Poesie di Ciro Germano


Home page  Lettura   Poeti del sito   Racconti   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

 

Nun po' murì quadrato
Scatto di rimando alla stupida domanda
della richiesta... continua ed assurda.

Dei miei tanti difetti, è il solo imperdonato,
nel corso della vita s'è anche accentuato :
questa è la reazione ...alla provocazione,
quando la miccia è accesa ...c'è la detonazione

Contrariamente al sàlice...
che della neve esso si scrolla;
io son come la quercia,
che della stessa il ramo spezza
o
inversamente alla sabbia...
che assorbe il moto continuo dell'onda;
io son come lo scoglio...
che della corazza granitica infin lo spoglia.

Lo so, sono perdente e non mi pento ...
e,
analogamente a ciò che si dice dalle mie parti:
chillo cà nasce tunn ...nun po' murì quadrato

Chillo cà nun vuleva niente
In tutti gli argomenti egli non c'entra ,
per qualsivoglia discussione è latitante.
Appare distaccato e noncurante,
da tutto ciò che avviene circostante.

E' poco incline al dialogoe distante.
Il portamento, di per sé , molto elegante,
e,
alla domanda specifica del suo allontanamento
risponde : non vedo del perchè del mio subentramento;
nei discorsi di congiunti...io non c' appartengo,
per quelli che possano essere, un domani, i loro orientamenti
ma poi,
in salotto, dopo la dipartita, in tema di suddivisioni,
il suo piano studiato, prende forma nelle ripartizioni
ecco che,
tira fuori : penna, carta e calcolatrice, dalla mente
elencando , uno per uno , tutti quanti gli elementi
ma questi ....
non era quello che diceva di non pretendere un bel niente ?
Mi sa...
Cà chisto vò trùvanne a vàvera... cù tutte i dienti

U' cane e presa
E comme stà spùntuta stà sàmenta...
pare cà tène n'cuollo i guai i tutte quanti.

Stà tutta n'cùrruvata e tutta storta...
comme s'avesse pèrz i pisci a d'int a spòrta

E' gialla n'faccia, e tène u muss asciutto ...
pè chella cosa da jere c' aggia fatto

E c'aggia fatt i male ….a chi aggi' accise ?

Sul pècchè so stato affettuoso è un po' galante,
pè chill 'innocente bacetto alla badante?

E che cè stà i anormale ...addò sta u stran ?

O forse pècchè ha visto cà sta mano...
stèv' appuggiata n'copp a bòscapane ?

U' problema nun è chisto e nun è chillo,
aggiu' capito, e stàvota nun mè sbaglio...
cà , è sulo na questione ...e portafoglio

Ecco ù pecchè fa a scuntrosa, pà apparì gelosa ,
comm'è tutti i cani presa …
l'uoss cà tène mocca...stritt d'int i dient
nun ù vò mullà, a nàta...accussì facilmente

U' scàrtellato
U' sto guardann , e so rammaricato
A' chist a sciorta òver à maltrattato.
Stù pover marònn... sta n'guaiato,
pè mezz i chella spina sturzellata

E' curt , bruttulill e mè fa pena
pè chesta sufferenza senza fine,
e,
comme si nun bastasse ...d'int ù liett
cù chesta gobba , po', ca tène m' piette...
quantè a sera e s'avvicina à sposa
sèmpe cù stess dubbio : fòtt o vaso ?

Pecchè , considerata chesta cosa...
nùn po' fa , n'zieme , tutt'è ddoje e cose ,
e,
chistu fatto antico... è stato esteso …
a tutt chill cà vònn , contemporaneamente,
soddisfatte ...chiù pretese,
e ,
quale meglio simile riferimento è chiù appropriato ?
Sè no' chillu du scartiell.... i stù pover disgraziato !

A castità ... vùtato
Tèng a càpa cà me vota ,
pè i problemi in quantità...
mò me vaco a fa nù giro,
ù rione a Sanità

N ' mieze a tutt' i bancarelle
guard' a chesta e guard' a chella
ma, pè mè so trasparent ,
tèng voglia ì nun fa nient

Sorridente ed ammiccante,
s'avvicina nà signora :
per favore , mi sa dir l'ora ?
Si , signnora sòng e l'otto !

A chest' a vèco predisposta …
e chesta è certo , sé tene a posta ,
quasi , quasi cè dèss nà botta …
e sì po' faccio fetecchia ?

Ma, stàmmatina non è jurnata
pà n'ività a bèvere nà limunata...
mè vène a mente ù dett'antico :
“ cà pè stà bbòna a capa i sotto …
addà stà bbona a capa i copp “ ...
e, chella i copp... nun sta bbona …
p'affruntà chest' occasion

Avòta ù ciuccio e torn 'a casa …
e sòng , pè oggi, a castità... vùtato

I' piglià... ì distanze
Sòng i quatt dà màtina,
e stòng allèrt d 'int a cucina,
mè n' aggià fùiut à d'int ù liett,
pècchè chella, à là sòn' a trumbetta

Essa mè dice : cà dì sùon ,
sòng peggi' ì nù trumbone,
e , ù post ' i cè fa n'arrupusata,
cà sé spàrano i cànnunate

Poi, ci stà nù ronfa ronfa,
e s'abbòffan ì palluncini
tutta a nùttata ...fin' a màtina

Mè vùless fa nà dùrmuta à cristian
e stò pensann, cà m'aggià sistemà n'copp ù divan

Nà vota , cè stèv l'ammore e chiù pàcienza
e, cè s'addùrmeve stritte ... panza e panza ,
mò, è sùbbentrata ... nà tal' intolleranza
cà tè fa sultant penzà ì piglià... ì distanze

Sul nù poco...
Còmme stai ?
Oggi stò bbùon … mè sènt nù liòne !

Téng sul nù poco ì pression....
dovuta a chesta stran' aggìtazion,
pè l'analis ' alterate, i stù fegat n'grussato...
poi...
è risultat , pure , nù poco i glicemia,
insieme a n'elevata azotemia...
cè...
stà stù dolore aret ' a spalla ,
cù nù risentiment d 'int' e palle...

Teng sul nù poco i prostatite...
pè l'adenoma cà risulta essersi ingrandito …
poi...
nù poco i dèbulezza , e d'int' è cosce nà stanchezza
cè …
stà stù còre accellerato cà batte , batte all'impazzata
pècchè, forse è n'ammurat o pècchè tutt scassato ?
Ma,
cù l'uocchie mè difend...tèng ì lent 'ingrandiment....
e,
pè fèrnì pure nù poco i depressione ...
cà sarà chella cà poi , m'aiutarrà a mè stènner,
anticipatamente là ... d'int'ù cascion ,
ma,
mò mè sent forte... comm'è nù felin...
si nun fosse sul ...pè sti dolori aret 'e rìne

Fràt …e sore
U' vèch serio ed accigliato,
e pure , molto preoccupato.
Stà scrivenn...
a nù bùon quart d 'ora,
e Ie teng n ' cuorp nù terror.

Chistu mè mette suggeziòn,
tèng a diarrèa d' int ù cazone...
e chesta …pè na cattiva digestione ?

S' aìza, e mè cùnsegna sta ricetta ...
é ' na cura ca' và fatta in tutta fretta !
Mè rassicura soddisfatto sugl' effetti...
e m'accumpagna sorridendo fòr a porta,
ma primm, m'indirizza à segretaria …
per l'esoso esborso ì l 'onorario.

Ma , chesta scena...
Ie, già l'aggia vista... n'copp i quartier,
addo' i signurine ….vendòn ù mestier

Ma, che c'azzecca …
Ie , mò stò ... addù professore,
ma, vuo' vede' ...cà chisti sò fràt e sore ?

N' esercit i suldat
Tène i zizze alt' è liscie,
cù nù cul gruoss e tuost;

na capellèr reccia e nera
cù nu pass ' e nà pantera ;

cù dùie uocchie malandrin
cà nun gùardan ...vicin....
...chèlla ù sàpe cà stà bbona,
ma, fà fint dù gnurà.

Sotta sotta , però sbircia...
pè vedè si tu t'appìcce.
E' nà bona ...zùcculona ,
t'ammisura a pressione.

Sotto ù braccio dù marit,
par quasi n'ammurata ,
ma , a chest' aggià capit...
cà stà troppa n'foiatata,

e pà renderl ' ammansita ,
cè vò sul ...n'esercit i' suldat

E' pure dà mia ?
Stòng n' miez a tanta gente ,
assèttat e tèng mènt
mò , mì n'quadr à tutt quànt ,
tant ccà se perd tiemp,
ci faccio a diagnosi veloce ,
primm' i trasèr dà i miedic

Cè stà chille... zitt e mùt,
cà nun parl e non bisbiglia
non favella e nun s'appiglia...
chèsta certo è pucundria;

poi, ci stà chill i r'impette.,
stà parlann già a doje ore,
tène sempre n'argomento ,
comm'è ù moto dà marea...
senza dubbi è logorrea;

stà nà femmen agitata,
parla...parla, e mòve i mane ,
ù marò chè frènnesia...
sòn sicur ...è nevrastenia ;

nàta affianco , è peggi ' ancora,
guarda fiss' a tutt quante,
quasi pront ' a fà nù scatto,
stò mùrenne dà paura ,
mentre penso à patologia...
ma è palese... è schifofrenia;

stà guagliona guarda n'terra
cù ostinata riflessione,
aggia' capito , subito...
chèsta è vera depressione

Mo' me ferm e faccio pausa.
Voglio, mò, pensa' a me stess...

Ie me vède comm 'è chisti …
qualche cosa i tutti quanti !

Vuo' vedè , che e cheste malatie …
chiù i qualcuna... è pure dà mia ?

Totale capitolazione
Una proposta per risolver la crisi...
è semplice, e senza alcuna pretesa,
appare utopostica, oppur presuntuosa
ma , invito a riflettere su tale cosa :

fuori uscire di “ corsa “ dalla Unione,
per l'ammissione della total “confusione”
e porre un freno, così, alla globalizzazione.

Prediligere i consumi di nazional produzione;
incrementar la ricerca, la pesca e le coltivazioni;
valorizzare il turismo e le storie delle antiche regioni,
e risolvere il problema dell'immigrazione.

Negoziare “ bilateralmente “ la commercializzazione,
e per gli altri... imporre i divieti d'importazione.

Combattere l'evasione...e la corruzione ,
ripristinare i valori della moralizzazione ,
e guidare il Paese con diligenza e passione,
riprendendo in pugno la situazione ...

al di la, di chi ...governerà la Nazione ,
intervenendo prima ancora della...totale capitolazione

Primm' è m'arrènder...
M'aggia fatta vicchiarèll,
tutta ossa e pellecchièll,
cà dentiera, quatt zill ,
e cu' i coscie à bancarell;
senza zizze, e ù cul muoll,
poca carne teng n'cuoll...

mà , na vota er 'a chiu' bell,
du' quartier “ puvrièll “...

e capille chìn è ricce,
comme ù nir è cuorp a sèccia;
e cù l' uocchie azzurr ' e mare,
é na vocca curallina;
m'piette e aret dòje culline ,
Mamma mà ...che figurino!

Quant' auciell vulavan …
sulamente cù penzier …

Mò dà scarpa ...sò ù scarpone,
e nun sé move ù capitone...
dorme n'copp a chèlla coscia,
e nùn sé scèta manco sì ù scioscio

Me vulèsse fa l' ùrdeme sfrènata …
primm' è m'arrènder dannàt

Vestiti di niente
Pronti… per il viaggio ?

E’ inutile scongiurare,
toccare ferro e forse grattarsi,
occorre prevedere, senza intristirsi.

I beni acquisiti di valore terreno
rimarranno qui, insieme alle spoglie
con lo stesso destino, del polverizzarsi .

Egli, già, lo disse in tempi non sospetti,
di non legarsi, eccessivamente, agli oggetti,
e che ci saremmo presentati al Suo cospetto
accompagnati solamente...
dalla coscienza …e vestiti di niente

Come i licaoni
M’osservo allo specchio ,
e mi vedo già vecchio.
Disconosco il mio viso,
appare,quasi, un’ intruso,
ma, è l’età che avanza,
devo prender coscienza .

E’ giunto il momento
degli esami speciali…
quelli che rimpinguano
le tasche professionali,
con i soloni in attesa,
pronti e pazienti ,
a formulare diagnosi,
dietro cospicui proventi

I salvatori di vita…
solerti nella missione,
esplicano con devozione
la professione,
tutt’intorno alla preda…
come i licaoni

L' incosciente
Sono proprio rovinato
per quel ...nodo che ho creato,
era meglio andasse carcerato
anziché essermi impicciato

Sono stretto in una morsa
e quant'è che me ne esco ?
Non ho alcuna alternativa
e sono quasi alla deriva

Tutto questo ?
Perchè sono un deficiente !
Nell'aver fatto da garante
ad un emerito ...incosciente

La prassi ricorrente
Adesso mi alzo, e corro al computer,
aspetto da ieri che lui mi risponda.
Visiono lo schermo, nel mentre mi vesto,
dopo una doccia e una colazione fugace.
I bambini son pronti per andare a scuola,
e tra poco sarò del tutto sola.

La casa è in disordine, e chi se ne frega
per il pranzo c è tempo, e per i servizi il rimando,
ora, è il momento dei contatti virtuali...
quelli dell' esaltazioni emozionali.

Ecco ! Leggo...è lui dall'altra parte
l'amore sublime ,quello da sempre agognato...
colui che mi eleva all'eccesso delle fantasticherie
col suo modo di amare ...col suo modo di dire

L'ho visto solo on line fisicamente,
e m'accontento, per ora, averlo nei contatti virtualmente,
ma, non escludo , e probabilmente
che ci si possa incontrare realmente
almeno questa è ....la prassi ricorrente.

Con convinzione spietata
E’ la dannazione divina per eccellenza…
gioie e dolori per i maschi in calore.
Detta da secoli le condizioni…

…a cominciare da Eva che con la sua circuizione
indusse Adamo alla trasgressione,
e,
che dire del povero Giovanni il Battista
che , grazie a Salomè, ci rimise la testa ?

Per non citare...
la bella Elena che seducendo Paride…
fece insorgere la guerra descritta nell' Iliade,
e,
di Marcantonio, il prode romano, che Cleopatra
gli fece perdere la vita , oltre che la patria ?
La storia ne è piena di gesta nefaste
e tutte inizianti per merito... dell'ignara creatura,
simile, tra le femmine della natura,
alla più pericolosa: la mantide religiosa...

...che, nel mentre si consòla col maschio “fortunato”
già pregusta di divorarlo... con convinzione spietata

Final decisione
Voglio far qualcosa di nuovo, oggi, intendo variare.
Per alleggerire la monotonia , ho deciso, mi voglio suicidare.

Ma, i modi sono tanti ed io voglio essere originale.
Voglio passar alla storia, e rimaner nella memoria
come colui che ideò qualcosa di diverso, dalle solite e banali soccombenze

Voglio inventare qualcosa di non cruento,
considerato che alla vista del sangue svengo,
e che odio le armi ed i corpi contundenti ;
qualcosa di diverso dai soliti veleni
visto che soffro di problemi all'intestino ;
qualcosa di eccezionale, veramente,
sotto tutti gli aspetti , attualmente , inesistente.

Ecco ! Ho trovato il sistema, che al trapasso mi darà la fama

M’afferrò di soppiatto quando manco me l’aspetto...
con le mie stesse mani , stringendole alla gola e al collo
come in una morsa …fino al tracollo

Son convinto dell’idea , essa avrà un gran successo,
servirà anche a coloro che han deciso...d’ammazzarsi all’improvviso

Penso, e mi rallegro del gran genio che son stato,
codesta operazione, però, la rimando alla prossima occasione
l’importante è aver le idee chiare per la …final decisione

Se...disgraziatamente
Applica la legge voluta dall'Uomo
promulga giudizi ed emette sentenze,
detiene il potere, in terra, del Padre Eterno
ti condanna al purgatorio,oppure all'inferno...
e,
questo va bene, per i poco di niente...
ed i malviventi,
ma,
quando la condanna è per un'innocente,
che viene additato come un delinquente
incappato nelle maglie inconsapevolmente...
ecco,
che la legge dell'Uomo diventa un'orpello
e,
occorrerà aspettare, per la riabilitazione,
solamente ...
il giudizio finale dell' Onnipotente,
e,
nel frattempo ...

si langue... in attesa ... o in un cella
bruciando l'esistenza disgraziatamente

Il rapporto derivante
Il corpo si staglia al viso,
ed è anche molto invitante
Che faccio?
M' avvicino?
Accorcio le distanze ?
Sono molto titubante!

Sono giorni che si è muti
accompagnati da tensioni
per le grosse incomprensioni

Sai che faccio ? Ci rinuncio !
E, sopprimo le mie avances

Adesso che ci penso …
con le mie esuberanze,
potrei anche trovare
delle grosse riluttanze
che ferirebbero,
e certamente,
l'orgoglio delle mie spettanze

Verrei meno ai principi
da me sempre sostenuti,
che hanno stabilito
che il rapporto si concreta
prima in linea verticale,
per esser, poi,
soddisfacente...
in linea orizzontale

Quindi , assertore
della tesi
me ne assumo le colpe,
e vado avanti
con ferma convinzione

E, nel frattempo ?
Mi alzo dal letto..
e vado a guardare ...
la televisione

L’avaro
Vorrei sfatare la leggenda che vede l’avaro un’egoista,
per me , egli è un grande altruista.
Accumula, sacrifica la vita
per lasciare, poi , agli altri…di gioire

Ricordo un’ottantenne …
che per ottenere un maggiore rendimento
vincolò in banca tutto il suo avere per oltre un ventennio;

s’ingegno’ di risparmiare anche sul consumo della luce
accendendo , la sera, i ceri all’occorrenza ;

utilizzava il contagocce , per l’olio da versare,
ed esponeva la pentola al sole sul davanzale ,
per riscaldare prima l’acqua da bollire ;

non aveva prole ,né radio, né televisione ,né la vettura
e cercava di evitare di mangiare…
per non andare in bagno, consumar la carta,
e scaricare lo sciacquone.

Un uomo dedito all’austerità inflessibilmente
che spende la propria vita severamente
e conduce un’esistenza miserabilmente …

e solo per godere , dopo morto, della riconoscenza dei parenti,
i quali lo penseranno nelle preghiere… perpetuamente

Naturalmente ammesso
Che strano l’amore…
nel mentre si ama con tutto l’ardore
sei attratto altrove con lo stesso calore.

Ma, se lei ti piace e ti rende felice
perché sei distolto dal pensiero tenace ?
E, se fosse normale un cosi portamento ?

S’estinguerebbe,di per se, il tradimento!

Le regole imposte alla natura…
fin dai primordi dell’umana avventura,
quale distinguo dai cugini animali
adducono il motivo della “ ragione “
a soppressione della naturale attrazione

Tutti liberi a palesar il “ sentimento “
senza alcuna remora o vessamenti ,
ognuno ad esprimere le proprie emozioni
sicuri e decisi delle attinenti intenzioni

Un’apertura totale
per gli afflitti del sesso
tutti ad esigere ciò che fosse …
naturalmente ammesso

Se fosse...
Oggi mi sento come una peste!
Mi sono alzato col mal di testa
devo prendere,subito,una bustina
o ingoiare,immediata, un'aspirina

Il capo mi scoppia come un pallone
e se fosse, per caso, la pressione ?
Dovuta a quel vino e a quella abbuffata
che non m'ha fatto dormire per l'intera nottata

E se fosse , invece, qualcosa di grave ?
Ma, dai non ci voglio neppure pensare...

i prelievi,l'eco, la tac, la risonanza,
e gli esami speciali...
mi fanno star peggio al sol nominarli

Mi voglio convincere ed esser ottimista,
e di una cosa che devo evitare...
le mangiate di sera...quali gozzovigliare

Voglio emularlo...
Voglio emularlo...per l'ottimismo.
Ci riuscirò, col simile sorriso stampato
a lenire la fame, ai pensionati,disoccupati e cassaintegrati.

Voglio emularlo...per la variegata imprenditoria.
Con i capitali e le banche , mi ci ritrovo in piena armonia.

Voglio emularlo...per i contatti di potere.
Non vi sono problemi, alla fine, basta solo volere.

Voglio emularlo...per la parlantina, ed la sicurezza.
Con un po' di scuola appropriata, otterrò l'uguale scioltezza.

Ed infine, voglio emularlo...
per la sua faccia, che non cambia colore
nel dire, promettere...e del non mantenere

Ma qui, l'argomento si complica:

dovrò chiedere a lui, personalmente...l'insegnamento
o farmi assegnare, per le lezioni,uno dei suoi tanti amici di merenda,
o altrimenti rivolgermi ai concorrenti, in materia...anch'essi competenti.

Il pavido
La cascina è in fiamme ,
c'è un bambino lì dentro...
Lui corre , col secchio,
al vicino torrente

C'è un uomo in mare,
stà per annegare...
Scappa, di corsa ,
la gente a chiamare

L'innocente
è da un mostro adescata...
Si limita, alla polizia ,
una telefonata

Le rimostranze per strada,
per il caro vita ...
E' d'accordo , da casa ,
e segue la partita
Necessita sangue , in ospedale ,
per non morire...
Non può donarlo,
la vista dell'ago lo fa svenire

Dignitosa fuga
La totale indifferenza
confermata dai silenzi,
una grande indignazione
per le tante incomprensioni,
e com’equa variante
anche gli occhi fulminanti

I contrasti sono tanti
e le parole inesistenti.

Gli spazi son racchiusi
e l’aria asfissiante,
con l’ipocrisia di casa
quale ospite insediato,
e come atto finale…

la sera, nel talamo nuziale,
ad ulterior riprova
dell’ostilità profusa
ognuno sulla sponda,
e con le spalle rivolte …
in dignitosa fuga

Naturale senso
E’ stato …
circa un tempo fa !

Ricordo come allora,
nel caldo pomeriggio
col frinir delle cicale
e l’aria tersa
L’attesa,
e le vie semideserte,
lievitavano , ancor di più ,
l’evidente emozione
della prima volta …
il magico scenario era perfetto

Ecco !
Che appare da lontano
l’evanescente immagine
che, adesso prende forma,
e si materializza

Gli sguardi si confrontano
e accentuano il sorriso,
con la voglia di conoscersi
la brama di ...concedersi

Dalla ferrovia…
In questo mattino
stupendo,
colmato
dall’azzurro del cielo
assaporo
i profumi d’un tempo

Rivedo…
la gente distesa
e sopita,
ed i bagnanti che
s'avviano al mare
col loro soffuso vociare;

le barche
all'ormeggio
nelle acque quieti,

ed il treno
che passa sinuoso
col suo fischio
armonioso
tra il mare e le case ;

i bianco/rosa
oleandri
attaccati alle mura,
e
della fontanella...
il gioco continuo
dello zampillo

Un riquadro...
finito
dai tanti colori,
da immortalare
su tela
da un valente pittore

Una minestra riscaldata
Nel mentre,
per la strada camminavo
toh , guarda! Chi incontravo ?

Un’ intima, vecchia,
cara amica che ,
con lo sguardo i nostri occhi ,
per un lungo breve attimo
si son parlati

Il cuore batteva forte ,
l’emozione al viso era intensa,
e parimenti il tempo
s’è fermato in un momento

Son riapparsi
i bei ricordi d’ innamorati
che la memoria
in un baleno ha rievocato

Gli occhi fissi ,
dell’uno nell’altra ,
per un istante…ma,
hanno desistito nel prosieguo
della sequenza vissuta nel passato…

il protrarsi ,
avrebbe avuto solo il sapore ...
di una minestra riscaldata

Eccelse emozioni
La venere mora
dagli occhi decisi
è, ora, confusa
nei pensieri amorosi

La dolcezza,
l’acume,
la devozione dell’uomo
l’hanno coinvolta
nel piacevole evento
del magico gioco
dei sensi.

Dominatrice,
imperterrita
la dea dell’amore
è frastornata…

e s’abbandona
al gorgo gioioso
dell’esilarante turbinio
dell’eccelse emozioni

Niente di nuovo
Ho deciso...
adesso basta !
Non c’è
altra soluzione ,
quest’amore è inappagante
e non vedo
alcun futuro…
maledetta lontananza.

Si !
Mi dai dolci sensazioni
encomiabili emozioni,
a sentirti mi rallegro
e mi batte pure il cuore,
e...
con te ho pur capito
anche l’Essere che sono,
ma,
ti giuro e ti prometto
che per me rimani l’unico
e,
in qualsiasi momento,
su di me...
potrai contare.
Sei d’accordo
con me…vero?
Son d’accordo ?
Certamente !

Anche perché
nel mentre…
mi tornava in mente,
un vecchio detto dialettale,
di per sé sempre attuale…
“ cà l’ammore ì dint ù liett…
…fa scurdà chell dù piett “

Quale definitiva approvazione ….
dell’ estrema conclusione

La morale
Aspetterò,
ancora un poco,
per potermi separare
i bambini sono piccoli,
e potrebbero traumatizzare…
…ma, prometto, all’occasione,
andrò via, senza alcuna esitazione

Son trascorsi alcuni anni,
i bambini, son adulti,
e nonostante le lauree acquisite,
non si riesce nell’intento
a trovar occupazione.
Pertanto, quell’evento
lo dovrò procrastinare,
a data da designare…
…ma, giuro, che al momento,
scapperò via,
senza alcun ripensamento

I figli , nel frattempo,
son diventati genitori,
un altro lasso di tempo,
è già passato nel contempo,
adesso sono un quasi pensionato,
con le risorse,
del tutto loro deputate…
…ma, ho promesso ed ho giurato,
che sono veramente intenzionato
a porre fine a questo stato disagiato
e, certamente fuggirò
dalla mia cella di carcerato

Ma, adesso che ci penso
dopo tanto tergiversare,
mi sta sorgendo un dubbio,
che devo dissipare …
non è che il rimandare ,
e il rimandare, ancora,
la decisione fatale….
sia stata condizionata …
dalla mia morale ?

Naturali pretese
E’ superba,
e sensuale negli occhi.

La pantera…
è pronta a ghermire

Conficcate,
nella pelle le unghie,
con lo sguardo
mirato al piacere…
e l’uomo ,
soggiace al volere

S’apprestano
al piacevole evento.

Le labbra carnose,
un po’ tese,
disposte…
alle naturali pretese

L'illusione
L’amore sofferto,
ricercato e implorato
ora è vivo,
ardente nel cuore
e conclama
il diritto alla vita

L’etereo,
nobile sentimento
aleggia nell’aria
ed esalta
la beltà e il candore,
elevando
lo spirito al cielo

Incombe l’amara,
vincente realtà
e l’assurdo fato dissolve ...
l’illusione del sogno

Bella, come una primavera
Bella come …
la natura in primavera
dominata dalla lussureggiante
infiorescenza

Semplice come…
Il fiore incolto nel campo
emanante l’insito profumo

Generosa come…
l’atollo che allevia
le sofferenze del naufrago
e imprime la speranza

Passionale come…
il lampo in notte stellata
che squarcia il cielo…
e segue il boato

L’involuzione
Quand’ero bambino, non sempre,
si mangiava la sera, e al mattino:
tutto incentrato,
nel piatto della mezza giornata.

Fagioli con pasta, t’avanza e ti basta,
se aggiungi un tozzo sul fondo,
avrai mangiato anche il secondo
Cosi, mi raccomandava la mamma,
col sorriso profondo.

La miseria motivata
dallo scontro dei popoli per
la ricerca delle risorse per molti .
La guerra era da poco finita ,
e la speranza tanta per migliorare la vita.

Nello spazio, da allora,
l’ascesa costante verso le vette più ambite,
e la vita evoluta oltre ogni eccessiva misura

Ora, la miseria determinata
dagli interessi economici di pochi
a danno delle borse di tutti

La discesa è iniziata,
ci si prepari, di nuovo, a digiunare…
cominciando a pensare,
alla colazione e alla cena…da saltare.

Lasciarmi volare
Aspettando la fine
sto fuori al balcone,
a guardar gli aquiloni
che in alto svolazzano
coi colori d’arazzi
festosi e ridenti,
e par che intuendo
il pensiero cruento

invogliano e dicano…
perché non l’anticipi ?

Un salto da esso
nel vuoto sul fondo
risolvi in profondo
il problema in affondo

Il consiglio l’accolgo
perché reale e concordo
m’appresto, pertanto,

allo slancio in avanti
ma, mi rendo, poi, conto
che non sarebbe efficiente
in quanto alloggiato…

su un piano rialzato

Dovrò, allor, rimandare
e di conseguenza aspettare
per poter traslocare …

almeno su un attico solare
per poi …lasciarmi volare

Perdenti e ...vincenti
L’ammetto e lo dico…sono un fallito!
Detengo il primato dell’inetto incallito.
Le scelte centrate sui cavalli perdenti,
con la iella incollata del non dominante
Alla continua ricerca del giusto binario
risultato , poi ,sempre l’esatto contrario,
ma ,chi se ne frega , oramai, c’ho il callo,
una volta soffrivo quando spesso sortito
adesso sorrido quando la sfortuna m’ arride

Non sono da solo nelle traversie,
sempre con molti in compagnia
anch’essi perdenti, ma, che sia pandemia?

Ci si conforta per non esser, per niente, trionfanti,
pensando al domani e al mondo...
che ne farà a meno di noi , indistintamente,
dei perdenti, ed anche dei fortunati...vincenti

Sono Io, il capo!
Anche se con reticenza
son citato raramente,
di certo è conclamato
Io, del corpo, sono il Capo

Metto tutti sugli attenti
basta per me solo un'appiglio
e immediato creo scompiglio

Il cervello mi fa un baffo,
e agli altri organi fò sberleffi

Al signor centralinista...
in un baleno lo depisto,
gli sprigiono nebulose
consentendomi la chiusa,
e lo mando cosi in crisi

Pùdico, schivo,riservato
sono quasi innominato
ma, è opportuno precisare

Io, del corpo, son ' il Sovrano
non per niente ...Io sono l'ano

L’iniquo destino
Ho spento
il fuoco che ardeva
violento,
e deviato il fiume
dei sentimenti…
verso altro destino

Ho soppresso
il cuore con la ragione,
e soffocata…
la voce dell’egoismo

Ho annullato
l’amore...
per consentire l’amore

Inverosimilmente
Il giorno è bello,
per il sole ,
che da luce e da calore;
i color della natura,
e per il mare;
per il canto degli uccelli
e per potere lavorare,
per parlare ,
passeggiare…
ed infine per viaggiare

Ma , la notte
anch’essa è bella …
per il candore della luna,
e le stelle in firmamento;
per le lucciole d’estate,
per la pace tutt’intorno,
per amare, per pregare…
ed infine riposare

Inverosimilmente,
c’è reciproco compendio,
che soddisfa,
egregiamente
le domande pertinenti
con risposte esaurienti

Verso l’incognito
La stella,
apparsa dal nulla
dall’immane universo,
ha portato,
per un attimo breve
luce , calore,
e tanto amore ...
all’animo umano

L’invisibile filo
che lega gli amanti
è reciso ...
dall' illusione
del fatato sogno

L’astro prosegue
la sua folle corsa…
verso l’incognito

Sorte benigna
La sorte benigna
ha disposto per altri
il tuo dolce sorriso,
la tua verve di donna.

Ho letto negli occhi
il leggiadro candore,
il cuore ti è casto,
come d’allora.

Persistono nell’anima
i sogni della fanciullezza,
e l’innocenza è sul volto
con aperta schiettezza

Invidio quell’uomo benevolmente
cui la fortuna gli è stata ridente,
quando…
la sera ti si mette accanto
e tu gli elargisci il sorriso smagliante

Spero che…
alla benevolenza egli sia grato
per questa donna che gli ha regalato

Tutti matematici
C’è il problema della casa
per i costi della spesa;
poi, c’è quello della moglie
in disaccordo con i figli

C’è il problema del marito
che fa i conti sulle dita,
e anche quello sanitario
per gli esborsi in onorari

C’è il problema del lavoro…
e chissà quanti altri ancora

L’inversione degli addendi
non comporta cambiamenti,
con i dati da sommare …
poco o niente da sottrarre

Non c’è equa proporzione
né probabile equazione
per uscire dal dissesto
di cotanti operazioni

Anche Lui non fu sottratto
dalla regola del conto
per risolvere il problema
e sfamar la popolazione,
fu costretto ad applicare …
la moltiplicazione

Scoppiato... di salute
Il buffet all'aperto è pronto...
per essere assaltato.
S'avvicinano...
dapprima circospetti,
guardandosi tutt' attorno
per poi sferrar l 'attacco devastante

Gli uni addosso agli altri...
a contendersi :
le tartine e le frittelle, le pizzette e mozzarelle
i crocchè e le patatine, il melone ed il prosciutto
in un baleno , ed anche meno,
lo stand è del tutto... depradato...
potrebbero, anche , tornare a casa
per quello che hanno divorato.

Le cavallette adesso in pausa ...
già pregustano la successiva ondata
Ecco !
S'intravedono i camerieri con le portate...
son tutti pronti con le posate a dar l'affondo :

spaghetti con le vongole , pennette con la panna
carne ai ferri con verdura , pesce alla griglia con patate
birra, vino a fiumi, insalate, melanzane e peperoni per contorni..

e qualora non bastasse , perchè i gusti sono tanti
basta chiedere allo chef ...per le varianti...

e , nell'attesa dell'assaggio della specialità del ristorante
che risulta essere una minuzia (pasta e fagioli con le cozze)...
c'è il sorbetto di limone , per promuover la digestione ...
poi la frutta , i dolcetti ,
la torta , lo spumante ed i confetti.
Questa guerra , finalmente... è terminata...

Sono tutti con le pancie gonfie come otri,
rossi in faccia e annebbiati
abbuffati come dei maiali, non c'è il fiato nemmeno per salir la scalinata.

Domani, di sicuro, leggerò un manifesto di qualcuno morto perchè scoppiato
contestualmente al bambino del terzo mondo... che morirà affamato

L’avvoltoio
Avaro nel sorriso,
quasi sempre pensieroso,
non ti fissa con lo sguardo,
e appare un po’ distratto,
ma, attento ad ascoltare

Col volto imbronciato
appare indifeso.
Sei rilassato al suo cospetto
e gli tendi la mano,
se occorre

Egli, però,
da acuto osservatore
è paziente, e lungimirante,
e aspetta il suo momento
per sferrare l’attacco devastante…

simile all’avvoltoio,
che infierisce sulla preda…
agonizzante

Il politico
Non è per niente trasandato
anzi , d’aspetto ben curato
ha il sorriso accattivante
e gli occhi penetranti

Sul volto serio
non ha battiti di ciglia,
i movimenti ben dosati
ed i gesti equilibrati

E’ compito
con i gomiti appoggiati ,
e non parla con toni altisonanti

Un giocatore di ramino
ogni mossa all’occorrenza
e senza alcuna espressione
sul viso d’emozione

In comune col serpente ?
Il sangue freddo, il veleno
e della pelle… il mutamento

Il fisco
Ti perseguita,
dal primo vagito
vorace e accanito.

Per non perderti
durante il percorso,
ti marchia come
le bestie all'ingrasso,
assegnandoti
il codice d'identificazione
per meglio comminare ...
le imposizioni

Diventa di diritto
il tuo socio di fatto,
e accampa pretese
dagli utili attivi...
nel mentre, indaga
sulle uscite passive

Da inquisitore
applica con grande fervore
imposte, balzelli, sanzioni
e interessi di mora…
appellandosi anche ,
“ allo studio di settore “

Conosco una sola categoria
cosi avida e di facili guadagni,
per far dei paragoni,
ma, forse sto sbagliando ...
quelli sono i “papponi”

Superenalotto
La schedina vincente…
me la tengo stretta tra i denti,
c’è un posto ancor più sicuro
ma nell’antro profondo…si deteriora

Sono rosso violaceo e grondo sudore,
mi guardo allo specchio …
e l’altro me stesso
che mi fissa negli occhi.
Abbasso lo sguardo…e simulo niente

Giro per casa da solo e intontito
Il campanello che trilla , è il vicino …
che abbia intuito ?
Il cellulare che squilla , è l’amico…
che abbia capito ?

Mi sento osservato, spiato,
col cuore che batte all’impazzata,
dalle pareti e dal gatto…finanche nel fiato

Devo aspettare … per dopo arraffare
sperando di farcela con quest’affanno
augurandomi ,intanto, solo lievi malanni,
e pregando, che il destino non diventi beffardo

Ora è opportuno fingere niente…
e continuare la vita da nullatenente,
in agguato vi sono :
il fisco, i parenti , i conoscenti
e dulcis in fundo …i delinquenti

Mi sta sorgendo il dubbio …

Che si, la mia vita è cambiata
ma, che si sia ancora di più complicata

Delusione
L’amore vivo,
sentito,
in cui credevo,
disperso nel nulla

L’amore sincero,
covato nell’animo
generoso e sublime,
svanito nel niente

L’amore gentile,
premuroso,
quello vissuto
col sorriso degli occhi,
che non ti fa dormire
e che ti fa pulsare il cuore,
tradito col sogno

L’amore elargito,
donato,
quello riposto, ma …
verso l’amore sbagliato

La gelosia
Suscita negli amanti
l’effetto del possesso,
li fa apparire sciocchi,
a volte anche infantili.

L’uomo
confonde il termine,
il di cui significato
è malamente interpretato

La gelosia
non è il diritto
nel detenere il soggetto…
essa,
è tutt’altra cosa…
qualcosa d’inspiegabile,
d’arcano,
e, di quant’altro strano,
che,
da solo l’illusione
negli amanti
di possedere privilegi…
inesistenti.

All’amico simpatico
Se fossi femmina ti circuirei
e con molto garbo ti conquisterei,
all’impazzata m’ innamorerei
e tutti i tuoi gusti soddisfarei.
in un vortice di sesso ti coinvolgerei…

…e tale proposta la esplicherei
anche, nell’ipotesi ,
che io fossi un gay…

ma , la sorte , in questo caso,
ti ha alquanto deriso
perché chi ti scrive….
è di tutt’altro avviso,
e qualora volessi sapere,
per il fine della lieta novella
sappi che il mio gusto
è il rincorrere solo gonnelle

Gli impossibili amori
Il sogno si dissolve
al chiarore dell’alba,
come l’onda rigonfia
contro gli scogli

Esso compensa
il disagio reale,
inebria ed esalta
l’immaginazione.

Con gli occhi serrati
appare concreto,
magnifica e colora
la squallida vita.

Rende impotenti
i vili pensieri,
e porta giustizia
alle menti stagnanti

Annulla la reale
terrena materia,
divinizza ed esalta…
gli impossibili amori

Rintocchi di campana
Nella pace più ovattata
del silenzio del mattino,
dei rintocchi di campana
mi ridestan dai pensieri

Essi son ben' auguranti
per il giorno che è nascente

Il rumore celestiale
di codesto tintinnio
m'allontana dagli affanni
anche sol per un momento

La nobiltà d’animo
La nobiltà dell’animo
è per voler Divino,
essa è inoppugnabile
dall’umana gente,

E’ causa d’invidia
e di grandi incomprensioni

Guardinga , diffidente
la gente mormora, bisbiglia,
e intanto abbassa gli occhi
davanti al suo passaggio.

L’alone la magnifica
e con regale bellezza,
rigetta gli sguardi …
con trascuratezza

L’aspetto gentile e fiero
dello stemma donato
per Voler Supremo
procede imperterrito,
verso il suo destino,
ignorando lo sparlar...
perfino

L'autunno
Il vento stacca
dai rami frondosi
le foglie ingiallite,
nel plumbeo cielo
non c'è traccia d'azzurro,
e la tristezza alberga
nel cuore
per l'amore lontano

A che serve lo sconforto
per l'iniquo destino,
quando lo stesso
recide alla madre...
il proprio bambino

Mille altre cose
Vorrei addormentarmi,
tra le tue braccia
col viso reclino
verso il tuo seno;
ascoltare i battiti
del tuo cuore,
e inspirare il profumo
della tua pelle;
le mani strette
intorno al tuo corpo,
con le gambe infilate
in mezzo alle cosce
e il mento poggiato
sulla mia testa ;
sentire l’alito caldo
del tuo respiro, e le dita
che scivolano sul petto villoso,
ma, solo dopo, aver fatto con te...
mille altre cose

Il professore
Un drappello d’infermieri
che ne anticipa il passaggio,
i parenti dei malati
stretti al muro in corridoio.
Ecco! S’intravede,
il folto gruppo
dei docenti sanitari

C’è grande soggezione
alla vista del primario
la stessa commozione
di una Sacra processione.

Il volto severo e pensieroso,
come si conviene alla persona
ascolta con dovizia
lo staff che lo attornia,
e, ad ognuno la risposta esaustiva

Che aspetto straordinario,
che intelletto e che benefattore
un uomo eccezionale…
un uomo da lodare

E’ trascorso qualche giorno,
guardo la televisione,
e i titoli che scorrono...
toh , chi vedo ?
Ma , quello è Il professore !

Non è attorniato questa volta
dall’equipe sanitaria ,
ma, dalla polizia…

Arrestato il valente luminare …
per pedofilia

E’ superfluo ogni commento ….
vige nel cuore…
solo un gran squallore

Controvertibile antipatia
Strette sottobraccio
vanno come due comari,
condizionano i rapporti
sociali e familiari.

Le avverti sulla cute
non appena l'hai vedute
parimenti ai sentimenti
dell'odio e dell'amore

Di per se molto volubili
e facilmente discutibili...
è la storia,
che conferma della gente
l'incostante coerenza.

Il Cristo sulla croce,
molto probabilmente,
fu anche li mandato,
perchè in quel momento,
risultò, alquanto, aborrito...
bensì, prima, osannato

Contrariamente all'altro
sorto, invece, gradito
quando,prima,condannato.

Perciò concluderei...
visti i risultati,
in base al detto esempio,
dei repentini mutamenti
innescati dalla gente,
che occorre solo sperare,
senza innescare strategia,
che alla fine, ci sia...
una controvertibile antipatia

L’epilogo
Il pensiero s’invola
alla ricerca della verità.

L’aver vissuto
molto o poco,
è servito a qualcosa
o a qualcuno ?
Chissà…

Gli errori commessi
sono stati tanti,
e tutti compiuti
senza alcuna riserva.
La vita imperniata
sulla morale.

Non c’è rammarico
dall’aver errato…
tanto è umana codesta cosa
ma , nel cuore rimane
molta amarezza e delusione

I dubbi e le angosce
sono quasi alla fine,
e come tutti gli attori
protagonisti e non,
anch’ io m’appresto
ad uscire di scena…
conscio dell’aver operato…
molto o poco ?
Chissà …

E, come affermato
dall’illustre poeta …
è demandata ai posteri
l’ardua sentenza

Giovinezza negata
Gli occhi ,
scrutano il vuoto,
al di là , oltre il muro.

Col pallore di cera
si muove spettrale,
sorretta da mani amorose

Mamma e papà silenziosi
col sorriso morto sul viso,
accanto a quel fiore,
anzitempo, appassito.

L’andirivieni continuo
dall’igiene mentale…
tra camici bianchi e ricette,

con la speranza racchiusa
col dolore… nel petto

Più vicina
Stasera ti penso,
molto più intensamente.

I versi dettati dal cuore
racchiusi,da sempre,
in uno scrigno dorato
escono dal limbo
di una stasi forzata
ed esprimono pensieri
mai riversi finora.

I sogni d’amore
d'eterna fanciulla,
libratisi...
col dolce sorriso
e gli occhi ridenti,
da me son raccolti.

Bocciolo di rosa,
costante nel tempo
bisognoso d’amore…
stasera,
ti sento a me…
più vicina

L’età
Sei dolce e gentile
senza alcun dubbio,
e ti piace anche ,
divagare con me,

ma, con garbo
e delicatezza,
all’improvviso…
inventi una scusa,
per scappar di filato.

Lo avverto sai,
che aspetti un amico
ma, dimmelo chiaro
che me la svicolo.

Non sono un puritano
che ti condanna,
e so benissimo
quello che accade.

L’amore trapela
al minimo indizio
e poi, diciamoci
la verità…

tu mi piaci anche
ma, anch’io sai
devo rispettare
la serietà…
della mia età

Scattisti
Io sono uno scattista
lo riconosco,
percorro dieci metri
in un secondo…
mi sale il sangue in testa,
e in uno scatto d’ira
sarei, per l’altrui mano,
anche pronto per morire

Ancora più di me
un mio cognato…
un vero superman,
un vero eroe.
Lui , in men che non si dica,
riesce ad esser più veloce…
della luce.

Un giorno, a Porto Cervo
in quell’ambiente fine,
e danaroso…
solo perché delle “cornacchie”
molto aggressivamente,
com’è noto, nello stile vacanziero
del posto e del momento
tentarono d’occupar, prima di me,
il parcheggio…

scattò come un’ossesso,
ad alta voce e a più non posso,
riempiendole d’improperi,
che non oso nemmeno riportare
ma , che ancora adesso…
mi fanno dalle risa sbellicare

L’agognato traguardo
Ostento il coraggio
che non ho mai avuto
schiavo da sempre
delle mie paure

Vago nella ricerca
della simile anima
anch’essa , in attesa
della meta felice

L’incontro dei sensi
trapassa gli indugi
l’indole è mite,
e innamorata della vita

Il volto è sospeso,
di colei che non vedo
e l’ imprimo con forza
nella mente

Sogno per ore…
i sensi si trasfondono
con le onde, nasce l'amore
casto e innocente,
o passionale d’amanti,
ognuno , a suo modo
quale ultimo scopo…
l’agognato traguardo

Riunione di condominio
Ognuno, contro tutti,
e tutti contr' ognuno.
Un abbaiar di cani che
s' azzuffano per niente

Ciascuno espone
le proprie motivazioni,
immancabilmente respinte,
con disapprovazione

Nessuno vuol pagare
la bolletta straordinaria;
s’nficiano le vetuste
tabelle millesimali.

Si rinnovano i rancori
per quella vecchia
concessione.

Si discute degli abusi,
e delle aree in pertinenza...
e blà, blà, blà,
e ancora blà, blà, blà...
all'eccedenza

Ognuno è vittima
dell'avverso condominio...

e dopo ore ed ore
di accanite discussioni,
senza arrivare a capo
d'alcuna conclusione

Solo per la stanchezza,
si ripongono...
le spade nelle else

Sei! Tutte d'un fiato
In tema di balle
e di chi le racconta
un collega d’ufficio
non teme confronti

In qualsiasi discorso
e qualsivoglia argomento
è sempre lui ...
ad avere la meglio

La balla più grossa,
che un giorno produsse,
fu quando
parlammo di sesso...
e delle performance ...
della prima notte di nozze

Ciascuno raccontava
la propria esperienza
ma, quando venne
infine, il suo turno...

con un sorriso sornione
che già faceva intuire,
l'ennesima sconfitta ,
disse :

...me ne son fatte sei
tutte d’un fiato,
e la settima
sotto la doccia
perché nel frattempo...
mi ero accaldato

Il sinistro corriere
Bene accetto,
sé allevia il dolor
della vile sofferenza,
a vantaggio dei grossi patemi

Apro la porta socchiusa
dall’illusione della vita terrena,
scevra da gioie e liete novelle

Innanzi a codesto finale
è vano proteggersi con gli amuleti
nella speranza di essere immuni
dall’obbligato naturale passaggio

Il sinistro corriere, instancabile…
ghermisce in ogni momento

Il percorso è sancito
Il percorso è sancito
per volontà Divina

Ognuno porta addosso
il fardello delle pene
pregno di paure
dalla nascita alla fine,

Sperare in positivo
fino all’ultimo,
e ringraziar l’Iddio
per tutto ciò che Egli concede

Lottare,
allo stremo delle forze
per godere,
dell’aurora del giorno dopo.

Alzare gli occhi al Cielo
e rasserenarsi…
col sorriso dei propri cari

Simile all’aquila
Il fascino che emana
con gli occhi incisivi
la rendono agognabile
agli uomini

Essa è grata alla natura
per la sua magnificenza,

e spezzerebbe gli indugi
pur di concedersi…

ma , simile all’aquila
nella voliera è prigioniera ....
e sopprime l'amore

Come le fronde
E’ arduo
cercar di capire
l’animo umano,
esso, è pregno
di mille misteri

E’ assurdo e illusorio
tentar di frenare l’impulso
come le fronde…
accarezzate o sbattute
dal vento

Il cuore s’accende
e s’invola…
o si spegne e subissa,
con lo stesso ardore
e con lo stesso valore

La domenica
Il mio volto
è scuro,
come l’anima
ed il sorriso
non m’appartiene
con la tristezza
che incombe nel cuore

La domenica è mesta
raccoglie i pensieri,
e induce alla riflessione
degli atti dovuti,
e di quelli incompiuti

Il rammarico domina
i miti monologhi
innesca nella mente,
grigi presagi.

Che mal celata invidia…
per l’egoista

Par condicio
La vita è di tribolazioni,
dalla nascita alla dipartita
tutti,con addosso il carico
delle sofferenze.
Le gioie sono poche,
e , a volte , inesistenti
Allora chiederei,
alla Superiore Onnipotenza…
visto che Egli ha fatto
tante cose belle,
e d’ importanza di decretare
con Divino emendamento
che venga uniformato
lo stesso trattamento,e che :
“ a uguale sofferenza …
ci sia uguale godimento “

Chi l'ha visto ?
E' quel programma
che insiste e persiste
nell'accanita ricerca
del marito fuggiasco...

che, un giorno d'estate,
anziché andare al mercato
scappò alle Maldive...
di corsa filato

E' quella trasmissione
che insegue e persegue
con l'unico scopo
di acchiappare
il marito smarrito,
per riportarlo
alla moglie triste
che, nel contempo...
ha perso il vitto,
il domestico,
e gli agi previsti

E' quel mezzo invadente
che non lascia scampo
per la ricerca tenace,
della povera vittima
che , una volta trovata,
la sua metà....

...per il grande amore
il posto di sua spettanza
gliel'ha conservato...

nella cuccia insieme ...
all'amico fidato

Commercio lussuoso
Filmati d’inermi animali
rinchiusi dapprima,
in gabbie di ferro,
presi col cappio,
e tramortiti per terra
scuoiati vivi…
per vender la pelle

Scene mostruose,
d’inaudita ferocia
di carni straziate
dal boia impietoso,
perpetrate ai danni
delle indifese creature
dagli gli occhi
che imploran la morte,
che avvenga immediata e veloce
col business che procede lucroso
per soddisfare…l’umano lussuoso

L’ ignominioso commercio
Non esistono leggi ,
se non blande od effimere
da sempre si vieta,
nel mentre si concede
I puritani lo condannano,
ma, non lo ripugnano
è il commercio più antico
che l’uomo tramanda

Dalle caverne, il baratto
con la prestazione in natura,
e nell’era moderna,
i magnaccia che lucrano
sull’ignominioso commercio

Di secoli ne son passati ,
ma nulla è cambiato
lo squallore del sesso…
perpetuo nel tempo

Il mandante
Il boss da dentro
impartisce comandi,
gli sgherri da fuori
pronti all’agguato.

La sete di uccidere
non è per niente placata
quanto la brama …
del proprio potere
la legge fatta
da codici e morte

La bestia feroce
murata viva
e tra i ferri
ha speso la vita
per detenere il dominio

ma, di notte,
negli incubi
delle sue atrocità
sogna dannato la libertà

L’innocenza
La tiepida aria,
col cinguettio degli uccelli,
tra i pini marittimi
e le ginestre,
l’aroma di resina,
il profumo dei fiori

Nel magico alone,
i colori, le gioia e le risa
festose del gioco gaudente

I capelli dorati
riflessi nel sole,
le gote rosate,
la fronte perlata

L’azzurro del mare
nel profondo degli occhi…
l’innocente creatura

Le urla strazianti
zittiscono i suoni
e l’angelo ignaro,
profanato ed offeso
dall’essere immondo…
simile all’Uomo

Spiga di grano
La malinconia
t’alberga nel cuore
sei nata con essa,
e permane in te stessa

E’ un sentimento dolente
che t’ammansisce
ma, ti consente di rifiorire
ancora più forte

Ti distingui
per l’innata modesta,
essa per te non conosce confini,
e cammini con scarpe basse
per non fare rumore,
sei schiva e discreta

Ti credi nessuna,
ma, il giudizio
non è di tua pertinenza.
La sentenza è degli altri
di coloro che ti stanno vicino,
che t’han conosciuta
e che hanno capito…
la tua vera natura

Sei simile
ad una spiga di grano,
ricca di chicchi d’amore
e di umana saggezza

Il fiume
Il fiume scorre
veloce verso la valle,
trasporta tutto ciò
che convoglia nel letto.

Aggrappato ad un legno
scivolo via…
tra le acque impetuose
laggiù, verso il mare

Non c’è maniera
di frenare la corsa smodata,
ne é consentito
uscire dall’acqua.

Sommerso,
dai detriti e dal fango
aspetto, nolente, la foce
quale traguardo

La vita…
è simile al fiume
che corre, travolge
e tiene in balia l’anima
fino alla fine del viaggio

Dormire
Dormire,
per sognare
e non pensare;

col sognare,
la cruda realtà
annullare;

col rumore,
nel silenzio
incantare.

Dormire,
per non soffrire,
e nel mentre, sognare,
languidamente... volare

L’ anima
Granuli di sabbia,
gravati da siderali lontananze,
nell’immane universo...
le stelle

Frammento di polvere
nel quadro Divino…
L’ Uomo

Fantastico,
meraviglioso connubio
di astrattismo e realtà

L’isolata,
microscopica
invisibile Entità,
invola l’Anima,
libera l’Amore
e irrora ...la volta celeste

L’acquazzone
L’acqua che scende
dal cielo copiosa,
disseta la terra
che è polverosa

L’acquazzone d’estate
è beneaugurante,
rinfresca le membra
e rinfranca le menti

Da sollievo alla gente
stanca e ansimante,
inorgoglisce i campi
i fiori e le piante.

Ravviva i colori
con l’arcobaleno
e inebria di gioia...
per la frescura

E’ solo una goccia
nel deserto assolato,

ma, quanto basta …
per sentirsi rinati

Giocare virtualmente
E’ un campo assai minato,
perché , alquanto variegato
La fauna è vasta,
e diversa nella specie,
il fine ultimo, e quasi,
per tutti lo stesso…
cercare le persone per far sesso

Si creano situazioni coinvolgenti,
si scrutano le tendenze
e s’osservano le movenze

E’ una spirale misteriosa
ed avvolgente,
e per evitare rischi
occorre selezionare
Si mettano da parte i volgari,
i maniaci e i depravati,
e nonostante siano osservate
le cautele che il gioco impone …

può anche capitare,
come a me è successo,
di poterti innamorare,
e che, dopo mesi di estenuanti
tentativi d’incontrarci ,
e di vederci in viso…

scoprir d’aver intrecciato
una relazione con mia moglie,
nel contempo, anch’essa impegnata…
a giocare virtualmente

Davanti allo schermo
Ecco! Ora entro
col pseudonimo di sempre
saluto, per prassi,
la marea virtualmente
qualcuno, alquanto ,
risponde celermente
gli altri , tra loro,
a parlar animosamente.
I nomi sono strani,
bizzarri ed arcani
molti inventati, volgari
o alludenti rappresentanti
la multi specie festosa,
costituita da gente sana,
ma, anche mostruosa
I dialoghi si aprono
con grande fervore,
I racconti sono tanti,
molti espressi col cuore,
occorre la sensibilità
d’intravedere il soggetto
per poi, intraprendere
gli argomenti oggetto.
Le discussioni
procedono per ore
si conversa su tutto,
dalla famiglia al lavoro.
Tra persone cortesi
si stabilisce l’intesa,
e l’amicizia, a volte,
si trasforma in amore
Bella la chat…
se questo è il suo fine

Ma , la cosa che odio,
e che più mi ripugna
son coloro che entrano mirati,
col sesso in pugno :
i maniaci perversi
e le ninfomani di turno
pronti a dar sfogo
ai loro complessi interiori
davanti allo schermo…
con infinito squallore

Inversamente proporzionale
E’ bella d’aspetto,
slanciata, formosa ,
solare e graziosa.

Ha qualità che la rendono
donna ammaliante :
i capelli fluenti ,
con la bocca carnosa ,
il seno altezzoso
le cosce marmoree
e il didietro colline…

ma, quando apre la bocca
ed esprime pensieri …
occorre subito porre rimedio

“ un bavaglio stretto tra i denti “

e nella malaugurata ipotesi
che riuscisse a parlare,
ti rendi subito conto
della sua intelligenza ,che è
inversamente proporzionale…
alla sua avvenenza …

E’ solo un involucro esterno,
ed io …non mi accontento

La stupidità mascolina
L’uomo, per sua natura,
è stato sempre definito
un poco sciocco.

I detti proverbiali abbondano,
in maniera eccezionale,
sulla sua lentezza;
l’apprendimento
e il cogliere le occasioni,
non fanno parte della sua sveltezza

Questo difetto
lo vede in netto svantaggio,
rispetto all’altra parte,
di cui tutti i proverbi,
sono d’ unico appannaggio

In parte, è anche vero,
quel che da sempre si professa
madre natura non l’ha
beneficiato del dono dell’astuzia
e, a dimostrazione di questo,
un detto dialettale recita:

“ Fà chiu’ a’mpress
nà femmn a truvà na scusa,
ccà nù sorece a s’infilà int ù pertus “

Ma, quella che più di tutte
conferma la regola
della stupidità mascolina ,
è chiedere :
(dopo la prestazione,
e la stabilita corresponsione
alla donna dedita alla prostituzione)

…ma tu m’hai amato veramente
e sinceramente ?

L’antico mestiere
In questo contesto
gioioso,
s’arrogan il diritto
d’esser licenziosi.

lo stuolo di frustrati
e depravati,
è pronto all’attacco
nel chiedere il sesso

Ecco, che appare l’invito
che sembra allettante,
i convenevoli
fan perdere tempo
e si fa prima a chieder l’intento

La masnada di assatanati
si fa avanti
verso quel nome
che sembra invitante

Si va subito al dunque,
in barba alle regole,
alle buone maniere
ed al corteggiamento…

è la prassi corrente
del fare sesso virtualmente

Immediata è ,
la risposta del falegname
che inneggia…
il suo antico mestiere

Double face
Il palco è animato
dal grosso vociare,
esse propense
e disposte a chattare.

I cani di fronte
con la bava alla bocca
son tutti eccitati
dal prendere l’osso.
I colori assumono
tonalità diverse,
ognuno si mostra
con l’altro aspetto.
Le femmine timorate
diventano audaci
ed i maschi timidi
si mutan in voraci

Sono messe al bando le ipocrisie
e tutto un crescente… di frenesie

Chattare e sognare
La fantasia è di rigore
in questo gioco curioso,
una moltitudine di anime
lo rende gioioso
I nomi bizzarri ,
a volte un po’ matti,
è un circolo aperto
dai magici effetti
Appaiono e scompaiono
le figure di estranei
ma , ti senti attratto da alcune,
le senti vicine.
Sei calamitato dal video
e da questi soggetti
che certo, di molti,
non ne vedrai mai il volto
Rimane il ricordo del magnetismo
nato dalla realtà…dell’astrattismo

Solo
Solo, coi pensieri
delle mie angosce,
e delle domande
senza alcuna risposta
Solo,
nella tristezza
della mia nitidezza,
nel conflitto perpetuo
con l’immane grettezza
Solo,
nella superbia
della mia fierezza
o nell’umiltà
della mia timidezza
Solo,
nella difficile
vana ricerca illusoria
del variegato contesto…
del senso dell’amore

Trasfuse emozioni
Vorrei ...
guardare i tuoi occhi
e vedermi là riflesso,
sorridere delle tue gioie,
lenire con te il dolore

Vorrei …
l’ansia delle tue gote
per vivere le stesse emozioni,
le braccia strette al mio corpo,
ascoltare i battiti del tuo cuore

Vorrei…
sentire l’alito caldo
del tuo respiro
inspirare il profumo
della tua pelle…
fondendo , alla fine...
il tuo corpo col mio

Estasi
L’amore
è inaridito,
soffocato,
represso

L’antica volontà
non osta il sentimento,
il desiderio,
la voglia di donarsi

Le brevi
fugaci apparizioni
conclamano la brama eterea
dello sprigionarsi
la frenesia dei sensi

L’animo gentile
è travolto e soggiogato
dall’impeto naturale…
dell'umano rapporto

Estate
La pelle è ambrata
dal sole d’estate
aspersa di sale
dell’azzurro del mare
distesa nei flutti
del basso arenile
con le onde sinuose
che infrangon le membra

La spuma la inebria
le dona piacere…
…gli occhi socchiusi
dai raggi del sole
accentuano i sensi
nel dolce torpore

Ninfomania
Congratulazioni
a quell’uomo che ha avuto
un’idea alquanto originale
di soddisfar la moglie
per le sue aspettative
e le sfrenate esuberanti iniziative

Lei, aveva un chiodo fisso nella mente
amare tutti allegramente e spassionatamente
non riposava mai , sempre al lavoro
e non disdegnava , qualche volta,
d’amare se stessa con tutto l’ardore

Conscio, delle altrui dilettevoli propensioni
gli balenò l’idea, per l’immediata applicazione
col fine di darle una sonora lezione
e certo del di lei favorevole accoglimento
l’organizza,celermente, l’equino accoppiamento

Solo all’inizio, però, per lei fu sollazzo
da vera eroina sul campo di battaglia soccombette

ma, prima di finir la sua missione
quale conferma delle proprie convinzioni
lanciò l’estremo acuto… a tutto spiano
gridando al mondo intero : Evviva il Sovrano

Preludio d’amore
Fluido
di seta
tra le dita
la folta
corvina chioma

Sinceri,
magnetici
gli occhi

Ambrato
morbido
e profumato
manto erboso
la pelle

Marmorea
sinuosa
conturbante
la figura

Petali di rosa
stillati da rugiada,
carnose e vogliose
le labbra

Bocciolo invitante
la bocca…
antro che prelude l’Amore
e sigilla la magica
esaltazione dei sensi

Il gioco dell’amore
Riflesse nello specchio,
avvinghiate le figure
come in una spirale
Le luci soffuse
e le voci sommesse
col naturale attrarsi

La brama
del fondersi dei corpi
L’aria soffice, ovattata
racchiude lo scenario

Gli occhi socchiusi
imprimono sogni nella mente ,
con le labbra si cercano
in un forte turbinio
e le mani che scivolano
sull’epidermide perlata

Il gioco dell’amore continua…
e continuerà ancora

L’amico
E’ come l’amore
ti prende nel cuore
è un sentimento che va sulla pelle

Ti fa rinverdire e anche gioire
è il tuo porto sicuro quando sei triste
ti sta vicino, non ti schernisce, e non ti ferisce...

ma , simile al contendente in amore
tende a tradirti quando ti chiede un prestito
per un affare sicuro…
quello è il momento della valutazione…

se cedi ,rischi di perdere i soldi ,
e anche l’amico probabilmente
se, invece desisti
perdi l’amico sicuramente

Socio in azioni
È un caro amico
ti compendia le fatiche

Lo cerchi
tutti i giorni come il pane
è generoso, caldo ed accogliente
allevia le sofferenze agli ammalati
e, dulcis in fundo , all’occasione
diventa il tuo indispensabile
e fedele..…socio in azioni

Il politico
Non è per niente trasandato
anzi , d’aspetto ben curato
ha il sorriso accattivante
e gli occhi penetranti

Sul volto serio
non ha battiti di ciglia,
i movimenti ben dosati
ed i gesti equilibrati

E’ compito
con i gomiti appoggiati ,
e non parla con toni altisonanti

Un giocatore di ramino
ogni mossa all’occorrenza
e senza alcuna espressione
sul viso d’emozione

In comune col serpente ?
Il sangue freddo, il veleno
e della pelle… il mutamento

Moglie esemplare
Perfetta e compita
adora il marito
lo riempie di coccole,
è premurosa al mattino…

gli prepara il caffè,
lo aiuta a vestirsi
gli raccomanda la sciarpa ,
gli dà il bacetto per la buona giornata
e lo accompagna alla porta…

ma, è ancora presto per iniziare
poi fa freddo e si rimette a sognare

Adesso s’appisola
e sotto le coltri, il corpo è di fuoco ,
sogna l’amante quel giovane aitante

La voglia , ora, è tanta
ed ha il sangue alla testa , si desta
è decisa di bussar alla porta
di quel giovane medico senegalese…

per chiedergli di essere compiacente
nel controllarle subito la pressione
e laddove ve ne fosse l’urgenza
di agire subito …per la risoluzione

Le stelle della chat
Le stelle sulla scena
son sempre presenti
s’impongono evidenti
e brillantemente
la piazza pubblica è tutta per loro
e mirano alle altrui attenzioni
con molto folclore

Per esse c’è il gusto
dell’esibizione platealmente
parlando o inveendo
solo pubblicamente
emettendo giudizi
e sentenze inoppugnabilmente
e accrescendo , in tal maniera,
la fama virtualmente

Le puritane disdegnano
il privato , ma non costantemente
a riprova , e certamente ,
di quella storia del passato
che le ha viste , e probabilmente….
essere state scottate

Il sogno
Ognuno alla ricerca
dell’altrui verità
ciascuno si cautela,
e trincera con falsità
è un gioco curioso,
invadente
a volte rischioso
Le anime si aprono
con difficoltà

E’ un gioco gioioso
ed a tratti noioso
è coinvolgente,
quando intrigante
crea le condizioni
per far nascere amanti

L’ amore sublime
quello implorato
quello cercato
ed a volte trovato…
il sogno appagato

Medesima conclusione
Signore !
Sono stanco e sconfortato,
della vita che mi hai dato
i problemi sono tanti
e le ingiustizie... altrettante

Da buon capofamiglia
faccio tutto per i figli
impegnato a lavorare
per poterli soddisfare ...
ma, la crisi generale,
ha buttati tutti all'aria

La domanda che ora pongo...
nel sistema che è quello attuale:

le bollette della luce, del metano
e delle varie erogazioni
sarebbe possibile poterle estinguere...
profferendo le orazioni ?

...E , laddove questa cosa
non potesse essere fattibile ...
qual'è , allora, l'alternativa allo sconforto...
in mancanza di stipendio o dell'introito previsto ?

Credo d'aver capito,
in assenza di risposta le possibili soluzioni....

...quella di mettersi una corda al collo e di darsi uno strattone
oppure , uscir di senno, che è quasi ...la medesima conclusione

Finché morte… non vi separi
La funzione è terminata
con la chiusura finale…
” finché morte non vi separi ”

Questa frase…
del prete officiante, mi ha colpito
tento,allora, una timida disquisizione

Credo , che a carico dei Sacri Scrittori ,
si debba imputare un’omissione
che potrebbe, dar luogo ,
per la letterale interpretazione
ad arbitrarie ed errate conclusioni…
qualora non si aggiungesse alla parola...
“ morte”… il prosieguo “ naturale “ ....
in maniera tale ....che sia chiaro il suo finale

….e, ancora meglio .... se si modificasse la frase
allineandosi con i tempi attuali in:

… finché morte … naturale o dissenso … non vi separi

Il narcisista
C'è una donna di fronte,
che annaffia gerani
è piacente , davvero, un vero tipino
il marito fa footing , si allena in giardino

La vedo, la scruto, sembra un po' triste
negli occhi sfuggenti leggo l'amore ...
l'amore represso , l'amore deluso

Da buon narcisista lui corre per ore
ha il fisico atletico del gran campione

....Ieri , sul tardi , un alto vociare ...
mi affaccio al balcone e chiedo al vicino

...E' scappata di casa la moglie di Adone !
E' andata via, con quel nostro compagno con la scoliosi
un po' goffo e un po' mingherlino che noi sfottevamo
da ragazzi giocando al calcetto dai salesiani...
ma , che sotto le docce, abbiamo sempre invidiato....
per quell'arnese.... spropositato

Ti amo…
Per il tuo candore…
verso l’amore ;

per l’infinita dolcezza…
della mal celata tristezza;

per la femminilità…
della tua innata sensualità

per il bonario sorriso….
dall’immaginario tuo viso

Coinvolgente intrigo
Le faccende domestiche son secondarie
adesso, corro subito, e vado a chattare
il marito è assente per il lavoro
e trascorreranno presto queste poche ore

Devo stringere i denti, e barcamenarmi
tra i servizi di casa ed il gioco attraente
esso mi attizza , mi rende eccitante

E’ un gioco intrigante e coinvolgente
mi sento femmina viva in questo contesto…
sono la volpe che gestisce la muta
m’inebrio, m’infervoro in questo vortice rosa…
ma, passan veloci, le ore , passano in fretta

E’ l’ora del pranzo…il campanello alla porta…
è lui che rientra…gli corro incontro felice
l’accolgo gioiosa…con allettante sorriso

Una santa donna
È stata, sempre ,
molto religiosa ,
da giovane era,
finanche ,catechista
Una dedita al vangelo,
e alle preghiere

Ora...
i miei ricordi
spaziano lontano …

…di quando un dì ,
frequentando la parrocchia
sbagliando porta...
entrai in sacrestia

La scena che rivedo,
come in una nebbia,
e quella che, ancor oggi ,
mi lascia qualche dubbio…

...del perché, di Essa….
che corse di filato, in oratorio,
ed a gran voce, precisò …
che si, era in ginocchio davanti al prelato…
ma , intenta unicamente
a ricucire l'asola sfilacciata
dell'abito talare ...al buon curato

L'arrogante
E’altezzoso…
e disprezzante verso tutti

Deve imporre soggezione
per dare libero sfogo
alle sue intime vessazioni
ed in particolare…
se occupa un ruolo autoritario

E’ poco incline al dialogo
verso i subordinati ,
è pieno di intelletto,
ricorda date e fatti…
la sera precedentemente letti ,
e sfoggia il suo sapere agli astanti
costretti ad ascoltare…

…ma , dopo, a fine di giornata
sull'uscio della porta
la moglie, lo accoglie col sorriso …

…gli toglie la borsa dalle mani, premurosa,
gli affida il grembiule con la scopa ….
e la lista dei servizi per la casa

Tommy
Il biondo cherubino
con gli occhi del mare
col nasino colante
di febbricitante
strappato, da mani malefiche
in una notte d’inverno
per il vile danaro
dal grembo materno

La furia omicida
degli indemoniati
avverso quell’anima
di casta innocenza

Per le bestie di Satana
la giustizia umana
ha reso sentenza
e inoppugnabile
quella dell’ Onnipotenza

L’Angelo è ora
nella volta Celeste
accanto ai suoi simili...
tra le braccia Divine

Struggendosi…soavemente
Il cuore represso
da maledetta ragione
agli occhi cèla…
l’immaginaria visione

Propensa all’amore …
e dal dominio forzato
dei sensi inebriati

invola la mente
struggendosi …soavemente

Tristezza
Ascolto le note
di un piano in lontananza
che mi danno dolci emozioni...
pur facendomi intristire

Gli occhi lucidi
mi strugge la malinconia
nel riveder quelle scene
avvolte in alone di mistero

Quelle note
arrivate fino al cuore
minano la baldanza e la fierezza
rendendo vulnerabile, ancor di piu'...
la mia tristezza

Dolce sapore
Le labbra s'accostano
con delicatezza
per poi incrociarsi
con voluta certezza
le membra son tese
pronte a concedersi
per l'estremo piacere

Le mani scendon
lungo la schiena ...
i corpi avvinghiati
sono un tutt'uno...
l'atto procede
va avanti d'impatto
e lascia lo spazio
all'immaginazione

E' accaldata..
sudata la pelle
ed accentua
col suo profumo
l'amore...
il gioco amoroso
continua, per ore
e beatifica ...
il dolce sapore

Orizzonte…
All’orizzonte ….
un barlume di speranza
riaccende il fuoco
spento dal nulla

Esultano i sensi
per l’imminente evento
e l’ansia tiene vivo...
il lasso di tempo
conteso e represso
dai vili pensieri

E’ un giorno di festa
per le rosee vedute
gli amanti s’acquetano
in attesa del fato

I volti tirati
mostrano,ora,le pieghe
del sorriso gaudente...
che primeggia sul viso

Pensiero
La mente...
esalta l'anima
e la invola al Cielo

Stellato da fantastiche,
evanescenti immagini,
concreto...
è il miraggio

Vivo e forte
il pensiero,
sprezzante e sicuro ...
supremo...
profana gli indugi
avverso la realtà
che opprime…
e incatena il cuore

Sirena
Sirena...
venuta dal mare
cosparsa
d'acqua e di sale;
ambrata
la pelle dal sole;
gli occhi
declamano amore

I sensi,
un tormento...
di fuoco

Passione...
che inneggia
il calore;
espressa
dalla voglia...
del cuore

Agisce... per amore
Quand'è innamorata
è anche spregiudicata
è sicura, decisa
e non sente ragioni...
si prefigge la meta
s'insedia, l'ottiene

Agisce ...
con l'impeto
della natura
è un fiume in piena
non teme ostacoli
alla sua discesa

Abbandona...
il compagno
per tuffarsi
tra le braccia
dell'amante

Agisce d'istinto
agisce col cuore
agisce ...per amore

Bella... dentro
Non è di grande estetica
e questo l'ho capito
d'altronde , neppur io
oserei definirmi un dio,
ma, quello che ho intravisto
con la percezione del sesto senso
e che Essa è molto più che bella...
......E' BELLA DENTRO

...perciò, si mettano da parte
i falsi pregiudizi , e con oculatezza
si dia maggior credito
a ciò che è....la vera bellezza...

...e , se qualcuno ci farà osservare
che anche l'occhio vuole la sua parte
avremo l'attenzione di rispondere che :

...è quello non vedente , che ha tale pretesa
e noi allo stato attuale, e momentaneamente,
risultiamo essere ....di un occhio deficiente

L’ incontro ….
Gli occhi negli occhi
risultan fatali
in quest’incontro
divenuto reale
i sensi s’attirano
con molta dovizia
e, creano vortici
di estrema delizia

Le lunghe distanze
non sono barriere
esse s’accorciano
col solo pensiero
L’amore, ora, è lieto,
manifesto e palese
ci son condizioni
per le reciproche intese

I corpi s’intrecciano
scordandosi il resto
il sesso , ora, abbonda
esplicito e chiaro
non c’è alcuna remora
pronta a frenare
l’impulso va oltre
ogni immaginazione
viene sconfitta ….
la prostrazione

Libertà
Limita il volo...
la volta metallica
alla fiera regale
e vieta la vista
la rete
agli orizzonti...
è privo il Cielo
della maestosa bellezza

Soffoca ...
l'angusta cella
la voce del martire
censura, la grata
il manifesto ideale...
è ignara la gente
del nuovo messaggio

Secolare e stolto
tramandato possesso
dell'Essere sull'Essere
che sopprime il pensiero
e reprime l'uomo

Schiava ...
la creatura
della regola iniqua
che osteggia
il bene prezioso
per dono Divino...
della libertà

Maternità
La donna è confusa
dall’ardua decisione
che le segnerà la vita
I dubbi son tanti
e non lasciano tregua

L’arcano destino
ha scelto la designata …
e per una volta ancora
è fausto nella determinazione

Ha donato , ciò che Essa
da sempre ambisce
e per sempre ambirà….
l’essere destinataria
del disegno Divino
che la realizza ….nella maternità

Definitiva sortita
Se potessi decidere
della definitiva sortita
vorrei si svolgesse
secondo questa sequenza…

una sera d’inverno
col gelo di fuori
con lei , accanto al camino
col fuoco imponente …

trasfusi l’uno nell’altra…
e amarci …e, ancora, amarci
fino a stancarci….
e , dopo l’uscita di lei
dalla magica scena …
restare disteso , con gli occhi socchiusi
e, rivedere quei momenti d’immenso piacere …
davanti a quel fuoco del camino …
anch’esso alla fine

La mia amica
E’ un raggio di sole
nella mia vita
allevia la monotonia
del quotidiano tedioso…

…e mi scalda il cuore
con un sorriso

E’ un raggio di luna
che inonda i pensieri…

…e mi pervade di sogni soavi

E’ l’estasi eterea
che invade l’anima
la riempie d’amore…

…con l’ansia vitale
che mi fa rinverdire

Scorrere continuo….
E’ poco il tempo…
dalla fatal decisione
e la tristezza è immensa
con la sua delusione

L’amore è perso inconfutabilmente
nel contesto di un destino avvilente
svanito come il suono di un armonica
che s’allontana dolcemente

I ricordi ? Sbiaditi ….
con lo scorrere continuo della vita

L'attesa
Attento...
silente , triste
è negli occhi impressa
la fredda grigia scena

Angoscia la speranza
dell'apparir l'inebriante evento
che ravviva e inorgoglisce i sensi

Viva...
nella mente delusa
l'enigmatica, conturbante
e , sfuggente immagine
dell'Amante...l 'Amore

Vermi...
Vermi...
esaltati al culto dell'opulenza
incuranti della realtà dell'indigenza
portati al delirio dell'onnipotenza
e distaccati dalle umane sofferenze

Vermi...
detentori del potere e di ricchezza
dell'avocazione dei diritti e privilegi
sulla massa succube, inerme e rassegnata

Vermi...
nell'orbita celeste
la, dove anche gli astri
sono nei nell'universo...

...quant'è misero il pensiero
nell'inezia del terreno quotidiano

Il mediocre
Vive all’ombra della gente
non esprime i suoi pensieri,
e non si schiera apertamente…
…i discorsi ,sempre e solo,
imperniati vagamente

Una figura inesistente
un vero scendiletto nel lavoro
e tutto ciò, per la pacca sulla spalla
del diretto superiore

La strategia è vincente ,
e continua la sua tesi coi parenti

Ecco, allora , che…
porta il cane della moglie
a far la piscia nel giardino
le faccende di casa ,
e tutto il resto un suo dominio…

…esso ambisce…che nel letto
a chiusura di giornata
per la grossa faticata
ci sia la giusta ricompensa meritata…

…ma, lei è stanca …
le sue chances le ha già spese,
stamani, con l’amante,
e allora gli consente…
in via del tutto eccezionale …
e , solo per un attimo…
di fargliela guardare

Fedeltà
Ti amo…
più di lui,
lo garantisco,
te lo giuro…

…tu mi hai donato
l’amore ed il piacere
ed elevata al cielo
con profuse sensazioni
che rimarranno, per sempre,
impresse nella mente

Pertanto, amore mio,
e senza tema di smentita
sentenzio, ora, e per il futuro,
che dopo di te …
il buio in assoluto ….

…a proposito ,
e prima che me ne dimentichi
visto che con lui, oramai,
sono in rotta di collisione
potresti , e urgentemente,
per un colloquio…
fissarmi un’ appuntamento,
con questo giovane e brillante avvocato….
che mi hai appena presentato ?

Simbiosi d'intenti
Ti rifletti,
di certo
in questi miei scritti

Ti soffermi ,
confronti
le gioie e gli amori
i patemi e i dolori

I percorsi ,
è sicuro,
son molto simili
C'è un'intesa emotiva
questa l'avverto...

...una simbiosi d'intenti
di questo son certo

Bella, come una Dea
Generosa…
sensibile, passionale

I sensi di fuoco
d’amore e d’emozioni
simili alla forza dirompente
del fiume in piena

La solare
mediterranea immagine
più bella del sole…
in un giorno d’estate

I seducenti occhi
eguagliano le rare perle nere
e la bocca corolla di rose
madre del più bel sorriso

La pelle vellutata
di frutto di pesco,
profumata di fiori di campo

Sei…
Il fascino conturbante
che inebria la mente…
l’emblema del desiderio
il traguardo prefisso…
di ogni essere a te dissimile

Cosi , tu !
Come la quercia,
coi rami frondosi
e le profonde radici
dalla bufera, protegge
il nido e i suoi frutti

Come il pastore,
dal lupo, difende il suo gregge ...

così, tu !....
con la forza interiore
dell’uomo comune
dall’indole mite,
generosa e discreta
con amore, hai protetto
dalle avversità della vita,
la prole

Che il Signore
ti renda grazia,
per ciò che hai fatto
e per la prosecuzione celeste ...
della tua protezione

Convinto assertore
Guardo le opere
del mio passato
ci son quelle riuscite ,
ma molte sbagliate
tutte realizzate col cuore
e tanta passione
avverso il calcolo
della ragione

Ho profuso l’amore
e le mie convinzioni
rispettate , ma mai condivise
le contrarie opinioni
ho creduto , da sempre ,
negli alti valori
e applicato alla lettera
con tutto il calore

Non posso , adesso ,
non voglio cambiare
e continuo le mie asserzioni
ad osservare

Gli amici, i parenti e gli affini
che mi danno l’affetto
mi devono accettare
per quello che sono…
pochi pregi , e chissà , forse …
tanti difetti

La felicità
Imperiosa,
ma astratta
aleggia nell’aria
coi colori più intensi…
dell’arcobaleno

Soffiata dal vento
varca i confini
fragile e leggiadra
nel proprio candore

Ravviva le speranze
dei cuori inariditi
incanta ed esalta…
le anime vere

Ha vita di farfalla
appena la si sfiora
si dissolve nel nulla …
la bolla di sapone

Come naufraghi
Come naufraghi , in balìa delle onde
su relitti dispersi in mezzo al mare
vediamo da lontano il miraggio della terra
e c 'illudiamo di sbarcare, finalmente, sull’atollo

La vita è grama , e le speranze sono vane
l’amor che sognavamo è disperso nell'aria ...
come la salsedine , soffiata dal vento impietoso

Femminilità
Non è il viso aggraziato
né le gambe affusolate;
neppur le labbra carnose
o gli occhi seducenti ;
neanche il seno turgido
né l’alto posteriore;
nemmeno le movenze
o la figura snella ed elegante…
…pregi, questi, molto importanti…
ma non determinanti

Essa ha due grandi doti
di cui son cultore,e grande fautore
che dovrebbero , per la felicità dei maschi,
essere impresse…
in tutte le rappresentanti del gentil sesso …
e sono : la semplicità ,
e dalla stessa derivante…la femminilità

Bande scorrerie
La mente è accesa
sui ricordi della giovinezza
ero aitante , di bell’aspetto…
e il savoir faire , non è stato mai ,
un mio difetto

Con le donne nelle avances
ho sempre avuto molte chances
mi sono sempre innamorato con il cuore
e , a volte , anche vittima dell’amore
il gentil sesso amato…
“toujours avec délicatesse”

Nelle intese…
con tutte, in perfetta armonia
ma , indeciso nelle scelte…
con quella di turno, poi ,
in piena sintonia…

che tempi, che emozioni …
che bande scorrerie

L’innamoramento
A volte è un sogno,
ed altre un incubo….

ti rende libero
e pure schiavo;
ti scalda il cuore
e lo raffredda;
ti fa gioire
e anche soffrire;
ti fa pregare
ed imprecare;
ti fa giurare
e spergiurare….

…ti esalta al cielo
e ti sotterra;
ti dà l’amore
e anche il dolore….
è un grande fuoco
e immenso gelo

La mia mano va veloce
potrei trascrivere per ore
i superflui…e banali elementi
dettati dalla mente, ma ,
alla fine di questa , forse,
mia inutile riflessione ….

…essendo già convinto, prima
e ancora adesso, definitivamente…
che nella vita , vale la pena rischiare…
l’innamoramento

L’Aurora
Dopo il tempo di burrasca
perdurato nella notte
s’intravede con l’ aurora
la bellissima giornata

L’aria è fresca
e il cielo è terso
I profumi della terra
rinnovati ed esaltati
con il sole , nelle gocce
son riflessi mille colori

L’aurora , stamattina,
ha regalato il fantastico miraggio
e , ancor di più , ha consentito al sole
di sprigionar la sua luce e il suo calore
essa, è stata clemente...
verso l’afflitta ed infelice gente

L’estrema speranza
L’acre profumo dei ceri
con i fiori appassiti nell’acqua
le foto, i titoli , le luci artefatte
nell’atrio angustiale le pietre tombali…le immani cappelle
Vanaglorioso prosieguo dell’umana grettezza

Antistante le mura…
riflette nel sole, la croce imbiancata sul manto curato
Da candida mano il giglio è deposto
ignaro, il merlo custode delle misere spoglie

Tra i verdi cipressi colorano l’aria le gialle ginestre
echeggiano i suoni degli usignoli
che mitigano ed alleviano la sofferenza…
rimettendo al Cielo…l’estrema speranza

Il bacio
Le labbra socchiuse
s'accostan frementi
si sfiorano, si schiudono
dapprima, lievemente
consentono, ora,
l'ingresso negli antri
dei corpi esultanti
dai colpi sferzanti...

...s'intrecciano
essi, avidamente
e danzano con sintonia
in una spirale...
di perfetta armonia

I sapori , i respiri
sono un tutt'uno
ed il bacio soffuso
diventa profondo...
la pelle traspira , nel mentre ...
il profumo si fonde

Femmina vera
La vedo nel sogno…
e l’agogno
Una donna sincera,
generosa …gioiosa
Una femmina vera…
d’amare all’eccesso,
con tutte le chances
concesse dal sesso

La realtà si contorna
prende visione…
inizia il magico rito
dell’esaltazioni

I corpi si cercano
per l’unica ragione…
esultano, ora, i fremiti…
dell’emozioni

Depressione
S’insinua silente
penetrante nella mente
rode, come il tarlo , i pensieri
rende deboli i forti
e tristi i gioiosi
mina le risa , coi nefasti presagi

E’ il male peggiore
oscuro e latente
innesca le ansie
e le paure s’accentuano
la ragione vacilla
ti senti perdente
e aspetti la fine …col cuore dolente

Bolgia infernale
Sono triste…per le certezze
delle mie non poche insicurezze

per la vita che scorre
con gli inesistenti entusiasmi

per i figli depressi
dall’incerto futuro

per la borsa che cala
con la miseria che sale

per i governi
che s’alternano
senza trovar soluzioni

per l’avido, miope
egoismo dell’uomo…
che ha trasformato la Terra
in una bolgia infernale

Amo….
Amo…
la luce Divina
la purezza del Santo
la generosità dell’Uomo

Amo…
il verde del bosco
la terra feconda
il fuoco che scalda
il rumoroso ruscello…
l’azzurro del mare
i suoni , i colori
il cielo stellato…

il viso del bimbo
il sorriso di mamma
e , ancor di più…
il volto scavato
le mani nodose
le spalle ricurve…
e l’umiltà dell’ Uomo…
da Esso , da sempre, trasfusa…
l’immane saggezza

Dal blu profondo dell’universo
Il chiarore dell’ alba
e il risveglio della natura
pongono fine all’incubo …
ma , la scia del turbamento permane

Disteso sul letto…
con gli occhi socchiusi rivedo la scena
della lunga notte…
il sonno profanato dal sogno nefasto…

l’immenso vortice senza confini…
risucchiava nella spirale,
l’anima sospesa nel vuoto,
nel tunnel ammantato…
dal blu profondo dell’universo

Sarà questo…quel che vedremo ?

Voglio essere ....
Voglio essere odiato …
per l'antipatia e l’esuberanza
per la fierezza e la baldanza
per la collericità e la gioiosità...

...voglio essere odiato,
purché il mio carattere
non sia dagli altri... violentato

Voglio essere amato…
per la simpatia e la mitezza
per l’umiltà e la schiettezza
per la dolcezza e la tristezza...

...voglio essere amato
purché la mia indole
non sia dagli altri ...commiserata

La dignità
Per alcuni è commerciabile…
per taluni altri, ha un valore inestimabile

Non è un bene di consumo
né un cimelio antico o raro
ma , di certo son sicuro , che
chi l’ha , se la tien cara

Il suo limite è precario
e compromesso di continuo
dal sistema e malattie…

Al buon Dio dovrò affidarmi
per poter chiudere in bellezza
senza che si possa perderla…
ancor prima della vita

Riflessioni
Quand'è tempo di bufera
devi aspettar che passi la sera
per l'innocente nostalgia
prima o poi, vedrai, andrà via
il rimedio per la tristezza
sorridere e ridere con schiettezza

Pensa a tutte quelle mamme
che , nelle sale antistanti
trepidando e sperando ,
stanno aspettando i loro figli
e il buon esito della terapia ...
del reparto oncologia

Coscienza
Il risveglio dall’incubo
nella notte profonda
del bimbo piangente….
ansima la madre

L’ululato del lupo
nel folto del bosco
allerta le greggi….
impaurisce il pastore

Il mare in tempesta
tra la furia dei venti
rolla la nave ….
spaventa il nocchiero

L’assenza di fede
di carità e di amore
sgomenta il cuore
inquieta la coscienza
e denigra l’ Anima

Male d’amore
Evanescente nell’aria
ma , forte e deciso…
ti toglie il respiro
e lo senti sul viso
ti vieta il dormire…
seppur non lo vedi
l’arcano elemento

Vorresti sfidarlo…
guardarlo negli occhi
ma, agisce nell’ombra
e colpisce mirato…
ti annulla e sei in sua balìa

E’ un male strano…
ma, ambito e cercato
è un male sperato …
è il male d’amore

Andiamo avanti
Come và ?

Ma come vuoi che vada ?
I problemi sono tanti...

la salute che non và
il lavoro che non c'è
l'inflazione galoppante
il rincaro del petrolio
i soldi sempre meno
i figli adulti ancora nello stato di famiglia
in attesa della prima occupazione...
e , via discorrendo ....
il rapporto che non và , per completar la lista
e, non sono un pessimista , ma solo un realista

Allora, suggerirei...
per evadere la domanda
dal sopra detto effetto dirompente
senza alcuna esitazione...
e consentire cosi, la sdrammatizzazione...
di rispondere : và tutto bene , anzi benissimo...
e, nel frattempo, andiamo avanti

Alone immaginario
Voglio respirar l’odore della terra
e sentir il profumo della pelle
star distesi su d’ un manto erboso
sotto il tronco d’ un ulivo frondoso…

guardar l’azzurro del cielo
dalla campagna , riflesso nel mare
con i raggi che attraversano i rami
e baciano il viso ed i neri capelli …

ammirar i verdi filari d’agrumi
che scendono a valle in sinuosa armonia
e ascoltar il dolce frinir delle cicale…

Imprimere codesto corollario…
sublimato da un alone immaginario

Amanti
Come in una partita
sono stabiliti i tempi
un’ora soltanto… dopo tanto

Le lancette …
corrono all’impazzata
I preliminari … messi da parte

Le labbra si cercano
senza remore…
ed i corpi si fondono
col respiro ansimante
l’amplesso è forte… quasi violento
riporta , ai primordi , gli amanti

L’amore è alle stelle
sotto le coltri
ed essi son paghi…
ancora una volta

Immenso diletto
Non sempre…
ha la grazia del cigno
e il candore del giglio

Non sempre…
ha la leggiadria della farfalla
e l’acume dell’aquila

A volte è scostante ,
risulta pedante, superba e boriosa …
ma , alla sera, serena diventa amorosa. ..
comincia le fusa e si mette distesa

Son messi da parte tutti i difetti ,
e ti eleva al cielo con grande intelletto,
esplicando la sua femminilità….con immenso diletto

All'amica… sensibile
Circospetta, guardinga esci dall'ombra
ti affacci all'esterno, per poi rientrare
non t'appartiene questo mondo , ti senti sgomenta
l'anima ti blocca , ti rende ritrosa

Hai il candore…
per poter scindere il bene dal male
assorbi dagli altri le gioie e le tristezze...
codesta cosa ti allieta , nel mentre ti sconforta

Sorridi alla vita, e sii felice nel raccogliere i fiori ...
che gli altri ignorano
Sii forte e serena , come l'amico
che nel suo calvario, la sedia a rotelle…
l'ha equiparata ad un trono ...regalatogli da Dio

Gentile e fiera
Gentile, fiera ,discreta...
donna che evoca tempi passati,
l'etica e i valori al di sopra di tutto

Nell’era consumistica
che travolge e annienta
la bellezza dell’anima ...
è perdente e isolata

L'uomo inneggia
la materia e il fatuo ...
ma , alla fine , effimero e vano

L’elevazione dell'anima al Cielo
è il dono più bello che Dio ha concesso ...
il resto è niente

Il dubbio
Oppresso dall’ansia
l’antico timore
stringe la gola
soffoca nella morsa la voce

La ragione vacilla…
è da corpo all’umano dubbio
del donarsi dell’amante

Tormentata la mente
indecisa...
non dà soluzioni

Il nobile Amore
osteggiato, deriso
dall’arcano vile pensiero

Il burocrate
Porge l’obolo al mendicante, i santi precetti sono osservati
ascolta devoto la santa messa , e scuote il petto con il pugno…
marito e padre esemplare... encomiabile e da imitare

Il lunedì il mite agnello si trasforma in lupo fèroce
dalla cattedra del suo potere, integerrimo e ligio al dovere
applica alla lettera la procedura senza alcun dubbio o perplessità
e quale attento funzionario trova il cavillo... per inficiare...

...e , allora, con piglio e professionalità
applica codici e regolamenti , cita articoli e circolari …
e tutti miranti all’unico scopo... del divietare, del limitare , dell’ostacolare

Il suo potere è così esercitato e la Legge rispettata ... e la Coscienza ?

La domenica è vicina e s’andrà di nuovo... in chiesa

Alla mia città
(per devozione alla Beata Maria Vergine della Madonna della Neve)

Fan forza i pescatori ad issare le reti
era giusto il presagio della lieta giornata
le risa gioiose per l'ingente pescato
si spengon di colpo sulle facce abbronzate
insieme alla fauna variegata...
c'è anche una cassa che sembra dorata

L'insolito evento desta stupore tra i marinai
che immaginano e sognano , dall'inattesa sorpresa
emergano brillanti , preziosi ed antiche monete
che possano loro lenire la vita sofferta dalle grandi fatiche...

...ma , il fato per loro ha disposto di più
rendendoli ambasciatori verso il popolo a terra
dell'immane regalo del pensiero Divino..

...è' aperto il magico scrigno,
non c'è traccia del vil materiale
ma, nella regale bellezza e magnificenza appare...
la Sacra , nobile immagine ...
la Venere bruna dalle dolci sembianze ,
dal timido sorriso rassicurante che,
la scelto la meta ...ha finito il suo viaggio

Non c'è delusione in cuor loro,
e ringraziano il Cielo per l'immenso Tesoro

Un giorno d'estate di molti anni fa
l'azzurro del mare , fino ad allora,
non fece mai miglior dono ....
così implorato dalla mia gente
e così gradito alla mia città

La Donna Eletta, a giusta ragione,
per aver offerta la sua protezione
col generoso mantello miracoloso
è nel cuore di tutti, e rimane eterna ...
la Madre Beata

La mia città
Tiepida è l’aria primaverile
in riposo le barche nel porto tranquillo
alla fonda, la nave in attesa d’attracco
sorvola il gabbiano lo specchio sereno
i monti di fronte lussureggianti
alle spalle il Vesuvio coi dolci pendii
scorre il treno sui portici antichi
la cupola domina la sottostante cornice…
…mille i colori riflessi nel mare...
ma, è grigio verde il liquido manto … non blu cobalto
strati di liquami ricoprono l’area
e risalenti miasmi otturan le nari

L’assenza d’acume, la classe corrotta , l’immediato guadagno
e ancor di più l’indifferenza…
ha prodotto i suoi frutti, ha provocato i suoi danni.
L’incuria dell’uomo alla violentata natura

Deluso, prostrato e rammaricato dalla drammatica scena
incurvo le spalle , e affranto ripenso… a quando…

….a quando il mare era azzurro nel tempo passato
ricco di vita e di linfa argentata
gli scogli ricolmi di datteri e cozze
di alghe e licheni ripieno il fondale
la spuma ondeggiante di acqua e di sale
la lavica sabbia degli assolati arenili…
con la gente ospitale e operosa
rendeva unico e magico tale scenario

Dei miei ricordi , non molto lontani,
poche le città che vantarsi potevan
da madre natura , dall’essere state….
cosi graziate, cosi bene amate.

La percezione
Navigo nei meandri
dell’immaginazione
alla ricerca del viso
il barlume della speranza
è sospeso al filo invisibile
che l’ha scelta tra tante

L’anima si trascrive da sola
sulla fredda scena
e accende il cuore
come un camino

La fantasia è di rigore
e traccia il profilo….
nella figura aperta e sincera

La percezione dei sensi
esula i convenevoli
e conferma ciò…che è Divino

L’imponderabile
Delusa…
dominata, repressa
la cruda realtà soffoca l’emozione…
imprigiona il corpo

L’ansia…
il timore, l’aurea gabbia
similmente all’argine
allo scoglio, alla catena
non ostano l’ Anima
che si erge verso il Cielo
anelando la ricerca …
dell’ Essere, dell’ amore, del piacere
e paventa...l'imponderabile

Meditazioni
L’odore d’antico del vetusto maniero
le immagini sacre sbiadite dal tempo
il profumo d’incenso persiste nell’aria
è mistica e magica tale abbazia

Scappato fin qui dalla bolgia infernale
mi pongo all’esterno della persona
per meglio rivedere le mie emozioni

In questo luogo remoto, lontano dalla materia
nell’eremo per l’estrema contemplazione
rivedo la vita con profonda meditazione

Estrapolo dal petto i miei peccati
accuso il “mea culpa” per espiare
per poi genuflettermi …m’accingo a pregare

Amica mia
Il tuo spirito...
per me, non è un segreto
è bastato l'accenno delle dita
Attiro e son attirato
solo da persone schiette

Il viso col sorriso
si erge, oltre ogni fantasia

Fra tante ho scelto te...
anima , simile alla mia
che il fato ha voluto sulla mia stessa via
a volte , allegra e spensierata
ed altre , invece, triste e malinconica
Amica mia

A mio padre
Devastante e impietoso
il fuoco incenerisce la rigogliosa foresta
ma, riaccende la vita

Imperiose le onde fluttuanti
il mare infrange la costa
ma, ravviva la linfa sommersa

Soffiante e inclemente
il vento divelta i tetti e spezza i rami
ma, trasporta le nubi verso l’arida terra

Dirompente supera gli argini
il fiume inonda i campi e distrugge il raccolto
ma, concima col fertile limo

Austero...
il volto del padre
censura e limita il portamento alla prole
ma, induce al giusto e al bene

Esternazioni
Scrivo ed esterno quello che sento
fatti reali o di fantasia ....
riporto le emozioni, le gioie
le ansie e... le mie frustazioni

Le storie son vaghe, banali..
alcune un po' tristi
parlo d'amore e di dissapori, della natura...
dell' Essere umano, dei suoi pregi e dei tanti difetti ...
di cose vere, concrete e di quelle inventate
del Divino e del profano ....
do libero arbitrio alle mie paure

Commetto eresie grammaticali ...
non uso bene la punteggiatura
e mi espongo al giudizio dei letterati
Molte volte mi esprimo coi ..piedi
l'importante , però , è la mia buona fede

Non tutti recepiscono il mio concetto...
me ne assumo la colpa per il mio poco intelletto
continuo, comunque, e trascrivo ciò che ho in petto
e accetto la critica sotto qualsiasi aspetto ...
sperando però ,che alla fine ci sia comprensione...
e se non appieno , si condividano...
in parte... le mie esternazioni

Riflessi ...nel mare
I raggi della luna riflessi nel mare
insediano stelle rubate dal cielo
il vento soffia col suo alito lieve
e increspa le onde con la spuma soave

La massa azzurra và verso la spiaggia
s'espande e s'infrange contro la sabbia
il gioco perpetuo dei movimenti
m'incanta per ore a guardar gli elementi

La natura è fantastica nella sua espressione
mi cattura e m'induce a riflettere... con meditazione

Un bel sorriso
Non interessa il corpo
in linea generale
né tanto meno il volto
che sia scuro o esso chiaro

Gli occhi son importanti
ma, solo per guardare
il nasino all'inglese
poi , non è determinante
Superfluo, addirittura,
il colore dei capelli...

ma, ciò che da molta
importanza al viso...
è solo un bel sorriso
e ancor di più se esso
è in compagnia di due fossette
che solcano le guance...
con belle e carnose labbra coralline

A Ciccio e Tore
Quali atroci sofferenze
han dovuto patire, le innocenti creature
nell’antro profondo... al freddo e al buio ?

Cosa , li ha involati a Dio ?
Il dolore, l’inedia o l’enorme terrore ?
Due angioletti di nome …Ciccio e Tore

Sacrificali , caste vittime dell’imponderabile….
e del malefico egoismo dei loro stessi protettori

Alla mia mamma
Del color del cielo terso
sono dolci e penetranti
scrutan nel cuore
i pensieri più reconditi
leggono sul viso
sé sei triste oppur felice

Hanno pianto ed han gioito
per l’impervio corso della vita
han guidato ed osservato
con nobiltà e fierezza

Come l’ombra…
come l’angelo custode
sono impressi su di me
da sempre sono
e per sempre saranno…
i miei amorevoli vigilanti

Sopite passioni
Senti svanire...
i tuoi sogni di donna
l'amor, che appariva immortale
è scomparso nel nulla

Rivedi l'amore...
del tempo passato
un sacco di errori
e di entusiasmi sbagliati

Adesso rifletti ...
ti osservi allo specchio,
ti vedi sfiorire...
una rosa che sta per appassire

Vorresti rivivere le trascorse passioni
ma , inesorabili.... le preclusioni

L’ipocrita
Sarebbe bello…
esternare a tutti i pensieri reconditi
senza soffocare la voce nel profondo dell’animo

Gridare al mondo…
senza reprimere le proprie emozioni
Amare e gioire… senza remore
e , senza sopprimere con la censura

Esprimere liberamente, ciò che il cuore invola
senza il divieto della ragione….

ma , l’uomo è un’ipocrita …
ed io della specie

La crisi
La crisi imperversa ,
come il mare in tempesta
il genere umano è in affanno,
per i propri bisogni

C’ hanno indotto in errore,
nel corso degli anni
i vari esponenti , del governo di turno

Per attivar la ripresa,
perpetui , c’invitan
ad incentivare i consumi…
la malafede persiste, ai danni dei più

Le riserve di “grano”, son quasi alla fine
che succederà, dopo, all’esaurimento totale ?

La miseria incombe, ed aleggia nell’aria
Poveri , i figli …. condannati alla fame

Il silenzio
E’ sacro e irreale nella sua forza
penetrante e invadente nel pensiero
rende dubbia la certezza
incisivo e manifesto più di mille discorsi

Il suo rumore confonde la mente
soggeziona e dissipa la concretezza

È mistico e astratto nella bellezza
Le parole ? Superflue... nell’interezza

All'amico devoto
L'indole dolce , il sorriso bonario
del padre affettuoso, dell'amico devoto

La tragedia è in agguato cruenta e nefasta
falcidia la vita dell'Essere puro

Rimane, per sempre, la sua immagine tersa
negli occhi e nel cuore di chi l'han conosciuto

Dal Cielo, il suo volto, perpetua l'infondere
della forza e della serenità, agli affetti suoi cari

Sii forte , ma dolce ...
Il dolore t’affligge , ti senti impotente
la rabbia interiore ha il sopravvento
sbatti i pugni, imprechi , maledici
e ti poni domande senza trovare risposte

L’accesa candela lentamente si scioglie ....
vorresti fermare il tempo, nella strenua corsa
L'angoscia attanaglia i pensieri rendendoli atroci
sei miscredente e preda del diavolo

L’amore per la persona cara
che sta per sfuggire t'acceca , ed il senno barcolla

Sii forte, ma dolce...
raccogliti in sommessa preghiera
senza aver vergogna d’implorare
e delle lacrime che, inesorabilmente...
solcheranno le gote

Il capro espiatorio
Nella vita familiare …
eminenti scienziati
hanno da tempo sentenziato
che le tensioni accumulate
sono , necessariamente, scaricate
su un soggetto designato
che per merito ed onore…
è l’ignaro genitore

Cosi che , oltre agli oneri
già previsti dal copione
per la specifica funzione
è costretto , suo nolente
a sobbarcarsi doverosamente
l’ulterior soma …scaturente

Per il capro sacrificale
vale il detto dialettale…
di “ cornuto e mazziato “

L'uomo comune
Ha lo stesso destino dell'artista
e come tale...
per poter essere, un giorno encomiato
dovrà giocoforza, prima ...
guadare la soglia fatale

Fino ad allora ,però,
gli è concessa...
con generosità elargita,
e simile all'asino, per eccellenza
l'immediata terrena ..irriconoscenza


Home page  Lettura   Poeti del sito   Racconti   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche