Poesie di Salvio Terreni


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



E tu non senti come sbattono le porte sulla ringhiera,
sulle coste orientali dove lasciavi ciocche di capelli sparsi
quando venivo a cercarti,
e come si increspa il mare dietro le ciglia
quando le strisce viola del cielo
si fanno nel vento della nostalgia
alla bocca di una promessa,
e il frastuono di un urlo dimenticato
con l'acqua di laghi di paglia facili al fuoco delle vertigini
da quando non ci troviamo, eppure giorno.

Sembra la malattia delle foglie quando cadono
e non pensano a dove vanno, anche se l'erba le aspetta,
sembra non importi a nessuno,
come l'Oriente, dove tutto lontano,
e questa strada per l'Est che sembra un inganno,
eppure c'era del vero quando mi accarezzavi,
dietro questo cancello lasciato socchiuso,
giusto uno spiraglio
per vedere cosa rimane dei tulipani
che mi disegnavi addosso con gli occhi,
quando fuori c' silenzio
e io cerco ancora i lasciti di rosso.


Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche