Poesie di Antonio Caterina


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



La mafia
La mafia è il risvolto
della medaglia e si trova
in ogni luogo.
La mafia incute paura,
timore, omertà, pareggia
i conti.
Falsi credenti in DIO,
omertà, avidi di soldi,
potere, droga, sesso.
Uomini, donne, truffati
imbrogliati, in una
falsa vita.
La mafia, la camorra,
la n'dranghetta cosa nostra,
vivono, combattono per
il solito scopo.
Il bacio è l'ultimo
addio,false strette
di mano.
Legami indissolubili,
con patti di sangue,
giuramenti, sparatorie.
Non è un gioco,
non si scherza con
la vita.
Per godersi la vita
bisogna essere onesti,
incorruttibili, senza
rimorsi sulla coscienza.
Essere sempre e solo
se stessi è una qualità
che pochi hanno.
La lotta è dura
ma non mi fa
paura, ognuno sceglie
la vita che vuole,
chi è causa del suo
male, pianga se stesso.


La crisi
La crisi arriva in tutti i sensi
e in tutti i campi, lotte dure,
difficili,complicate,qui
ce solo gente invidiosa, ruffiana,
pettegola.
La crisi ci aspetta nell'angolo,
ma ce la farò, la crisi
si vede sui volti, negli occhi
delle persone.
Abbiamo bisogno di svago,
nella vita non bisogna
perdersi nulla.
Voliamo via di qua
la cultura è diventata un
business dove vanno avanti
sempre e solo le solite facce,
persone, personaggi, lecchini,
raccomandati.
Non voglio cibarmi più
di questa vita senza qualità
stacchiamo questa spina.
Non bisogna discriminare nessuno
in tutti i sensi e in tutti i
campi, bisogna essere umili.
Mai dire parole al vento,
qui ci stanno rubando i nostri
diritti, la nostra dignità,
stiamo nella merda, ma a nessuno
frega niente.
Le cose bisogna dirle sempre
e in faccia, mai nasconderle,
o tenersele dentro.
Che senso ha questo sole
al tramonto?
 

La miseria
La miseria è nei sentimenti, nel donare
aiuto agli emarginati, esclusi dal mondo
dalla società.
Il pieno non crede al digiuno
l'alcol, la droga non risolvono i
nostri problemi, preoccupazioni.
I soldi vanno e vengono, non
danno felicità, le passioni vanno
coltivate, gli anziani sono la risorsa
del mondo, della società. Saggezza,
esperienza mai perdersi nel vuoto,
le persone non sono carne da macello,
vanno amate, rispettate per quelle
che sono.
La miseria viene capita, compresa
solo da chi la prova, come
tutte le cose e porta all'esasperazione.
Non bisogna illudere nessuno, nella
luce di DIO e della madonna
un futuro migliore verrà.
 

La speranza
La speranza che tarda a venire
nella sera e per l’alba di un
nuovo giorno.
La speranza che è l’ultima
a morire, si insinua tra coloro
che la cercano.
Mentre alla ricerca di vocaboli,
pensieri, la mente naviga sulle
acque di un mare in tempesta,
come un piroscafo che viene sbattuto
a destra e sinistra.
La speranza è inseparabile
nella vita di ogni essere umano.   
 

La povertà
La povertà piange su un marciapiede,
all’indifferenza della gente.
Fermo,inerme, nel freddo di una
dura realtà stravolta dagli eventi.
Mentre uomini e donne vagano alla
ricerca di cose futili, senza pensare
ad un nuovo risveglio della vita,
quello dell’amore verso il prossimo.  
 

Un’altra vita
Cercare un’altra vita,
formarsi una morale,
senza pregiudizi della gente.
Sentirsi ancora vivo, per arrivare
d ottenere il pieno raggiungimento della vita.
Cercare una speranza a cui potersi aggrappare,
quindi cercare quello che non ho avuto mai.
Vorrei vedere solo il mare, e a te poi
gridare, la mia solitudine, la
voglio cacciare.
Per poter con te restare,
nell’aurora dell’amore.
 

L’aeroplano
Sei come un aeroplano che,
spicca il volo e va, senza
sapere dove atterrare;
se verso il male, o la felicità,
quest’aereoplano che supera
nazioni e città.
Per arrivare ad una destinazione
che non si sa.
Questo volo spasmodico che
prima o poi una fine
avrà, come tutte le cose
che hanno un inizio,
ed una fine.
Quest’aereoplano ricordalo sempre,
perché sognare ti farà.
 

L’intimo
Mi perdo nell’intimo, più profondo,
della gestualità.
Conseguente vicenda di una ritualità,
per sapere se Dio ci sta.
Come l’autunno che è arrivato e
le foglie cadere fa.
Poi arriva l’inverno e davanti
al camino si sta;
e si pensa alla primavera
che arrivare dovrà.
E così divertirsi, andando
al mare, in montagna chi sa!
Questo è l’intimo mio,
che mi dice che devo
convertirmi a Dio.
 

L’ira di Achille
L’Ira di Achille si
abbatte cruenta sulla città
di Troia.
Alla ricerca del solo e
unico uomo, Ettore
che uccise Patroclo il
cugino.
Il giovane Patroclo che con audacia
osava sfidare a duello Achille e
prenderne la capacità, la forza.
Forse fu colpa di qualche DIO,
oppure perché cosi era segnato che doveva
accadere, per rimanere impresso e
incancellabile nella memoria degli uomini.
e nella storia del mondo.
 

L’abisso
Nell’abisso dell’oceano niente
più è visibile alla luce del giorno,
mentre una nave alla
deriva viene accerchiata da delle
ninfe del mare.
La nave che cerca l’ormeggio con
il suo equipaggio dove potersi
rifocillare.
Una donna che ha visto e sentito tutto
non osa profanare quella verità nascosta
nell’abisso.
E un segreto che rimarrà chiuso nel
suo cuore e solo lei e la sua bambina
ricorderanno.
 

Giocherellare
Giocherellare con te sulla scacchiera,
cerco di far scacco matto al
tuo cuore.
Mentre i tuoi dolci occhi mi
fissano come se mi dicessero perderai
questa partita.
Ma a me non interessa perché sento che
sto innamorandomi di te, vorrei
stringerti a me, baciarti; così da farti
capire quanto sei importante per me, la
luna calerà lentamente sul far della sera.
L’inizio di un nuovo giorno
sarà vestito a festa e nei nostri cuori
gioia sarà.
 

La vita
Qual codesta vita è, per l’altrui
eroismo non ricambiato,
tu o debole eroe infranto nel
più struggente significato
della vita.
Non perder coraggio e continua
a batterti con vigore,
per una causa ancor giusta
e plausibile finché l’evento
non avrà preso forma.
 

La corsa
Qual calpestio funesto mi
colpì così ferocemente,
onde arrivare a conquistare
il dovuto senso della tanto
sospirata fatica.
Di un dovuto lavoro, così da
poter appagare un certo senso,
ma non il senso che tanto
vorrei e desidero con tutte
le mie forze.
E cioè quello di un amore,
vero e ideale, che ancora in
nessuna donna riesco a trovare.
E mi illudo conoscendo ragazze
di aver trovato lei ma non è così
perché è solo una corsa affannosa
che faccio giorno dopo giorno, senza
una gioia.

 

 

Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche