Poesie di Giovanni Mascellaro


Home page  Lettura   Poeti del sito   Racconti   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

 


Giovanni Mascellaro, nato a Palermo dove vive e lavora come musicista, compositore e pianista. Scrive, altresì, articoli come opinionista per diversi quotidiani economici e riviste accademiche.
Da annoverare, tra le sue altre attività, la pittura, la letteratura, la filosofia, l'esoterismo e le composizioni poetiche.

One day you’ll know
One day you'll know what real love is
And you'll realize how much you meant to me.
In vain you'll be searching for me
And then your heart will begin to break.

My words of love will be a far, far memory;
You will want to feel me close to you
To tell me that you love me.

You'll know the pain of thinking
Of our joyous and passionate moments
While far from me whom you now love.

You'll see that it is very hard
To love one who no longer loves you!

Sabràs
Algùn dìa sabràs que es el amor,
entonces comprenderàs cuanto te amé.
En vano me buscaràs y sufriras lejos de mi.

Mis palabras y mi gran amor por ti
seràn un lejano recuerdo que desearas sentir de nuevo,
querras decirme que de veras me amas.

Ahora. Lejos de mi, sabras lo que se siente.
Recordaras las horas felices y apasionadas
que viviste conmigo, y que ya no estàn
pero que desearias sentir de nuevo.

Quizas quieras decirme que me amas.
Al fin sabras el terrible dolor que se siente
Cuando se ama a quien ya no te ama.

Como quisiera...
Como quisiera de ti poderme olvidar
de tus caricias y tu sonrisa.

Como quisiera poder también olvidar
aquellos momentos que juntos vivimos.

Pero siempre vives dentro de mi
aunque no estes mas aquí !

Y cada istante te veo delante de mi;
de todos mis dias tu eres mi grande obsesión.

Y aunque esta sea una locura,
estoy feliz porqué te siento a mi lado.

Desde que tu te fuiste
estoy solo y mi vida es vacía .

Como quisiera aun decirte
que te amo tanto hasta a morir!

Come vorrei...
Come vorrei dimenticare
i tuoi sorrisi e le tue carezze.

Come vorrei poter scordare
quei dolci attimi vissuti insieme.

Ma tu sei sempre viva in me
anche se non sei più qui.

Ormai son solo e questa vita mia
è tanto vuota perché sei andata via.

Ma in ogni istante ti vedo innanzi a me:
sei l'ossessione di tutti i giorni miei.

E anche se questa è follia,
son felice d'averti in me!

Come vorrei poterti dire
che t'amo tanto ancor fino a morire.

Saprai…
Saprai un dì cos’è l’amor
e capirai quanto t’amai.
Invano tu mi cercherai
e soffrirai lontan da me

Le mie parole d’amore
saranno un ricordo lontano;
vorrai sentirmi vicino
per dirmi che mi ami !

Saprai cosa vuol dire
pensare a tutti i momenti
di gioia e di passione
lontano da chi si ama

Saprai allor cosa vuol dire
amare chi non t’ama più !

Ed infine …
Ed infine lontani,
divisi dal “sempre”;
senza l’ansia di dover
più sapere del domani o del quando.

Mai storia fu più densa
di nascosta e bruciante passione.

Resta solo il ricordo:
un’amara memoria di giorni
in cui tu, come angelica grazia,
mi ispiravi musiche e rime
che d’incanto nascevan già tue.

E mentre ormai,
tutto ciò che fu gioia
si converte in dolore,
scorgo Te che, beffardo,
dall’alto mi irridi, compiaciuto
d’aver spento il mio cuore!

If you...
…if you decided so, do as you like!
Why not erase then my face, my voice from your memory
as well as the words I never told you and you claimed to understand?
But never, I say that never will you be able to extinguish
the melodies I composed for you ‘cause you have no power over them.

My music will remain eternally cool to your ears
even though you should happen to listen to it again long after
because it belongs to you and it will be yours forever!

Amore
Profumo di zagara sale
e lieve per l'aer si spande;
mi fermo, lasso viandante,
all'argenteo rivo che scorre
e, felice, ne ascolto il suo verso.

Vibran le corde d'Orfeo
e, mosse dal soffio di Pan,
le messi e le foglie,
con un canto sublime e soave,
fanno giungere al cielo
la parola che più ad esso ci lega:

amore!

Tus ojos...
Qué otros ojos...
podrian compararse
con tus ardientes ojos negros?

A ellos se agarra todo mi ser;
ojos suaves en el amor...

Qué otros ojos podrian
compararse con los tuyos?

Qué bien conoces el arte
de hacerte amar y cuanto me encantas
tambien cuando te vuelves celosa...
y me atormentas sin cesar.

Te adoro y me gusta todo lo tuyo,
tu ira y tu amor...

Tranquiliza tu alma:
siempre estaré a tu lado
porqué eres mi sueno realizado,
y aunque me cueste la vida...
vivré por hacerte feliz.

Mi dulce amante, siempre diré:
"Mara Isabel, te amo ! "

Fiume
Scende il fiume e corre e ride e canta,
contento d'esser tanto corteggiato;
tra tuoni e lampi, al sole è legato
e la terra l'abbraccia e se ne vanta.
 
     Come al passaggio d'una reliquia santa
     dalla natura viene salutato,
     e par che tutto abbia generato
     un ruscel di poesia che l'alma incanta.
 
Tu sei la stessa,  fiume di bellezza:
lampi sono i tuoi occhi che mi hanno abbagliato,
terra questo mio cuore e tu sei la sua ricchezza...
 
   Tu santa ed io "devoto" inginocchiato,
   tu,  fiume tutto amore e poesia,
   che vita dai al mio cuore assetato.

Odio…
Troppa la rabbia per tutto
ciò che ci separa e ti ricorda…
Odio questa distanza e questo tempo
odio i rigori del tuo clima ed il mio sole;
odio questa nostalgia e questo vuoto senza fine
come la tenerezza che m'hai profuso…
odio la mia musica e la poesia dei nostri incontri
odio il tuo amore e le tue incoerenze
e questo dolore che mi fa sragionare.

Odio questo istante, il domani e il sempre
e questa mia memoria che mi impedisce
di dimenticare….

Lasciami....
svegliare i tuoi sentimenti addormentati
con i miei versi e la mia musica di una speranza..

Lasciami aprire il tuo cuore senza frapporre ostacoli
mentre siedo sull'orlo del suo abisso senza fine

Lascia risorgere le tue emozioni appassite
attraverso le mie sciocche risate e
e le mie lacrime di luce ed ombra.
Rivivranno così le tue sensazioni dimenticate
con il mio stesso delirio, con la tua sensualità ed il tuo istinto...

Lasciami invadere i tuoi giorni con questo amore lontano,
senza promesse, senza alcuna meta
che vive adesso nell' anima tua.

Ayer
Ayer me sentiste
rozando tu cuerpo
como invasor invisible,
sutilmente impalpable.
Y mis dedos se convirtieron
en tus manos apasionadas.
Abrieron y cerraron puertas,
asaltaron tus caminos oscuros,
incendiaron profundidades.
Y, en el momento del delirio,
de la dicha conseguida,
Sólo dije tu nombre ...
Amor...

Se...
...Se lo hai deciso,
cancella pure dalla tua memoria il mio volto, la mia voce,
persino le parole che non ti ho detto e che tu, invece, hai addirittura intuito...
ma non potrai mai spegnere le melodie che ho composto per te:
non hai alcun potere per riuscirvi!

La mia musica resterà eternamente giovane al tuo orecchio,
dovessi anche riascoltarla fra tanti anni,
perchè è "tua" e ti apparterrà per sempre !

Quid superest?
Qui io ti cerco,
dove si muovono le ombre ferite dal mio dolore.

Assorto, guardo nella memoria:
i tuoi occhi, accesi nel ricordo,
brillano come luci ferme
nella caligine della mia esistenza...

Rievoco le ore di un passato ormai lontano,
quando travolti da una forza arcana,
capace di innalzarci sino al cielo,
trascendevamo i limiti del mondo
e, soavemente avvinti, col nostro amore
fecondavamo l'universo intero.

Cosa rimane di quegli attimi sublimi ?
Nulla, se non l'amaro vagheggiar di un cuor
che, inerte, assiste al mesto abdicar
delle passate gioie alle crudeli pene
di cui ora son pregni tutti i miei cupi giorni,
scanditi da un'insanabile follia
che ancor mi fa sperar nel tuo ritorno !

Y aquí estoy...
Mirando la pantalla silenciosa.
Acariciando tu nombre iluminado,
en un idilio con ese pequeño recuadro
donde tus sentimientos, tus palabras,
aparecieron por arte de magia.

Escucho tu voz a través de ellas,
descifrando intenciones, compartiendo sueños...
Por unos minutos soy parte de tus secretos.
Por unos minutos mi alma te toca.
Por unos minutos tú estás aquì y yo estoy allà.

Después, doy a una tecla precisa y
vuelve a estar cada amor, cada ternura,
cada soledad en su sitio ....

Fra tanta gente...
Guardare te e non poter parlare;
chiudere gli occhi per poter sognare
attimi d'amore..istanti d'infinito.

Sederti accanto e dover finger niente,
come un estraneo di fronte a tanta gente,
ma esser felice di poterti amare tanto.

Comme une fois
Comme une fois,
nous serons toujours ensemble,
comme une fois,
c'est à toi que je devrai toute ma vie.

Auprès de moi
tu trouveras le feu qui brûle:
auprès de toi
je comprendrai qu'il n'y a de vie,
aucune vie sans toi.

Dans me bras , comme jadis,
le paradis nous sourira si bien
et dans ton coeur , tu comprendras
qu'il n' y a que moi
dans l'Univers pour toi.

Tu pourras bien faire sans moi
le tour du monde,
mais je serai à tout moment
auprès de toi avec mon âme.

Accanto a te...
Accanto a te non odo più il sordo rombar del vento;
vicino a te è pace e luce,
mentre sull’arcolaio fiabesco della tua mente
s’avvolgono i tuoi più rosei pensieri.

Accanto a te il silenzio è radioso sorriso
riflesso dai tuoi occhi teneri;
e quando tu mi parli, sento le ali vellutate
della soave gioia che mi inonda...

Vicino a te si spande l’ammaliante profumo dei fiori
che, insospettato, s’ insinua per magia nella mia vita.

Accanto a te tutto diviene dolce ed etereo,
come carezza e rugiada ed alito divino.


Home page  Lettura   Poeti del sito   Racconti   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche