Poesie di Gerardina Rainone


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



Regalami un sorriso,non altro.
Le labbra sfiorate,l'intreccio di mani,
lontane alchimie di ricordi sognati,
di sguardi rubati,di progetti mai nati.
La forza di un'idea che sia emozione
di un'altra epoca,
di una diversa dimensione.

Scriverai un giorno sulla mia anima ancora
il poema infinito della nostra storia,
di versi struggenti,di armonie stridenti.
Parole vive di lucente bellezza
velate solo dall'incertezza.

Era sabbia tra le dita
quella che scivolava via
o la mia vita?
Volevo urlarlo nella notte buia,
volevo gridarlo senza parole,
quelle dell'anima che non uscivano
ma si avvolvevano come l'onda.

Avrei voluto dirti tante cose
pių di mille petali di rose,
ma il tempo č passato e tu...
non mi hai pių amato.

Afferro la mia anima
Applausi a scena aperta,
si recita a soggetto,
dei sensi si apre il sipario
come pagine di sensuale diario,
e maledico quel giorno
che ha incrociato i passi tuoi
nel segno del destino,
provai quell'emozione
che dei sogni č la nazione,
rimpiangerti fa male
e la voglia sale,
nell'incedere serale
ti avvicini a me
con fare un po' regale.
Ancora pretendi il mio profumo,
respiro la passione
mentre il cuore consumo,
anche se ormai non mi appartiene
non voglio che mi disprezzi
afferro la mia anima perchč non si spezzi.



Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche