Poesie di Vladimiro Rinaldi
 (apoesidi)


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



Ida non -ti -scordar -di -me
- La poesia bella come una cattedrale -
disse un giorno , e aggiunse :
Ma non un verso mio.
Era onesta Ida, poetessa vera
di versi sui ciottoli di sentiero
Vi aggiungeva fiori spontanei disegnati
Coi pennarelli..

La compagnia delle poetesse e dei poeti
preziosa , inestimabile beato chi la ha.
Bisogna meritarli certi certi doni di Dio.

Vere

Madonna delle periferie.

Chi sono le poetesse e i poeti ?
Non mi riferisco a quelli vip
ma a chi si dona col corpo e l' anima
Facendo del bene
A persone e animali abbandonati


Ida Bitorzoli la poetessa
Sorella di sogni perbene
semplici come quelli delle bimbe e dei bimbi

Ed amica mia
Di poesia .


Passa la veloce come la luce del un flash
La vita.

Voi politici siete tutti colpevoli
Delle sofferenze inflitte alla povera gente
E alla natura e all' ambiente.

Io difendo

Le povere anziane e i poveri anziani
E i diversamente abili ( i/le disabili)
Creature fragili e d' amore tanto
straziate e straziate
Umiliate ed umiliati
Dai cosiddetti tu-non Sai-chi sono- io

Del predominio
Del classismo becero istituzionale

Despoti insulsi
Nei palazzi del potere ed in altri dicasteri
Assisi
E dell' l'indifferenza e l' incuria
Artefici

Della povera ed onesta gente

Alla periferia di Roma
....................

Copenaghen ,21 agosto 2017
Poesia inedita, registrata, di
Vladimiro Rinaldi (apoesidi)


Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche