìerebbero, ortre ar tatù…
indove sò gajardi tutti quanti!

Pònno èsse assai contenti
li "bravi" che côr tarlo de …annà-avanti…
stann'a sfornà somari e incompetenti.

L'ispirazzione
Me viene come de penzà a un penziero
che ggira…Ggira…È un'èlica che ggira
e pare che n se vò fermà davero.

Me pare come un gioco che t'attira…
fa' conto er girotonno de na vòrta,
che mmo nun se fa più…proprio nun tira…

Ècco che torna. Sta a ffà n sòno, ascôrta:
Ma tu nun pòi sentì…Sò solo io
che sento…come er fischio de na pòrta

che s'opre…o chiude…Sì…è quer cigolìo,
che tòcca dà un'untata…Armeno, pare...
Ma forse è solo tutto un sogno mio…

Mo viè…poi va…poi torna…e poi scompare…
Ma poi ritorna…Proprio n vò sparì…
È come un po' coll'onne lungo mare

quanno ch'er mare pare - lì-ppe-llì -
che vò ffà chissà che, e invece, a un tratto
s'ammoscia e pare…che sta pe svenì,

s'allonga su la réna…Gnent'affatto!
riparte…s'allontana…torna ancora…
È come si dovesse…tené a un patto.

Sta còsa pure, viene e va…e in un'ora
va e viene pellomeno cento vòrte…
Pare che bbussa…che nun vò stà ffòra…

E chi lo sa…Nun so si è malasòrte,
o si è na bbella còsa…Che intenzione
pò avécce…Che a le vòrte è così fòrte

che mette addòsso un po'de soggezione…
Ma mmo lo sto capènno, finarmente:
eh, ssì…n pò èsse che l'ispirazzione

che vò infilasse qui ndo c'è la mente,
e qua ndo er còre bbatte, e l'emozzione
ravviva er vive, e manco còsta gnente:

se paga o co la gioia, o côr magone.

A tu-pper-tu co Fontan de Trevi



De ggiorno…certo…sì, sei puro bbella…
Ma la sera sei tutta n'antra còsa,
fòra dar chiasso…da la sconfusione,
che arintontisce e nun te fa aggustà:
te devo véde a spicchi
nframmezz'a le capocce
de millanta e millanta forastieri…
Che ssò carini, tutti colorati,
tutti 'ntusiasti, sì…ma che però
ariempieno la piazza,
la vasca e li gradini,
che manco te pòi mòve, o restà llà…

Vòi métte mo, che nun ce sta nisuno
sinnò io e te, così, a faccia a faccia…
Co tte che me discôri
ner mentre che te scioji tutta quanta,
tranquilla…senza avé er casino attorno
e senza manco er sole che se specchia
e s'arifrètte tutto fanfarone…
Te nno…Tu quann'è sera,
sei più te stessa…come dì…più vera!
Sei come na signora affascinante
che je piace a parlà co quarchiduno,
così…pe compagnia.

E infatti stàmo a ffàsse compagnia:
tu continui a discôre, e io t'ascôrto…
Sto tu' discôre, a mme me pare un canto,
côr contrappunto de li sampietrini
che danno un po'de rittimo ogniquanno
quarcuno passa e va…senza fermasse.
C'è un micio che va in giro sconsolato,
e poi decide de venimme accòsto.
Se vede che je piaci puro a llui,
sinnò s'annava a mmette a n antro pòsto.
E assieme s'aggustamo er bell'incanto
che cià saputo dà chi t'ha inventato.

Un fatto, una poesia
Il P.d.R. Giorgio Napolitano, successo a se stesso, in occasione del Giuramento quale nuovo P.d.R.
ha fatto un discorso che mai s'era sentito dalle bocche di nessuno in tutta la storia della Repubblica Italiana. Specificamente ha dato una tirata di orecchie ai "facinorosi-spargi veleno" della politica italiana, responsabili del danno fatto subire all'Italia facendo sì - col loro irresponsabile comportamento - che non avesse un governo per un vergognosamente troppo lungo periodo di tempo - in un momento drammatico - dalle elezioni politiche del 25 febbraio, e ancora da formare. E anche per le risse e il disinteresse per la cosa comune dimostrata con le difficoltà create per la nomina del nuovo Presidente.( 22 Aprile 2013).


Era ora…!
Era ora…!...E la misèria...che sfogata!
Sto Nonno è ingalluzzito veramente
margrado l'anni.. E arfine, a certa ggente
je l'ha cantata come va cantata.

Nun pò tiràjela na martellata,
ché è cosa che n pò ffàlla un Presidente,
ma certamente j'è venuto in mente
ner mentre che je dava na tirata

de recchie a llui co tutto er cucuzzaro…
E puro a tutta l'artra compagnia
j'ha ffatto gnottì un bèr boccone amaro.

Magari n basterà…ma la miseria!...
Quer che sia, sia l'ha detto chiaro:"VIA!
SE CHIUDE! Si n se fa na cosa seria!"

E seria vòr dì abbasta prepotenza,
e a stà a stravòrge la demograzzia,
e abbasta a sbandierà…la supponenza!


…la riconferma dell'ottantasettenne Giorgio Napolitano a P.d.R., a seguito dimostrate incapacità/caparbietà/irrazionalità di certi schieramenti (20 Aprile 2013)

"Mannaggia a vvoi…!"
(lo sfogo de Nonno Presidente)

"Mannaggia a vvoi…Io stavo pe annà via
a passà er tempo co li nipotini,
e guarda te, sta sfortunaccia mia
mo m'ha rimesso ar chiodo…E a li destini

de sto Gran Bèr Paese m'arimischia,
perché sti ciafrujoni nun sò bbòni
che a sta a penzà a quer vento, llì, che…fischia...
invece de penzà che ssò mijoni

che n cianno più na breccola né ar pizzo,
né drent'ar portafòjo, o in cassaforte…
E n vònno sentì dì de fà un coalizzo
co un certo Tizzio…E de la malasòrte

de' licenziati, e tutti l'artri a spasso,
e azziende che se chiudeno ogni ora,
e le seranne basse ad ogni passo…
che je ne frega…proprio nu li accòra!

E inzomma…è co na gran soddisfazzione
che mo m'accòllo ancora sto gran peso…
Ma attento…a chi volesse fà er furbone!
Sto qua pe ffà un piacere…ma sta inteso

che come vedo a ffà tròppa moina,
o furberia…caciara…io, stavòrta,
le Cammere le chiudo…e vaffan…cina
a chi nun vòle proprio fà la svòrta!

Che vòle dì: abbasta de sta in guèra
co chi cià un'antra idea, e cià er consenzo…
Abbasta co la vecchia tiritèra…
E mo v'ho bell'e detto quer che penzo".


Un fatto, una poesia
…zozza politica…de ieri…de mo….de domani….de sempre….(col tradimento di cento dei suoi, cade Bersani e il suo PD - Aprile 2013).

Er Cap(r)o…Espiatorio
(immezz'ar verminaro più schifoso)

Immezz'ar verminaro più schifoso
te sei trovato…Anzi, a un viperaro!
E a te ch'eri sicuro e fiducioso
t'è arivato più pèggio de no sparo

er tradimento più che vergognoso
de ggente indegna, e sto boccone amaro
pe tte è più pèggio che èsse comatoso
sur letto de mòrte…Eh…Luigino caro,

te la sei presa tanto…Er che è umano…
A èsse un Capo, a vòrte è solamente
un mòdo pe pìà er…frutto der banano…

un mòdo d'èsse er Cap(r)o…Espiatorio
de tanta infamità de certa ggente,
si te pò èsse un po'…consolatorio.

Ma…"c' è demograzzia,
si ognuno pò penzà…", hai sempre detto…
E hanno penzato a fatte…"Caporetto".
-------------------------------------------------------
Ma così è…È la demograzzia
indove "se discute…", er che "fa sano…"
pure, dicevi…E però, ar mòdo insano,
è fanga indove er verme fa la scìa…

Te sei appiccicato a quer grillaccio
che t'ha trattato pèggio de no straccio
pe n dà soddisfazione…
Perché sinnò, er Partito, sai…chissà…!
e guarda er risurtato: èccote qua
co Quello ancora su, e a tte…er magone…

Bòn Compleanno, Roma!
(21 Aprile)

Svéjate, Roma, e rinasci ancora
sippuro nfra tanta sconfusione…
Dàtte na scrollata…ormai è ora!
N t'abbasta de sta ggiù a pecorone?

Lèvate da torno chi te zozza,
caccia chi te sta a mortificatte!
Basta a ffà la parte de chi abbozza:
sinnò n finirai de ruvinatte.

Penza a quanno eri quer che eri…
Rinasci, e rimetti la corona
der Caput Mundi com'eri ieri,.
che pure oggi - vedrai - te dôna!

Mèttete l'orgojo addosso e vai…
Spalanca l'occhi…N te fa fregà!
Acciacca li vèrmini che ciai,
Chi n t'ama…che possi rosicà!


…su suggerimento di Piero Colonna Romano, scrivo:

Er politico perfetto
Gajardo è chi n cià grilli pe la testa
e è mèjo de un equilibbrista in pista.
Che se vergogna…e nun sa ffà la cresta…
Sensibbile, coll'anima d'artista,

ma co le mano pronte a ddà ceffoni
der quanno-che-ce vò-ce-vò…e nnò
che lassa fà…E che a li mascarzoni
je dà ggiù, e n fa ffà a ognuno quer che vvò.

Parli pòco, e anziché st'a ddì frescacce
se smòva e facci smòve a ffà le còse
li più, e li meno, e tutti 'i vòrtafacce…
E a ognuno dia seconno giusta dòse…

Che all'estero n se facci abbindolà…
che nun se metta, e che n ce facci mette
a culombrina, tanto pe strafà
ner fàsse bbello…cosìcché promette…

Che guarda in giù…ma che n se sente zozzo
a guardà in su…Che cià er ciarvello spiccio
da frasi fatte…e che nun dice ar mozzo
ch'è più de n Capo…tanto pe scapriccio…

E che si vince, se va a prenne er seggio
convinto d'annà a ffà er lavoratore
a servizzio…e nnò pe er privileggio
de avé gni privileggio…E sii n signore

ner fà…ner dì…E che sappi fà assai bbene
le còse pe cui è stato messo llà…
cioè quer che sèrve, e nnò quer che conviène…
E er Bèr Paese facci navigà…

E in speciarmòdo sappi famme avé:
permessi, contribbuti, e l'esenzioni
pe mme e pe ognuno che ciò intorn'a mme…
Co gni sòrta de riccommannazzioni…

E case popolari côr riscatto…
Che nu mme guardi troppo ner cassetto…
Che, anzi…me lo lassi proprio intatto!
Embeh…uno così, pe mme è perfetto!

Un fatto, una poesia
Bersani a Renzi: "Arrogante!...L'arroganza umilia chi ce l'ha. Siamo ad un incrocio e questo è un ulteriore elemento di difficoltà in una fase difficile ma è indecente che in questa fase si dica 'la politica faccia presto'. Di qualunquismo in giro ce ne è già troppo".
Finocchiaro a Renzi: "Miserabile…"…(mezzo Aprile 2013).


"Miserabbile!"… "Arogante!"…
alla facciaccia della libertà d'opinione…della dialettica…della democrazia. E è sempre pèggio!

Ma guarda…guarda - guarda si che muso…
E senti…senti er tanfo che viè fòra
da le boccacce de chi vòle ar chiuso
chi rischia de mannalli a la malòra…

Je sòrteno parole che nu è uso
a ddìlle a na persona che s'accòra
pe rinnovà un proggetto ormai concruso,
e in un momento che oramai se sfiora

er pèggio catastrofico finale
che a tutti noi ce sta venènno addosso
pesante come un treno, pe er venale

egoistico bisogno de pìà er trono…
Ché è llui "arogante"…è llui a più nun pòsso!
E prima o poi ce dovrà dì: "Perdono…!"

Quell'artra je s'accoda…
"Miserabbile!", fa…Du' bbôcche e un sòno:
che dice quanto ormai…sò fòri mòda!

Un fatto, una poesia
da…"Bersaneide": continua lo…sgoverno, con fiducia…(Aprile 2013).

Luigino-Asso-Pìa-Tutto
Muoia Luigin' con tutti gl'italiani!


"Vi dico, vè…ho vinto le Pri-ma-rie!
Ragassi, non stiam' mica qui a scherzare!
E, pur con considerazioni varie,
ho vinto le elezioni…beh…mi pare…

Ci vuole il cam-bia-men-to! E solo io
- che sòn dei vecchi - ve lo posso dare,
che ho messo Renzi fuor dall'orto mio
perciò il diritto è mio, di go-ver-na-re!

Ho gli otto punti…chiari…trasparenti…
Stò mica ad inventar le favolette!
L'ho detto chiaro agli altri pretendenti
che fò da solo…e chi non lo permette

si prenda la…res-pon-sa-bi-li-tà…
Non vòglio inciuci, vè…E che non si dica
che è colpa mia, la im-mo-bi-li-tà…
Mi stan facendo fare una fatica

a restar dritto pur se sòn trafitto…
Ma vòglio andare avanti…e niente fette
di questa bella torta…È mio diritto,
in base alle meningi mie ristrette!

Che…porco boja…rappresento il nuovo!
L'ho detto chiaro: otto punti - otto!
Son quel Cristoforo, che col suo uovo,
passò per uomo illuminato e dotto!

Mi faccian da stampella in Parlamento!
Così!…Senza pretendere che io
gli dia in cambio quel che non mi sento…
Perché se l'altro è…santo…io son dio!

Così che io…de-mo-cra-ti-ca-men-te
per me voglio aver tutto, e gli altri…niente!
PUNTO! Io son chiaro, e…spudoratamente
mi frega poco o niente della gente.

Capitemi…! Se perdo l'occasione
che è unica, e non si ripeterà,
perderò il sogno (oltre all'elezione)
d'andare - finalmente - a stare…là!..."PUNTO!"

Quann'è troppo bbella…
Me sa che quella cià d'avé er diabbete
pe quanto è così dôrce e zuccherosa.
Nun ve sto a ddì frescacce: la vedete…
E è profumata mèjo de na rosa.

Pò ffatte immagginà quarsiasi còsa
sortanto a stà a guardalla..E puro a un prete!
E ve fa ddì: "Quant'è meravijosa…!",
che più ve la guardate, e più credete

ne la Natura, e a quanto pò èsse bbella.
E penza a che pò èsse a stà a scartalla
com'hai da fa si vòi na carammella…

Ma…si sortanto penzi che - magnata -
nun ce sta più, finisce che tu a quella
coll'occhi solo, la magni…E incartata!

Ma pò restacce male…
E ar dunque n t'arimane che sperà
d'èsse te quello, che se vò…sposà.


Un fatto, una poesia
Secondo le cronache dell'ultimo mese. Specialmente di questi ultimi giorni, quando la corda del monotono"NO" sta dando un bel supporto alla strangolatura del Paese…
C'è qualcuno che odia dittatori e ogni dittatura, ma…E chi non ascolta la voce interna del suo Partito…che si sta allargando sempre più?Non è solo Grillo che…Quello che sia, sia, il temporeggiamento (per …?) nella situazione attuale del Paese è criminale (vedi crescendo di chiusure attività, e, spesso, conseguenti suicidi, addirittura!…. (Aprile 2013)


Che stai a ffà, a Ggì?!
er dittatore…e deppiù?


Quant'è bbello a ddì dell'artro:
"Nun sia mai …è un dittatore!.."
E te credi tanto scartro
ner confonne l'elettore.

Ma sortanto si cià - all'occhi -
quer presciutto, che se dice,
che ce l'hanno sia l'allocchi
che chi a tte te benedice.

Dimme 'n po': tu che saressi
che nun vòi sentì chi penza
che côr…Tizzio ce dovressi
fà na tregua?...un'Eminenza?

Nun se pò sentitte a ddì
che è pe er bene der Paese.
Che fai: vedi…e n vòi capì?
No…fai finta, er che è palese.

Nun te frega proprio gnente…
Vòi avé soddisfazione…
Che te frega de la ggente!
Cerchi solo a ffà …er padrone!

Però - intanto - a scatafascio
va er Paese…Me sa tanto
che te piace…E ne lo sfascio
vai cercànnoce quer vanto

che fin'ora t'è scappato.
Ma nun è er momento, mo!
Ce risurti un esartato
bbòno solo a ddì de NO!

Un fatto, una poesia.
Si avvicinano i due mesi, ormai, dalle votazioni….E tutto è ancora fermo. Tranne la recessione che galoppa all'ingiù…E loro che fanno? Temporeggiano…si destreggiano in nulla…ma per loro è…tattica, dialettica…è ricerca o mantenimento del potere e della soddisfazione personale…
E intanto la gente sopraffatta dalla crisi economica continua ad ammazzarsi. A loro…je ne pò fregà de meno! (Aprile 2013).


La Granne Muraja
È ita male, ma mmo invece…pure!
Che ste capocce piene de monnezza,
llì, incaponite, drent'a la fortezza
co le muraje alte, erte e dure,

che noi je dàmo in cambio de sventure,
de regole ripiene de schifezza
a sti campioni de scelleratezza
che artro n sanno dà che…fregature,

ce stanno a còce a tutti a fòco lento…
Dar Granne Capo incruso, a tutti quanti
côr lume der bòn senzo tutto spento!

Lo stann'a véde quer che st'a succède…
Ma…pìeno tempo, mentre - e ormai sò in tanti -
stann'ammazzasse…che n ce se pò crede!

"T'appelli…A chi? Ar muro ch'hanno messo
nfra noi e lloro?" "Pò èsse anche che schianti!
Nun se pò mai sapé…che viene appresso…".

Un fatto, una poesia.
Paradisi fiscali off-shore…"trasversali". Ci sta andando di mezzo anche un P.d.R. di sx (Mr. Holland).

…son sempre gli altri a essere bugiardi, sporchi, corrotti e corruttori…per il sapersi protetti da una pluridecennale verità non dovutamente controllata…che ha "garantito" troppo a lungo la auto-assegnata, ma (a quanto pare, ultimamente) immeritata supremazia morale…E quando viene fuori il "malamente" di una certa parte, son sempre pronti i distinguo, i se…i ma…Ma ormai l'effetto "bugia" è scaduto e fiorisce una nuova verità…
Non farebbe male rimembrare - prima di schizzare veleno sugli altri - la frase sempre attuale: "Chi è senza peccato…". (Aprile 2013).


Bugia che scade…Verità fiorisce…
("Chi è senza peccato…")

C'è la tormenta…Cadono slavine…
Ma non è neve, no…son le bugie
raschiose, spudorate, cristalline
per quanto sublimate da alchimie;

incipriati rilasci di endorfine,
pregnate di sognanti melodie
farneticanti, insulse senza fine,
innati geni…forse malattie?...

Spudoratezze che escon spudorate
dalle boccacce pur di chi si vanta
scevro…dacché…sol dagli altri irrorate

son le mendaci arie spudorate
di lingua fine, che ingannando incanta,
finché son pur le loro…smascherate.

Mia farfallina
a Lisa



Mia farfallina…còlta sopra un fiore
di quel dicembre, bianca e infreddolita,
che la mano accarezzò, e un tepore
tutta percorse ed invitò alla vita...

Sei volata, forse un poco impaurita
sulla mia mano…L'avvertii il tremore
di ciascuna aletta da poco uscita
dal bozzolo dei giorni senza amore,

senza i voli…tra i libri da studiare,
e i tanti, troppi impegni d'ogni giorno…
con solo poco tempo per sognare.

Con tanta forza tenera stringesti
al mio quell'essere tuo, bello, e adorno
d'alme parole, e generosi gesti.

 

Un fatto, una poesia
Pasqua ha portato - magari non solo lei - giudizio e serenità in qualcuno che ha un certo peso là dove giudizio e serenità sono spesso alquanto latitanti…Annunziata intervista Franceschini su Rai 3 (Riassumo: esiste…lo chiedono…tant'è! tutto il diritto di…per lui e per loro…malgrado isterici NO della sua stessa parte, alla loro libertà di esistere, come vera democrazia vuole e detta…), nella stessa trasmissione da dove la stessa aveva detto qualcosa non all'altezza…(Pasqua, 31 Marzo 2013).

Effetto Pasqua…ma nun solo…
Quer che è capace a ffatte sta giornata
- de Pasqua, vòjo dì - n cià paragoni.
Che proprio indo' la…rospa s'è azzardata
a dije "impresentabbili" a 'i mijoni

de gente brava, seria e moderata,
ma che dall'artri bravi cianchettoni*
sò presi - come ha fatto l'Annunziata -
pe ggente che je dà le…ripurzioni…

c'è stato - insospettato Franceschini -
chi ha messo tutto in chiaro, finarmente!
Che cioè, come ce sò li bersanini,

grillini, vendolini, e li montiani…
ce sò - che haivòja a stà a sturbà la mente -
uguali, o mèjo, li berlusconiani!

*che mettono sempre intralcio all'essere e al fare


filastrocchetta pasquale

       
                                                       campanile di S.M.Maggiore di Bettona, PG

È Pasqua…
…e un concerto di campane
che si sente pe' ogni dove,
lo ricorda anche a chiunque
se ne sia dimenticato
o sia ancora addormentato.
A quel suono balla e canta
oggi, l'anima di ognuno,
se soltanto sa ascoltare,
sa pregare, e perdonare.
Come ha fatto già qualcuno
che dev'esser proprio buono,
se nemmeno è risentito
per le pene che ha patito.
Dunque, sia una grande festa
con le uova al cioccolato,
torte tipiche al formaggio,
e ogni piatto che ci viene
da un'antica tradizione
che rinnova l'emozione.
Dentro casa, o all'aperto
con il cuore più contento,
pur se piove e soffia il vento
ma col sole - certo - è meglio,
con chiunque più ci piace
stiamo tutti in santa pace!
E se ci sarem riusciti,
a passare il dì così…
perché, poi, non farlo pure
da domani - ogni altro dì?..Un sogno di speranza.
Anche se, hai voglia, ancora, a mangiar patate!...
.

Da cronache…future
(articolo del quotidiano "IlGiorn-ubblica" del 2100)

S'udì, nel mondo, nel duemilacento
un botto grande più d'un terremoto,
di più d'uno tzunami…che nel vento
trovò la cassa armonica, e nel vuoto

dell'atmosfera andò in dissolvimento.
Dopo affinati studi, ora è noto
che il fatto fu dovuto all'andamento
sfrenato…nevrastenico del moto

dell'onde delle chiacchiere dei noti
tizi e cai, che per secoli han gridato
soltanto per racimolare voti…

Su pel cielo, ormai colmo, grande scontro
fu di grida…E…"Silenzio!", fu ordinato.
Parlano, ora, e niun più, dell'altro, è contro.

 

l'odio di parte dice dell'altra: "impresentabili"…(Annunziata, in diretta). La filosofia/strafottenza di parte, mescola le carte, fino a rappresentare uno stesso fatto, una gloria per l'una, e il disprezzo per l'altra… Per l'una si chiama "scounting", per l'altra "inciucio/compravendita…". Evviva il cambiamento! Nonché la vecchia e amatissima… democrazia…Basta la…parola…

Lezioni di…lingua
(filosofia alla confucio-ne)

"Ma siete proprio zucche, vè…! Ho detto
e vi ripeto…sciòrbole…la lingua
è quella ròba lì, che io mi aspetto
capiate tutti quanti…E si distingua

la popolare dall'altra…impegnata;
dall'italiana a quella forastiera…
Punto! Perché altrimenti è una bojata
star qui a rimescolare la scacchiera…

E qui ridico: Punto! Che ci sta…
E allora, sia bèn chiaro: la parola
a volte ha il valore che ci va…
Che…oeh…ragassi!…In questa scuola

vi stiamo ad insegnar che se è per noi,
vuol dire "scouting"…Ma per loro è "inciucio"…
E quelli che qua passan…sono eroi!
Ch'è un filosofeggiare alla…confucio…

Sì, dico bene…proprio "confucione".
Ma a noi piace così...Noi siamo i belli,
e gli altri…"impresentabili"…È questione
di chi sa più imbrogliare…E noi, siam quelli!"

…ed ecco che ritorna Primavera

   


Ed ecco che ritorna Primavera,
che come sempre viene anche quest'anno,
ritrosa, un poco, perché teme il danno
che crisi e il…resto…posson, giorno e sera,

recare ai prati in fiore - sua bandiera -     Di tutti i fili d'erba dei tuoi prati
pel prolungarsi dei rigor che fanno           puoi farne lunghe corde…e, battagliera,
intorpidir di freddo e dan malanno           legarci ladri…falsi…e scriteriati,
al posto del tepor, che ognuno spera.
                                                              di modo che ne seguirà un'estate
Ma le dan forza i voli sempre audaci        con i suoi giorni lunghi ed assolati,
di rondini in livrea bianca e nera,              e le lusinghe, calde, rinnovate.
che beccano le lingue più mendaci,

di ognun che al suo, il proprio canto, oppone,
di tornaconto, e sfronda la chimera
del sogno d'una limpida stagione.


Dopo le prime consultazioni…Mettere su il governo…che calvario, malgrado gli "otto punti"! Marzo 2013.

A Ggì…!
più dichi: "Punto!"…e più devi annà a capo…


Sognavi de avé già gni cosa in mano:
potere…onori…gloria…gran rispetto…
pe le primarie vinte…côr dispetto
che j'hai voluto fàje a quer toscano

che te sfilava via dar deretano
er trono che te strigneresti ar petto
più mejo de na donna…stretto, stretto,
dicènno: "Chi lo tòcca…me lo sbrano!"

Lo vedi, a Ggì, fai l'umile…ma penzi
de èsse er solo che pò ffà le còse.
Ah!…Si j'avessi dato er passo a Renzi!...

Chi pècca de superbia, poi la sconta…
Coll' "otto punti"…cuci le cimose…
E avòja a trafficà pe la rimonta!

Prèdichi er "cambiamento"…
Ma…l'unico che c'era - e l'aricconta
la cronaca - l'hai dato in pasto ar vento!


sul fenomeno delle frutterie che in ogni città si spandono in maniera abnorme e anche un po' sospetta…Qual è il meccanismo azzeccato da magrebini e indiani? Possibile che gl'italiani abbiano rinunciato anche a questo commercio? Qual è il perché di questo boom? E perché loro ne hanno l'esclusiva? Chi li aiuta? Chi c'è dietro? Lo stesso dicasi per il proliferare schizofrenico degli empori cinesi…

Fruttaròli…a gogò
"A Re', ma come cacchio avémo fatto
a vive senza st'orgia de verdura
pe anni e anni…E invece mo, de scatto,
a treni! sta a mannalla la Natura,

pe ffalla avé - n se sa pe quale patto -
in escrusiva, proprio, addirittura,
a li stragneri - quanno, come un matto -
un itajano prova l'apetura

de quarche attività…ma nun pò ffàllo
perché pe quanto supprichi, er permesso
nu je lo danno, o stanno a tartassallo!"…

" Pe oprille in ogni pizzo come loro,
ce deve stàcce un trucco…un compromesso…
quarcuno, llì, che spigne…de straforo!..

Così, si se sparambia da na parte,
côr prezzo un po' più basso che c'è adesso,
dall'artra ciànno già fregato…ad arte!"

 

Di nuovo è il 21 Marzo…
 

…E torna a assaporar la primavera
la gaia rondinella.
Con scambi di gaiezza
risvegliano ogni prato addormentato.

S'affacciano curiosi e titubanti
i fiori appena nati.
Tra i fili di smeraldo,
pei minimi è un fervor di nuova vita.

Sembrano neve le margheritine
all'unisono aperte.
Fortuna! loro e nostra
che tutti lor non sanno che succede…

Che riescono così, addirittura
a mettere un sorriso
in bocca a grigio e crisi…
Per questo grazie a te, Madre Natura.

   

 

stallo…che rischia di farsi…stalla…(marzo 2013)

Io…basta che non gli do soddisfazione
Governo, ti vogliam comunque avere!
Ci vedi…Siamo tutti qui prostrati
a chiederti arroganti ed esaltati,
di diventare nostro, e non tenere

per niente in conto chi ci fa temere
di perderci di nuovo i risultati
che - pur se pochi - abbiam racimolati
e ancor racimoliamo…Stravedere!

ci fanno le ambizioni personali,
ancor di più di quelle di partito,
e molto, molto più degl'ideali

che dèttan di pensare solamente
al bene del Paese ch'è avvilito,
e sta rischiando grosso veramente!

Dovremmo quel che urge farlo insieme…
Ma non è questo, che davver ci preme,
ma ancora sparger…velenoso seme…


dedicata a Papa Francesco I (marzo 2013)

Sua…Semplicità

Sofistiche cucine ricercate
spennellate di salse fantasiose,
inzeppate di costi e di ripieni,
e inzuppate di vini e di champagne,
da questa parte, prego: là è la porta!
Avete fatto tutto il vostro tempo
di gusti e di piaceri a volontà…
Andate via coi seguiti lussuosi,
portatevi stoviglie argento e oro,
lasciate il passo a un cuoco di risulta.

Da questa parte, prego…Era attesa
da tempo proprio Lei…Semplicità.
S'accomodi, che il semplice ci piace
di più di tutti i gran menù sofisti.
Cucina genuina, benvenuta
e grazie di lasciar sui nostri deschi
i piatti di buon gusto e di buon senso.
Riparta qui, da oggi, il ricettario
delle portate col sapor di buono,
ma non di ricco…che non sazia mai.

In tutte le cucine avvenga questo
cambiamento, che il Papa di Francesco
ha incominciato oggi ad impastare!

La prima alba
Prendeva fuoco il cielo dietro i monti
e si spandeva sempre più la fiamma…
Cresceva come quando sul camino
si soffia e il fuoco sempre più divampa.
Saliva, il fuoco, sopra i malli scuri
- dapprima - e poi via, via sempre più chiari,
dei sonnecchianti, ondulati monti.

Fuggivan le creature intimorite
disordinatamente in mezzo al buio.
Ma piano, piano ardeva tutto il cielo
pel misterioso fuoco che cresceva,
e s'infilava anch'esso in mezzo al buio,
così che il buio anch'esso s'infuocava,
e tutte erano ancor più intimorite.

Cresceva, poi, pian, piano anche il calore
e il fuoco era un incendio ormai diffuso
su tutto il cielo sopra le montagne,
e tanta luce corse a illuminare
ogni angolo sul piano, e sopra il mare,
che era dove il fuoco si calava
a spegnere la luce ed il calore.

Così era nato il giorno…il primo giorno
sul mondo, tutto - fino allora - avvolto
da tanta notte buia, e fredda, e lunga.
Dissolse, alfine, il fuoco - insieme al freddo,
e al buio - ogni timore. E le creature
si misero - oramai affascinate -
ad aspettare ogni alba e ogni altro giorno...


Un fatto, una poesia
Il P.d.R. al Csm: "Equità nei processi, aberrante pensare che si voglia eliminare Berlusconi"…
"....Con eguale fermezza ho sollecitato il rispetto di rigorose norme di comportamento da parte di quanti sono chiamati a indagare e giudicare, guardandosi dall'attribuirsi missioni improprie e osservando scrupolosamente i principi del giusto processo sanciti fin dal 1999 nell'art. 111 della Costituzione con particolare attenzione per le garanzie da riconoscere alla difesa". (Napolitano, 12 Marzo 2013).
Anche l'ex magistrato Michele Emiliano, stamane a Omnibus conferma l'esistenza di una parte bacata dei PM con la loro spasmodica persecuzione dell'ex C.d.G. (13 Marzo 2013).

Quanno la verità viè a galla,
ciavòja a stà a negalla!


Quanno la verità viè a galla…
Uguale, uguale a quanno viè l'aurora
che sopra ar buio inizzia a ffàsse ggiorno,
mo, finarmente - ed era proprio ora -
s'è acceso un lume tutto quanto attorno…

Difatti, mo - er Sòr Giorgio, che finora
nu lo diceva quer che còce ar forno
de na giustizia ingiusta e incantatora
l'ha detto chiaro…come a ddì "bòngiorno",

sempricemente…Eh…quanto c'è voluto!
Nun solo… Addirittura un gran togato
che nu è de parte…anzi! ha dovuto

dìllo, ch'è vero! de quer brutto annazzo
de arampichini, e più de un esartato
che gòdeno sortanto a rompe er… mazzo!

"A Ro'…Ma allora c'è! sta…dittatura
de cui s'è inteso a ddì - sempre negato -
de quela parte de maggistratura!"

Un fatto, una poesia.
il dopo elezioni del 25 febbraio 2013. Risultato: ingovernabilità…Per odio di parte…superbia…calcolo…e per incompetenza mascherata da …stranezza, novità rivoluzionaria…(?)…Il tutto, dopo le promesse di fare il bene del Paese…di uscire dalla crisi che "sta ammazzando" la popolazione…E il pianto ininterrotto di tutti per la paura di finire come e peggio della Grecia. E loro? Loro continuano a bisticciare, a credersi onnipotenti solo con la loro parte e le loro idee…Grillo gioca coi due in quasi parità come il gatto col topo…Si diverte…Fa il finto scemo, o il finto troppo intelligente…(?). Non dà conto nemmeno a chi gli ha dato la gloria che sta vivendo…Intanto tiene in scacco i due Grandi Leaders, e lo stesso P.d.R. Il che è! novità…ma…i problemi della gente e del paese?... Chissenefrega??!!! Questa sì! che è democrazia! Ognuno continua-a-fare-quel-che-più-gli-pare!

Nfra li du' rospi, er grillo se la gòde
Nfra li du'rospi, er grillo se la gòde,
pompato da giornali e trasmissioni
pe ffà un dispetto a chi…je lo fa rôde
e pe, così, vedello a pecoroni

tornàssene, co senza onore e lode,
a un angoletto…Ma, le concrusioni,
nfra le gambe j'hanno messo le code
all'indovini, e a lloro - l'abbocconi -

che puro mo ciàveveno creduto
già tutti abbacinati da la gloria…
Ma solo un antro flòppe, cianno avuto

margrado che hanno fatto più punteggio.
E intanto Grillo gioca co la storia…
facenno er matto assieme a Casaleggio.

Chi più ce piagne, ortre a ogn'itajano
che sta a vedè che qua va sempre pèggio,
è la demograzzia, llì, nfra le mano
de chi sa usalla…solo pe avé un séggio.

A Gri', hai giocato…er popolo t'ha dato…
Hai vinto e ancora fai lo scarmanato….
Ma…te vòi dà da fà, moracciaccàto!?


dedicata a tutte le…ragazze d'una certa età…

prima, le riveste, il fato, di bellezza,
poi le scempia e trasfigura, la vecchiezza…(A.B.)



   
                      


Stelle…cadenti
Che cosa c'era, dietro le rovine
spuntate come erbacce tra le aiole
sopra strati di margherite e viole
nascoste al sole, e sotto infauste brine?

Di affusolati marmi levigati
che resta, ormai, dopo le tempeste
passate come un mar che i legni investe
e a riva li riporta sconquassati?

Che cosa ne è di quel brillar di stelle
- pel cielo scivolate - e i desideri
che fan fiorir, nel solco dei misteri,
di quando - perfin troppo - erano, belle?

Delle altre non lo so, ma il tuo bel viso
io vedo oltre l'involucro, sbucciato
come un frutto succoso e profumato,
dal sempre affascinante tuo sorriso.


Li vincitori…perduti
(filastrocchetta der dopo elezzioni 2013)

Grillo gioca a ffà lo scemo...
Bersy e Silvio...ciarisemo...!
Qua la sola cosa bella
è che Santa Giovannella
- che nu' inghippa e che nun ghèlla -
ha cacciato er traditore,
Franco, a carci ar posteriore!
Uno dice: "Io ciò li punti…",
l'artro fa: "Io ciò l'appunti!"
Poi er terzo je fa eco:
"Puro io!...Ce n'ho no sprèco…!"
Mo va pure mascherato,
quer grillaccio screanzato
che continua a insurtà a tutti
pure mo che l'ha distrutti,
però n dice che vò ffà…
anzi, sì…fa sospirà
Sirvio, Giggi, e puro Monti,
che a nisuno fa li sconti,
che chi vòle sta co llui,
ce rinunci a 'i punti sui...
Je fa, er Bersy: "A Gri'…e allora?
Sì…po' èsse ch'è anche ora
d'annà a casa…però assieme!
si è davero che te preme.
Ma io resto…perché ho vinto…
beh…nun è che ssò convinto…
Ma ce sò cose importanti,
qui, da fà, pe tirà avanti:
ce da dà 'a cittadinanza
a li pupi nde la panza;
c'è la legge elettorale,
puro la patrimognale
pe chi è ricco, e cioè, che magna
côr mensile che guadagna…
Ma co Grillo solamente!
- puro si continuamente
sta a inzurtamme come gnente -
vòjo fallo sto governo,
pure si sarà un inferno…
Co quell'artro…? NO! Nun vòjo
Perché sguazzo ne l'orgojo,
e si Grillo nun ce sta,
beh…er gorverno n se farà.
Oeh, ragassi!…sia palese
che è pel ben' de sto paese!".
Li grillini nominati
manco se sò mai 'ncontrati,
n sanno manco che vòr dì
annà a stà seduti llì…
Fanno pure tenerezza:
nun se senteno all'artezza:
j'è arivato sto successo
che n ce crede Grillo stesso!
Ce sta bbene, a Gri', hai giocato
ed hai fatto un risurtato
che nemmanco avresti detto!
Beh…mo traina er caretto,
visto che te lo sei vinto…
O anche te…sei tutto finto?!


Un fatto, una poesia
tutto va a rotoli…le attività chiudono a migliaia di migliaia…la disoccupazione ci affoga…la gente non sa più dove sbattere la testa…E proprio loro ce lo stanno dicendo tutti i santi giorni…Ma, poi, loro…loro bisticciano…battono i piedini forte, forte…si insultano…fanno il broncio a chi offre una possibilità di fare insieme qualcosa di urgente…Ma altri pensano che di urgente ci sia - in primis - la cittadinanza ai pupi in pancia…abbattere la corruzione - perché una volta fatto questo - il cittadino avrà risolto i suoi pressanti problemi del campare giorno per giorno…Sono loro lo scandalo più vero. Altro che la corruzione (che certo va! combattuta), e il conflitto d'interesse…che eliminato, porterà soldi in tasca per salvare le attività e per far trovare colazione, pranzo, merenda,cena, affitto, trasporto, scuola, tasse…tutto il campare, compreso il lavoro a tutti! Ma che vadano a zappare la terra…come si diceva…Solo così potrebbero capire come sta la gente che li mantiene. Ma - in effetti - questo loro lo sanno…È che, al dunque, gliene pò fregà de meno! Perché quel che più conta per loro…sono proprio loro! loro stessi, con le loro superbie e le loro soddisfazioni…!!! (stallo politico del dopo elezioni, marzo 2013, nel pieno di una crisi…che tutti sappiamo, e di cui loro si riempiono la bocca…).

Cornuti e mazziati!
Ma nun v'abbasta mai…Sti gran buffoni!
Pensate solamente, co l'inganno,
a facce mette tutti a pecoroni
pe 'r voto - che ve pòssi pìà un malanno! -

che intanto a sto gran mucchio de cojoni
potete faje puro er pèggio danno,
co tutto che mo, a st'urtime elezzioni
ve l'hanno fatto prènne un quarche affanno!...

Parlate co chiarezza, che volete:
l'anima…? er sangue…? er culo…? Decidete!
Ma er tutto se pò puro riggirasse

si ortre che cornuto ed incazzato,
ognuno sta a sentisse anche mazziato
e artro mòdo n cià de rivortasse!


Un fatto, una poesia
Lo "stallo" del dopoelezioni, in cui a nessuno compete il piedistallo.
L'odio di Bersy, la commedia di Beppe e i grillini invisibili, l'offerta di Silvio….(febbraio-marzo 2013).


Come a n incrocio che nisuno passa,
perché: "la côrpa è sua e nun è mia!",
così nisuno libbera la via,
e er traffico se blocca e se collassa….


Più pèggio de così…!
(lo stallo)

Più pèggio de così c'è solo er pèggio
più pèggio che più-pèggio-nun-se-pò…
Se sò sbranati pe acchiappasse un seggio
e mmo se stanno tutti a disse: "NO!",

perché siccome stanno sur pareggio
'n ce sta chi pò gloriasse e ddì: "Io fo…".
Così che Bersy e Grillo-Casaleggio,
se stann'a disse: "No! Io nun ce sto

a ffà l'ammucchiamento, si n ce state
a ffà le cose some dico io…!
E si nun vòjo io…nun governate…!".

E intanto er pòro popolo fottuto,
siccome ognuno, qui, se crede un dio,
sta a disperasse e n sa a chi chiede aiuto.

Che Giggi - che nun sa si ha vinto o perso -
co Sirvio nun ce vòle proprio stacce:
vò Beppe, che fra insurti e parolacce,
sta a strapazzàllo…Ma nun ce sta verso…
Er più che vòle è Sirvio nde la "gogna":
La ggente po' aspettà…Si che vergogna!

Sta a ddì: "Er governo tòcca proprio fallo---!".
Scennesse - allora - giù dar piedistallo,
pe ffà finì, sto cosiddetto: "stallo".


Dedicata a Bettona

Pel clivo che gentile scende al piano



Pel clivo che gentile scende al piano
lo scricchiolar dei sassi ad ogni passo
il nostro andar ritmava dolcemente,
nel caldo, che avvolgente, accompagnava,
e i pochi, intorno, a curiosar moveva.
Lasciavano improvvisi voli allegri
gli arbusti tra il frusciar di rami e foglie.
E il torrentello, su i malfermi sassi
traversavamo a mo' di equilibristi.
Sui fili d'erba, quindi, adagiavamo
le nostre membra, ricche di vigore,
nell'ore che portavano la sera,
tra il trepidar del dolce batticuore.

Mio Immenso Bene*
(a Lisa)

Vorrei lo spread fra me e te calasse
invece di gonfiarsi sempre più…
perché vorrei che non ci allontanasse
la forbice investita di virtù

da tronfi fattucchieri senza classe
che tutto guardan men che sei il bijou
che per me voglio, e che vorrei incontrasse
domanda e offerta, qual son io, sei tu…

Van su…van giù…le nostre azioni in Borsa:
scende il sorriso ad ogni estraneo fatto
che pur a noi s'aggancia, e in una morsa

vorrebbe frantumarci …Ma co' un bacio
riacquisterà valore tutt'a un tratto
il nostro MIB*, com'è tra pasta e cacio.

*Mio Immenso Bene


Come tenera, e quanto vellutata
(a Lisa)

Come tenera, e quanto vellutata
e sì vermiglia era quella rosa
appena còlta…E pur s'era spinosa
l'ho stretta tra le mani, e te l'ho data

come t'avessi - in quell'ora fatata -
dato il mio cuor, che ti sognavo sposa,
col respiro d'una giornata afosa…
ma tenera era invece, la serata…

Com'era verde, e tenero, anche il prato
nel favoloso incanto silenzioso
che sol l'intenso battere ritmato

avvertivam quel dì di primavera.
Incanto che a ridir appar lezioso…
Ma la favola…si faceva vera.


Un fatto (un comportamento)….una poesia
Grillo ringrazia - coi suoi grillini - giornalisti, conduttori, opinionisti…per avergli dato così tanto di quella spazio…e avergli "pompato" il pallone che ha preso a volare, per poi potersi domandare, o cretinamente, o assai ipocritamente, o assai colpevolmente…come mai…?! qual' è stato il fenomeno…!?...Facendo anche felice - involontariamente - o assai volontariamente - chi quel gonfiarsi e quel volar del pallone, ha voluto…ha guidato…
Invece, diversi di quelli che hanno fatto i salti mortali per andarci a finire almeno un po', la tv quasi non l'hanno vista…

L'insostenibile leggerezza dell'essere:
giornalisti…conduttori…opinionisti…


Eh, ssì! È così! E avòja a ricamacce,
si proprio ce volemo pìacce in giro,
a Ro'…! Che a criticà chi fa fregnacce
sò tutti quanti bbòni…Ma, o co' 'a biro,

o la tastiera, o co quele linguacce
sempre a cercà de fà come er vampiro
che succhia p'ariempisse…e vommitacce
parole a fiumi senza mai u' respiro,

sò proprio loro, eh ssì! li giornalisti…
l'oppignonisti co li conduttori…
a aveje fatt'er giòco a sti sofisti

che nder tivvù n ce vònn'annà a finì -
pe ffà li strani…Che l'informatori!
ce pensàveno a sbàtteceli! llì…!

Così, aringrazzia, er Grillo côr grillino,
pe èsse stati incurcati a l'elettori,
com'ha deciso…CHI…? a tavolino.

Del bene e del male
Nelle forre dell'anima s'annida
il seme d'ogni bene e d'ogni male.
Fra loro è eterna lotta per chi sale:
dipende a chi quell'anima s'affida.

Se il bene vince, porta in sé la gioia;
se vince il male si disperde il bene…
La vita è allora pessimismo e noia,
ché il male porta in sé soltanto pene.

È come quando il vento strappa via
i petali di rosa dai roseti,
o i grappoli già pronti dai vigneti,
poiché ogni ben l'annulla, la malia.

Che il cielo il nostro spirito lo impregni
di quel che "bene" è inteso dal buon senso
così che noi possiamo esserne degni,
ed esser parte d'un amore immenso.


Un fatto, una poesia
"Leader" con Lucia Annunziata, del 8 febbraio 2013. A muso brutto (bruttissimo) CGIL, stampa tedesca, vari direttori di varie testate, collegamento esterno, ….
da internet (Maria Romano): Silvio Berlusconi a Leader, il programma condotto da Lucia Annunziata su Rai Tre è stato letteralmente bersagliato da accuse, oltre che da domande a cui ha dovuto tener testa per tutto il tempo che è stato in onda. La conduttrice si è avvalsa di una schiera di ospiti che hanno messo in atto una sorta di gioco al massacro che è apparso anche agli elettori di centro sinistra esagerato, tutto incentrato sulla delegittimazione del candidato del Pdl, che comunque ha provato a controbattere colpo su colpo. Lo stesso Cavaliere, a un certo punto della trasmissione, rivolgendosi alla Annunziata ha esclamato "Ma lei li trova con il lanternino".

Dieci contro uno
(gioco sleale)

All'anima de l' "opportunità"
che dicheno che deveno èsse "pari"
pe chiunque stà llì a ffasse interogà
da chi sia, sia…Eh, già!...Eh, ssì!...Magari!

Mbeh…sta de fatto che si "quello" llà
se viè a trovasse llì, sotto li fari,
chiunque c'è, inizzia a sputacchià
veleno a muso brutto…e ssò compari

nfra tutti loro, e lui sta llì da solo!
Ma er bello è che lo scudo che cià addosso
incorporato, l'arischizza ar volo

quer gètto de veleno…a li mittenti,
che tutti "rossi", sò, insin'all'òsso…
Lui 'ncassa, e poi risponne e ssò fendenti!

Se pò capisse "er dente avvelenato"…
ma tutta la dentiera…è esaggerato!
Ma quanno sbòtta lui je 'a fa rimpone
la vòja de…"sbranallo"…in trasmissione!


Vari fatti - una poesia
il PdR dagli USA…tira le orecchie a chi è contro il Prof…; di parte della Magistratura una certa ossessività è ormai comunemente riconosciuta…; una certa decantata supremazia morale è ormai smontata dalla realtà vera, e tuttavia ancora è difficile avere bilanciamenti di trattamento, come nel caso MPS, Vs altri casi anche meno drammatici; la Finmeccanica perde commesse e i suoi lavoratori perdono il posto di lavoro, per una visione della moralità che da noi differisce da quella di altri stati, anche europei…che prendono il nostro posto a suon di mazzette-commissioni da elargire per poter vendere all'estero… Senza un comune senso della moralità…siamo tagliati fuori
Per altra causa, ma sempre per interventi non del tutto sensati della magistratura, si vuole l'Ilva assolutamente chiusa…E il lavoro?Intanto, la Legge permette la self-strage di imprenditori che debbon riscuotere dallo Stato 1000 (che regolarmente non ricevono), ma che, anzi! per 10 che questi - gli stessi!- per contro, debbono a lui, gli cava via la dignità, e con questa, la vita…Ma intanto, il solito Tizio sciopera pei delinquenti, e il PdR…appoggia…Non insorgono per chi si ammazza per colpa dello Stato… (febbraio 2013).


La caduta degli dèi
(cadon gli dei dell'imparzialità)

Un dio da lungi grida sconcertato
"Ma che…siete ammattiti tutti quanti?
Snobbate il saggio che vi ho procurato!?
Gli avete detto Sì!, e adesso in tanti
gli state contro con ignobiltà!"
E il "super partes" dio corre in aiuto
dall'alto della sua imparzialità,
ed ecco un dio, che così, è caduto.

Ci stavano, su in ciel, gli dèi togati
che gran potere avevano su tutto,
ed eran tutti…puri e…scolorati…
Ma in molti questo "credo" l'han distrutto
con lo svelarsi impuri e…pitturati,
e son caduti anch'essi…dall'altura
dov'eran messi, schivi e dedicati,
che giù l'han spinti "parte" e avventura…

Su un Monte Pascolavan certi dèi,
corrotti più degli angeli ribelli…
che l'anima han venduto per gli "sghei"…
Ma i "sacerdoti" lor, dicevan: "Quelli
non sono da punir…ché da punire
son solo gli altri - sempre! - e quelli, mai!
Di dèi moralità segna il finire
tal supponenza che sgradita è assai.

Cadon gli dèi coi credo radicati;
cadon certezze, cadono speranze…
Dai…santuari vengono cacciati
servi infedeli senza titubanze
per il peccato della "commissione".
Cadon con essi gli altri servitori,
e in altri cieli senza tal visione,
altri ne godon, pur se peccatori.

L'Olimpo tutto, cade, e solamente
e sempre più s'innalzano oltre i monti,
i "sacerdoti" che alacremente
si dan da far…facendo i finti tonti…
Dicevan che quel dio del "che ciazzecca"
li aveva tutti presi ad…impastare…
Ma ancor stan tutti lì…e lui stesso pecca
di quella colpa ugual, che è …approfittare.

Cade dèa Legge col suo bilancino
starato, ormai, che all'uomo onesto è contro…
Ed all'umano inculca ch'è il destino
il fatto che si ammazzi nello scontro
coi dèi perversi che - ai lor fornitori -
non pagan mille soldi, e pe' un soldino
che debbon questi a loro - affamatori -
succhian la vita, e neanche, poi, un inchino…

Cadono i miti…ruzzolan gli dèi…
E giù dal ciel ne scendono di nuovi…
Ma appena toccan terra…si fan rei…
che un dio onesto, qui più non lo trovi!
E se non scende il vero dio "longevo"
che scacci tutti questi dèi…pagani
("pagati", è meglio)…un "onesto evo"
mai ci sarà…per noi…poveri umani!


omaggio ai sacerdoti

Celeste è all'anima il pensier rivolto
Celeste è all'anima il pensier rivolto
di padri…di pastori…di fratelli…
Parlando vanno ai cuor cercando ascolto
con spunto e audacia dati dai libelli *

dove il narrare è di mistero avvolto
che lor dispiegan senza indugi e orpelli
ed il mistero, pur se non è sciolto,
va a aprir lucchetti e il ferro dei cancelli…

Duro è l'impegno…forte è la promessa
ch'è di rinunce, e d'animosa fede,
che sempre si rinnova ad ogni messa.

Da lì, pe'ognuno, coniugano "amare",
da soli, e insieme pregan con chi crede,
per tutti, Pace, chiedon dall'altare.

* col valore di piccoli libri, come i Vangeli.


Le callaròste
e er callarostàro


Si ssò gelate puro drent'ar guanto
ner granne freddo gelido d'inverno,
che manco er fiato pò aiutatte tanto,
in mano devi mettece…l'inferno:

le callaròste appena abbrustolite.
Er gèlo se ne va…e in quel'istante
s'abbruceno, le mano infreddolite,
e inizzi a zompettà, e dolorante,

palleggi le castagne nfra le mano,
da una a un'antra, e poi all'artra ancora…
così che pòi capalle, piano, piano,
finché 'n te le sei fatte tutte fòra.

Ma dura poco, e fai: "Morammazzato!
Pe 'n cartoccetto de castagne aròsto
m'hai preso dieci euro…M'hai fregato!".
"Ce stava er vèrme…e questo aumenta er còsto!"

je fa er callarostàro, paravènto.
Er che je cammia quell'incacchiatura
in una gran risata, e pe un momento
ce s'ariscalla…senz'abbruciatura.

L'abbecedario
Profumava…Era il primo profumo
che portavo addosso
tutte le mattine andando a scuola.
Da quel primo giorno..!
D'ogni altro era quello, il più speciale:
sapeva d'inchiostro:
era il profumo delle parole
tutte colorate.
E come lo tenevo da conto!
Che avevo imparato
dalla fiaba del burattinaio
che narrava spesso
il mio babbo, anch'egli falegname,
che della fatica,
quand'era stanco, pure, diceva:
come in un racconto…
E quanto, pure quella fatica
sua, profumava!
E con quella, io m'addormentavo
sicuro, tra i sogni,
e anche tanto ricco nel cuore.
Quanti anni, hanno ormai,
quei bei profumi giammai svaniti,
che…li sento ancora,
come tatuati, l'avessi, addosso,
indelebil marchio
dal sapor di tenera poesia.

Caro Piave
Caro Piave d'un tempo ormai andato,
di quanto sangue nostro t'arrossasti
allor che lo stranier s'era azzardato
a prenderti…e tu lo ricacciasti!

Di gloria ti copristi…Altri tempi!
Che eran tempi quando la bandiera
teneva insieme audaci, probi, ed empi,
e amor di Patria senza sicumera...

D'allora in qua cent'anni son passati
e l'acque tue hanno attraversato
- a invader lo stivale, incontrastati -
invasor…che non hanno guerreggiato.

Che entran ginocchioni, o ritti e alteri,
e prendono…dal basso verso su…
Ma non ci sei…come allora c'eri:
no! senza quel valor che hai visto tu.

Pur da dentro saccheggiano tesori
i figli degli eroi che hai conosciuto.
Dimmi, Piave, il lor sangue…i tanti orrori…
l'avresti risparmiati, a aver saputo?


Liti in casa (fra padri…madri…figli…), liti nel posto di lavoro, nel condominio…liti in ogni dove…

U...I…E…A…O…

(nell’80% dei litigi in casa, nel posto di lavoro, nel condominio, e in ogni dove…)

A fatti litigiosi ognuno è uso.
Il fatto è che bisogna far buon viso
e anche ammorbidire il clima teso,
lasciando sempre andare…E questo è il caso
per non finir nel gorgo comatoso.

Lasciare star…non starsene col muso;
mostrare sempre a tutti un bel sorriso,
seppur non facilmente sarà reso.
Lasciare ogni superbia, e ogni travaso
di rabbia, contener…da dignitoso.

Così soltanto, fuori con l’accuso
sarai dai momentacci...Quest’avviso
seguir dovrai seppur ti senti offeso.
Così, l’altro sarà di te persuaso,
che sia tu, fra di voi, il più generoso.

E questo smuoverà qualsiasi ottuso
dal seguitare ad essere deciso
del suo aver ragione…E al malinteso
aprirà, alfine, e alfine sarà invaso
dal dubbio che…non sia tu, l’oltraggioso.


Un fatto, una poesia.
Sull'innominabile caso "MonTI dei…PaCChi" ch'è a Siena…
il Presidente d.R. chiede (esagero, ma…) il silenzio stampa, per non allarmare in giro...Molta parte dell'opinione pubblica ne è rimasta un pochino sconcertata…Specie perché in altri casi tutto s'è potuto fare e dire…(gennaio-febbraio 2013) .

Oh, Giorgio…quoque tu…!
sonetto in dodecasillabi

Oh, Giorgio…Oh, Giorgio! Perché t'intrometti
nel caso dei casi dell'Emme-Pi-Esse?
Così come fai, sembri il ragno che tesse
la trama d'un sogno che sogni e che aspetti

che vero diventi, se, dai tanti petti
finisser le accuse all'allegra kermesse
del "MonTI dei…PaCChi"… Sempre erano ammesse
notizie a go-go…senza pali e paletti….

ché: "È solo così, che…c'è democrazia!..."
E ora…una nebbia, reclami, su fatti
che fanno agitar…! Temi che nella scia

di quel ch'è successo, il consenso si sgonfi
per quel che tu sogni? Siam, sì, assuefatti…
Ma non a pensar…che dirigi i trionfi...

La morte
La più gran consolazione
e terribile certezza
è la morte, che ribrezza
perché porta pianto e lutti,
ma non fa mai distinzione
pur se ugual non è per tutti.

Ed è invisa ad ogni umano
che la sente che gli è attorno
ché con lei non c'è ritorno
quando, senza un'espressione,
viene a prenderti, ed invano
chiedi, implori compassione.

Non v'è egual sopra la terra
che così sa dominarla,
che paura è anche nomarla,
ché improvvisa, o preannunciata,
con la falce lei ti afferra,
taglia, e ride imperturbata.

Poi negl'inferi ti porta
per lasciarti al buio eterno,
ma a sconfigger quell'inferno,
se vivendo hai meritato,
viene un angelo e ti scorta
dove un posto hai riservato.

Niente taglia, se vai in cielo,
ha dai dèmoni in combutta,
cosicché, ancor più brutta,
torna a falcidiar la vita
con la falce, e col suo gelo,
e una smorfia rattrappita.


nel giorno della memoria, 27 gennaio…

Così…come volea scelleratezza
Urla la corsa, al bunker, la sirena;
folate son di vento di terrore;
risponde della folla il batticuore
finché di nuovo un suon non rasserena.

Ma non ci sta rifugio per chi in vena
ha il segno che sa accendere il furore
d'un tarlo che al dolore oltre il dolore
dà i corpi in pasto, e non ne prova pena.

Di sopra alle baracche il ciel coprivan
quegli esseri cambiati in nebbia umana,
e sole e stelle il senso non carpivan.

Sempre ordinati…senza scompostezza
sparivano svuotando la fiumana…
Così…come volea scelleratezza.


…è il momento degli scandali della sx: dalle amministrazioni locali (attualmente, Lombardia), al MPS (Gennaio 2013).

Leggere a filastrocca.

Ma…fusse che fusse…!
Ma…fusse che fusse che mo s'ariggira
er giro che prima girava sortanto
pe solo na parte, facenno rumore
pe facce anniscònece l'artra, de parte?!
Speramo che 'n dicheno più "semo quelli
co tanta morale…co tanta onestà…",
che ormai j'è zompato er coperchio che prima
metteva er siggillo a la fanga che c'è.
È ora de scenne da quer piedistallo
ndo s'ereno messi der tutto abbusivi:
sò poveri cristi…sò uguali a quell'artri,
e er puzzo sortito, 'n po' più…sprofumà!
"A chiunque ce dice quarcosa de male
abbadi! che a mòzzichi… se lo sbranamo!"
ha detto quarcuno che a ddì de quell'artri
j'è sempre piaciuto, ma a llui…'n ce vò stà…
Le chiacchiere ar vento nun fanno più effetto,
e quela canzona che sempre cantate,
che ffà "io nun c'entro…", n se po' più sentì:
invece de stà a litigà…controllate!
Sinnò ce lo dite perché v'accanite
a chiédece er vôto, si a ogni probblèma
cantate a quer mòdo? Perché n ve n'annate
si quanno ve tòcca 'n volete pagà?!
Abbasta! de dì: "io sò er mèjo der mèjo...";
abbasta! de dì: "è quell'artro er più pèggio!"
È ora, a regà, de fà annà sto paese,
de faje der bène, e nno fallo addannà!
Côr Monte de' Paschi che sta trabballanno
ancora insistete…Ma che ha da succede
pe ffavve capì che ciabbasta davero?
E che a chiacchierà…'n ve se pò più sentì?!
Metteteve assieme pe falla girà
sta ròta der carro! Sibbè che su 'r carro
ce sta chi è la ròta e che becca deppiù,
e c'è chi è 'r caretto ed abbusca de meno.
D'artronne è la ròta che serve pe annà…
Ché senza la ròta ciai vòja a guidallo
sto carro! E poi, puro er cavallo!…Se sa…
che senza de lui…ciai vòja a tirà!


quando un corpo non è più "vivo", e è solo sfogo per piaghe da decubito…

Eutanasia
Insiste la cura
sul corpo ormai nullo
e aggiunge sventura…
Ci trovan trastullo

le piaghe, al martirio:
si vedon le ossa…
Che almeno il delirio
lo porti alla fossa:

almeno nel sogno,
senz'aghi e pastiglie…!
Lontan dal bisogno
di avere le briglie

che frenan l'andare
dove ogni dolore
non può più durare,
poiché è lì! che muore,

poiché è lì! che attende,
la fine frenata…
La vita la offende,
la vita allungata!…

Se vita ha già ucciso
quel corpo piagato,
che alfin sia reciso
quel filo già amato

che lega la vita
a vita che è viva!
Che a vita finita,
la cura è ossessiva!

Son solchi alla pelle,
son lunga agonia…
Cannucce-trivelle:
lasciate andar via!

Puro su l'inzogni
Stavo a inzognàmme de inzognà un inzogno
indove che la ggènte se inzognava
'n inzogno proprio bbello: controllava
li conti…e si pe caso uno rubbava

la grana che è de ognuno e che è de tutti
- a seconna de quanto - je tajava
o le mano, o li diti…e li mannava
pe strada ignudi, a queli farabbutti.

Ner mentre che inzognavo quele còse,
viè uno e ffa: "Sò der fisco-sparviero
e vedo che tu stai sognanno …in nero!
N ciai manco la licenza!" E giù na dòse

de articoli…Veranno sequestrati
l'inzogni de stanotte, e pe la tassa
nun pagata…te tòcca annà a la Cassa
de Inzogni Provibbiti e Tartassati!".

Me sò svejato, e ancora impavurito
- tanto pareva vero quel'inzogno…-
ar sòlito, vò ar cèsso pe un bisogno…
E poi, co quer ch'è uscito…ce sò ito!

Io voglio dir di uno assai speciale
Io voglio* dir di uno assai speciale,
ch'è invero oltre le cime delle parti,
ma lui si sente solo a tutti uguale
seppur che tutti, co' affinate arti,

o grossolan che sìen, la differenza
la cercan, se di già non l'hanno addosso,
e scadono in superbia e appartenenza
e ognun si è contro: nero…bianco…rosso…

Però, a dispetto di chi sa…e son tanti,
che indican qull'un - che a lor s'addice -
ancor io non lo trovo: o è troppo avanti…
o è troppo indietro: or non ve n'è matrice.

E tuttavia, nel campo più ristretto
del virtuale andar senza le antenne,
l'avrei trovato, in asse al mio concetto.
Acronimi suoi son: Elle-Di-Enne.

(* vorrei…).

Adunata in cielo
Disordinato ordine pel cielo
va l'irrequieto radunar di stormi;
chiassosa massa, or voluminosa,
e ora rarefatta; ora sicura,
poi, forse, incerta nell'orientamento.
Si sfilan, si raggruppano improvvisi,
si gonfiano, e si sgonfiano correndo,
sparpagliano e riammassano i gruppetti,
è come fosse danza improvvisata:
si sfiorano, disegnano armonie,
sembran toccarsi, e non si toccan mai.
L'azzurro a tratti oscura, ora schiarisce.
Attirano lo sguardo dei curiosi
le fiere acrobazie spericolate:
salutano e si fanno salutare,
e poi, come era giunto, all'improvviso,
il nuvolone elastico, a un comando,
si tuffa in direzione…lontananza.
S'affievolisce…e non si vede più.
Li attendon nuove terre e nuovi cieli,
finché un richiamo li richiamerà,
finché avverrà il miracolo, di nuovo.


"stàmoce attenti…!", diceva un popolarissimo attore romano (G. Proietti).

Il pero del padrone
Ci stava un prato e, sopra quel bel prato
un uomo ricco aveva messo un pero.
Ma un pero, che…! Da tutti era ammirato
per quante pere dava a quell'intero

villaggio di villani ed al casato
dell'uomo ricco: un uomo che davvero
di più di tutti era fortunato,
e a tutti dava pere, e ne era fiero.

Ma venne Fisco, un tipo tenebroso,
spavaldo e arcigno, un vero prepotente,
che di quel pero tanto appetitoso,

incominciò a pretenderne una parte…
Gli si aggregarono, arrogantemente,
anche altri del villaggio aizzati ad arte.

……………………………………………………

Ognuno col gran pero lavorava,
e l'uomo ricco i soldi ci spendeva…
e ognuno pere a casa si portava,
seppur diverse in più, lui, ne prendeva.

Ma poi, oltre alle pere, gli levava
- il bieco Fisco - i soldi che teneva
per far restare in vita chi fruttava
per far mangiare lui, e chi voleva.

E sempre più! - chiedeva - Fisco arpia…
Finché, pian, piano, all'uomo ricco avvenne
di esser poverello…e la sua scia

seguì il villaggio tutto, senza il pero.
E Fisco, pure, deperì e poi svenne,
morì…E lo seguì il villaggio intero.

Il gocciolar di lacrime bimbe
Vieni tu, a splendere il giorno e la notte
per tutti i bimbi che, intrisi di pianto,
colpe di singoli, colpe di stato
stanno lasciando viepiù ciondoloni
come dei panni che han fatto il bucato,
ma par stregato, il sol, che non li asciuga.

Goccian le lacrime e formano rivi
e lenti scorrono sotto le colpe
che - a comando - di vista son prive,
talmente intrise d'egoistico io.
Vieni a scaldarli finché sono vivi
tu che lo puoi come figlio di dio.

E a te, umano, che sei tra gli umani,
dal piedistallo che hai preso in possesso,
cosa ti manca per dire ora basta
al gocciolar delle lacrime bimbe,
al disperato dolore di madri,
quanti dovranno passar di domani?
Non credi, invece, che il tempo è già adesso?!

Un fatto, una poesia
la campagna elettorale 2013 sconvolge certezze e modera cervelli…almeno, a chiacchiere…
Ma c'è, o nun c'è, quarcuno che sia serio veramente?! E chi non ha sentito Bersani predicare a ogni ora di ogni giorno la Patrimoniale in aggiunta all'IMU, alzi la mano! Adesso si schiera contro tutto quello che ha indottrinato fino a ieri! Ma che facce cianno…!?! (meglio scopiazzare…quel diavolo di Berlusconi…ah! ah! ah! ah!). E la vergogna?...Non ci sta!

Artro che na gabbia de pappagalli!
("Sta tassa è ingiusta!")

Artro che na gabbia de pappagalli!...
Sò stati co quer becco llì a beccasse
pe tutt'er tempo, pòssino 'mbriacalli!
pe via che quarchiduno certe tasse

nu le voleva, e proprio nu le vòle,
sì, esatto, quele su la prima casa,
e tutti l'artri a ddì: "Ma ssò paròle…
sò solo propaganna…è la cerasa

che quello llì vò mmette su na torta
che manco nun pò offrì…che nun esiste…
Tra n po' n c'è l'insalata…! E ce sconforta
a stà a sentì ste còse…E quello insiste!"...

Ma mmo…eh! eh! de bbòtto s'è cammiata
la musica de tanti sonatori…!
Adesso, pe acchiappasse l'elettori,
così, a la pappagalla:"Va stroncata

sta tassa!...È ingiusta!…", fa chi l'ha voluta
co proprio tutti quanti 'i sentimenti,
e fa vedé che cià li pentimenti…
Che quer che conta è…er trono… E a piagne…aiuta!

E addirittura er Bersy! je s'accôda,
fa: "La …patrimognale?! Séte matti?
Ma che…noantri n sémo queli adatti
a tartassà…È ròbba fòri mòda…!"

Mo, a intignà è rimasta la Camusso,
co Véndola che proprio nu je passa
quer bèr sistenma ch'era quelo russo,
e campeno ner nome de…la tassa!
 

Un fatto, una poesia
Un segno di (in)civiltà.

Come da cronache…I bravi italiani partono in quarta a …salvare migliaia e migliaia (alla fine, centinaia di migliaia) di cani in tutto il mondo, a loro cura e a nostre spese…(spese economiche e di altri tipi…).
Stanno facendoci diventare il Paese dei cani, e un popolo di canari. Grazie, Sòra Brambilla! Grazie, Sòra Rita Dalla Chiesa! Grazie, Associazioni " canare", che ci portate tutte quelle bestie che in tutti i Paesi civili non vogliono tenere, e che voi - giustamente! - portate qua…Ma che brave persone!...Un giorno qualcuno dovrà pur prendere coscienza di tale invasione voluta a cuor leggero…Non è questione di essere contro i cani in sé, né contro i loro padroni: quello che non va è l'esasperazione…la "prepotenza"nell'imporceli come fenomeno sociale, come massificazione di un fenomeno che deve diventare moda, e modo di vivere…per la soddisfazione di chi ci si dedica, senza badare…Quanti asili e ospedali si farebbero, e/o si farebbero funzionare meglio, con le risorse pubbliche (o private che siano) destinate ai cani, pei canili e tutto il resto…(!?!). Sono ormai molte le case dove non ce n'è più soltanto uno…
E poi…anche qui…lobby?…Quella di chi col cane ci fa i suoi bei soldoni…? Intanto Pannella se ne mòre pe le carceri…ma pe le corsie…(!?!).

Tutto a l'incontré!
Ma che ce sta a inzegnà, sta…nòva scòla!?

Ho visto un cane, llì, tutto da solo
più pèggio de n cristiano.
Passa quarcuno, certo, tanto umano,
e l'accarezza ar volo
continuanno a annà ndove che annava…
Poi, dopo un po', quarche artro s'è fermato:
pareva che parlava
co quer poràccio solo e sconsolato.
Ner mentre che ripijo a camminà
ho visto du'regazzi
contenti che pareveno du'matti
a stà a giocà côr cane, e llà-ppe-llà
se lo piòrno, e lo portòrno a casa.
Annanno avanti, poi, pe quela strada,
te vedo llì accucciato
un pòro vecchio, ma…tabbula rasa
attorno a llui…Nisuno che je vada
un attimo vicino a daje un sòrdo…
a dije na paròla…
Côr cane sì…Co questo ognuno è sôrdo…
Ma che ce sta a inzegnà, sta… "nòva scòla*"!?

*sta per "nuova scuola", ma anche per "nuovo pensiero", "nuova civiltà"(!?!)…

Un fatto, una poesia.
10 Gennaio 2013, al Circo Santoro…

Il ruggito del re-leone
(al circo dei domatori…domati)

Sotto il tendone, nell'arena tonda,
il numero più atteso ha alfine inizio:
è un numero che vien mandato in onda
pe' impressionare il pubblico…col Tizio…

Ci son due domator ben agguerriti,
co' altoparlanti ed affilate lingue.
Ma già la belva lancia i suoi ruggiti
nel modo che tra tutte la distingue.

E i domatori frustan con sadismo,
ma quel leone indomito resiste,
e con le unghiate e con felin tempismo
respinge, contrattacca, e a ognun che assiste

al numero fra i tanti il più seguito,
incute gran rispetto, e anche timore.
Che, punzecchiato, emette un tal ruggito
che l'un dei due sbianca, e con fervore

l'altro interviene, e il dramma ancor acuisce.
E infatti, co' un ruggir ch'è un terremoto
fa il re leon: "Chi di lingua ferisce
di ruggito perisce…Ed or…v'è noto!"

 

dedicata a Bettona

Ritorneranno i voli, a Primavera
Rimane tutta sola la montagna
ora che i voli son…volati via
dopo i saluti che alla nostalgia
l'hanno lasciata, e a una forzata pace.

Sceman l'ore di luce, e all'umida ombra
riposano i respiri affievoliti
di tutti gli altri che non son partiti.
La schiena scalda al sol, al suo calare.

Così rimane pur l'antica quercia
coi nidi vuoti ancora tra i suoi rami
da dove i voli incerti, ai richiami
hanno ceduto, della vita, e al cielo,

gioiose tenerezze, han regalato.
Pian, piano s'addormentano, sognando
la nuova vita che verrà, allorquando
ritorneran quei voli, a Primavera.

Un fatto, una poesia
è il momento della scesa in campo dei magistrati, nella campagna elettorale 2013…

Mo è scesa in campo la maggistratura
Mo è scesa in campo la maggistratura
che infino a poco fa staveno a ddì
che era tutta ggente che n se cura
de ròbba de politica…de chi

è rosso, o nero, o bianco…e addirittura,
che: "Sò proprio daltonichi…È così!",
a chi diceva che era na sventura
che in tanti sò de parte puro llì.…

"Sò tutti quanti…neutri!". Ma de che…!
Mbeh, mo speràmo che se sò convinti
che nu è come lo vònno stà a vedé,

er monno…Eh,no…è proprio differente!
Sò colorati, e certi se sò spinti
inzino a volé er vôto…neutramente…


4 Gennaio 2013, intervista della Gruber a Monti. Promette fine di crisi e ricrescita…Sarà…Lo speriamo.
Ma intanto scherziamoci un po'su per - comunque - sdrammatizzare…che il dramma continua - comunque - ad esserci, e come!


Che lasci ogni speranza ognun se il Mario
Che lasci ogni speranza ognun se il Mario
su salterà dall'urne a governare:
lui salirà gli scranni e noi il calvario,

ché è questo che ha promesso col suo fare
sì lugubre e compito all'intervista
a Gruber, senza niente improvvisare.

"Io mi son quei che appaio nella lista
sebben sia stato a lungo predicato
che il nom debba sparir…Ma non è svista!

È sol per ricordar che se votato
avrete tutti quel che v'ho promesso
col mio funereo aspetto imbalsamato

che pur se vo a sorridere è …lo stesso!
Saranno pene…tante…tante pene…
Ma un po' di luce vedo già da adesso

ed è una luce che…su mi sostiene:
la luce della gloria che m'inonda
man, man che vo svenandovi le vene…".

Nel cimitero un po'di baraonda
s'avverte fin da fuor delle sue mura,
ed ho un tremor…non è che lo nasconda…

Orrore…! Scappan via dalla paura
i morti con le loro casse in spalla:
sfuggon le tasse sulla sepoltura

e asilo vanno a chieder…nel Walhalla!


Nicky… della modernità… sogna il ritorno a un recente passato…(campagna elettorale 2013)

Avanti…com'er gambero
(l'aureola d'alloro)

A Ro', ma l'hai sentito a quer bravone
che n se capisce mai quelo che dice
co quer su' mòdo de parlà a la Nice*,
che nvece mo, mannanno ogni riccone

giù ar fòco de l'inferno, è stato chiaro:
li sòrdi sò er peccato più mortale,
e chi ce l'ha - lo dice "Er Capitale"-
o dev'annà a l'inferno come avaro,

o deve d'adeguasse a la saccoccia
de chi è più poverello…Va cercanno
co nostargìa er passato…E intanto, vanno,
li gruzzoloni, indove la capoccia

de chi commanna, nu sta a castigà
nè ricchi, né ricchezze…E n se dà pace.
Fà riciccià l'invidia a chi gne piace
chi cià deppiù…E mo, de sparambià

- tajanno quer che stamo a ddaje a lloro -
già n se ne parla più…"Votate a mme…!
- mo stanno tutti a ddì - e ve fo vedé
…quanto me dona…l'aureola d'alloro!
".

*Nietzsche

Un fatto, una poesia.
Finale Primarie Sx del 2 dicembre 2012. Dopo un paio di anni di…schiamazzi su testate e trasmissioni tivvù, sulla necessità vitale di un cambiamento politico, e di politici, e sulla rivendicazione del voto referendario contrario al finanziamento ai partiti, e alla presa in giro della cancellazione di "finanziamento" e la immediata re-introduzione sotto il nome di "rimborso spese elettorali", e al diffuso trasversale mugugno della popolazione italiana che ne è seguito, e che ancora non vede una fine, ecco qua…il risultato…"Eqque qua!"…diceva Pappagone…

Mèa culpa…mèa culpa…
(un popolo pè-pperepè-ppè-ppè!)

Si la fai Te…nu è mai na cavolata...
È sempre come un nettare che scenne
dar cèlo…E si te vanno, le prebbènne,
sémo d'accòrdo: è robba meritata…

Sì…è vero: mugugnamo…se lagnamo…
Ve sémo stati addòsso a tutti quanti
pe er grano a pioggia a li politicanti…
perché noi tutti quanti la schifàmo,

che…infatti…- senti bbene, questa è forte -
a chi cià spergiurato che stoppava
sta gran vergogna, si ce la sfangava
a vince pe addrizzà le còse storte,

j'avemo detto "NO!"…e, ancora, er via,
l'avemo dato a Te, che ciai promesso
de sprèmece pe continuà indefesso
a succhià er latte a…la demograzzia

che cià du' zinne fonne più de n pozzo…
Sémo quelli che scrissero de NO!
côr voto popolare, ar…fregantò…
che tutti ce se sò ingozzati er gozzo,

e a l'improviso, mo, àmo detto "Sì!",
scordànnoce che a tutti da zimbelli
cianno preso tutti quanti quelli…
E de quelli, uno sei Te…E …"zibidì,

e zibidè…in buca c'era, e c'è"!
Ce dovessimo sbatte tutti er petto:
"Mèa culpa, mèa culpa…". Te l'ho detto:
"Semo un popolo…pe-pperepè-ppè-ppè!".

L'altra ricchezza
In un mare di lacrime preziose
affogano le colpe che non han.
Chi cerca la ricchezza, con i secchi
vada, ne riempia…E a casa tornerà
più ricco che con l'olio del Qatar.
Irrorerà di primavera i prati
e i sorrisi vi cresceran preziosi,
e come stella in ciel, s'accenderà
di luce propria, il cuor che avrà donato.

Illudelusioni
(illusioni-delusioni)



Da regazzino credi a la Befana
che viè a portatte quarche giocarello,
e armeno, armeno pe 'na settimana,
così, fai tutto quanto er santarello.

Ma poi se cresce e subbito finisce
quer sogno bbello, in modo naturale:
'na bolla de sapone che svanisce
de bbòtto, sì, ma senza fatte male.

Da granne, poi, te dicheno e ce credi,
perché te pare pieno de bonsenzo,
che più te dai da fà, più ciarimedi
un mejo trattamento, pe compenzo.

Così te sguerci l'occhi…fai er mazzo…
pe guadagnatte un posto….pe annà avanti…
finché nu sbatti er grugno su un annazzo
che è praticato, ormai, da li più tanti,

che a tutto abbada meno che a esse giusto:
ché, a dà 'ndove c'è er merito 'n c'è gusto,
ma a rigalà a chi sta giù a pecorone,
pe tanti è la più gran soddisfazzione!

La tua è che ce vinchi in dignità,
si ancora vale…in de 'sta società!

 

               

L'arberello de Natale arternativo
(Natale con crisi finanziaria e crisi morale)

Puntuale come sempre viè Natale
co tutte le lucette colorate
sull'arberi e le strade illumminate
e er monno ch'è più bbòno…Meno male!

Però stavorta nun ce sta er morale
e manco la morale. E sò schioppate
le belle palle impossibbilitate
a sta llì a pennolone cor puntale.

Sur solito arberello natalizzio
perciò ce vanno tutti 'i fregandò
che in tanti ce s'attaccheno pe vizzio,

e tutti quanti queli privileggi
che tutti 'n vònno più vedé, però
nisuno fa…le necessarie Leggi…
-----------------------------------------------

Ce metteremo tutti li penzieri
de chi 'n sa come fà a sbarcà er lunario
de chi nun vò abbassasse l'onorario;
dei pòri cristi e chi cià glorie e imperi.

Le tasche vòte e 'i conti a tanti zeri,
e chi je tocca vive in un carvario,
e chi come lavoro fa 'r precario,
politici corotti e faccendieri.

Li sogni de chi sempre sogna e spera,
de avé più vôti pe magnà deppiù,
pe fregà mèjo…pe restà in cariera…

Li pianti e le risate de la ggente,
la cattiveria e er ghigno de chi, su,
ce va sortanto…disonestamente….

Inzomma un arberello arternativo
indove nun ce manchi proprio gnente,
co tutti assieme appassionatamente…

armeno pe Natale,
e tutt'ar più pe er brindisi finale…
che 'n pò durà de certo eternamente !
 - Natale2012


Mario Monti si appella allo spirito di sacrificio degl'italiani, imposto dal suo governo con l'intervento di pressioni Merkelali…Che non vengano rovinati da governi lontani da lui, quei sacrifici fin qui sopportati…(dicembre 2012).

"Nu state a ruvinà li sacrifici…!"
(così, il Mario nazionale)

Com'è che dichi, a Ma'? "…li sacrifici…"
Ma quali…queli nostri!…Eh già…Se intenne!
Ma quela ròbba vostra…le "prebbenne"
n se tòccheno, n sia mai!...In quel'uffici

ndo state a architettà li malifici
pe er popolo che n deve più pretenne
lavoro…pensione…e deve dì: "Ammenne!"
a gni sfizzietto…nfra voi fate li cici…

Ma…pòi tassamme casa…le saccòcce
co l'aria che respiro…er funerale…
Pòi famme anche magnà côr contagocce...

Però, l'amore mio è ròbba mia!
Pòi famme piagne puro a Carnevale…
Ma…mai potrai tassamme la poesia!

Che - pure - è na ricchezza…
Ce 'a mettereste…la patrimoniale,
eh!?...Ma…'n se po'…Mettetece na pèzza!

Me sò inzognato er sole…che nun c'era
Me sò inzognato er sole…che nun c'era,
e er buio e er freddo ereno totali.
Chissà…magari ereno segnali
da fin der monno, co l'attimosfera…

Me feci: "Tornerà…". Ma aspetta e spera,
n tornava mai… "Li peccati mortali!
Ècco, chedè! Li sbaji colossali…!
È er castigo…l'Apocalisse nera!".

Ma, arfine, immezz'a tanta sconfusione,
noantri incominciassimo a cercà…
E cerca…cerca…Poi…n'ispirazzione:

"Annamo n po'a vedé llì in parlamento!"
Aoh, n ce crederete: stava llà!!
Poi sò schizzato su…strillanno ar vento:

"Genìa bacata de politicanti,
che er sole abbruci ladri e approfittoni
che nfra voi tutti sò…queli più tanti!"

Voti…all'asta
Ce tòcca proprio dì che ciarisemo,
eh, a Re'? Hai visto: appena è risbucato
dall'angolo ndo stava 'n po'abbacchiato,
'n po' triste come pò èsse un crisantemo,

c'è stato er granne allarme: "Ha preso er remo…!
E mmo st'a remà contro er risurtato
che pensavamo già d'avé incassato…!"
"Ma nu hanno sempre detto: <Noi ciavemo

er trenta e più per cento de li vôti,
e st'artri appena er quindici…gn'abbasta!>.
Pe cui nu sto a capì sti…teremòti

che stann'a scatenà li pensatori…".
"Er vôto, è come tanta ggente a un'asta,
che all'urtimo, se sanno 'i compratori.

Perciò fino a la fine nun se sa
nfra tutti quanti li visitatori
chi è che compra…e che n te fa comprà…".

"È giusto, a Ro'…Ma quanno finirà
pe tutti quanti er tempo de insurtà
invece de fà quer che s'ha da fà?!"

Un fatto, una poesia
Papa Benedetto XVI, studiando approfonditamente, è arrivato a capire che nella grotta non c'erano bue e asinello. E che a cantare non erano i pastori e gli angeli, ma soltanto questi ultimi…(Novembre 2012)

….er presepio - armeno - lassàtecelo in pace. Nun abbasteno …quelli-llà?!


Artro che fregati!
….Vabbè…E allora, artro che fregati!
Mo puro er papa inizzia a ffà lo strano
dicènnoce - a nnoi, popolo cristiano -
che semo stati tutti n po' imbrojati…

Sarebbe a ddì che tutti l'antenati
dar prete infino all'urtimo profano
ner fà er presepio mistico nostrano
se sò…dìmo così…se sò sbajati.

Ché, pe mill'anni drento in de la grotta
assieme co Giuseppe e co Maria
co quela convinzione mai interotta,

ciànno infilato du' abbusivi - pàre -
pe riscallà er pupetto, cioè er Messia:
er bue côr somaro, che nu appàre

- ne li libbri antichi - che ce stàveno.
Ed a cantà nun èreno 'i pastori
ma l'angeli, che a frotte…volàveno…

Ma n po'èsse che sti particolari
nemmanco l'hanno messi, che ssò io…
ma in còre a nnoi l'ha scritti proprio Iddio?

ce sò li veri colti, e li veri inteliggenti…e ce sò li…sòla…che senza pudore in televisione spareno oppignone su oppignone…

Li soloni
(ma chi: queli che sanno…o queli che ssò…sòla?)

Quer bernòccolo de l'inteliggenza
o c'è o nun c'è, e ner caso che nun c'è
ciai vòja a smove l'aria co insistenza
sventolanno curtura…"fai da te"

pe impressionà la ggente che la scenza,
invece, è brava a faccela vedé
com'ha da èsse: senza strafottenza,
e acconnìta côr sale der sapé:

co tutti li perché…perché chi è certo
de tutto-lui sortanto…è solamente
un gran pallon gonfiato, e fa lo sverto

a oprì bocca pe...daje solo fiato…
Ma è solo un sòla…un rompi…e certamente
n capisce manco quanno ch'ha stufato!

Un fatto,una poesia
case ATER (Azienda Territoriale Edilizia Residenziale) - Villini in S. Saba (quartiere esclusivo di Roma) - fitto 7 euro al mese!!!!!! date a benestanti! - che in vari casi sfruttano addirittura col subaffitto (denuncia specifica in diretta). Controlli quasi inesistenti dell'ATER e Comune. E avvertono gl'inquilini quando un controllo, c'è!!!!!!! (rete 1 domenica 2 dic. 2012, pomeriggio). Dopo questa denuncia, chi si deve muovere…si muove e risolve, cacciando gli abusivi e chi abusa col subaffitto…o…continua a fare il finto tonto??!

Case popolari…pe ricchi!
Quer che stann'a ffà véde sto momento
llì in tivvù è na denuncia bell'e bbòna…
Ma pe chi cià er ciarvello de cemento
ciai vòja a denuncià…si nu je sòna!
Villini da restacce a bocca operta,
ma ssò chiamate…case popolari:
a San Sabba!…Chissà chi l'ha coperta,
sta furberia de st'avvortoi? Sti bbari…
sti fij…sti ladri…sti morammazzati!
Sò cinquant'anni - sò!- che pe li voti
ce fanno entrà furbetti ammanicati…
co conti in banca…e suv…e in più…"si nòti":
c'è chi…fa svergognà anche la vergogna:
che nun contento de èsse un abbusivo,
dà casa in subbaffitto! Ma na fogna
nun se lo pò ingojàllo bello vivo?!
E ce stann'a pagà sett'euro - sette!-
E pòi vanno cercanno de fà i sòrdi
co murte, imu, tasse…Benedette
caste de fetentissimi balordi,
sortanto bbòni a ddì: "nu è corpa mia…!",
dall'amministratori a 'i maggistrati,
da ognuno che…ogni légge…è un'archimia
pe n facce capì un mazzo...e 'i risurtati
sò che er furbo se la gòde indisturbato,
che a rompe vanno solo da chiunque
se schifa de èsse uno ammanicato
e ogni schiaffo che vola - quann'è 'r dunque -
lo pìa quello: cornuto e anche mazziato!

L'età più bella
S'è spento l'abat-jour sulla novella,
e al sorgere del sole
mi sono ritrovato già cresciuto.
Tutti l'aspettan….poi nessun la vuole
l'età che fa…evoluto,
e quella che "era", resta la più bella.


quando la cura risulta sbagliata…(2011-2012)

Il Super Professore e la sua cura
Chi muore può vedere una fiammata
in fondo a un tunnel nero come pece.
Però, a vederla, adesso, è stato, invece,
il Super Professor, che l'ha inquadrata

in fondo alla Gran Crisi finanziaria,
sociale, e economica, e morale…
che sta facendo a tutti quanti male,
salvo a chi è dentro…una camera d'aria...

Ha detto, un giorno, lui: "Una luce, vedo,
ch'è oltre il tunnel - quasi superato -…"
Ma…o sognava, oppur s'era drogato…
Scherzava…o era serio? Me lo chiedo!

E infatti, dopo qualche giorno appena,
che tutta l'opinione era allarmata,
la luce s'era tutta già smorzata,
e ha preso a ritassar co' invitta lena.

Sì!...La sua mira è far la sua figura
coi pari suoi che sparsi son nel mondo,
ma non s'avvede che nel tunnel fondo
ci sta infilando a noi, con la sua cura!


…onore al…merito? Nooo!
Onore a chi…te mànna!


"Chi amministra…ha minestra"
Chi te mànna…dì pure…chi te spigne?
Chi te protègge?...Lassa sta chi ssei…
Aaahh! Ma allora qui farai li sghei
e si n sai fà…abbasta che sai figne,

che lo vedrai, farai puro cariera!
Abbasta a nu 'mpicciasse mai de gnente,
a nu strafà, e a nun fà mai 'r sapiente,
e ad inchinasse infin'a ggiù pe tèra…

Qui, caro mio, è er posto bello giusto
pe ffàsse tutti l'affaracci propri…
Vedrai che ce se pìja proprio gusto
a mmano a mmano che, adocchianno, scopri

er sugo che je pòi tiraje fòra
a tutte quele zzucche indaffarate
a ffà quei quattro sòrdi, e che fin'ora
ar nostro…sgraffignà, se sò adattate…

Ma, d'artronne, er "chi amministra…ha minestra"
null'ho'nventato io…e nemmanco te.
Pe cui, mèjo adattasse…anche perché
solo così, pòi sonà…co st'orchestra…!

Un fatto, una poesia
Le Primarie del 25 Novembre 2012
La "grande vittoria della democrazia" sarebbe stata…più vittoriosa, se non ci fossero stati cambiamenti in corso d'opera (leggi: paletti contro il giovane antagonista, senza coltello dalla parte del manico…). In altre occasioni, la forte vincita di voti al sud, avrebbe, per certi, significato collusione mafiosa…
Ma quando uno vince, bisogna starci…Quello che invece sarebbe assai meglio da considerare, più di quanto non abbiano voluto fare giornalisti e commentatori, è la perdita per il "vecchio" e la conseguente vincita del "nuovo" nei territori da sempre del "vecchio", appunto…


Er voto…sospetto
e le regole "ad personam"di recente memoria…


"Stànno a cèrte teorie de saputoni,
a Re', sai che te dico? Che er Tizzio
(com'è stato pe artri Tizzi - pe er vizzio
de cèrti de inventasse le raggioni

da fà gnottì a li soliti abbocconi),
si puro noi sfruttàssimo l'indizzio
- levànnoce anche noi quer cèrto svizzio
de cazzeggià su voti e votazzioni -

li voti in più ch'ha preso in cèrte zòne,
nun pònno che èsse queli de …mafiosi,
ndranghetisti, camoristi…"È n'impressione

che proprio er Tizzio e queli che cià intorno
te fà venì, a Ro'…Ma èsse sospettosi
è robba loro…A nnoi…n ce frega un còrno!"

"Pe nnoi, chi vince, vince…dichi bbene…
Ma…er Tizzio, er bastone nfra le ròte
j'ha voluto mette…Eh…quanno conviene,
gnente più…"ad personam"…Tèste vòte…!"

Un fatto…una poesia.
Novembre 2012: per decidere di tagliare un centinaio di poltrone, ne hanno inventate…anche di più, per decidere quali fossero le poltrone da…tagliare! Presa per il…sedere? Sììììì!!!!

Ma chi li frega, a lloro…
Ma chi li frega, a lloro…chi l'ammazza!
Ce stanno a suppricacce tutti er voto
cor biscottino in mano…un bluff che è nòto:
pur sapénno che ssò de cèrta razza

noi sémo sempre pronti ad inchinacce
a 'i mèjo chiacchieroni der momento,
e quann'è er giorno, è tutto un movimento
de noi che se ntruppamo pe annà a dàcce

na bbèlla zapponata su li piedi…
Ma questo lo saprai sortanto…dopo…
cioè quanno che, passato ormai lo scòpo,
se smàschereno, e - tardi - t'aricredi…

La nòva puzzonata ch'hanno fatto?
Pe ddàje un tajo a cento e na portrona
- co la scusa de fà la scérta bbòna -
ducento! n'ha inventate, un "Sì"…compatto!

Ma n ce conviene na perzona sola
- invece de burittinari a mille -
pe sapé a chi…fà véde le scintille
si appena, appena fa capì ch'è un…sòla?!


al Parco della Rimembranza di Bettona



Parco della Rimembranza
Quel che a ogni tempo è stata la sua storia
giace al di sotto, e sopra è nato il prato.
Giace ogni corpo, sotto, e nella gloria
rivive ogniqualvolta è ricordato.

Passato, Presente, Futuro
tre fratelli…nel Tempo

Er passato monta in groppa ar presente
e assieme se ne vanno ner futuro
che - come queli llì lùceno - è scuro,
ma, più de loro, poi, sarà lucente.

Salta, il Passato, in groppa al suo Presente
e insieme se ne vanno nel Futuro.
Illuminati, quelli, e questo è oscuro;
ma un giorno più di lor sarà lucente.


….ma la famiglia non risente dell'aumento dell'iva? Ah, già…perché intanto non fa la spesa…
E che dire della benzina? E mica la usa la famiglia, la benzina…perciò…va tutto bene!
L'importante - per qualcuno - è avercela sempre in bocca, questa benedetta famiglia (crisi 2012)

La capoccia de chi so io….
Vorebbe oprilla pe vedé si drento
c'è quarche bacarozzo, o segatura,
si c'è na luce oppuro è tutto spento:
ipotesi che pare più sicura…

Ma nu lo senti si che dice, lui:
"Famìa…famìa…famìa…" a tutto spiano…
"bisogna - spece in de sti tempi bui -
che l'aiutamo! E tòcca da fà un piano

pe falla campà ar mèjo, e mai je manchi
er sòrdo pe na vita decorosa:
pe mantené li fiji su li banchi,
pe ffà la spesa - sempre più costosa -,

pe pagà casa, tasse, e medicine…
Inzomma, la famìa è tutto quanto,
viè prima de l'uffici e l' officine,
de banche, de commerci…" Però, intanto,

che je sta a ffà quer tizzio, a la famìa?
Siccome che nun cià gnente a che facce,
pur de leccasse a Monti, o come sia,
j'aumenta l'iva…senza fà boccacce!

Un fatto, una poesia.
Il prof. Monti… "assicura" gli stranieri (dal Kuwait) che senza più lui al governo, correrebbero grossi rischi ad investire da noi…(!!!). Ma...già: c'è chi può dire e fare tutto quello che vuole senza che nessuno gli salti addosso… (18 Novembre 2012). Figurarsi se tale scempiaggine l'avesse detta qualcun altro…E…se lui non ci dovesse essere…??? Grazie per la buona propaganda, professore! Questo è la supponenza tua e del gruppetto bocconiano…Facile, fare le cose - che - se pur davvero fossero quelle , le uniche da poter fare (ma pare di no) - te le lasciano fare…stampa e TV comprese.

Ciavete proprio rôtto!
Sti…còsi nun se vònno rènne conto
che co quer mòdo loro de stà ar monno
ormai sò scivolati giù…ortr'er fonno,
e che insistènno stann'a ffà n affronto

ar popolo, ar bòn senso e a la raggione,
ché stann'a ad ortraggià l'intelliggenza
e ciànno rosicàto la pazzienza
ché stann'a schifà, senza distinzione!

Sì…la pazzienza quasi st'a ffà er bòtto:
le pile sue ormai se sò esaurite:
"Ve pòssin'ammazzàvve…Lo capite?!
che - tutti, ormai - ciavete proprio rôtto?!

Incruso er professore…che va a ddì
che si n c'è llui a governà er Paese,
potrebbero venì…brutte sorprese:
sò càvoli…pe chi ce vò investì!"


Un fatto, una poesia.
In una settimana di metà novembre, 2012, altri due piccoletti sbranati dai cani di casa: un rottweiler, e un
pit-bull.


….ancora….e ddaje…! Ma sempre pare che n succede gnente…Un regazzino all'ospedale…o ar funerale….E che je fa: ar monno ce ne stanno pure troppi! È 'r cane, porello…che tocca da capì…coccolà….sippure sbrana e ammazza…Pe er pupo sfreggiato o sbranato….un trafiletto e via…Avanti un antro! A onorevole (ma de che!) Brambilla! Che te se possino sbranatte a tte, assieme a quela degna compara de la Martini! A giornalisti…! A oppignonisti…! A parlamentari…! A leggislatori! A maggistrati…! Li mort…i vostri…Ma ndo c…o state, tutti quanti séte ?!!!

Chi è causa der su' male…
Ma che è sta malasòrte che ce tòcca
de avécce sta fasulla ner governo
che è bbòna solamente a oprì la bbocca
e a ddaje fiato, come un padreterno,
pe ffà impestà er paese da sti cani -
queli assassini incrusi…che, n vò ammette
che ssò assassini, sò!…Quanti cristiani
ancora, se dovrebbero annà a mmette
in fila all'ospedale, o ar cimitero
pe fajelo entrà in testa, a sta campiona
de cretinaggine…che pe davero
ammàzzeno ste bestie?…Ma gne sòna…!
E nu impressiona manco a tanta ggente
- che co ste bestie fa la fanfarona -
de véde sempre più che un innocente
côr sangue, st'a pagà! Ggente cojona!
E allora, sai…a mme che me ne frega
si nu je frega a chi vò ffà er padrone
de la bestiaccia…(e manco se la lega)…
si poi je manna er fijo dar dottore,
si nun addirittura, ar creatore?!
Sò affari sua, sò!…Vò la bestiaccia?
Sta a ddì ch'è bbòna…che nun c'è timore…?
E allora...je sta bbène sta finaccia.
Però sarebbe mèjo a la Brambilla:
me piacerebbe, sì! a sentì che strilla!


2011-2012: Crisi morale della politica…più che altro: dei, politici! esplosa alla grande, finalmente! Ma quello che è venuto fuori…è ancora soltanto una piccola parte…La Legge…guarda e tace - non ostacola - anzi…!
E la Legge anticorruzione che stanno discutendo in Parlamento, è ancora piena di se…e ma… "Chi è condannato…per tre anni non sarà rieleggibile…": PER TRE ANNI!??! e poi?!!?


La Légge…che nu règge
La sola arternativa ar cammiamento
pe quer che ciariguarda a sto Paese,
pe ddaje un freno a rubberie e spese
che fanno gòde a chi sta in Parlamento,

o ndo' sia-sia, indove a còr contento
ognuno arubba (e quest'è ormai palese),
o "pija er suo"…- a la politichese -
riempiènnose le tasche a piacimento,

è quela de na Legge-taja-mano.
Sinnò, ciavòja a ddì…ciavòja a ffà…!
È questo! che vvò, er popolo itajano!

A ognuno, er tajo!...si ffa…marameo!
Si gne dai n tajo, a sta gran libbertà,
ciavòja a continuà…côr piagnistèo!

Er pozzo senza fonno



Er pozzo de mi' nonno contadino,
bònanima, durò finché durò…
Mannava er secchio giù, e côr cordino
tirava su…Bevette, e annaffiò

la tèra - senza er becco de un quatrino -
pe anni e anni…finacché scolò
quell'acqua fin'all'urtimo filino…

Poi, gnente più: je se seccò, quer pozzo,
e, poràccio, nun so quanto patì
pe rinfrascasse tèra, casa, e gôzzo…

E 'nvece sti ladroni…sti magnaccia
se stann'a strasucchià senza finì,
er pozzo-senza fonno, senza faccia!

I ricordi
Cavalco qual sonnambulo la notte
così com'un destriero, il cavaliere,
ad occhi chiusi e quel che non si vede
di giorno, vedo, qual felino aduso.
Mòvo, così, i miei passi in mezzo al buio
tra stuoli di fantasmi
che sfilano, e in omaggio i miei ricordi,
più che doni preziosi, van porgendo.
Tra loro, vago, e un mi segue, e un altro,
e un altro ancora, e poi un altro, e un altro…
finché è disordinata processione
che or m'è dietro, e ora mi oltrepassa,
e poi l'ho ai fianchi, e, anche, mi sovrasta,
quasi un vapore, calmo, che si spande
come la nebbia che infittisce il cielo.
È calca, che ora preme, e io nel mezzo,
e no un rumor che giunga, a dissipare...
Avvolto, alfine, sono in tanta schiuma,
che lievito mi par, che va crescendo,
finché ne è quasi satura, la stanza,
e ha poco spazio il mio respiro, e sento
un misto di gradevole e di amaro.
Inizio a berne, come in mar chi affoga...

Il naufrago
e la Fede


Dal suo naviglio in mar disarcionato,
tra i gorghi annaspa e non afferra l'onda
e s'allontana sempre più la sponda
e in mezzo ai flutti lotta disperato.

E dai marosi è preso e sballottato:
con loro vola, e poi di nuovo affonda,
e l'acqua scende in gola e poi esonda,
e poi rientra ancora, e condannato

si sente ormai…che ormai perde la foga,
ché in quell' impari lotta non c'è ardire…
Finché una vela verso di lui, voga…

La Fede è scesa e or lo va a salvare
che forte Dio invocava in quel patire,
che l'affogava già, rabbioso, il mare.

Un fatto, una poesia
quando potremo smettere di lamentarci che: "…solo in Italia…"…?
E c'è ancora chi insiste a difendere a dado tratto la…intoccabile e incolore casta legale? (sempre di una parte di questa, si dice). Ma de che…!!!!
I magistrati hanno messo in galera i membri del comitato grandi rischi per i danni del terremoto dell'Aquila…: non avevano "ordinato" di …scappare…(ottobre 2012).


Quistione de …distrofia
La distrofia pò prènnete o a un braccio,
o a na gamba…o, a vòrte, anche ar ciarvello…
E, fisica, po' èsse, o pe un allaccio
a quarche idea de cui te fai zimbello.

Ma si sta in testa, er male…er male faccio
all'artri, pure!…E ar dunque, er pèggio, è avello
in der ciarvello…E nu sto a ddì a casaccio:
che è proprio pe un cancroso macchiavello

de idealizzà un'idea, che - ar tribbunale -
li giudici (che invece de sta in cura,
stanno llì, tutti, a fasse smartì er male)

pe tutt'er caos che ha ffatto un teremoto,
t'hanno ingabbiato - ròbba da paura! -
er centro granni rischi tutto in tòto!

Un fatto, una poesia
ci rubano addirittura le tasse che paghiamo…..BASTAAAAA!!!!!!!!!
"Tributi Italia" (o Equitalia) ha rubato oltre cento milioni di tasse pagate dai cittadini e non versati ai comuni…Ma i comuni, però, che stavano a fare….?! Il Direttore se ne è presi per sé…soltanto venti. (Ottobre 2012).


La…Casta diva
Da qualche parte, un giorno, il bene e il male
s'incontreranno, e il male dirà al bene:
"Io faccio solo…quel che mi conviene.
Quel che fai tu…a me poco me ne cale".

Il bene gli farà la paternale,
e spiegherà che: "Al punto, non si viene,
né qui, né lì, se non ci si sostiene,
perché lo schifo, in giro, ormai è tale

che ognun che le sue mani l'abbia…in pasta,
è fuor d'ogni controllo. E d'arroganza
n'ha più del male stesso, ché alla "casta

diva" sua, sol, risponde, e a lei s'inchina
fuor dai tracciati, ed in bella sostanza,
del male stesso è tanto più meschina!"

Riprenda dunque il mal la padronanza
per un pugnar col bene, pari e onesto.
E via! il terzo incomodo, al più presto!

Un fatto, una poesia
Elezioni americane, Novembre 2012.
La differenza l'hanno fatta omosessuali-in cerca-di-matrimonio-e-forzata-fertilità, e i giardini-coltivati-a-- marijuana…"Priorità assolute"!... che spaccano di netto il continente. Intanto Moody's già pensa a declassare…
Chiaro che colgo l'aspetto più "pittoresco" della cosa….Poi, tanti auguri…Per la buona pace di quelli pronti a saltare addosso a chi non la pensa in un modo, e gli va soltanto un tipo di ironie.


La ri-obbamazzione
(la rielezzione)

Quattr'anni dopo, co un rimbambimento
grannioso de "campagna elettorale"
- na sòrta de bèr nummero teatrale,
pe guadambiasse er grosso gradimento

de 'n popolo che l'indebbitamento
se lo rosica - e andrà a finì - è fatale -
(quarcuno già lo dice) guasi, o uguale
a queli che già sò a lo sfinimento -

l'americani hanno…"ri-obbamàto"…
Ma tanto alegro nu è che ce pò stà,
er Tizzio, si se l'hanno riciclato

er granne cucuzzaro de …finocchi,
e de svampiti-all'erbe…Libbertà!
davanti puro a questo, te 'nginocchi!?

Si che se deve fà, pe restà a galla…!
Dà er nulla osta a chi se vòle fà…
E a la natura…tòcca…snaturalla!

Il mio 2 Novembre
Parla per tutti, il campanile, assorto,
con la campana e il suono suo più mesto.
Dice il cordoglio per qualcun ch'è morto,
e ben s'addice al funebre contesto.

Volan per l'aria tocchi cadenzati,
come un lamento, come quasi un pianto.
Io, non li sentirò, seppur suonati,
quando ai miei cari il còr lascerò affranto.

E li vedrò, allor, coi crisantemi,
e la fiammella tremula d'un cero,
portati quali doni ormai estremi,
sul mio giaciglio, in seno al cimitero.

Dialetti d'Italia
Son le parole di ciascun dialetto
i testi originali, e sono i suoni
le note, come stan nelle canzoni.
E il titolo dei modi che va detto
- di quest'Italia - nomi e tradizioni
sono, intarsiati d'infimo e grandezza,
da oscurità segnati, e lucentezza,
e da cadute e da resurrezioni.
Fermi, sempre, restano i dialetti
coi loro suoni tutti differenti,
ch'è il vasto repertorio degli accenti,
sian essi aspri, o dolci, o aperti, o stretti.
Vari, ed uniti sotto una bandiera,
che non li doma - ché di sé orgoglioso,
d'ogni altro ognun si sente più prezioso -
son un! se ad adombrarla è una straniera.


la Legge ci sarebbe, e sarebbe anche buona…ma poi il giudice….
quann'er giudice se la canta e se la sòna….(ottobre 2012).


La Legge e er Giudice
La Legge fa: "Io sò pe tutti uguale".
E uno je ce crede, ché è la Legge!
Poi dopo ariva er giudice…imparziale,
la pija, se la guarda, se la lègge,
e come fusse un papa sull'artare,
se sente un dio, e fa…come je pare.
Poi, dopo, quanno er tajo de la spesa,
che Monti sta facenno un po'co tutti
ariva a toccà a lloro…nun cià presa,
ché slitta su na legge che a sti brutti
je dà quer che je dà…e che stavòrta
la stanno a interpretalla para, para
perché la legge…nun pò annà stravòrta,
ché su la paga loro…nun se bàra!

Li cosiddetti "diritti acquisiti"
pe lloro sò la Legge, e nun se scappa!
Pe nnoi…pònno èsse puro…requisiti
li diritti…e le legge - qui - se strappa!

Un fatto, una poesia
ahi! ahi! Quoque tu, Tonino!.....L'"ingorda mania" non ha risparmiato nemmeno il "puro" Tonino, che ha pensato bene di diventare padrone di un ingente patrimonio immobiliare. Sì! Coi soldi del Partito…Nessuna differenza tra il "giudice" e Fiorito! E a puttane ha mandato il suo Partito Italia dei Valori…Immobiliari…..Ah! Ah! Ah! (Novembre 2012).

Tonino "Er puro"
(er giustizziere…giustiziato)

"Da tanto me sto a…vennne come "Er puro",
facènno er Zòro de la situazzione…
er giustizziere che a ogni gran puzzone
j'aizza la giustizzia a muso duro

sippure co un parlà ch'è arquanto…impuro,
sgrananno l'occhi, llì in televisione,
perché me ciaccaloro a ffà rimpone
la furberia a li furbi…er lato scuro…

Co un Tizzio soprattutto, me sò acceso
perché è 'r più furbo immezz'a li furboni,
e ciò goduto quanno l'hanno "preso"…

Però, pe quanto bene ammascherato
- da giudice…se sa…- pe li sordoni
che "avrebbi" preso non autorizzato,

ce sta quarcuno che…morammazzato
m'ha sputtanato, e…m'hanno giustizziato!
Ma che "ciazzecca"quello? Io!…sò er togato!"

Là, sugli scranni d'oro
Là, sugli scranni d'oro in Parlamento,
col voto, messi - dato a…sconosciuti -
(che hai voglia a dire che ci son piaciuti…
che dell'intera farsa è elemento)

a fetar, sono, al par delle galline
sui trespoli, dalle unghie adunche, stretti,
e ad azzuffarsi pronte, e a far dispetti,
ma attente all'infiltrar delle faine.

Non si conoscon moglie, né marito,
immaginarsi poi il parlamentare,
che vede il fiume crescere e passare,
ed è tentato a intingervi il suo dito…

Come galline…Ma non fanno l'uovo…
Son stitici….Si sforzano soltanto
per arraffare, e meglio è! se è tanto:
col vecchio vizio, poco può, il nuovo!

Col voto…! È democratico…Ma al dunque
nessuno può saper chi, e come, sono:
dovremmo avere tutti quel bel dono
che fa vedere tutto di chiunque!

Ma, certo, sì…! Chi lo sapeva, a esempio,
di chi c'era sembrato assai per bene,
che invece poi s'è dimostrato empio,
ed ha smerdato il…bel giardin…Fiorito?

Chi li caldeggia e mette nella lista
indaghi lui, che, proprio, l'ha, da fare!!
Responsabilità!...E far pagare,
se la persona è, poi…persona trista!

La preferenza…! Sì, par cosa buona,
ma se mi sbaglio e metto un malandrino,
che faccio, lo cancello dal listino?
Lo defenestro? Ah! Che parolona!

Succede pure che io lo metto…qua…
ed un bel giorno avviene che …gli gira
di cambiar posto, e alfin, che tira, tira,
all'improvviso me lo trovo…là…!

Sì…non lo voto più, però, intanto,
quel bravo ha preso quello che ha potuto,
e…sempre ha le sue mani...ché…l'espianto
qui non si fa…seppur che ci han fottuto!


dopo l'estenuante caccia a…colpi bassi, il leone è preso…(condanna a 4 anni - 26 ottobre 2012); ma il leone…ruggisce!

Li cacciatori…cacciati!
Sò iti co le léggi a mo' de schioppi,
immezz'a le foreste e a le savane,
de giorno e anche de notte, nfra l'intoppi
de fiumi, sabbie mobbili e marane,

per acchiappà er leone…pe scovallo,
pe ffallo sortì fòri a lo scoperto…
che je fa un baffo er serpe e lo sciacallo,
che punteno la preda ner deserto!

Più peggio assai de quelli! Allupanati,
'ngrifati, e anche accecati - addirittura,
dar troppo sta a cercà - se sò accostati,
e peggio de lui stesso, da un'artura,

cor bilancino de la légge in mano
- n po'aruzzonito da lo sbavamento -
je sò zompati addòsso, e adesso, in mano,
cianno er leone preso a tradimento.

Ma visto ch'è accusato de…evasione…
che ffa er leone? …Evade! E ffà er ruggito,
e a la tribbù che aggià nder pentolone
se lo vedeva a còce, a scottadito

se la st'a ffà, co sarsa côr bianchetto
pe levà er rosso che a magnà…n c'è verso…
e inizzia a ffà un lautissimo banchetto
mannànnoje la caccia…de traverso!

La Poesia
Che cos'è, questa voglia di poesia…
È un turbine che sta fra testa e cuore,
è come quando hai una malattia
cucita addosso, che ti dà dolore.

Ma a volte, invece, è solo leggerezza
che senti quasi di poter volare
come un pallone carico d'ebbrezza,
come il gabbiano in bilico sul mare.

È il sole che entra dentro prepotente
a caricare i sogni d'energia,
o del chiaror notturno ognor risente
la dolce malinconica magia.

Castigo, o dono, sempre è una ricchezza
per l'anime prescelte dalle muse
cibate da fervore e tenerezza:
cose che in cuor s'annidano confuse.

Conturba, come donna provocante,
o l'anima distende all'aria e al sole
come un bucato sempre gocciolante
del vivido sentir delle parole.


la balordaggine della gente è senza limiti…La legge e i preposti, non aiutano…Il rischio è sempre di passare dalla parte della ragione a quella del torto…Davanti alla prepotenza della gentaccia, un pensiero viene , prepotente… Piaccia, o non piaccia.

Io voglio un dittatore!
Luisella era seduta alla panchina
e il turno suo, tranquilla, lì aspettava.
Le si appiccica - quasi - una burina
con sigaretta e prosperi, e sbavava

pe' incominciare il rito…E Luisa, pronta:
"Per cortesia…se il fumo viene in qua,
poi, lei si sposta…". Ma, si sa, non conta,
la cortesia, per la bestialità…

Difatti, la risposta arriva secca:
"Di fuori, non c'è legge che lo vieti,
e se mi va, mi fumo anche una stecca…
E se la pianti con i suoi divieti!

E poi, se non vuol esser disturbata,
si sposti…se ne vada a star più in là…
Lei ha bisogno d'essere curata!"
Arriva un - di quella degno - e fa:

"Signora, cosa vuole…vada via
se la disturba il fumo! È tanto chiara,
la legge!..." . E poi si parla di pazzia,
se uno, esasperato, prende e spara!

Io voglio un giardiniere, che l'erbaccia
che infesta e che danneggia l'erba buona,
la sradichi…Che piaccia, o che non piaccia:
io voglio un dittatore che bastona!

Er sole mio…
(a Lisa)

Napoletà, inzegname anche a mme
a ddì le mèjo còse a sto bèr sole
tutto lucente, ché me sta a paré
che nun so dije manco du' parole…

E 'nvece "O sole mio" je l'ammollava
a llui e a la ciumaca tanto amata!
E er Tizzio, a tutt'e due je la cantava!
co na canzona ch'hanno immortalata.

Ma guasi, guasi mo la dico ar volo
quarcosa puro io: "Bèr sole d'oro,
falla riluce tutta pe mme solo
sta bbèlla ciumachèlla che io adoro".

E a llei je faccio: "Ciumachèlla mia,
er sole nde la fronte te risprènne,
e te se stampa llì e nun va più via,
nemmanco quanno è sera e se ne scenne…".

C'era una casta
C'era una casta
e un popolo, uno solo.
La casta esagerava
il popolo fremeva.
Un tricolore emerse
su tutto e tutti, e il popolo
la casta dileguò.

Col motto in bocca
la mano che scocca
l'allegria passa
e è solo catasta
pel fuoco,
la casta.

C'è una bandiera, uguale,
un tricolore,
ma un popolo, ch'è verde,
e un altro bianco, e un rosso.
Nei tre color, la casta
divisa è anch'essa, e il popolo
soggiace a ogni capriccio,
nel suo mugugno affonda…
e mai risolverà.
D'iniquità lo inonda,
la tal rapace casta
che la parola "basta"
saccente aborra e schifa,
e questo a un popol-trio
bene si confà.
 

Un fatto (anzi…due), una poesia
settembre 2012: dopo solo un anno di carcere sono stati concessi gli arresti domiciliari a Matteo Gorelli, il ragazzo che uccise il carabiniere Antonio Santarelli a bastonate….
Ancora: a Palermo una maestra per punire il bulletto di turno gli fa scrivere cento volte "sono un deficiente"
e per ringraziamento il solito giudice di turno la schiaffa dentro per quindici giorni…Meno male: volevano dargliene trenta! E questo, con la soddisfazione di tutti… gl'illuminati, che chissà quanti distinguo… sembra di sentirli…
Indignatio est in ratio (appena inventato)

Illumminati…o bacati?
(indignatio est in ratio)

Co un anno de galera ha ripagato,
co puro l'interessi,
quer morto - poveraccio - ch'ha ammazzato!
Si questo vò èsse er segno der progresso
voluto da un "penziero illumminato",
quer…sole in testa je lo spegnerebbe,
e a chi l'ha scarcerato je direbbe:
"Si invece che a quer pòro disgrazziato
avesse sotterato
a tu fijo…tu avressi pe davero,
ma pe davero, scerto quer cavillo
o avressi visto tutto quanto nero
mettennoje a le sbare anch'er siggillo?!"

Così direbbe puro a quela ggente
che pare che nun vede e che nun sente:
j'abbasta de sentisse…illumminata…
finché gn'ariva in testa na mazzata!...

Ma si la legge e er giudice sò scemi
e si nfra tutt'e due sò solo bbòni
a èsse così bbòni co chi ammazza,
sta società vòr dì ch'è proprio pazza
si immezzo all'infuriati cavalloni
se lassa trascinà senza li remi!

Ma nun te crede che finisce qua,
ch'èccone n'antra de notizzia bbella!
che messa sopra a quella,
er monno lo fa véde a…effetto specchio:
llì sòrte l'assassino, e…va in palestra…
Qui imbocca la maestra…
perché èduca er bulletto ar mòdo…vecchio…
Ma er giudice…che lo pagamo a ffà
si aiuta a ruvinà sta società?
Che…stann'a preparacce un bèr domani,
lui co tutti…li nòvi ciarlatani.

Screw-worm
(a Lisa -che è presso la madre ammalata-)

È come avere dentro lo screw-worm
in questa casa tutta silenziosa.
Ora che il buio uniforma ogni cosa
lungo sarà aspettare il nuovo giorno.
Capisco le palme quello che han passato
rôse da dentro, senza vie di fuga.
Il lungo tempo sfila innanzi agli occhi
che scrutan negli anfratti dei ricordi.
Quel tempo che va senza far ritorno,
e dietro lascia il marchio: la sua ruga.
Ipotesi è che ho dato poco amore:
promesso ho gioia, ma…poca ne ho data.
Ora altro non so far che sospirare
sperando che il suo conto sia clemente.
Di più di quanto fo col mio bilancio,
seppur ci veda un netto in positivo.
Forse alle volte sono stato assente:
cercar rimedio è ormai, però, tardivo…
Rôdi pure, screw-worm…fammi del male,
ma non corroderai 'l mio amor per lei.
Mi sembra di sentire un carillon
venir pel filo che ci tiene uniti.
È quel motivo nostro…ma è un segreto:
invero, lei è a me, come aria è al cielo.
Rôdi, screw-worm…se è questo che ti piace:
quel che importa è che a lei la lasci in pace.


al Professor Lorenzo De Ninis e al suo SitoAzzurro

Bòn compleanno
In de sto spazio azzuro-mare-e-celo
noi ce sguazzamo quann'er callo squaja,
e quann'er freddo ce raddrizza er pelo,
come li pesci, o come fa la quaja

immezz'a la boscaja o in celo operto…
E ner volà, o ner notà che sia,
ognuno, dar più tanto, ar meno esperto,
l'annamo seminanno de poesia.

Mo sò dieci anni che ce bbatte un sole,
su sto bèr mare e sto bèr cèlo azzuri,
che a ringrazziallo nun ce sò paròle…
L'augurio è che n se spegna mai, ma...duri…!


Fatti vari, una poesia
affibbiare etichette di "diavoli" e "santi", non serve che a continuare a garantire "la diavoleria" a una "santità" soltanto…idealmente sognata…ipotizzata…propagandata…La realtà è diversa, come da cronache… (ottobre 2012)

I vasi di Pandora
Finché il vaso di Pandora
resta chiuso non si sente
e nemmen si vede niente,
non esiste morta gora.

Ma la puzza che vien fuori
da quei vasi scoperchiati
se si apron quei serrati
viene fuori che ci muori!

Qui è lo sbaglio, o meglio: inganno!
Se soltanto da una parte
scavi, e scavi…è il gioco a carte
che imbroglioni, ad arte, fanno!

Anche il vaso di Romagna
che da sempre è idolatrato,
non appena s'è incrinato…
ha svelato il magna-magna!


Adriano Celentano: 8 e 9 ottobre 2012, canale 5, show miliardario, ripreso dal vivo all'anfiteatro di Verona.
Questa volta pochi silenzi. Meno male! Ma, al solito, qualche strampalata predica contro i ricchi e le ricchezze…


"Azzurro"



Nel salotto criticato
perché casa di un…malnato,
come mai ti sei imbucato?
Eh, già…Lui t'ha strapagato!
Ma quel lui è lo stesso lui
di quei tanti giorni bui
dei canali tutti su(o)i,
dei lamenti…anche tu(o)i…
Come mai …non sei schifato!?
Ma, a parte quel che è stato,
tu vuoi far …l'illuminato…
fai il maestro…e il mercato
metti tutto alla berlina…
Euro…dollaro…sterlina…
li cospargi di benzina…
Ma…ci fai, o cretina
pensi in ver, che sia la gente?
Fai lo…strano, il che è evidente…
Vuoi andar contro-corrente


sia che parli, o stai…assente…
Tu sei contro la ricchezza:
ma con tutta la franchezza
hai una faccia che…ribrezza…
Tu, che sguazzi in agiatezza!
E allora…? Che vuoi fare?!
Anche tu ci vuoi imbrogliare
come fa il parlamentare?


Con due sere fai un affare
che nemmeno in sei milioni
per dieci anni, noi fregnoni!
Vuoi infiammar le sensazioni:
"Azzeriamoli, i soldoni
del gran debito italiano…!".
Il pensiero hai poco sano:.
tu che il mondo hai nella mano,
e vuoi fare quello…umano…
ci hai pensato che la gente
si verrebbe a trovar…niente
dei risparmi dati all'ente?


Canta, invece, ad alla mente
fai tornar con le canzoni
tutte belle, le emozioni
di quei giorni da leoni…
delle còtte…dei magoni…
Canta "Azzurro", e lascia stare:
non sta a te quel predicare!
Tu davver ci fai sognare
quando taci…per cantare!


Il contadino di allora

 

Quanto tornava su dai campi stanco,
il contadino, dopo la fatica!
E su, i pesanti passi trascinava
fino alla casa…la casetta antica
dov'erano trascorse le stagioni
dei padri, sempre uguali, con la stessa
immobile stanchezza d'un destino:
d'inverno, a primavera, estate e autunno.
Ma quanta onesta pace, si portava
insieme alla fatica…



E il rito all'indomani rinnovava
quand'era ancora acerbo il nuovo giorno,
che neanche il gallo, a volte, ancor cantava.
Tornava trascinando la stanchezza,
e ancora l'aspettavano, pazienti,
le bestie sue, se pure ne teneva,
prima che al lume dell'acetilene
sedesse con chi in casa l'accoglieva.



Sognava, il contadino, solo un sogno:
il grano per il pane nella madia,
l'olio dorato, ch'era il suo tesoro,
e il vino, a profumargli la cantina.

Turbolenze
Ognun si porta dentro le tristezze
al pari dei profondi abissi scossi
da turbolenze ben nascoste, a specchio
del ciel che sopra incombe, calmo.

E nel circuito girano i pensieri
e allarmano il sensor della centrale
e impulsi vanno e vengono tra i due
in una sorta d'allarmato scambio.

Le connessioni reggono…fortuna!
in quel soffiar di cellule nervose
che a volte sembran prossime a impazzire
e minano ogni fare, e ogni dire.

Nemmen la notte ancor non lascia tregua,
in quel circuito sempre trafficato
da tante turbolenze, che anche il sonno
si mette ad animare, e non c'è scampo.


…scandali a ripetizione senza fine da tutte le parti…C'è, tra loro, chi s'indigna…ma non succede niente…Rimangono lì…tutti!Buoni e cattivi. E poi "supplicano" di non fare di tutt'un'erba un fascio…Se le estirpassero, le erbacce,alcuni potrebbero anche essere credibili…ma sennò, che si stanno a lamentare a fare dei cattivi della loro schiera, e del far-di-tutt'un'erba-un-fascio!
Ladroni…ma non basta: sfascia famiglie e società con quello che s'inventano di leggi…senza freni e pudori, e buonsenso (sett.2012)..


Strano…
Il raglio del somaro


Non so perché…ma sto a sentirmi strano:
forse, il perché, è che è strana la giornata...
Però ogni sforzo per capire è vano,
che è come dissertar sulla frittata
che a volte viene d'un perfetto tondo,
e a volte invece è un po' quadrangolare...
Ma guarda te che cosa vo a pensare
con tutto quello che succede al mondo.
Ma forse è proprio in questo, l'antefatto:
che il piatto è colmo d'ogni infamità.
Solo a sentirle ci diventi matto,
pel marcio e tutto quello che non va.
Così è, che osservo il canto degli uccelli
nel mentre ascolto il profumar dei fiori
e annuso tutti i loro bei colori
e zitto, zitto intono ritornelli…
Poi entro fuori casa, e piano, piano,
a gran velocità, sto qui a pensare
che, inver, nell'aria c'è! un so che di strano…
E penso che qualcosa occorre fare,
ché se…non li buttiamo dai "palazzi"
quei…signorini che son senza faccia
qui se ne usciamo tutti quanti pazzi.
Ma questo è più un bel sogno, che minaccia.
Perché i …giostrai - Collodi ha anticipato -
i pinocchietti sanno ben plasmare;
e a ognun gli hanno in testa ben ficcato
le orecchie da somaro, e…sta a ragliare.

Legge, al solito, dalla parte dei malviventi, o perché
è…latitante, o perché - se c'è - si lascia rigirare a loro piacimento….


…tutti ladri…onesti….
periodo di scandali da dx a sx…(Settembre 2012)


Intervista a un ladrone onesto
Ma cosa dite! Questo è il conticino
del bar-rosticceria-ristorante
dove son sceso a prendermi un panino
nel mezzo di un dibattito importante!

E certo che le sembra molto caro,
ma dentro c'era un chilo di caviale,
e quindici aragoste, e in più l'amaro:
trentuno litri; e un litro di cordiale.

E questa qui è del sarto…È una fattura
di diecimila euro spesi bene,
che debbo farvi far bella figura
perché vi rappresento…Ne conviene?

Quel che io fo è pel pubblico servizio,
e visto che non navigo nell'oro,
ma sol nell'onorario e il vitalizio,
debbo…pagarmi, quando fo un lavoro.

Ah!…Lei si riferisce alla casetta
di venti stanze a picco sopra il mare…
Beh…mi è costata solo una firmetta…
Al generoso…come rifiutare!

Lo yacht, lei dice? Eh…certo…si capisce!
Parrà costoso, ma sa, ogni esubero
di cassa, finacché non si esaurisce
si spende, e ho preso un monoalbero.

Ma questi sono i soldi della gente!
È vero…certo! E io le do ragione,
ma se la legge non ci dice niente,
ma…ci incentiva, il quibus non si pone.


Un fatto, una poesia
Settembre 2012: i reali seni della principessa Kate sono finite sui giornali (anche in quelli della Mondadori francese, facente capo a Berlusconi). I Windsor invocano il diritto alla privacy, e pretendono la consegna degli originali, il ritiro di tutti i giornali incriminati, e un congruo risarcimento…danni…La stampa inglese …appoggia. L'editore è stato condannato…Il più brutto di tutto è vedere quanto il mondo sia così…(boh?!)… interessato e coinvolto da un paio di zinne, benché…reali!

       

Le zinne reali
"Ma, a tte t'è mai fregato quarche cosa
de quele zinne ar vento principesche,
che pareno la còsa più preziosa
cascata in mano a chissà quali tresche?!"

" Pònno èsse anche na còsa zuccherosa,
a Ro', e sugose come belle pesche,
ma queli Windsor…queli de "la rosa",
stann'a ffà còse….proprio assai pazzesche!

Se vònno sequestrà l'origginali
de queli scatti presi a tradimento,
e vònno strappà tutti li giornali…

La stampa ingrese: "…tutte le raggioni!"…
Ma come je piaceva a spanne ar vento
la "privacy" de un certo…Berlusconi!

Un giorno come tanti
(a Lisa)

Mi sveglio…La sveglia…che suoni pe' un po'...
Mi giro, mi stiro… sto lì a meditare…
E poi mi decido…ma un poco ristò…
Alfine mi alzo e sto fuori a rifare

il letto con Lisa che ha già acceso il turbo
per far le faccende di dentro…di fuori…
L'aiuto…ma certo!…ma il più del disturbo
l'accolla su sé…senza tanti fragori.

Mi specchio…mi lavo…mi passo la lama,
fo i denti…mi pettino…poi vado al bagno…
Non sono vestito…e già Lisa mi chiama…
"Fai presto, che è tardi!...". Ma non me ne lagno.

Ma intanto, però, il nostro orzo è lì in tazza;
e l'ho preparato anche per domattina.
Mangiamo, puliamo…La mente scorrazza…
C'è un verso che gira…Fo qualche moina

a Lisa, e poi si esce pel supermercato,
e poi in frutteria a comprar la verdura.
Insieme capiamo quel chilo comprato
di buon cicorione…lasciam la più pura.

L'ottanta per cento va a Andrea, che lavora,
e certe sostanze…chissà…lì, alla mensa…
E poi quando è cotta andiamo, e in un'ora,
è già il pacchettino di Andrea in dispensa,

nonché le camicie, che Lisa ha stirato,
son dentro l'armadio, e in modo veloce,
piumino alla mano, già abbiam spolverato,
spazzato…anche…certo! E intanto la "voce"

continua a girare, e una volta rientrati,
l'afferro, la voce, e la metto su un foglio:
e allora ecco i versi che ho appena pensati…
Ne sono contento…ma è altro…il mio orgoglio!

Il noce



Provvido stava il noce generoso
come un gigante buono e solitario
a provvedere l'ombra al contadino
sull'aia, avanti casa,
aspettando il rinfrescar dell'aria,
quando la sera giungeva a allontanare
l'immobile canicola del dì.
Intanto fra la sua odorosa chioma,
passeri a frotte accoglieva a rallegrar
col coro di cicale, intermittente,
la quiete che, solenne, lì, regnava…



S'apriva il mallo, già, donde cadeva
lo scrigno col suo piccolo tesoro,
ed io coglievo, e aiutavo a venir giù…
coll'asta presa in mezzo alle fascine.

Leggero…leggero…dapprima
un fruscio su in cima….
Scendeva poi, il soffio a ristorare:
frusciavano oramai tutte le foglie
e la scoppola Giovanni si toglieva
per arieggiar la testa sua pelata…
e andava calmo a controllar la stia
per qualche uovo da portarmi a casa.

In attesa che fiorissero le stelle,
e l'ombra si spandesse del bel noce,
l'aia s'animava, sempre più.
Ma l'idilliaca pace ancor cresceva,
malgrado,
e dentro ci sguazzavan passeggiando,
oche chiassose e allineate anatrelle.
 

Lisa è fissa presso la madre per un po' di tempo (in attesa che torni la badante)

È come il mar che non si ferma mai
(a Lisa)

È come il mar che non si ferma mai.
Quando anche sembra lastra di cristallo,
sotto lo strato di quiete, s'agita,
finché esplode poi anche per quel tempo
che all'apparenza, in ver, parea dormire.

E allora si sconquassa alla scogliera:
e furia par che urla e che schiumeggia
come avesse sfrenati artigli in seno,
a lacerare…a far passar le lame
tra goccia e goccia senza mai finire...

Tal è 'l soffrire mio che in me sommergo,
che il mio pudor riesce a attanagliare
ma più lo vo a nascondere e più morde:
oh, quanto anch'io vorrei poter gridare,
come fa il mar che vomita il dolore!

A lei…non dico urlare, ma nemmeno
le saprei dire, e neanche sussurrare
che or che lei non c'è mi sento perso,
e è solo per un piccolo momento…
Se fosse sempre…ne sarei già morto.

Quarcòsa passa…quarcòsa n vò passà…
Èolo è stato pe un mese impriggionato
drent'a na bròcca attappata immezz'ar mare
che n antro po' restavamo senza fiato…
E tanta ggente ha pregato sull'artare

pe un filo d'aria…magari un venticello
pe rifiatasse in quei giorni de callaccia,
che volènno la tajavi côr cortèllo…
Ma n c'era verso: era proprio na minaccia!

Ma, mmo è passata: la brocca s'è stappata
e un filo d'aria ha incominciato a sentisse,
e piano piano s'è 'ntesa na ventata…

Na delizzia! dopo tutto quell'inferno!
'Nvece la rabbia continua ad ingrandisse
contro li partiti, contro er margoverno!

Che la paura è che durerà in eterno
la faccia tòsta de li politicanti
de magnà pèggio…de li ruminanti!


Un fatto, una poesia
16 Settembre 2012, Pistoia: Husky sbrana bimba di due mesi sul letto matrimoniale dei padroni. Lo stesso comunicato conferma la morte dell'inserviente morsa dai pitbull di casa, alcuni giorni fa. Speriamo che chi di dovere prenda - finalmente - i dovuti provvedimenti.
E che gli addetti, compreso ogni comunissimo amico dei cani, ci risparmino psicologiche, quanto cretine considerazioni sulla psiche del cane, sulle cause scatenanti…Ognuno che lo fa, è colpevole!
Bisogna gridare: "BASTA!". Altro che cercare ogni volta le scuse e aspettare la nuova tragedia. Colpevoli! E nelle case la moda di avere non più uno, ma almeno due cani, si va diffondendo.
E le tanto-alla-moda statistiche sbandierate su tutto e di più…non se ne fanno. Tanto è cresciuto l'interesse, sia economico che di soddisfazione personale, intorno all'affare cane.
Ma di che ci vogliamo più indignare? Attenersi strettamente ai fatti…Ogni considerazione…a chi a in testa ancora, la ragione.


ONOREVOLI BRAMBILLA E MARTINI, DOVE SIETE?! VOI AVETE LE VOSTRE COLPE E QUESTA È UNA DENUNCIA. IN INGHILTERRA "ESISTONO" I CANI PERICOLOSI, E SONO BANDITI PER LEGGE!

Cane da guardia
Senti l'amico latrare d'un cane:
pensi: a fornire il vigile aiuto
promesso, voluto, nell'avvolgente
caos che ferisce ogni voglia di pace.

Prossimo è il buio che porta la sera,
e lui, che fa scudo a tutta la casa,
lascia il padrone tranquillo, e il riposo
assicura, finché il giorno riappare.

E al nuovo giorno quel cane ritrova
coccole, e giochi che fa col padrone.
Finché non torna il suo antico delirio
fatto di voglia di sangue e potere.

E l'indomani l'amico latrare
è voce odiosa d'un bieco assassino
forse non conscio ma questo non cambia:
ora del marmo ha già il freddo, la bimba

sul grande letto da dove è volato
tra gli angioletti che stava sognando.
Non gli han lasciato nemmeno il momento
di pronunciare il bel nome di "mamma".

La gara perduta
Ovunque, per tanti, già il tempo è scaduto
ma ognuno racconta che non l'ha avvertito
il tempo che andava da sé per l'ignoto,
e invero la mente lunghe ore ha scordato
di quel che a suo tempo fu triste, o fu lieto.
Ma niun va a cercar quel suo tempo perduto.

La gara col tempo non è mai piaciuta
ché mai a niun questa gara è riuscita.
È come chi suona, che stona ogni nota…
È come chi corre…ma poi, la scarpata
gli blocca la corsa…e si perde la meta.
E quasi non crede alla cosa accaduta.

Ma occorre accettar quale fatto compiuto
lo scorrer veloce, e invisibile, e ardito
del tempo che in poco diventa remoto,
e tutto sovrasta: e anche il bello che è stato,
quel forsennato andar suo, annulla...E inquieto
ogni animo lascia soffrire, qual bruto.

Nessun l'ha cercata, nessun l'ha voluta
la corsa col tempo che dura una vita.
Ci sta chi l'affronta…e però perde quota,
chi prima, chi dopo…e riman folgorata
quell'anima audace che mai non s'acquieta
perché è una gara, in partenza, perduta.


sul sistema politico italiano…(sett 2012)

C'era anche prima…ma quer che c'è adesso…!
C'era anche prima…ma quer che c'è adesso
nun è quistione più de un tubbo rotto
da indove l'acqua sòrte a fiotto, a fiotto…
Te, fatte conto che quer ch'è successo

è che er sistema idraulico s'è messo
a vommitasse l'anima a dirotto,
che è tutto un colabbrodo ininterotto
che ormai nisuno più pò staje appresso

pe aricucillo un po'…pe riatturaje
li buci che n se stann'a contà più!
E ar popolo sto fatto sta a costaje

lo svotamento a tasca e a conto in banca
E llì, in quer mar merdoso fa glu-glu…
che ce s'affoga…E "quelli"…a falla franca!


Un fatto, una poesia.
è di qualche giorno fa la notizia TV che un certo sindaco di una certa località - che non ricordo - ha piazzato degli zingari in un albergo extralusso, e dunque…extra costoso. Ma la notizia non si è…divulgata. Censura, o che? (settimana di Ferragosto 2012).
(negli stessi giorni un articolo sul "The New York Times International" del 10 Agosto 2012 riporta di Holland che carica su un aereo gli irregolari e li rispedisce a casa…alla faccia della sinistra, nonché della destra italiane…).


Che còre, ragazzi!
Ce ne sò assai…ma quer che ha fatto quello,
è na rivelazzione: ma che còre!
che ccià quela perzona…e che ciarvello!
Che Sinnaco, ragazzi! Che Signore!

Côr sòrdo nostro, lui fa tutto er bbello
facenno véde ch'è un benefattore
e piazza la famija der zingarello
in de 'n arbergo…er più der più mijore!

Si n sei razzista…beh…ecco…ce diventi
co 'sti campioni de imbecillità…
Si cercava coll'ogne e co li denti

'n aiuto uno "normale"…(pe capisse),
che nu je dava visibbilità,
n se stava così tanto a scimunisse

quer…tanto bravo sinnaco, e ansai 'ndove
te lo mannava!...senza stà a penzà,
quer testa come…quella che fa er bòve!

Un caro ricordo

Scende la neve…così…per magia,
dentro la palla…Poi tutto riposa:
la turbolenza diventa armonia;
tiene con sé, d'una gita festosa,

caro, il ricordo, là sopra al comò.

Sono passati da allora degli anni…
Ma non si è sciolta, la neve, per niente.
Pure nel cuore, malgrado gli affanni,
è ancora tutto così ben presente

di quel bel giorno, che…non scorderò.

Dondolo ancora…riscende la neve…
Viene anche a scendere …la nostalgia
che dentro sento, sì forte…sì lieve…
cara e preziosa…ch'è soltanto mia,

pur se è sicuro che…ci soffrirò…

Raccogliere i pensieri
Raccogliere i pensieri
e insieme a quelli d'oggi
trovare quei d'ieri
ancora luccicanti
di sogni e desideri

tra impulsi ancor vivaci
e accesi di speranza
che qui l'ha trascinati
intanto che s'avanza
l'incerto oltre il certo.

Sentir la commozione
fluttuando tra i ricordi
di provvida stagione
sfiorandoli col cuore
con l'alma e la ragione

sentirli ancor suonare
festosi o tanto mesti
e mescolarli ai nuovi
confonderli con questi
contro il soffiar del vento.

Come alba che rischiara
col lievitar del sole
in me sarà più cara
l'andata età, e, la nuova,
più ricca e meno avara.


Sul fenomeno in espansione dell'addossare ai medici le mancate guarigioni, e peggio ancora…
Forse sarebbe il caso di alleggerire il vocabolario da certe parole, come: destino, fatalità, disgrazia, sfortuna, ineluttabilità …etc,etc…Ci sono i casi da contrastare e condannare…di certi dottori e di chi li prepara, e gli dà la licenza…Ma è l'esagerazione esasperata che non va…che, anche, dev'essere condannata, e di certo non può diventare moda. Ma…"tutto è bene…tutto va…Evviva la libertà!"…
Come andarsela a prendere con l'immagine di qualche santo che non ha concesso la grazia supplicata…e farsi pagare dal prete che quell'immagine tiene nella sua chiesa. Forse questo sarà l'ulteriore passo… se di questo passo si va…


Un mòdo…a la mòda
Le mòde vanno e vengheno, se sa…
Mo, adesso ce n'è una…(nfra le tante),
che st'annà in giro, e che ce se pò ffà
er sòrdo co ogni medico curante.

Sarebbe che si er male resta llà,
nun passa, e je viè puro l'aggravante,
t'attacchi a dà la côrpa che nun cià,
a llui…come e peggio de un brigante

pe ffatte strapagà quelo che er fato
pe tte ha deciso…E guai! poi, si mòri:
te svòrti come a un tredici azzeccato!

(l'eredi…vòjo dì…). Ma si un bèr giorno
n ciavremo più a curacce li dottori,
la secca ce godrà…senz'aghi attorno!

De sto passo anch'er prete pagherà,
si er santo che cià in chiesa, li favori
che avemo chiesto…nu li esaudirà.

Cadon le foglie…
Cadon le foglie…E i fogli al calendario
girano, e girano, e un soffio li stacca…
E si stingon le tinte,
e il vecchio amico specchio si fa spia
dei giorni che van via, e li rinfaccia.

Si fa ossessione il rimarcare il tempo
da ogni traccia resa al suo passare:
sente, la mano, il segno che non c'era;
esita, l'occhio, ma non può negare…

Un giro di hula-hoop…
e un'epoca è passata…
Palestra…creme…diete…chirurgia,
è tutto un fremere
per limitare il danno…
Per cancellare quanto più si può
il tempo che si attacca, e non va via.

Nessuno gli può render la pariglia
- però - e il vincitore
è sempre lui: implacabile tiranno!

>Fa callo…!
Co sta callaccia, l'unica magnera
è de stà a mmollo come un baccalà.
N po' su la sabbia, o sopra na scojera,
poi intìgnese ner mare a sazzietà.

Pe casa, sia de giorno che de sera,
e 'a notte a lletto nun ce se pò stà.
Pe strada te ce còci, e è na ghimèra
sperà che quarchiduno spegnerà

sto fòco che ce manna callo, callo
Caronte, er diavolaccio côr forcone,
si che impunito!…possin'ammazzallo!

Qui tòcca da èsse bbòni e n fà li fessi!
Sinnò ce porta su anch'er callerone
e ce finimo tutti quanti allessi!

Si qua è così…all'inferno?!...
È mejo da evità la dannazzione,
che llì, ner fòco…poi…ce stai in eterno!

I nuovi tesorini di mamma
Cornelia, ho visto, qualche tempo fa:
mostrava le sue "gioie": due gemelli,
a chiunque - co' una gran semplicità -
quando le altre sfoggiavano gli anelli,

e le collane della nobiltà,
ed anche bei ricami, e pizzi, e orpelli,
e trine, e fronzoli di qualità…
Lei, solo una forcina tra i capelli.

La civiltà, Cornelia, ci ha indicato…
Purtroppo s'è perduta, ultimamente:
per ogni strada, e ogni piazza e prato,

la donna il suo "tesoro" va a sfoggiare
- con istinto materno - indubbiamente -
e si bea al suo …scodinzolare.

Qui abbrucia, er sole, e penza te, l'inferno!
Qui abbrucia, er sole…e penza te, l'inferno!
Lucifero…Caronte… Berzebbù…
e ll'antri diavolacci, in sempiterno
a bbollì…a frigge…a ffà…Perché llaggiù

è questo che de giorno e che de notte
se fa pe martrattallo, er peccatore,
e nno come da noi che: no a le bbòtte!
no ar gabbio! mbeh…magari…quello a ore…

Che er delinguente, qui - er più de le vòrte -
è assai più rispettato der cristiano
che riga dritto e nun fa cose storte…
Quell'antri llà: sur parmo de la mano!...

Qui ce vorebbe proprio che quer fòco
che arde giù all'inferno l'abbruciasse
a chiunque arubba, ammazza…e come a un gioco
governa pe arricchisse e pe svojasse.

O armeno scenna ggiù un'apocalisse,
che vada a ffà li conti a quer ciarpame…
Che inzomma un quarche cosa aripulisse
sto brutto monno de gentaccia infame!

Sole, che abbruci…abbrucia sta gentaccia
mentre che in spiaggia llì, spaparacchiata,
se sta a 'nventasse na quarsia azzionaccia…
Fa' che anche noi…se 'a fàmo, na risata!

Sur busse
Sto qui aspettanno er busse ch'è già un'ora,
e mica è n gioco…qui è na cosa seria,
che ciò da fà…porcaccia la miseria!
Arfine ariva, e spero che mo côra.

Imbocco, e me la pìo côr guidatore:
"È na vergogna, è!…Er cittadino
più paga e più è trattato da cretino!..."
Ma nun finisco a dì, che un gran dolore

me pìa a no stinco…Che?! M'hann'azzannato?!
Un cane grosso in busse?!...N ce se crede!
E giù un gran vaffa a quella che stravede
pe er cane e addirittura mo j'ha dato

er nulla osta in atobbusse e treno!
Te renni conto, sì, ndov'è arivata?
Ri-vaffa a llei e a chi ce l'ha mannata!
Tòcca a girà côr wurstel côr veleno

pe sto paese che nun è normale
si invece de fà er bene de la ggente
ministre e na gran massa compiacente
stann'a sbavà così pe l'animale!

Ed è finita…côr medicamento,
che ortre a la denuncia e a quer ritardo
lo pòi capì da te, monno bastardo!
me sò straperso pace e appuntamento.


Leggermente volgare.
…che tempi…! Tutti in mano a quattro stronzi! (2011-2012…e chissà infin'a quanno…)


Moody's & Co.
Possibbile? Nisuno in tutt'er monno
sa annaje a mmette in bocca un tappo adatto
a ffaje passà er vizzio de fà er matto
a Moody e Compagnia, che tutto pònno?

Ce pònno ruzzolà nde lo sprofonno,
mannacce stòrto quer che sta ner piatto…
Co gnente de concreto…solo astratto,
ce stann'a facce tutto quer che vònno!

Dipenne come dormeno de notte,
si fanno…robba, oppuro si nun fanno…
E invece de corcalli giù de bòtte

er monno je se mette a columbrina
'mpaurito e tutto preso da l'affanno…
Guà un manico de stronzi che combina!

Ma quanno te decidi,
a mettejelo senza vasellina,
monno cojone… Ma che fai…ce ridi?!

Primo mattino
Stamane anche l'aria ancor tace
e si tinge d'un vago colore
col sole da poco sbocciato.
C'è calma, c'è pace.

Sbadiglia la casa assonnata
dalla bocca che le ho spalancato.
Tra il verde è un brillar di rugiada.
È un'ora fatata.

Lontano è lo sbuffo del mare.
Sembra dire: ci sono…ci sono…
Fortuna che dormono, i cani.
Silenzio, e…ascoltare.

D'ognuno è arrivato poi il fare:
sventolio d'invisibile drappo:
libertà - ch'è un idolo falso
se è senza badare...

Aspetto già il nuovo mattino
che con sé porta un nuovo sereno
che è quando ogni cosa si tace,
che è quando c'è pace.

L' acqua di sorgente
È sempre nuova l'acqua di sorgente
ch'ogni lordura prende e porta via
come il bucato che facea Maria
a sbatterlo sui sassi alacremente.

E non restavan tracce, lì, per niente,
e sempre specchio liquido apparia
quell'acqua gorgogliante, e la sua scia
più chiara si facea continuamente.

Ma pur senza sorgente quell'effetto
ci sta lo stesso tra gli scanni ambiti
ove a pulire il marcio è ognun provetto:

l'un contro l'altro sfregan via lo sporco,
talmente menzogneri e mal farciti,
e farfallin si fa…perfino il porco.

Ma…n sarà che deveno riaprì, li manicomi?! (2012)
Sarà che 'i manicomi l'hanno chiusi…
Sarà che ormai se semo abbituvati…
Sarà che sempre più morammazzati
se stann'a ffà co abbusi e co stra-abbusi…
nfra tutti quanti…Ma nu mm' 'o fa ddì,
ch'è mmejo…che sinnò le dico grosse…
"Ce tòcca sparambià…- fa quello llì -
ma co "equità"…!!". E poi, ar nòvo bòsse,
je dà er "sussidio a vita", e cià già pieni
saccocce e conti…E…via privileggianno!
Quell'artra va pe piazze protestànno
che vò er lavoro…ma…tira li freni
appena l'industriale fa papale:
"Vabbè…Okkei…Ve faccio lavorà
Ma pe contratto toccherà sgobbà:
gnente più furbi…!", e lei ce resta male…
La stessa, che na sera, a un governante
je stava a ddì de dàsselo! un bèr tajo,
nun ha fiatato più seduta stante
quanno che quello, guasi cor un rajo
je fece: "State sempre a ddì de noi…
Ma si pe caso noi ve riservamo
l'istesso trattamento - e ve lo famo -
li sorci verdi li vedreste voi…!
E da llì…zitta!…n s'è sentita più.
E pure chi sta sempre a sentenzià
su carta e schermi - nu lo so - me sa -
l'istesso rospo s'è mannato giù…
Ma è chiaro! Perché è tutta ammanicata
sta ggente llì…e nun da più affidamento:
ed ecco perché poi, in Parlamento
ce va a finì ggente… sempre…ammaestrata…
Quell'artra cià na fissa solamente:
"Dai…fàmoli sposà…!" e tutto er resto
s'aggiusta: disoccupazzione: gnente;
"spread" a zero…ma tòcca da fa presto!
N'antra cià - chi sa ndove…in testa, o che -
er cane, solo er "cane cittadino",
che abbasta che je smove quer codino
che je farebbe…Mèjo a nun sapé…
C'è poi quer Tizzio (che sta a ffà na pena),
che l'omo de fiducia j'ha fregato
na barca de mijoni, e imbambolato,
sta a ddì: "Io nun sapevo!" Si che scena!
Pe quelle poche cose da guardà...
Ma quant'è bbello a nu risponne mai:
finché va bbene…bbene! E co li guai
dichi che n ciai responzabbilità…!                    E dicheno che qua, in de sto Paese,
Pò ffà er bastian contrario solamente               dovemo tutti da sgobbà deppiù:
chi a certi je sconfiffera. Artrimenti                   ma io ce sformo! Dico: "Ce 'o dai tu
si "scopri" li togati o er Presidente,                   sto cacchio de lavoro de ogni mese?!".
te danno addosso tutti strafottenti…                 Er manicomio n c'è, e nemmanco er gabbio…
La cijeggina su sta bbella torta                         Se meneno…ma ar dunque er cerchio chiude:
l'ha messa quer bravone, urtimamente:              politic-stampa-sinnac…Nude e crude
"Qui li stipenni…- ha detto a bocca storta -      ste verità…Ma abbasta…che m'arabbio!
sò troppo arti…!" Ma nu è successo gnente:
null'hanno messo fòri da la porta…
continua a portà a casa er su'malloppo…
La pònno falla dura oppuro sciorta
nun c'è misura…nun esiste er "troppo!"

Un fatto, una poesia
…se sta riaffaccianno…quer gattaccio nero…(Luglio 2012)

Quer gattaccio nero
Li gatti, speciarmente queli neri,
ce l'hanno pe davero sette vite!
Difatti, si succède che ce spèri
che un certo gatto che sta sempre in lite

coll'artri gatti e fa na gran caciara,
ce resti secco ner cascà da un tetto,
te devi da ricrede a bocca amara
vedennolo riarzasse e pìà de petto

li gatti che rideveno contenti
pe aveje dato quarche…spintarella…
E staveno a arotasse già li denti
pe piàsse quela su'cuccetta bbella.

Ah…ma èccotelo llà er gattaccio nero
che tanto ha ffatto chiaccherà de sé…
St'annanno a ddì, ma nun se sa si è vero,
che un gatto più mìjore, qui, nun c'è!

La scia son che segue la sua nave
Come mi segue, l'ombra silenziosa,
la scia son che segue la sua nave
sui flutti sconquassati;
che schiumeggiante agita e strascina
la rabbia ed il cordoglio e tra gli squarci
le sue zavorre lascia andare a fondo
e su di loro passa e si richiude.
Scompaiono le brame
pe'una giustizia ancora da inventare...
L'ipocrisia rimane
come olio untuoso, sempre, a galleggiare.

Aurora
Quando le stelle dormono, Aurora
si sveglia e si stiracchia, insonnolita.
Mette il lucente suo vestito rosa
e annuncia il giorno a nidi e formicai
e a tutte le creature pronte a fare.
Purtroppo anche Malizia se ne avvale
e pur se ancor s'attarda sui cuscini
già pensa fosca a chi…e a come…e a quando…
E poi, contenta lascia il campo al Sole
e pronte, le viole,
si tiran su lasciandosi ammirare.
Ma le finestre restano serrate
di tante stanze dove neanche il giorno
sa dissipare ombre incancrenite.
Speranza le ha lasciate ormai da tempo…
ed ogni nuovo giorno gli è nemico.
Aurora non lo sa…non se ne accorge…
lei pensa che per tutti, il sole, sorge.


costumi moderni…pensànnoce un po' su…

Sò due le cose a fall'annà a sto monno
Sò due le cose a fall'annà a sto monno:
e ssò er bonsenzo e l'mbecillità,
indove er primo stenta a decollà
e invece…quanto naviga er seconno!

Ma nu è che l'imbecillità è più tanta…
È che se fa vedé…se mette in mostra…
er che pò èsse puro côrpa nostra
che stamo a daje rètta…e n se la pianta

de mèttecese sempre innanz'all'occhi.
TiVvù e giornali fanno tutto er resto
che sò, anzi, proprio loro a ffacce questo:
mijoni a bbocca operta a ffà l'allocchi!...

E poi se sente a ddì: "Com'è…Perché…?"
Perché, direbbe a tutti quanti quelli:
ve ce sforzate tutti a ffà li bbelli
coll'imbecillità…co 'i "ma…" e li "se…"

co 'gni distinguo…Ma ar momento bbòno
giù tutti da le nuvole…ma prima?!
Eh!...Prima no! M'ariccommanno…Er crima
è questo: libbertà de fà…perdono…

parole vòte…imbrojo de' partiti…
chi s'arza prima dice, e tutti appresso…
un'arte che nu' è arte: è solo un cèsso…
p'ogni fregnaccia, tutti llì patiti…

L'ingrifamento, preso per amore…
la légge che se fila er dilinguente…
l'ideale riservato ar…deficente…
e chi amministra arubba…con onore…

l'anelli ar naso…e lo sfreggià la pelle               La festa nazzionale a li finocchi…
e co la faccia tòsta a ddì: "è curtura…!",          E certo che ssò come ogni cristiano!
ché j'hanno messo in testa che…figura             ma gira, gira…pò sonà anche strano
assai più mejo…a 'i maschi e a le pischelle…   a volé stà pe ffòrza sotto l'occhi..!.
 
Li cani, ne lo stato de famìa…                         E, la famìa allargata - stann'a ddì -
la contentezza pe quarsia…invasione…           pe li fanelli è proprio na ficata!
la droga che si spacci vai in priggione,             Ma sta frasetta…'o sai chi l'ha inventata?...
ma si la usi no…ma che genìa!                        Tu…aprili…e vedrai: nun è così…

E chi ce insegna nun ce pò dì bao                   A scòla de 'i diritti c'è er pienone
e si der caso…nun pò dà un votaccio             che è bbène de sapelli proprio bbène,
sippure er fijo mena e fa er bravaccio,             ma a quella de 'i doveri…nun conviene…
sinnò va mamma…e mica a dije ciao!             che nun sia mai, imparalli a perfezzione!
 
E er poliziotto che se fa ammazzà                    La fame che nun passa …e chi ce sguazza
per acchiappà er fior fior de delinquenti:          immezz'ar mare de contribbuzzioni…
li pìjeno...poi inchini e pentimenti…                 e cioè sordoni…senza soluzzioni…
che - fa er togato - : "Fòri…! In libbertà…!",  che più ce sò…e più n se fa na mazza!

sta libbertà che piace tanto, a certi…               E intanto l'imbecillità va avanti…
Ce sta chi addirittura nun ce magna…              e er bònsensato è visto puro male…
pe ffàje avé na sòrta de…cuccagna,                 nun è istintivo come l'animale,
però in corsia n ce vanno, a ffà…l' "operti"…   è fòri mòda…si anche è de 'i più tanti.

La légge che nu è légge: è solo un gioco...
che è cosa che ce 'a sa chi manco è svejo,
pe ddaje a chi je pare tutto er mèjo.
ma così piace…e nu je dànno fòco.

Ognun che a chi lo ama amor non dona
Ognun che a chi lo ama amor non dona
il cuore ha duro come ghiaccio, o roccia
e d'un sinistro suono gli risuona

la voce che di sé, a goccia, a goccia
racconta, e della nuova primavera:
la pioggerella che ogni fiore sboccia.

Intorno gli si pone una barriera
che sormontar non può e così rimane,
come ingabbiata sta la trista fiera.

E il pianto scioglie in chi le vede vane
le premurose cure prodigate…
Son lacrime disperse in vil marrane,*

che neanche son da quegli immaginate.
Non scorre amore dentro quelle vene
che all'arido passar son destinate,

e spendersi per lor a niun conviene.

*marrana ( o marana): un qualsiasi fosso.


stupide storielle di re…

RE-Cesso, e RE- Cessione
RE-Cesso, e RE- Cessione
sò re che ssò de na Casata stessa,
ma nun se sa qual'è er più spennaccione,
ed ogn'ipotesi, a sto punto, è ammessa.

Prima c'era stato RE-Sponsabbile
che queli dua aveveno ammazzato
che era aggià disabbile…
Assieme fu ammazzato RE-Nnimento,
che cerca, cerca…nun fu più trovato
e adesso er faro pe cercallo, è spento.

Ce sò anche, ma però de artra casata,
RE-Attore che sta sempre a fasse véde
su reti e rotocalchi…un'abbuffata!...
e puro RE-Dattore, che se crede

de èsse chissà chi…e tutt'er giorno
sta llì a sparà sentenze
pe chi nun se lo sente stretto attorno,
che solo quelle…cià pe competenze.

Ce stava anche RE-Stauro in quer gran regno,
ma de quer regno manco lui fu degno
pe tutte le bucie che je diceva
che manco lui, ar restauro, ce credeva…

E mmo è arivato un certo RE-Matore,
che assieme a RE-Legato
avrebbe da piàlli e relegalli
in de l'inferno, indove RE-Dentore
pe tutt'er giorno se li sta a inforcalli
côr ogni cortiggiano ammanicato.
E ar posto loro mette RE-Friggerio,
ch'è un bravo re, parsimonioso e serio.


ricordando Bettona…

Quant'erano distanti, le distanze!
Quant'erano distanti, le distanze
quand'era fantascienza il cellulare!
Mio padre col telefono di casa
nero e alto, e pesante, e la girella
coi buchi per il dito da infilarci
per fare il giusto numero, chiamava…
E dalla Balucani, nella Piazza,
cogli spinotti e l'apparecchio a muro
la sua sorella Wanda rispondeva…
Voci trepidanti…paure attese…
e gioia per quell'avvicinamento,
così rado, ma, pure, risolvente.

Che grande festa attesa, quel partire!
E quante aspettative di passare
vacanze avventurose e spensierate!
Ma quanto quel paese era distante
con le sue strade polverose e bianche!

Quanto, mio padre, ne parlava bene!
Per l'aria sana, e l'olio genuino,
e i cappelletti, e pasta con le noci,
e la torta di Pasqua, e la porchetta!
Ma senza mai scordare di portare
al camposanto, ai suoi, fiori e lumini.

Quanto, tra quelle mura antiche, resta,
degli occhi che son stati a contemplarle,
loro e le strade e tutto il caseggiato?
Certo, il ricordo, che fermar sa il tempo,
che è patina spalmata, e fa poesia…

Un fatto…una poesia
veleni a spaio…in piena crisi finanziario-economica, si preparano le elezioni….(giugno 2012)

Lo scarcità de cèrti è senza freni
Lo scarcità de cèrti è senza freni...
Che sia 'r giornale, o la televisione,
c'è, da na parte, sempre un vai e vieni
de còse scritte o dette a sprofusione

côr solo scòpo de ammaccà li reni
a chi nu je sconfiffera…Ar genione
e a chi se vò ingozzà co li veleni,
je sèrve per avé…na convinzione…

E si nun era prima…adesso è chiaro,
ammò è più chiaro…der chiaror lunare:
che ammazza, a vòrte quanto pò èsse amaro

chi vò stà in piedi solo a scarcità…
a èsse prepotente…Ma te pare?
Mo puro Renzi è uno da schiaccià…

Te credo! L'onestà
che senza peli dice quer che penza
è un cancro da strappà, e côr urgenza!

Mattèo…! Ma ce penzi…?
Pe un angelo che arfine è sceso in tèra,
l'amichi sui je stanno a ffaje guèra!


Ci sono tante imbecillità…Ne pesco una nel mucchio….
ispirata all'attualità… attuale…Le onorevoli (ma de che…!) Brambilla e Martini, degna accoppiata, pei cani stanno smuovendo il mondo…Ma guarda se "je pò fregà quarcosa de li cristiani, invece!". Guarda se hanno messo tanto zelo per accorciare i tempi attesa per le visite delle persone…Macché…Mutua, compresi i trapianti per i cani…! Sì, poverini…ma non prima di aver sistemato le cose per i poveri cittadini…I soliti "Buoni" si scandalizzeranno…Bene! Che possa passargli davanti un esercito di cani a fare le operazioni e loro …in attesa…a crepare. E hanno permesso l'invasione indiscriminata dei cani, dappertutto! Sporcano? Chissene...! Mozzicano? Chissene…! Non danno pace con abbai e latrati a tutte le ore del giorno e della notte? Chissene…sempre e soltanto:Chissene! Avevan fatto la lista dei cani cattivi…poi l'hanno strappata…Mah…Ar giorno d'oggi è mejo a èsse cani…


La mèjo lèva
Coll'imbecillità ce smòvi er monno
più mejo de la lèva de Archimede.
E questo è tanto vero che se véde:
abbasta a st'a guardà l'occhio gioconno

de la Brambilla e l'artra…la Martini
gniquanno se ne stanno llì a sbrodasse
pe aveje dato ar cane - esentasse -
più concessioni che a li cittadini.

E a li canari nu l'areggi più!
Pe strade, ristoranti, chiese, treni,
e spiagge…senza targhe e senza freni,
mo dapertutto ce sta er bau-baù!

E si pe caso…"esterni un tuo pensiero"
pe dije che der cane ciai pavura,
co quell'ingenuità de na cratura
er solito imbecille fa: "Davero,

è mejo lui che na quarsia perzona…!"
E intanto er su' bestione, senza er laccio,
né musarola, fòra da lo spaccio
ha fatto scappà Assunta…fòri zòna...

Così, er canone, in piena libbertà,
è stato llì a impedì che Assunta entrasse:
er cane a spasso, e lei a rifuggiasse…
Che questo fà…quell'imbecillità!

Quanno te fanno: "È bbòno come un pupo…",
vorei che li sbranasse come un lupo!


giustizia…più ingiusta di così…Assassina guidando pazzamente figli e madre, e fa grave il padre…che si ucciderà…Ma non conoscerà la galera…Lo stupro di gruppo è stato declassato a una sorta di…gioco di gruppo….etc…etc…Meglio chiudere gli occhi. Sarebbe meglio ancora dar fuoco a certa legge. Ma quelli abituati a scendere in piazza…dove stanno?... Forse a combattere la TAV che è progresso e dà lavoro… Leggi ad hoc..ma non è forse ad hoc quella fatta a favore di chi delinque in mille modi?

L'altra eclisse
(légge balorda)

Balorda légge, tu e chi ti scrisse,
che salva il reo e addanna, invece, il giusto
sei tu, per la Giustizia, l'altra eclisse,

ché sembri voler farla con tal gusto
la parte che ombra luci vive e oneste
per favorir chi il bene lo ha in disgusto!

Per quelle maledette idee funeste,
che vanno e come boia insano abbracci,
sul lutto, il lutto spargi, tu, con queste.

Ti vai dicendo "Giusta", e però scacci
il Giusto e dell' Ingiusto segui l'orme,
ch'è eccentrico! coi suoi lacciuoli e lacci.

E chiudi gli occhi innanzi al danno enorme,
per la baldanza d'un falso pensiero,
che intanto, quel che ha senso guarda…e dorme…

Dell' innocente preda sei…sparviero!

Ripensare il pensiero
Un demone invisibile ci spinge
nell'infida palude perigliosa
e nella sabbia molle sua ci intinge
e ci ritira su, come ventosa.

E a iosa gode a infligger tal martirio
dal dedalo del suo pensier perverso
che va giungendo al massimo delirio
e più non sa trovare il senso inverso.

Sul campo son caduti già guerrieri
per loro stessa mano intransigente,
per rimaner del loro stato fieri
e fuor dal fango molle e puzzolente.

È un lottar, questo, che intristisce e sfianca,
e svuota il senso vero del campare,
e il pensiero. E non c'è bandiera bianca…
Non c'è nemmeno il modo di scappare.

È una tenaglia grossa come il mondo
forgiata alla fucina dell'affare,
che al sudar sano ha opposto…il nulla, in fondo,
un far, che tutto appesta, e or fa tremare.

E appiglio sfugge pure a mano ardita,
com'è ugualmente nel tentar la presa
di cosa oltre ogni sforzo delle dita
che provi…provi, e afferri sol…la resa.

Urge trovare al mondo altra maniera,
distruggere l'insano, e ripensare…
Occorre riattivare la miniera
da cui si estrae il verbo: "lavorare",

e soffiar via ricchezze…fatte d'aria,
ché quello che non c'è…è inesistente,
ma è proprio questo, caria, dopo caria,
che sta avvilendo tanta…troppa gente.

Giorno di trebbiatura
Nel giorno di sole e d'aria sbarazzina
la polverosa pula svolazzante
entra negli occhi, e in quel preciso istante
escon le lacrime, e il pugno li strofina.

E torna, così, e soltanto, resta, il bello
d'una giornata che è la grande festa
che alla fatica, dà…ma non l'arresta,
che già aspetta, la cantina, il vin novello.

Canta il motore della trebbia, e il forcone
balla, e suda, il contadino, felice
e pe'ogni chicco in cuor suo benedice
il cielo, mentre s'ingrossa ogni covone.

Sull'aia gioiosa vengono a portare
il desinar, le donne, ai contadini
come la chioccia fa coi suoi pulcini,
col vino buono, che aiuta a sopportare…

Più tardi incomincia a uscire dal camino,
un buon profumo - e a spandersi d'intorno -
dell'arrosto umettato co'olio e vino
(lo starnazzo è più fioco), dell'oca al forno.

S'accende, più tardi, il luccichio di stelle,
e in mezzo al silenzioso tramestio,
ci sta chi cerca di vederci Dio
per ringraziarlo di tante cose belle.

Ogni attimo il tempo scandisce
Ogni attimo il tempo scandisce
sui muri di pietra, sui campi, sul mare,
nessuno sa dove finisce,
da dove proviene. Lo sente passare
di notte, nel buio silente
e non quando tuona il fragore del giorno
che da altro è occupata la mente
seppure anche allora ci scorrono intorno.
Ognuno lo sento che passa…
Mi par di vederli, cogli occhi socchiusi,
quando è di più, l'anima, lassa,
e poco vigore ha per vincer gl'intrusi.
Col cuore che dentro mi porto,
ogni attimo sembra una marcia suonare,
si danno tra loro supporto:
finché l'un, dell'altro, amerà il ticchettare.


la grave crisi degli anni 10'del XXI secolo (Giugno 2012)

Tornare alle formiche
Tornare a far le formichine, incombe
sul godi popolo dei lunghi passi,
sul tutto a tutti, a spaglio, al suon di trombe,
di sperperi, risparmi e grandi ammassi.

Sul boom seguito allo scoppiar di bombe,
sui giochi di finanze a grandi tassi,
su quel sentirsi falchi e non colombe,
sull'investire e fare poker d'assi.

Scaduto è il tempo, ormai, delle cicale,
e delle formichine - il faticare -
continuo e silenzioso, è quel che vale

per non cadere giù nello sprofondo.
Fortuna che chi sta lì a governare
vivo ancor tiene il…pozzo senza fondo:

non è l'apocalisse
se almeno lor potran continuare
quel vivere nababbo…che si visse.

Cadevan le visioni più rosate
Cadevan le visioni più rosate
nei rovi tra le more maturate
dal sole ora sfuggente;
e ancor ne porta via le spore, il vento.

A galleggiar, la penna sol, rimane,
intanto ch'io sprofondo nel mio mare
di pietra levigata
dall'onde furibonde e le bonacce.

La pescheranno un giorno in alto mare
dei pescatori, e ne saran sorpresi
sentendola parlare…
Andrà pel mondo in volo, coi gabbiani…

Vorrei piovesser melodie dal cielo
Vorrei piovesser, quando piove, in terra
dal ciel le note d'ogni melodia.
E senza ombrello starsene a inondare
senza misura, in grande suggestione.
Vorrei iniziasse "musica proibita"
e senza tregua giù vorrei sentire
cader le note come in un bel sogno
come fossero i fiocchi dell'inverno,
o pioggerella della primavera.
Oppur sofferte, come il turbinare
di scrosci quando tuona il temporale.
Cader vorrei sentirle, finché sazia
ogni anima ne fosse, e il cuor sentisse
aprirsi a un nuovo amore universale.

Vorrei sentir la musica che fai,
il tuo sgorgar tra i palpiti che dai,
melodia, e di te bagnarmi il cuore.
Vorrei in te con lei cullar le ore:
riempirle con l'amor che sai creare.
Vorrei non rimanessero nascoste
in nicchie a troppi, ancora, sconosciute,
le note, quando sanno di poesia.
Dovrebbero i cicloni, seminarle,
quelle della voce, o strumentali,
per arricchirci tutti i paralleli,
e mitigarci il pianto e l'oppressione.
Vorrei piovesser, quando piove, in terra
dal ciel le note d'ogni melodia.

Er grillo…urlante
(sonetto in dodecasillabi e doppia coda)

Nframezzo a li zeppi der grano tajato
zompetta un grillaccio de giorno e de sera.
Sentissi che canto: è tutto stonato
e mentre che strilla, sputacchia a raggera.

È tutto peloso…è un orso mancato.
Però fa sognà tutto er campo, che spera
che er grano ricresca senza èsse infestato
dar parassitismo che infino a mmo c'era.

Quer grillo parlante…più che artro: urlante,
je sta a mmette addòsso la fifa più accia
a tanti insettacci côr vizzio infamante

de stà a succhià er sangue a formiche sgobbone
de cui ogni ggiorno ne stanno a 'nnà a caccia
per abbuffàccese…mondaccio ladrone!

Ma tra lo strillalle, e a stà proprio a ffàlle
le cose, se sa - e nu è na frescaccia -
nun serve sortanto…avecce le palle.

De quelo che dice sto grillo-grillaccio
na faccia pò annà, ma no l'artra faccia…
e pò rimané …solo un grillo-pajaccio.

Sopra il mare, crudo e piatto
Sopra il mare, crudo, e piatto,
che si lascia cavalcare tra quel beccheggiar di sponde,
la lampara scruta il buio
nelle ore solitarie della pesca speranzosa,
sopra il mare, tutto nudo, che è vestito solo d'aria.
Di speranza rivestito,
sta a vogare il pescatore:
voga e spera di riempire
col raccolto, la paranza, da portare
fino a riva per pagarsi la fatica,
nella sera che era rosa, e ora è tutta scolorata,
come il cielo, tale, il mare: scuri, calmi, silenziosi.
Un leggero sciabordio fa il duetto col silenzio:
vien tirata su la rete, e la sorpresa
non la smette di guizzar per l'inatteso
…rapimento…Ché si voglion liberare
tutti i pesci e rituffarsi dentro il regno dove regna
quel rumore sconosciuto del silenzio senza fine,
finché è almeno in dormiveglia
tanta immensità di pace.

Si ribellano in silenzio…
senza chiasso…senza ascolto…

Poi, col mare sonnolento,
anche il cielo si risveglia:
piano, piano torna il rosa
sotto il cielo e dentro il mare,
dove tutto è già di nuovo
pace tutta silenziosa.

La lampara, ecco che torna:
s'improfuma la banchina
dove aspetta già la gente…
mentre al sole il ciel s'inchina…

La nòva Babbèle
A oggi quela sfirza de millanta
anni che da quer tempo sò passati,
nun sò abbastati…E 'nfatti ancora è tanta
la confusione, si anche sò cammiati

li mòdi de parlà pe ffasse intènne.
E infatti le parole pòi capille,
una pe una…però 'n quanto a pretènne
de capì in pieno chi è che le sta a dille,

così, un'in fila all'artra…a vòrte è dura…!
Difatti (pe un esempio), in parlamento
te fanno li discorsi da figura
che pareno asssai belli in quer momento,

ma poi te devi sempre rènne conto
- da quer che fanno - che er significato
nun era quello che da pòro tonto
t'era parso de capì…E er risurtato

è che nun è crollata mai der tutto,
la Tore de Babbèle…e starà in piedi
finché nun passerà er vizziaccio brutto
de n fatte véde quer che invece…vedi.


fenomeno suicidi per impossibilità ad andare avanti economicamente….(2011-2012)

Testamento de 'n disperato
"Che er celo me perdoni si m'ammazzo
perché in de sto Paese tant'amato
se sta spannenno quer gran brutto annazzo
come c'è stato a 'i tempi der passato

che annaveno a stregoni pe abbrucialli…
Saressimo noantri faticoni,
queli …stregoni, che pe sti sciacalli
ormai semo sortanto bèi sordoni

da stà a succhià come fa er pupo ar latte,
da le porpose zinne de su' madre…
Ma avoja a succhià come le mignatte
le tasche vòte…brutte teste quadre!

Sò disperato…lo volete intenne?!
Nun ciò più gnente…! Solo la vergogna
me c'è rimasta…e mmo m'ammazzo e ammenne!
Ma è côrpa vostra! e voantri in de la gogna

dovete annà a finì finché campate!
M'ammazzo mentre piagno pe mi moje,
pe li mì fìi…e…ve ne strafregate…
Ma a vvoi…l'istessa sòrte v'ha da còje!"

Mansueto andava il bove alla fatica
Mansueto andava il bove alla fatica
col giogo e con l'aratro e il contadino,
per quell'usanza così tanto antica
che i tre teneva in unico destino.

Semenza poi spagliava dentro i solchi
pel grano, e l'erbe, pieno di speranza,
il contadino scalzo, che ai bifolchi
apparteneva, per la stessa usanza.

Con la pazienza loro naturale
il contadino e il bove, amalgamati,
grondanti del sudor che sa di sale,
quel poco han preso dai lor campi arati

finché il moderno ha tutto trasformato:
al bove ha messo ruote col motore
che il contadino guida, e il risultato:
meno è il sudor, ma anche…è meno il cuore.

Che il bove, quando c'è, è sì, curato,
perché ha da dare carne e latte e pelle,
ma non è più il compagno tanto amato
com'era al tempo…delle cose belle…

successo di Grillo e astensionismo alle elezioni amministrative (Maggio 2012)

Quer grillaccio che strillava in piazza
Mo, quer grillaccio grillo che strillava in piazza
stonato come 'n campanaccio rotto,
pe cui ognuno stava a ddì: "Ammazza…!
ma quale grillo…! Pare n orsacchiotto,
cor pellicciotto intorno ar capoccione…!",
s'è mmesso in fila pe imboccà anche lui
llì ndove che a sta povera nazzione
je stann'a preparà tempi più bui
de queli che cià avuto infino a mmo.
Ma er grillo va dicenno: "Come arivo,
v'aripulisco dar gran fregandò
de ognuno qui, che fa sortanto er divo
fregannose de 'i rebbus che la ggente
nun sa risòrve pe campà ogni ggiorno.
E a ognuno lo riduco a ffà er pezzente
e - pe sempre - lo leverò da torno".
Che bbello che sarebbe…Ma n sarà
che (ma sto a ddì pe ddì…così…a naso)
verebbe a ffà più nera sta reartà
co quele stramberie che spara a caso?
Sì, certo, pò èsse pure anche così,
però, si proprio avremo da soffrì
noi soffriremo immezz'a le risate
e nno nfra solo pianti e bastonate!

Un fatto, una poesia.
da dx a sx i Partiti perdono alle amministrative…Va avanti il partito della protesta…(Maggio 2012).

Siccome che hanno preso na batosta
Siccome che hanno preso na batosta
nisuno escruso, ossia: tutti quanti,
mo stann'a ddì…- che 'ntanto, e che je costa! -
che ognuno ha vinto…Mentre che li pianti!

dovrebbero st'a ffà…e a lagrimoni!
sta sòrta de cecati-e-sordi-apposta,
ma muti, no! Che in quanto a chiacchieroni
nisuno pò fregà a sti…nulla-osta

pe castigacce a nnoi…che in quanto a lloro,
ce sò l'impedimenti…de le leggi,
de la costituzzione…E er decòro
lo infilano llì indove ce…smaneggi.

E intanto er comicaccio, da le piazze
sta a 'vvicinasse a 'i seggi in parlamento
senza forconi e senza fionne e mazze…
Ma quelli ancora adesso, sto momento,

sò solo bbòni a stà a contà li voti:
"Sò stato mejo io…e tu sei 'r pèggio…"
che li cervelli ormai ce l'hanno vòti:
je c'è rimasto er solito sorfeggio.


Il Tecnico, chiamato a sistemare le cose proprio nella sua qualità di "tecnico" - con tanto di carta bianca -, per levarsi dagli impicci che stanno nascendo nomina a sua volta i "tecnici". Questi arrivano freschi, freschi, e mettono un quiz in rete chiedendo di suggerire quello che dovrebbero fare: ossia, quali spese tagliare…(Maggio 2012).

Trinità de…Monti
…ché…Trinità de Monti, nun te créde
che sia sortanto quela scalinata
che a Roma se impressiona chi la véde,
pe quanto è na bellezza esaggerata.

È puro quer terzetto che concède
ar Capo quarsivoja puttanata.
S'arza anche a ddì…ma s'arimette a séde,
ché guai a daje solo na frenata!

Però margrado ciabbi carta bianca,
sto Capo Squadra Tecnica, ch'ha ffatto?
Co quela faccia tosta che mai manca

cià messo - a sistemà certe faccenne -
er…Tecnico!! Ma che…ce st'a ffà er matto?!
Ma lo stipennio suo…per - che -….lo prenne?!

Aoh! Questo in sei mesi è diventato
politico deppiù de tutti l'antri!
Ma chi ce sarva a noi…'r nòvo arivato?!

Che stai a ddì, aoh!, ma che pretese!
Quer Tizio ha ffatto er quiz pe tutti noantri:
"Suggerite…!". E aspetta er fine mese…

Commento a:
"L'incendio del cielo"

- dal titolo dello Scatto di Alessia e Michela Orlando -

invito a leggere:
http://www.facebook.com/notes/pragmata/dal-volto-di-dio-a-quattro-segni-che-ridono-la-pareidolia/10150718093762127
(lo scatto qui non può essere pubblicato).

Sono le fiamme, forse, dell'inferno
in cerca d'espansione.
O è forse dell'Eterno
il castigo che mostra in proiezione,


scatto di Alessia e Michela Orlando

che il peccatore aspetta
agl'inferi? Guardi, e…cambi…ricetta.

Le coccinelle sul filo di grano
Dietro ogni spiga del grano dorato
nascosta è una virgola di cielo.
Scorre sullo stelo,
il passo frettoloso
di gialle coccinelle in fila indiana.

S'arrampicano e giungono su in cima
una dietro l'altra, ordinate.
Sorprese e incantate,
lo guardano, quel sole,
come lì giunto fosse solo allora,

nascosto, prima, dal bosco ombroso e fitto
di gambi lunghi e snelli.

Per nulla impensierite dal tragitto,
sotto le elitre preziose d'arte,
le alette tenerelle
ardon per la voglia di tuffarsi
là dove ancora dormono le stelle,
e avvicinar la fonte incandescente
nel fuoco azzurro, come uccelli in volo.

Fan come la chimera speranzosa
fa, salendo come fumo d'incenso
nel grande spazio della cattedrale:
sale fine colonna e sempre più
si spande e riempie il vuoto
e l'improfuma,
e va a lambire
i vetri colorati dove il sole
entra col raggio polveroso e pare
del ciel la grazia e la benedizione.

Vorrei cospargermi di tenerezza
(a Lisa)

Vorrei cospargermi di tenerezza
e ardermi al fuoco dell'amore
sopra un letto di sabbia e di stelle
mentre culla, il ritmar di risacca,
il sogno bello che si sta avverando.
Saresti, tu, l'altra parte di me
come se stessi
dentro il mio specchio, tu, e non io.
Tu ed io, che ci leghiamo
in momenti di magica poesia:
brevi momenti, che durano una vita.

Non è desiderio, o fantasticheria:
è il ricordare quel che abbiamo vissuto….
ieri…Tanto è caldo, ancora, quel letto di sabbia,
con sopra…eccola lì:
la coltre blu notte, tarlata di stelle.

Tu stessa: stella,
raccolta, e adagiata sui granelli
come nella favola più bella
co' un misto d'aria e sale tra i capelli.

 

Le Quattro Grazie Più di Villa Rosa
Le "Quattro-Grazie Più "di Villa Rosa                    Rotonda, Colosseo, Piazza Navona,
per tutta Roma sono una ventata                            San Pietro, Trinità dei Monti, Trevi…
di bella gioventù gaia e graziosa                              e l'occhio brilla e il cuore s'emoziona…
che con l'antico suo s'è mescolata.

In lungo e in largo va la passeggiata                        Però Martina, e Fede, e Valentina,
e il piede è stanco, ma non si riposa                        con Giulia, in questi giorni lunghi, e brevi,
perché ogni strada qui va visitata:                            son state…la più bella cartolina.
dal vicolo alla piazza più vistosa.
                                                                             (co' inclusa pure Giorgia ragazzina)

 

Un fatto, una poesia
Casini promette grande cambiamento: cambio del nome al partito…(!). Ma…ancora…?! Ma per loro…non cambia davvero mai niente…?! (Aprile 2012).

Quistione de…nome
Ciavevo na regazza pe le mano
che più j'annavo appresso e più n voleva…
E me dicevo: "Che ciavrò de strano…".
O era ceca lei, che nun vedeva

si che se stava a perde a ffà così…?
Ma forse era sto nome: Vespasiano*,
che, certo, te potrebbe fà capì
che uno pò èsse un…cèsso…E invano

cercavo de convìncela che io
j'avrei potuto dà gioia e ricchezza…
Ma arfine, quanno stavo a dije addio,
me cammio er nome…Proprio na finezza

copiata a li furboni che ar partito
questo fanno, pe ddì che sò più seri,
e mmo j'abbasta solo a smòve un dito
pe ffà quelo che loro infino a ieri

nun hanno fatto…Ma lo sai chedè?
Ancora nu mme càrcola pe gnente
quela regazza…Boh…! Nun so perché,
si invece a quela tanto brava ggente

j'abbasta solo de ribbattezzasse
pe riconvince er popolo fregnone,
che invece de dì "basta!" e de incazzasse,
- margrado - l'arivota a l'elezzione!

* è il nome che avevano gli orinatoi pubblici lungo le strade, a Roma.

Tra palle d'acciaio d'un flipper
Tra palle d'acciaio d'un flipper
porrei d'ogni reo la testa.
E d'ogni spergiuro,
e quaquaraquà,
lo stesso farei, come pure
dei vacui cervelli
che inquinano a forza
il giusto equilibrio, e il pensiero dei più.
Di ladri e bugiardi altrettanto farei,
che voglion - per giunta -
con tal faccia tosta
farsi votar!
E a ognuno ch'è indegno
del posto e fiducia riposta,
l'uguale tortura darei.

Badate…di flipper, io dico,
veloci, però,
come le palle tremende
di catapulte di secoli fa…

Con l'automatico scatto
all'atto di colpa,
così che ognun
si punisca da sé.

Farei, però, in modo
di farli campare,
malgrado,
così che il supplizio…non abbia a cessar!

Lo stesso supplizio è anche indicato
per ogni mignotta che sfascia famiglie,
per spacciatori, e chi ne fa il gioco,
legislatori che senno ne han poco,
ché contro chi vende si sono schierati,
non contro chi usa,
ma chi usa la compra, la droga…si sa!….

Contro di me va anche bene,…ma sì!
Quando con te
non sono lo stesso che il cuore t'accese,
quando dimentico di esser…così…

Er fantasista da strada
Ner monno indove vivi e indo' ce pòrti
co tutte le moine dilicate,
o stanno fisso, llì, anima e còrpo,
è er monno indo' la fantasia e li sogni
ce pijeno pe mano, e assieme a lloro
niscosti drent'ar velo de maggìa
che sai inventatte come sai fai te,
ciaritrovamo a stà…a occhi operti,
ad aspettà...n se sa…o chi…o che…

Te stavo a véde assieme ar mi' fìòlo
a un angoletto a Via de' Giubbonari.
T'arampicavi su, attaccato a un filo
che te dovevi solo immagginatte…
E mentre che la musica sonava
da un magnadischi su li sampietrini
quer motivetto fatto da Charlot,
te usciveno le bolle de sapone,
e le soffiavi verso de noantri,
e noi ciallungavamo pe pijalle…
co addòsso un nun so che de commozzione,
che ce pareva così tanto vero
che manco penzavamo a un'illusione.

Più dopo hai preso un fiore da un giardino
e stavi a offrillo a una che passava…
Siccome n se l'è preso, l'alegria
dar viso t'è sparita tutt'a n bòtto.
Ma er mejo è quanno hai dato er palloncino
a r' regazzino mio, che se l'è preso
e pe un ber po', co quer braccetto arzato,
è annato camminanno serio, serio,
strignenno er sogno…che j'hai rigalato.

La fabbrica degli angeli
Una ragione c'è se sono nato
qui dove la miseria porta via…
Di tanto mondo a me è capitato
di nascere qui dove anche il male
sta male nel vedere quanto male
c'è tutto intorno a tutti quanti noi,
e si nasconde dentro il corpo mio
e in quello di migliaia di altri bimbi.
Bambini cui la vita la interrompe
la stessa vita che con noi dà vita
agli angioletti per il paradiso.
E qui son nato pe'essere angioletto.
E i mezzi qui ci sono e son fatali:
non mangio, e aiuto il male ad ammalarmi
per accorciare i tempi a crescer l'ali…
Che qui, faccio del male a mamma mia
che ha solo poche lacrime con sé…
Perciò la raccomando a ognun di voi,
ché l'angelo non gliel'han fatto fare,
che io per fare l'angelo dovevo
aver la mamma che mi piangerà.

Fettuccine fatte in casa
Prendi la farina, passala al setaccio:
se ne scende a pioggia sopra il tavolino.
Fanne un bel mucchietto, aprilo nel centro,
prendi quattro uova, scarta via la chiara
e nel cerchio vuoto, metti dentro i tuorli.
Prendi dall'esterno sempre più farina,
mischia tutto quanto, spruzza sale e acqua,
ora impasta il tutto, fai che si compatti.
Appallotta bene…Giù un po' di farina,
dai con palme e pugni, fin che è sagomata
una pasta gialla, tutta amalgamata.

Con il mattarello stendi quell'impasto,
finché non diventa una sfoglia tonda
sempre più sottile, dai con la farina
perché non si attacchi; stendi….stendi ancora!

Quando questo è fatto, bada alle tue dita,
mentre col coltello…tagli a fettuccine,
e stai pregustando la prelibatezza.

Metti il calderone sopra il fuoco acceso.
Quando l'acqua bolle, butta giù la pasta,
finché poi il camino te la rende cotta:
pronte da mangiare, le tue fettuccine.

Nell'insalatiera mettile a condire
col già preparato sugo d'oca, e gira…
Metti il parmigiano…gira, gira, ancora.
Poi con due forchette, tira su…e servi
dentro i piatti fondi che son li in attesa
mentre dalla bocca…esce l'acquolina…

Chi sta sopra e chi sta sotto
Taglia, affetta, ghigliottina,
lo stipendio e la pensione
a quel popolo fregnone.
Poi gli dai un'allungatina

all'uscita dal lavoro
- sempre di essi stiam parlando -
e gli vai vieppiù aumentando
ogni spesa… - sempre a loro - …

Per le tasse, è già scontato
che dovranno aumentare.
Le dovrà anzi strapagare -
lui - l'eterno tartassato!

Per un po' di fumo agli occhi,
dai qui e là una sforbiciata
per salvare la facciata…
e abbindolar gli allocchi,

che ci vogliono segare
spese pazze e ruberie.
Finiranno a dicerie…
Noi sappiamo come fare.

Certo! Invocherem le leggi
che ci danno il loro appoggio;
e daremo ampio sfoggio
di eloquenza e di destreggi.

Questo è il mondo, questo è il motto:
"chi sta sotto e chi sta sopra".
Finché il popolo non scopra
che chi è sopra…può andar sotto.

L'odore fragrante dell'erbe dei prati
(a Lisa)

L'odore fragrante dell'erbe dei prati
riporta alla mente immagini antiche
quando da dentro bussavan passioni
e ai sogni cedevan vincenti e perdute.
Quando per nulla venivano in mente
momenti di ancor sconosciute paure.
Quando giocava ancora, la luna
ad ispirare ai giovani amanti
parole e momenti pur sconosciuti.
Ed io coglievo in mezzo ai trifogli
e ai fiori tra l'erbe, un altro profumo
fatto d'essenze che hai sulla pelle,
che penetravan la mia giovinezza
di amabilità e di ricche speranze.
Non sempre attese e incalpestate…
Sopra, però, un vassoio d'argento,
i fiori vermigli e le spighe han portato
il fiore dei fiori: un palpabile dono,
che è diventato il mio dolce destino.

Il nuovo…!
Tra noi non c'era stata, prima, mai!
la peste giunta qui da assai lontano…
Ora, èccola: quel che sta a far lo sai,
e guai sfiorarla…piangeresti invano...

Ci debbono piacere, e anche assai
le novità, che infatti…è…così umano!
desiderarle ed esserne assai gai!
Per quanto il nuovo, non soltanto strano

possa esser, ma da schifo, e anche dannoso
e possa darci in braccio anche alla morte,
ce n'è, chi ne è di lui un gran tifoso!

Ma deve sopportarlo - ne è costretto -
chi invece mai vorrebbe averlo in sorte,
e hai voglia a urlar con quanto fiato ha in petto!

Il bello universale!
sia sempre il solo benvenuto eletto:
che pur se cambia aspetto…è sempre uguale.

Più il tempo passa e più ti fai più bella.
(a Lisa)

Più il tempo passa e più ti fai più bella;
la luce d'ogni giorno sulla pelle
bagliori accende - come fan le stelle -
del viso tuo sulla figura snella.

Forse tu bevi a quella fontanella
di cui si dice in favole e novelle,
però con te non è come con quelle:
che vera, sei, e non una…maghella.

Come le gocce dell'acqua piovana
rinfrescano cadendo quando è agosto,
un senso di freschezza che risana

sai sempre dare quando è necessario.
Sei sempre messa tutta bene a posto
e è come quando s'alza su il sipario

e in mezzo alla scenario
la favola incomincia a prender vita:
ne fo parte…solo a sfiorar le dita.

Simbiosi
(a Lisa)

Non ci sta più, il disegno sulla sabbia
che ti feci per divertirti un po'
e un po' per dirti quanto mi eri bella.
Scendevano a guardare anche i gabbiani,
incuriositi dalla novità…
Gettavano uno sguardo le persone
rientrando, che il tramonto incominciava.

Volevo essere bravo con la pietra
a disegnarti, come fa un artista,
perché né il vento, e neanche il tempo, mai,
potessero annullarti.

Venne, però, l'alta marea, e il mare
si portò via il disegno.
E il giorno dopo, il sole
bruciava quella sabbia senza orme.

Per quanto può bruciare, però, il sole,
qui dentro non ci arriva. E non ti tocca
nemmeno il vento, e il tempo ha rinunciato…
che ormai non sa nemmeno più capire -
vedendo te e me -
se non sia io quando guarda te,
o viceversa, tu, se fissa me. 

Er cestino de la spesa
(scenette da cortili de na vòrta)

Dar sesto piano pe drent'ar cortile
calava er cesto giù la Sòra Adele.
Faceva da llassù:
"A Sòr Arfrè, ve pòssin' acciaccà,
ve séte riscordàto la conserva!
E mmo io come faccio a ffaje er sugo…
E chi lo sente…n'antra vòrta ar bùro…
Séte pèggio de me…
Ve state a rimbambivve, eh, Sòr Arfrè?!
Mannateme de corsa a Romoletto,
sinnò n ve pago er conto, ché Gaetano
nu scuce si lo tratto a pasta in bianco!".

"A Sòr Arfrè…- s'affaccia Nunziatina -
a mme fàteme avé du' ètti bbòni
de parmiggiano bbòno grattuggiato,
che ieri pe nu' avèccelo in cucina,
sapete er mi' Righetto che m'ha ffatto?
Me s'è…ffatta tre vòrte…ma co sdegno!
quer verme solitario,
e poi pe dispetto, ha diggiunato…".

"Ah!...mbeh!...Magara a mme, Sòr' Annunzià…
me se facesse a mme, Renato mio…!
Io gne darebbe gnente parmiggiano,
ma nnò pe un giorno…fàmo…un anno intero!",
se immischia quella der seconno piano.

Ar che, s'affaccia, tutta sdrucinata,
Francesca, la pettégola der terzo,
e inizzia a ddì, così, guasi cantanno:
"Marì! nun te st'a crede…
Er parmiggiano e puro er pecorino,
Renato va a cercasselo llì indove
ce trova insieme puro er…<pangrattato>…
E chi la vò capì…!".

"Aoh! Ma che sta' a ddì…brutta zozzona!
Impicciate de le cornaccia tua!
Che tu' marito…ah! boccàccia mia!...".
"Ma che vòi dì…e dillo, a sta bruttona!!
de certo no co tte…
che mi' marito vò la ròbba bbòna…!".

Ormai tutt'er cortile s'è affacciato:
da na finestra a n'artra, quer vociame
se ingrossa…e è tutto un urlo generale…
Che àrtro che li matti ar manicomio!

Se metteno a tirasse anche le còse,
e Adele che se trova pe le mano
quela conserva tanto reclamata,
che j'ha portato intanto er cascherino,
la pìa e je la tira a una in testa
approfittanno de la situazzione
pe castigalla de na cèrta còsa…

Così, puro quer giorno, a su'marito
je pòrta er piatto…in bianco.
Ma llei sta vòrta nun ce se la pìa
e speranzosa inizzia un po' a sognà…
"Embeh…hai visto mai!
Me se dovesse…fà… come fa quello!"...

Volevo aggiungere acqua all'acqua al secchio
(a Lisa)

Volevo aggiungere acqua all'acqua al secchio
e ho messo il secchio sotto la cannella,
ma ho fatto solo spreco e anche parecchio
dell'acqua che scendeva a fontanella.

Mi sono arrampicato sulla vetta
però volevo andare anche più su
per affacciarmi da una nuvoletta,
ma sono ruzzolato tutto giù.

Ho visto esposte tante leccornìe
e pur se mi ero appena rimpinzato
lo stesso le ho volute fare mie
e quelle e l'altro ho tutto rigettato.

Ho visto l'orizzonte all'orizzonte
ed ho voluto andare ad osservarlo
e vado…vado…ma tra un piano e un monte
ancora non riesco a avvicinarlo.

E mentre vado macino pensieri
che a spaglio spargo all'aria ogni momento
e subito - sian frivoli, sian seri -
li prende e se li porta con sé…il vento.

Rimane conficcato e non si muove
nel tempo bello, né nella tempesta
l'amor che ancora il cuore mi commuove,
e il tempo non consuma, e non arresta.

Si slonghi l'occhi
Si slonghi l'occhi e dai n'occhiata attorno
t'accorgi che la vita in de sto monno
è fatta de poràcci che nun pònno
nemmanco magnà e bbeve, e ogni ggiorno

je passa nfra la fame e la miseria,
immezz'ar freddo o ar sole che li còce.
Sò pe davero pòri cristi in croce;
che cianno vòti: panza, còre e arteria.

Che nascheno…n se sa: pe impietosì?
Ma allora chi cià côrpa, er padreterno?
Però, da vivi, a falli stà all'inferno
senza raggione…solo pe…così…

pe ffalli compatì…nun è gran còsa!
Nun è da dio davero bbòno e giusto!
Ma manco pòi penzà che ciabbi gusto
a ffaje fà sta vita lagrimosa!

Ma allora…ma perché? Chi ce lo spiega?
Chi je lo spiega a lloro, soprattutto!
Dovressimo, me sa, prima de tutto,
capì che tòcca a nnoi…Sinnò n se spiega

che in de l'istesso monno indo' cià mmesso,
cià mmesso a chi sta bbene e a chi sta mmale.
Dovressimo capì che è anormale
sto fatto, e ffà quarcòsa…già da adesso!

Che, sì…er principio è chiaro: mescolàti
volutamente proprio da dio stesso:
na sòrta de divino compromesso
pe cui ce stanno cèrti, castigati,

ma già co un piede drent'ar paradiso;
e cèrti assai più mèjo destinati
ma che j'è assai più tòsto èsse sarvati,
ché nu j'abbasta a ffaje un bèr soriso

pe annà llì in paradiso! E ècco la chiave:
"Sortanto si m'aiuti a chi sta mmale
verai quassù ner regno celestiale.
Ché er regno mio è operto pe chiunque,

si aiuta quer su'prossimo che io
ho ffatto stà a quer mòdo proprio apposta,
pe portà in celo a chiunque nu je còsta
a ddà na mano a lloro, e aiutà iddio".

Ancora Primavera
Come quanno sorìdeno li pupi,
tutti quanti, sto a ddì, der monno intero
riuniti in uno solo,
è sto schioppà de tutti li colori
e der profumo - che te porti appresso
cor cèlo figurato -
de peschi, de cerasi, de granaje,
de màndoli, de fiori bianchi e rossi
de rose e de millanta fior de prato.

Tu venghi a smucinacce
li sentimenti mezz'addormentati,
ce fai sognà côr solo sta a sentì
li passerotti a festeggià la vita
appena incominciata,
e co li voli n po' troppo azzardati
de rondini: frecciate
da faje sentì er brivido a gni cosa
che strusceno, solleticanno, guasi.

Resisti, brava, ad ogni inquinamento
che stamo a spanne in cèlo, in tèra, e in mare…
E ancora fai, coll'api e artre crature
le còse come vòle la natura…
Riporti er giorno ne le tane buje,
dai l'acqua a li ruscelli…
Co Aprile, Maggio e Giugno te confonni
e pari come quanno se confonne
côr mare, la sirena immezz'all'onne.

Precarietà
Precario è il giorno quando il sole oscilla
tra fitti cirri e nere turbolenze,
precari son gli arrivi e le partenze
se al treno non gli arriva la scintilla.

Precari sono l'uomo e la sua vita
se non son stimolati dal lavoro.
È un mal che non s'attacca mai a "loro"
con la carriera addosso ben cucita.

Precarietà, ormai sei lo spauracchio
che su di noi incombi come un corvo
che aspetta di beccarci cupo e torvo:
ci fai campane senza più il batacchio.


Bèn svejata, Sòra Primavera!                           

                                                    

Oh!… bèn svejata, Sòra Primavera!
E tanti comprimenti, aoh! Come arivate,
qui l’aria se improfuma ch’è na vera
delizzia, e come sempre ce portate

sto pigolìo che ciaricrea - la sera,
spece - dopo le tante ore passate
a faticà…E è tutta na fioriera
che sta a sboccià sull’arberi…E incantate

                  

chiunque sa apprezzavve, che, se sa,
ar giorno d’oggi co sti chiar de luna
non tutti ciànno vòja de sognà…

                                                          

                                                 Primavera del Botticelli

che sò li sogni! che voi ce smovete
si spece stamo assieme a quarchiduna,
e voi…voi fate er mejo che potete…                       

 

Licenziamenti. Articolo18. Gira, gira…pensa, pensa…cerca, cerca…hanno trovato! Il "discriminatorio" è illegale e porta il reintegro, il che rafforza la tutela dei lavoratori; il "disciplinare", che porta al reintegro o all'indennizzo, secondo il parere del giudice; il "giustificato motivo economico", che espressamente dice che anche se il giudice accerta che non ne esistano i presupposti, ti prendi un piccolo gruzzoletto e però.…"out" definitivamente senza se e senza ma. Strano: sono tutti d'accordo tranne la voce del disaccordo, che stavolta…(Marzo 2012).

Licenziamenti
(articolo 18)

"Che ssò er governo assieme ar parlamento
co tutto er gran contorno de partiti?
Eh, a Re', di un po': seconno te che ssò?".
"Sò indo' se penza che uno ce pò ddì
quarsia frescaccia che je ronza in testa
vennènnola pe sacra verità.
Ndo' vònno pìacce…no, pe li fonnelli…
Ce vònno proprio pìà pe deficenti
côr chiacchierà da grossi saputoni…
Ma si lo fanno, a Ro', e nno da mo,
ché sò anni - sò - che ce lo stann'ann'a ffà,
vòr dì che è nnoi! che semo gran fregnoni!

Mo stann'a ddì che li licenziamenti
se pònno fà in tre mòdi diferenti:
perché gne piaci ar capo…e pòi rientrà;
perché fai 'r paraculo…e pòi rientrà
si er giudice è così che te sentenzia,
e pe finì: perché n ce sò li sòrdi.
E qui sta a sentì bbene che trovata:
sippure er tribbunale dice: "No…
la ditta nu sta in crisi gnenteaffatto!",
pìi li du' sordi…ma rimani fòra.
E ndo starebbe er senzo der discorzo?!
Er che vòr dì che è qui che sta l'inganno:
che penzi - pe levàttese da torno -
a quale tipo ce s'attaccherà
chi vò cacciatte e nun te vò ripìatte?
E avòja a ddì che la raggione è n'antra!".


Come il mare che tutto nasconde
Come il mare che tutto nasconde
su sabbie profonde, tra anfratti,
sotto il crespo spumoso dell'onde
sotto i cavalloni disfatti,

sotto la calma quando è bonaccia
e pare uno specchio di pace,
dietro falsi sorrisi di faccia
il rostro d'un becco rapace

resta allertato e pronto a beccare
l'anima mia ch'è imprigionata
e scampo non ha e deve restare
come nave al fondo incagliata,

che all'alta marea la speme affida.
Dall'amore, io, la salvezza
aspetto, e vincerò la disfida:
questa è la sola mia certezza.


Dal quotidiano. Gli eccessi e le negatività, il cattivo gusto, l'imposizione… rimangono tali anche pensando a quello che, sì, hanno dovuto subire in passato…che tutti sappiamo…(quindi non c'è bisogno…). Con tutto il rispetto per chi vive la sua sessualità - quella che sia - senza farsene un vanto, senza volerla imporre, senza farne una bandiera ideologica, e quant'altro...

"Aoh! Sò gay!"
"Aoh!, sò fro…ma no…manco finocchio…
sò gay, sò!...n sò mica com'a vvoi
che sete …mamma mia!...così normali…
Che schifo, aoh! Che io, guardate n po'…
sò…come dì…speciale, e devo dillo,
ma nno sortanto dillo…ho da strillallo
ché deveno sentimme tutti quanti!
Ècchime qua! Io sò un rappresentante
de la categoria più mejo ar monno;
e manco me ce vojo stà a confonne
coll'artri, e cioè, l'etèrei…anticaje!
Robbetta che nun dice ormai più gnente…
E infatti n sete mica voartri, llì,
a avé li fari tutti addosso a vvoi!
Sortanto noi - goduria! - ce l'avemo
sia qui che ortr'Alpe, che…semo 'r futuro!
Noi stamo in Parlamento, e in Vaticano,
indove che se penza e se governa,
in de li pizzi indove se commanna,
indo' se fa curtura…Er monno è nostro!"

L'attori, li cantanti, 'i cardinali…
tutti contenti, llì, a strillà: "So gay!",
a confessà… ma…chissenestrafrega!!

"Le donne?...Appetto a noi n sò gnente…
L'ha bbello che capito anche l'Europa:
solo òmi e donne sanno fà li pupi?
Sfornàssero! che poi ce stamo noi…
sposati e co 'i diritti equiparati…
Er monno intero avrebbe da èsse gay…
beh…forze no, sinnò gente più…culle…
E la natura…sì…sarà stravòrta,
però vòi mette? Un cambio je ce vò!
Dopo tant'anni de…(a)normalità
ce vòle d'annà avanti côr…progresso,
che poi nn'è manco un vero cammiamento:
c'è sempre quer formicolà a le vene…
c'è sempre un bucio, e er cosìddetto…pene!"

Parole
Con l'imbrunire l'aria è più leggera
senza più il peso del brillar del sole.
Sceman per le vie i gas, e le parole
assumono il valore che mancava.

E anche chi da solo se ne stava
a rimirare intorno a lui il nulla,
qualche parola ha in testa che gli frulla
e con se stesso inizia a colloquiare.

Tacciono invece, dopo il gran da fare,
i passeri sugli alberi annidati,
or che del giorno se ne sono andati
i gai momenti e i rumorosi canti.

E l'ombre scendon giù come giganti
a impaurire i bimbi nei lettini,
ma un clic li spegne e già gli son vicini -
per le ore buie - gli angeli custodi.

Vanno sciogliendo - le parole - i nodi
che complicatamente ha annodato
il frettoloso giorno che è passato.
Ma chi non ha trovato le parole?

Per chi non sa trovarle o non lo vuole,
già gl'incubi son pronti per la notte.
Parole non trovate, o interrotte,
o affogate nel pozzo dei silenzi.

Perché
Perché non ti sai chiedere i perché
non vuole dir che non ci sian per te.
Perché i perché son parte di noi stessi
e star senza i perché è come dormire
senza far sogni, e cioè esser come morti.

Potranno anche non esserci risposte
almeno non risposte-verità,
ma porre in noi i perché, per tutti noi
è necessario stimolo di vita
che cresce con l'andar dei nostri giorni.

Perché in ogni perché c'è una domanda,
e nello stesso modo una risposta,
che può semplicemente essere quella
che ci conferma che non c'è risposta,
ma quel che conta è che ci sia un perché.

Perché è con i perché che qui siam giunti,
e tanti altri perché ci serviranno
per domandare e anche dar risposte,
e piano, piano, noi, ma anche il mondo,
avrem pe' ogni perché…il suo perché.


antiTAVviamo, noi, mentre la crisi,
ci svuota, oltre alle tasche, anche i sorrisi(2011-2012).


TAV
Di Susa il monte non s'ha da bucare
e guai a chi ci fa la galleria!
I treni qui non ci dovran passare:
e voi ingegneri, e Tutti, Andate Via!

Son Tutti Altamente Velenosi,
i treni, e specie qui, Tra Amene Valli.
Noi siamo fortemente litigiosi
e guai a chi vien qui a pestarci i calli!

Tanti Altri Valorosi sono pronti
in tutto il Bel Paese ad aiutarci.
Con tutti noi dovrete fare i conti,
sebben di qui, siam solo in tre a non starci…

ché tutti gli altri (beh…compresi noi)
son quelli che non hanno altro da fare…
che rompere i…Tarallucci A Voi
che in fretta, sempre più, vorreste andare.

Qui invece Tutti Abbiamo Voglie inverse:
vogliamo esser lumache e no levrieri,
come gl'indiani dalle sorti avverse
sempre a intralciar le ferrovie di ieri.

Lo strano - mi direte - è che siam pure,
gli stessi in piazza pel lavoro (odioso),
e a dir che non ci sono infrastrutture…
ma un Tale Antagonismo Voluttuoso

ci dà una così gran soddisfazione,
ci esalta, che altro che la santa pace!
Intanto, a noi ci campa Pantalone,
che è la Testa Antiognicosa Verace:

dalla TAV ai Riclassificatori…
perché noi siam capaci solamente
di dire NO! Noi siamo i guastatori
che fanno il Tempo Andare Vanamente.

Noi siamo quelli della prepotenza,
che mascheriamo da democrazia,
che noi con Tanta Anomala Veemenza
siam qui a difender dalla polizia.

Noi Tutti Abbiamo Voglia di spaccare
capocce, musi, gambe e tutte le ossa,
e resteremo Tutti A Vigilare
che mai il buco al monte far si possa!

Oh, cara Val di Susa, noi Susani
T'Abbiam Voluto sempre tanto bene,
però a fare quel che a te conviene
non ci vogliam sporcar…neanche le mani. davanti al mio fotoritratto da piccolo

Fanciullo, io


Di quell'età sì tenera e fatata
che in tanta tenerezza ancor mi tiene
guardandomi fanciullo, mi sovviene
la tua fisionomia dimenticata.

Che serietà e che sguardo delicato
su quella fronte nobile e pulita,
cogli occhi quasi tristi…Un'infinita
dolcezza, specchio dell'amor donato

da chi pe'amor m'ha avuto e che ho riamato…
E ora èccomi: io son quel che sei tu,
bambino, ora noi siamo a tu per tu:
tra te e me c'è il tempo che è passato,

c'è il mondo che ci ha entrambe attraversato
col male che s'insinua, la malizia,
che è il tarlo che ci scava e che ci vizia…
Ma grazie a te fin qui mi son salvato.

Ed èccoci che siamo qui a specchiarci
in questa ineludibile simbiosi:
la tua malinconia su me tu posi,
da me riflessa, al nostro ritrovarci.


i cani continuano a sbranare…(Febbraio-Marzo 2012).Ma sono sempre notiziole da trafiletto…niente più. Guai! dire di più. Colpa loro? Colpa dei padroni? Di chi non fa rispettare le regole? Di permissivismo e pubblicizzazione sfrenati?…Gli è che se non si lasciassero diffondere così - imperativamente - non ne morrebbe, il mondo. Cani vestiti, in tram, in chiesa, in ogni luogo… Con addirittura psicologi, funerali…Anche se sono così carini…Ma più dei bambini?E la lotta contro lo snaturamento delle bestie? Guerra fatta dagli stessi che stra-amano i cani…Ehhh!!!!!
Amichi, sì…ma fino a un certo punto!


Che…vattel'a ffà ddì da li sbranati,
li mozzicati…li terorizzati,
e tutti queli che l'esaurimento
pe stà a sentì li bau la notte e er giorno,
li sta sbrananno uguale, uguale, uguale…
E queli che pe prati e marciapiedi
se pìeno er vortastommico, e nun pònno
nemmanco protestà: e chi li sente?!

Amichi...ma de chi: de li padroni!
Infino a quanno sbraneno anche a lloro!
Er che - dispiace - ma…resta in famìa,
così, come se dice…

Che, poi, come succede in ogni cosa,
è l'esaggerazzione, è er volè ddì,
così, pe fforza, co la prepotenza,
che dàtosi che a mme me piace er cane
te deve da piacette puro a tte…
E nun ce devi manco avé paura:
si je lo dichi, tu je rechi offesa;
si dichi che te stann'a ffà uscì matto
sei n'anima cattiva…E che…te pare!…
sò mejo loro che quarsia cristiano!
sò sempre pronti a ditte, sti gran…bbòni…

E pe la libbertà e demograzzia,
de chi st'a mmett'er cane in capo ar monno
te tòcca da subbì...e statte zitto!
Aoh!...pe li cristiani guarda un po'
si puro ce sta un tale ingrifamento!
Sto gran tam-tam pe avenne sempre più…
Mica li fiji!...No! Abbasta er cane!
E le ministre - sanità e turismo -
se stann'a ffasse in quattro…Ch'hai capito?!
NO! No pell'omo, ma bensì pe'r cane.
Sì! Cane…cane…cane…nun se scappa
petessero portaje via …na chiappa!

Ammazza, aoh, che granne civirtà!
Dell'omo?…e che ce frega!
Si viè trattato peggio de li cani
(ma questo n se pò manco stà a ddì più),
in de l'ospizzi o drent'all'ospedali..
Ma quant'è bbelo a ffà li paladini
de chi co meno sforzo te pò ddà…
più popolarità!
Come anche chi se dà da fà tarmente
pe li drogati e tutti 'i delinguenti…
Che a vòrte, lui - pe disintossicasse,
e annà a finì sur video e li giornali -
se fa un diggiuno…ma n ce mòre mai…

Quell'antri, anche si cianno li probblemi,
chìssenefrega…pònno anche arangiasse!

Speranza
Non è che lo stentato volo d'ali
di passerotti pavidi e inesperti
che al sol di primavera
cercano ansiosi di lasciare il nido,
questo cercare nella notte buia
un lume che consoli
se neanche d'una lucciola il lumino
s'accende ad indicare una speranza.

Come aquila volteggi e non ti fermi…
Forse è vergogna di non saper dare
speranza a chi nemmeno più ti cerca
tanto assente sei stata!
Si che in loro è fiorito solo il seme
del tuo inverso: la disperazione.

Ma se non speri tu…povero mondo,
con la speranza che non ha speranza!

Lucio Dalla
("4 Marzo 1943", 1 Marzo 2012)

La "piazza grande" del suo canto intenso
che vola con la semplice "canzone"
fin dove il "mare luccica" e si perde
con quella voce sacra di "Caruso",
è il mondo intero che in un solo abbraccio
si stringe artista, poeta e musicista,
e l'immortale melodia respira,
che è il grande dono del gigante cuore -
impasto di ispirati sentimenti -
del piccolo giullare di Bologna.

"Caro amico, ti scrivo" questi versi
per dirti che staremo "attenti al lupo",
come cantando ci hai raccomandato.

La casa tua "futura" sarà il "il cielo"
dove già pronti stanno ad aspettarti
"il gigante e la bambina", a te grati
pe' avergli dato vita…E, "dimmi dimmi",
lassù dal cielo che è un profondo azzurro
vedi pure "com'è profondo il mare"?

"Ciao", e grazie, Lucio, per "questo amore"
che sempre ti ha ispirato, e ci hai lasciato
cucito addosso, e che non finirà
in un "paff…bum!" ma per "tutta la vita"
starà nei nostri cuori, e oltre ancora.

2 Marzo 2012

Luccichii
(a Lisa)

Non cerco il luccichio che dà alla gazza
curiosità e piacere all'arraffarlo,
fredda luce d'altrui già posseduta.

Né il luccicar delle lontane stelle
che pur son belle, ma anche sol vagheggio,
e non le porta giù, il più bel sogno.

E neanche cerco il favillar dell'oro
ché fredde lascerà l'avide mani
né indietro renderebbe le carezze.

Io cerco di tirar la luce su
che ho dentro per scambiar con l'umil verso
il brillio degli occhi tuoi  imbrillantati.

Siccome nun sò stati bbòni loro…
Siccome nun sò stati bbòni loro,
a ffà le cose giuste e necessarie,
er Granne Capo - tutto de straforo -
cià mmesso llì a curà tutte le carie

che affliggheno da sempre er Bèr Paese,
quer pacco de ciarvelli blasonati
che stann'a ffà gni còsa, che (è palese),
quell'artri se sò sempre rifiutati.

Ma manco si l'avessero stregati
mo fanno tutti quanti l'agnellini…
che questo sò, così addomesticati,
appetto a ieri, che nfra li casini

ce staveno a sguazzacce tutti quanti…
E pe nu scontentà li …"pecorari",
quer simbolo de cui sò tutti amanti,
che è la demograzzia, a piedi pari

te l'hanno presa a carci…E che vòi fà!
Ma si se pò, perché le còse assieme
nu l'hanno fatte prima de cascà
dar seggiolone…Perché: mo je preme

er bene der Paese?…E prima? NO?!
E poi?…da capo tutto un fregandò?!...
Nn'è mejo…mo che l'acque se sò rotte,
che famo restà a questi e…bònanotte!?


divertimento con l'enjambement

L' enjambement
Adesso so: l'enjambement è quella
maniera di far versi che è un poco
curiosa se non strana, almeno nella
forma…E pare proprio che è pe' aver gioco

che si usi, a volte: per riequilibrare
le sillabe e la metrica altrimenti
sfasate…Eh, già…però questo qui è un fare
che a certi non piace, e a volte lo senti

il borbottio che leva…Però come
sempre succede, a Dante e a ogni altro grande
è più che permesso…anzi! siccome
son loro, a ogni enjambement son…ghirlande!

Ma, ancora, come sempre, tra i mortali
succede, anche fra chi è un intenditore
di versi c'è chi la vuol cotta, e strali
tira…come anche chiunque è fautore

del crudo, fa…e alla fine finisce
che mai si sa…chi è che più ci capisce.

Notte di pece
Niente scintille su in cielo a brucare
stanotte.
Gonfia di vuoto la volta oscurata
rifulge di nero assoluto:
nemmeno ridotta a un piccolo squarcio
la solita luna...
Nemmeno un alone: notte di pece.
Non servono occhi,
se sono ciechi di più di chi è cieco
senza la luce che viene da dentro
a dare immagine ai sogni più rari.

La scoperta der sèsso



Mo, c'èreno quei dua, Adamo ed Eva,
ignudi come ognuno appena nato.
E come se incontrorno, lei faceva:
"Anvédilo, poraccio…Ma ch'è stato?"

E Adamo sotto, sotto ce rideva:
"Aspèttame che sò bell'arazzato
e te n'accorgerai…". E… "lui"…cresceva…
ma in modo ch'era proprio smisurato!

"Adà…- je fece lei - Ma che è: 'r serpente
che viè a tentamme, come dice er Capo?
Embeh…aoh…. in effetti….veramente…

io me stare' a sentimme abbrucià tutta…
Ma gnente, gnente…che…pur'io m' arapo?
Artro che mela!…Questa, Sì!...è na frutta!

Frutta, t'assaggio!…e poi me t'annisconno
qui drento a sta buchetta…in fonno, in fonno…".
E incominciò così…a cresce er monno.

Il nuovo giorno
All'alba luce sale come accesa
da soffi d'aria risvegliati appena.
Rischiara dunque come da una presa
il nuovo giorno nell'eterna scena.

Impallidisce esangue nell'estesa
dimora, e se ne torna via serena,
la luna, incondizionata resa
a chi il massimo splendore ora mena.

S'aprono gli occhi e sguscia il sonno via
in attesa di ritornare ancora
tra lo sferragliamento e l'apatia.

Ridà la voce e forma ad ogni cosa
il giorno che più cresce d'ora in ora,
ma lascia ancor sognar chi ancor riposa.

Ribolle, dentro, il magma infuocato
Ribolle, dentro, il magma infuocato
di sensazioni grigie, e oscurate:
svolazzi di farfalle sballottate
da un vento indispettito e inappagato.

Scorre via così il tempo ch'è inquadrato
nel cerchio di siepaglie e di inferriate
e mescola emozioni immaginate
da un cuore di gigante spaventato.

S'allarma in ribollente confusione
l'anima da lungo abbandonata,
al chiuso, come oggetto d'oppressione,

nel lievitar di pani avvelenati
da voglia di esondare incontrastata,
che solo sforna…animi ammalati.

La Lupa der Campidòjo
La Lupa ar Campidòjo sta fremenno,
se va sbattenno addòsso a l'inferiate
incavolata nera nu riuscenno
a sortì fòra pe pìà a 'zzannate

chi fa der male e chi li va coprenno;
chi a tutte quante le mascarzonate
je fa l'inchino, ché s'è perzo er senno
come anche tante leggi imbastardate.

Fra tutti quanti chi è 'r più lazzarone
nun se sa bbene…È tutto un gran miscujo
che vòle chi cià in testa l'oppignone

che a stà côr delinquente fa più mòda,
e nu je c'entra in quale guazzabujo
ce sta a inzeppà er bònsenso…che n s'accoda.

Il contratto
(sonetto alla vita…che va…)

Quante persone già stanno finendo
ma per le strade non fanno capire;
neanche si vede se stanno a soffrire,
già rassegnate, e non vanno piangendo.

Dentro di loro si stan rivolgendo
a chi - potendo - le fece venire
su questo mondo, da dove partire
si deve senza…trovarci l'orrendo.

Questo è l'accordo che è controfirmato:
non ce n'è un altro che meglio funzioni:
nessun imbroglio…e è sempre onorato.

È democratico al cento per cento:
no favoritismi, no corruzioni…
pur se c'è sempre chi ne ha più tormento.
 

Tramonto sur mare

                         

De rosso se colora er bèr faccione
ner mentre scenne a galleggià sur mare,
e tutt'attorno tigne d'arancione
che va a sfumà in tonalità più chiare,

insino a mescolasse ar celestino
der celo, che llì è tutto illumminato.
E più s'affredda, e all'acqua è più vicino,
più se fa grosso e tutto arotonnato.

Mo, sempre più s'allunga la raggera,
e intanto lui 'ncomincia ad inzuppasse
nell'acqua che riluccica leggera
e un po'ce mette, prima d'affonnasse...

E poi s'addòrme er celo assieme ar mare…
La spiaggia s'é affreddata, e li gabbiani…
abbasta de volà…Mo le caciare
aspetteno de arinizzià…domani.




 

per la seconda nevicata a Roma dell' 11 Febbraio 2012, dopo quella del 4, stesso mese.

La neve
Fina, fina, lieve, lieve
vien la neve,
poi a fiocchi vien danzando,
nel silenzio che si sente,
sembra pace che giù fiocca…
giù dal cielo in mezzo al gelo.

Mulinella…Quasi scherzano
i bei fiocchi che si uniscono
sui tetti,
sulle strade, sopra i prati
levigati…
Tutto quanto è levigato,
tutto è tutto livellato
mano a mano che lei scende.
E ogni bimbo si sorprende
coi grandi occhi addosso ai vetri


                                           
stazione della Magliana sulla Fiumicino-Orte da Monte delle Piche.                     Via delle Vigne con lato Parrocchia S.Maria del Rosario ai Martiri Portuensi.

Fina, fina, lieve, lieve,
vien la neve…
Danza, fiocca, e infarina…
ti stupisce…apri la bocca…
no…è meglio non parlare
mentre fiocca,
non si deve disturbare
mentre tèsse il bel mantello
tutto bianco di candore…
Come l'anima innocente
di chi vede nei suoi fiocchi
il fiorire dell'inverno,
di chi vede in quel fioccare
un bel sogno dolce e lieve.

Fina, fina, lieve, lieve
se ne scende giù
la neve….
 

sempre a guardare come fanno gli altri…di cui però, gli rimane in testa solo quello che gli pare… "All'estero lasciano casa!...", già, ma quanto gli costa? E quanto è il loro stipendio/salario? Spostarsi da casa? sì, a morire di fame in altre città (sempre che lavoro ci sia…ma poi, per quanti di noi?) con 1000 euro al mese e un fitto di 700-800 (a 400-500 c'è solo un letto…o no?!). A ognuno di Loro, per venire a Roma,o andare a Bruxelles, e addirittura vivendo già a Roma quanti gliene diamo di euro?…Non si può nemmeno sentire. Vergogna! Hanno lasciato alluvionare il nostro paese da cinesi e compagnia bella che vanno avanti, certo! E ci fanno il PIL, certo! Con la sregolatezza sfrenata e incontrollata e impunita, che se la praticassimo noi ci metterebbero in mutande, o in galera!
"Vogliamo Il Posto Fisso…!". Ma lo abbiamo capito che non c'è…sono anni che ce lo predicano! Il fatto è che non c'è nemmeno quello che fisso non è! All'estero è facile cambiare…o hanno sovvenzionamenti per campare quando il lavoro non c'è nemmeno volendolo cambiare, che qui ce li sogniamo…! Ma si rendono conto? E sono sempre gli
stessi, loro, da anni e anni, e saranno ancora sempre loro per altri anni e anni fino alla consunzione finale, col culo sull'amatissima poltrona…FISSA!


Ma quanto sete bravi tutti quanti!
Ma quanto sete bravi tutti quanti
a ddì scemate llì in televisione
e a dacce der "mammone", st'ignoranti
fasulli, che n se sa chi è 'r più fregnone,

e nun vorei sta a ddì…puro ladrone,
che llì ner mucchio sete proprio in tanti!
E vvoi chi sete? Uno più magnone
dell'artro! Ciavete tutti li santi

da la parte vostra…côr quer lavoro
bello fisso, inchiodati, brutti scemi…
Mammoni noi? Voi! Senza decòro!

Voi fate lavorà a li stragneri,
sapete solo dì li teoremi…
Voi chiacchierate…e qui sò c…i seri!

Potesse la neve davvero bastare
(neve a Roma - 4 febbraio 2012)

Potesse la neve davvero bastare
a dare ad ognuno più calma, e amicizia,
a stender la pace, a farlo giocare
com' è oggi per tanti in sana letizia.

C'è qui tanta gente che sta a scivolare
pel prato scosceso: non serve perizia…
ché quello che serve è lasciarsi incantare,
è voglia di starci, e scordar la pigrizia.

È questo di grande che ha fatto la neve,
che sopra al suo manto ha aggregato la gente,
spingendola fuori di casa, col lieve

cadere, portando il silenzio intrigante
che non si sentiva da tanto talmente
che è valsa a scoprire una cosa importante.


credevano fosse il lupo…Ma tutto era incominciato da prima…e seguitava durante…e ancora seguita…Colpa del lupo? Se può far comodo, e se ci si vuol consolare…(febb. 2012).

Ce stava un lupo immezz'a na foresta
Ce stava un lupo immezz'a na foresta
ndo' pure c'ereno orsi marsicani
e un sacco de faine, e artri strani
animalacci e farchi…Però in testa

a quela pòra ggente brava e onesta
che stava a vive llì - pòri cristiani -
c'era entrata la fissa che li piani
d'allevà polli e riempisse na cesta

d'ova ar giorno, je li sguastass'er lupo,
pensanno che je sbranasse ogni pollo…
e lo cercaveno in quarsia dirupo,

in quarsia tana…finché pensorno che
prima der lupo, a rotta de collo,
gni pollo svaniva…senza un perché…

S'aricredettero, così - ché, arfine,
nun era er lupo a faje fà er tracollo,
me quele santarelle de faine!

Attaccamento
(a Lisa)

Siam come cozze attaccate allo scoglio
immerso nel mare, dure sul duro,
che solamente la mano ch'è armata
riesce a staccar per succhiarne la vita.

Luigi Lusi, tesoriere del PD RUBA 13 miliardi!...Ma nessuno sapeva…la pena legale? Quasi inesistente, la gogna mediatica, pure (febbraio 2012)

LADRO! Filosofia del male
Dietro ogni marciume, ogni putredine,
dietro ogni marasma puzzolente
dietro ogni abietta e fetida carogna
dell'animo dell'uomo, o sua parvenza,
c'è il maleolente inganno traditore
d'ogni principio sano, ogni valore
piegato a vanaglorie e al dio denaro,
e al vomitar d'ogni acido pensiero
di chi filosofia del male accoglie,
diffonde e inculca e insieme a lei sprofonda
sperando di portarsi appresso il mondo.

Da questo, anche, i tredici miliardi
in tasca son finiti al tesoriere
di quel Partito che della "morale"
ha sempre fatto il vanto e la bandiera.
Tal fatto è la cartina tornasole
del putridume dove ci han portato.
E infatti…non si sente dire "LADRO!",
ma scuse di chi...non immaginava…
E il che è giusto, perché…quel gruzzoletto
non merita attenzioni…maniacali!
Ma…in croce han messo… "un", ché non sapeva…

Tal' è la prassi ormai standardizzata
di ruberie, e di soprusi odiosi,
che con la faccia bella e rilassata
il LADRO con sorpresa di far presa
sui notiziari, dice: "Sono pronto
a ritornare quel che non ho speso;
ma il grosso ormai è tramutato in case
in vari posti belli della Terra,
e in più…ma sì, ci metto anche un annetto
di carcere…con la condizionale…".
La Legge dice: al massimo tre anni (!?).

Ma è proprio Lei, la prima a non andare…
Talmente è falsa…che altro che "ad personam"!
Permette di affogar tra i nostri soldi
a Partiti già morti! E come pena
per chi si macchi come ha fatto Lusi
prevede sol tre anni...e… "vai in pace".
E intanto l'opinione ci ricama,
propongono - "gli astri" - "pinocchiate"…
nel loro moto che è di … "rotazione"
che non gli fa allungare neanche il naso,
se non c'è il moto di… "rivoluzione".

Dice il ciclone al vento esagitato
Dice il ciclone al vento esagitato:
"Ehi! non t'accorgi che stai disturbando…?"
E poi, sprezzante - Attila imitando -
passa e disfiora tutto un verde prato.

Ed il vulcano al sole ch'è infuocato
rinfaccia il troppo caldo, e va sputando
sull'abitato il magma, incendiando
quel che scendendo incontra, incontrastato.

Perseguita - chi è messo a governare -
il "ladro di galline" e intanto storna
sul proprio conto un fiume…un lago…un mare

di soldi altrui e non se ne vergogna,
ma è lì a predicare - con le corna -
che il ladro va punito con la gogna!

E al diavolo lo svende,
che se lo porta dentro la sua fogna,
e certo quel favore poi gli rende.

Sonetto della fantasia
Siccome non si vedon non è detto
che i sogni abbian smesso di volare,
o che non ci sian più, là in mezzo al mare
sirene con la smania dentro al petto.

Perché io non lo sento, non mi aspetto
che il drago abbia smesso di russare
e neanche che non voglia più sputare
il fuoco per diletto o per dispetto.

Siccome son malati e bisognosi
non vuole dir che in quelle testoline
non ronzino i bei sogni fantasiosi

com'è per ogni bimbo altrove nato,
e che non amin fare le moine
all'angelo che il cielo gli ha assegnato.

ai tanti talk show che fanno tanto…ascolto…

Per far luce ci vuole…illuminazione
Per far luce su un caso complicato
occorre illuminare il buio pesto
con…materiale grigio illuminato
e occorre pure che sia fatto presto.

Ognuno che sia quello incaricato
di far che non sia ancora più funesto
quel buio, che colpa o caso ha portato,
non solo illuminato, ma anche onesto

dev'essere, e assai ricco di buonsenso.
Ogni altro che s'infili da abusivo
più o meno …titolato, ma propenso

a illuminar se stesso solamente,
per figurare e per sentirsi un divo,
risparmi i tanti attriti della mente.

Paese bello
Con le pietre delle mura
sempre esposte al sole e al gelo
sotto il cielo che ti cura
e ti copre col suo velo

e le pietre ed i mattoni
delle case ora struccate
ma che per generazioni
sono state intonacate,

e le altre ancor vestite
col vestito rinnovato
che nasconde le ferite
del gran tempo che è passato,

tutta bella sei, Bettona,
con la Piazza e la Fontana,
ch'è un gioiello che ti dona,
e quei giri di collana

delle strade e vicoletti,
che si allargano in piazzette;
con i coppi dei tuoi tetti,
di palazzi e di casette,

chiese e campanili al cielo;
col tuo insieme d'arte e storia,
sei un fiore ed il tuo stelo
è il tuo colle che si gloria

degli ulivi millenari
fin giù al piano, e il Poverello,
e anche Dante, in versi rari,
di te han detto, Paese bello!

La partitura
Su righe e spazi cadono le note
nello spartito, con adagi e svelti,
e tutti gli altri tempi ben fissati
dall'anima e dalla mano attenta
del musicista esperto ed ispirato.
Son fughe di precisa intonazione,
son ritmi e cadenze e accordi ariosi,
son melodie sognanti, ritmi audaci,
son freddi suoni, o caldi e sinuosi.
E come è scritto, tutto vien suonato
dallo strumento in mano all'orchestrale,
che si destreggia in lenti e virtuosismi
e incrocia tutti quanti gli altri suoni
e giunge a conclusione…troppo presto…
Che il brano è bello e più non si poteva,
ma il tempo è poco e quando più vorresti
protrarlo all'infinito, quel bel suono,
ecco il finale e ti ci trovi dentro
perché è così che è scritto, lo spartito.
E c'è un crescendo, quasi disperato,
che sembra di volersi svincolare,
del timpano e dei piatti…un'esplosione!
proprio un momento prima del silenzio.

Coglierò uno a uno i tuoi pensieri
(a Lisa)

Coglierò uno a uno i tuoi pensieri.
A me li legherò come ghirlande
di fiori di orchidee profumate.

Nascono in te, e da te escon ninnando
come i petali fluttuano nell'aria
quando turbina al sol di primavera.

Mi coprirò del bello che hai nel cuore.
Ne capirò l'essenza più profonda,
respirerò un'aria più pregiata.

Nei momenti più intimi d'amore
amalgama sarà d'anima e corpo:
raggiungeremo vette incalpestate.

Di terra e cielo copriremo i corpi
distesi a fianco e di gioia stremati,
però così leggeri…quasi un volo.


la Grande Capa dice…inculca idee e ordini…Ma è refrattaria a ogni richiesta dei propri sudditi-interlocutori (Gennaio 2012)

A Sòra Culona!
E…allora, Sòra Merk' a che giocamo?
Ce vòi fà véde quanto …teutonica
sai èsse co noantri…che pagamo
er fatto che sta peste bubbonica

t'ha ffato annà er ciarvello de patate
lliggiù 'mmezz'a le chiappe der culone
che t'aritrovi, indove ciai stampate
l'idee da granne e ogni decisione,

compresa quella che j'hai detto a Monti:
"Sò cazzi vostri, sò…"… N se fa così!
Ma abbada, a gran culona! Si li conti
n s'aggiusteno, sò cazzi puro llì!


dopo Moody's e altre analoghe Rating Co.s, , ecco spuntare Standard & Poor's…a gufare sul nostro destino….nero come la pece, che altro che l'Apocalisse! Ci ha tolto anche quell'ultima "A" che era rimasta! Che vuol dire Ulteriore Svalutazione! E questo malgrado il bel programmino messo già su da Monti, il …salvatore…ma de che!! Anche Sarkò è stato svalutato! (decisamente non è come si diceva…)(Gennaio 2012)

Ste facce brutte de l' Apocalisse
(le Compagnie di Rating…)

Avanti n' artra!…Che c'è ancora posto
pe un'antre du'-tre-quattro compagnie
de quele che ce stann'a ffacce aròsto
co mille arittimetiche archimie!

Mo n'è arivata n'antra che a ogni costo
ce vò vedecce - assieme all'artre arpie -
a ruzzolà…ché dice: " Er succhio imposto
co tasse e tante varie acrobbazzie

incluso a stà sur filo de rasoio
che n sai si pòi 'nnà avanti o cascà giù,
co er rischio de imbucà 'r nodo scorsoio,

nun è abbastanza…Serveno gabbelle
più adatte a svotà tasche…Ce vò più!"
E Monti fa: "Je scortico la pelle!".

Ma che…se stanno tutti a divertisse?!
Mannamole affan…cubbo a tutte quante
ste brutte facce de l'Apocalisse!


dopo i casi Scagliola, Malinconico, ma anche Fini, meglio essere preparati….

L'invisibil mano generosa
Cari Amici, che tanto mi stimate,
e che, anche, mi volete tanto bene,
e godete allorquando mi donate
beni e servizi…seppur non ve ne viene

niente-di-niente in tasca, e anzi! lo fate
addirittura senza tante scene,
senza nemmeno che me lo diciate,
vi prego di astenervi: non conviene,

infatti, regalarmi case…viaggi…
all'insaputa mia, povero ignaro,
perché alla fin ne avrei solo svantaggi…

Di questa villa, già…monolocale
dirò a chi chiederà…ch'è un dono caro
del generoso assai …Babbo Natale!

Preziosa
(a Lisa)

Un sacco vuoto
che s'affloscia in terra
sembro a me stesso, senza più vigore,
consumato
dagli acari del tempo polveroso.
Passano i giorni
senza più emozioni…
e gli occhi gonfi guardano all'indietro
disseminato di forti tenerezze
e spruzzato
di sguardi e di profumi intensi,
di turbinii improvvisi
e di preziose attese.
Preziosità, così, fatte d'un niente,
quel niente avido solo,
di tutto quel che hai e quel che sei.


Premesso che "tasse è bello" sempre che non diventino insopportabili fino a portare al suicidio, chi regolarmente le paga.
Dedicata ai "ricchi imprenditori-padroni", nemici della democrazia, che arrivano a suicidarsi come soluzione al disastro, troppe volte causato dalla famelica e cieca "giustizia" che sa solo manifestarsi con tasse opprimenti e devastanti, sospinta da un "pensiero" che vuole che tutti gl' imprenditori siano truffatori-sfruttatori-evasori…Anche se il ricco, quando è davvero ricco, paga, comunque, regolarmente, le proprie, esose, tasse. Ma quello stesso "pensiero" non si sofferma a pensare se "ladro" sia, invece, tutto considerato - con onestà di pensiero - il Fisco…Ai vari suicidi di imprenditori, non è seguito lo stesso forte cordoglio, che - giustamente - si leva da tutto il Paese, alla morte di un operaio. (2011-2012)


Invidia…"non"…crepa
(suicidi per tasse)

E…allora…
la bava che gli usciva dalla bocca,
maligna,
ora,
diventa brutta smorfia che sogghigna
perché il…riccone,
il suo nemico abietto
che il suo pensiero aperto
calpesta e opprime, sempre, nella storia,
e che è da dare in pasto alla giustizia,
cieca, ma in cerca di gloria,
che troppe volte troppi danni arreca,
ma che ben vede il luccicar dell'oro,
come gazza curiosona e ladra,
deve…privar del luccichio ostile
e impoverire
seppur con le sue tasse
le casse impingua
donde il ghignoso attinge, su
come da un pozzo…
Pur, se a luccicar non era
che un fondo di bottiglia fatto a pezzi...
Ma questo è quanto:
la cecità non vuole che altri veda,
che, anzi, guardi e al luccichio s'inebri,
e giù a tastoni annienterà ogni baro,
finché…tutta protesa all'arrembaggio,
nemmeno farà caso a quello sparo…
Ma no…non è l'invidia che è crepata…
è il ricco…che quella fine lì,
l'ha meritata.
 

Per i tagli ai loro stipendi ci vogliono gli studi della Commissione, le ricerche tra le scartoffie degli altri parlamenti europei…Settimane di lavoro per dimostrare, tramite cervellotici distinguo, che prendono meno degli altri parlamentari europei…Sì, se la verità ce la raccontano…a pezzetti.…E, tanto per precisare, la cifre che ci vengono mostrate come esagerate, sono lorde! E hanno le loro spese…E poi "Non si può fare di tutta l'erba un fascio…", come ha detto Bersani…Bersani?! Sì, sì: Bersani! Quello che si farebbe impiccare per l'equità…Pa-pparapà-pa-ppà! Ma quando hanno tagliato le pensioni, bloccato gli stipendi ai ministeriali, deciso gli aumenti di tasse…non si sono minimamente posti il problema che stessero tagliando i "lordi", non sono stati a fare cervellotici distinguo, non hanno istituito Commissioni per vedere in quali e quante spese debbono incorrere per campare, per avere una casa…i cittadini italiani, e per confrontare le loro pensioni, i loro stipendi, con quelli percepiti dai cittadini di altri paesi (degli stessi paesi che loro hanno preso in considerazione per gli eventuali tagli a loro stessi); quante tasse già pagano, e quante ne pagano gli altri…Insomma, di quanto di netto! entra e di quanto esce dalle magre e tartassatissime tasche della stragran parte degli italiani, gliene è "potuto fregà de meno!". (Gennaio 2012).

Pòri parlamentari nostri!
"Che te dicevo, a Re'?...Stamoce attenti!
Ché co li furbi noi n ce la sfangamo…
Eh…già…Noantri, proprio n ce la fàmo
a daje er fatto loro a sti fetenti!

Ma nu li senti quanti impedimenti
che cianno pe tajasse…E su…e annamo….!
La Commissione…er Netto…E che speramo?!
Ce stann'a sfotte senza comprimenti!

Ce stann'a riggirà tarmente bbene,
co sti confronti a la…"come ce pare"
co quanto pìeno l'artri, che conviene

davero a lassà perde, che, se sa,
tra noi e loro c'è de mezzo er mare…
e arfine ce sapranno dimostrà

che dar confronto co artri parlamenti,
nun è pe gnente uguale a come pare,
e, anzi! tòcca a ddaje anche l'aumenti!!"

dedicata a una bellissima, giovane ragazza dell' Est, che al veglione di capodanno s' accompagnava a un maturo e…inadatto signore,,
con lo sguardo di perla umida di malinconia…(31 dic. 2011).


Farfalla prigioniera
(amor…per "una" vita…)

Nere arcate su gocce di tristezza -
perle di umida malinconia -
di magnifica, tristezza,
di dolce, malinconica tristezza,
rassegnata, tristezza,
lo sguardo
lontano fai vagare tra i ricordi,
tra i sogni di bambina ormai sfumati
tra braccia inadatte, e egoiste
che in cerchio
stringono
la lieta libertà che più non hai.

Fili dorati sulla fronte chiara,
raccolti in una coda di cavallo
donano fierezza
a chiare gote appena zigomate,
lisce e vellutate;
contornano lo sguardo…che non guarda
per non vedere quello che hai lasciato.

Il corpo adolescente,
di bambina cresciuta,
su gambe di alabastro,
sotto la vestina,
lo perdi per donare il paradiso
a chi da tempo, ormai,
non lo sperava più.
Ma solo lui lo vede…
non già lo sguardo tuo, smarrito
tra il bel ricordo
di quella tua sognante gioventù
ch'è già finita.

Ami soltanto
per vivere una vita.

Adesso - come qualcuno già da alquanto tempo prima - i più illuminati dicono di Bond e di BCE…
per salvare l'EU (non solo noi) dalla crisi (dicembre 2011).


Basta, pecore!

a Monti…!
E basta, co sto stà giù a pecorone,
co st'inchinasse come servitori
davanti a chi fa tanto er caporione…
Noantri! Li più "Più", li più mijori!

Noantri, che da ogni situazzione
pe quanto brutta uscimo vincitori!
Artro che pènne da ogni decisione
de queli capicrasse!...Primi attori

dovemo èsse noi, noi itajani!
Va', dunque, si vòi èsse uno de noi,
va a dije: "Basta, co li giochi strani…!


Si er treno EU n volete che deraja,
ce vò da fà li Bond, e attenti a voi,
che qua, senza de noi, n se mòve paja!

E sia ben chiaro che la BCE
dev'esse chiaramente!…europea,
e deve tirà su a chi sta a cadé…
Che, sì…est vostra amica, ma…anche mea!"

Sinnò, ce l'hai presente…la piorrea?!

Lamento
(questa ondata di calore…)

Questa ondata di calore
scende come un toccasana:
della scorsa tramontana
ne cancella anche l'odore.

Giorni e giorni eran passati
con il freddo che gelava:
se il bel caldo non tornava
lanciavamo gli ululati.

Tutti quanti speravamo
che passasse, e al più presto.
Ma nessuno era onesto…
perché ancor ci lamentiamo:

Troppo caldo tutto assieme!
Qui rischiamo l'asfissia,
era meglio l'atrofia!
Ma perché, sempre, si geme?

È che è il giusto! che ci preme
ogni dove e ogni quando.
Però il tempo vien portando
sempre soluzioni estreme.

O noi, siamo, che a star senza
il lamento ad ogni fare,
ci è più duro sopportare
incapacità e impotenza?

Forse, è, il nostro lamentare,
per noi tutti il salvagente
che ci serve pe' affrontare
questo tempo prepotente…

Omaggio a Don Backy

Tre semi di cuori
Che gran consiglio, è stata "Serenata":
"Spremetevi…cercate novità…
tagliatevi i capelli, e da seguaci,
sarete i primi voi…
".

E quale enorme, immensa "Immensità"
son le parole e il canto
che sa, oramai, di…immortalità,
della più bella figlia del suo genio,
che i cuori ha aperto e, dentro, giù a cascata,
i sentimenti buoni ci ha infilato
che verdi son rimasti fino qui.

E volano le rondini nel cielo
insieme a un'altra bella sua "Canzone"…
Che via con sé si portan l'emozioni,
bagnate dalle lacrime d'amore

Le note sue son sogni, son speranze,
son sentimenti pieni di fragranza.
Le ha accompagnate, Ieri, fino ad Oggi,
e Oggi se le porterà con sé
per farne un dono bello, ai Domani…

Solo amore vero, cercasi!.
"Non voglio entrare come a un caffè!" (lui)
"Non sono un bar pel tuo caffè!" (lei)

"Da sempre vo inseguendo una chimera…
Sembrava si avverasse a star con te.
Con te volevo star la vita intera,
ma entrar mi fai, così…come a un caffè! (lui)
(ma tu entri in me…come entri in un …caffè! (lei)

L'amor che voglio è quel che m'ama in toto,
è un'addizione solo a due fattori.
Non chiedo amor che intorno lasci un vuoto
che riempirai con altri nuovi amori".

Natale
Incredibile suono
d'incredibile lievità,
scende,
accende un lume
e un altro, e un altro…e tanti, e tanti…
Piccolissimi sogni
scendono
e fanno tutto bianco.
E la notte si sveglia
tra un volo d'ali
leggere,
e sfuma ogni nebbia al sospirar degli angeli
all'incantata vista...
Riccioli d'oro…
Neri ciuffetti, crespi…
Non importa come…
Dipinge la forma, e dà il colore,
ogni cuore,
del Bimbo ch'è di tutti e che è di ognuno.
Fa come un cenno una manina,
e scendono le stelle a far brillare
la via che sale in cielo,
che, solo, può salire
chi, per unica zavorra
in braccio porterà
con sé
quel Bambinello.
Canta la nenia,
il bimbo s'addormenta.
Canta i ricordi,
il cuore
e si fanno polvere
che scende dagli occhi, bagnati.

Me chiamo Spread!
Me chiamo Spread…Sto a ffavve cacà sotto…
Io sò er Primula Rossa de oggiggiorno
che mó ce sto…sparisco…e a l'improviso
ve zompo addosso e ve fo strigne er mazzo.

Nun è pe ddì…ma quanno arivo io,
pòi èsse ricco, anzi, un gran nabbabbo,
ma si li conti nun ce l'hai a posto,
te faccio prima diventà de ghiaccio,
cor viso bianco peggio de un lenzòlo,
e poi n po' sur violetto…rosso…blu…
poi bianco n'antra vòrta e senza fiato,
co er rischio che te pija er coccolone.

Ve metto tutti quanti a pecorone,
ve pijo a schiaffi, ve riduco a pezzi,
ve fo sgonfià la tronfia che ciavete,
ve posso fà zompà lo Stato intero,
perché m'avete sottovalutato:
nun me ve sete proprio mai filato,
e invece èccome qua, che…nun ve piacio?
Ma infino a mmó…nun me ce credevate…
Sperperavate tutte le ricchezze
convinti de la bècera certezza
che nisuno…ve se poteva fà…
E mó…io me ve faccio, sissignori!
Così imparate a vive a na magnera
più adatta….senza fà li spennaccioni,
e accontentannove - che n v'ariempite mai,
sti pozzi senza fonno! - Mó, giù ar fonno
ce state e ce restate, e ricacate
li sòrdi che ve sete strafogati!
Corpa…nun corpa… Chi 'n ce ll'ha sta corpa,
che se la vada a pijàssela co chi
la corpa sua, avoja, si cell'ha!...

E nun sto a ddì sortanto a chi a rubbato!…
ma puro a ognuno che pe avé er potere,
ha rigalato!...Ha spalancato porte…!
Ha fatto carte farze…ha inciuciato…
ha chiuso l'occhi...firma subbapparti,
strapaga co li sòrdi che la ggente
ha sparambiato in anni e anni e anni,
e a chi, 'nvece de fà da sé le còse,
le deve falle fà a li Professori,
che allora, llà, che cacchio ce sta a ffà,
si poi er risurtato è questo qua?

Bum-burubum-bumbù!
Bum-burubum-bumbù! Pe-pperepè-pe-ppè!
Osanna a Giorgio e a Monti, e a la Bocconi!
Ché grazie a loro - i grossi cervelloni -
da questa crisi ne usciremo, "oiné",

col pelo e il contropelo!…Che non c'è
chi meglio lo sa far, con trasfusioni
di euro, che si chiamano…suzioni,
come il latte succhiato dal bebè.

Casini - col cervello incasinato -
gioisce: "Oh! Alfine! La famiglia,
ha quello che per lei ho invocato:

di più per la famiglia! E ora ha più IVA,
ha l'ICI, e più fatica…Ora mi piglia
grandissima euforia, e grido: Evviva!"
______________________________

E Monti…"avanti-e-indré" è stato a fare
all'abbaiar di ognun che lui …mirava…
Morale: è sempre il povero a pagare
Ma per davvero, Monti, ci mancava?

Con venticinquemila* euro al mese
e… l'appoggio del "Grande Fallimento",
non si osa dirgli No…ed è palese
che è l'unico a godersi il…brutto vento.

Intanto "Spread" va in alto e fa: "Pè-ppèee!
Non ci capite un cavolo con me!".

*che avrà come senatore a vita, oltre a tutto il resto…

Vita
Per ogni creatura c'è una mamma
Ricca di fiori
Quando è primavera,
Di pelle rugosa
Nella morta stagione,
Sempre, un tesoro di fervido amore.

Pe'ogni mamma c'è un fiore sbocciato,
Palpitazioni
Di tutta una vita,
La sola speranza
È veder rifiorire
Quel suo bocciolo, che sboccia di nuovo…

a Mike Bongiorno

"Allegria!"
Non ha …lasciato mai,
ma ha sempre…raddoppiato,
Mike,
con passi su a salire tra le stelle,
passando per l'asprezza di alte vette,
nude, o di bianco rivestite.

E stella in terra è stato
in mezzo al gran via-vai di false glorie,
lui che di gloria vera s'è vestito,
invece,
negli svariati lustri ancor segnati
da tanta simpatia e semplicità.

Il suo vagar per l'etere, adesso,
è solo un continuar di quel vagare
quando per l'etere entrava in ogni casa
atteso ospite, più che di famiglia.

"Allegria!", dunque,
al suo pensiero,
al suo ricordo caro
per noi che insieme a lui siamo cresciuti.

Presepio
Da secoli l'artisti de gni sòrta
se stann'a spreme tutto er genio loro
pe celebbrà sto giorno che ce porta
na gran ricchezza…più d'ogni tesoro.

Pur'io quann'è sto giorno me innammoro
der pupo che viè qua pe oprì ogni porta
pe facce aritrovacce a cantà in còro
co Llui, su Madre, e tutta na gran scorta

de angeli e de santi, in paradiso.
Ma manco a ffà un presepio, sò n artista…
Però ce provo…Ecco…io l'improviso

qui drent'ar còre, ndove contro er gelo
ce metto er pupo…Ma me se rattrista
vedenno che nun batte pe 'r Vangelo…

Quando l'onde del mare
(a Lisa)

Quando l'onde del mare
riposeranno sopra un velo di pace,
coi remi tirati sul fondo
daremo piccante show alla luna.
Lei non potrà non guardare
i nostri momenti senza confini.
Poi resteremo noi due a fissarla
mentre si specchia in vibrante emozione.

Respireremo le ore salmastre
illuminate appena, di stelle.
E sarà dolce il dondolio argentato
nell'accennato sciabordio
che culla,
e i nostri contatti di pelle.

Mentre
come motivo di musica
muto risuona
lo scintillio di luci
su in cielo.

Dedicata a Alessia e Michela Orlando

Cilento
Per quanto il mondo
patrigno ti sia stato, avaro
di ricchezze da forziere,
benigna la natura ti ha donato
bellezze di paesaggi, e buoni frutti,
e caldi aromi,
e intelligenze fini.
E in chiare acque azzurre puoi specchiarti,
coi borghi e le scogliere,
e Sapri canta
la breve vita dei trecento eroi.
In seno serbi tradizioni antiche,
e non ti lasci trasportar dal vento,
ma quieto segui il tempo, e non l'avanzi,
aperto al sole,
e al volto umano delle umane cose.

Dello sbarco ancor le rimembranze
rinnovan la tragedia e la paura
e portano fantasmi bruciacchiati…

Agropoli, Pisciotta, Palinuro…
e Camerota che è incontaminata
nella montagna sua e nel suo mare,
dove d'Enea si ammainò la vela,
e il Vallo di Daino, nel Parco
(che dal tuo nome prende il nome suo),
son vere meraviglie, e generoso
con la modestia innata di chi è grande,
al mondo offri e al mondo ti spalanchi
bramoso del calore della gente,
di idee, culture, di poesia e d'arte,
tant'è che al fiume tuo che le trasporta,
hai dato proprio il nome di Calore.

A Eboli, che lì al Cilento è presso,
Cristo s'è fermato…han detto…Ma ha lasciato
per chi voglia afferrarla, la staffetta...

E Alessia con Michela, l'han raccolta.

Vo scandagliando l'abisso profondo
(a Lisa)

Vo scandagliando l'abisso profondo
scavato dai giorni del tempo ch'è andato.
Cerco ragioni che qui m'han portato
dove sbiadisce d'amore il ricordo.
Era di duro granito forgiato
che solo un fiore bastava a tornire.
Strugge e distrugge, vederlo finire
giù scivolato nel buio che avvolge
e la luce nasconde
che allor risplendeva,
sentirne il calore mutato nel gelo
che fredda, e sconsola, lacera, annulla…

Passa la notte…Ritorna l'aurora,
vagano ancora, ma vanno sfumando
l'ombre maligne che m'hanno portato
tanto scompiglio, e paura, e tremore,
davanti a noi, accanto distesi,
più stretti di quanto è possibile fare.

Fatti - Una poesia
Napoli darebbe/dovrebbe dare a Vecchioni 220 milioni di euro pubblici! Per il Forum delle Culture nel 2013. Intanto Monti, pure lui intasca, ma tanta fretta di fare per salvare il Paese sembra non esserci più…Va a Strasburgo, ma non riferisce…La Germania pensa agli affari suoi, e non accetta euro-bonds, e la banca europea garante. Se tutti i paesi vanno in crisi, i grandi soldi dove vengono messi? C'è un piano di destabilizzazione per noi e per l'Europa?Tanta gente è propensa alla patrimoniale, ma…per gli altri…E il Presidente d.R. pensa a sistemare lo straniero; comunque, finalmente fa la ramanzina a Magistrati e Pubblici Ministeri…Le banche pensano a salvare se stesse ,e il sindacato le sue idee, e chissene se la FIAT…se ne va… L'opinione pubblica spande malumore, se non addirittura terrore, che non giova alla ricrescita…Se le case verranno castigate, le case non si compreranno più…e poi hai voglia a predicare la ricrescita… (27 Nov. 2011)

Qui fàmo a nun capisse!
Ma li morté…! Qui fàmo a nun capisse!
O tutto sto gran pianto…è un teatrino?!
Come se fa…si n pàsseno ste fisse
de sperperà li sòrdi - e qui me inchino -

a la curtura…che ce vò…e va bbene…
Ma…A De Magistris! Che te fai…le pere?
Immezz'a sta gran crisi che n se tiene,
che cacchio sò ste idee da finanziere

de dà a Vecchioni er mucchio de mijoni
che pe fortuna sò venuti fòra…!?
A llui…che canta le…rivoluzioni!
Ve deve da gnottì la "morta gora"!

Ma poi, a de Magì…a parte tutto,
a mme me sa che Napoli abbisogna
de quarcos'artro…E nu mme pare brutto
de falla uscì pe sempre da …la fogna!
(curtua è puro questa….)

O sto a sbajamme io…Ché, puro Monti,
er…grano bbello suo se lo nsaccoccia,
lui, che, de corsa, pe aggiustà li conti
è stato messo llì a ffà er capoccia,

sinnò - dice -…se cachevamo addosso…
Ched'è…la cacarella c'è passata,
visto ch'è un pezzo che ce sta, e n s'è mòsso,
a parte annasse a ffà na chiacchierata

côr duce e la…ducessa, su a Strasburgo?
Che quer che lui j'ha chiesto…nu lo fanno,
ma lui, cioè noi, dovemo fa lo…spurgo
de le saccocce nostre, euro-malanno!?

Ma llui fa er misterioso, n dice gnente…
Dall'EU, però, quarcuno fa sapé
che quer che sta a imbasticce er Presidente
sò càvoli!...pe vvoi, pe mme, pe tte…

Li tèutoni ce vònno commannà,
e stann'a ffasse l'affaracci loro,
e poi…chissenefrega. Eh, no!…nun va!
st' Europa-a-voci-singole-e-no-un-còro!

E sto governo de professoroni,
davero ha da servì a sarvà er Paese,
o a faje solo male…? La "Bocconi"
pe intanto, mo ha 'mboccato, e de palese
c'è solo che nun era…Berlusconi.
Speranza è che n ciammazzino de spese,
e de nun èsse 'i soliti…abbocconi!

Ma poi…
Si tutti se la stamo a vedé brutta,
e quarsia Borza ar monno sta perdenno,
li sòrdi, queli grossi, a dilla tutta,
chi mo cell'ha…ma che ce sta facenno?
Ma nu è che in giro…ce sta un quarche piano
de quarchiduno, de…slongà le mano...?!....

E pe finì…
Qui tutti stann'addì "È cammiato! er monno…
Li sòrdi n ce sò più com'era prima…",
ma appena je fai n tajo…eh, no! Nun vònno!
ché deveno pagà quell'antri…in cima….

E nu je c'entra, che sta…cima, è bassa,
e chi sta a ddì: "A quell'artri…!", ha da pagà
pe primo proprio lui quarsiasi tassa,
che a Monti, e all'artri bravi, j'annerà.

E Giorgio, puro lui, mo che sta a ffà?
A la facciaccia der momento nero,
sta predicanno che je tòcca dà
quarsiasi beneficio a ogni stragnero...

E, a proposito, a Giò, è stato bbello
quer…canto che j'hai fatto a li togati.
Strano è che solo mo che n c'è più "quello"
t'accòrgi quanto arcuni sò bacati.

Banche e banchieri sarveno er tesoro,
FIOMM e CGIL…er pernziero loro…
mentre Marchionne porta via er lavoro.
E intanto, l'oppignoni avvelenate
schizzeno er siero da schermi, e testate…

E mmo che ffai, Sarkò?
E mmo che ffai, Sarkò…'ncominci a strigne?
Daggià te stai vedenno declassato?
E come mai…tu, er granne Sarkozì…
Sì!…er granne tappo co le granni recchie…
Che ffai: nu ridi più?
Tu ce lo sai che quanno - come còrvi -
se metteno a giratte torno-torno
vòr dì: ce semo…e nun te sarvi più!
Embeh…sai che te dico? Ch'è un piacere,
perché quelo ch'hai fatto nun se fa…
La bbòna creanza, inzegna!
Ma tu la bbòna creanza nun cell'hai,
e mmo…metti le mano in dei capelli
e prega che, quel'amichetta tua
dar culo grosso, e grasso
(che avrà sbajato puro, chi l'ha detto…
ma come vedi qua nisuno è santo)
n se metta a ffatte quela risatina
che in coppia avete fatto a noi de qui!
Che dichi? Che nun te dimetterai?
Eh, già…! Sortanto un venditor de fumo,
e un cèco che l'ascôrta,
te pònno inziste a ffà le figuracce
che infino a mmo hanno fatto - e tanto! qua -
li…sapientoni…e infatti
si prima qui era…scuro, mo è …antracite!
Et donc…attention, gare! mon cher monsieur,
che…er bòtto s'avvicina!
L'Europa nun sei te…né la culona!

Sussurro
(il piacere)
(a Lisa)

Paroline al tuo orecchio sussurro
e un fumo profumato di piacere,
come incenso, s'alza voluttuoso
dalla pelle tua inebetita, e dolce
e asprigno t'avvolge,
e come seta, delicata
t'accarezza,
e sempre di più, lieviti
dentro uno splendore tutto azzurro.

E patina calda di sudore, gronda,
la pelle,
e i rivoli di sangue,
dentro, ti trasforma
in fiumi di piacere,
che in te si spande a dismisura…e esonda.

I politicanti…abdicano a favore dei "tecnici" (Novembre 2011)

Fuori tutti…ecco la porta!
Ora sì! che è chiaro il tutto:
(non per tutti, ci scommetto)
"La politica, anzitutto!
E i politici…! Che, lì,
stanno a fare l'interesse….!" (?!?)
…ehm…di chi?!

Proprio bravi, tutti quanti!
Tutti venditor di fumo,
falsi, tronfi ed intriganti
(tranne alcuni, certamente).
Nel momento che al Paese
stanno a fargli far le spese
di anni e anni
di scialacquo dei denari
(quelli nostri, beninteso),
e qualcuno conta i danni,
che ti fanno?
Come sempre tutti quanti
stanno a far, miseramente,
solamente i…casi loro:
che tradotto, è la poltrona!
E alla società "abboccona"
che lì, sempre li mantiene,
le presentano, così,
senza un poco di vergogna,
uno che non c'entra niente
pur se in gamba è ritenuto.
E ci dicono: ecco qua,
ora a quello che non va,
a ogni cosa che è da fare,
a dar conto dei denari
che usiamo sgraffignarvi,
alle voci di bilancio,
ad alleggerir le tasche
troppo piene,
e a gonfiarci dei taschini,
e a tenervi negli uffici,
ed in fabbrica a sgobbare
fino a che la pace eterna
non si cali su di voi,
ci staranno loro, i saggi,
e ci penseranno loro
a trovare alfin "la quadra".

Bene! Dunque…dicevamo,
dato che ora è tutto chiaro,
deputati, senatori,
presidenti, segretari
litigiosi e inconcludenti,
portaborse, consiglieri,
infiltrati e faccendieri,
puttanieri e indagati,
ideologi venduti,
e burocrati e ministri,
terroristi reintegrati,
bugiardoni sbugiardati,
spendaccioni oltremisura,
da galera, molto spesso
- come avete dimostrato -
di voialtri - tutti quanti -
condannati, poverini,
da… "una Legge"* ad una paga
da nababbi,
e a pensioni da eldorado,
non ne abbiamo alcun bisogno!
Favorite, dunque - tutti! -
e levatevi di torno
dalla destra alla sinistra
traversando per il centro.
Senza più quel che costate,
in un lampo, la finanza
si risolve, e anche lo "spread"!
E il gran debito si scema,
e il "fare-well" per tutti quanti,
ci sarà
senza se e senza ma,
senza guerreggiare in piazza.
E la sintesi, è questa:
se <responsabilità!>
è affidare a altrui il problema -
cari i miei politicanti -
noi…che vi paghiamo a fare?!
Dunque…a casa tutti quanti!

Ma già…! Questo è solo un sogno…
Ché nel mentre c'è chi aggiusta
(beh…vedremo…)
quel che non sapete fare,
cosa fate?
State ad affilar le lingue
per la prossima "campagna",
per rifar le divisioni
che dividono il Paese,
per imbecillir le menti,
rimangiandovi "le intese"
che son l'unica ricetta
per il bene del Paese.,
Ma a voialtri - e ben si è visto -
poco importa…
voi la piaga, la magagna,
d'una società sì bella!
Dunque, prego: ecco la porta…

* sempre tutti pronti a dire che : "c'è una Legge che consente…"

Un fatto…una poesia
Questione governo-salva-Italia…Di Pietro grida in diretta che mai…e poi mai! avrebbe appoggiato il governo tecnico proposto…e in sostanza già insediato. E gridava che l'unica possibile soluzione era quella di andare alle urne, subito.
Era il 10 novembre 2011. Ma il 12 novembre…


Tutti bbòni…tutti bravi!
(chi comanna nu lo fa mai da solo)

Tutti bbòni, tutti bravi
a sparà fregnacce ar vento.
Caro Antonio, spergiuravi
solamente er giorno prima
de fà er puro, e de èsse duro
contro 'i tecnici ar governo.
Detto fatto - er giorno dopo
te sei sciòrto come er sale…
drento ar carderone tuo,
e in un attimo - da lupo -
te sei fatto un agnellino…
Mo, difenni a spada tratta
Monti, er tecnico inventato
da 'r Gran Capo de lo Stato.
E scommetto ch'hai capito
quelo che nun t'aspettavi,
cioè che un capo fa li conti
co chi…lo fa èsse capo.
A…quarcuno sò zompati
tutti addosso, te compreso,
come l'unico a avé côrpa
d'ogni fatto e ogni misfatto
e a nisuno je passava
pe la capa che nun era
lui da solo in quer governo,
a decide e a ffà le cose,
tale e quale come adesso
t'è successo proprio a tte.

a Daniela e al suo ristorante "Il Rischio".

"Er Rischio"
Si vai su pe la Tolfa, a un certo punto
te tròvi a Allumiere, un bèr paesotto
e è llì, che proprio appena, appena sotto,
ce sta La Bianca, indove che c'è - appunto -

"Er Rischio, côr su'gran bèr terazzone
che s'affaccia su na scena de vallata…!
che a mettese a guardalla è na magnata
pell'anima e pell'occhi…una visione".

Ma er mejo viè imboccanno er ristorante,
che è na visione bbella puro quella…
Ma ancora è gnente! C'è la regginella
Daniela, che sta llì tutta pimpante,

caruccia e tutta piena de attenzioni
co tutti, perché la soddisfazzione
de fa godé ogni piatto, ogni porzione
a chi va llì…pe llei n cià paragoni.

Chi va a magnà in quer pòsto, è necessario
che er magnà prima deve da zompallo
sinnò quelo che porta n pò magnallo
ché ortre a èsse bbòno, è tanto! E è vario…

Chi nun c'è stato nu lo pò capì…
Ched'è così speciale?! Tutto quanto!
Quarsia portata è extra…e è 'n granne vanto
pe "Er Rischio"e pe Daniela, e chiunque, llì

ce passa er tempo a preparà li piatti,
a mano! Nota! E inortre a sta bontà,
er conto pare dì: "Ce pòi tornà"…
E puro vino e dôrci…sò da matti!
La situazione al 9 Novembre 2011: dimissioni del Premier . Poi, cambierà…si spera.

"Per il …bene del Paese!"
Per "il bene del Paese"
noi vogliamo, in alterno,
il governo…senza "quello".
Si comprenda: sono anni
che malgrado i tanti affanni
non riusciamo a farlo fuori.
Ciò ci stressa, il che è evidente.
Dunque, ecco che insistente
si fa il motto registrato
sia che scritto - sia -
o parlato,
che così - a cantilena - va cantato:
"Dimissioni!…dimissioni!…passo indietro!…",
come un…saggio ci ha insegnato,
che da mesi e mesi ormai,
ce l'ha fisso nel cervello
e sa dir soltanto quello.

E lo "spread" - un mostro sacro
che qualcuno s'è inventato -
ultimamente
ci si è messo pure lui
per scavargli quella fossa
che da anni han progettato:
giornalisti, traditori, editori, giustizieri
con le toghe…birbaccione…
E quel "duo bacchettatori"
dietro gli euro-leggii,
glielo scaglian sul groppone,
e nessuno gli si oppone.
Anzi…!
Più gli fanno le smorfiacce
più ci sta chi è più contento
e al par d'un bell'evento,
ci si bea…batte le mani…
e si dicono …italiani…!
Ma oramai ci han fatto il callo,
a mandare alla malora
(denigrandone il suo Premier
giorno-e-notte-e-notte-e-giorno
dai mass media, di cui solo
"lui" , non altri, disponeva),
il Paese…pel suo bene!

Per il bene del paese
finalmente si è deciso:
toglierà il suo…grande ingombro,
proprio "lui"…sì…l'additato,
non appena avrà risolto
il problema prospettato
dai due "gran bacchettatori",
primi attori…bravi in tutto,
anche a prendersi un potere
che nessuno gli ha mai dato.
Nella "lettera" che ha scritto,
"lui", ai Capi dell'UE,
c'è stampata bella chiara
la migliore soluzione
che l'UE ha già approvato,
perché è quel che avea dettato.
\
Ma che cosa…che succede?
Non doveva farci questo!
Noi non siamo preparati!
Perché si è dimesso adesso?
Siamo tutti spaesati,
ché dal sogno e dal torpore,
dove così tanto bene
noi stavamo a non pensare
salvo per quei tiri in viso
delle mille derisioni,
ci dobbiamo risvegliare all'improvviso!
La politica è sconvolta!
E il Paese ancor di più.

Non lo vedi come stiamo?
Noi non siam per niente coesi
Tu ci hai presi alla sprovvista:
fino ad ora ci hai incantati,
siamo stati a perder tempo a gridare "Dimissioni",
e…adesso…
la politica è sconvolta!
L' "anti-quello"ci legava,
era l'unica risorsa,
e adesso,
quella forza s'è dissolta…
Siamo tutti contro tutti,
tutti abbiamo idee diverse,
altro che concertazione…
e nessun di noi è pronto
a firmare quel che serve, e vuole l'UE!
Anche in considerazione che non siamo stati noi:
qui, a vincer sono stati: la gran crisi,
la finanza, Sarkò-Merk, e …i traditori…
E il Gran Debito…!
Che nel tempo, tutti abbiamo accumulato.

E i "Santori"…che faranno?
E "Il fatto quotidiano"?
Giornalisti, opinionisti,
gli spioni…
che faranno, senza Silvio Berlusconi?

Ora il vaso di Pandora si è spaccato,
e la cosa che vien fuori…è solo caos…

Mentre il mondo finanziario ci aggredisce
sempre più, e lo "spread"…
Già….lo "spread"…Ma…quei grandi cervelloni
non giuravan
che le attese dimissioni
lo facevano calare…e calare…e ancor calare?
Si è dimesso…e schizza su!? Ma …e allora…?!


Quel tizzon del Cavaliere
reso gli ha "pan per focaccia":
han voluto aver la bici?
Dunque, adesso, senza inciuci,
senza niente larghe intese,
e col voto…lo spauracchio…
poi, perché? se anche il Capo dello Stato
bene ha fatto a prospettarlo come fatto naturale,
vadan dunque pedalando,
senza …dove, e senza…quando…
Firmin loro! ogni legge…anti-sociale,
quel che al popolo fa male.
Faccian loro il voltafaccia innanzi al popolo sovrano.
Ma già, loro, stan cercando
a tutta forza,
che il lavoro sporco e ignobile sia fatto
da un qualsiasi …terzo incomodo…
Monti, o chiunque appaia adatto.
Ma ancora non è questo
che è davvero il loro cruccio:
ché anche ora che, da solo,
si è auto-accantonato -
e così sarebbe pur se fosse morto -
la paura li attanaglia che un bel giorno,
si potesse sentir dire…che è risorto!

Bignè
(a Lisa)

Come un bignè che è buono già a guardarlo,
ché fa venire l'acquolina in bocca,
sei tu a guardarti, mentre il buono tuo
tutti i miei sensi allarma e a te li attira.

Mentre l'assaggio il buono suo si spande
nella mia bocca e sopra le mie dita,
e sulla pelle mia, è il tuo contatto,
festa del gusto, in fisico e in astratto.

Ecco…è arrivata, la sera
Ecco…È arrivata, la sera
che porta il placebo
ai duoli dell'anima presa nel giro.
Il giro ove il giorno la gira
e la strizza e strapazza,
e a sera soltanto, pe' un po'si distende.
Guarda la luna,
e l'ombre fuggenti,
cala su essa un ricordo, e si stringe,
l'anima, al corpo,
cercando un riparo, che riparo non è…
A volte, la sera,
è peggio del giorno che corre e non lascia
nemmeno un minuto per stare a soffrire
nel turbinio degli attimi in corsa.
Come il delirio, che non si comanda.

Scorre e trascina, la sera, la notte.
Prende la notte di già il sopravvento.
L'anima vede ancor meglio nel buio,
ma neanche si sente mentre rosicchia
l'anima, il sogno agitato, e confuso.
Confusa, al mattino, la notte si stinge,
e la luce distingue ogni cosa reale
dall'irreale, e riprende la corsa,
e l'anima gira
nel giro, e la strizza e strapazza,
il giorno che passa…
Passa, ma lascia nel cuore una traccia:
e solo a sera t'accorgi cos'è.

Il suono
(la voce di Nando Gazzolo
dei teleromanzi 60's
)

Non van sentiti solo, ma ascoltati,
i suoni,
per viverli ed esser di essi parte,
come quando si capta ogni strumento
dei tanti che fan parte d'un'orchestra.
Imbeversi del suono e farlo entrare,
lasciarsi penetrar la pelle e il cuore,
perché diventi parte di noi stessi,
e al vento non si libri, inutilmente.

Ma che sia suono, però…e non rumore!

Come quando inviamo nella valle
la voce
e stiamo ad aspettare che ritorni
dopo il rimbalzo, e solamente allora
ne conosciamo ed apprezziamo il suono.

E un suono, quando è suono accarezzante,
e è ben forgiato, e è bello da ascoltare,
e è "ascoltato" - appunto - e non "sentito",
lo senti non soltanto con l'orecchio,
ma con il cuore, l'anima e la mente.

Di quella voce assai particolare,
tranquilla, e calda, e ben forgiata ad arte,
seppure tanti lustri sian passati
la sento ancora uguale come allora.
Non parla più, di Nando, la gran voce,
ma di quel suono bello ancor son pregno,
così com'era quando ancor suonava.

Alquanto osé, sull'evolversi dei tempi...e dei costumi.

La donna s'è cammiata
(ma all'anima der cammiamento!)

"Na sera ce dovressimo incontracce…
Ma nu mme sta' a fraintenne, ch'hai capito!
Così…pe stuzzicacce l'appetito,
ma senza arivà a ffà…certe cosacce…"

"Cosacce, a Re'? Si vòi che devo stacce,
nu mm'accontento mica a ffà côr dito!
A mme me piace a ffà a moje e marito,
sippuro che n parlamo de sposacce."

"Nun ce speravo, a Ni'…(che gran mignotta!).
Me te facevo tutta santarella…
Viè qua che te do subbito na bbòtta".

"Na bbòtta, a Re'? Infino a domatina!...
Metti na mano…senti quanto scòtta…
E nu j'abbasta certo na svertina.

Embeh?!...E che fai, a Re', nun te s'addrizza?
Sognate de scopavve ogni <velina>…
Che ommini!...A Re', ma vaffannizza*!"

* Esclamazione molto usata qualche decennio fa per evitare la vera parolaccia (la nizza, comunque, era un vecchio gioco molto popolare a Roma, in passato).

Lieve m'accarezza come piuma
Lieve m'accarezza come piuma,
dolce il bel ricordo di mia madre.
Posan le sue labbra sulla fronte
zuccherosi baci, e ancor li sento.

Ora la mia mano le accarezza
quella sua rugosa, e all'occhio stanco
son sempre il bimbo suo adorato,
fa un sorriso triste e…s'allontana...

La gran trovata!
(la tassa su la patrimoniale)

Nisuno, immezz'a tanti chiacchieroni,
me pare un tipo svejo, de penziero…
Se credeno chissà…! sti gran minchioni,
e invece, spece a manca, sò sincèro,

nun ce n'è uno bravo pe davero.
Se stann'a strofinà li cervelloni…
ma n sanno fà un discorso tutto intero.
Ariveno, sì, a ddì: "Li patrimoni

cell'hanno li ricconi, ed è normale
che è da pagacce la patrimoniale!".
Io nvece andrebbe ortre, pe ffà cassa.

Ascorta, a Re', chi pò pagà sta tassa
vòr dì che è ricco…E allora va tassata
sta tassa! Dì…nun è na gran trovata?!

Sera
S'ancora la vela
Vola la falena
Plana l'aquilone

Canta il grillo all'aria una canzone.

Sfreccia giù una stella
Dondola la culla
Dorme la farfalla

Muggono i sospiri nella stalla.

Corrono le ruote verso casa
per strade scure o poco illuminate
nella sera spalmata a distesa.

Poi le ore portano la notte
che s'empie di gioventù fremente.
Volano i pensieri, e nella mente
nasce una preghiera al buon Gesù.

Dictat a tutto spiano…Europa…? Ma quale? Quella di quei due…allargata a quelli che non hanno nemmeno l'euro?
Boh?! Ultimo dictat: " entro tre giorni" "dovete" portare le pensioni a 67 anni (e…i costi delle politiche - comprese le loro? - sssshhhh!!!!!). Ottobre 2011.


Reggime …
"A Re', di n po'…n ce sto a capicce gnente:
<reggime>…che vòr dì? Tra TiVvù e stampa
sò stati a martellacce, urtimamente,
côr dì che è quanno a méttece la zampa

ner potere, c'è solo un …prepotente…
e tutta la polemica divampa,
se fa feroce contro er diriggente
che sempre più a fatica se la scampa…

Com'è, però, che questo nun succede
co Sarkozy e co Merkel, che in Europa
nun perdeno occasione de fa véde

che sò sortanto loro a commannacce
e solo loro, sò che fanno…scopa…
e…zitti e mosca…noi dovemo stacce?!"

"A Ro', nu mme fa ddì…che poi c'è ggente
ch' è sempre pronta a ffà certe partacce…
Ma nun se ne dovrebbe fà più gnente!"

Nascere
Gridavi così tanto, amore mio,
da scuotere quel piano d'ospedale,
e non potevo farti niente, io,
se non cercare di lenir quel male

rubandotene un poco col pensiero
e insieme a te soffrir di quel dolore
sentendomene in colpa ma anche fiero,
del massimo momento dell'amore.

Guardavo una Madonna in mezzo ai fiori,
groviglio di pensieri nella mente.
Sul corridoio in cerca di dottori:
perché non ti sentivo più per niente?

Un'infermiera…Quasi l'aggredisco:
"Ma che succede? Come sta Lisetta?..."
"Signore, abbia pazienza, la capisco…
Ma Lisa sembra non avere fretta…".

Se ne sta andando via la mattinata;
sul muro, l'orologio segna l'una.
Dico: mai più una simile giornata.
Per nascere, anche, occorre aver fortuna.

Di nuovo un grido, forte, e il mio tremore…
È il dazio che deve essere pagato,
questo martirio lungo ore e ore?
Ma è stato l'ultimo, Dio sia lodato,
che finalmente è gioia: Andrea è nato!

L'allarme…allarme, rimane.
L'economia grida…e il Fisco dà il colpo di grazia.


L'economia
e il cane e la coda


"C'è crisi…! L'automobile italiana
non tira…non si vende quasi niente…
Va a picco il fatturato, e certamente
l'economia, così, non si risana!"

Che cosa…? Ti sei fatto una Giulietta?
Ma allora tu hai i soldi! A me una fetta!


"Da noi in Italia, il traina-economia
è in modo dominante l'edilizia…
e se va in crisi, qui, parola mia,
finisce la cuccagna e la letizia!"

La casa nuova…?! Dunque, tu sei ricco!
E allora…piatto ricco, mi ci ficco!


"La Borsa è sempre sotto…è un quarantotto!
E Piazza Affari è tutta quanta in rosso.
Davvero qui rischiamo il grande bòtto
se non compriamo più, a più non posso!"

Così, tu hai le rendite…? E bravo!
Mi spettano i tre-quarti…e già ci sbavo!


Morale è che dal Medio Evo a oggi
non è cambiato niente.
E se gli togli i soldi al cittadino
ti struggi inutilmente
per risanar le casse dello Stato.
Ché se chi spende viene ultra tassato
non può comprare…Serve l'indovino?

Roma, i fatti criminosi del 17 Ottobre 2011.

Li nòvi barbari! Parla Roma
"Gajardi…! Adesso, sì, che sò contenti
pe avé risòrto er gran probblema loro
de stà a sto monno senz'arcun decoro,
e pe èsse solo grossi delinguenti!

Dar tempo de li barbari fetenti,
ma che è cammiato? Loro in cerca de oro,
e questi, che la fanno pe lavoro,
la parte de li barbari…Ma attenti!

Che inortre a sti gran bravi a fà er terôre
(e spece co chi…se difenne poco),
ce sò - anniscòsti e senza disonore -

burattinari co li fili in mano,
che a famme concià tutta a fèro e fòco
vònno risòrve…quer gran loro piano!"

Chi?
Sembrava che la nave all'orizzonte
se fosse andata solo un po' più in là,
sarebbe scivolata a precipizio
nel vuoto siderale misterioso.

Fortuna che la mente di Colombo
la terra - ha dimostrato - è un globo tondo.
Ma questo non mi ha in tutto confortato
ché questo essere tondo, come tiene
la nave mentre voga a poppa in giù?
E pure se la scienza l'ha spiegato,
a monte dell'umana spiegazione,
ancora una risposta manca: chi?!
l'ha inventata la forza d'attrazione?

Sembravan l'ore andar per conto loro
Sembravan l'ore andar per conto loro
disgiunte dai miei impegni irrevocati
nel ricercare il serto mio d'alloro
nei giorni che passavano incantati.

Di verde mi vestivo, e in bagno d'oro
parevan certi sogni miei rubati
ai versi di poeti che io adoro
da quando in mezzo ai libri li ho incontrati.

Ma il tempo in grande fretta se n'è andato
e il sogno mio rimane incastonato
tra il verseggiare e il battere delle ore,

e il tenero pensiero d'un amore;
e il resto par disperdersi in un fare
cooptato e grigio, ma utile a campare.

Il cane solo…come un cane
Ho visto un cane:
davvero era solo…
come un cane.
Non diceva…
Guardava con occhi di pietà.
Ho guardato tutt'intorno:
c'era solo tristezza,
con quel povero cane, solo.

Gli ho gettato un biscotto.
L'ha preso con bocca di fame,
mi ha guardato…Chissà…
quel povero cane
solo e senza voglia.
Di certo ha ringraziato,
povero cane triste,
e solo,
che hanno abbandonato.

Gentile farfalla
Gentile farfalla, che appoggi sul fiore
la lieve presenza,
che onore
vederti volarmi d'intorno e planare
sul palmo di mano,
leggera!

Grazie pe' aver della breve tua vita
speso quest'attimo tanto prezioso.
Il tuo solletico sulle mie dita
smuove nel cuore un sorriso orgoglioso.

Ma va'…a riprenderti l'aria,
o graziosa,
mentre io, grato, ti resto a guardare.

Le ore dell' Ave Maria
Quando ombreggia, dopo il solleone,
si fonde con l'aria una canzone:
semplici rintocchi di campana
dicon di più d'una voce umana.

Il giorno passa e diventa sera,
passa un pensiero e si fa preghiera.
Si smorza il via vai per la via,
batte il batacchio l'Ave Maria.

Si ferma e guarda il suono che sale,
il cuore, e attacca un canto corale
che fa pensare a cose del cielo
mentre sul mondo stende il suo velo.


Anna P. Concia, del PD, afferma che "Se non avessero tutti quei privilegi non ce la farebbero…" (una di Sinistra!). Amato dice: "Io taglierei il mio stipendio…i miei privilegi …ma purtroppo c'è una legge che…" ("purtroppo…", ma si rende conto che dice?). Casini è tutto per la famiglia…ma vuole le donne in pensione a 65 anni…(che con le finestre diventano 66-67! Grossa presa per i fondelli da parte di tutti!). Ma le donne lavoratrici, destinate a fare le nonne, per alleviare il problema lavoro-mamma di figli e figlie (dato che strutture pubbliche…manco a pensarci…), che cosa sono se non "la famiglia"?! E…i bimbi…(?!?). La Marcegaglia ci vorrebbe tutti in pensione a 70 anni. Però a 50 anni in tutti i posti di lavoro sei…perseguitato…e, o scappi…o ti fanno crepare relegato all'angoletto. E l'età pensionabile, in Europa, sbandierata dai nostri, quando arriva è quella, o si allunga di un anno-due col gioco - che tanto piace loro - delle…finestrelle? Un tizio della Lega (xxx), ha detto: "Ma io ho più lavori, perché sono super qualificato… sono superlaureato…mi cercano…mi offrono cariche…" (invece gli altri sono delle teste di rapa….). Tutto detto in diretta TV…davanti a tutti noi…Senza vergogna !!! Etc…etc…etc…Ma come siamo "combinati per le feste!".
P.S.:Fini, per il caso" casa a Montecarlo", si sente protetto, ora che ha saltato il fosso…e la SX può definitivamente dire addio al suo "primato sulla morale", ora che è stata pizzicata in modo indifendibile, a prendere anch'essa la… marmellata, anche se Bersani…non ne sapeva niente di quello che combinava il suo braccio destro ehm…sinistro, Penati. Quando "altri" dicevano le stesse parole, c'era il terremoto…(2011).
Torna realistico il detto romano: "ER più pulito cià la rogna!".


Genìa balorda,
zozza, approfittona e ingorda


Dar come stamo belli comminati
e pe nun dové annà a finì più pèggio
dovemo da cercà de fà pareggio
perché sinnò…già sémo strafregati.

Me pare giusto a èsse…un po'incazzati
co queli de le Caste, che pe sfrèggio
inzìsteno côr sòlito sorfeggio
che da sta crisi, loro sò…esentati…

Difatti, pe…sarvacce da li guai
se stann'a sprème sur…come fregàcce:
penzione! Quela nostra! Sempre! E mai

je viè de daje un tajo a quela còrda
che je stà a tirà su…artro che focàcce!!
a sta genìa balorda, zozza, e ingorda!

Oltre alla parte avversa, interviene anche il clero! E crescono le procure… (Settembre 2011).

Er diavolo in perzona
Devi èsse proprio er diavolo in perzona!
si pure er cardinale ce se mette
a ddàtte la scomunica, e ammette
che der demonio stesso sei l'icona.

Ar monno n c'è nisuno che ce stòna
più pèggio de così…Che culi e tette
e…còse…de mignotte regazzette
sò er male che nisuno te perdona -

teribbile com'è! - che appett'a quello,
er malaffare e la pedofilia
de preti e cardinali - questo è 'r bèllo -

sò fesserie…sò robba che nun conta…
come anche annà a cercà la compagnia
der travestito, e quell'insana …monta.

Tu, dato che…sei 'r solo peccatore
ce l'hai addòsso ognuno e tutti quanti,
ché appett'a tte…sò tutti quanti…santi,
e tòcca, dunque, solo a tte a pagà
li peccatacci de chi st'accusà
come faceva ar tempo suo l'untore.
Te vònno tutti…come dì…scanzà
co un rodimento senza precedenti;
e una a una sempre più e più toghe
te stann'a mmette in croce…pe mostrasse,
e fann'a gara a chi te pò incastratte.
E sempre più procure
te stann'a côre appresso co la scure!
Mo puro er cardinale!
E nun se stann'accòrge che pian, piano,
nun solo a tte se pòrteno giù a ffonno,
ma a tutta la nazzione, innnanzi ar monno.
Però…com'è che a quelle mignottelle
le stann'a trattà come granni stelle
ormai in dieci…e cento trasmissioni?
Vòi véde - questo è un dubbio che me viene -
che puro tutti quelli, vònno avecce
da quelle stesse…stesse prestazioni?

Serenità
(a Lisa)

Ho te, e che me ne importa
se tutto gira storto e s'incasina…
Con te ho tutto il mondo tra le mani.

E il rinnovarsi d'ogni meraviglia
ogni oggi e ogni ieri
trasforma dolcemente nei domani.

Che scorron via sereni in un crescendo…
com'è pel fiume che diventa mare.

Re Mida
Non ho mai speso più di quanto ho avuto
e adesso mi considero un sultano
eppure eccomi qui che chiedo aiuto
perché ho tutto, tranne la tua mano.

Vorrei avere il conto in banca asciutto
e avere in cambio te come tesoro
perché senza di te la vita è un lutto
perché sei te che amo, che - anzi- adoro!.

Ma nelle mani mie ho un dono strano
e quel che tocco si tramuta in oro.
Vorrei toccarti…ma lo spero invano,
che con le mani mie neanche ti sfioro:

saresti statua fredda e senza vita
e l'avrei fatto io con le mie dita!
Perché, mi dai, o sorte, tal ricchezza,
se è proprio questa, che il mio cuore spezza?

Sull'accordo di Metz (incontro con Jean Madiran, 20 settembre 2011, Palazzo Ferraioli, con l'editore Luciano Lucarini))

Decadenza…?
L'aveva tutta arata e concimata
la terra dove poi ha seminato.
E piano, piano avevan germogliato
i semi dalla madre ingravidata.

In tutta l'area, fino all'orizzonte,
cresceva bella e sana e in abbondanza
la mèsse, pur tra certa mescolanza
di cui ne combatteva anche le impronte.

Di successione in successione il campo
con occhio attento è stato sorvegliato,
marcando quasi "a uomo", e il risultato
è che ogni erbaccia non aveva scampo.

Ma tanta cauta e attenta sorveglianza
col tempo ha cominciato un po' a smagliarsi
ed hanno incominciato ad infiltrarsi
gramigne, ed eccessiva tolleranza.

E s'adattò perfino a un compromesso,
chi aveva così bene coltivato
per secoli il podere, e preservato
attacchi ed invasioni, con successo.

Ma con l'accordo fatto si zittiva
il buon coltivatore, che doveva
tacer su certa erbaccia, che invadeva
il campo, tutta rossa e distruttiva.

Di certo non fu un fatto illuminato,
né illuminante quello che successe,
perché tradì il buon crescer della mèsse…
Ma quell'errore, poi, fu riscattato.

Comunque il compromesso s'è incuneato,
e errore porta errore, e oggi il campo
appare non avere ormai più scampo
perché d'altre erbe estranee è già minato.

Tutto è possibile, tutto si può
Tutto è possibile, tutto si può
in questo mondo di gran fantasia;
tutto si fa per la democrazia,
e in specie tanta, ma tanta popò…

Se ne fa proprio…ma proprio a gogò,
tanto che niente è più, ormai, eresia.
Di brutte mode il mondo è in balìa,
e di vergogna…più neanche quel po'…

Il motto è "Sia!", per tutto e ogni cosa,
in ogni casa, ogni via…ogni dove…
E l'altro motto che piace è "Osa!".

Dunque, con questi assai bei presupposti
perché meraviglia, se cacca, poi, piove
e tanta ne viene dai nostri…preposti?

Garbo di fiore reciso
Garbo di fiore reciso
conserva, il bel viso di lutto.
Se n'è volata la dolce illusione,
come farfalla leggera,
e in qualche sito s'è andata a posare;
cristalli in frantumi
preziosi, e perduti…

Non sarà mai più importante di adesso
il misto di dolce e amaro scottante
che se ne scende dagli occhi,
pungente, e salmastro.

Rosso su tutte le Borse: italiana, europea, americana (19 settembre 2011, una delle tante date).

La Borza ha ffatt'er bòtto!
(19 aprile 2011)

Er 19 aprile in tutt'er monno
la borza ha ffatt'er bòtto, e addirittura
ndo cianno un presidente da paura -
ch'è er mejo che ce sta sur mappamonno.

Nun so quanti mijardi sò iti a ffonno
sta giornataccia de la jettatura,
bruciati con na tar disinvortura…!
E chi cià perzo è tutto furibbonno.

Sta proprio a diventacce un gran penziero
sta Borza der malanno…e a daje fòco
sarebbe un gran rimedio pe davero!

Ma chi cià côrpa de sto gran macello?
Pe mme …nun vorei dillo, ma a ddì pòco,
dev'èsse côrpa sua…ma sì…de "quello"!

Che ad Àrcore, me sa
che ce s'è messo a ffà n artro bordello…
E tutta sta traggedia viè da llà!

In occasione della ripresa degli incontri al "Salotto Romano"…di nome e di fatto (13 Settembre 2011).

Comprimenti!
Nun serve de fà nomi, ché se sa,
quann'è che c'è da pìasse un comprimento
lo pìa sortanto...chi è che ce sa ffà...
Che ar solito nun è che ce st'attento

er tizzio, che co tanta otorità
fa l'ospite d'onore a un quarche evento,
pe incompetenza, o…ma chi lo sa…
E je se inchina, ar "lecca" der momento.

Così, cià la corona chi n dovrebbe…
E all'artri manco un "bravo!" a scappà via.
Ma…ce volamo sopra, a chi vorebbe

passà pe er mejo nfra l'associazzioni
che sò legate a Roma…chi sia, sia…
da sto Salotto*, che n cià paragoni.

E sémo operti a chiunque vò venì
a fasse un paro d'ore in sto bèr sito
che sempre fa er pienone: ècchice qui!
senza er recinto de n'associazzione,
e a gràtise, in libbera riunione.
------------------------------------------------------
E puro in artri siti, er comprimento
viè dato a vòrte a un modo un po' così…
ner senzo che si quer che stai a ddì -
a parte de com'è er componimento

che pò èsse er mejo scritto der momento -
si dice còse che nun vò sentì
chi stà llì a opignonà in quer sito llì,
ar massimo te piji un…bèr commento

che a vòrte pò èsse puro un mezz' inzurto.
Ma n ce se pò ffà gnente, ché ar penziero
n se pònno mette freni… E n pòi stà in urto

co chi sta a vive in quer bèr sito stesso
ndo' vivi tu, sippure che, der "vero"
nisuno ce po' aveccene er possesso.

*Biblioteca Vallicelliana - gioiello cinquecentesco presso la Chiesa Nova - dove si tiene - gratuitamente e senza tesserini - il "Salotto Romano" di Sandro Bari e Francesca di Castro, responsabili di "Voce Romana" , fondata da Giorgio Carpaneto - ed. "Pagine", di Luciano Lucarini.

Pensiero triste
S'è fatto acqua,
prima,
e poi è evaporato
il sogno.
Ogni giorno lievitava,
sfondando ogni recinto,
che vuoto, ora rimane,
a ricordare.

E l'immortalità è volata in cielo,
e poco illumina il sentiero,
che scurisce.

Il 6 settembre 2011(sciopero generale contro la "manovra finanziaria anti-crisi), c'è la piazza gremita di bandiere sindacali. Ad alcuni è data la parola, in diretta TiVvù. Hanno facoltà di parlare direttamente a rappresentanti di governo e opposizione. Che ghiotta occasione per sputare il veleno contro la casta (destra; centro; sinistra) che per sanare i conti colpisce i deboli, le pensioni…ma che per sé continua a tenere tutto!

Che popolo fregnone!
Quer popolo che scenne ne la piazza
pe strillà rabbia e sete de giustizzia,
mo, stava l'artra sera, imbandierato,
co la TiVvù pe faje fà in diretta
no sfogo in faccia a li parlamentari -
pe cui chissà che ròbba t'aspettavi -
ha ffatto, invece, pèggio der somaro
che in classe n s'aricòrda la lezzione.
Su la "manovra" ha detto du' frescacce,
e come "novità" è stato a insiste
che sto gioverno deve d'anna via…
scordannose der tutto de la casta,
che deve da pagà, tajà le spese,
levasse tutti queli benefici
che sanno ormai de marcio da fà schifo.
Nisuno ha detto gnente de ste còse…
Sarà che er sinnacato l'ha drogati,
che puro lui fa parte de sta còsa
- che è "còsa loro"…certo nun è nostra! -
Ma allora de che stamo a lamentasse:
pagàmo e zitti! E fàmoli stà in pace!

La vita, questa, è!
La vita, questa, è:
o prendere, o lasciare,
e farsene un perché
è quel che si può fare.

Non è come un affare
che serve a fare cassa;
è un dono ed è un donare
perché non sia mai lassa.

E poi che ritornare
indietro non è dato,
meglio è, se nell'andare,
si scansa ogni peccato.

E se anche, il giorno, è scuro,
lo illumini l'amore,
così che, di sicuro,
s'attenua anche il dolore.

La vita, seppur trista,
dev'esser bene accetta:
non perder mai di vista
che Dio! l'ha benedetta.


Fuochi artificiali
Scoppietta di gioia
il cielo, stasera.
Succhia, e da su poi sputacchia
scintille di fuoco dai cento colori,
e l'aria scuote con grande fragore
di crepitii e di scoppi paurosi.
Forse smarrita
o assai divertita
o pien di paura
guarda, una bimba,
cogli occhi sgranati:
ridere...? piangere…?
Mentre impazzisce, il cielo
lassù, co' esagerati sprizzi di gioia.
Scende una pioggia di schizzi di luce
e a metà si dissolve, nel cielo, più scuro.
Tutti col naso all'insù
a rimirare
un raro momento di felicità.
Ché brucia,
quel fuoco gioioso,
il male che cova nel cuore,
e, solo, vi lascia
un sogno di pace,
un pensiero d'amore.
Armando Bettozzi                                (Giorgia,
6 Settembre 2011                                (Maccarese, RM, 3 set 2011, "SI" di Claudio e Clara)

Claudio e Chiara,
da mo e pe sempre: sposi!


Tre Settembre, sur mare a Maccarese
ce stanno Chiara e Claudio a disse "Sì"
su la spiaggia ormai fresca, e le riprese
li stanno a immortalà in quer sito llì

co tutto er parentame e vecchi amichi
pe ffà de sto gran giorno na gran festa
da ricordasse, e sti sposetti fichi
ficcacceli per bene nde la testa.

E mentre er sòno de l'Avemmaria
se spanne e va salenno su ner cèlo,
li sposi vònno solo scappà via
pe annasse a gòde l'artro parallelo

e riportasse a casa un sacco pieno
de maggiche visioni, indò ogni vòrta
potecce annà a pescà sia côr sereno,
sia quanno c'è na nuvoletta storta.

Na quarche lagrimuccia, de sicuro,
sta a scenne giù qua e llà, e si nun se vede
sta a scenne giù l'istesso, indove è scuro,
drent'ar petto, spece quanno la fede

se 'a sò 'nfilata in pegno de l'amore,
li du' sposetti, e Aurelio co Maria
se stanno già a sentisse er batticòre
penzanno a un cuccioletto, o due, o come sia,

da aggiunge…a quela loro collezione...
Patrizia e Antonio puro, stanno llì
cor còre preso da la commozzione
ner sentì dije a Chiara quer bèr "Sì".

Inzomma, sta "love story" in sedici anni
nun s'è guastata manco na 'nticchietta
ma anzi, dopo un sacco d'arimanni,
da adesso ar duo Chia&Cla l'aspetta

na storia anche più bbella…proprio ar bacio!
Na favola lunghissima e felice
co llui che sempre côre…adacio, adacio…
e llei che sta llì a ffà…da direttrice!

zio Armando - 3 Settembre 2011 - con un oceano di auguri

In-pastificio all'itajiana
Che gran buriana quarche tempo fa…
côr giudice côr mattarello in mano,
che come e più de Cristo stava llà
a ripulì er marciume cortiggiano

da immezzo a li partiti de gni sòrta,
mettènno fòri uso l'ingranaggi
benché assai…untati, e da la porta -
a carciinculo - certi prsonaggi

sparirno (sarvo poi a riciclasse
n po' qua, n po' llà…), e parve chissaché!
Che da llì in poi, n doveva più sporcasse
le mano e la coscenza…côr…<caffè>

(pe dilla cor un semplice eufemismo)
chi deve da fà er bene der Paese.
Ma tutti quanti - tutti co un tempismo! -
se sò rimessi - chi in modo palese

e chi a lo scuro - a ffà così com'era
e addirittura pèggio, assatanato
da avé le mano in pasta a na magnera
da nun sentisse manco svergognato

nemmanco quann' è bell'e pizzicato
a ffà er ladrone…ad impastà …la pasta -
come se dice - e resta llì beato
ner bell'in-pastificio de sta casta.

E nu j'abbasta mai…mai è abbastanza
che pare che cià un bucio ne le mano,
e ne le tasche, e puro ne la panza,
st'in-pastificiatore a l'itajiana!

Da nostalgia braccato
Sto vivendo braccato
da amore e nostalgia del mio passato
dentro il suo cerchio
che via, via si stringe.

Inutile è ogni fuga,
ché tutto è stampato in ogni piccola ruga.

Albe di luce
sapor di primavera,
meriggi di fuoco, e l'inquieta sera.


Arabi e cinesi stanno spopolando con le attività commerciali. Aprono negozi a profusione. Come fanno? Chi li aiuta? Cosa o chi c'è dietro? Possibile che gli'Italiani non vogliono più nemmeno tenere una pizzetteria, un bar…? In varie parti d'Italia, paesini, o grandi città, capita sempre più spesso di prendere un caffè in bar diventati cinesi. Intere economie locali vengono sopraffatte: due per tutte: confezioni e stoffe a Prato, e borsettifici a Alba Adriatica. Per non parlare dell'intera zona intorno a Piazza Vittorio Emanuele, uno dei quartieri signorili di Roma, dove oltre alle attività commerciali, i cinesi si sono accaparrati interi stabili abitativi. Grazie a chi tutto questo lo ha voluto, e lo vuole…!

Er PIL ce lo fanno …loro
Ringrazziamo!
"Che immenzo chiacchierà, Romolo mio!
Ognuno cià da dì…fa er gran saputo,
ognuno è contro…e butta ne l'imbuto
giù er rospo e poi sentenzia, sant'iddio

che pare d'esse er solo a capì tutto…
Ma pare che nisuno sta vedenno
'n' epidemia che se sta diffonnenno
e che pian, piano sta mettenno a llutto

li commercianti in tante attività".
"È vero, a Re'! Le frutterie, mo stanno
in mano ar magrebbino, e in più, ogni anno
sò sempre più le pizzerie che qua

se stanno pìanno l'arabbi eggizziani.
E guasi tutti quanti l'ambulanti
sò indiani, pakistani…Li più tanti,
però, sò li cinesi, che a più mani

se stann'oprenno casalinghi a mille,
e tanti bar che ho visto qua e llà
pe tutta Italia…E qua…che fanno qua?!
Ce stann'a ddì (e aggià sto a ffà scintille…)

che er PILle nostro stanno a fallo loro:
e grazzie-ar-ca…! mo mme viè da dì.
N ce vò mica la scenza pe capì!
Er PIL lo fa chi è che cià er lavoro!

E si a lloro li fanno lavorà
e a noi no…de che parlamo, a Ro'?"
Dovemo puro ringrazzialli, a Re',
come certi fregni ce stann'a ddì!"

a una badante molto speciale

Ani, una badante molto speciale
(la badante romena di nonna Rosa)

Al fianco d'una vita che si spegne,
sul largo marciapiedi
altro non vedi
se non la casa tua lontano
con dentro chi ti aspetta, e non invano,
ché lì al più presto certo tornerai.

Nel via vai di altri condannati,
pure, accompagnati,
non prendi parte al chiacchiericcio,
schiva,
dedita solo a essere sostegno,
col cuore e con le braccia a chi il destino
ha messo a morte prima di morire.

Nessun di te è più degno
del provvido mensile
per regalar quel sogno a chi vuoi bene,
che stai pagando già, col sacrificio,
che dici che non pesa.
Però, già a fare bene la badante
è assai pesante, e inoltre
senza niente in più,
fai tutto quel che serve nella casa,
ed assicuri, ancora, che non pesa.

Verso di noi il crepuscolo veniva
(a Lisa)

Verso di noi il crepuscolo veniva
lisciando il crespo giorno rassegnato.
Sommessamente gorgogliava, intanto,
lo scorrere dell'acqua, tra le pietre.

Ci inoltravamo, mentre si scuriva
l'aria innanzi nel diventare sera.
Di due mani una, e l'altra a scansare
gelosi arbusti sul sentiero vago.

Di tra le foglie il chiaro della luna
t'illuminava gli occhi, ed in quegli occhi
leggevo come quasi una preghiera:
non farla più finire, questa sera.

Se pure ci provasse il brutto orco
a rompere l'incanto, come ha fatto,
a volte, quel magico momento
non finirà nemmeno oltre il tramonto.

A forza di andare per …culi, la faccia ne ha assunto le sembianze…
Ora vuole tornare…Certo! A riprendere i soldoni per riprendere le costose sedute…terapeutiche….
(strani certi silenzi, di donne e non, che sono stati invece "terremoti"….per altri vizietti di altri personaggi…Le parole di "giustificazione" di Marrazzo suonano come offesa per tutte le donne: e allora?...). (2011)


M'arazzo…tutto quanto!
"Ma che ve credevate…che davero
me s'era rinturcinato er cervello,
pe cui, pe dimostramme un òmo vero
annavo co li "trans" a ffà bordello?

Mo ve lo dico in modo assai sincero:
dovemo faje tanto de cappello
a uno pe uno, o italo, o stragnero,
ché ssò li mejo ar monno a pìà er pisello!

Sò donne, sò, a la massima potenza!
assai deppiù de na quarsia mignotta,
e stanno llì a sentitte co pazzienza,

e nno come n'amante o quarsia moje…
Ciannerò ancora, puro si ogni vòrta
me svòteno le tasche…ortre a le vòje.

E a sto proposito (pe ffalla corta),
votateme!…aritorno!...sò Marrazzo,
che solo co li "trans"…tutto! m'arazzo*!"

*arazzarsi: eccitarsi sessualmente.

 


(da Internet)

Supplizi inenarrabili t'ho dato
(preghiera)

Supplizi inenarrabili t'ho dato,
Signore, nato al mondo che hai creato,
che, pur, contro di te si è rivoltato.

E con le mani mie, che ho "lavato",
le mani tue ho preso e ho inchiodato
sul legno della croce
con Maria a gridar senza più voce.

Nel lago di lacrime che ha versato,
ch'io possa entrare, e uscir purificato.

Er vermine coraggioso
                        e la gazza risentita


Un vermine, che s'era appennicato
ne la panza porposa de na pera
se sveja a l'improviso, disturbato
dar canto de na gazza bianca e nera.

S'affaccia e fa incazzato: "M'hai svejato!
E nun è mica questa la magnera
de rompe a st'ora a un pòro disgrazziato
che è stato pe na matinata intera

a trapanà sta pôrpa pe infilasse
dar bucio e passà er tempo ad ingozzasse!
Vedi un po' d'annatte a ffà un bèr giro!"

La gazza ner sentì tanta aroganza
da quer gnappetto, se lo infilò in panza
dicennoje così: "Io t'ammiro

pe er coraggio e la tanta sfrontatezza.
Ma vanno usati co consapevolezza:
io già, a tte me te magno pe natura,
e m'attacchi co tàr disinvortura!?"

I politici non ci sentono…e parlano a vanvera abusando della parola "responsabilità (Agosto 2011)

Re-spon-zab-bi-li-tà!
(sonetto anomalo)

È na còsa che tutti cianno in bocca.
E je piace! Che je ce pure schiocca
la lingua come quanno sente er vino,
quelo bbòno, che è da palato fino.

Ma come er vino che va ggiù e risòrte,
e n ciarimane gnente, tutte 'e vòrte
"responzabbilità" vola ner vento
e ognuno se la scòrda in quer momento.

Mette a tutti paura, sta parola,
perché sta a dìe de strìgnese la cinghia,
e devi sentì! come ognuno ringhia!

Come er cane che sta a rosicà l'osso
che si t'accòsti pò zompatte addòsso,
e sbava, che ce vò la bavaròla!

* Si è anche tagliato l'indennità di senatore a vita…Cioè quello che è sopra il top del top del top…il non plus ultra - si potrebbe dire. Ma si tratta di ciò che sta percependo attualmente mentre percepisce l'onorario da Presidente, o di quello che continuerebbe a spettargli alla fine di questa carica? Comunque, ai ministeriali sono stati tagliati i piccoli aumenti immediati e futuri per alcuni anni, cioè l'adeguamento al costo della vita, che ora gli costa ancora di più. Se avesse fatto un taglio al suo stipendio attuale avrebbe fatto qualcosa di più encomiabile, più in linea col danno subìto da tanti cittadini. Comunque (senza stare a badare all'età…che viene spontaneo domandarsi: ma che ci deve fare uno con così tanto a quell'età?) una quantità di privilegi gli rimangono a vita. Comunque, sì, sempre meglio di niente…sempre meglio di tutto il resto della "banda della politica", ma…

A Giò, vorai scusamme si m'azzardo
A Giò, vorai scusamme si m'azzardo -
me scuserà uguarmente chi in partenza
se stranisce si sente a…nominatte

invano, proprio a tte, che sei 'n gajardo
Presidente - e te fò la riverenza! -
ma tòcca dì che nu è nu rispettatte

si c'è da dì che er gran bèr gruzzolone
che te intaschi nun è che è diferente
dall'artri gruzzoloni esaggerati

che vann'a finì drent'ar borzellone
de tutti l'antri…e che noi, "la ggente"
voressimo che fussero tajati.

Nun è pe insiste, ma, però, a Giò,
quer tajo ar vitalizzio tuo ch'hai fatto,
sò sessantotto euro*…Mo nun so…

però me sa che immezz'ar fregandò
che ar popolo lo fa diventà matto,
dovresti stacce puro tu…O no?!

Ma tutti l'antri stann'a ffà anche peggio
perché mo co la scusa der "pareggio"
è sempre er pòro fesso a quadrà er conto,

che lloro fanno a chi è 'r più finto tonto,
e fin'a che ce pònno svenà a nnoi,
a lloro che je frega…Forse…poi…!

(Ma poi, la crisi un giorno passerà
e ar dunque "er loro" nun ce servirà,
ché pe annà avanti, arfine, abbasterà
er "sangue" che ce stanno a salassà!)

al dibattito parlamentare (3 agosto 2011).

"Regina-Reginella"
in un gioco di bimbi - si diceva -
chiedendo: "Quanti passi mi darai
pe' arrivare al tuo castello
con la fede e con l'anello?"…
"Tot così…o tot cosà…rispondeva
incitando il cavaliere con un "Vai!"

il bambino o la bambina "reginella".
Chissà…forse è per via dell'età
che fa tornare un po' bambini, ma
è a quel gioco dei passi (e questa è bella!)

che ha giocato il Gran Capo Oppositore,
gridando al Presidente del Consiglio:
"Se farai un passo indietro, con cipiglio
io farò due passi avanti…". Che umore!

Che gioiosa, e festosa opposizione!
Nel momento che "crolla" la Nazione,
ma anche addirittura lui, Obama…
c'è chi sogna…e insiste con la trama!

"Voglio solo aver lo scranno"
"Per far cosa?..." "Non lo so…
Neanche i soci miei lo sanno.
L'importante è dirgli: sciò!"

Dolore, che per l'aria vaghi…
(il mal comune, non è…mezzo gaudio)

Dolore, che per l'aria vaghi
e vago t'accosti, prima, e poi t'infili
in chi sia, sia, subdolamente,
in un crescendo, fino a giungere allo spasmo,
col tuo senso insano del dovere,
che è martoriare chiunque ti stia a tiro,
per quanto orrendo e malvagio è quel che fai
potresti da noi esser preso a esempio
di quello che vuol dir democrazia.
Ma solo per riguardo al generale
senso che persegui di uguaglianza, e senza
distinguo - che solo a noi umani ben s'adatta.
Ma non per quel tuo modo, solo tuo,
che hai nell'accanirti, senza tregua,
nel dare sofferenza a chicchessia,
e il grido di dolore non ascolti,
quando ti chiede, pregando, di andar via…
E lì ha fine, la tua democrazia.

Quanno anch'er penziero sarà spiato
Quanno anch'er penziero sarà spiato
come che fanno co ogni chiacchierata
ar telefono, che viè reggistrata,
e tante vòrte è tutto sprubbricato

su tutti li giornali - che è vietato! -
ma qua - chissenefrega - è accettata
quarsiasi sgaratura, e è assicurata
l'impunità pe chi fa sto reato,

dovremo uno coll'artro fà attenzione,
ché chi! nu ha mai penzato de fà fòra
chiunque je sta attorno: da la nòra,

a moje…capo…sòcera…governo!…
Perciò, pe prevenì, manni all'inferno
chi vò mannacce a tte…e all'estinzione

ce porterà quer tipo de invenzione!
E allora è mejo a nun sapenne gnente
de quer che ce vorebbe fà la ggente!

La valanga-crisi incombe…dicono i giornali. Tranne che su tutti quanti "loro"(Agosto 2011).
(Comunque, a parte le pur importanti beghe di casa nostra, la crisi c'è ed è grave).


Qui tòcca preparasse tutti ar pèggio
Qui tòcca preparasse tutti ar pèggio,
ché la pèggio catastrofe è annunciata,
e accosì nera da petrojo greggio,
che pare che er demonio l'ha sputata.

E invece sò le righe de giornale
che sputeno ogni giorno er malaugurio,
e a llègge, ormai, è solo un fasse male,
e a daje rètta, solo in un tugurio

pò stà er futuro nostro, sarvognuno!
La Borza crolla…crolla la fiducia
de tutt'er monno insieme, e uno a uno,
che manco un euro in più nisuno scucia

pe ddàllo a sto paese assatanato
de magna-magna de quarsia colore
che n se sò persi artro che l'onore,
ché er resto, a lloro, resta assicurato!

E in de sto crolla-crolla generale
la faccia solo nu je sta crollanno
da le Camere, ar Senato e ar Quirinale,
che invece de tajà, stanno aumentanno

li sòrdi pe stipenni e artre prebbenne
sippure che un tajetto - er fumo all'occhi -
lo fanno o rimannanno a le calenne,
o…bruscolini!…pe incantà sti allocchi.

* Come ho appreso, l'Onorevole (ma de che…!) De Mita, al tempo suo.
 (Ora,se non sbaglio, è fra quelli della …morale…).
Anche, vengo a sapere, che rubare al popolo per il Partito non era né reato, né imbroglio,
 per una certa parte politica…(!?). Alla faccia della morale!... Quale?


Quer fatto de Pariggi
Der fatto, llì, a Pariggi, quela vòrta,
in tanti, pare, nun se ne sò accòrti.
Margrado in tanti ce sò puro morti,
lo stanno a tené fòra da la porta

pensanno - pòri fregni - che ar passato
ce pònno intigne solamente loro,
come che fece quelo scervellato*
che disse, come e peggio de no sfreggio

ar popolo fregnone: "Er privileggio
ce spetta de diritto a noi de qui!…"
Defatti ecco er perché j'abbasta un seggio
pe faje crede de èsse chissà chi,

e avé le mèjo case a prezzi stracci,
e avé gni cosa a gràtise, e campà
a la facciaccia de li poveracci
cor pieno in tasca, e senza dignità.

Ma n ve viè in mente che si puro noantri
s'ariattaccamo a quela certa storia
de privileggi e no…a tutti voantri
ve fàmo passà vizzi e vanagloria?!

Anniversario Carlo Giuliani, con tutto il rispetto e la pena per la giovane vita spezzata.

Cacciatori
Quando nel bosco cacciatori in schiera
invadono la casa delle fiere
con tanta tracotante sicumera,
trovandoci perfino gran piacere

incuranti di loro, e i pargoletti
gli vanno ingiustamente minacciando,
e quelle non li senton più protetti
come anche ora è per sé, perché puntando

van tutti i cacciatori su di loro
quelle doppiette bieche e minacciose,
non è porgendo un ramoscel d'alloro
che se ne esce, e dunque, bellicose

seppur non era quella l'intenzione,
si fanno or che le vite han minacciate,
e si rovescia tutta la questione,
ed i castigator…son castigati.

Cattivo è stato chi? Chiaro, le fiere!
E se eran queste qui ad aver la peggio?
Potrebbe formular, chi di mestiere,
in una neutra ipotesi, il pareggio.

Se non dovessi andar per primo io
(a Lisa)

Se non dovessi andar per primo io,
e fossi invece tu ad andare via
da sola, senza me, sarebbe ria
inver, la sorte mia, ed un rinvio,

una proroga, con forza al buon Dio
io urlerei, perché la vita mia
sarebbe una terribile agonia
per tutto il tempo che ancor fosse il mio.

Il fatto, Lisettina, è che t'ho amata
e t'amo, e anche solo immaginare
di non averti accanto, ove sei stata

dal primo incontro ad ora, mi fa male.
Forse è egoismo, ché non sto a pensare
al tuo soffrir per me…E allor m'assale

una vision ferale
che il cuor ferisce e toglie anche il respiro
e come inebetito sto…E sospiro…

Zingaro
Quale lembo di terra scellerato
non t'ha saputo dare
d'una madre il calor che t'è mancato
e che mai hai cessato di cercare ?…
Oh, madre senz'amore,
i figli tuoi girando van pel mondo
e un'ancora non hanno,
e nemmeno hanno un porto per restare.
Da sempre ad inseguire tutti vanno
l'impossibile sogno di dormire
in braccio a luna e stelle
che son stelle ogni volta differenti
sotto un cielo però ch'è sempre uguale:
uguale al nostro cielo.
E negli occhi han riflesse le scintille
dei lor fuochi all'aperto, una ricchezza,
e alla luna essi cantan le tristezze
di questa loro vita misteriosa,
fuori tempo, e romantica e cenciosa;
tanto libera, e che è legata solo
ad un ballo e a un domani da predire,
ad un bimbo di mamma ancor bambina,
a una veste di donna ancor pudico,
a un violino zigano e a tradizioni
che pel zingaro son ragion di vita
che oltre lo steccato
non si sentono, e son perseguitate.
Resiste, nel silenzio,
né ci sono lusinghe, e capricciose!
con cui possa scambiar la libertà.
E un traguardo nemmeno s'intravede
se non guardi lontano…assai lontano…
Nel frattempo vorrei vedere il mondo
che tende a te la mano,
mentre ascolta una nenia oppure un pianto
o una danza focosa che ti sfianca,
dal tuo violin gitano.

Un fatto, una poesia
Bersani non ammette che sia colato del fango "anche" su di loro…Parla di "macchina del fango" (!), di class acion…Minaccia querele ai giornali e richieste di danni…(Luglio 2011).

Il fango
(chi la fa, l'aspetti)

Al fango, quando scende giù dai monti,
non è che gli puoi dire: "Cambia strada
che qui ci stiamo noi, che in fin dei conti,
siam quelli bravi!", e suggerir che vada

soltanto addosso "agli altri - i cattivoni".
Il fango non può essere "parziale":
lui viene giù a valanga, e no a tentoni,
è fisica…sarebbe innaturale…

E innaturale è, che appartenenza
significhi pe' alcuno: "immacolato",
perfino se contraria è l'evidenza,
e vuol che su di lor non sia colato

quel fango in cui ci vogliono affogare
ogni altro che di loro sia rivale,
e addosso a lor lo fanno anche deviare.
E sta a invocar con foga la "morale"

che li distingue e rende non soggetti
al fango, destinato solamente
a chi è avverso…Ma…"chi la fa l'aspetti" -
come il fango - non bada…all'espediente.

L'immigrato
L'avevamo immaginato disuguale
e lontano dai confini e dalla storia,
strano in viso, senza neanche la memoria
d'un passato: una sorta d'animale -

pure umano - ma riuscito alquanto male,
senza neanche una parvenza meritoria,
senz'alcuna aspirazione migratoria
privo d'ogni facoltà decisionale,

come fosse per l'eternità inchiodato
sulle terre ingenerose dove è nato.
Ma a quell'essere che a lui è superiore

dimostra, oggi, che anche il solo dolore
può bastare a buttar giù la staccionata
che uomo e natura gli hanno edificata.

Er teorema
L'omo quanno nasce, nasce
faccia de sopra,
e de sotto, culo.
Ma pò succede, però,
che st'ordine se inverte, e ar dunque,
senza che stamo a vergognacce a dillo,
la faccia pija er posto der culo, e questo,
manco a fall'apposta,
se pija er posto preciso der culo, paro, paro.

Ne l'arittimetica, spostanno li fattori
nun è che cammi gnente.
Ma invece cammia, e tanto, nfra la ggente!

E appresso qui ce sta la spiegazzione…
er teorema, pe dilla più da fico.

Pijamo per esempio uno per cento,
e poi 'r novantanove.

Ner monno più normale, uno per cento,
è gente ch'è maiala-depravata-ladrona-drogata-trans-e-assassina,
e invece è brava gente tutto er resto.

Ner politico*…se inverteno le cose.
Che llì, quell'un per cento bravo e onesto,
fa sì che tutt'er resto,
e cioè er novantanove,
è un mucchio de ladroni assatanati,
buciardi co la faccia… - come detto -,
approfittoni gretti, ottusi e ingordi,
che sanno pìà p'er culo (ar posto giusto)
a tutti noantri che je dàmo er vôto,
e puntuarmente poi se lamentamo,
ma 'gniquarvòrta, come li drogati,
speranno che va mejo…ariprovamo.

Ma che te vòi provà…! La prova è questa:
nisuno se ne frega…E si la casta
da sola nun se…"scasta",
ce tòcca a nnoi! de dije…che mo abbasta!

*in senso molto lato, compresi poteri forti come ad es. certa magistratura, certi media…

L'orologgetto
(a Lisa)

L'orologgetto che t'ho regalato
per festeggiare un altro anniversario
di questo nostro lungo, bello e vario
momento che da allora ci ha portato

fin qui, dove non c'è chi più è stregato
di noi, che dell'un l'altro ben primario
siamo, e saremo, in questo, che un calvario
è per altrui, che amor non ha riamato,

non è tanto per dirti che ore sono
ma quanto perché sempre sia presente,
pur quando siam lontani, col suo suono,

il mio tic-tac per te che al pari va
col ticchettare suo, e il tuo, e niente,
e nessuno, zittirli mai potrà.

Uccellini in festa
Carica è l'aria del vociare intenso
di becchi e piume e penne, radunati
sul pino, o fra i suoi rami svolazzanti
a festeggiare il giorno ancora acceso.

Son semplici armonie di cinguettii
e di gorgheggi melodie ariose
insieme mescolate al monocorde
frinir della cicala generosa.

Gaudio, appare, totale e indisturbato.
Gradito ha il sole, che pian, piano scende,
s'arrossa, e insieme a lui, morbidamente,
s'acquieta lo sfrenato festeggiare.

Ecco, ora dormon gli uccellini, stanchi,
con la testina al buio, sotto l'ala,
ritma il respiro un sogno audace:
domani festeggiare anche la luna…

Ch'è un sogno che non può avverarsi mai:
la luna non può mai sentir gli uccelli,
e questi non vedranno mai la luna.
Solo l'uomo, ogni regola, prescinde,

lui, il padrone del giorno e della notte.
Spuntan nella calma di tra l'erba
le urla eccitatissime d'un nido
caduto nella foga della festa.

Tra le mani ora s'è rassicurata
e sogna già, la minima creatura.
Ringrazia, la natura, co' uno sbuffo
di resina balsamica del pino.

Un fatto, una poesia
Il giorno dopo l'approvazione della finanziaria 2011, la Borsa di Milano sale. Il giorno dopo cade…Oggi è tra le prime….(20 Luglio 2011).
"Colpa della finanziaria!" hanno gridato, quando è caduta.


La Borza
Chi ce pija…chi se la pija
llà in quer posto, perché ar posto
de un guadambio,
cià rimesso co quer cambio
ch'è cascato tutto giù!

Come quanno batti un favo
e viè fòra er finimonno,
quanno cascheno le borze
se 'mpazzisce tutt'er monno…

E ce sta chi s'approfitta
pe pijà la palla ar barzo
che gne pare manco vero
de poté accusà er governo:
"Tutto questo è corpa sua…!"
Ma però quer furbacchione
quanno quela stessa borza
solamente er giorno prima
t'ha stracciato a tutte l'artre,
come pure er giorno appresso,
mica ha detto:
"Questa è côrpa der governo!".
Che stronzaggine, che pena!

Oramai ce lo sapemo:
qui la Borza è n'artalena
che va su, e che va giù,
basta solo na scureggia
che trabballa…e ar giocatore
ne le mano j'arimane
carta straccia e crepacòre…
Chi lo sa che fa domani?
Toccherebbe atturà a tutti
quer bucetto…quello llì…
Poi, però, uno starnuta,
n antro cià la cacarella…
a quell’artro je viè er ticchio…
Tiètte er sòrdo ner cassetto
si vòi fà na còsa bbella!

Un fatto, una poesia
L'approvazione della finanziaria, dicono con enfasi e soddisfazione i pensatori, i politici, il Presidente della Repubblica…l'ha trovati tutti uniti…E ci sarebbe mancato altro! Se qualcuno avesse voluto affossarla, sarebbe affondata tutta la barca con tutti noi, ma anche con tutti loro. Per cui: diciamo, c'è stato anche un certo interesse…Lo stesso interesse che c'è stato nel salvare - sempre da tutti loro insieme - anche le Province, soltanto che col salvataggio delle province per noi c'è venuto solo un danno, mentre per loro…continua la pacchia: PER TUTTI, LORO! E allora, perché entusiasmarsi, anche da parte del Capo dello Stato, per questa "grande prova di… - di che? Boh?!- da parte dell'opposizione, e non invece rammaricarsi fortemente (anche da parte del Capo dello Stato) di quell'occasione persa (da maggioranza e opposizione insieme, salvo dai pochi che poco contano e che in partenza sapevano che non ne sarebbe venuto niente, al di là del loro mettersi in buona luce, su chi - per necessità di attaccarsi a qualcosa - gli ha creduto -beati loro!) di fare vero e importante risparmio? Comunque, puntualmente, forse per non perdere il vizio, le parole "novità"di Bersani sono state: "Dimissioni!" e "Ci vuole il nuovo"! Ma perché non continuare a darla, questa grande prova di intenti comuni, e cioè il bene del Paese, e basta?! (luglio 2011).

A Bersà!
Ammazza che dialettica, a Bersà!
E si che ingegno e si che fantasia
che sprizzi fòra co la frenesia
de chi cià in mano tanta otorità!

Sò anni che ce stai a entusiasmà
côr mòdo tuo ch'è tutta na mania
de mijoratte co ogni mijoria
dicenno sempre quarche novità.

"Er nòvo...! Ce vò er nòvo, che sinnò
le cose qui nun cammieranno mai!".
Ma quanto ciai raggione, ma…però,

com'è che state sempre tutti llì?
Com'è che nu incominci…e te ne vai?
E l'artra: "Dimissioni!"…A Pierluì!

Ma fusse che te s'è 'ncantato er disco?
Ma nciai quarcosa mejo da sta a ddì?
Vòi le Province, e poi…t'attacchi ar fisco?!

Un fatto, una poesia
A Roma c'è un ammazzamento in Prati, tra la gente, in pieno giorno. Il sindaco Gianni Alemanno chiede l'aiuto dello Stato (5 Luglio 2011). A tutto si pensa…più guardie in giro, più protezioni…, ma guarda se si mettono in testa di cambiare atteggiamento coi delinquenti, specie con la criminalità organizzata, che…s'organizza sempre più!
Il terrorismo è stato annullato…e allora?(nel frattempo, a Roma, c'è stato un altro ammazzamento…)


Allora, volémo…o nun volémo?
A Già, ma, dico, allora…nun volete!
Ma allora che ce state a ffà, ndo state?
Ma allora, dì, ce fate…o ce séte?!
Sto a ddillo a tutti voantri, che sembrate

cascà dar seggiolone…Nun vedete?
Ad ogni ammazzamento, voi che fate?
Bussate a…grano… Ma che ve credete,
che stamo immezzo all'angeli e a le fate?

Nun s'arisorve mica a mette in giro
na quarche guardia in più, o proteggènno…
Si vònno mette a uno sotto tiro

lo fanno. E ammàzzeno! Qui la quistione
è de ingabbialli! Che vai discorènno!
E n falli più sortì da la priggione!

Ma che sei matto!...Ariva er…benpensante
e co le su'stronzate ve s'oppone,
e quelli, si anche presi, in un istante

ristanno fòra a fatte ancora dì:
"E qui ce deve d'aiutà lo Stato!"
che semo noi!…coll'imbecilli, llì!!Spero, per tutti, di aver proprio esagerato, e che mai si avveri tutto questo…
(crisi+finanziaria 2011)


Mamma mia…quant'era bbòno!
Er vino…Mamma mia quant'era bbòno!
Ma mmô è finito tutto…E ve saluto,
sorsate de piacere a garganella
o drent'ad un bicchiere, o come sia!
Che prima de gnottillo l'aggustavi
nfra le papille messe in bocca apposta,
e si era freddo te ciariscallavi,
o viceversa quanno ch'era callo
t'arinfrescava lingua, gola, e panza.
La lingua poi schioccava dar gran gusto,
e o rosso o bianco era indifferente,
e invece mo n se pò più beve gnente.

Ma er vino ce starebbe…e anche se sente…
Si passi pe er senato o er parlamento,
avòja a sta a sentillo, quer profumo!
Io llì ce vò a passà appositamente
pe respirallo un po'…pe nu scordallo
quer nettare che n pòsso più abbuscàmme!

Ch'è er sòrdo! ch'è finito…miseriaccia!
Però…Ma aspetta n po'…e no! E…lallero…!
Com'è che er vino c'è in de sti palazzi,
e invece nun se trova in artri siti?
Ma ansenti, aoh! Llì n c'è sortanto er vino!
Llì, l'aria sniffa puro de champagna,
de quella bbòna…Anvédeli sti dritti!
A nnoi cianno levato anch'er goccetto,
e lloro invece stanno a stracannà
la parte quela loro e quela nostra…
a la facciaccia de sti pòri micchi,
che nu li fanno…scenne da la giostra.

Cervara,
quanto per questa altura andare è duro.

Quanto per questa altura andare è duro
coi sassi incatramati sotto i piedi
o sulla roccia ch'è allo stato puro,

che nell'andar di quando in quando cedi
e resti a prender fiato per la via.
Ma poi ti spinge quel che andando vedi

girando il viso a valle, e la magia
di tanto incanto sembra sollevarti
e ancora sali e segui l'armonia

del monte che su in cima sta a guardarti
nel lento tuo andare faticoso,
e allunga, par, la mano per tirarti.

Così che alfine, stanco ma gioioso
stai dove delle capre era il paese,
e il tempo passa…statico ed ozioso.

Cervara, di salite e di discese
scenario, e di roccia che t'abbraccia,
di case sotto il solleone accese,

o fredde da morir se il tempo ghiaccia,
vederti e amarti è per me un tutt'uno
e il mio stupore me lo leggi in faccia,

come anche puoi vederlo addosso a ognuno.

Del bello naturale il culminare
Del bello naturale il culminare
è il sorgere, nel mondo, d'ogni vita,
come è del giorno il nascere di rosa,
e d'ogni fiore lo sbocciare all'alba,
con gocce pronte di rugiada in fronte,
nel gran giardino d'estasiati sguardi
di cuccioli dagli occhi appena aperti
già pronti ad impregnarsi d'aria e sole,
dell'iride che unisce cielo e terra,
dell'umile carezza d'una mamma,
del battito di ali trepidanti,
e di poesia che scrive la natura
e lègge chi ne ha il dono e in sé lo serra.

Di tanto bello tanto se ne perde
di giorno in giorno, diventando grandi,
coll'innocenza persa nei meandri
di vie e incroci come fitte tele
percorse con l'intento che più azzardi,
più luminoso è l'oltre - che non guardi
nemmeno - nel cercar di districare,
di smatassare al meglio la matassa,
come una rete che s'imbroglia in mare,
e non ci si fa caso, ma si scassa
l'originale bello naturale,
e il bello oltre - che sia ancor più bello -
seppur con ogni sforzo, non appare.

L' imbrojo
Sta cosa a mme me puzz'assai de imbrojo:
ognuno, llì, che gufa…che prevede…
che sta riempienno l'aria de cordojo
pe tutto quelo che ce pò succede…

ce dice ch'è finita l'erba vòjo…
Ma poi eccoli llì, che - n ce se crede -
senza nemmanco un minimo de orgojo,
ognuno che sta llì sta in malafede,

cor portafojo che je schioppa in mano…
le case-schianto prese a quattro sòrdi…
la faccia com'er culo…E all'artiggiano

je vann'a ddì che deve pagà questo…
e quello…e anche quell'artro…Brutti ingordi!
E er voto…(?!)… nun è artro che un pretesto.

Un fatto, una poesia.
Anche il nostro Presidente non può far a meno di prendere posizione rispetto al dramma dell'immigrazione clandestina (che comprende la fuga da pericoli… troppo lontani…) di massa in Italia, e mettere l'Europa davanti alle responsabilità comuni (8 Luglio 2011).

Stop all'invasione!
Ma guarda, guarda…senti, senti, senti…
E chi lo avrebbe detto…Ma lo ha detto!
È come avesse detto sì, lo ammetto,
ragione han sempre avuto i…dissenzienti.

Le varie associazioni…i vari enti,
non possono, pe' un sogno nel cassetto
che han di farsi "santi", il rubinetto
lasciare aperto e altri esseri viventi

lasciar che affoghino…Che non va bene
cadere giù per tirar su dal fondo
qualcuno e raddoppiar così, le pene.

In casa loro è ben che li si aiuti,
e non facendo entrare tutto il mondo.
L'Europa, intanto, insiste coi rifiuti…

Un fatto, una poesia.
Lezione di civiltà britannica. Il "News of the world" ha chiuso oggi 10 Luglio 2011- dopo 168 anni - con il titolo "Thank you & Goodbye", per via di illegittime intercettazioni-pubblicazioni. Da noi? Ha da crescere!…la civiltà.

Gli auscultatori
C'era una volta nel mondo un paese
dove esistevano gli…auscultatori.
Cosa facevan? Dal nome è palese:
loro origliavano, e ai redattori

davan gli ascolti per farli stampare.
Era un paese davvero civile.
Però civile non era! ascoltare
per poi stampare in quel modo assai vile.

Quell'origliare e stampare era osceno:
perché era come se andassi per strada
e qualcheduno, così, a ciel sereno,
ti denudasse co' un colpo di spada

facendo cadere i vestiti e mostrando
come sei fatto, e tu resti di sasso.
Ma per fortuna, a chi andava origliando
gli han tolto il vizio, lasciandolo a spasso.

Sì! È proprio vero: ora tutto un giornale
fatto ha fagotto ed ha chiuso i battenti.
Dando lezione che chiunque fa male,
deve risponderne senza commenti.

Questo, però, non succede, e si sa,
dove ha da crescere!…la civiltà.

Calma apparente -
guerra intelligente


Girano ali
in voli rotondi
pel grande azzurro
di calma e di pace,
riflessa sui monti
e le valli odorose,
di vita che scorre…
Ma il giallo becco
adunco e affilato
e gli artigli aguzzati
osservano biechi
studiando il da farsi…
E scendono in prove
radenti e silenti,
quelle ali lucenti,
nell'ora tranquilla.
Finché su nel cielo
va pure volando
la marmottina
che stava giocando.

D'altre creature
ora s'ode il sospiro
che durerà fino al prossimo giro.

Volano e cadono in terra i siluri
muore la gente,
così…
per niente.

Finanziaria 2011 (ma potrebbe essere quella di qualsiasi anno), e situazione socio-politica: uno sguardo in generale. Tutte le "Parti" sono coinvolte. (Luglio 2011).

Ricchi!
E allora, gente ricca…! Sapevamo
di esser tanto ricchi da attirare
il succhio succhiator del fisco cieco
(come anche s'usa dir della fortuna)
così come fa a sera alle falene
e ai moscerini in nugolo, la luce,
il qual da cupidigia…strana è affetto
che gl'indirizza il succhio ai "milleequattro"
e non ai "diecimila"…ai "centomila"…?
E non ai "suv", ma a quelle più normali…
Ma è lì, è proprio lì che il succhio attacca,
ingordo, con la bocca sua a ventosa.

Ricconi, da spolpare, facciam gola
al succhiator che abbassa i suoi per-centi
troppo alti per poterli ben succhiare
e si rifà coi nostri assai più in basso…
più comodi, gestibili e diffusi…
e senza opposizione a piantar grane.

Ma sì, ma infatti…ma perché infierire
sui ricchi appollaiati come polli
su scanni, troni, e areole di gloria
cui tutti ci inchiniamo (agli uni…o agli altri)
che tutti quanti paritari sono!
A che inveire contro chi si affanna
a far quadrare i conti, o rossi, o neri,
o bianchi, e aquile o colombe
o rosse, o bianche, o nere o variopinte!
No…No! Sarebbe proprio una porcata
deluderli, e responsabilizzarli…
Non sono abituati, poveretti,
ed è già tanto che di quando in quando,
se ne escono - in assoli od in coretti -
che vogliono tagliare…sì…tagliare…
E infatti vanno tutti a usufruire
del…taglio - ch'è gratuito - dei capelli…

Doniamo volentieri quel pochetto
che abbiamo in tasca, o in BOT quindicennali.
In fondo siamo tutti indebitati
ed è un onore mantener gl'impegni.
Lo fanno lor, per noi che ricchi siamo:
"benzina, sali!" "IVA, cresci assai!"
"casa al mare o in montagna dopo il costo
è giusto che ci paghi su i connessi:
doppia acqua, doppia luce, doppio gas,
e ICI e immondizia, e successione…"
per un mesetto all'anno che ci stai.
E è giusto che paghiamo sempre più
benzina, e bollo e assicurazione,
parcheggio, e tante… multe fantasia….
Però se poi la casa non si vende,
e cala delle auto il mercato:
"Che il ciel ci aiuti! Questi sono segni
nefasti per la nostra economia"!
starnazzan dagli scanni e dai partiti.
Ma soprattutto è giusto e è da ammirare
l'azion tenace di chi dice: "Entrate!
Su! Popoli…venite, che per voi
lavoro lo troviamo e in ogni modo
soldoni per camparvi ce l'abbiamo!".

Il PIL, stanno dicendo, tutti in coro,
se cresce lo dobbiamo agl'immigrati.
E presto, se continuerà così,
ad essere realisti azzarderesti
che tutto il pil lo produrranno loro! *
A noi vanno dicendo, beh, ragazzi,
se non ci sta il lavoro, l'inventate…
Che cosa ci inventiamo…i fallimenti?
Se n'è volata già tanta energia
e i tanti-pochi soldi, rastrellati!
Ma cosa vuoi…dobbiamo accontentarci:
tra poco sarem tutti laureati,
saremo…come dir "morti di fame"
ma tanto acculturati…Cosa più?!

Ma si, ma che ci importa se ora, al cane
daranno l'assistenza, e se Pannella
è lì che fa lo sciopero dell'acqua
(che beve solo brodi e cappuccini…)
per trans, e galeotti, e prostitute,
e "chissene", perciò, dei poveracci
connazionali onesti senza soldi
capaci a sopravviver con pudore:
digiuno non per "sfizio", o allineati
alle pareti d'un ospizio tetro:
meglio, Pannela, dei tuoi carcerati?
Ma… "chissene strafrega!!". Gran puzzoni
a tutti, e a nessun colore escluso!
perché protetti lor…sia quel che sia!
Stipendi lievitanti…auto blu…
prebende e privilegi d'ogni sorta…
che un loro taglio aiuterebbe…e tanto!
Ma no! Senza vergogna van cercando
di sistemar le cose tagliuzzando
gli stipendiucci dei ministeriali,
bloccandoli per anni, addirittura!
Diminuiranno qualche senatore:
fumo agli occhi!…che poi ne aumenteranno
di qua e di là…per i decentramenti.

Governi e opposizioni, sempre in lotta…
Però se han da tagliar le loro spese,
l'accordo è pieno**…E noi…Ma che pretese?
Ma chi se le dà mai "zappate ai piedi" ?!
Illusi siamo, sempre! Ogniqualvolta
a farci impressionare…emozionare….
Noi siam mondi…in conflitto d'interessi
senza speranza, senza via d'uscita.
Però le piazze - e dì che non è vero -
son piene contro chi vuol lavorare!

In quanti abbiam scoperto, finalmente,
di esser benestanti! Che sorpresa!
Il "succhio" ci farà senz'altro bene:
dimagrimento, senza le palestre,
senza più il pensiero di investire,
giornate a letto o a spasso per le vie,
e senza più il sudore sulla fronte,
e senza più sbavar per la carriera...
Ma tutto questo, in democrazia,
dev'essere spartito "fra noi tutti",
e guarda caso, "fra di noi", rientra
la classe dei politici, per cui,
che godano anche lor…dei tempi bui!

Ma dire e dire…è quel che fanno loro:
si deve pur proporre qualche cosa.
Ebbene, qui, i datori di lavoro
per tutti quanti loro siamo noi.
Capite? Ecco il piano: come fanno
per tutti noi, industriali e commercianti,
con i rappresentanti sindacali,
dobbiamo noi coi loro incaricati,
determinare paghe e contributi,
orari, ferie…inclusa la pensione.
Un giorno? Un anno? Metti anche cinque anni?
Un calcio…lì! E niente doppie entrate:
com'è per - metti - i ministeriali,
che guai se fanno anche altro lavoro!

E, pur, se qui nessuno ci fa caso,
noi stiamo anche pagando i black-blocks
(o, se non siamo noi, chi! li finanzia?
Ma sempre soldi sono a noi …succhiati).
E tutti gli anti-TAV, gli anti progresso,
i "contro" infrastrutture - reclamate -
ma sempre puntualmente…sabotate,
che cosa van cercando? Di aiutarci
a precipitar giù nello sprofondo?

* i nordafricani hanno tutto il mercato ortaggi-frutta; gli egiziani in particolare, pizzetterie/kebab; i cinesi: empori di tutto un po', compresi casalinghi e vestiti; i filippini imprese di pulizia, seppur personali; ma davvero noi non vogliamo più nemmeno vendere la pizzetta, o i vestiti, o i casalinghi? Noi chiudiamo: loro aprono.
**abolizione delle Provincie: salverebbe tutto…Ma governo e - si badi - opposizione, han votato contro, o si sono astenuti, il che è anche peggio!!

Le crisi
Le crisi vònno er tempo che ce vò…
e n sia mai! a mannalle via de bbòtto,
da nun paré che manco ce sò state.
Potrebbe infruenzacce anch'er sistema -
nervoso - vòjo dì…
che a questo nun ce semo abbituati.

E invece quant'è bbello
a sfrugujacce immezzo…a borbottà…
a piàgnece…a riempicce li giornali,
a st'a sentì fior fior de cavolate
de tutti quell' "esperti" llì in tivvù…
A ffaje entrà ner còre la speranza
de pìaje la portrona
a chi nu ll'ha ammazzata llì sur nasce…
Che ll'antri, invece, cianno la bacchetta…
Eh, no! Magari! Quanno c'è la crisi
nun è che s'arisòrve a "le tre carte"!

Ma poi…vòi mette:
nisuno lo potrebbe capì mai
si quanto stava tanto mejo prima!
E invece stava llì a imprecà ogni ggiorno,
che nu j'annava bbene proprio gnente…
da chi ce sta ar governo…a l'inflazzione…
da la moje, ar marito che nun fa…
Ma questa è n'antra crisi…
Ché qua, de crisi, ce ne stanno a rubba!

E meno male, perché senza crisi,
er monno, qui, annerebbe…
in crisi d' "astinenza da le crisi".
Perciò, amico caro, come vedi,
fòr da le crisi nun ce se pò stà.
E quanno che sta crisi annerà…in crisi,
vedrai che c'è chi l'annerà a cercà…

Promesse…da sinnaco!
Così se deve fà co le promesse
promesse da chi vò salì ar comanno!
E bravo è stato er sinnaco Alemanno
che ha vinto tutte quante le scommesse

scommesse in quer momento de…interesse,
de fa sparì li "campi" drento l'anno
indove ortre a la beffa ha aggiunto er danno,
coll'aumentati zingari, e rimesse

de sòrdi nostri spesi pe…spostà
li campi de baracche puzzolenti,
e in quer fratanto falle diventà

casette bell'e ffatte gnente male,
intorno a tutta Roma. E a li presenti,
tutto a gràtise…tutto assistenziale:

e acqua e luce, e gasse, e anch'er bucato,
trasporti, sòrdi in tasca…Er che è un segnale
pe chi dà er voto, e n vò èsse più fregato.

-----------------------------------------------

Ma esempi ce ne stanno a sprofusione:
presempio li napoletani bbòni
che aveveno sperato ne l'azzione
promessa de fa fòri li zozzoni

che De Magistri er sinnaco…in embrione
j'aveva fatto pe le votazzioni
e invece ha fatto fiasco, e a la Reggione
vorebbe fà pagà - senza raggioni -

quela promessa sua nun mantenuta
de fà sparì la zozzeria ar completo,
che invece - fòri tempo - j'è cresciuta!

Ma pe fortuna sua, nun cià nisuno
che sta llì pronto a fasse pìà d'aceto
e a dije: "Dimissioni!"…o a ffà er diggiuno!

Il vuoto
Il vuoto che si svuota del suo vuoto
diventa il campo fertile da arare
e il seme vi attecchisce, e ivi cresce
quel frutto che'è il buon frutto del sapere,
che riempie il vuoto, e il vuoto è cancellato.

Ma dove il vuoto resta, non s'arresta,
ma cresce, perché il nulla, pure, cresce,
e fino a che nel vuoto cresce il nulla,
si gonfia pure il vuoto, a dismisura,
ché ogni altro vuoto lo rinserra in sé.

Di vuoto in vuoto, allora, in tutto il mondo
si spande il nulla in gravi pandemie,
e né princìpi, fede, né ideali,
son più cercati per riempire il vuoto,
ma è sempre nuovo vuoto, sempre più.

E sembrano lì prossime a scoppiare,
le menti, pel gran vuoto accumulato,
e ogni azione è volta a riparare
dal danno che altro danno porta in sé,
ché non si riempie il vuoto con il nulla.

Qualcuno è stato leader, ha guidato,
voluto, lo svuotarsi…l'annullarsi…
facendolo con gran facilità.
Ed a riempirsi ha condannato il mondo,
col nulla, che ci svuota…che ci annulla…

Ma tornerà, il contrasto, a contrastare,
e a riempire non col vuoto, il nulla,
e vuoto e nulla diverranno l'otre
del seme del sapere e della vita
che annullerà ogni nulla e ogni suo vuoto.

Genova
(il mio viaggio a Genova, con Lisa,

al Mini Hotel di Via Lomellini, Giugno 2011)

Dopo aver a piedi attraversato il mare,
e lasciato carezze sul dorso alle razze…

Scendono e salgono
i vicoli,
tagliati da artistiche vie:
palazzi e palazzi, due file
di storia, e poi, piazze, piazzette,
e ancora, incessanti, i vicoli stretti.
Di nuovo, poi, spazi,
lontani,
a perdita d'occhio, sui colli
come collane, al porto d'intorno,
col suo profumo
presente ogni dove, da ogni vicina
o lontana visuale, scenografia
che scende, che sale,
e sempre, nei vicoli, svicola,
ove trovi rifugio
dal caldo che il giorno ti segue, t'afferra,
ti osteggia…per divampare con lui.
Sopra le case, le case, e poi…case,
una sull'altra,
le nuove poggiate sopra le antiche,
che sono le belle, che sono la storia,
che sono di Genova, l'onore e la gloria.
Pazienti sopportano quel sovrastare
che un po' la declassa, la scena, altrimenti
ancora più degna, più figlia dell'arte,
come se sopra un bel quadro d'autore,
fosse schizzata, assassina,
qualche goccia d'estranea vernice,
a impiastrarlo, a ferirlo...
L'orina di cane si scontra, talvolta,
col buon profumo del fritto di pesce.
Gira la gente d'origine varia,
dalle indie all'oriente,
gestisce la pizza, e a volte il caffè.
Colombo è il legame, che i mondi riunisce,
e per ognuno c'è lì a garanzia,
Mazzini, che, ancora, vi tèsse, tenace,
l'indipendenza, la libertà,
e la gran voglia di vivere in pace.

Residui
Residui…scorie…rimanenze…scarti…
di quello che vien fatto in tutto il mondo
che al mondo van coprendone la pelle
come una coltre insana, che è minaccia
che sempre s'avvicina, e i boschi e i prati
ghermiscono a quel troppo disattento
erede universale;
pesano su ognuno,
anche a chi ricorre a la finzione
di non saperne niente.

Scorie a nutrir carote e teste d'aglio,
e scarti di città, in periferia,
di gomme e di lamiere deformate,
di miserie - residui - e di opulenze,
e rimanenze, a crescere…montagne…
ed a mortificar chi le respira…
Profuman l'aria putridi miasmi
nell'orride sembianze d'un inferno.

Pure il latte materno è messo al bando,
e chi lo succhia, e la mammella, insieme,
se giudicati scarto…
E scarti, e scorie, e rimanenze…umane
lontan dai nostri spazi progettiamo,
nascosti in mezzo a truci indifferenze,
dietro le nebbie che spruzziamo apposta.
Popoli interi vengono scansati,
lasciati al caso, quando il caso è ostile,
quando una brioche può farsi in due,
ma più che pietra è dura da tagliare!

sul Lago d'Iseo

Sàrnico,
a mezzanotte


Ti specchi in questo molle tuo cristallo
ove affondan le luci colorate
ora che il cielo è tutto quanto spento.

Strisce di bianco, d'arancione e giallo,
fettucce sembran tutte tintinnate…
Da cosa…? Se nemmen sospira, il vento?

Abitudine
Abitudine,
muffa che corrodi,
abituarsi a te è il più grave male,
impalpabile cancro devastante,
ferita lacerante, e invisibile
se non nei lunghi visi, e i giorni morti
per anche tutto il tempo d'una vita,
pronta sempre a colpire in tutto il mondo.
Il mondo che è vicino, o che è lontano,
coi visi scuri pure sotto al sole,
anche incupiti al lume della luna,
di astio accesi, e fervido rancore
per chi da noi amor dovrebbe avere,
e invece più è più prossimo, e più pena
pesante e senz'appello, ha da subire.
Abitudine,
che tutto normalizzi,
perfino e soprattutto quell'amore
che per un tratto almen ci ha accompagnati,
per divenire un cencio da pestare
dimentichi di quello che è già stato,
da cui nessuno esce vincitore,
e men che meno il figlio dell'amore.
Abitudine,
sei libertà che uccide…
Trovarsi, unirsi e poi lasciarsi indietro
cupi nel viso e di livore affranti…
Sei muffa che corrode,
metastasi…e ti spandi e ti guardiamo
senza nemmeno inorridire, ormai,
per quanto ti sei fatta parte accètta
di questa società, che ha perso tutto,
che è ombrosa, e cupa, e grida, e va di fretta
per non fermarsi, e non dover pensare.
E gli occhi rancorosi tiene chiusi,
perché nemmen guardare, più si deve:
guardar, come pensare fa paura,
perché potrebbe, alfine, addirittura,
vedersi quel…ridicolo "buonsenso"
venire ad impedire, e a guastar tutto!


(pensioni: chi piagne e chi…ride…Quest'anno ride anche Cicciolina, con la pensione che i soliti bravoni le hanno regalato)

Svéjate, popolo!
(er popolo…incantato…e le leggi "ad …usufruizzione")

S'attàccheno a la mafia organizzata….
Ma mai a quella, ch'è…legalizzata…
Se fanno leggi…che ciaivoja a dì…
che se le fa sortanto…quello llì!
Fa male, quello…ma…quell'antri dritti,
che pe se stessi invènteno diritti!?
Presempio la pensione dopo un giorno
de parlamento! Uno sortanto!...Un corno!

E poi, dìmolo chiaro, anche cinqu'anni
cor culo su le sedie a ffà li danni,
ma pe davero pònno faje prenne
a tutti la penzione e le prebbenne?

E mica cianno solo na penzione!
Ce n'hanno una pe incarico…li tizzi!
E…incarichi ce n'hanno a sprofusione:
in Società…ar governo…in tanti pizzi...
'N sò mica come noi…disoccupati…
che si arivamo a pijalla, la penzione,
saremo - pe davero - fortunati!

E a penzà…le penzioni mijonarie
che je pagamo noi a destra e a manca,
a sti vorponi…! E cariche onorarie…!
Com'è che de ste cose nun è stanca
la ggente, che va in piazza a protestà
contro…FIAT, che vò falla lavorà!?

Però nisuno ha fatto l'invasione
de piazze cittadine, pe risposta
a quela presa in giro de penzione:
poco meno de un euro…! È stata tosta
pe la perzona che l'ha ricevuta:
pe davero mazziata e anche cornuta!*

Si parleno de taji, sta'sicuro
che quer ch'è da tajà…è la penzione!
La nostra! E stanno a dillo a muso duro!
La loro nun se tòcca…n c'è raggione!
Ma…un referendum pe l'abbrogazzione
de leggi fatte… "ad… usufruizzione"?!
Si tutto questo ancora n s'è capito,
vòr dì ch'er popolo…è rimbecillito!

*dal libro: "Sanguisughe", di Mario Giordano.

Chiaro!
Pare…! ch'è chiaro…Però, a onor der vero
che sia davero chiaro…nu mme pare.
Sarebbe…che si fusse proprio chiaro,
sarebbe chiaro a chiunque, e no sortanto
a chi se crede ch'ha capito tutto,
pe cui è tutto chiaro e gnente è scuro,
e er griggio manco sa si che robb'è.
E invece, na sfumata de griggetto
davero ciannerebbe dapertutto…
Ma sia ben chiaro che sto a ddì d'un griggio
che nu è che tènne ar bianco oppuro ar nero:
un griggio…ch'è sortanto griggio…e basta.
Ma no na via de mezzo…Nun sia mai!
Che poi nun è mai chiaro proprio gnente.
Sarebbe a ddì…na cosa…tutta nòva,
cioè…na cosa chiara a mme…a tte…
a tutti! Ma così…rincominciamo,
che pare che sto a ddì che io ciò chiaro
la cosa che a quell'antri nu j'è chiara...
Insomma…Sta a paré che qua de chiaro
ce sta sortanto…er rajo der somaro,
e tutto quant'er resto, fratel caro,
è robba che nun pò mai èsse chiara
finché vedemo solo bianco o nero,
e nun annamo a fonno der mistero:
che poi nu è detto che ce se schiarisce
gni cosa, e tutto quanto se capisce…
Er tempo ce pò dacce er mejo esempio:
c'è chi, si nun è chiaro, ce sta male,
e chi ce se 'mpazzisce quann'è griggio,
e c'è chi canta solo quann'è scuro…
Insomma…a la fin fine er mejo è
a pìasse, tutti, er mejo de li tre,
rimescolalli bene nfra de loro,
e gòdese quer che esce…si ciariesce.

Unica
(a Lisa)

Rara più d'una stella alpina
che dalla roccia spunta e bacia il cielo
e nella neve il bianco suo confonde
e al sol riappare turgida di vita,
t' ho colta io soltanto, Lisa,
e ti sei fatta prendere
nel pieno tuo fiorire.

Unica, di bello fuori e dentro,
come di roccia ove spuntano le stelle,
forte, e come i loro petali,
a un tempo,
delicata.

Unicità di sentimenti,
profondi,
come e più del fondo alle Marianne,
e ti ho pescata
nel pieno del vigore:
guizzi di vita, di pensieri belli,
di bellezza bella,
di amore vero e bello,
e fantasioso, e tenace
come le radici d'una quercia.

Unica mente, d'intelligenza colma,
unico cuore, generoso, e puro.

Unica al mondo, unicità esemplare,
all'ombra, però,
mai sotto i riflettori, a sbandierare…
lo facciano quelle, che piene son…di vuoto…
Unico mondo, mio, vivibile, ancora.
7 Giugno 2011

Problema rifiuti
Cambia il Comune…(giugno 2011). Ma Napoli….cambierà?

Napoli è servita!
A San Gennà, mo Napoli è servita!
Nun ce sò più li soliti aruffoni
a dovè sceje nfra la malavita
e li napoletani bravi e bbòni.

Nciai manco da giocatte la partita
coll'artro…santo, che, in cert'occasioni
cor solo schioccamento de le dita,
j'aveva dato er "requie" a li zozzoni.

Ma, ce lo sai com'è: nun è bastato,
ché tutti se sò dati un gran da fasse
pe rizzozzà er bèr sito, e nun c'è stato

più er… santo, e manco tu, llì, a evitallo…
Mo, nu è pe ddì: pe quanto pò sforzasse,
er nòvo tizzio...Cerca de aiutallo!

Te lo sto a ddì pe tte, perché n pò èsse:
quell'artro ce l'ha fatta! E senza messe…!

Nell'aria ci sta un fitto nebbiolino
(30 Maggio 2011)

Per l'aria ci sta un fitto nebbiolino
che proprio non s'adatta a andar di fretta
per chicchessia, né per la strada stretta
né lungo la "maestra", o il viottolino

di campagna…Nemmeno il "pendolino"
può correre, come usa, ma aspetta
con prudenza di uscire dalla stretta
che l'avvolge…E ognuno, il fanalino

fendinebbia accende. Dovrebbe, almeno:
l'azzardo in questi casi può costare!
Fermarsi è ancora meglio…è più ameno,

a ragionar sul tratto già percorso
e specie sul più lungo ancor da fare…
ed evitar così il pronto soccorso.

Si può anche ritornar, pel senso inverso.
E a volte è questa, in ver, la soluzione
che fa arrivar fino a destinazione.

La Fonte
M'abbevero alla fonte del Vangelo
ch'è acqua che disseta e è fresca e pura
e ci si specchia tutto quanto il cielo
e un immortale bene m'assicura.

Al ghiaccio in cuore opera il disgelo
accende il fuoco e spegne la paura
e il mondo può evitare ogni sfacelo
soltanto a berne…con disinvoltura.

Ovunque ha i suoi rigagnoli diffusi
pe' offrirsi a tutti quanti in ogni sito
e i rubinetti suoi non son mai chiusi

così che ogni momento è quello buono
per bere e stuzzicarsi l'appetito
di cose buone: e le acque sue…lo sono!

SE…quartine giornaliere di varia natura 81-100

81) Se all'immondizia è ben che ti ribelli
ché piazza e via riduce a fogna aperta,
dovresti far lo stesso coi cervelli
che sopra il tutto metton…la coperta.

82) Se manca la responsabilità
poiché individualmente mai nessuno
può aver le colpe della società,
di delinquenti non ne trovi uno.

83) Se stan sempre a scannarsi fra di sé
invece di far ben quel che va fatto,
dovremmo starci a chiederne il perché,
e mettere da parte chi fa il matto.

84) Se io son nato brutto e quello bello
non posso dir "C'è discriminazione !"
e andare in giro a urlare: "Come quello,
anch'io ho diritto ad essere un adone !"

85) Se al tempo d'oggi, causa di delitti
diciamo che è la…noia dei ragazzi
e comprendiamo con amor paterno,
siamo altro che la società dei pazzi !

86) Se Dio pei tuoi delitti ti condanna -
e non ne dà la colpa a chicchessia -
com'è che sempre più c'è che s'affanna
a perdonar con tanta frenesia ?

87) Se andiamo avanti a dire che in prigione
nessuno c'entra a scopo di condanna,
e a aprir le porte ad ogni "conversione",
per chi delinque è altro che la manna !

88) Se metti insieme diavolo e acqua santa
i due staranno sempre a rintuzzarsi
e se ha la forza lui, lei n'ha altrettanta,
e mai ci sarà accordo sul da farsi.

89) Se vai…becca-beccando in altrui case
e dici: "L'ha voluto forte il cuore!"
amico, o amica, cambia almen la frase,
che niente - quasi mai - c'entra l'amore.

90) Se ognuno al giorno d'oggi è allettato
da acquisti a rate ad interessi zero
lo sa che poi comunque è obbligato
al pagamento, il che non è un mistero ?

91) Se oggi il figlio è un pacco da portare
per mamma e per papà e pel magistrato
nonché per quella Legge…sull'altare,
bambino mio, ma perché sei nato!

92) Se è uguale per ognuno questa Legge,
a farla disuguale è il magistrato
il quale in tribunale s'alza e lègge
sentenze dove il giusto l'ha scordato.

93) Se il poliziotto acciuffa il delinquente
e il magistrato invece…lo dimette,
il poliziotto serve a cosa ?...A niente !
E il malcontento lo si taglia a fette.

94) Se vuoi un'idea di quanto sia pesante
amministrare tutta una nazione
ti guardi un condominio ed all'istante
capisci, specie quando sta in riunione.

95) Se a un certo punto occorre dipartire -
che è questo il grande accordo per la vita -
perché si perde tempo ad arricchire
se il mondo a cose assai più belle, invita ?

96) Se ai primi posti tra le frustrazioni
ci metton sempre la burocrazia
ch'è un male in tutte le amministrazioni,
perché scacciarla sembra un' utopia ?

97) Se è bene contrastar l'assenteismo
ch'è un cancro in tanti posti di lavoro,
perché pei capi c'è un favoritismo
per cui nessuno pensa a punir loro ?

98) Se in capo ad ogni storia per bambini
ci sta "C'era una volta", stessa frase
purtroppo deve dirsi dei destini
di tutti noi umani…fuori fase.

99) Se invece d' esser così tanto brave
le suocere a creare screzi e liti,
facessero - soltanto e ben - le ave,
starebbero più insiem, mogli e mariti.

100) Se i soldi per la fame sono usati
da chi già al mondo mangia, anzi, si abbuffa,
e non per far mangiare gli affamati,
non par che in parte almen sia una gran truffa?

Separazioni, divorzi: se la Legge non cambia…altro che giustizia e mantenimento del tenore di vita: sì…per lei…e anche di più…

L'alibi
"…Perché ha il bambino…! E che così sia scritto…!"
"Così sia scritto, e che così sia fatto!
Adesso è tutto mio: per diritto!
La casa… il conto in banca…A lui …lo sfratto!

La casa, pe' alloggiarci il "mio" bambino;
i soldi, per la spesa, la palestra,
per l'iscrizione al calcio…Il botulino,
le creme, l'istruttore che mi addestra….

Il parrucchiere…tutti i miei profumi…
Eh…il bambino deve pur mangiare:
nutella…Io, spremute cogli agrumi…

Un bimbo vuole dire …tante spese…
E in più, ogni sera, mi viene qui a trovare
Marcantonio, che ha sempre più pretese…

Lui, pel bambino…"suo" deve sgobbare!
Che gli alimenti son pochi ogni mese…
Fosse per me…ma il <Marca> vuol viaggiare…"

Piccole cose

parole e musica di Armando Bettozzi

Nei tuoi occhi ci sta un mondo
Fatto di piccole cose:

Tanti sogni e fantasie
Che riguardano noi due.

Esisto solo io, per te
Ci sei soltanto tu per me.

Sei sempre così vera
Sai di primavera,
Non voglio perderti.

Senza quel tuo sorriso
Che è il mio paradiso,
Cosa potrei fare?
Se ogni giorno
Non ti avessi accanto,
Mano nella mano,
Morirei.

Guardo il cielo,
Guardo un fiore,
Vedo te che sei il mio amore.
Questa vita è una sola
E voglio spenderla con te.

Esisto solo io, per te
Ci sei soltanto tu, per me.

Sei l'alba dei miei giorni,
Quando ti risvegli qui accanto a me.
E tutto quello che ho sognato,
Tutto quello che voglio
È racchiuso in te;
Tutto quello che ho di vero
Quello che ho di bello,
Me l'hai dato, tu.

Il mio migliore, unico assolo
(a Lisa)

Sono tornato
senza le armi
cantando l'inno
dei passati anni.
La brace accesa
è invidia alle stelle
ora che a ardere
ti lascio dentro.
Colma d'azzurro
e di rosso rubino
fiamma che infiamma
teneri ardori
mai assopiti
con le mie mani
nelle tue, porgo.
Senti il bruciore
spalmarsi gentile:
e dentro riardere
come mai spento.
Richiamo dei giorni
che tutto hanno detto
senza parole,
solo col canto
che esce da dentro.
Sono tornato
come in un volo
senza le armi
cantando l'inno
profumo del cuore:
il mio migliore,
unico, assolo.

A prescindere…
Ampolle, piene di….
ampollosità, lievitano…
Voci…illuminate, stridono.
Con fare altezzoso e un po' arrogante
occupano,
vorrebbero far proprio, quello
che loro proprio…
proprio, non è.

Ed a prescindere dalla "politica"
che tutti imbroglia, voi che il …"proibizionismo"
aborrite, e ognun tacciate di…fascismo
volete questa pagina…apolitica…

…dagli altri! Voi, invece, in "quella"ci sguazzate
contenti, o gufanti, o inquieti…e insultanti….
Tra i bambini queste son…birichinate…
Ma per fortuna abbiamo altri…collanti:

poesia…poesia…Ma che libera, sia!
Per ognun di noi…com'è in democrazia.

Ma io prescindo da tutto quanto questo:
non userò, come voi, parole "contro",
perché fra tutti, forse, sono il più onesto
e di certo non istigo altri allo…"scontro".

Voi prescindete…e il "credo" vostro, tradite:
ve lo ricordo: "Diversità è ricchezza",
ma se da voi si…differisce…punite,
scrivete quel che a ripeter… mi ribrezza.

Ma non vi porto rancore, e a prescindere
dai commenti che qui avete…inflitto,
dalla realtà continuerò ad attingere,
e a rispettarvi, che, pure, è un mio diritto.

Li permalosi
Sò permalosi, sò…E nun sia mai
a dì quarcosa che nu' je sfaciòla.
Sò fatti a un modo (e certo ce lo sai),
che vònno stà llì sempre a fatte scòla.

Si azzardi a dì er contrario de la cosa
che cianno prestampata in de la testa
te danno der retrogrado che osa
sfidà la libbertà…e… "l'ira funesta"…

(così come che scrisse quarchiduno),
te tìreno…"demograticamente",
perché a 'sto monno ncià da stà nisuno
che pòssi avé un'idea indipennente:

'n sia mai! Che, poi…come se farebbe
co "centri"…"occupazioni"…"invasioni"
"frociaggini"….e via così…Finirebbe
la guèra contro tutte l'oppignoni

che 'n vònno facce ruzzolà ner fonno
der pozzo nero ('n se pò dì ch'è rosso!),
Ma dico…Poi…gne mancherà ogni "affonno"
(si vincheno), co cui, mo, a più nun pòsso

ciariempiono giornali e chiacchierate
ne le tivvù, pe tutt'er santo giorno,
contro er nimico…Ah…mbeh, però…aspettate!
S'arangeranno nfra de loro, attorno

a le quistioni che hanno mess'assieme
pe buttà giù er nimico - come detto -
ma che daggià da mo sò come er "seme
de la discordia"…E lo vedrai…l' effetto!

Fredde gocce d'inverno
Gocciola fredde gocce d'inverno
il paradiso disteso sul monte.
Come una mano gelata, accarezza
cime e pendii…E scalda il mio cuore.

Cogli ermellini, candidi manti,
sembrano andare - gli abeti - al passare
di teleferiche, come sospese,
spinte dai soffi di gelidi fiati.

Voli biancastri sul fondo azzurro
passano in alto da un picco ad un altro:
si fanno ombre che corrono via
sopra il mantello incantato del gelo.

Di pace intensa il bianco profumo
scivola libero per ogni dove.
L'eco trascina per tutta la valle
lo jodler trapunto di stelle alpine.

Una ad una rispondono l'orme
con lo strumento fragrante dei passi:
un suono lieve di fiocchi pressati,
di leggerezza di paradiso.

Cani…importati addirittura da la Cina, pe sarvalli prima che se li magneno! Mosche…Zanzare….
Mmhhh! Mejo a buttasse avanti pe nun cascà all'indietro…Hai visto mai, co questi…!


Mosche e zanzare
Ariècchiteli qua…sò ritornati
sti brutt'inzetti zzozzi e fastidiosi
a ròmpece le scatole, ingrifati
de sangue e de schifezze. E rumorosi,

sò! Che addosso sò ripieni de sadismo
da fatte tribbolà, spece de notte
co quer ronzìo che porta all'isterismo,
che pari proprio matto a ddà le bbòtte

qua e llà pe tutta l'aria, e puro in faccia
che te se fa na maschera de sgraffi…
de bbòzzi…e bbolle…Ma, co tanta caccia,
sippuro cacci pe ore…gnente, araffi!

Le possin'ammazzà, mosche e zanzare
che cianno messo qua a martirizzacce
che artro, proprio 'n fanno…Ma te pare
si mo inizziassero a rimproveracce

l'animalisti-rompi (puro loro…),
che pe èsse…bravi ar massimo te fanno
er "fonno sarva inzetti"…SE…!! E l'alloro
…de la minchioneria, se pìjeranno!

Con tutto il rispetto che si deve a una Istituzione dello Stato, nessuna esclusa, come puntualizza Giuliano Ferrara.
"Qui Radio Londra", 19 Aprile 2011

Sòr Presidente mio!
Che se pò dì, Sòr Presidente mio,
me pare che la cosa l'abbi detta
ner mòdo giusto…Eh…sant'iddio,
come potete fà sta… figuretta…

de quelo che dovrebb'esse neutrale,
"ardisopra" - così come se dice -
e 'nvece…Beh…nun è da Quirinale!
Lei, Sòr Presidè, se contraddice

tiranno a uno le recchie e all'artri…gnente,
e badi che tra quelli, er più gran danno
lo sta facenno proprio quela gente
che…sta coperta…E tutti ce lo sanno,

a parte chi vò proprio èsse de parte.
Se sa che nfra le toghe c'è un annazzo
che Lei nun pò ignorà, e nisconne… ad arte…
C'è un Asor che è compretamente pazzo,

e istiga la ggente a pìà le armi!
A Presidè, ma je 'a volemo dà
n'allisciatina ar pelo…!? Artro che: "Carmi!..."
come fa a vòrte… ma gne vò strillà!

Sò Istituzzioni, "queste", ma anche "quella".
O un pòro cittadino come mme
je deve fa capì ogni "marachella"
che sott'ar naso, quarche gnè-gnè-gnè

je sta facenno, e Lei je fa: "Mbeh…Mbeh…"!

effetto votazioni amministrative di Maggio 2011.

Evviva! Evviva!
Evviva! Evviva! Evviva! Evviva! Evviva!
La voce s'è levata, ingalluzzita,
alfin di proba gente, che stordita
si sveglia da…quell'incubo…E viva

si sente, alfine, e irrefrenabilmente
all'impazzata spara offese, e grata
si sente ora al destino, ed irruente
il siero schizza addosso a gente odiata

che ha disastrato con la "sua" immondizia
quel fiore di città, e all'invasione
il freno non vuol mettere, e primizia
di….ortaggi a… trascinar, propone:

finocchi…barbabietole…cetrioli…
Capaci tutti ad innaffiarsi l'orto
ognun per proprio conto…banderuoli…
cioè, no: fior di…dialettici, a supporto

di… dema e di…gogie che ognuno ha in testa
anzi, giù, giù…che l'han nelle radici...
Ma l'occassione è ghiotta, e di far festa
non c'è miglior momento: evviva l'ICI!

Di certo, tutti ormai ne siam convinti,
se verrà il cambio ognuno esulterà:
saremo tutti quanti alfine avvinti
dal nuovo corso della libertà,

per fare…che? Se già ce n'è talmente…!
Ah…sì…beh…certo! Sì! Sarà permesso
di avere finalmente ufficialmente
idee diverse…proprio com'è adesso!

Bin Laden ammazzato da un'incursione americana (Maggio 2011). Sarà pure così…Ma lo raccontano come fosse falso…

A Oh!-Bbà!, sai troppo! de farzo!
"Insomma, a Re', Bin Laden…pe davero
è morto pe l'azzione de un gueriero
americano, mo, che j'ha sparato,
o è solamente un fatto ch'ha inventato
Oh!-Bbama! che sta tutto impensierito
pe la portrona…adesso ch'ha capito
si quant'è bbello a stacce appiccicato
côr culo, mentre all'artro l'ha cacciato
strillanno ch'era un pazzo guerajolo,
e guarda quanto je sta annà a faciolo
la guèra, a lui, che 'nvece è …omo de pace!
Er fatto è che a sparlà…quanto je piace!
a tutti quanti in tutto quant'er monno!
Si lo sparlà pò daje quer che in fonno
è quer che vònno…Che anche a 'mmazzà er padre
j'andrebbe a cicio, o er fijo co su' madre…!
Perciò, a Re', dà rètta, nu' annà appresso
a li politicanti…nun fà er fesso,
che lloro sò capaci de giratte
quarsia frittata e sanno cojonatte
ner mentre che t'allisceno la schina,
ch'è er modo che la ggente je se inchina."

"È sacrosanto, a Ro', quelo ch'hai detto.
Ognuno avvéra er sogno ner cassetto
chiedenno a nnoi quela compricità
pe caccià via chiunque mo ce sta
su la portrona stessa che vò llui…
Finché er concetto è questo…sempre bui
saranno in ogni parte li destini,
a destra e a manca…Sempre li casini,
l'imbroji, l'intrallazzi, le bucie…
Insomma. Oh!-Bbà! Facce capì, le Cie,
l'eserciti e Pentagoni, davero,
l'hanno mannato mo ar cimitero?
Ma er dubbio m'arimane, Oh-Bbà…Ched'è:
<Pò ffà impressione…nun se pò vedé…
l'avemo già buttato drent'ar mare…> !?
Saressimo, davero, a tte te pare,
na massa de cojoni imbarzamati
da prennese pe 'r culo, e…ammaestrati?!"

La petulanza
La crisi stringe…Il da far, ci manca…
Ma ci sta gente che giammai si stanca
di far d'un'…asta e d'una…farfalletta
l'inverso vér di quanto lei s'aspetta.
Che bene è sì, dir, di qualsiasi cosa
ma, è risaputo, quando ce n'è a iosa
per quanto sia 'l più bello e il più importante,
tutto è alfin…barboso e petulante.
Se poi ci son problemi…quelli veri…
è giocoforza farsi un po' più seri.

La petulanza, invero, è come il vento,
che poco spazza via la sporcizia,
ma certo da ogni prato ogni primizia
si porta…fino al proprio esaurimento.

Omaggio alla memoria del poeta Marcello Plavier

Quando muore un poeta
(addio a Marcello Plavier)

La mano d'un poeta può fermarsi:
non scriverà più versi,
scaglie emozionanti del suo cuore.
Vivranno, però, ancora, tra la gente
che ha conosciuto e ha letto,
le sue poesie, la voce sua silente,
un filo non visibile altrimenti
che il cuore unisce all'anima e al pensiero.

Adesso lui riposa al cimitero
e pe' altri siti, l'alma
porta la voce che con ciò non tace,
e parla ancora al cuor di chi un suo verso
prende e ripone, attento, dentro sé.

Pel "mare blu" risuona quella voce,
la tua, per noi, Marcello,
e a Dio, da vicino,
volgi lodi in versi. Da noi: addio!

Mefistofele: non più, solo leggenda
Se n'è andato, alfine, Mefistofele,
con la coda pelosa tra le gambe,
col fuoco spento dentro il cuor di brace,
che cenere s'è fatto immantinente.
E freddo come il marmo,
dal piagnisteo dei dèmoni par suoi,
è accompagnato… sconsolati e tetri.
Ora le sabbie spargeran col vento
l'ode al più grande tessitor del male,
che suo ideale è stato, e ancor ne trae
gloria e osanna nell'arido suo regno.
Leggenda è ormai nel mondo il nome suo,
nel mondo non di fiaba, ma reale,
che afflitto guarda il vuoto che han lasciato
le due Gemelle collassate, e il pianto
rimasto al posto loro, a testimone.
Sulla lapide di rito, una prece:
"Sia ogn' atomo, e il suo di-enne-a,
distrutto per l'eterno, e non dai vermi
che possono rifar quanto han mangiato".

Italia: da Centocinquant'anni
Son Centocinquant'anni…Bella età!
Ma ancora pochi! Italia-Bel Paese,
col sangue messa assieme, e le contese
di idee diverse fatte, poi, unità.

Ma "Una e Trina"… sei. Per chi più "Una"
per chi più "Trina"…Ancora studentessa,
fuoricorso…aria sveglia…aria dimessa…
Scopiazzi questo e quello…Ma nessuna

di te sarebbe meglio se dal cuore
togliessi gl'ideali falsi e gretti
e rinnovassi in te i bei concetti,
e t'imbevessi ancor d'ogni valore

che pel tuo male, certi hanno scalzato.
Sei come un frutto ancor da maturare.
Sei come un ragno che si fa invischiare
dalla sua stessa tela, Paese amato.

Ti manca ancor del vecchio la saggezza.
Di nuovo poco fai…E il bell'antico
lo lasci in mano al suo peggior nemico.
Bistratti il "polso" e vuoi la…leggerezza…

Dovresti dire, ormai, ai giochi: "Basta!"
Dovresti, ormai, mettere giudizio
E toglier dalla testa il brutto vizio
di dire "Al ladro!", con le mani…in pasta.

Dovresti, come bella donna s'ama
amarti assai di più, di te gelosa.
Sii come una "Signora", generosa,
ma scrivi da te stessa, la tua trama.

Primavera de…li segni
Ce sta la primavera - beninteso -
che viè er ventuno marzo e che fiorisce
li prati co le rose, e che addorcisce
er còre che se sente tutto acceso

da un fòco…che n capisci si è iperteso…
e manco ndo' 'ncomincia e ndo' finisce…
Ch'è anche bello…! Ma c'è chi se 'mpazzisce
a ogni primavera, e è guasi offeso

si viè a sapesse in giro ch'è arivata
pe llui, e llui sortanto (lui se crede),
ch' è peggio che si ariva na serciata.

Se va a vedé a lo specchio: "Un antro segno!"…
Se 'mpiastra…E poi è ar bisturi, che cède,
ch'è 'r solo, ormai, a fallo sentì…degno!

La delinquenza giovanile dilaga: a scuola, in casa, per strada…senza freni, perché i "freni" nessuno li tira, e perché, addirittura, c'è sempre chi è pronto a difendere…a giustificare…a prendersela col mondo intero…ma mai con le bestiacce che possono essere, a volte, anche i ragazzetti. Genitori ammazzati, con tanto di ragionamento, amiche di scuola stuprate, amici ridotti in fin di vita per bravate, così, gratuitamente…, carabinieri: idem. Cosa si aspetta a cambiare e a far cambiare mentalità? La " matta bestialità" usata contro dei carabinieri (in provincia di Grosseto), è la più recente di tante azioni assolutamente ingiustificabili, assolutamente da condannare…ma non in astratto, che non dice proprio niente. Chi giustifica, si deve prendere la responsabilità di certi crimini efferati dei ragazzi. Tra gli altri, quei genitori che vanno a maltrattare gl'insegnanti, che si azzardano…e chi predica la …libera libertà, e tanti opinionisti, conduttori, giornalisti, preti, psicologi… che "devono fare"…bella figura. (Aprile 2011).

Ommini…bestie,
e ragazzetti… bestiacce


Che l'omo pò esse bestia è stato detto…!
che ce lo sanno ormai cèchi e sordi.
E più sta immezz'ar caos e a li bagordi
e più diventa reo da grann'effetto.

Er… "Poeta"… cià rimato giù a dirotto
su tutti li possibbili fattacci
che l'ommini (più che artro animalacci)
te pònno combinà…Der regazzetto

però, n se dice mai che drent'ar petto
a vòrte pò sentisse più bestiaccia
de la bestia, e pò esse na minaccia
pe tutti, e trasformasse in fòrilegge

de queli più tremendi…E nun arègge
la scusa che gni vòrta va cercanno
er …bbòno de turno, che a quer che fanno
de peggio - che più peggio n ce pò stà -

je trova la scusante, e sempre, fa:
" Sò minorenni, sò…la punizzione
n pò esse quella de finì in priggione…"
E nun se renne conto che più peggio

n pò ffà…Perché finché n ce sta er "pareggio"
tra er male fatto, e un ber castigo "giusto",
ce troveranno sempre più e più gusto
a ffà li delinguenti …e a "strafasse",

che 'ntanto tutto quanto se pò fasse
in de sto bèr paese che me pare
er regno che se inchina ar malaffare:
che sia de qui, o stragnero nun importa…

Ma mo me sto a 'llungà…Pe falla corta,
"l'età de la raggione" va abbassata
si se vò dà - a sto pòsto - n'aggiustata.
E er pentimento…pe scanzà l'inferno

è robba che va chiesta… ar Padreterno!
------------------------------------------------
 

A Alessia e Michela Orlando
(vari siti le riguardano)

                                          

                                                                                                          

                                                                  



Vesuvio
Ma poi che sarà mai…na montagnetta…
n cucuzzolo sur mare, affumicato,
che tutt'er giorno sta spaparacchiato
a vedé er tempo annàssene de fretta

ner mentre invece lui se la spippetta
tranquillo…Ma drento, però, è 'ncazzato!
tutto 'nfocato com'è, e costipato
de lava, che a le vòrte è na bavetta

che quanno 'nne pò più viè giù spauranno
chiunque s'aricorda der gran bòtto…!
E è come quer che drent'ar còre cianno

Alessia co Michela, le gemelle,
che ardeno de rabbia pe sto galeotto
monno, e vanno schizzannoje fiammelle

da li "siti", facenno vedé er brutto…
protestanno… e farebbero filotto
de chi lo sta 'gni vòrta a mmette a llutto.
--------------------------------------------
 

Sempre più…sempre troppo, cani al posto di bambini…e quando ci sono, sono soli, o comunque, insieme soltanto a metà. Altro che felici nella…famiglia allargata…!

(rivisitazione, in romano, della mia "L'erba del prato")

Primavera senza sorisi
Mo sta a rinasce, er prato, e s'ariveste
de petali de fiori colorati,
che pare come fussero merletti
sull'erba tutta nòva…tutta verde.
Se parleno nfra sé le margherite
facenno un sottofonno ar venticello,
che mo st'amoreggià co la mimosa
che sprenne tutta gonfia sott'ar sole.
E se va offrenno a tanti amori fatti,
e a quelli ancora acerbi de regazzi.
Qua e llà ce stanno puro le viole
che, come che se senteno guardate,
- co timidezza - fanno le frou-frou…
C'è tutto, pe godé quer paradiso:
ma nun ce sta er soriso!
Ah, sì…ecco sbatte na portiera…e n'antra…
Che bello ecco li pupi pe giocà…
Ma che… sò solo cani, e lui…o lei…
Ce resta così male tutt'er prato!
Che nu'è contento de…quer surogato.


      

 

          

 

    

Firenze
Quel Genio tuo, tutto in te traspare
e per le strade e piazze si respira.
Madonna, ognun che viene ti rimira
e l'occhio più non sa dove posare

com'è pel bimbo intento al suo giocare
con troppi giochi intorno e ognun l'attira.
Dei tanti Grandi tuoi ancor s'aggira
lo spirito, e ognuno si fa amare

per quanto entusiasmante ed imponente
a chiunque vuol sentirsene l'erede
ha dato, pel suo cuore e la sua mente

in tele eterne, in pietre, e bianchi marmi,
nei fogli scritti a mano o a stampa, e fede
nell'Arte Bella, e in immortali carmi.

Son le parole folate di vento
(a Lisa)

Son le parole folate di vento
sfiorite nel tempo e dimenticate.
Scaldano intanto che son pronunciate
poi si fan fredde in un solo momento.

Lasciano scie come fosser vampate
che a fuoco stampano un sentimento
su brani di pelle…sorriso o tormento
di due persone tra sé innamorate.

Son le parole…parole soltanto,
strette con forza ...comunque interrotte
da andirivieni di gioia e di pianto…

Ma se il profondo del cuor mio ti svelo
ogni parola il tuo cuore la inghiotte
come venisse dal sacro vangelo.
 

Pasqua….
Filosofia di pace 
                                                                                                            

                                                                                                             


La sorpresa
dell'uovo di pasqua


In ciascun uovo di Pasqua a sorpresa
giocoforza è trovarci una sorpresa. Figurarsi perciò la mia sorpresa
nel trovar la sorpresa sorprendente
di non trovarci nessuna sorpresa.
Per un po'- devo dir - me la son presa,
ma riflettendo ho detto:"Più sorpresa
del non trovarci dentro la sorpresa
non c'è…! - e ho detto: "Oh, ma che sorpresa !"

 

Un fatto, una poesia.
Alle volte dici: "Ma questi pensano quando parlano…?"
Solita trasmissione delle chiacchiere…Si parla di Giustizia, e si precisa (Rutelli. Aprile 2011), che anche se…comunque, prima o poi la giustizia trionfa sempre. Mmmmmhh!

La Giustizzia trionfa sempre!
"Ma quanno stanno llì in televisione,
sti còsi, a Re', che dichi…cianno er fiato
ch'è collegato, oppuro è scollegato
da quer che cianno drent'ar capoccione?"

"Eh sì, a Ro', è vero…ciai raggione!
Che t'ho da dì…pe mme è tutt'ossidato
er filo der pensiero côr parlato,
sinnò n sarebbe gente de…fazzione.

Ma come se po'ddì: "Ma che te frega!...
Ma sì…fatt'arestà…Si stai ner giusto,
vedrai che la Giustizzia n te la nega

l'assoluzzione piena... o prima. o poi!".
" Er bello è che le dicheno co gusto
ste gran…pensate che sentimo noi.

"Ma mi facci il piacere…!", fa Totò,
e Enzo* sòrte e ffà: "M'ha scaggionato,
è vero! Ma dopo avemme ammazzato
che ancora me ciaddanno…Ancora mo!"…

*Enzo Tortora - tutti sappiamo di che si tratta.
------------------------------------------------------------
 

Preghiera dei poveri più poveri del mondo.
E perché no: magari potesse esserlo d'ognuno al mondo!


Di tutto questo, anch'io
(una piccola goccia di felicità)

Di questo mondo grande ne vorrei
un piccolo granello anche per me,
con gocce piccoline
di sole e cielo
che sian mie soltanto,
come mie son quelle -
ma son pesanti assai -
che sulla fronte mia stanno a brillare...
E solo un po'di pioggia e non di più
per la mia sete, e crescerci i miei semi.
E un po'd'unguento vorrei
contro il dolore.
E poi vorrei…ma già l'avrei di già
con tutto questo, anch'io,
solo l'assaggio, anch'io,
d'una piccola goccia… di felicità.
E fede, vorrei,
e speranza, o Cristo,
in questo mondo che su me si tace,
perché m'inondino della tua pace.

Personaggi

Tonino
Strabuzza gli occhi, e il viso gli si arrossa
e di veemenza tutto si colora;
più che parlar, ruggisce, e si accalora
in un crescendo…E fa la voce grossa,

e attacca ed inveisce con dovizia…
Si fissa… Poi, d'un tratto, guarda un punto…
Fors' è la sua visione, che lo ha unto
di grazia paladino e di giustizia.

Ogni volta non perde l'occasione:
demonio par veder che altro demonio
vorrebbe lì testé in pinzimonio
servito, pe' addentarlo in un boccone.

E intanto, mentre pare aver la scossa,
predice…l'uomo nero, che ritorna,
e su democrazia parole sforna,
e al popolo prospetta la sommossa*,

se il referendum suo…non andasse…
cioè-a-dire se, democraticamente,
il popolo scegliesse scientemente -
come ha fatto -, e quello ancor votasse.

Democrazia, vago sentimento,
oggetto di capricci e situazioni,
quanto stranamente oggi risuoni:
sei banderuola…in bocca a uno e a cento.

*nell'intervista con Annunziata, 17 Aprile 2011

Tempi (- brutti- ) moderni.

Sul sofà…e sotto
Sul sofà ci stava Arnaldo,
sotto a lui, Maria Rita.
In quell'ora di gran caldo
una frase era uscita:

"Caro Amore, Reginaldo,
t'amerò tutta la vita…",
e l'Arnaldo fiero e baldo
fa con voce assai stizzita:

"Reginaldo?...Ma che dici!
Tu m'incorni…oeh!, Carlotta…!
Te la fai coi miei amici!?"

Vien da sotto quel sofà
il Leonardo, e fa: "Mignotta!
Questo bel maschione qua

è il ragazzo del mio cuore:
via…sciò…Carlotta…Rita…
Questa scena è…inaudita:
sol con me! farà l'amore".

Un nuovo amore
Il mio respiro, a lei ho dedicato
ogni ora, ogni momento della vita.
Per lei mi sono anche indebitato
eppur con me era sempre più stizzita

e non so ancora in cosa abbia mancato:
l'ho amata, rispettata, mai tradita,
e per ringraziamento m'ha lasciato
in questo gran dolore, ed è sparita.

Cercandola, ho trovato un nuovo amore,
ch'è così amabile, e il cuor mio in frantumo
con spirito riaggiusta e con fervore.

Io l'amo e so che mai mi lascerà
e sempre e ovunque seguo il suo profumo
col mio bicchier che sempre riempirà,

ora che lei non mi sta più vicino,
lui ch'è il mio nuovo amore, il mio buon vino!

Una formica nemmeno si nota
Una formica nemmeno si nota
quando per casa s'imbuca sperando
di rimpinzare la madia sua vuota
mentre già un'altra, co' un'altra sta entrando.
Intanto fuori già aspettano in cento
il convenuto segnale pe' entrare,
e mentre in casa nessuno sta attento
in processione si vanno a infilare.
Van sparpagliandosi in ogni cantone
in modo tal che ne resti allo scuro
chi in quella casa per sua provvisione
cibo ha serbato pel tempo futuro.
Il sòr padrone, invero, qualcosa
vede e però dice: "Bah…se n'andranno!
Povere! In tana non è che hanno a iosa…
Prendano un po'…e poi lì torneranno.
E pur se stanno, che male mi fanno…
Un poco meno anch'io mangerò,
ma perlomeno con dio non mi danno
se giusto, e pio, e…aperto, sarò.
Ogni formica si prende un granello,
ma in quella casa nessuno ci bada,
e incoraggiata ognuna un cestello
riempie pian, piano…e non torna più in strada.
Anzi, ora visto che lì si può fare
tutto e di più, a ogn'altra tribù
mandano il segno che c'è da mangiare
e a mille, a mille ora salgono su.
Svuotano quello che c'è da svuotare,
e ora soltanto il padrone s'avvede
dell'invasione, e s'accinge a frenare,
e al condominio un aiuto gli chiede.
Ma fanno a gara a chi più se ne infischia,
mentre dilagan per casa le intruse,
e tra i capelli le mani s'invischia
il sòr padron, che però…non ha scuse!
Morto è il padrone e è andato all'inferno
pe' aver causato la sua povertà,
e dei suoi figli, che mangian…bontà…
perché ha abusato di…umanità…
Niente che piaccia nemmeno all'eterno.

Muore mamma
Pesa tutto…Il sangue è ghisa…Tutto, pesa
come fosse una montagna
che mi scivola, da dentro…
Fermi, intorno, l'aria…il mondo
per rispetto al capezzale.
Fanno male…quei rincorrersi dei flashes
della mente, che ricorda…
che rivede…che risente…
Tutto, pesa…Non l'avessi mai offesa!
Vedo i passi traballanti…Delle braccia il dolce abbraccio
sento ancora,
la diffusa tenerezza della mano
che accarezza,
e il sorriso, il dolce incanto,
rassicura…manda via ogni paura,
quando il buio mangia il giorno…
Che gran peso! Una morsa stringe il cuore…
Ora il giorno suo, per sempre, un grande buio
avvolgerà….
Come me, quest'impotenza sta avvolgendo,
mentre tutto sembra fermo, anche il dolore,
or che mamma mia mi guarda,
mentre piango…mentre muore...

Vigne
Voi, ch'amate le nostre terre sacre -
d'antica età, e voi appena nate -
v'abbeverate alla fatica alacre
e poi riconoscenti ci donate

il sangue vostro qual nostro tesoro
cresciuto in quelle piccolette sfere
ad opera dell'aria e 'l sole d'oro,
che tramutiamo in nettare da bere.

Da sempre vostra patria è tutto il mondo,
ché tutto il mondo ama quel che siete,
e a quel che date, ingenuo e giocondo
l'umore suo affida, e la sua sete.

Confida in quel tesoro che gli date
pe' accrescere letizia a un bell'evento,
o per trovar conforto a sciagurate
giornate che ogni tanto porta il vento.

Magia, è quel che fate col buon vino,
e se con il buon vino, in tutto il mondo,
s'alzassero i bicchieri, dal vicino
al più lontano uomo, e in girotondo

brindasse ogni abitante della terra
gridando "Pace!" e "Fuori ogni follia!"
cancellereste il nome della guerra,
facendo - invero - la più gran magia!

Un fatto, una poesia.
Essere contro l'invasione (quando l'Europa ti lascia solo a fronteggiarla) è una cosa…
Ma fregarsene della richiesta d'aiuto di chi affoga sotto i tuoi occhi, è…da bastardi!
Dove sono le levate di scudi, contro Malta, e perché no, Parigi, e adesso anche Berlino, e l'Europa tutta? Molto del "contro" viene anche da tutto questo. (6 Aprile 2011, barcone con 250 migranti affonda nelle acque di Malta, che riceve gli SOS, ma non interviene, e chiama l'Italia, per il dovuto soccorso, ed evitare quindi di doversi portare i naufraghi-migranti a casa sua! Maglio che lo facci…lo continui a fare l'Italia…da sola….).


Europa, sei solo una parola! (2)
(anche Malta se ne frega,
e non è sola
)

Che stai facendo, Malta: fai la scema?
Forse che essendo la più piccoletta
la capricciosa, fai, e senza tèma
chi ti comanda, lì, da La Valletta,

chissà per qual teorema sconosciuto
dal gran problema vuol tenerti fuori?
Ma quando sta affogando e chiede aiuto
chiunque sia, per quanto t'accalori

a contrastarne in modo razionale
l' "invasion", come puoi lasciare andare…
Se questo hai per profilo nazionale,
in Europa, che cacchio stai a fare?

Che vuoi, lasciare a noi ogni incombenza?
Di quel barcone che affogava inerme
è chiaro ch'era tua la competenza.
In due parole, Malta, sei un verme!

La forza tua è che in questo non sei sola:
Parigi insegna…E adesso anche Berlino!
E i nordici…! A noi il lor destino?
Bastarda Europa…solo una parola!


Lo specchio dei tempi.
L'Era del puttanismo…e poi ci meravigliamo….

Dedicata a quelle che in nome dell' "Amore", scassano amore e famiglia a quegli scimuniti di uomini. Ne ho intervistate alcune: ecco la risposta. Sempre quella: "Amore!"…ma guarda caso, st'amore è sempre e solo per quelli sposati…Mah! Poi, sarà per i figli "illegittimi" che vengono fuori, che sono i figli del loro "Amore"…perché quelli nati nel matrimonio che sfasciano, quelli sono…altra roba…E poi…la "famiglia allargata" è il meglio che possa capitare a un bambino/ragazzino: ma che bella'auto-consolazione! Altra bella auto-consolazione è che " La cosa si fa in due…", ma se loro non stessero in cerca dei loro pisel..- pardon - amori. E dei loro portaf…- pardon - ancora e sempre "amori"…Tutto, però', sempre, appunto, strettamente in nome dell'"Amore", perché…fa bello...


Si n sò sposati…noi nu li volemo!
(da un'intervista a svariate …mignot…- pardon - amanti innamorate)

"Nu li volemo si nun sò sposati!
Vòi mette un bèr marito collaudato,
co n fregno ancora tutt'impacchettato
ancora da svezzà…? Li risurtati

sarebbero anni perzi…anni sciupati!
Vòi mett'er gusto che te sei scopato
quarcuno de quarcuna ch'hai lassato
da sola a piagne…?! Amori tribbolati,

volemo, ché sinnò nun s'arapamo!
L'amore, noi lo famo per amore!
Noi semo innammorate, noi amamo!

E no le moji loro, le sposate:
che côr marito, fiji, casa e onore
se credeno che sò quelle arivate!

E si cià er sòrdo, artro che ingrifate!
Mariti…portafoji mii…ndo state?"

Un fatto, una poesia.
Essere contro l'invasione (quando l'Europa ti lascia solo a fronteggiarla) è una cosa…
Ma fregarsene della richiesta d'aiuto di chi affoga sotto i tuoi occhi, è…da bastardi!
Dove sono le levate di scudi, contro Malta, e perché no, Parigi e l'Europa? Molto del "contro" viene anche da tutto questo. (6 Aprile 2011, barcone con 250 migranti affonda nelle acque di Malta, che riceve gli SOS, ma non interviene, e chiama l'Italia, per il dovuto soccorso).


Europa, sei solo una parola!
(anche Malta se ne frega,
e non è sola
)

Che stai facendo, Malta: fai la scema?
Forse perché sei la più piccoletta,
la capricciosa, fai, e senza tèma
chi ti comanda, lì, da La Valletta -

in luce di chissà quale teorema -
ti crede fuor dai giochi, e non ti spetta
nessun coinvolgimento mentre trema
per la sua vita dentro la "carretta"

gente che accosto a te sta andando affondo?
Cattolica-cristiana? Meno male!
Per quanto "contro", se c'è un moribondo

con quale faccia puoi lasciare andare…
Se questo hai per profilo nazionale,
in Europa, c…ci stai a fare?

La forza tua è che in questo non sei sola:
Parigi insegna, e tanti altri…In tale
caos morale, Europa…sei una parola!
 



   


Buona notte, Bettona

Quando, oltre la Fratta* scende il sole,
i verdi piano, piano si fan scuri,
l'ombre si disegnano sui muri,
e il monte di tramonto s'incorona.

L'aria imbuia, e adesso le s'intona
il chiaro della luna ch'è adagiata
sopra San Crispolto**, e, ovattata,
inizia a venir giù anche la notte.

L'ombre ora son quelle dei lampioni
in piazza, dove vanno frettolosi
passi a rifugiarsi speranzosi
dal lungo giorno e 'l fresco ancora asprigno.

Batte l'orologio, che benigno
la calma della notte ora diffonde
da Santa Maria***, e su quell'onde
culla chi ancora il sonno non lo prende.

*monte dirimpettaio
**la chiesa del Santo Patrono
***la chiesa sulla piazza centrale, di Santa Maria Maggiore.

I fatti della storia, una poesia.
A ridosso dei movimenti per la libertà, ormai dai più ottenuta. Sbarchi dall'africa senza più fine…L'Europa continua a fregarsene…In Italia chi si oppone è "incivile"…(?) Anche se vuole aiutare, con loro a casa loro…La civilissima Francia li scaccia (mandandoceli a casa nostra!), ma guarda se qualcuno dei "buoni" si azzarda a dare alla Francia e ai francesi, dell'incivile…Basterebbe questo per …smascherare i "buoni".
L'italiano è stato emigrante. Certo! In paesi che non esistevano e erano tutti da costruire e abitare…
La civilissima Svizzera ci cacciò appena le sue città erano state tirate su - anche o soprattutto - dai muratori italiani. Ma questo è solo… en passant, Il fatto è che questo momento storico-economico non è adatto a quello che i "buoni" vorrebbero.


Demenza demenziale all'italiana
È demenziale non soltanto quello
ch'è demenziale in modo risaputo.
Esempio: il volere usar l'imbuto
col becco ch'è più largo dell'ugello

della bottiglia in cui travasi il vino:
lo sanno tutti: finirà sprecato,
e allor sarebbe proprio un gran peccato,
buttar così quel nettare divino.

Demenza demenziale è anche usare
demagogie e buonismi in un paese
che ha tanti suoi problemi, il che è palese:
soltanto ai "buoni", no! Ma lo strafare

in tal bontà lo manderà in rovina:
lavoro non ce n'è, case nemmeno…
La "civiltà" è invocata, ma, sereno
l'oltralpe civil popolo declina

aiuto, umanità, ospitalità…
a chiunque bussi alla sua porta…chiusa.
Ah, poveri pensieri alla rinfusa
che escon come fumi a volontà

da capi sotterrati a mo'di struzzo
per non voler vedere l'evidenza,
e lanciano, anzi, facile sentenza
a chi ha di lor lo sguardo assai più aguzzo,

per far difesa a sé, e a quelli stessi,
E vuole sì! aiutar…ma no invasione,
che è quel avviene, e non c'è protezione,
ché per l'Europa…siam poveri fessi

lasciati allo sbaraglio e all'accoglienza…
Mettiamo: ne accogliamo centomila…
Ma più di mezzo mondo c'è, ch'è in fila!
E allora…è bontà…o è demenza?

Non è demenza…è senso di giustizia:
quel mezzo mondo, tutto, deve entrare!
Favoritismi non si posson fare.
Che, dunque, entri…il mondo, in gran delizia!

Il mio futuro è ormai il mio passato
(a Lisa)

Il mio futuro è ormai il mio passato
ch'è a lui che guardo in questo andare avanti
con quello che m'ha tolto e che m'ha dato,

momenti per me inutili o importanti
che pieno han fatto il divenire mio
di giorni ricco, tristi oppur festanti;

che come fa del mar lo sciabordio
che tutto porta a riva quel che trova,
in me ha accumulato quel che Dio

m'ha posto innanzi come pe'una prova
che ho superato ma anche assai scansato
e tutto quanto il rimembrar rinnova.

Intorno, tutto, vedo ch'è cambiato:
e tanto lo è in me: di lei soltanto
quel che m'accese ancor non è scemato,

con lei di tempo ancor ne vorrei tanto.

I fatti della storia, una poesia
Osservando
i moti nordafricani e l'invasione africana…Inizio Marzo 2011: fine…(?)


L'Europa umanitaria, con fervore,
dice: "Dai…spalanchiamo a questi cristi!
Ma no! Non noi…Ehi, ma che capisti?
L'Italia!... È un così bel…raccoglitore!…"
-------------------------------------------
Ora, da noi, e per noi
crisi c'è lavorativa
che peggio si farà, poi
se s'insiste cogli "evviva…!".
------------------------------------------

Li …bbòni-fregnoni e l'Europa paracula ¹
A mme me puzza, a Re', st'Europa strana
de divi paraculi e strafottenti,
de sanguisughe e de vòrtagabbana,
e primi de la crasse solo attenti

a rompece pe la "napoletana",
la mozzarella, er forn'a llegna…Senti:
c'è l'Inghirtèra che fa la sovrana
co ancora la sterlina; li potenti:

Germania e spece Francia a ffà 'i padroni,
co questa sempre pronta a sarvà er monno
co le cannò…- pardon! - le bbòne azzioni,

ma pronta a rispedicce li sfollati
pe guèra, o fame, ché nun ce li vònno
llì, come puro st'artri europeizzati.

Chi ciarimane? Solo sti fregnoni
che "deveno!" - lo vò l' "Europa Unita"* -
fa entrà…, ché semo 'i fess… - pardon! - li bbòni!

¹ furbacchiona
* in che?

L'umanità di Sarkò
(Libia, e coste francesi
Marzo 2011
)

Sarkò è schizzato a far l'umanitario
sparando per poter cambiar scenario
nel gran deserto della dittatura.
Ma adesso con egual disinvoltura,
a chi, a casa sua, bussa pel pane
lo caccia a calci in culo come un cane.
Può darsi - allora - che l'umanità
non c'entra un tubo con quello che lui fa.

Passava il dì allorquando reclinava
Passava il dì allorquando reclinava
il bel faccione tondo e rilassato,
di luce il re e degli astri incontrastato,
ed alla dama gentilmente dava

il passo - e il ciel la incorniciava -
a lei, regina e diva, che al creato
la calma, come a un bimbo addormentato
gentile porta, e il cuore mio strizzava

per l'ore dell'amor che il giorno nega,
quando, la notte, covo di speranza,
nella passione ardente il cuore annega,

e a lei, che si donava a me, amando
tutto mi donavo…Ahi! Perché, incostanza
porta il tempo, e trovo a dirmi: "allorquando"…!

Lavoro cercasi
Cerco un impiego e non lo trovo.
Vado a bussare da ogni parte.
Apre la Crisi, dice: "Caro mio,
qui sono arrivata prima io".
Busso più in basso, cerco tra i mestieri.
Apre qualcuno ch'è sbarcato ieri.
Sento gridare tra la folla in piazza:
"Questo paese ha pochi laureati…!"
E di rimando, un'altra voce dice:
"Oggi la laurea, ormai non basta più".
"Ecco, perché…!", io dico tra me e me.
E così vado…alfine illuminato...
Quando ritorno son masterizzato.
Busso e son vecchio per ogni assunzione.
Per strade e piazze ci sta il gran pienone,
che dentro i posti - (nostri) - di lavoro,
sempre di più, ci stanno e andranno loro.

 

Ar Tricolore
(pe li 150' anni sui: 17 Marzo 2011)

Farfalla bbella, Verde-Bianca-e-Rossa
che a tutt'er Ber Paese - vola, vola -
je desti finarmente quela scòssa
pe fasse - arfine - una cosa sola

côr sogno, in primis, poi co 'gni sommossa
adatta a caccià a chi facevi gola -
che infatti àmo* cacciato co na mòssa
che in tutto quant'er monno ha ffatto scòla -

svolazza ancora e nun te fermà mai
su questo ch'è 'r paese - quel'istesso
ch'hai mess'assieme, e 'ndove - ce lo sai -

quarcuno se fa rôde ner vedette,
com' hanno fatto artri, che mo, adesso,
se sò allargate certe idee ristrette

e stann'a sventolatte e a festeggiatte
pe sta gran festa indove ognuno è ammesso,
si pe davero te se vò…adottatte!

(* abbiamo)
Al Tricolore
(per i suoi 150' anni: 17 Marzo 2011)

Farfalla bella, Verde-Bianca-e-Rossa
che a tutto il Bel Paese - vola, vola -
donasti finalmente quella scossa
per diventare una cosa sola

col sogno, prima, e poi con la sommossa
atta a cacciare a chi facevi gola -
che infatti fu cacciato co' una mossa
che in tutto quanto il mondo ha fatto scuola -

vola e vola ancora - e non star mai -
su questo ch' è il paese - quello stesso -
che hai messo assieme, e dove, come sai,

ci sta chi - e non si spiega - non ti ammette
come altri, pure, c'erano, che adesso,
abbandonate certe idee ristrette

ti sventolano e stanno a festeggiarti
per questa festa dove ognuno è ammesso,
se per davvero ha in mente di adottarti.

 



Signora Primavera

(a Lisa)

Sempre arrivi precisa, Primavera,
all'annuale nostro appuntamento,
così che al mondo dove il caos impera,
in te possiamo fare affidamento.

Tu porti sempre quel che ognuno spera:
vitalità, amore, cambiamento,
che escon dalla tua bomboniera
e non son quel che danno in parlamento.

Signora Primavera, il cor t'aggrada
perché la neve sciogli dentro e fuori -
dalla città a ogni piccola contrada -

e sfoggi il verde e un sole delicato
che illumina i suoi occhi e i bei colori
e a lei mi spingi ancor più innamorato.

Un fatto, una poesia.
La guerra in Libia. Corre a sparare la Francia, in testa…in difesa del popolo libico, e per la sua libertà e democrazia…Tutto bene…Però…(20 Marzo 2011) .

Come i fuochi artificiali
(fino a quando?)

Come i fuochi artificiali della festa
da gustarsi dal balcone, o alla finestra
affacciati,
curiosi e impressionati
stiamo nel salotto accomodati
ad aspettare un dopo l'altro, il fumo,
e il fuoco,
e il botto…
Non è uno show, non son celebrazioni: è guerra!
Che fischia e tambureggia da oltre il mare,
da terra a noi vicina,
teatro con attori, e capocomici-stelle
che fanno come fan …le prime donne,
in cerca d'un sussulto
e della gloria.
Per allungare, primi, le lor mani
sul liquido, quel nero…appetitoso:
è questo quel che, almeno, si diceva
di altri palchi, e altre "prime donne"…
È questo quel che vien…basta pensare
a certi anfiteatri puzzolenti
di quasi genocidi,
che la democrazia non sta a guardare
perché non han nel mondo risonanza.
Per lor non c'è speranza,
non hanno, è evidenza,
il liquido…d'umana fratellanza.
Comodi, seguiamo dal salotto,
la scia di siluranti e dei siluri
che vengon giù sicuri e sibilanti,
a cui, però, un seguito pauroso
fan le promesse del raìs iroso.
E se guardiamo avanti:
comodi, in salotto…
…fino a quando?

Del fare e del non fare
Del fare e del non fare è pieno il mondo.
Ma quando il fare è troppo e annulla il poco,
e il troppo è troppo, il troppo mette in gioco
il fare in quanto il troppo a tutto tondo

è esagerato, e l'esagerazione
nel fare troppo è controproducente.
E questo è vero in ogni situazione
sia per chi vince, sia per chi è perdente.

Il quale, ben si badi, perde in quanto
faceva poco, e poi, per rimediare,
s'è messo a fare troppo più di tanto,
e il tanto più di troppo non può andare,

che allora, e ancor si badi più che bene,
verrebbe il dubbio…E allor si abbraccerebbe
la tesi del non fare….ma…conviene?
Non fare, è nulla! e il nulla porterebbe

irrimediabilmente a fare troppo,
e dunque a esagerare, mentre il poco
sarebbe troppo poco, eh, sì, purtroppo!
e il troppo allor sarebbe troppo, e il gioco

non finirebbe più: sarebbe troppo!
Perciò finire, or che ancora è poco,
conviene, anche se accordo non c'è, e zoppo
riman l'arguto testo…o pressappoco.

Un fatto, una poesia.
Dopo qualche decennio da Cernobyl, ecco di nuovo il pericolo nucleare per la rottura di impianti in Giappone, a seguito di uno spaventoso terremoto in simultanea con un ancor più spaventoso tsunami. Si rinnova e si rinforza la disputa sull'andare avanti, o meno, con la ripresa del progetto nucleare in Italia. (Marzo 2011).

La luce
Co la cannela in mano, e dopo tanto
co presa de corente e lampadina
la vita de campagna e cittadina
se mijorò pian, piano n se sa quanto.

De fà sempre più luce è stato er vanto,
dell'omo, assieme a quellì'idea fina
de fa na gigantesca centralina
co drento la maggìa, che ogni impianto

de frabbiche…de treni…navi….case
potesse fà girà, senza 'r petrojo,
che fin'a mmo pe tutto era la bbase.

E è stata fatta…Ma - ecco - se rivela
un cacchio de pericolo…un imbrojo…
e l'omo fa: "Tornamo a la cannela!"

Tramonto
Quanno ch'er sole se ne st'appoggiato
llà sopra er filo llìggiù… in fonno…in fonno,
a schizzà l'urtimi raggi imbambolato,
prima d'addormisse e lassà er monno

ar buio, dopo avello illumminato
finché era tutto quanto callo e bionno
(che mo è tutto quanto un po' arossato),
me fa penzà a un omo moribbonno,

che stracco de un passato faticoso
fa pensieroso er conto de la vita
co quele poche forze, ed è pacioso

si er risurtato de l'operazzione
è bbòno, o sinnò, visto ch'è finita,
se sbatte e piagne pe ogni brutt'azzione.

Morale tratta dalla storia, in generale, e più specificamente dall'attuale politica italiana
(marzo 2011)


L'insuccesso dell'eccesso
L'insuccesso dell'eccesso
come un timbro è stato messo
nel gran libro della storia
dove disonore e gloria
stanno insieme come mai
stanno belle cose e guai
e racconta, nominando,
quando-dove.come-e-quando
di quel tizio e di quell'altro,
quello tonto e quello scaltro,
quello tanto equilibrato
e quell'altro ch'è esaltato,
quello onesto, anche nel dire,
l'altro che da sé fa uscire
solo falsità e le passa
come verità alla massa.
L'insuccesso dell'eccesso,
dunque, è quel che dico adesso:
l'insistenza a denigrare
l'avversario, anziché fare,
porta solo al fallimento,
perché crea il malcontento
in chi aspetta di vedere
la sua parte prevalere
per l'ingegno ed il talento
e non per…parole al vento!
E si vizia anche il successo
di chi troppo guarda al sesso
come sua ragion di vita.
Il successo, dunque, invita
ciascheduno a controllarsi
se non vuol… auto immolarsi.

Un fatto, una poesia.
Apocalisse in Giappone: terremoto con tsunami, e rischio nucleare, 10 Marzo 2011.
I superstiti non gridano, non piangono…dignitosi.


L'onda maligna
Muti…tutti,
vecchi e bambini,
madri e padri, inermi,
come vergognosi d'una colpa,
come avesser loro originato
l'orrido disastro apocalittico
e malvagio.
Muti, perché - ancor vivi -
strappato ha loro l'anima, dispersa,
l'onda maligna,
che stordita sul disastro ora riposa,
e sulla morte che ha disseminato.
E anche inebetito è il cielo, e muto.
Attende il pulimento
di corpi e di rottami,
e che ritorni l'acqua sporca al mare,
il nuclear contagio,
per intervenire.

Precipitevolissimevolmente
(a volte può bastare così poco…)

Precipitevolissimevolmente
precipita ogni titolo di borsa:
per il profitto è fine della corsa
e chi sognava…è afflitto ed impotente.

Precipitevolissimevolmente
la sua così ardentissima amorosa
non vuol più diventare la sua sposa
perché ha trovato chi è… più conveniente.

Precipitevolissimevolmente
chi stava col governo lo ha tradito,
la brama ego centrista ha assai influito:
e ciao voto…democraticamente!

Precipitevolissimevolmente
spazzata fu la popolarità
d'ogn' aristocrazia e nobiltà
da un impeto d'orgoglio dirompente.

Precipitevolissimevolmente
giù son venuti aereo e passeggeri,
e dato ch'è successo solo ieri
volare oggi puoi serenamente.

Precipitevolissimevolmente
la situazione è…precipitata,
e la sua morte è stata già annunciata,
e ogni erede…sbava avidamente.

Precipitevolissimevolmente
il piede è fuoriuscito dalla presa
ed è volato giù per la discesa
e l'han tirato su quasi morente.

Precipitevolissimevolmente
cascato è addosso al traditore il mondo,
perché sua moglie ha visto quant'è immondo
e non ne vuol sapere mai più niente.

Precipitevolissimevolmente
si va su in cielo oppure giù all'inferno,
dipende da che dice il padreterno:
quando ha detto…non si può far più niente.
              Precipitevolissimevormente
pòi 'nnà a finì su in celo, o giù all'inferno:
dipenne da che dic'er padreterno:
na vòrta detto…n ce pòi fà più gnente!

Un fatto, una poesia
Dopo altre agevolazioni…è stata approvata la mutua per i cani. Sssshhhh…pazienti .cristiani bisognosi...abbiate pazienza! (Marzo 2011).

La mutua pe li cani!
Obbama ner paese "granne mela"
j'ha dato mo! la mutua a li cristiani
co addirittura tutta la cautela…
ch'è stato un po' 'n azzardo; e un domani

chissà che na notizzia n ce rivela
che l'hanno rilevata…che sò strani!
li governanti, co la crientela
che tòcca accontentà…e n ce sta er "many"!

Siccome, invece, qua noi semo ricchi,
pe aruffianasse l'elettore caro
mo che se sò inventati sti…sceicchi?

La mutua pe li cani! E er cristiano
se pò puro gnottì er boccone amaro
de stà senza le cure, e piagne invano!

Sta legge è "ad personam", vale a dì
che se la sò penzata e poi votata,
parlamentari che n vònno scucì
er grano pe la bestia tanto amata.

Pe un verso nun ciavrei da ridì
si penzo che a le vòrte n sai capì
si è mejo er cane loro, o quelli llì.

Un fatto, una poesia
(il fatto è epocale!)

Una dopo l'altra le tirannie di Egitto- Tunisia-Libia, per "spontanei" movimenti di resurrezione sono
finalmente crollate, per la gioia dei popoli oppressi e di tutto il mondo libero. Ma…se poi il rinculo
elle cannonate butta giù i denti al vicino di casa…L'Italia assorbe…l'Europa se ne frega.
(Febbraio-Marzo 2011). Beati quelli che da noi…esaltano l'invasione, quando addirittura il
card.Bagnasco- finalmente - ha suggerito di "…vigilare perché non abbia un impatto devastante sui
fragili equilibri interni…e l'Europa deve essere presente in modo adeguato,
tempestivo ed efficace" (28 febbraio 2011).


Il rinculo
Tal'è il rumore d'armi e di piazzate
vicino ai nostri lidi esplosi in forza
perché alfine sian liberate

da duratura ed opprimente morza
le genti litorali magrebine,
che l'eco ancor si spande e non si smorza:

scavalca tempestoso ogni confine
di mare e terra e vola senza posa,
e i nostri lidi scuote senza fine.

La libertà col sangue ognor si sposa
e ogn'animo che l'ami ne gioisce
ma poi da mantenersi è senza posa.

L'effeto è tale che non lo scalfisce
il sangue sparso, e pur la risonanza
è, anche, tale, che il dolor lenisce.

Eppur van vomitando, e ad oltranza
lor popoli, le terre liberate,
e vogliono l'ital cittadinanza

e spopolano terre già abitate
e in sudditanza metton lo stivale
ora - adesso - che son così rinate.

Perché recalcitrare, allor, che vale
cacciar tiranni e poi fuggir, se stessi,
anziché stare, e aiuto universale

chieder, se soli non la si puol fare?
ma in casa propria a crescere le messi
e non in faccia i colpi rinculare

a chi ha per colpa "star presso ex oppressi"!

L'ideali…ammalati
("Er vero mèjo da fasse"
pe tutti quanti…nisuno escruso
)

Quanno s'esàggera co l'ideali
quarsìa idea invece der bene
po'solamente portacce li mali,
perciò a le vòrte - de certo - conviene

abbassà er tòno e nun dì: "Sò fatali!
l'idee che ciavemo…" e sai quante scene
fòr der bònsenso, più che madornali
eviteressimo insieme a le pene

che pure ce sò, si troppo se 'nsiste
su quarche idea che rosica drento
e diferente, e anche mejo <nu'esiste!>

Basta a fermà un po'er ciarvello e guardasse
drento e attorno e aspettà ch'er talento
dica qual è er - vero mejo - da fasse.

Come astro in ciel
(di cuore in cuore, Amor si spande)

Come astro in ciel, di luce propria brilla
chi in sé Amore accoglie, e lo riflette
nel cuor di ognuno; e ognuno poi rimette
a altrui lo stesso Amor che in sé scintilla.

E come ad una ad una sul nel cielo
s'accendono le stelle quando è sera,
Amore in ogni cuore di chi spera
s'accenderà pe' scioglierne ogni gelo.

E come fanno l'api con il fiore -
che vanno a impollinarli uno a uno -
per poi averne il miele biondo o bruno -
così raccoglierà, Amor, l'amore.

Robbertina
Er sorcetto che dar bucetto in cucina
s'affaccia cor musetto baffuto e a pizzo,
e l'occhietti illumminati de furbizzia,
e côrènno port'appresso la codina,

è simpatico, sì, o no!?

E è mejo, pensi, più de Robbertina,
ch'è sì, com'er sorcetto tutto no sprizzo
de gioia de vive, è na frutta primizzia…
ma in più è na pupa, e in più è…na mi' nipotina?

Sarà più mejo lei, aoh*!

*aoh! enfatizzazione tipica romana

Un fatto, una poesia.
(tanti…troppi! fatti, veramente)

Amori moderni:
Pare una mania. Se non sono sposati….non ne vale la pena.
E tutti gli …amori, finiscono in tribunale.


Ma, porèlla…!
L'avete 'ntesa? C'è sta Pimpinella
che vò er risarcimento da quer tizzio
perché l'ha corteggiata, e lei, porèlla,
cià visto un tanto granne benefizzio
annannoce a st'assieme, ch'ha ammollato
er su' compagno e poi tutta sicura
ar nòvo conosciuto - già sposato:
"Mo fa' l'istesso co tu' moje, giura!",
j'ha detto. E quelo: "Certo…te lo ggiuro…"
(sapenno che nu stava a dije 'r vero).
Aspetta…aspetta…Arfine, a muso duro,
decide d'annà llei - come n gueriero
che va a scornasse pe la gran finale -
da su' moje pe spifferà gni cosa.
Er matrimogno zompa - era fatale.
E quella llì - pe gnente vergognosa -
stracìna l'omo suo in tribbunale,
che vò pagat'er danno e l'imbarazzo -
a la facciaccia de quarsia morale -
pe aveje fatto perde 'i sòrdi e 'r cazzo.

Yara
farfalla dalle ali incontaminate


Bussa, bussa,
il vento vuole entrare,
sfaldare le difese in costruzione e infiltrarsi
per soffiare via
l'anima cucita sul telaio
di ossa tenere
e strapparla
come bandiera in mezzo alla battaglia.

Cerca rifugio
dall'insulso abbraccio
e fugge, il fiore, disperato
e gli angeli impotenti, restan su
ad aspettarla.

Ecco, ora fugge, libera, col corpicino steso
sull'erba, tra gli sterpi,
l'anima pura, che il vento scellerato
ha alfine divelta,
staccata dalle tenere ossa,
e dalla terra, ultima culla.
Un suono di voci, tra il turbinare del vento
si odono dire: "Benvenuta tra gli angeli, Yara,
farfalla dalle ali incontaminate".

Dequa li bbòni e llà queli cattivi
Che traffico, regà, su sto binario!
Dequa li bbòni, e llà queli cattivi.
Ce sta chi co un giudizzio otoritario -
sur tipo "untore" - marchia l'infettivi

e addosso je ciappiccica un frasario
co nomi, co parole e co aggettivi,
pe affumicalli, e ffà er confusionario
e spriggionà li fumi corosivi

per annisconne tante verità,
e ddì che si nun pensi come lloro
è che d'Auschwitz te stai proprio a scordà -

(tanto pe un esempio - assai sfruttato -) -
er che pe lloro è 'r mejo ghirigoro
pe censurà chi nu je sta accodato.

E poi ce sta chi co quer bunga-bunga
la sta facenno proprio… lunga-lunga!
Ma in de sto monno n ce sta proprio gnente
de mejo, che stasse a fissà tarmente?

Bionda
Bionda,
che cavalchi l'onda
dei sentimenti miei
che non conviene più che io nasconda,
tra le tue linee tonde
m'attiri e mi confondi
e nel profumo galeotto che diffondi
affondo
insieme a questo amore mio profondo
per te che me lo infondi
con tutte le lusinghe e le promesse
di far di me l'uomo più giocondo
sull'altrimenti triste e disadorno mondo,
ti chiamo e non rispondi.
Perché, m'illudi, dunque
e poi non corrispondi
ma assecondi
questi miei sogni audaci e vagabondi
e divampare fai nel cuore mio la baraonda?

Scenne la sera
(der 23 febbraro 2011)

Scenne la sera. Vengheno le stelle.
Co quela canna lunga e un cappuccetto
'nfirzato in cima, ecco, viè l'addetto
a spegne le cannele.

Sparse qua e llà, artre fiammelle
le spegneno schizzannoce su er fiele.
Sarebbe invece tanto mejo er miele:
sortanto no spruzzetto.

Scenne la sera, e senti su la pelle
come a spennellàccese un verdetto
co assai sapienza e poc'assai rispetto.
Ma è ora d'ann'a lletto.

Bònanotte perciò a chi te vò bbene,
e bònanotte a chi te vòle male,
la notte carmerà tutte le pene,
domani sarà un giorno più cordiale.

Quarcuno va dicènno der goccetto:
ch'è pe davero na gran bell'idea
così che lo sparlà te viè più accètto,
e in quarsia donna ce vedrai na dea!

Ancora bònanotte e bòn riposo:
lo so che nun sei n tipo litigioso.
Tu scrivi in generale e nu je sòna:
ma c'è chi te vò offenne a tte perzona.

Bònanotte perciò a chi te vò bbene,
e bònanotte a chi te vòle male,
la notte carmerà tutte le pene,
domani sarà un giorno più cordiale.

Un fatto, una poesia.
Egitto…Tunisia….Libia…Rivolta al… pane che ci sta.
(Febbraio 2011)

Pane …integrale
Ma quanti belli pani che ce stanno!
E tutti quanti còtti drent'a n forno
coll'acqua, la farina, er sale… e dànno
er "pane quotidiano" de gni giorno

a tutti quanti quant'è lungo l'anno,
e uno abbasta che se guard'attorno
pe sceje er mejo pane che ce fanno
in quer mercato…Ma - toccam' er corno -

potrebbero anche fàccene assai poco…
E allora nun sarebbe l'ideale…
E dunque uno se'ncazza…pìa e dà fòco…

Però c'è er rischio che un fornaro viene
e a forza te vò ddà quell'…integrale…
sippure che n te fà pe gnente bbene!

E allora pensi: "Si m'accontentavo
der pane che ce stava…e che magnavo!
Questo, 'nvece, st'a ffamme proprio male..."

Er pèggio è che potrebb'ann'a finì
in bocca puro a chi nun vive llì!

Sempre più…sempre troppo, cani al posto di bambini…e quando ci sono, sono soli, o comunque, insieme soltanto a metà. Altro che felici nella…famiglia allargata…!

L'erba del prato
Rinasce,
il prato, e si veste di petali chiari;
rumoreggiano lievi nel verde,
le margherite.
Una mimosa rigonfia
scintilla di sole, e procace
s'offre agli amori già collaudati
e a quelli nascenti,
rassicurante.

C'è tutto e c'è nulla per fare felice
il prato che aspetta vocine gioiose.

Ma ecco, si ferma un motore,
ed un altro…
Portiere si aprono: eccoli pronti,
s'eccita l'erba del prato, che aspetta.
Stanno per scendere a sgambettare
bimbi felici con mamme e papà.
Ma sono assenti, i bimbi felici,
e assenti sono i lui, o le lei.
A quattro a quattro vanno saltando
zampe veloci in libertà:
niente vocine…solo bau, bau, e male ci resta
l'erba del prato:
quel surrogato non basta a cantare, e ancora una volta
rimanda la festa.

Un fatto, una poesia
Donne in piazza per… la dignità. Bella cosa, ma meno bella se si fa caso al fatto che succede soltanto e proprio adesso: il dubbio è legittimo, specie se si considera che per tanti e tanti anni andava bene così. Certo, c'erano anche quelle convinte e senza secondi fini
Ma c'erano le voci e le scritte: chiare, chiare…E poi c'è l'assalto a Arcore di alcuni giorni fa… (13 febbraio 2011).


Avanti donne, a la riscòssa!
Avanti, donne, a la riscòssa…!
A quer maiale rompemoje l'ossa…
Semo aretrate a tant'anni addietro
quanno tornaveno ar monno "le streghe"*,
quanno ch'er còrpo era mio**…e guai
a chi cercava de méttec'er becco…!
Però a la faccia de quele piazzate
pe nun fà esse più "oggetto" la donna
se semo date da fà côr mostrà
le parti bbelle su schermi e giornali***
pe fàlli gòde a quei granni maiali…
ma soprattutto…p'er grano in saccoccia,
e pe la fama sippure de un'ora!
Perché se badi, nisuno ce mena,
e si nu lo famo verà quarcun'antra
e un'antra e un'antra…perch' er puttanismo
nu l'ha 'nventato quer certo marpione:
prima, daggià, c'era in televisione.
E er femminismo va bbene, però
er grano è 'r grano e diteme 'n po'
chi ciarinuncia - si cià l'occasione -
in sintonìa co quer gran gridà:
"er còrpo è mio…" E ciaivoja a parlà!
Sempre sur filo de quer bèr concetto,
a tredici annni imbucamo ner letto
de chi ce stà…età o nun età…
sia quela nostra, che de la metà…
E nun è adesso che famo così:
quello, o nun quello…Ma che stam'a ddì!
Ner puttanismo daggià se sguazzava
prima de prima che quello arivasse.
Mo ciann'aggiunto anch'er travestitismo,
che se pò ffà…pe certi se pò …!
Sta libbertà - che prima nun c'era -
e è stata voluta - chi l'ha cercata,
mo ce st'a piagne? Che ffà: s'è pentito?
Insomma, dico, ce sta o nun ce sta?
E chi è, 'r professore de…moralità?
Tutta sta storia nun è che sia chiara;
de chiaro c'è che c'è un capro espiatorio
che pe gni male la deve pagà,
e puro prima d'annà in tribbunale -
come che useno a ffà côr maiale,
che drent'ar forno diventa porchetta -
co la forchetta lo stann'a 'nforcà…
Pòi si a la fine - pe una freschetta -
casca un governo…che male ce sta?
Che… chi lo sa si nn'è proprio pe questo
che tutte in piazza mo stam'a girà,
puro si giù all'orizzonte nun c'è
chi sia capace de fà e de durà?!

*"sono tornate le streghe"
** "il corpo è mio e lo gestisco io"
***su uno stesso giornale (Repubblica) si condanna fermamente lo sfruttamento-avvilimento della donna oggetto, mentre a tutta pagina - nella pagina accanto - c'è la donna…in mostra…Mah!

partendo da una costatazione: chi è di una parte può…mangiare…e chi è di parte altra non dovrebbe… eeeehhhh!!!!

Libbertà de magnà quer che te pare
(13 febbraio 2011)

"L'hai vista, a Re', qual'era la quistione?
Che te dicevo, io? S'era capito!
Ma a tàvola c'è na benedizzione
che - è certo! - che te sveja l'appetito!

Er fatto è che c'è chi - nfra l'invitati -
cià certi piatti che gne se confanno,
e vònno che anche l'artri attavolati
nun deveno magnalli - d'arimanno -

e si pe caso invece te ce ingozzi
te strilleno, hai da véeede…! Però quelli,
ner mentre stann'a ffà li predicozzi
s'abbuffeno d'abbacchi e de vitelli

che te n te magneressi mo né mai.
Ma no pe questo te verebbe in mente
de staje a ddì: "Aoh…embeh…che fai?!
Lo sai che n pòi magnà libberamente?"

Nun è p'er fatto in sé che uno magna:
ma è quer che magni…che nu je sfaciòla!
Ma co che vòle lui - mentre se lagna -
ce se stra-abbuffa! …E nun ciò più parola".

La ròta
La ròta: che grannissima invenzione!
Te pòrt'a spasso appena sòrti fòra
e mentre vai, daggià nun vedi l'ora
d'avé quela grannissima emozzione

de sta su quattro ròte cor motore
che romba pe le strade de gni sòrta.
E infatti appena pòi, a brija sciòrta,
ce monti sopra e te ce metti a côre.

E poi, cor cresce, cor passà dell'anni,
te cresce insieme puro l'esiggenza...
e de le ròte nunne pòi fà senza,
che solo a quer pensiero te ciaddanni...

T'ariva a ffà così tarmente gola
che sei davero na perzona schiava,
e puro quanno in bocca fai la bbava
ce vòi annà pe ffà " 'r nonno 'n cariola".

E ognuno lasserebbe a piedi pari
sto monno co un bellissimo soriso
si se potesse annà su in paradiso
cor culo sur sedile de un ferari.

Volando senza ali
(a Lisa)

Le note si libravano nell'aria
melodiose,
mentre ti stringevo a me.
E tutto intorno a noi era vuoto profondo,
e andavamo con la musica,
trasportati, quasi volando,
in essa avvolti come in doppio bozzolo di bachi.
Così attaccati, come calamiti,
cercavamo
di diventar di due, uno soltanto:
un unico respiro dal sapore di bacio.

Quando siamo tornati,
senza le ali,
abbiamo pensato che fosse stato un sogno.

Un fatto, una poesia.
Roma sparita…Continua a spari'
A seguito del seminario sulla storia del Foro Italico, dalla sua gestazione alla sua fine, condotto dai dirigenti di Voce Romana e Roma Tiberina - Sandro Bari e Francesca Di Castro - presso la Biblioteca Vallicelliana (Chiesa Nuova), Roma, 1 Febbraio 2011.
Addio Bar del Tennis, Palazzo della Scherma dell'Arch. Moretti, Stadio dei Marmi, e tutto il resto, fino all'unico Ostello della Gioventù presente a Roma, prima del furto e dello scempio…


Ce stava er Foro Italico
Hai visto si che razza de marpioni?!
Più peggio de corvacci assatanati
sò stati li furbacci llì der Coni
ch'er Foro intero - aoh! - se sò fregati

così, a la chetichella, anch'invojati
da corpe de quell'amministrazzioni
che - pe quanto se pò esse atrofizzati -
nun pònno st'appoggià ste malazzioni!

Ce stava er Foro Italico, e n c'è più.
Quell'opera de granne architettura
ch'er monn'intero ce veniva ggiù

pe stassela a studià e pe ricopialla,
te l'hanno imbastardita da paura,
pe guadambiacce sopra e pe levalla -

a tutto - se po' ddì - 'r genere umano,
e senza vergognasse riservalla
a soci e leccaculi…Arzo le mano!...

…ma non sarebbe meglio togliercela di torno?

All'anima de la privacy!
(febbraro 2011…e dintorni…)

Pe le Poste, le banche e artri siti
ce sò le righe belle disegnate
pe dì: nu le passà che sò private
le chiacchiere e gni còsa…E garantiti

sò puro li segreti de na ditta
che te st'a venne casa, e si fallisce
t'attacchi perché è llì che te finisce
er sogno bbello, anche si l'hai scritta

la trattativa e già hai pagat'er conto.
Nun pòi nemmanco véde che riceve
tu moje dar postino, e nun se deve
nemmanco st'a sentì a chi fa: "Pronto?..."

che pòi annà a finicce in tribbunale.
E si pe controllalla vai appresso
a na tu' fìa che n sai che ffà…è l'istesso.
Insomma, a controllà qui è illegale:

la "privacy" lo dice e ne ce sò santi!
Però, pe strada, o drent'ad un mercato
io ce lo sò de esse viggilato
pe tutt'er santo ggiorno, e annann'avanti,

sarà sempre deppiù…Puro dar celo!
ndo c'è quer marchingegno diavolesco
che véde ndove passo..o entro…o esco
e ad impedillo n c'è nemmanco un velo.

Ce sta puro la "rete", sarvognuno!
che tutt'er monno sa chi sei…che ffai…
in nome de la "privacy", che ormai
riguarda a tutti quanti… e a nisuno.

Ma la più peggio "privacy", davero,
è quanno che coll'intercettazzione
na "tòga" che je piace a ffà er puzzone
si puro sei 'nnocente te fa nero!

Che intanto lo po' ffà, ch'è otorizzata,
e si je stai sur cacchio, sta' tranquillo
che riesce a pizzicatte co na "squillo"…
ch'è na zecca, che te st'appiccicata!

Dar bucio de la chiave
Dar bucio de la chiave, zitto, zitto,
ho visto a scappà via tanti mìardi
e poi cascà in un modo fitto, fitto
in dieci e dieci campi…E un po' più tardi

n'ho visti artri - pòri sòrdi nostri -
scappà e infilasse drent'a n ospedale
ndo tajeno l'aggeggio a certi …mostri
pe lassà er bucio…Ma da chi sta male -

ma male assai de brutto - n ce sò iti!
L'ho visti puro annasse ad infilà
drent'a li centri de li parassiti
che aspetteno er momento de…menà…

E sò cascati puro ndo se ggira
pe ffà giocà a quarcuno a ffà er reggista.
E poi, si 'r firm fa schifo e se ritira
e nun va in sala…è sempre …na conquista!

L'ho visti annà a finì ne le saccocce
de storpi e cèchi fàrsi, barattati
pe voti spòrchi, e poi, côr contagocce
finì su poveracci disgrazziati…

E poi ne sò cascati na montagna
su mille costruzzioni abbandonate
de cui però nisuno se ne lagna
si n fusse "Striscia" a dà…le coordinate.

L'ho visti puro ne li scantinati
de scòle, de ospedali e ministeri
ndò tante còse che se sò comprati
le tengono a 'mmuffisse: masnadieri!

N'ho visti puro tanti ad infilasse
nell'auto blu de sti filibbustieri
poracci sòrdi nostri de le tasse!
Aveveno detto:"Abbasta!", seri, seri…

Pe l'intercettazzioni…mamma mia!
Che pioggia de mìardi puro llì!
Ma dopo un po' ho dovuto d'annà via
pe n famme intercettà…m'hai da capì!

E mezz'Italia ha visto solamente
sta Ruby, la zozzetta più famosa,
e chiude l'occhi come fusse gnente
su chi arubba e sciupa: la pèggio cosa.

Un fatto, una poesia
Ultimo atto (in ordine di tempo): assalto a Arcore. Con buona pace di chi lo accusa di spaccamenti del paese, e di fagocitare la violenza. Alleluia!(7 Febbraio 2011)

Er chiodo fisso
Er chiodo fisso è na gran brutta cosa:
ròsica er cranio e nun fà stà sereni,
è peggio de na malatia tignosa
che te pòrta a la tomba senza freni.

È na cosa ch'è assai pericolosa,
te lèva l'alegria, te ciavveleni
na vòrta ch'è fissato, e è tanto odiosa
che arivi anche a sbavà a bocconi pieni.

Inzomma, veramente vòi rischià
che Sirvio t'aruvini l'esistenza
che già nun è che è 'r mejo che ce sta?

Tòcca reaggì…ché Ruby…è troppo casta,
tòcca smiccià deppiu, co più insistenza,
e sfonnà Àrcore… si nun abbasta.

Un fatto, una poesia
Ancora sul luttuoso fatto che ha portato via quattro angioletti zingarelli: Roma, Campo Nomadi Abusivo,
6 Febbraio 2011. Abusivo, su abusivo, su abusivo, su abusivo…Senza fine: mai?!
Quanto è il costo, a parte ogni bell'ideale? Demagogia, sempre, e ovunque…Ma questa demagogia ha un grosso costo …pragmatico…e dunque…?


Ma de chi è sta côrpa?
"A Re', a mme me dispiace - te lo ggiuro -
pe queli zingarelli, poveracci!
Bruciati…mamma mia! È proprio duro
a vive e a morì 'mmezz'a li stracci…".

"A Ro', io sbatterebbe addoss'ar muro
a chiunque je vò mmale a sti poracci.
Ma quanto vorei puro, t'assicuro,
fallo anche a chi st'a predicà l'abbracci,

li baci e le carezze…co sta ggente
che, dicheno, ce porta la curtura…
Già…de li stracci, e der campà pezzente!

La côrpa se la pìasse chi li vòle
pe forza tutti qua…senza misura:
se gonfia de bellissime parole,

ma strilla si poi vede che la torta
che è quella e no deppiù, nu j'assicura
er pieno de la panza e…s'arivòrta!"

San Valentino e… un fiore
(a Lisa)

Arrivano, gli amori, e se ne vanno…
Dei fuochi artificiali poi rimane
cenere fredda e carta bruciacchiata.
Dietro il sole del giorno ormai passato
s'accende silenzioso e tanto triste
il buio della notte.

Inutilmente festosi cantano
i passeri volando in allegria,
che tu non ne rimani contagiato;
ti guardano e se ne vanno via
lasciandoti cupo e ammutolito.

L'amore quando è amore e non c'è più
è come se tagliassi accanto al cuore
cipolle che fan piangere a dirotto:
ed è peggio di quel che fanno agli occhi
che colan giù lacrime senz'anima,
ché non puoi stropicciarlo.

San Valentino, tienimi lontano
le cipolle, col loro umore acre,
e un fiore profumato nel suo cuore
e nel mio pianta e annaffialo con cura,
così che cresca, e non si secchi mai.

Un fatto, una poesia
Quattro zingarelli arsi vivi nella loro baracca, a Roma (6 Febbraio 2011)

Di dolore e di rabbia
Piango
zingarelli come torce accesi
arsi di niente.
Niente mezzi
Niente cultura,
solo inadatta.

Piango
colpevole apertura,
d'idea,
più che di sana umanità.

Colpevole io? Perché?
Colpevole… chi?

La Giustizzia vòle…Giustizzia!
(lo sfogo de la Legge)

"Me stò a sentì da fogna…n pòi capì…
Me stann'a trattà peggio de no straccio
a mme che m'affatico e che me sbraccio
pe daje a ognuno er giusto…Hai da sentì:

"La Legge è Legge ed è pe tutti uguale!",
ognuno va gridanno a 'i quattro vènti…
E nvece qua st'a diventà normale
- pe certe tòghe o…"strane", o incompetenti -

stranimme…famme fà quer che nn'è giusto…
E poi è ora che…me "strigno" un po':
che n pònno usamme più seconn'er gusto
de un giudice…de n'antro…ma io chi ssò!

N sò mica la zimbella…! O è proprio questo
che sò pe certa ggente? Ho da cammià!
ché chi numm' ama n po' più avé er pretesto
de usamme a cazzo coll'interpretà…

Capisci? "Leg-ge"! Che vòr dì: "giustiz-zia"!
E abbasta un timbro…er …"sonno" de quarcuno
pe ffà diventà a mme quell'iniquizzia
che nvece ho da combatte, sarvognuno!

E pe finì, siccome sò la Legge,
ce devo avé la possibbilità
- si un giudice me usa che n s'aregge -
de condannallo! si nu mme sa usà"

L'opposizione: come si lascia apparire…Condizionata dal nome? (2010-2011)

Opposizione!
Questo, NO…l'altro, NO…nemmeno quello!
M'oppongo sia ch'è brutto, sia ch'è bello.

M'oppongo a tutto ciò che state a dire
e a quello che al momento è da …venire.

M'oppongo senza indugio a ogn'apparenza:
di quel che pensa l'altro ne fò senza.

M'oppongo…perché è facile da dire
così non penso…ché potrei stranire!

M'oppongo perché solamente questo
sò fare…anzi! So dire anche: "protesto!"

Protesto se qualcuno mi si oppone,
ché è solamente schiavo del padrone.

Non voglio dire Sì…non sono avvezzo;
io dico sempre No! ormai da un pezzo.

Opposizione! Grido in Parlamento
Non dico Si nemmeno a un giovamento.

I Si e i NO son mie alternative,
ch'è un "must" che sian sempre negative!

I Si, possiamo dirli - questo è vero -
ma solo per dire "entra" allo straniero.

Opposizione: ferma, dura e coesa!
che è l'unico collante, e è bene spesa.

No-No! No-No! No-No! Da noi così-è:
ma non sappiamo mica dir perché!

Abbiamo forse letto troppe cose,
e questo è il risultato da…over-dose.

Un fatto, una poesia.
Le cronache sanno bene il perché di questa poesia. In particolare, a parte tutti gli assassini (così riconosciuti) a piede libero…mi viene in mente il mistero del Capo della famigerata e sanguinosissima Banda della Magliana, Enrico De Pedis - detto Renatino - che dal 24 Aprile del 1990 è sepolto nella Chiesa romana di Sant' Apollinaire, tra papi e vescovi. E erano cento anni che nessuno più era stato sepolto in quel luogo sacro. Cosa di più…?!
( Michele Placido ha perfino dedicato un film a quella banda, col rischio di far parteggiare il pubblico, specie giovanile, per quei maiali…Ma un film su qualche bell'esempio di vita?..Dice: la "realtà"…Sì! Ma la realtà reale parla anche e molto di più di persone per bene e di bene in giro per il mondo…e allora? Solite demagogie della cultura…falsa?)


Che dio glielo renda
A chi fa il male…che dio glielo renda
d'ugual fattezza, d'uguale misura
d'uguali intense lacrime, che intenda! -
chi vuole far del male - la paura

qui, oggi, sulla terra, e non attenda
il dopo, per dannar l'anima impura,
che può ottener perfino la prebenda...
e intanto l'aldilà non lo censura.

Che mandi il suo Gabriele a far giustizia,
una giustizia sana e non malata
com'è quella che l'uomo s'è inventata,

che al martire domanda se perdona;
e premia il boia, e il martire abbandona.
Renda, dio, pace a chi piange iniquizia!

Un fatto, una poesia.
L'intervista ha mostrato le mignottelle straniere del momento (Ruby &Co.), chiamare col…filo diretto il Cavaliere, e ciuciuciare con lui come con un qualsiasi amico di famiglia…(?!!?) (TV, 3 febbraio 2011).

Filo diretto
È vero o nun è vero…sii sincero,
che tte, si casch'immezz'a quarche impiccio
nun sai ndov'ann'a sbatte, pe davero
pe quarche urgenza…e nò pe 'no scapriccio?

E n te verebbe manco quer penziero
d'ann'a bbussà, co addosso un raccapriccio,
a quarch'otorità…tu, un pòro zèro,
e spece si 'nguajato e malaticcio!

E 'nvece, hai visto…? Nun se pò sapé!
Nun se sa mai: er caso…la fortuna…
Potrebbe capitatte puro a tte

d'avecce pure te 'r filo diretto
pe chiamà a Sirvio, come quela bruna,
e l'artra, bionna... Eh! Lui l'ha sempre detto:

"Demograzzia…!"….- Co chi se port'a lletto -…
Ma nno, vedrai, che llui è tutto còre:
chiedi e… n te farà manco stà a discôre…

Salvezza
È come quando si sale sul monte
questo vagare ch'è tutto in salita
dove io lascio il sudore e le impronte

dove la forra minaccia la vita,
dove la pietra più non mi sostiene:
sfalda, e giù ruzzola, e sempre più ardita

si fa la scalata in cerca d'un bene
che ognora mi sfugge, ognor si nasconde
e lo sconforto, a volte, ne ottiene.

Se ascoltassi chi il cuor mi confonde
li volgerei tutt' indietro i miei passi
fino alla piana del mare e dell'onde

dove la sabbia è al posto dei sassi,
là dove il mondo si mostra appiattito
com'era l'anima prima che andassi;

prima di muovermi in cerca del sito
dove è la luce che lascia storditi,
ché entra nell'animo ch'era assopito

e come orchestra dai suoni assortiti
col timpano forte rinvigorisce,
e apre la via a gaudi infiniti,

e piano e monte di fiori fiorisce.

Un fatto, una poesia.
Ma questa Legge, davvero, è credibile…? E i magistrati, davvero, sono credibili…?
Alla mamma Franzoni, assassina del piccolo Samuele, hanno dato 18 anni, che sta scon-tan-do. Altri famigerati assassini sono a spasso dopo un po'di galera, perché…pentiti, quando non è per il colpevole (ci prendono in giro) scadenza dei termini, come è stato per decine e decine di assassinii mafiosi. Ma la Franzoni non si può nemmeno pentire, e non può confessare, che a detta di esperti (se) ha ucciso non è in grado di ricordare assolutamente nulla, ché il suo cervello ha cancellato tutto (seppure questo tutto c'era…). Agli assassini della strada - che pure ammazzano le vite delle persone né più, né meno di come avrebbe fatto la Franzoni, e come succede a migliaia di altri - gli si trovano sempre mille ma, e mille se, pur di non farglieli pagare, quegli ammazzamenti. Gli danno gli arresti domiciliari… l'unica peso: passare a firmare la sera, rincasando. Sì…adesso c'è stato il riconoscimento dell "omicidio volontario"…per un caso. E gli altri mille, e mille, e mille casi…, anche negli stessi giorni in cui usciva questa giusta condanna??!!! (febbraio 2011).

Giustizia…razzista
La vita d'ogni uomo è l'epicentro
dell'universo e della stessa vita,
e chi la toglie può finire dentro
oppure…gioire in libera uscita.
Ma - a chi - l'una, e - a chi - l'altra condanna?
Ebbene, lor signori capiranno
che a ogni giudice l'occhio gli si appanna
per la clemenza, se chi ha fatto il danno
è un essere che…merita buonismo,
ma emette con durezza il suo verdetto
usando, se del caso, anche il cinismo
per bilanciar la "grazia" con l' "effetto".
        Franzoni - per esempio - questa Legge
che, è risaputo: "è per tutti uguale"
l'ha messa dentro e più non si corregge,
che all'assassina mamma, il tribunale,
di sconti non ne fa, ché non confessa
il truce infanticidio, e però accetta
(sempre il tribunale) che la stessa
ha ucciso il pupo mentre… era interdetta,
        cioè aveva in testa il buio tetro,
e un salvagente, dentro le è scattato,
che le impedisce di tornare indietro
al brutto fatto suo…se mai c'è stato.
E dunque, allora quale confessione
e quale pentimento van cercando,
la Legge e il suo tutore…Confusione!
Il caos è tutto quel che van creando.
        Di fatto sta che se qualcuno ammazza
correndo per la strada tutto "fatto"
di alcole e di droga, e l'auto impazza…
il guidatore non ha colpa affatto,
e al massimo - con grande titubanza -
gli danno il "domicilio" per un po'…
e mentre entra e esce dalla stanza,
il morto…è morto e più di ciò non può.
Forse, i parenti potrebbero, chissà…
se la Legge quel che ha da far non fa.

Un fatto, una poesia.
se si applicassero anche in questo campo "le pari opportunità"…
altro che restar basiti - come si vuol che avvenga - per solo quel tizio che si sa…!
(2010-2011)


Guardoni!
Pur'io, come già stann'a ffà in tanti,
me sò messo de punta a ffà er guardone
pe véde dar bucetto der portone
si drento ce so 'i diavoli o li santi.

Vedessi…spece nfra 'i politicanti…
N se sa chi nfra de loro è 'r più zozzone:
e chi più incorna senza religgione,
a due a due, o a mmucchi, dietro e avanti…

Ce sta de tutto: droga, regazzette -
minori, ma però professioniste -
cor campionario pieno de marchette,

finocchi e travestiti e masochisti,
e lesbiche, e le peggio: l'ariviste
'ngrifate de successo...Io l'ho visti!

Ma nno! Ma che uno solo….nun esiste!
Annàtece a smiccià…Ve schiferete
pe ggente e maialate che vedrete.

Il soldo non dà felicità
La salute ci vuol prima di tutto,
ché è bene risaputo quanto è brutto
quando in una casa ci sta un lutto.

Non è priorità, dunque, il denaro,
ché altro, a ognun, dev'essere più caro!
Ma il male senza il soldo, quanto è amaro!

È brutto più di quanto già non sia
il male di per sé, che non va via
senza i soldi per cure e chirurgia,
che posson risparmiarci l'agonia.

E dunque questa qui è la soluzione:
per la salute fare prevenzione,
e i soldi risparmiarli, in previsione…

Se il soldo, poi, non dà felicità,
è certo che ha una sua utilità.
E chi non ha le possibilità?
Pregare…e forse il ciel l'aiuterà.

Un fatto, una poesia.
Il fatto è un fatto generale…L'impressione che sta dando il caos nell'opposizione.
(2010-2011)


Oggetti smarriti
Passànno ho visto un mucchietto de ggente
tutta llì fòri a l'"oggetti smarriti"
così che, tutto bbello indifferente,
io me ce sò accostato e l'ho sentiti…

Sentissi! Tutti quanti a lamentasse
per avé perzo er filo der discorzo
a forza de stà sempre llì a 'mpicciasse
de puttanismo…e mo cianno er rimorzo…

"Nun semo bbòni più manco a trovacce
un capo…un leader co li controfiocchi
capace inzomma de rappresentacce,
e aritrovacce pure queli sbocchi

che pure avemo perzo…ma 'ndo stanno?"
diceva uno, e un'antro - co le arie -
faceva: "Io gni vòrta me ciaffanno
a organizzà li voti a le "primarie",

scejete, dite er capo èccolo qua…
e a punto-e-a-capo state dopo un pò
perché ve lo perdete…N se po' ffà!"
"Io, poi - fa un antro - nun so più chi sò…

che me sò perzo pure er connotato:
fede, colore…e ogn'artro distintivo.
Me sto sentenno tutto ammescolato
co quello…co quell'antro…Un redivivo

der caos indove che semo finiti,
che si n ce la faremo a ristradacce,
un ber giorno, qui a l'"oggetti smarriti" !
dovremo da venì…pe aritrovacce".

Un fatto, una poesia
ispirata dallo scombussolamento moral-politico di questi giorni, provocato(e ingigantito dai media) da minorenni procaci e sfrontate pronte a "darsi"- presuntivamente - anche ad anzianotti che contano, pur di soddisfare la forte smania di visibilità, e per riempirsi le tasche (gennaio 2011).

Le minorenni de oggiggiorno
"Sò minorenni…!", stanno predicanno
dar purpito l'addetti a la morale,
che ancora veramente n se sa quale
dev'esse, visto che ancora n cianno

ben chiaro che vòr dì èsse minorenne.
E infatti stann'a ddì ch'er genitore
ai fiji deve faje fà ogni erore,
e si s'oppone, eccolo a difenne -

li pòri "oppressi" - er giudice ispirato:
"La mamma cor papà ha da aggevolà
la "natural tendenza" che uno cià,
sippure…tende…a un modo ch'è sbajato".

Ma si la "natural tendenza" è…dàlla,
aprete celo! Che si j'amanca un giorno
e te la dà e la prenni…sei un "pòrno"
che abbusa…un zozzo…uno che sballa…

Ma ar giorno d'oggi, visto che l'annazzo
"der fà come ce pare" cià portato
che a tredici anni una ha già…cosato,
e cià trovato er mejo der sollazzo,

che vale più annisconnese com'era
e com'è ancora, dietr'ar calennario?
Ce stann' ammodernacce lo scenario
de quarsia cosa, oggi, su sta tèra:

cammiassero la data adatta a prenne…!
Sinnò co ste zozzette maggiorate
che da ventenni e ortre sò truccate,
c'è sempre er rischio de la minorenne

che se fa ffà… e pòi va a denunciatte
perché cià diciott'anni meno un giorno,
sippure è proprio lei che te la sbatte…
Ma che minori…! Che minori un corno!

D'artronne, si la vita s'è allungata
s'allunga anche la vòja ar settantenne
che vòle annà co quarche "minorenne"
…co la maggiore età…n po' riaccorciata.

Un fatto, una poesia
Caso Via Poma, a Roma, dove una ragazza viene assassinata nell'agosto del 1990.
Dopo soltanto 21 anni (!!) la Legge (certo, nelle persone dei suoi solerti amministratori) ha deciso che dato che il fidanzato Raniero Busco, dell'ammazzata Simonetta Cesaroni, non ricorda quello che stava facendo alle ore X del giorno Y di venti anni fa - si noti i 21 anni - dà l'ergastolo al povero fidanzato della povera ammazzata. Ma è stata magnanima: il P.M. aveva chiesto l'ergastolo, e lei lo ha tramutato in 24 anni di galera.
La gente vuole che Giustizia sia fatta…ma in questa maniera lascia sgomenti. (Gennaio 2011).


Ben svejata, Sòra Legge!
"Bongiorno, Sòra Legge, ben tornata
a ffà giustizzia drent'ar tribbunale;
che vv'è successo…ndove sete stata?"
"Embeh, che vòi…m'ero appennicata…

Ma mo sto qua, che me sò risvejata,
e vojo fà pagà a quer criminale
che a quela pòra fìa l'ha ammazzata
che manco er più puzzone d'animale…!"

"Me scusi ma, così…dopo vent'anni…?"
"È che dormènno viè l'ispirazzione:
c'è na macchietta sopra a certi panni

de quela poveraccia, e si er regazzo
nu mme sa dì una pe una ogni azzione
de quell'ore…vedrai: je faccio un mazzo…!!"

Signore, ritorna un po' fra noi
Ritorna un po' fra noi
per un'occhiata molto da vicino;
porta ancora il divino in questa terra
dove la guerra ancora impera
e il male cresce, e cresce anche la fame,
e ogni cattiveria più non passa,
e suona la grancassa il male, e attira
chi come mira ha: "sovvertire il bene".

Torna, a lenire, Signore, le pene,
torna a cacciare l'empio
dal tempio tuo, e a radunare a te
i figli nostri abbacinati
da giorni senza senso e ingannati
da false gioie, ch'è quel ch tu non vuoi.

Ritorna un po' fra noi,
per colorar la vita ch'è ingrigita,
svestita dell'amore universale
che da te parte,
e con la tua perizia artigianale
cuci addosso a noi, ad arte,
l'abito del bene e dell'amore
pel nostro prossimo, e per te, Signore!

Un fatto, una poesia
Tutto è possibile…Ma davvero anche che sia solo uno a svergognare il Bel Paese - ammesso che siano vere le accuse?
O è perché solo uno è …sotto inquisizione, ed è spiato dal buco della serratura? E dunque chi inquisisce si smentisce, e la Legge…subisce? E dell'un fatto, sì,ma dell'altro non ci si stupisce?
Mi domando, per esempio: sulle raccomandazioni/presentazioni/segnalazioni come dir si voglia, che tanto scalpore hanno suscitato giorni addietro tra giornalisti, opinionisti…mi sembra che giornalisti/opinionisti….di ogni testata/antenna, quelli, sono essi stessi dei raccomandati/presentati/segnalati, dato che non ci sono concorsi per le loro assunzioni…(ne conosco più di uno).
Ancora: Ruby smentisce…Forse che i giornalisti erano lì e hanno visto tutto…? Sarà pure vero, ma…
Le intercettazioni? Per certe personcine arriviste, ingrifate di notorietà…niente di più facile inventare ogni fatto/fattaccio per vantarsi con chicchessia di cose vere, di cose false, che più scabrose sono, più alzano la visibilità. L'impressione è che pur se tutto è possibile, qualcosa c'è nell'aria che non va….
Interviene anche il Vaticano. Ma anche lì hanno già tanto da rimproverarsi per conto loro……(2010-2011)
Tutto questo detto, penso anche che se si potesse evitare di offrire materiale per far sollevare tanto polverone, respireremmo meno…polvere, appunto.


Ritorno all'inquisizione
Ognuno sa qual'è la retta via,
ognuno sa che questo e quello è male
e il bene sa cos'è, e ognuno avvia
almeno, almeno qualche paternale

se non calunnie e accuse, sulla scia
di quella inquisizione medioevale -
farcita di malata ipocrisia -
a immaginar che un fatto è criminale.

Ognuno è pronto a dare la condanna
e ognun lo fa da sopra un piedistallo
e a starlo a sentir - sembra - non inganna.

Però che sia uno solo a… "defecare"
e il solo, dunque, adatto al rogo, è un fallo:
ché pien di cacca è il mondo, incluso il mare!

Ma se dev'esser - sia! - inquisizione:
ma no solo per chi ci tiene in smacco,
perché respinge ogni nostro attacco
per riacquistare in…modi alternativi
il nostro ritornare ad esser…divi.

Pensiero per Tinti
(gennaio 2011)

Adesso riposa
il marito suo, Tino,
sognando quel bello
di sempre, con lei.
E bello, è quel bello,
che neanche la morte
cancella, né oscura.
E entrambe, la sorte
ringraziano grati
pur se quelle mani
sono ora freddate,
ma l'anima no…
è calda, com'era,
è viva, è gioiosa
e resta con lei
per sempre sua sposa.

Maritozzo e cappuccino
Ci hai fatto caso, mai, alla fragranza
di quel profumo tant'assai speciale
che t'accarezza il naso con creanza
ogniqualvolta che da un bar zonale

se ne esce senza un po' di titubanza
e che t'avvolge col suo far fatale
da spingerti, così com'è sua usanza,
a far la colazione nazionale:

col maritozzo, il buon fiore all'occhiello
di quello che il mattino ci sa offrire,
e il cappuccino, autentico gioiello

d'un'inventiva ch'è tutta nostrana,
e che son nati apposta pe'elargire -
con poco - e insieme - quel gran toccasana?

Un fatto, una poesia
…la questione Ruby, continua…e si aggrava (gennaio, 2011)

San Tòga Roscio
Stavorta chi te sarva, Sirvio bbello?
Che te sei mess'a ffà tant'er bavoso
co quela mignottella succhia coso!
N te sarva più nemmanco farfarello*!

E tutto perché drent'a quer ciarvello
ch'è 'r mejo che ciavemo, er più ingegnoso,
er più capace, affabbile e grintoso…
ce sta e nun te dà pace e r tu' pisello...

Pe quello solo stai rischiann'er pòsto,
ch'è 'r tuo, sì, ma ce lo sai com'è:
quell'artri lo rivònno ad ogni còsto,

e da la parte loro cianno un santo:
San Toga Roscio, che n te pò vedé,
perché lo stai facenno sudà tanto!

*diavolo inventato da Dante

SE…quartine giornaliere di varia natura 71-80
71) Se, vittima, io dico: "camorrista
fetente !" o "brutto sporco d'un mafioso !"
censura non ce n'è, ma…tutti in pista
a darmi giù se: "zingaraccio !", oso.

72) Se ognun che urla e sbraita ha ragione
ogni altro poi vuole anche lui sbraitare,
così vien fuori solo confusione
e non realizzi mai il buon governare.

73) Se in ogni azione - è scritto anche in natura -
senz'alcun dubbio segue una reazione,
com'è che al mondo c'è chi addirittura
di questa neanche vuol sentir menzione ?

74) Se è nato sole, il sol, non puoi pretender
che si trasformi in luna, ed altrettanto
la luna è luna e mai potrebbe ascender
al posto suo, se pur 'l volesse tanto.

75) Se voglio lavorare e no studiare
perché mi forzi a prendere un diploma
e poi ti manca, dici, chi sa fare…
e col lavoro, io, sto come in coma ?

76) Se i pozzi di petrolio van finendo
bisogna che troviamo altra energia;
ma tutti quelli che lo stan vendendo
cos'estrarranno poi: la nostalgia ?

77) Se l'aria sarà sempre più inquinata
e fame e sete non scompariranno
la civiltà ne rimarrà scottata
e tutti noi ne subiremo il danno.

78) Se mai in nessuna strada potrò andare
a più del tot ch'è stato già fissato,
perché ci stanno sempre a propinare
vetture con la smania del primato?

79) Se usiamo il SI spavaldi e anche insolenti
e poi ci smontan tutta la certezza
sarebbe molto meglio un MA, che, attenti!
col dubbio diamo un segno di saggezza.

80) Se chi fomenta un perfido allarmismo
chiedesse pe'ogni pena la certezza -
per immigrati e non - qui di razzismo
ne parlerebbe solo chi l'apprezza.

da: "Chicchi di SE…"

La sirena
Prima di quella del gallo, stanotte
gridava una voce implorando la luce.
E questa urlava correndo e pulsava
insieme al mio cuore angosciato e dolente.
Squarciava il buio giungendo ansimante
lanciando speranza e scuotendo anche il cielo
a far la sua parte, a lenire il dolore,
pauroso e improvviso dolore pungente.

Con la speranza che ha disseminato
corre a ritroso la luce pulsante
mentre una calma benefica scende,
mentre nel cuore turbinano dubbi,
paure e speranze, impregnate di fede,
come l'aggancio ad un ultimo appiglio,
perché sia salva almeno una vita,
qui tra le cose, o su tra le stelle.

Un fatto, una poesia
a proposito del referendum per la FIAT in Italia, che sta per essere effettuato (gennaio 2011)

Maschionne, er diavolaccio
Maschionne, che a l'inferno è 'r diavolaccio
ch'è a capo de chi tiè appizzat'er fòco
- che pe na crisi è sempre un po' più fioco -
je fa a li diavolacci: "Io ve caccio,

si n v'entra in testa de sgobbà deppiù,
e basta co le sieste de straforo…
Capite, o no? N se tratta de decoro,
ma de la crisi che ce sta quaggiù.

Er fòco qui nu rènne più abbastanza
e si l'accordo c'è de fà più mejo…"
Ma llì un fochista fa (un tipo svejo):
"Maschiò, ce 'o sai qui la manovalanza

cià quei diritti che nisun' ar monno
pò scancellà…sinnò noi scioperamo
e pòi….si qui gni tanto noi se pìamo
la siesta…embeh?….pe nnoi è 'r diritt'ar sonno!"

Visto l'andazzo, er diavolo Maschionne
se pija er fòco e se lo porta ar Polo,
indo' fa affari d'oro tutto solo.
Gni tanto guarda giù e fa: "D'artronne…!"

E llì all'inferno, un tempo un ber reame,
quei pòri diavolacci de fochisti
pompati da li soliti… idealisti,
mo stann'a soffrì er freddo co la fame!

SE… quartine giornaliere di varia natura 62-70

62) Se sono pronti a dire che il governo
non fa abbastanza per la sicurezza,
poi sgridano il ministro dell'interno
perché castiga, anziché usar …dolcezza.

63) Se chi parteggia per i delinquenti
e per un'invasione incontrollata
di bravi, sì, ma troppi ed invadenti,
tifasse pe' una legge rispettata?

64) Se fai la voce grossa non è detto
che hai ragione tu e ho torto io,
tu parli tanto e spari il tuo verdetto,
ma alla ragione basta un sussurrio.

65) Se l' "erba-voglio" proprio non ci cresce
nel tuo giardino, cosa ci vuoi fare!
Se pur col mio concime non riesce,
alla fin, fine occorrerà abbozzare.

66) Se dici che il "disagio" dei ragazzi
va addebitato ai genitori assenti
. qui sembra che a parlar siano i pazzi,
ché poi li accusan di… "maltrattamenti".

67) Se la televisione inculca il mito
dei bei culetti messi lì in vetrina
hai voglia a dir: "Cambiate, basta un dito !"
se quello fai veder sera e mattina.

68) Se il padre è reclamato solamente
per mantener la "ex" col bambino,
le donne hanno ottenuto finalmente
vendetta e appoggio e pure un bel bottino.

69) Se il mondo vuol che la sua storia dica
il vero ver d'ogni epoca e paese,
non sol d'un genocidio sia l'amica,
ma d'ognun d'essi mostri il "conto spese".

70) Se fanno a me i soprusi sul lavoro
al massimo è il mobbing …e è tutto lì.
Se sono fatti a un gay qui s'alza il coro;
se a un immigrato…senti i do-re-mi…!

da: "Chicchi di Se…" giornalieri

Al Camposanto
Al camposanto
che grande silenzio,
e come meglio si sente
il pettirosso che canta
tra bossi e cipressi!
Che pace! E il silenzio s'avverte
tra i viali allineati
e i marmi fioriti,
dove l'anima è viva,
e la vita ancor vive d'amore e ricordi.

A sera i lumini
dan luce al gran buio
che il sole di giorno rischiara
e colora.
Son come abat-jour sui comodini
che dan compagnia
nel sonno
contr'ogni paura,
a grandi e bambini.

Un guizzo leggero
ha ogni fiammella
a ogni ombra che passa,
finché col mattino
con voce animosa
ritorna a cantare, il pettirosso,
per chi in pace riposa.

Anno Nuovo
Anno che giungi
e agli altri ti aggiungi
ci porti che cosa?
Crisantemi, o una rosa?
Una voce suadente
o un grido stridente?
Porti ancora la croce,
o chi l'ha in odio feroce
che subdolo trama
e morte reclama?
Cosa ci porti:
nuova serie di morti
a Kabul, e più torti
pel mondo provato
oppresso e affamato
o unguenti che sanano
e cuori che amano?
Ci porti il buonsenso
o ancora l'incenso
melenso
di demagogie,
di ideologie,
di non strategie,
di mille bugie?
Ci porti l'ardire
di chi sa tradire;
del bue che astuto
si crede, e cornuto
dice ancora al somaro?
Ci porti l'amaro
di amori falliti
o dolci canditi
su torte di creme,
l'abisso o la speme
nei giorni che vanno?
Porti un nuovo malanno,
o dei ritrovati
sperimentati
per vincere il male;
un'idea geniale
per poter governare
senza badare
a colori e bandiere,
ma sol pel piacere
del giusto e del saggio,
o ancora è un miraggio?
Porti trionfi
o palloni stragonfi?
Porti il tifoso
o il pazzo furioso,
il sano sportivo
o il dopato…giulivo?
Porti voli d'uccelli
o fame e flagelli,
disastri ambientali,
voluti, o fatali,
e abituali lamenti
dopo i pianti e i tormenti?
Porti certezza,
o la certa incertezza,
porti la luce
o il buio più truce,
la vita e la pace,
o la scritta "qui giace"?
Porti un andazzo
più libero e pazzo
e tante altre scuse
per far che le accuse
cadano, e l'empio
continui lo scempio
come gli aggrada,
libero, in strada?
Nostra speranza
è che porti abbondanza
di bene e allegria,
e che tanta poesia
fiorisca nei cuori,
e con tutti gli umori
che bussano dentro
venga a essere il centro
dei giorni che porti
per deboli e forti,
pe' un mondo migliore
senza odio e rancore,
ma affamato d'amore.

Verde
C'è un albero che a ogni primavera
d'un rigoglioso verde si colora
e tutto il giorno, e pure quando è sera,
e anche al buio, di quel bel verde odora.

Per tutta quanta la stagione intera
quel verde si risveglia ad ogni aurora
e a ognun che spera, pe' ogni sua chimera
gli mette in direzione poppa e prora.

E anch'io di tal speranza verde intenso
mi riempio il cuore mentre passa il giorno
e intanto guardo ogni sua foglia e penso

che anch'io i sogni miei mi perderei
il giorno che cadessero d'intorno
le verdi foglie: ch'io, con lor, cadrei.

Poi, primavera va…non è infinita,
e spegne il verde bello della vita.

Un fatto, una poesia
Forse qualcuno lo sta scambiando per quel Cesare Battisti eroe irredentista triestino di cui s'è letto nei libri di scuola…

Il Cesare Battisti dei nostri giorni è invece un assassino, cui alcuni inneggiano….facendosi suoi complici…Ma è possibile? Tra questi lo Stato del Brasile (che s'oppone alla richiesta di estradizione mossa dall'Italia, ma, purtroppo, anche parte del mondo della cultura…forse perché s'è messo a scrivere libri? E chi scrive e ammazza…non è più assassino passibile di condanna ? (?) (gennaio 2011).


L'assassino…incompreso
Son fuor di sé il buon senso e la saggezza,
e il grillo delle favole impazzisce
ché un'ossessione gira, che avvilisce
il senno, e invece ogni nefandezza

onora, perché in lei cerca l'ebbrezza
(ch'è quel che mente insana percepisce)
che dà un'ideologia che non s'avvezza
a una realtà ch'ha in odio e che aborrisce.

E per il suo pensar…disorientato
quell'assassino infame che è Battisti
diventa icona e eroe malcapitato

tra gente ingrata che non ha capito
il …sacro ruolo che hanno i terroristi
e di chi vuol che lui diventi un mito.

A volte quel che dicono cultura,
non è che un grande imbroglio…e fa paura!
 

Per la nascita del nipotino del mio vecchio amico di scuola che vive da una vita a Collegno-Torino, che mi ha telefonato quindici giorni fa per dirmi che era nato Re Edoardo…Quasi un regalo di Natale 2010.

Re EDOARDO I de Collegno
Passava er tempo… tanto che pareva
che stava a passà er tempo de fijà.
E Massimo a Luciana je diceva:
"Ma un pupo ariverà-o-nu-ariverà?".

E poi un giorno che n ce se pensava,
in quela casa schioppa er finimonno
pe via che na vocetta reclamava
d'annà a finije in braccio a nonna e a nonno.

Er Massimo...n te dico…E lei, Luciana…
pareveno schioppà de contentezza
e s'aricconta de na cosa strana:
se sò inchinati e j'hanno detto: "Altezza -

Edoardo de li Guidi de Collegno -
tu regnerai fra noi pe anni e anni
co la bontà, l'audacia e coll'ingegno;
che 'r celo te preservi da l'affanni!"

E quer cosetto bello sorideva,
pareva dì: "Sò Re Edoardo, è giusto,
e questo qua è lo stemma!…" e ce rideva…
E dopo un po', cor massimo der gusto

er nonno suo Massimo va llì
pe pìallo e ninnolallo, tutto fiero,
e co lo stemma er pupo, lippellì,
je dà…l'infracicata da scudiero.

E Barbara, la bionna, e Mauro er moro,
che stanno llì a morì da le risate,
je fanno a nonna e a nonno sto ber còro:
"V'avemo dato er Re che aspettavate!"

L'alibbi
"A Ro', come te sòna a tte quer fatto
der sercio che dovrebb'esse tirato
pe primo da chi nun ha mai peccato…
Te vòjo dì…beh…pò paré un ricatto…

o un alibbi de chiunque vò ffà er matto,
er delinguente…'n so…lo squilibbrato…
che vorebbe che ar dunque prenni atto
de la frase che Cristo ha immortalato,

pe perdonallo…pe nun condannallo,
e mannà tutto a tarallucci e vino…"
" Ch'è troppo facile…Vòi 'ndovinallo?

A Re', io 'r sercio jelo tirerei
in testa proprio a quello, un sampietrino!
Ma ce lo so che pòi…me pentirei…"

"A Ro'…è così! Perciò ce sò… la Legge,
li bbòni, e pòi le toghe, e er secondino…
che fann'a gara a chi… più lo protegge!"

Ho letto una notizia…eccezionale!
Ma com'è ovvio, ma com'è banale
lo scrivere ogni giorno su un giornale
che Silvio Berlusconi è indagato
per perlomeno un tipo di reato!
Or son dieci anni e più che si va avanti
dicendone ch'è il re dei lestofanti,
e ormai a questo il mondo è abituato,
per cui nessuno più è scandalizzato.
Non è più scoop, non fa più ormai notizia
la sua natura piena di malizia.
Ormai si sa ch'è un evasore nato,
che con la mafia è bene ammanicato,
che è falso, ed è bugiardo e ingannatore,
ch'è il dio dei media e che fa il dittatore;
che con le minorenni è un depravato
e con i deputati fa mercato
pe' aver la maggioranza in parlamento
adesso che ci sta un po' di fermento;
che mette la bandana, e non fa sconto
di sciocchezzuole e scherzi irriverenti
a capi d'altri stati…assai indulgenti,
e è sempre sorridente e ha il cerone…
insomma è tanto peggio di Al Capone.
E è sua la colpa di ogni terremoto,
d'ogni alluvione, e il buco nell'azoto...
E dunque per far colpo sulla gente
ci vuole che lo scoop sia più efficiente,
e questo qui sarebbe assai scioccante:
"Il Berlusconi è morto, e nonostante
morendo abbia negato ogni peccato
di corruzione, stupro, peculato …
è andato in paradiso e no all'inferno
perché ha corrotto pure il padreterno!"

Adagio
Adagio van le nubi in ciel, silenti
e con le lor movenze fantasiose
affrescano l'azzurro coi sapienti
disegni di bambagia… E sono ariose

figure di animali sorprendenti,
di personaggi, o di svariate cose,
che durano soltanto dei momenti,
ché a quell'artiste tant'assai estrose

un soffio giunge, e il quadro si scombina,
sfilaccia, fugge…e vanno a almanaccare
per disegnare un'altra figurina,

e poi un'altra, e poi un'altra ancora
finché c'è chi con loro sa sognare,
finché pian, piano, il cielo si scolora…

Sul "merito", meritatamente ritornato a prendersi …il merito….Il resto son chiacchiere…(2010).

Il merito
Il merito è la cosa che gli spetta
a chi ogni cosa fa, la fa perfetta.

Perfetta vuole dire fatta bene
e no di certo al modo che conviene.

Conviene è molto spesso similare
a approfittarsi, fino su…a rubare.

Rubare non è solo prender quello
che non è tuo - foss'anche a tuo fratello -

vuole anche dir che intaschi la tua paga
seppur la percezione tua è vaga

di quello che vuol dire lavorare
e quindi in conseguenza guadagnare.

Il merito è fiducia ben riposta
ed è capacità, ed è risposta

agli obblighi e ai doveri contrapposti
a quei diritti sempre tanto esposti

(che è giusto) ma che se trattati a soli
producono soltanto dei…mariuoli.

Il merito, c'è se ti dai da fare,
ma se altri fan per te, non ci può stare.

E chiunque assegna il merito, anche lui,
il merito ha da aver, per darlo a altrui.

Se alfin sarà al di sopra delle parti,
e d'ogni ideologia, il meritarti,

o merito, più sana diverrà
nel mondo qualsivoglia società.

E dunque chiunque il merito non vuole…
del merito qualcosa ben gli duole!

al dottor Walter Massimino
fisioterapista a Villa Sandra di Roma


Walter, er fisioterapista tifoso
Nfra le peggio torture in quer girone
ndove vann'a finì li pòri cristi
cor un probblema a un'articolazzione,
ce sò le stire che li terapisti

je fanno pe rimetteje in funzione
l'ossa coi legacci… "Ce resisti…?"
te fanno ben sapenno che affrizzione
te stann'a mett'addosso. Sò l'artisti

der dolore, co mille-più una mossa
studiate pe potette torturatte,
co la scusa de raddrizzatte l'ossa.
-------------------------------------
E questo fa, pensanno a la partita,
er Warter, terapista eccezzionale,
che pe guaritte deve fatte male
schiaccianno li cordami co le dita,

co le mano…co la voja accanita
de slongà er braccio che nn'è più normale,
n se pò allungà… "Del Piero è er più che vale!…"
fa co Cristiano, e intanto tira, avvita...

Me fa: "Respira…dai, così, vai bbene…!"
Stenni er braccio… "Lo so ch'è doloroso…
Del Piero…goool!!..." poi strilla, e nun se tiene,

e ne la foga tira e stacca er braccio,
e manco se n'accorge e fa: "Grannioso!
S'allunga, Armà!…è la cura che te faccio!"

Poi, l'angeli - bionne e more - passanno,
co un bèr soriso fanno passà er danno.

Natale, la nenia infinita
S'accende, la nenia tra i pastori
di luccichii vaganti,
lucciole di gelo
venute a riscaldarsi al suo respiro.
E si fa giorno il buio della notte
a quella luce nuova,
e spenta appare ogn'altra stella,
tanto di luce propria arde,
di più d'ogni altro astro ch'è nel cielo.
La luce si fa fuoco, e di sé spruzza
il mondo intero
e illumina e riscalda
chi pur di panni è senza, e par magia…
Ma è soltanto
e più semplicemente: amore.
Amor che niente chiede
se non di ricambiar con altro amore.
E questa è la sua nenia,
che per il mondo vaga senza fine.

Un fatto, una poesia.
Quello che è successo per le strade di Roma dovrebbe essere un invito a tutti a prenderla un po' più leggermente.
Forse se tutti non lo avessero voluto così tanto…"morto", oggi sarebbe…"morto" per davvero.
Invece, oggi, alla lettura delle…radiografie, il "morto" è risultato - pur se assai da una parte e poco dall'altra, ancora vivo e vegeto. No al suo…funerale, dunque: 14 Dicembre 2010.

Sonetto in dodecasillabi

La prognosi non era riservata
La fine da giorni era stata annunciata
da gufi occhialuti, studiosi profondi,
del povero diavolo, e anche la data
era bell'e fissata, e tutti giocondi,

gli eredi, stendevano già l'infiorata
pensando alle gioie del trono, e ai fondi
da fare sgorgare una volta placata
la grande sfuriata dei "sempre secondi",

ché, il "primo dei primi", alla fine ammazzato
dal cocktail tremendo dell'odio al veleno,
mai più avrebbe ancora su loro imperato.

Però…ma che strano…quello - anche da morto -
non smette di vincere e non viene meno
al suo "esser primo"…al suo "essere in torto".

Un fatto, una poesia.
potrebbe puro esse arteriosclerosi…!

Da nero a rosso…se sart'er fosso
(la metamorfosi)

Poteva sembrà puro esaggerato,
quann'era tutto quanto accosì nero
che addirittura avrebbe colorato
co quer colore tutt'er monn'intero.

Cor tempo, chi lo sa, avrà penzato
de nun potenne esse tanto fiero
e per amor de pace s'è sbiancato
pe scancellà un passato…cimitero.

E infatti ha fatto pace a destra e a manca,
che…tanto de cappello! Ma n sia mai!
S'è perso ogni controllo…E mo se sbianca…

e mo vò esse sempre un po' più rosso…
Sarà ammalato…boh! Ma, capirai,
ammò pe esaggerà ha sartat'er fosso.

I Perché…?
I perché non finiscono mai.
È perché coi perché noi cerchiamo
di svelare profondi misteri
che son sopra ogni nostro perché.

Tutti in circolo come a una giostra
vanno tristi, o allegri, giocando
i perché di noi tutti e non hanno
che degli altri perché per risposta.

I perché dove vanno a finire?
Vanno a stare nel mondo del nulla,
e i misteri rimangon misteri,
e i perché neanche fumo: perché?

Vecchio padre
(eternità del padre)

Vecchio padre
sulla scia tua tuo figlio
è diventato uomo,
passo, passo crescendo alla tua ombra.
E diveniva forte, il figlio,
e tu perdevi i sensi a mano, a mano
e scemava la forza tua, mentre incontrava
la giovinezza sua fiorente.
Guardavi, speranzoso
i suoi domani,
che erano domani senza te
e te, che andavi ad aspettarlo
oltre il tuo orizzonte,
con l'idea grata di ritrovarlo ancora.
E ora che sei lì,
sei ancora, tuttavia, dentro di lui
vecchio padre,
viva figura,
vive parole, vive gesta…
per non morire più, oltre questa volta.
------------------------------------------

Il terremoto mediatico-diplomatico viene da internet. Un certo tizio, Julian Assange, giornalista australiano, ha trovato il modo di rubare e diffondere i segreti di Stato di tutto il mondo…(ce n'è anche per il nostro governo) (Dicembre 2010).
Intanto il nuovo gruppo parlamentare di Fini- FLI - sta facendo sperimentare la sua "forza" mandando in crisi l'approvazione della riforma universitaria, al Senato (già approvata alla Camera), per un prossimo ricatto, il 14 Dicembre prossimo, insieme a Casini e Rutelli….


Er "wikileaks"
e la…Pàrtitopazzia

L'atommica a sta cosa je fa n baffo!
Lo schioppo suo - è vero - fa casino,
ma a la fin, fine nu' è che…un epitaffo
appett'a quelo che quer malandrino
der "wikileaks" pò faje ar monn'intero
scoprenno l'artarini e 'i pentoloni
su tutto e tutti, che gne pare er vero
a chi nun perde mai cert'occasioni,
pe ddaje ggiù a chi viè sottoliniato
com'un quaqquaraqqua, un vortagabbana,
o vive a un modo d'esse chiacchierato,
com'er "vanesio" de la situazzione
che va a festini e assòrda ogni puttana…
sippuro già sta sotto…osservazzione…!
-----------------------
Pe cui…nun ce serviva st'invenzione.
De certo c'è, che mo, co sta trovata,
è diventato pure approfittone,
ché co la Russia - e è cosa già accertata -
se sta sfruttanno tutta la gestione
de la bilateralità impostata,
e infatti, che t'ha fatto quer furbone?
Che cià la fornitura rigalata,
der gasse russo, che je viè fornito
co un tubbo che j'ariva llì in cucina!
E questo è brutto! Ma nun ho capito
perché quer rinfacciaje st'amicizzia:
la Russia, nu era ar monno la reggina
da venerà, e l'America...sporchizzia?!
----------------------------
Ma nun è mejo, invece, a ffà attenzione
a quer che ce 'nteressa tèra, tèra,
ch'è quelo, cioè, che quer bèr trio marpione
st'a ffà succede peggio de na guèra
pe aggiunge più casino ar gran casino…
però st'a ddì: "Pe er bene der Paese…!",
che pare che ce vò cammià er distino,
e, nun è artro, invece, ed è palese,
che fa l'affari sua - come, e peggio… -
perché è sortito su dar tradimento -
e nu'è che pe davero mo vaneggio -
perché: "blà...blà…<Responsabbilità>…
e <Bene der Paese>…", sò argomento
che in bocc' a lloro sta pe: "Commannà".
Così, quanno ch'è 'r dunque, fra li dua
sarà più mejo avé chi cià er mannato
e nno chi st'a cercà la …gloria sua!
Er che risponne a la demograzzia
tant'osannata, ma…che c'è o nun c'è!
ché, o è "Popolo" , o è "Pàrtitopazzia"!

Risveglio
(a Lisa)

A dir che il fuoco invero era arso in noi
restano vaghe faville incenerite
da un'alba disattenta e frettolosa,
e, del profumo tuo, l'impronta
stampata a fuoco sulle labbra,
chiuse.
Debole il giorno scorrerà
in quel sapore di buono che hai lasciato
per l'aria ancora tiepida, che pare,
chiudendo gli occhi, di vederti ancora.

Aurora, bella luce
dal nome bello e puro
che vieni a sovrastare i sogni miei -
fumi evanescenti non svaniti in tutto -
e il posto prendi nel mio letto vuoto,
come stanotte lei,
rimani qui a farmi compagnia finché
lei tornerà di nuovo.
Resta, che, solo,
il giorno che porti e lei mi porta via,
non lo sopporterei;
lei, ch'è ancora qui, dipinta
con sprizzi d'anima nell'aria tua, incerta.

T'aspetterò,
amore,
stanotte e ogn'altra notte
ché il desiderio forte avvera il sogno,
e tu, che il mio bel sogno, sei,
verrai ancora a me, anima e corpo.

A Bettona, presso la sorgente dell'acqua minerale di Monte Lauro.

Al sole d'estate
Senza quasi toccare andavano i piedi
ruzzolando quasi, per la discesa,
sassosa e sconnessa discesa rugosa
pei rivoli d'acqua di pioggia recente,
ormai disseccata dal sole d'estate.

Scendevo, e saliva, il monte, sul fianco,
tutto coperto dai verdi sfumati
ora cupi, ora chiari, cangianti e leggeri
della sua chioma lanosa e vivace,
senza riparo dal sole d'estate.

C'è l'ultima casa, e poco più in basso
il ponticello di ferro sul fosso.
I tronchi si vedono, ora, chiomati,
in mezzo agli arbusti, per questo sentiero
ch'è più polveroso, al sole d'estate.

Ecco il ruscello che scorre festoso,
gorgoglia, e qui cade formando una vasca
di puro cristallo e riprende la scesa,
e qua e là…quasi sembra brillare,
che vi si specchia il bel sole d'estate.

Ora nell'acqua un po' fredda, e sui sassi
vanno stentando i miei piedi, inadatti.
C'è un "flop" ed un altro, di tuffi improvvisi
di raganelle appiattite sui massi
a prendere il sole, caldo, d'estate.

E su quella vasca di puro cristallo
adagio, adagio, vincendo il contrasto,
tra un pesce che guizza, e una rana affacciata,
entro e son pesce pure io, abbracciato
da mamma natura, e dal sole d'estate.

Siamo soggetti in balia degli eventi
Siamo soggetti in balia degli eventi,
problemi, siamo, e non soluzioni,
risorse in mano agli umori del vento,
mura crollanti ad ogni tremore.
Siamo gli umani padroni del mondo,
creste di gallo col proprio destino
di figli diversi d'un calco comune,
note d'un'unica gran sinfonia
di suoni stonati, di ritmi discordi.
Siamo vele di barca
alla deriva,
voli d'aquile con le ali tarlate.
Siamo la storia, che è stata e che è,
verso un ignoto che è senza colori,
se non sentiamo d'un dio, la presenza,
pure alla luce d'un sole che splende.
Siamo di certo quello che siamo…
Però, per colpa, non ci crediamo.

Cercare il senso
(guerriero perdente)

Cercando il senso
di quest'immenso penoso,
pensoso sforzo il pensiero,
e guerriero
mi sento
ma senza cavallo, né spada
mentre d'ogni contrada
il grido mi giunge
ed aggiunge alla pena, pena, e alla rabbia,
rabbia,
ma in gabbia rimane lo spirito,
e l'anelito è vinto, e prostrato
son'io con chi grida lontano,
che tende la mano
ed è bimbo ch'è nato
nel posto sbagliato,
ed è vecchio ignorato,
è assenza di pane, e è cura invocata;
è umana mancanza d'amore che manca,
e che stanca l'attende, indifesa,
e offesa, la parte di mondo d'un mondo lontano
dagli occhi e dal cuore:
mancanza d'amore,
e guerriero perdente, mi sento,
e aspetto che il vento allontani il pensiero,
d'un cavaliere, ch'è neanche scudiero. .

Un fatto, una poesia.
guerra alla Gelmini (Bersani sale addirittura sui tetti a dar man forte agli studenti ribelli e poco… studenti…) perché sta varando la riforma universitaria…così tanto invocata da anni da tutti, e già approvata anche da FLI, che sta però prendendo parte a questa stessa guerra (!?). L'On. La Torre dice che non è ancora il momento…(?!). Insigni rappresentanti del mondo universitario approvano la riforma così com'è. Fosse - per chi questo cerca- la volta buona di buttare giù l'odiato governo? (Novembre 2010).

Riformiamoci! (la riforma secondo noi)
"Con forza gridiamo: riforme alla mano!
Oppure il governo…che vada all'inferno!"
"È giusto! Il Paese non può tollerare
che resti il potere al <governo del fare>
se con insistenza non vuol riformare!"
"Ci sta quel ministro che taglia gli sprechi!
Ma son tutti ciechi qui, in questo governo
che vuole premiare chi si dà da fare
sia come studente che come struttura,
e mette paura a ragazzi e docenti
e a chi in quelle aule amministra e troneggia,
e i soldi <a cascata> felice maneggia?"
"Ma questo vuol dire rivoluzionare!
E questa è una cosa che non gli compete,
che voi lo sapete, è cosa nostrana!
Ebbene: sia vana l'assurda pretesa
di fare più equa e oculata la spesa!
Studenti e insegnanti già sono per strada…
Brandiamo la spada anche noi: "Avanti!
miei prodi scaliam gli atenei, saliamo
sui tetti…!". "Signore, quei fondi, li abbiamo!
Davvero! Il ministro ha già aggiunto un miliardo…!
In questo frangente di crisi, è apprezzato…"
"Che fai, disgraziato! Proteggi il nemico?
Sta'attento, caprone, a quello che dico:
se passano leggi sia pure un po' dure,
ma che abbian lo scopo di far migliorare
sia lauree che scuola, e ricerca, e finanza
qui abbiamo finito…non c'è più speranza
di abbattere il mito che spopola l'urne!".
"È vero, hai ragione, e questo è il momento
di <battere il ferro>…che l'ex alleato,
che aveva votato anche lui la riforma,
a questo teorema anche lui si conforma,
e per dimostrar senza tema il suo peso,
-politico, intendo- non esita a fare
il gioco di chi lo può far vacillare,
quel dio, e ora <sì>, ora <no>, va dicendo…
per fargli capire che senza di lui
saranno assai bui, i giorni futuri…
Ma bando alle ciance, mi sento in gran forma,
è l'ora per me d'una controriforma:
perciò …riformiamoci noi: vale a dire
mai più chiederemo riforme, noialtri
a chi non ne è - come noi - titolare!
Ed ogni riforma, per pronta che sia,
se non sarà intrisa di demagogia,
sarà <riformata>… e … buttata via…"….

per una politica leale, sia su, che giù…(24 Novembre 2010)

Ecco Natale…
Ecco Natale, che sul suo groppone
porta nel sacco, per chiunque l'aspetti,
un po' di speranza, ed ad ognuno propone

di metter da parte le beghe e i dispetti
di chi sta riempiendo le nostre giornate
coi propri rancori, coi propri sospetti,

coi mille cavilli, e le mille sparate
di schizzi al veleno, d'insulti e d'accuse,
che al mille per cento son moltiplicate

da artate notizie che sono diffuse
per seminare una gran confusione,
con modalità intriganti ed ottuse,

in tutte le parti - senza esclusione -
così che ogni testa ne venga colpita,
in tutta quanta la popolazione,

senza riguardo a quella istruita
sulle questioni ideali del mondo,
e a chi per maestra ha solo la vita,

che sa insegnare il buon senso, che in fondo
vale di più d'ogni demagogia,
e rende l'uomo più sano e fecondo.

Caro Natale, che sei per la via,
fa veramente che quella speranza
che si diceva, per ognuno sia

il modo di uscire dall'arroganza
di chiunque al mondo chissà chi si crede,
e di inebriarsi di buona creanza,

e che sia, questo, il segnal che precede
l'inizio d'un poi che a ognuno conceda
di governar senza palle al suo piede,

per dare il giusto a ogni giusto, e a chi chieda
e n'abbia il diritto, e invece sia tristo
con chi, all'altro, il diritto suo, leda,

che in fondo è quello che ha insegnato Cristo.

Madre, mai vecchia
dedicata a Renzo Giordani
per la recente perdita della sua cara mamma.
(Novembre 2010)


Presenza preziosa
di donna, che è madre di vita
che al figlio regala.
Vita che spalma sul figlio che cresce,
nei giorni, negli anni,
suo figlio per sempre, la stessa sua vita.
Lei non invecchia,
che è lei, per il figlio,
la mamma dal tenero abbraccio di sempre,
e è l'ombra amorosa del figlio suo bello.
Non muore, la mamma,
che è il battito stesso del cuore del figlio,
e sempre, da ovunque,
nel sole che splende,
da dietro la nebbia,
lo guarda e protegge, come dal cielo,
per tutti quanti, fa la Madonna.
---------------------------------------
 

Se uno è un diavolo, non è detto che chi ci si trova insieme sia per forza un diavolo anche lui…
Sta con quel diavolo perché - bene o male - si avvicina di più al suo modo di pensare, rispetto a quello di altri diavoli, che la pensano troppo diversamente (libertà insegna…). E, se pure fosse giusto avercela con quel diavolo, non è detto che sia giusto avercela con tutti. D'altronde, sembra essere di buon senso pensare che non si può vincere il male, creando altro male…E che non è che tutto il male - o tutta la verità - stia sempre e solo da una parte…per "partito" preso.
Forse, cambiando qualcosa…
(21 Novembre 2010)


Mannaggia la linguaccia!
"Mannaggia la linguaccia, a Re'…ch'hai fatto…?!"
"Ma che ne so…ho detto solo schietto
che quer che ha detto quello nun è adatto…
che nun va bbe' a mancaje de rispetto,

e ad accusà de chissà che misfatto
chi proprio n c'enta…solo perché è addetto
a un tipo de lavoro…E che è da matto
a ffà de tutt'un'erba un fascio…Ho detto

solamente er mì penziero…Mo, si n se pò,
che vòi…vòr dì che me ne starò zitto.
È che penzavo, pe davero, a Ro',

che qua ce fusse libbertà de dì
pe tutti, e no pe chi vò stà in conflitto
pe forza, e basta….Ma nun è così.

Un fatto, una poesia
Napoli, punto e a capo. Di nuovo sommersa dall'immondizia. Ma a questo punto, la colpa è dell'attuale governo, o piuttosto dei precedenti pluridecennali amministratori locali e, soprattutto, quella di prima e di adesso, degli stessi napoletani, che non si sa perché non gli passa manco p''a capa di fare la differenziata, né gli amministratori li hanno mai costretti a farlo - così modificando un modo alquanto "originale" di comportarsi - fatti salvi - per carità di dio - quelli che in ciò non c'entrano affatto ? (Novembre 2010).

Borboni…gnent'artro che borboni!
Ma n finiranno mai, llì, li borboni?!
È vero, è un pezzo che se ne sò iti,
ma mo ce sò li nòvi parassiti
che sò anche peggio a ffà …le concessioni…

A Roma ce saranno li magnoni,
ma sarvognuno, semo più puliti;
llì, come allora, nun sò mai puniti,
er che li porta a esse assai zozzoni!

E pur de mantenesse in quelo stato
sò pronti a zompà addosso a chiunque sia,
che vada a dije che 'r differenziato

va fatto! E pure l'inceneritore…
Ma loro…gnente! E poi: "GesùMMaria!"
strilleno davanti a quer fetore.

Un fatto, una poesia
Lo scrittore Saviano, diventato famoso per scritti contro le mafie…ha attaccato la Lega e il Ministro dell'Interno Maroni, accusandoli di mafiosità. Rai 3 non ha accettato, fin'ora, la posatissima richiesta del Ministro Maroni di andare a replicare alla diffamazione nella stessa trasmissione da cui questa è partita. (?). Ma non sarebbe dovuto esserci nemmeno un minuto di esitazione, essendo tra l'altro, quella, una Rete Pubblica! La giustizia del caso, però, ha dato una grande soddisfazione a Maroni, e uno schiaffone a Rai3 e a Saviano stesso, perché proprio in questi giorni si è registrato un grandissimo successo delle forze di polizia e della magistratura - beninteso - ma che sono, comunque, il successo del governo e di Maroni quale Ministro dell'Interno di questo governo, e cioè la cattura di un altro degli ormai pochi grandi capi mafia ancora rimasti a piede libero ( Novembre 2010).

Lettera a Saviano
Ti scrivo per dirti, caro Saviano,
che, sì, avrai scritto pure qualcosa,
però da questo a metterti in posa
e dire in tivvù che è proprio a Milano

che mafie e imprese si danno la mano,
più che nel Sud, dove sguazza golosa
la mafia, e non solo...! Risulta penosa
la tua indignazione, e da ciarlatano

passi, dato che addirittura offendi
Maroni, che, nientepopodimeno,
sarebbe un losco figuro!...e pretendi

di essere un puro…Ma sai, o non sai,
quanti di loro ora ingoian veleno,
perché n'ha ingabbiati più tanti che mai?

-----------------------------------------------------

Non cominciare anche tu a insozzare
brave persone, e come altri, lo fai
senza che possan nemmen replicare.

Penna e microfono a disposizione
non sono "uguale a" diritto agli attacchi
ch'è un malcostume ch'è in evoluzione,

e la "par condicio" non è rispettata
nemmeno da chi l'ha tanto invocata!
Forse è Rai3 che te l'ha suggerita
quella penosa e dubbiosa sortita?

Sera d'incanto
il tenero soffio del vento

Il tenero soffio del vento
è mano soave che passa e accarezza
i petali aperti a lusinghe amorose;
s'avanza leggiadro
e con sé ha il tepore d'un sole che scende
sul velo del mare,
o, anche - in un tempo -
laggiù, dietro il monte che s'ombra, in silenzio.
Solletica i fiori e i fili dell'erba,
e ogni foglia;
lambisce leggero, si ferma, riposa,
e riprende, e attraversa i capelli di lei,
che guarda lontano, sognando il suo sogno
più azzurro. La cinge - fruscia la veste -
confronta il profumo che sente, coi fiori,
ritorna a scherzare con lei, l'accarezza:
che sera d'incanto…che tenerezza!

Non c'è tempo pe' invecchiare
Non c'è tempo pe' invecchiare,
ché troppo presto il sole lascia il posto,
e presto
è sopra i monti il nuovo giorno
e apre le finestre, e si prepara
a ritornare là, dov'è già atteso.
Fa visita, ogni tanto
un ricordo,
e allontana a passo svelto
dai prati delle età, e non fa entrare
nella grigiastra landa desolata
solo fatta d'attesa paziente e solitaria.
Seguire, come fa il segugio,
il fumo profumato della vita
finché - come una nebbia - s'apre,
e il cielo
appare in tutto quanto il suo splendore.

Er ribbartone
(che bbòtto ch'hanno fatto!)

Che bbòtto ch'hanno fatto ner cascà
llì nfra li bbanchi drent'ar Parlamento!
Pareva pe davero , in quer momento,
che tutt'er monno stesse pe zompà.

Diceveno: "Aoh! Dàmose da fà,
che pe grattà sto granne rodimento
che noi ciavemo in corpo, lo strumento
è solo de esse bravi a ribbartà

chi l'ha votato er popolo sovrano
demograticamente, all'elezzioni,
mettennoje er potere nfra le mano".

Ma vòi sapé si chi hanno ribbartato
così facenno, quei gran cervelloni?
L'essenza più sacrata de no Stato!

Le voci del silenzio
Sfocia, il dolore del mare,
in tempesta ed orrido uragano,
e lo ulula e lo frange addosso alla scogliera,
e impresso rimane
in chi lo vede e ascolta,
non come il grido inumano di chi piange
e lotta e si dispera
e s'accartoccia in sé,
senza più lacrime - ormai esaurite -
e senza voce - da incubo più insano -
che si trascina presso la finestra
a cogliere uno sguardo…
Ma il mondo, fuori, ad altro è affaccendato:
nessuno ascolta, o sa, o s'interessa,
ché il male implode
tra quelle mura intrise di dolore, e non esplode,
e lor non tocca, e non si danno pena.

E è come il rocciator che perde appiglio
e annaspa e non lo trova,
e mentre cade, sa…
e però non grida…a chi? Nessuno sente,
nessuno è lì presente ad aiutare.
Forse il cielo, Dio, se ci badasse.
Verranno…dopo il lungo tonfo a valle,
che l'eco spanderà,
a prendere il suo corpo inanimato.
Così grida il malato,
senza urla, senza voce affatto, ormai disfatto
dal male, dal dolore, disperato,
e conforto non ha di voce amica,
di voce che lo inviti alla speranza,
contro fatalità, e rassegnazione.

Il mare s'è placato. Il male è ormai trascorso,
e calmo si distende, e si riposa.
Non il malato: lui è sì, disteso, non placato:
è solo rassegnato e solo, e in sofferenza
s'avvia a quella fine del suo male
che come è arrivato, sconosciuto,
sconosciuto se ne andrà attraverso il corpo, freddo,
portando a qualcun altro la sciagura:
martirio, pena, bastarda indifferenza,
solitudine di chi non ha più voce,
intriso di dolore e di paura.
--------------------------------------------

Delitti e ammazzamenti vari, e disastri ambientali da…intrattenimento e business medianici (ultimo della serie, questi giorni di ottobre-novembre 2010, e i mesi immediatamente precedenti, della sua scomparsa e ricerca: l'assassinio di Sarah, bella quindicenne di Avetrana, LE)).

"Mors tua…vita mea"
Che gran goduria, che bell'occasione
che è pei "media", che è pe' ogni giornale,
pei rotocalchi e la televisione,
qualsiasi fatto dove vince il male,

dove il demonio impone una visione
del mondo che più è brutta e più è bestiale,
più trae ognun novella ispirazione
per pagine…salotti…non c'è uguale!

"Mors tua - vita mea", l'antico detto
davvero par che l'abbiano inventato
per quel morboso business - maledetto! -

che offre ogniqualvolta il più efferato
delitto, o natural sconvolgimento:
Colosseal nuovo…intrattenimento?

Er mar de denti
Si sto dente s'è cariato
è perché nu ll'hai lavato
tutti 'i giorni co pazzienza
ogni vòrta ch'hai magnato.

Te lo dico pe esperienza
e nun è esaggerazzione:
mejo fà sta penitenza
che rischià l'otturazzione.

Perché pòi er baco cresce
e incominceno li guai
che da llì, vedrai, nun esce,
e de certo piagnerai,

ché te sbucia tutt'er dente
e tu, llì a intorcinatte
dar dolore, e n pòi fa gnente,
si no - arfine - prenne, e datte

de gran corsa dar dentista,
che però pe li pazzienti
già llì in fila, se rattrista
ma n te pò curà li denti,

llì-ppe-llì, e l'appuntamento
è previsto fra tre giorni…
E ner mezzo der tormento -
ne l'attesa che ritorni -

te fa, dice: "Sii pazziente…"
E te penti d'esse stato
impazziente a lavà er dente…
che così s'è vendicato.

Un fatto, una poesia.
Sugli stravolgimenti natural-politici italiani di questi ultimi giorni: a Pompei crolla la casa dei gladiatori: colpa dei soldi che il governo non dà; il Veneto e la Campania affogano per le esondazioni dei fiumi…frane dappertutto..recenti terremoti….Cose mai successe nei secoli e nei decenni passati…Mah!
(ottobre-novembre 2010)


La NaturalPolitica
(crolla Pompei…)

Crolla Pompei,
"questione di sghei!"
strillano bieche cornacchie, assetate
di facili assalti alla preda indifesa.

L'Italia affoga.
Risponde con foga
un branco di iene con l'acquolina:
"è lui la rovina! È lui che ci porta

frane, alluvioni,
ed i terremoti…
lo stravolgimento della natura:
dobbiamo di lui - tutti - avere paura!"

"Fuori, vai via!"
È ormai la mania
dei gufi che stanno lì appollaiati,
ed ai roditori ora chiedono aiuto.

"Fatelo voi!
Dai, su! Perché noi…
noi non possiamo, non siamo capaci:
più dei rapaci, fate voi traditori.

Aggiusteremo…
Cioè, spartiremo
regno e ricchezze in gran libertà;
di tutto il resto…sarà quel che sarà,

che l'importante
è il cambio costante
di chi sta a regnare, e specialmente,
se accade che troppo lo vota la gente,

che chiaro, sia,
che in democrazia
la volontà popolare si esprime
col voto…a noialtri, e poi…tutto fila!".

Un fatto, una poesia.
Le folli spese romane del capo dell'Ifad, l'agenzia Onu che combatte la povertà
Il presidente vara tagli per 2,5 milioni di dollari
ma non il suo budget personale, compreso l'affitto di una villa…
(da "Il Messaggero" del 29 Ottobre 2010)


Che schiaffoni a la fame der monno!
L'articolo che sta sur "Messaggero"
ricconta, sì, quarcosa…ma è un gnente
appett' ar brucia-sòrdi che - davero -
fa accapponà la pelle… e è chiaramente

artro che schiaffo in faccia a chi cià zero
o poco più! e nun solo ndo' è presente
l'IFAD pe ffà che sia n po' meno nero
er vive e anch'er morì de troppa ggente,

ma anche qui da noi….E è na schifezza!
Ma che vòi fà: ar balubba spennaccione,
je piace la ricchezza e l'aggiatezza,

perciò vò avé a che ffacce co la fame!
Perché la fame rènne…! E quer marpione
la fame l'ha scammiata… pe er su' reame!

Venissero a magnasselo de gusto
chi sta a morì de fame, e che è 'r padrone -
davero! - de li sòrdi - com'è giusto -
ch'er monno st'a ddà a st'Organizzazzione!

Spruzzi
Fa acqua
lo scafo ferito.
Ripara nel seno solingo
di affetti e memorie ancorate
e nel fondo profondo del tempo confuso
trova riposo.

Riascolta le voci
disseminate
scordate da tempo nel mezzo dei flutti
ingrossati ad inganno
quando sembravan cullarlo nei sogni
quando ogni spruzzo donava l'ebbrezza
quando i marosi eran sprone ad andare.

Mare d'incanto di mille abbordaggi,
sirene bramose e bramate
dall'onde richiuse o volate nel vento.
Ancora ne resta il bel canto lontano,
sognante e soave,
placebo all'amaro salato
del sale del mare.
D'un mare pacato dal sonno dei venti
un tempo rissosi…a conquistare ogni vela.

Spruzzi, di nuovo, aspetto sul viso,
se mai verranno…se mai varranno, ancora.

I 'sessanta
(a Lisa)

I 'sessanta è stato quando
batteva il cuore e l'inverno
con lui si riscaldava,
e l'estate annegava
in torrenti di canzoni da cantare
dove nuotavano solitudini
e sedimentava la spensieratezza
che il tempo, poi,
ha trasformato in ricordi lontani,
riflessi
in occhi di vetrine lungo i sentieri del tempo…
Erano sguardi di timori
e di conquiste,
e silenzi, e "filare"…di ragni,
erano "no"…invitanti,
e insistenti approcci, e esaltanti
anche per poco.
Quando "il grande fratello" erano
gli occhi di lei
che guardavano lui, e gli occhi di lui
fissati su lei.
Fucina di sentimenti scorazzanti
ai venti d'una giovane giovinezza
che più non c'è nemmeno
tra i giovani più giovani di oggi.
Innamorarsi era
il più bel gioco,
prendersi la "cotta" ad ogni sguardo,
era cuocersi allo spiedo, e sentirsi il cuore riempire
come da mille bollicine di sapone
e rattristarsi allo scoppiar d'ognuna;
era vibrare come fili d'erba ad inventare
melodie, che nessuno sente più.
Era bastarsi e andare insieme, fosse pure
in mezzo a sabbie mobili, o su carboni ardenti:
era il tempo dell'amore - così detto -
non come oggi è inteso e vilipeso.
E anche nel mare più agitato
restano ancorati, quei 'sessanta
e fanno sussultare il cuore, ancora.

Er sòr sòla
(er tradimento)

Co in còre la svastica e in der ciarvello
la farce cor martello,
Gianfranco ar giorno d'oggi nu è più quello
che te 'ncantava co la su' parola…
Adesso nun è artro che… un sòr sòla!

Ciaveva troppo in mano…
però ha voluto puro la…corente
perciò nun sembri strano
si andrà a finì… che nun ciavrà più gnente*.

Je stann'affà l'occhietto, speranzosi,
dall'artra parte de la baricata,
che manco la mignotta più quotata
sa ffà pe accaparasse li vizziosi.

*anche diversamente, resterebbe, comunque …"er sòr sòla".

28 Ottobre 2010
(commento del 7 nov 2010)
Commento aggiunto oggi 7 Nov 2010, in occasione del suo discorso al Congresso di Bastia Umbra,
da dove continua a schizzare veleno a chi lo ha fatto assai più grande di quel che era…Afferma che lui non è quello che dice "meno male che Fini c'è"… che con lui non ci sarà la "persona amata da seguire…" (più o meno il senso)… che lui sta facendo quello che sta facendo, per il bene del Paese…Ma chi è lì, a far numero al Congresso, è gente che segue, lui! (uguale, uguale agli altri che seguono l' altro!)...Anche lui, come altri! ha nel simbolo del suo partito, il suo nome a troneggiare…e allora? Dice: "saranno con me tutti, tranne i "carrieristi". Infatti, lui non sta manovrando per la sua carriera, per niente affatto!
"Mors tua, vita mea" ritorna sempre…a ciccio".
Ma poi, come fa a fare quello che sta facendo da diverso tempo,e quello che sta facendo in questi ultimi giorni, mentre riveste la carica istituzionale di Presidente della Camera? E la coerenza che lui stesso va predicando ?... È arrivato a dire perfino che quel tizio si deve dimettere, senza farne materia di discussione parlamentare! Dimettersi…così…all'acqua di rosa, "sua sponte"…Per fargli un piacere, a lui, e agli altri? Qualche raptus?
Quel che è peggio è lo stravolgimento che fa del mandato avuto dagli elettori.
La politica è sporca….si diceva: ma va?!

Un fatto una poesia.
Se prende piede quel certo modo dì imporsi di mignottelle e mognottone…non ci sarà tanto da andarne fieri per chi ne approfitta per fare la sua propaganda …Che, se pure ci può essere sbaglio da una parte, c'è anche sbaglio dall'altra (2010).

Ruby & Compagne
"Chi sei, che te succede, che ffai qua?"
"Sto qua pe riccontavve na storiella
de quelle che te pònno fà sturbà…"
"Vabbè…incomincia, e poi, si è proprio bbella…"

"È bbella sì! E dovete da pagà
che, io tarmente sò na mignottella
che er cavajere ancora sta a smagnà…
e vò conosce puro mi sorella…

che inzieme tutt'e dua nun fàmo trenta…!
Capito, si che razza de puzzone?
Mo vòjo proprio véde che sse 'nventa.

Ma me ce metterete sur giornale?
Ma nun chiamate la televisione?
Sinnò che sto a ffà tanto …la téatrale?!"

---------------------------------------------

"A ma', che te dicevo? N ce vò gnente!
Dicevi <nu lo fà che pòi 'ngujatte…>.
E invece sto a vedé che a certa ggente
j'abbasta che te venghi a sbottonatte

sur Cavajere…! e vedi che te sente…
ma proprio a bocca operta! e tu a 'nventatte
le peggio cose, e a ddì quant'è esiggente…
E quelli llì a riprenne…a intervistatte….

Mo pe tre mesi e più sarò na diva:
me sbatteranno su tivvù e giornali
che artro che lavori interinali!

E imbrojo o no, l'opposizzione l'usa
pe ffà girà er veleno…come scusa…
E io…mignotta…però attrice!…Evviva!"

Acqua frizzantina
(a Lisa)

Sei come l'acqua della ferrarelle,
che è come lo champagne, ma è modesta,
e lievemente frizza e non dà in testa
e il meglio è di fontane e fontanelle.

Zampilli fresca e bella fra le belle,
come fa l'acqua ai giochi della festa
che balla con le luci; sei onesta
come acqua di sorgenti villanelle.

Acqua ch'è vita, acqua che ristora
sei tu pel cuore mio che pellegrino
nel sole va cercando una dimora

e in te la trova, e come un assetato
a grossi sorsi più che col buon vino,
ti prende fino a che non s'è ubriacato.

È solo e nient'altro che un fuoco di paglia
È solo e nient'altro che un fuoco di paglia
l'amore che dura una mezza stagione,
che andando non lascia neanche il magone
perché non ne resta nemmeno una scaglia.

Chi dice che quello sia amore si sbaglia,
che è fuori concetto, e fa confusione,
perché è tutt'al più un'infatuazione
e chiunque lo nega è un somaro che raglia.

L'amore è il collante più forte che c'è
e attacca due cuori indissolubilmente
e se non li incolla…amore non è.

E se non è amor, dire "amore" è sbagliato
che è come sbagliare - e coscientemente -
il nome che sul passaporto è stampato.

Amore è parola che è stra-inflazionata:
usiamola con parsimonia e - umilmente -
diciamo: è voglia…d'una bella scopata!

L'illusione
Stavo a cercatte pe mare e pe tèra…
che già pensavo che nun esistevi,
oppuramente che t'annisconnevi,
o ch'eri sortanto na dorce ghimera

che me inzognavo de giorno e de sera,
e che de notte venivi e parevi
innammorata anche te, e me volevi…
Quanno un bèr giorno t'ho vista: eri vera!

Sì, quella llì eri te spiccicata,
bella che mejo n sapevo penzatte,
eri la donna da sempre inzognata.

Sì, t'ho trovata, ma mo n sei più mia:
mo l'illusioni so come sò ffatte:
pònno ridutte da…buttatte via!

La frana
Senza misura è la pioggia:
svista del cielo?
Il monte si scioglie e torrente si fa
e senz'avviso, impetuoso
si lascia cadere, irrefrenabile,
su case, su cose, su inermi
che già ha condannato, e niente s'oppone.
Cresce cadendo, come valanga,
trascina, sradica, abbatte,
feroce boato nella notte di pace
dentro la vita irrompe e l'uccide,
coltre sui corpi strappati, straziati
che neanche l'orrore han gridato,
e il fango, nasconde.
Non s'avvede, la frana,
mentecatta,
e solo placa la corsa al massacro
quando giù si distende, inebetita, e tranquilla.
Ora a cadere sono soltanto
lacrime amare di chi l'ha scampata,
e accuse alle colpe…colpe di chi?

Le due sorelle (politica 2010 e prima, e poi…)

La sinistra, affacciata alla finestra,
con occhi biechi e tanta spocchia addosso,
guardava scossa quel saltar del fosso
assai riuscito a sua sorella destra,

per quanto, lei, "maldestra" la chiamasse,
e tanto - si credesse - superiore
da non lasciar - credeva - ammiratore
che a un posto di governo la portasse.

Così, lei prese a mordersi le mani
quando, al contrario, vide sua sorella
cercata dalle masse, e bella, bella,
raccogliere i lor "Sì" a piene mani.

E livida, si fece, dall'invidia
la povera sinistra - sinistrata -
e prese - dal livore avvelenata -
a spodestar la destra co' ogni insidia.

Provò di tutto: anche false accuse,
chiedendo aiuto a toghe e contro toghe,
e a meschinità, come da droghe
imbarbarita, e sempre pronta a "chiuse",

e mai "aperta", o a fare opposizione
in modo costruttivo e intelligente,
credendo di incontrar gratuitamente
sostegno, devozione, approvazione.

Però non fu così, e così, la destra,
andava sempre avanti e lei restava
indietro…e chiacchierava…e bisticciava…
su schermi e inchiostri, e a fare la maestra

di …che!?...Se…non dirige più…l'orchestra?
Che è un male…! Ma la cosa più sinistra
di questa storia è che - chi amministra -
come anche il detto dice: "amminestra",

e è questo quel che - solo - van mostrando
da anni, tutt'e due (e non solo adesso),
da sempre pronte a far di tutto un cesso,
ch'è il tornaconto lor, che van cercando,

e sempre si detesteran fra loro,
facendoci sperare, e parteggiare
per l'una o l'altra, le sorelle…care.
Care assai! Che ci costan più dell'oro!

Lo Scorpione
(a Lisa per il 31 ottobre)

Che giornata, quer giorno der trentuno
ottobbre! Lampi, tòni…Che buriana
su ner celo! E su la tèra, ognuno
tremava ar soffio de la tramontana.

Faceva, inzomma, un tempo che a nisuno
j'annava de sta fòra e, cosa strana,
sortanto un animale, solo uno,
sortì da un sercio usato come tana.

Era nato quer giorno, pe na sfida:
"E chi me pò fermà, sò no scorpione!
E me fa un baffo pure er setticida!

A mme me po fermà solo l'amore".
Quanno, un ber giorno, se sposò un Leone,
tenne le pinze, e a lui je dette er còre.

Corna
e bollature


L'uomo che tradisce è un lestofante
e ne merita tante
di corna dalla moglie e dall'amante.

Ma quest'assunto è cosa che assai scotta,
che l'uomo - stando al detto - va con tutte…
e quelle allor…divengono mignotte
pur anche fosse solo per vendetta,
e non si salvan neanche le più brutte.

Ché ormai le donne non son più…distratte,
non se ne stanno più lì zitte, zitte,
ma mettono le corna come matte
che in testa a lui e a lei stanno ben ritte!

I boccioli sbocciati
(a Lisa)

Ho preteso di entrare nel giardino
dei petali frementi
dei tuoi boccioli appena scappucciati.
Avido di vita l'ho annusati
come sommelier esperto il vino
novello rosso dagli acerbi accenti.
Voglioso t'ho guardata ed ho preteso
di dirti tutto quanto
con versi improvvisati e con ardire
quello che mai avrei saputo dire,
col cuore in mano, acceso
dalla fragranza del prezioso incanto
ho detto, come in un gioco d'azzardo…
M'è sembrato vederti
appena, appena scuoter come un fiore
per l'alito di vento, un tremore…
Ti colpì, forse, il dardo:
forse il segno per me di consolarti.
Ed è così che i petali ho sfogliato
dei tuoi boccioli appena scappucciati
e quello che ho preteso
in nome dell'amore abbiamo preso
come a un sogno rubato.
E i tuoi boccioli…erano sbocciati.
-----------------------------------

Per la Sagra del Cocomero a Villa Claudia (Anzio) - Agosto 2010 -

Er cocommero e er cocommeraro
Aoh, datte da fà…guà si che rosso!
Tassella, spacca, affetta…intigni er muso
e succhia tutt'er sugo a più nun posso,
che qua st'usanz'antica è ancora in uso.

E in tutto quant'er monno sto gran frutto
è la benedizzione d'ogni estate:
fa vedé bbello pure quann'è bbrutto,
facènnose magnà…a scorpacciate.

È 'r frutto zuccherino pe eccellenza,
è tutta porpa rossa saporita,
e si lo vedi nu ne pòi fà senza
che già te stai leccànnote le dita.

Venite qua a provà si che goduria
pell'occhi, pe la gola, e pe la panza
ch'è a st'a sporpà er cocommero e l'anguria
che qui trovate bbòni e in abbondanza!

L'Era de la Civirtà
A nasce ce vò poco, e a morì, pure.
È a cresce che ce vò tanta pazzienza
cor tempo che nun passa…e tante cure
che a ogni età nun se ne pò ffà senza.

Ce tòcca passà immezzo a le paure
e all'affanni speranno che la scenza
ce facci vive vite più sicure,
e chi governa ciabbi più coscenza.

Er giorno che sarà così staremo
nell'Era detta de la Civirtà:
nasceremo, vivremo e moriremo

uguali tutti quanti in tutt'er monno:
senza fame, né guere…in libbertà.
E se pò ffà…si tutti quanti vònno.

Sospira il poeta,
nasce un'emozione.
E sgocciola dal cuore la poesia.


A.B.

I sospiri dei poeti
È pregna l'aria ormai dei lor sospiri
disseminati a spaglio come il grano
raccolti dalla punta d'un pennino
e sopra fogli bianchi partoriti.

Parole liberate dall'angoscia
di starsene rinchiuse e quindi oppresse
nel breve spazio dei lor petti inquieti
e pronte a farsi largo in altri cuori.

Aspettano di esser come fiori
raccolte a profumar di sensazioni
ogni animo capace di assorbirle
e ad adottarle come lor creature.

Rinascono ogni volta a nuova vita
e nuova vita portano esse stesse
ché nei terreni fertili attecchiscono
così figliando ancora, e ancora, e ancora…

È quel che accade sempre ovunque al mondo
ad ogni sospirar d'ogni poeta
che sempre porta in lui nuova emozione:
e sgocciola dal cuore la poesia.
---------------------------

il più alto comune di Roma, ai confini con l'Abruzzo

Cervara…in paradiso
Se n'annavamo pe la Tibburtina
ner mentre che vedessimo 'na roccia,
e su la roccia…come un ber presepio.
E annassimo, salenno e risalenno…
Sopra le rocce c'ereno cresciuti
li muri, co le porte e le finestre,
li scalini, scorpiti propio addosso,
e archetti tutt'un blocco co le case,
case quasi scavate in de la roccia,
co immezzo tante scale a saliscenni,
come fettucce tutte sbrozzolose
de roccia…roccia…roccia a sprofusione,
adatta solamente pe li muli,
che annaveno arancanno pe 'r paese.
Se scivolava sopra a quela roccia
tant'era tanto lucida e allisciata.
Chissà da quanto tempo era pistata,
da zoccoli de bestie e sòle e tacchi,
e pure piedi scarzi de la gente
che lì a Cervara cià trovato er mejo
der mejo d'un paese de montagna.
Ce sta un muretto a un lato de na piazza,
piccoletta: un salotto, 'ndo' l'immenso
cell'hai davanti all'occhi, arché te senti
che sei arivato a stà su in paradiso,
e speciarmente quanno viè la sera
che er sole scenne, e colora de rosa
l'affresco che te godi da quassù.

Giujetta e Romeo
Si n fussero defunti giovinotti
Giujetta co Romeo, lassù a Verona,
sarebbero rimasti tanto còtti
davero pe anni…o la nota che stona

coll'anni, dopo mille, e mille notti
arfine je stonava la canzona
der t'amo tanto, da esse arfine rotti
l'ull'artro, indove lei nun è più bbòna

e bbella e fresca, e piena de virtù,
e llui diventa un mostro de difetti
e quer che c'era, dopo n c'era più?

N se saprà mai…Ma è grazzie a sto mistero
che er granne amore de li sopraddetti
ce piace che sia eterno pe davero.

È 'r bisogno de crede
che c'è ! l'amore eterno e scassa petti,
e ognuno ne vorebbe esse l'erede.

Un fatto, una poesia.
Il giornalista-conduttore Michele Santoro, fa un po' troppo il birichino in diretta TV. È rientrato da poco, dopo essere stato allontanato per la sua …esuberanza dettata dalla sua fede-veleno politica. E continua. Lo riprendono, ma non accetta, ché si ritiene intoccabile, e manda a quel paese uno dei massimi dirigenti dell'azienda (Masi). Così riviene allontanato per dieci giorni: apriti cielo!
(Ottobre 2010)


Ma manco Giujo Cesare!
Ma manco Giujo Cesare, er divino,
co la corona in testa e co la gloria
e co l'impero in mano, tanta bboria
nun ce l'ha mai avuta. E un moscerino,

pe quanto grosso e cor ciarvello fino
e pure gnente male in oratoria -
sippure a vòrte un po'…accusatoria
- concesso ch'è un tipetto fumantino -

se crede quello che l'informazzione,
si nun ce fusse lui, s'annebbierebbe.
Ma è certo che fa un po' de confusione

su libbera oppignone e libbertà:
mann' affa'…tutti quanti, e sbranerebbe
chi pòi ce manna a llui, che 'n ce vò stà!

Eh, caro Michelino!
Chi manna…si je tòcca cià d'annà,
ciai voja a sbatt'er pugno e a ffà …er divino!

Mare incavolato
(nisuno è mai contento)

Che sleppe! tutte cariche de sale,
che senza un freno er mare incavolato
je sta affibbianno assieme ar maestrale
a la scojera senza ripìà fiato!

Gni sleppa je se sfragne sur frontale,
che regge l'urto, e poi co un gran boato
er mare fa no zompo in verticale
schizzanno a l'impazzata, ingravidato

de rabbia e de furore…da paura!
Però si che bellezza quela scena:
quei sòni e movimenti sò arte pura.

E che sprofumo che entra drent'ar petto!
Ched'è, però, che nun fa stà serena
l'acqua e l'onna? Chi je sta a ffà dispetto?

Nun è che je va stretto
er mare, e n vònno quela baricata?
È smania de…libbertà esaggerata?

Abbasterebbe poco
Cor poco a vòrte ce pòi fà più tanto
che a ffà quarcosa co n se sa co quanto.
E a ffà co tanto manco c'è bravura,
ma questa, a ffà co poco, è sicura.

Tu guarda la ricchezza…E che ce fai
si 'r còre che lei cerca nun ce l'hai;
e er còre, a tte, te l'hanno rigalato
pe'r fatto solamente d'esse nato.

Nun ce sò costi, nun ce stanno spese
a ffà un soriso che, senza pretese
je fai a uno che ce l'ha cor monno
e cerca de tirasse su dar fonno.

E na carezza…? Vòi mette na carezza
che je sa daje tanta più certezza
più de un gran rigalo a un fanelletto
che più de gn'artra còsa vò l'affetto.

E che diceva a Assisi er poverello:
"Guarda llassù in celo quer fringuello…
cià tutto quanto puro si n cià gnente,
ma no pe questo je pòi dì pezzente".

Ma quanti ce ne sò ricchi sfonnati,
che n cianno pace e arubbeno sfrenati,
che nu j'abbasta mai de st'a'mmucchià…
ma nun è mica vita, quella llà.

E 'nvece abbasterebbe tanto poco…
Nun dico solo l'aria, l'acqua e 'r foco,
ma quer che serve a vive degnamente,
rispetto pe se stessi e pe la ggente.

Un fatto, una poesia
Viva la libertà e la pluralità di stampa e di pensiero…Però "Il Giornale"con Feltri-Sallusti non doveva pubblicare certe cose (questioni Marcegaglia, Fini, etc...)…Addirittura sono andati a sequestrare materiale in redazione…(Boh?!) Eeeehhhhhhh!!
(Ottobre 2010)


Er còro…solista
(l' assolo)

Libbertà…Ma nun è che sta parola
ch'è na parola bella pe davero
nu è più né meno che na banderola
in bocca proprio a chi n'è annato fiero,

e mmo la usa pe na cosa sola?
Pe ammascherà quer certo su' penziero
pe cui - si puro è solo na gran sòla -
lui pò dì tutto contr'er monn'intero,

ma guai si l'artri dicheno la loro
avennocene artro che er diritto!
Ma è questo er punto: fòra da quer còro

chi canta quer che nu je piace, è solo
buciardo e reazzionario…e ha da stà zitto,
ché nu je deve ruvinà…l'assolo!

Un fatto una poesia.
Dedicata a Sarah Scazzi, bella ragazzina quindicenne uccisa a Avetrana (TA) da zio e cugina per un nulla, il 26 Agosto 2010 e fatta ritrovare dallo steso zio, in un pozzo, in ottobre.
(Le indagini sono ancora in corso: ottobre 2010).


Sarah
biondina di quindici anni


Aiuto! Me soffoca…Aiuto! Aiuto!
Nisuno me sente? Come hanno potuto?!
Me manca er respiro…Me sento sturbà!
Nu j'ho ffatto gnente…me possi cecà!
Aiuto! Me strozza! Sto qui a sta cantina…
Ma sò proprio loro…mì zio…mì cuggina!?
No, no…nun pò esse…e come pò esse!
Loro sò er sangue…le carni mie stesse!
Perché me farebbero tanto penà?
Sarà che, a la fine, sto solo a inzognà?
Però me fa male…Aiutame, ma',
ndo' stai…ndo state? Sentite? Sto qua!
Madonna, sò morta! Ma allora…era vero!
Io sò solamente…Oddio, No! Ero!...
Ancora ero solo na regazzinetta
e m'hanno spenta…come na sigaretta,
e poi lassata a marcì drent'a 'n pozzo
senza nemmanco fà un quarche singhiozzo.
Ma…si n pòi fidatte, in quer monno sciacallo,
nemmanco der sangue…nn'è mejo lassallo?
Io nun volevo: l'ho dovuto! lassà
pe zio e cuggina…'N se pò perdonà.

Come foglia d'autunno
(dedicata a Lisa)

Sono foglia
e tu sei il vento,
e come il vento vai con gli umori,
e accarezzi…
dondoli…sballotti…strappi, ed io
in mano tua godo, m'adagio,
subisco…fin quando dal ramo
non mi staccherai, e giù cadrò,
come foglia d'autunno.

Quann'er commento
te porta ar…pentimento.


Dedicata - con sincera simpatia - a Alessandro Palmieri
di cui mi piace la poesia, e che ha comunque apprezzato la poesia su cui ha fatto il commento inappropriato..


Grazie a Roberto Bottiroli, che è già intervenuto
con una sua apprezzata precisazione.


La "tronca" vale meno…sembra a tte,
ma 'nvece vale quer pezzetto in più
che mancherebbe, e invece…! Sai ched'è?
Che a vòrte più che a ddì, o a buttà ggiù

su un fojo quer commento che nu regge,
pe ddì: "Lo vedi…? Ne so più de te",
faressimo più mejo a 'nnass'a llègge
le regole…Ma spece a ddì fra sé:

"Ciavrò raggione io, o ce l'ha lui?...
Che er dubbio è na gran cosa e pò aiutacce
a nun cascà ne li tranelli bui,
e spece a sparambià…le figuracce.

La nòva…genesi
Ner creà er monno, dio creatore
fece ogni cosa co li controfiocchi,
sortanto che, l'umano - traditore -
a un certo punto je li fece a tòcchi,

pe cui - pe quanto gran signore -
lui prese l'omo e je parlò a quattr'occhi:
"Io t'ho creato e ciai avuto er còre
de tradimme…Ma a tte e a li gran farlòcchi

che come tte hanno fatto male 'i conti
ve bbutto fòra da sto paradiso,
così 'mparate a ffà li finti tonti.

E com'ar diavolo fò: "Vade retro!",
a tte e a lloro - cor più bèr soriso -
ve mann'a stà co…Grillo e co Di Pietro!"

Pre-condanne…a riscatto
Pe avvantaggià lo sconto de' peccati
che l'omo fa finché lo tiene in vita -
intanto che veranno riscattati
co la condanna che viè stabbilita -

immezzo a certi artri ritrovati,
l'eterno se n'è uscito co st'uscita:
"Pe alleggerì le pene ai condannati,
ner dopo che sta vita j'è finita,

li vòjo fà penalli già da mo
co li governi e co l'opposizzioni:
sortanto e sempre tutto un fregandò,

ma spece a vive ne li condomìni
pe faje aribbollije li maroni
in tutte l'assemblee co li vicini".
--------------------------------

che politica è…?

Io!…al posto suo.
A ognuno piacerebbe avere il vento
che soffia nella giusta direzione.
Problema è: chi deve far contento
il vento in mezzo a tanta confusione

in cui ognuno ha quella presunzione
di essere quell'asso…quel portento
con la bacchetta della soluzione
d'ogni malanno (sempre in incremento)

e è sempre pronto a dirlo chiaramente:
"È semplice! La svolta del Paese
è strettamente e proporzionalmente

connessa alla cacciata del…tiranno…"
Ch' è un: "io al posto suo" ben palese,
che serve solo a accrescerlo, il malanno?

Cantilena…cantilena…
"Cantilena…cantilena…" cantavamo
senza grilli per la testa, spensierati,
creduloni affascinati dal nonnulla
dalla culla fino a già ragazzinetti.
Cantilena, cantilena…a qualche insetto
stretto, stretto tra le dita; a una farfalla -
delicati per non lederne le alette -
e lasciar la polverina tutta intatta.
Cantilena…pe' arricchir la fantasia,
sulla scia di canzoncine anche inventate
lì per lì, nella serate, quando in casa
preparavano la cena mamme e nonne,
con le gonne, ancora, con semplicità…
Preparavano minestre e le verdure
colte appena dalla terra, sui fornelli
con la ventola per attizzar la fiamma
mentre andavan le faville pel camino
dondolandosi al cantar di cantilene.
Cantilena, cantilena…ormai riposta
in un angolo del cuore, e lì scordata,
in un canto della casa di campagna,
in soffitta, al paesello, o in città
dove la precarietà era iniziata.
Già la fretta…già il rumore…distraeva
e pian piano si pensava ad altre cose…
Più sofistiche e ingegnose, meno adatte
a parlare ad un insetto, o al proprio cuore,
però utili ad entrare, tuttavia,
in un mondo ancora nuovo e sconosciuto,
che ha creduto di far bene ad inventare
qualcheduno che cantare non sapeva,
né sognare con la dolce cantilena.
Cantilena, cantilena di una volta…
Senti!...Ascolta! Chi lo vuol la sente ancora,
e migliora la sua vita se la canta
quando l'anima è più affranta, più provata.
Cantilena, cantilena…Già sorride,
fortunato, chi in cuor suo l'ha ritrovata…

Le verità anniscòste, rivelate
Da n certo punto in llà…c'era l'abbisso…
ch'è quelo che pensaveno l'antichi:
na tavola, cor bordo tutt'attorno
e, ortre, qua e llà, e su e ggiù,
sortant'er buio e tutto no sprofonno.
Ma 'nvece era uguale, paro, paro,
a com'è oggi: un ber pallone tonno,
ch'è proprio quer ch'è sempre stat'er monno.

Ma quanto c'è voluto a arivà ar punto!
Nisuno ce penzava…ce credeva,
finché uno solo cià provato a dillo
ma ha ffatto na finaccia, poveraccio…
sortanto p'avé detto quer ch'è vero,
e ll'hanno mess'ar gabbio cor siggillo.

Ar giorno d'oggi invece abbasta poco:
na faccia com'er …bronzo, e tanta voja
d'ariccontà frescacce a tutto spiano,
e quarchiduno che te da na mano:
cioè un giornale, la televisione…
Aiuta a esse proprio giornalisti
o conduttori…oppignonisti…
ed ecco creato er granne saputone
de cose proprio minime o de grosse,
che er monno je se inchina credulone,
e gòde a véde quanto sia fregnona
la ggente quanno crede a le cazzate
che spara come fussero davero
le verità anniscòste, rivelate!

E che vòr dì? Vòr dì na cosa sola:
che quanno troppo scrivi e troppo dichi,
immezzo c'è sicuro quarche sòla
e pe evità de fatte prenne in giro,
s'avrebbe da tornà…a li tempi antichi!

La speranza
Tese ha le mani al cielo
come ad afferrare un segno
che aiuti a sopportare.

Ma quel segno è già in loro:
e è la speranza
che le fa alzare e stare tutte su,
come a implorare in umile preghiera.

Fisarmonica galeotta (l'amor che il cuor ferisce)

Mantice di fisa
respira, aspira e suona
in braccio, stretta al petto,
armonica bellezza.
Mani l'accarezzan,
pizzican garbate,
tastano vogliose
e i suoni melodiosi,
gai, o malinconici,
leggeri, o capricciosi,
muovono capaci.
Fina e celestiale
la voce poi diventa
forte e un po' stridente,
dolce, o un poco asprigna.
Spinge prepotente
a muoversi ritmando
gambe, anche, e il busto
sempre di più, quando
prendi alfin la mano
di chi ti è lì vicina
e inizia il ballo audace
sempre un po' di più.
Lei non ti conosce,
eppure con te vola
il valzer che risveglia
lievi nostalgie,
dolcezze già sognate,
o il tango sensuale
adatto a…strapazzare…
almeno col pensiero,
che - certo - più vorresti
di quanto non azzardi.
Due giri, ancora un altro…
E la novella coppia
coppia già si sente
e quando il ritmo cala
e vien lo slow finale,
stretta si ritrova:
neanche c'entra un dito.
Finché lì sul più bello
arriva il signor Tardi
e frena i tasti e il mantice,
illumina la sala,
si spegne il sogno e cala
un bacio sulla guancia.
"Ci rivediamo?" "Forse…"
La notte la riunisce,
fino all'indomani.
Chissà se l'ha finito
lo sbocciar dell'alba,
o invece è lì che inizia
l'amor che il cuor ferisce?

Un fatto, una poesia
I due casi eclatanti di Scajola e Fini, che avevano le case…e non lo sapevano…(2010)

Pò puro succede…
E certo, che te credi…pò succede.
Ma te davero sei così sicuro
de sapé tutto, proprio? E chi ce crede!
Ognuno cià - pe forza! - un lato oscuro,

quarcosa che je sfugge, che nun vede…
che nun se l'aricorda…e me figuro
che pe quei due è così…nu è malafede,
perché pò capità: ciai casa, eppuro,

nemmanco ce lo sai…e pòi, 'n ber giorno,
te dicheno: "ciai casa…comprimenti!"
E incredulo je fai: "se….bongiorno!"

Ma poi te renni conto…e te ce 'ncazzi….
"Ma chi me l'ha comprata? Senti…! Senti…!
Ma pe davero, qua sò tutti pazzi!

Mo st'a guardà che pe sti deficenti
che vann'a rigalà le case in giro,
me tòcca puro rimpinzà er vampiro!"

Er poetichese e l'artistichese
( come e peggio der politichese…)

Già sémo pieni de politichese
che guarda si quarcuno ce capisce…!
Davero ce mancava er…poetichese?
De compricà la vita n se finisce…

Ma è matta la poesia, o chi la gestisce?

Nun solo…! Llì se tratta de parole…
Ma ce sta pure er sogno der pittore
che scarabbocchia e impiastra, e dopo vòle
avecce pure er sòrdo, ortre a l'onore.

Ma è matto lui, o chi je dà un valore?

Ar dunque - sì! - è la critica, signori,
che se scappella 'nnanzi a le frescate
strillanno che sò gran capolavori,
ma senza amor pell'arte, e anche, badate,

nemmanco l'amor proprio, perdonate.

E spesso e volentieri ce sta pure
che sei o che nun sei, seconn'er lato
indove che te trovi…Sfumature
de chi politicizza pur'er fato...

e chi sta qua e no llà…è squalificato.

Controindicazioni
"Che voglia di gelato, cara mia!"
"Non puoi, mio caro, in mezzo ci sta il latte…"
"Lo so, lo so…va bene . E allora sia
per la pizza che fa che non si batte

Gigetto, il pizzettaio sulla piazza…"
"Oh, non sia mai!…La pizza ti fa male,
lo sai…c'è la farina. Sarei pazza
a fartela mangiare…C'è anche il sale!"

"E allora ci prendiamo i gamberetti
da Checco, che li fa con un sughetto…!"
"Ma scherzi? A Checco tutti i miei rispetti,
ma c'è il colesterolo, e anche ristretto…"

"E dunque…che mi mangio! La verdura?
E vada per un piatto di cicoria
bell'abbondante, e frutta, che è sicura
e fa assai bene…E fine della storia".

"Ma vuoi scherzare? Con verdura e frutta
in quella pancia tua tutt'infiammata
la passeresti veramente brutta
sia la serata che, anche, la nottata!"

"E dunque berrò solo un po'di vino,
che ancora c'è quel rosso da stappare…"
"Fortuna che ti sto sempre vicino…
Con la pressione tua…Vuoi crepare?

Ma dai…che io l'avrei la soluzione.
Lo so che hai tanta fame… l'ho capito.
Io non ho alcuna controindicazione:
mangiati…me e…soddisfi l'appetito!"

Vorrei come un gatto avere sette vite
(a Lisa)

Vorrei come un gatto avere sette vite
e dall'alto zompare senza farmi male
e senza esitazione allontanarmi
lasciando solo chi m'accoglie e sfama
e solamente quando ne abbia voglia, tornare
e accoccolarmi tra le braccia, al caldo.
Vorrei sentirmi sempre vezzeggiato
com'ogni gatto si sente, e approfittarne…
Avere tanto, per niente, e poco dare,
da chiunque mi conosca, o mai incontrato,
senza obbligo a ridare,
e ricambiare non saper che sia.
Vorrei del gatto aver le sette vite
per vincere ogn'intralcio della vita
e ancora più ogni ostacolo ad amarti
per sette lunghe vite, ma soltanto
se anche tu
le sette vite avrai pe' star con me.

Un fatto, una poesia.
Ci risiamo: contro il governo "traballante"ecco riapparire i "fallimentari"…le ennesime primarie (ma non le hanno fatte poco fa convinti di aver risolto ogni problema?)…le divisioni e le addizioni, le cacciate, i voltafaccia, le defenestrazioni… ma sia chiaro: tutto sempre fatta a regola, con tanto di ennesimo cambio di nome…- Ma a ogni cambio di nome - com'è ormai inoppugnabile consuetudine - non corrisponde il cambio di cervelli…Non sanno chi sono e chi debbono essere, e nemmeno cosa stanno lì a fare e che cosa faranno e con chi lo faranno… Però….l'attuale Governo, traballa! (Da loro si tratterebbe solo di vitale democratica dialettica) Eeeeeehhhhhhh!! (Settembre 2010).

Ammollate!
E abbasta! E annate a ffà n antro lavoro!
E su…! Si n sete bbòni nu 'ntignate
a ffà na cosa in cerca de l'alloro
che n fa pe vvoi, e annamo, e su, ammollate!

E porca miseriaccia, ma er decoro
ndo cacchio ce l'avete…Ve penzate
davero de cammià la cacca in oro
dicenno gniquarvorta le stronzate

e fàvve l' incantesimi e smucchiavve
de qua… e pòi, dellà - co stessa ggente
ma un nome nòvo - stàvve a riammucchiavve…?

Ma chi ve st'a guardavve e a sentivve
davero - ve penzate - è deficente?
Ormai ve po'sortanto…compativve!

Un fatto, una poesia
L'Europa tira le orecchie a Parigi. Perché? Perché Parigi non ne può più…Come anche Roma (a parte i "di qua del Tevere" e tanti "buoni" ispirati) e anche altri.
Ma il bello, o il brutto, è che chi tanto ha da dire è però troppo spesso chi il problema non lo ha. E nemmeno lo vuole avere! Eeeeeeehhhhhhh!!!!!! Addirittura, Madrid aveva sparato contro…
È emblematico che dalle urne svedesi è ieri (19 sett 2010) uscita la destra con addirittura l'estrema destra al governo. Vorrà dire qualche cosa, o no?! Forse si sta esagerando in…" bontà"?Non che chi non sia pervaso (o invaso) da tale "bontà" sia per forza cattivo…tutt'altro!
(Settembre 2010)


La famìa de…strani
A sòri còsi! Embeh? Ma nun ve passa
sta gran bontà che a spese de artra ggente -
e certo no de voi - co la grancassa
venite a predicalla santamente

da noi, ndo ce battete puro cassa
ner senzo che a quer modo prepotente
vorèssivo che mantenemo in massa
(volemo o no…nun ve ne frega gnente)

li tizzi che voi…manco da lontano…!!
Ma quant'è bbello a esse tanto "umani"
e a nu sporcasse manco un po' le mano!

Ma Europa che vòr dì: semo, o nun semo
sta "Gran Famìa"? Se!...Famìa de…strani,
ndo' 'r dritto cerca a fasse a chi è "più scemo"!

Un fatto, una poesia.
Gennaio 1994. Una glielo taglia al marito, per punizione. Il tribunale, assolve.

Pene de l'inferno!
Bada, pisè, che qua tira n'ariaccia…!
Pe 'r papa sei l'arnese più infernale,
e er capro espiatorio d'ogni male,
e insiste e ce se intigna; e t' 'o rinfaccia

si giochi fòr der letto cognugale.
E rompe co la solita frescaccia
ch'è un peccato mortale e te minaccia
si metti er guanto, o cammi de…canale.

E inortre all'Aidiesse assassino,
mo puro er tribbunale ce se mette,
che si a una je ggira e te f'a ffette

nun c'è probblema: va in assoluzzione…
Sò tempi bui, ma c'è na soluzzione:
si pure sei n po' troppo libbertino

ma vòi sarvà er presente e anche l'eterno,
astiette e soffri…pene de l'inferno!

Pei campi, covoni di paglia
Pei campi, covoni di paglia, e in terra
del grano tagliato, spuntoni, e piante di piedi
a correrci su, come fachiri…
La pula polverosa, al vento
la trebbiatrice ha sparso,
e il vino è sceso per l'assetate gole.
La sera accoglie e abbraccia
i giochi differenti
di piccoli e di grandi, in un delirio
d'ognuno secondo i propri sogni d'aria...
All'ombra del gran noce lì sull'aia
han desinato tutti quanti assieme
a festeggiare e riposar le membra, stanche
e umide, ancora.
Ultimi grugniti, l'asino che raglia,
e l'odore della stalla, di erbe e di respiri
d'umide froge di mucche laboriose,
e mansuete,
e il filtrar di luna in mezzo ai pioppi
e lo scendere dolce
dell'incanto sereno
d'una notte stellata.
Senza parole, senza far rumore
al cielo tutta piena di speranza
sale con il fumo del camino
dell'oca arrosto - premio e tradizione -
la semplice preghiera
fatta di terra, pel domani
che mai venga a mancare lì sull'aia,
e nelle stalle vitali e odorose,
e per i campi, nel caldo e nell'inverno
ora che il sole d'oro andrà a riposo
lasciando una promessa sulle pelli
bruciate
di uomini, di donne, di bambini.

Il bugiardino
Il bugiardino è quel foglietto scritto
- confezionato coi medicinali -
che a lettere minute e fitto, fitto
lista gl'ingredienti e quali mali
ti cura, e al tempo stesso invece, quali
può far venire, ipoteticamente,
che sono peggio degli originali
e t'impaurisce e non ne fai più niente.

Ci fosse sempre pronto un bugiardino
in tutte le occasioni della vita,
come quando, ad esempio, sei vicino
all'innamoramento e lui t'addita
i pro e i contro…che non è una gita
innamorarsi: può essere rischioso,
infatti, e può portarti una ferita
nel cuore, ché non è sempre gioioso
trovare l'amorosa, o l'amoroso.

Sonetto ar…Sonetto
Quant'anni sò che vai girann'er monno
pe ddì le còse a un mòdo che la ggente
capisca quer ch'è detto chiaro e tonno,
e a na magnera assai coinvorgente!

Tu sai parlà de tutto, sei feconno:
sai dì d'amore e d'odio come gnente,
sai esse dorce o tristo assai, seconno
a chi je vòi parlaje apertamente.

Dar "dorce stile nòvo" de Firenze,
a quelo romanesco, acerbo e tòsto,
n'hai fatte de proteste e confidenze!

E ancora oggi, antico e rinnovato,
sei te che sei pe quer che nu st'a pòsto,
o pe acchiappà*, 'r più mejo ritrovato.

* per conquistare, per fare innamorare…

Da quanto tempo vai girando il mondo
per dir le cose a un modo che la gente
capisca quel ch'è detto chiaro e tondo
e a una maniera assai coinvolgente!

Sai sempre dir di tutto, sei fecondo:
sai dir d'amore e d'odio argutamente,
sai esser dolce a aspro assai, secondo
a chi vuoi dir le cose apertamente.

Dal "Dolce Stile Nuovo" di Firenze,
a quello romanesco, acerbo e tosto,
n'hai fatte di proteste e confidenze!

E ancora oggi, antico e rinnovato,
sei tu per tutto quel che non sta a posto,
o per sedurre, il meglio ritrovato.

Giretto nell'ardilà
Sò stato dellà…nun ve dico deppiù,
ma questo però lo dovete sapé:
de qua da sta parte c'è tutta la mmerda
cacata ner monno e pòi llà rifiorita.
Dellà ce sta invece er più bbello der bbello
che ar monno, più bbello nun s'era mai visto.
Ma adesso voantri vorete sapé
chi è che sta qua e ch'invece sta llà…
Però si lo dico quarcuno s'offenne…
Er mejo è che ognuno ce vada a ffà un giro
pe rènnese conto de ndove st'annà,
così quanno torna vedrà de sicuro
si è 'r caso de insiste a esse com'è
o invece si è mejo che inizzia a cammià,
così che quer giorno de quanno sarà
ner pòsto più bbello s'andrà a risvejà.

Come un gelato che si squaglia al sole
(a Lisa)

Come un gelato che si squaglia al sole
è questo bell'amore sfortunato
che presto è nato e presto se n'è andato
lasciandomi così…senza parole.

Ma a rassegnarmi proprio ce ne vuole
ormai che il suo sapore ho assaporato
così come la crema del gelato
e a ricordarlo, tanto me ne duole.

E oggi è più difficile di ieri
che è come un male senza medicina:
non passa ma si aggrava, e ti disperi.

E se la medicina mia sei tu
e tu non torni a starmi qui vicina
da questo male non ne esco più.

Italiani…strana gente
Côr senno der mo vojo divve ch'er monno
sarebbe rimasto a li tempi der cucco
si nun ce stava er ciarvello nostrano
a batteje er "la" pe er più bbello e 'r più granne
che oggi c'è ar monno e che tutti godémo.
Che, sì! è fatto male - e ce lo sapemo -
però s'è inventato de tutto e deppiù;
ma a questo, però, nun ce stamo a penzacce
sinnò nun faressimo a chi è 'r più furbetto
pe véde a chi più sa fregasse a vicenna,
dar più piccoletto a chi st'a governacce…
Ma forse è perché è solo questo che resta
de quer gran ciarvello…ormai tutto spremuto.

Che granne fortuna è aveccelo avuto!
Adesso, però…pare proprio fottuto.

Un discorso…tèra-tèra*
Lo vojo dillo a un mòdo tèra-tèra,
così che pò capimme pure er tizzio
che pe snobbà, o nun so pe che artro svizzio,
oppuro perché proprio nun affèra,

nun pò riuscije proprio de capì,
ch'è proprio fòr der comprendonio umano.
Dicevo, dunque, senza parlà invano,
sinnò se sa come pò annà a finì,

che dico a tutti assai sempricemente:
dovemo sforzà tutti er comprendonio,
sinnò nun solo Tizzio, o 'r Sòr Sempronio,
ma pure Caio…n capiranno gnente.

Ma a voantri che m'avete già capito,
ve vòjo divve ancora tèra-tèra,
che indove n c'è la pace c'è la guèra…
e chi ha capito tutto…arzi er dito.

*in modo molto semplice, molto elementare

Fine estate
Poi piove…
viene il temporale
e chiude gli ombrelloni.
Il sole perde il round,
passa la mano,
sorpreso…
Impotente, la spiaggia,
si risente,
e aspetta altre occasioni
sola e silenziosa…
Sfoglia ricordi
un vento ancora caldo, e mette a nudo
sogni durati un palpito di cuore…

Uno da amare
Il latte di ogni mamma è sempre bianco
pur se i bambini suoi son colorati
con quel colore stesso che lei dà,
e nascono in un modo sempre uguale
da quando al mondo il primo bimbo è nato.
Diversi hanno i suoni, però ogni viso
disegna ogni espressione uguale, uguale
e uguale è il sangue che li tiene in vita
seppur diversi han credo e tradizione.
Di ogni bimbo padre e madre è il mondo
e quando si fa grande…è sempre lui,
quel bimbo in braccio a ognuno che l'ha amato:
è sempre lui seppure trasformato,
e il mondo lo dovrebbe ricordare
e ancora essergli padre e madre, almeno
fratello…quantomeno uno da amare,
allor che l'amarezza della vita
l'avvolge, ed il bisogno torna forte
di avere mani buone per sostegno,
e voci adatte almeno a confortare.

Un fatto, una poesia (fine Agosto 2010)
Gheddafi è a Roma per celebrare e ribadire il patto d'amicizia Italia-Libia, instaurato con Silvio Berlusconi qualche anno fa. Con l'occasione si fanno nuovi accordi per l'espansione della nostra economia in Libia. Ma Gheddafi, al modo suo, si circonda di centinaia di ragazze che vorrebbe convertire all'Islam, e se ne esce dicendo che qui diventeremo mussulmani. E chiede 50 milioni all'Europa per impedire l'emigrazione di massa di africani, attraverso le sue coste…Quante ne sono state dette…!

Er profeta beduino
"Ma te, te senti offeso pe davero,
a Re', pe via ch'er solito beduino
ha detto còse che nun sò un mistero
pe chi cià l'occhi operti sur casino

voluto da li stessi bofonchioni
che stanno ad aggitasse pe un ber gnente
e nu lo fanno quanno, da gran… bbòni
fann' a chi de loro è più…accojente…

E che avrà detto mai…! Che un ber giorno,
saremo tutti quanti mussurmani?
Co tutti quelli che ce stann'attorno,
e che più ne veranno, più …"l'umani"

voranno che veranno pe…ffà bello,
pe ffà più bbòno, e ffà…lassamo stà!…
- insomma ce lo sai er ritornello…-
de che se vònno stà a meravijà:

qui, due più due fa quattro, avoja a ddì!
E si' r cristiano va - via, via - sparenno
pe lassà er posto a lloro, èccoce llì
che un giorno sarà come sta dicenno…"

"A Ro', chi st'a 'ggitasse, mo, sò quelli
che je starebbe bbene addirittura
de st'a sfrattà la croce pe esse bbelli…
Che granne confusione da paura!

E pòi…c'è chi st'a ddì "'r teatrino…"
Ma si 'r teatrino - metti ch'è così -
ce porta li contratti cor vicino,
ce sputi sopra? Famose a capì…

Poi sempre a ffà coll'artri er paragone:
Pariggi, Londra…tutt'er cucuzzaro…
Ma è a nnoi che sta vicino quer campione:
e er gasse suo ce serve, amico caro!

Piuttosto me dirai che quer drittone -
sippure ar modo suo "naiffe" - ha chiesto
arfine a tutti quanti de l'Unione
- no sol'a nnoi - cinquanta mìoni…e questo

è un gran ber passo pe spartì li guai
co pure tutti quanti l'associati -
dell'invasione…(e che sto a ddì lo sai…) -
che infin'adesso se ne sò fregati!"

Pio, il galletto
Pio faceva il galletto con tutte
e tutte quante aspettavano Pio.
Lui contentava le belle e le brutte
e per ognuna lui era il suo dio,

dio onnipresente e onnipotente.
Lui le passava ogni giorno…in rassegna
sempre in maniera educata e vincente
e ognuna cercava di esserne degna.

Quel ritmo, però, a Pio lo stancava:
e fu invitato perciò un altro gallo.
Ogni gallina così sospirava:
"Chissà che forza…io vojo provallo…!"

E in poco tempo arrivò lì al pollaio
un gran bel gallo pennuto e crestato,
e tutto vispo, e allegro, e gaio:
davvero il gallo da tutte sognato!

Ora era lui che aspettavano tutte
Lui si gonfiava e andava su e giù…
Che belle zampe, nervose e asciutte,
che cresta da sogno tutta all'insù!

Era più bello del più bel pavone.
Ma il tempo passava e lui…non beccava.
Oh, gallinelle, che gran delusione!
Così, per Pio la fila aumentava,

ché alle solite sue puttanelle
s'era ora aggiunto il galletto …ribelle.
Morale sia che non è la bellezza
che fa del gallo maestro in…destrezza!

Un fatto, una poesia.
Moschea a "Ground Zero".
11 Settembre 2001: Manhattan esplode per mano mussulmana, le Gemelle crollano mutilando perennemente l'America. I morti ancora non si sono rassegnati…E il Presidente Obama progetta di costruire una moschea - perché da quelle parti manca - proprio nell'area dell'immane tragedia, voluta, studiata ed attuata per uccidere, per distruggere…Alla faccia dei suoi concittadini che piangono ancora lacrime di sangue, e del mondo intero, almeno la parte di questo, che rimane sana e di buon senso. Ma con che faccia?! (Agosto 2010).
Intanto le reazioni che ci si aspetterebbe, non si fanno sentire. Chissà com'è…?A parte il tizio che vuole bruciare il corano. Brutta cosa, ma bisognerebbe anche stare attenti a non provocarle certe mattate. Nessuno dice di non farla, ma perché proprio lì…a provocazione? Ah…è invece per tollerare? Ma a quei poveri disgraziati li hanno presi per santi franceschi? In un'altra area non andrebbe bene? Per le persone sensate sarebbe molto meglio.


Ma co che faccia…!
J'ha ffatto schioppà er còre e le budella
a quele poveracce de Gemelle,
che ancora addosso cià la tremarella
la ggente de Manhattan, co la pelle

che cola ancora er sangue e er porverone,
e ancora cià legato ar braccio er lutto,
e quer "brav'omo" mo che je propone?
De stacce a passà sopra e scordà tutto,

e - pe ffà véde quant'è bbòno lui -
de faje pe rigalo na moschea
perché llì nun ce sta, ragion pe cui,
je tòcca a ffalla e ffasse la nomea

de quello che ner monno è l'omo giusto…
Ma infino a quanto - si anche presidente -
un omo vò esse tant'appariscente
da delirà e provacce tanto gusto?

Ma quello, co che faccia vò pretenne
de fà quer che vò ffà, cinicamente,
che si era Bush ansai ogn'emittente…!
Solo uno come llui…lo pò difenne.La sorte
O prima, o dopo, quanno ch'è 'r momento
- ch'è quanno lo sa llei e llei sortanto -
comincia a ruvinasse er bell'incanto
d'esse tutto gajardo e arcicontento.

Da la capoccia, piano, piano er vento
te porta via 'r capello ch'era er vanto
de mamma tua e er tuo, e ner fratanto
lo sguardo luminoso se fa spento,

e pèseno le gambe, sempre più,
le rughe nun se conteno, e 'r groppone
te cala, e poi se incurva tutto in giù.

Mo solo su le foto resti bbello,
che quant' a specchio…nun c'è paragone.
Che armeno, armeno…resti in su er pisello!
 

Un fatto, una poesia (Agosto 2010)

Parigi, e dico: "liberté-egalité-fraternité", sta mettendo delicatamente alla porta un po' di Rom, e, con addirittura una sommetta in tasca, li riaccompagna a casa. La Romania si è liberata della gran parte di loro (forse della stragran parte) e i Romeni ne sono tanto contenti (come li ho sentiti affermare in più occasioni personalmente). Apriti cielo! Pronte le reazioni dei "buoni" di ogni tipo, in casa e fuori casa. Buoni, sì, ma fessi no…come si suol dire. Razzisti? Mettiamola così. Tuo cugino bisognoso ti manda suo figlio, tuo nipote…ma diciamo anche direttamente: tu hai un fratello in casa, che ti ruba, non vuole lavorare…Ti costa mantenerlo. Lo aiuti una, due, tre, cento volte…Poi, magari, ti stupra anche tua moglie. Che fai? È la stessa cosa. E parlare di "loro cultura"…forse è ormai un parlare fuori tema. Tutti avevamo un'altra cultura… ma ognuno si è dovuto adeguare: una volta eravamo tutti contadini…c'era lo jus primae nocti, per dirne una…C'era la supremazia della nobiltà, si bruciavano le streghe, a scuola chi ci andava e chi no….Insomma….D'altra parte, la vera primaria pecularità della loro cultura è che "erano" nomadi…e oggi non lo sono più. Ci sono brave persone fra di loro? E chi lo nega! Ma sono troppo pochi…C'è chi cerca di cambiare? E chi lo nega! Ma sono troppo pochi. La colpa non è solo loro? Giusto: forse è ora di cambiare sistema e responsabilizzarli, cosa che fin'ora nessuno ha mai fatto. Perché, a parte ogni altra considerazione, sono un costo per ognuno di noi. E per finire, visto che siamo in Europa, e che anche loro sarebbero europei, bene! Che sia l'Europa - tutta - a farsene carico, e non solo noi e qualcun altro, i soliti "buoni" "civili"… "fessi". Una buona soluzione potrebbe essere che tutti i paese dell'Europa stanzino un tot alla Romania, per tenerseli e aiutarli a cambiare…Poi, sarebbe tutto diverso…fra un secolo, due…Non voglio nemmeno pensare a quello che sarebbero capaci di dire e fare, qui da noi. La poesia non è detto che debba essere a senso unico: solo buona,o buonista, o tantomeno ipocrita, etc, etc… deve anche affrontare problemi reali per quello che realmente sono.

Ma sta piaga…?!

"Ma allora sta gran piaga …'mme fa ddì!…
lo vònno dillo loro come famo
a sistemalla…come la scanzàmo…
O chiàchhiereno tutti, n so…così,

tanto pe oprì bocca e daje fiato?
Lassàlli come ariveno n va bbene;
a rispedilli indietro semo iene…
n se pò nemmanco pìaj'er connotato,

che zòmpeno per aria…a la cangura
lancianno l'anatemi a tutto spiano:
"A questi tòcca dajela na mano!
e - der diverso n tòcca avé paura…!"

Ma quale mano!…stamo a ddaje tutto:
villaggi co casette gnente male,
gratise autobbusse e ospedale,
lavaggio de vestiti, e soprattutto

la paga pe campalli in sempiterno
a uffa, ch'er ciarvello resta quello…
che inzozzeno, e arubbeno…Ma 'r più bbello
è che te pònno scatenà l'inferno

che nu je fanno gnente…Artro che mano!
Ma chi tanto li vò e che ce s'accòra
a pìà le parti loro, nun è ora
che se li pìa co lloro in Vaticano?

O drento casa! Ognuno ne pìa uno,
o più…Com'è?...na fava e du' piccioni:
ch'è contento, e… nu rompe li cojoni
a chi nu ne vorebbe avé nisuno*.

*domandare a chi li ha sotto casa…

Anno 2100 o poco più:
Chun-Chin e Romoletto


"Mamma…mamma! Perché quel bimbo lì
è tutto bianco e ha un accento strano?"
"Chun-Chin, tesoro mio, lui è così
perché è un bambino tipico italiano..."

Un tempo, qui in Italia, il Bel Paese,
c'erano soltanto gl'italiani,
ma poi rimase senza più difese
e si riempì di popoli lontani,

che gli ultimi cent'anni, piano, piano,
han preso sempre più, e incautamente,
per esser sempre più civile e umano,
lo Stato ha fatto sì che la sua gente

finisse a stare sotto lo straniero
che sì, è anche fratello, ma a un fratello
che ti si prende troppo, a onor del vero,
col sale in zucca dici: <Basta, bello!>.

Insomma, pe' aiutare l'invasione,
quel popolo, che lascia tutto a voi,
pel WWEffe rischia l'estinzione…
secondo quel buon senno ch'è…del poi...

Minori e… minori…e laurea, o lavoro?
monologo

Li regazzetti…che!...N sia mai…se' matto?!
N se pò…te fanno chiude, o addirittura
te schiàffeno in galera: è provibbito!
Sibbè che da li firmi de gni tempo
la sto a vedella tutta a l'incontrario,
che pare che nun se ne gira uno
si armeno n c'è un fanello o na fanella.
E allora…? Ma qual è la diferenza:
chi dice questi sì e st'artri no?
La paga c'è pe quelli e c'è pe questi
sippure che nu esiste paragone…
E che vòr dì: che er quibus, mo, è 'r quanto?
Ma no…è che er regazzino cià la scòla…
D'accordo, ma ce deveno annà tutti!
Già!…Ma un firme nu è che se fa sempre:
finito er firme, uno torna a scòla.
Mettemola così: si c'è un regazzo
che studia, è bravo e in più vò ffà quarcosa,
presempio quann'è estate pe imparà…
perché magari vòle fà un mestiere…
sta legge nostra gne lo vò fà ffà!
Lo deve fallo in nero e affrontà er rischio…
Ma questa è na frescaccia bell'e bbòna…!
E stanno tant'a ddì la libbertà…
Ma quale…ma ndo sta? Si mi cognato
passava er tempo a scòla e a nu studià -
sortanto perché era obbrigatorio -
invece de sgobbà a ffà l'artiggiano,
cor còso! che ciaveva casa, e 'r conto,
e li svizzietti a tutta la famìa!
In concrusione: No a ffà l'artiggiano,
ma Sì, però, l'attore…quanto vòi!
Ma a ffà l'attore è o nun è un lavoro?
Che me vòi dì…ch'è …arte?…lassa stà…!
Insomma, Sì, a abbottalli de sordoni
a ffà l'attori oppuro li cantanti,
che je potrebbe fa schizzà er ciarvello,
ma guai a ffà cosette più normali…
Ma tutto questo qui…ma chi l'ha ddetto?!
Li stessi che nun sanno dasse pace
che noi ciavemo meno laureati,
li stessi che se metteno a ffà er conto
de quanti ne sò, pòi, disoccupati…!

Auguri, Lorenzo!
10 Agosto 2010

È San Lorenzo, il giorno dei miei giorni
quando le stelle volano nel cielo,
e scie lucenti accendono in ognuno
i sogni che nascosti ha in fondo al cuore.

E è d'ogni Lorenzo il giorno-festa
e tra i pensieri - tanti - che ho in testa,
l'augurio per Lorenzo il nostro Vate,
spontaneo nasce e qui viene a posarsi
per augurargli insieme a tutti voi -
che qui nel suo bel mare ci sognate -
salute - prima - e tutto il resto, poi…
E che di noi non debba mai stancarsi.

SE…quartine giornaliere di varia natura 41-50

51) Se devo controllare chi lavora,
e chi è assente, e chi sta a spasso o al bar,
ma che pretesa è ch'io dica l'ora
e il giorno quando passo a controllar ?

52) Se contro il frodatore tu mi esorti
a controllare marchio e provenienza,
hai voglia noi a stare tanto accorti
con quelli che li plagian con sapienza !

53) Se quel ch'è stato brutto, della storia,
e che ha creato male e confusione
dev'essere abiurato, tanta gloria
è data al sessantotto con ragione ?

54) Se tra le cose belle del progresso
dobbiamo anche contarci le mutande
esposte, e anelli al naso (è tutto ammesso),
dovremmo porci o no delle domande ?

55) Se chi divorzia usa i propri figli -
e al solito è la moglie, avvelenata -
in tribunale trova tanti appigli,
e sempre lei, è alfine la premiata.

56) Se ognuna chiede d'esser risarcita
dal proprio grande amore sbugiardato
e il tribunal l' appoggia, qui è finita:
che il mondo intero può esser condannato.

57) Se sei il primo a dir ch'è una gran cosa
la libertà con la democrazia,
ammetti l'altrui idea e non stare in posa
com'un ch'è il solo a far filosofia.

58) Se a scuola, a casa, in fabbrica e in ufficio
ognun vuol fare quello che gli pare
scacciando anche l'idea, del "sacrificio"-
ossia: "dovere"- cosa vuoi sperare !?

59) Se il suono che vien fuori dall'orchestra
è un suono bello, non fa affatto senso
saper se viene da sinistra o destra,
e merita l'applauso…È buonsenso !

60) Se in uno stadio "bianchi" e "di colore"
(ma forse neanche questo si può dire,
seppur ne è proprio Dio l'unico autore)
si menano, è il razzismo da aborrire ?

Da "Chicchi di Se…" giornalieri
---------------------------------------

Un fatto una poesia.
Dopo un processo di screzi sempre più evidenti, e il cambiamento di pensiero di uno dei due, ecco la rottura definitiva tra Berlusconi e Fini (30 Luglio 2010).

Divorzi…
(er divorzio der secolo)

A divorzià è na moda…assai de moda
e infatti è l'era de li scoppiamenti
e pure queli dua, cor pista coda
de uno contro l'artro, e li fennenti

volati sur groppone urtimamente -
che sò sonati come tradimenti
nun solo a Lui, ma spece a quela ggente
che l'ha voluto llì pe certi intenti -

se sò trovati come li sposati
che n pònno stà più insieme, e gira, gira,
divòrzieno, tant'ereno incazzati
de stasse a pìasse sempre più de mira.

È stata na cottura a fòco lento,
perché c'è stato chi co la pazzienza
cercava d'annà ortre ar marcontento
che l'artro co na sòrta de insistenza

je stava a ffà venì ogni santo ggiorno.
Sicché, quanno che proprio ha sbomballato
stufato d'esse solo da contorno
(così pensava Gianfri), finenno a llato

accosto a li nemichi, Sirvio ha detto:
"Gianfrà, nun sei più quello ch'eri prima…
Er modo de penzà, mo l'hai coretto,
e hai aruvinato tutt'er crima

che qui dev'esse de serenità,
e tòcca in primis sta co l'elettore
perciò er programma nun se po' cammià
così come vòi te…Famm'er favore:

si qua n te sta più bbene sòrti fòra.
Li nummeri cell'ho pe governà,
perciò, Gianfrà, vattene ch'è ora
làssace sta in pace e nu scoccià!"

E già dellà li farchi hanno inizziato
a corteggiasse a Gianfri, e a sperà
che arfine sto divorzio abbi spianato
la strada pe esse loro a commannà.

Un fatto, una poesia.
Ancora un bimbo sbranato da un pit-bull!!!Allora…gli amici "abnormi"dei cani, gli animalisti…dove stanno, che pensano…che ne dicono… quando è il momento tutti soltanto buoni a nascondersi…finché passa…e fino al prossimo sbranamento, eh!? "Statìsticano" tutto, ma non gli sbranamenti… "Amore - sballato - per le bestie = Civiltà…!"…MA DE CHE!!! Però ad ogni "morte bianca" da lavoro…apriti cielo! Come pure per gli ammazzamenti per le strade…Chi può, spieghi la differenza…(al di là di ogni demagogia…etc). (26 Luglio 2010).

Sbranamenti
Nun devi annà pe jungle o pe savane
pe ffatte mozzicà da na bestiaccia
ner mentre fai le foto, o vai a caccia…
Qua da ste parti pò abbastatte un cane…

Che ar più è tanto bbòno com'er pane,
però pò ffatte pure er vòrtafaccia
e pò addentatte, pòrca miseriaccia,
perché le bestie pònno esse …strane!

E ce sò razze che lo sbranamento
ce l' hanno incorporato pe natura.
"È bbòno…" fa 'r padrone, e in quer momento

je schizza su l'istinto primordiale
e azzanna…e sbrana…o mòri de paura
sortanto a stà vicino all'animale.

Cià corpa lui, chi se lo porta a spasso,
e chi je dà er permesso de girà:
pit-bull, bulldog…bestie e incivirtà…
e tutto quer bèr giro pe ffà incasso.

-------------------------------------------

È assassino er cane e anch'er padrone
e chi li fa annà in giro a piacimento
co quela prepotenza ogni momento
più bècera da vero gran puzzone,

che penza che siccome è n amicone
de quer canaccio co lo sguardo spento
e er muso ottuso, e co lo sbranamento
che cià pe istinto, pò ffà ogn'infrazzione.

Così va in giro senza musaròla,
e cor guinzajo che cell'ha e n cell'ha,
e si uno azzarda a dije na parola,

te guasi mann'addosso la bestiaccia…
Che mo sò anni che se st'a sbranà
cristiani d'ogni età…Ma co che ffaccia

"Pijate un cane…" stann'a ddì ogni ggiorno.
Ma guarda si s'azzardeno a ffà er conto
de li sbranati…Monno finto tonto!

Un fatto, una poesia.
L'Adnkronos del 20 luglio registra: "In Trentino una giovane donna poco dopo il parto si è vista sottrarre il figlio appena nato, in esecuzione di una procedura di adottabilità, perchè ha un reddito di 500 euro al mese. Il caso è stato reso noto oggi dallo psicologo e psicoterapeuta Giuseppe Raspadori, consulente tecnico di parte del Tribunale di Trento, il quale, in una conferenza stampa, si è espresso in maniera molto critica nei confronti dei criteri con i quali i giudici dei minori applicano la sospensione della potestà genitoriale".

O sono i giornalisti cretini che diffondono notizie false o parziali tanto per far colpo - e di questo non ci sarebbe da stupirsene più di tanto -, oppure, qualcosa bisogna che la Giustizia minorile faccia per tenersi comunque alla ribalta, e, poi, ci sono anche le assistenti sociali che devono …pur campare… Sennò, non si riesce a capire! E questa è l'ennesima volta! E, comunque sia, è davvero qualcosa di tollerabile - e per chi? - il fatto che
la legge-magistrato-assistente sociale sequestri il figlio alla madre, se proprio non vi siano ragioni di vita o di morte per il bambino stesso? Chi fa sempre "chiasso" com'è che chiasso non fa in casi come questo?


Li rubba pupi
"Ma allora, a Ro'…? N ce sto a capì più gnente!
Ancora stann'a insiste a ffà ste còse?
Ma er monno de la legge è deficente
o se st'a ffà co quarche bbòna dòse?

St'a ddì li ladri…Ma evidentemente,
le leggi sò anche meno dignitose:
vann'a rubbà er pupo a chi è indiggente
ch'er meno che pòi dìje è che sò…estrose…

Ma co che faccia vann'a pìaje er pupo
a quarche pòra mamma disgrazziata?"
"Pe mme, te pònno fatte vedé cupo…

e me stupisco che nisuno ancora
gne tir'appresso quarche schioppettata:
ma prima o pòi, a Re', ariva, l'ora!

Che pòi…io ce vò in puzza…! è da paura!
Ma a chi li manna in giro a rubbà…allora!?
Ah…già…ma che sto a ddì: quella è curtura!"

SE…quartine giornaliere di varia natura 41-50

41) Se ai privilegi tutti son contrari
però nessuno fa una legge adatta
vuol dir che se li tengono ben cari,
e per averne più…ognuno tratta !

42) Se il medico che ti opera è drogato,
amico mio, dì l'ultima orazione…
Da lui ci deve andar chi è sempre stato
con ogni droga tanto facilone.

43) Se in giro tanta gente appare pia
è che, in gran parte, vuol seguir…la moda:
ma in verità c'è tanta ipocrisia:
provatevi a pestargli un po'…la coda !

44) Se del buonsenso il senso sfugge via
va tutto male e niente può andar bene,
ché non ci sta miglior filosofia,
che - solo - meglio in tutto ci sostiene.

45) Se il cane prende il posto del bambino,
e un po'già se l'è preso, in verità,
per quanto sia fedel l'amor canino,
è forse segno di gran civiltà ?

46) Se vendo casa, prepotentemente
mi assaltano cinquanta e un'agenzia
per quella certa sorta di "tangente"
che legalmente posson portar via.

47) Se ogni spot lo fanno sempre fare
a quelli che son già dei miliardari
hai voglia a stare sempre a chiacchierare
di prezzi, di lavoro e di precari !

48) Se tengo un crocefisso addosso a un muro,
chi è tanto preoccupato pel razzismo
perché mi dice ch'è un diritto puro
per qualcheduno fargli ostruzionismo ?

49) Se invece di calar nel mondo sale,
la fame, noi dobbiam mangiar di più
per innalzare la percentuale
di chi sta ancora tanto, tanto giù.

50) Se sole e stelle insieme con la luna
su in cielo stanno insieme in santa pace
perché tra noi ognuno s'importuna
da quando nasce fino a quando giace ?

Da "Chicchi di Se…" giornalieri

SE…quartine giornaliere di varia natura

31) Se il topo balla quando non c'è il gatto
qui sempre balla chiunque abbia il potere:
dal caporale in su, pur s'è inadatto,
e dall'usciere fino al gran banchiere.

32) Se in una barca c'entra un tot di peso -
e uguale si può dir di un ascensore -
più oltre, quella affonda, e, beninteso,
quell'altro viene giù come un reattore.

33) Se i ragazzini giocano a sfregiare,
stuprare, anche, parli di bullismo ?
Son criminali, e devono pagare!
Che altro che supposte di buonismo!

34) Se il pescatore pesca e mangia il pesce
nessuno se ne cale, poverino,
ma contro chi va a caccia un grido cresce:
" delinque chiunque uccide un uccellino!"

35) Se guardo una ragazza, mi denuncia:
"Cogli occhi m' ha stuprato" fa al togato…
Poi dicono che l'uomo, oggi, rinuncia
a far la corte e a essere sposato.

36) Se fai la Legge pe' un qualsiasi cosa,
ma invece di applicarla lasci fare,
hai perso tempo e soldi, e chiunque osa
lo fa sapendo che ti fai fregare.

37) Se vuoi aver per te la libertà
rispetta quella d'ogn'altra persona,
seppure è cosa che ti peserà:
ché sol così la libertà funziona.

38) Se il tuo servizio è a percentuale
su quanto è contrattato tra le parti
sa assai di "pizzo" pure se è legale
perché coi soldi altrui vuoi rimpinzarti.

39) Se chiedi, e chiedi, e ottieni…con che faccia
un giorno con chi tanto t'ha aiutato
vuoi far la furba e gridi al "mi rinfaccia !"
se quello stesso aiuto t'è evocato ?

40) Se atleta, come pure corridore
vuole anche dire dopping molto spesso,
l'analisi com'è che al calciatore
nessuno fa…se mai ci fosse un nesso…!

da "Chicchi di SE…giornalieri

SE…quartine giornaliere di varia natura

21) Se un amministratore fa fallire,
perché lui non fallisce e anzi passa
a un'altra società (c'è da impazzire !),
con tanti onori e col pienone in cassa?

22) Se dicon che i "valori" hanno un valore,
com'è che ci sta chi li svalorizza
e li combatte con un tal stridore
che sembra che ne abbia tanta "strizza"* ?
(*paura, in romano)

23) Se vanno avanti a far "occhio x occhio"
e gli altri a far i David del momento,
non finirà mai più quel gran papocchio
di guerra quale unico argomento.

24) Se libertà vuol dir che a sazietà
sei libero di far quel che non voglio,
son libero di far quel che mi va
che a te non piace…e allora ? L'erba voglio…!

25) Se dici che ti spetta un tal diritto,
un tal dovere occorre praticare,
perché sennò saresti solo un dritto
e chi fa il dritto…va lasciato stare.

26) Se vai tentando la speculazione,
e mutui con varianti, e investimenti,
e poi va tutto quanto a ruzzolone,
poi dallo Stato/Noi, vuoi gl'interventi ?

27) Se oggi non si sposan le persone
è pe' una Legge troppo …partigiana
e anche per quell'emancipazione
che ha fatto diventar la donna…strana.

28) Se spaccio droga dici che mi arresti
però se fumo no…Fammi capire:
io per fumare, non ci crederesti,
la compro da chi spaccia ! e è tutto dire !

29) Se a mio cognato un dì gli succedesse
di andar fallito e non ha sperperato,
lui va per strada, ma non son le stesse
le pene per chi al calcio ha strapagato.

30) Se dico e scrivo quello che mi pare,
e sto al giornale e vado a casa e torno,
io giornalista come fo a gridare
che c'è il regime tutto quanto intorno ?

da "Chicchi di SE…giornalieri
-------------------------------------------

SE…quartine varie

41° Se certe cose "l'ha da far" la donna:
bambini, stiro, pulizie, spesa…
e in più lavoro fuori…alfin la gonna

42° Se tollerare è una gran bella cosa
succede che a chi deve tollerare
gli tocca di subire senza posa
l' "intollerar" di chi lo sta a scocciare.

43) Se io produco a quasi costo zero
in barba ad ogni Legge di mercato,
mi prendo uno e poi l'altro emisfero,
e tu…ligio alle Leggi…sei fregato.

44) Se parli tu per primo non è detto
che la ragione l'abbia tu e non io,
seppure troppo spesso, qui, il verdetto
è un premio al prepotente, a parer mio.

45) Se in fila qui da noi impariamo a stare
sarà un successo di comportamento,
ma forse non sapremo più guardare
al viver come a un bel divertimento.

46) Se un giorno ognuno al mondo mangerà
almeno quel che basta per campare
starem nell'Era della Civiltà,
perciò che ognun che può si dia da fare !

47) Se nasci come mamma tua t'ha fatto
e cioè in un modo e no in un altro modo,
hai voglia a stare a insistere da matto
per trasformar la sbobba in un buon brodo !

48) Se il tempo passa, cosa ci vuoi fare !
Il punto è non sciuparlo…E hai voglia a creme !.
Ci sta un segreto, e è quello di campare
al meglio e fare quel che più ci preme.

49) Se ci perdiamo cuore e fantasia,
dell'uomo noi perdiam l'umanità,
e non c'è scienza, né tecnologia
che possa ridonarcela, e si sa !

50) Se qui facciamo come fino adesso
che solo con la raccomandazione
possiamo andare avanti, e pure un fesso
lo fa, ci sta da piangere, e a ragione !

da: Chicchi di SE…quartine serie una a settimana 41-50
----------------------------------------------------------------------------

Contrarietà al voto in condotta, e altre… demagogie…
Dedicata a chi vuole un certo tipo di gioventù/società. (Aprile 2010)


La disciplina…per certa gioventù...e non solo
(per fortuna solo una parte)

La disciplina
è quel che ci propina
la classe dirigente
che vuole la rovina
di ogni gioventù.
A loro non va giù
che ci droghiamo
e non vogliamo
nessun paletto messo,
ché un giovane represso
è un infelice.
Il giovane è padrone
del mondo intero
dov'egli ha la missione
di dire quel che è vero.
Nessuno deve imporre
né a casa, o a scuola, o altrove
sennò non scorre
la libertà agognata
che tutto quanto muove:
progresso e civiltà.
Vogliamo gl'insegnanti
a noi sottomessi
e genitori pronti
a far da copertura
ad ogni nostra insana
ma libera…apertura.
Noi siamo per il caos,
per quello più totale
che è libertà assoluta,
è libertà ancestrale.
Noi siamo quelli "contro"
e pronti ad ogni scontro
con la generazione
che al mondo ha generato
noi gioventù moderna
che vuole gli agi di oggi
denari, viaggi, alloggi…
ma vita senza freni
dell'uomo di caverna.
E il libero pensiero
è libertà acquisita
e noi così pensiamo:
la libertà è vita
(il massimo è eroina)
la disciplina, invece,
pel mondo è la rovina!
---------------------------------------------

Ricordi di primissima giovinezza.
al modo bettonese (PG)

J'eroi s'arpos'no
Giron giù, j'eroi de cappa e spada,
dopo esse stati a dàssele su 'n piazza
co la solita banda de nemice.
E scenne e scenne arriveno nto n campo
coi cicomb'li pronti da magnasse.
"El ve'…! Tòcc'acchiappanne un per uno…
madonna, che magnata!
Sbrigam'se cocchi, che tir'no col sale!
Li mettemo ntol fiume a rinfrescasse;
facemo 'l bagno e doppo
'n tassello…na spaccata…
e giù con tutto 'l muso a succhià 'l sugo!"
"O Giù, st'attento! Che ce ston le spade
tlà ntol prato, nce le fa fregae!
Che quann'argimo su, je l'em da dà
ta quei du' fanfaron de' Minestrini."

"Oh! E ch'ete fatto! Ch'en tutte ste scorze!
Gite a buttalle via da n'antra parte.
E pu sbrigateve…ch'em d'artonà!"

J'eroi, tutt'arpuliti e rinfrescati,
artornon su la piazza de Bettona.
"Ete visto? La fifa fa novanta;
mica ncionn' aspettato
quii maruan del bebo!".
"L'acchiapperem domani…
'nve stete a preoccupavve. Mo, piuttosto,
gim tutti a facce 'l giro de le mura,
che a st'ora llà ce vònn'a passeggià
certe freghin de quelle…!
E sempre guerra è…sempre battaja…
e è mejo de quell'altra a cappa e spada!"

Sonetto a Paolo
Era stato tantissimo ammalato*
ma non se n'era mai saputo niente
lì in ufficio, perché era stato,
si credeva, fuori, possibilmente

per un break al contratto…e poi era tornato
gagliardo e scherzoso e sorridente
com'era sempre stato, incravattato,
pettinato, e amante della gente.

Un giorno, andò, diceva, ad un controllo.
Normale…come tutti, chi non va…?
Però c'era qualcosa nel suo collo.

"Per caso, ieri, me ne sono accorto,
e subito ho pensato: è ancora qua…"
mi disse, e in poco tempo Paolo è morto.

Era certo di andare molto in là
con madre e padre vispi oltre ottant'anni
ma le illusioni sue erano inganni.

*dieci anni prima

In ricordo di Paolo Pace, collega e amico

SE…quartine varie
31° Se invece di cercare sulla luna
lo spazio che qui un giorno andrà a mancare
facessero fiorir palude e duna
per lavorare, vivere e mangiare ?

32° Se parli, parli…e alfin non dici niente
ma perdi tempo tu e chi sta a sentire,
corrisponde a mostrare a un non vedente
qualcosa che nemmen si può intuire.

33° Se l'impiegato pubblico è restio
a lavorare è giusto licenziarlo,
ma cosa ancor più giusta è, a parere mio,
che pure col suo Capo occorre farlo.

34° Se il riso fa buon sangue, allor ridiamo,
così saremo tutti più gioiosi,
ma spiegami però come facciamo
se poco c'è da rider…così ansiosi !

35° Se oggi stare al passo con i tempi
vuol dire entusiasmarsi innanzi a quadri
con una spennellata o altri scempi -
in un museo - …deh, trafugate, o ladri !

36° Se stare al mondo liberi e felici
vuol dire, oggi, piercing, tatuaggi,
mutande in fuori, e secche come alici,
a chi questo ha voluto…mille omaggi !

37° Se 'ndrangheta, e ogni mafia, e le camorre,
con la corona sacra pure inclusa
ancor son lì vuol dir che non le aborre
la gente, né lo Stato…e il resto è scusa.

38° Se per alcuni la democrazia
significa poter di minoranze,
per forza vien cercata un'altra via
per riportare a ruol le maggioranze.

39° Se per la pace ognun si va battendo
è un bene, ma se c'è chi non ci sente
e il suo sopraffar l'altro va crescendo,
e se a parlar si parla inutilmente…

40° Se per democrazia e per libertà
è inteso poter far quel che si vuole,
e ciò si lascia far, "ciao" società !
incominciando proprio dalle scuole.

da: Chicchi di SEquartine serie una a settimana 31-40
------------------------------------------------------------------

dedicata a Lisa

Le cicatrici del passato
Strazia il caldo nell'afa più totale,
ma ancora più male
lo sta facendo la canzone
che canta una finestra spalancata
lontana anni e anni,
e che dritta giunge e scava -
con l'apatia vincente che m'avvolge -
tra velati ricordi riposti
e sigillati col fiocco del magone, al tempo
delle grandi novità…e poi… dimenticati.
Sfoglia l'archivio dei sentimenti miei,
pagine ingiallite,
spolvera la patina posta su dal tempo,
e sono ora come nervi scoperti e dolorosi.
Si scioglie tutto il fiocco del magone
e impietoso mi riavvolge, e per un lungo momento
resto in sua balia.
Reggono le cicatrici al pensiero di lei,
che mi è vicina.

SE…quartine varie
21° Se i media fan passare la bellezza
come unico elemento di successo,
poi come biasimare la schifezza
che invade il mondo, che diventa un cesso ?

22° Se perde il campionato la tal squadra
è per l'allenator, che vien cacciato.
Sarà…Però la cosa non mi quadra:
non è che il calciator non ha calciato ?

23° Se il "lecca-lecca" porta avanzamenti
ovunque sia, e con chiunque sia,
hai voglia a essere ottimi elementi !
Il merito va al "leccatore" e spia.

24° Se quel che l'uomo fa di bene e male
- è cosa certa e chiunque ormai lo sa -
premiare…condannare…a cosa vale,
se tutto è scritto già nel DiEnneA ?

25° Se ognuno per sé vuole ogni ragione
- che è quello che nel mondo crea i guai -
non sa che un compromesso, la tensione
la smorza, non l'accresce…e è meglio assai.

26° Se non vi piace l'uso dei tornelli
che han messo ai Ministeri e in altri siti,
vuol dir che rimpiangete i tempi belli
in cui vi siete tanto divertiti…

27° Se prendi bustarelle pel lavoro
che hai pubblico, non solamente sei
persona indegna e senza alcun decoro,
ma stai rubando pure soldi miei !

29° Se uno abbozza non vuol dire che
puoi fargli tutto quello che ti pare,
e che non sappia far quel che fai te,
e che non si potrebbe…rivoltare.

30° Se fan passar per buono quel messaggio
che ognun può far quello che gli pare,
di come andrà c'è già più che un assaggio,
e il peggio non potrà che peggiorare.

da: Chicchi di SE…quartine serie una a settimana 21-30

SE…quartine di varia natura 3-13
3) Se compro casa e chiedo informazioni
per non trovarmi in mezzo a un brutto impiccio,
la "privacy" mi prende a imprecazioni,
ma al giornalista ammette ogni capriccio.

4) Se io divorzio - e non per colpa mia -
le lascio casa mia, e le mantengo
l'ugual tenore e vo in affitto, e via…
io quell'ugual tenor più non lo tengo.

5) Se il cane abbaia notte, dopo notte
e azzardo una protesta…apriti cielo !...
Seppur ne stanno uscendo tutte rotte
le resistenze mie, allo sfacelo.

6) Se dentro casa mia entra un bandito
e prima che lui spari sparo io:
"No ! Non dovevi ! Lui non t' ha colpito,
e visto che sei vivo…paghi il fio !"

7) Se tra il Governo e i "contro" è distensione:
"Ci sta l'inciucio !" abbaia il giornalista,
ma come c'è tra quelli una frizione,
riabbaia e fa: "Governo disfattista !"

9) Se il cane sbrana, esce la notizia,
così…in sordina, e tutto quanto è "okey";
però se al cane fanno una sevizia,
tivvù e giornali: quanti piagnistei !

10) Se un poliziotto viene trucidato
è cosa che è prevista dal servizio,
ma se è il bandito ad essere ammazzato
dovrai sorbirti altro che comizio!

11) Se il bianco picchia il nero c'è razzismo,
tra bianco e bianco c'è "regolamento":
ma quant'è bravo questo giornalismo
che fa apparire tutto a piacimento!

12) Se tutti fanno qualche associazione
per aiutare "un po'" e far "tanta cassa"
non è bontà ma è solo una finzione
che è quasi già un fenomeno di massa.

13) Se a scuola cerco ordine e rispetto,
come anche in ogni parte, in verità,
mi schizza addosso l'astio ed il sospetto,
di chi ama il caos nell'impunità.

da: "Chicchi si SE…"

Sentiero
(dedicata a Lisa)

Sentiero vago senz'alcun traguardo
per più sicura via lasciar conviene
seppur sia lastricata di fatica
ché su per la salita sale, e incerto
è l'oltre che ogni curva mi nasconde.

Andrò finché non trovo quel che cerco
come amante che si fa guidare
da profumate scie lasciate ad arte
ed ogni passo riempie di speranza
ché a non sperare a lei non giungerebbe.

Porta anche me, sentiero, alla mia lei,
che sia come l'immagino nei sogni
e come me soltanto in questa via
lei lasci i passi suoi e non si perda
per quelle irte d'inganni ovunque sparse.

SE…quartine varie
16° Se siamo in fila, in strada, e se la sorte
t'ha fatto capitare dietro a me,
perché mi vai facendo tanta "corte"
perch'io mi sposti per entrarci te ?

17° Se al mondo - Amore - è la più bella cosa,
appare che oggi l'hanno trasformato
in cosa inflazionata e capricciosa
che offende chi è davvero innamorato.

18° Se tu mi spingi a denunciarti il pizzo,
e lo faccio, ma poi non mi protegge
lo Stato, sai che ottengo ? che mi attizzo
la rabbia e la reazion dei fuorilegge.

19° Se ancora non l'avessero inventato
quel modo di baciar come facciamo,
chissà se ognun di noi sarebbe nato,
e come ognun di noi direbbe: "t'amo" ?

20° Se al giorno d'oggi fare sacrifici
significa abbassare un po'il "tenore"
mangiando tuttavia altro ! che alici !
bisogna ripassare il "libro cuore" !

da: Chicchi di SE…quartine serie una a settimana 16-20
----------------------------------------------------------------------------------

24 Giugno 2010, la Nazionale è fuori, con tre partite giocate col catastrofico risultato di due pareggi e una sconfitta da parte della Nuova Zelandia. È finita con la Nazionale in fondo al girone dopo la citata Squadra.
Lippi ha detto di assumersi tutte le colpe, e dei giocatori ha detto: "Erano terrorizzati…".
Ma poverini…Ma guarda un po'…Però!


Da: "Chicchi di SE", quartine di varia natura, di Armando Bettozzi:

22° Se perde il campionato la tal squadra
è per l'allenator, che vien cacciato.
Sarà…Però la cosa non mi quadra:
non è che il calciator non ha calciato?

24° Se così tanto sei scandalizzato
dal reddito di chi è un imprenditore,
perché altrettanto non lo sei - indignato -
per quello che si intasca il calciatore?!



Er Campionato… de li falliti
"A Re', che bbòtte che se semo presi…!"
"Che cianno dato a Ro'…che cianno dato!
È tutto da scordà sto Campionato
che Lippi s'è studiato mesi e mesi…"

"Ce l'hanno messo in culo li paesi
che mai nisuno avrebbe immagginato.
E cianno pure stramortificato
addirittura li Neozelandesi!

Tra l'artro è corpa de li troppi sòrdi,
e chi li paga - incrusi li tifosi -
pe droghe, pe mignotte e gran bagordi.

Stennemo un velo su sta gran vergogna!
A Lippiii! A Compagnia de ruzzinosiii!
Annatev'a 'nnisconne in d'una fogna!".
-------------------------------------------------

Un fatto, una poesia.
Qualcuno ha cercato, o comunque ha rischiato alla grande di buttare letteralmente sul lastrico migliaia di famiglie per dare sfogo a suoi propri ideali-demagogie e per provare la sua forza, ancora, in questa nostra nuova società, al braccio di ferro tra Sindacato e Datore di Lavoro. Il rischio è stato davvero grande, e cioè del 36% circa, che corrisponde al voto al referendum contro la riapertura della FIAT a Pomigliano d'Arco (NA). Questo, perché la FIAT riporterebbe in Italia - con un investimento di 700 milioni di euro - la produzione dalla Polonia - con l'obiettivo di produrre 270mila Panda - alle "negriere" condizioni di base che prevedrebbero il massimo utilizzo degli impianti, la flessibilità nei turni e nei giorni lavorativi, la mobilità interna, e il contrasto a forme anomale di assenteismo, e alla limitazione temporanea al diritto di sciopero. Guai! Hanno gridato CGIL e FIOM. Ed è seguito il referendum
(22 Giugno 2010).


Quistione de …diritti!
"Volemo er lavoro! Er lavoro è un diritto!
La Costituzzione lo dice pe scritto!"
Però come tutto, qui tutto finisce
a un gnente de fatto che nun se capisce.
E mmo è 'r governo, che nu lo provvede
e mmo nvece sò - e ce lo stann'a ffà véde -
li stessi operai che vann' appoggianno
li "rossi" che in testa nse sa quer che cianno.
"Volemo er lavoro! Er lavoro è un diritto:
dovemo magnà, poi ciavemo l'affitto…!
Però chi ce vòle nun deve azzardasse
a dì che nisuno se deve ammalasse
intorn'ar "vikend" p'allungà un po' la ggita,
o quanno - presempio - ce sta la partita!
O quanno ce ggira d'annà a ffà caciara
co le bandiere der gran Che Guevara.
O mette paletti a chi vò scioperà:
noi scioperamo come e quanno ce va!
Perché - sia ben chiaro - che nun accettamo
ricatti e, ar limite, noi! ricattamo
chiunque vò dacce er lavoro e la paga
perché nun ciavemo l'idea più vaga
de quer che vòr dì a rischià er capitale
e a chiunque cell'ha je dovrebbe ann'a mmale.
Noi semo infarciti de grann'ideali -
(le demagoggie) - e sapemo li mali
che quer capitale ce porta, ma attenti!
Chi nun s'adegua chiuderà li battenti…
E guai a chi porta artre frabbiche fòra,
ché nun sarà più com'è stato fin'ora…!
Strignenn'er discorso, si chiud'er cancello
noi sciopereremo perché pure quello
è un nostro diritto de Costituzzione.
Lavoro! Lavoro! Abbass'er padrone!!"

SE…quartine di varia natura 16-20
16) Se è importante un bell'arredo urbano
e tanto ci si spende pe' aggiustarlo,
perché si lascia star che a mano a mano
s'impongano le "lucciole" a guastarlo ?

17) Se l'Ordine di Stato è a conoscenza
di cosche e di famiglie lazzarone
perché ne lascia crescer la potenza
per anni e anni senza un'irruzione ?

18) Se le galere sono troppo piene
non è una soluzione spalancarle:
gli basta risparmiar con auto e cene
e farne nuove; e in caso, rimpinzarle.

19) Se mio cognato ha perso il suo mercato
per quell'attività che si è creata
con anni di fatica, sai chi è stato ?
Chi "certa concorrenza" l'ha aiutata.

20) Se il prezzo sale e non si fa la spesa,
è pure colpa degli stramilioni
pagati a chi è già ricco, per far presa
sui compratori…senza "ribellioni".

da: "Chicchi si SE…"

SE…quartine di varia natura 11-15
11° Se ognun che scrive storia la racconta
al modo che gli accomoda, vuol dire
che, al solito, è lasciar… la propria impronta
che conta e non il ver…Come capire ?

12° Se c'è una forte disoccupazione
perché si preme per le lauree a iosa
che fanno accrescerla ? Crea repulsione
tornare a far mestieri, o è buona cosa ?

13° Se chiedi "per favore": io ti do,
se dici "dammi" e n' hai l'autorità:
ti do. Diversamente sai che fo ?
Ti guardo ben negli occhi e dico: "Va…!".

14° Se adesso non ti vuoi sacrificare
che sei ancora giovane e aitante -
studiando e tralasciando di giocare -
un dì lo dovrai far tre volte tante.

15° Se aiuto a chi ha bisogno è bene darlo,
ma a casa mia mi bussan più di cento,
seppure cerchi d'inculcarmi un tarlo,
non posso, come fo…cosa m'invento?

da: Chicchi di SE…

Felicità
Felicità
è l'arcobaleno che sgocciola
pulviscolo di pioggia colorata.
È un palloncino che s'alza sopra il mare, inseguito
da gabbiani bianchi, curiosi.
È un aquilone
preso nel balenio del vento, che l'avvita
e fa ondeggiare, come sull'onde
l'intrepida vela.
È il bimbo che lo tiene e che eccitato
ne addita i volteggi galoppanti
alla sua mamma,
per fare d'una gioia, una gioia
grande almeno cento volte tanto.
È il tranquillo spostarsi
della chiocciola che si porta la casetta
ovunque e sempre, remissiva e grata.
Felicità è chiamarsi mamma
e piangere
quando il bambino suo s'allontana,
e lo vede andare, felice.

SE…quartine di varia natura 6-10
6° Se al giorno d'oggi a scuola gl'insegnanti
non possono educare più i ragazzi
non ci stupiam se crescono ignoranti
e spesso si comportano da pazzi.

7° Se un tempo col diploma diventavi
un Capo, un dirigente, un pezzo grosso,
adesso a malapena te la cavi
con laurea e master: vero paradosso.

8° Se è vero che un diritto mio dipende
da un tuo dovere, un tuo comportamento,
e non l'ottengo, allor si sottintende
la colpa tua e allor: risarcimento !

9° Se gridi ogniqualvolta "al lupo ! al lupo !"
ognor che non c'è niente da allarmare,
allor che un fatto fosse invero cupo,
chissà se ti verranno ad aiutare ?

10° Se "al cuor non si comanda" è un gran bel dire,
non ci si può nasconder dietro questo
per prender chi è degli altri e per tradire,
giacché non è nient'altro che un pretesto.

da: Chicchi di SE…

SE…(quartine di varia natura)

1° Se non si smette mai di rivangare
i torti avuti, non si uscirà mai
da un odio che sta lì a condizionare
la vita a interi popoli, lo sai ?

2° Se proprio cerchi la felicità
potrai trovarla solo nell'amore,
mai nella droga, che non te la dà
e porta, anzi, buio e no chiarore.

3° Se non sai ben che dire, è molto meglio
che taci anziché dire fesserie,
ché se non lo sei tu, io sono! sveglio
e so capire quando son bugie.

4° Se fossi stato attento a tante cose…!
Ma quelle cose non ci sono più.
Se avessi dato l'acqua alle mie rose,
adesso ci staresti ancora tu.

5° Se vuoi arrampicarti e cadi sotto,
chi ne ha la colpa se non solo tu ?
Lo scegliere se fare o meno il botto
è cosa che non c'entrano…"lassù".

da: Chicchi di SE…
-------------------------------------------

Un fatto, una poesia.
Certo che ce ne sono di bravissime persone, però….C'è chi sta tribolando per togliersele di torno perché hanno occupato la casa alla morte del vecchietto… chi sta nei guai perché pur dando il giusto non faceva firmare - per superficialità non per altro - visto il rapporto familiare che spesso si instaura…chi porta il fidanzato in casa e fa addormentare il vecchietto…chi piange che le si faccia ritrovare il posto quando ritornerà - tra breve - ché deve assentarsi per un pò, e poi non si vede per niente, e rimani scoperto…a una sono stati dati dei soldi per fare un po' di spesa, e ha fatto una spesa da ricca spendacciona, e per il mangiare ha comprato solo un sacco di cose particolari per sé senza prendere niente per la persona assistita: l'incarico era stato di comprare da mangiare per lo loro due….Etc…etc…Una di loro ha detto: "Voi in Italia avete i soldi - E CE LI DOVETE DARE !" Si tratta di una badante che un signore aveva trattato troppo bene sia economicamente che umanamente…eeeeehhhhhhh!!!!!


Badanti e…badanti de badanti
(quanno la badante rimane sola a casa cor vecchiarello)

Mo, a valanga, ariva la badante
co l'intenzione d'ariempì er borzone,
pe pòi tornà su a casa trionfante,
sgobbanno, a vorte, manco na staggione.

Così inizzia a ffà, seduta stante,
er primo giorno de la prestazzione
mettenno in chiaro la retribbuzzione,
permessi…ferie…e tutto lo spettante.

Commanna er vecchio, e a casa è la padrona;
ricconta balle, fa a nnisconnarella,
e perché n facci troppo la furbona

te tòcca fà er badante de badanti:
fai 'r controllore, fai la sentinella
pe n fà succede fatti sconcertanti…

Perché - n sia mai - te fai vedé un po' tonto,
te fann'aritrovà mmezz'a li guai
senza che manco te ne renni conto.
--------------------------------------------------------

2010 - Finanziaria di sacrifici…Blocco agli stipendi degli statali per ben quattro anni! (intanto i prezzi di ogni cosa aumenteranno…), però appena si è vociferato di fare tagli agl'ingaggi-premi dei calciatori…(che dove se li mettono le montagne di soldi, non si sa) che oscenità si sono dovute sentire! I primi a protestare erano stati i magistrati, proprio quelli della Legge uguale per tutti….ma de che!! (Maggio-Giugno 2010).
(all'Europarlamento si sono addirittura aumentati gli stipendi di millecinquecento euro al mese!).


Er tajo?...Sì! Ma 'ndove se pò ffà!…
"A Re', io metterebbe na gran pena
contro er nonsenso e l'imbecillità
de chi mo sta a strillà
p'er "tajo"… e st'a ffà er divo su la scena…

de quello che nisuno pò toccà:
sarebbe: giocatori, maggistrati,
notari, giornalisti, l'avvocati…
che stann'a protestà

siccome cianno in mente
de stalli a trattà a tutti nientemeno
che uguale a li statali…ma nu è osceno
paragonalli co sta bbella ggente?!..."

"È come sempre, a Ro': <Perché nun fanno…?
Bisogna fà…! Bisogna da cammià…!>
Però si me fa danno…
annate a ffà…llà 'ndove se pò ffà!...

Pe mme, je metterebbe anche la pena
a chi j'abbozzerà sta strafottenza,
co un'unica sentenza:
tutti in mutanne e a stecca a pranz'e cena!"

E pure all'EU!...Hai visto?
Se sò aumentati milleecinque ar mese!
e torna a ciccio che 'n de sto paese,
in culo sempre va…ar pòro cristo!"

Eclisse
L'eclisse passa e nasconde il giorno
e il buio vince - ma è per poco -
che presto il sole farà ritorno

con la sua luce, con il suo fuoco,
e smorza il buio e la sua baldanza,
e il buio è sempre di più, più fioco.

Così il male - strisciando avanza -
e offusca il bene, ma quello, presto,
gli secca il seme dell'arroganza

e al male infligge stizzoso arresto.
----------------------------------------

a seguito seminario sulla poesia presso un centro culturale romano

Poesia…misteriosa
Poesia, non ti capisco…non comprendo
quel tuo bel dire…il tuo significato.
Sei pel mistero, quando invece intendo
che la poesia è un "comunicato"

per chi ti lègge e che a te va aprendo
l'anima sua, e il cuore, ed è un peccato
che di quei versi che essi van leggendo
gli ci entri poco, o niente, e va sprecato

quel campionario "dotto" di espressioni
e di parole, seppur mischiate "ad arte",
che per te, sono belle ostentazioni

di quel che solamente tu, comprendi
e è come un bluff al poker con le carte
che pur se non hai niente, pure, prendi,

perché chi gioca pensa a chissà cosa,
ché men di te ne sa…non rischia, e …"parte",
che di "vedere" il gioco neanche osa.

Li limiti dell'omo
Venimo tutti quanti da un "puntino"
ch'è annato ar posto giusto
in d'un momento bello e appassionato.
E llì, ndove ch'è entrato,
in nove mesi, pure ce sortimo
piagnenno tutti quanti a perdifiato:
tutti a l'istessa, identica magnera.

Pe ffà…? Quarsiasi cosa!
E è proprio qui che se differenziamo
(perché c'è chi va appresso a na chimera…
perché ce sta chi osa e chi nun osa,
chi spera e chi nu spera…
perché c'è chi è signore e chi è fetente…
perché c'è chi capisce e chi è ottuso,
chi cià la fede e chi nun crede a gnente…
ciaivoja a dì la fila de' perché…!)
sippure tutti! famo certe cose:
magnamo e poi…sur cesso: nun se scappa!
E poi, pò esse prima, pò esse dopo,
sia pure in tanti mòdi differenti,
ognuno, e dico ognuno quann'è 'r dunque
dev'ammollà gni cosa e…così sia!

È in quer fratanto - fra venì e annà vvia -
che nun ce sta uguajanza,
nun c'è demograzzia,
nemmanco su la cosa llì der cesso,
che infatti a chi nu mmagna,
sur cesso…lo pìa solo la cicagna*.
E pòi, pe dinne un'antra,
c'è sta a chi j'è concesso,
e chi n cià gnente tempo pe pentisse…

È perché tutti famo e pensamo ar modo nostro:
quell'antre cose invece - inizzio e fine -
pe quanto er tempo nfra de loro è vario
pe ciaschiduno
o pe natura o artro -
sò già standardizzate
perché er Signore, è Lui! che l'ha penzate.

*la sonnolenza
------------------------------------------------------

Più delle more dei grovigliosi rovi
(a Lisa)

Oggi ti trovo, mora,
nel bosco dei miei sogni, e sei
più mora delle more -
esuberanti morbidezze gravide
di liquorosi inchiostri -
e, per mano - sensoriale scambio
d'ancor più generosi effluvi -
ti prendo e con te cado
ebbro su foglie e ciclamini,
che più dolce e liquorosa sei delle more
dei grovigliosi rovi.
----------------------------------------------------

28 maggio 2010, varata la finanziaria dei "grandi sacrifici". Tagli qua…tagli là…
Ma intanto gli europarlamentari si sono assicurati un aumento di 1,500 euro mensili! Alla facciaccia…!
E i giudici? Che non gli sia toccato un centesimo, sennò son guai!


Li sagrifici…nostri!….
Ce tòcca…! Quest'è 'r tempo, amichi cari,
de fà li sagrifici a tutto spiano!
Dovemo côre tutti a li ripari!
Ognuno deve diventà più umano,

che quei poracci all'europarlamento
ce stann'a ffà na pena! N se pò ddì...
E millecinquecent' euro d'aumento,
è 'r minimo…dovemo da capì…

Li maggistrati - poi…- ce vò rispetto!
E che sarebbe! Annassela a pìà
co ggente, che, porèlla, nder cassetto
n cià manch'er pòco pe poté campà,

E sò anche condannati, poverelli,
a stasse a sentì ognuno assai speciale,
eh, sì, intoccabbile, perché sò quelli
de la giustizzia ch'è pe…tutti uguale.

E c'è 'r Peloponneso…N s' 'o scordamo!
Poràcci, che je tòcca annà in pensione
a manco sessant'anni, e noi ciannamo,
beati noi, guasi a settanta…che Unione…!

Ma de che! Co st'ingiustizzie! Beati noi
ad invecchià ar lavoro! E amabbirmente
ce fanno stà tranquilli, che a mme e a vvoi
ce bloccheno l'aumenti, e finarmente

n dovemo stasse a sciacquettà er cervello
co: "St'arivà, l'aumento, o nun ariva?
E, er contratto volemo arivedello ,
o proprio nun esiste arternativa...
?"

E intanto pe le piazze c'è un mortorio…!
ché 'i bravi sonatori de grancasse *
conoscheno sortanto un repertorio**…
E mo, mej'a sparì: "N sia mai…le tasse…

N sia mai li taji…! Che gne venga in mente!
Sinnò n pìeremo più l'aperitivi***…
E le reggioni, pure: un mar de dente!
Ce sò 'e portrone!…E semo comprensìvi!!
..."

Morale de la favola se sa:
ognuno va dicenno de tajà,
però si tòcc'a llui nun ce vò stà.
Così è pe ogn'artra…solidarietà.
Coll' "artri"… ce toccava da scappà!

*tutti sappiamo quali;
**tutti sappiamo quale
***certi tagli alla politica servirebbero solo per gli… aperitivi (è stato detto)
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

dedicata a Lisa

Tra l'umido odore del bosco
Tra l'umido odore del bosco
e i colori intessuti d'autunno
e il gorgogliare sommesso
d'un ruscello di pace
ho lasciato promesse
di felicità
cadute da sbuffi di nuvole paffute
gonfie di leggerezza.
Tu eri la pupa in bozzolo d'amore
lontano da ogni frastuono:
purezza del volo d'una farfalla.
Rimane il battito d'ali
nella carezza del vento.
------------------------------------

La pensione e il gioco delle "finestre"
che si spostano…Ma la pensioni non vengono toccate…eeehhh!!!


La penzione
e le "finestre"

Te slunghi er collo pe vedé ndo stanno…
Per acchiappall'ar volo co le mano,
pe pìalla mo, e no, chissà in quale anno,
che la potresti pure aspettà invano!

Te dicheno: "L'età rimane quella,
nisun ritòcco: abbasteno sessanta
pe le signore, ch'è n'età assai bbella.
Pe ll'ommini, artri cinque..e l'omo canta

felice, finarmente de sta fòra
dar faticà durato già na vita.
Ma sur più bbello fanno: "Sì, è ora,
però pe mo sortanto pe l'uscita

dar lavoro. Perché, come se sa
ce stanno le "finestre", e la domanna
pe la penzione ancora n se pò ffà…
ch'è la burograzzia che ce commanna.

Tocc'aspettà che viè er momento adatto…
Pò esse nfra sei mesi o anche un anno…
Ma pure più…dipennerà dar fatto
der risparambio che se va cercanno.

Ma noantri, qui, che semo tanto pochi
dar giorno stabbilito pìamo er grano…
Pe voantri…mbeh…è er mejo nfra li giochi
che famo nfra de noi, che man'a mano

spostamo le "finestre" proprio apposta
per abbassà un po'er còsto che ve còsta".

amore di cicale
L'estate breve delle cicale
Frinendo appassionate, le cicale,
intente a idolatrare il loro sole,
si vann'offrendo a lui in sacrificio
lasciandosi bruciare.
-----------------------------

al Camposanto
per consolar chi resta


Nel mondo della pace
Qui dentro trova pace sottoterra
chi per il male, chi per il dolore,
chi per la fame e chi per una guerra
dal mondo fugge per fuggir l'orrore.

La pace or li accomuna
che la malignità qui dentro tace
e neanche il sole e men che men la luna
lo desteranno più, chi, quivi, giace.

Le misure…de la vita
Gni cosa in de sto monno più misura
e più sei n mezzo dio, uno che vale
si sei te a aveccela, e è normale
che nfra regazzi fa più gran figura

chi er còso ce l'ha come na scurtura
cioè grosso e lungo…guasi colossale,
perchè er momento è quello sessuale
e nun avello a norma fa paura.

Crescenno, pòi, ce sò artr'esiggenze:
presempio er conto in banca, che più è grosso
e più ciavrai "amori" e riverenze.

Ar giorno d'oggi tutto viè basato
su quant'è lunga e grossa…è più colosso,
la machina, e 'r parcheggio ch'è occupato,

a la facciaccia d'ogni soprattassa*,
e ingombro de lo spazzio risicato,
che sempre più, deppiù stann'a ffà massa.

*che, chissà perché, non c'è. C'è stata per pochi giorni soltanto, perché poi, qualcuno
che - pure - avrebbe dovuto pagarla, potendolo fare, l'ha tolta…
("ad personam"…?)
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il dolore
Marchia l'anima a fuoco.
Indelebile la mente tatua.
Lentamente il cuore
scioglie
in lacrime di sangue.
È l'ombra che trista ti segue -
a te incatenata - anche
quando il sole riposa -
e del pianto tuo, si sazia.
-----------------------------

Il cane pericoloso, è e resta un pericolo per tutti, anche per il proprio padrone - le cronache insegnano…ma a qualcuno, no! Ma per fortuna, la sottosegretaria Francesca Martini, a Uno Mattina del 13 Maggio 2010, ha annunciato la misura risolutiva: il Patentino!

Il patentino per cani
Nemmeno il tempo adatto a uno starnuto,
che quella brava sottosegretaria
boriosa - e tanto basta - mandò all'aria
la lista d'ogni cane più temuto,

che dopo centinaia di sbranati
qualcuno di buon senso, finalmente!
aveva fatto uscire - legalmente
approvata da tanti deputati -.

E adesso s'è inventata il "patentino",
che "dà la garanzia" che la ferocia
(che per istinto all'improvviso sfocia
da un cane che diventa un assassino)

sia pure essa stessa scancellata,
ché "infatti" il cane non ne ha mai la colpa…
La colpa è del padrone, se ti spolpa,
e raccontando quest'altra sua bravata

sorride…è assai felice…oh, ma quanto!
Ma quanta cretinaggine ci scappa
da un sol cervello! Almeno che una chiappa
le strappi via un morso insieme al vanto

di fare quel che fa…Ma riconosce:
"Il cane che non sia ben educato
può essere un pericolo, è assodato…".
Ma allora, capocciona, nelle cosce

ce l'hai il cervello? Se è pericoloso,
davvero basta dare il patentino,
ed un padrone non è più cretino,
e il cane tristo cambia in amoroso?

Ma allora diamo armi a tutti quanti,
però col…patentino, ben inteso!
Così, nessuno più verrà offeso,
e neanche spareranno i lestofanti…

Poi, quando il cane ancora sbranerà,
magari addirittura il suo padrone,
diremo: "Aveva tanta confusione…
la colpa è della nostra società…".

La mano longa de la tribbutaria
La mano longa de la tribbutaria
se va slonganno come llà in Eggitto
quell'ombra nera che da su pe ll'aria
farciava ogni fanello ner traggitto.

Nun cià pietà e nisuno pò scappaje
a quell'arpiona si te pìa de mira
e gira, gira in tonno, e daje e daje
acchiapp'a ttutti…quelli che je gira…!

Si ciai quarcosa in tasca, pure a quella
s'attacca e vò na parte e devi dalla…
E si trovasse…embeh, sarebbe bbella…
na cosa tenerella e calla, calla?!

Però ciaivoja a ddì: qua ognuno strigne
perché sempre deppiù s'allarga er giro
de chi ner piatto tuo ce deve intigne,
e sempre più vann'abbassann'er tiro.

Si poi verà…baffone,
je tasseranno pure er sonno ar ghiro,
e pure er letto a chiodi der fachiro,
ma sempre in nome dell'integrazzione
ch'è bell'a ddisse e fai un figurone
e ammascheri quer muso da vampiro:

"Che pure si n sei ricco sei più ricco
de ognuno meno ricco,
e in ogni piatto ricco…me ce ficco!
"
E quest'è 'r motto suo…che mica è micco…


Home page  Lettura   Poeti del sito   Racconti   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche