Poesie di Michele Biundo


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



I miei figli hanno fame
Alla guida di un auto di lusso
sedeva fiero e distinto, lo ferm˛ il rosso.
Un uomo si accost˛, umile e accorto
" I miei figli hanno fame, signore
sono disoccupato, non mi danno lavoro
non vede che mi mancano le dita!
Li ho persi sotto i colpi di una trancia
della sua fabbrica, signor direttore"
Ma venne il verde, e il bolide rombando
guizzo veloce, felino ed aggressivo.
Quell'uomo si scans˛, stupito e spaventato:
Con lo sguardo fiss˛ i suoi moncherini
e un nodo si spezz˛ dentro al suo petto
premendogli le palpebre,
poi spinto da una forza disperata,
richiuse gli occhi e and˛.
La sua vita fu solo un istante.......
Il sangue pesto, sotto il marciapiede,
fu ripulito con accuratezza
e un getto di acqua cancello l'infamia.

Milano 9/78
 


Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche